ETA BETA. Carta del. Servizio. Comunità Socio Sanitaria. CSS l ANCORA. Società Cooperativa Sociale. Paderno Dugnano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETA BETA. Carta del. Servizio. Comunità Socio Sanitaria. CSS l ANCORA. Società Cooperativa Sociale. Paderno Dugnano"

Transcript

1 ETA BETA Società Cooperativa Sociale Carta del Comunità Socio Sanitaria Servizio CSS l ANCORA Paderno Dugnano 1

2 INDICE LA CARTA DEI SERVIZI Pag. 3 LA COOPERATIVA ETA BETA Pag. 4 IL CODICE ETICO Pag. 6 LA QUALITÀ DEI SERVIZI ETA BETA Pag. 7 IL FUNZIONIGRAMMA DI ETA BETA Pag. 9 L ORGANIGRAMMA DELLA C L ANCORA Pag. 10 IL PROGETTO CSS: VALORI E OBIETTIVI Pag. 11 L ORGANIZZAZIONE DEL ERVIZIO C Pag. 13 LE ATTIVITÀ DEL SERVIZIO CSS Pag. 19 SPAZI, AMBIENTE E SICUREZZA Pag. 22 LA COLLABORAZIONE CON I SERVIZI DELLA RETE Pag. 24 LA VALUTAZIONE DEL SERVIZIO CSS Pag. 25 APPENDICE Pag. 26 2

3 LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento di comunicazione con cui la cooperativa ETA BETA si a o ta e da i di azio i dei se vizi offe ti, des ive do e il lo o fu zio a e to, l a essi ilità, gli obiettivi progettuali, le caratteristiche e i livelli di qualità adottati. Sono definite le regole di accesso e sono presentate le modalità di partecipazione e di valutazione dei servizi da parte dei consumatori. ETA BETA, attraverso la Carta dei Servizi, mostra alla cittadinanza il proprio lavoro, i valori etici su cui fonda la propria opera e il rispetto dei diritti, a tutela del cittadino e dei propri soci. La Carta dei Servizi si pone di: tutelare il diritto dei consumatori (utenti/clienti) tutela e l i agi e della Coope ativa des ive do hia a e te i servizi offerti p o uove e la pa te ipazio e attiva degli ute ti/ lie ti al fi e di iglio a e l offe ta delle prestazioni sul piano qualitativo e quantitativo Per ETA BETA questo documento è un importante strumento per il dialogo e la collaborazione con la famiglia e gli altri diversi interlocutori perché: espli ita uali so o i valo i di ife i e to e l idea di ualità del se vizio p ese ta o t aspa e za il fu zio a e to dell o ga izzazio e descrive le diverse proposte per utenti e famiglie mette in evidenza gli aspetti qualitativi e/o le peculiarità del servizio indica le modalità con le quali le famiglie possono partecipare e concorrere a migliorare la qualità del servizio Cos la Ca ta dei Servizi per una cooperativa sociale: il Presidente della Cooperativa Eta Beta Roberto Pitì La Carta dei Servizi lo st u e to di ase he egola i appo ti f a il e vizio e l ute te- o su ato e, osì o e sa ito dal D.P.C.M. del / / e spe ifi ato ell a t. del d. Leg. 328/2000. Presenta ai cittadini i propri livelli di qualità riferiti al servizio e le modalità di fruizione dello stesso. È il mezzo attraverso il quale la cooperativa individua gli standard della propria prestazione, dichiarando i propri obiettivi e riconoscendo specifici diritti in capo al consumatore. La Cooperativa che eroga la prestazione si fa garante del servizio reso secondo i principi fondamentali richiesti. 3

4 LA COOPERATIVA ETA BETA ETA BETA, o ietà Coope ativa o iale, as e el ai se si della legge /, dall esperienza e dal p o esso di evoluzio e e t asfo azio e dell Asso iazio e Nazio ale Fa iglie di Disabili Intellettivi e Relazionali (ANFFAS) di Milano. I Soci fondatori di ETA BETA hanno collaborato in ualità di dipe de ti o l ANFFA, sviluppa do o petenze sulle tematiche specifiche della disabilità e accrescendo la propria esperienza lavorativa nei Servizi Diurni e Residenziali gestiti dall Asso iazio e. La Cooperativa si ispira e agisce nel rispetto dei principi base del movimento cooperativo: la mutualità, la solidarietà, la democraticità, il rispetto della persona, l'associazionismo tra cooperative, l'impegno, l'equilibrio delle responsabilità rispetto ai ruoli, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le istituzioni pubbliche. È impegnata in attività di sviluppo e promozione dei valori morali e sociali all'interno del movimento cooperativo italiano ed internazionale. Coopera attivamente, con altri enti cooperativi, altre imprese profit e no profit e organismi del Terzo e Quarto Settore, su scala locale e nazionale. La Visione ETA BETA, nell'interesse generale della Comunità, persegue la promozione umana dei propri utenti / lie ti / o itte ti, l i lusio e e la pa te ipazio e so iale dei ittadi i al benessere della Comunità. La Cooperativa ETA BETA vuole creare le giuste condizioni al fine di garantire gli interessi dei propri Soci e lo sviluppo socio economico e culturale della Comunità. La Missione ETA BETA si propone, in via prioritaria ma non esclusiva, di offrire servizi in campo sociale, educativo, assistenziale e formativo, volti al raggiungimento della qualità della vita di persone con disabilità fisica, psichica o sensoriale, soggetti psichiatrici, individui in condizioni di disagio sociale e quanti altri possono essere riconosciuti dalla Società come persone in stato di emarginazione, attraverso la progettazione di attività educative, sociosanitarie ed assistenziali in relazione ai diversi deficit e, più in generale, alle varie forme di disagio sociale. Gli elementi che la cooperativa considera come parti integranti, determinanti e migliorativi per il p op io lavo o so o: ape tu a all i ovazio e, evide ziazio e delle o pete ze e delle attitudi i delle persone, il patrimonio di relazioni instaurate con il mercato, i bisogni e le esigenze dei nostri utenti / clienti / committenti. 4

5 SERVIZI GESTITI: Servizi Diurni Ce t o Diu o pe pe so e o Disa ilità CDD Mo viso - Milano Ce t o Diu o pe pe so e o Disa ilità CDD Ma tegazza - Milano e vizio Fo azio e Auto o ia FA Villapizzo e - Milano Servizio Assistenza Domiciliare per persone con Disabilità ADH Milano Servizio Educativo Domiciliare per persone con Disabilità ADH Co u i I sie e Piano Sociale di Zona - Comuni di Baranzate, Bollate, Cesate, Garbagnate Milanese, Novate Milanese, Paderno Dugnano, Senago, Solaro - Milano Servizi Residenziali Co u ità o io a ita ia C Fusi ato - Milano Co u ità o io a ita ia C Co i )ug a - Milano Co u ità o io a ita ia C l A o a - Paderno Dugnano, Milano Co u ità o io a ita ia C Bollate Bollate, Milano Appa ta e ti P otetti apo a o, Bia hi, P ealpi e U iliati e -- Milano Altri Servizi Servizio Vacanze P oposte di oggio i ollievo P oposte di Avvi i a e to alla Reside zialità VAA - Scuola di Vita Adulta Autonoma) 5

6 IL CODICE ETICO Cooperativa - Capitale Umano o La gestione aziendale è orientata alla promozione del Capitale Umano e alla correttezza nei rapporti di lavoro indispensabili per la qualità dei servizi; o Ogni Socio partecipa al rischio e ai risultati dell'impresa; o Al Socio lavoratore viene corrisposto un compenso che prende riferimento a quanto previsto dal CCNL delle Cooperative Sociali, compatibilmente con la natura associativa del rapporto di socio e con l'equilibrio economico dell'impresa; o La distribuzione delle ricompense materiali e immateriali all'interno della cooperativa è improntata ad una logica che, premiando competenze e meriti, tiene conto anche dei bisogni e dell'impegno individuale; o Il rapporto di lavoro del Dipendente viene regolato dal Contratto Nazionale e dallo Statuto dei Diritti dei Lavoratori; o La Cooperativa funziona come un sistema in apprendimento e si adopera a fornire ad ogni Socio, Dipendente e Collaboratore, opportunità di crescita professionale e Umana; o Nelle situazioni di crisi la Cooperativa adotta una strategia improntata alla salvaguardia del lavoro, compatibilmente con gli impegni nei confronti dei Clienti. Cooperativa Persona Utente - Cliente o Le Persone beneficiarie dei servizi sono al primo posto nelle scelte della Cooperativa; o L'autonomia della Persona, compatibilmente con le Sue condizioni di vita e nel rispetto dei valo i he app ese ta, al e t o della filosofia e dell azio e della Cooperativa; o La so ietà se p e sti olata a e epi e i isog i dell Ute te/clie te e a defi i e adeguate soluzioni; o I tempi e gli spazi del vivere quotidiano della Persona e il Suo diritto alla riservatezza sono tutelati; o Ogni Persona è rispettata nel suo credo religioso e opinione politica. Cooperativa - Mercato o La Cooperativa punta alla massima qualità del prodotto servizio consentita dall'equilibrio economico di impresa e a realizzare un percorso che l'ha condotta, nel 2003, alla Certificazione di Qualità; o La Cooperativa è in concorrenza sul mercato pubblico e privato, facendo valere la qualità dei prodotti servizi e non il ribasso del costo del lavoro; o Nei confronti del mercato pubblico la Cooperativa si astiene dal far valere legami politici e partitici per ottenere appalti; o La Cooperativa rifiuta di accogliere richieste di favori indebiti da parte di decisori pubblici con i quali ha rapporti di committenza. 6

7 LA QUALITÀ DEI SERVIZI ETA BETA L atte zio e alla Qualità dei se vizi e ogati oi volge, i un processo di miglioramento continuo, l i te a Coope ativa, allo s opo di iglio a e l effi ie za e l effi a ia dei se vizi stessi. È la te sio e verso la migliore Qualità di gestione che garantisce le migliori condizioni organizzative e gestionali necessa ie alla p ogettazio e e alla ealizzazio e di u offe ta di se vizi o ie tata alle pe so e e ai loro bisogni. ETA BETA ha predisposto una serie di misure/procedure che garantiscono da una parte i requisiti i hiesti dalle egole dell a edita e to e o ve zio e o i o itte ti e dall alt a le attese degli utenti/clienti. Per ETA BETA la Qualità si realizza a livello organizzativo, a livello progettuale e a livello delle risorse umane impiegate. La Qualità Organizzativa assicura: La valutazione iniziale della pe so a e la stesu a di u o t atto edu ativo all i g esso el Servizio. Un Progetto personalizzato, studiato e realizzato sulle specifiche esigenze del singolo utente. L ape tu a di u fas i olo all e t ata el e vizio. Le attività di programmazione educativa, documentazione e aggiornamento. Le attività di raccordo tra personale educativo. Cade za delle iu io i d uipe. Presenza del coordinatore pedagogico, amministrativo e gestionale del Servizio. La professionalità del personale è garantita da: Titoli di studio del personale educativo e del personale di supporto, previsto dalle normative di legge vigenti. Formazione permanente di tutto il personale, aggiornamento e tutela del diritto allo studio. P o edu e di o t ollo pe l assu zio e del personale. P ese za di pe so ale edu ativo/assiste ziale ell uipes, o espe ie za lavo ativa atu ata nei Servizi. Valutazione del personale e dei responsabili; valutati i bisogni formativi, viene programmato un piano annuale per la formazione. 7

8 La Qualità pedagogica è sostenuta dalle seguenti azioni: Il Coo di ato e del e vizio effettua i e essa i ollo ui o il u leo fa ilia e dell ute te ed il espo sa ile dell e te i via te. Viene effettuato un periodo di osservazione e valutazione. Le attività ve go o p og a ate all i te o della p ogettazio e i dividuale, o side a do la specificità di ogni singolo utente. Le attività vengono monitorate e verificate a cadenza regolare. Il lavoro educativo è regolato e controllato da istruzioni operative e procedure specifiche. Sono formalizzati i passaggi operativi e gli strumenti in fase di avvio del servizio. La presa in carico e la programmazione delle attività avvengono con modalità strutturate e controllate. Le attività di valutazione, progettazione e verifica sono stabilite a cadenza programmata, edia te l utilizzo di st u e ti e odalità spe ifi he. La documentazione socio-educativa e gli strumenti di comunicazione interna sono rintracciabili e controllati. o o p eviste e p og a ate sia iu io i d èquipe e di coordinamento, sia momenti di supe visio e e di fo azio e all e uipe. Sono programmati gli incontri e i colloqui con le famiglie, gli Enti e i Servizi. La do u e tazio e e le egist azio i elative all e ogazio e del e vizio so o gestite ediante procedure di controllo dedicate. I dati personali e le informazioni riservate sono gestiti nel rispetto e nella tutela della privacy, secondo i criteri del D. Lgs 196/03. Il sistema di gestione per la qualità dei servizi della ETA BETA - Società Cooperativa Sociale è certificato secondo la Norma UNI EN ISO 9001:2008 8

9 FUNZIONIGRAMMA MODELLO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE AI SENSI DELLA D.G.R. 3540/2012 ASSEMBLEA DEI SOCI LIVELLO SOCIETARIO COLLEGIO SINDACALE ORGANO DI VIGILANZA D.Lgs. 231/01 PRIVACY D.Lgs. 196/03 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SISTEMA QUALITA SICUREZZA D.Lgs. 81/08 DIREZIONE GENERALE LIVELLO TECNICO GESTIONALE CAPITALE UMANO e ORGANIZZAZIONE AMMINISTRAZIONE e FINANZA MARKETING SOCIALE SISTEMI INFORMATIVI CDD MONVISO CDD MANTEGAZZA; SFA VILLAPIZZONE. ASSISTENTE SOCIALE FORMAZIONE CSS FUSINATO; APP.PROT.: BIANCHI PREALPI. AREA PRODUTTIVA CSS CONI ZUGNA; APP.PROT.: SAPONARO UMILIATI; SVAA. CSS BOLLATE CSS ANCORA PADERNO DUGNANO; ADH MILANO; ADH PROV. VACANZE LIVELLO TECNICO OPERATIVO CONTROLLO di GESTIONE; INTERNAL AUDIT. AMM.NE del PERSONALE ACQUISTI CONTABILITA ASSISTENZA SISTEMI GRUPPO DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO v.1 del

10 L ORGANIGRAMMA DELLA CSS L ANCORA CSS l ANCORA PADERNO DUGNANO Coordinatore Dott. Eliana Piredda EDUCATORE Dott. Alessandra Muzzetto OPERATORE SOCIO SANITARIO Ilaria Crozzoletto AUTISTA Daniele Crespi EDUCATORE Dott. Damiano Padovani OPERATORE SOCIO SANITARIO Mercedes Panchana EDUCATORE Dott. Valeria Peccol OPERATORE SOCIO SANITARIO Melissa Pivato MODELLO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE AI SENSI DELLA D.G.R. 3540/2012 OPERATORE SOCIO SANITARIO Claudia Rango 10

11 IL PROGETTO CSS : VALORI E OBIETTIVI Il Progetto della Comunità Socio Sanitaria della ETA BETA trae ispirazione dai principi base che orientano la cooperativa, ovvero il perseguimento del benessere delle persone con disabilità. Obiettivo irrinunciabile è promuovere il rispetto di sé e lo stabilirsi di legami affettivi con i compagni e le figure di riferimento operative in Comunità. Gli interventi educativi e assistenziali del contesto Comunità mirano alla valorizzazione delle seguenti componenti esistenziali: la componente comunitaria, vale a dire lo stare insieme, condividendo u esperienza di vita, presidiando la deriva dell isolamento che può prodursi all interno di una situazione che di fatto costringe alla convivenza; la dimensione di quartiere, come contesto sociale più allargato nel quale si può diventare soggetti attivi in grado di appropriarsi man mano delle opportunità presenti e fruibili; la componente dell autonomia, nel senso della partecipazione alla costruzione del proprio Progetto di Vita futuro; la sfera dell'intimità, dimensione particolarmente delicata in un contesto dove tutto è condiviso, anche la camera dove si dorme. l area del comportamento, perché nel contesto Comunità, viene più facilmente indotto, stimolato e acquisito il confronto tra i propri comportamenti e le norme di vita sociale; la dimensione della quotidianità intesa come il coinvolgimento diretto nella conduzione della casa in un ottica di collaborazione e condivisione dei compiti necessari a rendere confortevole lo spazio dove si vive; l area degli interessi individuali, attraverso la realizzazione di attività di quartiere e/o ricreative che siano interessanti e coinvolgenti per tutti gli ospiti. Il Servizio C l A o a ealizza una presa in carico globale dell'utenza che si realizza attraverso: La predisposizione di quanto necessario alla realizzazione del progetto educativo e assistenziale individuale della persona, concordato con il nucleo di riferimento familiare; Il mantenimento della regia del progetto globale per la persona, che coinvolge tutti i servizi e le agenzie territoriali che hanno contatti con l'utente ospite; la funzione di collegamento col nucleo familiare d'origine e di memoria della storia personale; la cura degli aspetti sanitari, burocratici, legali, amministrativi ed economici legati alla presa in carico della persona, in collaborazione con le figure preposte alla sua tutela; l o ganizzazione dei tempi e degli spazi all'interno dei quali si svolge l'esperienza di vita in comunità, dalle attività più semplici, inerenti ai normali gesti quotidiani, al tempo libero; 11

12 il presidio della buona convivenza degli ospiti all'interno del servizio; il controllo degli aspetti gestionali ed organizzativi essenziali per il buon funzionamento del servizio: copertura potenziale sulle 24 ore, con la possibilità di affrontare eventuali emergenze; la garanzia, con particolare riguardo, della realizzazione di attività per il tempo libero e l organizzazione delle vacanze; la regolare assistenza che assicura agli ospiti della Comunità l alloggio e il vitto, nel rispetto di eventuali prescrizioni dietetiche; la biancheria della casa e la somministrazione dei pasti; l igiene della persona ospite e della struttura; la fornitura di vestiario adeguato agli ospiti, attingendo alle disponibilità personali dell Utente. Obiettivi specifici della Comunità Socio Sanitaria: garantire spazi di attenzione individuali, a fronte della difficoltà degli ospiti a tollerare relazioni complesse, ovvero cali di attenzione per periodi anche limitati, lavorando sulla capacità di tollerare le frustrazioni; prevenire l isola e to e lavorare sull e essiva adesività, caratteristiche tipiche dell ide tità personale di questa tipologia di ospiti, affetti da disturbi relazionali e comportamentali con limitate autonomie; abituare l'ospite alla presenza dell'alt o" e insegnare a valorizzarla come risorsa e non sempre come ostacolo al soddisfacimento dei propri bisogni; prendersi carico della regia di una serie di componenti ed interventi sanitari, amministrativi e legali i u otti a di tutela e supporto della persona con disabilità. La progettazione educativa per le persone con disabilità non può prescindere dai seguenti assunti: o la lettura dei bisogni è un processo interpretativo e non descrittivo. Ciò su cui si lavora è la formulazione e la verifica costante di ipotesi e non di verità assolute o desiderate; o i bisogni individuali della persona con disabilità vanno messi in relazione con quelli del contesto abitato (CSS), con il nucleo familiare di riferimento e con quelli del contesto territoriale. La risposta ai bisogni dichiarati e a quelli non esplicitati, deve essere realizzabile e sostenibile dalla Comunità, per ciò la realizzazione degli interventi educativi e assistenziali deve essere un processo congiunto in accordo con altre figure significative, quali il nucleo familiare, i tutori/curatori o gli amministratori di sostegno, gli utenti stessi, i referenti per la rete dei Servizi (servizi Diurni f e ue tati, i efe e ti pe l A i ist azio e Co u ale e gli E ti pu li i. 12

13 L ORGANIZZAZIONE DEL ERVIZIO C COMUNITÀ SOCIO SANITARIA CSS l ANCORA via San Michele del Carso n Paderno Dugnano (Mi) - tel. e fax mail: Coordinatore: Eliana Piredda Trasporti: autobus di linea Ente Gestore su mandato del Consorzio SiR: ETA BETA - Società Cooperativa Sociale ONLUS di diritto via Leon Battista Alberti, Milano tel fax mail: A CHI SI RIVOLGE La capienza attuale del servizio è di 10 ospiti di entrambi i sessi. Si tratta di persone con un livello di insufficienza mentale di grado medio e medio-grave, con sufficienti autonomie ma in presenza di problemi relazionali; in parte in età giovanile ed in parte adulte. I destinatari del servizio sono indicati dall Amministrazione Comunale che gestisce la lista d attesa. Né ETA BETA né il Consorzio SiR gestiscono la lista d attesa del se vizio. Hanno diritto di accesso i cittadini in possesso dei seguenti requisiti: verbale di invalidità civile con percentuale dal 45% al 100%, età compresa tra i 18 e i 60 anni. Tra i beneficiari degli interventi, sono esclusi i soggetti che presentano una patologia di carattere prevalentemente psichiatrico o che richiedono risposte di carattere prettamente sanitario. MODALITÀ DI ACCESSO L ute za può accedere al servizio t a ite l Uffi io e vizi o iali del Comune di residenza e previo a o do o l Uffi io Servizi Sociali del Comune di Paderno Dugnano. Tali istituzioni decidono circa le possibili ammissioni e le dimissioni dell utenza per la CSS, valutando criteri di necessità, lista d attesa e compatibilità con le strutture. Le procedure di ingresso prevedono: 13

14 incontri tra il Responsabile della Comunità ed il Referente comunale per inquadrare la Persona, il contesto da cui proviene e definire il tipo di bisogno. valutazione interna dell équipe operativa della Comunità sulla conciliabilità del Servizio con le esige ze della Pe so a e la fatti ilità del isultato otte i ile o l app o io teo i ometodologico utilizzato e, sulla possibile compatibilità della stessa con gli altri Ospiti presenti in struttura ollo uio o l Utente e la figura di riferimento familiare al fine di determinare il tipo di bisogno. un periodo di inserimento in Comunità per valutare le capacità di adattamento e favorirne l integrazione nel gruppo. I criteri utilizzati per fornire un parere positivo all ingresso sono generalmente: il buon esito delle procedure sopra definite, la collaborazione della famiglia, la chiarezza e la stabilità della presa in carico della Persona. Anche le dimissioni dell Utenza vengono concordate tra l Ufficio Servizi Sociali del Comune di residenza, il Coordinatore del servizio ed il Referente comunale e possono verificarsi: a) per volontà dei familiari; b) per sopraggiunte complicazioni, prevalentemente di tipo psichiatrico o sanitario; c) per importanti modificazioni nell'assetto familiare dell'ospite, controindicate per la sua permanenza nella Comunità. Raramente tali condizioni implicano un rientro in famiglia del Soggetto, che viene di norma inserito in un nuovo contesto residenziale. Alle fa iglie, al o e to dell i g esso dell Ospite ella C, vie e o seg ata la Ca ta del Servizio e viene stipulato un contratto d i g esso al servizio. ACCOGLIENZA AL SERVIZIO All i g esso al e vizio dell Ospite, l e uipe p edispo e u Fas i olo o io-assistenziale-sanitario FA A aggio ato pe iodi a e te, o te e te i dati dell ospite diviso i pa te a i ist ativa, educativa e sanitaria. Il responsabile ultimo della tenuta della documentazione socio sanitaria è il coordinatore del Servizio. Dopo il primo periodo di osservazione, viene redatto il Progetto Individuale (obiettivi, attività, programma), condiviso con la rete familiare e la rete dei servizi. Alla rete familiare e dei servizi viene data restituzione dell a da e to del P ogetto I dividuale att ave so i o t i p og a ati. DIRITTO DI ACCE O ALLA DOCUMENTAZIONE OCIO ANITARIA DELL O PITE Fermo restando i principi stabiliti dal D.Lgs 196/03 "Codice in materia di protezione dei dati personali", ETA BETA Società Cooperativa Sociale garantisce nella persona del suo Legale Rappresentante pro-tempore il rispetto delle disposizioni in materia di accesso agli atti, di cui agli articoli 22 e ss. della L. 241/90 e agli art. 15 e ss. della legge Regionale 1/

15 Le modalità sono riportate nella PROCEDURA OPERATIVA: DG 01 del 26 marzo 2012 rev. 1 del 4/11/2013 pubblicamente consultabile sul sito della Cooperativa APERTURA La Comunità è aperta 12 mesi all a o; durante il mese di Agosto vengono organizzate le vacanze per il gruppo di ospiti; durante tale periodo la Cooperativa garantisce la reperibilità tramite servizio di segreteria. Il personale educativo ed assistenziale, data l asse za dell ute za durante il giorno (per le attività svolte in Centri Diurni, lavoro, scuola e, segue un orario su turnazione che, con fasce orarie differenziate per ruoli e mansioni, copre le 24 ore sette giorni su sette. Nella fascia oraria dalle 9.00 alle 15.00, in caso di non partecipazione degli ospiti alle loro attività diurne, per malattia degli stessi, per chiusura del servizio o per diversa modalità di frequenza dell ospite prevista nel suo progetto individuale, la Comunità stessa provvede ad offrire una copertura socioassistenziale. In una logica di trasparenza e di disponibilità, il Servizio Comunità l Ancora è accessibile a chi interessato, in orari concordati con il personale, previa comunicazione telefonica che annunci l eve tuale visita. Le visite alla struttura sono effettuate dal coordinatore e/o operatore referente in turno. I COSTI La CSS l A o a è gestita dalla Cooperativa ETA BETA su mandato del Consorzio SIR, titolare della convenzione con il Comune di Paderno Dugnano. La retta giornaliera complessiva corrisposta al gestore è composta da una quota sanitaria, a carico del Fondo Sanitario Regionale, variabile in base alla classe di appartenenza dell ute za secondo la classificazione SIDI, e una quota sociale, a carico del Comune, pari a 74,85 (IVA esclusa). La retta comprende l erogazione dei servizi di educazione, assistenza e cura mediante quanto previsto e concordato nel Progetto Individuale; la fornitura dei servizi di alloggio, assistenza e vitto; i servizi di pulizia, lavanderia e stiratura; la fornitura di biancheria da camera, materiale per la somministrazione dei pasti e per l igiene della persona e della struttura; la messa a disposizione delle risorse necessarie per l attuazione di quanto previsto dal Progetto Individuale di intervento; l adozione dei provvedimenti opportuni e contingenti in caso di malattia, l individuazione delle risorse sanitarie necessarie, i trasferimenti presso le strutture sanitarie. La retta non comprende quanto dovuto dal singolo Ospite per le spese personali (abbigliamento, tempo libero, accessori per l igiene personale, strumenti e apparecchiature di svago e gli eventuali altri costi per l assistenza all esterno della Comunità. Il Consorzio SiR rilascia, annualmente, la certificazione necessaria ai fini fiscali attestante i costi sa ita i soste uti dal/pe l ute te. 15

16 IL PERSONALE Pe il e vizio C l A o a la Coope ativa ETA BETA mette a disposizione le seguenti risorse: o 1 Direttore con funzione di presidio gestionale ed amministrativo del Servizio o 1 Responsabile Qualità con incarico libero-professionale o 1 Medico con funzione di presidio sanitario del Servizio o 1 Supervisore con incarico libero-professionale o 1 Coordinatore o 3 Educatori professionali o 4 Operatori Socio Sanitari o 1 Autista Il personale ope a te ella C l A o a u ita di cartellino di riconoscimento du a te l attività nel servizio. Il Coordinatore della CSS è la figura di riferimento per gli Ospiti, per gli Operatori, per le Famiglie e per la Rete dei servizi. Il personale amministrativo che si occupa di tutti gli aspetti riguardanti la gestione amministrativa del servizio opera presso la sede della Cooperativa di via Leon Battista Alberti 6, Milano. ETA BETA o sapevole he la o pete za e l affida ilità degli ope ato i appresenta un fattore di qualità fo da e tale pe le fa iglie e pe i o itte ti. Pe uesto, l o ga izzazio e è particolarmente attenta a garantire la costante formazione del personale e gli ambiti di lavoro (incontri di g uppo, supe visio e, he o sentono di sviluppare e di valorizzare le competenze relazionali, educative e socio sanitarie, la capacità di attenzione alla cura dei particolari da parte degli operatori. Riunioni di gruppo Per gli operatori il gruppo di lavoro è il luogo del confronto e della rielaborazione di quanto avvie e ell attività quotidiana. Sostenuto da una formazione pe a e te, ell a ito di g uppo sono affrontati e discussi non solo questioni organizzative ma vengono affrontate le problematiche relative agli utenti e inerenti alla convivenza in comunità; le tematiche di carattere generale sugli utenti, sulle prassi relazionali e sugli interventi educativi e assistenziali; lo scambio dei diversi sguardi e la messa insieme delle differenti competenze professionali,; condivisione dell i te ve to; le elazio i o i u lei fa ilia i pe u aggio suppo to i ato alla o divisio e del Progetto individuale. Supervisione L a ito della upe visio e off e al g uppo degli ope ato i l o asio e pe aff o ta e te ati he inerenti al prop io sta e elle situazio i lavo ative e di olla o azio e o i olleghi; l o asio e pe i te oga si e iflette e su ua to l agi e elazio ale guidato dalle p op ie aspettative e 16

17 visioni; analizzare il vissuto emotivo suscitato dallo stare insieme agli ospiti e condurre il proprio operato sul binario del benessere degli utenti e del gruppo operativo. Gestione individuale L i te ve to edu ativo e assiste ziale dive ta momento centrale per la progettazione del lavoro. Ogni operatore ha a disposizione un monte ore dedicato per la formazione personale, la progettazione educativa, le relazioni con le famiglie e il confronto con altri servizi. Il lavoro individuale prevede la traduzione nel PEI del progetto indicato in équipe, la compilazione del diario dell'operatore, del diario degli eventi e degli interventi, del diario sanitario, i verbali dei colloqui con le famiglie e/o con la rete dei Servizi, le verifiche e le relazioni. Gli Strumenti di lavoro educativi utilizzati sono: Osservazione Progettazione Raccolta dati sugli eventi e sugli interventi Verifica in itinere Ri-progettazione (adeguamento e variazioni in itinere al progetto) Verifica Relazione Gli Strumenti di lavoro sanitari utilizzati sono: Raccolta dati sanitari Monitoraggio e controllo delle terapie in atto Raccolta dati sugli eventi e interventi a carattere sanitario Verifica costante con il Medico del servizio/medico di Base/specialisti dei risultati attesi Confronto e scambio con la rete familiare Cu a e atte zio e all igie e a ie tale e personale LE RELAZIONI CON LE FAMIGLIE I rapporti coi familiari/amministratori/tutori degli Ospiti vengono gestiti, prevalentemente, mediante incontri individuali a cadenza periodica e attraverso comunicazioni costanti e quotidiane (telefonate, visite, colloqui informali, ecc..). In caso di necessità particolari sono previste più 17

18 convocazioni. Oggetto della comunicazione tra CSS e nucleo di riferimento riguarda, innanzitutto, il benessere della Persona ospite della Comunità. Sono possibili cicli di Incontri a Tema di gruppo nei quali affrontare argomenti trasversali, di interesse generale, comuni a tutti. Vengono offerti, inoltre, interventi di sostegno per le famiglie he ve go o suppo tate ell ela o a e le lo o p o le ati he e, i aso sia ilevato il bisogno, ci si avvale di personale specializzato. La famiglia è coinvolta nella predisposizione del Progetto Educativo Individuale. Il PEI di ciascuna Pe so a vie e o o dato e ve ifi ato all i te o di ollo ui i dividuali o il Coo di ato e della CSS e gli Operatori. Annualmente vengono forniti alla famiglia elementi di verifica sul PEI dell Ospite. Per la CSS Ancora è necessario impostare relazioni positive con le famiglie degli Ospiti o con i loro efe e ti. I uest otti a, il g uppo ope ativo i pegnato alla creazione delle condizioni per il mantenimento delle relazioni affettive parentali: gli Ospiti possano recarsi in visita alla Famiglia nelle giornate di sabato pomeriggio o di domenica. A discrezione delle famiglie, ed in base alla loro disponibilità, si p evedo o dei ie t i i fa iglia dell Ospite, aga i i oi ide za delle festività più importanti, anche per pochi giorni. A discrezione delle famiglie ed in base alla loro disponibilità prevediamo che, una/due volte l anno, magari in coincidenza delle festività più importanti, l ospite possa rientrare in famiglia, anche per pochi giorni. I RAPPORTI E IL LAVORO CON LA RETE Le relazioni con i vari soggetti della Rete di ogni singolo Utente garantiscono la migliore ealizzazio e dell i te ve to e e o valida o l effi a ia, o l i te to di o-costruire il Progetto di Vita. La Co u ità si appo ta o dive se ealtà te ito iali e istituzio ali: l Ufficio Servizi Sociali del Comune di Paderno Dugnano e dei Comuni di residenza degli ospiti; il medico di famiglia per visite edi he e p es izio i fa a ologi he; il Medi o spe ialista pe il o t ollo delle te apie ; l A L pe le pratiche di aggravamento; se e essa io, st uttu e ospedalie e e spe ialisti p ivati; l Ufficio Anagrafe del Comune per il perfezionamento pratiche e altri servizi di pubblica utilità; i Servizi che ha o i a i o l'ospite du a te il gio o; l A ffas di Pade o Dug a o; la Co sulta del Volontariato; associazioni ed enti del territorio del Terzo e Quarto Settore per le attività ricreative, culturali e sportive. Il oo di ato e e l ope ato e di ife i e to pa te ipa o agli i o t i di ve ifi a i detti dall Uffi io Servizi Sociali dei Comuni, con la famiglia e/o Rete dei servizi. Inoltre, in accordo i progetti individuali, programma gli ulteriori e necessari incontri con le famiglie per il monitoraggio e o divisio e dell i te ve to, la o divisio e e la ve ifi a del PEI, ilevazio e e a alisi del dato della soddisfazione del Servizio e la raccolta e analisi dei reclami. I diversi Colloqui di progettazione, verifica e valutazione avvengono tra: referenti comunali, coordinatore ed educatore della CSS; rete familiare, referenti comunali, coordinatore ed educatore della CSS; rete dei servizi, referenti comunali, coordinatore ed educatore della CSS; rete sociale e/o informale, coordinatore ed educatore della CSS. 18

19 LE ATTIVITÀ DEL SERVIZIO CSS Le attività del p ogetto Co u ità so o gli st u e ti utilizzati dall uipe ope ativa pe p o uove e u livello di pa te ipazio e attiva dell ospite e creare un clima di appartenenza al Servizio abitato. La CSS offre agli ospiti attività attinenti con la vita quotidiana e col contesto abitativo: il cibo, il denaro necessario per acquistarlo, la cucina, la cura della casa, la cura della propria persona e del proprio spazio. In un ottica di attenzione alle esigenze personali di ciascuno, la CSS progetta e realizza attività extra siano espressione di attitudini personali legate alle proprie passioni e hobbies, al tempo libero e allo svago. L i te to uello di supe a e il o etto di eside zialità assistita, tipica delle grandi istituzioni del passato, ve so u a o ezio e di residenzialità partecipata più fa il e te ealizza ile i u a realtà piccola quale la Comunità CSS che vuole a tutti i costi esse e asa. Del esto il passaggio da uesto p i o tipo di o ezio e al se o do tipo i li ea o le i di azio i esp esse dall ONU i merito ai diritti e doveri delle persone con disabilità, indicazioni che prevedono il passaggio dall i teg azio e della pe so a o ha di ap, p o ossa da alt i e uasi su ita dalla persona con disabilità, alla partecipazione attiva, inclusione sociale diretta e alla costruzione quotidiana della propria esistenza come cittadini con egual riconoscimento. Quindi, contestualmente alle attività conformi al progetto educativo di ogni singolo ospite, che peraltro possono svolgersi anche al di fuori del contesto comunitario, esiste un'impalcatura tendenzialmente stabile di mansioni organizzative alle quali l'ospite, con l'aiuto dell'operatore, è chiamato ad attenersi. L'ospite risulta così costantemente coinvolto nella gestione pratica del servizio inteso come spazio abitativo. Attività per la Comunità: in questa categoria rientrano attività come fare la spesa, apparecchiare, preparare i pasti, sparecchiare la tavola, lavare i piatti e le pentole, riassettare la cucina, rifarsi il letto, riordinare la propria camera. Accanto a questa tipologia di attività che riguardano la cura degli spazi e dei momenti comuni sono previsti particolari compiti di cura ed accoglienza, nei quali gli ospiti, laddove possibile, possono ritagliarsi un ruolo specifico di servizio, che sottolinei attitudini individuali che vanno a vantaggio dell'intera comunità, ad esempio preparare il caffè o il dolce, buttare la spazzatura, ritirare, smistare e consegnare la posta, occuparsi di alcune incombenze che si ripropongono con una certa ritualità. Esistono le grandi attività organizzate di tempo libero, normalmente di gruppo e preferibilmente all'esterno della Comunità; in questa categoria sono comprese le gite, le feste, le uscite per 19

20 assistere a concerti ecc. Sono attività che possono essere proposte dagli ospiti stessi e organizzate insieme agli educatori, grazie alle agenzie di tempo libero a disposizione della rete e alle risorse del territorio. Hanno obiettivi di tipo ricreativo e vogliono favorire sia la socializzazione tra gli ospiti, sia i contatti col mondo esterno. Rientrano nella categoria attività organizzate in piccoli gruppi o individuali, le uscite di interesse e necessità personali (shopping, ritiro pensioni, visite mediche, inviti a cena, uscite con gli amici ecc.), le attività legate alla cura di sé e degli spazi/oggetti personali. Le attività spontanee di gruppo o individuali sono o e ti all appa e za po o visi ili, a i realtà assai preziosi per favorire la comunicazione tra ospiti e tra operatore e ospite; inoltre, sono spesso usati dall ospite pe esp i e e deside i, p ogetti, p eo upazio i, diffi oltà. o o ad esempio, il giocare a carte, fare passeggiate, chiacchierare, bere il caffè, andare a prendere l ape itivo. U attività di pa ti ola e ileva za, pe il ost o odo di i te p eta e il e vizio Co u ità la Riunione con gli ospiti, pensata, preparata e condotta da un educatore a turno. Può avere scopi differenti: fornire e ricevere informazioni di natura organizzativa (impegni per la settimana, visite mediche, uscite collettive, comunicare eventuali assenze degli educatori, ecc); permettere agli ospiti di esprimere desideri (suggerire proposte per il fine settimana, formalizzare il desiderio di acquisti impegnativi, ecc.); promuovere discussioni intorno a situazioni problematiche; tematizzare ed orientare i significati attraversati dal gruppo utenti ed educatori in quella determinata fase del progetto Comunità. 20

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il CON-DOMINIO SOCIALE

Il CON-DOMINIO SOCIALE dal 1984 lavoriamo a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie. Innovativo Residenziale Il CON-DOMINIO SOCIALE Via Cassano,35 Cassano d Adda MI CARTA DEL SERVIZIO innovativo residenziale IL

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune Direzione Generale INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento. Principi generali,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli