DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. 5 Ap

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. 5 Ap"

Transcript

1 LICEO CLASSICO STATALE CAGNAZZI piazza Zanardelli, ALTAMURA (BA) C.R.S.P. (Centro Risorse Servizi Professionali per la formazione docenti) Rete EWHUM (european world humanism) Codice Fiscale Pref. 080 (tel.) (fax) EWHU M DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5 Ap 15 MAGGIO 2013

2 CONSIGLIO DELLA CLASSE ITALIANO E LATINO: Maria Tucci STORIA: Annunziata Tafuno METODOLOGIA DELLA RICERCA: Maria F. Tirelli FILOSOFIA E PEDAGOGIA: Vincenzo Rinaldi MATEMATICA: Mariantonietta Gorgoglione BIOLOGIA: Giuseppe Dachille LINGUA E CIVILTA INGLESE: Tiziana Tragni DISEGNO E STORIA DELL ARTE: Antonio Marroccoli LEGISLAZIONE SOCIALE: Carmela Squicciarini EDUCAZIONE FISICA: Angela Geronimo RELIGIONE: Antonio Amatulli A CONFERMA DEL REALE SVOLGIMENTO DEI PROGRAMMI IN ALLEGATO GLI ALUNNI IL PRESIDE Prof. Biagio Clemente 2

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe 5A è costituita da 18 studentesse, di cui sei pendolari, tutte provenienti dallo stesso nucleo formatosi nella classe prima di questo Liceo. Le studentesse appartengono ad ambiti familiari socialmente e culturalmente diversificati e questo ha rappresentato una risorsa per la costruzione di relazioni positive sia fra le alunne che con i docenti. Anche le inevitabili tensioni e micro conflittualità relazionali sono state superate attraverso il dialogo ed il confronto dialettico di opinioni. Nel corso dei cinque anni, il team dei docenti, per buona parte delle discipline, è cambiato e, in questo anno scolastico, oltre all avvicendamento di quattro docenti si è aggiunta, fra questi, la sostituzione del professore di biologia dalla metà di febbraio. Il tournover non ha consentito quella continuità didattica, metodologica e relazionale, fondamentale in ogni relazione educativa in contesti di apprendimento. Ciò ha richiesto continui adattamenti da parte delle studentesse e dei docenti, che, per alcune discipline, hanno dovuto recuperare nuclei tematici pregressi, rallentando, in alcuni casi, o accelerando, in altri, lo svolgimento dei programmi. Benché le studentesse si siano sentite in affanno nel mantenere il ritmo di studio, per la maggior parte hanno mostrato senso di responsabilità e impegno nel perseguire l obiettivo finale. Per qualche disciplina, in particolare, le difficoltà di adattamento alle nuove metodologie didattiche, al ritmo di studio e di impegno conseguenti si sono protratte per buona parte dell anno scolastico rendendo meno agevole il percorso di acquisizione delle specifiche competenze disciplinari. Grazie alle continue sollecitazioni, incoraggiamenti ed interventi individualizzati da parte dei docenti è stato possibile recuperare le studentesse più fragili e ristabilire una equilibrata dinamica relazionale e di apprendimento. Dopo un primo e giustificato senso di disorientamento, per la necessità di riorganizzare il campo cognitivo e relazionale, le studentesse hanno, sia pure con intensità diversa, accolto la novità rappresentata dai nuovi insegnanti e dalle loro impostazioni didattiche e hanno cercato un rapporto di lavoro proficuo. Per alcune studentesse, maggiori difficoltà di adattamento e di approfondimento sono state incontrate nelle discipline di inglese e di storia, che prevedono il raggiungimento di competenze logiche e linguistiche specifiche. La frequenza scolastica è stata piuttosto regolare per la maggior parte delle alunne, solo per alcune più discontinua, benché motivata. La partecipazione al dialogo educativo è stata vivace e costruttiva, evidenziando forte personalità, maturità e senso critico da parte di un discreto numero di studentesse. I docenti hanno continuamente incoraggiato la maturazione civile, intellettuale e culturale delle studentesse attraverso le richieste di una sempre maggiore autonomia nel lavoro a scuola e a casa, di concentrazione sull attività didattica, di partecipazione alle attività extracurriculari e di vivere la lezione scolastica non con una funzione di semplice ascolto ma come scoperta, curiosità, apertura alle problematiche sociali e culturali del nostro tempo. 3

4 Le studentesse hanno prevalentemente mantenuto un atteggiamento di apertura al dialogo e al confronto che però in alcuni momenti della vita scolastica e/o per alcune discipline è stato fortemente critico. Il clima scolastico, pertanto, è stato turbato da qualche episodio di forte intensità dialettica fra le alunne e, in qualche caso, tra le stesse ed i docenti; subito rientrato grazie alla determinazione e volontà dei docenti e delle studentesse di ristabilire un clima collaborativo in funzione degli obiettivi concordati. Quanto al rendimento, nel complesso, gli sforzi della classe sono stati sufficientemente ripagati da un comportamento più responsabile da parte delle alunne più deboli che hanno affrontato con impegno il loro lavoro, cercando di raggiungere gli obiettivi richiesti e da un comportamento più propositivo e fattivo da parte delle allieve più dotate che hanno dimostrato una buona autonomia. Dal punto di vista intellettivo e culturale la classe, nel quinquennio, ha compiuto un significativo progresso nel processo di formazione e di apprendimento, con le dovute differenziazioni per le caratteristiche cognitive e di personalità individuali. Risultati migliori si sono registrati nelle discipline di indirizzo e, più generalmente, in quelle dell area umanistica rispetto a quella storica e linguistica. Per la lingua inglese, in particolare, si registrano insicurezze nella produzione verbale; per la storia, invece, si registra una propensione alla elaborazione concettuale globale piuttosto che analitica (si rimanda alle relazioni conclusive di ogni singolo docente). La classe presenta un buon gruppo di alunne mature e responsabili che evidenziano interesse ed attaccamento allo studio e serietà nell impegno con qualche vetta di eccellenza e alcuni casi di fragilità specialmente nella esposizione orale o scritta. Gli stili cognitivi sono vari così come differenziato è il rendimento sia rispetto alle singole discipline sia agli standard più generali. Accanto ad un gruppo di alunne dal profitto complessivamente buono e in qualche caso ottimo, vi è un gruppo più ampio di studentesse che si attestano su un profitto discreto ed un gruppo dal profitto complessivamente sufficiente. In termini di conoscenze, competenze e capacità, si può affermare che, al termine del corso di studi, le studentesse: - hanno, nel complesso, acquisito le conoscenze fondamentali in tutte le materie e sono, generalmente, in grado di utilizzare il lessico specifico; - sono in grado di reperire e classificare informazioni e concetti ricavabili dai libri di testo, la fascia di livello medio-alto riesce ad organizzarle in modo efficace; - hanno dimostrato autonomia e creatività nell utilizzo degli strumenti e nell ambito pratico operativo; - hanno acquisito la capacità, a livelli diversi, di trasferire efficacemente le conoscenze acquisite da un ambito disciplinare all altro; - alcune allieve hanno assimilato strategie di studio tali da consentire loro di elaborare criticamente ed in modo produttivo le conoscenze acquisite, relativamente ai diversi ambiti disciplinari. Gli interessi culturali extrascolastici di alcune alunne sono rivolti al campo del volontariato, ad attività sportive o attinenti all area di indirizzo oltre che ad iniziative di approfondimento promosse dalla scuola. 4

5 ATTIVITÀ SVOLTE DALLA CLASSE La classe, durante il triennio, ha partecipato alle seguenti attività, fruite da gruppi di alunne: Olimpiadi di Scienze, Matematica e Italiano a livello di istituto; Progetto Lauree Scientifiche presso l Università degli Studi di Bari; PON C1 di Chimica- Matematica- Diritto- Inglese; Visita al salone dello studente presso la Fiera del Levante di Bari per l orientamento universitario; Viaggio d istruzione a Barcellona; Visita alla mostra sul Tintoretto presso le scuderie del Quirinale a Roma Visita alla mostra d arte ipercontemporanea How do you feel today? - Altamura Incontro con Dacia Maraini autore del libro L amore rubato Partecipazione al programma Diverti Imparando presso gli studi televisivi di Fasano (Br) Progetto CRIT per l accoglienza ed integrazione di alunni stranieri. Concorso interno alla nostra scuola per la borsa di studio Chiara Petronella. Scambi culturali con ospitalità di studenti francesi e russi. Convegno Ripensare la traduzione dei classici - Le varie voci del Satiricon Convegno La condizione dello straniero e centri di detenzione in Italia c/o Liceo Cagnazzi Convegno Filosofia e Medicina presso l Istituto di Studi Filosofici di Napoli Progetto di istituto ABC dell alimentazione Progetto di istituto Crescere in sicurezza Rappresentazione teatrale presso il teatro S.Carlo di Napoli Progetto Comenius sul cinema con presentazione del cortometraggio presso il Lycée Emile Du Chatelet di Serris ( Parigi) PON C5 con stage a Ramsgate in Inghilterra della durata di tre settimane a conclusione delle quali le studentesse Digesù Filomena e Nuzzolese Maria Luigia hanno conseguito la certificazione Trinity 5 livello e Lorusso Alessandra la certificazione Trinity 7 livello. M.I.A. (Mobilità Individuale Alunni) presso il Lycèe Emile Du Chatelet (gennaio - aprile 2012) per la studentessa Caruso Rosanna Partecipazione agli incontri culturali del progetto Agorà Scuola Aperta 5

6 OBIETTIVI FORMATIVI E PLURIDISCIPLINARI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Gli obiettivi trasversali stabiliti nella programmazione del Consiglio di Classe e raggiunti dalle studentesse in modo diversificato, secondo il loro grado di maturità, attitudini, capacità intellettive, impegno nello studio e livello di partenza, sono i seguenti: - conoscenza dei contenuti fondamentali delle singole discipline; - capacità di operare confronti critici sulle più significative espressioni evolutive del pensiero umano; - capacità di contestualizzare un evento significativo ed inserirlo organicamente in un processo di sviluppo storico; - acquisizione di chiarezza espositiva e coerenza argomentativa, capacità di produrre testi di tipologie diverse con adeguate tecniche compositive; - maturazione di una coscienza civile, intesa come consapevolezza ed esercizio responsabile dei propri diritti e doveri in quanto componente della società; - acquisizione di abilità e competenze in funzione preparatoria a diversi ambiti di studi successivi. OBIETTIVI FORMATIVI 1. Educazione alla democrazia, 2. Educazione al rigore logico, 3. Educazione al giudizio critico, 4. Educazione alle relazioni interpersonali, 5. Curiosità e gusto per la ricerca. OBIETTIVI DIDATTICI 1. Capacità di analisi di situazioni e fatti, 2. Capacità di sintesi, astrazione e formalizzazione, 3. Capacità di organizzazione consapevole dei linguaggi, al fine di tradurre il pensiero secondo le regole dei diversi linguaggi codificati, 4. Capacità di collegare tra loro conoscenze e competenze relative alle diverse discipline. CONTENUTI Si rinvia all allegato A per l elenco analitico dei diversi contenuti disciplinari. 6

7 METODI E STRUMENTI I docenti hanno messo a disposizione degli alunni le loro competenze professionali per andare incontro alle loro esigenze formative e didattiche, ricorrendo a lezioni di approfondimento o a ulteriori spiegazioni di argomenti già trattati, semplificando temi particolarmente complessi, sapendo calibrare spiegazioni e verifiche periodiche, modulando l impegno di studio richiesto nell ambito di ciascuna disciplina in modo compatibile con le esigenze delle altre. Si sono utilizzate metodologie diverse: lezioni frontali, esercitazioni individuali e di gruppo, attività di laboratorio (ove possibile), approfondimenti su riviste e testi non scolastici. Si è cercato di dare allo svolgimento delle lezioni un impostazione attiva e dialettica, per stimolare interventi e contributi personali degli alunni, le loro capacità analitiche, sintetiche e il loro senso critico. Strumenti didattici: Libri di testo e/o appunti sulle parti teoriche ; materiali vari; pubblicazioni di settore; materiali audiovisivi; supporti informatici: CD-Rom, Internet, PowerPoint; visione di films e di documentari. Tempi: L anno scolastico è stato suddiviso in quadrimestri con due valutazioni intermedie bimestrali. Al di là delle ore di lezione spettanti alle singole discipline, sono state svolte diverse attività integrative in orario curriculare e pomeridiano. CRITERI COMUNI PER LA VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI Il conseguimento degli obiettivi di apprendimento è stato verificato: 1. mediante verifiche orali (microverifica quotidiana e colloquio in senso proprio, relazioni su letture, ricerche ecc.) 2. mediante verifiche scritte: tema, saggio breve, riassunti, commenti, analisi testuali, questionari, traduzioni, esercizi, problemi, attività di laboratorio, prove semistrutturate e strutturate. I criteri comuni di valutazione sono stati i seguenti: - conoscenze specifiche relative alle singole discipline; - collegamenti con conoscenze delle diverse discipline; - comprensione ed uso del lessico specifico; - partecipazione attiva all attività didattica; - autonomia ed approccio critico e personale allo studio. Accanto alle tradizionali verifiche, scritte e orali, sono state effettuate prove scritte secondo la tipologia della prima, seconda e terza prova d Esame di Stato. 7

8 VALUTAZIONE Per la valutazione si fa riferimento alla griglia discussa ed approvata dal Collegio dei Docenti ATTIVITA INTEGRATIVE E FORMATIVE In relazione alle attività di recupero sono state effettuate attività di recupero in itinere nei casi di difficoltà di apprendimento. Simulazione III Prova In funzione della terza prova d esame, il Consiglio di classe ha somministrato due simulazioni, di cui si allegano di seguito le tracce proposte,seguendo la tipologia A. Le due simulazioni, svolte in Tre ore, sono state eseguite: il 27/02/2013 ed il 23/04/2013. In entrambe le esercitazioni, le discipline coinvolte sono state le seguenti: Filosofia, Biologia, Latino, Inglese, Matematica. Le simulazioni della terza prova sono state valutate in quindicesimi, sulla base della seguente griglia CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA III PROVA A. Conoscenza dell argomento B. Efficacia argomentativa C. Correttezza e proprietà linguistica =Gravemente Insufficiente 2=Insufficiente 3=Mediocre 3 /4= Sufficiente 4=Discreto 4 /5=Buono 5=Ottimo Ulteriori precisazioni Il Consiglio di classe ritiene, anche con riferimento alla sentenza n 46/2010 del TAR Liguria, che si debba riservare un particolare apprezzamento per gli alunni resisi meritevoli per lavori speciali che hanno svolto. Questo ai sensi dell art. 4 comma 7 del D.P.R. 323 del 23/07/1998. In merito al credito scolastico,infine, il Consiglio di Classe motiverà individualmente la sua attribuzione sulla base delle bande di valutazione e dei criteri previsti dalla norma. Comunicazione del Consiglio di classe Per la valutazione finale di ogni alunno, ci si è attenuti alla griglia, che si allega (allegato B), concordata e condivisa da tutti i docenti all inizio dell anno scolastico e conosciuta dagli studenti. 8

9 PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA 27 febbraio 2013 Quesito di Filosofia: Illustra i temi nietzscheani della morte di Dio, dello Übermensch e dell eterno ritorno collegandoli organicamente tra loro. Quesito di Inglese: Nature is one of the most important themes analysed by the Romantic writers. Wordsworth s and Coleridge s relation with nature was influenced by the new philosophical ideas and historical events of the time. Explain this topic and the concept of nature of these two writers also referring to the texts read. Quesito di Latino: Il candidato metta in relazione le fonti e il metodo storiografico di Livio con lo scopo che l'autore latino attribuiva alla propria opera "Ab Urbe condita". Quesito di Biologia: Descrivi la circolazione sanguigna nella pompa cardiaca. Quesito di Matematica: Fornisci due esempi di limiti che si presentano nella forma indeterminata e indica la maniera per calcolarli. f ( x) Se lim f ( x) 0 e lim g( x) 0, che cosa puoi affermare sul limite lim? Motiva la risposta x x0 x x0 x x0 g( x) e fornisci due esempi di questo tipo, con valore finito e infinito del limite del prodotto. 9

10 SECONDA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA 23 aprile 2013 Quesito di Filosofia: Illustra l analitica esistenziale heideggeriana, nei suoi tratti essenziali, a partire dal termine Dasein Quesito di Inglese: Jane Eyre could be considered an anti-victorian heroine who voices the thought and the life of her alter ego Charlotte Brontë. Analyse this figure and explain the reason why she shocked the Victorian reading public. Quesito di Latino: La decadenza dell'oratoria secondo Quintiliano Quesito di Biologia: Struttura e funzione delle sinapsi. Meccanismi di azione dei neurotrasmettitori. Quesito di Matematica: Dopo aver classificato i punti di discontinuità di una funzione generica, determina e classifica quelli delle seguenti funzioni. Nel caso di un punto di discontinuità di I specie, calcola il salto della funzione in quel punto. f x 2x 4 1 x 2 f x x x 2 2 x 2 x 6 10

11 ITALIANO Allegato A Obiettivi Gli studenti hanno conseguito, secondo il livello di partenza, le doti intellettive, l impegno di studio e le attitudini, i seguenti obiettivi: -consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario come espressione delle civiltà correlata con le altre manifestazioni artistiche coeve e come forma di conoscenza del reale attraverso le vie del simbolico e dell immaginario; - conoscenza diretta dei testi più rappresentativi del patrimonio letterario italiano, considerato nel suo storico costituirsi e nel suo rapporto con le altre letterature europee; - padronanza dei metodi linguistici nella produzione orale e scritta nei diversi ambiti del sapere; - conoscenza dei metodi e degli strumenti fondamentali per l interpretazione e l analisi critica e consapevole del testo letterario; - capacità di mettere in rapporto il testo con la propria esperienza e la propria sensibilità e di esprimere un motivato giudizio critico. Criteri metodologici e strumenti Gli argomenti letterari sono state svolti sulle trame della storia della letteratura italiana, sostanzialmente fedeli alle linee guida suggerite dai vecchi Programmi Ministeriali precedenti la Riforma e finalizzati al raggiungimento sia degli obiettivi disciplinari specifici sia di quelli interdisciplinari stabiliti dal Consiglio di Classe. Il libro di testo è stato il principale supporto delle lezioni, punto nodale per l analisi e l'approfondimento di problematiche determinanti per cogliere l'evoluzione storico-letteraria nella sua dimensione organica e globale. La lettura del testo è sempre stato il punto focale di partenza per poi evidenziare prima di tutto il livello contenutistico ivi racchiuso, e successivamente passare a rilevare i valori estetici e la collocazione specifica del brano all'interno di un contesto socio-culturale di ben più vasto respiro. Gli autori più significativi della storia letteraria italiana sono stati accostati con particolare attenzione ai valori e sentimenti umani ed i lineamenti letterari della loro personalità, espressi nelle loro opere, sono stati ricondotti ad una letteratura di respiro nazionale e internazionale. Per questo ogni autore, prosatore e poeta, è stato posto in un quadro di riferimenti, sincronici e diacronici, che potessero contribuire a far cogliere gli aspetti ed i contenuti della sua produzione. La scelta antologica ha perseguito lo scopo di offrire brani che, al di là dell impegno scolastico, potessero essere lo spunto di riflessioni personali. 11

12 Criteri di verifica e di valutazione Quanto indicato negli obiettivi è stato accertato attraverso un congruo numero di verifiche scritte e orali, opportunamente predisposte e programmate. Sono state svolte, inoltre, ulteriori esercitazioni scritte svolte a casa, non solo per fornire alle studentesse maggiori possibilità di verifica delle abilità conseguite, ma anche per venire incontro a coloro che avevano ancora bisogno di eliminare incertezze compositive. Nella valutazione oltre che, naturalmente, del grado di raggiungimento degli obiettivi e del livello di partenza, si è tenuto conto dell impegno di studio e della partecipazione delle singole alunne al dialogo educativo. A tal proposito va rilevato che le studentesse hanno dimostrato un vivace interesse per quasi tutti gli argomenti trattati, intervenendo durante le lezioni con un apporto intelligente e costruttivo, conseguendo competenze di tipo linguistico-espressivo variegate e, nel complesso, molto soddisfacenti. Per la valutazione certificativa - sommativa, ci si attenuti alla griglia predisposta sul significato del voto e alle griglie specifiche per le varie tipologie previste per la prova scritta di italiano e che si allegano qui di seguito. Testi utilizzati Baldi Giusso Razetti Zaccaria, La letteratura, Paravia, Torino, voll D. Alighieri, Divina Commedia, Paradiso (una edizione con commento). 12

13 Griglie e criteri di valutazione delle prove scritte TIPOLOGIA A. ANALISI DEL TESTO A. Comprensione e analisi del testo B. Approfondimento, contestualizzazione storico-culturale ed organizzazione delle risposte C. Correttezza e proprietà linguistica TIPOLOGIA B 1. SAGGIO BREVE A. Rispetto delle consegne e capacità di elaborare in modo critico il materiale B. Capacità di esprimere la propria tesi in modo organico e documentato C. Correttezza e proprietà linguistica e uso di un registro linguistico adeguato TIPOLOGIA B 2. ARTICOLO DI GIORNALE A. Rispetto delle consegne B. Informazione, utilizzo della documentazione e struttura del discorso (coerenza e coesione) C. Correttezza e proprietà linguistica e uso di un registro stilistico adeguato La tipologia B prevede quattro ambiti: 1. artistico - letterario; 2. storico - politico; 3. socio - economico; 4. tecnico - scientifico. 13

14 TIPOLOGIA C. TEMA DI ARGOMENTO STORICO A. Conoscenza dell argomento nella complessità degli aspetti B. Organicità del testo, coerenza argomentativa, capacità elaborativa e critico interpretativa C. Padronanza della lingua, uso pertinente del linguaggio TIPOLOGIA D. TEMA DI ORDINE GENERALE A. Conoscenza dell argomento e aderenza alla traccia B. Costruzione di un discorso coerente e motivato da adeguati riferimenti culturali C. Correttezza e proprietà linguistica /15=insufficiente 4/10 9/15=mediocre 5/10 10/15=sufficiente 6/10 11/15=pien. sufficiente 6.5/10 12/15=discreto 7/10 13/15=buono 8/10 14/15=ottimo 9/10 15/15=eccellente 10/10 14

15 Contenuti LINEAMENTI DI STORIA LETTERARIA Rapida ripresa dal programma del IV anno di U.Foscolo: la vita; Le ultime lettere di Jacopo Ortis Le Odi e i Sonetti LA LETTERATURA DELL OTTOCENTO Il contesto storico-culturale: strutture politiche, sociali ed economiche; le ideologie; le istituzioni culturali; gli intellettuali; la lingua. IL ROMANTICISMO -Aspetti generali del Romanticismo europeo: trasformazioni storiche. La figura dell intellettuale. I temi del Romanticismo europeo: inquietudine e fuga; l infanzia; l età primitiva; il popolo. Il Romanticismo positivo. Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T1 La melanconia romantica e l ansia d assoluto p.220 di W. Schlegel (dal Corso di letterat. drammatica) T2 Poesia e irrazionale p.223 di Novalis (dai Frammenti) T1 Primo inno alla notte p.344 di Novalis (dagli Inni alla notte) T5 La scienza trasgressiva che genera mostri p.364 di M Shelley ( da Frankenstein) - Il movimento romantico in Italia e la polemica coi classicisti. pp.230 L Italia: strutture politiche, economiche e sociali dell età risorgimentale e le ideologie pp Il ruolo dell intellettuale in Italia; la poesia romantica in Italia p.205 Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T5 Sulla maniera e l utilità delle traduzioni di Madame de Staël p.232 T6 Un italiano risponde al discorso della Staël di Pietro Giordani p.234 -La poesia dialettale. G. Belli T 7 Le cappelle papale p.277 di G. Belli (dai Sonetti) T8 Er giorno der giudizzio p.278 Cosa fa er papa? La vita dell omo T61 Corrispondenze e L albatros da I fiori del male di Charles Baudelaire 15

16 ALESSANDRO MANZONI La vita; le opere classicistiche prima della conversione; dopo la conversione: la concezione della storia; gli Inni sacri e la lirica patriottica e civile; le tragedie; pessimismo storico, i temi; il problema della lingua Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T4 L utile, il vero, l interessante (dalla Lettera sul Romanticismo) p. 406 T6 Il cinque maggio dalle Odi p.415 T7 Il dissidio romantico di Adelchi dall Adelchi p.423 T8 Morte di Adelchi: la visione pessimistica della storia dall Adelchi p.426 GIACOMO LEOPARDI La vita; il pensiero; La poetica del vago e indefinito; Leopardi e il Romanticismo; il primo Leopardi: le Canzoni e gli Idilli; le Operette morali; i Grandi Idilli;Il Risorgimento e Il ciclo di Aspasia; la Ginestra e l idea leopardiana di progresso. Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T1a La teoria del piacere dallo Zibaldone p. 519 T1d Indefinito e infinito ; T1e Il vero è brutto ; T1g Parole poetiche ; T1h Ricordanza e poesie ; T1l Indefinito e poesia ; T1m Suoni indefiniti ; T1n La doppia visione ; T1o La rimembranza dallo Zibaldone T2 L infinito dai Canti p.538 T3 La sera del dì di festa dai Canti p.541 T15 Dialogo della Natura e di un Islandese dalle Operette morali p.611 T5 Ultimo canto di Saffo p.552 T10 Canto notturno di un pastore errante dell Asia p.574 T6 A Silvia p.555 T13 A se stesso dai Canti p.587 T14 La ginestra dai Canti p.591 (vv.1-50) DALLA CRISI DEL ROMANTICISMO AL REALISMO Quadro di riferimento: le strutture politiche, economiche e sociali dell Italia post-unitaria; le ideologie: il Positivismo, il verismo, la Scapigliatura, il Decadentismo Posizione sociale e ruolo degli intellettuali; la questione della lingua LA SCAPIGLIATURA: contestazione ideologica e stilistica. Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): Cletto Arrighi, La Scapigliatura e il 6 febbraio (fotocopia) 16

17 Emilio Praga: la vita T1 Preludio da Penombre di Emilio Praga p.31 T3 Dualismo di Arrigo Boito dal Libro dei versi Baudelaire: la vita; lo Spleen, I Fiori del male T1 Corrispondenze T2 L albatros da I fiori del male pp IL NATURALISMO FRANCESE : Zola GIOVANNI VERGA e il Verismo italiano La tecnica narrativa di Verga e la poetica dell impersonalità; l ideologia verghiana: il diritto di giudicare e il pessimismo; il valore conoscitivo e critico del pessimismo; lo svolgimento dell opera verghiana: le opere preveriste; Vita dei campi; Il Ciclo dei vinti; I Malavoglia: l intreccio, l irruzione della storia, modernità e tradizione, il superamento dell idealizzazione romantica del mondo rurale, la costruzione bipolare del romanzo, lo straniamento. Le Novelle rusticane. Mastro don Gesualdo: intreccio, impianto narrativo, interiorizzazione conflitto valori-economicità, la critica della religione della roba. Confronto il verismo di Verga e il naturalismo zoliano: le diverse tecniche narrative e le diverse ideologie Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T1 Arte, Banche e Imprese industriali prefazione da Eva p.193 T3 Impersonalità e regressione prefazione da L amante di Gramigna p.199 T7 La Lupa da Vita dei campi. p.229 T6 Rosso Malpelo da Vita dei campi p.217 T8 I vinti e la fiumana del progresso prefazione da I Malavoglia p.233 T10 I Malavoglia e la comunità del villaggio: valori ideali ed interesse economico p.246 T14 La roba da Le Novelle rusticane p.275 IL DECADENTISMO Definizione, La visione del mondo decadente; la poetica del Decadentismo; temi e miti della letteratura decadente; panismo ed epifania; Decadentismo e Romanticismo. GABRIELE D ANNUNZIO La vita; i versi degli anni Ottanta, l estetismo e la sua crisi; il Piacere, la fase della bontà; i romanzi del superuomo, D Annunzio e Nietzsche, Le vergini delle rocce Forse che sì,forse che no ; le Laudi. Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): 17

18 T1 Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Mutti p. 434 da Il piacere T5 Ferrara da Elettra p.466 T6 Lungo l Affrico nella sera di giugno dopo la pioggia da Alcyone p.467 T7 La sera fiesolana da Alcione p.470 Assegnata come esercitazione scritta di analisi T10 Meriggio da Alcione p.482 T9 La pioggia nel pineto da Alcyone p.477 GIOVANNI PASCOLI La vita e la personalità. La concezione della vita e del mondo, la poetica e l ideologia politica: socialismo umanitario e nazionalismo. I temi della poesia pascoliana. Le soluzioni formali. Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T1 Una poetica decadente da Il fanciullino T7 Novembre da Myricae p.552 T4 X Agosto da Myricae p.544 T14 Il gelsomino notturno dai Canti di Castelvecchio p.587 ITALO SVEVO (vol.6) La vita e la formazione culturale. La concezione della vita e del mondo e la coscienza dell inettitudine Le opere: Una vita: vicenda, modelli letterari, l inetto e l impostazione narrativa; Senilità: trama, struttura psicologica del protagonista, l inetto; La coscienza di Zeno: inattendibilità di Zeno narratore; la funzione critica di Zeno e l inettitudine Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T1 Le ali del gabbiano da Una vita p.131 T2 Il ritratto dell inetto da Senilità p.141 T5 La morte del padre da La coscienza di Zeno p.162 T6 La salute malata di Augusta da La coscienza di Zeno p.170 T10 La profezia di un apocalisse cosmica da La coscienza di Zeno p.194 LUIGI PIRANDELLO La vita e la formazione culturale. La visione del mondo, il vitalismo, il relativismo e la poetica dell umorismo. Le novelle; i romanzi Il fu Mattia Pascal, I vecchi e i giovani, I quaderni di Serafino Gubbio operatore, Uno, nessuno e centomila ; il teatro: il teatro nel teatro e la trilogia meta teatrale Lettura ed analisi testuale (anche di tipo stilistico-retorico): T4 Il treno ha fischiato da Novelle per un anno p

19 T3 Ciaula scopre la luna da Novelle per un anno p.249 T5 La costruzione della nuova identità e la sua crisi da Il fu Mattia Pascal p.270 T7 Nessun nome da Uno, nessuno e centomila p.290 LA LETTERATURA DEL NOVECENTO Il contesto storico culturale. L arte e la letteratura tra avanguardia e sperimentazione. I Futuristi: Marinetti e i Manifesti T1 Manifesto futurista p. 24 T2 Manifesto tecnico della letteratura Futurista p.26 T3 Bombardamento p.30 LA LETTERATURA TRA LE DUE GUERRE Regime. Quadro storico di riferimento, la politica culturale del Fascismo, il consenso al Fascismo e l opposizione al GIUSEPPE UNGARETTI La vita e la formazione culturale; la recherche ungarettiana: dal Porto sepolto all Allegria. Il Sentimento del tempo da L allegria T3 Il porto sepolto p.601 T4 Veglia p.602 T6 San Martino del Carso p.608 T11 Girovago p.614 da Il dolore T16 Non gridate più p.631 T15 Tutto ho perduto p.630 EUGENIO MONTALE La vita e la formazione culturale, la figura dell intellettuale. La parola e il significato della poesia. Scelte formali e sviluppi tematici. da Ossi di seppia T2 Non chiederci la parola p.653 T3 Meriggiare pallido e assorto p.655 T4 Spesso il male di vivere ho incontrato. p

20 Dante, Paradiso. Introduzione alla cantica (temi e struttura), lettura integrale, analisi e commento dei seguenti canti: I, III, VI, VIII, XI, XVII, XXIV, XXXIII. Approfondimenti Esercitazione scritta: Il Paradiso di Dante e la navigazione di S. Brandano a confronto. Esercitazione scritta: Parallelo tra la figura di Piccarda ed Eveline di Joice 20

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

Un anno di studio all estero

Un anno di studio all estero Un anno di studio all estero PERCORSO TEMATICO INTERDISCIPINARE (asse dei linguaggi e storico sociale) Ai fini della programmazione e della valutazione dell esperienza all estero dell alunno LINEE GUIDA*

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Dare risposte originali. - Essere capace di produrre molte idee. Le attività lavorative tra passato e presente Guida per l insegnante L attività si

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2015/2016 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli