L impresa Molisana: dalla crisi allo sviluppo. Il governo della exit strategy nell azione istituzionale della Regione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impresa Molisana: dalla crisi allo sviluppo. Il governo della exit strategy nell azione istituzionale della Regione."

Transcript

1 L impresa Molisana: dalla crisi allo sviluppo. Il governo della exit strategy nell azione istituzionale della Regione. 1

2 2

3 NOTA DELL AUTORE Con affidamento diretto in economia ex art. 125, c. 11, ultimo periodo, del D.Lgs. n. 163/2006 così come modificato dal D.L. 70/2011 convertito in legge n. 106 del 12 luglio 2011, la Regione Molise ha conferito allo scrivente l incarico di realizzare «un attività di valutazione relativa allo stato di salute delle aziende molisane, anche attraverso l individuazione di cluster, all impatto degli strumenti di sostegno al credito a valere sul Fondo Unico Anticrisi, all indicazione di possibili azioni innovative ed integrative di intervento da attuarsi mediante le attività [di seguito] elencate ( ) a titolo non esaustivo». In particolare, l incarico prevede che «lo studio ( ) dovrà essere attuato mediante lo svolgimento delle attività di seguito elencate, a titolo non esaustivo, e consistenti nella predisposizione di un rapporto di analisi contenente: definizione di un modello econometrico ad hoc delle imprese molisane, sulla base dell analisi degli ultimi bilanci depositati; valutazione dello stato di salute delle imprese molisane; comparazione e valutazione di fattibilità di azioni istituzionali innovative per la risoluzione della crisi in atto». Lo scrivente desidera ringraziare, per la sua preziosa collaborazione, il Dr. Riccardo Andriolo. Desidera, inoltre, segnalare il contributo di Davide Sala Peup, laureando in economia e commercio presso l Università commerciale Luigi Bocconi di Milano, che, vivamente interessato all argomento, ha voluto fare dello stesso oggetto della tesi di laurea che discuterà prossimamente. Giuseppe Verrascina VERRASCINA Giuseppe, Dottore commercialista e revisore legale dei conti, titolare dell omonimo studio sito in Milano. In ambito professionale, anche in veste di esperto della CONSOB, ha contribuito alla definizione di alcune fra le principali problematiche in tema di bilancio, di sollecitazione al pubblico risparmio e di revisione legale dei conti. Ha svolto le funzioni di amministratore delegato di Montetitoli e, su nomina del Governatore della Banca d Italia, quelle di Commissario Straordinario di alcune società di intermediazione mobiliare in crisi. È presente negli organi sociali di alcune importanti Società ed Enti. Dal 1985, è giudice tributario. In ambito accademico, ha svolto, dal 1976, attività di docenza, in tema di economia aziendale, bilancio e revisione legale dei conti. ANDRIOLO Riccardo, Dottore commercialista e revisore legale dei conti, collaboratore dello studio G. Verrascina. Si occupa di tematiche attinenti il bilancio, la revisione legale dei conti e la crisi di impresa, anche di enti creditizi e finanziari. È cultore di auditing presso l Università degli studi di Trieste 3

4 4

5 SOMMARIO INDICE DELLE FIGURE... 7 INTRODUZIONE ANALISI DELLO STATO DI SALUTE DELLE IMPRESE MOLISANE: APPROCCIO METODOLOGICO E FONTI L INDICE DI QUOTABILITÀ IL MODELLO DI ANALISI PER L INDIVIDUAZIONE DELL EXIT STRATEGY I LIMITI DELLA RICERCA IL BILANCIO DELL IMPRESA MOLISE GLI ASPETTI QUALITATIVI DELL IMPRESA MOLISE GLI ASPETTI QUANTITATIVI DELL IMPRESA MOLISE Analisi del conto economico Analisi dello stato patrimoniale Analisi incrociata tra il conto economico e lo stato patrimoniale LO STATO DI SALUTE DELL IMPRESA MOLISE : PRIME CONCLUSIONI LA DISAGGREGAZIONE DELL IMPRESA MOLISE SULLA BASE DI ALCUNI PARAMETRI ECONOMICI L ESAME DEI SETTORI CON IL MAGGIORE NUMERO DI IMPRESE IL SETTORE COSTRUZIONI (CODICE ATECO SEZIONE F) Analisi del conto economico Analisi della redditività, della capitalizzazione e dell equilibrio patrimoniale Classificazione economico- reddituale IL SETTORE COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI (CODICE ATECO SEZIONE G) Analisi del conto economico Analisi della redditività, della capitalizzazione e dell equilibrio patrimoniale Classificazione economico- reddituale Conclusioni settore G IL SETTORE ATTIVITÀ MANIFATTURIERE (CODICE ATECO SEZIONE C) Analisi della redditività, della capitalizzazione e dell equilibrio patrimoniale Classificazione economico- reddituale Conclusioni settore C IL SETTORE ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE (CODICE ATECO SEZIONE M) Analisi del conto economico Analisi della redditività, della capitalizzazione e dell equilibrio patrimoniale Classificazione economico- reddituale Conclusioni settore M CONCLUSIONI SULLO STATO DI SALUTE DELLE IMPRESE MOLISANE LA RICERCA DELLE SOLUZIONI ALLA CRISI: AZIONI PER L EXIT STRATEGY LA DISAGGREGAZIONE DELL IMPRESA MOLISE IN CLUSTERS CON CARATTERISTICHE ECONOMICO PATRIMONIALI OMOGENEE LA DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI ANALISI: PATRIMONIALI, FINANZIARI E DELLA REDDITIVITÀ CORRELATA ANALISI INCROCIATA E DETERMINAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE IN CLUSTERS

6 6.3 PRIMA INTERPRETAZIONE DEL SIGNIFICATO DEI CLUSTERS IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA DEFINIZIONE DELLE AZIONI IPOTIZZABILI PER LA RISOLUZIONE DELLA CRISI E LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DISAMINA DEI CLUSTERS Cluster 1: Capitalizzazione Cluster 2: Capitalizzazione finalizzata ad interventi di miglioramento della gestione caratteristica Cluster 3: Capitalizzazione finalizzata al riequilibrio finanziario Cluster 4: Ristrutturazione del debito Cluster 5: Utilizzo della leva finanziaria per interventi di miglioramento della redditività della gestione caratteristica Cluster 6: Dolce estinzione Cluster 7: No- actions o interventi rivolti allo sviluppo di nuove attività CONCLUSIONI: LE AZIONI RICHIESTE E L INDIVIDUAZIONE DEI FABBISOGNI ECONOMICO- FINANZIARI AZIONI E FABBISOGNI GOVERNO DELL EXIT STRATEGY DA PARTE DELLA REGIONE GLOSSARIO

7 Indice delle figure Figura 1: L approccio metodologico seguito Figura 3: Imprese suddivise per forma giuridica Figura 4: Ripartizione geografica delle imprese Molisane Figura 5: Numero imprese per settore (classe ATECO 2007) Figura 6: Il conto economico dell Impresa Molise Figura 7: Distribuzione della popolazione in base al valore della produzione Figura 8: Lo stato patrimoniale dell Impresa Molise Figura 9: I primi 4 settori in termini di numerosità di imprese Figura 10: La suddivisione delle imprese molisane sulla base dei dati economici Figura 11: La suddivisione delle imprese molisane (solo sede legale) sulla base dei dati economici Figura 12: Distribuzione dell universo delle imprese in clusters con caratteristiche analoghe Figura 13: L interpretazione grafica della Figura Figura 14: L ulteriore interpretazione grafica della Figura Figura 15: I tre gruppi di imprese con caratteristiche patrimoniali analoghe Figura 16: I sette clusters con caratteristiche ed esigenze analoghe Figura 16: Le tipologie di intervento Figura 17: Il cluster capitalizzazione (imprese per le quali risultano disponibili i bilanci 2009 e 2008) Figura 18: Il cluster capitalizzazione (imprese per le quali risulta disponibile solo il bilancio 2009) Figura 19: Il cluster capitalizzazione e interventi industriali (imprese per le quali risultano disponibili i bilanci 2009 e 2008) Figura 20: Il cluster capitalizzazione e interventi industriali (imprese per le quali risulta disponibile il solo bilancio 2009) Figura 21: Il cluster capitalizzazione e riequilibrio finanziario (imprese per le quali risultano disponibili i bilanci 2009 e 2008) Figura 22: Il cluster capitalizzazione e riequilibrio finanziario (imprese per le quali risulta disponibile il solo bilancio 2009) Figura 23: Il cluster ristrutturazione del debito Figura 24: Il cluster utilizzo della leva finanziaria per interventi di miglioramento della redditività della gestione caratteristica (imprese con disponibilità di bilancio 2009 e 2008) Figura 25: Il cluster utilizzo della leva finanziaria per interventi di miglioramento della redditività della gestione caratteristica (imprese per le quali risulta disponibile il solo bilancio 2009) Figura 26: Il cluster dolce estinzione Figura 27: Il cluster no actions o sviluppo nuove attività (imprese con disponibilità di bilancio 2009 e 2008) Figura 28: Il cluster no actions o sviluppo nuove attività (imprese per le quali risulta disponibile il solo bilancio 2009)

8

9 Introduzione Il tema in questione prende le mosse da una costatazione scontata : la crisi economica ha colpito, al pari delle altre, anche la Regione Molise. Evidenzia, poi, la volontà istituzionale di mettere a punto le azioni più idonee a fronteggiarla per realizzare le condizioni su cui fondare una decisa virata verso obiettivi di sviluppo economico. Virata che, quale approccio strategico di fondo, la Regione intende governare direttamente nell ambito della più ampia attività di exit strategy dalla crisi. Come noto, il quadro economico sia a livello nazionale che delle singole regioni è fortemente influenzato dall andamento del settore imprenditoriale rappresentato da un diffuso sistema di piccole, molto spesso micro, e medie imprese che, a ragione, rappresenta la spina dorsale dell economia del nostro Paese. Verso questo sistema, la cui salvaguardia deve sempre più costituire obiettivo prioritario della politica economica, a qualsiasi livello esercitata, è rivolta l attenzione della Regione Molise nell intento di mettere a punto la predetta exit strategy. Quest ultima non può prescindere, e infatti non lo fa, dal principio fondamentale alla base della teoria sulle scelte decisionali, che pone in stretta correlazione la conoscenza degli eventi su cui si fonda il processo decisionale e la decisione derivante dalla coniugazione di detti elementi. Ne consegue, andando oltre, una sorta di proporzionalità fra qualità della conoscenza e qualità della decisione, fra completezza dell informativa da conoscere e adeguatezza delle correlate decisioni. In altri termini, potremmo sintetizzare il concetto in questo modo: conoscere quale presupposto per decidere. In ossequio al principio appena richiamato, la Regione Molise ha ritenuto utile fare riferimento ad una fotografia, della quale diremo dopo, dello stato di salute di quella parte del proprio tessuto imprenditoriale costituito dalle imprese con sede (legale o operativa) nel territorio, aventi forma giuridica di società di capitali. Questo raggruppamento di imprese rappresenta un insieme omogeneo e, pertanto, destinatario di potenziali azioni di sostegno contrassegnate anch esse da un forte carattere di omogeneità. La conoscenza dello stato di salute e la sua analisi sono, quindi, alla base della determinazione delle azioni ottimali per traghettare il sistema imprenditoriale dalla crisi verso obiettivi di sviluppo. Diciamo subito che, nel farci carico di effettuare la fotografia in questione, abbiamo ritenuto utile procedere secondo un modello di ricerca che ci ha consentito di individuare, con riferimento alle singole fattispecie considerate, sia azioni specifiche che azioni alternative fra loro con il vantaggio, attraverso queste ultime, di ampliare di fatto le possibilità operative di intervento. Diciamo subito, inoltre, che le azioni in questione non possono essere realizzate se non attraverso la cooperazione di una pluralità di operatori: dal sistema bancario alla finanziaria regionale, ai fondi di private equity, ad operatori del mondo borsistico. Ciò che è importante è che il coordinamento di soggetti ed azioni avvenga ad opera della Regione in attuazione di una precisa exit strategy concordata attraverso uno specifico tavolo tecnico formato dai predetti operatori. * * * 9

10 Premesso quanto appena accennato, le note che seguono prendono avvio con l illustrazione dell approccio metodologico seguito, per poi descrivere lo sviluppo dell analisi svolta e giungere, quindi, alla definizione quali- quantitativa delle azioni che si ritiene debbano essere considerate ed eventualmente promosse dalla Regione Molise, anche per il tramite della finanziaria regionale Finmolise S.p.A., e dal sistema economico- finanziario per il positivo superamento della crisi. 10

11 Parte Prima ANALISI DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE DEL MOLISE 11

12 12

13 1 Analisi dello stato di salute delle imprese molisane: approccio metodologico e fonti La ricerca in questione è basata sull esame dei bilanci 2009 delle società di capitali che, allo stato, risultano essere stati depositati presso il registro delle imprese. Essi rappresentano l ultimo dato disponibile giacché per quello del 2010, al momento della redazione delle presenti note, non risultano ancora scaduti i termini per il deposito. Considerato che, in periodo di crisi, i dati sono soggetti a modificazioni significative anche in brevi lassi di tempo, sarà sicuramente importante aggiornare le considerazioni di seguito svolte alla luce delle risultanze del bilancio in corso di deposito. Ciò detto, con riferimento al 2009, partendo dall esame di ciascuno dei bilanci esaminati, abbiamo provveduto (Figura 1) dapprima ad aggregare gli stessi in un unico bilancio in modo da rappresentare quello macro dell Impresa Molise, ovvero una ipotetica entità che racchiude al suo interno tutti i bilanci delle società con sede (legale o operativa) in Molise. Successivamente, abbiamo provveduto, sulla base delle risultanze delle analisi svolte, a suddividere la popolazione in clusters dapprima basati su caratteristiche economiche omogenee tenendo conto, poi, affinando così i nostri clusters, del loro incrocio con indicatori patrimoniali e finanziari. Ciò è stato propedeutico al passo successivo rappresentato dall individuazione di un range di azioni, per ciascun cluster, rivolte all obiettivo ultimo della risoluzione della crisi d impresa. Contestualmente abbiamo provveduto alla determinazione del fabbisogno finanziario necessario per la realizzazione di ciascuna delle azioni individuate; azioni che dovrebbero rappresentare nel loro insieme la exit strategy di cui si tratta. È opportuno sottolineare che detta quantificazione rappresenta solo una prima stima, una stima di massima del fenomeno considerato e non ha, e non vuole averlo, nessun carattere di definitività. Il suo obiettivo, sicuramente importante in questa fase dell analisi, è solo quello di porre all attenzione una macro misurazione dello sforzo richiesto dal superamento della crisi. Ciò comporta che la correlata attività attuativa non può non passare attraverso ulteriori approfondimenti dei vincoli e dei parametri utilizzati nella determinazione della macro misurazione in questione. 13

14 Figura 1: L approccio metodologico seguito 1.1 L indice di quotabilità Riteniamo opportuno evidenziare che la presente analisi trae origine da una precedente ricerca basata su uno specifico modello che avevamo elaborato con lo scopo di individuare, con riferimento all universo delle società di capitali operanti sull intero territorio nazionale, quelle in possesso delle caratteristiche idonee per essere quotate in borse valori (mercati regolamentati o sistemi di scambi organizzati) per le PMI. In particolare, attraverso tale modello, si era pervenuti ad individuare un campione di imprese che, attraverso uno specifico indice c.d. di quotabilità (in una scala valutativa da 1 a 5), avevamo poi classificato evidenziando la capacità delle stesse di rispondere agli obiettivi del Mercato Alternativo del Capitale (o dell AIM Italia). Segnatamente, le PMI con punteggio più elevato erano quelle connotate da: fatturato tale da escludere le micro imprese e quelle di grandi dimensioni; crescita sia in termini di fatturato che di utile; buona redditività; struttura finanziaria sbilanciata; 14

15 elevato costo del capitale di finanziamento. È agevole notare che le prime tre caratteristiche rappresentano elementi (economici) positivi mentre le ultime due, al contrario, sono indicatori di situazioni (finanziarie) negative. Il modello in questione si fonda sul presupposto che i soggetti che soddisfano tali condizioni potrebbero avere un buon appeal nei confronti di potenziali investitori, in quanto il loro intervento contribuirebbe a migliorarne ulteriormente la redditività, peraltro già elevata, proprio attraverso la raccolta, attraverso il mercato, di mezzi propri da destinare alla riduzione dell indebitamento. Ciò premesso, va evidenziato che l indice di quotabilità applicato alle imprese della regione Molise non ha fornito alcun dato interessante, sia per il ridotto contesto imprenditoriale sia perché applicato ad un esercizio (il 2009) che è stato influenzato significativamente dalla crisi economico- finanziaria mondiale. Pertanto, si è provveduto ad elaborare un nuovo modello di analisi, di più ampio respiro e più aderente alla realtà economica oggetto di indagine. Tale modello è rivolto a definire l exit strategy ovvero ad individuare, con il rigore che l esame congiunto degli indicatori economici, finanziari e patrimoniali utilizzati consente, la tipologia di interventi necessaria per il superamento della crisi in cui si trovano le imprese molisane esaminate. 1.2 Il modello di analisi per l individuazione dell exit strategy Il modello sinteticamente descritto in precedenza si fonda sulla scelta di una serie di parametri che saranno di volta in volta illustrati nel prosieguo delle presenti note. Esso costituisce lo strumento di esame delle società di capitali con sede in Molise, delle quali viene, in particolare, analizzato l ultimo bilancio depositato (2009) e, ove ritenuto necessario, anche quello dell esercizio precedente. Ciò al fine di individuare quelle imprese che, per caratteristiche economiche, finanziarie e patrimoniali omogenee, possono essere raggruppate in specifici cluster. Va segnalato che, dopo aver indagato la situazione macro dell Impresa Molise, rappresentata come già detto dal bilancio aggregato di tutte le imprese considerate nella nostra analisi, abbiamo ritenuto utile esaminare i singoli settori di attività, per rilevare la presenza di eventuali situazioni particolari che possano influenzare la determinazione delle azioni per l exit strategy. Abbiamo successivamente provveduto ad individuare per ciascun cluster una o più categorie di interventi che, in linea con la teoria economico- aziendale, rappresentano a nostro avviso, gli strumenti più idonei per la risoluzione della crisi. Ci riferiamo alle seguenti azioni che potrebbero essere poste in essere, a seconda dei casi, singolarmente o in modo combinato tra loro: Riequilibrio finanziario, attuabile tramite una delle sottoazioni seguenti, o la loro combinazione: o ristrutturazione del debito, ovvero la trasformazione di finanziamenti a breve termine in medio/lungo termine al fine, da una parte, di allineare la composizione delle fonti di finanziamento con la struttura degli impieghi (riequilibrando quindi lo stato patrimoniale) e, dall altra, di ridurre gli oneri finanziari che, come noto, hanno una maggiore incidenza se riferiti a debiti a breve termine; 15

16 o aumento della leva, ovvero l incremento del ricorso al capitale di terzi, praticabile in presenza di elevati livelli di capitalizzazione, al fine di finanziare eventuali ristrutturazioni aziendali oppure di consentire all impresa di dotarsi delle risorse necessarie per lo sviluppo; capitalizzazione ovvero l incremento del capitale proprio, quando insufficiente, attraverso apporti dell attuale imprenditore o l ingresso di nuovi investitori (fondi di private equity, investitori istituzionali, mercati borsistici, etc.) nessuna azione richiesta oppure azioni richieste per lo sviluppo di nuove attività, ovvero la condizione che accomuna i soggetti che non si trovano in situazione di crisi e/o che hanno esigenze di sviluppo che non possono essere immediatamente individuate dall esame del bilancio; interventi di miglioramento della gestione caratteristica, ovvero quelli rivolti a migliorare la redditività della gestione corrente attraverso l incremento dei componenti positivi di reddito o la riduzione di quelli negativi; dolce estinzione, ovvero il graduale accompagnamento fuori dal sistema economico delle imprese che, non potendo essere risanate, sono destinate alla cessazione dell attività, cercando di limitare al minimo i costi sociali che tale ineluttabile scelta comporta. È importante, per questo comparto di imprese, l approfondimento della specifica situazione in cui versa la singola entità per rilevare l eventuale presenza di valori che potrebbero continuare a dare il loro contributo in condizioni differenti; si pensi, a titolo esemplificativo, ad eventuali spin- off di attività, operazioni di fusione, etc. 1.3 I limiti della ricerca È opportuno evidenziare che la ricerca in questione nonché i risultati a cui l applicazione del modello di definizione dell exit strategy conducono hanno i seguenti limiti: il modello si basa sulle informazioni desunte da una banca dati (AIDA) sulla quale non è stato possibile effettuare alcuna verifica in merito a correttezza, completezza e attendibilità dei dati. In altri termini, eventuali errori contenuti nella banca dati, ancorché improbabili in quanto basata su dati ufficiali (i bilanci depositati dalle imprese), potrebbero modificare le risultanze della ricerca; i dati dei bilanci esaminati sono stati considerati veritieri e corretti non avendo potuto effettuare alcun riscontro degli stessi. Pertanto, la eventuale correzione di dati errati potrebbe modificare le risultanze della ricerca; la ricerca si basa su assumptions, stime ed approssimazioni, di volta in volta evidenziate, per sopperire ad eventuali lacune di informazioni da noi riscontrate come ad esempio nel caso della carenza informativa che l utilizzo di bilanci redatti in forma abbreviata comporta. Consegue che tali assunzioni, stime ed approssimazioni potrebbero risultare inesatte ai fini delle risultanze della ricerca de quo; l appartenenza di ciascuna impresa ad un cluster è basata sull analisi di bilancio come descritta nelle pagine successive. Non vi è certezza che un esame più approfondito, basato quindi su un più ampio spettro di informazioni (ivi comprese quelle economico- finanziarie più aggiornate), porti a confermare il tipo di intervento inizialmente individuato. 16

17 2 Il bilancio dell Impresa Molise Al fine di tratteggiare lo stato di salute delle imprese molisane, quale pilastro portante dell economia della Regione Molise, abbiamo ritenuto opportuno focalizzare l attenzione sulle caratteristiche strutturali delle società di capitali con sede, legale o operativa, nell area considerata. Caratteristiche strutturali che, da una parte, riguardano gli aspetti qualitativi (ad esempio, la condizione di impresa attiva, della significatività rispetto a determinati obiettivi di analisi, le aree geografiche ed i settori in cui le imprese operano maggiormente, etc.) e, dall altra, quelli quantitativi ovvero i dati economici, patrimoniali e finanziari delle imprese in questione. L aggregazione di questi ultimi ci consente di avere una visione di insieme, quindi macro, di quella che potremmo definire l Impresa Molise. Questa rappresenta, idealmente, un impresa che ricomprende in un unica entità tutte le società di capitali molisane incluse nella nostra analisi; i dati quantitativi, perciò, derivano dall aggregazione dei loro bilanci al 31 dicembre L esame del bilancio dell Impresa Molise rappresenta, quindi, una sorta di punto fermo su cui innestare l esame più dettagliato delle variabili poste alla base della ricerca per l individuazione, quale risultato finale, delle misure da adottare per la risoluzione della crisi. Pertanto, di seguito verranno dapprima presentati, in estrema sintesi, gli aspetti qualitativi del comparto imprenditoriale molisano per poi rivolgere l attenzione su quelli quantitativi. 2.1 Gli aspetti qualitativi dell Impresa Molise L universo delle imprese iscritte presso il registro delle imprese con sede legale in Molise è pari, con riferimento all anno 2010, a complessive unità 1. Di queste solo (il 14%) sono società di capitali (Figura 2). Figura 2: Imprese registrate per forma giuridica Anno 2010 FORMA GIURIDICA Campobasso Isernia Molise Registrate % Registrate % Registrate % Società di capitale % % % Società di persone % % % Ditte Individuali % % % Altre Forme 868 3% 278 3% % TOTALE % % % Fonte: Elaborazione Unioncamere Molise, Movimprese 2010 Considerando che il tasso di crescita delle società di capitali nel 2010 è stato pari al 5,12% 2, possiamo desumere che quelle in essere al 31 dicembre 2009 erano Di queste sono state prese in considerazione ai fini della nostra ricerca, esclusivamente quelle che: risultano, allo stato, aver depositato il bilancio redatto al 31 dicembre 2009; 1 Fonte: Lo scenario economico regionale Rapporto 2011, UnionCamere Molise, p Fonte: Elaborazione Unioncamere Molise su dati Movimprese

18 risultavano, a tale data, ditta attive o ditte sospese, in quanto le restanti 3 assumono scarsa rilevanza ai fini degli obiettivi della ricerca; avevano un indirizzo (sede legale o unità locale) nella regione Molise. Le imprese che soddisfano i requisiti appena accennati sono complessivamente pari a di cui con sede legale in regione e 77 aventi una unità locale (o altro indirizzo) in Molise. Riteniamo opportuno evidenziare subito che la maggior parte (Figura 3, area cerchiata in rosso) delle società ricomprese nella nostra analisi risulta essere costituita sotto forma di s.r.l. e che, più in generale, solo un numero contenuto di imprese risulta obbligato alla nomina del soggetto incaricato della revisione legale dei conti 5. Questo aspetto, da una parte, conferma, anche con riferimento al Molise, il nanismo del sistema imprenditoriale italiano, caratterizzato dalla presenza di imprese di dimensioni ridotte, e, dall altra, come si avrà modo di evidenziare in seguito (cfr. infra I limiti della ricerca ), rappresenta uno dei limiti della presente analisi: i bilanci esaminati sono stati considerati veritieri e corretti, ma, per la maggior parte di essi non viene svolto alcun controllo obbligatorio di legge. Infatti, solo 187 imprese (fra S.p.a. e S.r.l.) risultano essere soggette alla revisione legale dei conti (area evidenziata in azzurro) 6. Figura 3: Imprese suddivise per forma giuridica Forma giuridica Nr. imprese con sede Nr. imprese con sede % sul Totale legale in Molise legale "fuori regione" totale S.P.A ,4% S.P.A. a socio unico ,4% S.R.L. (con capitale sociale 120k) ,0% S.R.L. a socio unico (con capitale sociale 120k) ,5% S.R.L. (con capitale sociale < 120k) ,3% S.R.L. a socio unico (con capitale sociale < 120k) ,7% Altre ,7% Non precisata ,1% TOTALE ,0% Al fine di apprezzare la distribuzione geografica all interno della Regione Molise, si è proceduto a raggruppare le imprese in modo conforme alla progettazione territoriale 2007/13 (Figura 4). 3 Sono state pertanto escluse dall analisi: le società in fallimento, in liquidazione volontaria, cessate, cessate per trasferimento e quelle risultanti inattive. 4 Fonte: banca dati AIDA di Bureau van Dijk Electronic Publishing (di seguito anche solo AIDA ) 5 In proposito, giova ricordare che la nomina del soggetto incaricato della revisione legale dei conti (che, al ricorrere delle condizioni previste dal terzo comma dell art bis del codice civile, può coincidere con il Collegio sindacale) risulta obbligatoria per: tutte le società per azioni, ai sensi dell art bis del codice civile; le società a responsabilità limitata che, ai sensi dell art del codice civile, hanno un capitale sociale non inferiore a quello minimo stabilito per le società per azioni (allo stato pari a 120 mila) oppure se, per due esercizi consecutivi, hanno superato due dei tre limiti indicati dal primo comma dell art bis del codice civile. Quest ultima norma, che disciplina la facoltà di redazione del bilancio in forma abbreviata, prevede, in particolare, i seguenti limiti: totale dell attivo dello stato patrimoniale: 4,4 milioni; ricavi delle vendite e delle prestazioni: 8,8 milioni; dipendenti occupati in media durante l esercizio: 50 unità. 6 Segnatamente, ci si riferisce alle 82 S.p.A., alle 105 s.r.l. con capitale sociale non inferiore a 120 mila. 18

19 Figura 4: Ripartizione geografica delle imprese Molisane Area geografica N. Imprese % sul totale Aree eleggibili a PAI (progetto aree interne) % Aree eleggibili a PIT (progetto integrato di sviluppo territoriale) % Basso Molise % Campobasso % Isernia % Venafro 231 8% Totale Molise % Fuori regione 77 3% Totale complessivo % Dai dati appena riportati, emerge che le aree con la maggiore concentrazione di imprese risultano essere quelle di Campobasso, che, essendo il capoluogo di regione, è catalizzatore di attività economiche e del Basso Molise, zona situata in prossimità della zona costiera 7. Al fine di valutare la concentrazione del rischio correlata all esercizio prevalente di una specifica tipologia di attività, si è proceduto a raggruppare le imprese secondo le 21 sezioni previste dalla classificazione ATECO 2007 (Figura 5). I risultati evidenziano una elevata concentrazione di imprese in 4 settori (in ordine decrescente: Costruzioni, Commercio all ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli, Attività manifatturiere e Attività professionali, scientifiche e tecniche) nei quali, infatti, operano oltre il 50% del totale delle imprese. Peraltro, non è ravvisabile un settore che possa essere considerato trainante, in termini di numerosità di imprese, per l intera Regione 8 con la conseguenza che gli interventi finalizzati alla risoluzione della crisi dovranno essere ipotizzati indifferentemente per la totalità delle imprese senza privilegiare, in linea di principio, alcun settore specifico di attività. 7 In appendice, viene riportato il dettaglio della distribuzione delle imprese suddivise per forma giuridica. 8 In appendice, nella Errore. L'origine riferimento non è stata trovata., viene riportato il dettaglio della distribuzione delle imprese suddivise per forma giuridica. 19

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli