Spesometro 2015 Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spesometro 2015 Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA"

Transcript

1 Spesometro 2015 Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA 1. Ambito soggettivo Obbligati alla comunicazione sono tutti i soggetti passivi IVA, ivi compresi, quindi i promotori finanziari (ovviamente per le operazioni rientranti nella propria sfera di attività d impresa, con esclusione, quindi, di quelle a carattere privato). Sono quindi, tenuti all invio del cd. Spesometro anche, tra gli altri, i promotori finanziari: i) in regime di contabilità semplificata; ii) che si avvalgono della dispensa da adempimenti per le operazioni esenti ai sensi dell art. 36- bis della Legge IVA. Uniche ipotesi di esclusione soggettiva riguardano quei promotori finanziari che: i) si avvalgono, avendone i requisiti, del cd. regime dei minimi (di cui all articolo 1, commi della Legge 244/2007); ii) si avvalgono, avendone i requisiti, del regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile (di cui all articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98) e iii) si avvalgono, avendone i requisiti, del cd. regime forfettario agevolato (di cui all art. 1 commi della Legge 190/2014). 1

2 In sostanza, tutti i promotori finanziari (ad eccezione di coloro che aderiscono ad uno dei regime sopra citati) sono tenuti all invio del cd. Spesometro. 2. Ambito oggettivo Ai fini dello Spesometro rilevano ovviamente solo le operazioni attive e passive riguardanti l attività di impresa del promotore finanziario (quindi nessuna rilevanza hanno gli acquisti di beni/servizi effettuati dal promotore per usi privati). Tra le operazioni rientranti nell attività di impresa del promotore finanziario saranno oggetto di comunicazione quelle ai fini IVA: i) imponibili; ii) non imponibili; iii) esenti. Restano escluse (vedi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 22 dicembre 2010) dall obbligo di comunicazione tutte le operazioni, per quanto spesso assenti o scarsamente ricorrenti nell attività del promotore finanziario, già oggetto di monitoraggio da parte dell Amministrazione Finanziaria. Si tratta delle: importazioni ed esportazioni; operazioni intracomunitarie; operazioni, attive o passive, realizzate con soggetti residenti in paradisi fiscali (perché tali operazioni sono oggetto di uno specifico e distinto obbligo comunicativo Quadro BL dello Spesometro-); operazioni, attive o passive, già oggetto di comunicazione all Anagrafe Tributaria; 2

3 operazioni, per le quali non sussiste l obbligo di emissione della fattura, effettuate nei confronti di privati per importi pari o superiori ad qualora il pagamento del privato sia avvenuto mediante carte di credito/debito o carte prepagate. Un caso particolare di esclusione: le operazioni finanziarie e la nota del 6 marzo 2012 Con una Nota del 6 marzo 2012, l Agenzia delle Entrate, ha ritenuto che nel perimetro delle operazioni escluse devono ricomprendersi anche le operazioni finanziarie esenti da IVA ai sensi dell art. 10 del DPR n. 633 del Pertanto i soggetti che abbiano esercitato l opzione per il regime speciale di cui all art. 36-bis del citato decreto IVA con dispensa dagli obblighi di fatturazione per le operazioni esenti, dovranno comunicare per lo Spesometro solo le operazioni diverse da quelle finanziarie. La Nota non individua in modo puntuale quali, tra le operazioni esenti di cui all articolo 10 della Legge IVA, sono escluse dallo Spesometro ma opera un generico rinvio a quelle di natura finanziaria. Peraltro, la Nota sembrerebbe letteralmente esonerare dalla comunicazione di tali operazioni solo i soggetti che abbiano optato per il cd. regime dell art. 36-bis (lasciando intendere che tale esclusione non riguarda gli altri soggetti passivi IVA). Le Istruzioni alla compilazione dello Spesometro, consultabili sul sito dell Agenzia delle Entrate, giustifica l esclusione delle operazioni finanziarie per il fatto che tali operazioni sono già comunicate all Archivio dei rapporti. Alla luce di queste -certamente frammentarie e non chiare- indicazioni ci sembra ragionevole e prudente considerare escluse solo le operazioni aventi davvero natura finanziaria di cui all articolo 10 della Legge IVA (cioè quelle di cui ai nn. 1-4) e non altre, come quelle di intermediazione, mediazione tipicamente svolte dal promotore finanziario ed a corredo delle prime. Va, peraltro, ribadito come l esclusione riguarderebbe comunque solo tali operazioni (quelle aventi natura finanziaria) e non certamente l obbligo stesso di invio dello Spesometro (che rimarrebbe per tutte le altre operazioni principalmente gli acquisti- realizzate dal promotore finanziario). 3

4 In sostanza l esclusione potrebbe, al più, riguardare le sole operazioni attive del promotore finanziario (cioè le proprie fatture verso la Banca/SIM mandante). Fatture che, essendo il promotore finanziario un agente monomandatario, possono essere comunicate in modo aggregato nello Spesometro, cioè compilando un unico campo con l importo complessivo delle fatture del 2014 e non un campo per ogni fattura. Insomma, non essendo esplicite le istruzioni, nel dubbio, vista anche la possibilità di un indicazione aggregata, si ritiene prudente indicare anche tali fatture nello Spesometro. 3. Modalità di comunicazione dei dati I dati di tutte le operazioni, attive o passive, rientranti nello Spesometro potranno essere comunicati: in via autonoma, cioè fattura per fattura; oppure in forma aggregata (opzione consigliabile) cioè raggruppando gli importi di tutte le fatture riferibili ad un unico cliente/fornitore. E importante sottolineare come la scelta di indicare i dati in forma autonoma o, viceversa, aggregata deve valere per tutte le operazioni rientranti nello Spesometro (non si può, ad esempio, indicare in forma aggregata le operazioni attive ed in forma autonoma le passive). 4. Termini e sanzioni I termini per la presentazione dello Spesometro 2015 sono i seguenti: entro il 10 aprile 2015 per i PF mensili ed entro il 20 aprile per i PF trimestrali. 4

5 L omessa comunicazione o la comunicazione di dati incompleti o non veritieri prevede l applicazione di una sanzione amministrativa da un minimo di 258 euro ad un massimo di euro. 5. Modalità di trasmissione della comunicazione Lo Spesometro potrà essere inviato all Agenzia delle Entrate esclusivamente mediante canali telematici. Il modello può esser trasmesso: direttamente dal promotore finanziario (attraverso i canali ENTRATEL o FISCONLINE); mediante intermediari abilitati (commercialisti, avvocati, CAF, revisori contabili etc). Di seguito alcune indicazioni specifiche ai fini della compilazione del modello di comunicazione. Ricordiamo che tanto il modello quanto le istruzioni di compilazione sono consultabili e scaricabili (insieme ad altra documentazione normativa e di prassi) al seguente indirizzo: razioni+rilevanti+fini+iva/modello+operazioni+iva/ 5

6 Istruzioni per la compilazione del modello di Spesometro FRONTESPIZIO- DATI GENERALI - ANNO DI RIFERIMENTO: indicare MESE O TRIMESTRE DI RIFERIMENTO: non indicare nulla - TIPO DI COMUNICAZIONE: indicare a) Ordinaria per l ordinario invio dello Spesometro relativo all anno 2014; b) Sostitutiva per sostituire una comunicazione precedentemente inviata. L invio sostitutivo opera una sostituzione integrale del documento originario con riferimento a tutti i dati inseriti. Pertanto nella comunicazione sostitutiva andranno indicati tutti i dati, anche quelli corretti precedentemente inviati; c) Annullamento, per annullare l invio di una comunicazione ordinaria o sostitutiva precedentemente inviata. Nei casi b) e c) occorre indicare anche il NUMERO DI PROTOCOLLO e il PROTOCOLLO DOCUMENTO assegnati dal sistema telematico al documento da sostituire/annullare e desumibili dalla ricevuta telematica. Le procedure di annullamento e/o sostituzione di una comunicazione precedentemente inviata sono attive fino ad un anno dalla scadenza naturale originaria (quindi per lo Spesometro in scadenza il 10 o 20 aprile 2015 fino alle stesse date del 2016). - FORMATO DELLA COMUNICAZIONE: indicare: a) Dati aggregati: nel caso (scelta consigliata) vengano esposti in forma aggregata gli importi di tutte le fatture riferibili ad un medesimo cliente/fornitore; b) Dati analitici: nel caso in cui venga esposto in modo analitici l importo di ogni fattura riferibile al cliente o fornitore. 6

7 L opzione espressa riguarda tutti i dati indicati nello Spesometro (cioè non si possono imputare, ad esempio, in forma aggregata i dati delle fatture emesse ed in forma analitica quelli delle fatture ricevute). - QUADRI COMPILATI: indicare e barrare le caselle relative ai quadri della comunicazione che vengono compilati (cioè per i quali viene indicata almeno un operazione). Di solito questo campo viene riempito dopo aver compilato tutta la comunicazione (in modo da avere contezza dei quadri utilizzati). - DATI RELATIVI AL SOGGETTO CUI SI RIFERISCE LA COMUNICAZIONE: indicare: a) partita IVA; b) codice fiscale; c) codice attività (o codice attività prevalente). Per l attività tipica del promotore finanziario il codice attività è il ; d) indirizzo (obbligatorio se assente il numero telefonico); e) numero di telefono (obbligatorio se assente l indirizzo ); f) numero di fax (facoltativo); g) dati anagrafici del promotore finanziario cui si riferisce la comunicazione. - DATI RELATIVI AL SOGGETTO CHE EFFETTUA LA COMUNICAZIONE: ipotesi residuale nella quale a presentare lo Spesometro è un soggetto diverso da quello cui si riferisce (es. erede). Nella quasi totalità dei casi il promotore finanziario che presenta è anche colui cui la comunicazione si riferisce e quindi il campo va lasciato in bianco. - DATI RELATIVI AL SOGGETTO CHE INVIA LA COMUNICAZIONE: 7

8 a) NON INDICARE NULLA se il PF procede autonomamente alla presentazione della comunicazione mediante il canale ENTRATEL o FISCONLINE; b) Se, invece il promotore finanziario affida la presentazione della comunicazione ad un intermediario abilitato (es. commercialista) la compilazione dei campi successivi è riservata all intermediario. Quadro FA OPERAZIONI DOCUMENTATE DA FATTURA ESPOSTE IN FORMA AGGREGATA Il quadro va compilato nel caso in cui si sia optato per la trasmissione in forma aggregata delle operazioni, attive e passive, rilevanti ai fini dello Spesometro. Il quadro è utilizzato sia per documentare le operazioni attive (fatture emesse) che quelle passive (fatture ricevute). Ogni campo del Quadro (ad esempio il campo FA001) va utilizzato per un unico cliente o fornitore del quale andrà esposto, in forma aggregata, il totale delle fatture emesse o ricevute. Se ad essere aggregati sono i dati del cliente (es. Banca mandante) si compilerà la parte del campo FA001 contrassegnata dalla dicitura Operazioni Attive; se, invece, ad essere aggregati sono i dati del fornitore di beni e servizi si compilerà la parte Operazioni Passive. Queste le informazioni richieste per ogni cliente/fornitore: a) Partita IVA o, in assenza, codice fiscale; b) Numero di operazioni, a seconda dei casi, attive o passive aggregate (es: per le operazioni attive con la Banca mandante si indicherà in questo box il numero di fatture emesse nel 2014); c) Totale delle operazioni imponibili, non imponibili o esenti (caso più frequente per il promotore finanziario): occorrerà indicare l ammontare totale delle fatture aggregate; 8

9 d) Totale imposta: occorrerà indicare il totale dell IVA che emerge dalle fatture aggregate (restando al caso delle fatture emesse nei confronti della Banca probabilmente il totale IVA sarà pari a zero); e) Importo totale delle operazioni che non hanno IVA esposta in fattura: fattispecie residuale nella quale, ad esempio, si è acquistato un bene usato soggetto al cd. regime del margine (l IVA non è esposta in fattura ma può essere ricompresa nel prezzo pagato); f) Importo totale delle note di variazione a debito o a credito: le note di variazione servono a stornare, in tutto o in parte, operazioni precedentemente fatturate. Occorrerà indicare il totale delle note di variazione a debito o a credito ricevute emesse o ricevute nel corso del 2014; g) L IVA totale sulle note di variazione a debito e su quelle a credito. La barratura della casella Documento Riepilogativo indica che il promotore finanziario sta inserendo, in forma aggregata, dati tratti da un documento riepilogativo (nel quale sono inserite le fatture di importo inferiore ai 300 euro). Uno dei casi di acquisti ricorrenti con importi inferiori ai 300 euro può essere quello del carburante. Qualora si barri la casella documento riepilogativo non occorre indicare il codice fiscale o la partita IVA del fornitore/cliente. Al riguardo si segnala che gli acquisti di carburante effettuati mediante strumenti di pagamento elettronici (carta di credito, debito, prepagate) non devono essere oggetto di comunicazione in quanto si tratta di informazioni già confluite nell Anagrafe Tributaria. Per le altre (cioè per gli acquisti di carburante mediante contante) le istruzioni prevedono la possibilità di riportare i dati (ovviamente riferibili al medesimo distributore) in forma aggregata traendoli dalle schede carburante che assolvono la funzione di documento riepilogativo. 9

10 Quadro SA OPERAZIONI SENZA FATTURA ESPOSTE IN FORMA AGGREGATA In questo quadro occorre indicare i dati delle operazioni se presenti- comunicate in forma aggregate e non documentate da fattura. Ribadito come per quel che concerne le operazioni attive tipiche del promotore finanziario quest ipotesi non potrebbe mai verificarsi (perché il PF emette sempre fattura verso la Banca/SIM che la richiede), il caso potrebbe riguardare acquisti effettuati da privati che non potevano emettere fattura in quanto non soggetti passivi IVA. Potrebbe ad esempio trattarsi dei canoni di affitto dell Ufficio corrisposti ad un privato proprietario dell immobile nel quale si svolge l attività. Le uniche informazioni richieste dal Quadro SA sono: a) il codice fiscale della controparte (che non può avere Partita IVA); b) il numero di operazioni aggregate comunicate; c) l ammontare totale delle operazioni aggregate comunicate. Quadro FE FATTURE EMESSE DOCUMENTI RIEPILOGATIVI Il Quadro FE è dedicato alla comunicazione dei dati delle fatture attive nel caso in cui si sia scelto la forma analitica e non aggregata di comunicazione. Se invece è stata scelta la forma aggregata (vedi indicazioni quadro FA) non è necessario compilare tale quadro. Ricordiamo che l opzione per la forma aggregata o analitica riguarda tutte le operazioni (cioè non si può scegliere, ad esempio, la comunicazione in forma aggregata per le operazioni attive ed in forma analitica per quelle passive). Ai fini della compilazione del quadro FE le informazioni richieste e relative al cliente (tipicamente la Banca mandante) sono: 10

11 a) Partita IVA e/o codice fiscale; b) Data del documento: indica la data della fattura emessa. Non necessaria tale indicazione se è presente la data di registrazione (obbligatoria, invece, in caso contrario); c) Data di registrazione del documento: indica la data di registrazione della fattura in contabilità; d) Numero della fattura (o del documento riepilogativo nel caso in cui i dati siano estratti da un documento riepilogativo); e) Importo: si indica l importo riportato in fattura; f) Imposta: si indica l IVA se presente- indicata in fattura; Occorrerà poi a seconda dei casi barrare la casella: Documento riepilogativo: se i dati riportati nei righi fanno riferimento a più fatture, tutte di importo inferiore ai 300 Euro, i cui dettagli sono contenuti in un unico documento riepilogativo; Iva non esposta in fattura: se la fattura attiva è stata emessa senza evidenziazione dell IVA (ad esempio in applicazione del cd. regime del margine nella vendita di beni usati); Noleggio: se l operazione attiva derivi da contratti di noleggio da comunicare all Anagrafe Tributaria ai sensi del DPR 605/73 (riteniamo tale ipotesi mai ricorrente per il promotore finanziario che svolge attività tipica); Autofattura: va selezionata la casella nel caso in cui sia stata emessa autofattura, ai sensi dell articolo 17 del DPR 633/72, poiché il soggetto cedente o prestatore del servizio non è residente in Italia ed è privo di un rappresentante fiscale nel nostro Paese. Non va barrata la casella nei casi in cui l autofattura derivi dal cd. autoconsumo dei 11

12 beni cioè quando gli stessi (es. auto) prima impiegati nell attività imprenditoriale vengano estromessi dalla stessa per essere utilizzati esclusivamente a fini privati. Quadro FR FATTURE RICEVUTE DOCUMENTI RIEPILOGATIVI Rappresenta il completamento del Quadro FE (dedicato alle fatture attive) accogliendo tutti i dati delle fatture passive, cioè quelle ricevute dal promotore finanziario. E importante ribadire come in questo quadro finiscono solo le fatture ricevute e relative all attività di promotore finanziario svolta e non quelle che il promotore finanziario riceve come privato. Se, ad esempio, il promotore finanziario fa eseguire dei lavori di riparazione nella propria abitazione per i quali riceve fattura, questa non andrà indicata nel quadro FR poiché si tratta di una spesa non connessa all attività di promotore finanziario ma legata ad esigenze di carattere familiare. Ribadiamo, inoltre, come se il promotore finanziario ha scelto la forma di comunicazione dei dati aggregata (vedi indicazioni quadro FA) non è necessario compilare tale quadro. Ciascun campo del quadro FR richiede alcune specifiche informazioni relative al fornitore (cioè a colui che ha emesso la fattura) quali: a) Partita IVA: indicare la Partita IVA del soggetto che ha emesso la fattura; b) Data del documento: indicare la data di emissione della fattura riportata sul documento; c) Data di registrazione: indicare (obbligatoriamente) la data di registrazione della fattura nella contabilità del promotore finanziario; d) Importo: si indica l importo riportato in fattura; e) Imposta: si indica l IVA se presente- presente in fattura. Occorrerà poi, a seconda dei casi, barrare la casella: Documento riepilogativo: se i dati riportati nei righi fanno riferimento a più fatture, tutte di importo inferiore ai 300 Euro, i cui dettagli sono contenuti in un unico 12

13 documento riepilogativo (tipica ipotesi delle cd. schede carburante); qualora si barri la casella documento riepilogativo non occorre indicare il codice fiscale o la Partita IVA del fornitore. Iva non esposta in fattura: se la fattura passiva è stata emessa senza evidenziazione dell IVA (ad esempio in applicazione del cd. regime del margine nella vendita di beni usati); Reverse charge: si ritiene tale fattispecie non applicabile al promotore finanziario che svolge attività tipica. In ogni caso, selezionare la casella se la fattura è relativa ad una delle seguenti ipotesi: o acquisti di oro e argento, o prestazioni nel settore edile rese da subappaltatori o o acquisto di rottami e materiali ferrosi; Autofattura: selezionare la casella nel caso in cui sia stata emessa autofattura per una delle seguenti ipotesi: o Acquisto di beni o servizi territorialmente rilevanti in Italia da fornitori esteri in assenza degli estremi identificativi dei medesimi fornitori; o Acquisto da imprenditore agricolo esonerato dall emissione della fattura (v. art. 34 del DPR 633/72); o Acquisto di beni e servizi quando non è stata ricevuta la fattura dal fornitore (o avendola ricevuta per un importo inferiore). In questi casi, infatti, si provvede a regolarizzare l operazione emettendo autofattura per l importo corretto, versando l IVA se dovuta- e segnalando all Agenzia delle Entrate i dettagli del fornitore. 13

14 Quadro DF OPERAZIONI SENZA EMISSIONE DI FATTURA Il Quadro accoglie quelle operazioni attive effettuate senza emissione di fattura nei confronti di privati (o soggetti passivi IVA che agiscono come privati) per importi che superano i euro. Guardando alla sola attività tipica del promotore finanziario riteniamo che non ricorrano mai i presupposti per la compilazione di tale Quadro. Quadro NE NOTE DI VARIAZIONE EMESSE Il Quadro accoglie le note di variazione che vengono emesse nel corso dell anno dal promotore finanziario. Le note di variazione servono a stornare, integralmente o in parte, precedenti operazioni IVA già fatturate (es. vengono fatturate provvigioni 100 al posto di 50, importo corretto; in questi casi viene emessa una nota di variazione per rettificare l operazione originaria). Se, quindi, nel 2014 sono state emesse note di variazione occorre compilare il Quadro NE come segue: a) Partita IVA/Codice fiscale: indicare in alternativa la Partita IVA o il codice fiscale del cliente; b) Data di emissione nota: indicare la data di emissione della nota di variazione; tale dato può essere omesso se si indica la Data di Registrazione (v. rigo successivo); c) Data di registrazione nota: indicare la data di registrazione della nota di variazione; da indicare in via prioritaria (solo in sua assenza può essere indicata la data di emissione); d) Numero nota: indicare il numero della nota di variazione riportato sulla stessa; e) Importo: indicare l importo della nota di variazione; f) Imposta: indicare l IVA se presente- stornata rispetto alla fattura originaria. 14

15 Quadro NR NOTE DI VARIAZIONE RICEVUTE Il quadro accoglie le note di variazione che nel corso del 2014 sono state ricevute dal PF. Del Quadro NR occorre compilare i seguenti campi: a) Partita IVA: indicare la P. IVA del fornitore che ha emesso la nota di variazione; b) Data del documento: indicare la data di emissione riportata sulla nota di variazione; tale dato può essere omesso se si indica la Data di Registrazione (v. rigo successivo); c) Data di registrazione: indicare obbligatoriamente la data di registrazione della nota di variazione ricevuta; d) Importo: indicare l importo della nota di variazione; e) Imposta: indicare l IVA se presente- stornata rispetto alla fattura originaria. Quadro TA- RIEPILOGATIVO Si tratta di un quadro riepilogativo dello Spesometro e volto ad evidenziare quali quadri precedenti sono stati oggetto di compilazione da parte del promotore finanziario e, per ciascuno di essi, a seconda dei casi, il numero di righi compilati o di fatture emesse/ricevute o di note di variazione emesse/ricevute. Altri quadri (tendenzialmente) non oggetto di compilazione Quadro FN operazioni con soggetti non residenti Il quadro è riservato esclusivamente alla comunicazione di operazioni attive realizzate con soggetti non residenti. Il caso potrebbe essere quello di un promotore finanziario che svolge la propria attività nei confronti di un soggetto estero. In questo caso oltre alla compilazione dei dati identificativi del cliente (a seconda che sia una persona fisica o giuridica) occorre indicare i dati dell operazione con riferimento alla: 15

16 a) Data di emissione della fattura; b) Data di registrazione della fattura; c) Numero fattura; d) Importo della fattura; e) Imposta indicata in fattura. Valgono in questo senso le indicazioni già fornite con riferimento ai quadri precedenti. Quadro SE acquisti di servizi da soggetti non residenti e/o da operatori di San Marino Il quadro è dedicato esclusivamente alle seguenti ipotesi: 1. Acquisto di servizi da soggetti extracomunitari (cioè localizzati in paese extra UE) per i quali all atto della registrazione della fattura risultino i dati del soggetto prestatore; 2. Acquisto di beni e servizi da operatori residenti a San Marino. In questo caso oltre alla compilazione dei dati identificativi del fornitore (a seconda che sia una persona fisica o giuridica) occorre indicare i dati dell operazione con riferimento alla: a) Data di emissione della fattura; b) Data di registrazione della fattura; c) Numero fattura; d) Importo della fattura; e) Imposta indicata in fattura. Valgono in questo senso le indicazioni già fornite con riferimento ai quadri precedenti. 16

17 Quadro TU operazioni legate al turismo Si tratta essenzialmente di un quadro dedicato a coloro che effettuano operazioni/prestazioni legate al turismo (agenzie di viaggio, tour operator etc), quindi mai compilabile dal promotore finanziario che svolge attività tipica. Quadro BL operazioni con soggetti non residenti Il quadro è dedicato esclusivamente alle seguenti ipotesi: 1. Operazioni con soggetti residenti in Paesi cd. paradisi fiscali (in questo caso peraltro l obbligo di comunicazione non è annuale, ma, a seconda del volume totale delle operazioni, potrà essere mensile o trimestrale); 2. Operazioni con soggetti non residenti esposte in forma aggregata (se esposte in forma analitica vanno nel quadro FN); 3. Acquisto di servizi da soggetti non residenti esposti in forma aggregata (se esposte in forma analitica vanno nel quadro SE). Ricordiamo che le operazioni intracomunitarie sono oggettivamente escluse dallo Spesometro perché già oggetto di segnalazione mediante i modelli INTRASTAT. Nel caso di compilazione del quadro, occorre indicare nel/i campo/i: BL001 i dati identificativi del cliente/fornitore (a seconda che sia una persona fisica o giuridica); BL002 il codice identificativo IVA del cliente/fornitore e barrare la casella relativa all operazione realizzata (una delle 3 sopra elencate); BL003-BL005 le operazioni attive (importo ed imposta) così suddivise: o in BL003 le operazioni imponibili, non imponibili o esenti ai fini IVA; o in BL004 le operazioni non soggette ad IVA (perché, ad esempio, territorialmente non rilevanti in Italia); 17

18 o in BL005 le note di variazioni emesse per stornare precedenti operazioni attive; BL006-BL008 le operazioni passive (importo ed imposta) così suddivise: o in BL006 le operazioni imponibili, non imponibili o esenti ai fini IVA; o in BL007 le operazioni non soggette ad IVA; o in BL008 le note di variazioni ricevute per stornare precedenti operazioni passive. 18

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

- 10/04/2015 per i contribuenti iva mensili; - 20/04/2015 per tutti gli altri contribuenti.

- 10/04/2015 per i contribuenti iva mensili; - 20/04/2015 per tutti gli altri contribuenti. INFORMATIVA N. 5 / 2015 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: COMUNICAZIONE ELENCO CLIENTI E FORNITORI (SPESOMETRO) ANNO 2014 Riferimenti Legislativi: Art. 21, D.L. n. 78/2010; Provvedimento Agenzia

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

Spesometro. Comunicazione operazioni IVA - anno 2012. Metodo Evolus Bassano del Grappa, 30 ottobre 2013

Spesometro. Comunicazione operazioni IVA - anno 2012. Metodo Evolus Bassano del Grappa, 30 ottobre 2013 Spesometro Comunicazione operazioni IVA - anno 2012 Metodo Evolus Bassano del Grappa, 30 ottobre 2013 Riferimenti normativi - DL N. 78 del 31/05/2010 Art.21. - DL N. 16 del 02/03/2012 (semplificazioni).

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Informativa per la clientela di studio del 30.10.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro ordinario Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014)

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Periodico informativo n. 51/2015 Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che il prossimo 10/20

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Spesometro 2013 La soluzione Magico per adempiere tale obbligo. MULTIMEDIA POINT s.r.l. Via Monte Rosa 2 I-22079 Villa Guardia (CO) Tel. +39 031 563

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 293 20.11.2013 L Agenzia fornisce i primi chiarimenti sulla comunicazione polivalente Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Categoria:

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA. Introduzione. Altri software - OS1BoxFiscale

SCHEDA OPERATIVA. Introduzione. Altri software - OS1BoxFiscale SCHEDA OPERATIVA Area: Titolo: Altri software - OS1BoxFiscale Spesometro Applicazione: OS1BoxFiscale 2.3.0.0 Revisione: 12 Del: 31 Marzo 2015 Contenuto: Impostazioni e modalità di utilizzo di OS1BoxFiscale

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014 A tutti i clienti, loro indirizzi mail Circolare n. 3/2015 del 24 marzo 2015. Spesometro per l anno 2014 Sono obbligati alla comunicazione di cui all'art. 21 del DL 78/2010 (c.d. "spesometro") tutti i

Dettagli

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 1 2 1 SPESOMETRO L art. 21 del

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 9.2016 Seregno, 29 marzo 2016 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente È in scadenza, nel prossimo mese di aprile, la comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Prossimo appuntamento con lo spesometro. 10 aprile per i contribuenti mensili e 20 aprile per tutti gli altri Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che

Dettagli

Anno 2013 N. RF235. La Nuova Redazione Fiscale SPESOMETRO - APPROVATO IL NUOVO MODELLO POLIVALENTE

Anno 2013 N. RF235. La Nuova Redazione Fiscale SPESOMETRO - APPROVATO IL NUOVO MODELLO POLIVALENTE Anno 2013 N. RF235 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 11 OGGETTO SPESOMETRO - APPROVATO IL NUOVO MODELLO POLIVALENTE RIFERIMENTI COMUNICAZIONE SITO WEB ENTRATE; PROVV.

Dettagli

Informativa Studio Fantinello Carlo

Informativa Studio Fantinello Carlo Informativa Studio Fantinello Carlo n. 16 del 24.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2014 da inviare entro il 10/20 aprile 2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Informativa per la clientela di studio N. 01 del 19.03.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

MODELLO DI COMUNICAZIONE POLIVALENTE

MODELLO DI COMUNICAZIONE POLIVALENTE COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (ART. DECRETO LEGGE N. 8/00) COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO EFFETTUATE IN CONTANTI IN DEROGA ALL ART. COMMA DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Dott. Rag. MORATELLI Pietro

Dott. Rag. MORATELLI Pietro Spett.li clienti Loro sedi Bolzano, 17/10/2013 OGGETTO: Invio Spesometro 2012 A pag. 6 Comunicazioni Importanti per i Clienti della Società INFOSERVICE DATI SRL L art. 21 del D.L. n. 78/2010 (poi modificato

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che il prossimo 10/20 aprile 2014 va inviata telematicamente

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Informativa per la clientela di studio N. 45 del 19.03.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO)

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

Gestione dei dati contabili per esportazione nel programma Comunicazioni Anti Elusione Spesometro

Gestione dei dati contabili per esportazione nel programma Comunicazioni Anti Elusione Spesometro Nota Salvatempo Contabilità ver. 12.04 18 MARZO 2013 Gestione dei dati contabili per esportazione nel programma Comunicazioni Anti Elusione Spesometro Normativa Fonti normative D.L. 31 maggio 2010, n.

Dettagli

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DEI PROVVEDIMENTI ESTIVI 2013 Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi Dr. Stefano Maffi 9 ottobre 2013 Sala

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 09 DEL 02/04/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA COMUNICAZIONE CLIENTI FORNITORI 2014 PAG. 2 E LE RECENTI SEMPLIFICAZIONI DELL AGENZIA IN SINTESI: Entro

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio 2013 il termine per trasmettere esclusivamente in via telematica la Comunicazione annuale dei dati Iva

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

1 - Spesometro guida indicativa

1 - Spesometro guida indicativa 1 - Spesometro guida indicativa Il cosiddetto spesometro non è altro che un elenco contenente i dati dei clienti e fornitori con cui si sono intrattenuti dei rapporti commerciali rilevanti ai fini iva.

Dettagli

L Agenzia delle Entrate ha pubblicato un documento con il quale sono stati forniti i chiarimenti di seguenti riportati:

L Agenzia delle Entrate ha pubblicato un documento con il quale sono stati forniti i chiarimenti di seguenti riportati: L Agenzia delle Entrate ha pubblicato un documento con il quale sono stati forniti i chiarimenti di seguenti riportati: Contratti collegati Contratti Consorzio Contratti con corrispettivi periodici Contribuenti

Dettagli

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO )

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) INDICE 1. PREMESSA 1.1. Nuovo modello polivalente 1.1.1 Disciplina transitoria 2. SOGGETTI OBBLIGATI

Dettagli

Avvertenze. Descrizione del modulo software. Note operative

Avvertenze. Descrizione del modulo software. Note operative 1 Release Versione Applicativo Oggetto: Versione: 12/11/2013 Data di rilascio: 12/11/2013 Sigla: Contabilità Comunicazione Polivalente/Spesometro 2013 Avvertenze Chiudere l applicativo su tutti i pc prima

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2015

Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2015 Verona, 24 Marzo 2016 CIRCOLARE TEMATICA Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2015 DISCLAIMER: La presente circolare ha il solo scopo

Dettagli

SPESOMETRO Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA

SPESOMETRO Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA SPESOMETRO Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA 1. Le novità del 2013 L articolo 21 del d.l. 31 maggio 2010, n. 78 (c.d. decreto anticrisi ) convertito con modificazioni nella legge 30

Dettagli

Spesometro - La comunicazione clienti-fornitori

Spesometro - La comunicazione clienti-fornitori Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI L aliquota IVA al % e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L ALIQUOTA IVA AL % E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOVITÀ: L art., comma -bis, D.L. n. 8/0, c.d. Manovra di Ferragosto ha aumentato

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA AL 29 FEBBRAIO 2016 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con Provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15.1.2016 sono state aggiornate le istruzioni

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA (1931 2014) DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO 16121 GENOVA SIMONETTA MANFREDINI PIAZZA VERDI 4/8 STEFANO LUPINI TEL. 010542966 MASSIMO

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014

OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Roma, 19/03/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check-list per la raccolta dati dello spesometro 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che

Dettagli

Autofattura. Breve premessa contabile/normativa.

Autofattura. Breve premessa contabile/normativa. Pagina 1 di 8 Autofattura Breve premessa contabile/normativa. Negli adempimenti connessi ad una transazione rilevante ai fini dell applicazione dell IVA può accadere che colui che riveste il ruolo di soggetto

Dettagli

Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list.

Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list. Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list. Com è noto, l art. 1 del D.L. n. 25 marzo 2010, n. 40 (c.d. decreto incentivi ), convertito

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Dottori Commercialisti Dal 1969

Dottori Commercialisti Dal 1969 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali PREMESSA Con

Dettagli

NOTE E FASI OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE POLIVALENTE Per abilitare la gestione occorre la relativa licenza 1135

NOTE E FASI OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE POLIVALENTE Per abilitare la gestione occorre la relativa licenza 1135 33EMENTAZION NOTE E FASI OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE POLIVALENTE Per abilitare la gestione occorre la relativa licenza 1135 ASPETTI NORMATIVI Con provvedimento n. 94908 del 2 agosto 2013

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

Spesometro_2015_Net2015

Spesometro_2015_Net2015 Ferrara Forlì-Cesena Ravenna Reggio Emilia CNA - Rete Per l Informatica SOFTWARE GESTIONALE E CONSULENZA PER LA PICCOLA, MEDIA E GRANDE AZIENDA Spesometro_2015_Net2015 Spesometro_2015_Net2015.docx Rev.

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti esperto contabile - revisore

Dettagli

OGGETTO: Spesometro: le operazioni particolari

OGGETTO: Spesometro: le operazioni particolari Informativa per la clientela di studio N. 121 del 26.10.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Spesometro: le operazioni particolari Con il presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600

SPESOMETRO: dal 1 luglio l obbligo di comunicazione delle operazioni di importo superiore a 3.600 STUDIO BAMPO Dott. MARIO BAMPO Dott. GIANCARLO DE BONA Dott. ALESSANDRO BAMPO Dott. FEDERICA MONTI Dott. SABRINA TORMEN Dott. MATTEO MERLIN Dott. MASSIMO COMIS Belluno, lì 11 luglio 2011 Circolare n. 13-2011

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Emanuela Tarulli Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Claudia Balestra Dott. Andrea

Dettagli

COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA a cura di Sandro Cerato Coerenza dichiarazioni Principali differenze con elenco cli/for La comunicazione Non è cumulativa, ma dettagliata per operazione; non coinvolge

Dettagli

Comunicazione Polivalente (Spesometro 2012) (art.21 del D.L.78/2010)

Comunicazione Polivalente (Spesometro 2012) (art.21 del D.L.78/2010) 1. PREMESSA Comunicazione Polivalente (Spesometro 2012) (art.21 del D.L.78/2010) Il presente aggiornamento contiene le modifiche ai programmi che consentono la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma

COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma COMUNICAZIONE POLIVALENTE SPESOMETRO Istruzioni all'uso del programma 1 PREMESSA Il programma denominato Spesometro 2012 (menu' Contabilità 6.2.1) consente la predisposizione degli archivi per la generazione

Dettagli

Utilizzo del credito infrannuale

Utilizzo del credito infrannuale Rimborsi Utilizzo del credito infrannuale di Ciro D Ardìa L adempimento Oggetto Presentazione del modello per la richiesta di rimborso/compensazione del credito IVA infrannuale. Soggetti interessati Contribuenti

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S G P P N D R P L S MODELLO IVA 0 Periodo d imposta 0 QUADRO VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELLA IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Sez. - Conferimenti di prodotti agricoli e cessioni

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli