Comitato regionale per l Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comitato regionale per l Europa"

Transcript

1 Comitato regionale per l Europa Organizzazione mondiale della sanità Ufficio regionale per l Europa Guadagnare salute : la strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche

2 malattie principali in Europa RC56 Malattia Carico di malattia (Daly) Morti Malattie cardiovascolari 23% 52% Disturbi neuropsichiatrici 20% 3% Cancro 11% 19% Malattie dell app. digerente 5% 4% Malattie respiratorie 4% 4% Diabete mellito 1% 1% Disturbi muscolo-scheletrici 4% 0% Deficit degli organi di senso 4% 0% Altre malattie croniche 5% 2% Totale 77% 86% Daly: anni di vita persi a causa della disabilità

3 è tempo di guardare la realtà.. decessi per causa nella Regione europea dell Oms (2005) tubercolosi Hiv/Aids malaria malattie cardiovascolari cancro malattie respiratorie croniche diabete

4 MCV causano più del 50% delle morti in Europa mortalità cardiovascolare (fino a 65 anni) nella Regione Europea dell Oms Ultimi dati disponibili <= 300 <= 240 <= 180 <= No data SDR per e contribuiscono a creare una differenza nell aspettativa di vita di circa 20 anni nei Paesi europei

5 aumenta il divario tra i Paesi europei trend nella mortalità prematura (< 65 anni) da malattie cardiovascolari nella Regione Europea dell Oms (tassi standardizzati per ) anni Stati UE prima di Maggio 2004 Stati UE da Maggio 2004 Comunità Stati Indipendenti

6 gradiente sociale mortalità per malattie circolatorie in persone con meno di 75 anni per area classificate in base al livello di deprivazione sociale: Inghilterra Tassi (aggiustati per età) per Livello di Deprivazione Quintile Most deprived peggiorefifth Secondo 2nd most quintile deprived fifth Terzo 3rd most quintile deprived fifth Quarto 4th most quintile derived fifth Quintile Least deprived migliore fifth (Tackling Health Inequalities: Status Report on Programme for Action, 2005)

7 il peso economico delle malattie croniche impatto significativo sui sistemi sanitari Danimarca: 70-80% delle spese per l assistenza sanitaria allocato alle condizioni croniche impatto significativo sul sistema sociale Svezia: 90% dei costi totali per le condizioni osteoarticolari composto da costi indiretti (congedi per malattia 32%; pensionamenti precoci 59%) impatto significativo sull economia Olanda: le malattie croniche e i loro sintomi costano alla società più di 15 miliardi di euro

8 le malattie croniche in Europa la sfida per la sanità pubblica in Europa il divario all interno degli Stati e tra gli Stati è sempre più ampio il peso sui sistemi sanitari, sulle economie e sulle società aumenta continuamente c è un potenziale per significativi miglioramenti nello stato globale di salute

9 le cause principali sono conosciute proporzione di Daly attribuibile a 7 fattori di rischio nella Regione europea dell Oms (2000) Fattore di Rischio ipertensione tabacco alcol colesterolo elevato sovrappeso dieta povera di frutta e verdura sedentarietà

10 esiste un potenziale per la salute eliminando i maggiori fattori di rischio, si potrebbero evitare l 80% dei casi di malattie ischemiche del cuore, ictus cerebrale e diabete tipo 2, oltre al 40% dei tumori nei Paesi Ocse, solo il 3% della spesa sanitaria totale è investito in programmi di prevenzione e di sanità pubblica rivolti all intera popolazione

11 esistono interventi efficaci riduzione di morti da malattie ischemiche del cuore in alcuni Paesi europei: % attribuita agli interventi Olanda Scozia Finlandia Irlanda Inghilterra e Galles Trattamento Fattori di rischio Non spiegato

12 cosa ha in serbo il futuro? RC56 trend di sovrappeso tra gli studenti in Europa Spagna 1 Spagna 2 Prevalenza di sovrappeso (%) UK Svizzera Anno dell'indagine

13 cosa ha in serbo il futuro? a partire dal 2050, più di un quarto della popolazione europea dovrebbe avere più di 65 anni oltre un terzo degli uomini sopra i 60 anni sono affetti da due o più condizioni croniche un numero che aumenta con l età e nelle donne

14 la risoluzione EUR/RC54/R4 RC54 richiedeva una strategia: integrata e orientata all azione concentrata sull implementazione parte integrale della politica quadro Health21 coerente con preesistenti strategie degli Stati Membri preparata in collaborazione con gli Stati Membri, agenzie intergovernative, organizzazioni non governative e altri soggetti interessati Con la Risoluzione EUR/RC54/R4, il Comitato regionale della Regione europea dell Oms ha incaricato il Direttore generale di mettere a punto la strategia

15 il percorso della strategia consultazioni estese incontri tra le controparti nazionali, appositamente individuate (51 Stati membri) gruppo redazionale costituito da membri designati (8 Stati membri) bozze discusse tre volte da tutti gli Stati membri

16 Strategia europea per le malattie croniche Introduzione Sfide Potenziale per migliorare lo stato di salute Principi guida L approccio della strategia Il quadro di riferimento per l azione Passare all azione Guardare al futuro: le tappe successive

17 integrata ed equilibrata approccio dall alto promozione della salute prevenzione delle malattie attraversare il continuum servizi sanitari orientati alla salute determinanti fattori di Rischio malattie Approccio integrato: programmi di prevenzione rivolti alla popolazione mirati agli individui ad alto rischio migliore copertura e qualità dell assistenza sanitaria riduzione sistematica delle disequità

18 obiettivi e quadro di riferimento per l azione obiettivi: intraprendere un azione integrata diretta ai fattori di rischio e ai loro determinanti nei diversi settori della società potenziare i sistemi sanitari per migliorare la prevenzione e il controllo delle malattie croniche quadro di riferimento per l azione ADVOCACY CONOSCENZA REGULAZIONE E FINANZA CAPACITÀ SOSTEGNO ALLA COMUNITÀ EROGAZIONE DI SERVIZI SANITARI

19 Costruire a partire dagli impegni esistenti un quadro coerente che favorisce le sinergie Ncd WHA53.17 Dieta & attività fisica WHA57.17 Infanzia & alimentazione WHA55.25 Alimenti & nutrizione EUR/RC50/R8 Tabacco EUR/RC52/R12 Alcol EUR/RC55/R1 Bambini & ambiente EUR/RC55/R6 Bambini & adolescenti EUR/RC55/R4 Salute mentale EUR/RC55/R2 impegni

20 costruire a partire dagli impegni esistenti un quadro coerente che favorisce le sinergie NCD WHA53.17 Dieta & attività fisica WHA57.17 Infanzia & alimentazione WHA55.25 Alimenti & nutrizione EUR/RC50/R8 Tabacco EUR/RC52/R12 Alcol EUR/RC55/R1 Bambini & ambiente EUR/RC55/R6 Bambini & adolescenti EUR/RC55/R4 Salute mentale EUR/RC55/R2 Advocacy Conoscenza Regolazione e finanza Capacità Sostegno alla comunità Erogazione di servizi sanitari quadro di riferimento impegni

21 costruire a partire dagli impegni esistenti RC56 un quadro coerente che favorisce le sinergie NCD WHA53.17 Dieta & attività fisica WHA57.17 Infanzia & alimentazione WHA55.25 Alimenti & nutrizione EUR/RC50/R8 Tabacco EUR/RC52/R12 Alcol EUR/RC55/R1 Bambini & ambiente EUR/RC55/R6 Bambini & adolescenti EUR/RC55/R4 Salute mentale EUR/RC55/R2 Advocacy Conoscenza Regolazione e finanza Capacità Sostegno alla comunità Erogazione di servizi sanitari quadro di riferimento AZIONI impegni

22 advocacy una combinazione di azioni individuali e sociali per ottenere sostegno politico e consenso sociale per un definito obiettivo o programma di salute, creando condizioni favorevoli a stili di vita salutari i decisori politici, in particolare i ministri della Salute, hanno la responsabilità di agire come avvocati della salute nel governo e di promuovere i valori di equità, solidarietà e partecipazione

23 I sistemi sanitari possono: advocacy promuovere politiche integrate per modificare i determinanti sociali giocare un ruolo essenziale nella prevenzione giocare un ruolo essenziale nella sorveglianza sostenere che tutte le politiche (educative, agricole, commerciali) hanno effetti sulla salute

24 conoscenza decisioni sempre più basate su evidenze scientifiche, usando meglio la conoscenza esistente e generandone di nuova monitorare gli effetti sulla salute delle politiche e degli interventi usare la conoscenza come mezzo per aumentare la consapevolezza e la competenza della popolazione: una risorsa in più

25 regolazione e finanziamento legislazione, regolazione, ordinanze, leggi e trattati internazionali sussidi all agricoltura ed altri settori politiche fiscali finanziamenti al sistema sanitario

26 risorse e competenze risorse umane per la salute: educazione e training mezzi per aumentare disponibilità, motivazione e distribuzione degli operatori sanitari miglior uso delle risorse esistenti pazienti esperti: una risorsa in più tecnologie: attrezzature di base disponibili e ben funzionanti spostare risorse da attrezzature ad alta intensità di capitale verso quelle a bassa intensità personale ben addestrato pazienti esperti nei trattamenti e nei farmaci che usano: una risorsa in più

27 agire a livello di comunità coesione e network di sostegno sociale in momenti difficili e periodi vulnerabili: sviluppo di comunità che potenziano i fattori protettivi della salute sviluppare la promozione della salute in scuole, ospedali e luoghi di lavoro sostenere tutti i membri della comunità per raggiungere il loro pieno potenziale

28 servizi sanitari verso un modello appropriato per le malattie croniche migliorare gli standard di cura impiego adeguato di interventi di popolazione (vedi screening) migliorare pianificazione e gestione

29 messaggi chiave la prevenzione è efficace quanto più è duratura e va considerata un vero e proprio investimento in salute e sviluppo la società dovrebbe offrire un contesto ambientale che faciliti le scelte più salutari i servizi sanitari dovrebbero adattarsi a questo obiettivo, affrontando l attuale carico di malattia e aumentando le opportunità di promozione della salute le persone dovrebbero essere messe nelle condizioni di promuovere la propria salute, di interagire con i servizi sanitari ed essere parte attiva della gestione delle malattie per garantire il diritto alla salute è fondamentale che tutti abbiano accesso alla promozione della salute, alla prevenzione delle malattie e ai servizi sanitari a qualsiasi livello, i governi hanno la responsabilità di proporre politiche di intervento all insegna della salute e di assicurare un azione integrata in tutti i settori.

30 EUR/RC56/Conf.Doc./3 al Comitato regionale si richiede di adottare la strategia europea sulle malattie croniche, una cornice strategica che permette agli Stati membri di intraprendere azioni volte a migliorare la salute delle popolazioni

31 EUR/RC56/Conf.Doc./3 il Comitato regionale esorta gli Stati membri a: 1. sviluppare o potenziare strategie nazionali di salute pubblica per contrastare le malattie croniche 2. potenziare i sistemi sanitari nel senso del miglioramento della prevenzione e controllo delle malattie croniche 3. considerare la prevenzione nell arco di tutta la vita come un investimento efficace 4. assicurare l accesso universale alla promozione della salute, la prevenzione delle malattie e l assistenza sanitaria 5. creare i meccanismi per l attuazione e il monitoraggio regolare delle strategie di sanità pubblica

32 EUR/RC56/Conf.Doc./3 il Comitato regionale richiede al direttore regionale di: 1. sostenere attivamente l attuazione della strategia 2. sostenere gli Stati membri nell attuazione della strategia mediante: - sviluppo di un alleanza per l advocacy e l azione - costruzione di una rete tra le controparti nazionali - facilitare lo scambio delle informazioni - attuazione di un sistema di monitoraggio 3. fare un resoconto al Comitato regionale nel 2008

Daniela Galeone. Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012. Roma, 20 febbraio 2013

Daniela Galeone. Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012. Roma, 20 febbraio 2013 Pianificazione nazionale delle strategie di prevenzione dell obesità Daniela Galeone Il sistema di sorveglianza Okkio alla Salute: risultati 2012 Roma, 20 febbraio 2013 Malattie croniche : un allarme mondiale

Dettagli

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

EUROPA. Comitato regionale per l Europa cinquanteseiesima sessione. Copenaghen, 11-14 settembre 2006. Guadagnare salute

EUROPA. Comitato regionale per l Europa cinquanteseiesima sessione. Copenaghen, 11-14 settembre 2006. Guadagnare salute EUROPA Comitato regionale per l Europa cinquanteseiesima sessione Copenaghen, 11-14 settembre 2006 EUR/RC56/8 +EUR/RC56/Conf.Doc./3 30 giugno 2006 60783 Guadagnare salute La strategia europea per la prevenzione

Dettagli

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione

Guadagnare salute. Il Programma. Fausta Ortu medico SISP. Dipartimento di Prevenzione. Azienda Ulss 15. Dipartimento di Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Il Programma Guadagnare salute Fausta Ortu medico SISP Dipartimento di Prevenzione Azienda Ulss 15 Che cos è il programma Guadagnare salute? Perché è nato? Dove è nato? E un

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali (DGREI) PIANO D AZIONE GLOBALE DELL OMS PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO

Dettagli

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011

Francesca Russo Annarosa Pettenò. Verona, 12 gennaio 2011 Francesca Russo Annarosa Pettenò Verona, 12 gennaio 2011 Determinanti della Salute McKeown (1976) dimostra che il ridursi della mortalità, osservato nel periodo 18701970, è da attribuirsi per il: - 40%

Dettagli

Obiettivo 1 - Piano d'azione Oms 2008-2013

Obiettivo 1 - Piano d'azione Oms 2008-2013 Obiettivo 1 - Piano d'azione Oms 2008-2013 ELEVARE LA PRIORITÀ riconosciuta alle malattie croniche nei piani di sviluppo nazionali e globali, integrando le strategie di prevenzione nelle politiche di tutti

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE

DOTT.SSA DANIELA GALEONE. Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE DOTT.SSA DANIELA GALEONE Dip. Prevenzione e Comunicazione, Ministero della Salute GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari è l obiettivo del programma Guadagnare salute, per prevenire le principali

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Carta Europea sull azione di contrasto all obesità

Carta Europea sull azione di contrasto all obesità TRADUZIONE NON UFFICIALE A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE Carta Europea sull azione di contrasto all obesità Per affrontare l epidemia di obesità, che rappresenta una minaccia per la salute, l economia

Dettagli

QUALITA della VITA. MALATTIE REUMATICHE siamo tutti disabili (?) Invalidità e disabilità: e il punto di vista del reumatologo.

QUALITA della VITA. MALATTIE REUMATICHE siamo tutti disabili (?) Invalidità e disabilità: e il punto di vista del reumatologo. VICENZA, 26 ottobre 2013 Aula Magna Ignazio Onza QUALITA della VITA Invalidità e disabilità: e il punto di vista del reumatologo MALATTIE REUMATICHE siamo tutti disabili (?) GIOVANNI PERONATO Giovanni

Dettagli

I programmi nazionali e regionali di promozione della salute

I programmi nazionali e regionali di promozione della salute I programmi nazionali e regionali di promozione della salute Perugia 23.05.2014 Mariadonata Giaimo Le malattie croniche non trasmissibili - malattie cardiovascolari, tumori, patologie respiratorie croniche

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Audizione presso la III Commissione Affari Esteri e Comunitari Parlamento Italiano (Roma, 1 Luglio 2010) La Salute Materno-Infantile nel Mondo e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio Dr. Flavia Bustreo,

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL Più salute meno rischi Costruire alleanze per il benessere e la sicurezza SCHEDA ALCOL: L ATTIVITA

Dettagli

Solo 4 Fattori di Rischio!

Solo 4 Fattori di Rischio! Ministero della Salute Solo 4 Fattori di Rischio! Almeno l 86% delle NCDs, condivide solo 4 fattori di rischio modificabili Ministry of Health Italy - Presidency 2014 1 Health spending Average annual growth

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti Anziani f-+ m gamba L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti organizzata dalla Fondazione Veronesi nell 'ambito del programma "The Future qfscience

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

Diseguaglianze sociali e salute in Trentino

Diseguaglianze sociali e salute in Trentino Diseguaglianze sociali e salute in Trentino Pirous Fateh-Moghadam Osservatorio per la salute Dipartimento lavoro e welfare Provincia autonoma di Trento Indice della presentazione Diseguaglianze tra Paesi

Dettagli

Health at a Glance: OECD Indicators 2005 Edition. Uno Sguardo alla Sanità - Indicatori OCSE 2005. Sommario. Summary in Italian. Riassunto in Italiano

Health at a Glance: OECD Indicators 2005 Edition. Uno Sguardo alla Sanità - Indicatori OCSE 2005. Sommario. Summary in Italian. Riassunto in Italiano Health at a Glance: OECD Indicators 2005 Edition Summary in Italian Uno Sguardo alla Sanità - Indicatori OCSE 2005 Riassunto in Italiano Sommario I sistemi sanitari sono in forte crescita in termini di

Dettagli

Stili di vita. Impatto su salute ed economia. Pirous Fateh-Moghadam, Laura Battisti, Elena Contrini, Laura Ferrari. Merano, 25 ottobre 2014

Stili di vita. Impatto su salute ed economia. Pirous Fateh-Moghadam, Laura Battisti, Elena Contrini, Laura Ferrari. Merano, 25 ottobre 2014 Stili di vita Impatto su salute ed economia Pirous Fateh-Moghadam, Laura Battisti, Elena Contrini, Laura Ferrari Merano, 25 ottobre 2014 Il contesto epidemiologico In Trentino ogni anno muoiono circa 4.500

Dettagli

Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014

Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014 Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014 La promozione di stili di vita salutari Elena Bianchera Area Promozione salute elena.bianchera@aslmn.it Canneto sull Oglio 21 febbraio 2014 Il fare

Dettagli

Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute. Guadagnare Salute. rendere facili le scelte salutari

Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute. Guadagnare Salute. rendere facili le scelte salutari Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute Guadagnare Salute rendere facili le scelte salutari I Protocolli d Intesa del 3 maggio 2007 tra il Ministro della Salute e CGIL CISL UIL Associazioni

Dettagli

Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia

Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia Il contesto epidemiologico e la domanda di servizi sanitari Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia SITI Salute, centralità del cittadino, percorsi integrati di cura Sesto al Reghena (PN), 3-4

Dettagli

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa (traduzione, adattamento e sintesi a cura della redazione di EpiCentro) Dopo l allargamento a est dell Unione

Dettagli

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere.

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Le sane abitudini alimentari Bologna 10 marzo 2014 La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Emilia Guberti UO Igiene Alimenti e Nutrizione Az. USL Bologna Sicurezza

Dettagli

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato Introduzione La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato Finalità La Carta di Bangkok definisce azioni e impegni necessari per agire sui determinanti di salute in un mondo

Dettagli

Salute 2020: Una politica di riferimento europea a sostegno di un azione trasversale ai governi e alle società per la salute e il benessere *

Salute 2020: Una politica di riferimento europea a sostegno di un azione trasversale ai governi e alle società per la salute e il benessere * Organizzazione Mondiale della Sanità UFFICIO REGIONALE PER L Europa Comitato Regionale Europeo Sessantaduesima Sessione Malta, 10-13 settembre 2012 Salute 2020: Una politica di riferimento europea a sostegno

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Workshop e Know-how exchange OMS-Regioni Venezia, 21 giugno 2012 Questo workshop si inserisce nel contesto della

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Nicoletta Bertozzi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda Sanitaria di Cesena Roma, 21 febbraio 207 Quali i passi nel percorso teorico 1) identificare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini

MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini MY SMART HEALTH: una soluzione per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini Giovanni Bruno Responsabile Innovazione e Ricerca SER&Practices, spin-off Università di Bari 1 10 maggiori cause di

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

La salute in Toscana Anno 2012

La salute in Toscana Anno 2012 La salute in Toscana Anno 2012 Elaborazioni a cura di: Osservatorio di epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana aprile 2013 Demografia toscana in sintesi I residenti sono 3.667.780 Nel 2012

Dettagli

Il diabete. è classificato tra le malattie cosiddette autoimmuni,

Il diabete. è classificato tra le malattie cosiddette autoimmuni, Il diabete Il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta a un alterata quantità o funzione dell insulina. L insulina

Dettagli

Strategia e piano d azione per l invecchiamento sano in Europa, 2012-2020* Organizzazione Mondiale della Sanità

Strategia e piano d azione per l invecchiamento sano in Europa, 2012-2020* Organizzazione Mondiale della Sanità Organizzazione Mondiale della Sanità UFFICIO REGIONALE PER L Europa Comitato Regionale Europeo Sessantaduesima Sessione Malta, 10-13 settembre 2012 Strategia e piano d azione per l invecchiamento sano

Dettagli

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1.

SALUTE E ASSISTENZA. Buona salute Né bene né male Male Molto Male 2011 71.1% 23.2% 4.8% 0.9% 2012 71.1% 23.3% 4.8% 0.9% 2013 70.4% 23.8% 4.8% 1. SALUTE E ASSISTENZA Stato di salute della popolazione italiana. Dall'Indagine Multiscopo dell'istat risulta che nel 2013 il 70.4% della popolazione italiana gode di buona salute con un calo rispetto agli

Dettagli

- Anche Adiconsum firma il protocollo Guadagnare

- Anche Adiconsum firma il protocollo Guadagnare Coordinato da Claudio Lucchetta Agenzia Adiconsum - anno XIX - n. 28-7 maggio 2007 Stampato in proprio in maggio 2007 In questo numero: Anche Adiconsum firma il protocollo Guadagnare Salute In primo piano

Dettagli

10 novembre 2015. L equazione di Meridiano Sanità: Prevenzione + Innovazione = Valore. Comunicato Stampa

10 novembre 2015. L equazione di Meridiano Sanità: Prevenzione + Innovazione = Valore. Comunicato Stampa 10 novembre 2015 L equazione di Meridiano Sanità: Prevenzione + Innovazione = Valore Comunicato Stampa Roma (Palazzo Rospigliosi) 10 novembre 2015 - Oggi si è svolta la decima edizione del Forum Meridiano

Dettagli

L articolazione nella pianificazione del piano di prevenzione

L articolazione nella pianificazione del piano di prevenzione Verso i PRP 2014 2018 L articolazione nella pianificazione del piano di prevenzione Stefania Salmaso CNESPS ISS I PNP 2005-2013: Una eredità da mantenere La buona pratica della pianificazione L evidence

Dettagli

Piano d Azione Europeo per la Salute Mentale

Piano d Azione Europeo per la Salute Mentale Comitato regionale per l Europa 63.ma sessione EUR/RC63/11 + EUR/RC63/Conf.Doc./8 Çeşme Izmir, Turchia, 16 19 settembre 2013 10 luglio 2013 131285 Ordine del giorno provvisorio - punto 5 (d) ORIGINALE:

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Passi per Guadagnare Salute

Passi per Guadagnare Salute Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Passi per Guadagnare Salute Rapporto 2011/2012 Azienda ULSS n. 13 1 Rapporto a cura di: Damiano Dalla Costa, Silvia Milani (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. CHAMPION ADVOCATES PROGRAM 25by25 STRATEGIE PER RIDURRE LA MORTALITÀ CARDIOVASCOLARE DEL 25% ENTRO IL 2025

COMUNICATO STAMPA. CHAMPION ADVOCATES PROGRAM 25by25 STRATEGIE PER RIDURRE LA MORTALITÀ CARDIOVASCOLARE DEL 25% ENTRO IL 2025 COMUNICATO STAMPA CHAMPION ADVOCATES PROGRAM 25by25 STRATEGIE PER RIDURRE LA MORTALITÀ CARDIOVASCOLARE DEL 25% ENTRO IL 2025 Cardiologi, internisti, farmacologi, epidemiologi, politici, esperti in comunicazione

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

stili di vita e disuguaglianze

stili di vita e disuguaglianze stili di vita e disuguaglianze Gli stili di vita insalubri sono fattori di rischio che possono causare disuguaglianze di salute. Come dimostrano diversi studi, abitudini e comportamenti malsani contribuiscono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Dipartimento di Medicina Traslazionale in collaborazione con Università Cattolica del Sacro Cuore e Università di Milano Bicocca MASTER IN SCIENZE

Dettagli

L OBESITÀ E L ECONOMIA DELLA PREVENZIONE: OBIETTIVO SALUTE OBESITY AND THE ECONOMICS OF PREVENTION: FIT NOT FAT

L OBESITÀ E L ECONOMIA DELLA PREVENZIONE: OBIETTIVO SALUTE OBESITY AND THE ECONOMICS OF PREVENTION: FIT NOT FAT L OBESITÀ E L ECONOMIA DELLA PREVENZIONE: OBIETTIVO SALUTE OBESITY AND THE ECONOMICS OF PREVENTION: FIT NOT FAT Un nuovo rapporto OCSE analizza le dimensioni e le caratteristiche dell attuale epidemia

Dettagli

Ridurre la mortalità infantile per il raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio n. 4 * (TRADUZIONE NON UFFICIALE)

Ridurre la mortalità infantile per il raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio n. 4 * (TRADUZIONE NON UFFICIALE) Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE Direzione Generale dei Rapporti Europei e Internazionali Ufficio III ex DG RUERI Ridurre la mortalità infantile per il raggiungimento

Dettagli

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari 2 Convegno Nazionale Ospedale Città e Territorio Verona, 13-15 Settembre 2007 Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari Le strutture Sanitarie territoriali

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guadagnare salute Rendere facili le scelte salutari Ministero della Salute Premessa Il programma Guadagnare Salute nasce dall esigenza di rendere più facili le scelte salutari e

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Giulia Mannella CITTADINANZATTIVA Un Movimento di partecipazione civica per la promozione e la tutela dei diritti

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Convegno medico UniSalute

Convegno medico UniSalute Convegno medico UniSalute Influenza degli stili di vita sulle malattie croniche non trasmissibili: aspetti epidemiologici, medici ed economico-sociali Bologna, 11 ottobre 2013 COMPETENZE DELL'UE - INTRODUZIONE

Dettagli

LA SPESA SOCIALE IN EUROPA. Franco Chittolina

LA SPESA SOCIALE IN EUROPA. Franco Chittolina LA SPESA SOCIALE IN EUROPA Franco Chittolina IL MODELLO SOCIALE EUROPEO - cultura dei diritti + solidarietà tra i gruppi sociali, le generazioni e i territori della comunità cui si appartiene = il MSE

Dettagli

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC)

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC) 11 Meeting Italiano Rete Città Sane OMS Comunicazione e partecipazione per la promozione della salute 2013 Anno europeo dei cittadini 16 17 maggio 2013, Milano Programma nazionale di informazione e comunicazione

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

L impatto dell attivazione dei programmi di screening mammografico sulle disuguaglianze di mortalità per tumore della mammella in Europa

L impatto dell attivazione dei programmi di screening mammografico sulle disuguaglianze di mortalità per tumore della mammella in Europa L impatto dell attivazione dei programmi di screening mammografico sulle disuguaglianze di mortalità per tumore della mammella in Europa Teresa Spadea, Nicolás Zengarini, Giuseppe Costa per il Gruppo di

Dettagli

I fattori di rischio sanitario legati al traffico

I fattori di rischio sanitario legati al traffico POSSIBILI AZIONI COMUNI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DETERMINANTI AMBIENTALI E SOCIALI DI SALUTE I fattori di rischio sanitario legati al traffico LA MOBILITA SOSTENIBILE costruzione delle competenze per rendere

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Dr. Mauro Somaschi - MMG ASL Lecco Aula Magna Azienda Ospedaliera Ospedale "A. Manzoni" REGIONE LOMBARDIA ASL Lecco Relazione

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

Illidio Meloncelli. Centro di Diabetologia di San Benede4o del Tronto ASUR Marche Area Vasta n. 5

Illidio Meloncelli. Centro di Diabetologia di San Benede4o del Tronto ASUR Marche Area Vasta n. 5 Illidio Meloncelli Centro di Diabetologia di San Benede4o del Tronto ASUR Marche Area Vasta n. 5 1. Fotografia della popolazione: oggi e domani 2. I cosg del diabete e la sostenibilità del sistema 3. Gli

Dettagli

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale

Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Salute, ospedale, territorio: disuguaglianze e continuità assistenziale Convegno Nazionale Ospedale città territorio Verona, 15 settembre 2007 Carla Collicelli Fondazione Censis Salute e sanità a dura

Dettagli

PERCHÉ SCEGLIERE UN ALIMENTAZIONE VEGAN?

PERCHÉ SCEGLIERE UN ALIMENTAZIONE VEGAN? PERCHÉ SCEGLIERE UN ALIMENTAZIONE VEGAN? PER GLI ANIMALI Chi sceglie di vivere vegan prende oggettivamente atto che gli animali (tutti e non solo alcuni) non sono cibo, bensì esseri senzienti in grado

Dettagli

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE Convegno nazionale SIAN Vicenza 21 settembre 2012 Priorità ed aspetti emergenti della nutrizione in Italia LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE EMILIA GUBERTI Servizio

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Marco Geddes da Filicaia, Gavino Maciocco Osservatorio italiano sulla salute globale *

Marco Geddes da Filicaia, Gavino Maciocco Osservatorio italiano sulla salute globale * Diseguaglianze nella salute in Europa IN EUROPA OCCIDENTALE SI REGISTRA UNA GENERALE CRESCITA DELLA SPERANZA DI VITA, MA DIVENTANO ANCHE SEMPRE PIÙ PROFONDE ALL INTERNO DEI PAESI LE INIQUITÀ SOCIALI NELLA

Dettagli

Stili di vita e salute

Stili di vita e salute Stili di vita e salute Ragazzinsieme - Esperienze in movimento tra salute, ambiente, cultura e tradizioni Annamaria Giannoni in collaborazione con Sandro Tacconi Direzione generale diritti di cittadinanza

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli