COMUNE DI BIBBIENA RELAZIONE URBANISTICA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI. Allegato C TERRITORIALI 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BIBBIENA RELAZIONE URBANISTICA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI. Allegato C TERRITORIALI 2013"

Transcript

1 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Allegato C SINDACO DANIELE BERNARDINI ASSESSORE ALL'URBANISTICA FEDERICO LORENZONI GARANTE DELLA COMUNICAZIONE DOTT. GIUSEPPE LIBERTO PROGETTO ARCH. SAMUELA RISTORI RESP. PROCEDIMENTO GEOM. GRAZIANO BINOZZI COLLABORATORI GEOM.. GRAZIANO CRESCI SIG. STEFANO RISTORI MARZO 2013 approvata con delibera C.C. n. del

2 Sommario SOMMARIO... 2 PREMESSA... 6 ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA VARIANTE... 9 DESCRIZIONE DELLA VARIANTE VARIAZIONI DOVUTE AD ADEGUAMENTO A STRUMENTI SOVRAORDINATI VARIAZIONI A SEGUITO DELLE RICHIESTE E CONTRIBUTI LOC. POLLINO - BIBBIENA VILLA BOCCI - SOCI PARTINA CENTRO * FREGGINA LA CONSOLATA SERRAVALLE MARCIANO PARTINA LAGHI DELLA SOVA * MOLIN DELL ARNO POGGIO AL VENTO MOLIN DI GRESSA POGGIO MENDICO BELLOSGUARDO LE POGGIOLA Pag. 2 a 63

3 066 LA CASINA BIBBIENA VIA DANTE SANT ANDREA CASA SPARTA PODERE APPARITA POGGIOLO FERRANTINA BIBBIENA VILLA MICHELINI *-031* SOCI SANT ANDREA CASAMICCIOLA PARTINA CASANUOVA * FERRANTINA VIA TRE OLMI PIAN DI SILLI MONFALCONE CASTELLARE PARTINA COPPIONI QUERCETINA SOCI CINEMA ITALIA Pag. 3 a 63

4 099 FERRANTINA PALAZZETTO PIAN DI SILLI CANDOLESI VIA DEL CEDRO POGGIARTI LE GRETI MOLIN DELL ARNO SOCI MOCARECCIA PIEVE DI PARTINA AREA EX MANHATTAN MOCARECCIA PIAN DI SILLI PEZZALUNGA POGGIO MENDICO SANTA ROSA BOSCO DI CASINA BIBBIENA CIMITERO AGGIORNAMENTO DELLA TAVOLA C.1.3 DEL PS UTOE E SISTEMA DELLA MOBILITÀ LA CASA Pag. 4 a 63

5 046 IL PRATO SOCI- STUDIO IDRAULICO LE PESCINE ZONA PEEP- SOCI FERRANTINA * GELLO * CAMPRENA * MARCIANO * SANTA MARIA * IL BIVIO DI BANZENA * CASAMICCIOLA * VILLA DI TAVOLINI - SOCI * PODERE BAGNI * VIA FONTE CAVALLI * VIA TRE OLMI * PIAN DI SILLI * MOLIN DI GRESSA * SOCI- CIMITERO * SANT ANDREA Pag. 5 a 63

6 PREMESSA Il Comune di Bibbiena dispone di un Piano Strutturale approvato con deliberazione di C.C n. 114 del 24/11/2005 e di un Regolamento Urbanistico approvato con deliberazione del C.C. n. 2 del 13/02/2009 di cui alla pubblicazione sul BURT n.13 del 02/04/2009. I piani oggetto della valutazione sono una Variante al Piano Strutturale e Regolamento Urbanistico. Il provvedimento con cui è stato avviato il procedimento di Variante al Piano Strutturale e Regolamento Urbanistico è la Deliberazione della Giunta Comunale n. 14 del 28/01/2011. Il 30 giugno 2011 è dato avviso di avvio al processo di valutazione integrata con la richiesta, a tutti gli aventi interesse sul territorio comunale, di istanze, suggerimenti, proposte da redigere entro il 30 luglio successivo. Sono pervenuti molti contributi, sia da parte di privati sia da parte di enti e gestori di funzioni di interesse territoriale. Nel contempo, al fine di valutare con esattezza l accettazione delle proposte già accolte favorevolmente nella valutazione iniziale, sono stati acquisiti gli studi sulla fattibilità geologica ed idraulica per gli interventi che, per complessità ed rilevanza, ne necessitavano la redazione. Si conclude quindi nel mese di agosto la fase consultiva della valutazione iniziale, di cui relazioneremo in questa fase di valutazione intermedia avviando da una parte un processo di sintesi valutativa per quelle variazioni già parte della valutazione iniziale e d altra parte un approfondimento conoscitivo relativamente alle nuove proposte. Nel frattempo sono entrate in vigore le nuove norme che hanno indotto alcuni cambiamenti procedurali, in particolare la legge Regionale 17 febbraio 2012 n. 6 Pag. 6 a 63

7 e il regolamento 53R/2011 sugli studi di fattibilità con che hanno richiesto una ulteriore valutazione della variante adeguata alla nuova disciplina. Le modifiche richieste, dallo stesso ufficio e dagli operatori esterni, sono principalmente alla richiesta di nuove aree edificabili, prevalentemente residenziali e indirizzate ad un aumento della flessibilità dello strumento. Nell elaborazione di questa variante sono state effettuate verifiche e valutazioni sulla sostenibilità delle richieste di variante pervenute. Gli approfondimenti valutativi hanno tenuto conto principalmente degli indirizzi e volontà dell amministrazione comunale, quindi della conformità agli strumenti comunali e di livello superiore e della coerenza con gli obiettivi degli strumenti della pianificazione territoriali regionali e provinciali. Il progetto di variante al Regolamento Urbanistico in oggetto è stato trasmesso all Ufficio Regionale del Genio Civile di Arezzo con prot del 25/01/2013 cui è stato assegnato il deposito n del 12/06/2012. Quindi il progetto di variante al Regolamento Urbanistico in oggetto è stato adottato con delibera C.C. 33 del 14/06/2012 ed è stato possibile presentare osservazioni ai sensi dell art. 17 della Legge Regionale 1/2005 per 60 gg dal 04/07/2012 al 03/09/2012 Nei termini prescritti sono pervenute 44 osservazioni tra cui le osservazioni presentate da parte dei soggetti di cui all art. 7 c.1 della L.r.T. n. 1/2005 ossia: Oss. N. 015: Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna, con prot. n del 23/08/2012; Oss. N. 042 Regione Toscana, con prot.n del 04/09/2012; Oss. N. 043 Provincia di Arezzo, con prot. n del 01/09/2012. A seguito delle osservazioni, in particolare di quelle della Regione Toscana e della Provincia di Arezzo, vi è stata una sostanziale riduzione delle variazioni apportate ai piani vigenti. Pag. 7 a 63

8 Tale stralcio complessivo riconduce la variante alla casistica minore e a seguito delle valutazioni preventive esclude effetti significativi sull'ambiente. Del resto, a seguito dell osservazione della Regione Toscana Area di c.to programmazione/settore della valutazione, programmazione negoziata, controlli comunitari, è stato dato avvio il 22/11/2012 al processo di verifica di assoggettabilità a Vas ai sensi dell art. 5, comma 3, lett b) della legge regionale 10/2010 ed in data 11/02/2013 con prot è stato emesso il provvedimento di verifica di assoggettabilità a Vas, con il quale la variante in oggetto veniva esclusa dalla necessità di effettuare la Vas. Pag. 8 a 63

9 ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA VARIANTE La variante al regolamento urbanistico e Piano strutturale è costituita dai seguenti elaborati: 1. Proposta di deliberazione di consiglio comunale e Parere tecnico 2. Rapporto del garante della comunicazione (Allegato A) 3. Relazione del responsabile del procedimento (Allegato B) 4. Relazione urbanistica (Allegato C) 5. Verbali delle Commissioni (Allegato D) 6. Elenco nominativi osservanti (Allegato E) 7. Osservazioni (Allegato F) 8. Controdeduzioni, relazione istruttoria (Allegato G) 9. Provvedimento di verifica di assoggettabilità a VAS (Allegato H) 10. Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3 e art. 55 comma 1bis (Allegato I) 11. PARTE GEOLOGICO IDRAULICA Integrazioni richieste dal Genio Civile con nota /n del 5 luglio Integrazioni alla pratica di deposito n del 12/06/ Integrazioni alla pratica di deposito n del 12/06/ Integrazioni alla pratica di deposito n del 12/06/ Carta delle fattibilità 2010/2013- tav. 1 Bibbiena Sud Carta delle fattibilità 2010/2013-tav. 2 Bibbiena Centro Carta delle fattibilità 2010/2013- tav. 3 Bibbiena Nord Carta delle fattibilità 2010/2013- tav. 3 bis S. Amalia, Gello, Banzena, Casetta, Campi Carta delle fattibilità 2010/2013-tav. 4 Pianacci Carta delle fattibilità 2010/2013- tav. 5 Soci, Farneta, Santa Rosa Carta delle fattibilità 2010/2013- tav. 6 Partina, Freggina, Poggiolo, Marciano 12. REGOLAMENTO URBANISTICO: DISCIPLINA DEL SISTEMA INEDIATIVO DENTRO LE UTOE (scala 1:2000): Tavola n. 1 Bibbiena Sud Tavola n. 2 Bibbiena centro Tavola n. 3 Bibbiena nord Tavola n. 4 Pianacci Pag. 9 a 63

10 Tavola n. 5 Soci Tavola n. 6 Partina Tavola n. 7 Serravalle DISCIPLINA DEL TERRITORIO APERTO (scala 1:2000 1:5000): Tavola n. 1 Il Fallito Tavola n. 2 Le Pescine Tavola n. 3 Il Corsalone Tavola n. 4 Gello Tavola n. 5 Freggina Tavola n. 6 Le Prata Tavola n. 7 Il Tramignone TESTI: Normativa tecnica di attuazione Rapporto sul dimensionamento SCHEDATURE: Schede norma per ambiti speciali Schede del patrimonio edilizio storico (scheda n. 85) 13. PIANO STRUTTURALE: TAVOLE B.4.8_Piano di assetto idrogeologico- sud B.4.8_Piano di assetto idrogeologico- nord C.1.3_Individuazione e codifica delle UTOE e viabilità di progetto sud C.1.3_Individuazione e codifica delle UTOE e viabilità di progetto - nord C.1.4.1_Tutela del sistema insediativo sud C.1.4.1_Tutela del sistema insediativo nord C.1.4.3bis_Disciplina della tutela delle aree agricole- sud C.1.4.3bis_Disciplina della tutela delle aree agricole- nord TESTI Normativa tecnica di attuazione Normativa tecnica di attuazione - Schede Utoe Shede K Bibbiena, area Podere Apparita; Soci, area di Villa Bocci; Partina; Candolesi Camprena; Pag. 10 a 63

11 DESCRIZIONE DELLA VARIANTE Si possono comunque individuare due tipi di variazioni agli strumenti: 1. Il primo gruppo, per adeguamento a strumenti sovraordinati e modifiche al quadro conoscitivo, contiene variazioni conseguenti ad input d ufficio risultanti da riflessioni operative, emerse nella gestione dello strumento, ma anche a cambiamenti del quadro legislativo e di pianificazione. Le modifiche sono sia di tipo cartografico che normativo. 2. Il secondo gruppo contiene modifiche al Regolamento Urbanistico che provengono da richieste e contributi. In tali casi le opzioni che si possono rilevare sono essenzialmente di due tipi. La prima riguarda quelle richieste che hanno portato ad una modifica al solo Piano Strutturale, la seconda riguarda invece richieste che hanno comportato la contestuale modifica al Piano Strutturale. Sono state valutate 136 richieste di cui 68 accolte rispetto alle 105 dell adozione oltre a 28 osservazioni accolte su 44 pervenute. VARIAZIONI DOVUTE AD ADEGUAMENTO A STRUMENTI SOVRAORDINATI Le modifiche dovute ad adeguamento a strumenti sovraordinati sono: Adeguamento cartografico del PS al nuovo PAERP, (Piano cave Provinciale) Provincia di Arezzo. Adeguamento normativo e cartografico alla pianificazione del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Adeguamento al PAI e al Piano stralcio rischio idraulico Pag. 11 a 63

12 Adeguamento al PTC ai sensi dell art. 7, comma 1 della L.R. Toscana n.11/2011 Modifiche per aggiornamento del Piano strutturale VARIAZIONI A SEGUITO DELLE RICHIESTE E CONTRIBUTI 003 LOC. POLLINO - BIBBIENA Trattasi di intervento in area di pertinenza della struttura urbana di Bibbiena in loc. Pollino. fig VILLA BOCCI - SOCI Richiesta per modifica ed integrazione al Piano di Recupero previsto per gli interventi di trasformazione in area di pertinenza della villa, già previsto nelle norme del RU con specifica disciplina normativa non sufficientemente riferita ed adeguata alla situazione particellare precostituita; una diversa e complessiva riconfigurazione e riorganizzazione del P.R senza modifiche volumetriche né Pag. 12 a 63

13 della disciplina della scheda di compatibilità paesistica, può permettere di dare attuazione alle previsioni tese al superamento del degrado attuale attraverso più appropriate forme di recupero altrimenti non realizzabili, fermi restando gli obiettivi di qualità degli insediamenti e la tutela dei valori percettivi della villa con relative aree di pertinenza. fig PARTINA CENTRO Intervento nel centro storico di Partina in ambito di tutela dell'aggregato, già previsto nelle norme del RU con specifica disciplina normativa tesa a configurare un piccolo intervento da porre in continuità con l edificato esistente. Pag. 13 a 63

14 006-22* FREGGINA Trattasi di intervento in area di tutela dell aggregato di Freggina al quale è stato assegnato nel P.S valore medio, già previsto nelle norme del RU con specifica disciplina normativa tesa a configurare un intervento in corretta continuità con l edificato esistente. Si opera verso una riconfigurazione e riorganizzazione delle volumetrie previste, per dare attuazione alle previsioni stante la situazione particellare precostituita, fermi restando gli obiettivi di qualità degli insediamenti e la tutela dei valori percettivi dell aggregato con relative aree di pertinenza da disciplinare. La modifica comporta una riduzione delle volumetrie assegnate di 400 mc. Si rileva che la relativa scheda di compatibilità paesistica non dovuta ai sensi del Ptcp, è stata stralciata dal PS. Pag. 14 a 63

15 fig LA CONSOLATA SERRAVALLE Trattasi di richiesta per leggera rettifica alla perimetrazione dell UTOE, si tratta di pochi metri, tale da consentire di comprendere in essa l intero complesso attualmente destinata a residenza sanitaria per una più appropriata rispondenza alla situazione in atto risulta ininfluente sulla struttura della pianificazione. fig. 4. Tratteggiata è la perimetrazione modificata. Pag. 15 a 63

16 012 MARCIANO fig. 5. Piano Strutturale scheda K e Ru stato modificato Trattasi di richiesta di modifica degli assetti disciplinati dal Ru, ferma restando la quantità delle volumetrie assegnate e la tutela dei valori percettivi, si tratta di un modestissimo ampliamento della zona residenziale in area adiacente ai recenti sviluppi urbani, consente di perseguire gli obiettivi di consolidamento del sistema insediativo in funzione delle famiglie residenti. fig. 6. Pag. 16 a 63

17 014 PARTINA Richiesta per una modifica della destinazione di un area già Peep nel vecchio PRG e nel RU approvato nel 2009, da effettuare, alla luce dei nuovi assetti dei servizi scolastici. Poiché la scuola è stata trasferita in un immobile già esistente si ritiene di poter rivedere la trasformazione della zona F4 con funzioni anche residenziali. fig. 7. RU 2009 e Ru vigente fig. 8. Piano modificato Pag. 17 a 63

18 042 LAGHI DELLA SOVA Trattasi di richiesta per un diverso assetto territoriale e funzionale. Fermi restando gli obiettivi di qualità degli insediamenti, una diversa configurazione entro l ambito già considerato, compatibile con le funzioni produttive esistenti, può concorrere a favorirne l attrattiva imprenditoriale. A tal fine si richiede lo stralcio della previsione vigente per la realizzazione di 5000 mc di volume a destinazione turistica. In particolare si richiede che nelle aree soggette ad autorizzazione per la coltivazione di inerti, sia possibile collocare terre e rocce da scavo in regime di sottoprodotto (art. 186 D.lgs 152/2006) prevedendo prioritariamente il recupero ambientale, morfologico e vegetazionale dell area. Inoltre sono richieste: la lavorazione all aperto dei materiali; il deposito di materiali a cielo aperto o il ricovero degli stessi sotto pensiline; il commercio di materiali edili; la realizzazione di alcuni uffici e di un edificio per abitazione del custode. Pag. 18 a 63

19 * MOLIN DELL ARNO Trattasi di intervento in area adiacente alla variante di fondovalle. L'area presenta alcuni problemi di accessibilità in quanto la via del molino è molto stretta, vi è comunque la possibilità di realizzare un comparto, includendo aree adiacenti vedi contributo 93, e prevedere un ulteriore accesso a carico dei lottizzanti. È comunque da tenere in considerazione la vicinanza con la strada di categoria F, siamo fuori dal centro abitato e quindi, ai sensi dell Art. 16, comma 3 del Codice della strada, trattandosi di nuova previsione urbanistica attuativa, la distanza da rispettare è 10 m dalla strada; tale distanza permette agevolmente la costruzione di nuovi fabbricati. Pag. 19 a 63

20 Pag. 20 a 63

21 049 POGGIO AL VENTO La richiesta è inerente la modifica della norma N7E, già oggetto di piano attuativo a destinazione turistica. Si richiede la possibilità di costruire almeno due unità immobiliari a destinazione residenziale con modifica di destinazione d uso da turistico a residenziale della volumetria già assegnata a destinazione turistica. Pag. 21 a 63

22 fig. 9. RU VIGENTE 053 MOLIN DI GRESSA Il richiedente segnala che il fondovalle stretto Zona E1 è stato esteso sopra un ciglione e richiede una nuova e corretta delimitazione. Si ritiene che la modifica sia assolutamente coerente con il reale assetto territoriale e che la zonizzazione debba essere aggiornata alla maggior scala di dettaglio. fig. 10. Stato vigente con individuazione dell area richiesta in variante e Stato modificato Pag. 22 a 63

23 POGGIO MENDICO La modifica è inerente la viabilità di collegamento individuata in Loc. Poggio Mendico che dalla lottizzazione della Casella dovrebbe arrivare alla Coccaia e alcune rettifiche ai comparti circostanti. In particolare si richiede di stralciare la previsione di una strada di collegamento, soggetta a esproprio ed un piccolo ampliamento della lottizzazione 52C. Pag. 23 a 63

24 fig. 11. Pag. 24 a 63

25 057 BELLOSGUARDO Il contributo è inerente un passaggio di destinazione a AP a D1, dentro l Utoe 1 nell area interclusa fra la vecchia SRT 71, i tronchetti ferroviari ed il torrente Rignano. La richiesta è sostenibile limitatamente alla distanza da mantenere dai tronchetti ferroviari. Pag. 25 a 63

26 fig LE POGGIOLA La modifica consiste in una diversa configurazione delle aree soggette a piano di recupero dentro l ambito speciale. In particolare l eliminazione di un parcheggio di grosse dimensioni a favore di standard da reperire in contiguità con i fabbricati e una diversa disposizione dell edificato per salvaguardare un giardino già esistente. Pag. 26 a 63

27 fig. 13. RU vigente, tavole e scheda di ambito speciale fig. 14. RU modificato, tavole e scheda di ambito speciale 066 LA CASINA Si richiede l esclusione di una piccola parte del podere inserita in zona B, peraltro gravata da vincolo di tutela per la struttura urbana. fig. 15. Pag. 27 a 63

28 067 BIBBIENA VIA DANTE Si richiede la trasformazione da zona B a zona VP. fig SANT ANDREA Si richiede la possibilità di alzare il tetto di 70 cm e trasformare in destinazione d'uso residenziale un annesso esistente entro l Utoe nell aggregato di Sant Andrea. fig. 17. Pag. 28 a 63

29 070 CASA SPARTA Si introduce la possibilità di costruire un piccolo annesso per rimessa attrezzi SUL max 18 mq. fig. 18. Piano modificato 071 PODERE APPARITA Si esclude dall edificazione tutte le porzioni della part. 214 fg. 80 sotto strada. Questo implica anche la modifica nel comparto 2C. Pag. 29 a 63

30 fig POGGIOLO Si separa una porzione di proprietà dal comparto 62C e si inserisce in zona B3 con accesso dalla lottizzazione PA 61C. fig. 20. Pag. 30 a 63

31 073 FERRANTINA Alla luce della reale vocazione dell area, già totalmente edificata, si trasforma parte della zona D1 in zona D3. fig BIBBIENA VILLA MICHELINI Si tratta di una villa dei primi del novecento nel versante ovest di Bibbiena, con la presente variante si trasforma l area della villa e della pertinenza da zona B a zona A. fig. 22. Pag. 31 a 63

32 *-031* SOCI SANT ANDREA La variante interessa la modifica di due comparti PA 63C e PA 63C. In particolare il comparto PA 63C è modificato per permettere un migliore innesto della viabilità sulla strada comunale dei Guazzi e ridurre la pericolosità dell incrocio, inoltre sono ridistribuiti gli standard e la viabilità di progetto che prima era suddivisa con il comparto adiacente è ricompresa entro il perimetro di questo piano attuativo; è effettuato un ampliamento della volumetria assegnata di mc. Di conseguenza il rimanente comparto, ridotto anche nelle quantità volumetriche assegnate da a mc è ricondotto a zona B4. fig CASAMICCIOLA La fascia di 18 m dalla ferrovia è inserita in VP. fig. 24. Pag. 32 a 63

33 078 PARTINA La variante consiste nella trasformazione da zona VP a zona B di un terreno lungo la SRT 71. fig CASANUOVA Si introduce la possibilità di realizzare un edificio a destinazione residenziale in zona agricola E3, esclusivamente per ampliamento del nucleo familiare. fig. 26. Piano modificato Pag. 33 a 63

34 * FERRANTINA Si introduce la possibilità di costruire fino a 23 m dalla strada con destinazione artigianale, era già consentito tale limite per destinazione ad uffici. Tale modifica è irrilevante ai fini della valutazione degli effetti. Si richiede inoltre un ulteriore ampliamento e trasformazione da zona AP a zona D2. fig. 27. Pag. 34 a 63

35 086 VIA TRE OLMI Si trasforma una piccola porzione di zona B a zona Verde privato. fig PIAN DI SILLI Si modifica un terreno in loc. Pian di Silli, in zona a prevalente destinazione produttiva, da zona D5 a zona D1. fig. 29. Pag. 35 a 63

36 089 MONFALCONE Si opera una leggera rettifica nella definizione del comparto e una diminuzione delle volumetrie concesse da mc a mc. fig CASTELLARE Si trasforma una porzione di zona F1 in zona F4. fig. 31. Pag. 36 a 63

37 094 PARTINA Si inserisce una norma puntuale per consentire un piccolo ampliamento (20 mq SUL) sul retro di un edificio in zona A. fig COPPIONI Si permette di costruire due annessi agricoli per la conduzione di un fondo senza titolo di imprenditore agricolo, in E1, fuori dai parametri di zona. fig. 33. Piano modificato Pag. 37 a 63

38 097 QUERCETINA Si inserisce una norma per consentire un ampliamento per abitazione in zona agricola E4 relativo ad un piano di recupero con l obiettivo di sostenere l azienda agricola esistente. fig. 34. Piano modificato 098 SOCI CINEMA ITALIA Spostamento della norma 24A per un ampliamento del cinema Italia all interno di un isolato. fig. 35. Pag. 38 a 63

39 099 FERRANTINA Si ammettono in una porzione dell area edifici con altezza massima di 12 m invece di 6 m. Sono ammessi interventi edilizi secondo i seguenti indici e parametri: - H max = 6.00 m. rispetto alla quota dalla sede stradale sul fronte S.R.T. n.71 fatta eccezione per la particelle 474, 482, 476, 484, del foglio 64 dove, al fine di localizzare edifici specialistici, è ammessa un altezza massima di 12 m dal piano naturale di campagna ; fig PALAZZETTO Si Trasforma una porzione di terreno da zona D4 a zona B. La norma di zona D4, a prevalente destinazione commerciale, già prevedeva la possibilità di effettuare interventi a destinazione residenziale per il 40%. Pertanto non si effettuano modifiche ala dimensionamento. Pag. 39 a 63

40 fig. 37. Pag. 40 a 63

41 101 PIAN DI SILLI Trasformazione da zona AP a zona B di un terreno in vicinanza del fosso Rignano, l area è già edificata con manufatti legittimi ma in forte stato di degrado. fig CANDOLESI Si inserisce la possibilità di costruire con intervento diretto ed accesso dalla viabilità esistente, visto il nullaosta ottenuto dal servizio viabilità della provincia per l apertura di un accesso carrabile. Inoltre è abbassamento l indice di edificabilità in alcune zone B. Gli interventi devono comunque seguire la scheda di valutazione allegata al PS in attuazione dell art. 12 del PTCP. Pag. 41 a 63

42 fig VIA DEL CEDRO Trasformazione di una porzione di zona B in VP in Soci. fig. 40. Pag. 42 a 63

43 108 POGGIARTI Si inserisce la possibilità di insediare un piccolo laboratorio di falegnameria senza modifica alle previsioni volumetriche relative all esistente ambito speciale di Poggiarti. fig LE GRETI Si modifica la previsione di edificazione, ritornando all assetto definito nel Ru originale del fig. 42. Pag. 43 a 63

44 112 MOLIN DELL ARNO Trattasi di una modifica di destinazione d uso del complesso storico del Molin dell Arno al fine di realizzare una residenza per anziani. L intervento da realizzarsi previo piano di recupero prevede anche un ampliamento residenziale. Sono stati rivisti i limiti del PR escludendo una strada esistente. fig SOCI Si inserisce la possibilità di un piccolo ampliamento in zona A dovuto alla chiusura di una loggia (20 mq SUL) sul retro dell edificio. fig. 44. Piano modificato Pag. 44 a 63

45 115 MOCARECCIA Trasformazione da zona C a zona B fig PIEVE DI PARTINA Trasformazione da zona B a zona VP fig. 46. Pag. 45 a 63

46 117 AREA EX MANHATTAN Introduzione della possibilità di intervenire per il recupero funzionale all interno dell edificio con intervento diretto. L edificio, ex discoteca, ha comunque le caratteristiche tipologiche residenziali. fig MOCARECCIA Si richiede un diverso assetto della zona soggetta a PA 11C fig. 48. Pag. 46 a 63

47 119 PIAN DI SILLI Trasformazione da zona B5 a zona B3. fig PEZZALUNGA Inserimento di una norma che consente la modifica del sistema distributivo dell edificio, ovvero dell adduzione scale esterne con loggia tipico dell architettura rurale e la possibilità di ricostruire una parte diruta dell edificio storico. fig. 50. Piano modificato Pag. 47 a 63

48 125 POGGIO MENDICO Modifica dell assetto della zona soggetta a PA 57C fig SANTA ROSA Trasformazione da zona VP a zona B in loc. Santa Rosa. fig. 52. Pag. 48 a 63

49 131 BOSCO DI CASINA Si richiede la trasformazione da zona C a zona B di un comparto già completamente attuato. fig BIBBIENA CIMITERO Trasformazione da F1 a VP di una porzione ex Peep mai realizzata e di scarso interesse pubblico. fig. 54. Pag. 49 a 63

50 046 AGGIORNAMENTO DELLA TAVOLA C.1.3 DEL PS UTOE E SISTEMA DELLA MOBILITÀ Il sistema delle Utoe non ha subito apprezzabili variazioni. fig. 55. BIBBIENA PS vigente Pag. 50 a 63

51 fig. 56. BIBBIENA PS modificato Per quanto riguarda il sistema della viabilità su Bibbiena con la presente variante si modifica la viabilità del versante est. In particolare la variante stradale che da loc. Santa Maria che si collegava alla Via del Pollino è stata interrotta e ricondotta nell esistente Via Borsellino. La rinuncia al collegamento con la viabilità di Pollino rende l attuale proposta valida nel breve periodo. Pag. 51 a 63

52 046 LA CASA Modifica del perimetro dell ambito speciale in loc. La Casa, area soggetta a PR di iniziativa intercomunale a cavallo dei comuni di Bibbiena e Ortignano Raggiolo. fig IL PRATO SOCI- STUDIO IDRAULICO È stato elaborato uno studio idraulico relativamente ala località il Prato a Soci le cui risultanze dimostrano l assenza di pericolosità idraulica per le porzioni di terreno interne alla protezione arginale esistente e già inserite in area edificabile. Lo studio idraulico è recepito come parte integrante del RU. Pag. 52 a 63

53 fig. 58. Pag. 53 a 63

54 046 LE PESCINE Con la presente variante è ampliata l area, di proprietà comunale, dell ambito speciale in loc. Le Pescine e introdotta la possibilità di realizzare nella porzione di territorio fuori dall area già destinata ad inceneritore e fuori dalle aree interessate dalle conseguenti azioni di bonifica, impianti alimentati ad energia rinnovabile, sostenibile e fonti alternative. fig. 59. RU vigente fig. 60. RU modificato Pag. 54 a 63

55 La modifica interessa anche il Piano strutturale sia per la variazione dell area soggetta ad ambito speciale, sia per alcune modifiche al corpo normativo, per precisare la disciplina delle aree escluse da bonifica. 046 ZONA PEEP- SOCI Dato che il Peep è scaduto, si modifica l area in zona C fig FERRANTINA Ampliamento territoriale ed inserimento di una zona D1 in loc. Ferrantina per la realizzazione di edifici artigianali. Nella destinazione d uso ammessa in D1 è esclusa la localizzazione di progetti sottoposti a VIA o a verifica di assoggettabilità a VIA di cui agli allegati II, III, IV del D.lgs. 152/2006. Pag. 55 a 63

56 fig * GELLO Inserimento di una norma specifica per consentire, con intervento diretto, nell edificio schedato con la demolizione di un volume incongruo utilizzato come servizio igienico e ricostruzione con caratteristiche tipologiche conformi all edificio. fig. 63. Pag. 56 a 63

57 010* CAMPRENA Inserimento di un piano di recupero per disciplinare gli interventi di riuso del patrimonio edilizio esistente di recente costruzione ed in stato di degrado con un premio volumetrico al fine di consentire il riutilizzo di volumi degradati ed abbandonati per usi residenziali. fig. 64. Piano modificato e scheda K con indicato in rosso la parte demolita e ricostruita 011* MARCIANO Ampliamento dell area soggetta a norma fig. 65. Piano attuale e modificato Pag. 57 a 63

58 013* SANTA MARIA Modifica e fusione di due comparti(pa 13C e ex 14.1C) già disciplinati dal Ru con diminuzione della volumetria assegnata. fig. 66. Piano attuale e modificato 018* IL BIVIO DI BANZENA In loc. Il Bivio a Banzena è insediata un attività artigiana di falegnameria la cui principale attività consiste nel taglio, stoccaggio e vendita di legname, oltre alla manutenzione della viabilità forestale e pubblica specialmente nei mesi invernali. L attività necessita di ulteriori spazi coperti per lo stoccaggio del legname e per la rimessa degli autoveicoli. fig. 67. Piano attuale e modificato Pag. 58 a 63

59 019* CASAMICCIOLA Una porzione nella fascia di 18 m dalla ferrovia è inserita in VP. fig * VILLA DI TAVOLINI - SOCI Modifica di due comparti(pa 27C e ex C38) già disciplinati dal Ru con ampliamento della volumetria assegnata. fig. 69. Piano attuale e modificato Pag. 59 a 63

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PECETTO TORINESE VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI SINDACO SEGRETARIO PROGETTISTI arch. R. Gambino

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE

PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE ALLEGATO 5 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE ALLE NTA DEL RU PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I TITOLO I CARATTERI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO 1 RU 2 RU PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE 1

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

021 MOBILITA NUMERO OSSERVAZIONE/OPPOSIZIONE SISTEMA 10.10.2014 SPETTICH ROSSANA MONTI DI MUGGIA FOGLIO OPPOSIZIONE TIPO RICHIESTA RICHIESTA

021 MOBILITA NUMERO OSSERVAZIONE/OPPOSIZIONE SISTEMA 10.10.2014 SPETTICH ROSSANA MONTI DI MUGGIA FOGLIO OPPOSIZIONE TIPO RICHIESTA RICHIESTA NUMERO OSSERVAZIONE/OPPOSIZIONE SISTEMA 021 MOBILITA DATA COGNOME 10.10.2014 SPETTICH PROTOCOLLO NOME 24322 ROSSANA COMUNE CENSUARIO MONTI DI MUGGIA FOGLIO 04 SUPERFICIE mq 3516 MAPPALE TIPO RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

Timbro UR. Alienante (i) Acquirente (i) Cognome, nome / Ditta, altri enti 1 Domicilio / Sede Nazionalità 2 Quota di comproprietà

Timbro UR. Alienante (i) Acquirente (i) Cognome, nome / Ditta, altri enti 1 Domicilio / Sede Nazionalità 2 Quota di comproprietà Dichiarazione dei dati per gli acquisti di proprietà fondiarie a norma degli art. 970a CCS e 43 e ss. LRF (da allegare all'istanza di iscrizione) da compilare dall'alienante Timbro UR Alienante (i) Cognome,

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli