Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti"

Transcript

1 CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin, Bologna Tel Fax C.F P.I E mail: Bologna, 10 febbraio Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti ex Art.5 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. Loro Sedi Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di degli impianti Avendo ricevuto alcune richieste di chiarimenti sullo smaltimento dei rifiuti e non potendo trattare in modo esaustivo l argomento nello spazio ristretto di una circolare, cerchiamo di fare un paio di esempi che speriamo possano aiutare a risolvere qualche dubbio. Sono molte le leggi in vigore che trattano l argomento dello smaltimento dei rifiuti e anche se molti non lo sanno, sono molte e pesanti anche le sanzioni per chi non le rispetta. 1 L installatore elettrico, qualunque sia la dimensione della sua Impresa, quando esegue la di un impianto elettrico sostituendo uno o più componenti produce rifiuti che deve smaltire in quanto l installatore, secondo la legge, è considerato il Distributore del materiale installato, se lo ha anche fornito, e conseguentemente è anche il Produttore del rifiuto. 2 La legge precisa inoltre che i rifiuti provenienti da attività di si considerano prodotti presso la sede dell installatore, anziché presso l impianto oggetto di, DLgs 152/06, art. 266, comma 4. 3 Premessa: rifiuti pericolosi; rifiuti non pericolosi; rifiuti RAEE domestici I rifiuti sono classificati con un codice CER costituito da 6 cifre e possono essere pericolosi o non pericolosi. Quelli pericolosi sono identificati da un asterisco dopo le 6 cifre. 4 Ad esempio sono considerati rifiuti pericolosi: I tubi fluorescenti, le lampade: fluorescenti compatte, ad alogenuri metallici; a vapori di sodio ad alta e bassa pressione - CER * 5 I condensatori e i trasformatori contenenti PCB CER * Sono invece considerati rifiuti non pericolosi, ad esempio: Cavi con o senza guaina, isolati in gomma o in PVC CER ; Apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso non contenenti sostanze pericolose, come ad esempio interruttori, prese a spina, ecc CER In caso di dubbio nella classificazione è consigliabile sentire il costruttore. Per quanto riguarda i Rifiuti delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) il DM 65/10 prevede un gestione cosiddetta semplificata nel caso in cui la provenienza sia di tipo domestico (RAEE domestico). Per gli installatori elettrici l esempio classico di RAEE sono i tubi fluorescenti e le lampade con cod. CER *. 6 Il DLgs 151/05 definisce RAEE di provenienza domestica i RAEE originati da nuclei domestici e di o- rigine commerciale, industriale e istituzionale analoghi per natura e quantità a quelli originati da nuclei domestici pertanto sembra di poter dire che anche i tubi fluorescenti e le lampade fluorescenti compatte, che provengono da negozi, uffici e piccole attività artigianali/industriali di superficie paragonabile a quella di una abitazione, possono essere considerati RAEE domestici, mentre negli altri casi i 1 Finora essendo ancora tutta la normativa in fase di avviamento forse i controlli non sono stati molto severi ma dal 1.giugno 2011 la normativa dovrebbe entrare completamente in vigore. 2 L installatore elettrico rimane Produttore del Rifiuto anche se si limita alla sola installazione di apparecchi forniti dal cliente. 3 In pratica il tragitto sede del cliente sede dell installatore è come se non esistesse e conseguentemente non è trattato nei vari provvedimenti legislativi ed esistono quindi solo delle interpretazioni su come gestire correttamente il trasporto dei vari rifiuti su questa tratta. 4 I rifiuti sono classificati nell allegato D della parte IV del DLgs 152/06. Le prime due cifre identificano l attività di provenienza, ad es. 20 identifica i rifiuti di provenienza urbana. In genere i rifiuti prodotti dagli installatori sono definiti speciali in quanto prodotti da lavorazioni industriali, commerciali ed artigiane. DLgs 152/06, art Sono escluse le lampade ad incandescenza e alogene. 6 Per i RAEE domestici l installatore è tenuto ad assicurare il ritiro gratuito dell AEE sostituito, DM 65/10 art. 1

2 RAEE sono considerati professionali e vanno quindi gestiti al di fuori delle procedure previste dal DM 65/10. 7 È indubbio comunque che i RAEE professionali (quelli non domestici) vanno gestiti secondo le procedure previste dal DLgs 152/06. Occorre inoltre considerare anche gli altri rifiuti, non pericolosi ma definiti speciali, nel senso che non vanno smaltiti come fossero rifiuti urbani normali, come ad esempio interruttori e componenti fuori uso, spezzoni di cavo, ecc., e che vanno smaltiti anch essi secondo le procedure previste dal DLgs 152/06. Il DLgs 152/06, art. 188 bis, prevede che la tracciabilità dei rifiuti deve essere garantita dalla loro produzione sino alla loro destinazione finale, mediante il sistema SISTRI o mediante la compilazione del registro di carico e scarico e del Formulario di identificazione Rifiuti (FIR). Il SISTRI (SIStema di controllo della Tracciabilità dei RIfiuti), istituito dal DM 17 dicembre 2009, è un sistema informatico per la gestione dei rifiuti. Il sistema prevede l informatizzazione della gestione dei rifiuti speciali con l accentramento delle informazioni in un unico sistema telematico di memorizzazione e la tracciabilità informatica del percorso dei rifiuti dalla fase di produzione alla fase di destino presso gli impianti di recupero e/o smaltimento. A tal fine il flusso delle informazioni avviene mediante l utilizzo di dispositivi USB personalizzati da utilizzare su Personal Computer per ogni sede che produce e/o gestisce rifiuti, mentre per gli installatori che trasportano con mezzi propri i rifiuti agli impianti di smaltimento o recupero, è prevista l installazione su ciascun mezzo di una black box, un dispositivo con sistema satellitare che ha la funzione di monitorare in tempo reale il percorso dei rifiuti. L installatore iscritto al Sistri deve compilare la scheda produttori - area registro cronologico, quando produce i rifiuti, di fatto quando li deposita presso la propria sede, e la scheda Area movimentazione quando il rifiuto viene movimentato 8 Per la gestione dei rifiuti, hanno l obbligo di iscriversi al SISTRI gli installatori elettrici 9 : che producono rifiuti speciali pericolosi che hanno più di 10 dipendenti anche se producono soltanto rifiuti speciali non pericolosi. In pratica quindi dovrebbero iscriversi al SISTRI tutti gli installatori, infatti chi è che non sostituisce qualche lampada fluorescente nel corso della sua attività? Sono però esenti dall obbligo dell iscrizione gli installatori che producono solo RAEE domestici pericolosi e altri rifiuti non pericolosi, in quanto costoro possono applicare le procedure semplificate del DM 65/10. Individuiamo due esempi di installatori elettrici: 1. installatore che fa a clienti che operano in locali di superfici ridotte, fornisce il materiale che sostituisce e produce rifiuti pericolosi di provenienza domestica (RAEE domestici come ad es. lampade fluorescenti) e non pericolosi (come interruttori, prese a spina, ecc. fuori uso), e può applicare il DM 65/10; 2. installatore che esegue anche in attività con superfici non paragonabili a quelle domestiche e produce quindi rifiuti pericolosi (RAEE professionali come tubi fluorescenti, lampade ad alogenuri metallici, ecc.) e altri rifiuti non pericolosi, e quindi deve applicare le procedure SISTRI. 1. Primo esempio: installatore che segue la procedura semplificata del DM 65/10 a) Trattamento dei rifiuti pericolosi RAEE domestici (tubi fluorescenti e lampade fluorescenti compatte): In questo caso non occorre iscriversi al SISTRI e si può applicare la cosiddetta procedura semplificata del DM 65/10 che prevede che l installatore deve: 10 7 Manca una interpretazione ufficiale di cosa si intenda per analoghe per natura e quantità. Secondo questa interpretazione di buon senso, ma non confermata da fonti ufficiali, sono comunque da escludere dai RAEE domestici le lampade ad alogenuri metallici e a vapori di sodio in quanto in genere non vengono utilizzate in ambienti domestici. 8 Fino al c è l obbligo previsto dal DM di continuare a compilare anche il FIR ed il Registro di carico e scarico in quanto il SISTRI è in rodaggio e quindi potrebbero esserci dei malfunzionamenti. Inoltre per i rifiuti prodotti fino al l installatore deve presentare, entro il , il MUD (Modello Unico di dichiarazione ambientale). In pratica il nuovo ed il vecchio sistema fino al 31 maggio 2011 viaggiano in parallelo. 9 DM 152/06, art 188/ter 2

3 iscriversi all Albo nazionale gestori ambientali, ai sensi del DM 65/10 11 eseguire il trasporto sede del cliente sede dell installatore accompagnando i RAEE con il Documento di trasporto RAEE di cui all allegato II del DM 65/10; 12 registrare i RAEE che ritira dal domicilio del cliente su uno schedario di carico e scarico, numerato progressivamente e conforme al modello di cui all allegato I, DM 65/10, istituire presso la propria sede un raggruppamento dei RAEE avendo cura di tenere separati i RAEE dagli altri rifiuti non pericolosi. Inoltre l aerea del raggruppamento deve essere pavimentata e non accessibile a terzi, ed i RAEE devono essere protetti dalle acque meteoriche e dal vento a mezzo di appositi sistemi di copertura anche mobili e devono essere mantenuti integri. Con cadenza mensile l installatore deve provvedere, con proprio mezzo o affidandosi a terzi, a trasportare al Centro di raccolta Comunale i RAEE che ha raggruppato compilando il Documento di trasporto RAEE di cui all allegato II del DM 65/10. Il trasporto deve avvenire con un automezzo di portata non superiore a 3500 kg e di massa complessiva non superiore a 6000 kg. 13 Questa procedura semplificata comporta alcuni obblighi che vanno valutati, come ad esempio l obbligo di iscriversi all Albo Nazionale dei gestori ambientali, il trasporto mensile al Centro di Raccolta comunale che non sempre è in grado di ricevere i rifiuti RAEE, e anche il fatto che i Consorzi a cui spesso ci si rivolge per il ritiro dei tubi fluorescenti, svolgono il servizio di ritiro solo per quantità che nella maggioranza dei casi non si raggiungono in un mese. A tutto ciò va anche aggiunto che, come detto, non c è un chiarimento ministeriale che su cosa si deve intendere per analoghi per natura e quantità a quelli originati da nuclei domestici e di conseguenza non c è la certezza assoluta che i tubi fluorescenti provenienti da piccole attività commerciali e industriali, possano essere considerati RAEE domestici A nostro parere quindi questa procedura è consigliabile solo per chi ha pochi RAEE da smaltire mensilmente. In caso contrario conviene forse iscriversi al SISTRI e gestire i rifiuti come nel 2 esempio descritto più avanti. b) Gestione degli altri rifiuti non pericolosi per le Imprese fino a 10 dipendenti 14 Anche per la gestione degli altri rifiuti non pericolosi (ad esempio apparecchiature fuori uso, spezzoni di cavo, ecc.) non è necessario che l installatore si iscriva al SISTRI se ha fino a 10 dipendenti. Per trasportare i rifiuti non pericolosi dalla sede del cliente alla sede dell installatore è sufficiente compilare un normale Documento di Trasporto (DdT) 15 Presso la propria sede si istituisce un deposito di questi rifiuti tenendoli separati per tipologia compilando il registro di carico e scarico (conforme al modello di cui al DM 148/98), entro dieci giorni lavorativi dalla produzione o dallo scarico del rifiuto, DLgs 152/06, art.190 comma1. Per lo smaltimento conviene affidare il trasporto a ditta specializzata che sia iscritta all Albo dei gestori ambientali (categoria 2 e 4 per i rifiuti non pericolosi, cat. 5 per quelli pericolosi), in quanto in questo caso è sufficiente compilare il FIR - Formulario Identificazione Rifiuti, in quattro copie, firmato dall installatore (produttore dei rifiuti) e controfirmato dal trasportatore che dovrà restituirne una firmata dal destinatario (Impianto di smaltimento o recupero) Se i rifiuti RAEE non sono di provenienza domestica ma sono di provenienza professionale non si può applicare questa procedura semplificata ma quella descritta nel secondo esempio. 11 Per l iscrizione, che è diversa e semplificata rispetto a quella prevista dal DM 152/06, art.212, si deve presentare la domanda alla sezione regionale o provinciale di tale albo, istituita presso la Camera di Commercio industria e artigianato; per la modulistica consultare l indirizzo 12 I Fac simile degli allegati I, II del DM 65/10 sono consultabili e scaricabili all indirizzo: 13 Il conferimento dei RAEE domestici ai centri di raccolta deve avvenire senza spese per l installatore, DLgs 151/05, art.6 comma 1 14 Se l Impresa installatrice ha più di dieci dipendenti per i rifiuti non pericolosi è necessario iscriversi al SISTRI e di conseguenza questa procedura semplificata non è applicabile ed occorre applicare la procedura SISTRI anche per questa tipologia di rifiuti non pericolosi. Per la gestione dei rifiuti non pericolosi non è nemmeno necessaria l iscrizione all Albo nazionale gestori ambientali se si affida il trasporto all impianto di smaltimento a terzi. 15 Il DdT è il documento di trasporto previsto da DPR 472/96 per qualunque merce 16 Il FIR. Il Formulario Identificazione Rifiuti deve essere predisposto dall installatore sia che si affidi a terzi per il trasporto sia che lo effettui in proprio e deve essere redatto sulla base del modulo riportato nel DM 145/98. 3

4 Nel caso in cui l installatore opti per trasportare direttamente i rifiuti dalla propria sede agli impianti di smaltimento, situazione a ns. avviso sconsigliabile, è necessario, oltre a quanto sopra indicato, che si iscriva all Albo nazionale dei gestori ambientali ai sensi del DLgs 152/06, art. 212, comma 5 o comma Secondo esempio: installatore che produce rifiuti pericolosi (RAEE professionali come tubi fluorescenti, lampade ad alogenuri metallici, ecc.) e altri rifiuti non pericolosi Poiché produce rifiuti pericolosi, l installatore ha l obbligo di iscriversi al SISTRI che prevede: di eseguire il trasporto sede del cliente sede dell installatore accompagnando i rifiuti pericolosi con la scheda SISTRI-Area movimentazione, compilato a mano su modulo cartaceo (DM , art. 6 comma 8). L automezzo utilizzato non deve essere dotato di black-box. 18 nella sede dell installatore istituire un raggruppamento dei RAEE professionali con le stesse caratteristiche descritte al punto 1, compilando la scheda SISTRI Produttori area registro cronologico, utilizzando la chiavetta USB sul PC. affidare il trasporto dei RAEE professionali a terzi autorizzati ed iscritti all Albo nazionale dei gestori ambientali, ad esempio Consorzi come Ecolamp, compilando, almeno quattro ore prima del trasporto, la scheda SISTRI area movimentazione, utilizzando la chiavetta USB sul PC. 19 Nel caso in cui l installatore opti per trasportare direttamente i rifiuti dalla propria sede agli impianti di smaltimento, situazione a nostra avviso sconsigliabile, è necessario che si iscriva all Albo nazionale dei gestori ambientali ai sensi del DLgs 152/06, art. 212, comma 8, che compili la scheda SISTRI Area movimentazione e che faccia installare sul veicolo che esegue il trasporto, da una officina autorizzata, il dispositivo black-box. 2. Gestione degli altri rifiuti non pericolosi Per la gestione dei rifiuti non pericolosi se l Impresa ha più di 10 dipendenti occorre seguire il sistema SISTRI come descritto al punto 2. Fino a dieci dipendenti l installatore può scegliere se applicare le procedure previste al punto 1 b) o se seguire il sistema Sistri; visto che il sistema Sistri deve già essere applicato per i rifiuti pericolosi, questa seconda soluzione potrebbe anche essere consigliabile. La tabella allegata riassume i punti principali sopra esposti Non è necessario compilare il FIR se l installatore trasporta propri rifiuti non pericolosi all impianto di smaltimento e recupero, in modo occasionale (non più di 4 volte all anno fino a 30 kg, e comunque per non più di 100 kg all anno), DLgs 152/06, art l iscrizione all Albo nazionale gestori ambientali per il trasporto dei rifiuti non pericolosi è diversa rispetto a quella necessaria per gestire i rifiuti RAEE domestici (DM 65/10). 18 Il sistema SISTRI entrerà pienamente in vigore dal 1 giugno 2011, salvo ulteriori proroghe. 19 I rifiuti devono essere trasportati all impianto di smaltimento o recupero, a scelta, ogni tre mesi oppure quando i rifiuti in deposito raggiungono complessivamente 30 m 3 di cui al massimo 10 m 3 di rifiuti pericolosi e comunque anche se non si raggiungono tali volumi almeno una volta all anno. 4

5 Rifiuti pericolosi TABELLA RIASSUNTIVA 1) Rifiuti pericolosi RAEE domestici e assimilati: tubi fluorescenti e lampade fluorescenti compatte DM senza obbligo di iscrizione al SISTRI RAEE domestici RAEE di aziende industriali o commerciali assimilati ai domestici per natura e quantità Documento di trasporto RAEE di cui all allegato II del DM 65/10 Registrazione RAEE domestici su uno schedario di carico e scarico, numerato progressivamente e conforme al modello di cui all allegato I, DM 65/10 Raggruppamento dei RAEE separati dagli altri rifiuti non pericolosi (l area del raggruppamento deve essere pavimentata e non accessibile a terzi e i RAEE devono essere protetti dalle acque meteoriche e dal vento a mezzo di appositi sistemi di copertura anche mobili e devono essere mantenuti integri) oppure di ditta autorizzata Documento di trasporto RAEE di cui all allegato II del DM 65/10 Centro di raccolta comunale Con cadenza mensile l installatore deve provvedere a trasportare al Centro di raccolta Comunale i RAEE che ha raggruppato Il trasporto deve avvenire con un automezzo di portata non superiore a 3500 kg e di massa complessiva non superiore a 6000 kg 2) Rifiuti pericolosi professionali, quali i RAEE che per natura e quantità non possono essere assimilati ai RAEE domestici OBBLIGO DI ISCRIZIONE AL SISTRI (non è necessaria la BLACK-BOX) Compilare manualmente la scheda SISTRI-Area movimentazione Compilare la Scheda SISTRI produttori area registro cronologico, utilizzando la chiavetta USB sul PC. Raggruppamento dei rifiuti pericolosi separati per categorie omogenee garantendo l integrità dei singoli componenti (l area del raggruppamento deve essere pavimentata e non accessibile a terzi e i rifiuti devono essere protetti dalle acque meteoriche e dal vento a mezzo di appositi sistemi di copertura anche mobili) Impianto di smaltimento o recupero Trasporto a cura di ditte autorizzate e iscritte all Albo dei gestori ambientali, ad esempio consorzi all uopo costituiti come ad esempio ECOLAMP, compilando la scheda SISTRI Area movimentazione utilizzando la chiavetta USB sul PC. Trasporto a con mezzo proprio, occorre: l iscrizione all Albo nazionale dei gestori ambientali ai sensi del DLgs 152/06, art. 212, comma 8; compilazione della scheda SISTRI Area movimentazione come sopra veicolo con dispositivo BLACK-BOX installato da un officina autorizzata. Rifiuti non pericolosi -per Imprese fino a 10 dipendenti. (Le Imprese con più di 10 dipendenti devono gestire anche i rifiuti non pericolosi con il SISTRI (vedasi il punto 2). Le imprese con meno di 10 dipendenti iscritte al SISTRI possono invece scegliere se gestirli col SISTRI o con questa procedura Normale documento di trasporto (DdT) Presso la propria sede si istituisce un deposito di questi rifiuti tenendoli separati per tipologia e compilando il registro di carico e scarico (conforme al modello di cui al DM 148/98) entro 10 giorni dalla produzione o dallo scarico del rifiuto Impianto di smaltimento o recupero Trasporto a cura di ditta specializzata: è sufficiente compilare il FIR-Formulario Identificazione Rifiuti (conforme al modello di cui al DM 148/98) in quattro copie Trasporto con mezzo proprio: oltre a qunato sopra è necessaria l iscrizione all Albo nazionale dei gestori ambientali ai sensi del DLgs 152/06, art. 212, comma 8 5

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E IL MINISTRO DELLA SALUTE REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERA

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) Descrizione 200121* Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio 200123* Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi

Dettagli

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Il quadro Legislativo ed operativo Decreto n 15 del 25 Luglio 2005 Decreto n 152 del 3 Aprile 2006 Decreto n

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE PER I DISTRIBUTORI E GLI INSTALLATORI O I GESTORI DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA Applicazione del Decreto 8 marzo 2010, n. 65. Regolamento recante modalità semplificate

Dettagli

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4 SETTEMBRE 2010 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori 4 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione,

Dettagli

(Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2010 ) ---------------------------------------------------------------------------

(Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2010 ) --------------------------------------------------------------------------- DM 8 marzo 2010, n. 65 Regolamento recante modalita' semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature

Dettagli

Decreto 8 marzo 2010, n. 65

Decreto 8 marzo 2010, n. 65 Decreto 8 marzo 2010, n. 65 Regolamento recante modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature

Dettagli

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRINCIPALMENTE GESTITE - RAEE, RIFIUTI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE

CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE NOVI LIGURE (Consorzio obbligatorio unico di Bacino ai sensi della L.R. 24.10.2002, n. 24) RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

DECRETO 8 marzo 2010, n. 65

DECRETO 8 marzo 2010, n. 65 DECRETO 8 marzo 2010, n. 65 Regolamento recante modalita' semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature

Dettagli

Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1.

Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1. Introduzione Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1. Scopo principale del Decreto è quello di istituire una

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1 GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttive Europee: 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 Decreto Ministeriale 08 marzo 2010, n. 65 Modalità

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Roma, 14 giugno 2010 Uff.-Prot.n UE.AA 9864/250/F7/PE Oggetto: RAEE Rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche. Decreto

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE) CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI (R.A.E.E.) PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

Uno contro Uno. Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65. Milano Fiera Milano City SMAU 2010. www.unocontrouno.it

Uno contro Uno. Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65. Milano Fiera Milano City SMAU 2010. www.unocontrouno.it Uno contro Uno www.unocontrouno.it Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65 Milano Fiera Milano City SMAU 2010 IL NUOVO DECRETO DM 65 dell' 8 marzo 2010 Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2010 Sancisce

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013.

Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa. Ambiente MUD 2014. Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. 33 Circolare n. 20 del 15/04/2014 FC-fa Ambiente MUD 2014 Approvato il modello di dichiarazione ambientale per l anno 2013. E stato pubblicato sulla G.U. del 27/12/2013 n. 302, Supplemento Ordinario n.

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 8 marzo 2010, n. 65 Regolamento recante modalita' semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 DIRIGENTE Ing. Giuseppe Colajanni Tel. +039.0935/521213- Fax +039.0935/504287 E-mail: giuseppe.colajanni@provincia.enna.it

Dettagli

Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi

Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi PERIODICO INFORMATIVO N. 32/2010 Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi Con il Decreto n. 65 dell 8 marzo 2010 pubblicato nella G.U. del 4 maggio 2010, sono state definite

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI

COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Bologna 29 gennaio 2010 CIRCOLARE 33 - AREA AMBIENTE SISTRI Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei Rifiuti COS E E PERCHE NASCE IL SISTEMA SISTRI Con il Decreto del 17 dicembre 2010 il

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Dm Ambiente 8 marzo 2010, n. 65 Gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) - Modalità semplificate

Dm Ambiente 8 marzo 2010, n. 65 Gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) - Modalità semplificate Dm Ambiente 8 marzo 2010, n. 65 Gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) - Modalità semplificate Testo vigente oggi 05-11-2010 Ministero dell'ambiente e della tutela del

Dettagli

SISTRI. Istruzioni per l uso

SISTRI. Istruzioni per l uso SISTRI SISTRI Istruzioni per l uso 24 maggio TRENTO 25 maggio RIVA DEL GARDA Corso preparato e gestito da SEA spa Cos è il SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti Nasce nel 2009 su

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/85/CR5/C5-C7 APPLICAZIONE SISTRI IN MATERIA DI RIFIUTI SANITARI La gestione dei rifiuti sanitari attraverso il sistema SISTRI ha evidenziato una serie

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

Come gestire i RAEE con il ritiro 1 contro 1

Come gestire i RAEE con il ritiro 1 contro 1 Come gestire i RAEE con il ritiro 1 contro 1 Le soluzioni maggiormente utilizzate e le possibilità. Milano, 14 Ottobre 2015 Salvatore Albanese Consorzio Remedia Primo elemento da affrontare per integrare

Dettagli

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001

Reati Ambientali D.Lgs 231/2001 14 dicembre 2011 1 Indice Modalità commissione reati 03 Mappatura dei rischi ambientali 04 Produzione 06 Deposito Temporaneo 07 Stoccaggio 08 Trasporto 09 Riutilizzo 11 Destinatari 12 2 MODALITA DI COMMISSIONE

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

Nuovo Elenco dei rifiuti

Nuovo Elenco dei rifiuti Nuovo Elenco dei rifiuti Il 18 dicembre 2014 la Commissione europea ha emanato la decisione 2014/955/UE che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all elenco europeo dei rifiuti ai sensi della direttiva

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

Nuova normativa RAEE Adempimenti e Facoltà per il Distributore al dettaglio di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Nuova normativa RAEE Adempimenti e Facoltà per il Distributore al dettaglio di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Nuova normativa RAEE Adempimenti e Facoltà per il Distributore al dettaglio di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Avv. Davide Rossi Studio Legale DDR Trust 1580 Punti Vendita 21.500 Addetti 9,

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE Leonarda Troiano Settore Consulenza Gestione Rifiuti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RAEE Le Università producono rifiuti da

Dettagli

RITIRARE. www.easyraee.it I RAEE DIVENTA PIU FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

RITIRARE. www.easyraee.it I RAEE DIVENTA PIU FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno RITIRARE I RAEE www.easyraee.it DIVENTA PIU FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Gli obblighi del punto vendita

Gli obblighi del punto vendita Il Decreto Legislativo 14 Marzo 2014 n. 49, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 Marzo 2014 introduce alcune modifiche alla normativa vigente in materia di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche

Dettagli

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali.

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali. RAEE professionali 4_Servizi RAEE professionali. Servizi RAEE professionali. Indice 1. cosa sono i RAEE 2. i raggruppamenti RAEE 3. RAEE professionali: definizione e casi pratici 4. gli obblighi del produttore

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014

SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 SISTRI COSA FARE PRIMA DELL AVVIO AL 3 MARZO 2014 Che cos è SISTRI??? Sistri è il Sistema informatico di Controllo per la Tracciabilità dei rifiuti che il Ministero dell Ambiente ha istituito e che cambia

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere Network sviluppo sostenibile Il ritorno del Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta Paolo Pipere Responsabile Servizio Adempimenti Ambientali Camera di Commercio di Milano Segretario Sezione

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende. Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Il SISTRI e la gestione dei rifiuti: ultimi sviluppi e obblighi per le aziende Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Lube day 28 marzo 2014 Il quadro normativo Norme e documenti

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it FAQ SISTRI AGGIORNATE AL 22 NOVEMBRE 2013 dispositivo USB Azienda di trasporto non funzionante [rif. FAQ-101]

Dettagli

TARGET OBIETTIVO SICUREZZA

TARGET OBIETTIVO SICUREZZA TARGET OBIETTIVO SICUREZZA NEWSLETTER MENSILE DI GRUPPO SICURA n. 29 GENNAIO 2010 OBIETTIVO SICUREZZA IN QUESTO NUMERO: BENVENUTO 2010 P. 1 BULLSEYE: addestramento antincendio con estintore laser PROGETTO

Dettagli

La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA

La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA IL PROGETTO DELLA SEZIONE REGIONALE ALBO TOSCANA "Tesori da recuperaree

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

FONDAZIONE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi Sala della Pace - Palazzo Valentini Provincia di Roma 26 aprile 2010 1 Il sistema SISTRI: problemi attuativi e normativi

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in convenzione Andrea M. Lanz Premessa (1/4) La Comunicazione Rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione (composta dalle Schede RU

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI

GESTIONE RIFIUTI: SISTRI CATEGORIA PRODUTTORI GESTIONE RIFIUTI: - - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 152/2006 e smi Parte IV DM, Manuale e Circolari SISTRI - Destinatari: Servizio HSE aziendale - Consulenti - Revisione Documento Informativo:

Dettagli

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it Vengono prodotti dei Rifiuti in ambito Abbiamo in azienda un certo numero di apparecchiature elettriche ed elettroniche, obsolete, rovinate, invendibili,

Dettagli

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI

AZIENDA Loro Sede SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SPECIALI Spett.le AZIENDA Loro Sede Trento, 01/02/2016 Oggetto: MUD 2016 - modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2016. Termine per aderire al servizio: 11/03/2016. È stato pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

DOMANDA DI CONVENZIONE

DOMANDA DI CONVENZIONE Allegato B DOMANDA DI CONVENZIONE Per il conferimento di rifiuti assimilati agli urbani presso il centro di raccolta di L anno il giorno.. del mese di.. il Sig. Codice Fiscale.. nato a. Provincia di..

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

Ciclo del recupero :

Ciclo del recupero : AZIENZA PRODUTTRICE, luogo di produzione rifiuti Destinati al recupero Ciclo del recupero : Deve essere applicata la disciplina del deposito temporaneo o stoccaggio dei rifiuti REGISTRI - SISTRI Deve essere

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

D.M. 25 maggio 2012, n. 141 Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto il Regolamento recante istituzione

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti.

Ambiente. Mud 2013. Approfondimenti. 11 Circolare n. 04 del 29/01/2013 FC-fa Ambiente Mud 2013 Approfondimenti. Il DPCM 20 dicembre 2012 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2013 ha abrogato e sostituito il

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

Le esperienze delle PMI relative a società di servizi energetici e di smaltimento di corpi illuminanti

Le esperienze delle PMI relative a società di servizi energetici e di smaltimento di corpi illuminanti Le esperienze delle PMI relative a società di servizi energetici e di smaltimento di corpi illuminanti Ing. Gabriele MUZIO (Responsabile Servizio Tecnico API Torino Direttore Operativo APIRAEE Contenuti

Dettagli

Presentazione alla CCIA I A

Presentazione alla CCIA I A Presentazione alla CCIAA 1 Compilazione Produttori Chi Cosa Come Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

La gestione dei rifiuti

La gestione dei rifiuti La gestione dei rifiuti Ferrara, Hera S.p.A. Divisione Ambiente 1 La normativa di riferimento La principale normativa di riferimento : il decreto legislativo 152/2006 Norme in materia ambientale Parte

Dettagli

Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)?

Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)? Prevenire è meglio Lo sapevi che tutte le partite IVA sono tenute a smaltire i rifiuti esausti da stampa informatica (toner, inkjet, nastri a impatto)? Lo sapevi che le sanzioni partono da 1.600 euro con

Dettagli

Come faccio a riconoscere se un prodotto elettrico ed elettronico deve essere raccolto in maniera differenziata?

Come faccio a riconoscere se un prodotto elettrico ed elettronico deve essere raccolto in maniera differenziata? FAQ Che cosa sono i RAEE? RAEE è l acronimo di Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. I RAEE sono i rifiuti che derivano da tutte le apparecchiature che dipendono, per un corretto funzionamento,

Dettagli

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 29/09/2015 Pag. 1 di 6

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli