Istituto di Istruzione Superiore Pascal-Mazzolari Manerbio (Bs) Prot.n 3805/V.4. Documento del Consiglio di Classe 15 maggio 2019.

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto di Istruzione Superiore Pascal-Mazzolari Manerbio (Bs) Prot.n 3805/V.4. Documento del Consiglio di Classe 15 maggio 2019."

Transcript

1 Prot.n 3805/V.4 Istituto di Istruzione Superiore Pascal-Mazzolari Manerbio (Bs) Documento del Consiglio di Classe 15 maggio 2019 Classe 5^D ITT 1

2 INDICE DEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PRESENTAZIONE E PROFILO DELLA CLASSE pag. 3 PROFILO ATTESO IN USCITA (dal PECUP di ciascun indirizzo) pag. 4 DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE pag. 6 PERCORSI TRASVERSALI/INTERDISCIPLINARI (ex. CLIL) pag. 7 PERCORSI di CITTADINANZA E COSTITUZIONE pag. 7 PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L ORIENTAMENTO (ASL) pag. 8 ATTIVITÀ AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA pag. 8 ESEMPI DI PERCORSI PROPOSTI NELLA SIMULAZIONE DI COLLOQUIO pag. 8 DOCUMENTI A DISPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE ALLEGATO 1 Contenuti disciplinari singole materie pag. 9 ALLEGATO 2 Testi delle simulazioni della prima e della seconda prova pag. 32 ALLEGATO 3 Griglie di valutazione prima prova, seconda prova e colloquio interdisciplinare pag. 74 FIRME COMPONENTI IL CONSIGLIO DI CLASSE pag. 85 2

3 PRESENTAZIONE E PROFILO DELLA CLASSE La classe è formata da 14 alunni. La classe ha una composizione abbastanza omogenea, con un buon livello di preparazione e di attenzione a scuola e con un grande rispetto del corpo insegnanti e delle varie discipline. Alcuni di loro stanno pensando di continuare gli studi sia nel terziario accademico sia in quello non accademico. Comunque anche chi non intende continuare negli studi è caratterizzato da una notevole capacità relazionale, con una buona propensione verso attività di tipo commerciale e gestionale. Dal punto di vista disciplinare il percorso scolastico è stato segnato da un comportamento sempre corretto da parte degli studenti. Non si registrano sospensioni durante tutto il triennio. Non vi sono casi di assenze numerose e prolungate durante l anno, raggiungendo al massimo un 15% del totale. I risultati scolastici sono sempre stati di buon livello: sono stati molto rari i debiti formativi. La storia della classe ha subito delle variazioni nel corso del triennio, così come sintetizzato nella tabella seguente. Classe III Classe IV Classe V Numero iscritti Alunni provenienti da altra classe / istituto Trasferiti in un altro istituto Totale alunni Promossi alla classe successiva Non promossi o ritirati 1 1 Candidati esterni 3

4 PROFILO ATTESO IN USCITA (DAL PECUP D INDIRIZZO) L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze nell ambito del ciclo di vita del prodotto software e dell infrastruttura di telecomunicazione, declinate in termini di capacità di ideare, progettare, produrre e inserire nel mercato componenti e servizi di settore. La preparazione dello studente è integrata da competenze trasversali che gli consentono di leggere le problematiche dell intera filiera. In particolare, nell articolazione Telecomunicazioni si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione alle infrastrutture di comunicazione e ai processi per realizzarle, con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata. Il profilo professionale dell indirizzo permette un efficace inserimento in una pluralità di contesti aziendali, con possibilità di approfondire maggiormente le competenze correlate alle caratteristiche delle diverse realtà territoriali. Ampio spazio è riservato allo sviluppo di competenze organizzative, gestionali e di mercato che consentono, grazie anche all utilizzo dell alternanza scuola-lavoro, di realizzare progetti correlati ai reali processi di sviluppo dei prodotti e dei servizi che caratterizzano le aziende del settore. Per tale realtà, il diplomato in Informatica e Telecomunicazioni: ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che, a seconda delle diverse articolazioni, si rivolgono all analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione e ricezione dei segnali; ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati incorporati ; collabora nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni (c.d. privacy). È in grado di: collaborare, nell'ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell'organizzazione produttiva delle imprese; collaborare alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; 4

5 esercitare, in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team, un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell'obiettivo, nell'analisi e nella realizzazione delle soluzioni; utilizzare a livello avanzato la lingua inglese, per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; definire specifiche tecniche, utilizzare e redigere manuali d'uso. Nell'articolazione "Telecomunicazioni", viene approfondita l'analisi, la comparazione, la progettazione, installazione e gestione di dispositivi e strumenti elettronici e sistemi di telecomunicazione, lo sviluppo di applicazioni informatiche per reti locali e servizi a distanza. A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell'indirizzo Informatica e Telecomunicazioni consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. 1. Scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali. 2. Descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione. 3. Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza. 4. Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali. 5. Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti. 6. Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. 5

6 DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE COORDINATORE: prof. Feola Roberto DOCENTE MATERIA INSEGNATA CONTINUITÀ DIDATTICA 3 ANNO 4 ANNO 5 ANNO 1. Accogli Luigi Massimo Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni X 2. Damiani Daniela Matematica X X X 3. Distefano Luca Laboratorio di Sistemi e Reti X 4. Feola Roberto Telecomunicazioni X 5. Gurrieri Antonina Sistemi e Reti X 6. Lo Mele Chiara Lingua e Letteratura Italiana e Storia 7. Mancini Giuseppe Gestione, Progetto ed Organizzazione d Impresa X X 8. Meazzi Gabriella (Lo Mele Chiara) Lingua e Letteratura Italiana e Storia X X X 9. Piccolo Carmine Scienze motorie e sportive X X X 10. Taglietti Donato Laboratorio Telecomunicazioni X X 11. Tinelli Cristina Lingua Inglese X X X 12. Torraco Giuseppe Laboratorio di Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni X 13. Ziletti Elena Religione Cattolica X X X 6

7 7

8 PERCORSI TRASVERSALI Il Consiglio di Classe, in vista dell Esame di Stato, ha proposto agli studenti la trattazione dei percorsi interdisciplinari riassunti nella seguente tabella. PERCORSI INTERDISCIPLINARI Titolo del percorso Periodo Discipline coinvolte Progetto Drone dal 16/03 al 27/04/2017 Telecomunicazioni- Sistemi e Reti - TPSIT Analisi matematica delle forme d onda 2 periodo scolastico Telecomunicazioni e matematica Circuiti integratori e derivatori 2 periodo scolastico Telecomunicazioni e matematica Budget link di una antenna 2 periodo scolastico Telecomunicazioni e matematica Installazione/disinstallazione programmi 2 periodo scolastico Sistemi e Reti Inglese Sicurezza di rete 2 periodo scolastico Sistemi e Reti Inglese Cablaggio 2 periodo scolastico Sistemi e Reti Inglese Telecomunicazioni Processo di trasmissione Dati 2 periodo scolastico Inglese Telecomunicazioni PERCORSI DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE Il Consiglio di Classe, in vista dell Esame di Stato, ha proposto agli studenti la trattazione dei seguenti percorsi di Cittadinanza e costituzione riassunti nella seguente tabella. Titolo del percorso Discipline coinvolte CHI SONO IO PER GIUDICARE? Prof.ssa Ziletti Religione 8

9 PROVACI TU! Giornata internazionale delle Persone con disabilità FFSS Bes e FFSS supporto agli studenti SICUREZZA STRADALE- 2 MEMORIAL CLAUDIO COSTANTINI Prof. G. Migliorati Multidisciplinare Italiano, storia GIORNATA DELLA MEMORIA Prof.ssa Gusmeri Italiano e storia EFREM:"ATLETI PARAOLIMPICI" prof.ssa Gusmeri Italiano, storia, Scienze motorie COMANDANTE ALFA Prof.ssa Gusmeri Italiano e storia TUTELA AMBIENTALE Marino Ruzzenenti con intervento di Italiano, storia e scienze motorie Diritti dell uomo: in alcuni paesi non sono realtà Rapporto tra Stato e Chiesa Italiano e storia Italiano e storia PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L ORIENTAMENTO (ASL) Gli studenti, nel corso del triennio, hanno svolto la seguente tipologia relativa ai percorsi per le competenze trasversali e per l orientamento (Alternanza scuola-lavoro) riassunti nella seguente tabella. Tipologia di ASL Anno scolastico Numero ore annue Luogo di svolgimento Note Tirocinio curricolare in azienda Azienda Tirocinio curricolare in azienda Azienda Project work Scuola ATTIVITÀ DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SVOLTE NELL ANNO SCOLASTICO 9

10 TIPOLOGIA OGGETTO LUOGO DURATA Visite guidate Vittoriale degli Italiani Gardone Riviera (Bs) 7 novembre 2018 Viaggio di istruzione Progetti e Manifestazioni culturali Motorola II In classe Aprile e maggio 2019 Ethical Hacking In classe Maggio giugno 2019 Incontri con esperti Orientamento ESEMPI DI PERCORSI PROPOSTI NELLA SIMULAZIONE DI COLLOQUIO Titolo del percorso La Resistenza Goal 1 dell Agenda 2030 Circuiti amplificatori Discipline coinvolte Italiano, Storia, Telecomunicazioni Telecomunicazioni Sistemi e Reti Matematica, Telecomunicazioni Il presente documento sarà immediatamente affisso all albo dell Istituto e pubblicato sul sito dell I.I.S. B. Pascal. 10

11 ALLEGATO n. 1 CONTENUTI DISCIPLINARI singole MATERIE (titolo dei libri di testo, etc.) 11

12 1. IIRC QUINTA ITT Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 Dato che la globalizzazione continua a porre l Unione europea di fronte a nuove sfide, ciascun cittadino dovrà disporre di un ampia gamma di competenze chiave per adattarsi in modo flessibile a un mondo in rapido mutamento e caratterizzato da forte interconnessione. L istruzione nel suo duplice ruolo sociale ed economico è un elemento determinante per assicurare che i cittadini europei acquisiscano le competenze chiave necessarie per adattarsi con flessibilità a siffatti cambiamenti. La base comune della competenza sociale comprende la capacità di comunicare in modo costruttivo in ambienti diversi, di mostrare tolleranza, di esprimere e di comprendere diversi punti di vista, di negoziare con la capacità di creare fiducia e di essere in consonanza con gli altri. Le persone dovrebbero essere in grado di venire a capo di stress e frustrazioni e di esprimere questi ultimi in modo costruttivo e dovrebbero anche distinguere tra la sfera personale e quella professionale. La competenza si basa sull attitudine alla collaborazione, l assertività e l integrità. Le persone dovrebbero provare interesse per lo sviluppo socioeconomico e la comunicazione interculturale,e dovrebbero apprezzare la diversità e rispettare gli altri ed essere pronte a superare i pregiudizi e a cercare compromessi. Il pieno rispetto dei diritti umani, tra cui anche quello dell uguaglianza quale base per la democrazia, la consapevolezza e la comprensione delle differenze tra sistemi di valori di diversi gruppi religiosi o etnici pongono le basi per un atteggiamento positivo. Ciò significa manifestare sia un senso di appartenenza al luogo in cui si vive, al proprio paese, all UE e all Europa in generale e al mondo, sia la disponibilità a partecipare al processo decisionale democratico a tutti i livelli. Vi rientra anche il fatto di dimostrare senso di responsabilità, nonché comprensione e rispetto per i valori condivisi, necessari ad assicurare la coesione della comunità, come il rispetto dei principi democratici. La partecipazione costruttiva comporta anche attività civili, il sostegno alla diversità sociale, alla coesione e allo sviluppo sostenibile e una disponibilità a rispettare i valori e la sfera privata degli altri. Pecup - D.lgs. 226/2005 Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, sono in grado di: - individuare le interdipendenze tra scienza, economia e tecnologia e le conseguenti modificazioni intervenute, nel corso della storia, nei settori di riferimento e nei diversi contesti, locali e globali; - orientarsi nelle dinamiche dello sviluppo scientifico e tecnologico, anche con l utilizzo di appropriate tecniche di indagine; - utilizzare le tecnologie specifiche dei vari indirizzi; - orientarsi nella normativa che disciplina i processi produttivi del settore di riferimento, con particolare attenzione sia alla sicurezza sui luoghi di vita e di lavoro sia alla tutela dell ambiente e del territorio; - intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo, dall ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo; - riconoscere e applicare i principi dell organizzazione, della gestione e del controllo dei diversi processi produttivi; - analizzare criticamente il contributo apportato dalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e al cambiamento delle condizioni di vita; - riconoscere le implicazioni etiche, sociali, scientifiche, produttive, economiche e ambientali dell innovazione tecnologica e delle sue applicazioni industriali; - riconoscere gli aspetti di efficacia, efficienza e qualità nella propria attività lavorativa. 12

13 D.P.R. n. 176, 20 agosto 2012 Lo studente al termine del corso di studi sarà messo m grado di maturare le seguenti competenze specifiche: sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita, riflettendo sulla propria identità nel confronto con il messaggio cristiano, aperto all'esercizio della giustizia e della solidarietà in un contesto multiculturale; cogliere la presenza e l'incidenza del cristianesimo nelle trasformazioni storiche prodotte dalla cultura umanistica, scientifica e tecnologica; utilizzare consapevolmente le fonti autentiche del cristianesimo, interpretandone correttamente i contenuti nel quadro di un confronto aperto ai contributi della cultura scientifico-tecnologica. CONTENUTI CONOSCENZE ABILITA ATTIVITA E VERIFICHE 13

14 -In nome di Dio: analisi del fenomeno religioso in relazione alla complessità dei dinamismi socio-politici e psicologici; -le basi interpretative per la lettura trasversale delle epoche storiche alla luce dell uomo religioso, delle culture, istituzioni e costumi di volta in volta messi in atto; -il cammino della chiesa tra fedeltà al fondatorefondamento, e le complicitàcompromissioni e opportunità rispetto alle contingenze storico politiche; -contributi antropologici sociali e politici della presenza ed incidenza della cultura cristiano cattolica; -analisi dell Io personale religioso relativamente al contesto ambientale ed educativo: una rivisitazione critica della propria esperienza storico evolutiva religiosa; -generazione 18, ovvero ingresso e appartenenza al diritto di cittadinanza attiva e responsabile: libertà e responsabilità; -analisi socioculturale e religiosa per un discernimento tra sistemi culturali e religiosi di contenuto e sistemi vuoti: come leggerli e perché sceglierli; -la proposta antropologica delle religioni: percorsi umanizzanti o disumanizzanti? -etica cristiana e bene dell uomo; -la coscienza; -alcuni temi chiave dell interpretazione dell esistenza e del senso della vita: confronti a viso aperto tra vari principi culturali e religiosi. -Questioni di senso legate alle più rilevanti esperienze della vita umana; -linee fondamentali della riflessione su Dio e sul rapporto fede-scienza in prospettiva storico-culturale, religiosa ed esistenziale; -identità e missione di Gesù Cristo alla luce del mistero pasquale; -storia umana e storia della salvezza: il modo cristiano di comprendere l'esistenza dell'uomo nel tempo; -analisi storica, letteraria e religiosa di testi dell'antico e del Nuovo Testamento; -elementi principali di storia del cristianesimo fino all'epoca moderna e loro effetti per la nascita e lo sviluppo della cultura europea; -ecumenismo e dialogo interreligioso; nuovi movimenti religiosi; -orientamenti della Chiesa sull'etica personale e sociale, sulla comunicazione digitale, anche a confronto con altri sistemi di pensiero. Quinto anno -Ruolo della religione nella società contemporanea: secolarizzazione, pluralismo, nuovi fermenti religiosi e globalizzazione; -identità del cristianesimo in riferimento ai suoi documenti fondanti e all'evento centrale della nascita, morte e risurrezione di Gesù Cristo; -il Concilio Ecumenico Vaticano II come evento fondamentale per la vita della Chiesa nel mondo contemporaneo; la concezione cristianomatrimonio e della famiglia; scelte di vita, vocazione, professione; -il magistero della Chiesa su aspetti peculiari della realtà sociale, economica, tecnologica. -Impostare domande di senso e spiegare la dimensione religiosa dell'uomo tra senso del limite, bisogno di salvezza e desiderio di trascendenza, confrontando il concetto cristiano di persona, la sua dignità e il suo fine ultimo con quello di altre religioni o sistemi di pensiero; -collegare la storia umana e la storia della salvezza, ricavandone il modo cristiano di comprendere l'esistenza dell'uomo nel tempo; -analizzare e interpretare correttamente testi biblici scelti; -ricostruire, da un punto di vista storico e sociale, l'incontro del messaggio cristiano universale con le culture particolari; -ricondurre le principali problematiche derivanti dallo sviluppo scientificotecnologico a documenti biblici o religiosi che possano offrire riferimenti utili per una loro valutazione; -confrontarsi con la testimonianza cristiana offerta da alcune figure significative del passato e del presente anche legate alla storia locale; -confrontare 1 valori etici proposti dal cristianesimo con quelli di altre religioni e sistemi di significato. Quinto anno -Motivare, in un contesto multiculturale, le proprie scelte di vita, confrontandole con la visione cristiana nel quadro di un dialogo aperto, libero e costruttivo; -individuare la visione cristiana della vita umana e il suo fine ultimo, in un confronto aperto con quello di altre religioni e di pensiero; -riconoscere al rilievo morale delle azioni umane con particolare riferimento alle relazioni interpersonali, alla vita pubblica e allo sviluppo scientifico e tecnologico; riconoscere il valore delle relazioni interpersonali e dell'affettività e la lettura che ne dà il cristianesimo; -usare e interpretare correttamente e criticamente le fonti autentiche della tradizione cristiano-cattolica. -Il giudizio nella prima scansione dell'anno scolastico e quello finale terrà conto dell'acquisizione dei contenuti, dell'interesse e dell'impegno dimostrati, della partecipazione attiva al dialogo in classe, delle capacità di collegamento interdisciplinare e, per il triennio, della rielaborazione critica e personale dei contenuti. -La valutazione di tipo sommativo sarà utilizzata in genere all'inizio e alla fine delle varie unità didattiche e sarà comunicata agli alunni all'atto della formalizzazione; le verifiche consisteranno prevalentemente in questionari, test pratici, lavori individuali e/o di gruppo. -Attraverso la valutazione formativa sarà regolato in "itinere" il processo di insegnamento/apprendimento così da essere più adeguato agli stili e ai tempi di apprendimento degli alunni; la valutazione formativa sarà svolta preferibilmente attraverso colloqui, analisi di documenti e modalità laboratoriali e interattive: attività di gruppo, giochi di ruolo, drammatizzazioni, utilizzazioni dei sussidi audiovisivi e attività multimediali. 14

15 Programma svolto anno scolastico 2018/2019 classe 5 D ITT L insegnamento della Religione Cattolica Contribuisce alla formazione globale con particolare riferimento agli aspetti spirituali ed etici dell esistenza, in vista di un inserimento responsabile nella vita civile e sociale, nel mondo universitario e del lavoro. L I.R.C., offre contenuti propri della tradizione cristiano-cattolica in quanto parte integrante del patrimonio storico culturale del nostro paese e quindi utile per la formazione del uomo e del cittadino. In una società sempre più caratterizzata dal pluralismo etnico, culturale e religioso, tale insegnamento offre argomenti e strumenti per una riflessione sistematica sulla complessità dell esistenza umana nel confronto aperto fra cristianesimo e altri sistemi di significato. L I.R.C., promuove, fra gli studenti, la partecipazione ad un dialogo autentico e costruttivo, educando all esercizio della libertà in una prospettiva di giustizia e di pace. Contenuti: Le ideologie del male nell Europa del XX secolo: genocidi (Cristiani armeni, ebrei europei), dittature (gulag comunisti e lager nazisti). Auschwitz, simbolo del male. Parlare di Dio dopo Auschwitz. Società e religione. Il villaggio globale secolarizzato. 1. Il pregiudizio sulla religione: Freud, Nietzsche e Marx. Ateismo pratico e indifferenza religiosa. Il fenomeno del risveglio religioso. Questioni sociali: la cultura contemporanea; il ruolo della famiglia cristiana, accoglienza e solidarietà. La dottrina sociale della Chiesa. Lettura e approfondimento delle seguenti encicliche: Populorum progressio di Papa Paolo VI e Laudato sì di Papa Francesco. Le grandi religioni: dialogo interreligioso. 2. Ebraismo. 3. Islam. 4. Induismo. 5. Buddhismo. Fede/Scienza. Fede/ragione. 6. Galileo Galilei. 7. Cartesio. 8. Le origini del mondo secondo la Bibbia, secondo la filosofia, secondo la scienza. Approfondimento culturali: la sfida ecologica; il commercio equo e solidale; le neuroscienze Incontri formativi con realtà associative presenti sul territorio come da progetti indicati. 15

16 La sfida culturale contemporanea: pluralità di culture diverse, presenza di persone differenti per etnia, religione e cultura in un determinato contesto sociale. Significato di intercultura interreligione integrazione. 16

17 DISCIPLINA: INGLESE OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE - Comprendere, in maniera globale e/o analitica, testi orali; - sostenere semplici conversazioni, su argomenti generali e specifici; - produrre testi orali per descrivere processi o situazioni con chiarezza logica e precisione lessicale; - comprendere in modo globale testi scritti di interesse generale e specifici del settore di specializzazione; - comprendere in modo analitico testi scritti specifici dell indirizzo; - trasporre in lingua italiana testi scritti di argomento tecnologico; - individuare le strutture e i meccanismi linguistici che operano a diversi livelli; - attivare modalità di apprendimento autonomo sia nella scelta di materiali e di strumenti di studio, sia nell individuazione di strategie idonee a raggiungere gli obiettivi prefissati. 1. Types of computer 2. The computer system 3. Input-output devices 4. Computer storage 5. Computer ports and connections 6. Upgrading hardware 7. Fit a new graphics card 8. History of the computer 9. System software 10. Programming 11. Computer languages 12. How the Windows OS works 13. Install/uninstall a program 14. Encryption 15. Alan Turing and intelligent machines 16. Cloud computing 17. The potential of the quantum computer 18. What is a telecoms system? 19. The telephone network 20. The first telephone networks 21. Cables 22. How a digital telecoms system works 23. Cellular telephones - Lezione frontale - Discussione guidata - Esecuzione collettiva guidata - Attività in coppia/gruppo STRUMENTI DIDATTICI - Sussidi visivi/sonori e audiovisivi - Materiali multimediali dal Web - Libri, tabelle e dati, documenti, ecc. - Supporti (lavagne interattive, ecc) - Materiale strutturato STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE - Prove strutturate e semistrutturate; questionari a risposta libera; Per i criteri di valutazione si fa riferimento a quelli contenuti nel PTOF. - prove aperte: interrogazione. 17

18 ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO - Attività di consolidamento dell abilità comunicativa con il conversatore madrelingua - Consolidamento delle abilità di ascolto e lettura per la preparazione del test INVALSI - Recupero intracurricolare, in orario scolastico Disciplina: Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Classe V D ITT Articolazione telecomunicazioni OBIETTIVI RAGGIUNTI CONTENUTI METODOLOGIE Applicare i procedimenti dell'elettronica nello studio e nella progettazione di impianti e di apparecchiature contenenti sensori e attuatori Utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di misura per effettuare verifiche, controlli e collaudi. Costruire semplici circuiti elettronici su beadboard e su circuiti stampati TECNOLOGIE E LINGUAGGI PER IL WEB, TECNOLO-GIE WEB LATO CLIENT : HTML 5 La struttura di una pagina HTML, start tag ed end tag <html>,<head>,<hn>, <p>,<body>, <title>. Il ruolo dei browsers. Sintassi del tag header con attibuto align. Significato del <!DOCTYPE...>. Struttura logica di tipo gerarchico di una pagina Questi i metodi didattici che si sono adottati: -Lezione frontale -Discussione guidata -Attività di laboratorio - Esercitazione assistita di progettazione - Realizzazione pratica e collaudo in laboratorio - Lavoro di gruppo STRUMENTI DIDATTICI 18

19 Gestire i progetti proposti dal docente e/o individuati dagli studenti Analizzare tipologie e caratteristiche tecniche dei dispositivi elettronici, con riferimento ai criteri di scelta per la loro utilizzazione ed interfacciamento. HTML. Definizione operativa di elemento HTML. Sintassi completa di un tag. Gli empty tag e la loro forma più semplice. <b><i><u> testo formattato</b></i></u>. HTML Paragraphs; HTML Links : <a href=" ools.com">this is a link</a>. HTML Images : <img src="w3schools.jpg" alt="w3schools.com" width="104" height="142"> Attributi di <body>: text, margin, link. vlink, bgcolor, background. Il codice RGB. I tag presenti nel <body>: Block level, Text level, empty TAG. <p> e <div>, <br />, e <hr />. Gli attributi di <hr /> : align, size, width, color, noshade. I tag di gestione del testo : il tag <face> ed i suoi attributi face,size, color. Le definizioni del carattere : tag <s>, <tt>, <sup>, <sub>. Formati grafici GIF, JPG, PNG per una pagina web e loro caratteristiche principali. L'interlacciamento (interleave). La sintassi completa del tag <img>. Percorsi assoluti e relativi dei file. Il simbolo../ per la directory padre. TRASDUTTORI DI MISURA INTEGRATI. CIRCUITI DI CONDIZIONAMENTO Le 7 tipologie di funzioni svolte dal circuito di condizionamento. Trasduttori di temperatura integrati: AD590: pinout, curva caratteristica in C e K, l'errore di calibrazione e la sua compensazione, l'errore di non linearità e la costante di tempo termica LM35 : package, pinout, range di temperatura, 19 -Sussidi visivi (filmati) -Libri, tabelle, datasheet, riviste specialistiche -Supporti (lavagne, ecc) -Materiale strutturato (schede, esercitazioni,..) messo a disposizione in Materiali Didattici del registro elettronico Axios -Materiale raccolto individualmente -Internet -pacchetti software (Office, Eagle, ) Testo in adozione Amedeo De Santis, Mario Cacciaglia, Giandomenico Petrollini, Carlo Saggese vol.3 (Edizione mista), Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni, Milano2014, RCS Libri S.p.A.(Edizioni Calderini) ISBN

20 STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE Interrogazioni orali brevi e lunghe. Questionari a risposta aperta e a risposta chiusa. Relazioni scritte riguardanti le attività di laboratorio. Si rimanda alla la griglia di valutazione inserita alle pagg del POF-T e richiamata nel presente documento. ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO Attività di recupero: Sostegno in Pausa didattica Sostegno in itinere durante l attività didattica Attività di recupero, laddove ritenuto necessario, durante il laboratorio. Attività di approfondimento: attività di ricerca individuale dello studente con restituzione alla classe. 20

21 Classe 5D-ITT Disciplina: TELECOMUNICAZIONI... OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE Conoscere la struttura e i parametri caratteristici degli amplificatori operazionali. Conoscere le applicazioni lineari e non lineari degli amplificatori operazionali e saper progettare i relativi circuiti. Conoscere i problemi relativi alla conversione digitale/analogica e viceversa e i tipi di circuiti Conoscere le applicazioni dei DAC e degli ADC e saper progettare i relativi circuiti. Principi di Telecomunicazioni Filtri Oscillatori Saper produrre la documentazione tecnica relativa ad un progetto. Reti LAN e analisi progettuale di una rete anche complessa A livello laboratoriale: Modulazioni a portante digitale, PAM, PWM, PPM. Modulazioni a portante sinusoidale ASK ed FSK. Convertitori D/A Modulazione PCM. Filtri attivi del primo e del secondo ordine, filtro passa basso vcvs Codifiche RZ, NRZ e AMI Oscillatori : a ponte di Wien, a sfasamento Oscillatori ad alte freq, Colpitts, Hartley, Pierce. A livello teorico Le Telecomunicazioni, principi fondamentali Reti LAN, indirizzamenti, Protocolli ISO/OSI. Net Mask e Subnet Mask Reti WiFi Legge di Shannon Multiplazioni TDM Fibre ottiche Lezione frontale Discussione guidata Lavoro di gruppo Attività in Laboratorio Progetti STRUMENTI DIDATTICI Libro di testo Lavagna Strumentazione di laboratorio Manuali tecnici Programmi di calcolo STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE La verifica dell apprendimento è attuata mediante prove orali, scritte e pratiche. La scala di misurazione del profitto è quella normalmente utilizzata nella nostra scuola con una tabella di valutazioni che va dall 1 (gravemente insufficiente, praticamente nullo) al 10 (valutazione Ottima) ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO 21

22 Interventi Didattici Educativi Integrativi ( I.D.E.I.), in orario extrascolastico, Studio a casa. 22

23 DISCIPLINA: ITALIANO OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE Conoscere le linee evolutive essenziali della letteratura italiana dell 800 e del 900 in relazione al contesto storicoculturale Saper utilizzare in modo autonomo le principali competenze acquisite di analisi testuale e contestuale Assumere un punto di vista personale Formulare una coerente interpretazione del testo Saper produrre testi scritti nelle forme richieste dall Esame di Stato Verga Il Decadentismo, Simbolismo ed estetismo Pascoli D Annunzio La narrativa della crisi. Le avanguardie storiche: Futurismo, Espressionismo, Dadaismo, Surrealismo Svevo Pirandello Ungaretti Quasimodo Saba Montale Primo Levi - Lezione frontale - Discussione guidata - Esecuzione collettiva guidata - Attività in coppia/gruppo STRUMENTI DIDATTICI - Sussidi visivi - Sussidi sonori - Sussidi audiovisivi - Libri, tabelle e dati, documenti, ecc. - Supporti (lavagne, ecc) - Materiale strutturato STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE - Prove scritta: in riferimento alle tipologie previste per la prova ministeriale - Prove aperte: interrogazione - Autovalutazione dello studente, impegnato a riflettere metacognitivamente sul proprio processo di apprendimento. A tal proposito si fa riferimento ai criteri espressi nel P.T.O.F. ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO - Recupero intracurricolare, in orario scolastico - Percorsi individualizzati, in orario scolastico 23

24 DISCIPLINA: STORIA OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE Conoscere i mutamenti storici e collocarli correttamente nei tempi in cui si sono verificati Saper utilizzare in modo autonomo le principali competenze acquisite di analisi testuale e contestuale Produrre informazioni ricorrendo a varie fonti storiche Saper operare con temporalità diverse Sviluppare la consapevolezza dei nessi tra storia settoriale e storia generale Utilizzare concetti interpretativi e termini storici in rapporto con gli specifici contesti storici Sviluppare le capacità di applicazione delle conoscenze del passato per la comprensione del presente L'età dell'imperialismo e la prima guerra mondiale L'età dei totalitarismi e la seconda guerra mondiale Il mondo bipolare: dalla guerra fredda alla dissoluzione dell'urss - Lezione frontale - Discussione guidata - Esecuzione collettiva guidata - Attività in coppia/gruppo STRUMENTI DIDATTICI - Sussidi visivi - Sussidi sonori - Libri, tabelle e dati, documenti, ecc. - Supporti (lavagne, ecc) - Materiale strutturato -Documentari didattici sulle tematiche affrontate durante le lezioni. STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE - Prove aperte: interrogazione - Prove semi-strutturate: domande a risposta aperta - Autovalutazione dello studente, impegnato a riflettere metacognitivamente sul proprio processo di apprendimento. A tal proposito si fa riferimento ai criteri espressi nel P.T.O.F. ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO - Recupero intracurricolare, in orario scolastico - Percorsi individualizzati in orario scolastico ed extrascolastico 24

25 25

26 Materia: Scienze Motorie e Sportive OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE Realizzati e raggiunti in termini di Conoscenze: - Contenuti della disciplina Terminologia specifica Percorsi e procedimenti nella metodologia dell allenamento fisico Competenze: - Utilizzo delle conoscenze tecniche acquisite Elaborazione e sviluppo di un programma individualizzato Utilizzo di un lessico specifico della disciplina in modo pertinente Capacità : -Memorizzazione delle informazioni e delle sequenze motorie Comprensione delle informazioni riconoscendo i dati fondamentali Sintesi delle conoscenze acquisite al fine di produrre sequenze motorie, progetti, soluzioni e per trasferirle in contesti diversi Applicazione delle regole, dei principi metodologici e delle tecniche specifiche Pallacanestro Velocità Mobilità articolare Forza Pallavolo Resistenza Atletica Leggera Traumatologia e Primo soccorso Ogni attività è stata proposta tenendo conto del livello di partenza della classe e di rispettare il principio di un graduale aumento dei carichi di lavoro e della velocità di esecuzione. La spiegazione verbale è stata sempre integrata dalla dimostrazione pratica. Si è utilizzato contemporaneamente il metodo globale e quello analitico per facilitare il passaggio graduale dal movimento naturale al gesto tecnico vero e proprio. Durante l esecuzione è stata fatta la correzione costante degli errori, e le ripetizioni hanno favorito l interiorizzazione di nuovi schemi motori e la loro personalizzazione. STRUMENTI DIDATTICI Nello svolgimento delle attività sono state utilizzate tutte le attrezzature disponibili negli impianti sportivi dell istituto. STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE Il conseguimento degli obiettivi didattici disciplinari è stato verificato attraverso test specifici. Poiché la prestazione motoria umana appartiene alla categoria delle produzioni complesse e non è sempre possibile definire criteri del tutto oggettivi, il significativo miglioramento rispetto ai livelli di partenza o l acquisizione di abilità specifiche sono stati valutati attraverso prove pratiche mirate. Nelle valutazioni quadrimestrali si è tenuto conto, oltre ai miglioramenti conseguiti rispetto al livello iniziale, dei seguenti canoni: Partecipazione con una valenza del 20 % sul voto finale Impegno Interesse con una valenza del 30 % sul voto finale Media verifiche - con una valenza del 50 % sul voto finale ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO L acquisizione dei vari obiettivi è un percorso didattico richiesto ad ogni alunno. Quando la maggioranza della classe non ha acquisito l abilità richiesta, è stato riproposto un itinerario didattico semplificato, indicando agli alunni il lavoro da effettuare e dando ad essi ulteriori possibilità di verifiche per raggiungere almeno un profitto sufficiente. Recupero in itinere. Non ci sono state attività di approfondimento. 26

27 27

28 DISCIPLINA: Sistemi e Reti OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE - Comprendere, in maniera globale e/o analitica, lepeculiarità dei sistemi client/server e dei tipi di reti; -conoscere, saper scegliere e saper connettere i dispositivi di rete -conoscere e saper installare Programmi/Protocolli di sicurezza - comprendere come progettare una rete locale e come realizzare la connessione 1. Topologia delle reti 2. Dispositivi di rete 3. Tipi di Cavi per networking: coassiali, UTP ed STP, Fibre ottiche mono- e multi-modali 4. Protocolli Data Link-level 2 ISO-OSI: Ethernet 802.3, LLC 802.2, wifi x, Bluetooth (MAC address e frames) 5. Commutazioni di pacchetto orientate alla connessione e non: distance vector(tdi) e label switching(lspdbase) 6. IP address: classful e classless, subnetting e internetworking 7. CIDR e supernetworking: VLSM 8. Protocollo ARP - Lezione frontale - Discussione guidata - Esecuzione collettiva guidata - Attività in coppia/gruppo STRUMENTI DIDATTICI 28

