PIANO DI RILANCIO TURISTICO Linee guida per lo sviluppo economico del Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI RILANCIO TURISTICO 2011 2016 Linee guida per lo sviluppo economico del Paese"

Transcript

1 PIANO DI RILANCIO TURISTICO Linee guida per lo sviluppo economico del Paese U.S.O.T.

2 Premessa La Repubblica di San Marino sta vivendo un momento difficile. La crisi dei rapporti con l Italia e l entrata nella black list si sono inserite in un contesto di crisi economica mondiale che sta producendo effetti molto gravi nell intero sistema economico sammarinese. Ci troviamo di fronte ad un bivio, San Marino ha bisogno di una nuovo sistema economico e le Istituzioni devono essere capaci di fare una scelta decisa. La necessità primaria è infatti evitare gli sprechi di risorse e individuare un settore strategico sul quale investire, capace di rilanciare l economia del Paese. Il comparto turistico commerciale, grazie al suo stretto legame con il territorio, alla grande professionalità e onestà degli operatori sammarinesi e alla sua indipendenza rispetto a fattori esterni, quali il rapporto con l Italia, è l unico settore, in questo momento, capace di svolgere questa funzione. Bisogna partire da un rilancio della nostra immagine e da una forte e decisa promozione del nostro territorio, da nuove sinergie tra centro storico e territorio, sviluppando quanto di buono già è stato fatto (Consorzio Terra di San Marino, Consorzio Vini Tipici, Consorzio 2000, Convention & Visitors Bureau, Agenda 21). I nostri concittadini hanno bisogno di nuovi stimoli e una nuova tipologia di turismo potrebbe creare un movimento economico, sociale e culturale benefico per tutto il Paese. L USOT ha individuato alcuni obiettivi a breve/medio e lungo termine e, all interno di ciascun obiettivo, alcuni campi di intervento e azioni da svolgere, per risollevare se non rivoluzionare l intero comparto che crediamo possa essere il motore trainante per una nuovo sistema economico e per la rinascita di San Marino Pagina 2

3 A) Obiettivi a breve/medio termine: Gli obiettivi a breve/medio termine riguardano quegli interventi che l USOT reputa prioritari, fattibili nell immediato e con investimenti economici contenuti, sviluppando e migliorando ciò che è già esistente a San Marino. 1. Valorizzazione di San Marino Patrimonio Mondiale dell Umanità La Repubblica di San Marino il 7 luglio 2008 è entrata a far parte del Patrimonio Mondiale dell Umanità. L USOT considera questo riconoscimento vitale per il settore turistico, ma per renderlo realmente effettivo e per sfruttare al meglio le sue potenzialità è necessario che l Autorità di Indirizzo UNESCO dia continuità ai primi traguardi raggiunti (Legge Quadro 133 del 22/09/2009, revisione dei piani particolareggiati, concorso sulla segnaletica). I Centri Storici riconosciuti Patrimonio Mondiale dell Umanità devono diventare la base attrattiva sulla quale costruire un nuovo turismo, internazionale, stanziale e di qualità. A tal proposito l USOT richiede: a) di implementare, tramite una stretta collaborazione tra Comitato di Coordinamento UNESCO e Associazioni di categoria, il Piano di Gestione (art Legge 133 del ); b) di ideare uno specifico Regolamento, in continuazione al Decreto Delegato 18 marzo 2010, n.54 e Decreto Delegato 5 maggio 2010, n. 87, che contenga guide di intervento e migliori pratiche da rispettare per la conservazione e la valorizzazione degli immobili e che preveda incentivi fiscali o crediti agevolati sulle spese sostenute per la rivalutazione e la riconversione degli immobili e delle attività turistico commerciali (art. 12 Legge 133 del ); Pagina 3

4 c) di intensificare i controlli su petulanza, rispetto dei listini prezzi, occupazione del suolo pubblico e regolarità delle merce venduta; d) di istituire un Ufficio Reclami all interno dell Ufficio Informazioni; e) di privatizzare l Ufficio Guide, formando giovani sammarinesi e istituendo, in tal modo, la professione di Guida Turistica; f) di chiudere immediatamente i servizi pubblici che si trovano in condizioni disastrose, di sostituirli con servizi pubblici automatici o valutarne la privatizzazione; g) di stabilire accordi di collaborazione con i circuiti dei Siti Unesco Italiani e Siti Unesco Adriatici; h) di organizzare incontri, seminari, convegni e corsi di formazione volti a informare e sensibilizzare la popolazione e gli operatori economici riguardo alle possibilità e alle responsabilità di essere Patrimonio Mondiale dell Umanità. 2. Promozione Turistica del Territorio A fianco della valorizzazione dei Centri Storici di San Marino Città e Borgo Maggiore che potrebbe garantire, come detto, dei nuovi flussi turistici, di qualità maggiore e con esigenze diverse rispetto agli attuali, è necessario investire in attività capaci di promuovere il territorio. Le iniziative che l USOT considera facilmente realizzabili nell immediato per differenziare l offerta turistica, destagionalizzare i flussi e motivare i turisti a pernottare più notti in territorio, sono: a) Turismo città d arte: individuare una sede da adibire a spazio espositivo permanente all interno del Centro Storico della Capitale (Cinema Turismo, logge Cava dei Balestrieri, Cisterne del Palazzo) Pagina 4

5 b) Turismo ricreativo/culturale/universitario-giovanile: effettuare una nuova pianificazione degli eventi e delle manifestazioni, programmata annualmente e concordata con le Associazioni di Categoria, che eviti di sprecare risorse e volta a ospitare una serie di grandi eventi sportivi, musicali e culturali che si tengano per vari giorni, durante tutto l anno (poker, festival musicali, eventi culturali internazionali); promuovere e stimolare l apertura di locali notturni per rivitalizzare il Centro Storico. c) Turismo eno-gastronomico: organizzare, tramite il Consorzio Terra di San Marino e Vini Tipici, eventi che promuovano le nostre produzioni. Per realizzare questi obiettivi sono però necessari alcuni interventi strutturali: a) incentivi volti a promuovere e motivare l apertura notturna e invernale degli esercizi turistico commerciali e ad aiutare le imprese turistiche in difficoltà; b) un nuovo Contratto di Lavoro Collettivo più vicino alle esigenze di elasticità del settore; c) una nuova regolamentazione delle assunzioni e delle liste di collocamento che favoriscano la ricerca e la veloce assunzione di lavoratori qualificati e professionali Pagina 5

6 3. Marketing, Viabilità e Trasporti Per attrarre nuovi turisti è inoltre necessaria una nuova politica di marketing e migliorare i collegamenti sia all interno del territorio che all esterno. Se questa tematica sarà sviluppata soprattutto nel punto B) Obiettivi a lungo termine, l USOT ha comunque individuato alcuni interventi da eseguire immediatamente: a) pubblicizzare il nostro territorio e il nostro sistema Paese tramite piccoli eventi e fiere organizzati nelle Missioni presso gli Organismi Internazionali, Ambasciate Onorarie e Consolati, con la possibilità di proporre pacchetti viaggio ad hoc per piccoli gruppi; b) liberalizzare i flussi turistici, abrogando la Delibera n. 75 del 28 Marzo 1994, rivedere le tariffe dei parcheggi promuovendo la sosta giornaliera e riesaminare la distribuzione dei parcheggi (auto, bus e camper); c) migliorare e aumentare le navette interne in partenza dai parcheggi fuori dal Centro Storico e individuare nuovi punti di sosta (es. Centri Commerciali, confini, ecc ); d) migliorare il trasporto via bus tra San Marino e Rimini, aumentando le corse e inserendo nel periodo estivo (15 giugno 15 settembre) corse serali/notturne; e) incentivare l aumento delle compagnie di taxi sammarinesi (sgravi fiscali, crediti agevolati), abbassandone i costi e fissando delle tariffe massime per le tratte interne ed esterne (Rimini, Bologna, ecc ) Pagina 6

7 B) Obiettivi a Lungo Termine Con obiettivi a lungo termine si intendono una serie di interventi capaci di migliorare l offerta turistica del Paese e di trasformare definitivamente San Marino in una vera e propria meta turistica, differenziata e di qualità. Se una buona parte di questi interventi deve essere forzatamente privata, non viene esclusa la funzione dello Stato capace di dare impulso (legislazioni, incentivi fiscali, vendita di terreni, ecc ) all investimento privato e monitorarlo. 1. Grandi Progetti L USOT ripropone una serie di idee, il cui piano di fattibilità era già stato studiato tramite anche grossi investimenti statali e privati, rimaste però incompiute. L Associazione crede che, se il Paese riuscirà nel difficile compito di rivitalizzare la sua economia, dovrà questa volta forzatamente investire in almeno una di queste attività, per poter garantire un futuro a lungo termine. Seppur la maggior parte di questi interventi devono essere di carattere privato, lo Stato, insieme alle Associazioni di Categoria, deve avere la funzione di individuare e attrarre investitori. a) Università e Polo tecnologico: accrescere tutte le iniziative tese a sviluppare sia quantitativamente che qualitativamente l Università di San Marino, trasformando il Paese in una vera e propria Città Universitaria. b) Centro Congressi: Spostare la San Marino RTV e adibire il Kursaal a vero e proprio Palazzo dei Congressi, attuando, tramite il C&VB, una decisa politica di promozione del turismo congressuale. c) Centro Benessere/Resort: attrarre investitori capaci di creare una o più infrastrutture comprensive di Hotel di Lusso, Centri termali, Campi da Golf, Campi da Tennis, ecc ) Pagina 7

8 d) Centro Culturale Polivalente: creare un luogo permanente per iniziative, eventi culturali, musica, conferenze, mostre. e) Casa da Gioco: creare una nuova sala da gioco per i giochi legalizzati (es. sala da poker aperta tutto l anno) e ridiscutere le condizioni della Convenzione italo - sammarinese per permettere la creazione di un Casinò interamente statale. f) Parco Tematico: Creare una grande parco di intrattenimento in linea con le caratteristiche del nostro territorio, capace di attirare nuove tipologie di turisti. g) Turismo sostenibile/naturale: promuovere la tematica dell ecosostenibilità su tutto il territorio, incentivare la creazione di agriturismi, hotel eco-sostenibili e campeggi, risistemare i percorsi esistenti e creare nuovi percorsi monumentali/naturalistici/archeologici per passeggiate e mountain bike (parco dell acqua, mulini di canepa, gallerie, ecc ) con la collaborazione dell associazione La Genga. h) Vie tematiche: Incentivare la creazione di vie tematiche nel Centro Storico che promuovano le produzioni tipiche sammarinesi e romagnole, l artigianato e le grandi firme. i) Sede Agenzia Internazionale: proporre, presso gli Organismi Internazionali (ONU, Consiglio d Europa), la candidatura di San Marino come sede di un Osservatorio o di una Agenzia Internazionale Pagina 8

9 2. Grandi Opere: Infrastrutture e Marketing La necessità in questo ambito è quella di migliorare la viabilità e i trasporti sammarinesi e di rivedere la politica di Marketing del Territorio, puntando soprattutto sul WebMarketing. a) Aeroporto: prendere in considerazione il progetto di creazione di un Aeroporto a San Marino nella località di Torraccia. b) Treno o Metrò: è necessaria studiare un alternativa ecologica e sicura alla Superstrada Rimini - San Marino, creando una metropolitana (sotterranea o di superficie) o riattivando, dove possibile il treno Rimini - San Marino. c) Parcheggi: revisione della Convenzione sui Parcheggi, troppo dispendiosa per lo Stato, riprendendone la proprietà e creando una società di gestione, anche con l apporto delle Associazioni di Categoria, che crei nuovi parcheggi (sotterranei o multipiano) o migliori, ampli e ammoderni quelli esistenti (Funivia, Fonte dell Ovo, Baldasserona, 6-7). d) WebTV e Web Marketing: Investire nel web- marketing migliorando il sito internet per la promozione turistica di San Marino, creando una WebTV e il sito internet UNESCO San Marino Pagina 9

10 Conclusione L USOT con questo documento programmatico ha deciso di esporsi e di mostrare che il settore è pronto a collaborare per rilanciare il turismo a San Marino. Le possibilità esistono, in questo documento non vengono trattati progetti utopici, ma investimenti concreti. Ora le Istituzioni devono scegliere se puntare con decisione su San Marino come reale meta turistica, se optare per il turismo come vero e proprio settore trainante del Paese. Esistono città e Paesi che vivono prettamente di turismo e San Marino non ha nulla da invidiare ad altre famose destinazioni italiane e straniere. Si tratta però di una scelta strategica di Stato che necessita di investimenti seri e mirati, ma è la scelta giusta per creare un indotto economico sano, duraturo, indipendente e autenticamente nazionale. L USOT è disposta a confrontarsi attivamente con il Governo per sviluppare una nuova politica turistica, per creare un - Commerciale quinquennale, condiviso da tutte le parti sociali. San Marino deve decidere chi vuole essere nel prossimo futuro e come diventarlo, ora sta alle Istituzioni scegliere la strada da seguire Pagina 10

MERCANTI E BANCHE. 2 Convegno Internazionale sul Mercato dell Arte. San Marino, 8 novembre 2013

MERCANTI E BANCHE. 2 Convegno Internazionale sul Mercato dell Arte. San Marino, 8 novembre 2013 MERCANTI E BANCHE 2 Convegno Internazionale sul Mercato dell Arte San Marino, 8 novembre 2013 1 Il sistema dell arte a San Marino L arte nei suoi aspetti culturali e di mercato può costituire una risorsa

Dettagli

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09 Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo Executive Summary 12/02/09 Piano di Progetto Analisi dei dati di mercato Analisi dei dati

Dettagli

Pacchetto per Cral e Associazioni con sede entro 70 Km da San Marino Mostra LEONARDO 3

Pacchetto per Cral e Associazioni con sede entro 70 Km da San Marino Mostra LEONARDO 3 Vip Tour Operator - Tel. 0549/906748-906353 Fax. 0549/907490 Cell. 366/9121611 marketing@benedettinispa.com Pacchetto per Cral e Associazioni con sede entro 70 Km da San Marino Mostra LEONARDO 3 Pacchetto

Dettagli

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 PREMESSA IL QUADRO DI RIFERIMENTO La recessione mondiale che ha colpito l economia a partire dal 2008 non ha risparmiato il settore congressuale. Sebbene negli

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Centro Storico. Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico. Programma Politico 2014 2019. Referente gruppo:

Centro Storico. Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico. Programma Politico 2014 2019. Referente gruppo: Centro Storico Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico Referente gruppo: Angelo Esposto Candidato Portavoce Consigliere angelo2013@outlook.it Membri Gruppo: Patrizio Monarca Lucio Bernetti Leonardo Rinaldi

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

GAL Patavino verso il nuovo PSL INSTANT REPORT

GAL Patavino verso il nuovo PSL INSTANT REPORT GAL Patavino verso il nuovo PSL Incontri con gli amministratori Este, 29 ottobre 2015 Comuni Area Colli Euganei INSTANT REPORT L incontro con gli amministratori dei Comuni dell Area dei Colli Euganei è

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo 1. I risultati della partecipazione Nell arco dei due giorni della Fiera di S. Giuseppe hanno preso parte alle attività di partecipazione 86 persone,

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Turismo congressuale e Meeting Industry*

Turismo congressuale e Meeting Industry* Turismo congressuale e Meeting Industry* Fonti: Marketing degli Eventi, Promoveneto Giancarlo Leporatti, consulente congressuale Osservatorio Congressuale Italiano Stefan Marchioro Economia applicata al

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA Annone Brianza Canzo Civate Eupilio Suello Valmadrera PER LA SALVAGUARDIA E LA VALORIZZAZIONE DEL MONTE CORNIZZOLO, MONTE RAI, CORNI DI CANZO E MOREGALLO Premesso che: con la firma

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 Scuola post universitaria di Studi Europei POLO DIDATTICO DI SALERNO ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI INSTITUTE OF EUROPEAN STUDIES ALCIDE DE GASPERI Post graduate

Dettagli

I PRIMI DATI DEL NUOVO OSSERVATORIO CONGRESSUALE: LA FASE RECESSIVA SI AGGRAVA

I PRIMI DATI DEL NUOVO OSSERVATORIO CONGRESSUALE: LA FASE RECESSIVA SI AGGRAVA Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati COME FARE SISTEMA Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati IL TURISMO ALCUNI DATI I viaggi contribuiscono per il 10% al prodotto interno

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

PRESTO 220 MILIONI DI EURO DAL MIBACT PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE: IL CONGRESSUALE TRA LE SPESE AMMISSIBILI

PRESTO 220 MILIONI DI EURO DAL MIBACT PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE: IL CONGRESSUALE TRA LE SPESE AMMISSIBILI Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011

Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011 Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011 Il presente documento ha lo scopo di illustrare l andamento della gestione della Fondazione nel primo periodo di effettiva attività di Meta, fino alla data

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori Giampaolo Letta COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo Stato di avanzamento lavori Giugno 2014 Stato avanzamento lavori (1/4) Attività ordinaria Oggetto Partecipanti 7.12.2012 20. 03. 2013

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Piano della performance 2011-2013

Piano della performance 2011-2013 Piano della performance 0-03 Allegato E Obiettivi assegnati al personale dirigente delle Strutture Dipartimento Direttore della Struttura:Maria Cristina Selloni Segretariato Direzione Generale Direzione

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Progetto interregionale

Progetto interregionale Progetto interregionale per la promozione dell offerta congressuale italiana Novità e trends dell offerta congressuale italiana Barcellona EIBTM 25 3 Nov. INTRODUZIONE In Italia nel settore del turismo

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Azione Come Chi 1. Il risparmio energetico come primissima fonte di energia rinnovabile 2. Promuovere attraverso sistemi di incentivi e disincentivi le scelte

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 LOGO AMMINISTRAZIONE NOME AMMINISTRAZIONE Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO

Dettagli

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO Queste brevi riflessioni vogliono costituire uno stimolo al dibattito su un tema centrale per la vita di Pistoia, vale a dire sulla questione dell assetto

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITA DEL GOVERNO STRAORDINARIO

ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITA DEL GOVERNO STRAORDINARIO ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITA DEL GOVERNO STRAORDINARIO PREMESSA In una realtà difficile, straordinaria e di transizione, come quella attuale, il Partito Democratico Cristiano Sammarinese, il

Dettagli

TURISMO CONGRESSUALE APPLICAZIONI ED OPPORTUNITA

TURISMO CONGRESSUALE APPLICAZIONI ED OPPORTUNITA TURISMO CONGRESSUALE APPLICAZIONI ED OPPORTUNITA LE ORIGINI L attività congressuale nasce dall umana propensione a riunirsi e mettere a confronto esperienze e culture diverse. Simposio deriva infatti dal

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Close to EXPO 2015 CHI SIAMO CAMERA DI COMMERCIO DI VARESE e PROMOVARESE con la collaborazione di Provex Consorzio per l Internazionalizzazione & Varese Convention & Visitors Bureau Consorzio Turistico

Dettagli

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA AVVISO pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse finalizzate alla redazione del PIANO CITTÀ PORTICI e contratto di valorizzazione

Dettagli

ANALISI DELLE POLITICHE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

ANALISI DELLE POLITICHE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia e Commercio Corso di Laurea Specialistica in Economia del Turismo ANALISI DELLE POLITICHE ECONOMICHE DEL TURISMO NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Pescasseroli al tavolo delle strategie e degli obiettivi.

Pescasseroli al tavolo delle strategie e degli obiettivi. Pescasseroli al tavolo delle strategie e degli obiettivi. II TAVOLO TERRITORIALE PESCASSEROLI 1) MARIA FELICIA COPPOLA Rifugio Selva Bella Villetta Barrea Loc. Passo Godi 2) CANIGLIA MAURIZIO Società Coop.

Dettagli

Un progetto di destagionalizzazione turistica per le province di Catania, Siracusa e Ragusa. Catania 17 febbraio 2014

Un progetto di destagionalizzazione turistica per le province di Catania, Siracusa e Ragusa. Catania 17 febbraio 2014 Un progetto di destagionalizzazione turistica per le province di Catania, Siracusa e Ragusa Catania 17 febbraio 2014 Da cosa nasce il progetto? Dall esigenza di incentivare le presenze turistiche, con

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Scuola Secondaria Superiore Repubblica di San Marino. Marketing turistico: "Visitate San Marino, patrimonio Unesco" CONCORSO MERITAMENTE

Scuola Secondaria Superiore Repubblica di San Marino. Marketing turistico: Visitate San Marino, patrimonio Unesco CONCORSO MERITAMENTE Scuola Secondaria Superiore Repubblica di San Marino Marketing turistico: "Visitate San Marino, patrimonio Unesco" CONCORSO MERITAMENTE ANNO SCOLASTICO 2008/2009 PROGETTO MERITAMENTE n. 1 PREMIO FONDAZIONE

Dettagli

Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento

Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento Andreas Riedl, CIPRA Alto Adige cc.alps: cambiamenti climatici nelle Alpi L idea Gli obiettivi Le attività Un patto per il

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2011 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO CORSO SPERIMENTALE Progetto ITER Indirizzo: PERITO

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO finanziato nell ambito dell ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino La pianificazione turistica territoriale rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino 1 L approccio per distretti e prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

costruitevi il vostro evento

costruitevi il vostro evento In questa brochure vogliamo parlarvi dei nostri spazi, delle nostre persone, del nostro ambiente. Poi, immaginate voi cosa potrete fare dentro questa straordinaria struttura e cominciate a costruirlo.

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Repubblica di San

Dettagli

PROGRAMMA POLITICO PER LA LEGISLATURA 2016 2021

PROGRAMMA POLITICO PER LA LEGISLATURA 2016 2021 Il Movimento Politico NoiCambiamo si affaccia per la prima volta sulla scena politica Nojana e si presenta come l unica vera novità volendo offrire all Elettorato attivo un autentica alternativa alle cosiddette

Dettagli

PISTOIA ED IL COMMERCIO

PISTOIA ED IL COMMERCIO Pistoia PISTOIA ED IL COMMERCIO FAR VIVERE E RILANCIARE IL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO È NECESSARIO UN ACCORDO CONDIVISO Pistoia Confesercenti ha dimostrato di avere a cuore il commercio del centro storico.

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

GIORNATE DI STUDIO AUTONOMIA INDIVIDUALE E AUTONOMIA COLLETTIVA ALLA LUCE DELLE PIÚ RECENTI RIFORME

GIORNATE DI STUDIO AUTONOMIA INDIVIDUALE E AUTONOMIA COLLETTIVA ALLA LUCE DELLE PIÚ RECENTI RIFORME Presentazione La legge di delega n. 30/2003 e il decreto legislativo di attuazione n. 276/2003 hanno recato, in parziale accoglimento delle istanze del Libro Bianco, rilevanti modifiche all assetto del

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 5 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

CULTURA, TURISMO E MERCATO Il patrimonio artistico: motore dello sviluppo del sistema Italia

CULTURA, TURISMO E MERCATO Il patrimonio artistico: motore dello sviluppo del sistema Italia CULTURA, TURISMO E MERCATO Il patrimonio artistico: motore dello sviluppo del sistema Italia Roma, 5 novembre 2009 Cnel, Sala del Parlamentino Via David Lubin, 2 Intervento del Cav. Lav. Mario Resca Presidente

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME La Valle dei Segni 3 marzo 2012 Capo di Ponte UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME Arch. Michela Vielmi Presidente Consorzio Turistico Terme di Boario I TEMI 1. CONTESTO: Valle

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

L indagine viaggi e vacanze

L indagine viaggi e vacanze L indagine viaggi e vacanze Corso in Fonti, metodi e strumenti per l analisi dei flussi turistici A.A. 2009-2010 Prof.ssa Barbara Baldazzi Corso di Laurea PROGEST Facoltà di Lettere e Filosofia Università

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

Effetti economici della messa in esercizio di AlpTransit in Ticino

Effetti economici della messa in esercizio di AlpTransit in Ticino Effetti economici della messa in esercizio di AlpTransit in Ticino Dr. Peter Marti, Metron AG Bellinzona, 22 ottobre 2012 Michele Passardi, Consavis SA Sommario della presentazione 1. Raggiungibilità 2.

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING MEMORANDUN OF UNDERSTANDING PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SAN MARINO ITALIA Repubblica di San Marino, 6 novembre 2012 Memorandum of understanding per la realizzazione del Parco

Dettagli

Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola

Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola Questa alternativa si differenzia dalle altre per la regolamentazione degli accessi alla penisola particolarmente rigida: non sono autorizzati ad accedere

Dettagli

IV Sessione La sfida turistica degli eventi. EXPO 2015: ricadute per il Piemonte

IV Sessione La sfida turistica degli eventi. EXPO 2015: ricadute per il Piemonte IV Sessione La sfida turistica degli eventi EXPO 2015: ricadute per il Piemonte Roberto Daneo Consulente per Regione Piemonte Piemonte e Turismo Il turismo: risorsa economica anticrisi? Esposizione Universale

Dettagli

IDEA PROGETTO E BUSINESS PLAN CAPPUCCINI COLLEGIO UNIVERSITARIO MESAGNE CCUM

IDEA PROGETTO E BUSINESS PLAN CAPPUCCINI COLLEGIO UNIVERSITARIO MESAGNE CCUM CCUM 1. ENTE PRESENTATORE: COMITATO MESAGNE-PER PER-LA-RICERCA,, COMEPER SEDE LEGALE DEL COMEPER: Foresteria dei Congressi, Stanza 107 c/o Parco Scientifico Tecnologico Cittadella della Ricerca Strada

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE

RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE Piano di azione integrato per la Rivitalizzazione Commerciale AREA DI INTERVENTO L area oggetto d intervento comprende le principali arterie viarie e commerciali limitrofe

Dettagli