DOCUMENTO FINALE. CLASSE 5 sez. A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE. CLASSE 5 sez. A"

Transcript

1 LICEO CLASSICO STATALE G. LEOPARDI CORSO CAVOUR MACERATA tel fax c. f con sezione associata LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE C.so Garibaldi CINGOLI tel fax Prot. n 2279 /C29 del 15/05/2014 ANNO SCOLASTICO DOCUMENTO FINALE CLASSE 5 sez. A INDIRIZZO LINGUISTICO BROCCA IL COORDINATORE (Prof.ssa Maria Luisa Violini) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof.ssa Annamaria Marcantonelli) Cingoli, 15 maggio 2014

2 I N D I C E 1. Premessa... PAG Storia e profilo della classe... PAG Attività integrative e di orientamento... PAG Obiettivi, metodi e strumenti di lavoro... PAG Criteri e strumenti di valutazione... PAG Percorsi di preparazione all Esame di Stato... PAG Il Consiglio di Classe... PAG. 13 APPENDICE A- Programmi.PAG. 15 B- Griglie di valutazione... PAG. 45 Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 2

3 1. PREMESSA Il Consiglio della classe V A, riunitosi il giorno 07 maggio 2014 alle ore 18:00 nella sede del Liceo Linguistico e delle Scienze Umane di Cingoli, operando in coerenza con: - le indicazioni e le prescrizioni del contratto formativo; - le linee di orientamento contenute nel P.O.F. dell a.s. 2013/2014; - le linee comuni definite nelle riunioni del Collegio dei Docenti e di Dipartimento tenutesi nel corso dell a.s. 2013/2014; - la pianificazione didattica dei singoli insegnanti, ha discusso, elaborato ed approvato il presente documento. 2. STORIA E PROFILO DELLA CLASSE La classe V A ha iniziato il suo percorso di studi nell a.s. 2009/2010. Il numero degli studenti è variato, anche se di poco, nel corso del quinquennio: classe I ( a.s. 2009/2010): si sono iscritti 24 alunni, 18 femmine e 6 maschi, hanno frequentato regolarmente e due allievi non sono stati ammessi alla classe successiva; classe II (a.s. 2010/2011): i 20 alunni provenienti dalla classe precedente, 16 femmine e 4 maschi, hanno frequentato regolarmente e uno non è stato ammesso alla classe successiva. classe III (a.s. 2011/2012): dei 19 alunni provenienti dalla classe seconda, una allieva ha deciso di ritirarsi perché trasferitasi. Tutti gli alunni sono stati ammessi alla classe successiva; classe IV (a.s. 2012/2013): i 18 alunni hanno frequentato regolarmente e sono stati ammessi alla classe successiva; classe V (a.s. 2013/2014): la classe dunque risulta attualmente composta da un totale di 17 alunni, 14 femmine e 3 maschi poiché una allieva si è ritirata all inizio dell anno scolastico perché trasferitasi. Nell anno scolastico la sezione A è stata articolata con la sezione B per le discipline comuni. Tali vicende hanno influito relativamente poco sulle dinamiche interne della classe che si è sempre mostrata corretta, attenta ed interessata e abbastanza partecipe nell ambito del dialogo educativo sia nelle discipline comuni che in quelle di indirizzo. Nella relazione con i docenti la classe ha acquistato, nel corso degli anni, un comportamento sostanzialmente corretto e disponibile. Per quanto riguarda il raggiungimento degli obiettivi disciplinari (COGNITIVI), la classe risulta eterogenea sia sul piano dell impegno che del profitto. Alcuni alunni si dimostrano vivaci intellettualmente, capaci di sostenere dialoghi su argomenti di attualità, di analizzare criticamente e problematizzare le questioni proposte e hanno maturato una metodologia autonoma, economica ed efficace nello studio. Queste competenze si sono tradotte nel possesso di conoscenze di livello mediamente discreto con punte di eccellenza. Ci sono, infine, alcuni alunni con incertezze contenutistiche e metodologiche, ma che hanno raggiunto un profitto mediamente sufficiente in tutte le discipline, grazie ad un maggior impegno. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 3

