Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a COGNOME... NOME...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a. 2009 2010 COGNOME... NOME..."

Transcript

1 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a Fila A COGNOME... NOME... DATA ) Un corpo di massa m0.3 Kg si trova alla sommità di un piano inclinato (θ 30 ) lungo 20 cm. Ad un certo istante il corpo viene lasciato andare, percorre tutto il piano inclinato e va a fermarsi contro una molla posizionata alla base del piano inclinato. Sapendo che la molla viene compressa di 2.7 cm., trascurando ogni forma di attrito, calcolare la costante elastica della molla. Punteggio 4 punti 2) Un automobile di massa M 1000 kg viaggia su una strada rettilinea orizzontale alla velocità v km/h. Calcolare: a) quale deve essere la forza di attrito fra pneumatici ed asfalto affinché lo spazio di frenata dell auto sia d 100 m b) quanto vale il coefficiente d attrito c) il lavoro fatto dalla forza d attrito Punteggio 9 punti 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata di 5 cm 3 /s. Il tubo A ha raggio 1 cm (ed è lungo 5 m) mentre il tubo B ha raggio 2 mm (ed è lungo 10 m). Trascurando la viscosità dell'acqua calcolare: a) le velocità nei tubi A e B. b) la differenza di pressione fra l'inizio del tubo A e la fine del tubo B Assumendo invece la viscosità dell acqua η 10-3 Pa s dire in quale dei due tratti si fa sentire maggiormente l effetto dell attrito, motivare la risposta e calcolare la caduta di pressione dovuta alla viscosità del fluido confrontandola con la caduta di pressione calcolata al punto b). Punteggio 12 punti Domande 4) Illustrare il funzionamento dello sfigmomanometro per la misura della pressione arteriosa. 5) Legge di Stokes e processi di sedimentazione per gravitazione o in una centrifuga: illustrare e dimostrare l espressione della velocità di sedimentazione per una sferetta Punteggio 4 +4 punti

2 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a Fila B COGNOME... NOME... DATA ) Un corpo di massa m0.1 Kg si trova in fondo ad un piano inclinato con θ 30. Il corpo viene tenuto contro una molla di costante elastica K 400 N/m compressa di 2.7 cm. Ad un certo istante il corpo viene lasciato andare: trascurando ogni forma di attrito, calcolare lo spazio percorso lungo il piano inclinato prima di fermarsi. Punteggio 4 punti 2) Una palla di massa m 0.2 kg viene lanciata verticalmente verso l alto imprimendogli una forza impulsiva costante per t 0.1 s. La palla arriva a quota h 10 m e poi comincia a ricadere al suolo. Nell ipotesi di trascurare la resistenza dell aria, calcolare la velocità iniziale impressa alla palla e il valore della forza applicata ad essa. Approssimando, invece, la forza di attrito dell aria ad una forza costante f a 1N durante tutto il moto, calcolare l altezza a cui arriverebbe la stessa palla, lanciata con la stessa velocità. Punteggio 9 punti 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata di 5 cm 3 /s. Il tubo A ha raggio 1 cm (ed è lungo 5 m) mentre il tubo B ha raggio 2 mm (ed è lungo 10 m). Trascurando la viscosità dell'acqua calcolare: a) le velocità nei tubi A e B. b) la differenza di pressione fra l'inizio del tubo A e la fine del tubo B Assumendo invece la viscosità dell acqua η 10-3 Pa s dire in quale dei due tratti si fa sentire maggiormente l effetto dell attrito, motivare la risposta e calcolare la caduta di pressione dovuta alla viscosità del fluido confrontandola con la caduta di pressione calcolata al punto b). Punteggio 12 punti Domande 4) Fenomeni di capillarità: spiegare, illustrare e dimostrare la legge di Jurin. 5) Illustrare il funzionamento dello sfigmomanometro per la misura della pressione arteriosa Punteggio 4 +4 punti

3 SOLUZIONI comp Fila A 1) Un corpo di massa m0.3 Kg si trova alla sommità. Punteggio 4 punti ½ K x 2 mgh K 2mgh/x N/m dove h Lsenθ 10 cm 2) Un automobile di massa M 1000 kg viaggia su una strada. Punteggio 9 punti v km/h 27.8 m/s a) f a Ma l accelerazione si ricava da v 2 v ad a v 0 2 /2d 3.86 m/s 2 quindi f a Ma 3860 N b) f a µn, dove N Mg, per cui µ f a /N 0.39 c) L f a d cos180 - f a d 386x10 3 J oppure: L fa K - ½ mv ½ 10 3 (27.8) J 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata.. Punteggio 12 punti a) conoscendo la portata posso ricavare le due velocità richieste: Q v A S A v B S B b) Si tratta di un fluido ideale: dal Teorema di Bernoulli (tubo orizzontale h A h B ) p A + ½ρv A 2 p B + ½ρv B 2 P A -P B 80 Pa Tenendo conto della viscosità dell'acqua, la caduta di pressione fra A e B, per la legge di Poiseuille, sarebbe aumentata dei fattori Considerando che L 2 2 L 1 e r 2 1/5 r 1 L2 2L L r ( 1 r ) r1 3 8η L p Q πr π 2 3 ( 2 10 ) il primo termine è trascurabile rispetto al secondo, pertanto 3 Pa rispetto a cui anche la caduta di pressione dovuta al restringimento del tubo, calcolata in precedenza con il teorema di Bernouilli, diventa trascurabile.

4 Fila B 1) Un corpo di massa m0.1 Kg si trova in fondo ad un piano. Punteggio 4 punti ½ K x 2 mgh h 14.9 cm L h/senθ 29.8 cm 2) Una palla di massa m 0.2 kg viene lanciata verticalmente Punteggio 9 punti Forze conservative quindi posso applicare conservazione dell energia meccanica: ½ mv 2 i + mgh i ½ mv 2 f + mgh f che assumendo h i 0 diventa ½ mv 2 i mgh f da cui si ricava v i 14 m/s Poiché F t m(v f -v i ) con v f 0, si ottiene F mv i / t 28 N L fa (½ mv 2 f + mgh f ) (½ mv 2 i + mgh i ) con h i 0 sostituendo L fa -f a h' f si ricava h' f 6.6 m 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata di 5 cm 3 /s. Il tubo A ha raggio 1 cm (ed è lungo 5 m) mentre il tubo B Punteggio 12 punti

5 DATA Fila A 1) Una superficie sferica conduttrice di raggio R10 cm, possiede una carica positiva Q 1, C. Un elettrone si trova inizialmente in un punto A ad una distanza d40cm dalla superficie della sfera ed è dotato di una velocità v m/s diretta verso il centro della sfera. Descrivere quello che succede e calcolare (m e Kg): a. Il valore del potenziale nel punto A; b. La velocità dell elettrone un attimo prima di urtare la superficie della sfera; c. Il campo elettrico e il potenziale nel punto P ad una distanza di 5 cm dal centro della sfera Punteggio 9 punti ) Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una scarica elettrica controllata ad un paziente per interrompere un aritmia cardiaca. Supponiamo di avere un defibrillatore che utilizzi un condensatore di C70 µf e che venga caricato utilizzando una differenza di potenziale di 3000 V. Calcolare: a) l energia elettrostatica immagazzinata nel condensatore del defibrillatore nella fase di carica. Successivamente nella fase di scarica, assumendo che venga utilizzata metà di questa energia e che venga scaricata in 5 msec, calcolare: b) la potenza fornita e c) la corrente prodotta. Punteggio 6 punti 3) Una lente sottile biconvessa ha raggi di curvatura R 1 R 2 10 cm. Ponendo un oggetto a distanza p 4.55 cm dal centro della lente si osserva un immagine virtuale a sinistra della lente a distanza q 2p. Determinare: a) la distanza focale f b) il potere diottrico c) l indice di rifrazione del vetro di cui è fatta la lente s Punteggio 6 punti 4) Consideriamo l occhio umano in una situazione in cui il diametro della pupilla è 5 mm e la luce presente nell ambiente in cui ci troviamo ha una lunghezza d onda λ580 nm. Sapendo che l indice di rifrazione dell occhio è 1.33, calcolare: a) l angolo di risoluzione dell occhio; b) la massima distanza L a cui è possibile distinguere un capello dello spessore s 0.07 mm Punteggio 4 punti DOMANDE 5) Strumenti ottici: macchina fotografica e proiettore. Discutere analogie e differenze, fare la costruzione dell immagine nei due casi e dimostrare che l ingrandimento nel caso del proiettore di diapositive è maggiore di 1 6) Moto di una carica in un campo magnetico L

6 DATA Fila B 1) Una bobina di N 10 spire e' posta in un elettromagnete il cui campo, partendo da zero, aumenta fino a raggiungere il valore Bo 1 T in un tempo t 10 sec. La bobina ha un'area di 100 cm 2, una resistenza R 0,5 Ω, ed e' orientata perpendicolarmente al campo magnetico. Si calcoli: a) la f.e.m. media indotta nella bobina; b) la corrente indotta nella bobina c) l'energia totale dissipata nel filo nell intervallo di tempo t. Punteggio 9 punti 2) Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una scarica elettrica controllata ad un paziente per interrompere un aritmia cardiaca. Supponiamo di avere un defibrillatore che utilizzi un condensatore di C70 µf e che venga caricato utilizzando una differenza di potenziale di 3000 V. Calcolare: a) l energia elettrostatica immagazzinata nel condensatore del defibrillatore nella fase di carica. Successivamente nella fase di scarica, sapendo che utilizzando metà di questa energia la corrente prodotta è di 10 A, calcolare: b) la potenza fornita e c) l intervallo di tempo t in cui questa energia viene scaricata Punteggio 9 punti 3) Una lente sottile convergente di raggi di curvatura R 1 R 2 40 cm fornisce, di un oggetto posto a distanza p 40 cm, un immagine alla distanza q 4 m. Determinare: a) la distanza focale f b) il potere diottrico c) l indice di rifrazione del vetro di cui è fatta la lente Punteggio 6 punti d 4) Consideriamo l occhio umano in una situazione in cui il diametro della pupilla è 5 mm e la luce presente nell ambiente in cui ci troviamo ha una lunghezza d onda λ580 nm. Sapendo che l indice di rifrazione dell occhio è 1.33, calcolare: a) l angolo di risoluzione dell occhio; b) la minima dimensione d che è possibile distinguere da una distanza L50 cm Punteggio 4 punti L DOMANDE 5) Strumenti ottici: la lente d ingrandimento in relazione all occhio umano. Mostrare come si forma l immagine e indicarne le caratteristiche. Dimostrare che l ingrandimento massimo di una lente d ingrandimento dipende solo dalla sua lunghezza focale. 6) Definizione di capacità di un condensatore. Dimostrare che la capacità di un condensatore sferico di raggi b>a è data da 4πε 0 a b/(b-a)

7 SOLUZIONI comp Fila A 1) Una superficie sferica conduttrice di raggio R10 cm, possiede. Punteggio 9 punti a) V A KQ/d V b) Indicando con B il punto sulla superficie della sfera dove arriva l elettrone V B KQ/R V La forza elettrostatica è conservativa per cui: K A +U A K B +U B K B - K A U A -U B ½ m v B 2 - ½ m v A 2 q(v A -V B ) v B m/s dove q C è la carica dell elettrone c) Il punto P è interno alla superficie sferica E(P) 0 V(P) V(B) 2 )Il defibrillatore é un dispositivo in grado di Punteggio 6 punti a) U ½ C V J Se ne scarica 1/2 a volta con impulsi di 5 m s b) P U /2t 31.5 k W c) P IV I P/V 10.5 A 3) Una lente sottile sottile biconvessa ha raggi di curvatura. Punteggio 6 punti a) 1/f 1/p + 1/(-2p) da cui si ricava f 9.1 cm b) D 1/f (con f espresso in metri) 10.9 diottrie c) da 1/p + 1/(-2p) (n 1)2/R si ricava n R/4p ) Consideriamo l occhio umano in una situazione.. Punteggio 4 punti s θ 1.22 λ/nd / ( ) rad s Lθ L s/θ 66 cm L

8 Fila B 1)Una bobina di N 10 spire e' posta in un elettromagnete.. Punteggio 9 punti a) Ε NB 0 S / t 10-2 V b) I E / R 20 ma c) En i 2 R t 2 mj 2) Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una Punteggio 6 punti a) U ½ C V J b) P I V W Se si scarica 1/2 a volta con impulsi di t c) P U /2 t t U/ 2 P 5.25 msec 3) Una lente sottile convergente di raggi di curvatura R 1 R 2 40 cm.. Punteggio 6 punti a) da 1/f 1/p + 1/q si ottiene f 36.4 cm b) D 1/f (con f espresso in metri) 2.7 diottrie c) 1/f (n-1)2/r da cui si ottiene n R/2f ) Consideriamo l occhio umano in una situazione in cui il Punteggio 4 punti d a) θ 1.22 λ/nd / ( ) rad b) d Lθ m L

9 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a Fila A COGNOME... NOME... DATA ) Un thermos isolato contiene 130 g di caffè caldo, alla temperatura di 80 C. Per raffreddare il caffè viene aggiunto all interno del thermos un cubetto di ghiaccio di massa 12g tolto da una cella frigorifera alla temperatura di -10 C. Determinare la condizione di equilibrio finale e la variazione di entropia dell universo. Trattare il caffè come se fosse acqua pura e trascurare gli scambi termici con l ambiente circostante. Assumere come valori per i calori specifici e il calore latente: c acqua 4190 J/ kg K, c ghiaccio 2220 J/kgK, λ f 333 kj/kg Punteggio: 12 punti 2) Una centrale elettrica usa una macchina termica che assorbe vapore acqueo riscaldato a 550 C (prodotto da combustibili fossili o reattori nucleari) per far girare una turbina e poi scarica il calore residuo condensando il vapore con l acqua di raffreddamento di un lago a 25 C. a) Qual é il massimo rendimento possibile per questa centrale? b) Se l efficienza fosse proprio quella massima, e si richiede di fornire una potenza utile di 300 MW, quanta energia al secondo deve arrivare dalla sorgente a temperatura maggiore? c) Quanta energia al secondo viene immessa nel lago? 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1 atm e volume V litri è riscaldata isocoricamente fino alla pressione p 1 2 p 0 e successivamente riscaldata isobaricamente fino al volume V 2 2V 0. Supponendo le due trasformazioni reversibili, si rappresentino le trasformazioni in un piano (V,p) e si calcoli: a) la quantità di calore assorbita dal gas; b) la variazione di energia interna del gas; c) il lavoro compiuto dal gas. Domande: Punteggio 9 punti 4) Illustrare e dimostrare la relazione di Mayer per i gas perfetti 5) Disuguaglianza di Clausius e funzione di stato Entropia 6) Potenziali termodinamici

10 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a COGNOME... NOME... Fila B DATA ) In un recipiente a pareti adiabatiche è contenuto mezzo Kg di paraffina alla temperatura di 20 C. Nel recipiente viene versato un chilo di acqua a 100 C. Determinare la condizione di equilibrio finale e la variazione di entropia dell universo. Assumere come valori per la paraffina: calore latente di fusione 35 cal/g temperatura di fusione 55 C calori specifici: solida 0.42 cal/g C liquida 0.52 cal/g C Punteggio: 12 punti 2) Una centrale elettrica produce 500 MW di potenza elettrica. Per fare questo usa una macchina termica che assorbe calore a 327 C (prodotto da combustibili fossili o reattori nucleari) e scarica il calore residuo nell ambiente a 27 C. La macchina ha un rendimento che e il 60% di una macchina di Carnot ideale. Determinare: Il rendimento della macchina termica Quanto calore al secondo la centrale preleva dal termostato caldo; Quanto ne rilascia nell ambiente a 27 C. 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1atm e temperatura T K è riscaldata isobaricamente fino al volume V 1 2V 0 e successivamente riscaldata isocoricamente fino alla pressione p 2 2 p 0. Supponendo le due trasformazioni reversibili, si rappresentino le trasformazioni in un piano (V,p) e si calcoli: a) la quantità di calore assorbita dal gas; b) la variazione di energia interna del gas; c) il lavoro compiuto dal gas. Domande: Punteggio 9 punti 4) Variazione di entropia per un gas perfetto: illustrare come si calcola e dimostrare la formula 5) Il primo principio della termodinamica 6) Potenziali termodinamici

11 Fila A SOLUZIONI comp ) Un thermos isolato contiene 130 g di caffè caldo, alla Punteggio: 12 punti Il ghiaccio subirà le seguenti trasformazioni Riscaldamento da -10 C a 0 C Q 1 m ghiaccio c ghiaccio (0 C-T i-ghiaccio ) (0+10) J Fusione a 0 C Q 2 m ghiaccio λ f J VERIFICA: Q MAX m caffè c acqua (0 C-80 C) (-80) J Q MAX >(Q1 + Q2) tutto il ghiaccio si scioglie e si scalda fino a T f assorbendo Q 3 m ghiaccio c acqua (T f -T 0 ) Il caffè, invece, subirà la seguente trasformazione Raffreddamento da 80 C alla temperatura finale, cedendo Q 4 m caffè c acqua (T f -Ti caffè ) Q + Q + Q + Q 0 da cui si ricava la temperatura di equilibrio T f mcaffècacquaticaffè + mghiacciocacquat0 C Q1 Q2 T f 66 C 339 K m c + m c caffè acqua ghiaccio acqua Per la variazione di entropia dell universo, indicando con: Ti caffe 353K e Ti ghiaccio 263 K e T f 339 K Tf S m c J caffè caffè acqua ln Ti K caffè 273 Q S m c m c ( ) J J gh gh ln + + gh acqua ln K S J univ K ghiaccio 2) Una centrale elettrica usa una macchina termica che assorbe vapore acqueo riscaldato a 550 C (prodotto da combustibili fossili o reattori nucleari) per far girare una turbina.. T1 823 K T2 298 K L/t W 1) Rendimento di Carnot 1-T2/T η L/Q1 calore assorbito in un secondo Q1L/η 470 MW 2) Calore rilasciato nell ambiente al secondo Q2 Q1-L ( ) MW 170 MW K

12 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1 atm e volume V litri è riscaldata.. Stato 0 Stato 1 Stato 2 p 0 1 atm p 1 2p 0 p 2 2p 0 T K T 1 2T 0 T 2 4T 0 V litri V 1 V 0 V 2 2V 0 Q Q 01 +Q 12 nc v (T 1 -T 0 )+nc p (T 2 -T 1 ) 3/2R T 0 +5/2R 2 T 0 11/2RT kj U nc v (T 2 -T 0 ) 11.2 kj L L 12 2p 0 (V 2 - V 1 ) 2p 0 V litri atm~ 5 kj Fila B 1) In un recipiente a pareti adiabatiche è contenuto mezzo Kg di paraffina alla temperatura di 20 C. Nel recipiente viene versato un chilo di acqua a 100 C. Determinare la C Punteggio: 12 punti La paraffina subirà le seguenti trasformazioni Riscaldamento da 20 C a 55 C Q 1 m p c p-solida (55 C-20 C) (25) 6500 cal Fusione a 55 C Q 2 m p λ f cal VERIFICA: Q MAX m acqua c acqua (0 C-100 C) (-100) cal cal Q MAX >(Q1 + Q2) tutto la paraffina si scioglie e si scalda fino a T f assorbendo Q 3 m p c p-liquida (T f -55 C) L acqua, invece, subirà la seguente trasformazione Raffreddamento da 100 C alla temperatura finale, cedendo Q 4 m acqua c acqua (T f -Ti acqua ) Q + Q + Q + Q 0 da cui si ricava la temperatura di equilibrio T f macquacacquati acqua + m pc p liquidat55 C Q1 Q2 T f 71 C 344 K m c + m c acqua acqua p p liquida Per la variazione di entropia dell universo, indicando con: Ti acqua 373 K, Ti paraffina 293 K e T fusione-p 328 K e T f 344 K Tf S m c cal acqua acqua ln Ti asqua acqua K 328 Q S m c m c p p sol ln + + p p liq ln ( ) cal K cal K S cal univ 8. 6 K

13 2) 1) Una centrale elettrica produce 500 MW di potenza elettrica. Per fare questo T1 600 K T2 300 K L/t W 1) Rendimento di Carnot 1-T2/T1 0.5 rendimento η 0.5* η L/Q1 calore assorbito in un secondo Q1L/η 1666 MW 2) Calore rilasciato nell ambiente al secondo Q2 Q1-L ( ) MW 1166 MW 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1atm e temperatura T K è riscaldata isobaricamente fino al volume V 1 2V 0 e successivamente riscaldata isocoricamente fino alla pressione p 2 2 p 0. Supponendo le due trasformazioni reversibili, si rappresentino le trasformazioni in un piano (V,p) e si calcoli: a) la quantità di calore assorbita dal gas; b) la variazione di energia interna del gas; c) il lavoro compiuto dal gas. Stato 0 Stato 1 Stato 2 p 0 1 atm p 1 p 0 p 2 2p 0 T K T 1 2T 0 T 2 4T 0 p 2 V litri V 1 2V 0 V 2 2V 0 Q Q 01 +Q 12 nc p (T 1 -T 0 )+nc v (T 2 -T 1 ) 5/2R T 0 +3/2R 2 T 0 11/2RT kj U nc v (T 2 -T 0 ) 11.2 kj L L 01 p 0 (V 1 -V 0 ) p 0 V litri atm 2.5 kj 0 1 V

14 R 1 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A+B a.a COGNOME... NOME... DATA Per chi fa lo scritto totale M1 + EM1 + EM2 + T1 punteggio: 12 domande x 3 Recupero di Meccanica M1) In un cantiere, una chiave inglese sfuggita di mano arriva a terra alla velocità v24 m/s. Assumendo nulla la velocità iniziale e trascurando l attrito dell aria, calcolare: a) da che altezza h è caduta; b) la durata del volo. Ripetere il calcolo considerando l attrito dell aria equivalente ad una forza di 0.6 N costante su tutto il tragitto h e assumendo uguale a 500g la massa della chiave inglese (sempre con v 0 0) Punteggio: 12 punti M2) Una sfera di raggio R1 cm e densità ρ0.9 g/cm 3 è ancorata mediante una fune in fondo ad una piscina piena di acqua. Descrivere le forze che agiscono sulla sfera e calcolare la tensione della fune. Successivamente la fune viene tagliata e la sfera è lasciata libera di muoversi. Sapendo che la sfera raggiunge una velocità limite dopo un percorso pari a 4 m, descrivere il moto della sfera e le forze presenti e calcolare (viscosità dell acqua 10-2 P): a) la velocità limite; b) la variazione di energia meccanica e il lavoro fatto dalla spinta di Archimede nel tratto di 4 metri Punteggio: 14 punti M3) Teorema di Bernoulli e applicazioni M4) Lavoro di una forza: discutere vari casi e fare degli esempi Punteggio: 8 punti Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) Due fili di lunghezza l1 m paralleli posti alla distanza d2 cm sono percorsi da una corrente I3 A. Le due correnti circolano in direzione opposta. Calcolare: a) il modulo e la direzione della forza esercitata fra i due fili; b) l intensità del campo magnetico nel punto A che si trova in mezzo ai due fili; c) la forza che subisce un elettrone che passa nel punto A con velocità v10 5 m/s perpendicolare al piano dove giacciono i due fili. Punteggio: 10 punti EM2) Data una lente sottile convergente ed un oggetto posto ad una distanza p, discutere come si forma l immagine a seconda del valore di p rispetto a f, fare un esempio e rappresentare graficamente la situazione. Punteggio: 5 punti

15 EM3) Nel circuito in figura il generatore ha una f.e.m. ε100 V, le resistenze valgono R Ω, R Ω, ed i condensatori hanno capacità C 1 3 µf e R 1 a R 2 C 2 47 µf. In condizioni di regime stazionario, calcolare: a) la corrente erogata dal generatore; b) la differenza di potenziale tra i punto a e b del circuito; c) la carica totale sui due condensatori. R 2 Punteggio: 10 punti C 1 C 2 EM4) Energia associata al campo elettrico e magnetico: descrivere e discutere qualche esempio Punteggio: 4 punti b EM5) Definizione di flusso di B attraverso una superficie e legge dell induzione di Faraday- Neumann Punteggio: 4 punti Recupero di Termodinamica T1) Due moli di elio gassoso, inizialmente alla temperatura di 300 K e alla pressione di 0.4 atm, subiscono una compressione isoterma reversibile fino a una pressione di 1.2 atm. Considerando l'elio come un gas perfetto monoatomico, rappresentare la trasformazione su un piano (V,p) e determinare: a) il lavoro compiuto dal gas; b) la variazione di entropia del gas; c) la variazione di entalpia; d) la variazione del potenziale di Gibbs del gas. Punteggio: 13 punti T2) Una pentola, contenente 3 litri di acqua inizialmente alla temperatura dell'ambiente t 0 20 C, viene portata ad ebollizione (t f 100 C) utilizzando un riscaldatore elettrico immerso nella pentola. Facendo passare corrente nella resistenza del riscaldatore, si forniscono al sistema pentola+riscaldatore+acqua cal. Sapendo che solo l'80% di questo calore serve a scaldare il sistema, mentre il 20% viene disperso nell'ambiente e tenendo conto che anche la pentola e il riscaldatore si scaldano, calcolare: a) la quantità di calore assorbita da pentola+riscaldatore b) la variazione di entropia dell'acqua c) la variazione di entropia dell'ambiente Punteggio: 12 punti T3) Il 2 principio della termodinamica T4) Meccanismi di trasmissione del calore Punteggio: 8 punti

16 Recupero di Meccanica M1) 4 domande X 3 punti 12 punti a) Conservazione energia meccanica mgh ½ mv 2 h v 2 /2g 29.4 m b) Moto rettilineo unif. accelerato v v 0 + gt t v/g 2.45 s c) (mg-f a ) h ½ mv 2 h (½ mv 2 ) / (mg-f a ) 33.5 m d) v v 0 + at dove a g f a /m 8.6 m/s 2 t v/a 2.8 s M2) 4 domande X 3 punti 12 punti + 2 punti descrizione 14 punti Inizialmente il corpo è in equilibrio F A P T 0 T F A -P 4.1*10-3 N Quando viene tagliata la fune e il corpo viene lasciato libero F A > P il corpo sale verso l alto con una accelerazione che ne fa aumentare la velocità la forza di Stokes F S 6πηRv (diretta verso il basso) aumenta fino a raggiungere la situazione di regime per cui F A - F S P 0 v F S / 6πηR (F A -P) / 6πηR 21.8 m/s tenendo conto che la viscosità dell acqua η 10-2 P 10-3 Pa sec oppure si può ricavare la velocità direttamente dall espressione della velocità limite: v s 2(ρ acqua -ρ)r 2 g/(9η)21.8 m/s E (K+U) f -(K+U) i 1/2mv s 2 +mgh 1.04 J L F A *h 1.64*10-1 J Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) 10 punti A regime i E/(R 1 +R 2 ) 0.2 A V ab i R 2 40 V C tot C 1 +C 2 50 µf q tot 2 mc EM2) 10 punti F µ 0 /(2π)I 1 I 2 l/d 9*10-5 N repulsiva B µ 0 /(2π)I 1 /(d/2)+ µ 0 /(2π)I 1 /(d/2) 1.2*10-4 T F qvb 1.92*10-18 J Recupero di Termodinamica T1) 4 domande X 3 punti 12 punti a) L nrtln V 2 /V 1 nrtln p 1 /p l atm b) S Q/T L/T l atm/ K c) H Q p nc p T 0 oppure H (U 2 +p 2 V 2 ) - (U 1 +p 1 V 1 ) 0 d) G H - T S - T S -Q -L 54.1 l atm T2) 3 domande X 4 punti 12 punti a) Qacqua maca(tf - t0) cal Q utile 80% cal Qp+r Q utile - Qacqua cal b) Sacqua maca ln Tf/T Kcal/ K c) Samb (20% )/T Kcal/ K 4 punti per ogni domanda di teoria

17 R 1 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A+B a.a COGNOME... NOME... DATA Per chi fa lo scritto totale M1 + EM1 + EM2 + T2 Recupero di Meccanica M1) Un corpo di massa m 2 Kg è fermo alla base di un piano inclinato di un angolo α 20. Al corpo viene applicata una forza F 15 N parallela al m piano. Il coefficiente di attrito dinamico tra il corpo ed il piano inclinato vale µ 0.1. Calcolare: α a) la forza d attrito tra corpo e piano b) l accelerazione del corpo c) la velocità raggiunta dal corpo dopo aver percorso 4 m d) il lavoro fatto dalla forza peso durante questo spostamento di 4 m Punteggio: 12 punti F M2) In un tubicino orizzontale (diametro d 1 3 cm) scorre dell acqua con pressione p 1 1.5x10 5 Pa e con portata Q 10-4 m 3 /s. Se si vuole che la pressione in corrispondenza di una strozzatura del tubo sia 1/5 della pressione p 1, determinare le velocità v 1 e v 2 e la sezione del tubo nella strozzatura. Punteggio: 9 punti M3) Un proiettile di massa 50 gr. viene sparato contro un blocco B di massa M5 Kg. Il proiettile ha una velocità di 600 m/s prima di entrare nel blocco B. Nell ipotesi che l urto sia completamente anelastico, calcolare: a) La velocità del sistema blocco + proiettile dopo l urto; b) L energia persa nell urto. M4) Legge di Stokes: illustrare e spiegare il moto degli eritrociti nel sangue (VES velocità di sedimentazione degli eritrociti) M5) Forze conservative ed energia potenziale Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) Un protone si muove su un orbita circolare di raggio R4 cm, in un piano ortogonale ad un campo magnetico uniforme, con una frequenza f Hz. Assumendo la massa del protone m p Kg, calcolare: a) Il valore del campo B; b) L energia cinetica del protone c) Se il campo magnetico uniforme è ottenuto utilizzando un solenoide di 5000 spire di filo distribuite uniformemente su una lunghezza di 25 cm, determinare la corrente che percorre il solenoide. Punteggio: 9 punti

18 EM2) Si consideri una lente biconvessa di lunghezza focale f 10 cm. Un oggetto viene posto alla distanza di 8 cm dalla lente. Individuare graficamente e calcolare algebricamente la posizione dell immagine. Determinare l ingrandimento. Specificare orientazione e tipo di immagine. Punteggio: 12 punti EM3) Un condensatore a facce piane parallele è costituito da due piastre di superficie S10 cm 2 e distanti fra loro d5 cm. Sulle armature del condensatore si trova una carica Q 1 µc. Calcolare: a) la capacità del condensatore; b) l intensità del campo elettrico fra le piastre del condensatore. EM5) Resistenze in serie e parallelo EM6) Legge di Faraday-Neumann-Lenz Recupero di Termodinamica T1) Uno scaldabagno contiene 100 litri d acqua alla temperatura ambiente di 15 C. Calcolare quanta energia serve per portare la temperatura dell acqua a 60 C, in assenza di dispersione di calore. Se, invece, lo scaldabagno non è adeguatamente coibentato e disperde nell ambiente una quantità di energia pari al 40% dell energia termica utilizzata per scaldare l acqua, calcolare la variazione di entropia dell universo ogni volta che lo scaldabagno scalda l acqua da 15 C a 60 C. Si trascuri la variazione di entropia dello scaldabagno stesso. Punteggio: 9 punti T2) Una mole di gas perfetto monoatomico, inizialmente alla pressione p A 2 atm e temperatura 400 K, compie un ciclo reversibile composto da una espansione isoterma AB fino a V B 30 litri, una isobara fino al volume iniziale ed una trasformazione isocora che riporta il gas nello stato iniziale. Calcolare: a) le coordinate termodinamiche mancanti dei punti A, B, C e disegnare il ciclo nel piano PV b) il lavoro fatto dal gas in un ciclo c) il rendimento Punteggio: 9 punti T3) In un cilindro, munito di un pistone a tenuta, sono contenuti 10 moli di gas perfetto biatomico alla pressione atmosferica e alla temperatura di 30 C. Il gas viene riscaldato a pressione costante fino alla temperatura di 40 C, tenendolo a contatto con un serbatoio di calore alla temperatura di 50 C. Determinare: a) Il lavoro fatto dal gas b) La variazione di entropia del gas e dell universo Punteggio: 9 punti T5) Potenziale di Gibbs T6) Meccanismi di trasmissione del calore

19 Recupero di Meccanica M1) 4 domande X 3 punti 12 punti a) f a µn µmgcosα 1.8 N b) F f a mgsenα ma a 3.2 m/s 2 c) v 2 v a x v 5.1 m/s d) L mg - U 0 mgh - mg s senα J oppure r r mg s mgs cos( 90 + α) L mg f a N F m α mg s mg M2) 3 domande X 3 punti 9 punti Dalla definizione di portata nel punto 1 si ricava v 1 : Q S 1 v 1 v 1 Q/ π R m/s Utilizzando il teorema di Bernoulli (con h 1 h 2 0 e p 2 1/5 p 1 ) si ricava v m/s. Applicando la conservazione della portata Q S 2 v 2 si ottiene S 2 Q/v x10-4 m 2 M3) 2 domande X 3 punti 6 punti Mv B + mv p (M+m)v f v f 5.9 m/s K ½ (M+m)v f 2 ½ mv p KJ Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) 3 domande X 3 punti 9 punti : qb 2πfm f B 0. 5T 2πm q 2 v m qvb v R qbr m m s En. cinetica 1 2 mv 2 ( qbr) 2m J N BL B µ 0 i i 20A L µ N 0 EM2) 4 domande X 3 punti 12 punti p q G i o 1 q f q p f p f pf p f q - 40 cm G 5 immagine VIRTUALE, DIRITTA, ingrandita EM3) 2 domande X 3 punti 6 punti C ε 0 S/d 0.17 pf E V/d Q/(C*d) 1.13*10 8 V/m

20 Recupero di Termodinamica T1) 3 domande X 3 punti 9 punti Q mc (Tf-Ti) 100 kg 4190 J/ kg K (60-15) J Q ambiente 40% J J T f Qamb S S S mc KJ KJ acqua + amb ln T T K ( ) K univ i i T2) 3 domande X 3 punti 9 punti A B C p 2 atm 1.1 atm 1.1 atm V 16.4 litri 30 litri 16.4 litri T 400 K 400 K 220 K A C B L AB nrt ln V B /V A 19.8 litri atm Q AB L BC p B (V C -V B ) litri atm L CA 0 Q BC nc p (T C -T B ) litri atm <0 ceduto Q CA nc V (T A -T C ) litri atm Q ass Q AB + Q CA litri atm Rendimento L TOT / Q ass 11.5 % L TOT 4.84 litri atm T3) 3 domande X 3 punti 9 punti L p (V f V i ) nr (T f T i ) 831 J S S nc T f V f T f 7 J 313K ln + nr ln ncp ln 10mol 8.31 ln 9. T V T 2 molk 303K gas V 44 i i i Q T nc T ( T T ) K 2 323K gas p f i termostato termostato termostato S unib J K J K J K

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 ESERCIZI E1. Un proiettile del peso di m = 10 g viene sparato orizzontalmente con velocità v i contro un blocco di legno di massa M = 0.5 Kg, fermo su una superficie

Dettagli

Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015. Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso

Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015. Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015 Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso Esercizio I.1 Una sbarra sottile di lunghezza l = 0.6 m e massa m = 2 kg è vincolata a ruotare

Dettagli

Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a. 2008 2009

Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a. 2008 2009 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a. 2008 2009 1^ prova scritta parziale - FILA A DATA 7-11-2008 1) Una palla da hockey di massa 110 g

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA Un recipiente contiene gas perfetto a 27 o C, che si espande raggiungendo il doppio del suo volume iniziale a pressione costante. La temperatura finale

Dettagli

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Sul libro del primo anno: L AMALDI 2.0 Pag 257: n.23 Pag 258: n.28 Pag 259: n.33,n.39

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE Esercitazioni di fisica a cura di Valeria Conti Nibali A.A. 2008/09 Esercizio 1 Si consideri

Dettagli

OLIMPIADI DI FISICA 2004

OLIMPIADI DI FISICA 2004 Associazione per l Insegnamento della Fisica Progetto Olimpiadi OLIMPIADI DI FISICA 2004 13 Febbraio 2004 Gara di 2 Livello SOLUZIONE dei QUESITI Quesito n.1 Nell urto si conserva la quantità di moto,

Dettagli

Lezione estd 29 pagina 1. Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica

Lezione estd 29 pagina 1. Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica Lezione estd 29 pagina 1 Argomenti di questa lezione (esercitazione) Iniziare ad affrontare esercizi di termodinamica Lezione estd 29 pagina 2 Esercizio 3, 5 luglio 2005 Una macchina di Carnot produce

Dettagli

Esercizi svolti di fisica

Esercizi svolti di fisica Esercizi svolti di fisica Copyright (c) 2008 Andrea de Capoa. È permesso copiare, distribuire e/o modificare questo documento seguendo i termini della Licenza per documentazione libera GNU, versione 1.2

Dettagli

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto.

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto. A_1)Una rana sta poggiata su una foglia di ninfea trasportata dalla corrente ad una velocità di 15 cm/s, ad un certo punto compie un balzo nella stessa direzione della corrente, con un angolo di 30 rispetto

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A)

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Corso di Laurea: Laurea Magistrale in FARMACIA Nome: Matricola Canale: Cognome: Aula: Docente: Riportare sul

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

QUESITO n. 1. RISPOSTA C. QUESITO n. 2. RISPOSTA D. QUESITO n. 3. RISPOSTA A. QUESITO n. 4. RISPOSTA D. i cotta al volo

QUESITO n. 1. RISPOSTA C. QUESITO n. 2. RISPOSTA D. QUESITO n. 3. RISPOSTA A. QUESITO n. 4. RISPOSTA D. i cotta al volo i cotta al volo QUESITO n. 1. RISPOSTA C Per definizione, l accelerazione media è a m = v/ t =2.0ms 2 dove v è la variazione di velocità (che nel nostro caso vale 14 km/h = 3.9ms 1 ) e t il tempo in cui

Dettagli

Esercizi di Fisica Generale

Esercizi di Fisica Generale Esercizi di Fisica Generale 2. Temodinamica prof. Domenico Galli, dott. Daniele Gregori, prof. Umberto Marconi dott. Alessandro Tronconi 27 marzo 2012 I compiti scritti di esame del prof. D. Galli propongono

Dettagli

21PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE

21PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE 21PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE Pavia, Aula Volta dell Università, 18marzo 2014 Indicare con una crocetta una sola risposta nei seguenti quesiti. Solo una risposta

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1 Termodinamica 1) In un recipiente di volume V = 20 l sono contenute 0.5 moli di N 2 (PM=28) alla temperatura di 27 0 C.

Dettagli

PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE. Pavia Aula Volta dell Università, 13 marzo 2012

PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE. Pavia Aula Volta dell Università, 13 marzo 2012 PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE Pavia Aula Volta dell Università, 13 marzo 2012 Indicare con una crocetta una sola risposta nei seguenti quesiti. Solo una risposta

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Temperatura termodinamica assoluta

Temperatura termodinamica assoluta Temperatura termodinamica assoluta Nuova definizione di temperatura Si sceglie come punto fisso fondamentale il punto triplo dell acqua, al quale si attribuisce la temperatura T 3 = 273.16 K. Per misurare

Dettagli

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento.

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento. Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Ambientali: Corso di Fisica AA 13/14 Test di ammissione all'orale di Fisica. Appello del 16 Marzo 2015 Nome e Cognome Nella copia da riconsegnare si scrivano

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1.

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1. L accelerazione iniziale di un ascensore in salita è 5.3 m/s 2. La forza di contatto normale del pavimento su un individuo di massa 68 kg è: a) 2.11 10 4 N b) 150 N c) 1.03 10 3 N Un proiettile viene lanciato

Dettagli

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Quelli che seguono sono osservazioni utili ad evitare alcuni degli errori piu frequenti registrati durante gli scritti di fisica. L elenco

Dettagli

N.1 N.2. x(t) = x 0 cos(ωt); y(t) = v 0 /ω sen(ωt); (1) Q 1 Q 3 4 π ɛ 0 (2 d) 2 = Q 2 Q 3 Q 1 4 d 2 = Q 2. 4 π ɛ 0 d 2. d 2 Q 1 = 4 10 9 C (3)

N.1 N.2. x(t) = x 0 cos(ωt); y(t) = v 0 /ω sen(ωt); (1) Q 1 Q 3 4 π ɛ 0 (2 d) 2 = Q 2 Q 3 Q 1 4 d 2 = Q 2. 4 π ɛ 0 d 2. d 2 Q 1 = 4 10 9 C (3) N. Tre particelle cariche sono poste come in gura ad una distanza d. Le cariche Q e Q 2 = 0 9 C sono tenute ferme mentre la carica Q 3, libera di muoversi, è in equilibrio. Calcolare il valore di Q Anchè

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 Docente: GASPARRINI FABIO Testo di riferimento: D. Halliday, R. Resnick, J. Walker,

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

Temi di meccanica. Prova scritta del 3/04/1996 A) Un tronco di legno di massa m = 1 Kg e densità ρ t = 0.8 10 3 Kg/m

Temi di meccanica. Prova scritta del 3/04/1996 A) Un tronco di legno di massa m = 1 Kg e densità ρ t = 0.8 10 3 Kg/m Temi di meccanica Prova scritta del 12/04/1995 Il blocco m 1 ha una massa di 3 Kg e il coefficiente di attrito statico tra il blocco ed il piano è 0.2, mentre quello di attrito dinamico è 0.1. a) Calcolare

Dettagli

QUESITO n. 1. RISPOSTA B. QUESITO n. 2. RISPOSTA E. QUESITO n. 3. RISPOSTA B. QUESITO n. 4. RISPOSTA E

QUESITO n. 1. RISPOSTA B. QUESITO n. 2. RISPOSTA E. QUESITO n. 3. RISPOSTA B. QUESITO n. 4. RISPOSTA E QUESITO n. 1. RISPOSTA B Alcune alternative possono essere subito scartate poiché chiaramente irragionevoli: 50 mg (A) è decisamente troppo poco, mentre 500 g (D) o addirittura 5 kg (E) è senz altro troppo;

Dettagli

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 8 VERIFIC DI FISIC: lavoro ed energia Domande ) Energia cinetica: (punti:.5) a) fornisci la definizione più generale possibile di energia cinetica, specificando l equazione

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto DOMANDE E RISPOSTE 23 Aprile 2007 Soluzioni Quesito 1 La forza con cui la carica positiva 2Q respinge la carica positiva + Q posta nell origine

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI FISICA, Appello del 22.10.2013

1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI FISICA, Appello del 22.10.2013 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI FISICA, Appello del 22.10.2013 Nome:... Matricola:... Anno Immatric.: 1. Un corpo di massa 270 g si muove su un piano orizzontale ruvido sotto

Dettagli

STIRLING. Laboratorio 2 (meccanica e termodinamica) F.Balestra 1. Vista complessiva del motore ad aria calda

STIRLING. Laboratorio 2 (meccanica e termodinamica) F.Balestra 1. Vista complessiva del motore ad aria calda SPERIMENTAZIONI CON STIRLING IL MOTORE AD ARIA CALDA DI Vista complessiva del motore ad aria calda Il motore ad aria calda (inventato da R. Stirling, 1816), assieme al motore a vapore, e la macchina termica

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Fisica 1. AA.2007/08. Prova in itinere n.2. Cognome Nome Anno di corso

Facoltà di Ingegneria. Fisica 1. AA.2007/08. Prova in itinere n.2. Cognome Nome Anno di corso Siena 28/03/2008 vers.1 Si consideri il ciclo reversibile ABCA che riguarda del gas perfetto monoatomico e che è costituito, nell ordine, dalla compressione adiabatica AB, dall isoterma BC e dall isocora

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Esame scritto di Fisica Generale Corsi di Laurea in Beni culturali e Informatica (Ascoli Piceno) 27 Giugno 2013

Esame scritto di Fisica Generale Corsi di Laurea in Beni culturali e Informatica (Ascoli Piceno) 27 Giugno 2013 Esame scritto di Fisica Generale Corsi di Laurea in Beni culturali e Informatica (Ascoli Piceno) 27 Giugno 2013 ESERCIZIO 1. [13 punti] Un proiettile di massa m = 1 g viene sparato dal bordo di una rupe,

Dettagli

Ottava esercitazione di Fisica I Termodinamica 1 PROBLEMI RISOLTI

Ottava esercitazione di Fisica I Termodinamica 1 PROBLEMI RISOLTI Ottava esercitazione di Fisica I ermodamica PROBLEMI RISOLI. Il rapporto tra il lavoro compiuto ed il calore assorbito da una mole di gas monoatomico che si espande isobaricamente alla pressione di una

Dettagli

Formulario di Termodinamica

Formulario di Termodinamica Formulario di Termodinamica Punto triplo dell acqua: T triplo = 273.16 K. Conversione tra gradi Celsius e gradi Kelvin (temperatura assoluta): t( C) = T (K) 273.15 Conversione tra Caloria e Joule: 1 cal

Dettagli

Note a cura di M. Martellini e M. Zeni

Note a cura di M. Martellini e M. Zeni Università dell Insubria Corso di laurea Scienze mbientali FISIC GENERLE Lezione 5 Eserciziario Note a cura di M. Martellini e M. Zeni ESERCIZI DI FISIC (I risultati degli esercizi, laddove indicati, non

Dettagli

Prova intercorso di Fisica 2 dott. Esposito 27/11/2009

Prova intercorso di Fisica 2 dott. Esposito 27/11/2009 Prova intercorso di Fisica 2 dott. Esposito 27/11/2009 Anno di corso: 1) Una carica puntiforme q=-8.5 10-6 C è posta a distanza R=12 cm da un piano uniformemente carico condensità di carica superficiale

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

Macchine termiche. Alla fine di ogni ciclo il fluido ripassa per lo stesso stato.

Macchine termiche. Alla fine di ogni ciclo il fluido ripassa per lo stesso stato. Macchine termiche In una macchina termica - ad esempio un motore - un fluido (il vapore delle vecchie locomotive, la miscela del motore a scoppio) esegue qualche tipo di ciclo termodinamico. Alla fine

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se:

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: 1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: A. Si possono moltiplicare tra loro B. Si possono dividere tra loro C. Ci possono sommare tra loro D. Sono divisibili per uno stesso numero 2) Un blocchetto

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

Prova scritta di Fisica Applicata (21-07-2009)

Prova scritta di Fisica Applicata (21-07-2009) Cognome Nome Firma Matricola Docente Prova scritta di Fisica Applicata (1-07-009) Domande da 1) a 10): +.6 punti per risposta esatta e -0.6 punti risposta errata. Domande da 11) a 13): fino a +4 punti

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2010

Prova di auto-valutazione 2010 Prova di auto-valutazione 2010 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti La partecipazione al concorso non dipende dall

Dettagli

Esperienza con la macchina. termica

Esperienza con la macchina. termica Esperienza con la macchina termica Macchina termica Il pistone in grafite scorre all interno del cilindro in pyrex in condizioni di quasi assenza di attrito. il sistema pistone-cilindro non garantisce

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica ESERCITAZIONI FISICA TECNICA Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini Corso di Ingegneria Meccanica 2 TERMODINAMICA APPLICATA Termodinamica degli stati 3 ESERCIZIO TA-T8 Utilizzando il piano P-T e le tabelle

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti 7 Febbraio 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti 7 Febbraio 2013 Quesito 1 Se non esistessero forze d'attrito: Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti 7 Febbraio 2013 a) potremmo camminare senza muovere le gambe

Dettagli

Testi di esercizi d esame Fisica Tecnica Modulo A

Testi di esercizi d esame Fisica Tecnica Modulo A Testi di esercizi d esame Fisica Tecnica Modulo A 1) Sia dato un edificio in cui si desidera mantenere le condizioni di temperatura dell ambiente interno pari a 25 C. Le condizioni dell ambiente esterno

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

LEZIONE 5-6 CALORE, ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO) ESERCITAZIONI 3-4: SOLUZIONI

LEZIONE 5-6 CALORE, ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO) ESERCITAZIONI 3-4: SOLUZIONI LEZIONE 5-6 CALORE, ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE, IRRAGGIAMENTO) ESERCITAZIONI 3-4: SOLUZIONI Esercizio 11 Una pentola contiene 2 kg di acqua ad una temperatura iniziale

Dettagli

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre)

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Un corpo viene lasciato cadere da un altezza di 30 m. dal suolo. In che posizione e che velocità possiede

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

Qual è la differenza fra la scala Celsius e la scala assoluta delle temperature?

Qual è la differenza fra la scala Celsius e la scala assoluta delle temperature? ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DANIELE CRESPI Liceo Internazionale Classico e Linguistico VAPC02701R Liceo delle Scienze Umane VAPM027011 Via G. Carducci 4 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) www.liceocrespi.it-tel.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A.

CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A. ORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2006/07 FISIA TENIA Esercizi Prof. Ing. Marco Beccali Ing. Fulvio Ardente Si ringrazia il Prof. Giuliano Dall O Esercizi di Fisica Tecnica pag. 1 Simbologia Simbolo

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI 1. Un' auto di massa pari a 900 kg si muove su un piano alla velocità di 0 m/s. Che forza occorre per fermarla in 30 metri? (A) 1800 N (B) 4500 N (C)

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

Il lavoro nelle macchine

Il lavoro nelle macchine Il lavoro nelle macchine Corso di Impiego industriale dell energia Ing. Gabriele Comodi I sistemi termodinamici CHIUSO: se attraverso il contorno non c è flusso di materia in entrata ed in uscita APERTO:

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

L ENERGIA. L energia. pag.1

L ENERGIA. L energia. pag.1 L ENERGIA Lavoro Energia Conservazione dell energia totale Energia cinetica e potenziale Conservazione dell energia meccanica Forze conservative e dissipative Potenza Rendimento di una macchina pag.1 Lavoro

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Caltanissetta Corso Integrato di Fisica

Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Caltanissetta Corso Integrato di Fisica Università degli Studi di Palermo Anno Accademico 2004 2005 Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Caltanissetta Corso Integrato di Fisica Problemi assegnati in anni precedenti

Dettagli

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013 Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 203-204, 9 Novembre 203 Esercizio I. m m 2 α α Due corpi, di massa m = kg ed m 2 =.5 kg, sono poggiati su un cuneo di massa M m 2 e sono connessi mediante una carrucola

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli