Gli organismi vegetali come bioindicatori dei cambiamenti climatici: il progetto GLORIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli organismi vegetali come bioindicatori dei cambiamenti climatici: il progetto GLORIA"

Transcript

1 Gli organismi vegetali come bioindicatori dei cambiamenti climatici: il progetto GLORIA Graziano Rossi, Gilberto Parolo, Roberto Dellavedova. Dipartimento di Ecologia del Territorio e degli Ambienti Terrestri, Università degli Studi di Pavia, Via S. Epifanio 14, I Pavia. Tel Riassunto Il progetto GLORIA ( Iniziativa di ricerca a livello globale in ambiente alpino ) mira ad istituire una rete mondiale di ricerca al fine di valutare le potenziali minacce dei cambiamenti climatici sulla biodiversità delle aree d alta montagna. Lo scopo del presente contributo è quello di presentare i risultati preliminari dell analisi della biodiversità ottenuti nell ambito del progetto GLORIA-EUROPE ( ), nato come studio pilota per la realizzazione di una prima rete europea di raccolta di dati floristici e climatici. Le aree campione, localizzate all interno delle principali regioni montuose europee, sono 18 e per ognuna di esse è previsto lo studio di 4 vette, per un totale di 71 1 cime indagate ed un totale di 13 nazioni coinvolte. Le Università di Pavia e di Parma sono responsabili della target region Appennino settentrionale (TR 5), che comprende quattro vette montuose di diversa quota: Alpe di Mommio (1855 m), M. Casarola (1978 m), M. Foce a Giovo (1722 m) e M. Pian Cavallaro (1815 m). I risultati relativi a questa zona saranno qui analizzati con particolare risalto. Nell ottica di tutelare le specie minacciate dai cambiamenti climatici si propongono strategie preventive di conservazione ex situ, azioni nelle quali il Laboratorio di Ecologia Vegetale e Conservazione delle Piante (Università di Pavia) è da alcuni anni coinvolto, grazie ai contatti con la Millennium Seed Bank dei Giardini Botanici Reali di Kew (UK). Parole chiave: GLORIA, Appennino settentrionale, biomonitoraggio, cambiamenti climatici, alta montagna, specie vegetali. Summary Plants as biomonitors of climatic changes: the GLORIA project. GLORIA (Global Observation Research Initiative in Alpine Environments) project aims to establish a wordwide observation network to detect climate-induced threats on high mountain biodiversity. The aim of this paper is to show preliminary biodiversity analysis, evaluated in the project GLORIA EUROPE ( ), that started as a pilot study to establish a long-term observation network to detect floristic and climatic data. 18 target regions, located in the most important mountain areas of Europe, were studied, each one including a set of 4 summits at different altitude; in total 71 1 peaks located in 13 different european nations were studied. Universities of Pavia and Parma (Italy) are responsible for the Northern Apennine Target Region (TR 5), which includes four summits located at different altitudes: Alpe di Mommio (1855 m), M. Casarola (1978 m), M. Foce a Giovo (1722 m) e M. Pian Cavallaro (1815 m). Data here collected will be deeply discussed. In order to preserve threatened species from climatic changes, we propose preventive strategies of species conservation (ex situ conservation); the Laboratory of Plant Ecology and Conservation (University of Pavia) has been involved in seed collection and conservation since some years, thanks to the collaboration set up with the Millennium Seed Bank of the Royal Botanic Garden of Kew (UK). Key words: GLORIA, Northern Apennines, biomonitoring, climate changes, high mountain, plant species. Introduzione La flora e la vegetazione di un territorio sono in equilibrio con i fattori ambientali che agiscono su di esso; fluttuazioni o variazioni dei parametri chimico-fisici dell ambiente, indotti da cause naturali oppure antropiche, innescano risposte nella composizione floristica delle comunità vegetali. Tali modificazioni possono manifestarsi in modo drastico con l alterazione più o meno spinta degli ecotopi oppure possono avvenire in modo graduale, quando graduali e lenti sono i processi di trasformazione, quali ad esempio i cambiamenti climatici globali (Global Changes) attualmente in corso (Carbonara 2004; Easterling et al. 1 Il numero totale delle aree sommitali esaminate è 71 invece di 72, poiché per una delle 18 target region sono state rilevate soltanto 3 cime.

2 2000; IPCC 2001). Da circa un ventennio si assiste, a livello planetario, ad un progressivo riscaldamento climatico (Global Warming), che in ambito alpino si manifesta con il ritiro dei ghiacciai, la diminuzione delle precipitazioni nevose, la minor permanenza della neve al suolo, l aumento della franosità e, conseguentemente, con cambiamenti nella distribuzione delle specie vegetali (Walther et al. 2001; Diaz 2003; Halloy & Mark 2003; Maugeri & Mazzucchelli 2001; Medail & Quezel 2003; Grabherr et al. 1994; Pauli et al. 1999; Woodward & Cramer 1996). L ambiente di vita alpino costituisce, per diversi motivi, un area particolarmente sensibile per l osservazione in tempi medi degli effetti dei cambiamenti climatici (Pauli et al. 2001). Ci si attende che specie e comunità microterme, la cui espressione e distribuzione sono fortemente determinate da fattori climatici estremi, mostrino delle risposte, in media, più rapide rispetto alle specie mesofile, contraddistinte invece da una maggiore ampiezza ecologica. La capacità indicatrice di una specie vegetale è infatti tanto più precisa quanto più ristretta è la sua ampiezza ecologica; un bioindicatore può essere considerato un organismo o sistema biologico che presenti un accertata sensibilità nei confronti di un azione perturbatrice, come ad es. le variazioni di temperatura (Sartori 1998). L utilizzo di specie vegetali per il monitoraggio di cambiamenti ambientali è una tecnica vantaggiosa per alcuni lati, svantaggiosa per altri. Il biomonitoraggio è un processo di analisi ambientale che adotta metodi non distruttivi per osservazioni a lungo termine, con costi bassi; le conseguenze del fenomeno si possono osservare direttamente sugli organismi considerati (effetto a livello biologico) e possono essere abbinati a misure con strumenti, per una migliore comprensione delle risposte biologiche. In ultimo, non necessitano di figure professionali specializzate nell utilizzo delle varie strumentazioni atte alla raccolta dei dati ambientali, la cui espressione viene invece rilevata in modo sintetico dalla presenza/assenza e/o densità dei bioindicatori. Tra gli svantaggi si annoverano tempi spesso lunghi per avere risposte chiare e scientificamente generalizzabili. Il biomonitoraggio effettuato utilizzando piante vascolari è un sistema di analisi di variazioni ambientali in realtà ancora poco utilizzato, nonostante la sua efficacia sia stata rivelata da vari autori (Grabherr 2001, Hofer 1992, Pauli et al. 2001a, Rossi et al. 2000, Valcuvia Passatore et al. 1998). In quest ottica, utilizzando le specie vegetali come bioindicatori, è nato il progetto GLORIA (Global Observation Research Initiative in Alpine Environments; Pauli et al. 2001b). Diversi sono i motivi che rendono l ambiente alpino un ottimo candidato per studiare l impatto del riscaldamento terrestre; tra questi la sua distribuzione a livello globale, la sua sensibilità all aumento di temperatura e un azione antropica ancora contenuta rispetto alle aree situate a quote inferiori. Lo scopo è quello di istituire una rete mondiale di ricerca al fine di valutare le potenziali minacce dei cambiamenti climatici sulla biodiversità vegetale nelle aree d alta montagna, lungo i principali gradienti climatici (altitudine, latitudine e longitudine). Il progetto prevede inoltre di elaborare degli scenari futuri sull andamento nel tempo di tali cambiamenti. Nel 2001 è stato avviato il progetto GLORIA EUROPE, come studio pilota europeo per la successiva implementazione del progetto a livello mondiale, focalizzando l attenzione sulle piante vascolari dell ambiente alpino (V Programma quadro di attività di ricerca dell Unione Europea). Nella presente nota vengono illustrati sia il metodo utilizzato che i principali risultati raggiunti al termine del progetto (2003), questi ultimi attualmente registrati nel database TEMS (Terrestrial Ecosystem Monitoring Sites) sul sito GTOS (Global Terrestrial Observation) della FAO 2 (http://www.fao.org/gtos/tems). Ulteriori informazioni e aggiornamenti saranno disponibili sui siti internet riportati. Metodi Il metodo adottato dal progetto GLORIA è basato su una metodologia denominata approccio a più vette (Multi-Summit Approach, Pauli et al. 2001b), i cui scopi sono: quantificare i cambiamenti nella biodiversità vascolare lungo il gradiente altitudinale e la loro relazione con i gradienti ambientali (temperatura, copertura nevosa) nei sistemi montuosi dei principali biomi; valutare il rischio potenziale di perdita di biodiversità dovuta ai cambiamenti climatici attraverso la comparazione di modelli di distribuzione attuale delle specie, delle comunità vegetali e dei fattori ambientali lungo i gradienti biogeografici verticali ed orizzontali; quantificare i cambiamenti di biodiversità nel tempo attraverso il monitoraggio dei dati sulle vette studiate ad intervalli appropriati di 5-10 anni o più a seconda dei casi; proporre una quantificazione del rischio comparando i dati monitorati. 2 TEMS è una rete internazionale di ambienti terrestri (chiamati T.Sites) nei quali vengono effettuati studi di monitoraggio a lungo termine ed attività di ricerca legate ai cambiamenti ambientali globali.

3 In corrispondenza di ogni vetta viene rilevata la flora e la vegetazione della parte sommitale compresa tra il punto più alto e una linea posta a 10 m sul livello del mare (Fig. 1). Viene inoltre registrata in modo continuo la temperatura, utilizzando data loggers posti a 10 cm di profondità nel suolo. In totale vengono studiati 16 quadrati di 1m 2 di estensione per ogni vetta, disposti lungo le principali direzioni geografiche; in ognuno di essi si rilevano, in dettaglio, le specie vegetali presenti e la loro frequenza, valutata secondo una scala qualitativa di abbondanza. In ogni vetta l area sommitale, dalla cima fino a 10 m verticali di altitudine, viene divisa in 2 superfici corrispondenti a fasce da 10 m a 5 e da 5 alla cima. In seguito queste due superfici vengono a dividersi in otto zone con linee che partono dalla sommità e decorrono lungo le quattro direzioni geografiche di secondo ordine (NE, SE, SW, NW). Infine, per studiare l effetto dell esposizione sulla biodiversità vascolare, viene compilata una lista completa delle piante vascolari presenti in ognuna delle otto superfici ottenute e stimata la rispettiva copertura vegetale. Fig. 1 Esemplificazione della metodologia di rilevamento dei dati floristici sulla parte sommitale di una vetta. L area di indagine è compresa tra il punto più alto della vetta e una linea posta a 10 m s.l.m.; altre spiegazioni nel testo (tratto da Per ulteriori informazioni sulla metodologia adottata si rimanda a Bertin et al. (2001) oppure al sito ufficiale di GLORIA dove in lingua inglese e spagnola è riportato il manuale ufficiale utilizzato. I risultati di GLORIA EUROPE ( ) I dati raccolti nella prima fase del progetto sono stati prima archiviati in un apposito database centralizzato, poi rielaborati dal gruppo di coordinamento (Università di Vienna), con l intento di valutare lo stato attuale della flora delle 18 target region coinvolte, per un totale di 71 vette montuose studiate.

4 Sulla base di una interpretazione corologica dei dati, le target region sono risultate appartenere a cinque zone biogeografiche, così disposte da sud a nord: mediterranea, submediterranea, a cui è risultata appartenere la target region numero 5 (Appennino settentrionale), temperata, boreale e artica. Un secondo interessante risultato è stato ottenuto valutando la variazione nella ricchezza in specie per ciascuna target region, in relazione alla quota delle quattro cime studiate (individuate in contesto nivale, ecotonale alpino-nivale, alpino e alpino inferiore); la ricchezza floristica, calcolata semplicemente come numero di specie vascolari per vetta, è risultata, in accordo con le attese (Virtanen et al. 2002), decrescere con l innalzarsi della quota; passando dalla fascia alpina a quella nivale l intensificarsi dei rigori ambientali provoca, infatti, un forte processo di selezione dei vegetali ed un numero sempre minore di essi riesce ad accrescersi ed a riprodursi nel breve periodo estivo. Nonostante si noti, in generale, una tendenza alla diminuzione dei taxa con l aumento di altitudine, in alcune target region la presenza di contesti microecologici locali determina delle anomalie rispetto all andamento atteso. In particolare la target region dell Appennino settentrionale mostra un trend crescente di ricchezza floristica, apparentemente anomalo, che può essere spiegato considerando che le brughiere a Vaccinium sp. pl. (Ferrari & Piccoli 1997) vengono sostituite con l aumentare dell altitudine da comunità ecotonali, in cui rientrano anche specie tipiche di ambiti altitudinali più elevati (Körner 1999; Agakhanjanz & Brekle 2002). Il valore biogeografico della flora delle 18 target region studiate è stato anche valutato considerando per ogni target region il numero di specie endemiche in senso stretto (stenoendemiche) e in senso lato, rapportato al numero totale di taxa rilevati. Queste elaborazioni, riportate in Fig. 2, mostrano elevati valori in percentuale nelle aree mediterranee ed alpine, mentre i valori più bassi si riscontrano nelle regioni artiche e boreali; se da un lato le aree mediterranea ed alpina hanno avuto la possibilità di sviluppare propri endemismi, questo è accaduto soltanto in misura minore nelle regioni fredde nordiche, evidentemente in relazione ai rigori climatici che hanno inibito i processi di speciazione e alla bassa diversità di habitat presenti; inoltre molte delle specie tipiche di queste regioni (specie artico-alpine) spesso hanno areali disgiunti con presenze sulla catena alpina, dovute alle migrazioni di massa innescate dalle glaciazioni pleistoceniche (Pignatti 1994; Zumino & Zullini 1995). Fig. 2 Ricchezza in specie e valore biogeografico della flora delle 18 target region europee (tratto da Per le 71 vette di GLORIA è stato valutato il gradiente di ricchezza in specie in relazione all esposizione (N, E, S, W). Questa analisi è risultata quindi interessante, dal momento che ha messo in evidenza una preponderante ricchezza di specie sul versante E, seguito dal S, dal N ed infine dall W. La causa di tale comportamento sarebbe da imputare alla provenienza dei fronti di perturbazione, che in Europa giungono in

5 prevalenza da W e N-W, esponendo quindi tali versanti a condizioni ambientali più severe; al contrario le esposizioni ad est risultano più favorevoli sia perché più protette e meno esposte ai venti e alle precipitazioni sia perché l insolazione perdura sin dall alba. Il periodo di attività per le piante durante il giorno risulta essere più lungo ad E, se comparato con S, W e N, e gli effetti di tale diversità sarebbero più evidenti in ambienti caratterizzati da basse temperature. La target region dell Appennino settentrionale. Le indagini floristiche condotte sulle 4 cime dell Appennino settentrionale (Bertin et al. 2001) hanno portato al riconoscimento di 169 taxa (Tab. 1) tra specie e sottospecie, corrispondenti a circa 1/3 della flora totale delle aree extrasilvatiche dell Appennino tosco-emiliano (Alessandrini et al. 2003). Dopo aver analizzato i risultati generali relativi a tutte le 71 aree sommitali di GLORIA EUROPE, vediamo ora più in dettaglio le elaborazioni relative alle quattro vette della target region dell Appennino settentrionale. Le quattro vette studiate hanno altitudini di 1722 m (Monte Foce a Giovo), 1815 m (Monte Pian Cavallaro), 1855 m (Monte Alpe di Mommio) e 1978 m (Monte Casarola). Come prima ricordato il numero di specie in queste quattro vette aumenta con l altitudine, poiché le brughiere a Vaccinium sp pl. (Vaccinium myrtillus, V. gaultherioides, V. vitis-idaea) sono progressivamente sostituite da numerose specie di prateria sommitale ed ecotonali (Fig. 3). Fig. 3 La ricchezza specifica delle 4 vette dell Appennino settentrionale aumenta con l altitudine, in controtendenza rispetto a quanto normalmente osservato salendo in quota in montagna. Ponderando la ricchezza specifica in relazione alle superfici delle 4 vette (Fig. 4), variabili in base all inclinazione dei versanti, si ottengono valori solo sensibilmente diversi rispetto a quanto osservato in Fig. 3. La più alta densità in specie (n taxa/superficie) si riscontra sulla cima più bassa (M. Foce a Giovo), dove la copertura vegetale è omogenea e dove mancano gli affioramenti rocciosi; sulle altre vette la densità specifica aumenta con la quota.

6 Fig. 4 Valutazione della densità specifica delle 4 vette dell Appennino settentrionale, espressa come n taxa/superficie. La ricchezza specifica, valutata per ogni vetta nelle principali direzioni geografiche (Fig. 5), mostra i valori più elevati sui versanti esposti a ovest, ad eccezione del M. Pian Cavallaro, in accordo con la loro maggiore estensione areale (Fig. 6); i pendii esposti a N mostrano la più bassa ricchezza in specie al M. Pian Cavallaro e all Alpe di Mommio, mentre i pendii esposti a S mostrano la più bassa ricchezza in specie al M. Foce a Giovo e al M. Casarola (Fig. 5). Fig. 5 Ricchezza in specie vegetali nelle principali direzioni geografiche.

7 Fig. 6 Estensione areale dei versanti N, E, S e W nella target region dell Appennino settentrionale. La copertura vegetale (Fig. 7) è piuttosto elevata in tutte le vette, con una media pari all 83%; il valore massimo si registra al M. Casarola (91%), il minimo al M. Pian Cavallaro (76%). Relazionando, per ogni vetta, l andamento della copertura vegetazionale con l esposizione (Fig. 8) si evince che i pendii esposti a N hanno, in generale, un elevata copertura vegetazionale, mentre pendii esposti a E hanno una copertura vegetazionale bassa; fa eccezione il M. Casarola, per il quale i valori risultano invertiti. La correlazione tra numero di specie e superficie areale delle 4 vette è stata analizzata statisticamente (Bertin et al. 2001). Per tutte le cime la correlazione è risultata essere alta (min. 0,81 max. 0,95), ma significativa soltanto per M. Foce a Giovo (t test: 4,15) and M. Casarola (t: 3,38). Questo risultato può essere correlato con la presenza di affioramenti rocciosi, limitanti l incremento della ricchezza specifica con l aumento della superficie. In effetti al M. Foce a Giovo e M. Casarola, dove la correlazione è significativa, la presenza di substrati rocciosi è limitata. Al contrario, l Alpe di Mommio, che ha la maggiore estensione di rocce affioranti, mostra il più basso valore di correlazione. Fig. 7 Copertura vegetale delle 4 vette dell Appennino settentrionale.

8 Fig. 8 - Copertura vegetale valutata nelle quatto vette appenniniche in base all esposizione. Conclusioni La prima fase di raccolta dati del progetto GLORIA EUROPE ha portato ad una dettagliata descrizione dello stato floristico e vegetazionale delle 71 vette appartenenti alle 18 target region europee coinvolte, relativamente al periodo Il progetto raggiungerà soltanto in futuro il suo scopo principale, quando verrà attuata una nuova campagna generale di raccolta dati, prevista tra circa 10 anni, per il monitoraggio delle variazioni floristiche occorse nel lasso di tempo trascorso. La metodologia di raccolta dei dati floristici, effettuata con la mappatura dei singoli individui vegetali e la scelta oculata delle aree d indagine, soggette a basso determinismo antropico, porterà con certezza ad evidenziare soltanto le variazioni di composizione floristica indotte dai cambiamenti climatici. Per le specie endemiche presenti, ma anche per i taxa considerati rari, minacciati o vulnerabili, a fini conservazionistici preventivi sarebbe opportuno effettuare fin d ora una raccolta dei loro semi e lo stoccaggio in banche del germoplasma. Il patrimonio genetico delle piante più a rischio sarebbe quindi messo in salvo per essere impiegato in futuro in eventuali operazioni di ripopolamento o di reintroduzione. Per quanto riguarda la situazione dell Appennino tosco-emiliano, una prima campagna di raccolta e stoccaggio dei semi è già stata effettuata nel periodo nel territorio del Parco del Gigante (Alto Appennino reggiano), limitatamente a quindici specie ritenute rare e/o minacciate. Tra queste si ricordano: Salix herbacea L., Salix hastata L., Salix breviserrata B.Flod., Senecio incanus L., Leucanthemopsis alpina (L.) Heyw., Vicia cusnae Foggi et Ricceri, Linum capitatum Kit., Carex foetida All., Alopecurus alpinus Vill., Primula apennina Widmer, Silene suecica (Loddiges) Greuter et Burdet. Quale ente responsabile della conservazione del materiale raccolto in campo è stata designata la Millenium Seed Bank dei Royal Botanic Gardens di Kew (U.K.), la più autorevole banca del germoplasma su scala mondiale. Un ulteriore e più estesa azione di conservazione potrebbe in futuro riguardare i semi delle specie che costituiscono le comunità vegetali di vetta dell Appennino tosco-emiliano, indipendentemente dalla loro rarità fitogeografica. Tra gli sviluppi futuri del progetto GLORIA, si può ricordare che il Dipartimento di Ecologia del Territorio dell Università degli Studi di Pavia è attualmente impegnato nel monitoraggio dei siti presenti nel Parco dell Alto Appennino Reggiano-Parco Nazionale dell Appennino Tosco-Emiliano. Grazie ad un finanziamento concesso dall Istituto Nazionale di Ricerca sulla Montagna (INRM) nel 2004 verrà realizzata la prima verifica delle variazioni floristiche avvenute, a tre anni dall avvio del progetto.

9 Bibliografia AGAKHANJANZ O. & BREKLE S.W., 2002 Plant diversity and endemism in high mountains of Centrl Asia, the Caucasus and Siberia. pp ; in Korner & Spehn Mountain Biodiversity. The Partenon Publishing Group. ALESSANDRINI A., FOGGI B., ROSSI G. & TOMASELLI M., La flora di altitudine dell Appennino tosco-emiliano. Regione Emilia-Romagna, Bologna. BERTIN L., DELLAVEDOVA R., GUALMINI M., ROSSI G. & TOMASELLI M., Monitoring plant diversity in the Northern Apennines, Italy. The GLORIA project. Arch. Geobot. 7 (1): (2001). CARBONARA S., 2004 IX Conferenza delle Parti: gli accordi per combattere i cambiamenti climatici. Genio Rurale 3: 3-7. DIAZ H.F. (ed.), 2003 Climate variability and change in high elevation regions: past, present & future. Kluwer Academic Publ., New York: pp EASTERLING D.R., MEEHL G.A., PARMESAN C, CHANGNON S.A., KARL T.R. & MEARNS L.O., 2000 Climate Extremes: Observations, Modeling, and Impacts. Science, vol. 289: ERSCHBAMER B., Climate warming and plant growth on glacial retreats. Rev. Vald. Hist. Nat 51 (suppl.): (1999). FERRARI C. & PICCOLI F., 1997 The ericaceous dwarf shrublands above the Northern Apennine timberline (Italy). Phytocoenologia, 27 (1): FERRARI C. & ROSSI G., Relationships between plant communities and late snow melting on Mount Prado (Northern Apennines, Italy). Vegetatio 120: GOTTFRIED M., PAULI H., REITER K. & GRABHERR G., Microclimatic gradients controlling alpine plant distribution patterns. Int. Conf. On Global changes and protected areas. L Aquila (Italy) September 8-13, Abstract. GRABHERR G., GOTTFRIED M., GRUBER A. & PAULI H., Patterns and current changes in alpine plant diversity. In Stuart Chapin III F. & Körner C. (eds.), Arctic and alpine biodiversity: Ecological studies 113. Springer. GRABHERR G., GOTTFRIED M., GRUBER A. & PAULI H., Aspects of global change in the Alps and in the high arctic region. Long-term monitoring of mountain peaks in the Alps. In: (Burga & Kratochwil eds.). Biomonitoring: Kluwer Academic Publishers. GRABHERR G., GOTTFRIED M. & PAULI H., 1994 Climate effects on mountain plants. Nature, vol. 369: 448. GUISAN A. & THEURILLAT J.P., Equilibrium modelling of alpine plant distribution: how far can we go? Phytocoenologia 30 (3-4): GUISAN A., Alpland: évaluer la réponse des plantes alpines aux changements climatiques à travers la modélisation des distributions actuelles et future de leur habitat potentiel. Bull. Murithienne 114 : GUISAN A., HOLTEN J.I., SPICHIGER R. & TESSIER L., Potential ecological impacts of climate change in the Alps and Fennoscandian mountains (20 contributions). Conservatoir Jardin Botaniques (Genève), Publ. Hors-série 8, pp GUISAN A., THEURILLAT J.P. & KIENAST F., Predicting the potential distribution of plants species in an alpine environment. J. Veg. Sci. 9: HALLOY S.R.P. & MARK A.F., 2003 Climate-Change Effects on Alpine Plant Biodiversity: A New Zeland Perspective on Quantifying the Threat. Artic, Antarctic, and Alpine Research, Vol. 35, n. 2: HEEGAARD E., A model of alpine species distribution in relation to snowmelt time and altitude. J. Veg. Science 13: HOFER H.R., Veränderungen in der vegetations von 14 gipfeln des Berninagebietes zwischen 1905 und Ber. Geobot. Inst. ETH, Stiftung Rübel, Zürich 58:

10 IPCC, 2001 Summary for Policymakers: A Report of Working Group I of the Intergovernamental Panel on Climate Change. Intergovernamental Panel on Climate Change, 20 pp. KENNEDY A. D., Antarctic terrestrial ecosystem response to global environmental change. Annual review of ecology and systematics 26: KÖRNER C., Alpine plant diversity: a global survey and functional interpretations. In Stuart Chapin III F. & Körner C. (eds.), Arctic and alpine biodiversity: Ecological studies 113. Springer. KÖRNER C., Global change at high elevation. In: Alpine plant life. Functional plant ecology of high mountain ecosystems: Springer. MAUGERI M. & MAZZUCCHELLI E., 2001 Il global warming. Circolo Culturale Carlo Perini. Milano MEDAIL F. & QUEZEL P., 2003 Conséquences écologiques possibles des changements climatiques sur la flore et la végétation du bassin méditerranéen. Bocconea 16 (1): PAULI H., GOTTFRIED M. & GRABHERR G., Vascular plant distribution patterns at the lowtemperature limits of plant life. The alpine-nival ecotone of Mount Schrankogel (Tyrol, Austria). Phytocoenologia 29 (3): PAULI H., GOTTFRIED M. & GRABHERR G., 2001a - High summits of the Alps in a changing climate. In: G.-R. Walther et al. (eds.) Fingerprints of climate change. Kluwer Academic Publ., New York: PAULI H., GOTTFRIED M., HOHENWALLNER D., HULBER K., REITER K. & GRABHERR G. (eds.), 2001b GLORIA Global Observation Research Initiative in Alpine Environments. The Multi-Summit Approach. Field Manual. Third Version, Inst. of Ecol. and Conserv. Boil., Univ. of Vienna, Dept. of Conserv. Biol., Veg. and Landscape Ecol., Vienna, pp PIGNATTI S., 1994 Ecologia del paesaggio. UTET, Torino. PRIMAK R.B. & CAROTENUTO L., 2003 Conservazione della natura. Zanichelli, Bologna. ROSSI G., LEONARDI A. & BERTIN L., Rare species as bio-monitor of climatic changes in high mountain areas. First Int. Conf. on Mountain Biodiversity, Rigi Kalt-Bad, CH, 7-10 September Abstract (www.unipv.it/labecove) SARTORI F. (a cura di), 1998 Bioindicatori ambientali. Fondazione Lombardia per l Ambiente. Pavia. TUTIN T.G., HEYWOOD V.H., BURGES N.A., VALENTINE D.H., WALTERS S.M., WEBB D.A., THE FLORA EUROPAEA EDITORIAL COMMITTEE, 1980 Flora Europaea. Cambridge University Press. VALCUVIA PASSADORE M., ALEFFI M., ASSINI S., NOLA P., BUSSOTTI F., COZZI A., FERRETTI M., PUPPI BRANZI G., BELLI G. & VIOLINI G., 1998 Bioindicatori a livello di organismi vegetali. In: SARTORI F. (a cura di), 1998 Bioindicatori ambientali. Fondazione Lombardia per l Ambiente. Pavia. pp: VIRTANEN R., DIRNBOCK T., DULLINGER S., PAULI H., STAUDINGER M. & GRABHERR G., 2002 Multi-scale Patterns in Plant Species Richness of European High Mountain Vegetation. in Korner & Spehn Mountain Biodiversity. The Partenon Publishing Group. WALKER D.A., HALFPENNY J.C., WALKER M.D. & WESSMAN C.A., Long-term studies of snow-vegetation interactions. Bioscience 43: WALTHER G.-R., BURGA C.A. & EDWARDS P.J. (eds.), Fingerprints of climate change. Kluwer Academic Publ., New York: pp WOODWARD F.I. & CRAMER W. (eds), 1996 Plant functional types and climatic change. J. Veg. Sci. 7: ZUNINO M. & ZULLINI A., 1995 Biogeografia. Casa Editrice Ambrosiana, Milano. Siti internet di riferimento Sito ufficiale del progetto GLORIA: Sito GTOS della FAO: Sito del Dipartimento di Ecologia del Territorio dell Università di Pavia:

11 Sito del Laboratorio di Ecologia Vegetale e Conservazione delle Piante dell Università di Pavia: Sito ARPA Emilia-Romagna, Servizio Idro-Meteorologico: Sito dell Intergovernmental Panel on Climate Change-UNEP: Sito della Commissione Internazionale per la protezione delle Alpi (CIPRA): Sito della Convenzione Quadro dell ONU sui Cambiamenti Climatici: Allegati Tab. 1 Elenco dei 169 taxa (specie e sottospecie) rilevati nelle 4 vette della target region Appennino Settentrionale. La nomenclatura delle specie è riferita a Flora Europea (Tutin et al., 1980). 1 Achillea collina Becker ex Rchb. 2 Acinos alpinus (L.) Moench subsp. alpinus 3 Agrostis capillaris L. 4 Agrostis rupestris All. 5 Agrostis vinealis Schreb. 6 Alchemilla alpina L. 7 Alchemilla flabellata Buser 8 Alchemilla saxatilis Buser 9 Allium senescens subsp. montanum (F.W.Schmidt) Holub 10 Anemone narcissifolia L. subsp. narcissifolia 11 Anemone nemorosa L. 12 Antennaria carpatica (Wahlenb.) Bluff & Fingerh. 13 Antennaria dioica (L.) Gaertn. 14 Anthoxanthum odoratum L. subsp. alpinum (Á. & D.Löve) Jones & Melderis 15 Anthyllis vulneraria L. 16 Aquilegia alpina L. 17 Arenaria moehringioides Murr 18 Armeria marginata (Levier) Bianchini 19 Asperula aristata subsp. oreophila (Briq.) Hayek 20 Asperula purpurea (L.) Ehrend. subsp. purpurea 21 Asplenium trichomanes-ramosum L. 22 Aster alpinus L. 23 Aster bellidiastrum (L.) Scop. 24 Astragalus purpureus Lam. 25 Avenula versicolor subsp. pretutiana (Parl. ex Arcang.) Holub 26 Biscutella laevigata L. subsp. laevigata 27 Botrychium lunaria (L.) Sw. 28 Brachypodium genuense (DC.) Roemer & Schultes 29 Bupleurum ranunculoides L. subsp. ranunculoides 30 Bupleurum ranunculoides subsp. gramineum (Vill.) Hayek 31 Calluna vulgaris (L.) Hull 32 Campanula scheuchzeri Vill. 33 Cardamine resedifolia L. 34 Carduus carlinifolius Lam. 35 Carex ovalis Gooden. 36 Carex sempervirens Vill. 37 Carlina acaulis L. 38 Carum heldreichii Boiss. 39 Centaurea uniflora subsp. nervosa (Willd.) Bonnier & Layens

12 40 Cerastium arvense subsp. suffruticosum (L.) Hegi 41 Cerastium holeostoides Fries subsp. triviale (Link) Möschl 42 Chaerophyllum hirsutum L. 43 Chenopodium bonus-henricus L. 44 Coeloglossum viride (L.) Hartm. 45 Cotoneaster integerrimus Medik. 46 Crepis aurea subsp. glabrescens (Caruel) Arcang. 47 Crocus vernus (L.) Hill subsp. vernus 48 Cruciata glabra (L.) Ehrend. 49 Cuscuta epithymum (L.) L. subsp. epithymum 50 Cystopteris fragilis (L.) Bernh. 51 Danthonia decumbens (L.) DC. 52 Daphne mezereum L. 53 Deschampsia cespitosa (L.) P.Beauv. subsp. cespitosa 54 Deschampsia flexuosa (L.) Trin. 55 Dianthus deltoides L. subsp. deltoides 56 Dianthus monspessulanus L. subsp. monspessulanus 57 Draba aizoides L. 58 Dryopteris filix-mas (L.) Schott 59 Empetrum nigrum subsp. hermaphroditum (Hagerup) Böcher 60 Erigeron alpinus L. 61 Euphrasia alpina Lam. 62 Euphrasia minima Jacq. ex DC. subsp. minima 63 Festuca billyi Kerguélen & Plonka 64 Festuca nigrescens Lam. 65 Festuca paniculata (L.) Schinz & Thell. subsp. paniculata 66 Festuca riccerii Foggi & Graz. Rossi 67 Festuca rubra L. subsp. rubra 68 Festuca rubra subsp. juncea (Hack.) Soò 69 Festuca trichophylla subsp. asperifolia (St.-Yves) Al-Bermani 70 Festuca violacea Gaudin subsp. puccinellii (Parl.) Foggi, Rossi Graz. & Signorini 71 Galium album Mill. subsp. album 72 Galium anisophyllon Vill. 73 Galium obliquum Vill. 74 Galium x centroniae Cariot 75 Genista tinctoria L. 76 Gentiana acaulis L. 77 Gentiana purpurea L. 78 Gentiana verna L. subsp. verna 79 Gentianella campestris (L.) Borner subsp. campestris 80 Geranium sylvaticum L. subsp. sylvaticum 81 Geum montanum L. 82 Hieracium amplexicaule L. 83 Hieracium lactucella Wallr. 84 Hieracium pilosella L. 85 Hieracium villosum Jacq. 86 Hippocrepis comosa L. 87 Homogyne alpina (L.) Cass. 88 Huperzia selago (L.) Bernh. ex Schrank & Mart. subsp. selago 89 Hypericum richeri Vill. subsp. richeri 90 Juncus trifidus L. subsp. trifidus 91 Juniperus communis subsp. alpina (Suter) Celak.

13 92 Knautia purpurea (Vill.) Borbas var. calabrica Szabo 93 Leontodon hispidus L. 94 Leontodon pyrenaicus subsp. helveticus (Merat) Finch & P.D.Sell 95 Lilium bulbiferum L. 96 Lilium martagon L. 97 Linum alpinum Jacq. subsp. gracilius (Bertol.) Pignatti 98 Lotus alpinus (DC.) Schleich. ex Ramond 99 Lotus corniculatus L. 100 Luzula alpinopilosa (Chaix) Breistr. subsp. alpinopilosa 101 Luzula lutea (All.) DC. 102 Luzula luzuloides subsp. cuprina (Rochel ex Asch. & Graebn.) Chrtek & Krisa 103 Luzula multiflora (Retz.) Lej. 104 Luzula nivea (L.) DC. 105 Luzula pedemontana Boiss. & Reut. 106 Luzula sieberi Tausch 107 Luzula spicata subsp. mutabilis Chrtek & Krisa 108 Maianthemum bifolium (L.) F.W.Schmidt 109 Minuartia verna (L.) Hiern subsp. verna 110 Myosotis alpestris F.W.Schmidt 111 Nardus stricta L. 112 Pedicularis cenisia Gaudin 113 Pedicularis tuberosa L. 114 Phleum alpinum L. subsp. alpinum 115 Phyteuma hemisphaericum L. 116 Phyteuma orbiculare L. 117 Pimpinella saxifraga L. 118 Plantago alpina L. 119 Plantago atrata Hoppe 120 Plantago maritima subsp. serpentina (All.) Arcang. 121 Poa alpina L. 122 Polygala alpestris Rchb. subsp. alpestris 123 Polygonatum verticillatum (L.) All. 124 Polygonum bistorta L. 125 Potentilla aurea L. subsp. aurea 126 Potentilla crantzii (Crantz) Beck ex Fritsch 127 Potentilla erecta (L.) Raeusch. 128 Primula apennina Widmer 129 Primula veris L. subsp. veris 130 Primula veris subsp. columnae (Ten.) Luedi 131 Pulsatilla alpina (L.) Delarbre subsp. alpina 132 Pyrola minor L. 133 Ranunculus apenninus (Chiov.) Pignatti 134 Rhinanthus minor L. 135 Rosa pendulina L. 136 Rubus idaeus L. 137 Rumex acetosella L. 138 Sagina glabra (Willd.) Fenzl 139 Saxifraga exarata subsp. moschata (Wulfen) Cavill. 140 Saxifraga paniculata Mill. 141 Saxifraga rotundifolia L. subsp. rotundifolia 142 Scabiosa lucida Vill. 143 Sedum alpestre Vill.

14 144 Sedum monregalense Balb. 145 Sempervivum arachnoideum L. subsp. arachnoideum 146 Sempervivum montanum L. subsp. montanum 147 Sempervivum tectorum L. 148 Senecio doronicum (L.) L. subsp. doronicum 149 Seseli libanotis (L.) W.D.J.Koch subsp. libanotis 150 Silene acaulis subsp. bryoides (Jord.) Nyman 151 Silene italica (L.) Pers. subsp. italica 152 Silene nutans L. subsp. nutans 153 Silene rupestris L. 154 Soldanella alpina L. 155 Stachys pradica (Zanted.) Greuter et Pign. 156 Taraxacum officinale Weber agg. 157 Thesium alpinum L. 158 Thymus praecox subsp. polytrichus (A.Kern. ex Borb s) Jalas 159 Trifolium alpinum L. 160 Trifolium pratense L. 161 Trifolium thalii Vill. 162 Urtica dioica L. 163 Vaccinium myrtillus L. 164 Vaccinium uliginosum subsp. microphyllum Lange 165 Vaccinium vitis-idaea L. subsp. vitis-idaea 166 Veratrum lobelianum Bernh. 167 Veronica fruticans Jacq. 168 Viola biflora L. 169 Viola calcarata L. subsp. cavillieri (W. Becker) Merxm. & Lippert

SITO LTER: Ecosistemi di alta quota in Appennino

SITO LTER: Ecosistemi di alta quota in Appennino SITO LTER: Ecosistemi di alta quota in Appennino Il sito è costituito da isole orografiche della regione alpina nel Mediterraneo centrale, collocate lungo la dorsale appenninica. In particolare comprende

Dettagli

Le fioriture di Monte Saccarello

Le fioriture di Monte Saccarello Le fioriture di Monte Saccarello MAGGIO Un mare di fiori In questo periodo i prati sono onde colorate a volte di bianco (Anemone narcissiflora), a volte di giallo (Trollius europaeus), a volte viola e

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

Flora e paesaggio vegetale della Val di Panico

Flora e paesaggio vegetale della Val di Panico UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI AGRARIA Flora e paesaggio vegetale della Val di Panico nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini (Appennino Centrale) Laureando: Marco Brecciaroli - Relatore:

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Anche il 2007 è stato un anno sfavorevole al glacialismo, i ghiacciai del Gran Paradiso hanno fatto registrare un arretramento medio di 15 metri

Anche il 2007 è stato un anno sfavorevole al glacialismo, i ghiacciai del Gran Paradiso hanno fatto registrare un arretramento medio di 15 metri Anche il 2007 è stato un anno sfavorevole al glacialismo, i ghiacciai del Gran Paradiso hanno fatto registrare un arretramento medio di 15 metri rispetto al 2006. CAMPAGNA GLACIOLOGICA 2007 Ghiacciaio

Dettagli

Proposte metodologiche per la raccolta, conservazione e gestione del germoplasma

Proposte metodologiche per la raccolta, conservazione e gestione del germoplasma Proposte metodologiche per la raccolta, conservazione e gestione del germoplasma G. Bacchetta 1, V. Carasso 2, A. Congiu 1, G. Fenu 1, E. Mattana 1 1 Dipartimento di Scienze Botaniche, Università degli

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo EBONE Rete di osservazione della biodiversità in Europa Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo 2010 International Year of Biodiversity FP7 Progetto di Collaborazione

Dettagli

Biodiversità Vegetale dalle popolazioni ai sistemi ambientali. Carlo Ferrari Università di Bologna

Biodiversità Vegetale dalle popolazioni ai sistemi ambientali. Carlo Ferrari Università di Bologna Biodiversità Vegetale dalle popolazioni ai sistemi ambientali Carlo Ferrari Università di Bologna Il ruolo centrale delle piante per la vita sulla Terra Tutti i processi biologici dipendono dall' assorbimento

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

INDAGINI BOTANICHE PRATERIE AREA PALAZZA-BUSCADA NEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE

INDAGINI BOTANICHE PRATERIE AREA PALAZZA-BUSCADA NEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA 2007-2013 IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO DALL ACRONIMO FANALP TUTELA, VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DELLE AREE NATURALI DELL'ARCO ALPINO ORIENT ALE INDAGINI BOTANICHE PRATERIE AREA

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO E CAMBIAMENTO CLIMATICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento LE 10 CATASTROFI NATURALI PIU SCONVOLGENTI DELL ULTIMO DECENNIO 1. Inondazioni

Dettagli

Liceo di Sachem Nord

Liceo di Sachem Nord Liceo di Sachem Nord 1 La Geografia d Italia In this unit the students will review the more salient points of Italy s geography. By the end of the unit, the students will be able to: 1. Discuss the geographic

Dettagli

SINERGIE TRA ORTI BOTANICI E BANCHE DEL GERMOPLASMA PER UNA CONSERVAZIONE EFFICACE DELLA BIODIVERSITÀ: LE ESPERIENZE DI R.I.B.E.S.

SINERGIE TRA ORTI BOTANICI E BANCHE DEL GERMOPLASMA PER UNA CONSERVAZIONE EFFICACE DELLA BIODIVERSITÀ: LE ESPERIENZE DI R.I.B.E.S. SINERGIE TRA ORTI BOTANICI E BANCHE DEL GERMOPLASMA PER UNA CONSERVAZIONE EFFICACE DELLA BIODIVERSITÀ: LE ESPERIENZE DI R.I.B.E.S. IN ITALIA Mauro Mariotti Rete Italiana Banche del germoplasma per la conservazione

Dettagli

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010

Cambiamenti climatici: Cause, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi. Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Cambiamenti climatici:, effetti, rimedi (?) Maria Letizia Filippi Il geologo e i cambiamenti climatici 29 marzo 2010 Organizzato da In collaborazione con Schema presentazione 1. Il clima 2. Il clima cambia:

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

L impatto delle piste da sci sulla biodiversità animale

L impatto delle piste da sci sulla biodiversità animale L impatto delle piste da sci sulla biodiversità animale Antonio Rolando Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo Università degli Studi di Torino Torino, 24 settembre 2010 L impatto sugli artropodi

Dettagli

Quindici anni di servizio informazione pollinica retrospettiva e novità

Quindici anni di servizio informazione pollinica retrospettiva e novità Newsletter n. 15-2009 Quindici anni di servizio informazione pollinica retrospettiva e novità La tanto attesa edizione della newsletter info pollini n. 15, esce ora in occasione del quindicesimo anniversario

Dettagli

LE BANCHE SEMI PER LA CONSERVAZIONE DELLA FLORA SPONTANEA

LE BANCHE SEMI PER LA CONSERVAZIONE DELLA FLORA SPONTANEA LE BANCHE SEMI PER LA CONSERVAZIONE DELLA FLORA SPONTANEA Graziano Rossi Università di Pavia, Dip. Ecologia del Territorio CFA-Centro regionale per la tutela della Flora Autoctona della Regione Lombardia

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

LA REINTRODUZIONE DELLE PIANTE, problematiche e prospettive

LA REINTRODUZIONE DELLE PIANTE, problematiche e prospettive Società Botanica Italiana Gruppi di lavoro: Conservazione della Natura, Floristica SBI-LO Sezione Lombarda della Società Botanica Italiana Dipartimento di Ecologia del Territorio, Università di Pavia Con

Dettagli

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella

NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi. Umberto Morra di Cella NextSnow: stima delle risorse nivali e dei loro cambiamenti sulle Alpi Contributi ARPA Valle d Aosta - E. Cremonese, G. Filippa, F. Diotri, P. Pogliotti Fondazione CIMA - S. Gabellani e R. Rudari CNR -

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA Studio del fenomeno dell isola di calore Area urbana di Bologna Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA Emilia Romagna IL

Dettagli

Piano di gestione del Sito di Importanza Regionale Monte Castellino Le Forbici SIC IT5120002

Piano di gestione del Sito di Importanza Regionale Monte Castellino Le Forbici SIC IT5120002 Piano di gestione del Sito di Importanza Regionale Monte Castellino Le Forbici SIC IT5120002 PROGETTO LIFE00 NAT/IT/7239 "CONSERVAZIONE DELLE PRATERIE MONTANE DELL APPENNINO TOSCANO" PROVINCIA DI LUCCA

Dettagli

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio

Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio Il sistema informativo territoriale della Carta del Rischio 1 Il Sistema Informativo Territoriale della Carta del Rischio. Gisella Capponi, Direttore dell Istituto Superiore per la Conservazione ed il

Dettagli

Rodolfo Gentili, Graziano Rossi, Valeria Dominione e Andrea Leonardi

Rodolfo Gentili, Graziano Rossi, Valeria Dominione e Andrea Leonardi Rodolfo Gentili, Graziano Rossi, Valeria Dominione e Andrea Leonardi Valutazione dello status di conservazione di popolazioni isolate situate al limite dell areale: il caso di Juncus jacquinii L. in Appennino

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Analisi ecologica territoriale

Analisi ecologica territoriale Come si distribuiscono gli ecosistemi nello spazio e come si possono delimitare? GEOGRAFIA DEGLI ECOSISTEMI ed ECOLOGIA DEL PAESAGGIO Sono tra le scienze che analizzano la distribuzione spaziale degli

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

IL SIGNIFICATO FITOGEOGRAFICO DELLA FLORA DEL MONTE ANTOROTO (ALPI LIGURI)

IL SIGNIFICATO FITOGEOGRAFICO DELLA FLORA DEL MONTE ANTOROTO (ALPI LIGURI) RIV. PIEM. ST. NAT., 22, 2001: 123-142 SUSANNA PIOVANO * - FRANCO MONTACCHINI* IL SIGNIFICATO FITOGEOGRAFICO DELLA FLORA DEL MONTE ANTOROTO (ALPI LIGURI) SUMMARY - The phytogeographical significance of

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2012-2013 L inverno 2012-2013 (trimestre dicembre 2012 febbraio 2013) è stato caratterizzato nella nostra regione sia da

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA Competenza 1 Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio,

Dettagli

FLORINTESA. Potenziamento, promozione e divulgazione della rete degli Orti Botanici e dei Giardini Storici d Italia

FLORINTESA. Potenziamento, promozione e divulgazione della rete degli Orti Botanici e dei Giardini Storici d Italia FLORINTESA Potenziamento, promozione e divulgazione della rete degli Orti Botanici e dei Giardini Storici d Italia Un progetto a cura di : ENEA Laboratorio per la Gestione Sostenibile degli Agroecosistemi

Dettagli

Direttiva 79/409/CEE "Conservazione degli uccelli selvatici"

Direttiva 79/409/CEE Conservazione degli uccelli selvatici Si prefigge la protezione, la gestione e la regolazione di tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nel territorio europeo degli Stati membri Gli Stati membri devono adottare

Dettagli

Analisi fitosociologica dei vaccinieti del Parco del Frignano

Analisi fitosociologica dei vaccinieti del Parco del Frignano Premessa Viene in questa relazione proposta la caratterizzazione ecologica dei vaccinieti del crinale modenese, analizzandone sia gli aspetti composizionali e interspecifici mediante uno studio fitosociologico,

Dettagli

Lezione n. 6 -Morbegno, 11 Aprile 2013 ROSACEE ASTERACEE. Gilberto Parolo

Lezione n. 6 -Morbegno, 11 Aprile 2013 ROSACEE ASTERACEE. Gilberto Parolo Lezione n. 6 -Morbegno, 11 Aprile 2013 ROSACEE & ASTERACEE Gilberto Parolo gilberto.parolo@unipv.it - una delle famiglie più importanti delle Angiosperme; -oltre 23000 specie (erbacee, arbustive e arboree)

Dettagli

MONITORAGGIO AMBIENTALE IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE. A cura dell ing. Massimo Sartorelli. (Ottobre 2014)

MONITORAGGIO AMBIENTALE IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE. A cura dell ing. Massimo Sartorelli. (Ottobre 2014) MONITORAGGIO AMBIENTALE IMPIANTI DI FITODEPURAZIONE A cura dell ing. Massimo Sartorelli Progettista e Direttore Lavori degli impianti (Ottobre 2014) SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 IMPIANTO DI FITOPEDODEPURAZIONE

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli

Conservazione della biodiversità vegetale

Conservazione della biodiversità vegetale Conservazione della biodiversità vegetale La flora montana in Europa: minacce e strategie di conservazione Graziano Rossi (Università di Pavia), Maggio 2008 Qual è attualmente la ricchezza floristica nelle

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Ottobre 2015 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SAFETY IN BANCA D ITALIA

LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SAFETY IN BANCA D ITALIA ALLEGATO 4 LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SAFETY IN BANCA D ITALIA I dati sui quali si basa la presente elaborazione statistica fanno riferimento al numero di partecipazioni

Dettagli

Bioeccellenze dei Parchi Italiani. LE FILIERE BIOLOGICHE VIRTUOSE NEI PARCHI ITALIANI dalla definizione all implementazione

Bioeccellenze dei Parchi Italiani. LE FILIERE BIOLOGICHE VIRTUOSE NEI PARCHI ITALIANI dalla definizione all implementazione Bioeccellenze dei Parchi Italiani LE FILIERE BIOLOGICHE VIRTUOSE NEI PARCHI ITALIANI dalla definizione all implementazione Il Progetto Le Filiere Biologiche Virtuose dei Parchi Italiani /1 Le aree protette

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

Distribuzione dei bombi in alta montagna e cambiamenti climatici

Distribuzione dei bombi in alta montagna e cambiamenti climatici Distribuzione dei bombi in alta montagna e cambiamenti climatici M. Porporato, A. Manino, A. Patetta, P. J. Mazzoglio Dipartimento di Protezione e Valorizzazione delle Risorse Agroforestali restali Università

Dettagli

L Azienda. Flora Conservation produce e commercializza semi e piante erbacee spontanee del territorio italiano. A chi ci rivolgiamo

L Azienda. Flora Conservation produce e commercializza semi e piante erbacee spontanee del territorio italiano. A chi ci rivolgiamo L Azienda Produciamo piante per recuperi ambientali, fitodepurazione, verde ornamentale. Forniamo servizi di consulenza e assistenza nella scelta delle specie e gestione dell impianto Flora Conservation

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE PREMESSA Gli effetti sanitari del verificarsi di condizioni bioclimatiche disagevoli costituiscono un importante problema di salute

Dettagli

Inerbimenti idonei al sito su piste da sci: nuovi sviluppi nel campo di miscugli e metodi. Uso della vegetazione esistente

Inerbimenti idonei al sito su piste da sci: nuovi sviluppi nel campo di miscugli e metodi. Uso della vegetazione esistente Inerbimenti idonei su piste da sci: nuovi sviluppi nel campo di miscugli e metodi Dr. Wilhelm GRAISS Department for Vegetation Management in Alpine Regions 14 e 15 giugno 2007 Relaisfranciacorta - Colombaro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE E TERRITORIO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE E TERRITORIO UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE E TERRITORIO AVVISO PUBBLICO DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO DA ATTIVARE NELL AMBITO DELLE

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano

Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale. Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano Le evidenze scientifiche del Cambiamento Climatico Globale Marino Gatto Professore di Ecologia Politecnico di Milano L effetto serra I principali gas serra (oltre al vapore acqueo) Gas serra Anidride carbonica

Dettagli

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Cos è la biodiversità? Il termine biodiversità è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

4 dicembre 2009 Relazione stato di avanzamento delle attività:

4 dicembre 2009 Relazione stato di avanzamento delle attività: Progetto PROVIDUNE LIFE07/NAT/IT/000519 SIC Pineta della Foce del Garigliano ( IT8010019) 4 dicembre 2009 Relazione stato di avanzamento delle attività: Azione A1): Studi geobotanici sullo stato degli

Dettagli

ELENCO MODIFICHE ALL ALLEGATO DELLA D.G.R

ELENCO MODIFICHE ALL ALLEGATO DELLA D.G.R ALLEGATO G ELENCO MODIFICHE ALL ALLEGATO DELLA D.G.R. 896/2013 SULLE MISURE DI CONSERVAZIONE DEI SIC DELLA REGIONE BIOGEOGRAFICA ALPINA RIGUARDANTI I CAMPI HABITAT E SPECIE IT 1313712 CIMA DI PIAN CAVALLO

Dettagli

Il processo di sviluppo sicuro. Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it

Il processo di sviluppo sicuro. Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it Il processo di sviluppo sicuro Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it Kimera Via Bistolfi, 49 20134 Milano www.kimera.it info@kimera.it Argomenti: Perchè farlo Il processo di

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

2010 Anno mondiale della Biodiversità. a colloquio con. Costantino Bonomi. Per saperne di più: http://www.mtsn.tn.it/seedbank/index.

2010 Anno mondiale della Biodiversità. a colloquio con. Costantino Bonomi. Per saperne di più: http://www.mtsn.tn.it/seedbank/index. FOCUS ORIZZONTI 2010 Anno mondiale della Biodiversità La Banca dei semi presso il Museo Tridentino di Scienze Naturali a colloquio con Costantino Bonomi Per saperne di più: http://www.mtsn.tn.it/seedbank/index.html

Dettagli

Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe

Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe SULLE NEVI DELL APPENNINO IN SICUREZZA Giornata di studi sugli strumenti di prevenzione Roma, 10 dicembre 2010, ore 17.30 Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe Massimo

Dettagli

85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 Riferimenti bibliografici ARZUFFI A. FERLINGHETTI R. 2000a, I principali paesaggi vegetali dell alta pianura bergamasca, in ARZUFFI A. FERLINGHETTI R. (a cura di), Paesaggio

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

Daniela Gigante, Roberto Venanzoni

Daniela Gigante, Roberto Venanzoni Il declino della popolazione di Phragmites australis (Cav.) Trin. ex Steud. al Lago Trasimeno Daniela Gigante, Roberto Venanzoni Università degli Studi di Perugia, Dip. Biologia Applicata conoscenze, valutazioni,

Dettagli

Dr Davide Bertolo Dirigente Attività geologiche Regione autonoma Valle d Aosta Presidente CRGV

Dr Davide Bertolo Dirigente Attività geologiche Regione autonoma Valle d Aosta Presidente CRGV I dati dei ghiacciai valdostani Dr Davide Bertolo Dirigente Attività geologiche Regione autonoma Valle d Aosta Presidente CRGV Contesto attuale -crescente importanza della glaciologia a livello mondiale,

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Giuseppe Oriolo. Foto M. Cassol

Giuseppe Oriolo. Foto M. Cassol Relazione tecnica sulla metodologia e il primo anno di rilevamento relativo ai monitoraggio e all analisi dell impatto dei cambiamenti climatici sulla biodiversità nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

King County, Washington

King County, Washington CITTA' E CAMBIAMENTI CLIMATICI : Misure, Politiche, Strumenti King County, Washington Climate Change Plan Alessandro Penzo n mat: 272307 Inquadramento geografico Evoluzione delle politiche climatiche...

Dettagli

I tipi pastorali degli areali alpini piemontesi

I tipi pastorali degli areali alpini piemontesi I tipi pastorali degli areali alpini piemontesi Andrea Cavallero 1, Marco Corgnati 2, Mauro Piazzi 3, Moreno Soster 4 Premessa La combinazione di differenti situazioni ecologiche e stazionali, di un accentuato

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Analisi dei risultati

Analisi dei risultati Analisi dei risultati 1. Analisi anemologica Prendendo in esame la velocità media del vento (Fig. 1), si può osservare la stretta dipendenza di questo parametro con la conformazione orografica del territorio:

Dettagli

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli

Dettagli

Effetti del cambiamento climatico sugli ecosistemi alpini. Antonello Provenzale, ISAC-CNR, Torino

Effetti del cambiamento climatico sugli ecosistemi alpini. Antonello Provenzale, ISAC-CNR, Torino Effetti del cambiamento climatico sugli ecosistemi alpini Antonello Provenzale, ISAC-CNR, Torino I cambiamenti climatici non sono distribuiti in modo omogeneo sulla superficie terrestre Past Climate Variability

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero La neoplasia del collo dell utero a livello mondiale rappresenta ancora il secondo tumore maligno della donna, con circa 500.000 nuovi casi stimati

Dettagli

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia C E N T R O T E M AT I C O l Siccità, Acqua e Coste Studio Pilota L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia Il Centro Tematico Siccità, Acqua e Coste del progetto

Dettagli

INTERREG IV ITALIA-SLOVENIA IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO DALL ACRONIMO CLIMAPARKS CAMBIAMENTI CLIMATICI E GESTIONE DELLE AREE PROTETTE

INTERREG IV ITALIA-SLOVENIA IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO DALL ACRONIMO CLIMAPARKS CAMBIAMENTI CLIMATICI E GESTIONE DELLE AREE PROTETTE INTERREG IV ITALIA-SLOVENIA 2007-2013 IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO DALL ACRONIMO CLIMAPARKS CAMBIAMENTI CLIMATICI E GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Monitoraggio di habitat e specie floristiche del Parco naturale

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli

CONTRIBUTI ALLA CONOSCENZA DELLA FLORA DEL MASSICCIO DEL MARGUAREIS

CONTRIBUTI ALLA CONOSCENZA DELLA FLORA DEL MASSICCIO DEL MARGUAREIS RIV. PIEM. STo NAT., 14, 1993: 43-50 B. GALLINO - L OSTELLINO - D. RE CONTRIBUTI ALLA CONOSCENZA DELLA FLORA DEL MASSICCIO DEL MARGUAREIS I - Riscoperta della presenza di Cypripedium calceolus L. in Valle

Dettagli

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 30 convegno Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 F. Sansivero, G. Vilardo, P. De Martino, G. Chiodini

Dettagli

Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti

Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE COPIA N. 32 DEL 23-02-2015 Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti DIREZIONE

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

PIANO DI GESTIONE della Zone di Protezione Speciale (ZPS) ARTICOLAZIONE DEL PIANO

PIANO DI GESTIONE della Zone di Protezione Speciale (ZPS) ARTICOLAZIONE DEL PIANO PIANO DI GESTIONE della Zone di Protezione Speciale (ZPS) ARTICOLAZIONE DEL PIANO Articolazione del piano (1/4) Secondo l Allegato B della Deliberazione della Giunta Regionale del Veneto n. 4241 del 30

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

I tipi pastorali delle Alpi piemontesi

I tipi pastorali delle Alpi piemontesi I tipi pastorali delle Alpi piemontesi A. Cavallero P. Aceto, A. Gorlier, G. Lombardi, M. Lonati, B. Martinasso, C. Tagliatori Università degli Studi di Torino Piemonte alpino pastorale realtà complessa

Dettagli

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Monitoraggio della biodiversità animale in ambiente alpino Monitoraggio Biodiversità Obiettivi 1. Descrivere

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

Laboratorio di Botanica ambientale e Biosistematica vegetale

Laboratorio di Botanica ambientale e Biosistematica vegetale Laboratorio di Botanica ambientale e Biosistematica vegetale Responsabile: Prof.ssa Rossella Filigheddu AAA ricerca!!! Alghero 23 Novembre 2012 Chi siamo Emmanuele Farris R BIO/02 Rossella Filigheddu PO

Dettagli