IL TURISMO SOCIALE E ASSOCIATO IN ITALIA. Quarto rapporto - Anno 2011

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TURISMO SOCIALE E ASSOCIATO IN ITALIA. Quarto rapporto - Anno 2011"

Transcript

1 IL TURISMO SOCIALE E ASSOCIATO IN ITALIA Quarto rapporto - Anno 2011 Maggio 2012 A cura di

2 Sommario Premessa... 3 Le dimensioni del fenomeno nel L offerta ricettiva legata al turismo sociale e associato Le scelte dei vacanzieri italiani del turismo sociale e associato Il peso delle vacanze e le destinazioni del turismo sociale e associato L identikit del vacanziere italiano che prenota tramite la rete del TSA ed i segmenti di domanda I comportamenti di vacanza L impatto economico delle vacanze del TSA Nota metodologica Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 2 di 30

3 Premessa Anche per l anno 2011 è stato attivato lo studio, avviato nel 2009, che intende indagare sulle dinamiche del turismo sociale e associato come fenomeno in continua evoluzione. In particolare, il presente rapporto si propone di delineare e analizzare il fenomeno del turismo sociale e associato, ossia quello che si avvale dei circuiti dei CRAL aziendali, delle parrocchie e organizzazioni religiose, delle scuole, dei circoli culturali e sportivi e del Comune di residenza. Questo circuito di organizzazione del viaggio viene analizzato sia dal punto di vista della domanda finale (i turisti) che di quella intermedia, formata dalle imprese ricettive che se ne avvalgono. In particolare, sono stati analizzati i seguenti elementi di indagine: lo scenario dell offerta ricettiva legata al turismo sociale e associato l ampiezza e le caratteristiche della domanda turistica; le forme di associazionismo più utilizzate dall offerta e dalla domanda turistica; le principali destinazioni italiane ed estere scelte dai vacanzieri e i comportamenti di vacanza (regione di origine e profilo dei vacanzieri, motivazioni principali e canali di influenza, attività svolte nel corso della vacanza, tempi di prenotazione). il volume d affari attivato; Si ringraziano, inoltre, per la loro cortese collaborazione la FITuS e Unioncamere Lazio. Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 3 di 30

4 Le dimensioni del fenomeno nel 2011 Il 2011 si mostra come un anno ricco di avvenimenti socio-economici che hanno condizionato, più o meno negativamente, il corso delle dinamiche economiche e turistiche nazionali ed internazionali. In tale scenario, l offerta ricettiva, da un lato, e la domanda di turismo, dall altro, hanno dovuto rivedere le modalità di organizzazione e gestione della vacanza verso un indirizzo comune: ottimizzazione dei costi per non rinunciare alla qualità della vacanza. Il turismo sociale e associato si inserisce in tale quadro generando risultati positivi che si manifestano con la crescita del numero di vacanze veicolate da questa rete (+9,6%) e dal conseguente incremento dell impatto economico originato da tale movimentazione turistica (+22,8% del volume d affari). Ai numeri positivi, si accompagna, però, un lieve calo delle strutture ricettive che si affidano alla rete del TSA (-2,1 punti percentuali), dovuto al minor ricorso ai circuiti alternativi, non completamente compensato da un maggior utilizzo dei CRAL. Occorre, comunque, interrogarsi su questa dinamica per gestirla e monitorarla e non destrutturare la piattaforma di legami e di fiducia instaurata fino ad ora tra gli operatori ricettivi e dell intermediazione. Punto focale su cui concentrarsi è l implementazione dell in-formazione degli operatori sull argomento del turismo sociale e associato come motore di movimentazione di target di clientela trasversale da cui emergono molte opportunità di sviluppo del fenomeno del TSA. L obiettivo di estensione del mercato del TSA deve essere perseguito anche attraverso un ampliamento delle destinazioni di vacanza che attualmente vedono al di fuori del circuito, quasi per intero, regioni come la Liguria, il Molise e la Basilicata. Occorre, inoltre, intervenire sulla doppia valenza del turismo sociale e associato che vede una diversificazione notevole dei segmenti di domanda che rappresenta, e al contempo, una specializzazione degli intermediari per ciascuno di essi. Ciò risponde alle più attuali logiche di mercato che vedono coesistere il principio dell accessibilità per tutti (anziani, famiglie con bambini, ecc) con una forte specializzazione di offerta. Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 4 di 30

5 Elemento su cui continuare a puntare è, quindi, la diversificazione dell offerta di vacanza per target con esigenze particolari, come le famiglie con bambini o gli over 60, le prime alla ricerca di dettagli importanti per l intrattenimento dei piccoli e servizi che facilitino la vacanza anche dei più grandi e, i senior che puntano sul comfort ma accompagnato da momenti di svago costruiti su misura per loro. Ecco che il TSA si inserisce in un quadro complesso di turismo, rappresentando un ingranaggio importante, un attrattore di clientela e di interconnessione tra gli operatori ricettivi facendo, contestualmente, da ponte tra le organizzazioni di vario tipo, da quelle religiose a quelle culturali, sportive e scolastiche, tra i luoghi di lavoro e quelli di svago. La rete del TSA è, inoltre, un veicolatore delle vacanze all estero più di quanto si rilevi su scala generale: nonostante siano le destinazioni italiane quelle più scelte dal turista (con un peso del 66% circa sul totale del TSA), quasi il 34% delle vacanze si svolge all estero, quota che supera la media registrata nel complesso delle vacanze d oltreconfine che si attesta sul 20,6%. Infine, il TSA si conferma uno strumento incisivo di destagionalizzazione dei flussi, veicolandola verso la bassa stagione una domanda alla ricerca di servizi specializzati in destinazioni che soddisfino le motivazioni più specifiche ma a costi contenuti. Di seguito una scheda di sintesi esplicativa dei risultati salienti dello studio: Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 5 di 30

6 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 6 di 30

7 1. L offerta ricettiva legata al turismo sociale e associato Una delle principali dinamiche in atto negli ultimi vede l evoluzione del turismo sociale e associato in due direzioni: dal lato dell offerta, le imprese colpite dalla crisi economica globale spaziano su molteplici fronti di promo-commercializzazione a scapito di tale circuito, dal lato della domanda cresce la quota di turisti che scelgono di affidarsi agli operatori del TSA. Infatti, nel 2011 sono oltre 3 mila le imprese italiane che ricorrono al circuito del turismo sociale ed associato per promo-commercializzarsi in rappresentanza del 4% delle imprese presenti sul territorio, in lieve calo rispetto al 2010 (-2,1 punti percentuale). Contestualmente, crescono le vacanze del turismo sociale e associato del +9,6% rispetto al Più nello specifico, tra i canali del sistema sociale e associato utilizzati dalle imprese, i CRAL (Circolo Ricreativo Aziendale per i Lavoratori) si posizionano in prima linea (5,4% sul totale degli operatori), guadagnando consensi (+3,6 punti percentuali) rispetto al 2010 quando si registrò una flessione (1,8%). A livello territoriale si rileva un particolare orientamento verso il ricorso al circuito dei viaggi organizzati da parte delle strutture nel Centro-Sud e nelle Isole, vale a dire, rispettivamente il 5,2% ed il 5,8% delle imprese di queste aree territoriali. In particolare, sia al Centro che nelle regioni meridionali, isole comprese, è diffuso il ricorso ai CRAL (rispettivamente l 8% ed il 5,7% delle imprese) ed in seconda battuta alle associazioni sportive (2,3% e 2,7%, in media invece l 1,8%). I CRAL, comunque, rappresentano il traino del circuito del turismo sociale e associato anche nelle aree geografiche dove è ridotto il ricorso a tale canale: il Nord Ovest con il 4,7% delle imprese che vi ricorrono ed il Nord Est con il 3,4%. Anche nelle aree apparentemente meno vocate a tale dinamica di promocommercializzazione dell offerta turistica, il CRAL rappresenta una piattaforma per allargare il network delle imprese a supporto dello sviluppo turistico. Nel caso delle strutture ricettive, le imprese che ricorrono maggiormente agli operatori di supporto del turismo sociale e associato appartengono alla categoria medio-alta degli hotel e, tra le imprese del Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 7 di 30

8 comparto extralberghiero, le case per ferie (14,2%), gli ostelli della gioventù (12,1%) ed i villaggi turistici (8,8%). Strutture italiane che utilizzano il circuito del turismo sociale e associato - anno 2011 Stima del numero di strutture % sul totale delle strutture 1 Nord Ovest 318 2,4 Nord Est 597 2,4 Centro ,2 Sud e Isole ,8 Italia ,0 Circuiti di intermediazione utilizzati dalle strutture ricettive italiane possibili più risposte, % calcolata sul totale operatori Differenza 2011/2010 Cral 4,4 3,0 1,8 5,4 3,6 Parrocchie 2,5 1,9 1,4 1,0-0,4 Organizzazioni religiose 2,9 2,2 1,2 1,1-0,2 Scuole 4,0 2,7 1,7 1,3-0,5 Associazioni culturali 5,9 4,7 2,2 1,8-0,5 Associazioni sportive 6,3 5,2 2,6 1,8-0,8 Turismo associato 10,2 9,3 6,1 4,0-2,1 1 Totale strutture sul territorio, vale a dire anche quelle che non ricorrono al circuito del turismo sociale ed associato Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 8 di 30

9 Circuiti di intermediazione utilizzati dalle strutture ricettive italiane - anno 2011 possibili più risposte, % calcolata sul totale operatori Cral Parrocchie Organizzazioni religiose Scuole Associazioni culturali Associazioni sportive Turismo associato Nord Ovest 4,7 0,5 0,5 0,7 1,0 1,1 2,4 Nord Est 3,4 0,6 0,4 0,4 1,1 1,2 2,4 Centro 8,0 1,6 1,8 2,0 2,2 2,3 5,2 Sud e Isole 5,7 1,2 1,5 1,9 2,6 2,7 5,8 Italia 5,4 1,0 1,1 1,3 1,8 1,8 4,0 Circuiti di intermediazione utilizzati dalle strutture ricettive italiane - anno 2011 possibili più risposte, % calcolata sul totale operatori Cral Parrocchie Organizzazioni religiose Scuole Associazioni culturali Associazioni sportive Turismo associato Hotel 6,8 1,3 1,3 1,7 2,5 2,9 5,3 1 stella 3,5 0,3 0,4 0,5 0,9 0,7 1,7 2 stelle 3,9 0,7 0,9 1,2 1,1 1,5 3,1 3 stelle 7,9 1,7 1,6 2,4 3,1 3,8 6,9 4 stelle 16,1 3,0 3,5 3,5 6,1 7,0 11,9 5 stelle 21,6 2,2 1,4 1,0 6,2 5,4 10,6 RTA 6,3 0,8 0,9 0,8 1,6 1,3 3,1 Villaggio 7,5 2,0 1,9 3,5 4,2 5,0 8,8 Agriturismo 5,2 0,5 0,5 0,9 1,3 1,0 2,9 Campeggio 4,9 0,7 1,3 0,7 1,4 2,1 2,0 B&B 4,2 0,3 0,4 0,5 0,9 0,7 1,8 Case per ferie 3,3 7,8 9,1 4,7 3,2 3,0 14,2 Ostello della gioventù 10,5 6,6 5,1 7,8 6,0 4,9 12,1 Rifugio 2,2 0,9 1,1 0,0 3,2 2,0 3,2 Altri esercizi ricettivi 6,0 0,8 1,0 0,5 1,4 1,9 2,9 Italia 5,4 1,0 1,1 1,3 1,8 1,8 4,0 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 9 di 30

10 2. Le scelte dei vacanzieri italiani del turismo sociale e associato Il 2011 rappresenta per il settore della domanda dei viaggi del circuito sociale e associato un anno di conferme e di crescita: sono 2,3 milioni le vacanze, il +9,6% rispetto al 2010, con una incidenza importante dell incremento delle vacanze in Italia (1,5 milioni, +14,8%). L incidenza del turismo sociale e associato sul totale delle vacanze mostra, inoltre, una lieve crescita passando dal 2,2% del 2010 al 2,4% nel In prima linea tra i turisti del circuito del turismo sociale e associato si confermano i giovani tra i 15 ed i 24, che per effettuare la vacanza si affidano soprattutto alla scuola, a cui si accompagna una quota rilevante di adulti tra i 35 ed i 44, utilizzatori dei CRAL aziendali. 2.1 Il peso delle vacanze e le destinazioni del turismo sociale e associato Nel 2011 il settore del turismo sociale e associato conta oltre 2,3 milioni di vacanze (il 2,4% sul totale delle vacanze svolte dagli italiani), in crescita del +9,6% rispetto al 2010 (circa 200 mila vacanze in più), a fronte, invece, di un lieve calo delle vacanze nel complesso (-2,6%). La distribuzione delle vacanze del TSA nell arco dell anno mostra alcune differenze rispetto allo scenario generale: se nel complesso i soggiorni si concentrano in estate (quasi il 40% tra giugno e agosto), nel caso del TSA viene anticipata la stagione con il 13% delle vacanze ad aprile (solo il 9,5% in media) e l 11,3% a maggio (solo il 6,5% in media). A luglio, invece, il peso delle vacanze si limita al 7,4% (10,9% in media), mentre agosto movimenta, comunque, una quota consistente di turisti (11,9%; 17,6% in media). Tra i canali di organizzazione delle vacanze si posizionano in testa le scuole (25,4%) e le organizzazioni religiose (20%) che, insieme alla parrocchie (15,7%), rappresentano sempre di più un punto di riferimento per i turisti. In particolare, le vacanze pianificate dalle organizzazioni religiose crescono del +26,4%, mentre quelle attivate dalle parrocchie del +47,4%. Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 10 di 30

11 Nel 2011 acquista rilievo anche il ruolo dei circoli e delle associazioni sportive che, anche se con solo il 9,7% delle vacanze organizzate (226 mila), crescono in modo esponenziale ed organizzano 123 mila vacanze in più rispetto al Tra le principali destinazioni di vacanza, emergono le città, le località di interesse culturale (47,3%) e le destinazioni balneari (29,3%). In molti casi, inoltre, la meta scelta dai turisti che si affidano al circuito sociale e associato è la montagna (15,7%). La vacanza organizzata tramite il circuito del TSA, si svolge principalmente sul territorio italiano (oltre 1,5 milioni di vacanze; 2% sul totale delle vacanze in Italia) e sono proprio le destinazioni del Belpaese a trainare la crescita del settore: le vacanze del circuito crescono del +14,8% rispetto al 2010 e sono meta del 66% dei viaggi organizzati tramite il circuito del TSA. Verso l Italia, i principali canali di organizzazione del viaggio sono le associazioni culturali (21% dei viaggi del TSA in Italia) e quelle religiose (20,4%). Tra gli altri canali che veicolano le vacanze del circuito sociale e associato ci sono le parrocchie (18% circa) e le scuole (15,6%). Tra i prodotti di destinazioni della vacanza in Italia, la città accoglie il 40,8% delle vacanze (superando la media complessiva delle vacanze pari al 27%). Anche nel caso della vacanza in campagna (16,3%) e presso i siti archeologici (6,7%) il TSA si distingue per il maggiore appeal rispetto allo scenario generale (rispettivamente il 12,8% ed il 2,3% delle vacanze). Per contro, le destinazioni balneari italiane attirano in modo più contenuto i turisti del TSA (30,6%) rispetto alla media (40,5%), così come per la vacanza in montagna (16,3% nel caso del TSA e 20,7% in media). In particolare tra le mete italiane di vacanza, il Lazio (16,6%) e l Emilia Romagna (14,3%) si distinguono non solo per essere capofila nel ranking delle destinazioni del TSA ma anche per essere scelte più di quanto avvenga sullo scenario complessivo delle vacanza dove è la Toscana (10,9%) a trainare il mercato nazionale. Tra le altre regioni, si posizionano come destinazioni rilevanti anche il Veneto (10%), la Sicilia (8,4%) e la Campania (7,5%). Regioni ancora marginali nel circuito del TSA, invece, sono la Liguria, il Molise e la Basilicata. Le vacanze all estero (quasi 790 mila), nonostante meno diffuse rispetto a quelle in Italia, generano un fenomeno interessante: se si analizza l incidenza delle vacanze del circuito all estero, si rileva che il loro Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 11 di 30

12 peso è proporzionalmente più elevato rispetto a quelle svolte in Italia, nonostante i numeri siano ancora contenuti. L incidenza del TSA è maggiore nelle vacanze verso le destinazioni estere (dove rappresenta il 4% del totale) che non verso le mete italiane (dove incide solo per il 2%). Inoltre, anche sul totale delle vacanze di TSA, l estero (quasi il 34%) pesa più di quanto incida sul totale complessivo delle vacanze degli italiani (20,6%). Per le vacanze all estero, la scuola è il principale canale di organizzazione del viaggio (44,7% delle vacanze all estero) a cui segue, seppur con distanza, l organizzazione religiosa (19,2%). La vacanza all estero organizzata tramite il circuito del turismo sociale e associato si svolge principalmente nelle città (60%) in linea con lo scenario generale, ed in seconda battuta al mare (26,9%). Segue la montagna, con il 14,5% delle vacanze del TSA all estero, e la visita dei siti archeologici (8%). Nel dettaglio, la Spagna, capofila sullo scenario dei viaggi internazionali, è leader come destinazione di vacanza anche del circuito sociale e associato (13,7%). Inoltre, il Regno Unito (12,8%) si distingue per il suo appeal sul fronte dei viaggi della rete TSA anche come meta dei viaggi studio. Le vacanze tramite il turismo sociale associato Anno 2011 In Italia All'estero Totale Totale turismo sociale e associato Totale vacanze degli italiani % turismo sociale associato 2,0 4,0 2,4 La destinazione delle vacanze tramite il turismo associato Anno In Italia All'estero Totale VAR% 2011/ ,8 +0,8 +9,6 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 12 di 30

13 La destinazione delle vacanze tramite il turismo sociale associato Distribuzione % per riga. Anno 2011 In Italia All'estero Totale Totale turismo sociale e associato 66,1 33,9 100,0 Totale vacanze degli italiani 79,4 20,6 100,0 Turismo sociale associato: le vacanze per mese Confronto con il totale vacanze. Numero e distribuzione annua % Turismo sociale associato Totale vacanze N. % N. % Gennaio , ,4 Febbraio , ,4 Marzo , ,9 Aprile , ,5 Maggio , ,5 Giugno , ,6 Luglio , ,9 Agosto , ,6 Settemrbe , ,9 Ottobre , ,3 Novembre , ,7 Dicembre , ,3 Totale , ,0 La destinazione delle vacanze tramite il turismo sociale associato Valore assoluto. Anno 2011 In Italia All'estero Totale La scuola L organizzazione religiosa Circoli/associazioni culturali La parrocchia Il CRAL aziendale Circoli sportivi/associazioni sportive Tramite il Comune Totale turismo sociale e associato Totale vacanze degli italiani % turismo sociale associato 2,0 4,0 2,4 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 13 di 30

14 Le vacanze tramite il turismo sociale e associato Confronto La scuola L organizzazione religiosa Circoli/associazioni culturali La parrocchia Il CRAL aziendale Circoli sportivi/associazioni sportive Tramite il Comune Totale turismo sociale e associato Totale vacanze degli italiani % turismo sociale associato 2,2 2,4 Le vacanze tramite il turismo sociale e associato per tipologia di canale Anno % per colonna Totale La scuola 25,4 L organizzazione religiosa 20,0 Circoli/associazioni culturali 15,9 La parrocchia 15,7 Il CRAL aziendale 10,9 Circoli sportivi/associazioni sportive 9,7 Tramite il Comune 2,4 Turismo associato 100,0 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 14 di 30

15 Le aree-prodotto di destinazione delle vacanze tramite il turismo sociale associato nel 2011 Confronto con il totale vacanze. Distribuzione %. Turismo sociale associato Totale vacanze In Italia All'estero Totale In Italia All'estero Totale In città d arte/altre città 40,8 60,0 47,3 27,0 60,7 33,9 Al mare 30,6 26,9 29,3 40,5 37,1 39,8 In montagna 16,3 14,5 15,7 20,7 8,9 18,3 In campagna/collina 14,1-9,3 12,8 5,1 11,2 In sito archeologico 6,7 8,0 7,2 2,3 4,6 2,8 Al lago 6,8 2,6 5,4 5,4 3,3 5,0 In località termale 1,4-0,9 2,2 1,5 2,0 Altro 0,6 2,1 1,1 0,4 0,7 0,5 Fonte: Unioncamere Isnart Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 15 di 30

16 Fonte: Unioncamere Isnart Fonte: Unioncamere Isnart Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 16 di 30

17 2.2 L identikit del vacanziere italiano che prenota tramite la rete del TSA ed i segmenti di domanda Le attività volte a valorizzare il circuito degli operatori come supporto del turismo sociale e associato non possono prescindere dallo studio dei comportamenti di vacanza della domanda turistica coinvolta in tale fenomeno. A tal proposito è necessario delineare il profilo del turista-tipo che si affida al circuito del TSA per comprendere quali siano le sue peculiarità e quali differenze si presentino rispetto allo scenario complessivo dei viaggi. In particolare, si evidenziano alcune caratteristiche della domanda turistica che la differenziano dallo scenario generale. Il segmento di clientela del TSA è composta da uomini (57,1%, contro l omogeneità riscontrata su un livello generale), da giovani (tra i 15 ed i 24 nel 21,8% dei casi; quasi il doppio rispetto allo scenario generale) con una forte propensione verso la vacanza all estero (31,4%; contro il 13,1% in media), tramite il circuito scolastico, da adulti tra i 35 ed i 54 che preferiscono l Italia, organizzando la vacanza attraverso i CRAL, il 48,7% ha conseguito il diploma, lavoratori (57,5%), casalinghe, pensionati (19%) oppure studenti (17%), a conferma che il TSA non è un turismo povero, il turista-tipo nel14,9% dei casi ha un reddito mensile medio che supera i 3 mila euro e solo nel 10% dei casi tra i ed i euro. Il turista TSA è principalmente un lavoratore ma emerge anche la presenza decisiva di persone che possono viaggiare in diversi periodi dell anno (vista anche la concentrazione di vacanze in mesi che precedono l estate) come le casalinghe/i casalinghi ed i pensionati, piuttosto che gli studenti che usufruiscono anche del circuito scolastico per svolgere gite o vacanze (non solo a scopo didattico) fuori stagione. In particolare gli studenti rappresentano il 17% dei turisti che si affidano alla rete del turismo Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 17 di 30

18 sociale e associato (solo l 8,5% su scala generale) con una incidenza ancora maggiore nelle vacanze all estero (23%). Focalizzando sui turisti tra i 55 ed i 64 (14,4% delle vacanze tramite il TSA; 335 mila vacanze), questi si distinguono per la propensione a ricorrere ai circoli e alla associazioni culturali (29% sul totale dei turisti). Segmenti legati al turismo religioso quelli tra i 25 ed i 34 (19,3%; 449 mila vacanze) che ricorrono soprattutto alla parrocchia (26,3%) e quelli tra i 45 ed i 54 (13,2%; 306 mila vacanze) che si affidano all organizzazione religiosa (23,2%). Turismo sociale e associato: identikit dei vacanzieri (%) Confronto con il totale vacanze Sesso Turismo sociale associato Totale vacanze Maschio 57,1 49,8 Femmina 42,9 50,2 Totale 100,0 100,0 Età Turismo sociale associato Totale vacanze ,8 10, ,3 22, ,3 24, ,1 17, ,4 12,9 65 ed oltre 10,0 12,2 Totale 100,0 100,0 Titolo di studio Turismo sociale associato Totale vacanze Nessuno/Elementare 3,8 2,5 Media Inferiore 13,6 11,6 Media Superiore 48,7 49,2 Università/Laurea 34,0 36,8 Totale 100,0 100,0 Condizione occupazionale Turismo sociale associato Totale vacanze Occupato 57,5 65,3 Disoccupato/in cerca di prima occupazione 6,4 5,9 Casalinga/Pensionato 19,0 20,3 Studente 17,0 8,5 Totale 100,0 100,0 Reddito Turismo sociale associato Totale vacanze Fino a 775 euro 4,0 3,7 Da 776 a euro 7,9 5,0 Da a euro 9,2 6,1 Da a euro 8,7 9,8 Da a euro 10,0 7,0 Da a euro 6,4 8,0 Da a euro 4,1 6,6 Da a euro 6,4 4,7 Da a euro 2,9 4,0 Da a euro 8,4 6,7 Oltre euro 14,9 12,7 Totale Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 18 di 30

19 Turismo sociale associato: identikit dei vacanzieri (%) destinazione di vacanza Confronto con il totale vacanze Sesso Turismo sociale associato Totale vacanze In Italia All'estero Totale In Italia All'estero Totale Maschio 53,0 65,1 57,1 48,8 53,7 49,8 Femmina 47,0 34,9 42,9 51,2 46,3 50,2 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Età Turismo sociale associato Totale vacanze In Italia All'estero Totale In Italia All'estero Totale ,9 31,4 21,8 10,3 13,1 10, ,9 14,3 19,3 22,3 24,9 22, ,9 12,5 21,3 24,7 21,1 24, ,6 12,3 13,1 17,6 15,3 17, ,8 23,4 14,4 12,3 15,3 12,9 65 ed oltre 11,9 6,1 10,0 12,7 10,3 12,2 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Titolo di studio Turismo sociale associato Totale vacanze In Italia All'estero Totale In Italia All'estero Totale Nessuno/Elementare 4,1 3,3 3,8 2,6 2,1 2,5 Media Inferiore 14,0 12,9 13,6 11,6 11,7 11,6 Media Superiore 50,5 45,0 48,7 50,3 44,7 49,2 Università/Laurea 31,4 38,9 34,0 35,5 41,5 36,8 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Condizione occupazionale Turismo sociale associato Totale vacanze In Italia All'estero Totale In Italia All'estero Totale Occupato 54,1 64,2 57,5 64,4 68,5 65,3 Disoccupato/in cerca di prima occupazione 8,4 2,6 6,4 6,1 5,4 5,9 Casalinga/Pensionato 23,6 10,1 19,0 21,3 16,3 20,3 Studente 14,0 23,0 17,0 8,2 9,7 8,5 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Reddito Turismo sociale associato Totale vacanze In Italia All'estero Totale In Italia All'estero Totale Fino a 775 euro 3,6 4,8 4,0 3,9 2,7 3,7 Da 776 a euro 10,6 2,7 7,9 5,0 4,7 5,0 Da a euro 9,9 7,6 9,2 6,1 6,3 6,1 Da a euro 11,2 3,8 8,7 10,2 8,0 9,8 Da a euro 7,8 14,4 10,0 7,1 6,6 7,0 Da a euro 8,5 2,4 6,4 8,0 8,0 8,0 Da a euro 4,5 3,4 4,1 6,6 6,7 6,6 Da a euro 7,8 3,7 6,4 5,0 3,5 4,7 Da a euro 1,0 6,6 2,9 3,9 4,2 4,0 Da a euro 8,6 8,0 8,4 6,2 8,4 6,7 Oltre euro 10,2 24,0 14,9 12,4 14,0 12,7 Totale Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 19 di 30

20 Le vacanze tramite il turismo sociale e associato per classi d'età Oltre 64 Totale Parrocchie L organizzazione religiosa La scuola Il CRAL aziendale Circoli/associazioni culturali Circoli sportivi/associazioni sportive Tramite il Comune Turismo associato Le vacanze tramite il turismo sociale e associato per classi d'età % per colonna Oltre 64 Totale La parrocchia 16,6 26,3 11,9 13,1 7,8 16,1 15,7 L organizzazione religiosa 20,6 19,8 12,9 23,2 23,3 25,2 20,0 La scuola 45,9 11,1 26,3 17,3 29,3 12,2 25,4 Il CRAL aziendale 3,0 9,8 23,0 16,7 5,1 5,7 10,9 Circoli/associazioni culturali 3,8 19,8 13,7 14,1 29,0 22,6 15,9 Circoli sportivi/associazioni sportive 6,7 11,8 8,5 14,4 5,7 14,3 9,7 Tramite il Comune 3,4 1,3 3,6 1,3 0,0 3,9 2,4 Turismo associato 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Le vacanze tramite il turismo sociale e associato per classi d'età % per riga Oltre 64 Totale La parrocchia 23,1 32,4 16,2 11,0 7,1 10,2 100,0 L organizzazione religiosa 22,4 19,1 13,8 15,3 16,8 12,5 100,0 La scuola 39,3 8,5 22,0 9,0 16,6 4,7 100,0 Il CRAL aziendale 5,9 17,3 44,9 20,1 6,7 5,1 100,0 Circoli/associazioni culturali 5,1 24,1 18,4 11,6 26,2 14,1 100,0 Circoli sportivi/associazioni sportive 15,0 23,5 18,6 19,5 8,4 14,6 100,0 Tramite il Comune 30,9 10,9 32,7 7,3 0,0 16,4 100,0 Turismo associato 21,8 19,3 21,3 13,2 14,4 9,9 100,0 Fonte: Unioncamere Isnart 2.3 I comportamenti di vacanza Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 20 di 30

21 Conoscere le caratteristiche della domanda di turismo significa anche valutare quali fattori ne influenzino le scelte, per la creazione di pacchetti specializzati. In linea generale, i turisti che si affidano al TSA sono spinti dal desiderio di trascorrere una vacanza all insegna del contatto con la natura (23,9%) e del relax (11,6%) sia in Italia che all estero, come il complesso dei turisti italiani. Il 2011 si caratterizza per il più cospicuo traino dell identità locale come attrattore del turista sul territorio (9,5%), sia all estero (17,7%), che in Italia, anche per partecipare ad eventi folcloristici e culturali (6,3%). L aspetto religioso della vacanza, in prima linea l anno prima, perde quota (11,3% contro il 16,2% del 2010) e si allinea al desiderio di rivedere amici e parenti (11%, soprattutto in Italia). L ospitalità di conoscenti, inoltre, si conferma come motivazione di vacanza nel 7,9% dei casi (per la vacanza in Italia il 9,4%), sostanzialmente in linea con l anno precedente. La leva del prezzo, incisiva per il 5,1% dei turisti, lascia spazio anche agli aspetti più relazionali dell esperienza di vacanza, la condivisione con amici e parenti e la scoperta dell identità del luogo e della gente attraverso il contatto con gli usi ed i costumi della popolazione. L ospitalità di amici e parenti e la possibilità si alloggiare in un abitazione privata a fini turistici rappresentano, comunque, anche una scelta di opportunità economica. Diminuiscono le vacanze motivate dalla ricchezza del patrimonio storico-artistico (7,6%), nonostante le città siano tra le prime mete di vacanza per i turisti. Dato il diffuso utilizzo del circuito dei TSA da parte degli studenti, lo studio motiva i turisti nel 4,7% dei casi raggiungendo il 7% nel caso della vacanza all estero (molto diffusa tra gli studenti). Turismo sociale associato: motivazione delle vacanze (2011) possibili più risposte, % sul totale vacanzieri Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 21 di 30

22 Italia Estero Totale Bellezze naturali del luogo 23,1 25,4 23,9 Decisione altrui 13,2 20,5 15,6 Posto ideale per riposarsi 12,2 10,4 11,6 Religione /pellegrinaggio 11,5 11,1 11,3 Rivedere amici/parenti 14,4 4,5 11,0 Per conoscere usi e costumi della popolazione locale 5,3 17,7 9,5 Ho i parenti/amici che mi ospitano 9,4 5,0 7,9 Ricchezza del patrimonio artistico/monumentale 4,5 13,6 7,6 Il desiderio di vedere un posto mai visto 5,7 10,1 7,2 Per i divertimenti che offre 5,1 6,6 5,6 Destinazione esclusiva 1,9 12,7 5,6 Abbiamo la casa in quella località 6,8 3,0 5,5 Interessi enogastronomici 8,2 0,0 5,4 Per assistere ad eventi culturali 4,7 6,1 5,2 Prezzi convenienti 4,3 6,7 5,1 Per il gusto dell avventura 5,8 2,7 4,7 Studio 3,5 7,0 4,7 Assistere a eventi sportivi 5,4 2,8 4,5 Posto ideale per praticare un particolare sport 5,2 2,5 4,3 Per la vicinanza 4,9 3,0 4,3 Partecipare ad eventi folcloristici e della cultura locale 6,3 0,0 4,2 Perché siamo clienti abituali di una struttura ricettiva di quella località 3,4 4,6 3,8 Shopping 4,6 1,9 3,7 Cure/ benessere 2,5 2,7 2,6 Posto adatto per bambini piccoli 2,8 0,0 1,9 I canali preferenziali per scegliere la destinazione di vacanza sono l esperienza personale (22,7%), soprattutto per la vacanza in Italia (26,2%), ed il passaparola (20,8%), principalmente nel caso del soggiorno all estero (38,3%). Tra i canali che influenzano la scelta del turista, inoltre, la pubblicità (16,8%) si posiziona come vetrina per l esperienza di vacanza più del 2010 (7,1%), superando anche internet per raccogliere informazioni (7,2%; 8,7% nel 2010). Gli eventi religiosi, inoltre, si confermano tra le fila dei canali che influenzano i turisti (il 9,3% sceglie la destinazione per assistervi) anche se in quota minore rispetto al 2010 (13,4%). Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 22 di 30

23 I turisti del circuito del TSA prenotano la vacanza circa un mese prima (32,1%), soprattutto nel caso delle destinazioni estere (36,2%). Tale dato caratterizza le dinamiche del TSA rispetto allo scenario turistico dove la prenotazione last-minute la fa da padrona (in genere tra 1 e 2 settimane prima della partenza). I turisti alloggiano soprattutto in albergo (64%), soprattutto per la vacanza all estero (75,1%), in particolare negli alberghi di media categoria (3 stelle: 52,9%), e tra le strutture extralberghiere si contraddistinguono i B&B (quasi il 12%). In linea con il fattore più relazionale e di ottimizzazione dei costi della vacanza, i turisti alloggiano presso conoscenti (7,9%), in casa di proprietà (7,3%) o in alloggio in affitto (5,2%). In alternativa, il turista alloggia presso strutture religiose (4,9%) o in campeggio (3,5%). In quasi il 60% dei casi i turisti trascorrono la vacanza con la famiglia o in gruppo, oppure in compagnia del partner (26,5%). Durante la vacanza, i turisti si dedicano alla conoscenza dei luoghi passeggiando (40,3%) e visitando i monumenti, i musei e le mostre (34,7%) presenti sul territorio. L offerta culturale, quindi, è parte integrante della vacanza nonostante non si abbini all originaria immagine della destinazione turistica, essendo poco incisiva nella fase decisionale del turista. Conoscere l identità locale, inoltre, non si manifesta solo come motivo di visitazione di una destinazione turistica ma anche come attività da praticare durante la vacanza, posizionandosi in testa (30,9%) soprattutto nel caso della vacanza all estero (49,3%), a pari passo con la degustazione dei prodotti enogastronomici locali (30,3%) sia in Italia che nelle destinazioni d oltreconfine. Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 23 di 30

24 Turismo sociale associato: canali della comunicazione che hanno influenzato la scelta delle vacanze (2011) possibili più risposte, % sul totale vacanzieri Italia Estero Totale C ero già stato/esperienza personale 26,2 15,9 22,7 Consiglio/Racconti di amici/parenti/familiari 11,9 38,3 20,8 Non ho scelto io/hanno deciso altri 19,9 12,3 17,3 Pubblicità 18,8 12,9 16,8 Eventi religiosi 9,0 9,9 9,3 Informazioni su Internet 6,3 8,8 7,2 Attrazioni / eventi sportivi 6,3 7,4 6,7 Guide turistiche 5,1 9,1 6,5 Offerte su Internet 5,2 6,4 5,6 Mostre/Convegni/Fiere 5,8 5,4 5,6 Consiglio di enti/uffici turistici presso cui mi sono recato 5,2 0,9 3,7 Richiesto dai figli fino a 14 5,2 0,0 3,4 Attrazioni / eventi culturali 1,6 6,1 3,1 Articoli/redazionali su periodici/quotidiani 4,1 0,0 2,7 Film/Documentari 2,4 2,8 2,5 La compagnia della vacanza (2011) % sul totale vacanzieri In Italia All estero Totale Da solo 22,0 2,6 15,6 In coppia senza bambini 27,0 25,6 26,5 In famiglia o in gruppo di amici con bambini fino a 6 20,4 14,1 18,3 In famiglia o in gruppo di amici con bambini/ragazzi da 7/14 12,0 10,0 11,3 In famiglia o in gruppo di amici senza bambini/ragazzi fino a 14 18,6 47,7 28,3 Totale 100,0 100,0 100,0 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 24 di 30

25 Turismo sociale associato: anticipo nella prenotazione (2011) % sul totale risposte In Italia All'estero Totale Nell ultima settimana 21,0 12,7 18,0 8/15 giorni prima 29,5 10,6 22,7 Circa un mese prima 29,7 36,3 32,1 Circa 2 mesi prima 14,6 15,0 14,8 Circa 3 mesi prima 3,9 14,1 7,5 Circa 4 mesi prima o più 1,3 11,3 4,9 Totale 100,0 100,0 100,0 Osservatorio Nazionale del Turismo - dati Unioncamere Turismo sociale associato: tipologia di alloggio (2011) possibili più risposte, % sul totale vacanzieri In Italia All'estero Totale Totale hotel 58,3 75,1 64,0 hotel 1 stella 9,1 0,0 5,5 hotel 2 stelle 5,9 3,8 5,0 hotel 3 stelle 51,6 54,7 52,9 hotel 4 stelle 25,3 26,3 25,7 hotel 5 stelle 8,1 15,2 10,9 Ospite in casa di amici/ parenti 10,2 3,4 7,9 Seconda casa-casa di proprietà 8,5 5,0 7,3 Appartamento/Residence preso in affitto 4,9 5,9 5,2 Bed & Breakfast 12,2 11,3 11,9 Conventi/Monasteri/Casa parrocchiale/istituto religioso 6,0 2,7 4,9 Campeggio 2,7 5,1 3,5 Villaggio turistico 3,2 2,3 2,9 Ostello 0,0 4,4 1,5 Agriturismo 1,8 0,0 1,2 Colonia 1,1 0,0 0,7 Altro 3,6 0,0 2,4 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 25 di 30

26 Turismo sociale associato: attività svolte durante le vacanze (2011) possibili più risposte, % sul totale vacanzieri In Italia All estero Totale Ho passeggiato 32,8 55,0 40,3 Ho visitato monumenti, musei e/o mostre 29,9 44,0 34,7 Ho ricercato la cultura locale 21,4 49,3 30,9 Ho degustato i prodotti eno-gastronomici locali 30,2 30,6 30,3 Ho fatto shopping 15,7 23,9 18,5 Ho conosciuto gente del luogo 15,5 20,5 17,2 Ho praticato attività sportiva 11,2 4,9 9,1 Ho giocato/chiacchierato con gli amici 12,1 2,2 8,8 Ho letto 9,4 4,9 7,9 Ho assistito a spettacoli musicali 6,9 8,5 7,5 Convegni, congressi, fiere e manifestazioni espositive 7,9 5,5 7,1 Sono andato a ballare 7,1 2,7 5,6 Ho assistito a spettacoli teatrali o cinematografici 2,4 6,4 3,7 Ho assistito a spettacoli sportivi 2,9 4,9 3,6 Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 26 di 30

27 3. L impatto economico delle vacanze del TSA Il turismo sociale e associato rappresenta una parte dinamica del mercato turistico e ciò è dimostrato sia dal peso delle vacanze attivate dal circuito (il 2,4% sul totale di quelle svolte dagli italiani) che dal giro d affari generato: 1,4 milioni di euro pari al 2,4% del volume complessivo nell arco dell anno (oltre 60 milioni di euro). In particolare, all aumentare del numero di vacanze svolte tramite il TSA corrisponde anche l incremento del volume d affari generato: nel 2010 si attestava su oltre 1,1 milioni di euro, la crescita è del +22,8%. Il turismo sociale e associato, quindi, si muove a maggior velocità rispetto allo scenario generale che vede la stabilità del giro d affari generato dalle vacanze (+1%) dettata dal +2,3% del giro d affari delle vacanze in Italia e dal -1,2% di quelle internazionali. Nel dettaglio del TSA, il volume di affari generato dalle vacanze all estero si attesta sul 55% del totale (788 mila euro, in crescita del +18,9% rispetto al 2010), mentre nel caso di quelle in Italia sul 45% (646 mila euro; in crescita del +27,7% circa rispetto al 2010). Nonostante la distribuzione delle vacanze per destinazione ne evidenzi una maggiore concentrazione in Italia (circa il 66%) rispetto all estero (34% circa), la diversa consistenza della spesa attivata fa emergere un impegno economico maggiore per la vacanza oltreconfine: in media la vacanza costa 584 euro (il +5,8% rispetto al 2010), 930 euro se viene svolta all estero (+9,8% rispetto al 2010) e 420 euro in Italia (+12% circa). Se si rapporta il peso delle vacanze con quello della spesa per canali di organizzazione, inoltre, si riscontra che la scuola si distingue per il maggiore margine di volume d affari generato rispetto alle vacanze attivate: il canale scolastico convoglia il 25,4% delle vacanze con una corrispondenza del 29,5% di volume d affari generato. Per contro, le organizzazioni religiose rappresentano il canale di organizzazione per il 20% delle vacanze, ma con ripercussioni sulla spesa più contenute: il volume d affari generato pesa per il 14,3% sul totale. Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 27 di 30

28 Il volume d'affari delle vacanze tramite il turismo sociale e associato ( ) In Italia All'estero Totale La scuola Circoli/associazioni culturali La parrocchia L organizzazione religiosa Il CRAL aziendale Circoli sportivi/associazioni sportive Tramite il Comune Totale turismo sociale e associato Totale vacanze degli italiani % turismo sociale associato 1,7 3,7 2,4 La spesa media delle vacanze tramite il turismo sociale e associato ( ) In Italia All'estero Totale La scuola Il CRAL aziendale Circoli/associazioni culturali La parrocchia Circoli sportivi/associazioni sportive L organizzazione religiosa Tramite il Comune Totale turismo sociale e associato Totale vacanze degli italiani Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 28 di 30

29 Fonte: Unioncamere Isnart Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 29 di 30

30 Nota metodologica Indagine congiunturale alle strutture ricettive Lo studio, a cadenza trimestrale, viene realizzato tramite interviste telefoniche su operatori del ricettivo. Il campionamento è a tre stadi di stratificazione; le unità di primo stadio sono tipo geografico, in particolare si distingue tra regioni e province; il secondo stadio riguarda la tipologia di struttura ricettiva: il terzo stadio stratifica le interviste a seconda del prodotto turistico partendo dalla definizione Istat dei comuni turistici. La prevalenza di un prodotto rispetto a un altro può variare a seconda del periodo della rilevazione. Il campionamento comprende tutte le province e tutte le regioni italiane. Questa stratificazione determina stime campionarie che hanno, ad un livello di confidenza del 99%, un margine di errore dell 1,9%. L universo di riferimento di tale campionamento è composto dal totale delle strutture ricettive in Italia rispondenti alla stratificazione per tipologia ricettiva indicata. Per il riporto a tale universo viene utilizzato un sistema di pesi ponderato per la tipologia delle strutture a livello regionale. Non essendo disponibile un dato ufficiale dell Istat sulla distribuzione delle camere per l intero universo osservato (cioè anche per le strutture extralberghiere), il dato di occupazione camere è stato pesato sulla base dei posti letto, assumendo che la distribuzione sia la medesima. Indagine sui comportamenti turistici degli italiani Per monitorare la domanda turistica interna, viene effettuata una rilevazione a cadenza mensile su un campione rappresentativo della popolazione italiana di individui dai 15 in su. Tale numerosità determina stime campionarie ad un livello di confidenza del 95% con un margine di errore dello (+/-) 1,5%. Il campionamento proporzionale è stato di tipo stratificato per genere, età, dimensione demografica del comune di residenza e ripartizione geografica. La metodologia adottata per la rilevazione del questionario, di durata complessiva media pari a circa 15 minuti, è stata quella C.A.T.I. (Computer Assisted Telephone Interviews), con questionario ad hoc, composto da 31 domande. Periodo di riferimento: anno 2011 Pagina 30 di 30

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Agosto 2010 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze dei residenti in... 4 Nota metodologica... 13 Periodo

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 3 bollettino mensile Marzo 2011 Aprile 2011 A cura di Storia

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione LE DIMENSIONI ED I COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Febbraio 2011 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Gli italiani in vacanza nella Regione Molise. Anno 2007

Gli italiani in vacanza nella Regione Molise. Anno 2007 I Numeri dell Osservatorio Economico Statistico Regionale -TURISMO n. 2/2008 Periodico dell Unioncamere Molise Poste Italiane SpA spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2007

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 5 bollettino mensile Maggio 2009 Giugno 2009 A cura di Storia

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 4 bollettino mensile Aprile 2009 Maggio 2009 A cura di Storia

Dettagli

Primo rapporto anno 2008

Primo rapporto anno 2008 IL TURISMO SOCIALE E ASSOCIATO IN ITALIA Primo rapporto anno 2008 Marzo 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 In sintesi... 4 1. Il turismo associato... 5 1.1 Le strutture ricettive italiane... 5 2. I

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1-2 bollettino mensile Gennaio Febbraio 2009 Marzo 2009 A cura

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 2008 INDAGINE SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata da: www.co.camcom.it

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 12 bollettino mensile Dicembre 2009 Gennaio 2010 A cura di Storia

Dettagli

Il turismo in Italia e in Piemonte

Il turismo in Italia e in Piemonte Il turismo in Italia e in Piemonte Piemonte e Turismo Turismo: risorsa economica anticrisi? a cura di Flavia Maria Coccia Direttore Operativo ISNART Torino, 25 giugno 2008 Nati mortalità delle imprese

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2013 1 RAPPORTO 2013

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2013 1 RAPPORTO 2013 OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2013 1 RAPPORTO 2013 Luglio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

1. Gli italiani in vacanza nel 2012

1. Gli italiani in vacanza nel 2012 1. Gli italiani in vacanza nel 2012 Nel 2012 nonostante l imperversare della crisi economica il 62,8% della popolazione ha trascorso almeno un periodo di vacanza, pari a 31,7 milioni di italiani. Un dato

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO -

INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO - OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO - a cura di SOMMARIO 1. LA DOMANDA TEDESCA IN ITALIA...4 1.1 Le modalità di organizzazione della vacanza...5 1.2 Le

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Il mercato del turismo montano

Il mercato del turismo montano Gennaio 2012 A cura di Sommario Le dimamiche del turismo montano... 3 1. I numeri del turismo montano: la capacità ricettiva ed i flussi turistici... 8 2. Il turismo montano secondo le imprese ricettive...

Dettagli

Il Turismo nei Parchi: Scelta o Coincidenza. A cura di Flavia Maria Coccia

Il Turismo nei Parchi: Scelta o Coincidenza. A cura di Flavia Maria Coccia Il Turismo nei Parchi: Scelta o Coincidenza A cura di Flavia Maria Coccia la ricettività turistica nei parchi nazionali-regionali Il patrimonio naturale in Italia coinvolge, con i soli Parchi Nazionali,

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA REGIONE LIGURIA FOCUS SUI PRODOTTI PRINCIPALI DEL TERRITORIO Rapporto annuale 2015 Marzo 2016

Dettagli

Forum del turismo invernale

Forum del turismo invernale Forum del turismo invernale Focus 2009 Febbraio 2010 A cura di Sommario 1. Il turismo in Italia nel 2009...3 2. Le prospettive per il 2010... 14 3. Focus sulla montagna... 16 3.1 Le performance delle strutture

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica)

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) (novembre 2007) (codice prodotto OSPN04-R02-D02) Osservatorio Del Turismo della Regione Campania Via

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA. Studio sul turismo nelle abitazioni private

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA. Studio sul turismo nelle abitazioni private OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA Studio sul turismo nelle abitazioni private 18 Febbraio 2014 Elena di Raco, Dipartimento Ricerca IS.NA.R.T Le fasi dello studio Indagine ai Comuni Rivolta

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Milano, 12 ottobre 2010 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO ESTATE 2010 E PREVISIONI PER L AUTUNNO L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Nel trimestre estivo il 63,6% delle

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014. 8 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014. 8 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione DICEMBRE 2014 8 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 18 e il 22 dicembre 2014 con metodologia

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI LECCE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI LECCE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI LECCE MONITORAGGIO DELLE DINAMICHE TURISTICHE ATTUALI E POTENZIALI COME PIATTAFORMA INFORMATIVA A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE Ottobre 2014 A cura di Sommario Premessa...

Dettagli

SCHEDE MERCATO SPAGNA

SCHEDE MERCATO SPAGNA SCHEDE MERCATO SPAGNA Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico spagnolo... 3 Conclusioni... 17 Nota metodologica... 18 Quadro d insieme Caratteristiche socio-economiche

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Terza indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2008 a cura della

Dettagli

Osservatorio sul Turismo Giovanile 5 EDIZIONE

Osservatorio sul Turismo Giovanile 5 EDIZIONE Osservatorio sul Turismo Giovanile 5 EDIZIONE Indagine sulle famiglie italiane con under 18 1427 interviste 992 famiglie Indagine sulle famiglie vacanziere Indagine sui ragazzi in vacanza da soli 250 bambini/ragazzi

Dettagli

Il turismo balneare. Ottobre 2009. A cura di

Il turismo balneare. Ottobre 2009. A cura di Il turismo balneare Ottobre 2009 A cura di Sommario Il turismo balneare... 3 La dinamicità delle imprese e l andamento del mercato... 3 Il turismo italiano... 7 Il turismo straniero... 12 La spesa turistica

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE 2009

ANALISI CONGIUNTURALE 2009 ANALISI CONGIUNTURALE 2009 COMUNICATO Gennaio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA di Brindisi Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: dicembre

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015. Andrea Tozzi

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015. Andrea Tozzi L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: i primi 9 mesi di rilevazione, le sfide per il 2015 Andrea Tozzi 12 febbraio 2015 METODOLOGIA DELLA RICERCA Istituto Piepoli realizza per conto di Confturismo-Confcommercio

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Seconda indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2007 a cura

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO LE VACANZE ITALIANE NEL 2005 E LE PREVISIONI PER L ESTATE 1 Report

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

Le pillole di. TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani. (maggio 2014) Ufficio studi. Notizie, commenti, istruzioni ed altro

Le pillole di. TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani. (maggio 2014) Ufficio studi. Notizie, commenti, istruzioni ed altro Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro TURISMO Come la crisi ha cambiato le vacanze degli italiani (maggio 2014) Ufficio studi a cura di : Luciano Sbraga Giulia R. Erba PREMESSA La rilevazione

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015 27 luglio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 20 e il 25 luglio 2015 con metodologia CATI/CAWI

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

Indagine web survey sui turisti residenti in Svezia, Rhône- Alpes e Provence-Alpes-Côte d'azur

Indagine web survey sui turisti residenti in Svezia, Rhône- Alpes e Provence-Alpes-Côte d'azur Osservatorio Turistico della Regione Liguria Indagine web survey sui turisti residenti in Svezia, Rhône- Alpes e Provence-Alpes-Côte d'azur Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Progetto Info Point 2006*

Progetto Info Point 2006* Progetto Info Point 2006* Attività di rilevazione Attività di informazione e accoglienza OBIETTIVO Costruire un campione statistico in grado di evidenziare le informazioni riferite al complesso della domanda

Dettagli

I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di

I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di Alessandro Tortelli Direttore Scientifico Centro Studi Turistici di Firenze Via Piemonte 7 50145 Firenze Tel 055 3438733-055 3438726

Dettagli

CUSTOMER CARE TURISTI

CUSTOMER CARE TURISTI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con CUSTOMER CARE TURISTI RAPPORTO ANNUALE Marzo 2012 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Versione: 1.0

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 18 febbraio 2009 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

CUSTOMER CARE TURISTI

CUSTOMER CARE TURISTI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con CUSTOMER CARE TURISTI RAPPORTO ANNUALE Marzo 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Versione: 1.0

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori.

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori. !! " 1 L indagine nazionale 2008, sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane rappresenta il proseguimento del percorso di analisi avviato

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli Giugno 2010 Sistema Statistico nazionale Ufficio Comunale di Statistica Direzione Risorse Tecnologiche Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente Riccardo

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1 RAPPORTO 2009

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1 RAPPORTO 2009 in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1 RAPPORTO 2009 Luglio 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: nuovi dati di riferimento per il settore. Roma, 20 Maggio 2014

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: nuovi dati di riferimento per il settore. Roma, 20 Maggio 2014 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: nuovi dati di riferimento per il settore Roma, 20 Maggio 2014 METODOLOGIA e CAMPIONE! L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 9 e il 15 maggio 2014

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 17 febbraio 2010 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2005: 2 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

I mercati di prossimità - Il progetto Alcotra

I mercati di prossimità - Il progetto Alcotra Osservatorio Turistico della Regione Liguria Dicembre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Liguria Versione: 1.0 Quadro dell opera:. Anno 2011 Pagina

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

La qualità dei servizi di accoglienza erogati ed erogabili nella percezione del turista-consumatore

La qualità dei servizi di accoglienza erogati ed erogabili nella percezione del turista-consumatore Finanziato dalla CCIAA di Napoli La qualità dei servizi di accoglienza erogati ed erogabili nella percezione del turista-consumatore Novembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Roma, 22 luglio 2005. Ufficio Stampa

COMUNICATO STAMPA. Roma, 22 luglio 2005. Ufficio Stampa Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA TURISMO: SONDAGGIO SWG-CONFESERCENTI; LA CRISI ECONOMICA FA PIU PAURA DEL TERRORISMO. 2 MILIONI DI PERSONE E 3 MILIARDI DI EURO IN MENO PER L ESTATE 2005. VACANZE PIU BREVI,

Dettagli

SCHEDE MERCATO FRANCIA

SCHEDE MERCATO FRANCIA SCHEDE MERCATO FRANCIA Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico francese... 3 Conclusioni... 17 Nota metodologica... 18 Quadro d insieme Caratteristiche socio-economiche

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO I PRODOTTI DEL TURISMO ITALIANO: LA STAGIONE ESTIVA

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO I PRODOTTI DEL TURISMO ITALIANO: LA STAGIONE ESTIVA Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO I PRODOTTI DEL TURISMO ITALIANO: LA STAGIONE ESTIVA dicembre 2001 a

Dettagli

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015

IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 IL TURISMO IN PROVINCIA DI COMO NEL PERIODO MAGGIO OTTOBRE 2015. GLI EFFETTI DI EXPO MILANO 2015 Elaborazione su dati provvisori forniti dal Settore Turismo della Provincia di Como A cura di Massimo Gaverini

Dettagli

I comportamenti turistici dei mercati stranieri: i mutamenti della domanda

I comportamenti turistici dei mercati stranieri: i mutamenti della domanda Osservatorio turistico Regione Toscana I comportamenti turistici dei mercati stranieri: i mutamenti della domanda Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Unioncamere

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Versione: 2.0 Quadro dell opera: Periodo rilevazione:

Dettagli

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 OSSERVATORIO DEL SISTEMA TURISTICO LAGO DI COMO 1 L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E LE RICADUTE ECONOMICHE DEL TURISMO A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Versione: 2.0 Quadro dell opera: Periodo rilevazione:

Dettagli