Dipartimento di Salute Mentale. Interventi di sostegno all inserimento lavorativo e sussidi economici.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Salute Mentale. Interventi di sostegno all inserimento lavorativo e sussidi economici."

Transcript

1 Dipartimento di Salute Mentale Interventi di sostegno all inserimento lavorativo e sussidi economici. Maggio 2004

2 Interventi di sostegno all inserimento lavorativo e sussidi economici nel quadro dei progetti riabilitativi a favore degli utenti del DSM. In adesione agli indirizzi sulle politiche per la salute mentale, il presente documento definisce gli ambiti ed i metodi inerenti i settori della formazione-lavoro, degli inserimenti lavorativi e degli interventi economici di supporto erogati a favore degli utenti del DSM di Parma all interno delle progettualità riabilitative. I cambiamenti normativi registrati negli ultimi anni stanno orientando i percorsi di integrazione socio-lavorativa per utenti con disagio psichico verso metodi più efficaci e definiti. Del quadro legislativo di riferimento ricordiamo: La legge 381/91, che ha attribuito alla cooperazione sociale la finalità di inserire al lavoro quote significative di popolazione svantaggiata; La legge 68/99 (relativa al collocamento mirato), che ha allargato a tutte le imprese l'obbligo di inserimento lavorativo dei disabili; Il FSE (Fondo Sociale Europeo), che ha sempre più privilegiato la formazione professionale dei soggetti a bassa contrattualità allo scopo di conciliare obiettivi di politica sociale nella lotta all'esclusione con obiettivi di politica del lavoro nello sviluppo locale; La legge 328/2000, che propone il sistema integrato di interventi ai servizi sociali rivolti al recupero ed all'integrazione sociale nonché al superamento delle forme di esclusione sociale delle persone disabili; Il progetto EQUAL, in sperimentazione a Parma, che propone interventi in rete per il sostegno di progetti riabilitativi individualizzati. Il DSM ha attivato, a partire dal 2001, un gruppo di lavoro, costituito dai referenti dei diversi CSM, per il confronto, la progettazione e la valutazione delle strategie inerenti gli interventi riabilitativi di alta complessità riguardanti in particolare: Gestione Borse lavoro Gestione sussidi Attività riabilitative orientate espressamente al recupero delle capacità lavorative Progetti formativi Con la costituzione della U.O. per la Riabilitazione, il gruppo di lavoro confluisce in tale struttura dipartimentale, assumendo l'assetto di Ufficio Formazione lavoro (U.F.L.). Le funzioni

3 dell'ufficio si caratterizzano nel promuovere, coordinare, verificare sotto il profilo tecnicofunzionale, in una logica di rete, interventi con: Uffici per l'impiego Enti formativi Organizzazioni di categoria (del lavoro, del volontariato, del sindacato) Cooperative sociali e di solidarietà sociale Associazionismo Comuni e Servizi Sociali annessi Tavolo provinciale interassessorile L obiettivo strategico dell U.F.L. è quello di allargare l'offerta di opportunità per l integrazione sociale e lavorativa a favore degli utenti dei servizi psichiatrici, spesso contraddistinti da un basso livello di contrattualità sociale. Borse lavoro e inserimenti lavorativi protetti La Borsa lavoro e l'inserimento lavorativo protetto sono storicamente strumenti in uso ai servizi della riabilitazione psicosociale per persone con problemi psichici. Tali strumenti si propongono di riavvicinare i soggetti al mondo del lavoro. Le loro finalità principali, oltre alla funzione formativa attraverso il lavoro, sono quelle di sostegno economico, di socializzazione, di integrazione e di funzione educativa e terapeuticoriabilitativa orientata all'acquisizione di competenze produttive fino all'inserimento lavorativo vero e proprio. Oltre alla funzione sopracitata i percorsi di reinserimento lavorativo rappresentano un significativo passaggio di emancipazione rispetto allo stigma ed alla condizione di ammalato mentale e consentono di realizzare non soltanto reddito economico ma anche scambi sociali altrettanto necessari all'equilibrio personale. Cominciare a svolgere un'attività lavorativa retribuita, anche se di impegno e remunerazione relativamente bassa, rappresenta comunque un gradino nel processo di trasformazione del proprio status e del proprio progetto di vita. Sono state individuate tre tipologie di Borsa lavoro: A - Borsa lavoro socializzante B - Borsa lavoro osservativa C - Borsa lavoro formativa

4 A. Borsa lavoro socializzante La borsa lavoro socializzante, attraverso l'inserimento in un contesto lavorativo e sociale, ha lo scopo di superare l'isolamento relazionale dell'utente, di moltiplicare le possibilità relazionali e di offrire punti di riferimento alternativi alla famiglia ed ai luoghi di cura. Obiettivi: recupero e/o mantenimento delle competenze sociali e relazionali crescita personale e dell'autostima valorizzazione delle abilità residue potenziamento delle autonomie di base B. Borsa lavoro osservativa La borsa lavoro osservativa ha lo scopo di analizzare quali abilità (aspecifiche, competenze professionali e non) l'utente coinvolto è in grado di mostrare o di attivare, in funzione di un inserimento lavorativo. Si rivolge a persone alla loro prima esperienza lavorativa, oppure a coloro per i quali non siano ancora state acquisite sufficienti conoscenze, relativamente alle aspettative ed alle capacità, e con un quadro clinico complesso. Ha la durata di tre mesi ed è rinnovabile. Obiettivi: Osservazione in situazione Acquisizione di elementi di valutazione ed autovalutazione Formazione C. Borsa lavoro formativa La borsa lavoro formativa, attraverso l'inserimento in un contesto lavorativo protetto, ha lo scopo di formare al lavoro. Obiettivi: recupero e/o potenziamento delle abilità lavorative acquisizione di competenze professionali specifiche sviluppo delle competenze relazionali necessarie alla buona convivenza nell'ambiente lavorativo acquisizione delle capacità necessarie per accedere autonomamente ad un lavoro

5 crescita personale e professionale Norme di utilizzo La Borsa Lavoro è disciplinata dal D.P.C.M. dell' e dalla Deliberazione della Giunta Regionale N. 131 del , integrata con Delibera N. 948 del La Borsa lavoro è inserita nel capitolo di spesa distrettuale con dicitura specifica (suo budget) Sussidi Borse lavoro. La Borsa lavoro è uno strumento riabilitativo che il Dipartimento di Salute Mentale può utilizzare a favore degli utenti dei propri Servizi. La Borsa lavoro si integra nel progetto riabilitativo individualizzato di ogni utente, qualora se ne determini l'opportunità terapeutica. La Borsa lavoro prevede l'inserimento dell'utente in ambiente lavorativo, sia esso Azienda pubblica, privata o Cooperativa. La Borsa lavoro è tutelata da una adeguata posizione assicurativa con l'inail per la copertura infortunistica e la responsabilità civile verso terzi; polizza stipulata dall'azienda USL o dal Comune. L'accordo tra datore di lavoro ed Ente preposto (Ausl e Comune) è sancito da atto amministrativo definito Convenzione, con durata annuale rinnovabile e con possibilità di interruzione in qualsiasi momento del percorso, compilato dall'ufficio preposto e debitamente firmato dai referenti amministrativi delle parti. La Borsa lavoro prevede che l'utente sottoscriva un contratto di accettazione della stessa, nel quale vengono esplicitati modi e tempi di inserimento e durata complessiva del percorso. La Borsa lavoro prevede un riconoscimento economico a chi ne usufruisce (pari a Euro 3.10 l'ora), esente da tasse e con quantificazione differenziata secondo la tipologia della stessa. La Borsa lavoro prevede che la Ditta con cui è stipulata la Convenzione sia esente da oneri di carattere economico, fatte salve eventuali erogazioni di carattere liberale, che la stessa può elargire a titolo di integrazione. Alla Ditta con cui viene stipulata la Convenzione si richiede la disponibilità ad individuare un tutor interno, che possa affiancare l'inserimento con modalità da concordare e verificare in itinere con il referente dell'u.f.l. L'inserimento in Borsa lavoro viene monitorato dall'operatore di riferimento dell'u.f.l., al fine di verificare l'andamento e l'idoneità del percorso. L'operatore ha il compito di mantenere i contatti con gli operatori di riferimento dell Unità Operativa territoriale presso la quale l utente stesso è in carico, con i quali concorda le azioni di monitoraggio, di accompagnamento ed i relativi momenti di verifica, al fine di facilitare le relazioni tra

6 l'utente e l'ambiente di lavoro, e, se necessario, con i familiari. L'inizio, il termine e le variazioni del percorso devono essere concordate con l'utente e la Ditta e supportate da documenti informativi inviati ai soggetti interessati. L'orario di lavoro, concordato con l'utente e la Ditta, deve essere compatibile con le capacità di tolleranza dell'utente. Borsa lavoro socializzante:10 ore settimanali Borsa lavoro osservativa:15 ore settimanali Borsa lavoro formativa: 20 ore settimanali Sono previsti 30 giorni lavorativi all'anno di ferie, da concordare con il datore di lavoro e l'operatore referente dell'u.f.l. Le assenze per malattia sono contemplate in 40 giorni annuali, con presentazione della certificazione medica. Le assenze superiori saranno debitamente valutate dall'u.f.l., sentita l'équipe di riferimento dell'unità Operativa. Nel caso non sussistano i presupposti di compatibilità avverrà la sospensione della Borsa lavoro. L'interruzione della Borsa lavoro può essere determinata da: assunzione; incompatibilità; decisione dell'utente di non proseguire il percorso; valutazione da parte dell'u.f.l. della inadeguatezza del percorso; decisione della Ditta di non proseguire la collaborazione. La Borsa lavoro viene liquidata mensilmente sotto forma di sussidio paga, previa presentazione entro il 5 del mese successivo del foglio firma attestante il regolare svolgimento dell'attività lavorativa, firmato dall'azienda. Procedure che regolamentano l'intervento Invio e analisi del bisogno: L'Équipe dell'u.o. territoriale valuta la domanda/bisogno, propone al referente dell'u.f.l. del proprio territorio l'ipotesi di percorso formativo/lavorativo integrato nel progetto riabilitativo individualizzato e compila la scheda di invio. Il referente per l'u.f.l. del territorio di competenza accoglie la domanda ed analizza il bisogno attraverso la scheda di invio, i colloqui con l'utente ed i colloqui con i referenti del caso. Il referente per l'u.f.l. del territorio definisce quale percorso formativo /lavorativo risulta idoneo tra quelli al momento disponibili: Borsa lavoro formativa; Borsa lavoro osservativa; Borsa lavoro socializzante; Corso di orientamento al lavoro;

7 Corso di formazione al lavoro; Tirocinio formativo; Accesso diretto al Collocamento mirato; Accesso diretto al Centro per l'impiego. Il referente per l U.F.L. verifica la fattibilità del percorso attraverso l'analisi della disponibilità economica e della risorsa occupazionale/formativa. Progetto: Il referente per l'u.f.l. del territorio ricerca l'ambiente lavorativo rispondente ai bisogni emersi, attraverso canali di ricerca propri o in aggancio con le Istituzioni preposte; svolge l'analisi ambientale in Ditta, contrattando mansione e nicchia lavorativa; prepara la documentazione necessaria; concorda con l'équipe dell'u.o. territoriale le azioni di accompagnamento e monitoraggio. Verifica: a cadenza temporale definita, il referente per l'u.f.l. del territorio organizza incontri di verifica con i referenti del caso dell'u.o. Territoriale, al fine di analizzare l'andamento del percorso in funzione dell'obiettivo iniziale, considerare eventuali modifiche e variazioni, riprogettare nuove opportunità formativo/lavorative. L'Ufficio Formazione Lavoro territoriale mantiene i rapporti con: Servizi Pubblici che si occupano di inserimento al lavoro per disabili e fasce deboli. Enti di formazione per la progettazione e l'attuazione dei percorsi di orientamento e formazione al lavoro. Altri Servizi socio-sanitari per la condivisione in rete dei progetti individualizzati. Sussidi/contributi economici Definizione: Il contributo economico è uno strumento del Servizio Sociale volto a rimuovere quelle condizioni di bisogno dovute a: inadeguatezza del reddito;

8 difficoltà sociali; condizioni di non autonomia. L'erogazione di un contributo economico spesso sottende una condizione di svantaggio personale primariamente legato al disagio psichico e sociale. Il sussidio economico erogato dal Servizio di Salute Mentale è un temporaneo contributo in denaro che viene assegnato alla persona richiedente in carico al Servizio. E' uno strumento con molteplici finalità che incide direttamente nella vita sociale del soggetto destinatario e, per questo, necessita di un progetto complessivo volto a migliorare l'equilibrio psichico della persona e la sua qualità di vita. L'assistenza economica può essere uno dei modi per fronteggiare situazioni di non autonomia temporanea, oltre a costituire un elemento di avvicinamento al servizio; a volte è il primo terreno di richiesta di un aiuto non altrimenti formulabile. Presso il Dipartimento di Salute Mentale i contributi economici sono strumenti finalizzati a: rimuovere una condizione di bisogno, inteso non solo in senso economico; favorire il recupero di una contrattualità nell'ambito familiare e comunitario da parte dei soggetti deboli ; favorire la socializzazione. La rimozione dell'esclusione sociale, il raggiungimento di una condizione di autonomia e la permanenza delle persone con disabilità grave o totale non autosufficienza a domicilio sono obiettivi prioritari dei Servizi, che nella propria mission non hanno soltanto finalità riparatorie, ma anche e soprattutto compiti di promozione del benessere e della salute psico-fisica dei cittadini. Obiettivi: L'obiettivo precipuo è ristabilire l'equilibrio fra i bisogni primari della persona e le sue reali capacità di farvi fronte, con un sostegno economico temporaneo volto alla costruzione di percorsi di autonomizzazione finalizzati ad incrementare le capacità di autoproduzione e di mantenimento di un reddito necessario e sufficiente. Attraverso il contributo economico si cerca di favorire quelle azioni abilitative volte ad emancipare il soggetto dallo stato di dipendenza e di necessità economica. A tal proposito si propongono percorsi socio educativi finalizzati a: recuperare l'autostima curare l'immagine sociale

9 favorire le relazioni sociali educare all'uso del denaro supportare temporaneamente in attesa di risorse economiche emancipative. Qualsiasi intervento di natura economica va collocato nell'ambito di un preciso ed organico progetto di intervento che preveda obiettivi, tempi e modalità di realizzazione, onde evitare il rischio di cronicizzare situazioni di bisogno e di dipendenza dai Servizi, oltreché il protrarsi sine die di erogazioni di denaro. Procedura di utilizzo: L'erogazione di sussidio/contributo economico da parte del DSM si attiva a seguito di: 1. Richiesta da parte di un utente, un familiare o un operatore che individua e segnala la problematica; 2. proposta di intervento economico da parte dell'assistente Sociale o dell'educatore incaricato dell'équipe territoriale, autorizzata dal Responsabile dell'unità Operativa. La proposta deve essere formulata sotto forma di scheda-relazione socio-economica, in cui va indicato: Chi ha espresso/rilevato il bisogno; Composizione e redditi del nucleo familiare; Carico economico del nucleo; Modalità di erogazione del contributo economico; Eventuali parenti tenuti agli alimenti; Progetto terapeutico/riabilitativo individualizzato (modalità, tempi di attuazione e verifica); Eventuali interventi predisposti per il superamento delle condizioni che determinano la necessità di aiuto economico; Segnalazione della eventuale non percorribilità di interventi alternativi; Finalità della richiesta; Tempi previsti di risoluzione della condizione di necessità economica della persona richiedente. Vanno rivolte ai Comuni: le richieste di carattere prevalentemente economico, che si connotano come integrazione del reddito del soggetto e del suo nucleo familiare (inadeguatezza del reddito in seguito a perdita dell'attività lavorativa, eventi critici in ambito familiare, etc.);

10 le richieste di integrazione al minimo (il cosiddetto minimo garantito ) per i soggetti anziani o assimilabili (disabili con riconoscimento di invalidità civile) nei confronti dei quali il Comune provvede ad integrare il reddito fino alla soglia prevista dai regolamenti; interventi che rivestono carattere di straordinarietà. Gestione della spesa per le Borse lavoro/inserimenti lavorativi protetti e i sussidi economici. La pianificazione annuale delle risorse destinate alle Borse lavoro ed ai sussidi economici avviene all interno del budget concertato annualmente dal DSM con la Direzione Generale. E previsto un monitoraggio centralizzato dell andamento di spesa per il capitolo Borse lavoro e Sussidi, sulla base dei dati raccolti presso ogni U.O. I fondi assegnati tendenzialmente si riferiscono alla spesa storica, suddivisa per le diverse U.O. territoriali. Si riconosce l autonomia di proposta, utilizzo e gestione delle risorse presso le diverse articolazioni territoriali.

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO 1 INDICE Art.1 Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 Strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE

REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE DI STUDIO A VALENZA TERAPEUTICO RIABILITATIVA DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE REGOLAMENTO DELLE BORSE DI FORMAZIONE-LAVORO E DELLE BORSE

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale ALLEGATO TECNICO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ED EDUCATIVA PER IL PERIODO 01.04.2011 31.12.2012. CIG N. 07771837B1. indetta con determinazione N 53 del 17.01.2011

Dettagli

Regolamento disciplinante il servizio di assistenza domiciliare erogato dalla Comunita' montana Grand combin

Regolamento disciplinante il servizio di assistenza domiciliare erogato dalla Comunita' montana Grand combin Novembre 2014 Regolamento disciplinante il servizio di assistenza domiciliare erogato dalla Comunita' montana Grand combin Approvato con provvedimento del Consiglio dei Sindaci n. 57 del 24 novembre 2014.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 18/12/2015 1 INDICE Art. 1 Finalità del servizio Pag. 3 Art. 2 Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITA, DISTURBO MENTALE E PER SOGGETTI SVANTAGGIATI (L.

REGOLAMENTO SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITA, DISTURBO MENTALE E PER SOGGETTI SVANTAGGIATI (L. COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA REGOLAMENTO SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITA, DISTURBO MENTALE E PER SOGGETTI SVANTAGGIATI (L.381/91) Il seguente Regolamento Comunale assimila

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Comune di Padova Settore Servizi Sociali. Codice Fiscale 00644060287 Via del Carmine, n. 13 35137 Padova fax 049/8205950

Comune di Padova Settore Servizi Sociali. Codice Fiscale 00644060287 Via del Carmine, n. 13 35137 Padova fax 049/8205950 Comune di Padova Settore Servizi Sociali Codice Fiscale 00644060287 Via del Carmine, n. 13 35137 Padova fax 049/8205950 CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI LABORATORIO OCCUPAZIONALE PROTETTO

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

I.S.A. Interventi Socio-Assistenziali Convenzione fra i Comuni di Ghemme, Sizzano, Boca, Maggiora.

I.S.A. Interventi Socio-Assistenziali Convenzione fra i Comuni di Ghemme, Sizzano, Boca, Maggiora. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE IL PRESIDENTE Alfredo CORAZZA IL DIRETTORE Dott. Michele GUGLIOTTA INDICE Art.1 - Premessa Art.2 - Oggetto e finalità Art.3 - Destinatari

Dettagli

Regolamento degli Interventi Personalizzati Integrati di Assistenza Domiciliare per Cittadini Residenti nel Comune di Potenza

Regolamento degli Interventi Personalizzati Integrati di Assistenza Domiciliare per Cittadini Residenti nel Comune di Potenza Regolamento degli Interventi Personalizzati Integrati di Assistenza Domiciliare per Cittadini Residenti nel Comune di Potenza Premessa Il presente Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare si

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) COMUNE DI SESTO CALENDE (Provincia di Varese) Area dei Servizi Educativi e Socio-Culturali SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) CARTA DEI SERVIZI Approvata con

Dettagli

PROGETTO PALOMAR Progetto FSE 2002-2003 Obiettivo 3 - Dispositivo Multimisura Azioni di Sistema

PROGETTO PALOMAR Progetto FSE 2002-2003 Obiettivo 3 - Dispositivo Multimisura Azioni di Sistema PROGETTO PALOMAR Progetto FSE 2002-2003 Obiettivo 3 - Dispositivo Multimisura Azioni di Sistema Lavoratori con disabilità Manuale Buone Prassi per il mantenimento del posto di lavoro Esiti del questionario

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 25 del 29/09/2004 Parte Prima - INTRODUZIONE ART. 1- DEFINIZIONE Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Allegato alla delibera di C.C. n. 127 del 13/12/2001 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art.1 Principi generali e finalità Il Servizio di Assistenza domiciliare ha come finalità

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano Area Servizi alla Persona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Commissario Straordianrio con i poteri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

Deli bera zio ne del Direttore Generale n.

Deli bera zio ne del Direttore Generale n. A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Viale Giolitti 2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067 Deli bera zio ne del Direttore Generale n. d el OGGETTO:

Dettagli

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI CITTÀ DI RAGUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con deliberazione consiliare n. 4 del 15 febbraio 2007) CAPO 1 PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità I presenti criteri disciplinano l accesso, la gestione e l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale. Livorno 31 maggio 2011

LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale. Livorno 31 maggio 2011 LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale Livorno 31 maggio 2011 1993 PRIMO GRUPPO DI AUTO AIUTO CLINICA PSICHIATRICA OSPEDALE PISA 1999 IL GRUPPO SI SPOSTA SUL TERRITORIO

Dettagli

Associazione Onlus ASSOCIAZIONE AGATOS ONLUS CARTA DEI SERVIZI

Associazione Onlus ASSOCIAZIONE AGATOS ONLUS CARTA DEI SERVIZI Associazione Onlus ASSOCIAZIONE AGATOS ONLUS CARTA DEI SERVIZI 1 CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento importante per la nostra organizzazione, ci consente di far conoscere

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI INTEGRATI DI CONTRASTO ALL ESCLUSIONE SOCIALE ATTRAVERSO L ATTIVAZIONE DI BORSE LAVORO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI INTEGRATI DI CONTRASTO ALL ESCLUSIONE SOCIALE ATTRAVERSO L ATTIVAZIONE DI BORSE LAVORO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI INTEGRATI DI CONTRASTO ALL ESCLUSIONE SOCIALE ATTRAVERSO L ATTIVAZIONE DI BORSE LAVORO ART. 1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO FINALITA La Legge quadro di riforma

Dettagli

CONVENZIONE PER PROGETTI DI

CONVENZIONE PER PROGETTI DI CONVENZIONE PER PROGETTI DI Osservazione e Orientamento, Formazione in Situazione, Integrazione Sociale in ambiente lavorativo (Convenzione n del ) Tra L Azienda ULSS 18 Codice Fiscale 01013470297, rappresentata

Dettagli

COMUNE DI MEOLO (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO/ACCOMPAGNAMENTO

COMUNE DI MEOLO (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO/ACCOMPAGNAMENTO COMUNE DI MEOLO (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO/ACCOMPAGNAMENTO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 28 del 19.04.2007 ART. 1 - VALORE DELLA DOMICILIARITÀ

Dettagli

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO Comune di Valtopina (provincia di Perugia) REGOLAMENTO AMBITO TERRITORIALE N.8 ASL N.3 DISTRETTO N.3 Disciplinante il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) e di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.)

Dettagli

AREA PORTATORI HANDICAP

AREA PORTATORI HANDICAP AREA PORTATORI HANDICAP PREMESSA La Legge 104/92 all art. 3 comma 2 recita: E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

COMUNITA MONTANA N 12 Comuni di ARITZO AUSTIS ATZARA - BELVI DESULO - GADONI MEANA SARDO ORTUERI OVODDA SORGONO TETI TIANA - TONARA

COMUNITA MONTANA N 12 Comuni di ARITZO AUSTIS ATZARA - BELVI DESULO - GADONI MEANA SARDO ORTUERI OVODDA SORGONO TETI TIANA - TONARA COMUNITA MONTANA N 12 Comuni di ARITZO AUSTIS ATZARA - BELVI DESULO - GADONI MEANA SARDO ORTUERI OVODDA SORGONO TETI TIANA - TONARA AZ. USL N 3 - CENTRO SALUTE MENTALE -DISTRETTO DI SORGONO- Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO IN PROVINCIA DI TRIESTE ANNO 2013 Persone in borsa lavoro, soggetti attuatori, tipologie degli strumenti Provincia di Trieste Area Servizi al Cittadino

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

Progetto. Inserimento lavorativo per disabili psichici (borse lavoro) Comune di Foggia - Ufficio Città Sane. Città di Foggia

Progetto. Inserimento lavorativo per disabili psichici (borse lavoro) Comune di Foggia - Ufficio Città Sane. Città di Foggia Progetto Inserimento lavorativo per disabili psichici (borse lavoro) Comune di Foggia - Ufficio Città Sane Inserimento lavorativo per disabili psichici Il progetto ha previsto l inserimento lavorativo

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 69 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART. 1 CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. DEL ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina il servizio

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

promozione della vita indipendente

promozione della vita indipendente 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 4 ottobre 2013 Adozione del programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilità. (GU n.303 del 28-12-2013)

Dettagli

PROGETTO S.O.L. STRATEGIE A SOSTEGNO DELL OCCUPABILITA LAVORATIVA DELLE FASCE DEBOLI AMBITO TERRITORIALE DI COMO

PROGETTO S.O.L. STRATEGIE A SOSTEGNO DELL OCCUPABILITA LAVORATIVA DELLE FASCE DEBOLI AMBITO TERRITORIALE DI COMO PROGETTO S.O.L. STRATEGIE A SOSTEGNO DELL OCCUPABILITA LAVORATIVA DELLE FASCE DEBOLI AMBITO TERRITORIALE DI COMO PREMESSA I Comuni dell, attraverso l Ufficio di Coordinamento del Piano di Zona, hanno promosso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 13 luglio 1995 Modificato con deliberazioni consiliari:

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 LUC

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 LUC DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 1 2. TITOLO AZIONE LUC 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell azione di riferimento,

Dettagli

DOTE 1 Inserimento Lavorativo

DOTE 1 Inserimento Lavorativo Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 1 Inserimento Lavorativo PREMESSE IL CONTESTO NORMATIVO LA LEGGE REGIONALE 22/2006 Con la Legge Regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Provincia di Roma Dipartimento III - Servizio I Politiche del Lavoro e Servizi per l Impiego - SILD e Dipartimenti di Salute Mentale della ASL della Provincia di Roma e Associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INDICE ART. 1...1 ART. 2...2 ART. 3...2 ART. 4...3 ART. 5...4 ART. 6...4 ART. 7...4 ART. 8...5 ART. 9...5 ART. 10...5 ART.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO Obiettivo del Sistema di Protezione per Richiedenti asilo e rifugiati

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Comune di Guarda Veneta. Provincia di Rovigo

Comune di Guarda Veneta. Provincia di Rovigo APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO N. 7 DEL 24.02.05 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Art. 1- Istituzione del Servizio L Unione dei Comuni dell Eridano (Comuni di,,, e

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali

PROGETTO IL PONTE. Obiettivi generali PROGETTO IL PONTE PROTOCOLLO OPERATIVO PER L ATTIVAZIONE E LA GESTIONE DEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO E DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA DEI SOGGETTI CON DISABILITÀ MENTALE LIEVE E MEDIO LIEVE Obiettivi

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione Consiglio comunale n.98 in data 18.12.

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione Consiglio comunale n.98 in data 18.12. REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione Consiglio comunale n.98 in data 18.12.2001 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art.1 Principi

Dettagli

Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI

Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI ART. 1 OGGETTO E FINALITÀ Il presente Regolamento disciplina l attivazione di borse lavoro a favore di adulti a rischio

Dettagli

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali CASA FAMIGLIA PER PERSONE ADULTE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CRITERI PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ED ECONOMICHE.

REGOLAMENTO DEI CRITERI PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ED ECONOMICHE. Comune di Fiano Romano (Provincia di Roma) Piazza Matteotti, 2 Fiano Romano (RM) cap 00065 Tel. 0765.4071 - Fax 0765. 480385 SERVIZI SOCIO-CULTURALI - Tel. 0765.407227/225 REGOLAMENTO DEI CRITERI PER L

Dettagli

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA

COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PETRALIA SOTTANA PROVINCIA DI PALERMO CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N.35 DELLA REGIONE SICILIANA REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO DISTRETTUALE PER SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA ULSS 21 RIPARTIZIONE ETA ADULTA E ANZIANI / SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (S.I.L.) Il Servizio di integrazione lavorativa (S.I.L.): Percorsi formativi finalizzati al

Dettagli

PROGETTO GRUPPO APPARTAMENTO (Attività n.: 10,2)

PROGETTO GRUPPO APPARTAMENTO (Attività n.: 10,2) PROGETTO GRUPPO APPARTAMENTO (Attività n.: 10,2) Allegato 1 1. Soggetto titolare ed enti coinvolti Comune di Napoli ASL Na 1 Dipartimento Sociosanitario Dipartimento di Salute Mentale 2. Soggetto attuatore

Dettagli

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Settore Servizi alla Persona e Sviluppo Socio Economico Servizio Politiche del Lavoro e Coordinamento Provinciale Ufficio Inserimento Mirato Linee guida per la stipulazione tirocini

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

CRITERI ATTUATIVI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

CRITERI ATTUATIVI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA CRITERI ATTUATIVI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA Art. 1 - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l attuazione dell intervento Servizio di assistenza domiciliare educativa, così come

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Un agenda di lavoro PROPOSTE E CONCLUSIONI

Un agenda di lavoro PROPOSTE E CONCLUSIONI Un agenda di lavoro PROPOSTE E CONCLUSIONI PROGETTO SPRING Soggetto referente Zona Ovest di Torino srl Tel. 011 405 06 06 www.zonaovest.to.it patto@zonaovest.to.it Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS

NISIDA società cooperativa sociale ONLUS NISIDA società cooperativa sociale ONLUS Percorsi individualizzati di socializzazione e autonomizzazione Non dimenticate l'ospitalità; alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo. [Lettera

Dettagli