Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a COGNOME... NOME...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a. 2009 2010 COGNOME... NOME..."

Transcript

1 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a Fila A COGNOME... NOME... DATA ) Un corpo di massa m0.3 Kg si trova alla sommità di un piano inclinato (θ 30 ) lungo 20 cm. Ad un certo istante il corpo viene lasciato andare, percorre tutto il piano inclinato e va a fermarsi contro una molla posizionata alla base del piano inclinato. Sapendo che la molla viene compressa di 2.7 cm., trascurando ogni forma di attrito, calcolare la costante elastica della molla. Punteggio 4 punti 2) Un automobile di massa M 1000 kg viaggia su una strada rettilinea orizzontale alla velocità v km/h. Calcolare: a) quale deve essere la forza di attrito fra pneumatici ed asfalto affinché lo spazio di frenata dell auto sia d 100 m b) quanto vale il coefficiente d attrito c) il lavoro fatto dalla forza d attrito Punteggio 9 punti 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata di 5 cm 3 /s. Il tubo A ha raggio 1 cm (ed è lungo 5 m) mentre il tubo B ha raggio 2 mm (ed è lungo 10 m). Trascurando la viscosità dell'acqua calcolare: a) le velocità nei tubi A e B. b) la differenza di pressione fra l'inizio del tubo A e la fine del tubo B Assumendo invece la viscosità dell acqua η 10-3 Pa s dire in quale dei due tratti si fa sentire maggiormente l effetto dell attrito, motivare la risposta e calcolare la caduta di pressione dovuta alla viscosità del fluido confrontandola con la caduta di pressione calcolata al punto b). Punteggio 12 punti Domande 4) Illustrare il funzionamento dello sfigmomanometro per la misura della pressione arteriosa. 5) Legge di Stokes e processi di sedimentazione per gravitazione o in una centrifuga: illustrare e dimostrare l espressione della velocità di sedimentazione per una sferetta Punteggio 4 +4 punti

2 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a Fila B COGNOME... NOME... DATA ) Un corpo di massa m0.1 Kg si trova in fondo ad un piano inclinato con θ 30. Il corpo viene tenuto contro una molla di costante elastica K 400 N/m compressa di 2.7 cm. Ad un certo istante il corpo viene lasciato andare: trascurando ogni forma di attrito, calcolare lo spazio percorso lungo il piano inclinato prima di fermarsi. Punteggio 4 punti 2) Una palla di massa m 0.2 kg viene lanciata verticalmente verso l alto imprimendogli una forza impulsiva costante per t 0.1 s. La palla arriva a quota h 10 m e poi comincia a ricadere al suolo. Nell ipotesi di trascurare la resistenza dell aria, calcolare la velocità iniziale impressa alla palla e il valore della forza applicata ad essa. Approssimando, invece, la forza di attrito dell aria ad una forza costante f a 1N durante tutto il moto, calcolare l altezza a cui arriverebbe la stessa palla, lanciata con la stessa velocità. Punteggio 9 punti 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata di 5 cm 3 /s. Il tubo A ha raggio 1 cm (ed è lungo 5 m) mentre il tubo B ha raggio 2 mm (ed è lungo 10 m). Trascurando la viscosità dell'acqua calcolare: a) le velocità nei tubi A e B. b) la differenza di pressione fra l'inizio del tubo A e la fine del tubo B Assumendo invece la viscosità dell acqua η 10-3 Pa s dire in quale dei due tratti si fa sentire maggiormente l effetto dell attrito, motivare la risposta e calcolare la caduta di pressione dovuta alla viscosità del fluido confrontandola con la caduta di pressione calcolata al punto b). Punteggio 12 punti Domande 4) Fenomeni di capillarità: spiegare, illustrare e dimostrare la legge di Jurin. 5) Illustrare il funzionamento dello sfigmomanometro per la misura della pressione arteriosa Punteggio 4 +4 punti

3 SOLUZIONI comp Fila A 1) Un corpo di massa m0.3 Kg si trova alla sommità. Punteggio 4 punti ½ K x 2 mgh K 2mgh/x N/m dove h Lsenθ 10 cm 2) Un automobile di massa M 1000 kg viaggia su una strada. Punteggio 9 punti v km/h 27.8 m/s a) f a Ma l accelerazione si ricava da v 2 v ad a v 0 2 /2d 3.86 m/s 2 quindi f a Ma 3860 N b) f a µn, dove N Mg, per cui µ f a /N 0.39 c) L f a d cos180 - f a d 386x10 3 J oppure: L fa K - ½ mv ½ 10 3 (27.8) J 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata.. Punteggio 12 punti a) conoscendo la portata posso ricavare le due velocità richieste: Q v A S A v B S B b) Si tratta di un fluido ideale: dal Teorema di Bernoulli (tubo orizzontale h A h B ) p A + ½ρv A 2 p B + ½ρv B 2 P A -P B 80 Pa Tenendo conto della viscosità dell'acqua, la caduta di pressione fra A e B, per la legge di Poiseuille, sarebbe aumentata dei fattori Considerando che L 2 2 L 1 e r 2 1/5 r 1 L2 2L L r ( 1 r ) r1 3 8η L p Q πr π 2 3 ( 2 10 ) il primo termine è trascurabile rispetto al secondo, pertanto 3 Pa rispetto a cui anche la caduta di pressione dovuta al restringimento del tubo, calcolata in precedenza con il teorema di Bernouilli, diventa trascurabile.

4 Fila B 1) Un corpo di massa m0.1 Kg si trova in fondo ad un piano. Punteggio 4 punti ½ K x 2 mgh h 14.9 cm L h/senθ 29.8 cm 2) Una palla di massa m 0.2 kg viene lanciata verticalmente Punteggio 9 punti Forze conservative quindi posso applicare conservazione dell energia meccanica: ½ mv 2 i + mgh i ½ mv 2 f + mgh f che assumendo h i 0 diventa ½ mv 2 i mgh f da cui si ricava v i 14 m/s Poiché F t m(v f -v i ) con v f 0, si ottiene F mv i / t 28 N L fa (½ mv 2 f + mgh f ) (½ mv 2 i + mgh i ) con h i 0 sostituendo L fa -f a h' f si ricava h' f 6.6 m 3) Un circuito idraulico è costituito da due tubi collegati come in figura in cui scorre acqua con una portata di 5 cm 3 /s. Il tubo A ha raggio 1 cm (ed è lungo 5 m) mentre il tubo B Punteggio 12 punti

5 DATA Fila A 1) Una superficie sferica conduttrice di raggio R10 cm, possiede una carica positiva Q 1, C. Un elettrone si trova inizialmente in un punto A ad una distanza d40cm dalla superficie della sfera ed è dotato di una velocità v m/s diretta verso il centro della sfera. Descrivere quello che succede e calcolare (m e Kg): a. Il valore del potenziale nel punto A; b. La velocità dell elettrone un attimo prima di urtare la superficie della sfera; c. Il campo elettrico e il potenziale nel punto P ad una distanza di 5 cm dal centro della sfera Punteggio 9 punti ) Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una scarica elettrica controllata ad un paziente per interrompere un aritmia cardiaca. Supponiamo di avere un defibrillatore che utilizzi un condensatore di C70 µf e che venga caricato utilizzando una differenza di potenziale di 3000 V. Calcolare: a) l energia elettrostatica immagazzinata nel condensatore del defibrillatore nella fase di carica. Successivamente nella fase di scarica, assumendo che venga utilizzata metà di questa energia e che venga scaricata in 5 msec, calcolare: b) la potenza fornita e c) la corrente prodotta. Punteggio 6 punti 3) Una lente sottile biconvessa ha raggi di curvatura R 1 R 2 10 cm. Ponendo un oggetto a distanza p 4.55 cm dal centro della lente si osserva un immagine virtuale a sinistra della lente a distanza q 2p. Determinare: a) la distanza focale f b) il potere diottrico c) l indice di rifrazione del vetro di cui è fatta la lente s Punteggio 6 punti 4) Consideriamo l occhio umano in una situazione in cui il diametro della pupilla è 5 mm e la luce presente nell ambiente in cui ci troviamo ha una lunghezza d onda λ580 nm. Sapendo che l indice di rifrazione dell occhio è 1.33, calcolare: a) l angolo di risoluzione dell occhio; b) la massima distanza L a cui è possibile distinguere un capello dello spessore s 0.07 mm Punteggio 4 punti DOMANDE 5) Strumenti ottici: macchina fotografica e proiettore. Discutere analogie e differenze, fare la costruzione dell immagine nei due casi e dimostrare che l ingrandimento nel caso del proiettore di diapositive è maggiore di 1 6) Moto di una carica in un campo magnetico L

6 DATA Fila B 1) Una bobina di N 10 spire e' posta in un elettromagnete il cui campo, partendo da zero, aumenta fino a raggiungere il valore Bo 1 T in un tempo t 10 sec. La bobina ha un'area di 100 cm 2, una resistenza R 0,5 Ω, ed e' orientata perpendicolarmente al campo magnetico. Si calcoli: a) la f.e.m. media indotta nella bobina; b) la corrente indotta nella bobina c) l'energia totale dissipata nel filo nell intervallo di tempo t. Punteggio 9 punti 2) Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una scarica elettrica controllata ad un paziente per interrompere un aritmia cardiaca. Supponiamo di avere un defibrillatore che utilizzi un condensatore di C70 µf e che venga caricato utilizzando una differenza di potenziale di 3000 V. Calcolare: a) l energia elettrostatica immagazzinata nel condensatore del defibrillatore nella fase di carica. Successivamente nella fase di scarica, sapendo che utilizzando metà di questa energia la corrente prodotta è di 10 A, calcolare: b) la potenza fornita e c) l intervallo di tempo t in cui questa energia viene scaricata Punteggio 9 punti 3) Una lente sottile convergente di raggi di curvatura R 1 R 2 40 cm fornisce, di un oggetto posto a distanza p 40 cm, un immagine alla distanza q 4 m. Determinare: a) la distanza focale f b) il potere diottrico c) l indice di rifrazione del vetro di cui è fatta la lente Punteggio 6 punti d 4) Consideriamo l occhio umano in una situazione in cui il diametro della pupilla è 5 mm e la luce presente nell ambiente in cui ci troviamo ha una lunghezza d onda λ580 nm. Sapendo che l indice di rifrazione dell occhio è 1.33, calcolare: a) l angolo di risoluzione dell occhio; b) la minima dimensione d che è possibile distinguere da una distanza L50 cm Punteggio 4 punti L DOMANDE 5) Strumenti ottici: la lente d ingrandimento in relazione all occhio umano. Mostrare come si forma l immagine e indicarne le caratteristiche. Dimostrare che l ingrandimento massimo di una lente d ingrandimento dipende solo dalla sua lunghezza focale. 6) Definizione di capacità di un condensatore. Dimostrare che la capacità di un condensatore sferico di raggi b>a è data da 4πε 0 a b/(b-a)

7 SOLUZIONI comp Fila A 1) Una superficie sferica conduttrice di raggio R10 cm, possiede. Punteggio 9 punti a) V A KQ/d V b) Indicando con B il punto sulla superficie della sfera dove arriva l elettrone V B KQ/R V La forza elettrostatica è conservativa per cui: K A +U A K B +U B K B - K A U A -U B ½ m v B 2 - ½ m v A 2 q(v A -V B ) v B m/s dove q C è la carica dell elettrone c) Il punto P è interno alla superficie sferica E(P) 0 V(P) V(B) 2 )Il defibrillatore é un dispositivo in grado di Punteggio 6 punti a) U ½ C V J Se ne scarica 1/2 a volta con impulsi di 5 m s b) P U /2t 31.5 k W c) P IV I P/V 10.5 A 3) Una lente sottile sottile biconvessa ha raggi di curvatura. Punteggio 6 punti a) 1/f 1/p + 1/(-2p) da cui si ricava f 9.1 cm b) D 1/f (con f espresso in metri) 10.9 diottrie c) da 1/p + 1/(-2p) (n 1)2/R si ricava n R/4p ) Consideriamo l occhio umano in una situazione.. Punteggio 4 punti s θ 1.22 λ/nd / ( ) rad s Lθ L s/θ 66 cm L

8 Fila B 1)Una bobina di N 10 spire e' posta in un elettromagnete.. Punteggio 9 punti a) Ε NB 0 S / t 10-2 V b) I E / R 20 ma c) En i 2 R t 2 mj 2) Il defibrillatore é un dispositivo in grado di somministrare una Punteggio 6 punti a) U ½ C V J b) P I V W Se si scarica 1/2 a volta con impulsi di t c) P U /2 t t U/ 2 P 5.25 msec 3) Una lente sottile convergente di raggi di curvatura R 1 R 2 40 cm.. Punteggio 6 punti a) da 1/f 1/p + 1/q si ottiene f 36.4 cm b) D 1/f (con f espresso in metri) 2.7 diottrie c) 1/f (n-1)2/r da cui si ottiene n R/2f ) Consideriamo l occhio umano in una situazione in cui il Punteggio 4 punti d a) θ 1.22 λ/nd / ( ) rad b) d Lθ m L

9 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a Fila A COGNOME... NOME... DATA ) Un thermos isolato contiene 130 g di caffè caldo, alla temperatura di 80 C. Per raffreddare il caffè viene aggiunto all interno del thermos un cubetto di ghiaccio di massa 12g tolto da una cella frigorifera alla temperatura di -10 C. Determinare la condizione di equilibrio finale e la variazione di entropia dell universo. Trattare il caffè come se fosse acqua pura e trascurare gli scambi termici con l ambiente circostante. Assumere come valori per i calori specifici e il calore latente: c acqua 4190 J/ kg K, c ghiaccio 2220 J/kgK, λ f 333 kj/kg Punteggio: 12 punti 2) Una centrale elettrica usa una macchina termica che assorbe vapore acqueo riscaldato a 550 C (prodotto da combustibili fossili o reattori nucleari) per far girare una turbina e poi scarica il calore residuo condensando il vapore con l acqua di raffreddamento di un lago a 25 C. a) Qual é il massimo rendimento possibile per questa centrale? b) Se l efficienza fosse proprio quella massima, e si richiede di fornire una potenza utile di 300 MW, quanta energia al secondo deve arrivare dalla sorgente a temperatura maggiore? c) Quanta energia al secondo viene immessa nel lago? 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1 atm e volume V litri è riscaldata isocoricamente fino alla pressione p 1 2 p 0 e successivamente riscaldata isobaricamente fino al volume V 2 2V 0. Supponendo le due trasformazioni reversibili, si rappresentino le trasformazioni in un piano (V,p) e si calcoli: a) la quantità di calore assorbita dal gas; b) la variazione di energia interna del gas; c) il lavoro compiuto dal gas. Domande: Punteggio 9 punti 4) Illustrare e dimostrare la relazione di Mayer per i gas perfetti 5) Disuguaglianza di Clausius e funzione di stato Entropia 6) Potenziali termodinamici

10 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A a.a COGNOME... NOME... Fila B DATA ) In un recipiente a pareti adiabatiche è contenuto mezzo Kg di paraffina alla temperatura di 20 C. Nel recipiente viene versato un chilo di acqua a 100 C. Determinare la condizione di equilibrio finale e la variazione di entropia dell universo. Assumere come valori per la paraffina: calore latente di fusione 35 cal/g temperatura di fusione 55 C calori specifici: solida 0.42 cal/g C liquida 0.52 cal/g C Punteggio: 12 punti 2) Una centrale elettrica produce 500 MW di potenza elettrica. Per fare questo usa una macchina termica che assorbe calore a 327 C (prodotto da combustibili fossili o reattori nucleari) e scarica il calore residuo nell ambiente a 27 C. La macchina ha un rendimento che e il 60% di una macchina di Carnot ideale. Determinare: Il rendimento della macchina termica Quanto calore al secondo la centrale preleva dal termostato caldo; Quanto ne rilascia nell ambiente a 27 C. 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1atm e temperatura T K è riscaldata isobaricamente fino al volume V 1 2V 0 e successivamente riscaldata isocoricamente fino alla pressione p 2 2 p 0. Supponendo le due trasformazioni reversibili, si rappresentino le trasformazioni in un piano (V,p) e si calcoli: a) la quantità di calore assorbita dal gas; b) la variazione di energia interna del gas; c) il lavoro compiuto dal gas. Domande: Punteggio 9 punti 4) Variazione di entropia per un gas perfetto: illustrare come si calcola e dimostrare la formula 5) Il primo principio della termodinamica 6) Potenziali termodinamici

11 Fila A SOLUZIONI comp ) Un thermos isolato contiene 130 g di caffè caldo, alla Punteggio: 12 punti Il ghiaccio subirà le seguenti trasformazioni Riscaldamento da -10 C a 0 C Q 1 m ghiaccio c ghiaccio (0 C-T i-ghiaccio ) (0+10) J Fusione a 0 C Q 2 m ghiaccio λ f J VERIFICA: Q MAX m caffè c acqua (0 C-80 C) (-80) J Q MAX >(Q1 + Q2) tutto il ghiaccio si scioglie e si scalda fino a T f assorbendo Q 3 m ghiaccio c acqua (T f -T 0 ) Il caffè, invece, subirà la seguente trasformazione Raffreddamento da 80 C alla temperatura finale, cedendo Q 4 m caffè c acqua (T f -Ti caffè ) Q + Q + Q + Q 0 da cui si ricava la temperatura di equilibrio T f mcaffècacquaticaffè + mghiacciocacquat0 C Q1 Q2 T f 66 C 339 K m c + m c caffè acqua ghiaccio acqua Per la variazione di entropia dell universo, indicando con: Ti caffe 353K e Ti ghiaccio 263 K e T f 339 K Tf S m c J caffè caffè acqua ln Ti K caffè 273 Q S m c m c ( ) J J gh gh ln + + gh acqua ln K S J univ K ghiaccio 2) Una centrale elettrica usa una macchina termica che assorbe vapore acqueo riscaldato a 550 C (prodotto da combustibili fossili o reattori nucleari) per far girare una turbina.. T1 823 K T2 298 K L/t W 1) Rendimento di Carnot 1-T2/T η L/Q1 calore assorbito in un secondo Q1L/η 470 MW 2) Calore rilasciato nell ambiente al secondo Q2 Q1-L ( ) MW 170 MW K

12 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1 atm e volume V litri è riscaldata.. Stato 0 Stato 1 Stato 2 p 0 1 atm p 1 2p 0 p 2 2p 0 T K T 1 2T 0 T 2 4T 0 V litri V 1 V 0 V 2 2V 0 Q Q 01 +Q 12 nc v (T 1 -T 0 )+nc p (T 2 -T 1 ) 3/2R T 0 +5/2R 2 T 0 11/2RT kj U nc v (T 2 -T 0 ) 11.2 kj L L 12 2p 0 (V 2 - V 1 ) 2p 0 V litri atm~ 5 kj Fila B 1) In un recipiente a pareti adiabatiche è contenuto mezzo Kg di paraffina alla temperatura di 20 C. Nel recipiente viene versato un chilo di acqua a 100 C. Determinare la C Punteggio: 12 punti La paraffina subirà le seguenti trasformazioni Riscaldamento da 20 C a 55 C Q 1 m p c p-solida (55 C-20 C) (25) 6500 cal Fusione a 55 C Q 2 m p λ f cal VERIFICA: Q MAX m acqua c acqua (0 C-100 C) (-100) cal cal Q MAX >(Q1 + Q2) tutto la paraffina si scioglie e si scalda fino a T f assorbendo Q 3 m p c p-liquida (T f -55 C) L acqua, invece, subirà la seguente trasformazione Raffreddamento da 100 C alla temperatura finale, cedendo Q 4 m acqua c acqua (T f -Ti acqua ) Q + Q + Q + Q 0 da cui si ricava la temperatura di equilibrio T f macquacacquati acqua + m pc p liquidat55 C Q1 Q2 T f 71 C 344 K m c + m c acqua acqua p p liquida Per la variazione di entropia dell universo, indicando con: Ti acqua 373 K, Ti paraffina 293 K e T fusione-p 328 K e T f 344 K Tf S m c cal acqua acqua ln Ti asqua acqua K 328 Q S m c m c p p sol ln + + p p liq ln ( ) cal K cal K S cal univ 8. 6 K

13 2) 1) Una centrale elettrica produce 500 MW di potenza elettrica. Per fare questo T1 600 K T2 300 K L/t W 1) Rendimento di Carnot 1-T2/T1 0.5 rendimento η 0.5* η L/Q1 calore assorbito in un secondo Q1L/η 1666 MW 2) Calore rilasciato nell ambiente al secondo Q2 Q1-L ( ) MW 1166 MW 3) Una mole di gas perfetto monoatomico a pressione p 0 1atm e temperatura T K è riscaldata isobaricamente fino al volume V 1 2V 0 e successivamente riscaldata isocoricamente fino alla pressione p 2 2 p 0. Supponendo le due trasformazioni reversibili, si rappresentino le trasformazioni in un piano (V,p) e si calcoli: a) la quantità di calore assorbita dal gas; b) la variazione di energia interna del gas; c) il lavoro compiuto dal gas. Stato 0 Stato 1 Stato 2 p 0 1 atm p 1 p 0 p 2 2p 0 T K T 1 2T 0 T 2 4T 0 p 2 V litri V 1 2V 0 V 2 2V 0 Q Q 01 +Q 12 nc p (T 1 -T 0 )+nc v (T 2 -T 1 ) 5/2R T 0 +3/2R 2 T 0 11/2RT kj U nc v (T 2 -T 0 ) 11.2 kj L L 01 p 0 (V 1 -V 0 ) p 0 V litri atm 2.5 kj 0 1 V

14 R 1 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A+B a.a COGNOME... NOME... DATA Per chi fa lo scritto totale M1 + EM1 + EM2 + T1 punteggio: 12 domande x 3 Recupero di Meccanica M1) In un cantiere, una chiave inglese sfuggita di mano arriva a terra alla velocità v24 m/s. Assumendo nulla la velocità iniziale e trascurando l attrito dell aria, calcolare: a) da che altezza h è caduta; b) la durata del volo. Ripetere il calcolo considerando l attrito dell aria equivalente ad una forza di 0.6 N costante su tutto il tragitto h e assumendo uguale a 500g la massa della chiave inglese (sempre con v 0 0) Punteggio: 12 punti M2) Una sfera di raggio R1 cm e densità ρ0.9 g/cm 3 è ancorata mediante una fune in fondo ad una piscina piena di acqua. Descrivere le forze che agiscono sulla sfera e calcolare la tensione della fune. Successivamente la fune viene tagliata e la sfera è lasciata libera di muoversi. Sapendo che la sfera raggiunge una velocità limite dopo un percorso pari a 4 m, descrivere il moto della sfera e le forze presenti e calcolare (viscosità dell acqua 10-2 P): a) la velocità limite; b) la variazione di energia meccanica e il lavoro fatto dalla spinta di Archimede nel tratto di 4 metri Punteggio: 14 punti M3) Teorema di Bernoulli e applicazioni M4) Lavoro di una forza: discutere vari casi e fare degli esempi Punteggio: 8 punti Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) Due fili di lunghezza l1 m paralleli posti alla distanza d2 cm sono percorsi da una corrente I3 A. Le due correnti circolano in direzione opposta. Calcolare: a) il modulo e la direzione della forza esercitata fra i due fili; b) l intensità del campo magnetico nel punto A che si trova in mezzo ai due fili; c) la forza che subisce un elettrone che passa nel punto A con velocità v10 5 m/s perpendicolare al piano dove giacciono i due fili. Punteggio: 10 punti EM2) Data una lente sottile convergente ed un oggetto posto ad una distanza p, discutere come si forma l immagine a seconda del valore di p rispetto a f, fare un esempio e rappresentare graficamente la situazione. Punteggio: 5 punti

15 EM3) Nel circuito in figura il generatore ha una f.e.m. ε100 V, le resistenze valgono R Ω, R Ω, ed i condensatori hanno capacità C 1 3 µf e R 1 a R 2 C 2 47 µf. In condizioni di regime stazionario, calcolare: a) la corrente erogata dal generatore; b) la differenza di potenziale tra i punto a e b del circuito; c) la carica totale sui due condensatori. R 2 Punteggio: 10 punti C 1 C 2 EM4) Energia associata al campo elettrico e magnetico: descrivere e discutere qualche esempio Punteggio: 4 punti b EM5) Definizione di flusso di B attraverso una superficie e legge dell induzione di Faraday- Neumann Punteggio: 4 punti Recupero di Termodinamica T1) Due moli di elio gassoso, inizialmente alla temperatura di 300 K e alla pressione di 0.4 atm, subiscono una compressione isoterma reversibile fino a una pressione di 1.2 atm. Considerando l'elio come un gas perfetto monoatomico, rappresentare la trasformazione su un piano (V,p) e determinare: a) il lavoro compiuto dal gas; b) la variazione di entropia del gas; c) la variazione di entalpia; d) la variazione del potenziale di Gibbs del gas. Punteggio: 13 punti T2) Una pentola, contenente 3 litri di acqua inizialmente alla temperatura dell'ambiente t 0 20 C, viene portata ad ebollizione (t f 100 C) utilizzando un riscaldatore elettrico immerso nella pentola. Facendo passare corrente nella resistenza del riscaldatore, si forniscono al sistema pentola+riscaldatore+acqua cal. Sapendo che solo l'80% di questo calore serve a scaldare il sistema, mentre il 20% viene disperso nell'ambiente e tenendo conto che anche la pentola e il riscaldatore si scaldano, calcolare: a) la quantità di calore assorbita da pentola+riscaldatore b) la variazione di entropia dell'acqua c) la variazione di entropia dell'ambiente Punteggio: 12 punti T3) Il 2 principio della termodinamica T4) Meccanismi di trasmissione del calore Punteggio: 8 punti

16 Recupero di Meccanica M1) 4 domande X 3 punti 12 punti a) Conservazione energia meccanica mgh ½ mv 2 h v 2 /2g 29.4 m b) Moto rettilineo unif. accelerato v v 0 + gt t v/g 2.45 s c) (mg-f a ) h ½ mv 2 h (½ mv 2 ) / (mg-f a ) 33.5 m d) v v 0 + at dove a g f a /m 8.6 m/s 2 t v/a 2.8 s M2) 4 domande X 3 punti 12 punti + 2 punti descrizione 14 punti Inizialmente il corpo è in equilibrio F A P T 0 T F A -P 4.1*10-3 N Quando viene tagliata la fune e il corpo viene lasciato libero F A > P il corpo sale verso l alto con una accelerazione che ne fa aumentare la velocità la forza di Stokes F S 6πηRv (diretta verso il basso) aumenta fino a raggiungere la situazione di regime per cui F A - F S P 0 v F S / 6πηR (F A -P) / 6πηR 21.8 m/s tenendo conto che la viscosità dell acqua η 10-2 P 10-3 Pa sec oppure si può ricavare la velocità direttamente dall espressione della velocità limite: v s 2(ρ acqua -ρ)r 2 g/(9η)21.8 m/s E (K+U) f -(K+U) i 1/2mv s 2 +mgh 1.04 J L F A *h 1.64*10-1 J Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) 10 punti A regime i E/(R 1 +R 2 ) 0.2 A V ab i R 2 40 V C tot C 1 +C 2 50 µf q tot 2 mc EM2) 10 punti F µ 0 /(2π)I 1 I 2 l/d 9*10-5 N repulsiva B µ 0 /(2π)I 1 /(d/2)+ µ 0 /(2π)I 1 /(d/2) 1.2*10-4 T F qvb 1.92*10-18 J Recupero di Termodinamica T1) 4 domande X 3 punti 12 punti a) L nrtln V 2 /V 1 nrtln p 1 /p l atm b) S Q/T L/T l atm/ K c) H Q p nc p T 0 oppure H (U 2 +p 2 V 2 ) - (U 1 +p 1 V 1 ) 0 d) G H - T S - T S -Q -L 54.1 l atm T2) 3 domande X 4 punti 12 punti a) Qacqua maca(tf - t0) cal Q utile 80% cal Qp+r Q utile - Qacqua cal b) Sacqua maca ln Tf/T Kcal/ K c) Samb (20% )/T Kcal/ K 4 punti per ogni domanda di teoria

17 R 1 Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze MFN FISICA PER SCIENZE BIOLOGICHE - corso A+B a.a COGNOME... NOME... DATA Per chi fa lo scritto totale M1 + EM1 + EM2 + T2 Recupero di Meccanica M1) Un corpo di massa m 2 Kg è fermo alla base di un piano inclinato di un angolo α 20. Al corpo viene applicata una forza F 15 N parallela al m piano. Il coefficiente di attrito dinamico tra il corpo ed il piano inclinato vale µ 0.1. Calcolare: α a) la forza d attrito tra corpo e piano b) l accelerazione del corpo c) la velocità raggiunta dal corpo dopo aver percorso 4 m d) il lavoro fatto dalla forza peso durante questo spostamento di 4 m Punteggio: 12 punti F M2) In un tubicino orizzontale (diametro d 1 3 cm) scorre dell acqua con pressione p 1 1.5x10 5 Pa e con portata Q 10-4 m 3 /s. Se si vuole che la pressione in corrispondenza di una strozzatura del tubo sia 1/5 della pressione p 1, determinare le velocità v 1 e v 2 e la sezione del tubo nella strozzatura. Punteggio: 9 punti M3) Un proiettile di massa 50 gr. viene sparato contro un blocco B di massa M5 Kg. Il proiettile ha una velocità di 600 m/s prima di entrare nel blocco B. Nell ipotesi che l urto sia completamente anelastico, calcolare: a) La velocità del sistema blocco + proiettile dopo l urto; b) L energia persa nell urto. M4) Legge di Stokes: illustrare e spiegare il moto degli eritrociti nel sangue (VES velocità di sedimentazione degli eritrociti) M5) Forze conservative ed energia potenziale Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) Un protone si muove su un orbita circolare di raggio R4 cm, in un piano ortogonale ad un campo magnetico uniforme, con una frequenza f Hz. Assumendo la massa del protone m p Kg, calcolare: a) Il valore del campo B; b) L energia cinetica del protone c) Se il campo magnetico uniforme è ottenuto utilizzando un solenoide di 5000 spire di filo distribuite uniformemente su una lunghezza di 25 cm, determinare la corrente che percorre il solenoide. Punteggio: 9 punti

18 EM2) Si consideri una lente biconvessa di lunghezza focale f 10 cm. Un oggetto viene posto alla distanza di 8 cm dalla lente. Individuare graficamente e calcolare algebricamente la posizione dell immagine. Determinare l ingrandimento. Specificare orientazione e tipo di immagine. Punteggio: 12 punti EM3) Un condensatore a facce piane parallele è costituito da due piastre di superficie S10 cm 2 e distanti fra loro d5 cm. Sulle armature del condensatore si trova una carica Q 1 µc. Calcolare: a) la capacità del condensatore; b) l intensità del campo elettrico fra le piastre del condensatore. EM5) Resistenze in serie e parallelo EM6) Legge di Faraday-Neumann-Lenz Recupero di Termodinamica T1) Uno scaldabagno contiene 100 litri d acqua alla temperatura ambiente di 15 C. Calcolare quanta energia serve per portare la temperatura dell acqua a 60 C, in assenza di dispersione di calore. Se, invece, lo scaldabagno non è adeguatamente coibentato e disperde nell ambiente una quantità di energia pari al 40% dell energia termica utilizzata per scaldare l acqua, calcolare la variazione di entropia dell universo ogni volta che lo scaldabagno scalda l acqua da 15 C a 60 C. Si trascuri la variazione di entropia dello scaldabagno stesso. Punteggio: 9 punti T2) Una mole di gas perfetto monoatomico, inizialmente alla pressione p A 2 atm e temperatura 400 K, compie un ciclo reversibile composto da una espansione isoterma AB fino a V B 30 litri, una isobara fino al volume iniziale ed una trasformazione isocora che riporta il gas nello stato iniziale. Calcolare: a) le coordinate termodinamiche mancanti dei punti A, B, C e disegnare il ciclo nel piano PV b) il lavoro fatto dal gas in un ciclo c) il rendimento Punteggio: 9 punti T3) In un cilindro, munito di un pistone a tenuta, sono contenuti 10 moli di gas perfetto biatomico alla pressione atmosferica e alla temperatura di 30 C. Il gas viene riscaldato a pressione costante fino alla temperatura di 40 C, tenendolo a contatto con un serbatoio di calore alla temperatura di 50 C. Determinare: a) Il lavoro fatto dal gas b) La variazione di entropia del gas e dell universo Punteggio: 9 punti T5) Potenziale di Gibbs T6) Meccanismi di trasmissione del calore

19 Recupero di Meccanica M1) 4 domande X 3 punti 12 punti a) f a µn µmgcosα 1.8 N b) F f a mgsenα ma a 3.2 m/s 2 c) v 2 v a x v 5.1 m/s d) L mg - U 0 mgh - mg s senα J oppure r r mg s mgs cos( 90 + α) L mg f a N F m α mg s mg M2) 3 domande X 3 punti 9 punti Dalla definizione di portata nel punto 1 si ricava v 1 : Q S 1 v 1 v 1 Q/ π R m/s Utilizzando il teorema di Bernoulli (con h 1 h 2 0 e p 2 1/5 p 1 ) si ricava v m/s. Applicando la conservazione della portata Q S 2 v 2 si ottiene S 2 Q/v x10-4 m 2 M3) 2 domande X 3 punti 6 punti Mv B + mv p (M+m)v f v f 5.9 m/s K ½ (M+m)v f 2 ½ mv p KJ Recupero di Elettromagnetismo e Ottica EM1) 3 domande X 3 punti 9 punti : qb 2πfm f B 0. 5T 2πm q 2 v m qvb v R qbr m m s En. cinetica 1 2 mv 2 ( qbr) 2m J N BL B µ 0 i i 20A L µ N 0 EM2) 4 domande X 3 punti 12 punti p q G i o 1 q f q p f p f pf p f q - 40 cm G 5 immagine VIRTUALE, DIRITTA, ingrandita EM3) 2 domande X 3 punti 6 punti C ε 0 S/d 0.17 pf E V/d Q/(C*d) 1.13*10 8 V/m

20 Recupero di Termodinamica T1) 3 domande X 3 punti 9 punti Q mc (Tf-Ti) 100 kg 4190 J/ kg K (60-15) J Q ambiente 40% J J T f Qamb S S S mc KJ KJ acqua + amb ln T T K ( ) K univ i i T2) 3 domande X 3 punti 9 punti A B C p 2 atm 1.1 atm 1.1 atm V 16.4 litri 30 litri 16.4 litri T 400 K 400 K 220 K A C B L AB nrt ln V B /V A 19.8 litri atm Q AB L BC p B (V C -V B ) litri atm L CA 0 Q BC nc p (T C -T B ) litri atm <0 ceduto Q CA nc V (T A -T C ) litri atm Q ass Q AB + Q CA litri atm Rendimento L TOT / Q ass 11.5 % L TOT 4.84 litri atm T3) 3 domande X 3 punti 9 punti L p (V f V i ) nr (T f T i ) 831 J S S nc T f V f T f 7 J 313K ln + nr ln ncp ln 10mol 8.31 ln 9. T V T 2 molk 303K gas V 44 i i i Q T nc T ( T T ) K 2 323K gas p f i termostato termostato termostato S unib J K J K J K

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica La dipendenza dalle coordinate spaziali della forza elettrica è analoga a quella gravitazionale Il lavoro per andare da un punto all'altro è indipendente dal percorso fatto

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento Grandezze fisiche 1. Un amperometro può essere usato con diverse portate. In una misura con la portata di 0.5 A l'indice risulta deviato di 15 divisioni. Quale delle seguenti portate ci darà la misura

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il

Dettagli