bruno barba * Il candomblé tra tradizione e transculturazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "bruno barba * Il candomblé tra tradizione e transculturazione"

Transcript

1 bruno barba * Il candomblé tra tradizione e transculturazione È un mondo che vive di simboli, rituali, miti. Un mondo che riproduce rapporti di potere e di equilibrio africani in un contesto americano, metropolitano e postmoderno. Il candomblé era una religione di neri, praticata da africani e mulatti feticisti e primitivi così si pensava ai primi del Novecento, in piena epoca positivistica -; con il passare del tempo si è trasformato in un mondo e in una religione universale, accompagnando l assunzione, da parte della cultura brasiliana, di tanti elementi dalle più svariate provenienze. Ma c è di più: se il candomblé, che è il sincretismo afro-brasiliano per eccellenza, il più noto - grazie soprattutto alla magia dei romanzi di Jorge Amado - ha saputo temperare di sé l intera cultura di un paese, è pur vero che ha saputo determinare mode, imposto maniere di pensare, creato simbologie e persino suggerito modi di organizzare gerarchie, economia e società. La musica, la letteratura e non soltanto quella di Amado il cibo (la deliziosa e speziata comida baiana) manifestazioni quali la capoeira, il Carnevale, persino il calcio, con i suoi movimenti di bacino, tutto, in Brasile sembra parlarci del candomblé, e di Africa. Religione dinamica, in continuo movimento e trasformazione, il candomblé è tuttavia religione tradizionale in quanto permeata di mistero e segreto. Le tradizioni che si perdono nel Golfo di Guinea e che poi sono state rielaborate nella zona di Bahia, ricchissima di piantagioni e quindi di schiavi -, venivano, fino a qualche tempo fa, tramandate oralmente. Oggi il codice di comportamento, le formule rituali, le parole delle cantigas, i miti che riguardano gli orixás, ovvero le divinità protagoniste della religione, vengono trascritti e raccolti in preziosi quaderni. Saper scrivere, oltre che saper raccogliere, diventa ragione di potere. Il carisma, quello tradizionale, quello che permetteva ai sacerdoti del culto di avere tanti adepti, non può più essere esercitato * Ricercatore di Antropologia all Università di Genova, Dipartimento di Scienze Politiche. Si occupa da più di vent anni di meticciato culturale e sincretismo religioso: in particolare dell analisi delle dinamiche di incontro e sintesi tra popoli, culture e religioni avvenute in Brasile, dello studio della religione afrobrasiliana del candomblé e dei suoi rituali, simbologie, adattamenti.

2 in mancanza di quella che la società moderna chiama visibilità sociale. La legge del santo, quell imperscrutabile volontà divina, certo permane, ma arricchita dalla capacità interpretativa del pai o della mãe de santo. Il marchio africano, indissolubile e sempre visibile, si deve quindi far accompagnare dalla penna di qualcuno. In altri termini, per farsi largo nel complicatissimo mercato religioso brasiliano, il candomblé, che soprattutto nelle grandi città soffre della concorrenza dei culti pentecostali e delle altre chiese protestanti, ricchissime e potentissime, deve far leva sulla propria capacità seduttiva, inventando nuove strategie di penetrazione. La storia della formazione delle religioni afro, è già, se vogliamo, una potente arma di seduzione. Se è vero che il meticciato culturale brasiliano è da molti preso a modello per una nuova maniera possibile di immaginare il futuro, un futuro fatto di dialogo, di elaborazione continua, di interscambi tra le culture, ispirato a una sorta di antropofagia culturale e simbolica, è altrettanto certo che la nascita del sincretismo - che è la traduzione in termini religiosi del meticciato - racconta del superamento dell incomunicabilità. Un processo, questo, ancor più miracoloso se pensiamo a dove nelle piantagioni, e in che epoca approssimativamente tra il 1550 e il questa evoluzione ha preso il via. Dall unione carnale tra il padrone e la schiava negra è nato il mulatto, colui che fonda il Brasile biologico; dall unione creativa e interpretativa tra i riti africani degli schiavi e la religione cattolica dei portoghesi nasce invece il candomblé. Gli schiavi nel Nuovo Mondo avevano perso i loro punti di riferimento e le loro credenze negli spiriti della natura erano in grave pericolo. Gli orixás non li avevano protetti a sufficienza dalle sofferenze, anche perché, allontanati dai luoghi consacrati dove si credeva risiedessero (la foresta, l albero, il fiume, la pietra), la forza di questi dei si era affievolita. Ma fu, per paradossale che sembri, proprio l incontro con i santi del cattolicesimo restitusce vita e forza agli orixás. In fondo santi, madonne, Gesù Cristo, tutti assomigliavano - non è magia questa? - alle divinità africane. Già allora si rivelò quella capacità, tutta brasiliana, di attrarre gli opposti; il desiderio di essere tutti e di nessuno (una sorta di sindrome di Gabriela), una strategia di non scelta (ancora Amado, e la sua Dona Flor); si chiama oggi jeitinho questa maniera di fingere, di cercare un aggiustamento e una soluzione per tutto. Così per ogni santo cattolico ci sarà un orixá che corrisponde, per storia di vita o per caratteristiche fisiche; così, là, nella piantagione, si può fingere la conversione al

3 cattolicesimo, o meglio ancora si può ricreare una nuova realtà, veramente americana. Non mi sembra di esagerare proponendo che è proprio questa capacità di trasformare le tragedie della storia (quelle che potrebbero sembrare tragedie) in opportunità a connotare il Brasile. Pensiamo al Brasile-nazione che nasce nella piantagione della sofferenza; alla favela che da luogo di emarginazione è diventata il laboratorio creativo per eccellenza di un Brasile che rinasce; e ancora, al Carnevale, bistrattata e criticatissima manifestazione di sperpero di denaro una sorta di potlach moderno che ancora arricchisce il turismo e l esportazione, nell immaginario collettivo, del modello Brasile, economicamente non quantificabile, ma sicuramente molto produttiva. Il candomblé nasce grazie e soprattutto alla creatività di un mondo, un ambiente, una cultura che, come di dice Fernado Ortiz compie una tranculturazione, ovvero passa oltre a una mera giustapposizione di elementi, o peggio alla cancellazione di una cultura a scapito di un altra; al contrario il termine vuole designare movimento e quindi la creazione di un modello che non appartiene né all Africa né all Europa, né agli schiavi né ai padroni, né ai bianchi né ai neri, né ai feticisti né ai cattolici. Osservare una cerimonia religiosa afro-brasiliana fa comprendere come e quanto questo spirito di adattamento sia radicato nella comunità. Se la trance, lo stato alterato di coscienza, rappresenta l avvenimento culminante di ogni rituale, il momento in cui avviene la comunione con gli dei e quindi la rappresentazione, nelle danze e nell abbigliamento, di queste entità, il capo del gruppo compie atti, si rende protagonista di atteggiamenti e ricopre funzioni che esulano da quelle che dovrebbero essere tipiche mansioni religiose. Durante la trance, che, ricordiamolo, è gestita proprio dallo chef del terreiro (il luogo del culto) e dalle sue aiutanti, il pai de santo è a tutti gli effetti un sacerdote. Quando compie la divinazione con le conchiglie consacrate (jogo de buzios), quando prescrive ai fedeli i sacrifici di animali o i preparati (ebó, volgarmente macumbe ) per fortificare le divinità, quando decide il calendario festivo o le ristrutturazioni del luogo di culto, ecco che diventa un oculato, saggio ed esigente amministratore. Non bisogna dimenticare che fin dall inizio, attorno alla metà del XIX secolo e poi all inizio del Novecento, quando la comunità negra, nonostante l abolizione della schiavitù, era vessata, demonizzata e oltremodo discriminata, i terreiros, che per i bianchi erano antri di perversione e superstizione, in realtà non erano altro che rifugi, che offrivano sicurezza e protezione per gli ex

4 schiavi e i loro discendenti. E questa funzione si è protratta, ammodernandosi, ovviamente, fino ad oggi. Iansã, la dea guerriera che sfodera la spada, Ogum il coraggioso combattente Iemanjá la madre, la diva del mare, Exu scostumato e osceno eppure principio del sesso e quindi della vita, Oxum la vanitosa si specchia fiera della sua bellezza: erano sì loro, gli orixás, i protagonisti e i protettori della diaspora, ma nulla sarebbe stati capaci di fare e nessuno di proteggere, se non fossero intervenuti - accanto alle matrone negre di Bahia - i pais de santo intrepidi, i capi, i referenti, gli amministratori oculati. Senza decontestualizzare troppo significati e ruoli, se i cattolici pensano esista un angelo protettore di ogni persona, gli adepti del candomblé credono che ogni persona possegga il proprio orixá, il santo cui identificarsi. Quando il pai de santo rivela al fedele la corrispondenza con uno dei sedici orixás di cui si è conservato il ricordo in Brasile, scatta il meccanismo dell immedesimazione. Quale potere infinito si può nascondere in quest atto, in questo presunto sapere. Vedendo proiettata nell orixá la propria personalità, e ricevendone la visita durante la trance di possessione, il fedele acquisisce autostima, fiducia, forza. La seduta con il pai de santo assume i contorni e i significati moderni di una seduta psicanalitica. I terreiros, che sono di grandezza e sontuosità differente, che possono essere costruiti in città oppure, ed è assolutamente preferibile, nella foresta, a contatto con la natura e quindi si crede, con l africanità, sebbene immaginata, sono organizzati secondo una rigida gerarchia che, al di là dell apparente informalità, nascondono spesso tensioni, conflitti, gelosie. Logico, si tratta delle gestione del potere, anche sessuale e non soltanto economico: il pai de santo gode di privilegi che distribuisce ai notabili (soprattutto agli ogás, ovvero iniziati particolarmente eminenti) e ai suoi accoliti. Con l aumentare del numero degli adepti, il sacerdote tende a demandare alcune incombenze ad alti dignitari del suo gruppo, conservando per sé esclusivamente quello di dialogare con gli dei, ovvero il sacro rito della divinazione, distribuendo così potere e favori. Entrare a far parte del ristretto gruppo dei collaboratori del pai de santo, è pertanto un importantissimo mezzo di ascesa sociale. Se in effetti, il padre (o la madre) del centro rappresenta il capo spirituale, anzi, il genitore di tutti i propri filhos (così, figli vengono chiamati gli adepti), è altresì vero che in quanto uomo o donna fa trasparire preferenze, antipatie, affetti anche

5 sconvenienti e quindi, in senso metaforico, incestuosi. Vi sono personaggi, come mãe Stela dell Axé Opó Afonjá a Bahia, o mãe Sylvia di San Paolo, robuste e imponenti da sembrare vere e proprie regine africane, che sono state chiacchieratissime per la loro spregiudicatezza. Sono vere e proprie imprenditrici, che gestiscono denaro, progettano iniziative pubbliche in accordo con le autorità locali (raccolte di fondi, istituzioni di scuole per l infanzia). Il candomblé rende visibili. O meglio ancora rende : tanti altri sacerdoti che ho incontrato a San Paolo, Salvador, Recife, São Luis, Rio, partiti da umilissimi origini e possibilità, sono diventati sacerdoti famosi grazie alle ricchezze accumulate nel tempo. Volantini, biglietti da visita, inserzioni sui quotidiani servono a promuovere le attività religiose; e milioni di brasiliani, tra cui politici, attori di novelas, atleti, cantanti, professionisti di vario genere si sottopongono al rito della divinazione, che è a pagamento e che costituisce la maggior fonte di entrate per un terreiro. Il volere degli dei che si disvela in quel lancio di 16 conchiglie consacrate offre in realtà un imperdibile chance per dominare il proprio cliente. Chi si trova davanti a quella prova è arrivato fino a lì seguendo un percorso di sofferenza: ha problemi di salute, di affetti, o di denaro. È debole al cospetto del sacerdote, che lo ha in pugno: facendo leva su presunte doti magiche, meglio sulla sua capacità di introspezione psicologica, arricchita, sempre, da una buona dose di carisma, il pai de santo gioca come al gatto con il topo. Nella migliore delle ipotesi, aiuta davvero il povero malcapitato e comunque, entra a conoscenza di segreti indicibili - ; nella peggiore sfrutta subdolamente questo potere, estorcendo denaro, o informazioni utili, o ancora, creando una dipendenza fortissima. Il cliente si vede assegnare l orixás, apprende quali impedimenti eventualmente ostacolano il suo successo nel lavoro, conosce i nuovi nemici, apprende come conquistare la donna che ama. Il prezzo è tanto più caro quanto maggiore è la possibilità economica dell interlocutore: le mães e i pais de santo costano, ma sanno essere giusti. Il fedele tanto l iniziato quanto colui che è appena venuto a conoscenza dei meccanismi della religione e che per un certo periodo si muove soltanto ai margini è deferente, rispettoso, obbediente nei confronti del proprio capo spirituale. Se è vero che sacerdoti di candomblé sono in genere persone cariche di umanità e altruismo, lo spettro del successo nella società globale inficia un poco l onestà e il disinteresse del quadro. Il gradimento del capo spirituale, amministratore economico e organizzatore

6 del centro, è indissolubilmente legato al successo, ovvero alla soddisfazione del fedele. Il prestigio si misura anche dal rilievo dato dai media alle figure del sacerdote, dal numero di adepti dei rispettivi terreiros, dalla dimensione e dal fasto dell ambiente. Basata sul principio del do ut des - che è l illusione della magia - la religione del candomblé vive sul principio di reciprocità e sulla capacità di modificare il destino umano. Come si attua questo intervento, questa possibilità? Propiziando con opere, sacrifici, offerte (in una parola: comprando) l intervento divino. La maggiore o minore quantità di denaro (o di altro bene) determina il successo di qualunque iniziativa, la soddisfazione della propria richiesta. Eppure chi conosce i candomblés garantisce sulla serietà della religione. Il rituale è piuttosto complesso, massima la richiesta di impegno e devozione, cordiale il clima di fraternità. Il legame con l Africa, anche se a volte strumentalizzato per ragioni ideologiche la riscoperta dell identità negra genuino e assolutamente fecondo, oltre che suggestivo. E poi, se non fosse abbastanza tutto questo, c è un dato che fa pensare. Alla fine di ogni festa in onore degli orixás, che si tiene solitamente nei fine settimana, anche i più poveri della favela possono mangiare carne, grazie al banchetto finale durante il quale si consumano le carni degli animali (polli, capretti, talvolta tori) sacrificati per far mangiare le divinità. Per molti questa grande distribuzione alimentare è ancor oggi, nel terzo millennio, l unica occasione di assumere proteine animali. E sarebbe questa una religione barbara e primitiva?

7 BIBLIOGRAFIA -Amado Jorge, Dona Flor e i suoi due mariti, Garzanti, Milano, 1977 (tit. orig. Dona Flor e Seus Dois Maridos, Jorge Amado, 1966),Gabriella garofano e cannella, Einaudi, Torino, 1989 (tit. orig. Gabriela cravo e canela, Jorge Amado, 1958) -Amselle Jean Loupp, Logiche meticce. Antropologia dell identità in Africa e altrove, Bollati Boringhieri, Torino, 1999 (tit.orig. Logique mètisses, Payot, Paris, 1990) -Audinet J., Il tempo del meticciato, Queriniana, Brescia, 2001 (tit.orig. Le temps du mètissage, Paris, Editions de l Atelier, 1999) -Barba Bruno, Il gioco dei buzios, Xenia, Milano, 1999, Brasil Meticcio, il Segnalibro, Torino, 2004, Bahia, la Roma Negra di Jorge Amado, Unicopli, Milano, Barba Bruno, Faldini Luisa, Prandi Reginaldo, Sincretismo o africanizzazione? Dinamiche delle religioni brasiliane, Ecig, Genova, Bastide Roger, Le Americhe nere, Firenze, Sansoni, Firenze 1970 (ti.orig. Les Amériques Noires, Payot, Paris, 1967), Noi e gli altri, Jaca Book, Milano 1990 (tit.orig. Le prochain e le lontain, Cujas, Paris, 1970), O candomblé da Bahia, São Paulo, Companhia das Letras, São Paulo, 2001 (tit.orig. Le Candomblé de Bahia, rite nagô, Mounton & Co., Paris, 1958), O sagrado selvagem, Schwarcz, São Paulo, Braga Julio, O jogo de búzios: um estudo de adivinhação no candomblé, Brasiliense, São Paulo, Canclini Nestor, Culture ibride. Strategie per entrare e uscire dalla modernità, Guerini e associati, Milano, 1998 (tit. orig. Culturas hìbridas, Grijalbo, 1990) -Canevacci Massimo, Sincretismi, Costa & Nolan, Milano, Fabietti Ugo, L identità etnica, Carocci, Roma, Faldini Pizzorno Luisa (a cura di), Sotto le acque abissali, Aracne, Firenze, 1995 (a cura di) Religione e magia. Culti di possessione in Brasile, Utet, Torino, Ferretti Sergio Figueiredo, Repensando o sincretismo, Edusp/Fapema, São Paulo, 1995, Sincretismo Afrobrasiliano e resistenza culturale. In Barba B., Faldini L., Prandi R., Sincretismo o africanizzazione, Dinamiche delle religioni brasiliane, Ecig, Genova, 2002

8 -Finazzi-Agrò Ettore, Strani Tropici. La costruzione dello spazio brasiliano. In Tropicalismi, Agalma, Rivista di studi culturali e di estetica, Meltemi, Roma, 2005, p. 23 -Freyre Gilberto, Casa-grande e senzala. Formação da familia brasileira sob o regime de economia patriarcal, José Olympio, Rio de Janeiro, de Hollanda Sergio, Radici del Brasile, Giunti, Firenze, 2000 (tit.or. Raìzes do Brasil, José Olimpio, Rio de Janeiro, 1956) -Lévi Strass Claude, Tristi Tropici, il Saggiatore, Milano, 1978 (tit.orig. Tristes Tropiques, Librrairie Plon, Paris, 1955), Saudades de São Paulo, Companhia das letras, São Paulo, Ortiz Fernando, Contrappunto del tabacco e dello zucchero, Rizzoli, Milano, 1982 (tit. orig. Contrapunteo cubano del tabaco y el azúcar, 1940) -Prado Paolo, Ritratto del Brasile. Saggio sulla tristezza brasiliana, Bulzoni, Roma, 1995 (tit.orig. Retrato do Brasil, São Paulo, Duprat-Mayen?a, 1928) -Prandi Reginaldo, Os Candombles de São Paulo, Hucitec, São Paulo, 1991., Mitologia dos Orixás, Companhia das Letras, São Paulo, Remotti Francesco, Le antropologie degli altri. Saggi di etno-antropologia, Paravia, Torino, Ribeiro Darcy, Le Americhe e le civiltà, Einaudi, Torino, 1975 (tit. orig. As Américas e a Civilização, Civilização Brasileira, 1970), O povo brasileiro, Companhia das Letras, São Paulo, Rodrigues Raimundo Nina, O animismo fetichista dos negros bahianos, Reis & Company, Salvador, Vallado Armando, Iemanjá. A grande mãe africana do Brasil, Pallas, Rio de Janeiro, Verger Pierre, Lendas africanas dos orixás, Salvador, Corrupio, Salvador, Viana Hermano, Il mistero del samba. Contaminazioni e fantasmi dell autenticità, Costa & Nolan, Genova-Milano, 1998 (tit.orig. O misterio do samba, Zahar, Rio de Janeiro, 1995) -Zweig Stefen, Brasil, um país do futuro, L&PM Editores, Porto Alegre, 2006

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

IL PIANETA DELLE DONNE

IL PIANETA DELLE DONNE IL PIANETA DELLE DONNE 1. SECONDO TE PERCHE TUTTE LE DONNE DEL PIANETA DECIDONO DI ADDORMENTARSI? 2. SECONDO TE PERCHE GLI UOMINI SI COMPORTAVANO IRRISPETTOSAMENTE NEI CONFRONTI DELLE DONNE? 3. SECONDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO

IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO IDA MAGLI FIGLI DELL UOMO Duemila anni di mito dell infanzia saggi Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08073-6 Prima edizione BUR Saggi novembre 2015 Realizzazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

A.S. 2015/2016 5 ANNI :

A.S. 2015/2016 5 ANNI : : A.S. 2015/2016 5 ANNI Il tema unificante del lavoro è la Felicità, uno dei diritti fondamentali dell uomo. La felicità è lo stato d animo positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Educare con le favore

Educare con le favore Educare con le favore Come inventare e raccontare storie per aiutare i bambini a crescere felici Massimo Fancellu Gli e-book di Àgape www.agapeconsulting.it Raccontare favole ai bambini Come inventare

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011

laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 laboratori ANNO SCOLASTICO 2010/2011 L'ORTO DELLE ARTI Via Paolo Rembrandt, 49 20147 Milano Tel. 02 4043450 Cell. 347 4817456 enzoguardala@tiscali.it A CACCIA DI STORIE Scuola dell infanzia - Sviluppare

Dettagli

Capitolo 2. ORIGINI E CONNOTAZIONI STORICO LETTERARIE DELLE BESTIE MALEFICHE e non facevano altro che ammettere la loro colpa. Oppure erano semplicemente allucinazioni, dovute a particolari sostanze ingerite,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI Comunità Leumann 2011/2012 I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE Indovinello: Non sono molto alti e sono di carnagione scura. Hanno i capelli neri. Parlano tra loro usando dialetti incomprensibili, sono rumorosi

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Seconda Disciplina/Macroarea/Camp o d esperienza BIAGIONI MARIA GRAZIA SANTI PAOLA G.GIUSTI DON MILANI Sezione RELIGIONE CATTOLICA Tavola di sintesi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

IL VIAGGIO. (sguardo sociologico) VIAGGIATORE E TURISTA

IL VIAGGIO. (sguardo sociologico) VIAGGIATORE E TURISTA IL VIAGGIO (sguardo sociologico) VIAGGIATORE E TURISTA TURISTA Vacanza perfetta Adatta l ambiente a sé Villaggio turistico Rimane sempre a casa! VIAGGIATORE Accetta l imprevisto Si adatta all ambiente

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015 I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

Dio, il mondo e il Big- -Bang

Dio, il mondo e il Big- -Bang Dio, il mondo e il Big- -Bang come parlare di Dio creatore ome ha fatto Dio a fare il Mondo? Dio, i miracoli e le leggi della natura DIO e il Mondo Dio, Adamo ed Eva, e l evoluzione Dio o il Big Bang?

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA di SAN MARTINO IN BELISETO, POZZAGLIO e CORTE DEI FRATI PROGETTO di RELIGIONE (anni 3) NELLA CASA DI GESU MOTIVAZIONE: Maestra Maria

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Il caso della Scuola Oliver Twist

Il caso della Scuola Oliver Twist Il caso della Scuola Oliver Twist di Giorgio Vittadini C è un opinione che oggi va per la maggiore: quella secondo cui, per poter essere efficacemente impegnati nella realtà, occorre partire da una visione

Dettagli

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Gioco Scopro

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Gioco Scopro La presenta il progetto Gioco Scopro Progetto GIOCO-SCOPRO!!! Nik-day 2011: prepariamo insieme il calendario della Solidarietà ed il nuovo libro! Cari bambini e care bambine dai 3 ai 99 anni, quest anno

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

10 - LA MISTAGOGIA LA FAMIGLIA TRASMETTE IL MISTERO. Le sei tappe dopo la Messa di Prima Comunione

10 - LA MISTAGOGIA LA FAMIGLIA TRASMETTE IL MISTERO. Le sei tappe dopo la Messa di Prima Comunione LA FAMIGLIA TRASMETTE IL MISTERO Le sei tappe dopo la Messa di Prima Comunione Mario Tucci N. 10-2010 2 LE TAPPE DELLA MISTAGOGIA SETTIMANA della MISTAGOGIA Nella settimana successiva alla celebrazione

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO - DIDATTICO

PROGETTO EDUCATIVO - DIDATTICO Scuola dell Infanzia Paritaria Istituto Sacro Cuore Via Solferino 16-28100 Novara Tel. 0321/623289 - Fax. 0321/331244 In internet: www.scuolesacrocuore.it - E mail: novara@scuolesacrocuore.it PROGETTO

Dettagli

Il "messaggio" di Fatima

Il messaggio di Fatima Il "messaggio" di Fatima Ci siamo mai chiesti quale sia il messaggio delle apparizioni e delle rivelazioni di Fatima? L'annunzio della guerra, la conversione della Russia con la caduta del comunismo nel

Dettagli