PIANO DI RILANCIO TURISTICO Linee guida per lo sviluppo economico del Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI RILANCIO TURISTICO 2011 2016 Linee guida per lo sviluppo economico del Paese"

Transcript

1 PIANO DI RILANCIO TURISTICO Linee guida per lo sviluppo economico del Paese U.S.O.T.

2 Premessa La Repubblica di San Marino sta vivendo un momento difficile. La crisi dei rapporti con l Italia e l entrata nella black list si sono inserite in un contesto di crisi economica mondiale che sta producendo effetti molto gravi nell intero sistema economico sammarinese. Ci troviamo di fronte ad un bivio, San Marino ha bisogno di una nuovo sistema economico e le Istituzioni devono essere capaci di fare una scelta decisa. La necessità primaria è infatti evitare gli sprechi di risorse e individuare un settore strategico sul quale investire, capace di rilanciare l economia del Paese. Il comparto turistico commerciale, grazie al suo stretto legame con il territorio, alla grande professionalità e onestà degli operatori sammarinesi e alla sua indipendenza rispetto a fattori esterni, quali il rapporto con l Italia, è l unico settore, in questo momento, capace di svolgere questa funzione. Bisogna partire da un rilancio della nostra immagine e da una forte e decisa promozione del nostro territorio, da nuove sinergie tra centro storico e territorio, sviluppando quanto di buono già è stato fatto (Consorzio Terra di San Marino, Consorzio Vini Tipici, Consorzio 2000, Convention & Visitors Bureau, Agenda 21). I nostri concittadini hanno bisogno di nuovi stimoli e una nuova tipologia di turismo potrebbe creare un movimento economico, sociale e culturale benefico per tutto il Paese. L USOT ha individuato alcuni obiettivi a breve/medio e lungo termine e, all interno di ciascun obiettivo, alcuni campi di intervento e azioni da svolgere, per risollevare se non rivoluzionare l intero comparto che crediamo possa essere il motore trainante per una nuovo sistema economico e per la rinascita di San Marino Pagina 2

3 A) Obiettivi a breve/medio termine: Gli obiettivi a breve/medio termine riguardano quegli interventi che l USOT reputa prioritari, fattibili nell immediato e con investimenti economici contenuti, sviluppando e migliorando ciò che è già esistente a San Marino. 1. Valorizzazione di San Marino Patrimonio Mondiale dell Umanità La Repubblica di San Marino il 7 luglio 2008 è entrata a far parte del Patrimonio Mondiale dell Umanità. L USOT considera questo riconoscimento vitale per il settore turistico, ma per renderlo realmente effettivo e per sfruttare al meglio le sue potenzialità è necessario che l Autorità di Indirizzo UNESCO dia continuità ai primi traguardi raggiunti (Legge Quadro 133 del 22/09/2009, revisione dei piani particolareggiati, concorso sulla segnaletica). I Centri Storici riconosciuti Patrimonio Mondiale dell Umanità devono diventare la base attrattiva sulla quale costruire un nuovo turismo, internazionale, stanziale e di qualità. A tal proposito l USOT richiede: a) di implementare, tramite una stretta collaborazione tra Comitato di Coordinamento UNESCO e Associazioni di categoria, il Piano di Gestione (art Legge 133 del ); b) di ideare uno specifico Regolamento, in continuazione al Decreto Delegato 18 marzo 2010, n.54 e Decreto Delegato 5 maggio 2010, n. 87, che contenga guide di intervento e migliori pratiche da rispettare per la conservazione e la valorizzazione degli immobili e che preveda incentivi fiscali o crediti agevolati sulle spese sostenute per la rivalutazione e la riconversione degli immobili e delle attività turistico commerciali (art. 12 Legge 133 del ); Pagina 3

4 c) di intensificare i controlli su petulanza, rispetto dei listini prezzi, occupazione del suolo pubblico e regolarità delle merce venduta; d) di istituire un Ufficio Reclami all interno dell Ufficio Informazioni; e) di privatizzare l Ufficio Guide, formando giovani sammarinesi e istituendo, in tal modo, la professione di Guida Turistica; f) di chiudere immediatamente i servizi pubblici che si trovano in condizioni disastrose, di sostituirli con servizi pubblici automatici o valutarne la privatizzazione; g) di stabilire accordi di collaborazione con i circuiti dei Siti Unesco Italiani e Siti Unesco Adriatici; h) di organizzare incontri, seminari, convegni e corsi di formazione volti a informare e sensibilizzare la popolazione e gli operatori economici riguardo alle possibilità e alle responsabilità di essere Patrimonio Mondiale dell Umanità. 2. Promozione Turistica del Territorio A fianco della valorizzazione dei Centri Storici di San Marino Città e Borgo Maggiore che potrebbe garantire, come detto, dei nuovi flussi turistici, di qualità maggiore e con esigenze diverse rispetto agli attuali, è necessario investire in attività capaci di promuovere il territorio. Le iniziative che l USOT considera facilmente realizzabili nell immediato per differenziare l offerta turistica, destagionalizzare i flussi e motivare i turisti a pernottare più notti in territorio, sono: a) Turismo città d arte: individuare una sede da adibire a spazio espositivo permanente all interno del Centro Storico della Capitale (Cinema Turismo, logge Cava dei Balestrieri, Cisterne del Palazzo) Pagina 4

5 b) Turismo ricreativo/culturale/universitario-giovanile: effettuare una nuova pianificazione degli eventi e delle manifestazioni, programmata annualmente e concordata con le Associazioni di Categoria, che eviti di sprecare risorse e volta a ospitare una serie di grandi eventi sportivi, musicali e culturali che si tengano per vari giorni, durante tutto l anno (poker, festival musicali, eventi culturali internazionali); promuovere e stimolare l apertura di locali notturni per rivitalizzare il Centro Storico. c) Turismo eno-gastronomico: organizzare, tramite il Consorzio Terra di San Marino e Vini Tipici, eventi che promuovano le nostre produzioni. Per realizzare questi obiettivi sono però necessari alcuni interventi strutturali: a) incentivi volti a promuovere e motivare l apertura notturna e invernale degli esercizi turistico commerciali e ad aiutare le imprese turistiche in difficoltà; b) un nuovo Contratto di Lavoro Collettivo più vicino alle esigenze di elasticità del settore; c) una nuova regolamentazione delle assunzioni e delle liste di collocamento che favoriscano la ricerca e la veloce assunzione di lavoratori qualificati e professionali Pagina 5

6 3. Marketing, Viabilità e Trasporti Per attrarre nuovi turisti è inoltre necessaria una nuova politica di marketing e migliorare i collegamenti sia all interno del territorio che all esterno. Se questa tematica sarà sviluppata soprattutto nel punto B) Obiettivi a lungo termine, l USOT ha comunque individuato alcuni interventi da eseguire immediatamente: a) pubblicizzare il nostro territorio e il nostro sistema Paese tramite piccoli eventi e fiere organizzati nelle Missioni presso gli Organismi Internazionali, Ambasciate Onorarie e Consolati, con la possibilità di proporre pacchetti viaggio ad hoc per piccoli gruppi; b) liberalizzare i flussi turistici, abrogando la Delibera n. 75 del 28 Marzo 1994, rivedere le tariffe dei parcheggi promuovendo la sosta giornaliera e riesaminare la distribuzione dei parcheggi (auto, bus e camper); c) migliorare e aumentare le navette interne in partenza dai parcheggi fuori dal Centro Storico e individuare nuovi punti di sosta (es. Centri Commerciali, confini, ecc ); d) migliorare il trasporto via bus tra San Marino e Rimini, aumentando le corse e inserendo nel periodo estivo (15 giugno 15 settembre) corse serali/notturne; e) incentivare l aumento delle compagnie di taxi sammarinesi (sgravi fiscali, crediti agevolati), abbassandone i costi e fissando delle tariffe massime per le tratte interne ed esterne (Rimini, Bologna, ecc ) Pagina 6

7 B) Obiettivi a Lungo Termine Con obiettivi a lungo termine si intendono una serie di interventi capaci di migliorare l offerta turistica del Paese e di trasformare definitivamente San Marino in una vera e propria meta turistica, differenziata e di qualità. Se una buona parte di questi interventi deve essere forzatamente privata, non viene esclusa la funzione dello Stato capace di dare impulso (legislazioni, incentivi fiscali, vendita di terreni, ecc ) all investimento privato e monitorarlo. 1. Grandi Progetti L USOT ripropone una serie di idee, il cui piano di fattibilità era già stato studiato tramite anche grossi investimenti statali e privati, rimaste però incompiute. L Associazione crede che, se il Paese riuscirà nel difficile compito di rivitalizzare la sua economia, dovrà questa volta forzatamente investire in almeno una di queste attività, per poter garantire un futuro a lungo termine. Seppur la maggior parte di questi interventi devono essere di carattere privato, lo Stato, insieme alle Associazioni di Categoria, deve avere la funzione di individuare e attrarre investitori. a) Università e Polo tecnologico: accrescere tutte le iniziative tese a sviluppare sia quantitativamente che qualitativamente l Università di San Marino, trasformando il Paese in una vera e propria Città Universitaria. b) Centro Congressi: Spostare la San Marino RTV e adibire il Kursaal a vero e proprio Palazzo dei Congressi, attuando, tramite il C&VB, una decisa politica di promozione del turismo congressuale. c) Centro Benessere/Resort: attrarre investitori capaci di creare una o più infrastrutture comprensive di Hotel di Lusso, Centri termali, Campi da Golf, Campi da Tennis, ecc ) Pagina 7

8 d) Centro Culturale Polivalente: creare un luogo permanente per iniziative, eventi culturali, musica, conferenze, mostre. e) Casa da Gioco: creare una nuova sala da gioco per i giochi legalizzati (es. sala da poker aperta tutto l anno) e ridiscutere le condizioni della Convenzione italo - sammarinese per permettere la creazione di un Casinò interamente statale. f) Parco Tematico: Creare una grande parco di intrattenimento in linea con le caratteristiche del nostro territorio, capace di attirare nuove tipologie di turisti. g) Turismo sostenibile/naturale: promuovere la tematica dell ecosostenibilità su tutto il territorio, incentivare la creazione di agriturismi, hotel eco-sostenibili e campeggi, risistemare i percorsi esistenti e creare nuovi percorsi monumentali/naturalistici/archeologici per passeggiate e mountain bike (parco dell acqua, mulini di canepa, gallerie, ecc ) con la collaborazione dell associazione La Genga. h) Vie tematiche: Incentivare la creazione di vie tematiche nel Centro Storico che promuovano le produzioni tipiche sammarinesi e romagnole, l artigianato e le grandi firme. i) Sede Agenzia Internazionale: proporre, presso gli Organismi Internazionali (ONU, Consiglio d Europa), la candidatura di San Marino come sede di un Osservatorio o di una Agenzia Internazionale Pagina 8

9 2. Grandi Opere: Infrastrutture e Marketing La necessità in questo ambito è quella di migliorare la viabilità e i trasporti sammarinesi e di rivedere la politica di Marketing del Territorio, puntando soprattutto sul WebMarketing. a) Aeroporto: prendere in considerazione il progetto di creazione di un Aeroporto a San Marino nella località di Torraccia. b) Treno o Metrò: è necessaria studiare un alternativa ecologica e sicura alla Superstrada Rimini - San Marino, creando una metropolitana (sotterranea o di superficie) o riattivando, dove possibile il treno Rimini - San Marino. c) Parcheggi: revisione della Convenzione sui Parcheggi, troppo dispendiosa per lo Stato, riprendendone la proprietà e creando una società di gestione, anche con l apporto delle Associazioni di Categoria, che crei nuovi parcheggi (sotterranei o multipiano) o migliori, ampli e ammoderni quelli esistenti (Funivia, Fonte dell Ovo, Baldasserona, 6-7). d) WebTV e Web Marketing: Investire nel web- marketing migliorando il sito internet per la promozione turistica di San Marino, creando una WebTV e il sito internet UNESCO San Marino Pagina 9

10 Conclusione L USOT con questo documento programmatico ha deciso di esporsi e di mostrare che il settore è pronto a collaborare per rilanciare il turismo a San Marino. Le possibilità esistono, in questo documento non vengono trattati progetti utopici, ma investimenti concreti. Ora le Istituzioni devono scegliere se puntare con decisione su San Marino come reale meta turistica, se optare per il turismo come vero e proprio settore trainante del Paese. Esistono città e Paesi che vivono prettamente di turismo e San Marino non ha nulla da invidiare ad altre famose destinazioni italiane e straniere. Si tratta però di una scelta strategica di Stato che necessita di investimenti seri e mirati, ma è la scelta giusta per creare un indotto economico sano, duraturo, indipendente e autenticamente nazionale. L USOT è disposta a confrontarsi attivamente con il Governo per sviluppare una nuova politica turistica, per creare un - Commerciale quinquennale, condiviso da tutte le parti sociali. San Marino deve decidere chi vuole essere nel prossimo futuro e come diventarlo, ora sta alle Istituzioni scegliere la strada da seguire Pagina 10

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

MERCANTI E BANCHE. 2 Convegno Internazionale sul Mercato dell Arte. San Marino, 8 novembre 2013

MERCANTI E BANCHE. 2 Convegno Internazionale sul Mercato dell Arte. San Marino, 8 novembre 2013 MERCANTI E BANCHE 2 Convegno Internazionale sul Mercato dell Arte San Marino, 8 novembre 2013 1 Il sistema dell arte a San Marino L arte nei suoi aspetti culturali e di mercato può costituire una risorsa

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori Giampaolo Letta COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo Stato di avanzamento lavori Giugno 2014 Stato avanzamento lavori (1/4) Attività ordinaria Oggetto Partecipanti 7.12.2012 20. 03. 2013

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Come promuovere il Territorio ed il Turismo attraverso lo Sport, gli Eventi e la Cultura, nel pieno rispetto dei principi del Fair Play

Come promuovere il Territorio ed il Turismo attraverso lo Sport, gli Eventi e la Cultura, nel pieno rispetto dei principi del Fair Play Come promuovere il Territorio ed il Turismo attraverso lo Sport, gli Eventi e la Cultura, nel pieno rispetto dei principi del Fair Play EXECUTIVE SUMMARY Agevolare la crescita dell economia territoriale

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

MAGNETE MILANO: UN ATTRATTORE DI ATTIVITÀ TECNOLOGICHE E INNOVAZIONE

MAGNETE MILANO: UN ATTRATTORE DI ATTIVITÀ TECNOLOGICHE E INNOVAZIONE MAGNETE MILANO: UN ATTRATTORE DI ATTIVITÀ TECNOLOGICHE E INNOVAZIONE La proposta del Gruppo Prelios per la rifunzionalizzazione del Padiglione 1 e 2 del Portello Milano PREMESSA (1/2) Prelios S.p.A. è

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori

Giampaolo Letta. COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo. Stato di avanzamento lavori Giampaolo Letta COMITATO TECNICO Industria Creativa, Cultura e Turismo Stato di avanzamento lavori Giugno 2013 Stato avanzamento lavori (1/4) Attività ordinaria Oggetto Partecipanti 7.12.2012 20. 03. 2013

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

FOCUS SUL TURISMO A BERGAMO (E HINTERLAND) TURISMO A BERGAMO: BACK TO THE FUTURE

FOCUS SUL TURISMO A BERGAMO (E HINTERLAND) TURISMO A BERGAMO: BACK TO THE FUTURE FOCUS SUL TURISMO A BERGAMO (E HINTERLAND) TURISMO A BERGAMO: BACK TO THE FUTURE PRIMA DI INIZIARE Arrivi: Il numero di clienti, italiani e stranieri, ospitati negli esercizi ricettivi (alberghieri o complementari)

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico,

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, nel commercio e nella consulenza strategica per enti pubblici.

Dettagli

LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali

LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali Stefan Marchioro Docente Economia applicata al Turismo, Università di Padova Seminario L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

CULTURA, TURISMO E MERCATO Il patrimonio artistico: motore dello sviluppo del sistema Italia

CULTURA, TURISMO E MERCATO Il patrimonio artistico: motore dello sviluppo del sistema Italia CULTURA, TURISMO E MERCATO Il patrimonio artistico: motore dello sviluppo del sistema Italia Roma, 5 novembre 2009 Cnel, Sala del Parlamentino Via David Lubin, 2 Intervento del Cav. Lav. Mario Resca Presidente

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

LA FILIERA GREEN DEL DISTRETTO HIGH TECH

LA FILIERA GREEN DEL DISTRETTO HIGH TECH LA FILIERA GREEN DEL DISTRETTO HIGH TECH le Aziende presentano i loro progetti 20 febbraio 2012 Hotel COSMO - Torri Bianche Vimercate (MB) GCI Group Fondazione Distretto Green & High Tech Monza Brianza

Dettagli

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a

Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Andar per Mare M a r c h e - C r o a z i a Premessa Il progetto denominato Andar per Mare vuole essere il momento promozionale dell attività della pesca nella Regione Marche, che è una delle più importanti

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento

Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento Cambiamenti climatici nelle Alpi Criticità emergenti ed ipotesi di intervento Andreas Riedl, CIPRA Alto Adige cc.alps: cambiamenti climatici nelle Alpi L idea Gli obiettivi Le attività Un patto per il

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

Associazione Culturale Michele Testa Tor Sapienza. Con i Patrocini di

Associazione Culturale Michele Testa Tor Sapienza. Con i Patrocini di Con i Patrocini di Festa provinciale dell arte di vivere bene lungo il fiume Aniene Un progetto realizzato con Centro Culturale Municipale Giorgio Morandi Il progetto in sintesi Vorremmo contribuire a

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo 1. I risultati della partecipazione Nell arco dei due giorni della Fiera di S. Giuseppe hanno preso parte alle attività di partecipazione 86 persone,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

IDEA PROGETTO E BUSINESS PLAN CAPPUCCINI COLLEGIO UNIVERSITARIO MESAGNE CCUM

IDEA PROGETTO E BUSINESS PLAN CAPPUCCINI COLLEGIO UNIVERSITARIO MESAGNE CCUM CCUM 1. ENTE PRESENTATORE: COMITATO MESAGNE-PER PER-LA-RICERCA,, COMEPER SEDE LEGALE DEL COMEPER: Foresteria dei Congressi, Stanza 107 c/o Parco Scientifico Tecnologico Cittadella della Ricerca Strada

Dettagli

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005 CAR SHARING SERVICE Assessore: Ing. Giovanni Avanti Cosa è il Car Sharing? Il Car Sharing è un servizio di condivisione dell auto nato in Svizzera alla fine degli anni 80 e sviluppatosi in tutta Europa

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87.

Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87. Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87. Delibera 92 del CIPE approvata il 6 novembre 2009 Premesse Visto l articolo

Dettagli

Offerta formativa ITC F. Severi 2013/2014

Offerta formativa ITC F. Severi 2013/2014 Offerta formativa ITC F. Severi 2013/2014 Biennio Amministrazione Finanza e Marketing Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing Triennio: Relazioni Internazionali per il Marketing Indirizzi di studio

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Cantone dei Grigioni. Regione Bregaglia. Piano direttore regionale. Allegato 2. Linee di guida strategiche BET 2012-2014

Cantone dei Grigioni. Regione Bregaglia. Piano direttore regionale. Allegato 2. Linee di guida strategiche BET 2012-2014 Cantone dei Grigioni Regione Bregaglia Piano direttore regionale Allegato 2 Linee di guida strategiche BET 2012-2014 Esposizione pubblica dal 13 settembre al 15 ottobre 2012 Indice 1. Introduzione e premesse...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Close to EXPO 2015 CHI SIAMO CAMERA DI COMMERCIO DI VARESE e PROMOVARESE con la collaborazione di Provex Consorzio per l Internazionalizzazione & Varese Convention & Visitors Bureau Consorzio Turistico

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE

PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE PROGETTO CALCIO A 5 GRANDI ORIZZONTI PER IL NOSTRO SPORT UNITI PER CRESCERE Il calcio a 5 è fermo, bloccato, immobile. Và ricostruito, viene da un periodo troppo lungo di non scelte, di non coraggio di

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Turismo congressuale e Meeting Industry*

Turismo congressuale e Meeting Industry* Turismo congressuale e Meeting Industry* Fonti: Marketing degli Eventi, Promoveneto Giancarlo Leporatti, consulente congressuale Osservatorio Congressuale Italiano Stefan Marchioro Economia applicata al

Dettagli

Il centro polifunzionale di Fiera Roma.

Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Un centro polifunzionale Esposizione, eventi, formazione, dimostrazioni, test e sperimentazione tecnologica: MES Polo Innovativo della Mobilità e Sicurezza Stradale

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa per la tutela dei minori Rom, Sinti e Camminanti tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Opera Nomadi VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo

Dettagli

MANOVRA ANTICONGIUNTURALE 2009 INCENTIVI ALLE IMPRESE

MANOVRA ANTICONGIUNTURALE 2009 INCENTIVI ALLE IMPRESE MANOVRA ANTICONGIUNTURALE 2009 INCENTIVI ALLE IMPRESE In risposta alle sollecitazioni delle parti sociali, l aggiornamento e l attuazione della manovra anticrisi prevede le seguenti iniziative: A) INIZIATIVE

Dettagli

Palacongressi di Rimini: Wellness Valley Location

Palacongressi di Rimini: Wellness Valley Location Palacongressi di Rimini: Wellness Valley Location «Le persone che si sentono in forma e a proprio agio con il loro corpo, vivono meglio, hanno migliori rapporti interpersonali e il loro stile di vita é

Dettagli

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia Internazionalizzazione e marketing territoriale P R O M O S CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Ruolo, servizi

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Concorso di idee I percorsi del commercio alessandrino

Concorso di idee I percorsi del commercio alessandrino Concorso di idee I percorsi del commercio alessandrino Premessa per stimolare il confronto per far nascere nuove idee per premiare le migliori per essere pronti al cambiamento per dare un contributo concreto

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO ti invita ad essere CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO L associazione Charm in Italy nasce con l intento di donare nuova linfa al mercato turistico ricettivo

Dettagli

Destinazione sport. Composizione del tavolo: i membri permanenti, una segreteria organizzativa e un panel di esperti

Destinazione sport. Composizione del tavolo: i membri permanenti, una segreteria organizzativa e un panel di esperti Destinazione sport La Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministro dello Sport, il Ministero della Salute, il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Offerta formativa. ITE F. Severi 2013/2014. Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing. Biennio Amministrazione Finanza e Marketing

Offerta formativa. ITE F. Severi 2013/2014. Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing. Biennio Amministrazione Finanza e Marketing Offerta formativa ITE F. Severi 2013/2014 Biennio Amministrazione Finanza e Marketing Triennio: Amministrazione Finanza e Marketing Triennio: Relazioni Internazionali per il Marketing Indirizzi di studio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO Considerato che: - Il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero

Dettagli

il brand della casa del 21 secolo Pigreco Progetti Arch. Simone Seddio

il brand della casa del 21 secolo Pigreco Progetti Arch. Simone Seddio il brand della casa Pigreco Progetti Arch. Simone Seddio del 21 secolo 21052 Busto Arsizio (VA) - Via S. Michele, 4 Ingresso galleria Marcora da Via A. Volta, 1 Tel. e Fax 0331 071965 - info@casa21.it

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica

1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 1) Risistemazione della DARSENA quale porto della città ed area ecologica 2) Procedere GRADUALMENTE alla riattivazione idraulica e paesaggistica del SISTEMA DEI NAVIGLI 3) Attraverso un PROGETTO DI FATTIBILITÀ

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

I SERVIZI DELL OSPITALITA DIFFUSA: LA BUONA ACCOGLIENZA NEI TERRITORI RURALI

I SERVIZI DELL OSPITALITA DIFFUSA: LA BUONA ACCOGLIENZA NEI TERRITORI RURALI www.earthacademy.eu Fausto Faggioli Territorial Marketing Manager Cell. +39 335 6110252 ff@fattoriefaggioli.it I SERVIZI DELL OSPITALITA DIFFUSA: LA BUONA ACCOGLIENZA NEI TERRITORI RURALI 15 MARZO 2012

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli

Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli CAPITOLO 3 - I LUOGHI SIMBOLO DEL TERRITORIO Cascata delle Marmore, performance e prospettive Federico Nannurelli Unità di Valorizzazione Cascata delle Marmore - Comune di Terni Cap. 3 Cascata delle Marmore,

Dettagli

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Città di Noto STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Azione di promozione e di marketing internazionale del Distretto del Sud Est per l incremento e la destagionalizzazione dei flussi turistici Noto, 27 novembre

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

BOLOGNA - 28/29 Novembre 2011 Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la Domanda e l Offerta si incontrano

BOLOGNA - 28/29 Novembre 2011 Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la Domanda e l Offerta si incontrano BOLOGNA - 28/29 Novembre 2011 Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la Domanda e l Offerta si incontrano OBIETTIVO Il Convegno Il Nuovo Mondo dei sistemi tecnologici per la Mobilità la

Dettagli

La nostra missione. AFC luxury advertising & events

La nostra missione. AFC luxury advertising & events La nostra missione nasce forte di un esperienza trentennale di Alessandro Francesco Colombo nel settore del turismo, degli eventi, dei servizi e della pubblicità ed offre una competenza sviluppata a livello

Dettagli