C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO"

Transcript

1 C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO Cod. Fiscale e Partita IVA Sede: Via Nenni, TREVIGLIO (BG) Tel Fax mail: Treviglio 08/07/2014 C.a. Responsabili Risorse Umane Siamo lieti di comunicarvi che anche quest anno è possibile frequentare i corsi FONDIMPRESA presso la nostra sede di Treviglio. Il nostro Centro di Formazione, espressione delle aziende del territorio e di CONFINDUSTRIA BERGAMO, si occupa di: formazione di base (corsi triennali per Operatori Meccanici), formazione per Apprendisti e tutor aziendali, formazione Continua. Di seguito Vi alleghiamo nel dettaglio, la nostra proposta per corsi di formazione rivolto alle imprese iscritte a FONDIMPRESA del periodo LUGLIO - DICEMBRE DESTINATARI: Possono iscrivere il loro personale dipendente (quadri, impiegati, operai) le imprese che hanno aderito o aderiranno a Fondimpresa prima dell'avvio dell'azione formativa. Non possono essere destinatari delle attività formative i titolari e gli amministratori d'impresa, dirigenti, lavoratori autonomi e liberi professionisti, prestatori di lavoro occasionale, lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto. PARAMETRI PER ATTIVAZIONE CORSI minimo di partecipanti per attivare un'azione formativa: 8. attestato di frequenza: riservato esclusivamente ai partecipanti che hanno frequentato almeno il 75% del monte ore del corso. Per i corsi sulla Sicurezza la percentuale di frequenza è del 90%. I corsi partiranno al raggiungimento delle 8 iscrizioni La Segreteria del Consorzio Enfapi Treviglio (signora Mariangela, Rag. Costa) è a Vostra disposizione per qualsiasi chiarimento. (tel fax mail La documentazione dei corsi è possibile scaricarla dal sito Cordialmente Il Direttore del Centro Dr. Umberto Palumbo

2

3 Cod. Fiscale e Partita IVA Sede: Via Nenni, TREVIGLIO (BG) Tel Fax mail: FONDIMPRESA AV4/2012 II scadenza Piano Formativo AVT/178/12II F.I.M.A.: Formazione Innovativa per nuovi Modelli organizzativi dedicata alle Aziende della provincia CATALOGO CORSI LUGLIO DICEMBRE

4 Cod. Fiscale e Partita IVA Sede: Via Nenni, TREVIGLIO (BG) Tel Fax mail: INDICE SCHEDE CORSI INGLESE livello B INGLESE livello B INGLESE livello C TEDESCO 1 livello... 6 TEDESCO 2 livello... 7 EXCEL BASE... 8 EXCEL AVANZATO... 9 Corso di EXCEL DISEGNO MECCANICO: CAD LAVORAZIONI MECCANICHE E CONTROLLO QUALITA IL CONTROLLO DEI GUASTI: metodo FMEA METODI E TECNICHE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE LEAN MANIFACTURING per l'ottimizzazione dei processi produttivi PROJECT MANAGEMENT COMPETENZE COMUNICATIVE E TEAM WORKING MOTIVAZIONE E FORMAZIONE DEL GRUPPO GESTIONE DI UN PROJECT WORK GESTIONE DELLO STRESS TECNICHE DI PROBLEM SOLVING GESTIONE RIUNIONI IL NUOVO APPRENDISTATO E LA FORMAZIONE DEL REFERENTE AZIENDALE FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I LAVORATORI (rischio alto) FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I LAVORATORI (rischio medio) FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I LAVORATORI (rischio basso) FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I PREPOSTI IL RUOLO DEL RLS NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E GLI SPAZI DI AZIONE DELL RLS

5 Numero Identificativo 1 Ore corso 24 INGLESE livello B1 OBIETTIVI DELL'AZIONE: Il corso intende consentire ai partecipanti di raggiungere il livello B1 (cfr. Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) a cui corrispondono le seguenti competenze: 1. per l'ascolto comprendere gli elementi principali in un discorso in lingua standard su argomenti familiari, che si affrontano frequentemente al lavoro, a scuola, nel tempo libero; 2. per la lettura comprendere testi scritti di uso corrente legati alla sfera quotidiana o al lavoro; 3. per l'interazione orale riuscire ad affrontare molte delle situazioni che si possono presentare viaggiando in una zona dove si parla la lingua; per la produzione orale riuscire a descrivere, collegando semplici espressioni, esperienze e avvenimenti, i propri sogni, speranze e ambizioni, per la produzione scritta riuscire a scrivere testi semplici e coerenti su argomenti noti o di interesse. CONTENUTI: Si affronteranno Reading, Writing, Use of English, Listening, Speaking. In particolare: 1. per la parte grammaticale verranno affrontati i seguenti argomenti: gli articoli e i dimostrativi, le forme interrogative, i possessivi e il genitivo sassone, gli avverbi di frequenza, i sostantivi numerabili e non numerabili, grado comparativo e superlativo degli aggettivi, i pronomi relativi, le principali preposizioni di tempo e di luogo, le principali congiunzioni, i principali verbi e tempi verbali; 2. per la parte lessicale verranno affrontati i seguenti aspetti: spelling, numeri (prezzi, quantità, date, ecc.), famiglia, tempo libero, casa e arredamento. 3

6 Numero Identificativo 2 INGLESE livello B2 Ore corso 24 Modalità di OBIETTIVI DELL'AZIONE: Il corso intende consentire ai partecipanti di raggiungere il livello B2 (cfr. Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) a cui corrispondono le seguenti competenze: 1. per l'ascolto riuscire a capire discorsi di una certa lunghezza e conferenze e a seguire argomentazioni anche complesse purché il tema sia di interesse; 2. per la lettura riuscire a leggere articoli e relazioni su questioni di attualità in cui l autore prende posizione ed esprime un punto di vista determinato; per l'interazione orale riuscire a comunicare con un grado di spontaneità e scioltezza sufficiente per interagire in modo normale con parlanti; per la produzione orale riuscire a esprimere in modo chiaro e articolato su una vasta gamma di argomenti di interesse; per la produzione scritta riuscire a scrivere testi chiari e articolati su un ampia gamma di argomenti. CONTENUTI: 1. Si affronteranno Reading, Writing, Use of English, Listening, Speaking. All'interno del corso saranno approfonditi i seguenti aspetti della lingua inglese: condizionale (periodo ipotetico), il passato progressivo (Past Continuous), il futuro espresso con il presente semplice, il passivo, il discorso indiretto, i verbi modali per esprimere deduzioni, l uso di prefissi e suffissi per formare sostantivi, aggettivi, avverbi esprimere opinioni 4

7 Numero Identificativo 3 INGLESE livello C2 Ore corso 24 Modalità di OBIETTIVI DELL'AZIONE: Il corso intende consentire ai partecipanti di raggiungere il livello C2 (cfr. Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) a cui corrispondono le seguenti competenze: 1. Comprendere con facilità praticamente tutto ciò che sente e legge; 2. Sapere riassumere informazioni provenienti da diverse fonti sia parlate che scritte, ristrutturando gli argomenti in una presentazione coerente; 3. Sapersi esprimere spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso, individuando le più sottili sfumature di significato in situazioni complesse. Il percorso fa riferimento al livello C2 del Portfolio Europeo delle Lingue. CONTENUTI: Il corso intende approfondire i seguenti argomenti: 1. Phrasal verbs and question formation; Conditionals (1) and future; Conditionals (2) and past; Modals; Work situations - phoning, writing s, meetings; Countables and uncountables; Present perfect simple and continuous; Gerunds and infinitives, reported speech; Course review & extras. 5

8 Numero Identificativo 4 TEDESCO 1 livello Ore corso Acquisizione delle strutture grammaticali di base; 2. Acquisizione del vocabolario di base; 3. Comprensione e produzione di messaggi orali semplici; 4. Comprensione e produzione di messaggi scritti semplici; 5. Correttezza della pronuncia; 6. Perdita dell estraneità e della paura nei confronti della lingua. 1. Strutture grammaticali di base: in particolare i tempi verbali, gli aggettivi, le preposizioni, i pronomi, gli ausiliari; 2. Vocabolario di base: in particolare il vocabolario coinvolto nelle prime forme della relazione interpersonale; 3. Vocabolario specifico: qualche riferimento a termini in uso nell ambito lavorativo; 4. Elementi minimi di fonetica. 6

9 Numero Identificativo 5 Ore corso 24 TEDESCO 2 livello 1. Allargamento delle strutture grammaticali; 2. Consolidamento e allargamento del vocabolario; 3. Comprensione ed elaborazione di messaggi orali; 4. Comprensione ed elaborazione di messaggi scritti; 5. Miglioramento della pronuncia. 1. Strutture grammaticali avanzate; 2. Vocabolario: il vocabolario coinvolto nelle forme della relazione interpersonale; 3. Vocabolario: il vocabolario di svariati ambiti linguistici; 4. Vocabolario specifico: termini in uso nell ambito lavorativo (termini tecnici, telefonate, corrispondenza). 7

10 Numero Identificativo 6 EXCEL BASE Ore corso 16 Essere in grado di: comprendere il concetto di documento elettronico e foglio elettronico e le principali funzionalità collegate ai programmi di foglio elettronico. 1. Nozioni di base e presentazione di Excel; 2. Digitazione e modifica dei dati; 3. Utilizzo delle formule e delle funzioni di Excel; 4. Ricerca e sostituzione testo; 5. Controllo ortografico; 6. Gestione dei file; 7. Formattazione del foglio di lavoro; 8. Stampa del foglio di lavoro; 9. I grafici; 10. Creazione di rapporti personalizzati e di modelli. 8

11 Numero Identificativo 7 EXCEL AVANZATO Ore corso Il percorso formativo consente di fornire una conoscenza approfondita dell ambiente e delle più usate funzionalità del foglio elettronico Excel. 2. Vengono affrontate in modo approfondito le problematiche relative all inserimento di dati, formule e funzioni, la formattazione dei dati, i grafici e la stampa delle cartelle di lavoro. 3. L'utente al termine dell intervento sarà in grado di: - Conoscere l ambiente di Excel - Creare, elaborare, formattare e modificare fogli di lavoro - Elaborare ed applicare operazioni matematiche e logiche utilizzando formule e funzioni. - Creare e formattare grafici - Preparare e stampare i dati elaborati. - Saper lavorare con serie di dati, elenchi e tabelle pivot Approfondimenti su: 1. Gestione di file, Gestione di fogli, L area di lavoro, Inserimento e modifica dati, Gestione di date, formati, funzioni e calcoli con le date; 2. Formule aritmetiche personalizzate; 3. Serie di dati: tecniche di riempimento automatico; 4. Rappresentazione grafica dei dati; 5. Gestione riquadri e finestre; 6. Funzioni di database; 7. Filtri, convalida subtotali, moduli; 8. Tabelle Pivot; 9. Creazioni di macro con il registratore. 9

12 Numero Identificativo 8 Corso di EXCEL Ore corso 24 Il corso si pone l obiettivo di far acquisire al partecipante competenze nella gestione di dati aziendali attraverso l utilizzo di Excel. 1. Formattare le celle per inserire numeri interi e decimali, date, valute, valori percentuali, riferimenti relativi ed assoluti; 2. Generare differenti tipi di grafici a partire da un foglio elettronico; 3. Utilizzo delle principali funzioni ( finanziarie, data e ora, matematiche, statistiche, ricerca, testo, logiche); 4. Gestione di elenchi; 5. Utilizzo della tabella pivot; 6. Introduzione a Visual Basic for Application per Excel. 10

13 Numero Identificativo 9 Ore corso 24 DISEGNO MECCANICO: CAD 1. Fornire al candidato le competenze per l utilizzo di un sistema CAD 2D (Auto CAD 2013) per la creazione, la modifica e la gestione di disegni meccanici di parti in 2D; 2. Utilizzare le principali funzioni di un programma di disegno CAD bidimensionale per la creazione e la modifica di entità grafiche; 3. essere capace di modificare le proprietà degli oggetti, di avere padronanza delle procedure di plottaggio e di stampa secondo le specifiche da rispettare per le tavole tecniche. 1. Interfaccia utente del sistema cad; 2. Concetti di base: Aprire uno o più disegni, creare un nuovo disegno, salvare un disegno, salvare un disegno come un modello, Impostare le unità di disegno/unità di lavoro, i limiti del disegno, funzioni di aiuto al disegno, gestione della visualizzazione di disegni, modalità per la specificare punti; 3. Creare e utilizzare layer/livelli, assegnarne le proprietà; 4. Esportare/importare un disegno in un altro formato grafico:.dxf,.dwg,.wmf,.dwf/pdf. 5. Creare e editare oggetti/elementi grafici. 6. Inserimento testi e quote. 7. Opzioni di plottaggio/stampa. Prerequisiti: Conoscenze di base del PC e del disegno tecnico. 11

14 Numero Identificativo 10 LAVORAZIONI MECCANICHE E CONTROLLO QUALITA Ore corso 28 Sviluppare le competenze dei tecnici, dei responsabili di produzione, degli addetti alla qualità, relative al controllo e all autocontrollo in produzione. 1. Il ruolo del controllo qualità in produzione: Controlli in accettazione, in itinere e finali. 2. Modalità di svolgimento del controllo qualità in produzione: Procedure organizzative del S.Q. La gestione delle Non Conformità di prodotto. Strumenti di controllo. Il Piano di controllo. 3. La variabilità dei processi produttivi: cosa è, cause, misura. 4. La gestione dei difetti. 5. Il laboratorio qualità e la ricerca dei difetti. 6. Il trattamento del prodotto difettoso. 12

15 Numero Identificativo 11 IL CONTROLLO DEI GUASTI: metodo FMEA Ore corso 32 Numero partecipanti previsti 6 Sviluppare le competenze dei tecnici, dei responsabili di produzione, degli addetti alla qualità, relative alla gestione dei guasti in produzione. 1. Potenziali difetti del prodotto e possibili conseguenze in esercizio; 2. Possibili modalità di guasto del processo e possibili conseguenze a valle; 3. Cause potenziali dei difetti in progettazione e in produzione; 4. Indici di gravità probabilità e rilevabilità; 5. Calcolo dell Indice di priorità di rischio; 6. Sistemi di controllo di tipo preventivo; 7. Gli interventi raccomandati per ridurre la rischiosità di difetti derivanti da carenze del processo produttivo. 13

16 Numero Identificativo 12 METODI E TECNICHE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE Ore corso 40 1) L analisi dei rischi qualitativi e quantitativi del Processo Produttivo (P-FMEA) - L affidabilità di un prodotto e di un processo produttivo - I dati d ingresso per la FMEA di Processo - Analisi delle fasi di sviluppo degli FMEA di Processo - Gli Indici di Priorità di Rischio: Gravità, Probabilità e Rilevabilità - Il calcolo dell Indice di Rischio Globale (IPR) - Gli interventi di riduzione del rischio 2) Il Controllo Statistico del Processo (SPC) - Tecniche di campionamento: la norma ISO Le carte di controllo per attributi - Distribuzioni e istogrammi - Parametri per rappresentare le caratteristiche delle distribuzioni: Cp e Cpk - Le carte di controllo per variabili e per attributi 14

17 Numero Identificativo 13 LEAN MANIFACTURING per l'ottimizzazione dei processi produttivi Ore corso 40 Fornire ai partecipanti le conoscenze di base e le tecniche operative per ottimizzare i processi produttivi in relazione a: riduzione degli sprechi e degli scarti, minimizzazione dei tempi di attrezzaggio, inserimento della manutenzione preventiva e predittiva, miglioramento della postazione di lavoro con le 5S. 15

18 Numero Identificativo 14 Ore corso 24 PROJECT MANAGEMENT Il corso si pone l obiettivo di mostrare ai partecipanti le metodiche necessarie alla realizzazione di un prodotto (o servizio) nel tempo previsto, nel rispetto del budget ipotizzato e in conformità ai requisiti richiesti. Introduzione al project management; Tecniche di base di pianificazione e controllo; Tecniche avanzate di pianificazione e controllo. 16

19 Numero Identificativo 15 COMPETENZE COMUNICATIVE E TEAM WORKING Ore corso Saper leggere la comunicazione come processo relazionale; 2. Riconoscere le principali condizioni di funzione e disfunzione di un gruppo di lavoro; 3. Migliorare la propria efficacia comunicativa all interno del proprio gruppo di lavoro; 4. Tradurre gli apprendimenti in azioni organizzative. 1. La comunicazione tra contenuto e relazione; 2. Le regole della comunicazione umana; 3. La relazione tra sé e l altro: l altro come il mio vincolo e la mia possibilità; 4. L ascolto attivo; 5. La comunicazione all interno dei gruppi di lavoro: circoli viziosi e rotture virtuose. 17

20 Numero Identificativo 16 Ore corso 24 MOTIVAZIONE E FORMAZIONE DEL GRUPPO 1. Sviluppare una conoscenza più approfondita delle dinamiche relazionali nei gruppi di lavoro; 2. Riconoscere i fattori di efficacia e inefficacia di lavoro nei gruppi; 3. Migliorare la capacità di intervenire in situazioni di criticità; 4. Riconoscere e valorizzare la funzione della leadership all interno dei gruppi di lavoro 1. La gestione del gruppo: criticità e risorse; 2. L esperienza dell appartenenza a un gruppo: emozioni e dilemmi ; 3. Il gruppo di lavoro: fattori specifici; 4., strategia, metodo, ruoli e risorse; 5. Gruppo di lavoro: istruzioni per l uso ; 6. La costruzione di un senso condiviso; 7. La leadership nei gruppi. I casi dei partecipanti. 18

21 Numero Identificativo 17 GESTIONE DI UN PROJECT WORK Ore corso 40 Sviluppare le competenze per la realizzazione di un PROJECT WORK 1. Tecniche di realizzazione 2. Realizzazione di un PW 19

22 Numero Identificativo 18 GESTIONE DELLO STRESS Ore corso 16 Saper gestire emozioni ed ansia, a fronte di eventi/situazioni intense e critiche. 1. Capire cos è lo stress e come funziona; 2. Come gestire lo stress; 3. Stress e performance. 20

23 Numero Identificativo 19 TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Ore corso 16 Inquadrare un problema, formulare la soluzione, prendere la decisione e attivarla. 1. Le sei fasi del modello decisionale. 2. Esercitazioni: introduttive sulle prese di decisioni individuali e successivamente casi di lavoro ed elaborazioni di un piano di lavoro personali. 21

24 Numero Identificativo 20 GESTIONE RIUNIONI Ore corso 16 Acquisire strumenti di comunicazione interpersonale particolarmente utili per affrontare interlocutori difficili. 1. La gestione delle riunioni; 2. L organizzazione della riunione: 3. Tecniche di gestione delle riunioni; 4. L ascolto attivo. 22

25 Numero Identificativo 21 IL NUOVO APPRENDISTATO E LA FORMAZIONE DEL REFERENTE AZIENDALE Ore corso 12 Conoscere le novità relative alla normativa sull apprendistato, Saper gestire la documentazione relativa alla formazione aziendale dell apprendista. - ruolo del Tutor/Referente aziendale - normativa sull apprendistato (Biagi, Testo Unico) - contratti nazionali e apprendistato - la progettazione della formazione - il controllo del processo di apprendimento - la valutazione del processo di apprendimento - il Piano Formativo Generale e il Piano Formativo di Dettaglio 23

26 Numero Identificativo 22 FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I LAVORATORI (rischio alto) Ore corso 16 Conoscenze previste dall accordo Stato /Regioni del 21 dicembre 2011 Concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo e assistenza. Panoramica sui rischi specifici in azienda: Videoterminali, Ambienti di lavoro, Stress lavoro-correlato. Segnaletica, Emergenze, Le procedure di sicurezza, Procedure esodo e incendi, Procedure organizzative per il primo soccorso, Incidenti e infortuni mancati. Il DVR aziendale e i rischi specifici. Panoramica sui rischi specifici in azienda: Elettrici, Meccanici. Approfondimento su: Cadute dall'alto, Rischi chimici,, Etichettatura, Rischi cancerogeni, Rischi biologici, Rischi fisici, Rumore, Vibrazione, Microclima, Radiazioni, Movimentazione manuale carichi. 24

27 Numero Identificativo 23 FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I LAVORATORI (rischio medio) Ore corso 12 Conoscenze previste dall accordo Stato /Regioni del 21 dicembre 2011 Concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo e assistenza. Panoramica sui rischi specifici in azienda: Cadute dall'alto, Rischi chimici,, Etichettatura, Rischi cancerogeni, Rischi biologici, Rischi fisici, Rumore, Vibrazione, Microclima, Radiazioni, Movimentazione manuale carichi. Panoramica sui rischi specifici in azienda: Elettrici, Meccanici. Il DVR aziendale e i rischi specifici. Approfondimento su: Videoterminali, Ambienti di lavoro, Stress lavoro-correlato. Segnaletica, Emergenze, Le procedure di sicurezza, Procedure esodo e incendi, Procedure organizzative per il primo soccorso, Incidenti e infortuni mancati. 25

28 Numero Identificativo 24 FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I LAVORATORI (rischio basso) Ore corso 8 Conoscenze previste dall accordo Stato /Regioni del 21 dicembre 2011 Concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo e assistenza. Panoramica sui rischi specifici in azienda: Cadute dall'alto, Rischi chimici,, Etichettatura, Rischi cancerogeni, Rischi biologici, Rischi fisici, Rumore, Vibrazione, Microclima, Radiazioni, Movimentazione manuale carichi. Panoramica sui rischi specifici in azienda: Elettrici, Meccanici. Il DVR aziendale e i rischi specifici. Approfondimento su: Videoterminali, Ambienti di lavoro, Stress lavoro-correlato. Segnaletica, Emergenze, Le procedure di sicurezza, Procedure esodo e incendi, Procedure organizzative per il primo soccorso, Incidenti e infortuni mancati. 26

29 Numero Identificativo 25 FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER I PREPOSTI Ore corso 8 e di superamento della prova di verifica NB. Il partecipante al corso deve aver già frequentato il corso di Formazione Generale e quello di Formazione Specifica Conoscenze previste dall accordo Stato /Regioni del 21 dicembre Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità; 2. Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione; 3. Definizione e individuazione dei fattori di rischio; 4. Incidenti e infortuni mancati 5. Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati, stranieri; 6. Valutazione dei rischi dell'azienda, con particolare riferimento al contesto in cui il preposto opera; 7. Individuazione misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione; 8. Modalità di esercizio della funzione di controllo dell'osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge e aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione. 27

30 Numero Identificativo 26 IL RUOLO DEL RLS NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Ore corso 8 e di superamento della prova di verifica Il corso si propone di offrire ai Rappresentanti dei Lavoratori per la sicurezza già in ruolo uno spazio di approfondimento teorico-pratico sul tema della Valutazione dei rischi; in particolare il corso si propone di comprendere il ruolo specifico che possono giocare RLS e Lavoratori nel fondamentale processo della sicurezza, fornire strumenti operativi e proposte per favorire lo sviluppo di dinamiche partecipative, nonché sviluppare una capacità di lettura del DVR. 1. Esperienze in atto e rappresentazioni di ruolo degli RLS; 2. Il processo di valutazione dei rischi; RLS: ruolo e valorizzazione delle competenze dei lavoratori; 3. e obiettivi del Documento di valutazione dei rischi; I rischi non standardizzabili; 4. L analisi degli eventi infortunistici: l albero degli eventi. 28

31 Numero Identificativo 27 I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E GLI SPAZI DI AZIONE DELL RLS Ore corso 8 e di superamento della prova di verifica Il corso si propone di fornire le conoscenze di base per comprendere significati e obiettivi dei SGSSL e il contenuto dell art.30 del D.Lgs 81. I n specifico verrà fatto riferimento allo standard BS OHSAS 18001:2007 individuando requisiti e spazi operativi ove il RLS può sviluppare un positivo apporto. Fondamenti e obiettivi dei Sistemi di Gestione; una lettura del DLgs 81 come Sistema di Gestione. I Sistemi di gestione della sicurezza: la norma BS OHSAS Dal SGSSL al modello organizzativo ex art 30 / 81. Metodologie di Controllo e miglioramento dei sistemi. 29

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione SMD FORM 004 DIRETTIVA PER LA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE CONOSCENZE LINGUISTICHE IN AMBITO FORZE ARMATE Edizione 2005 I ELENCO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI La Pro Loco Brignano Gera d Adda con il patrocinio dell Amministrazione Comunale in collaborazione con l Istituto Comprensivo Mastri Caravaggini organizza i seguenti Corsi formativi e creativi: AREA INFORMATICA

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Leggette attentamente le informazioni seguenti prima di compilare il modello di CV proposto.

Leggette attentamente le informazioni seguenti prima di compilare il modello di CV proposto. Istruzioni per l uso del curriculum vitae Europass (http://europass.cedefop.europa.eu) Introduzione La redazione del curriculum vitae è una tappa importante in ogni ricerca d impiego o formazione. Il CV

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO. Anno scolastico 2008-2009. Prima fase

PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO. Anno scolastico 2008-2009. Prima fase PROGETTO COMPETENZE LINGUISTICHE PROVINCIA DI TORINO Anno scolastico 2008-2009 Prima fase Responsabile del progetto per la Provincia di Torino Sheila Bombardi Responsabile del progetto per British Institutes

Dettagli