next floor Densificazione urbana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "next floor Densificazione urbana"

Transcript

1 Il magazine per i clienti della Schindler Ascensori SA next floor Densificazione urbana Richti: vivace quartiere economico-residenziale a Wallisellen Organizzazione di spazi ristretti: impariamo dal Giappone Centri storici medievali in Ticino: un esempio da seguire Il ritiro come terapia contro lo stress da sovraffollamento

2 Sommario 4 Prof. Kees Christiaanse (PF): «In Svizzera c è ancora spazio» 8 Zona industriale Richti a Wallisellen: da area dismessa a quartiere vivace 11 L'esempio di sviluppo riuscito del quartiere Matthäus a Basilea 14 Impariamo dal Giappone: organizzazione intelligente di spazi ristretti 18 Ginevra: nasce una nuova città nella città 21 Villaggi medievali ticinesi: esempi di densificazione moderna 24 Ritirarsi all interno della città: terapia contro lo stress da sovraffollamento 28 4 World Trade Center: un nuovo simbolo per Manhattan 31 Hotel InterContinental di Davos: tradizione grigionese dietro la facciata d oro 34 next news Progetti speciali dal mondo Schindler Impressum Editore Schindler Ascensori SA, Marketing & Comunicazione, CH-6030 Ebikon Redazione Beat Baumgartner Indirizzo della redazione next floor, Zugerstrasse 13, CH-6030 Ebikon/Luzern, Amministrazione indirizzi Immagine in copertina Iwan Baan, Amsterdam Impaginazione aformat.ch Litho click it AG Stampa Multicolor Print AG Tiratura copie Edizione next floor appare due volte all anno in lingua tedesca, francese e italiana Copyright Schindler Ascensori SA, riproduzione su richiesta e con indicazione della fonte Foto di copertina Costruire in spazi ristretti a Tokyo. Queste e altre opere di analoga snellezza sono valse all architetto Ryue Nishizawa il prestigioso premio Pritzker.

3 Editoriale Densificazione interna Gentili lettrici, gentili lettori, la popolazione elvetica continua a crescere: lo scorso anno l incremento è stato dell 1,2 % e il dato complessivo è salito a 8,326 milioni di persone. Il numero di abitanti è quindi più che raddoppiato dai 3,3 milioni di unità del Mentre in altri Stati industrializzati, come il Giappone o la Germania, la popolazione è stagnante o comincia lentamente a diminuire (bassi tassi di natalità, ridotta immigrazione), il nostro Paese, in quanto a crescita demografica, è sempre fra i più dinamici in Europa. Se da un lato questo tipo di andamento promuove il benessere ed è garanzia della nostra previdenza per la vecchiaia, dall altro, come dimostrano le crescenti reazioni della popolazione, ha anche un rovescio della medaglia, che si può riassumere con parole chiave quali dispersione urbana, problemi di circolazione, stress da sovraffollamento ecc. La revisione della legge sulla pianificazione del territorio, entrata in vigore lo scorso anno, e la relativa ordinanza si fondano scientemente su una gestione parsimoniosa del suolo e mirano a ottenere uno sviluppo centripeto degli attuali insediamenti: ad esempio tramite densificazione, riqualificazione di aree dismesse ed eliminazione delle zone di distacco fra gli insediamenti. L imperativo del momento è quindi «Densificazione edilizia»: a questo argomento fondamentale si dedica anche l ultima edizione di next floor. Una possibilità di densificazione sarebbe quella di «costruire verso l alto», consentire l edificazione di più palazzi e grattacieli in Svizzera. A questo scopo città e comuni dovrebbero modificare i propri piani regolatori ed edilizi. L opposizione a progetti di questo tipo, come a Lucerna, dimostra tuttavia che i grattacieli in Svizzera continuano a essere guardati con sospetto. Ritengo che il potenziale sia di gran lunga maggiore in una seconda via: la messa in discussione dell indice di sfruttamento, cioè il rapporto fra superficie di piano lorda dell intero edificio e superficie edificabile. Tale indice è ancora l ostacolo maggiore verso uno sfruttamento più razionale delle zone edificabili e una densificazione interna. Si tratta di un retaggio del passato che dovrebbe essere assolutamente abolito. Ritengo che le normative sulle distanze minime e sulle altezze degli edifici siano perfettamente sufficienti. Spesso non è possibile cambiare razionalmente la destinazione d uso di solai o scantinati degli edifici esistenti né aggiungere un giardino d inverno perché questo significherebbe superare l indice di sfruttamento di un edificio. Non credo che una riforma in questo senso aprirebbe le porte a un ondata di edificazione selvaggia: tali abusi possono essere ottimamente evitati con altre normative esistenti, ad esempio con piani regolatori vincolanti. Rainer Roten CEO Schindler Svizzera next floor 3

4 Densificazione edilizia «In Svizzera c è ancora spazio» Nonostante anche in Svizzera si osservi una progressiva densificazione edilizia, secondo il professor Kees Christiaanse non c è ancora stress da sovraffollamento. L immagine in alto mostra la residenza per anziani Südpark di Basilea, quella in basso il moderno quartiere residenziale Tribschen di Lucerna. 4

5 Vivere e lavorare nello stesso luogo: in una società sempre più dinamica, in futuro le persone tenderanno a preferire le zone urbane. Nell immagine il nuovo quartiere commerciale e residenziale Europaallee, vicino alla stazione ferroviaria di Zurigo. Kees Christiaanse, professore del Politecnico federale di Zurigo e studioso dei processi di urbanizzazione a livello mondiale, nota un rinascimento urbano anche in Svizzera e individua un forte potenziale nella riqualificazione di zone industriali dismesse e insediamenti datati. TESTO DAVID EPPENBERGER FOTO MANUEL RICKENBACHER In Svizzera la parola totem del 2014 è stata «Dichtestress», ossia stress da sovraffollamento. È d accordo? Kees Christiaanse: Secondo me è una lamentela esagerata. Se si guarda ad altre parti del mondo, il concetto si relativizza da sé. In Svizzera non si soffre di stress da densità di popolazione eccessiva! Molti però si lamentano della progressiva perdita di superfici agricole e della cementificazione del Mittelland. Lei non pensa che la situazione sia tanto grave? Il Mittelland offre una qualità di vita molto elevata. In percentuale la Svizzera è scarsamente popolata, perché oltre i 1500 metri di altitudine non vive quasi più nessuno. Anche nel Mittelland sono presenti ancora molte aree verdi. Le conurbazioni si trovano soprattutto negli agglomerati attorno a Zurigo, Losanna e Ginevra. E anche in una città come Zurigo, ovunque si scorge sempre una collina boscosa, raggiungibile in meno di 15 minuti. Facendo un confronto con l Olanda, il quadrilatero formato da Amsterdam, Utrecht, Rotterdam e L Aia conta tanti abitanti quanti l Altopiano svizzero, nonostante sia grande la metà. Perché la Svizzera ha una densità di insediamento inferiore rispetto all Olanda? In Svizzera esistono vari strumenti normativi che regolano lo sviluppo degli insediamenti. Ad esempio: le aree agricole non possono essere trasformate in aree edificabili con troppa facilità e le foreste sono sacre. I piani direttori stabiliscono cosa e dove si può costruire, pertanto la concorrenza tra i Comuni è limitata. In altri Paesi è di- verso, perché contano piuttosto i fattori economici. In Svizzera lo sviluppo futuro degli insediamenti dipende molto dall applicazione di questi strumenti di pianificazione territoriale. Le case unifamiliari e bifamiliari occupano il 70 per cento della superficie abitativa svizzera. Anche qui si potrebbero costruire condomini plurifamiliari. Perché in queste zone la densificazione edilizia non è un problema? Le persone vogliono avere il proprio pezzo di terreno ed entrare in contatto con il vicino il meno possibile. È un istinto naturale. E finché sarà possibile, in Svizzera continueranno ad esserci case unifamiliari. La dispersione urbana è favorita anche dall efficienza dei trasporti pubblici, nonostante questa sia evidente soprattutto intorno alle stazioni ferroviarie di paesi e cittadine. In Svizzera la dispersione urbana resta comunque un fenomeno limitato e finora non ha portato alla nascita di enormi quartieri residenziali, come a Rotterdam o Berlino. La popolazione svizzera è in crescita. Dovrebbe vivere in grandi quartieri residenziali, come il distretto di Zurigo Affoltern? Esiste un alternativa urbanistica che per numero di abitanti è paragonabile ai grandi quartieri residenziali, ma che offre un ambiente migliore in cui vivere: lo sviluppo tende piuttosto a una combinazione di blocchi urbani in cui sono presenti sia appartamenti sia, ad esempio, case a schiera. I quartieri monofunzionali come quello di Affoltern in realtà non presentano un alta densità insediativa e soprattutto non sono in linea con l attuale rinascimento urbano. c next floor 5

6 Densificazione edilizia Kees Christiaanse Vivere in città è diventato di nuovo un desiderio di molti, perché permette di raggiungere a piedi i servizi di necessità quotidiana. Ne è un esempio, tra gli altri, l Europaallee. Nel 1989 Kees Christiaanse ha fondato uno studio di architettura e progettazione a Rotterdam. Si è specializzato nell elaborazione di masterplan per la riqualificazione di ex aree industriali, portuali e aeroportuali. Nato in Olanda, dal 2003 è professore di architettura e urbanistica al Politecnico federale di Zurigo, dove si occupa soprattutto delle sfide dell urbanistica sostenibile. c In che cosa consiste il rinascimento urbano? Si tratta in primo luogo di uno sviluppo socioeconomico: una società che diventa sempre più dinamica, composta da molti più single e anziani, in cui la famiglia tradizionale perde il suo ruolo centrale. Le unità economiche assumono dimensioni più ridotte e il numero di liberi professionisti aumenta. Inoltre i nuclei familiari sono formati da più persone che hanno tutte un impiego. Di conseguenza cresce la domanda di asili nido e di altre strutture che rispondano alle esigenze quotidiane. La gente vuole vivere in un luogo che le permetta di raggiungere tutto a piedi. È per questo che la cultura urbana sta vivendo un rinascimento. Dove dovrebbero nascere questi quartieri urbani? Abbiamo effettuato studi nelle cittadine di Aarau, Olten e Grenchen. Nelle zone edificabili e nelle ex zone industriali di quelle località sono presenti ancora molte aree che presentano un potenziale di densificazione. Oggi la Confederazione potrebbe addirittura emanare un divieto assoluto di edificazione per i terreni non edificati: per ottenere spazio a sufficienza per i futuri residenti, basterebbe ad esempio utilizzare le zone industriali dismesse e i vecchi insediamenti risalenti agli anni 50. Non credo tuttavia che in Svizzera arriverà una forte ondata di immigrazione. Servono più grattacieli? No, non servono più grattacieli. Le superfici esistenti offrono molta più capacità di quanto non si pensi. In Svizzera c è ancora spazio. L importante è progettare con precisione quartieri compatti: e a quel punto i grattacieli non saranno più così importanti. Comunque ovviamente non ho niente in contrario a un grattacielo qua e là. È chiaro però che in Svizzera si sente meno l esigenza di erigere grattacieli, tranne forse che nell agglomerato di Zurigo. Con l aumento dei nuclei familiari piccoli, in Svizzera la superficie abitativa media per persona, già alta rispetto al resto del mondo, continua a crescere. Un incremento esponenziale dei metri quadri abitati per persona dovrebbe portare gradualmente a raggiungere il punto di saturazione. Un po di lusso però non è certo un delitto: dopotutto siamo al mondo per vivere in modo piacevole. Le abitazioni grandi non rappresentano un problema se dotate di impianti energetici che le rendano ecosostenibili. E in futuro non ci saranno problemi perché le case a emissioni zero, ossia quelle che coprono autonomamente il proprio fabbisogno energetico, saranno all ordine del giorno. Quando convivono o addirittura si fondono forme di utilizzo e di insediamento urbane e agricole, in urbanistica si parla di «desakota», un espressione nata nella regione asiatica. La Svizzera è un desakota? Metà della popolazione mondiale non vive in città, bensì in quel tipo di contesto. È un modello di urbanizzazione del futuro. In Svizzera il Mittelland è una bella variante di un desakota. Tutta l Europa occidentale costituisce un ottimo esempio di ambiente di vita sostenibile: l infrastruttura tecnica è buona, l approvvigionamento energetico e alimentare e lo smaltimento dei rifiuti funzionano, e tra le città c è una buona mobilità. Nonostante la lamentata crisi, l Europa funziona meglio di altre parti del mondo. n 6

7 Per soddisfare il bisogno di nuovi spazi abitativi, non servono per forza grattacieli. I quartieri indipendenti compatti sono il futuro. L immagine in alto mostra il quartiere ad alta densità Tribschen di Lucerna, quella in basso l edificio Südpark di Basilea. next floor 7

8 Densificazione edilizia TESTO ULRIKE NICHOLSON FOTO JULIEN VONIER Nella valle del Glatt, a nord di Zurigo, i ritmi di crescita sono tra i più dinamici della Svizzera. Per gestire l aumento demografico a livello territoriale, nel piano direttivo cantonale sono state stabilite strategie che prevedono la densificazione degli insediamenti esistenti e al contempo promuovono la presenza di sufficienti aree verdi e l integrazione socio-spaziale. Un buon esempio in questo senso è l area Richti di Wallisellen, che sorge al centro della fiorente valle del Glatt. Dopo che la zona industriale tra la stazione ferroviaria di Wallisellen e il centro commerciale Glatt era rimasta inutilizzata per circa vent anni, ne è stato riconosciuto il potenziale nascosto. Visti gli ottimi collegamenti tramite i mezzi pubblici (S-Bahn, autobus e ferrovia Glattalbahn) e il traffico individuale motorizzato, essa si prestava ad essere trasformata in un nuovo quartiere con appartamenti, uffici e attività commerciali. I lavori nei metri quadrati che compongono l area sono iniziati nel 2010 e sono stati completati in diverse fasi a partire dall estate Da area dismessa a quartiere vivace Per trasformare la zona industriale Richti in un vivace quartiere residenziale e lavorativo, è stata avviata una densa edificazione, con grandi edifici a blocco chiuso e una torre. Dai progetti di sei studi di architettura è nata un area che dimostra come, oltre alla varietà architettonica e all atmosfera urbana, conti anche la qualità degli spazi a contorno. Spazi pubblici come compensazione Oggi il quartiere Richti ospita sei edifici a corte a sei piani e un grattacielo di uffici, che offrono appartamenti per 1200 persone e uffici per oltre 3500 lavoratori. È già stato quasi tutto venduto o affittato. «Dei 488 appartamenti totali, ne rimangono ancora uno in affitto e cinque in vendita» afferma Matthias Meier, il responsabile della comunicazione di Allreal, società immobiliare zurighese che in quanto imprenditore totale si è occupata dello sviluppo e della realizzazione del quartiere. Il masterplan è stato firmato dall architetto e urbanista Vittorio Magnago Lampugnani, professore del Politecnico federale di Zurigo e direttore dello Studio di Architettura di Milano. L idea che ha proposto offriva un alternativa ai tappeti di case unifamiliari e ai monotoni complessi di uffici che di solito divorano gli spazi dell agglomerato. Nell area Richti è infatti stato creato un pezzo di città, che include fitti edifici a blocco chiuso, strade ben definite, un viale, portici, cortili verdi e una piazza centrale. Il progetto di Vittorio Magnago Lampugnani dimostra che l edilizia ad alta densità non preclude la presenza di piacevoli spazi a contorno. «Per compensare la densità servono spazi pubblici che offrano alle persone una buona Strade, vie, cortili interni e una piazza nel cuore del quartiere Richti: nonostante l alta densità, c è atmosfera. 8

9 Facts & Figures Lavori Marzo 2010 estate 2013 Superficie utile m 2 Investitore Gruppo Allreal Sviluppo del progetto Allreal Generalunternehmung AG, Zurigo Masterplan Prof. Vittorio Magnago Lampugnani, Zurigo/Milano Architetti Wiel Arets Architects, Maastricht / Amsterdam / Zurigo Imprenditore totale Allreal Generalunternehmung AG, Zurigo Ascensori 15 ascensori per persone Schindler 5400 Eurolift: Blocco chiuso, settore 1 6 impianti duplex e 3 semplici Torre, settore 7 6 ascensori per persone Schindler ascensore per i pompieri Schindler 2600 Cust Settore 6 11 ascensori per persone Schindler Schindler qualità di vita, possibilità di movimento e occasioni di incontro e identificazione» spiega l urbanista, che ha preso come modello le strutture tipiche di una città europea fitta e variegata. Non intende solo i cortili interni dotati di aree giochi per bambini, percorsi pedonali e sedute, ma anche la piazza pubblica al centro del quartiere e la Richtiarkade, una strada ispirata alla cultura urbanistica italiana, che attraversa in lunghezza tutta l area e accoglie negozi e caffetterie sotto file di portici. Molti architetti per una varietà maggiore Affinché il nuovo quartiere offrisse un adeguata varietà di utilizzo e di soluzioni architettoniche, sono stati coinvolti sei diversi studi. Vittorio Magnago Lampugnani non ha solo elaborato il masterplan, ma ha anche progettato uno dei sei edifici a blocco chiuso. Gli altri sono stati affidati agli studi SAM, Max Dudler, Joos & Mathys e Diener & Diener, che si sono occupati ognuno di un edificio diverso. I progetti della torre amministrativa Allianz Suisse, alta quasi settanta metri, e del relativo edificio a blocco chiuso sono invece stati realizzati dallo studio olandese Wiel Arets. La costruzione della torre, un tipo di struttura che come l edificio a blocco chiuso è essenziale nell edilizia ad alta densità, ha permesso di ottenere la superficie necessaria per creare la Richtiplatz nella parte settentrionale del settore 7. In quanto principale locataria, Allianz Suisse ha chiesto che i due blocchi avessero gli esterni coordinati. L intero complesso è rivestito da una facciata in vetro con finestre a cassetto dove è stata c next floor 9

10 Densificazione edilizia Il nuovo quartiere Richti rianima una ex zona industriale tra la stazione ferroviaria, i binari della Glattalbahn e il raccordo autostradale. c stampata una foto della parete in marmo del padiglione costruito a Barcellona dall architetto Mies van der Rohe nel Inoltre Allianz ha chiesto una soluzione che mettesse in collegamento anche le superfici utili interne dei due edifici. Gli architetti di Wiel Arets hanno sviluppato un idea che tiene conto di efficienza e sicurezza, ma anche dell esperienza spaziale: sono state costruite passerelle tra l edificio a blocco chiuso e il grattacielo e anche un articolato collegamento verticale all interno della torre. Ad esempio dall atrio parte una scultorea scala a vista che conduce ai singoli piani passando da vari spazi aperti a più livelli. Per un accesso più rapido sono presenti sei ascensori per persone e un ascensore per i pompieri. Salendo in cima all edificio, al 17 piano, si può ammirare una vista incontaminata su tutta l area Richti. Da questa prospettiva si distinguono bene le peculiarità urbanistiche del quartiere. Infatti mentre i lavori nella ex zona industriale nel frattempo sono stati completati, in altri punti della valle del Glatt sono ancora in corso, e la densa struttura urbana dell area Richti, da cui è nato un pezzo di città dall evidente vitalità, sembra rimanere l eccezione. n 10

11 Klybeckstrasse, uno degli assi principali del quartiere Matthäus. Densificazione qui non è una parola alla moda, ma piuttosto un dato di fatto. E da ben cent anni. Gli abitanti del quartiere Matthäus di Basilea, molti dei quali sono stranieri, vivono e lavorano a stretto contatto. A lungo questa parte della Kleinbasel bassa è stata considerata un luogo senza qualità, ma nel corso dei decenni il brutto anatroccolo è diventato un quartiere affascinante, persino di tendenza. Da brutto anatroccolo a quartiere di tendenza Scorcio della Unterer Rheinweg dall attracco dei traghetti sul Reno. TESTO KATRIN AMBÜHL FOTO JULIEN VONIER Orozlan, Kotopoulis, Chebbah, Useini, Kofmel. I nomi sui campanelli delle case dipingono un pezzo di Svizzera che assomiglia a un villaggio globale. Questa impressione viene confermata facendo un giro nel quartiere. Feldbergstrasse e Klybeckstrasse, i due assi principali di Matthäus, sono costellate da chioschi di kebab, ristoranti indiani e imprese di pulizia albanesi, che sorgono accanto a locali di tendenza e piccoli negozi di design. «Matthäus è amato soprattutto dai più giovani, che apprezzano la vivace vita multiculturale del quartiere» afferma Roland Frank, direttore dell Ufficio per lo sviluppo dei quartieri. «Cresce anche il numero di famiglie svizzere che tornano a trasferirsi qui» aggiunge. Non è sempre stato così, perché per decenni il quartiere è stato considerato un area degradata. «Matthäus è il quartiere di Basilea con la più alta densità di insediamento e presenta un elevata percentuale di stranieri, pari al 51,2%» spiega Roland Frank, anche vicedirettore del reparto Sviluppo cantonale e urbano di Basilea. Il motivo di una densificazione tanto massiccia è semplice. Matthäus fu costruito a fine XIX secolo come quartiere per i lavoratori. Fu in quell epoca che l industria chimica divenne un settore importante a Basilea. Servivano operai per la produzione di colori e in seguito di medicinali. «Quando il quartiere venne fondato, l edificazione procedette a ritmi spediti e gli conferì un aspetto uniforme» racconta Roland Frank. Accanto alle abitazioni sorsero anche negozi, botteghe e officine, dove lavoravano costruttori di bare, falegnami e c next floor 11

12 Densificazione edilizia c sarti. «Quel carattere di quartiere abitativo-commerciale si è mantenuto fino ai giorni nostri» afferma l esperto di sviluppo urbano. Tuttavia, come si vede chiaramente oggi, dagli anni 60 quell uniformità cominciò a sgretolarsi. Negli anni 70 comparvero edifici costituiti da blocchi di cemento, schiacciati tra case di mattoni con cui erano in netto contrasto. Le cose sarebbero potute peggiorare ulteriormente se un attivo gruppo di abitanti non si fosse battuto con passione per il proprio quartiere. Un pioniere della prima ora è l architetto Ruedi Bachmann. La sua roccaforte era ed è Bärenfelserstrasse, che corre al centro di Matthäus parallelamente al Reno e a Klybeckstrasse. Una strada residenziale tranquilla, verdeggiante e quasi idilliaca. Le persone qui si salutano e la maggior parte si conosce. Bärenfelserstrasse è il cuore del movimento di cittadini che nacque negli anni 60. All epoca studente, Ruedi Bachmann si trasferì nel quartiere insieme ad altri che avevano le sue stesse convinzioni. Gli alloggi erano economici, perché molti lavoratori immigrati dall Italia e dalla Spagna avevano perso il lavoro a causa della crisi petrolifera ed erano stati costretti a tornare in patria. Con gli studenti arrivò anche la resistenza. «Era un non quartiere» racconta Bachmann, stimando che negli anni 70 circa il 50 per cento delle case fu demolito e sostituito da condomini. Lui e gli altri attivisti cominciarono ad opporsi. «Qui siamo, qui rimaniamo e diciamo la nostra»: così l attivista riassume lo spirito che li animava. Da studenti a proprietari di immobili Gli attivisti guidati da Ruedi Bachmann trovarono un modo per fermare o per lo meno frenare il declino del quartiere e la speculazione fondiaria: l acquisto collettivo. Fondarono infatti una cooperativa e una fondazione pensionistica con cui potevano comprare beni immobili. «Gli studenti divennero proprietari di case e questo fu determinante per avere un peso» afferma Bachmann. Grazie a queste iniziative gli attivisti di Bärenfelserstrasse comprarono sempre più immobili nella loro via. Negli anni 80 lottarono anche contro la demolizione di una fabbrica in stile Liberty, in cui erano stati prodotti termosifoni e in seguito Araldite. Per oltre 30 anni la fabbrica fu destinata a usi temporanei, poi venne finalmente ristrutturata e oggi è un vivace complesso che combina residenze e studi. Queste iniziative private furono accompagnate da numerosi interventi pubblici. Uno di questi fu il progetto di una strada residenziale. Inizialmente era prevista per Oetlingerstrasse, ma in seguito all opposizione dei cittadini, nel 1977 fu realizzata nella parallela Bärenfelserstrasse. «Era la prima strada residenziale della Svizzera» spiega Bachmann. Non solo bello, ma vivo Gli attivisti di Bärenfelserstrasse però non volevano che il quartiere fosse soltanto bello, ma anche vivo. Per questo motivo dal 1978 organizzarono regolarmente feste per le strade del quartiere, con mercatini delle pulci, stand di giochi e ovviamente bancarelle gastronomiche che proponevano piatti da tutto il mondo. «Grazie a queste attività gli stranieri che abitavano a Matthäus riuscirono a integrarsi» ricorda Ruedi Bachmann. E questo accade ancora oggi, perché la tradizione delle feste del quartiere continua. Un progetto cruciale per la valorizzazione di Matthäus fu la costruzione della tangenziale nord. Negli anni 70 era prevista un autostrada urbana che secondo i piani originali avrebbe dovuto attraversare Matthäus, aumentando il traffico e diminuendo la qualità della vita. Dopo lunghe discussioni politiche e una decisa opposizione degli abitanti, nel quartiere la tangenziale nord fu costruita sottoterra, tra il 1994 e il 2000: ora attraversa Horburgstrasse e conduce al confine settentrionale del quartiere passando accanto alla zona verde di Dreirosen, che dopo la conclusione dei lavori per l autostrada urbana è stata riorganizzata in un parco con area giochi. «Abbiamo tenuto duro» dice Bachmann, che ancora oggi aiuta allo sportello del quartiere e ogni tanto scrive per il giornale di quartiere Mozaik. In copertina si legge «Mladi mali bazel, giovane Kleinbasel» e all interno ci sono articoli in turco, albanese, inglese o arabo. Sono lingue che si sentono spesso anche in Matthäuskirchplatz. «La piazza è un luogo di incontro» afferma Coosje Barink, da 20 anni pastore della chiesa di Matthäus, oasi di tranquillità nel cuore del quartiere. «In piazza si incontrano ogni giorno molte donne turche, serbe, kosovare e svizzere, che chiacchierano e lavorano a maglia o all uncinetto mentre i figli giocano ai giardinetti». Qualche anno fa la chiesa è stata ristrutturata e la Kirchplatz è stata valorizzata da una grande area giochi e da isole verdi. «Questa chiesa e questa piazza fanno parte della mia vita quotidiana» dice la donna pastore. «Infatti vorrei rimanere qui anche dopo quest estate, quando andrò in pensione». È grazie a persone come lei, come Ruedi Bachmann e come tanti altri che rimangono qui e si impegnano, che il quartiere Matthäus è come è oggi: un luogo denso, vivo e dove vale la pena vivere. n 12

13 Densità demografica Ginevra Basilea Zurigo Losanna Berna Winterthur / km² / km² / km² / km² / km² / km² Impressioni dal quartiere Matthäus, che con abitanti per chilometro quadrato è la zona con la più alta densità demografica in Svizzera. In alto: angolo Bläsiring / Unterer Rheinweg A sinistra: Ruedi Bachmann davanti a Bärenfelserstrasse 28 In basso: edificio residenziale in Unterer Rheinweg A destra in basso in alto: centro ricreativo Dreirosen A destra in basso: nonostante la densità non mancano preziosi cortili Sembra che la densità di popolazione più alta al mondo sia stata raggiunta a Kowloon Walled City, un quartiere di Hong Kong, demolito nel Gli abitanti erano su una superficie di soli 0,026 km², che corrisponde a una densità record: abitanti/km². In Europa, Parigi registra una densità demografica molto elevata, con abitanti/km²; l arrondissement con la densità maggiore è l 11 (Popincourt), che accoglie abitanti/km². Il quartiere più densamente popolato di tutta l Europa si trova nella città spagnola L Hospitalet de Llobregat: nel quartiere Florida, su un chilometro quadrato vivono circa persone. next floor 13

14 Architettura giapponese Hiroyuki Shinozaki Architects / Foto: Hiroyasu Sakaguchi Fuse-Atelier / Foto: Shigeru Fuse Sou Fujimoto Architects / Foto: Iwan Baan NAF Architect / Foto: Toshiyuki Yano 14

15 Il Giappone vanta gli architetti più creativi al mondo. Attingendo a una varietà di forme apparentemente inesauribile, riescono a concepire soluzioni abitative sempre nuove e interessanti. SANAA / Foto: Iwan Baan La tipica casa unifamiliare svizzera sembra uscita da una catena di montaggio. Le scelte degli architetti giapponesi sono più coraggiose. L elevata tassazione, il sovraffollamento e le condizioni di luce sfavorevoli li portano a creare piccoli paradisi abitativi anche su 25 metri quadrati. E a costi relativamente bassi. Impariamo dal Giappone: organizzazione intelligente di spazi ristretti TESTO CHRISTIAN TRÖSTER Se chiedessimo a un bambino svizzero di disegnare una casa, quasi sicuramente otterremmo un quadrato con un tetto a punta. Il motivo di questa scelta andrebbe probabilmente cercato nelle casette delle fiabe dei fratelli Grimm, nonché nella tristesse degli edifici di alcuni centri residenziali. La tipica casa quadrangolare dal tetto a punta è così radicata nella psiche svizzera che perfino i progetti degli archittetti non si discostano dallo stereotipo infantile e gli uffici tecnici impongono il tetto a due spioventi, precludendo ogni spazio alla fantasia. Come si spiegherebbe, altrimenti, il fatto che le forme del Modernismo classico quelle riferibili al Bauhaus di alcuni centri residenziali siano già considerate troppo ardite, nonostante abbiano già un secolo? Impariamo dal Giappone Per rendersi conto di quale grado di innovazione architettonica si può raggiungere oggi, occorre recarsi all altro capo del mondo: in Giappone. Qui, da alcuni anni, vengono realizzati capolavori che in Svizzera sarebbe difficile immaginare. Per esempio case incredibilmente spaziose che sorgono su terreni minuscoli, ma spesso talmente strette da essere chiamate «unagi-no-nedoko», cioè letti per anguille. Oppure abitazioni di forma irregolare e composte da volumi annidati l uno nell altro, con pareti ondulate oppure scoscese come pendii alpini. I progetti sono così arditi che gli architetti arrivano a impilare più case con tetti spioventi. Si viene così a creare uno spazio abitativo dalla curiosa struttura a incastro, che è nel contempo un commento ironico sullo stile antiquato degli edifici e sulla densificazione urbana. Le case giapponesi destano meraviglia, oltre che per la fantasia formale e la voglia di sperimentare, anche per l organizzazione spesso intelligente dello spazio. I locali vengono disposti a pila o a incastro, sfruttando anche gli angoli acuti e creando collegamenti sorprendenti. Oppure vengono sviluppate formule completamente nuove, come quella scelta per la famosa Casa Moriyama, a Tokyo. L abitazione è scomposta in ambienti indipendenti, distribuiti sul lotto, e si configura come una città in miniatura con vie e piazzole. Ryue Nishizawa, l architetto che l ha progettata (e che ha ideato anche la snella abitazione raffigurata nell immagine di copertina di questo numero), ha vinto il premio Pritzker 2010, il riconoscimento di architettura più prestigioso. La creatività degli architetti ha ragioni diverse e spesso dettate dalla necessità, prima fra tutte il fabbisogno di spazio. Il Giappone è uno dei paesi più densamente popolati al mondo. Ha un territorio prevalentemente montuoso e, di conseguenza, uno spazio limitato per i suoi 127 milioni di abitanti. Nell area metropolitana di Tokyo, dove vivono 36 milioni di persone, la densità abitativa è di abitanti per chilometro quadrato. A Zurigo questa scende a 4000 abitanti, a Losanna addirittura a Un altro fattore è rappresentato dalle elevate tasse di successione. Spesso la nuova generazione è costretta a vendere la porzione maggiore del lotto ereditato c next floor 15

16 Architettura giapponese c per poter tenere la più piccola. Quindi, a ogni successione, le superfici edificate vengono suddivise riducendosi, talvolta, fino a 50 metri quadrati, magari stranamente disposti a T, a strisce strettissime o a trapezio. Una normativa edilizia rigidissima Come se la sfida non fosse già abbastanza ardua, spesso solo metà del lotto è edificabile. Ciò richiede agli architetti, nello sviluppo del progetto, una certa capacità artistica. Quale committente svizzero si è mai trovato a dover costruire una casa unifamiliare su 25 metri quadrati? «I giapponesi lavorano in condizioni estreme» spiega Cathelijne Nuijsink, esperta di architettura. Nel suo libro «How to Make a Japanese House» presenta ventuno architetti e le loro creazioni e parla con profondo rispetto dei committenti: «Devono attenersi a un regolamento rigidissimo, che prevede il rispetto delle norme antisismiche e della distanza laterale di 50 centimetri dalla proprietà del vicino». Altri criteri obbligatori sono un esposizione minima alla luce diurna e il rispetto per la visuale dei vicini. Non ci sono limiti, invece, per quanto riguarda l estetica. Diversamente da quanto accade in Europa, non ci sono regole che prevedono il mantenimento di caratteristiche locali o storiche del paesaggio urbano. Di conseguenza i residenti non possono in alcun modo opporsi alle stravaganze dei vicini, a patto che vengano osservati tutti i criteri edilizi. Casa-I a Tokyo è stata progettata dallo studio Asai Architects in modo che le stanze del pianterreno siano lievemente ruotate rispetto alla strada. Per una maggiore privacy sono state aggiunte alcune piante. Dalla terrazza sul tetto i residenti, una famiglia di quattro persone, possono godere di una piacevole vista. Asai Architects / Foto: Taisuke Ogawa Costruire con budget limitati In Giappone i budget destinati all edilizia sono spesso sorprendentemente limitati, se rapportati alle difficoltà progettuali. Il costo medio delle abitazioni ammonta a soli franchi svizzeri, ben al di sotto del prezzo dei terreni, spesso divisi in modo irregolare. Architetti e committenti però, commenta Nuijsink, «fanno tutto il possibile per trasformare un pezzo di terreno a prima vista invivibile in uno spazio abitativo confortevole». L architetto australiano Alistair Townsend, che opera a Tokyo, fa notare un altro aspetto alla base della ricchezza delle forme edilizie. Le case giapponesi, osserva Townsend, hanno una durata minima e questo si riflette nel design. In Occidente, quando si costruisce una casa, si pensa quasi sempre a una rivendita e, di conseguenza, si scelgono soluzioni classiche. «Le idee originali» spiega Townsend «rappresentano un rischio d investimento». Al contrario in Giappone, dove dopo quindici anni la proprietà ha già perso il suo valore, i committenti non devono preoccuparsi di un acquirente futuro: semplicemente, non ci sarà. Generalmente questo porta, secondo l analisi condotta da Townsend, a un deprezzamento degli immobili privati. In compenso le case possono essere realizzate esattamente secondo le esigenze e il gusto del committente. L 87% di tutte le case acquistate in 16

17 Giappone sono case nuove, non abitate in precedenza. Nei paesi occidentali la percentuale scende all %. Il motivo principale dello scarso valore commerciale degli edifici vecchi sono i frequenti terremoti. Nel paese del Sol levante i terremoti, in una prospettiva storica, hanno portato a vedere gli edifici come qualcosa di poco durevole e a realizzarli in modo da poter essere ricostruiti velocemente e a basso costo. In quest ottica nascono oggi i progetti che destano così tanta ammirazione. Case con ambienti aperti e scale ripide, con piani liberi senza parapetto e una luminosità impensabile. Pavimenti di vetro, finestre aperte tra gli ambienti o stanze aperte, a doppia altezza, dove il pavimento della stanza superiore è allo stesso tempo tavolo per quella inferiore. Spesso le stanze vengono suddivise mediante pannelli trasparenti in materie plastiche ispirati alle tradizionali porte scorrevoli giapponesi in carta di riso o sistemi di tende. Sorprendente è anche l idea di sistemare cucina e camera da letto in un unica stanza. Le nuove forme dell abitare collettivo Le costruzioni giapponesi, spesso oggetto di ammirazione, rendono possibili nuove forme dell abitare collettivo. Particolarmente rappresentativa in questo senso è casa Moriyama, già oggi considerata uno dei maggiori simboli dell architettura ultramoderna giapponese. La scomposizione della casa in singole unità edilizie trasforma i corridoi in vie e gli ingressi in piazzole, ma non solo. Le dieci scatole bianche che insieme compongono l abitazione organizzano anche la convivenza in un modo diverso da quello abituale. Se un abitazione cessa di essere una struttura organizzata centralmente e diventa un complesso di elementi coesi, gli inquilini possono gestire distanza e vicinanza, individualità e collettività in maniera completamente differente da quanto farebbero, per esempio, in tre stanze con cucina, bagno e carport. Difficilmente si potrebbe concepire un modello più flessibile di condivisione di un abitazione tra persone non unite da legami familiari. Tuttavia, per quanto la nuova architettura giapponese si dimostri esemplare, il confronto con quella occidentale alimenta solo in parte l'autoflagellazione culturale degli europei. Anche in Giappone, infatti, le costruzioni creative rimangono eccezioni avanguardistiche. L alloggio prefabbricato più venduto si chiama xevoe. Daiwa, il suo produttore, ne consegna circa pezzi all anno: un numero che fa di xevoe la Toyota Corolla dei prefabbricati. Una soluzione talmente standard da poter essere tranquillamente inserita in ogni comune degli hinterland svizzeri. n Yuko Nagayama & Associates / Foto: Daici Ano Un aspetto che molti architetti giapponesi devono considerare nelle aree densamente edificate è l illuminazione. La casa di Yuko Nagayama Architects, nel distretto di Shibuya, Tokyo, si apre su un cortile interno. Le soffitte oblique, interamente in vetro, permettono alla luce di filtrare. L architetto Yo Yamagata sta lavorando a una sofisticata combinazione di luce diretta e indiretta per Casa-BB (Tokyo). Riferimento: Cathelijne Nuijsink, How to Make a Japanese House Paperback, 324 pagine, NAi Publishers, 2012 ISBN X (ISBN13: ) Yo Yamagata Architects / Foto: Forward stroke Inc. next floor 17

18 Sviluppo del centro Ginevra: nasce una nuova città nella città La città di Ginevra si sta preparando a un grandioso progetto di sviluppo urbano che non ha precedenti in Svizzera. Il progetto prevede la riconversione dell area PAV e con essa una riorganizzazione e densificazione di tutto il centro cittadino. TESTO JEAN-LOUIS EMMENEGGER CAD STUDIO DI ARCHITETTURA PIERRE-ALAIN DUPRAZ E PARTNER FOTO CLAUDE BOSSEL Già oggi, con i suoi abitanti per chilometro quadrato, Ginevra è la città Svizzera a più alta densità demografica. Presto, però, questo numero crescerà. Nell ambito della ristrutturazione che coinvolgerà l intera area Praille-Acacias-Vernets (PAV), sui 230 ettari di superficie sorgeranno sei nuovi quartieri. Il mandato di studio per la progettazione del nuovo settore Etoile è stato vinto dallo studio di architettura ginevrino Pierre-Alain Dupraz e Partner. PAV: un nuovo centro-città A Ginevra tutti conoscono l area PAV: il grande perimetro urbano è al centro di una totale riconversione. 140 dei suoi 230 ettari totali saranno occupati da appartamenti. L obiettivo degli urbanisti è riqualificare l attuale area commerciale e industriale in un nuovo centro cittadino misto e densificato. In totale saranno costruiti nuovi appartamenti che ospiteranno persone. Con questo innovativo progetto Ginevra punta a una densificazione del centro. Dal momento che il territorio cittadino, delimitato su ogni lato, potrebbe presto diventare troppo piccolo per il continuo aumento del numero di abitanti, Ginevra può svilupparsi solo in verticale. Il quartiere Etoile Uno dei sei settori del perimetro Praille-Acacias- Vernets sarà il quartiere Etoile, che sorgerà al centro. Etoile occuperà un area di 13 ettari e ospiterà, oltre ad appartamenti per 6000 persone, grandi magazzini, piccoli negozi e scuole dell infanzia, forse anche scuole, case di riposo e case di cura. L obiettivo è offrire ai futuri residenti uno spazio abitativo urbano 18

19 Veduta della «Place de l Etoile», cuore pulsante del futuro quartiere. che garantisca una qualità di vita il più possibile elevata. Il progetto selezionato, che tiene conto delle strade già esistenti, del traffico lento e dell accesso ai mezzi pubblici, prevede anche spazi verdi, parcheggi sotterranei e l ulilizzo di energie rinnovabili. Un team internazionale Il vincitore del concorso per la costruzione di Etoile è un team internazionale: i giovani architetti dello studio di Pierre-Alain Dupraz, che ha diretto il progetto, collaborano con due colleghi di Lisbona. Inoltre per i settori di ingegneria civile e mobilità/traffico sono rispettivamente responsabili Ingeni SA di Ginevra e Swisstraffic SA di Losanna. «Nonostante disponessimo di un approfondita panoramica delle caratteristiche locali, ho voluto integrare nel mio team ulteriori competenze tecniche. Perciò mi sono unito al portoghese Gonçalo Byrne, esperto in sviluppo urbano, e ho coinvolto gli architetti del paesaggio di Proap, che avevano appena vinto due concorsi a Ginevra. La valutazione completa del progetto che ne è risultata e l eccellente collaborazione dei due team di creativi di Ginevra e Lisbona alla fine hanno convinto la giuria a scegliere il nostro progetto» racconta Pierre-Alain Dupraz. Sette torri Il progetto Etoile soddisfa le specifiche del masterplan definito per questo quartiere. «In concreto significa che si prevede di costruire sette torri: tre più alte (172 m) e quattro più piccole (80 m)» precisa Pierre-Alain Dupraz. Tuttavia questi grattacieli saranno le uniche costruzioni di questo tipo in tutta l area PAV. L altezza è stata stabilita sulla base di un analisi che prevede tre diverse altezze per gli edifici preesistenti di Ginevra. L obiettivo primario è la creazione di spazi residenziali: il piano prevede la realizzazione di 1500 unità abitative di varia grandezza, tra cui vi saranno anche appartamenti popolari. Almeno un terzo del progetto consisterà in superfici abitative, mentre al massimo due terzi della superficie totale saranno c La qualità di vita sarà garantita da spazi di passaggio accuratamente progettati e provvisti di percorsi pedonali e ciclabili verdi, come quelli che fiancheggeranno la futura «Avenue de la Praille». next floor 19

20 Sviluppo del centro «Densificazione e qualità di vita ottimale» L opinione dell architetto Pierre-Alain Dupraz Pierre-Alain Dupraz, l architetto responsabile del team vincitore del concorso di architettura, di cui hanno fatto parte anche lo studio Gonçalo Byrne, gli architetti del paesaggio di Proap (entrambi di Lisbona), Ingeni SA (Ginevra) e Swisstraffic SA (Losanna). Come spiega il concetto di «densificazione urbana»? Pierre-Alain Dupraz: Densificazione urbana significa usare le aree edificabili di una città in modo che i progetti desiderati possano essere realizzati in maniera ottimale. Per raggiungere un determinato grado di densificazione si deve, di norma, costruire in altezza. La sfida consiste nel garantire comunque una elevata qualità di vita per i residenti, creando un buon equilibrio tra superfici edificate e aree libere o spazi verdi. Che cos è invece la riqualificazione? La riqualificazione è un lungo processo durante il quale una città si espande soprattutto ridestinando singole aree urbane o declassando determinate zone. Per esempio aree commerciali o industriali che prima si trovavano ai margini della città oggi sono nuovi quartieri, collegati con l esistente nucleo cittadino dai trasporti pubblici locali o da nuovi percorsi per il traffico lento. Come crede si svilupperanno le città svizzere nei prossimi decenni, in base alla legge sulla pianificazione del territorio? Densificazione urbana e riqualificazione sono risposte efficaci, accettate e sensate. Sono convinto che, per evitare l ulteriore dispersione degli insediamenti, la prima cosa da fare sia costruire la «città nella città». Se vogliamo preservare la periferia e la qualità del paesaggio, dobbiamo aumentare la densità edilizia delle città ed essere più flessibili nell applicazione di alcune norme. c riservati a uffici, negozi, servizi locali e strutture pubbliche. Nella progettazione delle aree e strutture pubbliche l architettura del paesaggio ha un ruolo determinante. I piani terra delle torri devono essere in stretta comunicazione con lo spazio pubblico, in modo che il quartiere acquisisca un carattere culturale e sociale. Mezzi pubblici e traffico lento Il settore Etoile sorgerà poco distante dalla futura stazione Lancy-Pont-Rouge della CEVA e sarà direttamente raggiungibile dai percorsi ciclabili. Questo permetterà agli abitanti del quartiere di raggiungere velocemente Ginevra centro, la stazione di Cornavin e l aeroporto internazionale di Ginevra servendosi del CEVA. Naturalmente ci saranno anche spazi verdi. Il progetto di Pierre-Alain Dupraz prevede quattro grandi isole e un area verde centrale. Nel quartiere residenziale sono previsti percorsi pedonali e parchi giochi. «Place de l Etoile» sarà il cuore verde pulsante del quartiere. Le due grandi aree pubbliche saranno collegate da percorsi pedonali e ciclabili. La Drize, il corso d acqua ora coperto, sarà rinaturalizzato. Per lo scorrimento del traffico lento saranno realizzati due assi. Al momento la sfida principale del progetto Etoile è l integrazione del nuovo Palazzo di Giustizia del Cantone di Ginevra. n 20

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti

Rigips Trophy 2016. Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti Rigips Trophy 2016 Concorso-costruzioni a secco unico per artigiani e architetti I costruttori dell opera vincitrice 2016 riceveranno : il Gold-Trophy, tanta pubblicità sui media specializzati e l invito

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort l hotel hi-tech R obotica Se siete persone indipendenti e cercate un ambiente alternativo davvero easy, potete organizzare un giro intercontinentale a New York. Non solo per la città pulsante di vita e

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"?

Seggiolini auto: dov è il vantaggio per le famiglie? Ufficio stampa del TCS Vernier Tel +41 58 827 27 16 Fax +41 58 827 51 24 www.pressetcs.ch Comunicato stampa Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"? Emmen, 15 novembre 2012. Il test del TCS

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli