DOCUMENTO FINALE. CLASSE 5 sez. A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE. CLASSE 5 sez. A"

Transcript

1 LICEO CLASSICO STATALE G. LEOPARDI CORSO CAVOUR MACERATA tel fax c. f con sezione associata LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE C.so Garibaldi CINGOLI tel fax Prot. n 2279 /C29 del 15/05/2014 ANNO SCOLASTICO DOCUMENTO FINALE CLASSE 5 sez. A INDIRIZZO LINGUISTICO BROCCA IL COORDINATORE (Prof.ssa Maria Luisa Violini) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof.ssa Annamaria Marcantonelli) Cingoli, 15 maggio 2014

2 I N D I C E 1. Premessa... PAG Storia e profilo della classe... PAG Attività integrative e di orientamento... PAG Obiettivi, metodi e strumenti di lavoro... PAG Criteri e strumenti di valutazione... PAG Percorsi di preparazione all Esame di Stato... PAG Il Consiglio di Classe... PAG. 13 APPENDICE A- Programmi.PAG. 15 B- Griglie di valutazione... PAG. 45 Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 2

3 1. PREMESSA Il Consiglio della classe V A, riunitosi il giorno 07 maggio 2014 alle ore 18:00 nella sede del Liceo Linguistico e delle Scienze Umane di Cingoli, operando in coerenza con: - le indicazioni e le prescrizioni del contratto formativo; - le linee di orientamento contenute nel P.O.F. dell a.s. 2013/2014; - le linee comuni definite nelle riunioni del Collegio dei Docenti e di Dipartimento tenutesi nel corso dell a.s. 2013/2014; - la pianificazione didattica dei singoli insegnanti, ha discusso, elaborato ed approvato il presente documento. 2. STORIA E PROFILO DELLA CLASSE La classe V A ha iniziato il suo percorso di studi nell a.s. 2009/2010. Il numero degli studenti è variato, anche se di poco, nel corso del quinquennio: classe I ( a.s. 2009/2010): si sono iscritti 24 alunni, 18 femmine e 6 maschi, hanno frequentato regolarmente e due allievi non sono stati ammessi alla classe successiva; classe II (a.s. 2010/2011): i 20 alunni provenienti dalla classe precedente, 16 femmine e 4 maschi, hanno frequentato regolarmente e uno non è stato ammesso alla classe successiva. classe III (a.s. 2011/2012): dei 19 alunni provenienti dalla classe seconda, una allieva ha deciso di ritirarsi perché trasferitasi. Tutti gli alunni sono stati ammessi alla classe successiva; classe IV (a.s. 2012/2013): i 18 alunni hanno frequentato regolarmente e sono stati ammessi alla classe successiva; classe V (a.s. 2013/2014): la classe dunque risulta attualmente composta da un totale di 17 alunni, 14 femmine e 3 maschi poiché una allieva si è ritirata all inizio dell anno scolastico perché trasferitasi. Nell anno scolastico la sezione A è stata articolata con la sezione B per le discipline comuni. Tali vicende hanno influito relativamente poco sulle dinamiche interne della classe che si è sempre mostrata corretta, attenta ed interessata e abbastanza partecipe nell ambito del dialogo educativo sia nelle discipline comuni che in quelle di indirizzo. Nella relazione con i docenti la classe ha acquistato, nel corso degli anni, un comportamento sostanzialmente corretto e disponibile. Per quanto riguarda il raggiungimento degli obiettivi disciplinari (COGNITIVI), la classe risulta eterogenea sia sul piano dell impegno che del profitto. Alcuni alunni si dimostrano vivaci intellettualmente, capaci di sostenere dialoghi su argomenti di attualità, di analizzare criticamente e problematizzare le questioni proposte e hanno maturato una metodologia autonoma, economica ed efficace nello studio. Queste competenze si sono tradotte nel possesso di conoscenze di livello mediamente discreto con punte di eccellenza. Ci sono, infine, alcuni alunni con incertezze contenutistiche e metodologiche, ma che hanno raggiunto un profitto mediamente sufficiente in tutte le discipline, grazie ad un maggior impegno. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 3

4 3. ATTIVITÀ INTEGRATIVE E DI ORIENTAMENTO Le attività integrative rientranti nel curriculum riservato all Istituzione scolastica si suddividono in due categorie: i progetti, i viaggi di istruzione e le visite guidate. Nel corso del quinquennio la classe è stata coinvolta in svariati progetti di approfondimento disciplinare o multidisciplinare: - Progetto Comenius (I,II anno) - Progetto Leonardo (III, IV anno) - Certificazione PET, CAE STUDENTE PET CAE 1. BORSINI BEATRICE 2. BUSCHITTARI FEDERICA 3. CORTI TANIA 4. COSTARELLI ILENIA 5. DISTEFANO LUCIA ALESSIA 6. EBANINI DANIELA 7. FABRIZI CATERINA 8. FOGANTE ALESSANDRA 9. GRASSELLI GIACOMO 10. MARCHEGIANI GAIA 11. OMBROSI CHIARA 12. PALPACELLI LISA 13. PELAGAGGE MICHELA 14. RENZI CLAUDIA 15. SAXELBY KRISTINA 16. URBANI EDOARDO 17. VALENTI NICOLA - Giochi matematici - Progetto di fisica: Un aula senza pareti al parco tematico di Mirabilandia (III anno) - Progetto FAI (III anno) - Progetto Alternanza Scuola Lavoro (IV anno) - Partecipazione attiva al Convegno organizzato dalla Commissione Pari opportunità su tema Mai più violenza sulle donne (IV, V anno) - Partecipazione alla gara High School Game organizzata dal MIUR. - Progetto cinema italiano David di Donatello - Partecipazione all attività laboratoriale organizzata dalla Direzione dell Arena Sferisterio di Macerata. - Progetti locali: partecipazione a concorsi indetti dalle associazioni locali: S. Esuperanzio e Accademia Labiena. - Viaggi-studio nel periodo della settimana alternativa, Valencia o Londra (I anno),londra o Granada (II anno), Edimburgo o Barcellona (III anno), Dublino (IV anno), Granada o Londra (V anno). Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 4

5 - Teatro in lingua spagnola (tutti gli anni di corso) Don Qujote de la Mancha ( a.s ) - Teatro in lingua inglese (tutti gli anni di corso) The Picture of Dorian Gray (a.s ); Per le visite guidate e i viaggi di istruzione sono state scelte mete legate ai programmi svolti nelle varie discipline, con particolare attenzione all ambito storico-artistico. - Classe III Roma Palazzo Montecitorio - Classe V Mauthausen -Vienna- Praga (una settimana). Durante il quarto e il quinto anno di corso la classe ha partecipato ad incontri ed uscite legate all orientamento universitario quali: - Classe IV: incontri con il C.I.O.F (Centro per l impiego) organizzati dalla Camera di Commercio di Macerata; ORIENTAGIOVANI, giornata organizzata dalla Confindustria. - Classe V: individualmente o a piccoli gruppi e a seconda degli interessi, gli alunni hanno partecipato alle giornate di orientamento organizzate dalle Università della regione Marche ed Emilia Romagna. Incontri di orientamento con gli Atenei regionali. 4. OBIETTIVI GENERALI TRASVERSALI OBIETTIVI TRASVERSALI Comportamentali Essere consapevole dell importanza del rispetto delle norme (Regolamento, ecc) Rispettare le scadenze e gli impegni programmati Lavorare con impegno per superare le difficoltà e migliorare i risultati Strategie comuni per il raggiungimento degli obiettivi comportamentali - Analisi e condivisione del regolamento di Istituto - Lavorare sulle norme costituzionali - Favorire il rispetto dell ambiente scolastico, nelle sue cose e persone. - Sollecitare alla puntualità dell esecuzione del proprio lavoro - Favorire l organizzazione degli impegni scolastici con scadenze e prove scritte. - Sollecitare al dialogo corretto e partecipativo in classe - Potenziare il lavoro di cooperative learning OBIETTIVI TRASVERSALI COGNITIVI (conoscenza, abilità, competenza) E STRATEGIE COMUNI PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI COGNITIVI Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 5

6 COGNITIVI CONOSCENZA Lo studente dovrà: saper recepire, trattenere e richiamare informazioni utilizzando le appropriate strategie. ABILITA Lo studente dovrà: saper utilizzare un lessico specifico ed adeguato articolando il discorso secondo un piano coerente, pertinente e consequenziale; saper produrre vari tipi di testo con coerenza e correttezza ortografico/ sintattica e con l uso di linguaggi specifici; saper dedurre per analogie; saper effettuare collegamenti nell ambito della stessa disciplina e di discipline affini; saper classificare argomenti COMPETENZA Lo studente dovrà: saper separare gli elementi o le parti costitutive di una comunicazione; saper confrontare temi secondo prospettive pluridisciplinari; saper riorganizzare le conoscenze e le procedure acquisite e rielaborarle in maniera personale; saper analizzare situazioni note o non e interpretarle; saper produrre schemi e conclusioni; saper formulare giudizi sul valore dei materiali e dei metodi utilizzati per un determinato scopo STRATEGIE COMUNI Saper individuare le definizioni sul libro di testo Fornire indicazioni per un efficace presa di appunti Far individuare in un testo le principali informazioni Far formulare domande su temi fondamentali Utilizzare grafici, schemi, tabelle, mappe Esigere precisione espositiva Abituare a ricercare le parole chiave Inserire (anche nelle prove di tipo prevalentemente applicativo) esercizi di scrittura Stimolare all individuazione delle analogie e delle diversità nell ambito di un determinato nucleo tematico Fornire indicazioni sui modelli più idonei da utilizzare in relazione al tipo di produzione richiesta Abituare all ordine nell utilizzo degli strumenti didattici Considerare l ordine e la precisione nelle prove scritte quali indicatori per la misurazione degli elaborati Utilizzo sistematico del linguaggio specifico. Correggere sistematicamente i compiti assegnati e analizzare gli errori commessi nelle prove svolte in classe Abituare a sintetizzare costruendo semplici mappe o producendo schemi, riassunti, ecc. Produrre elaborati in chiave pluridisciplinare e contenenti riflessioni critiche. Abituare a riflettere sui processi utilizzati per una produzione personale. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 6

7 ITALIANO STORIA INGLESE SPAGNOLO TEDESCO FILOSOFIA MATEMATICA FISICA BIOLOGIA RELIGIONE SCIENZE MOT. ARTE METODI E STRUMENTI DI LAVORO Metodi Lezione frontale x x x x Lezione interattiva x x x x Esercitazione guidata x x Discussione guidata x x x x Problem Solving x x Ricerche svolte a gruppi (o individualmente) e presentate in classe Procedere per UU.DD. x Uso sistematico libro di testo Uso di appunti, fotocopie e dispense Simulazione prove esame di stato Attività di autocorrezione, correzione comune e discussione degli elaborati Individuazione dei nodi concettuali dell argomento oggetto di studio e schematizzazione in mappe concettuali x x x x x Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 7

8 ITALIANO STORIA INGLESE SPAGNOLO. TEDESCO FILOSOFIA MATEMATICA FISICA BIOLOGIA RELIGIONE SCIENZE MOT ARTE TIPOLOGIE DI PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE IN OGNI MATERIA (formative e sommative) Tipologie di verifiche Prove strutturate Prove semistrutturate x Trattazione sintetica di argomenti x x Quesiti a risposta singola x Sviluppo progetti Analisi e commento testi x Interrogazioni brevi e lunghe x Altre prove tipiche delle diverse discipline x 5. CRITERI DI VALUTAZIONE E INDICI DI MISURAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PROVE SCRITTE PROVE ORALI ALTRE PROVE Indicatori Indicatori indicatori 1. Correttezza espositiva 2. Conoscenza corretta e completa dei contenuti specifici 3. Aderenza dei contenuti alla traccia 4. Applicazione corretta e completa delle procedure acquisite 1. Correttezza espositiva 2. Conoscenza degli argomenti 3. Identificazione di ipotesi e conclusioni 4. Individuazione delle connessioni tra argomenti disciplinari Si fa riferimento alle programmazioni disciplinari dei singoli docenti Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 8

9 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E COMPETENZE FASCE INDICATORI VOTO 9-10 Conoscenze Competenze DESCRITTORI L alunno ha conoscenze ampie, approfondite e rielaborate in modo personale. Comprende i concetti con sicurezza e riesce a dare profondità alle proprie analisi in modo autonomo e personale. 8 Conoscenze Competenze L alunno ha conoscenze complete e articolate. Comprende i concetti con sicurezza e li utilizza in compiti complessi scegliendo le tecniche e procedimenti più adeguati. 7 Conoscenze Competenze 6 Conoscenze Competenze 5 Conoscenze Competenze 4 Conoscenze Competenze 1-3 Conoscenze Competenze L alunno ha conoscenze ampie ma non sempre criticamente approfondite. Comprende i concetti con facilità li utilizza in compiti anche complessi con qualche imprecisione. L alunno ha conoscenze limitate agli obiettivi fondamentali, non approfondite. Concetti generalmente compresi utilizzati per l esecuzione di compiti non complessi. L alunno ha conoscenze superficiali, limitate, talvolta errate. Concetti non sempre compresi e utilizzati per l esecuzione di compiti semplici, con qualche errore. L alunno ha conoscenze superficiali, frammentarie, errate. Concetti compresi confusamente, li utilizza applicandoli in modo errato. L alunno non ha conoscenze. Non comprende e non applica le conoscenze che gli vengono comunicate. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 9

10 6. PERCORSI DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO PRIMA E SECONDA PROVA SCRITTA Sia per la prova scritta di Italiano che per quelle di Lingue Straniere gli alunni hanno affrontato, nelle verifiche scritte svolte in classe, le varie tipologie indicate dal Ministero, come sopra elencato. Sono inoltre state concordate in sede di Consiglio di Classe le date delle simulazioni sia della prima che della seconda prova da svolgersi nell arco di una intera mattinata durante l ultima settimana del mese di maggio. TERZA PROVA SCRITTA Per l organizzazione delle simulazioni della terza prova scritta i criteri scelti dal Consiglio di Classe sono: - scelta della tipologia B (quesiti a risposta singola); - svolgimento di una simulazione per ciascun quadrimestre; - n. 4 discipline per ciascuna simulazione, n. 3 quesiti per ciascuna disciplina; - lunghezza della risposta: 8 10 righe; - avvicendamento delle discipline in ciascuna simulazione; - durata della prova: tre ore. - Per la prova di lingua straniera e stato consentito l uso del dizionario bilingue. SIMULAZIONE PROVA ORALE È stata concordata la data di simulazione della prova orale da svolgersi in orario pomeridiano nel mese di giugno. Le discipline interessate saranno scelte tra quelle individuate come materie d esame. PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Data: 19 dicembre 2013 Discipline coinvolte: - INGLESE - SPAGNOLO - FILOSOFIA - BIOLOGIA TESTI DEI QUESITI Inglese 1. Explain the role of poetry during the Romantic period. 2. Talk about Blake s symbolism. 3. Explain the process of the poetic creation in Wordsworth. Spagnolo Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 10

11 1. Cuál es la situación del reinado en España durante toda la época del Romanticismo y sus consecuencias? 2. Bécquer Rimas : redacta un texto de 8 líneas apróximadamente 3. Analiza la obra teniendo en cuenta los siguientes aspectos: título, autor, cronología, estilo, técnica, tema y descripción formal (composición, perspectiva, luz y color). Filosofia 1. In che senso, per Hegel, la dialettica è legge ontologica e legge logica? 2. In che modo lo scetticismo supera lo stoicismo e in quale figura viene a sua volta superato? Indica sinteticamente in quale momento dello sviluppo dello Spirito si trovano le figure citate e descrivine il contenuto. 3. Qual è il fine ultimo della storia del mondo e come opera in essa l astuzia della ragione? Biologia 1. Descrivi quali sono i modi con cui si crea variabilità genetica all interno di una popolazione e qual è la sua importanza dal punto di vista evolutivo. 2. Perché la selezione naturale, favorendo le varietà più adatte, non ha ridotto nel tempo la variabilità degli esseri viventi? 3. Descrivi i processi biologici responsabili dell ontogenesi dell essere umano. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 11

12 SECONDA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Data: 12 maggio 2014 Discipline coinvolte: - STORIA - MATEMATICA - INGLESE - TEDESCO TESTI DEI QUESITI Storia 1. Che cosa stabiliva il patto Molotov-Ribbentrop? In quale anno fu stipulato e tra quali potenze? 2. Da quali Stati ed in quale anno fu sottoscritto il documento che prese il nome di Carta atlantica? Enucleane alcuni dei suoi principi fondamentali. 3. Nella primavera del 1944 si ebbe la cosiddetta svolta di Salerno: indica chi ne fu il promotore, spiega in che cosa consistette ed illustra quali conseguenze immediate ebbe. Matematica 1. Enunciare il teorema di esistenza degli zeri, illustrarne il significato e proporne opportuni controesempi. Verificare se la funzione f(x)= x 2-3x ne verifica le ipotesi nell intervallo [-1, 1]. 2. Illustrare il procedimento per la determinazione della retta tangente al grafico di una funzione in un suo punto di ascissa x 0. Determina la retta tangente alla funzione y = f(x) = 2x 3 x 2 + 1/x nel suo punto di ascissa x 0 = Enunciare la definizione di rapporto incrementale e di derivata di una funzione in un punto, soffermandosi sul loro significato geometrico. Inglese 1. Childhood and social criticism are the most recurring themes in the novels of Dickens. Explain the reasons of his choice. 2. What, according to the Aesthetes, was the source of all art and the role of the artist? 3. Explain the difference between the direct and the indirect interior monologue. Tedesco schrieb Heine ein Gedicht über die Weber. Können Sie einen Vergleich zwischen diesem Werk und dem gleichnamigen Drama von Hauptmann anstellen? 2. Analysieren Sie kurz das Gedicht Die schlesischen Weber von Heine. 3. Welches sind die typischen Merkmale der Romantik? Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 12

13 7. IL CONSIGLIO DI CLASSE Insegnante Maria Antonietta Francioni Materia Lingua e letteratura italiana Continuità didattica triennio 3^- 4^- 5^ Firma Maria Luisa Violini Lingua e cultura straniera 1: Inglese 3^ - 4^ - 5^ Paul David Buono Conversazione Inglese 3^- 4^ - 5^ Beatriz Dezi Turmo Silvia Mattioli Maria Del Mar Mendiola Leila Canalini Lingua e cultura straniera 2: Spagnolo Lingua e cultura straniera 2: Spagnolo Conversazione Spagnolo Lingua e cultura straniera 3: Tedesco 3^- 4^ - 5^ dal 20/03/2014 5^ 5^ Daniela Gattari Conversazione Tedesco 4^ - 5^ Norma Bitti Storia 3^ - 4^ - 5^ Elena Montesarchio Storia dal 6/03/2014 Giuseppina Turchi Filosofia 3^ - 4^ - 5^ Katia Bartolelli Biologia 3^ - 5^ Maria Letizia Scalpelli Maria Letizia Scalpelli Matematica Fisica 3^ - 5^ 4^ - 5^ anno Stefano Catalini Storia dell Arte 3^ - 4^ - 5^ Ivana Sammarini Michele Vincenzetti Scienze motorie e sportive Religione 3^ - 4^ - 5^ 3^ - 4^ - 5^ IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof.ssa Annamaria Marcantonelli) Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 13

14 APPENDICE Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 14

15 PROGRAMMI SVOLTI DISCIPLINA DI INSEGNAMENTO: ITALIANO ORE SETTIMANALI: 4 TESTI DI RIFERIMENTO: Baldi- Giusso- Razzetti- Zaccaria Il libro della letteratura Volumi 2, 3/1, 3/2. Alcuni testi, non contenuti nell antologia, sono stati forniti in fotocopia o scaricati on line dal sito Digilibro della casa editrice Paravia. D. Alighieri:Paradiso. INSEGNANTE: Maria Antonietta Francioni Presentazione della classe, obiettivi raggiunti, metodologia dell'insegnamento: Gli alunni hanno mostrato attenzione ed interesse per tutte le tematiche affrontate, che sono state sempre proposte attraverso romanzi, brani, poesie ed opere significative, per conoscere gli autori e i movimenti letterari. E stata sempre privilegiata, infatti, la lettura, con analisi e commento di tutti i brani, le liriche e i romanzi sotto riportati Le conoscenze mediamente risultano discrete grazie all'impegno crescente, alla disponibilità all'ascolto e alla fattiva partecipazione al dialogo scolastico. Alcuni discenti, grazie alle spiccate capacità critiche, alle conoscenze precise e all applicazione costante, hanno raggiunto ottimi livelli. Un buon gruppo attesta il suo profitto su valori buoni e discreti. Tutti gli allievi hanno comunque evidenziato una positiva evoluzione rispetto al livello di partenza. Gli obiettivi, prefissati nella programmazione iniziale, sono stati conseguiti, in modo diversificato, da tutti gli alunni, grazie anche alla fattiva collaborazione con la docente. Per la valutazione si è tenuto conto delle conoscenze, delle abilità, delle capacità, del miglioramento rispetto ai livelli di partenza, dell'interesse e della curiosità culturale, valorizzati nella partecipazione alle varie attività scolastiche: concorsi, visite di istruzione, stage, e convegni. Contenuti: La lettura diretta di brani, romanzi e poesie è stata finalizzata alla più ampia conoscenza possibile dell autore studiato. Romanticismo: Coordinate storico-culturali. A. Manzoni: vita, opere e poetica: Inni sacri; Tragedie: Il conte di Carmagnola, Adelchi (morte di Ermengarda; atto quarto). Odi: Il cinque maggio; Romanzo: I promessi sposi: (analisi dei personaggi e dei temi fondamentali, in relazione alla poetica manzoniana). G. Leopardi: vita, pensiero e poetica. Dai Canti: L infinito, Alla luna, La sera del dì di festa, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, Il passero solitario, "Le ricordanze". Tematiche centrali della lirica La ginestra o il fiore del deserto. Dalle Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese, Dialogo di un venditore d almanacchi e di un passeggere. Dall Epistolario: lettere a Paolina. Zibaldone: temi e riflessioni centrali dell opera Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 15

16 Scapigliatura: analisi dei temi centrali e delle coordinate storico-culturali del movimento. A.Boito:Dualismo. Lezione di anatomia. I.U.Tarchetti : Fosca (l attrazione della morte) G. Carducci: vita ed evoluzione ideologico- letteraria. Dalle Rime nuove: San Martino, Pianto antico, Il comune rustico, Funere mersit acerbo, Traversando la Maremma toscana, Davanti San Guido, Sogno d estate. Dalle Odi barbare: Alla stazione in una mattina d autunno, Nella piazza di San Petronio,. Verismo : G. Verga: vita, opere, poetica. Dalle Novelle: Cavalleria rusticana, Fantasticheria, Rosso Malpelo, La Lupa, La roba, Libertà, Gli orfani, Cos'è il re", Caccia al lupo, L amante di Gramigna. Riassunto dettagliato del romanzo: I Malavoglia Decadentismo: poetica, temi, coordinate storiche e radici sociali. G. D Annunzio: vita, opere e poetica dell estetismo. Da Terra Vergine: Dalfino Dalle Laudi: La sera fiesolana, I pastori. Da Alcyone: La pioggia nel pineto, Nella belletta Il piacere: riassunto e temi del romanzo. G. Pascoli: la vita, la poetica, i temi, le innovazioni formali e le opere. -Da Myricae: Novembre, Temporale, X agosto, l assiuolo, Arano, Lavandare. -Dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno, Nebbia, Valentino, La cavalla storna, La mia sera -Da Primi poemetti: L aquilone -Dai Carmina, Tallusa -Dalle prose il fanciullino L. Pirandello: vita, opera e pensiero. - Dalle Novelle: Ciaula scopre la luna, La carriola, La patente, Il treno ha fischiato. - Saggio critico sull umorismo. - Riassunto analitico del romanzo Il fu Mattia Pascal - Visione ed analisi dell opera teatrale Così è (se vi pare). I. Svevo: vita e opere. Temi essenziali dei romanzi: Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno (La morte del padre). Crepuscolarismo: caratteri generali e sua contestualizzazione attraverso la lettura delle opere di: S. Corazzini, da Piccolo libro inutile, Desolazione del povero poeta sentimentale. G. Gozzano, dai Colloqui, La signorina Felicita ovvero la felicità (temi e contenuti essenziali), Totò Merumeni. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 16

17 Futurismo: caratteri generali e contestualizzazione attraverso la lettura delle opere di Marinetti: Manifesto del Futurismo, Manifesto tecnico della letteratura futurista, da Zang tumb tuum, Bombardamento, La poesia del Novecento: G. Ungaretti: vita ed opere Da L allegria: Veglia, I fiumi, San Martino del Carso, Mattina, Soldati, Natale, Fratelli (La guerra di Piero di Fabrizio De Andrè: temi paralleli), Il porto sepolto, In memoria, Da Il dolore: Girovago, Non gridate più U. Saba: la vita e il Canzoniere - Dal Canzoniere: A mia moglie, La capra ", Trieste, Sera di febbraio, Città vecchia, Amai, Mio padre è stato per me l assassino, Ritratto della mia bambina", Il piccolo Berto, Ulisse, Goal. S. Quasimodo: vita e opere Da Acque e terre: Ed è subito sera, Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo, "A me pare uguale agli dei, Vento a Tindari. E. Montale: vita ed opere Da Ossi di seppia: I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere, Cigola la carrucola del pozzo. Da Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto, La casa dei doganieri. Da Satura : La storia, Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. Dante Alighieri: Dal Paradiso, Canti III, VI, XI, XV, XVII, XXXIII. Sono state effettuate le seguenti letture integrali: G.Verga: I malavoglia. G.Berto:: Le opere di Dio. C.Pavese : La casa in collina. A.Moravia: Gli indifferenti. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 17

18 MATERIA LINGUA E CIVILTÁ INGLESE DOCENTE Prof. MARIA LUISA VIOLINI ORE SETTIMANALI 2+1 insegnante di conversazione LIBRI DI TESTO N. KENNY, J. NEWBROOK CAE Plus 2 with key, Pearson Education 2011 ADOTTATI GRAEME THOMSON, SILVIA MAGLIONI, Literary Hyperlinks 1-2-3, Torino 2009, Black Cat Publishing A.GALLAGHER,F.GALLUZZI, Activating Grammar Multilevel, LONGMAN, 2008 OBIETTIVI RAGGIUNTI Gli obiettivi disciplinari, specificati nella Programmazione Didattica ed Educativa iniziale, hanno subito una riduzione nei contenuti e sono stati raggiunti con livelli di competenza differenziati. CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Revisione delle principali strutture grammaticali: all tenses, passive, ifsentences, relative pronouns, direct/indirect speech, phrasel verbs, idioms. Preparazione alla certificazione CAE. THE AUGUSTAN AGE o Historical and Social background o The rise of the middle classes o The Industrial Revolution o Literary Background o The rise of the novel in Great Britain: Defoe, Swift; Richardson, Fielding, Sterne (different kinds of novel) o Periodicals MODULO 2 THE ROMANTIC AGE HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND: o The Age of Revolutions o The Industrial Revolution o The new urban population o The French Revolution: from emancipation to terror o The Napoleonic Wars o Free trade and political repression o The right to protest o The road to reform LITERARY BACKGROUND: o Comparative Literature: Isn t it Romantic? o Poetic vision o Precursors of Romanticism: Gray and Blake o The first generation of Romantic poets: Wordsworth and Coleridge o The second generation of Romantic poets: Byron, Shelley and Keats o William Blake: Life and works Focus on the texts: Songs of Innocence and Songs of Experience Blake s symbolism A world of imagination and vision Stylistic features Focus on the text: London Selected works: Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 18

19 Infant Joy (text analysis) Infant Sorrow (text analysis) London (text analysis) o William Wordsworth: Life and works The Lyrical Ballads The Preface to the Lyrical Ballads: a poetic manifesto Focus on the texts: I Wandered Lonely as a Cloud Selected works: I Wandered Lonely as a Cloud (text analysis) o Jonh Keats: Life and works Keats s aesthetics Focus on the text: Ode on a Grecian Urn The price of eternity Selected works: Ode on a Grecian Urn (text analysis) o The novel in the Romantic Age: The Gothic Novel (general features) The Novel of Manners (general features) The Historical Novel (general features) o Mary Shelley: Life and works Focus on the text: Frankenstein The plot Interpretation Selected works: Frankenstein, What was I? (text analysis) Frankestein (vision del film in lingua) MODULO 3 THE VICTORIAN AGE HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND: o Economy and society o The growth of industrial cities o The pressure for reform o Technological innovation o The communication revolution o The cost of living o Poverty and Poor Laws o Managing the empire o The Victorian ideal o The late Victorian period o A time of new ideas o The impact of Darwin s theories LITERARY BACKGROUND: o The Victorian Novel: A mirror of life o Early Victorian novelists (Charles Dickens) o Women s voices (The Brontë sisters) o Edgar Allan Poe: Life and works A master of the short story Logic and hallucination Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 19

20 MODULO 4 Focus on the text: The Oval Portrait The work of art between reality and dream Art as a vampire Selected works: The Oval Portrait (text analysis) o Charles Dickens: Life and works Focus on the text: Great Expectations The plot Features Selected works: I ve made a gentleman on you (text analysis) o Aestheticism and Decadence (main features) o Oscar Wilde: Life and works Focus on the text: The Picture of Dorian Gray The preface The plot The exchange of art and life Truth and beauty A picture within the picture o Selected works: The Picture of Dorian Gray (Level B2.2) The Picture of Dorian Gray (Teatro Don Bosco, Macerata) THE AGE OF MODERNISM o The last days of Victorian optimism o Suffragettes and the right to vote o Imperial rivalry o World War I o Total war o The Russian Revolution o Steps to independence (Ireland) o World War II LITERARY BACKGROUND: o Modernism in Europe o Modernism and the convergence of the arts (Cultural Studies) o Modernism and the novel o The influence of mass culture o Freud s theory of the unconscious o The influence of Bergson o William James and the idea of consciousness o James Joice: Life and works Epiphanies Dubliners Focus on the text: The Dead The plot Features and themes Focus on the text: Ulysses The modern anti-hero Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 20

21 The Odyssey Ulysses An odyssey in consciousness An encyclopaedic novel Selected works: The Dead His riot of emotions (text analysis) Ulysses I was thinking of so many things (text analysis) Virginia Woolf Life and works Interior time Moments of being Focus on the text: Mrs Dalloway o The plot o Features and themes Selected works: Mrs Dalloway She would not say... (text analysis) Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 21

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014/15 Profssa TERESA VOLGARINO

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza comunicativa

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: Claudia Palone CLASSE: 1A SETTORE: socio-sanitario INDIRIZZO: odontotecnico FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Franca Decolle Materia matematica e fisica N.ro ore settimanali 3+3 N.ro ore complessivamente svolte Classe 3C 1. Presentazione sintetica della classe; L attività didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G DIPARTIMENTO: ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 4 AII-ABIT - pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 4AII-4BIT CLASSE E Monte ore

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA a.s. 2015/2016 Classe IVB Prof. Genta Silvio TITOLO PIANO DI LAVORO ANNUALE OBIETTIVI TRASVERSALI Rispetto del regolamento d

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049812424 - Fax 049810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA SAPERI CONTENUTI Fisica: - La Luce - Le onde e i suoni - Meccanica (forze, leve, moti) Chimica: - Principi di chimica generale

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VIA BANFI, 24 09036 GUSPINI (VS)

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VIA BANFI, 24 09036 GUSPINI (VS) Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VIA BANFI, 24 09036 GUSPINI (VS) Codice Fiscale: 91022640923 Codice Meccanografico: CAIS02200N CAIS02200N@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli