Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici"

Transcript

1 Andrea Milanese I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo

2 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE Laboratori per la Sicurezza passiva nei Trasporti

3 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Le leggi fisiche che governano le dinamiche che si generano durante un urto sono sempre quelle, sia che si tratti di un impatto di un aereo, di un treno, di un auto da competizione che di una normale utilitaria. Anche quando si scia, si va in bicicletta o con i pattini, le leggi sono sempre le stesse. La sicurezza passiva si occupa appunto di studiare questi fenomeni al fine di cercare di rendere un incidente il meno traumatico possibile.

4 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Le leggi fisiche S = ½ a t 2 + v t En.cinetica = ½ m v 2 F = m a Partendo da queste leggi fisiche cercheremo di spiegare quali sono i coretti comportamenti da adottare quando si trasporta un bambino.

5 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Le leggi fisiche I comportamenti durante un trasporto

6 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Legge oraria S = ½ a t 2 + v t Spazio, velocità ed accelerazione sono legati tra di loro, in che modo: Per rallentare piano ci vogliono tempo e spazio Se rallentate da 100 Km/h a 0 in 200 metri e una decina di secondi vi state fermando con la macchina ad un semaforo, se lo fate in 2 metri e pochi decimi di secondo siete finiti contro un muro!

7 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Legge oraria S = ½ a t 2 + v t

8 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Energia cinetica En.cinetica = ½ m v 2 L energia, la massa e la velocità sono in relazione tra di loro: Più siete pesanti e più fate fatica a fermarvi, fermarsi da 100 Km/h o da 110 Km/h a zero fa una bella differenza. Tutti avranno sentito dire che l energia l non sia crea ne si distrugge, ma si trasforma, per fermarsi occorre che l energia l cinetica si trasformi e assuma un altra forma, in termini tecnici si dice si dissipi. La formula scritta sopra dice che è più difficile fermare un camion rispetto ad una bicicletta, perché il primo pesa di più,, ha più massa.

9 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Energia cinetica Utilitaria: En.cinetica = ½ m v Kg 100 Km/h 386 Kj 10 % 20 % 110 Km/h 467 Kj 50 % 85 % 150 Km/h 868 Kj

10 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Energia cinetica En.cinetica = ½ m v 2 Dice però anche una cosa importantissima, che se aumentate la velocità del 10% l energia l che dovete dissipare non aumenta solo del 10%, ma molto di più. Spiega in pratica perché non bisogna truccare i motorini, se i loro freni sono fatti per dissipare un certo quantitativo di energia, quando andate più veloce del limite che si era posto il costruttore, l energia da trasformare aumenta di molto e non è detto che i freni siano in gradi di dissiparla prima che finiate contro un ostacolo imprevisto!

11 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Energia cinetica En.cinetica = ½ m v 2

12 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Forze di inerzia F = m a Le forze sono proporzionali alle accelerazioni e alla massa Più siete grossi e più fate male, più brusca è la variazione di velocità e più ci si fa male. Questa legge spiega l origine l del detto Ho preso una tramvata,, il tram è allo stesso tempo pesante e duro, se ci andate contro sarete voi a subire una repentina variazione di velocità e questo genererà delle forze al vostro interno che vi faranno quanto meno venire un bel mal di testa!

13 IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA Riassumiamo i concetti che ci hanno insegnato le leggi fisiche: Per fermarsi piano ci vogliono spazio e tempo È bene moderare sempre la velocità,, ci sarà meno energia da dissipare Se ci si ferma dolcemente le accelerazioni saranno basse e quindi lo saranno anche le forze che subiremo

14 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Per farlo proveremo ad analizzare alcuni dei dispositivi di sicurezza passiva che sono presenti in un auto di formula 1, alla fine scopriremo che, in buona sostanza, sono gli stessi che possiamo e dobbiamo utilizzare quando trasportiamo un bimbo.

15 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Muso collassabile di auto di formula 1: Serve a garantire una decelerazione graduale nel caso in cui l auto l dovesse finire contro un muro. In pratica si cerca di garantire alla vettura uno spazio minino di frenata, si fa in modo che l energia l cinetica della macchina lanciata in velocità venga dissipata mediante la frantumazione morbida e controllata del muso. Questo garantisce basse accelerazioni alla vettura e quindi al pilota. Basse accelerazioni significano basse lesioni.

16 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO La auto di serie utilizzano lo stesso concetto, il loro frontale e il loro posteriore sono collassabili, se potete, scegliete auto che abbiano buoni risultati nei test.

17 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Casco del pilota di formula 1: Ha una duplice funzione, si comporta come un guscio protettivo e, durante un urto, la sua parte interna si schiaccia garantendo al cranio qualche centimetro in più per fermarsi. Quando il vostro bambino pratica sport, sci, bicicletta, pattinaggio fategli sempre indossare il casco, lo proteggerà,, dopo una brusca caduta è sempre consigliabile cambiarlo, se è già schiacciato al secondo urto non è detto che sia ancora in grado di deformarsi.

18 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Protezioni laterali del pilota di formula 1: Hanno la funzione di garantire un adeguato spazio di frenata alla testa nel caso di urti laterali, come già detto anche pochi centimetri possono fare la differenza. Quando scegliete un seggiolino controllate che abbia delle buone protezioni laterali, il pilota ha anche il caso, il bimbo no.

19 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Protezioni anti intrusione laterali per auto di formula 1: Servono ad evitare che oggetti estranei possano colpire il pilota, rendono l abitacolo l un guscio protettivo. Quando scegliete un seggiolino controllate che sia ben avvolgente. Sapete se la vostra auto ha delle barre anti intrusione? Non si portano i bambini in motorino, se proprio lo volete fare mettetelo tra le gambe e non dietro, risulterà meno esposto.

20 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Protezioni anti intrusione laterali per auto di formula 1: NO SI

21 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO La Cinture di sicurezza per piloti di formula 1: Servono ad evitare che il pilota durante un urto venga sbalzato fuori dalla vettura. Sono cinture speciali, molto resistenti e molto larghe, rendono il pilota solidale con l auto l e fanno si che al massimo il pilota possa subire le stesse accelerazioni controllate che subisce la macchina.

22 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Cinture di sicurezza per piloti di formula 1: State sempre attenti a come montate il seggiolino in auto, se non ben fissato serve a poco, anzi, potrebbe risultare anche pericoloso. Usate più che potete seggiolini in senso contrario di marcia, il seggiolino diventa una cintura. Il vostro seggiolino quante cinture ha? Più ne ha meglio risulterà vincolato il bambino. Ricordatevi di regolare sempre la tensione delle cinture di sicurezza, se sono lasche è come non averle. Utilizzate, se potete, sistemi di fissaggio tipo isofix, renderanno il seggiolino molto più stabile nell auto.

23 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO Cinture di sicurezza per piloti di formula 1: I tragitti brevi sono pericolosi tanto quanto quelli lunghi, non fate mai viaggiare i bambini senza averli ben fissati. Se viaggiate con dei carichi pesanti metteteli nel baule, non rischierete che finiscano in testa al bambino in caso di incidente. Utilizzate dei seggiolini appropriati al peso del vostro bambino, le forze che si generano dipendono dal peso del bambino e il seggiolino di categoria inferiore potrebbe rompersi in caso di urto.

24 I COMPORTAMENTI DURANTE UN TRASPORTO ED ORA LA COSA FONDAMENTALE Voi non siete dei piloti di formula 1, e Shumacher non trasportava certo i suoi figli sulla Ferrari!!!!!! Non fate che siano i bambini a pagare le conseguenze delle vostre velleità di piloti provetti! L energia cinetica dipende dal quadrato della velocità,, pochi chilometri in meno di velocità fanno la differenza. MODERATE SEMPRE LA VELOCITA

25 POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE DOMANDE? La.S.T Laboratori per la Sicurezza nei Trasporti Via Durando 10, Milano, Italia

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta!

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! Premessa Premessa In auto Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! In bicicletta pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 15 pag. 21 pag. 23 In Italia, ogni anno,

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA Franco Taggi NORME DI COMPORTAMENTO GENERALE SULLA STRADA - I Tenete sempre in ordine il vostro mezzo (pneumatici, freni, luci, ecc.) Adeguate

Dettagli

PROGETTO SICUREZZA STRADALE PER I BAMBINI

PROGETTO SICUREZZA STRADALE PER I BAMBINI PROGETTO SICUREZZA STRADALE PER I BAMBINI 1 Cosa dice la legge REGOLA GENERALE (art. 172 Codice della Strada) È obbligatorio per tutti, conducenti e passeggeri dei veicoli, sui sedili anteriori o posteriori,

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Il poggiatesta ti protegge.

Il poggiatesta ti protegge. Il poggiatesta ti protegge. Anche il conducente più attento e prudente può rimanere coinvolto in un incidente. Ma qualche semplice misura preventiva contribuisce ad attenuare le conseguenze di un incidente.

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA Non fa rumore Non inquina Occupa poco spazio La bicicletta ( velocipede per il codice della strada ) e le regole per circolare sulla strada La bicicletta e i dispositivi

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1.

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1. L accelerazione iniziale di un ascensore in salita è 5.3 m/s 2. La forza di contatto normale del pavimento su un individuo di massa 68 kg è: a) 2.11 10 4 N b) 150 N c) 1.03 10 3 N Un proiettile viene lanciato

Dettagli

L alluminio migliora la sicurezza dei trasporti

L alluminio migliora la sicurezza dei trasporti L alluminio migliora la sicurezza dei trasporti Testi e illustrazioni per la stampa del settore trasporti Dicembre 2004 Premessa Nell ambito del proprio programma d azione per la sicurezza stradale, la

Dettagli

Tuttavia, ciò premesso, per familiarizzare con il concetto di distanza di sicurezza è bene rispolverare un po' di matematica...

Tuttavia, ciò premesso, per familiarizzare con il concetto di distanza di sicurezza è bene rispolverare un po' di matematica... La distanza di sicurezza... quante volte ne abbiamo sentito parlare eh! Tuttavia camminando sulle nostre strade sembra che nessuno ne conosca la reale funzione e anche per questo gli incidenti restano

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

IL TRASPORTO IN SICUREZZA DEI BAMBINI SUI VEICOLI

IL TRASPORTO IN SICUREZZA DEI BAMBINI SUI VEICOLI IL TRASPORTO IN SICUREZZA DEI BAMBINI SUI VEICOLI 1 Cosa dice la legge REGOLA GENERALE (art. 172 Codice della Strada) È obbligatorio per tutti, conducenti e passeggeri dei veicoli, sui sedili anteriori

Dettagli

STUDIO DEL COMPORTAMENTO DINAMICO SU STRADA DELLA VETTURA ASTURA

STUDIO DEL COMPORTAMENTO DINAMICO SU STRADA DELLA VETTURA ASTURA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE, NUCLERI, AERONAUTICHE E DI METALLURGIA

Dettagli

Videocorso Guida Sicura

Videocorso Guida Sicura GUIDA SICURA Le tecniche di guida per limitare i rischi di chi lavora al volante Slide n. 1 Indice del corso La sicurezza comincia da noi Il guidatore Il veicolo Tecniche di guida Come si affronta una

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Base ISOFIX. Manuale d uso

Base ISOFIX. Manuale d uso Base ISOFIX. Manuale d uso ECE R44/04 ISOFIX Classe E Gruppo 0+ Fino a 13 kg Lingua Italiano Importante Conservare queste istruzioni per ogni futura evenienza 4 Elenco dei contenuti. 01/ Informazioni fondamentali/avvertenze...7

Dettagli

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO LEZIONE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Insegnante: Londei Fabiola anno scolastico 2012-2013 Ciao cari ragazzi e ragazze di quarta B e C, sono un vostro quotidiano osservatore, vi guardo tutte le mattine arrivare

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Commissione Lombarda Materiali e Tecniche LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Andrea Manes SICUREZZA Inerente materiali e tecniche Parliamo di catena di assicurazione senza

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Ing. Marco De Mitri www.marcodemitri.it

Ing. Marco De Mitri www.marcodemitri.it Ing. Marco De Mitri www.marcodemitri.it 1 Il problema dei consumi Esigenza: risparmiare sui costi di gestione specie per chi utilizza per lavoro i mezzi di trasporto Non sempre però le prestazioni dichiarate

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

Eco-Drive accelerate in modo intelligente.

Eco-Drive accelerate in modo intelligente. Eco-Drive accelerate in modo intelligente. www.eco-drive.ch Eco-Drive vi ripaga giorno dopo giorno. Risparmiare il 10 15 % di carburante Eco-Drive è guidare con economia: Con Eco-Drive ogni corsa è più

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

AIXAM, N 1 DELLA SICUREZZA TUTTO L IMPEGNO DI UN COSTRUTTORE PER UNA MOBILITÀ IN PIENA SICUREZZA N 1 DELLE MINICAR

AIXAM, N 1 DELLA SICUREZZA TUTTO L IMPEGNO DI UN COSTRUTTORE PER UNA MOBILITÀ IN PIENA SICUREZZA N 1 DELLE MINICAR D I A R I O D I B O R D O A I X A M AIXAM, N 1 DELLA SICUREZZA TUTTO L IMPEGNO DI UN COSTRUTTORE PER UNA MOBILITÀ IN PIENA SICUREZZA N 1 DELLE MINICAR AIXAM : IMPEGNO PER LA SICUREZZA 1 SICUREZZA ATTIVA

Dettagli

Dodici buoni consigli per una guida sicura. Organizzazione: Orizzonte per info e prenotazioni: 02 67479681 www.sicurisudueruote.it

Dodici buoni consigli per una guida sicura. Organizzazione: Orizzonte per info e prenotazioni: 02 67479681 www.sicurisudueruote.it Dodici buoni consigli per una guida sicura Organizzazione: Orizzonte per info e prenotazioni: 02 67479681 www.sicurisudueruote.it ABBIGLIAMENTO Sicuri su due ruote è un idea di Fabio Fasola e Renato Zocchi,

Dettagli

una grandezza fisica il cui valore non cambia nel corso del tempo si dice grandezza conservata.

una grandezza fisica il cui valore non cambia nel corso del tempo si dice grandezza conservata. Lezione 13 - pag.1 Lezione 13: Impulso e quantità di moto 13.1. Un gioco di prestigio Prendete un mazzo da quaranta carte, e tenete da parte i quattro assi. Le trentasei carte che restano le dividete a

Dettagli

Luce posteriore per bici

Luce posteriore per bici Questo articolo è stato pubblicato su... Ovvero fanalino minimo per non essere tritati durante le gite in bici Luce posteriore per bici 75 Il problema è meno banale di quel che sembra, le bici dovrebbero

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

Sicurezza in bici e per se stessi Informazioni per gli istruttori

Sicurezza in bici e per se stessi Informazioni per gli istruttori Informazioni per gli istruttori 1/6 Ordine di lavoro Obiettivo Gli studenti apprendono quali componenti sono rilevanti per la sicurezza della bicicletta, ma anche quale sia il corretto equipaggiamento

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

BAMBINI IN AUTO ecco come trasportarli in modo sicuro

BAMBINI IN AUTO ecco come trasportarli in modo sicuro BAMBINI IN AUTO ecco come trasportarli in modo sicuro Con l'entrata in vigore del Decreto Legislativo 13 marzo 2006 n. 150, è stato modificato l'art. 172 del Codice della Strada: "Uso delle cinture di

Dettagli

10 Modulo. Attività motoria II

10 Modulo. Attività motoria II 10 Modulo Attività motoria II Argomenti MET specifici Programmi di attività motoria MET e Prevenzione dei TUMORI Cancro del seno: 9 MET settimana Cancro colon retto: 18 MET settimana Cancro prostata: 30

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCEDURA PER IL CALCOLO DELL ENERGIA DI DEFORMAZIONE DISSIPATA NEGLI URTI MOTO-AUTO

Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCEDURA PER IL CALCOLO DELL ENERGIA DI DEFORMAZIONE DISSIPATA NEGLI URTI MOTO-AUTO Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCDURA PR IL CALCOLO DLL NRGIA DI DFORMAZION DISSIPATA NGLI URTI MOTO-AUTO aprile 0 Introduzione L energia cinetica dissipata durante la collisione

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Dinamica II Lavoro di una forza costante

Dinamica II Lavoro di una forza costante Dinamica II Lavoro di una forza costante Se il punto di applicazione di una forza subisce uno spostamento ed esiste una componente della forza che sia parallela allo spostamento, la forza compie un lavoro.

Dettagli

Always Supplying Advanced Flexible Excellence

Always Supplying Advanced Flexible Excellence Always Supplying Advanced Flexible Excellence Always Supplying Advanced Flexible Excellence A-SAFE iflex RackGuard Vista Frontale 01 Assorbimento urto laterale. Per maggiori informazioni, contattare +39

Dettagli

Accessori Originali Audi. Seggiolini Audi. Per il vostro passeggero più esigente.

Accessori Originali Audi. Seggiolini Audi. Per il vostro passeggero più esigente. Accessori Originali Audi Seggiolini Audi. Per il vostro passeggero più esigente. Per i conducenti Audi della prossima generazione. Viaggiare a bordo di una Audi è sempre un esperienza unica. Con i seggiolini

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie PICCOLI EINSTEIN Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il liceo scientifico Einstein, sito in via Pacini 28, propone alle singole

Dettagli

www.italyontheroad.it

www.italyontheroad.it www.italyontheroad.it Poggiatesta, come va regolato? Dalla data 1/4/1995 (cioè da 13 anni) non possono essere messi in circolazione veicoli che non presentano le caratteristiche della sicurezza attiva

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE

CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE COMMISSIONE CENTRALE MATERIALI E TECNICHE Arco di Trento 31 ottobre 2004 a cura di Vittorio Bedogni ( CCMT - INA - INSA ) CONTENUTO : Introduzione

Dettagli

Muoversi in sicurezza Progetto Pilota per la riduzione degli incidenti stradali in Lombardia

Muoversi in sicurezza Progetto Pilota per la riduzione degli incidenti stradali in Lombardia Schematizzazione del fenomeno della Mobilità Muoversi in sicurezza Progetto Pilota per la riduzione degli incidenti stradali in Lombardia Automobile Club Milano Acinnova s.r.l. Gianfranco Chierchini Schematizzazione

Dettagli

COME ORGANIZZARE IN ORATORIO UN GRAN PREMIO MOTORATORIO

COME ORGANIZZARE IN ORATORIO UN GRAN PREMIO MOTORATORIO Dal mese di settembre 2011 il kit MOTORATORIO è passato alla gestione diretta di due oratori. Potete richiedere i KIT a : 1. ORATORIO SAN DOMENICO SAVIO SESTO SAN GIOVANNI (MI) scaricando gli appositi

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

Barriere di Sicurezza Stradali

Barriere di Sicurezza Stradali Barriere di Sicurezza Stradali Prof. Ing. Francesco Canestrari Barriere di Sicurezza Stradali - 1 Interventi di sicurezza attiva Obiettivo : raggiungere elevati standard di sicurezza Def. Sicurezza attiva:

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Sono ancora troppi i bambini che pagano un

Sono ancora troppi i bambini che pagano un Comune di Livorno 2. Il conducente del veicolo è tenuto ad assicurarsi della persistente efficienza dei dispositivi di cui al comma 1. 3. Sui veicoli delle categorie M1, N1, N2 ed N3 sprovvisti di sistemi

Dettagli

VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp

VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp In questa guida verrà spiegato come verniciare le pinze dei freni senza dover smontare la pinza stessa. Se avete la possibilità (e le competenze) per farlo, è preferibile

Dettagli

Definire la potenza e ricordare l unità di misura della potenza. Definire l energia e la sua unità di misura. Enunciare il teorema delle forze vive

Definire la potenza e ricordare l unità di misura della potenza. Definire l energia e la sua unità di misura. Enunciare il teorema delle forze vive Programmazione per competenze: Istituto scolastico Classe Riferimento ai documenti programmatici Liceo scientifico, indirizzo scienze applicate II Competenza N 3.2, Asse scientifico tecnologico Analizzare

Dettagli

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 In questa lezione parliamo delle forze. Parliamo di forza quando: spostiamo una cosa; solleviamo un oggetto; fermiamo una palla mentre giochiamo a calcio; stringiamo una molla. Quando usiamo (applichiamo)

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

1 3 5 7 9 11 12 13 15 17 [Nm] 400 375 350 325 300 275 250 225 200 175 150 125 155 PS 100 PS 125 PS [kw][ps] 140 190 130 176 120 163 110 149 100 136 100 20 1000 1500 2000 2500 3000 3500 4000 4500 RPM 90

Dettagli

L iniziativa dei Rotary Club del Gruppo Milano 4 è sostenuta da

L iniziativa dei Rotary Club del Gruppo Milano 4 è sostenuta da Con il patrocinio di Automobile Club Milano Rotary Club Gruppo Milano 4 L iniziativa dei Rotary Club del Gruppo Milano 4 è sostenuta da Cerca i disegni da colorare! Rotary Club del Gruppo Milano 4 Automobile

Dettagli

ETICHETTE PRESENTI SU TUTTI I SISTEMI DI ANCORAGGIO

ETICHETTE PRESENTI SU TUTTI I SISTEMI DI ANCORAGGIO L NORMA EN 12 195-2 Mazo 2001 a decisione di rispettare il contenuto della norma EN 12 195-2 è stata presa perché permette di fornire un sistema di ancoraggio avente le informazioni per chi lo utilizza

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea LA CATENA DI ASSICURAZIONE Lezione a cura di Torrini Andrea PARLEREMO IN QUESTA LEZIONE DI: Significato di CATENA DI ASSICURAZIONE Dimensionamento della CATENA DI ASSICURAZIONE Forza di Arresto Fattore

Dettagli

10 consigli per una guida eco-compatibile

10 consigli per una guida eco-compatibile La campagna Make Cars Green mira a ridurre l impatto delle auto sull ambiente e a sensibilizzare gli automobilisti prima di mettersi al volante. 10 consigli per una guida eco-compatibile Compra verde Pianifica

Dettagli

La conservazione dell energia meccanica

La conservazione dell energia meccanica La conservazione dell energia meccanica Uno sciatore che scende da una pista da sci è un classico esempio di trasformazione di energia. Quando lo sciatore usa gli impianti di risalita per andare in vetta

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento.

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento. Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Ambientali: Corso di Fisica AA 13/14 Test di ammissione all'orale di Fisica. Appello del 16 Marzo 2015 Nome e Cognome Nella copia da riconsegnare si scrivano

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Accordo Stato Regioni 22/02/2012: Attrezzature da lavoro

Accordo Stato Regioni 22/02/2012: Attrezzature da lavoro CARRELLI ELEVATORI Indice Accordo Stato Regioni 22/02/2012: Attrezzature da lavoro 2.1 Tipologie e caratteristiche 2.2 Rischi da carrelli semoventi 23N 2.3 Nozioni ielementari idi fisica i 2.4 Tecnologia

Dettagli

distanza percorsa in 12s x-x 0 =v i t+1/2 at 2 =(70/3.6)*12 +1/2*(-1.41)*12 2 =1.3*10 2 m

distanza percorsa in 12s x-x 0 =v i t+1/2 at 2 =(70/3.6)*12 +1/2*(-1.41)*12 2 =1.3*10 2 m Alcuni esercizi di cinematica 1. Una macchina ha una velocita` v i =70km/h quando inizia a frenare e dopo 90m la velocita` si è ridotta a v f = 40km/h. Si chiede di calcolare l accelerazione che supponiamo

Dettagli

Ferrara. Informazioni. tredici. VEDERE usando. la bicicletta con informazioni utili sui sistemi di illuminazione per bici in commercio.

Ferrara. Informazioni. tredici. VEDERE usando. la bicicletta con informazioni utili sui sistemi di illuminazione per bici in commercio. Informazioni Agenzia della Mobilità Ufficio Biciclette Via Trenti 35, 44121 Ferrara info@ferrarainbici.it www.ferrarainbici.it Amici della Bicicletta di Ferrara Via del Lavoro (presso terminal bus) Ferrara

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

L'impulso di una forza che varia nel tempo

L'impulso di una forza che varia nel tempo Lezione 13 approfondimento pag.1 L'impulso di una forza che varia nel tempo Un riassunto di quel che sappiamo Riprendiamo in esame il solito carrellino che si trova sopra la rotaia a basso attrito. Se

Dettagli

Sicurezza: Viaggiare in gruppo

Sicurezza: Viaggiare in gruppo Sicurezza: Viaggiare in gruppo Guidare in gruppo può anche essere una bella esperienza, ma per guidare in modo sicuro in un gruppo eterogeneo di moto e motociclisti sono importanti la preparazione e il

Dettagli

Mobilità con animali domestici

Mobilità con animali domestici Test vari Mobilità con animali domestici Un trasporto o un viaggio in auto non comporta solo un disagio per l animale domestico, può comportare anche dei rischi e un intralcio per le persone che viaggiano

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Preparazione alle gare di I livello delle Olimpiadi della Fisica 2010/2011. teachingdm.unito.it/porteaperte

Preparazione alle gare di I livello delle Olimpiadi della Fisica 2010/2011. teachingdm.unito.it/porteaperte AIF -Associazione per l Insegnamento della Fisica Corso di Studi in Fisica - Università di Torino Piano Lauree Scientifiche 3 - Fisica Preparazione alle gare di I livello delle Olimpiadi della Fisica 2010/2011

Dettagli

TRASPORTI. Buone abitudini in mostra

TRASPORTI. Buone abitudini in mostra TRASPORTI Buone abitudini in mostra SAI QUANTO INQUINI QUANDO TI SPOSTI? Se percorriamo UN CHILOMETRO quanti kg di CO 2 (anidride carbonica) emettiamo? con un motociclo in auto con il SUV (Sport Utility

Dettagli

Prima regola non cadere

Prima regola non cadere Prima regola non cadere 14 giugno 2012 2 La cintura di sicurezza Tanti anni fa, quando iniziai la scuola di alpinismo il mio istruttore mi disse: La prima regola è non cadere Sembrerebbe che debba valere

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI!

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! LA BICICLETTA non consuma non inquina non fa rumore non ingombra riduce il traffico rispetta l'ambiente è economica è veloce migliora la

Dettagli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli 1 I bus elettrici a Torino LE ESIGENZE DA SODDISFARE Basso impatto ambientale Bassi consumi di combustibile

Dettagli

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono Scuola dell infanzia di Legoli la casa sull albero Ins. Giorgi Michela- Sartini Antonella Parte prima IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono L acqua del mare è salata perché c è il sale Si sente bene che

Dettagli

Stefano Negrini, Michele Romano

Stefano Negrini, Michele Romano H*- Stefano Negrini, Michele Romano - Questo testo è costituito da un insieme di schede di lavoro rivolte ai ragazzi ed agli insegnanti per effettuare un lavoro di gruppo in classe. Il linguaggio scelto

Dettagli

Progetto Allacciali alla Vita

Progetto Allacciali alla Vita Progetto Allacciali alla Vita 7 maggio 2007 Interrogativi frequenti che i genitori si pongono e relative risposte L airbag anteriore è pericoloso per un bambino sistemato in un seggiolino? L airbag anteriore

Dettagli

Nuovi presidi per il trasporto dei pazienti in età pediatrica di Nicola Campani (rescueconsulting.com - Research & Development FERNO Washington)

Nuovi presidi per il trasporto dei pazienti in età pediatrica di Nicola Campani (rescueconsulting.com - Research & Development FERNO Washington) Nuovi presidi per il trasporto dei pazienti in età pediatrica di Nicola Campani (rescueconsulting.com - Research & Development FERNO Washington) Premessa Il trauma consiste in una quota di energia che

Dettagli

5. Protezione del bambino durante il trasporto in automobile

5. Protezione del bambino durante il trasporto in automobile 5. Protezione del bambino durante il trasporto in automobile M. Caterina Sateriale Aldo De Togni Az USL di Ferrara Tratto da: Luca Ronfani IRCCS Burlo Garofolo, Trieste l efficacia diretta di un singolo

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Dati utili Lunghezza del treno: 8,8 m Durata del percorso: 55 s Lunghezza del percorso: 1200 m Massa treno a pieno carico: 7000 kg Altezza della prima

Dettagli

The DINO files: preparazione Chaparral 2E

The DINO files: preparazione Chaparral 2E The DINO files: preparazione Chaparral 2E Mi sono inizialmente assicurato che sull'auto fosse montato l'alettone racing alleggerito. È riconoscibile dalla caratteristica di avere la parte inferiore cava.

Dettagli

Risultati questionario Forze

Risultati questionario Forze Risultati questionario Forze Media: 7.2 ± 3.3 Coeff. Alpha: 0.82 Frequenza risposte corrette Difficoltà domande 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 25% 42% 75% 92% 100% % corrette 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30%

Dettagli

QUANTO DURA UN GANCIO

QUANTO DURA UN GANCIO Quanto dura un gancio? Qual è la sua vita utile? Quante volte abbiamo sentito porci questa domanda! E quante volte abbiamo deluso il nostro interlocutore che si aspettava una risposta precisa con un numero

Dettagli

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE Quattrozampeinfiera 7-8 giugno 2014 Novegro Manuela Michelazzi, DVM Specialista in Etologia Applicata e Benessere Animale 1) CONSIGLI PER IL VIAGGIO Verificare che la

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N 136098

RAPPORTO DI PROVA N 136098 Relazione composta da n 13 rapporti di prova Difetti riscontrati prima della prova: essuno Dimensioni d'ingombro: 530 x 440 x 800 (h) mm 136098 Elenco prove eseguite: 1. Sedie per visitatori. Requisiti

Dettagli

Test DEI SEGGIOLINI AUTO PER BAMBINI. ACI Test Europei Qualità e sicurezza per la mobilità

Test DEI SEGGIOLINI AUTO PER BAMBINI. ACI Test Europei Qualità e sicurezza per la mobilità Test ACI Test Europei Qualità e sicurezza per la mobilità Test TEST DEI SEGGIOLINI AUTO PER BAMBINI Sommario 26 MODELLI TESTATI DALL ACI NEL... PAG.3 TABELLA RIEPILOGATIVA... PAG.5 I MODELLI DI PROVA...

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

ESERCIZI. Cinematica del punto

ESERCIZI. Cinematica del punto ESERCIZI Cinematica del punto L ascensore principale della torre per comunicazioni CN a Toronto sale di 250 m e per la maggior parte della sua corsa ha una velocità di 22 km/h. Assumere che sia la fase

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

ENERGIA PULITA E SICUREZZA

ENERGIA PULITA E SICUREZZA ENERGIA PULITA E SICUREZZA Da anni Shell GAS è presente nel mercato del GPL per autotrazione con risorse dedicate a garantire ai suoi Clienti un prodotto economicamente vantaggioso ed "ecologicamente sostenibile".

Dettagli