29 al web - attivare modalità di apprendimento autonomo sia nella scelta di materiali e di strumenti di studio, sia nell individuazione di strategie idonee a raggiungere gli obiettivi prefissati. OBIETTIVI CLIL: - sostenere semplici conversazioni, su argomenti specifici; - produrre testi per descrivere processi o situazioni con chiarezza logica e precisione lessicale; - comprendere testi scritti specifici sulla cybersecurity; - individuare le strutture e i meccanismi linguistici; 9. Protocollo IP e ICMP 10. Protocolli di routing: RIPv2 e OSPF 11. Livello 4: protocollo TCP e segment, three ways handshake, disconnessione, porte e socket TCP 12. Livello 4: UDP e datagramma, porte e sockets UDP 13. Livello 7: Indirizzamento statico e dinamico: DHCP DNS http NAT FTP POP3-SMTP 14. Firewall e PROXY, acl e black list 15. Modelli di reti internetworking: Reti trust/dmz Terminali remoti: Putty e remote Desktop con SSH VPN, protocollo IPsec HTTPS: protocollo SSL/TLS e certificati 16. CLIL-cybersecurity: Malwares, hackers and cyberattacks AAA Symmetric and asymmetric Encryption Message digest-hash MD5 challenge/response protocol DIffie-Hellman key exchange Radius protocol Laboratorio: RaspberryPI:architettura e GPIO Packet Tracer: Simulazioni LAN Simulazioni reti internetworking Routing RIP Configurazioni server: HTTP,DHCP, DNS, FTP, POSTA VLAN NAT e ACL firewall - Sussidi visivi/sonori e audiovisivi - Materiali multimediali dal Web - Libri, tabelle e dati, documenti, ecc. - Supporti (computer e software di simulazione, raspberrypi, ecc) - Materiale strutturato Libro di testo: Ollari Paolo Sistemi e reti 3 ed. Zanichelli STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE 29

30 - Prove pratiche ; questionari a risposta libera; -relazioni tecniche; - prove aperte: interrogazione. Per i criteri di valutazione si fa riferimento a quelli contenuti nel PTOF. ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO - Attività di consolidamento dell abilità comunicativa con il conversatore madrelingua in CLIL - Recupero intracurricolare, in orario scolastico 30

31 Disciplina: MATEMATICA OBIETTIVI CONTENUTI METODOLOGIE Utilizzare consapevolmente le tecniche e le procedure di calcolo studiate. Riconoscere e costruire relazioni e funzioni. Matematizzare semplici situazioni riferite alla comune esperienza e a vari ambiti disciplinari. Comprendere ed interpretare le strutture di semplici formalismi matematici. Riconoscere concetti e regole della logica in contesti argomentativi e dimostrativi. 1. Studio di funzioni algebriche e trascendenti, razionali, irrazionali, esponenziali. 2. Calcolo delle derivate 3. Applicazione del calcolo delle derivate allo studio di funzioni, teoremi del calcolo differenziale 4. Calcolo di integrali indefiniti e definiti. 5. Applicazione di integrali definiti. - Lezione frontale - Discussione guidata - Esecuzione collettiva guidata STRUMENTI DIDATTICI - Libri,documenti, ecc. - Supporti (lavagne, ecc) - Materiale strutturato STRUMENTI di VERIFICA CRITERI di VALUTAZIONE Prove semi-strutturate: questionari a risposta libera Prove aperte: interrogazione Prove strutturate : problemi e esercizi di vario tipo VOTO LIVELLI DI CONOSCENZA COMPRENSIONE APPLICAZIONE E/O RIELABORAZIONE 10 Approfondita e ampliata con contributi personali Svolge correttamente le consegne anche complesse e con risvolti interdisciplinari. Rielabora correttamente le conoscenze in modo autonomo e originale. 8-9 Completa e approfondita Non commette errori nell esecuzione delle consegne. Applica senza errori le procedure e le conoscenze in problemi nuovi. 7 Completa e abbastanza coordinata Non commette gravi errori nell esecuzione dei compiti, ma incorre in imprecisioni. Sa applicare i contenuti e le procedure acquisite, ma con imprecisioni. 6 Essenziale Commette alcuni errori nell esecuzione di compiti semplici. Coglie il senso di un'informazione /dato, ma non analizza. Sa applicare, compiendo qualche errore, le conoscenze in compiti semplici. 5 Superficiale Commette errori anche nell esecuzione di compiti semplici. Coglie il senso di un'informazione/dato in modo parziale. Non sempre sa applicare le conoscenze in compiti semplici e commette errori. 4 Frammentaria Commette numerosi errori anche nell esecuzione di compiti semplici. Coglie il senso di un informazione /dato in modo parziale e difficoltoso. Sa applicare solo sporadicamente le conoscenze in compiti semplici e commette errori. 1-3 Nessuna Commette gravi errori. Non sa cogliere il senso di un informazione/dato. Non riesce ad applicare le conoscenze in compiti semplici. ATTIVITÀ di RECUPERO e di APPROFONDIMENTO Recupero curricolare in orario scolastico e in orario pomeridiano 31

32 GESTIONE PROGETTO ORGANIZZAZIONE D IMPRESA OBIETTIVI I nuclei fondanti, concordati nelle riunioni di Coordinamento Disciplinare, in termini di competenze, conoscenze ed abilità, sono i seguenti: COMPETENZE: Linee Guida quinto anno Nuovi Tecnici identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti; gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza; utilizzare i principali concetti relativi all'economia e all'organizzazione dei processi produttivi e dei servizi; analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio; utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive ed agli strumenti tecnici della comunicazione in rete; utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca ed approfondimento disciplinare; redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. CONOSCENZE Linee Guida quinto anno Nuovi Tecnici ABILITA Linee Guida quinto anno Nuovi Tecnici 32

33 Tecniche e per la pianificazione, previsione e controllo di costi, risorse e software per lo sviluppo di un progetto. Manualistica e strumenti per la generazione della documentazione di un progetto. Tecniche e metodologie di testing a livello di singolo componente e di sistema. Norme e standard settoriali di per la verifica e la validazione del risultato di un progetto. Normativa internazionale, comunitaria e nazionale di settore relativa alla sicurezza e alla prevenzione degli infortuni. Elementi di economia e organizzazione di impresa con particolare riferimento al settore ICT. Processi aziendali generali e specifici del settore ICT, modelli di rappresentazione dei processi e delle loro interazioni e figure professionali. Ciclo di vita di un prodotto/servizio. Metodologie certificate per l assicurazione della qualità di progettazione, realizzazione ed erogazione di prodotti/servizi del settore ICT. Gestire le specifiche, la pianificazione e lo stato di avanzamento di un progetto del settore ICT, anche mediante l utilizzo di strumenti software specifici. Individuare e selezionare risorse e strumenti operativi per lo sviluppo di un progetto anche in riferimento ai costi. Realizzare la documentazione tecnica, utente edorganizzativa di un progetto, anche in riferimento alle norme ed agli standard di settore. Verificare e validare la rispondenza del risultato di un progetto alle specifiche, anche attraverso metodologie di testing conformi alle normative o standard di settore. Individuare le cause di rischio connesse alla sicurezza negli ambienti di lavoro. Analizzare e rappresentare, anche graficamente,l organizzaz ione dei processi produttivi e gestionali delle aziende di settore. Comprendere e rappresentare le interdipendenze tra i processi aziendali. OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Acquisire, esercitare e verificare le proprie capacità organizzative e di gestione progettuale all interno di contesti semplici, anche slegati dal mondo del ICT, per poi essere in grado di elaborare autonomamente delle soluzioni. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche anche con riferimento alla vita sociale e culturale e dei luoghi di lavoro. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico. CONTENUTI 33

34 1. ELEMENTI DI ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA Competenze Utilizzare i principali concetti relativi all'economia e all'organizzazione dei processi produttivi e dei servizi utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca ed approfondimento disciplinare. Conoscenze Elementi di economia e organizzazione di impresa con particolare riferimento al settore ICT. Tecniche per la pianificazione, previsione e controllo di costi, risorse e software per lo sviluppo di un progetto modelli economici domanda, offerta, azienda, concorrenza, mercato, prezzo, profitto il bene informazione switching cost, lock-in economie di scala e di rete outsourcing modelli e cicli aziendali, stakeholder Metodologie certificate per l assicurazione della qualità di progettazione, realizzazione ed erogazione di prodotti/servizi del settore ICT. Abilità Comprendere e rappresentare le interdipendenze tra i processi aziendali analizzare e rappresentare, anche graficamente, l organizzazione dei processi produttivi e gestionali delle aziende di settore comprendere e rappresentare le interdipendenze tra i processi aziendali. Tempi: Settembre/Novembre 2. PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DI PROGETTI, L ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Competenze Iidentificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca ed approfondimento disciplinare. Conoscenze Tecniche e per la pianificazione, previsione e controllo di costi, risorse e software per lo sviluppo di un progetto. Strumenti per la generazione della documentazione di un progetto: Project Management 34

35 Abilità Gestire le specifiche, la pianificazione e lo stato di avanzamento di un progetto del settore ICT, anche mediante l utilizzo di strumenti software specifici Verificare e validare la rispondenza del risultato di un progetto alle specifiche, anche attraverso metodologie di testing conformi a normative o standard di settore Tempi: Dicembre/Aprile 3. SICUREZZA SUL LAVORO Competenze Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio. Conoscenze Norme e standard settoriali di per la verifica e la validazione del risultato di un progetto Normativa internazionale, comunitaria e nazionale di settore relativa alla sicurezza e alla prevenzione degli infortuni. La norma italiana sulla sicurezza La norma internazionale sulla sicurezza Responsabilità sociale d impresa Abilità Individuare le cause di rischio connesse alla sicurezza negli ambienti di lavoro Tempi: Aprile/Maggio METODI e STRATEGIE Lezioni frontali e/o partecipate anche con l'utilizzo dei laboratori. Gli aspetti teorici sono stati continuamente richiamati ed esplicitati presentando problemi, attività progettuali e analisi di casi reali. MEZZI Libro di testo Paolo Ollari Giorgio Meini Fiorenzo Formichi, per Informatica e Telecomunicazioni Gestione, Progetto e Organizzazione d Impresa ed. Tecnologia Zanichelli. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Prove scritte (domande a risposta aperta, domande a risposta chiusa e esercizi), attività multimediali e prove orali. Le valutazioni fanno riferimento a quanto 35

36 riportato nel Piano dell'offerta Formativa della scuola, mentre per le valutazioni intermedie si tiene conto della quantità e difficoltà della prova, utilizzando l intera scala decimale della valutazione 36

37 37

38 ALLEGATO n. 2 Simulazioni Prima e seconda prova 38

39 PRIMA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA: 22 febbraio 2019 SECONDA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA: 26 marzo 2019 TERZA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA: 7 maggio 2019 PRIMA SIMULAZIONE DELLA SECONDA PROVA: 8 Marzo 2019 SECONDA SIMULAZIONE DELLA SECONDA PROVA: 2 aprile

40 PRIMA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA: 22 Febbraio 2019 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA A ANALISI E INTERPRETAZIONE DI UN TESTO LETTERARIO ITALIANO Giovanni Pascoli, Patria Sogno d'un dí d'estate. Quanto scampanellare tremulo di cicale! Stridule pel filare moveva il maestrale le foglie accartocciate. Scendea tra gli olmi il sole in fascie polverose: erano in ciel due sole nuvole, tenui, róse 1 : due bianche spennellate in tutto il ciel turchino. Siepi di melograno, fratte di tamerice 2, il palpito lontano d'una trebbïatrice, l'angelus argentino 3... dov'ero? Le campane mi dissero dov'ero, 1 corrose 2 cespugli di tamerici (il singolare è motivato dalla rima con trebbiatrice) 3 il suono delle campane che in varie ore del giorno richiama alla preghiera (angelus) è nitido, come se venisse prodotto dalla percussione di una superficie d'argento (argentino). 40

41 piangendo, mentre un cane latrava al forestiero, che andava a capo chino. Il titolo di questo componimento di Giovanni Pascoli era originariamente Estate e solo nell'edizione di Myricae del 1897 diventa Patria, con riferimento al paese natio, San Mauro di Romagna, luogo sempre rimpianto dal poeta. Comprensione e analisi 1. Individua brevemente i temi della poesia. 2. In che modo il titolo «Patria» e il primo verso «Sogno d'un dí d'estate» possono essere entrambi riassuntivi dell'intero componimento? 3. La realtà è descritta attraverso suoni, colori, sensazioni. Cerca di individuare con quali soluzioni metriche ed espressive il poeta ottiene il risultato di trasfigurare la natura, che diventa specchio del suo sentire. 4. Qual è il significato dell'interrogativa "dov'ero" con cui inizia l'ultima strofa? 5. Il ritorno alla realtà, alla fine, ribadisce la dimensione estraniata del poeta, anche oltre il sogno. Soffermati su come è espresso questo concetto e sulla definizione di sé come "forestiero", una parola densa di significato. Puoi rispondere punto per punto oppure costruire un unico discorso che comprenda le risposte alle domande proposte. Interpretazione Il tema dello sradicamento in questa e in altre poesie di Pascoli diventa l'espressione di un disagio esistenziale che travalica il dato biografico del poeta e assume una dimensione universale. Molti testi della letteratura dell'ottocento e del Novecento affrontano il tema dell'estraneità, della perdita, dell'isolamento dell'individuo, che per vari motivi e in contesti diversi non riesce a integrarsi nella realtà e ha un rapporto conflittuale con il mondo, di fronte al quale si sente un "forestiero". Approfondisci l'argomento in base alle tue letture ed esperienze. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. 41

42 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA A ANALISI E INTERPRETAZIONE DI UN TESTO LETTERARIO ITALIANO Elsa Morante, La storia (Torino, Einaudi 1974, pag. 168). La Storia, romanzo a sfondo storico pubblicato nel 1974 e ambientato a Roma durante e dopo l ultima guerra ( ), è scritto da Elsa Morante ( ) negli anni della sua maturità, dopo il successo di Menzogna e sortilegio e de L isola di Arturo. I personaggi sono esseri dal destino insignificante, che la Storia ignora. La narrazione è intercalata da pagine di eventi storici in ordine cronologico, quasi a marcare la loro distanza dall'esistenza degli individui oppressi dalla Storia, creature perdenti schiacciate dallo "scandalo della guerra". Una di quelle mattine Ida, con due grosse sporte al braccio, tornava dalla spesa tenendo per mano Useppe. [ ] Uscivano dal viale alberato non lontano dallo Scalo Merci, dirigendosi in via dei Volsci, quando, non preavvisato da nessun allarme, si udì avanzare nel cielo un clamore d orchestra metallico e ronzante. Useppe levò gli occhi in alto, e disse: Lioplani 4. E in quel momento l aria fischiò, mentre già in un tuono enorme tutti i muri precipitavano alle loro spalle e il terreno saltava d intorno a loro, sminuzzato in una mitraglia di frammenti. Useppe! Useppee! urlò Ida, sbattuta in un ciclone nero e polveroso che impediva la vista: Mà sto qui, le rispose all altezza del suo braccio, la vocina di lui, quasi rassicurante. Essa lo prese in collo 5 [ ]. Intanto, era cominciato il suono delle sirene. Essa, nella sua corsa, sentì che scivolava verso il basso, come avesse i pattini, su un terreno rimosso che pareva arato, e che fumava. Verso il fondo, essa cadde a sedere, con Useppe stretto fra le braccia. Nella caduta, dalla sporta le si era riversato il suo carico di ortaggi, fra i quali, sparsi ai suoi piedi, splendevano i colori dei peperoni, verde, arancione e rosso vivo. Con una mano, essa si aggrappò a una radice schiantata, ancora coperta di terriccio in frantumi, che sporgeva verso di lei. E assestandosi meglio, rannicchiata intorno a Useppe, prese a palparlo febbrilmente in tutto il corpo, per assicurarsi ch era incolume 6. Poi gli sistemò sulla testolina la sporta vuota come un elmo di protezione. [ ] Useppe, accucciato contro di lei, la guardava in faccia, di sotto la sporta, non impaurito, ma piuttosto curioso e soprapensiero. Non è niente, essa gli disse, Non aver paura. Non è niente. Lui aveva perduto i sandaletti ma teneva ancora la sua pallina stretta nel pugno. Agli schianti più forti, lo si sentiva appena tremare: Nente diceva poi, fra persuaso e interrogativo. I suoi piedini nudi si bilanciavano quieti accosto 7 a Ida, uno di qua e uno di là. Per tutto il tempo che aspettarono in quel riparo, i suoi occhi e quelli di Ida rimasero, intenti, a guardarsi. Lei non avrebbe saputo dire la durata di quel tempo. Il suo orologetto da polso si era rotto; e ci sono delle circostanze in cui, per la mente, calcolare una durata è impossibile. 4 Lioplani: sta per aeroplani nel linguaggio del bambino. 5 in collo: in braccio. 6 incolume: non ferito. 7 accosto: accanto. 42

43 Al cessato allarme, nell affacciarsi fuori di là, si ritrovarono dentro una immensa nube pulverulenta 8 che nascondeva il sole, e faceva tossire col suo sapore di catrame: attraverso questa nube, si vedevano fiamme e fumo nero dalla parte dello Scalo Merci. [ ] Finalmente, di là da un casamento semidistrutto, da cui pendevano travi e le persiane divelte 9, fra il solito polverone di rovina, Ida ravvisò 10, intatto, il casamento 11 con l osteria, dove andavano a rifugiarsi le notti degli allarmi. Qui Useppe prese a dibattersi con tanta frenesia che riuscì a svincolarsi dalle sue braccia e a scendere in terra. E correndo coi suoi piedini nudi verso una nube più densa di polverone, incominciò a gridare: Bii! Biii! Biiii! 12 Il loro caseggiato era distrutto [ ] Dabbasso delle figure urlanti o ammutolite si aggiravano fra i lastroni di cemento, i mobili sconquassati, i cumuli di rottami e di immondezze. Nessun lamento ne saliva, là sotto dovevano essere tutti morti. Ma certune di quelle figure, sotto l azione di un meccanismo idiota, andavano frugando o raspando con le unghie fra quei cumuli, alla ricerca di qualcuno o qualcosa da recuperare. E in mezzo a tutto questo, la vocina di Useppe continuava a chiamare: Bii! Biii! Biiii! Comprensione e analisi 1. L episodio rappresenta l'incursione aerea su Roma del 19 luglio Sintetizza la scena in cui madre e figlioletto si trovano coinvolti, soffermandoti in particolare sull ambiente e sulle reazioni dei personaggi. 2. «Si udì avanzare nel cielo un clamore d orchestra metallico e ronzante»; come spieghi questa descrizione sonora? Quale effetto produce? 3. Il bombardamento è filtrato attraverso gli occhi di Useppe. Da quali particolari emerge lo sguardo innocente del bambino? 4. Nel racconto ci sono alcuni oggetti all apparenza incongrui ed inutili che sono invece elementi di una memoria vivida e folgorante, quasi delle istantanee. Prova ad indicarne alcuni, ipotizzandone il significato simbolico. Puoi rispondere punto per punto oppure costruire un unico discorso che comprenda le risposte alle domande proposte. Interpretazione Il romanzo mette in campo due questioni fondamentali: da una parte il ruolo della Storia nelle opere di finzione, problema che da Manzoni in poi molti scrittori italiani hanno affrontato individuando diverse soluzioni; dall altra, in particolare in questo brano, la scelta dello sguardo innocente e infantile di un bambino, stupito di fronte ad eventi enormi e incomprensibili. Sviluppa una di queste piste mettendo a confronto le soluzioni adottate dalla Morante nel testo con altri esempi studiati nel percorso scolastico o personale appartenenti alla letteratura o al cinema novecentesco e contemporaneo. Durata massima della prova: 6 ore. 8 pulverulenta: piena di polvere. 9 divelte: strappate via. 10 ravvisò: cominciò a vedere, a riconoscere. 11 il casamento: il palazzo, il caseggiato. 12 Bii: deformazione infantile di Blitz, il nome del cane che viveva con Ida e Useppe. 43

44 È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. 44

45 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA B ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO Arnaldo Momigliano considera caratteristiche fondamentali del lavoro dello storico l interesse generale per le cose del passato e il piacere di scoprire in esso fatti nuovi riguardanti l umanità 13. È una definizione che implica uno stretto legame fra presente e passato e che bene si attaglia anche alla ricerca sulle cose e i fatti a noi vicini. Ma come nascono questo interesse e questo piacere? La prima mediazione fra presente e passato avviene in genere nell ambito della famiglia, in particolare nel rapporto con i genitori e talvolta, come notava Bloch, ancor più con i nonni, che sfuggono all immediato antagonismo fra le generazioni 14. In questo ambito prevalgono molte volte la nostalgia della vecchia generazione verso il tempo della giovinezza e la spinta a vedere sistematizzata la propria memoria fornendo così di senso, sia pure a posteriori, la propria vita. Per questa strada si può diventare irritanti laudatores temporis acti ( lodatori del tempo passato ), ma anche suscitatori di curiosità e di pietas ( affetto e devozione ) verso quanto vissuto nel passato. E possono nascerne il rifiuto della storia, concentrandosi prevalentemente l attenzione dei giovani sul presente e sul futuro, oppure il desiderio di conoscere più e meglio il passato proprio in funzione di una migliore comprensione dell oggi e delle prospettive che esso apre per il domani. I due atteggiamenti sono bene sintetizzati dalle parole di due classici. Ovidio raccomandava Laudamus veteres, sed nostris utemur annis («Elogiamo i tempi antichi, ma sappiamoci muovere nei nostri»); e Tacito: Ulteriora mirari, presentia sequi («Guardare al futuro, stare nel proprio tempo») 15. L insegnamento della storia contemporanea si pone dunque con responsabilità particolarmente forti nel punto di sutura tra passato presente e futuro. Al passato ci si può volgere, in prima istanza, sotto una duplice spinta: disseppellire i morti e togliere la rena e l erba che coprono corti e palagi 16 ; ricostruire, per compiacercene o dolercene, il percorso che ci ha condotto a ciò che oggi siamo, illustrandone le difficoltà, gli ostacoli, gli sviamenti, ma anche i successi. Appare ovvio che nella storia contemporanea prevalga la seconda motivazione; ma anche la prima vi ha una sua parte. Innanzi tutto, i morti da disseppellire possono essere anche recenti. In secondo luogo ciò che viene dissepolto ci affascina non solo perché diverso e sorprendente ma altresì per le sottili e nascoste affinità che scopriamo legarci ad esso. La tristezza che è insieme causa ed effetto del risuscitare Cartagine è di per sé un 13 A. Momigliano, Storicismo rivisitato, in Id., Sui fondamenti della storia antica, Einaudi, Torino 1984, p M. Bloch, Apologia della storia o mestiere dello storico, Einaudi, Torino 1969, p. 52 (ed. or. Apologie pour l histoire ou métier d historien, Colin, Paris 1949). 15 Fasti, 1, 225; Historiae, 4.8.2: entrambi citati da M.Pani, Tacito e la fine della storiografia senatoria, in Cornelio Tacito, Agricola, Germania, Dialogo sull oratoria, introduzione, traduzione e note di M. Stefanoni, Garzanti, Milano 1991, p. XLVIII. 16 Corti e palagi: cortili e palazzi. 45

46 legame con Cartagine 17. Claudio PAVONE, Prima lezione di storia contemporanea, Laterza, Roma-Bari 2007, pp. 3-4 Claudio Pavone ( ) è stato archivista e docente di Storia contemporanea. Comprensione e analisi 1. Riassumi il testo mettendo in evidenza la tesi principale e gli argomenti addotti. 2. Su quali fondamenti si sviluppa il lavoro dello storico secondo Arnaldo Momigliano ( ) e Marc Bloch ( ), studiosi rispettivamente del mondo antico e del medioevo? 3. Quale funzione svolgono nell economia generale del discorso le due citazioni da Ovidio e Tacito? 4. Quale ruolo viene riconosciuto alle memorie familiari nello sviluppo dell atteggiamento dei giovani vero la storia? 5. Nell ultimo capoverso la congiunzione conclusiva dunque annuncia la sintesi del messaggio: riassumilo, evidenziando gli aspetti per te maggiormente interessanti. Produzione A partire dall affermazione che si legge in conclusione del passo, «Al passato ci si può volgere, in prima istanza, sotto una duplice spinta: disseppellire i morti e togliere la rena e l erba che coprono corti e palagi; ricostruire [...] il percorso a ciò che oggi siamo, illustrandone le difficoltà, gli ostacoli, gli sviamenti, ma anche i successi», rifletti su cosa significhi per te studiare la storia in generale e quella contemporanea in particolare. Argomenta i tuoi giudizi con riferimenti espliciti alla tua esperienza e alle tue conoscenze e scrivi un testo in cui tesi e argomenti siano organizzati in un discorso coerente e coeso che puoi - se lo ritieni utile - suddividere in paragrafi. Durata massima della prova: 6 ore. 17 «Peu de gens devineront combien il a fallu être triste pour ressusciter Carhage»: così Flaubert, citato da W. Benjamin nella settima delle Tesi della filosofia della Storia, in Angelus novus, traduzione e introduzione di R. Solmi, Einaudi, Torino 1962, p

47 È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA B ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO Il tentativo di realizzare i diritti umani è continuamente rimesso in discussione. Le forze che si oppongono alla loro realizzazione sono numerose: regimi autoritari, strutture governative soverchianti e onnicomprensive, gruppi organizzati che usano la violenza contro persone innocenti e indifese, più in generale, gli impulsi aggressivi e la volontà di predominio degli uomini che animano quelle strutture e quei gruppi. Contro tutti questi «nemici», i diritti umani stentano ad alzare la loro voce. Che fare dunque? Per rispondere, e non con una semplice frase, bisogna avere chiaro in mente che i diritti umani sono una grande conquista dell homo societatis sull homo biologicus. Come ha così bene detto un grande biologo francese, Jean Hamburger, niente è più falso dell affermazione secondo cui i diritti umani sono «diritti naturali», ossia coessenziali alla natura umana, connaturati all uomo. In realtà, egli ha notato, l uomo come essere biologico è portato ad aggredire e soverchiare l altro, a prevaricare per sopravvivere, e niente è più lontano da lui dell altruismo e dell amore per l altro: «niente eguaglia la crudeltà, il disprezzo per l individuo, l ingiustizia di cui la natura ha dato prova nello sviluppo della vita». Se «l uomo naturale» nutre sentimenti di amore e di tenerezza, è solo per procreare e proteggere la ristretta cerchia dei suoi consanguinei. I diritti umani, sostiene Hamburger, sono una vittoria dell io sociale su quello biologico, perché impongono di limitare i propri impulsi, di rispettare l altro: «il concetto di diritti dell uomo non è ispirato dalla legge naturale della vita, è al contrario ribellione contro la legge naturale». Se è così, e non mi sembra che Hamburger abbia torto, non si potrà mai porre termine alla tensione tra le due dimensioni. E si dovrà essere sempre vigili perché l io biologico non prevalga sull io sociale. Ne deriva che anche una protezione relativa e precaria dei diritti umani non si consegue né in un giorno né in un anno: essa richiede un arco di tempo assai lungo. La tutela internazionale dei diritti umani è come quei fenomeni naturali i movimenti tellurici, le glaciazioni, i mutamenti climatici che si producono impercettibilmente, in lassi di tempo che sfuggono alla vita dei singoli individui e si misurano nell arco di generazioni. Pure i diritti umani operano assai lentamente, anche se a differenza dei 47

48 fenomeni naturali non si dispiegano da sé, ma solo con il concorso di migliaia di persone, di Organizzazioni non governative e di Stati. Si tratta, soprattutto, di un processo che non è lineare, ma continuamente spezzato da ricadute, imbarbarimenti, ristagni, silenzi lunghissimi. Come Nelson Mandela, che ha molto lottato per la libertà, ha scritto nella sua Autobiografia: «dopo aver scalato una grande collina ho trovato che vi sono ancora molte più colline da scalare». Antonio CASSESE, I diritti umani oggi, Economica Laterza, Bari 2009 (prima ed. 2005), pp, Antonio Cassese ( ) è stato un giurista, esperto di Diritto internazionale. Comprensione e analisi 1. Riassumi il testo mettendo in evidenza la tesi principale e gli argomenti addotti. 2. Nello svolgimento del discorso viene introdotta una contro-tesi: individuala. 3. Sul piano argomentativo quale valore assume la citazione del biologo francese, Jean Hamburger? 4. Spiega l analogia proposta, nell ultimo capoverso, fra la tutela internazionale dei diritti umani e i fenomeni naturali impercettibili. 5. La citazione in chiusura da Nelson Mandela quale messaggio vuole comunicare al lettore? Produzione Esprimi il tuo giudizio in merito all attualità della violazione dei diritti umani, recentemente ribadita da gravissimi fatti di cronaca. Scrivi un testo argomentativo in cui tesi e argomenti siano organizzati in un discorso coerente e coeso, che puoi, se lo ritieni utile, suddividere in paragrafi. 48

49 Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA B ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO Una rapida evoluzione delle tecnologie è certamente la caratteristica più significativa degli anni a venire, alimentata e accelerata dall'arrivo della struttura del Villaggio Globale. [ ] Il parallelo darwiniano può essere portato oltre: come nei sistemi neuronali e più in generale nei sistemi biologici, l'inventività evolutiva è intrinsecamente associata all'interconnessione. Ad esempio, se limitassimo il raggio di interazione tra individui ad alcuni chilometri, come era il caso della società rurale della fine dell'ottocento, ritorneremmo ad una produttività comparabile a quella di allora. L'interconnessione a tutti i livelli e in tutte le direzioni, il melting pot, è quindi un elemento essenziale nella catalisi della produttività. La comunità scientifica è stata la prima a mettere in pratica un tale melting pot su scala planetaria. L'innovazione tecnologica che ne deriva, sta seguendo lo stesso percorso. L'internazionalizzazione della scienza è quasi un bisogno naturale, dal momento che le leggi della Natura sono evidentemente universali ed espresse spesso con il linguaggio comune della matematica. È proprio a causa di questa semplicità che tale esempio costituisce un utile punto di riferimento. Esso prova che la globalizzazione è un importante mutante biologico, una inevitabile tappa nell'evoluzione. Molte delle preoccupazioni espresse relativamente alle conseguenze di questo processo si sono rivelate prive di fondamento. Ad esempio, la globalizzazione nelle scienze ha amplificato in misura eccezionale l'efficacia della ricerca. Un fatto ancora più importante è che essa non ha eliminato le diversità, ma ha creato un quadro all'interno del quale la competizione estremamente intensificata tra individui migliora la qualità dei risultati e la velocità con la quale essi possono essere raggiunti. Ne deriva un meccanismo a somma positiva, nel quale i risultati dell'insieme sono largamente superiori alla somma degli stessi presi separatamente, gli aspetti 49

50 negativi individuali si annullano, gli aspetti positivi si sommano, le buone idee respingono le cattive e i mutamenti competitivi scalzano progressivamente i vecchi assunti dalle loro nicchie. Ma come riusciremo a preservare la nostra identità culturale, pur godendo dell'apporto della globalizzazione che, per il momento, si applica ai settori economico e tecnico, ma che invaderà rapidamente l'insieme della nostra cultura? Lo stato di cose attuale potrebbe renderci inquieti per il pericolo dell'assorbimento delle differenze culturali e, di conseguenza, della creazione di un unico cervello planetario. A mio avviso, e sulla base della mia esperienza nella comunità scientifica, si tratta però solo di una fase passeggera e questa paura non è giustificata. Al contrario, credo che saremo testimoni di un'esplosione di diversità piuttosto che di un'uniformizzazione delle culture. Tutti gli individui dovranno fare appello alla loro diversità regionale, alla loro cultura specifica e alle loro tradizioni al fine di aumentare la loro competitività e di trovare il modo di uscire dall'uniformizzazione globale. Direi addirittura, parafrasando Cartesio, Cogito, ergo sum, che l'identità culturale è sinonimo di esistenza. La diversificazione tra le radici culturali di ciascuno di noi è un potente generatore di idee nuove e di innovazione. È partendo da queste differenze che si genera il diverso, cioè il nuovo. Esistono un posto ed un ruolo per ognuno di noi: sta a noi identificarli e conquistarceli. Ciononostante, bisogna riconoscere che, anche se l'uniformità può creare la noia, la differenza non è scevra da problemi. L'unificazione dell'europa ne è senza dubbio un valido esempio. Esiste, ciononostante, in tutto ciò un grande pericolo che non va sottovalutato. È chiaro che non tutti saranno in grado di assimilare un tale veloce cambiamento, dominato da tecnologie nuove. Una parte della società resterà inevitabilmente a margine di questo processo, una nuova generazione di illetterati tecnologici raggiungerà la folla di coloro che oggi sono già socialmente inutili e ciò aggraverà il problema dell'emarginazione. Ciò dimostra che, a tutti i livelli, l'educazione e la formazione sono una necessità. Dobbiamo agire rapidamente poiché i tempi sono sempre più brevi, se ci atteniamo alle indicazioni che ci sono fornite dal ritmo al quale procede l'evoluzione. Dovremo contare maggiormente sulle nuove generazioni che dovranno, a loro volta, insegnare alle vecchie. Questo è esattamente l'opposto di ciò che avviene nella società classica, nella quale la competenza è attribuita principalmente e automaticamente ai personaggi più importanti per il loro status o per la loro influenza politica. L'autorità dovrebbe invece derivare dalla competenza e dalla saggezza acquisite con l'esperienza e non dal potere accumulato nel tempo. [ ] (dalla prolusione del prof. Carlo Rubbia, La scienza e l uomo, inaugurazione anno accademico 2000/2001, Università degli studi di Bologna) Comprensione e analisi 1. Riassumi brevemente questo passo del discorso di Carlo Rubbia, individuandone la tesi di fondo e lo sviluppo argomentativo. 2. Che cosa significa che l'inventività evolutiva è intrinsecamente associata all'interconnessione e che l interconnessione a tutti i livelli e in tutte le direzioni, il melting pot, è quindi un elemento essenziale nella catalisi della produttività? Quale esempio cita lo scienziato a sostegno di questa affermazione? 3. Per quale motivo Carlo Rubbia chiama a sostegno della propria tesi l esempio della comunità scientifica? 50

51 4. Quale grande cambiamento è ravvisato tra la società classica e la società attuale? Produzione La riflessione di Carlo Rubbia anticipava di circa vent anni la realtà problematica dei nostri tempi: le conseguenze della globalizzazione a livello tecnologico e a livello culturale. Sulla base delle tue conoscenze personali e del tuo percorso formativo, esprimi le tue considerazioni sul rapporto tra tecnologia, globalizzazione, diversità. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA C RIFLESSIONE CRITICA DI CARATTERE ESPOSITIVO-ARGOMENTATIVO SU TEMATICHE DI ATTUALITA «Bisogna proporre un fine alla propria vita per viver felice. O gloria letteraria, o fortune, o dignità, una carriera in somma. Io non ho potuto mai concepire che cosa possano godere, come possano viver quegli scioperati e spensierati che (anche maturi o vecchi) passano di godimento in godimento, di trastullo in trastullo, senza aversi mai posto uno scopo a cui mirare abitualmente, senza aver mai detto, fissato, tra se medesimi: a che mi servirà la mia vita? Non ho saputo immaginare che vita sia quella che costoro menano, che morte quella che aspettano. Del resto, tali fini vaglion poco in sé, ma molto vagliono i mezzi, le occupazioni, la speranza, l immaginarseli come gran beni a forza di assuefazione, di pensare ad essi e di procurarli. L uomo può ed ha bisogno di fabbricarsi esso stesso de beni in tal modo.» G. LEOPARDI, Zibaldone di pensieri, in Tutte le opere, a cura di W. Binni, II, Sansoni, Firenze 1988, p. 4518,3 La citazione tratta dallo Zibaldone di Leopardi propone una sorta di arte della felicità : secondo Leopardi la vita trova significato nella ricerca di obiettivi che, se raggiunti, ci immaginiamo possano renderci felici. Rinunciando a questa ricerca, ridurremmo la nostra esistenza a nuda vita fatta solo di superficialità e vuotezza. Ritieni che le parole di Leopardi siano vicine alla sensibilità 51

52 giovanile di oggi? Rifletti al riguardo facendo riferimento alle tue esperienze, conoscenze e letture personali. Puoi eventualmente articolare la tua riflessione in paragrafi opportunamente titolati e presentare la trattazione con un titolo complessivo che ne esprima sinteticamente il contenuto. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA C RIFLESSIONE CRITICA DI CARATTERE ESPOSITIVO-ARGOMENTATIVO SU TEMATICHE DI ATTUALITA La nostalgia fa parte della vita, come ne fa parte la memoria, della quale la nostalgia si nutre sulla scia dei ricordi che non dovremmo mai dimenticare, e che ci aiutano a vivere. Non c è vita che non possa non essere attraversata dai sentieri talora luminosi e talora oscuri della nostalgia, e delle sue emozioni sorelle, come la malinconia, la tristezza, il rimpianto, il dolore dell anima, la gioia e la letizia ferite, e sono molte le forme che la nostalgia assume nelle diverse stagioni della nostra vita. Andare alla ricerca delle emozioni, delle emozioni perdute, e la nostalgia ne è emblematica testimonianza, è compito di chiunque voglia conoscere le sconfinate aree dell interiorità, e delle emozioni che ne fanno parte. Non dovremmo vivere senza una continua riflessione sulla storia della nostra vita, sul passato che la costituisce, e che la nostalgia fa rinascere, sulle cose che potevano essere fatte, e non lo sono state, sulle occasioni perdute, sulle cose che potremmo ancora fare, e infine sulle ragioni delle nostre nostalgie e dei nostri rimpianti. Non solo è possibile invece, ma è frequente, che si voglia sfuggire all esperienza e alla conoscenza di quello che siamo stati nel passato, e di quello che siamo ora. La nostalgia ha come sua premessa la memoria che ne è la sorgente. Se la memoria è incrinata, o lacerata, dalle ferite che la malattia, o la sventura, trascina con sé, come sarebbe mai possibile 52

53 riconoscere in noi le tracce della nostalgia? Dalla memoria emozionale, certo, dalla memoria vissuta, sgorgano le sorgenti della nostalgia, e non dalla memoria calcolante, dalla memoria dei nomi e dei numeri, che nulla ha a che fare con quella emozionale; ma il discorso, che intende riflettere sul tema sconfinato della memoria, mirabilmente svolto da sant Agostino nelle Confessioni, ha bisogno di tenerne presenti la complessità e la problematicità. Eugenio BORGNA, La nostalgia ferita, Einaudi, Torino 2018, pp Eugenio Borgna, psichiatra e docente, in questo passo riflette sulla nostalgia. A qualunque età si può provare nostalgia di qualcosa che si è perduto: di un luogo, di una persona, dell infanzia o dell adolescenza, di un amore, di un amicizia, della patria. Non soffocare «le emozioni perdute», testimoniate dalla nostalgia, consente di scandagliare l interiorità e di riflettere sulla «storia della nostra vita», per comprendere chi siamo stati e chi siamo diventati. Condividi le riflessioni di Borgna? Pensi anche tu che la nostalgia faccia parte della vita e che ci aiuti a fare i conti continuamente con la complessità dei ricordi e con la nostra storia personale? Sostieni con chiarezza il tuo punto di vista con argomenti ricavati dalle tue conoscenze scolastiche ed extrascolastiche e con esemplificazioni tratte dalle tue esperienze di vita. Puoi articolare la struttura della tua riflessione in paragrafi opportunamente titolati e presentare la trattazione con un titolo complessivo che ne esprima in una sintesi coerente il contenuto. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. SECONDA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA: 26 Marzo 2019 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA A ANALISI E INTERPRETAZIONE DI UN TESTO LETTERARIO ITALIANO Eugenio Montale, L agave sullo scoglio, dalla raccolta Ossi di seppia, 1925 (sezione Meriggi e Ombre ). L agave sullo scoglio O rabido 18 ventare di scirocco che l arsiccio terreno gialloverde bruci; e su nel cielo pieno Scirocco 18 rabido: rapido 53

54 di smorte luci trapassa qualche biocco di nuvola, e si perde. Ore perplesse, brividi d una vita che fugge come acqua tra le dita; inafferrati eventi, luci-ombre, commovimenti delle cose malferme della terra; oh alide 19 ali dell aria ora son io l agave 20 che s abbarbica al crepaccio dello scoglio e sfugge al mare da le braccia d alghe che spalanca ampie gole e abbranca rocce; e nel fermento d ogni essenza, coi miei racchiusi bocci che non sanno più esplodere oggi sento la mia immobilità come un tormento. Questa lirica di Eugenio Montale è inclusa nella quinta sezione, Meriggi e ombre, della raccolta Ossi di seppia. La solarità marina del paesaggio e il mare tranquillo, al più un po mosso, della raccolta si agita in Meriggi e ombre fino a diventare tempestoso ne L agave su lo scoglio, percorso dal soffiare rabbioso dello scirocco, il vento caldo di mezzogiorno. Comprensione e analisi 1. Individua i temi fondamentali della poesia, tenendo ben presente il titolo. 2. Quale stato d animo del poeta esprime l invocazione che apre la poesia? 3. Nella lirica si realizza una fusione originale tra descrizione del paesaggio marino e meditazione esistenziale. Individua con quali soluzioni espressive il poeta ottiene questo risultato. 4. La poesia è ricca di sonorità. Attraverso quali accorgimenti metrici, ritmici e fonici il poeta crea un effetto di disarmonia che esprime la sua condizione esistenziale? 5. La lirica è percorsa da una serie di opposizioni spaziali: alto/basso; finito/infinito; statico/dinamico. Come sono rappresentate e che cosa esprimono? Puoi rispondere punto per punto oppure costruire un unico discorso che comprenda in modo organico le risposte agli spunti proposti. Interpretazione Partendo dalla lirica proposta, elabora un commento argomentato sul rapporto tra la natura e il poeta che entra in contatto con essa in un atmosfera sospesa tra indolente immobilità e minacciosa mobilità e sul disagio del vivere in Montale. Sostieni la tua interpretazione con opportuni riferimenti a letture ed esperienze personali. Puoi anche approfondire l argomento tramite confronti 19 alide: aride 20 agave: pianta con foglie lunghe e carnose munite di aculei e fiore a pannocchia, diffusa nel Mediterraneo 54

55 con altri autori o con altre forme d arte del Novecento. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA A ANALISI E INTERPRETAZIONE DI UN TESTO LETTERARIO ITALIANO Elsa Morante, La storia (Torino, Einaudi 1974, pag. 168). La Storia, romanzo a sfondo storico pubblicato nel 1974 e ambientato a Roma durante e dopo l ultima guerra ( ), è scritto da Elsa Morante ( ) negli anni della sua maturità, dopo il successo di Menzogna e sortilegio e de L isola di Arturo. I personaggi sono esseri dal destino insignificante, che la Storia ignora. La narrazione è intercalata da pagine di eventi storici in ordine cronologico, quasi a marcare la loro distanza dall'esistenza degli individui oppressi dalla Storia, creature perdenti schiacciate dallo "scandalo della guerra". 55

56 Una di quelle mattine Ida, con due grosse sporte al braccio, tornava dalla spesa tenendo per mano Useppe. [ ] Uscivano dal viale alberato non lontano dallo Scalo Merci, dirigendosi in via dei Volsci, quando, non preavvisato da nessun allarme, si udì avanzare nel cielo un clamore d orchestra metallico e ronzante. Useppe levò gli occhi in alto, e disse: Lioplani 21. E in quel momento l aria fischiò, mentre già in un tuono enorme tutti i muri precipitavano alle loro spalle e il terreno saltava d intorno a loro, sminuzzato in una mitraglia di frammenti. Useppe! Useppee! urlò Ida, sbattuta in un ciclone nero e polveroso che impediva la vista: Mà sto qui, le rispose all altezza del suo braccio, la vocina di lui, quasi rassicurante. Essa lo prese in collo 22 [ ]. Intanto, era cominciato il suono delle sirene. Essa, nella sua corsa, sentì che scivolava verso il basso, come avesse i pattini, su un terreno rimosso che pareva arato, e che fumava. Verso il fondo, essa cadde a sedere, con Useppe stretto fra le braccia. Nella caduta, dalla sporta le si era riversato il suo carico di ortaggi, fra i quali, sparsi ai suoi piedi, splendevano i colori dei peperoni, verde, arancione e rosso vivo. Con una mano, essa si aggrappò a una radice schiantata, ancora coperta di terriccio in frantumi, che sporgeva verso di lei. E assestandosi meglio, rannicchiata intorno a Useppe, prese a palparlo febbrilmente in tutto il corpo, per assicurarsi ch era incolume 23. Poi gli sistemò sulla testolina la sporta vuota come un elmo di protezione. [ ] Useppe, accucciato contro di lei, la guardava in faccia, di sotto la sporta, non impaurito, ma piuttosto curioso e soprapensiero. Non è niente, essa gli disse, Non aver paura. Non è niente. Lui aveva perduto i sandaletti ma teneva ancora la sua pallina stretta nel pugno. Agli schianti più forti, lo si sentiva appena tremare: Nente diceva poi, fra persuaso e interrogativo. I suoi piedini nudi si bilanciavano quieti accosto 24 a Ida, uno di qua e uno di là. Per tutto il tempo che aspettarono in quel riparo, i suoi occhi e quelli di Ida rimasero, intenti, a guardarsi. Lei non avrebbe saputo dire la durata di quel tempo. Il suo orologetto da polso si era rotto; e ci sono delle circostanze in cui, per la mente, calcolare una durata è impossibile. Al cessato allarme, nell affacciarsi fuori di là, si ritrovarono dentro una immensa nube pulverulenta 25 che nascondeva il sole, e faceva tossire col suo sapore di catrame: attraverso questa nube, si vedevano fiamme e fumo nero dalla parte dello Scalo Merci. [ ] Finalmente, di là da un casamento semidistrutto, da cui pendevano travi e le persiane divelte 26, fra il solito polverone di rovina, Ida ravvisò 27, intatto, il casamento 28 con l osteria, dove andavano a rifugiarsi le notti degli allarmi. Qui Useppe prese a dibattersi con tanta frenesia che riuscì a svincolarsi dalle sue braccia e a scendere in terra. E correndo coi suoi piedini nudi verso una nube più densa di polverone, incominciò a gridare: Bii! Biii! Biiii! 29 Il loro caseggiato era distrutto [ ] Dabbasso delle figure urlanti o ammutolite si aggiravano fra i lastroni di cemento, i mobili sconquassati, i cumuli di rottami e di immondezze. Nessun lamento ne saliva, là sotto dovevano 21 Lioplani: sta per aeroplani nel linguaggio del bambino. 22 in collo: in braccio. 23 incolume: non ferito. 24 accosto: accanto. 25 pulverulenta: piena di polvere. 26 divelte: strappate via. 27 ravvisò: cominciò a vedere, a riconoscere. 28 il casamento: il palazzo, il caseggiato. 29 Bii: deformazione infantile di Blitz, il nome del cane che viveva con Ida e Useppe. 56

57 essere tutti morti. Ma certune di quelle figure, sotto l azione di un meccanismo idiota, andavano frugando o raspando con le unghie fra quei cumuli, alla ricerca di qualcuno o qualcosa da recuperare. E in mezzo a tutto questo, la vocina di Useppe continuava a chiamare: Bii! Biii! Biiii! Comprensione e analisi 1. L episodio rappresenta l'incursione aerea su Roma del 19 luglio Sintetizza la scena in cui madre e figlioletto si trovano coinvolti, soffermandoti in particolare sull ambiente e sulle reazioni dei personaggi. 2. «Si udì avanzare nel cielo un clamore d orchestra metallico e ronzante»; come spieghi questa descrizione sonora? Quale effetto produce? 3. Il bombardamento è filtrato attraverso gli occhi di Useppe. Da quali particolari emerge lo sguardo innocente del bambino? 4. Nel racconto ci sono alcuni oggetti all apparenza incongrui ed inutili che sono invece elementi di una memoria vivida e folgorante, quasi delle istantanee. Prova ad indicarne alcuni, ipotizzandone il significato simbolico. Puoi rispondere punto per punto oppure costruire un unico discorso che comprenda le risposte alle domande proposte. Interpretazione Il romanzo mette in campo due questioni fondamentali: da una parte il ruolo della Storia nelle opere di finzione, problema che da Manzoni in poi molti scrittori italiani hanno affrontato individuando diverse soluzioni; dall altra, in particolare in questo brano, la scelta dello sguardo innocente e infantile di un bambino, stupito di fronte ad eventi enormi e incomprensibili. Sviluppa una di queste piste mettendo a confronto le soluzioni adottate dalla Morante nel testo con altri esempi studiati nel percorso scolastico o personale appartenenti alla letteratura o al cinema novecentesco e contemporaneo. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA B ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO 57

58 Testo tratto da: Selena Pellegrini, Il marketing del Made in Italy, Armando Editore, Roma, 2016, pp L italianità sembra influenzare gli elementi di eccellenza percepiti nei prodotti italiani, e la percezione spinge il consumatore all acquisto di quello che chiamiamo il Made in Italy. Il quadro fin qui è molto ottimista, ma ci sono problemi. È vero che il Made in Italy sembra tuttora competitivo, ma la domanda è la seguente: la competitività nasce dall esser fatto in Italia o da altro? Se consideriamo il fare nel senso letterale, la realtà è già diversa. Molti prodotti sono progettati in Italia e realizzati altrove per svariati motivi, legati principalmente ma non esclusivamente ai costi e alle relazioni industriali. Una quantità crescente non è più Made in Italy e la situazione potrebbe quindi far pensare che ad attirare davvero il consumatore sono i prodotti pensati, inventati, concepiti e progettati in Italia. È il famoso know-how o conoscenza implicita dei designer italiani, il risultato di secoli di perizia, talenti artigianali, tradizione estetica e abilità pratica che fanno dell Italia un Paese unico. Potremmo aspettarci quindi che la condizione necessaria per identificare l italianità di un prodotto è che sia pensato in Italia. [ ] A questo punto si pongono altre domande. Pensato in Italia È una condizione veramente necessaria o soltanto sufficiente? Esistono altre condizioni [ ] perché il consumatore si rappresenti un prodotto come italiano e ne venga attratto? La realtà pare rispondere sì, esistono altre condizioni. Purtroppo, sappiamo che nel mondo cresce il tasso di prodotti che si fingono italiani e non sono né fatti né pensati in Italia. In molti Paesi come la Cina, per attirare i consumatori basta apporre un marchio dal nome italiano, anche se non corrisponde ad alcuna griffe famosa. Oppure basta progettare una campagna di comunicazione e di marketing che colleghi i prodotti a qualche aspetto del nostro stile, o vita quotidiana, territorio, patrimonio culturale, antropologia, comportamenti. [ ] Da queste considerazioni emerge che la condizione necessaria per innescare una rappresentazione mentale di italianità non è il luogo della produzione o della concezione, ma quello del comportamento. Nel senso che il prodotto è collegato a un atteggiamento, al popolo, allo stile, alla storia, alla terra, alla vita sociale dell Italia. Qualcuno si chiederà com è possibile che consumatori razionali cadano in una trappola simile. Che siano disposti ad acquistare qualcosa di simbolicamente legato all Italia, sebbene il produttore non sia italiano e il prodotto non sia né pensato né ideato in Italia. La risposta è che quel consumatore razionale non esiste. È un mito assiomatico e aprioristico dell economia neoclassica. [ ] Il modello è ormai superato dalla nuova teoria del consumatore emotivo. Comprensione e analisi 1. Sintetizza il contenuto del testo, individuando i principali snodi argomentativi. 2. Analizza l aspetto formale e stilistico del testo. 3. A cosa fa riferimento l autrice con l espressione comportamento come rappresentazione mentale dell italianità? 4. In cosa consiste la differenza tra consumatore razionale e consumatore emotivo? 58

59 Produzione Elabora un testo argomentativo nel quale sviluppi le tue opinioni sulla questione del made in Italy e della percezione dell italianità nel mondo. Potrai confrontarti con la tesi dell'autrice del testo, confermandola o confutandola, sulla base delle conoscenze, acquisite, delle tue letture e delle tue esperienze personali. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE 59

60 PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA B ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO Da un articolo di Guido Castellano e Marco Morello, Vita domotica. Basta la parola, «Panorama», 14 novembre Sin dai suoi albori, la tecnologia è stata simile a una lingua straniera: per padroneggiarla almeno un minimo, bisognava studiarla. Imparare a conoscere come maneggiare una tastiera e un mouse, come districarsi tra le cartelline di un computer, le sezioni di un sito, le troppe icone di uno smartphone. Oggi qualcosa è cambiato: la tecnologia sa parlare, letteralmente, la nostra lingua. Ha imparato a capire cosa le diciamo, può rispondere in modo coerente alle nostre domande, ubbidire ai comandi che le impartiamo. È la rivoluzione copernicana portata dall ingresso della voce nelle interazioni con le macchine: un nuovo touch, anzi una sua forma ancora più semplificata e immediata perché funziona senza l intermediazione di uno schermo. È impalpabile, invisibile. Si sposta nell aria su frequenze sonore. Stiamo vivendo un passaggio epocale dalla fantascienza alla scienza: dal capitano Kirk in Star trek che conversava con i robot [ ], ai dispositivi in apparenza onniscienti in grado di dirci, chiedendoglielo, se pioverà domani, di ricordarci un appuntamento o la lista della spesa [ ]. Nulla di troppo inedito, in realtà: Siri è stata lanciata da Apple negli iphone del 2011, Cortana di Micorsoft è arrivata poco dopo. Gli assistenti vocali nei pc e nei telefonini non sono più neonati in fasce, sono migliorati perché si muovono oltre il lustro di vita. La grande novità è la colonizzazione delle case, più in generale la loro perdita di virtualità, il loro legame reale con le cose. [ ] Sono giusto le avanguardie di un contagio di massa: gli zelanti parlatori di chip stanno sbarcando nei televisori, nelle lavatrici, nei condizionatori, pensionando manopole e telecomandi, rotelline da girare e pulsanti da schiacciare. Sono saliti a bordo delle automobili, diventeranno la maniera più sensata per interagire con le vetture del futuro quando il volante verrà pensionato e la macchina ci porterà a destinazione da sola. Basterà, è evidente, dirle dove vogliamo andare. [ ] Non è un vezzo, ma un passaggio imprescindibile in uno scenario dove l intelligenza artificiale sarà ovunque. A casa come in ufficio, sui mezzi di trasporto e in fabbrica. [ ] Ma c è il rovescio della medaglia e s aggancia al funzionamento di questi dispositivi, alla loro necessità di essere sempre vigili per captare quando li interpelliamo pronunciando «Ok Google», «Alexa», «Hey Siri» e così via. «Si dà alle società l opportunità di ascoltare i loro clienti» ha fatto notare di recente un articolo di Forbes. Potenzialmente, le nostre conversazioni potrebbero essere usate per venderci prodotti di cui abbiamo parlato con i nostri familiari, un po come succede con i banner sui siti che puntualmente riflettono le ricerche effettuate su internet. «Sarebbe l ennesimo annebbiamento del concetto di privacy» sottolinea la rivista americana. Ancora è prematuro, ci sono solo smentite da parte dei diretti interessati che negano questa eventualità, eppure pare una frontiera verosimile, la naturale evoluzione del concetto di pubblicità personalizzata. [ ] Inedite vulnerabilità il cui antidoto è il buon senso: va bene usarli per comandare le luci o la musica, se qualcosa va storto verremo svegliati da un pezzo rock a tutto volume o da una tapparella che si solleva nel cuore della notte. «Ma non riesco a convincermi che sia una buona idea utilizzarli per bloccare e sbloccare una porta» 60

61 spiega Pam Dixon, direttore esecutivo di World privacy forum, società di analisi americana specializzata nella protezione dei dati. «Non si può affidare la propria vita a un assistente domestico». Comprensione e analisi 1. Riassumi il contenuto essenziale del testo, mettendone in evidenza gli snodi argomentativi. 2. La grande novità è la colonizzazione delle case, più in generale la loro perdita di virtualità, il loro legame reale con le cose: qual è il senso di tale asserzione, riferita agli assistenti vocali? 3. Che cosa si intende con il concetto di pubblicità personalizzata? 4. Nell ultima parte del testo, l autore fa riferimento ad nuova accezione di vulnerabilità : commenta tale affermazione. Produzione Sulla base delle conoscenze acquisite nel tuo percorso di studi, delle tue letture ed esperienze personali, elabora un testo in cui sviluppi il tuo ragionamento sul tema della diffusione dell intelligenza artificiale nella gestione della vita quotidiana. Argomenta in modo tale da organizzare il tuo elaborato in un testo coerente e coeso che potrai, se lo ritieni utile, suddividere in paragrafi. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. 61

62 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA B ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO Paolo Rumiz 30, L'eredità del 4 novembre. Cosa resta all'italia un secolo dopo la vittoria, La Repubblica, 2 Novembre 2018 Trieste, ore del 3 novembre Pioviggina. Sul mare un sipario di nebbia che si dirada. [...] Il giorno dopo, 4 novembre, il grosso dell'esercito entra nella città "cara al cuore" in preda all'anarchia e alla fame, e allora è davvero finita. [...] Dopo una guerra interminabile e un milione di morti fra le due parti, in Trentino e nella Venezia Giulia cinque secoli di dominazione austroungarica arrivano al fatale capolinea. Piazza dell'unità, dedicata alle diverse genti dell'impero multilingue, diventa piazza dell'unità d'italia, simbolo di un risorgimento compiuto. L'idea di nazione fatta di un solo popolo ha vinto in una terra etnicamente "plurale", con tutte le conseguenze che si vedranno. Cosa è rimasto di tutto questo dopo un secolo? Quale eredità ci lascia il 4 novembre dopo cent'anni di celebrazioni, alzabandiera e sfilate di Bersaglieri in corsa? Siamo in grado di leggere criticamente gli eventi, specie ora, in un momento che vede scricchiolare di nuovo l'equilibrio continentale? È arrivato o no il tempo di dare a quella guerra un significato europeo capace di affratellarci? [...] Per decenni, la "diversità" triestina, fatta anche di Sloveni, Austriaci, Cechi, Croati, Greci, Ebrei, Armeni, Serbi, è stata riconosciuta solo a denti stretti da Roma. L'Italia aveva incamerato terre che in certi casi italiane non erano affatto, come il Sudtirolo o il Tarvisiano, e per giustificarne il possesso davanti agli Alleati dopo la Grande Ecatombe, essa aveva dovuto imporre ai popoli "alloglotti" 31 l'appartenenza alla nuova nazione. E così, quando l'italia divenne fascista, il tedesco e lo sloveno divennero lingue proibite e a centinaia di migliaia di famiglie i cognomi furono cambiati per decreto. Il risultato è che, ancora oggi, in tanti su questa frontiera fanno più fatica di altri italiani a capire la loro identità. [...] la presenza del comunismo di Tito alla frontiera del Nordest ha reso politicamente indiscutibile un'italianità che non fosse al mille per mille. [...] Per mezzo secolo Trieste è vissuta di memorie divise. Su tutto. Olio di ricino, oppressione degli Sloveni, italianizzazione dei toponimi, emarginazione e poi persecuzione degli Ebrei, guerra alla Jugoslavia, occupazione tedesca, Resistenza, vendette titine, Foibe, Risiera, Governo militare alleato dal 45 al 54, trattati di pace con la Jugoslavia. Polemiche e fantasmi a non finire. Con certe verità storiche non ancora digerite, come l'oscenità delle Leggi Razziali, proclamate dal Duce proprio a Trieste nel settembre del 38 [...]. Ma la madre di tutte le rimozioni è la sorte dei soldati austriaci figli delle nuove terre. Storia oscurata fino all'altroieri. Per decenni è stato bandito accennare agli italiani con la divisa "sbagliata", quelli che hanno perso la guerra. 30 P. Rumiz è giornalista e scrittore. Nell articolo propone una riflessione sul significato della commemorazione del 4 Novembre, con particolare riferimento alle regioni del Trentino e della Venezia Giulia. 31 "alloglotta è chi parla una lingua diversa da quella prevalente in una nazione. 62

63 Guai dire che essi avevano combattuto anche con onore, come il fratello di Alcide De Gasperi, insignito di medaglia d'oro sul fronte orientale. Quando l'austria sconfitta consegnò all'italia la lista dei suoi Caduti trentini e giuliani (oltre ventimila), indicandone i luoghi di sepoltura, il documento fu fatto sparire e i parenti lasciati all'oscuro sulla sorte dei loro cari. Al fronte di Redipuglia, trentamila morti senza un fiore. Morti di seconda classe. Tutto questo andrebbe riconosciuto senza paura, come il presidente Mattarella ha saputo fare qualche mese fa in Trentino, per l'adunata degli Alpini, portando una corona di fiori a un monumento ai soldati austroungarici. L'appartenenza all'italia non deve temere le verità scomode, per esempio che la guerra è stata fatta per Trieste, ma anche in un certo senso contro Trieste e i suoi soldati, con i reduci imperiali di lingua italiana e slovena mandati con le buone o le cattive a "rieducarsi" nel Sud Italia. Oppure che i prigionieri italiani restituiti dall'austria furono chiusi in un ghetto del porto di Trieste come disertori e spesso lasciati morire di stenti. Dovremmo temere molto di più lo sprofondamento nell'amnesia, in tempi in cui la memoria anche tra i gestori della cosa pubblica si riduce a un tweet sullo smartphone e la geopolitica a una playstation. Perché il rischio è che il grande rito passi nel torpore, se non nell'indifferenza, soprattutto dei più giovani. Le fanfare non bastano più. [...] La guerra non è un evento sepolto per sempre. Perché nel momento preciso in cui la guerra smette di far paura, ecco che come accade oggi la macchina dei reticolati, dei muri, della xenofobia e della discordia si rimette implacabilmente in moto e l'europa torna a vacillare. [...]. Comprensione e analisi Quale significato della Prima Guerra Mondiale l autore vede nel mutamento del nome della principale piazza di Trieste dopo il 4 novembre 1918? Con quali altri accenni storici lo conferma? In che cosa consisteva la «"diversità" triestina» alla fine della guerra e come venne affrontata nel dopoguerra? Quali sono le cause e le conseguenze delle «memorie divise» nella storia di Trieste dopo la Prima Guerra mondiale? Perché secondo l autore è importante interrogarsi sulla Prima Guerra Modiale oggi, un secolo dopo la sua conclusione? Quale significato assume l ammonimento «Le fanfare non bastano più», nella conclusione dell articolo? Produzione Quale valore ritieni debba essere riconosciuto al primo conflitto mondiale nella storia italiana ed europea? Quali pensi possano essere le conseguenze di una rimozione delle ferite non ancora completamente rimarginate, come quelle evidenziate dall articolo nella regione di confine della Venezia Giulia? Condividi il timore di Paolo Rumiz circa il rischio, oggi, di uno «sprofondamento nell'amnesia»? Argomenta i tuoi giudizi con riferimenti alle tue conoscenze storiche e/o alle esperienze personali. 63

64 Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA C RIFLESSIONE CRITICA DI CARATTERE ESPOSITIVO-ARGOMENTATIVO SU TEMATICHE DI ATTUALITA L invenzione delle ferrovie, come è noto, comportò un aumento delle vendite dei libri. Oltre a chiacchierare e a guardare dal finestrino, cos altro c era da fare in un lungo viaggio se non leggere? Fu leggendo in treno che Anna Karenina capì di voler cambiare vita. [ ] Ma con elenchi e aneddoti potremmo continuare all infinito. Vorrei invece andare oltre, sostenendo che esiste una profonda affinità tra libri e mezzi di trasporto, come vi è un evidente analogia tra racconto e viaggio. Entrambi vanno da qualche parte; entrambi ci offrono una via di fuga dalla routine e la possibilità di un incontro inaspettato, luoghi nuovi, nuovi stati mentali. Ma senza rischiare troppo. Sorvoli il deserto, lo percorri, ma non sei costretto a farne esperienza diretta. È un avventura circoscritta. Lo stesso vale per il libro: un romanzo può essere scioccante o enigmatico, noioso o compulsivo, ma difficilmente causerà grossi danni. Mescolandosi poi con stranieri di ogni classe e clima, il viaggiatore acquisirà una più acuta consapevolezza di sé e della fragilità del proprio io. Quanto siamo diversi quando parliamo con persone diverse? Quanto sarebbe diversa la nostra vita se ci aprissimo a loro. Cosa sono io?, chiede Anna Karenina guardando i passeggeri del suo treno per San Pietroburgo. [ ] Perché l intento segreto dello scrittore è sempre quello di scuotere l identità del lettore attraverso le vicissitudini dei personaggi, che spesso, come abbiamo visto, si trovano in viaggio. [ ] Tim PARKS, Sì, viaggiare (con libri e scrittori), articolo tratto dal numero 1599 del Corriere della Sera 7 del 3 gennaio 2019, pp La citazione proposta, tratta dall articolo dello scrittore e giornalista Tim Parks, presenta una riflessione sui temi del racconto e del viaggio, che offrono una fuga dalla routine e la possibilità di incontri inaspettati, nuovi luoghi e nuovi punti di vista, facendo vivere al lettore tante avventure, senza essere costretto a farne esperienza diretta. Rifletti su queste tematiche del racconto e del viaggio e confrontati anche in maniera critica con la tesi espressa nell estratto, facendo riferimento alle tue conoscenze, alle tue esperienze personali, alla tua sensibilità. Puoi articolare la struttura della tua riflessione in paragrafi opportunamente titolati e presentare la trattazione con un titolo complessivo che ne esprima in una sintesi coerente il contenuto. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di 64

65 madrelingua non italiana. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PRIMA PROVA SCRITTA ESEMPIO TIPOLOGIA C RIFLESSIONE CRITICA DI CARATTERE ESPOSITIVO-ARGOMENTATIVO SU TEMATICHE DI ATTUALITA La nostalgia fa parte della vita, come ne fa parte la memoria, della quale la nostalgia si nutre sulla scia dei ricordi che non dovremmo mai dimenticare, e che ci aiutano a vivere. Non c è vita che non possa non essere attraversata dai sentieri talora luminosi e talora oscuri della nostalgia, e delle sue emozioni sorelle, come la malinconia, la tristezza, il rimpianto, il dolore dell anima, la gioia e la letizia ferite, e sono molte le forme che la nostalgia assume nelle diverse stagioni della nostra vita. Andare alla ricerca delle emozioni, delle emozioni perdute, e la nostalgia ne è emblematica testimonianza, è compito di chiunque voglia conoscere le sconfinate aree dell interiorità, e delle emozioni che ne fanno parte. Non dovremmo vivere senza una continua riflessione sulla storia della nostra vita, sul passato che la costituisce, e che la nostalgia fa rinascere, sulle cose che potevano essere fatte, e non lo sono state, sulle occasioni perdute, sulle cose che potremmo ancora fare, e infine sulle ragioni delle nostre nostalgie e dei nostri rimpianti. Non solo è possibile invece, ma è frequente, che si voglia sfuggire all esperienza e alla conoscenza di quello che siamo stati nel passato, e di quello che siamo ora. La nostalgia ha come sua premessa la memoria che ne è la sorgente. Se la memoria è incrinata, o lacerata, dalle ferite che la malattia, o la sventura, trascina con sé, come sarebbe mai possibile riconoscere in noi le tracce della nostalgia? Dalla memoria emozionale, certo, dalla memoria vissuta, sgorgano le sorgenti della nostalgia, e non dalla memoria calcolante, dalla memoria dei nomi e dei numeri, che nulla ha a che fare con quella emozionale; ma il discorso, che intende riflettere sul tema sconfinato della memoria, mirabilmente svolto da sant Agostino nelle Confessioni, ha bisogno di tenerne presenti la complessità e la problematicità. Eugenio BORGNA, La nostalgia ferita, Einaudi, Torino 2018, pp Eugenio Borgna, psichiatra e docente, in questo passo riflette sulla nostalgia. A qualunque età si può provare nostalgia di qualcosa che si è perduto: di un luogo, di una persona, dell infanzia o dell adolescenza, di un amore, di un amicizia, della patria. Non soffocare «le emozioni perdute», testimoniate dalla nostalgia, consente di scandagliare l interiorità e di riflettere sulla «storia della nostra vita», per comprendere chi siamo stati e chi siamo diventati. Condividi le riflessioni di Borgna? Pensi anche tu che la nostalgia faccia parte della vita e che ci aiuti a fare i conti continuamente con la complessità dei ricordi e con la nostra storia personale? Sostieni con chiarezza il tuo punto di vista con argomenti ricavati dalle tue conoscenze scolastiche ed extrascolastiche e con esemplificazioni tratte dalle tue esperienze di vita. 65

66 Puoi articolare la struttura della tua riflessione in paragrafi opportunamente titolati e presentare la trattazione con un titolo complessivo che ne esprima in una sintesi coerente il contenuto. Durata massima della prova: 6 ore. È consentito l uso del dizionario italiano e del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana. 66

67 TERZA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA: 07 Maggio

68 68

69 69

70 70

71 71

72 72

73 73

74 74

75 75

76 76

77 77

78 78

79 79

80 ALLEGATO n. 3 Griglia di valutazione Prima e Seconda prova 80

81 IIS PASCAL-MAZZOLARI GRIGLIA di VALUTAZIONE PRIMA PROVA Studente/ssa Classe GRIGLIA DI VALUTAZIONE TIPOLOGIA A Ideazione, pianificazione e organizzazione del testo Testo articolato in maniera chiara e ordinata (9-10) Alcune sezioni del testo non sono disposte secondo l ordine corretto, ma nel complesso il testo risulta ordinato (6-8) Testo per nulla o poco articolato, disordinato (1-5) Coesione e coerenza testuale Testo coerente e coeso (9-10) Perlo più coerente e coeso, anche se schematico (6-8) Disordinato e poco coeso (1-5) Ricchezza e padronanza lessicale Lessico ricco e adeguato al registro comunicativo (9-10) Qualche imprecisione lessicale, uso non sempre adeguato del registro comunicativo (6-8) Frequenti e/o gravi imprecisioni lessicali, uso di registri comunicativi poco o per nulla adeguati al contesto (1-5) Correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi); uso corretto ed efficace della punteggiatura Ampiezza e precisione delle conoscenze e dei riferimenti culturali Forma corretta, con rare imprecisioni (9-10) Imprecisioni lievi e non eccessivamente frequenti (6-8) Gravi errori ripetuti con frequenza (1-5) Conoscenze ampie e sicure, documentate da citazioni (9-10) Conoscenze essenziali, ma corrette (6-8) Conoscenze inadeguate, citazioni inappropriate e/o scorrette (1-5) Espressione di giudizi critici e valutazioni personali Elaborazione personale approfondita e originale (9-10) Alcune valutazioni appaiono deboli, ma nel complesso l elaborazione personale risulta originale (6-8) Giudizi critici appena accennati o poco originali (1-5) 81

82 Rispetto dei vincoli posti nella consegna Preciso rispetto dei vincoli (9-10) Vincoli sostanzialmente rispettati (6-8) Vincoli rispettati in parte (1-5) Capacità di comprendere il testo nel suo senso complessivo e nei suoi snodi tematici e stilistici Temi principali pienamente compresi (9-10) Comprensione parziale delle tematiche trattate dall autore (68) Scarsa comprensione delle tematiche trattate dall autore (1-5) Puntualità nell'analisi lessicale, sintattica, stilistica e retorica (se richiesta) Analisi approfondita dello stile dell autore (9-10) Analisi stilistica non sempre approfondita e/o in parte errata (6-8) Analisi stilistica superficiale o assente (1-5) Interpretazione corretta e articolata del testo Il senso profondo del testo è stato pienamente compreso (910) Il significato letterale del testo è stato compreso, il suo senso profondo soltanto in parte (6-8) Il significato letterale del testo e/o il suo senso profondo è stato poco o per nulla compreso (1-5) 82

83 IIS PASCAL-MAZZOLARI GRIGLIA di VALUTAZIONE PRIMA PROVA Studente/ssa Classe GRIGLIA DI VALUTAZIONE TIPOLOGIA B Ideazione, pianificazione e organizzazione del testo Testo articolato in maniera chiara e ordinata (9-10) Alcune sezioni del testo non sono disposte secondo l ordine corretto, ma nel complesso il testo risulta ordinato (6-8) Testo per nulla o poco articolato, disordinato (1-5) Coesione e coerenza testuale Testo coerente e coeso (9-10) Perlopiù coerente e coeso, anche se schematico (6-8) Disordinato e poco coeso (1-5) Ricchezza e padronanza lessicale Lessico ricco e adeguato al registro comunicativo (9-10) Qualche imprecisione lessicale, uso non sempre adeguato del registro comunicativo (6-8) Frequenti e/o gravi imprecisioni lessicali, uso di registri comunicativi poco o per nulla adeguati al contesto (1-5) Correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi); uso corretto ed efficace della punteggiatura Ampiezza e precisione delle conoscenze e dei riferimenti Forma corretta, con rare imprecisioni (9-10) Imprecisioni lievi e non eccessivamente frequenti (6-8) Gravi errori ripetuti con frequenza (1-5) Conoscenze ampie e sicure, documentate da citazioni (9-10) 83

84 culturali Conoscenze essenziali, ma corrette (6-8) Conoscenze inadeguate, citazioni inappropriate e/o scorrette (1-5) Espressione di giudizi critici e valutazioni personali Elaborazione personale approfondita e originale (9-10) Alcune valutazioni appaiono deboli, ma nel complesso l elaborazione personale risulta originale (6-8) Giudizi critici appena accennati o poco originali (1-5) Individuazione corretta di tesi e argomentazioni presenti nel testo proposto Tesi e argomentazioni pro/contro individuate chiaramente (14-15) Tesi individuata correttamente, argomentazioni solo in parte riconosciute (9-13) Tesi non individuata o non compresa, argomentazioni parzialmente o per nulla riconosciute (1-8) Capacità di sostenere con coerenza un percorso ragionativo adoperando connettivi pertinenti Percorso ragionativo chiaro, supportato da connettivi precisi e adeguati (14-15) Percorso ragionativo in generale coerente, supportato da un uso adeguato, seppure non sempre corretto, dei connettivi (9-13) Percorso ragionativo non coerente, caratterizzato da assenza o da uso non corretto dei connettivi (1-8) Correttezza e congruenza dei riferimenti culturali utilizzati per sostenere l'argomentazione Riferimenti ampi e sicuri, documentati da citazioni (9-10) Riferimenti essenziali, ma corretti (6-8) Riferimenti inadeguati, citazioni inappropriate e/o scorrette (1-5) 84

85 85

86 IIS PASCAL-MAZZOLARI GRIGLIA di VALUTAZIONE PRIMA PROVA Studente/ssa Classe GRIGLIA DI VALUTAZIONE TIPOLOGIA C Ideazione, pianificazione e organizzazione del testo Testo articolato in maniera chiara e ordinata (9-10) Alcune sezioni del testo non sono disposte secondo l ordine corretto, ma nel complesso il testo risulta ordinato (6-8) Testo per nulla o poco articolato, disordinato (1-5) Coesione e coerenza testuale Testo coerente e coeso (9-10) Perlopiù coerente e coeso, anche se schematico (6-8) Disordinato e poco coeso (1-5) Ricchezza e padronanza lessicale Lessico ricco e adeguato al registro comunicativo (9-10) Qualche imprecisione lessicale, uso non sempre adeguato del registro comunicativo (6-8) Frequenti e/o gravi imprecisioni lessicali, uso di registri comunicativi poco o per nulla adeguati al contesto (1-5) Correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi); uso corretto ed efficace della punteggiatura Ampiezza e precisione delle conoscenze e dei riferimenti culturali Forma corretta, con rare imprecisioni (9-10) Imprecisioni lievi e non eccessivamente frequenti (6-8) Gravi errori ripetuti con frequenza (1-5) Conoscenze ampie e sicure, documentate da citazioni (9-10) Conoscenze essenziali, ma corrette (6-8) Conoscenze inadeguate, citazioni inappropriate e/o scorrette (1-5) Espressione di giudizi critici e valutazioni personali Elaborazione personale approfondita e originale (9-10) Alcune valutazioni appaiono deboli, ma nel complesso l elaborazione personale risulta originale (6-8) Giudizi critici appena accennati o poco originali (1-5) 86

87 Pertinenza del testo rispetto alla traccia e coerenza nella formulazione del titolo e dell'eventuale paragrafazione. Traccia pienamente rispettata; titolo coerente con il testo e paragrafazione efficace (14-15) Traccia svolta parzialmente; titolo generico o collegato solo in parte al messaggio centrale; paragrafazione non sempre efficace (9-13) Traccia poco o per nulla rispettata; titolo poco o per nulla coerente con il messaggio centrale; paragrafazione inefficace e/o disordinata (1-8) Sviluppo ordinato e lineare dell esposizione Esposizione condotta con chiarezza e ordine (14-15) Esposizione non sempre lineare e ordinata, ma senza che questo pregiudichi la comprensione del messaggio (9-13) Esposizione poco ordinata e non lineare, che compromette in parte o totalmente la comprensione del messaggio (1-8) Correttezza e articolazione delle conoscenze e dei riferimenti culturali Riferimenti ampi e sicuri, documentati da citazioni (9-10) Riferimenti essenziali, ma corretti (6-8) Riferimenti inadeguati, citazioni inappropriate e/o scorrette (1-5) 87

88 Griglia di valutazione per l attribuzione dei punteggi della seconda prova Indicatore (correlato agli obiettivi della prova) Padronanza delle conoscenze relative ai nuclei fondanti della disciplina. CODICE ITTL INDIRIZZO: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE: TELECOMUNICAZIONI Studente: XX, XX Punteggio max per ogni indicatore (totale 20) Padronanza delle competenze tecnico-professionali specifiche di indirizzo rispetto agli obiettivi della prova, con particolare riferimento alla correttezza e alla completezza di: 1-3 scelta di dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; 0-3 descrizione, comparazione ed applicazione del funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione; configurazione, installazione e gestione di sistemi di elaborazione dati e reti; sviluppo di applicazioni informatiche per reti e/o servizi a distanza Capacità di argomentare, di collegare e di sintetizzare le informazioni in modo chiaro ed esauriente, utilizzando con pertinenza i diversi linguaggi specifici. 0 3 Elementi di valutazione Nullo 0 Con gravi lacune 1 Sufficiente 2 Ottimo 3 88

89 Nullo 0 Con gravi lacune 1 Sufficiente 2 Discreto 3 Ottimo 4 89

90 IIS PASCAL-MAZZOLARI GRIGLIA di VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO ORALE Elemen ti di valutazi one D e s c r i t t o r i Punt eggi o Molto lacunose e/o disorganiche 1 CONOSCENZ E DICHIARATIV E E PROCEDURA LI Contenuti e metodi delle discipline Lacunose e non sempre organiche Parziali e/o generiche Essenziali Organiche con alcuni approfondimenti Complete con significativi approfondimenti personali 6 C O M PE TE NZ E LI N G UI ST IC O- ES P R ES SI VE Utilizzare il lessico specifico Espone in modo inadeguato e confuso; non utilizza il lessico specifico Giustappone asserzioni prive di consequenzialità logica, fornire alcuna argomentare Espone in modo approssimativo; utilizza un vocabolario specifico limitato e/o generico Argomenta in modo non sempre coerente 1 2 Esporre in modo Espone in modo lineare; utilizza il lessico specifico essenziale Argomenta in modo semplice, ma coerente 3 90

91 efficace Argomentare Espone in modo chiaro e organico; utilizza adeguatamente il lessico specifico Argomenta in modo coerente, con ricorso appropriato ad alcuni elementi a sostegno Espone in modo efficace; utilizza con consapevolezza i termini più adatti al contesto Argomenta in modo rigoroso, con scelta critica di numerosi elementi a sostegno 4 5 COMP ETEN ZE RIELA BORA TIVE Non è in grado, neppure supportato, di stabilire semplici ed evidenti collegamenti Non è in grado di risolvere, neppure con aiuto, semplici problemi, di cui vengono fornite esplicitamente tutte i dati informativi e suggerite le strategie risolutive 1 Operare collegamenti all interno di una disciplina/ tra discipline diverse Guidato, individua alcune semplici relazioni all interno di contesto noto; mostra incertezze nell operare semplici collegamenti tra discipline diverse Risolve con aiuto, semplici problemi, di cui vengono fornite esplicitamente tutte i dati informativi e suggerite le strategie risolutive Individua le relazioni più evidenti tra concetti/ fatti fenomeni all interno di una disciplina; guidato stabilisce alcuni semplici collegamenti tra discipline diverse. Risolve in autonomia, semplici problemi, di cui vengono fornite esplicitamente tutti i dati informativi e suggerite le strategie risolutive; necessita di aiuto per affrontare situazioni problematiche nuove 2 3 Rileva in modo puntuale analogie e differenze nel confronto tra concetti/fenomeni diversi all interno di una disciplina o in discipline differenti Risolve in autonomia problemi abbastanza complessi e/o riferiti a contesti nuovi, ricercando i dati informativi necessari ed elaborando strategie risolutive corrette 4 Risolvere problemi Stabilisce con padronanza collegamenti entro e tra discipline ; opera con sicurezza confronti, rilevando, in modo critico e consapevole analogie e differenze. Risolve problemi che richiedono processi cognitivi complessi e che si riferiscono a contesti nuovi, elaborando strategie risolutive efficaci ed originali, di cui fornisce una chiara giustificazione 5 COMPETENZ E CRITICHE - Esprimere un giudizio critico, un parere personale - Riflettere sul proprio lavoro, autocorreg gersi Guidato, esprime un giudizio critico parziale, non sempre opportunamente motivato ; propone una semplice rielaborazione personale. Indotto a riflettere sul proprio lavoro, riconoscere i più evidenti errori e, guidato, è in grado di correggersi. In autonomia esprime giudizio critico, motivato con semplici argomenti ; propone una semplice rielaborazione personale. Riconoscere i più evidenti errori ed è in grado, almeno in parte, di correggersi Esprime giudizi critici pertinenti e opportunamente motivati; propone rielaborazioni con spunti personali. Analizza in modo sistematico il proprio lavoro, individuandone elementi di pregio e criticità Elabora con a consapevolezza giudizi critici, fornendo apprezzabili motivazioni ; rielabora in modo originale ciò che ha appreso, fornendo spunti interpretativi personali. Riflette sia sul processo sia sugli esiti del proprio lavoro, 4 91

92 92

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO Prof.ssa Maria STRICELLI Materia Insegnamento Religione Cattolica (IRC) Classe Terza Sez. C s Data di presentazione 13 novembre 2012 LIVELLI DI PARTENZA La situazione

Dettagli

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO Prof.ssa Maria STRICELLI Materia Insegnamento Religione Cattolica (IRC) Classe Quarta Sez. B s Data di presentazione 13 novembre 2012 LIVELLI DI PARTENZA La situazione

Dettagli

INDIRIZZO SAV PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

INDIRIZZO SAV PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (IRC) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE IRC COMPETENZE ABILITÀ/CAPACITÀ CONOSCENZE TEMPI*

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE IRC COMPETENZE ABILITÀ/CAPACITÀ CONOSCENZE TEMPI* PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE IRC CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÀ/CAPACITÀ CONOSCENZE TEMPI* Sviluppare un maturo Impostare domande di senso Questioni di

Dettagli

INDIRIZZO MAT PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

INDIRIZZO MAT PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

INDIRIZZO ENO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

INDIRIZZO ENO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO Prof.ssa Giovanna Sirico Materia Insegnamento Religione Cattolica (IRC) Classe III Sez Bc Data di presentazione 13 novembre 2012 LIVELLI DI PARTENZA La situazione

Dettagli

Sezione A: Traguardi formativi

Sezione A: Traguardi formativi Sezione A: Traguardi formativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE Fonti di legittimazione D.L. n. 226 del 17 ottobre 2005; Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006; Raccomandazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017/18

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017/18 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017/18 INDIRIZZO ITT INFORMATICA CLASSE 5 SEZIONE BI DISCIPLINA GESTIONE DI PROGETTO ED ORGANIZZAZIONE D IMPRESA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe I AM Docente: Giuseppina Filomia Data di consegna: 28/11/20187 Firma del docente: Giuseppina Filomia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe I DC Docente: Giuseppina Filomia Data di consegna: 28/11/2018 Firma del docente: Giuseppina Filomia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe I EE Docente: Giuseppina Filomia Data di consegna: 28/11/2018 Firma del docente: Giuseppina Filomia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe I BM Docente: Giuseppina Filomia Data di consegna: 28/11/2018 Firma del docente: Giuseppina Filomia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017-18 INDIRIZZO ITT INFORMATICA CLASSE 4 SEZIONE BI DISCIPLINA SISTEMI E RETI DOCENTE BOVOLI PAOLA DOCENTE ITP

Dettagli

Progettazione curricolo verticale percorso formativo per Unità di Apprendimento (UDA)

Progettazione curricolo verticale percorso formativo per Unità di Apprendimento (UDA) Progettazione curricolo verticale percorso formativo per Unità di Apprendimento (UDA) Dipartimento di IRC (Insegnamento religione cattolica) PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2018-19 Asse storico sociale (

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe V BE Docente: Filomia Giuseppina Data di consegna: / / Firma del docente: Firma del responsabile

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe V B Chimica Docente: Rizzuto Francesca Firma del docente: Francesca Rizzuto 1 PROFILO GENERALE DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2017/2018 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe IV AM Docente: Filomia Giuseppina Data di consegna: / / Firma del docente: Firma del responsabile

Dettagli

Religione. Religione

Religione. Religione Istituto Professionale Statale SERVIZI COMMERCIALI e SERVIZI SOCIO SANITARI BORGO CAVOUR n. 33 31100 TREVISO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO --------------------------------2018-2019-----------------------------------------

Dettagli

LICEO DE SANCTIS - GALILEI. PROGETTAZIONE CURRICOLARE COORDINATA Del Consiglio di Classe

LICEO DE SANCTIS - GALILEI. PROGETTAZIONE CURRICOLARE COORDINATA Del Consiglio di Classe PROGETTAZIONE CURRICOLARE COORDINATA Del Consiglio di Classe della Classe Sezione Indirizzo anno scolastico 2017-2018 INTRODUZIONE Il presente documento descrive il piano di lavoro che sarà svolto, durante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe VA Chimica Docente: Rizzuto Francesca Firma del docente: Francesca Rizzuto 1 PROFILO GENERALE DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: udpc010005@istruzione.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Giacomo Fauser. Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, Novara PIANO DI LAVORO. Per l anno scolastico

Giacomo Fauser. Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, Novara PIANO DI LAVORO. Per l anno scolastico Giacomo Fauser Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, 14 28100 Novara fauser@fauser.edu PIANO DI LAVORO Per l anno scolastico 2018-2019 Professori: Ciaccio Giovanna, Fuligni Roberto, Di Prospero

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A. S. : 2018/19 CLASSE: 4A LSA MATERIA: RELIGIONE DOCENTE: BRUSCHI ALBERTO L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici

Dettagli

ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO

ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Anno scolastico 2018-2019 DIPARTIMENTO DISCIPLINA Religione Religione Tutte CLASSI ANNO SCOLASTICO 2018-2019 RESPONSABILE DI DIPARTIMENTO Nebuloni Patrizia ASSE

Dettagli

Dipartimento di Informatica Piano di lavoro funzionale alla redazione del piano di lavoro preventivo individuale del docente Anno Scolastico 2018/2019

Dipartimento di Informatica Piano di lavoro funzionale alla redazione del piano di lavoro preventivo individuale del docente Anno Scolastico 2018/2019 Dipartimento di Informatica Piano di lavoro funzionale alla redazione del piano di lavoro preventivo individuale del docente Anno Scolastico 2018/2019 Disciplina: SISTEMI E RETI PER INFORMATICA Quinto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it - PEC: udpc010005c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ITT

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ITT PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ITT A. S. : 2018 / 2019 CLASSE: IV AIS MATERIA: RELIGIONE DOCENTE: AMORE LUIGI L'insegnamento della religione cattolica (Ire) risponde all'esigenza di riconoscere nei percorsi

Dettagli

IRC PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013-14 TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

IRC PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013-14 TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IRC PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013-14 TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno: è aperto alla sincera ricerca della verità; sa interrogarsi

Dettagli

MAPPA DELLE COMPETENZE - Indirizzo INFORMATICA, articolazione INFORMATICA a.s

MAPPA DELLE COMPETENZE - Indirizzo INFORMATICA, articolazione INFORMATICA a.s MAPPA DELLE COMPETENZE - Indirizzo INFORMATICA, articolazione INFORMATICA a.s. 2016-2017 CODICE ASSE: professionale QUINTO ANNO Ciclo di vita di un prodotto/servizio Norme e standard settoriali per la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

La disciplina nel corso dell anno mira a costruire le seguenti competenze specifiche:

La disciplina nel corso dell anno mira a costruire le seguenti competenze specifiche: PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A. S. : CLASSE: 5 A LSA MATERIA: RELIGIONE DOCENTE: BRUSCHI ALBERTO L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it- Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it- PEC:

Dettagli

2. Finalità generali previste dalle indicazioni nazionali

2. Finalità generali previste dalle indicazioni nazionali 2. Finalità generali previste dalle indicazioni nazionali Le Linee Guida ministeriali per i curricola del Quinto anno dell Istituto Tecnico Tecnologico, Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni - Articolazione

Dettagli

Istituto Superiore Serafino Riva Sarnico (BG)

Istituto Superiore Serafino Riva Sarnico (BG) Istituto Superiore Serafino Riva Sarnico (BG) Date: 01-10-2012 Mod7514_B Programmazione Disciplinare - Biennio Revision: 03 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TRIENNIO anno scolastico 2018/19 disciplina settore

Dettagli

Giacomo Fauser. Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, Novara. PIANO DI LAVORO. Per l anno scolastico

Giacomo Fauser. Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, Novara. PIANO DI LAVORO. Per l anno scolastico Giacomo Fauser Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, 14 28100 Novara fauser@fauser.edu PIANO DI LAVORO Per l anno scolastico 2018-2019 Professori: Ciaccio Giovanna, Fuligni Roberto, Ragonesi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it- Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it-

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe III B Elettrica Docente: Francesca Rizzuto Firma del docente: Francesca Rizzuto 1 La classe III

Dettagli

Indirizzo: Classe: quarta. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019

Indirizzo: Classe: quarta. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019 Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe I Geografia

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe I Geografia ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PROFESSIONALE AGRARIA Mario Rigoni Stern Bergamo PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe I Geografia Pagina 1 di 6 COMPETENZE AREA DI ISTRUZIONE GENERALE (PROFESSIONALE)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE GRAZIA DELEDDA - MAX FABIANI Chimica, Materiali e Biotecnologie Costruzioni, Ambiente e Territorio Grafica e Comunicazione

ISTITUTO TECNICO STATALE GRAZIA DELEDDA - MAX FABIANI Chimica, Materiali e Biotecnologie Costruzioni, Ambiente e Territorio Grafica e Comunicazione ISTITUTO TECNICO STATALE GRAZIA DELEDDA - MAX FABIANI Chimica, Materiali e Biotecnologie Costruzioni, Ambiente e Territorio Grafica e Comunicazione DIPARTIMENTO IRC CURRICOLO DI ISTITUTO INDIRIZZI: Chimica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Codice fiscale 80023240304 e-mail: udpc010005c@istruzione.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it - PEC: udpc010005c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IIS TORRIANI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IIS TORRIANI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IIS TORRIANI A. S. : 2018/19 CLASSE: III Aetaele MATERIA: Religione cattolica DOCENTE: NEGROTTI Gianmario L'insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all'esigenza di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA. Classe 3 ATI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA. Classe 3 ATI A.S. 2015/2016 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Ettore Majorana 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 Tel 035 297612 Fax 035301672 Cod. Mecc. BGISO1700A Cod.Fisc. 95028420164 Md CDC 49_1 - Piano di Lavoro Annuale

Dettagli

Dipartimento di Informatica Piano di lavoro funzionale alla redazione del piano di lavoro preventivo individuale del docente Anno Scolastico 2018/2019

Dipartimento di Informatica Piano di lavoro funzionale alla redazione del piano di lavoro preventivo individuale del docente Anno Scolastico 2018/2019 Dipartimento di Informatica Piano di lavoro funzionale alla redazione del piano di lavoro preventivo individuale del docente Anno Scolastico 2018/2019 Disciplina: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI

Dettagli

personali in ambito familiare, scolastico e sociale. in situazioni sociali e professionali soggette

personali in ambito familiare, scolastico e sociale. in situazioni sociali e professionali soggette RISULTATI DI APPRENDIMENTO INTERMEDI DEL PROFILO DI USCITA DEI PERCORSI DI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PER LE ATTIVITÀ E GLI INSEGNAMENTI DI AREA GENERALE In questa sezione sono declinati i risultati di apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Codice fiscale 80023240304 e-mail: udpc010005c@istruzione.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it - PEC: udpc010005c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE PER DISCIPLINA

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE PER DISCIPLINA Pag 1 di 6 DIPARTIMENTO 1 : Scienze umane- Filosofia- Storia- RC. Disciplina: RELIGIONE CATTOLICA - IRC. Responsabile di dipartimento: Prof.ssa Marina Germani Responsabile disciplina: prof.ssa Mariolina

Dettagli

Giacomo Fauser. Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, Novara PIANO DI LAVORO. Per l anno scolastico

Giacomo Fauser. Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, Novara PIANO DI LAVORO. Per l anno scolastico Giacomo Fauser Istituto Tecnico Settore Tecnologico Via Ricci, 14 28100 Novara fauser@fauser.edu PIANO DI LAVORO Per l anno scolastico 2018-2019 Professori: Materia: Buda Andrea, Gusulfino Valeria ITP:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LSA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LSA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LSA A. S. : 2018/19 CLASSE: 2A LSS MATERIA: RELIGIONE DOCENTE: BRUSCHI ALBERTO L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi

Dettagli

ITIS Montani Fermo Tel fax

ITIS Montani Fermo Tel fax ITIS Montani Fermo Tel.0734 622632-fax.0734 622912 w w w.istitutomontani.it PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO+ 5 ANNO 1 Anno 2 Anno L indirizzo si sceglie all atto dell iscrizione al primo MECCANICA, MECCATRONICA

Dettagli

Indirizzo: internazionale quadriennale. Classe: quarta. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019

Indirizzo: internazionale quadriennale. Classe: quarta. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019 Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ANTONIO PESENTI CASCINA (PI) PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2017-18 Professore Dimitri Bigoni Materia Religione Classe 3E Scienze Applicate 1. Competenze

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2018 2019 MATERIA: Telecomunicazioni Classe: 4 a A Sezione: INFORMATICA DATA

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Luigi Einaudi 070/

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Luigi Einaudi 070/ ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Luigi Einaudi 070/09808623-35 070/9809123-09040SENORBÌ e mail: catd050003@istruzione.it - pec: catd050003@pec.istruzione.it web. http://www.istitutotecnicosenorbi.gov.it

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA AGRARIA Mario Rigoni Stern Bergamo PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Pagina 1 di 5 COMPETENZE PRIMO BIENNIO Le competenze chiave del primo biennio sono le seguenti:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORTINA D AMPEZZO Scuola Secondaria di I grado P.F. Calvi di San Vito di Cadore Piano di lavoro annuale a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORTINA D AMPEZZO Scuola Secondaria di I grado P.F. Calvi di San Vito di Cadore Piano di lavoro annuale a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CORTINA D AMPEZZO Scuola Secondaria di I grado P.F. Calvi di San Vito di Cadore Piano di lavoro annuale a.s. 2016-2017 Docente NADIA CODARIN Disciplina RELIGIONE CATTOLICA Classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IIS TORRIANI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IIS TORRIANI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IIS TORRIANI A. S. : 2018/19 CLASSE: IV Aeneeleart MATERIA: Religione cattolica DOCENTE: NEGROTTI Gianmario L'insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all'esigenza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2018 2019 MATERIA: Telecomunicazioni Classe: 4 a B Sezione: INFORMATICA DATA

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017-18 INDIRIZZO ITT INFORMATICA CLASSE 5 SEZIONE AI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI

Dettagli

I.I.S. De Amicis Cattaneo. Programmazione di istituto Classi quinte Lingua e letteratura italiana a.s

I.I.S. De Amicis Cattaneo. Programmazione di istituto Classi quinte Lingua e letteratura italiana a.s I.I.S. De Amicis Cattaneo Programmazione di istituto Classi quinte Lingua e letteratura italiana a.s. 2018 2019 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI Il percorso didattico mira all acquisizione delle competenze

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ISTITUTO

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ISTITUTO TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ISTITUTO disciplina classe indirizzo ore settimanali INFORMATICA 4 AFM 2 OBIETTIVI FORMATIVI a) generali X Capacità di analisi, sintesi, generalizzazione; Capacità

Dettagli

I.I.S.S. Rinaldo d Aquino. Programma Svolto. Anno scolastico 2017/2018. Docente: Simonelli C. Napolillo S. Classe IV sez.

I.I.S.S. Rinaldo d Aquino. Programma Svolto. Anno scolastico 2017/2018. Docente: Simonelli C. Napolillo S. Classe IV sez. I.I.S.S. Rinaldo d Aquino Programma Svolto Disciplina : TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI (TPSIT) Anno scolastico 2017/2018 Docente: Simonelli C. Napolillo S. Classe

Dettagli

COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL TRIENNIO

COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL TRIENNIO COMPETENZE DI RELIGIONE PER IL TRIENNIO 1. Sapersi interrogare sulla propria identità umana, religiosa e spirituale in relazione con gli altri e con il mondo, al fine di sviluppare un maturo senso critico

Dettagli

disciplina classe indirizzo ore settimanali ITALIANO QUINTA TUTTI QUATTRO

disciplina classe indirizzo ore settimanali ITALIANO QUINTA TUTTI QUATTRO TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ISTITUTO disciplina classe indirizzo ore settimanali ITALIANO QUINTA TUTTI QUATTRO OBIETTIVI FORMATIVI a) generali X Capacità di analisi, sintesi, generalizzazione;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE (BIENNIO)

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE (BIENNIO) ANNO SCOLASTICO 2016/2017 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE (BIENNIO) CLASSE 1^ SEZ. A Allegato al verbale del Consiglio di Classe del 3 novembre 2016 Programmazione annuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI piazza I Maggio, 26-33100 Udine - Tel. 0432 504577 Codice fiscale: 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it - PEC: udpc010005@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe II Informatica

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe II Informatica ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PROFESSIONALE AGRARIA Mario Rigoni Stern Bergamo PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe II Informatica Pagina 1 di 11 COMPETENZE AREA DI ISTRUZIONE GENERALE (PROFESSIONALE)

Dettagli

Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni

Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze nell ambito

Dettagli

I.T. A. PARADISI. per il Settore Economico. Amministrazione, finanza e marketing BIENNIO UNICO. -progetto ESABAC

I.T. A. PARADISI. per il Settore Economico. Amministrazione, finanza e marketing BIENNIO UNICO. -progetto ESABAC Via Resistenza, 700 41058 Vignola (MO) Web:http://www.scuolaparadisi.org E-mail: segreteria@scuolaparadisi.org dirigentelm2.0@gmail.org Centralino: Tel. 059/774050 059/772860 I.T. A. PARADISI per il Settore

Dettagli

PIANO DI LAVORO PREVENTIVO. Piano di lavoro preventivo dei Proff: E.Talomo e M. Sammartino (I.T.P) Materia: Sistemi e reti.

PIANO DI LAVORO PREVENTIVO. Piano di lavoro preventivo dei Proff: E.Talomo e M. Sammartino (I.T.P) Materia: Sistemi e reti. Pag. 1 di 7 Piano di lavoro preventivo dei Proff: E.Talomo e M. Sammartino (I.T.P) Materia: Sistemi e reti Classe: 4 C Info Anno Scolastico: 2017-2018 Data Sigla Firma Sigla Firma Data DS Redazione Approvazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO A. TOSI Viale Marconi, Codogno (LO) CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO PRIMO BIENNIO

ISTITUTO TECNICO AGRARIO A. TOSI Viale Marconi, Codogno (LO) CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO PRIMO BIENNIO ISTITUTO TECNICO AGRARIO A. TOSI Viale Marconi,60-26845 Codogno (LO) CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO 2015-2016 PRIMO BIENNIO Disciplina: Insegnamento Religione Cattolica (IRc) Finalità formative ( in coerenza

Dettagli

I.I.S. De Amicis Cattaneo. Programmazione di istituto Classi terze Lingua e letteratura italiana a.s

I.I.S. De Amicis Cattaneo. Programmazione di istituto Classi terze Lingua e letteratura italiana a.s I.I.S. De Amicis Cattaneo Programmazione di istituto Classi terze Lingua e letteratura italiana a.s. 2018 2019 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI Il percorso didattico mira all acquisizione delle competenze

Dettagli

Indirizzo: internazionale quadriennale. Classe: terza. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018 /2019

Indirizzo: internazionale quadriennale. Classe: terza. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018 /2019 Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI RELIGIONE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI RELIGIONE Materia: INSEGNAMENTO della RELIGIONE CATTOLICA (Irc) Classi: biennio-triennio Anno scolastico: 2016/2017 OBIETTIVI PROPRI DELLA DISCIPLINA L Irc risponde all

Dettagli

Disciplina: INFORMATICA

Disciplina: INFORMATICA Indirizzo AFM Articolazione SIA Anno scolastico 2017/2018 Classe 3S Docenti Vito Colafemmina - Rosangela Pazienza Disciplina: INFORMATICA Con riferimento alle linee guida degli Istituti Tecnici Settore

Dettagli

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO Prof.ssa VENUTO MARIANNA Materia Insegnamento Religione Cattolica (IRC) Classe Seconda Sez. E s Data di presentazione 13 novembre 2012 LIVELLI DI PARTENZA La situazione

Dettagli

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO

A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO A.S. 2012/2013 PIANO ANNUALE DI LAVORO Prof.ssa Giovanna Sirico Materia Insegnamento Religione Cattolica (IRC) Classe V Sez. Ac Data di presentazione 13 novembre 2012 LIVELLI DI PARTENZA La situazione

Dettagli

Indirizzo: Internazionale Quadriennale. Classe: prima. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019

Indirizzo: Internazionale Quadriennale. Classe: prima. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019 Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S / 2017

PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S / 2017 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 1/10/1 Pag. 1 di PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 201 / 201 INDIRIZZO SCOLASTICO X MECCANICA e MECCATRONICA X ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Luigi Einaudi 070/

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Luigi Einaudi 070/ ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Luigi Einaudi 070/09808623-35 070/9809123-09040SENORBÌ e mail: catd050003@istruzione.it - pec: catd050003@pec.istruzione.it web. http://www.istitutotecnicosenorbi.gov.it

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe V Inglese

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe V Inglese ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PROFESSIONALE AGRARIA Mario Rigoni Stern Bergamo PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe V Inglese Pagina 1 di 5 COMPETENZE AREA DI ISTRUZIONE GENERALE (PROFESSIONALE)

Dettagli

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE. Tecnologia dell informazione e della comunicazione ALTRI SOGGETTI COINVOLTI

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE. Tecnologia dell informazione e della comunicazione ALTRI SOGGETTI COINVOLTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A.S. 2015-2016 TITOLO PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI (POWERPOINT) COD 01/02 A PRESENTAZIONE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico DOCUMENTO DI DIPARTIMENTO I.R.C. quinto anno liceo classico scientifico e linguistico a.s. 2015/16 PREMESSA Il presente documento si colloca in

Dettagli

P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A D I D I P A R T I M E N T O

P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A D I D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E D I D A T T I C A D I D I P A R T I M E N T O DIPARTIMENTO DISCIPLINA CLASSI SCIENZE UMANE SCIENZE UMANE Triennio Scienze Umane ANNO SCOLASTICO 2018-2019 DOCENTE Pessina Francesco

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV A A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV A A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV A A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Solo due alunni si avvalgono dell I.R.C. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Alla

Dettagli

Indirizzo: Internazionale Quadriennale. Classe: seconda. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019

Indirizzo: Internazionale Quadriennale. Classe: seconda. Disciplina: IRC. Anno scolastico 2018/2019 Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017. I.I.S.S. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017. I.I.S.S. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017 I.I.S.S. C. E. GADDA Sede di Langhirano MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI PROF. MAURIZIO MERCURI

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Percorso formativo relativo alla disciplina di DIRITTO. Classi 5^A.F.M.

DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Percorso formativo relativo alla disciplina di DIRITTO. Classi 5^A.F.M. DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Percorso formativo relativo alla disciplina di DIRITTO Classi 5^A.F.M. Numero Modulo 0 Lo Stato 1 La Costituzione italiana 2 L organizzazione costituzionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it- Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it- PEC:

Dettagli

PERCHÉ PROGETTARE PER COMPETENZE Le peculiarità della riforma e la finalità dei NUOVI TECNICI

PERCHÉ PROGETTARE PER COMPETENZE Le peculiarità della riforma e la finalità dei NUOVI TECNICI PERCHÉ PROGETTARE PER COMPETENZE Le peculiarità della riforma e la finalità dei NUOVI TECNICI INFORMAZIONE Esempio profilo d uscita del biennio (SKAT6) ESEMPIO DEL PROFILO D USCITA DI UN ARTICOLAZIONE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA AGRARIA Mario Rigoni Stern Bergamo PROGETTAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE Classe V Matematica Pagina 1 di 11 COMPETENZE TRIENNIO Le competenze del Triennio si articolano

Dettagli

Componenti del Consiglio di Materia:

Componenti del Consiglio di Materia: Materia Italiano Anno Scolastico 2016-2017 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Roberta Fadini (Coordinatore di Materia) Prof. Loredana Iaccarino Prof. Gelsomina Candio Prof. Roberta Cartella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2018 /19 CLASSE IV B - E Liceo Scientifico

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2018 /19 CLASSE IV B - E Liceo Scientifico LICEO A. VOLTA SEZIONI SCIENTIFICO E CLASSICO COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2018 /19 CLASSE IV B - E Liceo Scientifico FINALITA L IRC inserendosi a pieno titolo

Dettagli

Utilizzare e produrre testi multimediali

Utilizzare e produrre testi multimediali UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO RIF.2 A.S. 2015/16 TITOLO: I SOGGETTI DELL ECONOMIA: LE SOCIETA COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe V A ODONTOTECNICO Periodo Novembre-dicembre Contesto didattico ASSI

Dettagli