4 3. ATTIVITÀ INTEGRATIVE E DI ORIENTAMENTO Le attività integrative rientranti nel curriculum riservato all Istituzione scolastica si suddividono in due categorie: i progetti, i viaggi di istruzione e le visite guidate. Nel corso del quinquennio la classe è stata coinvolta in svariati progetti di approfondimento disciplinare o multidisciplinare: - Progetto Comenius (I,II anno) - Progetto Leonardo (III, IV anno) - Certificazione PET, CAE STUDENTE PET CAE 1. BORSINI BEATRICE 2. BUSCHITTARI FEDERICA 3. CORTI TANIA 4. COSTARELLI ILENIA 5. DISTEFANO LUCIA ALESSIA 6. EBANINI DANIELA 7. FABRIZI CATERINA 8. FOGANTE ALESSANDRA 9. GRASSELLI GIACOMO 10. MARCHEGIANI GAIA 11. OMBROSI CHIARA 12. PALPACELLI LISA 13. PELAGAGGE MICHELA 14. RENZI CLAUDIA 15. SAXELBY KRISTINA 16. URBANI EDOARDO 17. VALENTI NICOLA - Giochi matematici - Progetto di fisica: Un aula senza pareti al parco tematico di Mirabilandia (III anno) - Progetto FAI (III anno) - Progetto Alternanza Scuola Lavoro (IV anno) - Partecipazione attiva al Convegno organizzato dalla Commissione Pari opportunità su tema Mai più violenza sulle donne (IV, V anno) - Partecipazione alla gara High School Game organizzata dal MIUR. - Progetto cinema italiano David di Donatello - Partecipazione all attività laboratoriale organizzata dalla Direzione dell Arena Sferisterio di Macerata. - Progetti locali: partecipazione a concorsi indetti dalle associazioni locali: S. Esuperanzio e Accademia Labiena. - Viaggi-studio nel periodo della settimana alternativa, Valencia o Londra (I anno),londra o Granada (II anno), Edimburgo o Barcellona (III anno), Dublino (IV anno), Granada o Londra (V anno). Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 4

5 - Teatro in lingua spagnola (tutti gli anni di corso) Don Qujote de la Mancha ( a.s ) - Teatro in lingua inglese (tutti gli anni di corso) The Picture of Dorian Gray (a.s ); Per le visite guidate e i viaggi di istruzione sono state scelte mete legate ai programmi svolti nelle varie discipline, con particolare attenzione all ambito storico-artistico. - Classe III Roma Palazzo Montecitorio - Classe V Mauthausen -Vienna- Praga (una settimana). Durante il quarto e il quinto anno di corso la classe ha partecipato ad incontri ed uscite legate all orientamento universitario quali: - Classe IV: incontri con il C.I.O.F (Centro per l impiego) organizzati dalla Camera di Commercio di Macerata; ORIENTAGIOVANI, giornata organizzata dalla Confindustria. - Classe V: individualmente o a piccoli gruppi e a seconda degli interessi, gli alunni hanno partecipato alle giornate di orientamento organizzate dalle Università della regione Marche ed Emilia Romagna. Incontri di orientamento con gli Atenei regionali. 4. OBIETTIVI GENERALI TRASVERSALI OBIETTIVI TRASVERSALI Comportamentali Essere consapevole dell importanza del rispetto delle norme (Regolamento, ecc) Rispettare le scadenze e gli impegni programmati Lavorare con impegno per superare le difficoltà e migliorare i risultati Strategie comuni per il raggiungimento degli obiettivi comportamentali - Analisi e condivisione del regolamento di Istituto - Lavorare sulle norme costituzionali - Favorire il rispetto dell ambiente scolastico, nelle sue cose e persone. - Sollecitare alla puntualità dell esecuzione del proprio lavoro - Favorire l organizzazione degli impegni scolastici con scadenze e prove scritte. - Sollecitare al dialogo corretto e partecipativo in classe - Potenziare il lavoro di cooperative learning OBIETTIVI TRASVERSALI COGNITIVI (conoscenza, abilità, competenza) E STRATEGIE COMUNI PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI COGNITIVI Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 5

6 COGNITIVI CONOSCENZA Lo studente dovrà: saper recepire, trattenere e richiamare informazioni utilizzando le appropriate strategie. ABILITA Lo studente dovrà: saper utilizzare un lessico specifico ed adeguato articolando il discorso secondo un piano coerente, pertinente e consequenziale; saper produrre vari tipi di testo con coerenza e correttezza ortografico/ sintattica e con l uso di linguaggi specifici; saper dedurre per analogie; saper effettuare collegamenti nell ambito della stessa disciplina e di discipline affini; saper classificare argomenti COMPETENZA Lo studente dovrà: saper separare gli elementi o le parti costitutive di una comunicazione; saper confrontare temi secondo prospettive pluridisciplinari; saper riorganizzare le conoscenze e le procedure acquisite e rielaborarle in maniera personale; saper analizzare situazioni note o non e interpretarle; saper produrre schemi e conclusioni; saper formulare giudizi sul valore dei materiali e dei metodi utilizzati per un determinato scopo STRATEGIE COMUNI Saper individuare le definizioni sul libro di testo Fornire indicazioni per un efficace presa di appunti Far individuare in un testo le principali informazioni Far formulare domande su temi fondamentali Utilizzare grafici, schemi, tabelle, mappe Esigere precisione espositiva Abituare a ricercare le parole chiave Inserire (anche nelle prove di tipo prevalentemente applicativo) esercizi di scrittura Stimolare all individuazione delle analogie e delle diversità nell ambito di un determinato nucleo tematico Fornire indicazioni sui modelli più idonei da utilizzare in relazione al tipo di produzione richiesta Abituare all ordine nell utilizzo degli strumenti didattici Considerare l ordine e la precisione nelle prove scritte quali indicatori per la misurazione degli elaborati Utilizzo sistematico del linguaggio specifico. Correggere sistematicamente i compiti assegnati e analizzare gli errori commessi nelle prove svolte in classe Abituare a sintetizzare costruendo semplici mappe o producendo schemi, riassunti, ecc. Produrre elaborati in chiave pluridisciplinare e contenenti riflessioni critiche. Abituare a riflettere sui processi utilizzati per una produzione personale. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 6

7 ITALIANO STORIA INGLESE SPAGNOLO TEDESCO FILOSOFIA MATEMATICA FISICA BIOLOGIA RELIGIONE SCIENZE MOT. ARTE METODI E STRUMENTI DI LAVORO Metodi Lezione frontale x x x x Lezione interattiva x x x x Esercitazione guidata x x Discussione guidata x x x x Problem Solving x x Ricerche svolte a gruppi (o individualmente) e presentate in classe Procedere per UU.DD. x Uso sistematico libro di testo Uso di appunti, fotocopie e dispense Simulazione prove esame di stato Attività di autocorrezione, correzione comune e discussione degli elaborati Individuazione dei nodi concettuali dell argomento oggetto di studio e schematizzazione in mappe concettuali x x x x x Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 7

8 ITALIANO STORIA INGLESE SPAGNOLO. TEDESCO FILOSOFIA MATEMATICA FISICA BIOLOGIA RELIGIONE SCIENZE MOT ARTE TIPOLOGIE DI PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE IN OGNI MATERIA (formative e sommative) Tipologie di verifiche Prove strutturate Prove semistrutturate x Trattazione sintetica di argomenti x x Quesiti a risposta singola x Sviluppo progetti Analisi e commento testi x Interrogazioni brevi e lunghe x Altre prove tipiche delle diverse discipline x 5. CRITERI DI VALUTAZIONE E INDICI DI MISURAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PROVE SCRITTE PROVE ORALI ALTRE PROVE Indicatori Indicatori indicatori 1. Correttezza espositiva 2. Conoscenza corretta e completa dei contenuti specifici 3. Aderenza dei contenuti alla traccia 4. Applicazione corretta e completa delle procedure acquisite 1. Correttezza espositiva 2. Conoscenza degli argomenti 3. Identificazione di ipotesi e conclusioni 4. Individuazione delle connessioni tra argomenti disciplinari Si fa riferimento alle programmazioni disciplinari dei singoli docenti Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 8

9 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E COMPETENZE FASCE INDICATORI VOTO 9-10 Conoscenze Competenze DESCRITTORI L alunno ha conoscenze ampie, approfondite e rielaborate in modo personale. Comprende i concetti con sicurezza e riesce a dare profondità alle proprie analisi in modo autonomo e personale. 8 Conoscenze Competenze L alunno ha conoscenze complete e articolate. Comprende i concetti con sicurezza e li utilizza in compiti complessi scegliendo le tecniche e procedimenti più adeguati. 7 Conoscenze Competenze 6 Conoscenze Competenze 5 Conoscenze Competenze 4 Conoscenze Competenze 1-3 Conoscenze Competenze L alunno ha conoscenze ampie ma non sempre criticamente approfondite. Comprende i concetti con facilità li utilizza in compiti anche complessi con qualche imprecisione. L alunno ha conoscenze limitate agli obiettivi fondamentali, non approfondite. Concetti generalmente compresi utilizzati per l esecuzione di compiti non complessi. L alunno ha conoscenze superficiali, limitate, talvolta errate. Concetti non sempre compresi e utilizzati per l esecuzione di compiti semplici, con qualche errore. L alunno ha conoscenze superficiali, frammentarie, errate. Concetti compresi confusamente, li utilizza applicandoli in modo errato. L alunno non ha conoscenze. Non comprende e non applica le conoscenze che gli vengono comunicate. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 9

10 6. PERCORSI DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO PRIMA E SECONDA PROVA SCRITTA Sia per la prova scritta di Italiano che per quelle di Lingue Straniere gli alunni hanno affrontato, nelle verifiche scritte svolte in classe, le varie tipologie indicate dal Ministero, come sopra elencato. Sono inoltre state concordate in sede di Consiglio di Classe le date delle simulazioni sia della prima che della seconda prova da svolgersi nell arco di una intera mattinata durante l ultima settimana del mese di maggio. TERZA PROVA SCRITTA Per l organizzazione delle simulazioni della terza prova scritta i criteri scelti dal Consiglio di Classe sono: - scelta della tipologia B (quesiti a risposta singola); - svolgimento di una simulazione per ciascun quadrimestre; - n. 4 discipline per ciascuna simulazione, n. 3 quesiti per ciascuna disciplina; - lunghezza della risposta: 8 10 righe; - avvicendamento delle discipline in ciascuna simulazione; - durata della prova: tre ore. - Per la prova di lingua straniera e stato consentito l uso del dizionario bilingue. SIMULAZIONE PROVA ORALE È stata concordata la data di simulazione della prova orale da svolgersi in orario pomeridiano nel mese di giugno. Le discipline interessate saranno scelte tra quelle individuate come materie d esame. PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Data: 19 dicembre 2013 Discipline coinvolte: - INGLESE - SPAGNOLO - FILOSOFIA - BIOLOGIA TESTI DEI QUESITI Inglese 1. Explain the role of poetry during the Romantic period. 2. Talk about Blake s symbolism. 3. Explain the process of the poetic creation in Wordsworth. Spagnolo Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 10

11 1. Cuál es la situación del reinado en España durante toda la época del Romanticismo y sus consecuencias? 2. Bécquer Rimas : redacta un texto de 8 líneas apróximadamente 3. Analiza la obra teniendo en cuenta los siguientes aspectos: título, autor, cronología, estilo, técnica, tema y descripción formal (composición, perspectiva, luz y color). Filosofia 1. In che senso, per Hegel, la dialettica è legge ontologica e legge logica? 2. In che modo lo scetticismo supera lo stoicismo e in quale figura viene a sua volta superato? Indica sinteticamente in quale momento dello sviluppo dello Spirito si trovano le figure citate e descrivine il contenuto. 3. Qual è il fine ultimo della storia del mondo e come opera in essa l astuzia della ragione? Biologia 1. Descrivi quali sono i modi con cui si crea variabilità genetica all interno di una popolazione e qual è la sua importanza dal punto di vista evolutivo. 2. Perché la selezione naturale, favorendo le varietà più adatte, non ha ridotto nel tempo la variabilità degli esseri viventi? 3. Descrivi i processi biologici responsabili dell ontogenesi dell essere umano. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 11

12 SECONDA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Data: 12 maggio 2014 Discipline coinvolte: - STORIA - MATEMATICA - INGLESE - TEDESCO TESTI DEI QUESITI Storia 1. Che cosa stabiliva il patto Molotov-Ribbentrop? In quale anno fu stipulato e tra quali potenze? 2. Da quali Stati ed in quale anno fu sottoscritto il documento che prese il nome di Carta atlantica? Enucleane alcuni dei suoi principi fondamentali. 3. Nella primavera del 1944 si ebbe la cosiddetta svolta di Salerno: indica chi ne fu il promotore, spiega in che cosa consistette ed illustra quali conseguenze immediate ebbe. Matematica 1. Enunciare il teorema di esistenza degli zeri, illustrarne il significato e proporne opportuni controesempi. Verificare se la funzione f(x)= x 2-3x ne verifica le ipotesi nell intervallo [-1, 1]. 2. Illustrare il procedimento per la determinazione della retta tangente al grafico di una funzione in un suo punto di ascissa x 0. Determina la retta tangente alla funzione y = f(x) = 2x 3 x 2 + 1/x nel suo punto di ascissa x 0 = Enunciare la definizione di rapporto incrementale e di derivata di una funzione in un punto, soffermandosi sul loro significato geometrico. Inglese 1. Childhood and social criticism are the most recurring themes in the novels of Dickens. Explain the reasons of his choice. 2. What, according to the Aesthetes, was the source of all art and the role of the artist? 3. Explain the difference between the direct and the indirect interior monologue. Tedesco schrieb Heine ein Gedicht über die Weber. Können Sie einen Vergleich zwischen diesem Werk und dem gleichnamigen Drama von Hauptmann anstellen? 2. Analysieren Sie kurz das Gedicht Die schlesischen Weber von Heine. 3. Welches sind die typischen Merkmale der Romantik? Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 12

13 7. IL CONSIGLIO DI CLASSE Insegnante Maria Antonietta Francioni Materia Lingua e letteratura italiana Continuità didattica triennio 3^- 4^- 5^ Firma Maria Luisa Violini Lingua e cultura straniera 1: Inglese 3^ - 4^ - 5^ Paul David Buono Conversazione Inglese 3^- 4^ - 5^ Beatriz Dezi Turmo Silvia Mattioli Maria Del Mar Mendiola Leila Canalini Lingua e cultura straniera 2: Spagnolo Lingua e cultura straniera 2: Spagnolo Conversazione Spagnolo Lingua e cultura straniera 3: Tedesco 3^- 4^ - 5^ dal 20/03/2014 5^ 5^ Daniela Gattari Conversazione Tedesco 4^ - 5^ Norma Bitti Storia 3^ - 4^ - 5^ Elena Montesarchio Storia dal 6/03/2014 Giuseppina Turchi Filosofia 3^ - 4^ - 5^ Katia Bartolelli Biologia 3^ - 5^ Maria Letizia Scalpelli Maria Letizia Scalpelli Matematica Fisica 3^ - 5^ 4^ - 5^ anno Stefano Catalini Storia dell Arte 3^ - 4^ - 5^ Ivana Sammarini Michele Vincenzetti Scienze motorie e sportive Religione 3^ - 4^ - 5^ 3^ - 4^ - 5^ IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof.ssa Annamaria Marcantonelli) Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 13

14 APPENDICE Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 14

15 PROGRAMMI SVOLTI DISCIPLINA DI INSEGNAMENTO: ITALIANO ORE SETTIMANALI: 4 TESTI DI RIFERIMENTO: Baldi- Giusso- Razzetti- Zaccaria Il libro della letteratura Volumi 2, 3/1, 3/2. Alcuni testi, non contenuti nell antologia, sono stati forniti in fotocopia o scaricati on line dal sito Digilibro della casa editrice Paravia. D. Alighieri:Paradiso. INSEGNANTE: Maria Antonietta Francioni Presentazione della classe, obiettivi raggiunti, metodologia dell'insegnamento: Gli alunni hanno mostrato attenzione ed interesse per tutte le tematiche affrontate, che sono state sempre proposte attraverso romanzi, brani, poesie ed opere significative, per conoscere gli autori e i movimenti letterari. E stata sempre privilegiata, infatti, la lettura, con analisi e commento di tutti i brani, le liriche e i romanzi sotto riportati Le conoscenze mediamente risultano discrete grazie all'impegno crescente, alla disponibilità all'ascolto e alla fattiva partecipazione al dialogo scolastico. Alcuni discenti, grazie alle spiccate capacità critiche, alle conoscenze precise e all applicazione costante, hanno raggiunto ottimi livelli. Un buon gruppo attesta il suo profitto su valori buoni e discreti. Tutti gli allievi hanno comunque evidenziato una positiva evoluzione rispetto al livello di partenza. Gli obiettivi, prefissati nella programmazione iniziale, sono stati conseguiti, in modo diversificato, da tutti gli alunni, grazie anche alla fattiva collaborazione con la docente. Per la valutazione si è tenuto conto delle conoscenze, delle abilità, delle capacità, del miglioramento rispetto ai livelli di partenza, dell'interesse e della curiosità culturale, valorizzati nella partecipazione alle varie attività scolastiche: concorsi, visite di istruzione, stage, e convegni. Contenuti: La lettura diretta di brani, romanzi e poesie è stata finalizzata alla più ampia conoscenza possibile dell autore studiato. Romanticismo: Coordinate storico-culturali. A. Manzoni: vita, opere e poetica: Inni sacri; Tragedie: Il conte di Carmagnola, Adelchi (morte di Ermengarda; atto quarto). Odi: Il cinque maggio; Romanzo: I promessi sposi: (analisi dei personaggi e dei temi fondamentali, in relazione alla poetica manzoniana). G. Leopardi: vita, pensiero e poetica. Dai Canti: L infinito, Alla luna, La sera del dì di festa, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, Il passero solitario, "Le ricordanze". Tematiche centrali della lirica La ginestra o il fiore del deserto. Dalle Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese, Dialogo di un venditore d almanacchi e di un passeggere. Dall Epistolario: lettere a Paolina. Zibaldone: temi e riflessioni centrali dell opera Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 15

16 Scapigliatura: analisi dei temi centrali e delle coordinate storico-culturali del movimento. A.Boito:Dualismo. Lezione di anatomia. I.U.Tarchetti : Fosca (l attrazione della morte) G. Carducci: vita ed evoluzione ideologico- letteraria. Dalle Rime nuove: San Martino, Pianto antico, Il comune rustico, Funere mersit acerbo, Traversando la Maremma toscana, Davanti San Guido, Sogno d estate. Dalle Odi barbare: Alla stazione in una mattina d autunno, Nella piazza di San Petronio,. Verismo : G. Verga: vita, opere, poetica. Dalle Novelle: Cavalleria rusticana, Fantasticheria, Rosso Malpelo, La Lupa, La roba, Libertà, Gli orfani, Cos'è il re", Caccia al lupo, L amante di Gramigna. Riassunto dettagliato del romanzo: I Malavoglia Decadentismo: poetica, temi, coordinate storiche e radici sociali. G. D Annunzio: vita, opere e poetica dell estetismo. Da Terra Vergine: Dalfino Dalle Laudi: La sera fiesolana, I pastori. Da Alcyone: La pioggia nel pineto, Nella belletta Il piacere: riassunto e temi del romanzo. G. Pascoli: la vita, la poetica, i temi, le innovazioni formali e le opere. -Da Myricae: Novembre, Temporale, X agosto, l assiuolo, Arano, Lavandare. -Dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno, Nebbia, Valentino, La cavalla storna, La mia sera -Da Primi poemetti: L aquilone -Dai Carmina, Tallusa -Dalle prose il fanciullino L. Pirandello: vita, opera e pensiero. - Dalle Novelle: Ciaula scopre la luna, La carriola, La patente, Il treno ha fischiato. - Saggio critico sull umorismo. - Riassunto analitico del romanzo Il fu Mattia Pascal - Visione ed analisi dell opera teatrale Così è (se vi pare). I. Svevo: vita e opere. Temi essenziali dei romanzi: Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno (La morte del padre). Crepuscolarismo: caratteri generali e sua contestualizzazione attraverso la lettura delle opere di: S. Corazzini, da Piccolo libro inutile, Desolazione del povero poeta sentimentale. G. Gozzano, dai Colloqui, La signorina Felicita ovvero la felicità (temi e contenuti essenziali), Totò Merumeni. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 16

17 Futurismo: caratteri generali e contestualizzazione attraverso la lettura delle opere di Marinetti: Manifesto del Futurismo, Manifesto tecnico della letteratura futurista, da Zang tumb tuum, Bombardamento, La poesia del Novecento: G. Ungaretti: vita ed opere Da L allegria: Veglia, I fiumi, San Martino del Carso, Mattina, Soldati, Natale, Fratelli (La guerra di Piero di Fabrizio De Andrè: temi paralleli), Il porto sepolto, In memoria, Da Il dolore: Girovago, Non gridate più U. Saba: la vita e il Canzoniere - Dal Canzoniere: A mia moglie, La capra ", Trieste, Sera di febbraio, Città vecchia, Amai, Mio padre è stato per me l assassino, Ritratto della mia bambina", Il piccolo Berto, Ulisse, Goal. S. Quasimodo: vita e opere Da Acque e terre: Ed è subito sera, Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo, "A me pare uguale agli dei, Vento a Tindari. E. Montale: vita ed opere Da Ossi di seppia: I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere, Cigola la carrucola del pozzo. Da Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto, La casa dei doganieri. Da Satura : La storia, Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. Dante Alighieri: Dal Paradiso, Canti III, VI, XI, XV, XVII, XXXIII. Sono state effettuate le seguenti letture integrali: G.Verga: I malavoglia. G.Berto:: Le opere di Dio. C.Pavese : La casa in collina. A.Moravia: Gli indifferenti. Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 17

18 MATERIA LINGUA E CIVILTÁ INGLESE DOCENTE Prof. MARIA LUISA VIOLINI ORE SETTIMANALI 2+1 insegnante di conversazione LIBRI DI TESTO N. KENNY, J. NEWBROOK CAE Plus 2 with key, Pearson Education 2011 ADOTTATI GRAEME THOMSON, SILVIA MAGLIONI, Literary Hyperlinks 1-2-3, Torino 2009, Black Cat Publishing A.GALLAGHER,F.GALLUZZI, Activating Grammar Multilevel, LONGMAN, 2008 OBIETTIVI RAGGIUNTI Gli obiettivi disciplinari, specificati nella Programmazione Didattica ed Educativa iniziale, hanno subito una riduzione nei contenuti e sono stati raggiunti con livelli di competenza differenziati. CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Revisione delle principali strutture grammaticali: all tenses, passive, ifsentences, relative pronouns, direct/indirect speech, phrasel verbs, idioms. Preparazione alla certificazione CAE. THE AUGUSTAN AGE o Historical and Social background o The rise of the middle classes o The Industrial Revolution o Literary Background o The rise of the novel in Great Britain: Defoe, Swift; Richardson, Fielding, Sterne (different kinds of novel) o Periodicals MODULO 2 THE ROMANTIC AGE HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND: o The Age of Revolutions o The Industrial Revolution o The new urban population o The French Revolution: from emancipation to terror o The Napoleonic Wars o Free trade and political repression o The right to protest o The road to reform LITERARY BACKGROUND: o Comparative Literature: Isn t it Romantic? o Poetic vision o Precursors of Romanticism: Gray and Blake o The first generation of Romantic poets: Wordsworth and Coleridge o The second generation of Romantic poets: Byron, Shelley and Keats o William Blake: Life and works Focus on the texts: Songs of Innocence and Songs of Experience Blake s symbolism A world of imagination and vision Stylistic features Focus on the text: London Selected works: Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 18

19 Infant Joy (text analysis) Infant Sorrow (text analysis) London (text analysis) o William Wordsworth: Life and works The Lyrical Ballads The Preface to the Lyrical Ballads: a poetic manifesto Focus on the texts: I Wandered Lonely as a Cloud Selected works: I Wandered Lonely as a Cloud (text analysis) o Jonh Keats: Life and works Keats s aesthetics Focus on the text: Ode on a Grecian Urn The price of eternity Selected works: Ode on a Grecian Urn (text analysis) o The novel in the Romantic Age: The Gothic Novel (general features) The Novel of Manners (general features) The Historical Novel (general features) o Mary Shelley: Life and works Focus on the text: Frankenstein The plot Interpretation Selected works: Frankenstein, What was I? (text analysis) Frankestein (vision del film in lingua) MODULO 3 THE VICTORIAN AGE HISTORICAL AND SOCIAL BACKGROUND: o Economy and society o The growth of industrial cities o The pressure for reform o Technological innovation o The communication revolution o The cost of living o Poverty and Poor Laws o Managing the empire o The Victorian ideal o The late Victorian period o A time of new ideas o The impact of Darwin s theories LITERARY BACKGROUND: o The Victorian Novel: A mirror of life o Early Victorian novelists (Charles Dickens) o Women s voices (The Brontë sisters) o Edgar Allan Poe: Life and works A master of the short story Logic and hallucination Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 19

20 MODULO 4 Focus on the text: The Oval Portrait The work of art between reality and dream Art as a vampire Selected works: The Oval Portrait (text analysis) o Charles Dickens: Life and works Focus on the text: Great Expectations The plot Features Selected works: I ve made a gentleman on you (text analysis) o Aestheticism and Decadence (main features) o Oscar Wilde: Life and works Focus on the text: The Picture of Dorian Gray The preface The plot The exchange of art and life Truth and beauty A picture within the picture o Selected works: The Picture of Dorian Gray (Level B2.2) The Picture of Dorian Gray (Teatro Don Bosco, Macerata) THE AGE OF MODERNISM o The last days of Victorian optimism o Suffragettes and the right to vote o Imperial rivalry o World War I o Total war o The Russian Revolution o Steps to independence (Ireland) o World War II LITERARY BACKGROUND: o Modernism in Europe o Modernism and the convergence of the arts (Cultural Studies) o Modernism and the novel o The influence of mass culture o Freud s theory of the unconscious o The influence of Bergson o William James and the idea of consciousness o James Joice: Life and works Epiphanies Dubliners Focus on the text: The Dead The plot Features and themes Focus on the text: Ulysses The modern anti-hero Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 20

21 The Odyssey Ulysses An odyssey in consciousness An encyclopaedic novel Selected works: The Dead His riot of emotions (text analysis) Ulysses I was thinking of so many things (text analysis) Virginia Woolf Life and works Interior time Moments of being Focus on the text: Mrs Dalloway o The plot o Features and themes Selected works: Mrs Dalloway She would not say... (text analysis) Documento del Consiglio di Classe 5a pag. 21

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli