OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO"

Transcript

1 Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2003: GLI ITALIANI AL VERDE NEGLI AGRITURISMI 1 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle aree turistiche leader e sui segmenti di prodotto Indagine di mercato realizzata da Isnart S.p.A. Roma aprile 2003

2 SOMMARIO 1. L ANDAMENTO DELLA STAGIONE PRIMAVERILE IL TURISTA DELLA STAGIONE PRIMAVERILE I DATI DELLA TENDENZA L ANDAMENTO DEI MERCATI INTERNAZIONALI LA SCACCHERA DEI PRODOTTI DELLA PRIMAVERA CONCLUSIONI...25 NOTA METODOLOGICA

3 1. L ANDAMENTO DELLA STAGIONE PRIMAVERILE 2003 La stagione turistica primaverile nelle strutture ricettive italiane ( 1 ) ha portato una percentuale media di occupazione delle camere pari al 47%, dato che solo durante il periodo di punta relativo alla Pasqua ed al ponte del 1 maggio ha raggiunto il 58,1%. Si tratta, dunque, di un andamento ancora sommesso rispetto alle caratteristiche della stagione che nonostante l arrivo del buon clima e la possibilità di usufruire di numerosi giorni di festività non evidenzia tendenze alla ripresa ma porta ancora il peso della sofferenza riscontrata nel periodo invernale. L'ANDAMENTO DELLA STAGIONE PRIMAVERILE 2003 (MEDIA % sul totale operatori) 70,0 60,0 58,1 50,0 47,4 47,4 47,5 45,2 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni aprile % prenotazioni Pasqua % prenotazioni maggio Le sofferenze maggiori soprattutto relative ai mesi di febbraio e marzo sono a carico delle strutture ricettive del centro Italia dove l occupazione media del mese di febbraio si è attestata sul 28% e sul 1 ) nelle destinazioni leader del turismo italiano 3

4 34.5% nel mese di marzo. Si tratta però proprio di quelle strutture dove si evince la maggiore percentuale di occupazione relativa alle feste di Pasqua: 64,7% di occupazione media delle camere contro una media Italia pari al 58,1%. L'ANDAMENTO DELLA PRIMAVERA 2003 PER MACRO-AREA (MEDIA % totale operatori) 70,0 64,7 60,0 50,0 40,0 58,7 51,9 48,9 55,5 50,5 46,9 52,4 47,0 46,3 44,8 58,8 55,9 53,3 49,4 47,0 43,3 42,2 34,5 30,0 28,1 20,0 10,0 0,0 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni aprile % prenotazioni Pasqua % prenotazioni maggio Nord Ovest Nord Est Centro Sud e Isole L occupazione rilevata per i mesi di febbraio e marzo confermano il buon andamento invernale delle località turistiche del nord. Il mese di maggio però, in termini di prenotazioni delle camere, riporta le strutture ricettive italiane verso livelli di occupazione inferiori al 50%. Durante le feste di Pasqua, le località del nord est risultano, in media, le uniche con una occupazione inferiore rispetto ai mesi precedenti e che pertanto non ottengono buone performances. In particolare, in un confronto a livello regionale, appare evidente la competizione di prodotto: - durante i mesi di febbraio e marzo vincono in termini di occupazione delle camere le regioni montane del sud e del nord-est; - le prenotazioni di aprile vedono in testa la Liguria, la Puglia e la Campania che per il periodo a ridosso di Pasqua sono però battute dall appeal verde dell Umbria; 4

5 - il mese di maggio mostra, infine, la riuscita delle località turistiche del Veneto, seguite a ruota da quelle della Campania e della Liguria. Occupazione camere febbraio-marzo 2003 e prenotazioni aprile-maggio 2003 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni aprile % prenotazioni Pasqua % prenotazioni maggio Piemonte 42,5 49,3 44,9 60,6 47,2 Valle d'aosta 63,6 59,3 36,7 49,8 42,0 Lombardia 52,9 46,3 38,6 51,1 47,6 Trentino 66,6 56,6 42,5 48,1 52,5 Alto Adige 67,5 60,4 43,3 52,7 40,4 Veneto 55,6 55,6 57,3 63,7 59,3 Friuli 46,9 40,6 48,9 56,4 44,5 Liguria 52,6 54,5 83,9 69,3 54,0 Emilia Romagna 46,9 50,9 43,4 46,9 41,9 Toscana 31,1 35,4 42,5 58,0 39,0 Marche 31,8 39,4 43,5 61,5 45,3 Umbria 16,4 26,5 57,6 79,4 50,6 Lazio 27,9 34,9 47,5 68,3 44,9 Abruzzo e Molise 88,0 63,0 16,1 27,1 16,1 Campania 40,3 46,3 61,2 76,0 56,0 Puglia 33,9 45,0 62,0 47,2 54,4 Basilicata 28,3 30,3 28,3 41,7 28,3 Calabria 59,6 52,3 30,9 24,4 24,0 Sicilia 55,0 54,0 40,0 55,0 40,0 Sardegna 40,4 35,0 46,3 64,7 47,7 Media Italia 47,4 47,4 47,5 58,1 45,2 L analisi dell andamento dell occupazione per area di prodotto chiarifica ulteriormente questi trend: - le destinazioni lacuali e quelle del turismo verde evidenziano una crescita di occupazione molto legata alla stagionalità con quote molto basse nei mesi invernali fino a raggiungere il top della competizione durante le festività pasquali; - la montagna italiana crolla dal 63,7% del mese di febbraio al 31% nei mesi di aprile e maggio, e durante la Pasqua raggiunge solo il 43,4% di prenotazioni; - le località termali pur non evidenziando picchi di occupazione particolarmente rilevanti, mostrano un andamento di crescita dal mese di febbraio a maggio; - le mete balneari che raggiungono una buona occupazione nel mese di aprile (61%) riscendono verso la media Italia nelle prenotazioni di maggio; 5

6 - infine, le città d arte italiane, lungi dai tradizionali exploit Pasquali, mantengono però il secondo posto come destinazioni primaverili del mese di maggio (50,6%). 80,0 L'ANDAMENTO DELLA PRIMAVERA 2003 PER AREA/PRODOTTO (MEDIA % totale operatori) 70,7 70,0 67,1 60,0 50,0 40,0 63,7 43,1 40,8 38,8 54,4 48,2 44,3 37,3 61,1 53,3 52,2 43,8 39,6 63,8 62,5 56,3 43,4 54,1 50,6 48,6 46,7 35,7 30,0 33,7 31,3 31,0 20,0 20,3 19,6 10,0 8,1 0,0 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni aprile % prenotazioni Pasqua % prenotazioni maggio Città Montagna Terme Lago Mare Campagna Ad avere la meglio durante questa Pasqua 2003 in un confronto tra tipologie del ricettivo sono stati senza alcun dubbio gli agriturismi italiani (74,2% di occupazione). Se i mesi invernali di febbraio e marzo hanno visto una buona occupazione dei villaggi turistici (montani), feste a parte il turismo di primavera torna a frequentare prevalentemente gli hotel di alta categoria. Occupazione camere febbraio-marzo 2003 e prenotazioni aprile-maggio 2003 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni aprile % prenotazioni Pasqua % prenotazioni maggio Hotel 52,5 51,2 49,0 56,9 47,3 2 stelle 49,2 48,8 47,7 57,1 47,4 3 stelle 52,4 50,2 48,9 55,2 44,8 4 stelle 62,0 61,4 52,0 60,8 53,6 5 stelle 75,0 75,0 65,0 75,0 70,0 Villaggio 69,2 66,7 26,3 43,0 27,5 Agriturismo 9,3 19,9 44,4 74,2 37,5 Campeggio 28,4 26,1 34,6 52,2 34,6 Media Italia 47,4 47,4 47,5 58,1 45,2 6

7 2. IL TURISTA DELLA STAGIONE PRIMAVERILE 2003 Nelle strutture ricettive italiane durante la stagione primaverile si registra il 35,8% di clientela straniera: si tratta del periodo dell anno che insieme a quello autunnale dovrebbe mostrare i picchi più alti di presenze internazionali dato il timing delle vacanze degli europei. Appare allora interessante, in un confronto con la stagione invernale che ha visto quest anno il 27% di clientela straniera, l incremento della quota media di turisti stranieri presenti nelle nostre strutture. In particolare, in questo periodo il turismo internazionale ha preferito le destinazioni del nord dove tale quota rappresenta il 42,9% nel nord-ovest e il 38,9% nel nord-est. Ancora presto per le vacanze straniere nel sud e nelle isole dove le strutture hanno ospitato solo il 28,2% di clienti internazionali. Il dato che preoccupa maggiormente è invece quello relativo alle destinazioni turistiche del centro Italia dove considerata la presenza delle grandi città d arte la quota di 30,6% di clienti internazionali appare un po bassa. TIPOLOGIA DELLA CLIENTELA (MEDIA % sul totale operatori) Nord Ovest 57,1 42,9 Nord Est 61,2 38,9 Media Italia 64,2 35,8 Italiani Centro 69,4 30,6 Stranieri Sud e Isole 71,8 28,2 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 7

8 Top destinations del turismo straniero la Lombardia e la Campania, la prima per la presenza dei laghi la seconda in parte per il ritorno ai paesi di origine ma in gran parte per le vacanze nelle isole e in costiera. Segue il Veneto dove il lago di Garda ha espresso performance veramente sorprendenti specie durante la Pasqua. 8

9 TIPOLOGIA DELLA CLIENTELA (MEDIA % sul totale operatori) Lombardia Campania Veneto Alto Adige Sicilia Piemonte Trentino Friuli Valle d'aosta Media Italia Toscana Lazio Calabria Emilia Romagna Liguria Marche Umbria Puglia Sardegna Basilicata Abruzzo e Molise 44,0 56,1 46,6 53,4 55,0 45,1 57,4 42,7 57,7 42,3 57,9 42,1 61,4 38,6 61,8 38,2 63,6 36,4 64,2 35,8 65,1 34,9 65,8 34,2 72,8 27,2 73,4 26,6 75,5 24,5 78,1 21,9 79,9 20,1 87,0 13,0 88,7 11,3 89,7 10,3 99,0 1,0 Italiani Stranieri 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% La passione del turismo straniero per la vacanza sui grandi laghi italiani appare evidente in un confronto di prodotto: è proprio rispetto al turismo lacuale che si evince la maggiore presenza di clientela internazionale durante le feste primaverili con ben il 73,5%. 9

10 Il turismo italiano ha invece espresso il suo bisogno di natura scegliendo la campagna, dove, cosa non da poco, ha sfruttato una certa convenienza economica. Sembra proprio questa la motivazione del grande exploit degli agriturismi durante queste feste che hanno vinto la competizione permettendo agli italiani di fare vacanza a prezzi accettabili. Così come la clientela internazionale ha preferito la vacanza in campeggio sottolineando, ancora una volta, come queste vacanze di primavera segnino la grande attenzione alle spese da parte dei movimenti turistici mondiali. Provenienza della clientela del periodo di Pasqua Italiani Stranieri Città 62,5 37,5 Montagna 68,5 31,5 Terme 67,5 32,5 Lago 26,5 73,5 Mare 67,1 32,9 Campagna 81,4 18,6 Media Italia 64,2 35,8 Provenienza della clientela del periodo di Pasqua Italiani Stranieri Hotel 62,3 37,7 2 stelle 62,4 37,6 3 stelle 61,5 38,5 4 stelle 65,0 35,0 5 stelle 50,0 50,0 Villaggio 83,4 16,6 Agriturismo 79,9 20,1 Campeggio 59,9 40,1 Media Italia 64,2 35,8 Se la vacanza di primavera si caratterizza maggiormente di quelle di altri periodi per una breve permanenza, il fatto che quest anno la possibilità di allungare il soggiorno grazie ai numerosi ponti festivi non abbia portato lunghi soggiorni, in particolare degli italiani, conferma la necessità di soddisfare la voglia di vacanza con un soggiorno mordi e fuggi. 10

11 Pertanto, gli operatori del ricettivo segnalano come permanenza media solo 3,5 notti da parte degli italiani e 3,7 da parte degli stranieri. Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Nord Ovest 3,6 3,7 Nord Est 4,1 4,3 Centro 2,8 3,2 Sud e Isole 3,0 3,1 Media Italia 3,5 3,7 Sulla scia delle vacanze di marzo solo la montagna, in particolare del nord-est, conferma la permanenza settimanale (5 notti, 6 giorni). Tra le altre destinazioni emergono quelle della Lombardia e della Sicilia e Calabria per il turismo straniero anche di ritorno. Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale Trentino 5,1 5,2 5,1 Alto Adige 5,0 5,1 5,1 Lombardia 4,3 4,4 4,3 Sicilia 3,2 4,6 3,9 Valle d'aosta 3,9 3,8 3,8 Abruzzo e Molise 4,2 3,5 3,8 Friuli 3,6 3,6 3,6 Media Italia 3,5 3,7 3,6 Veneto 3,4 3,6 3,5 Piemonte 3,3 3,5 3,4 Calabria 2,8 4,0 3,4 Campania 3,3 3,4 3,4 Lazio 3,7 3,0 3,3 Marche 2,7 3,4 3,0 Emilia Romagna 2,8 3,2 3,0 Puglia 2,9 3,0 3,0 Toscana 2,5 3,3 2,9 Liguria 2,7 2,8 2,7 Umbria 2,2 3,1 2,7 Basilicata 2,7 1,5 2,1 Sardegna 1,9 1,9 1,9 Nello specifico dei prodotti turistici italiani, a trattenere maggiormente la clientela sono state le strutture presenti nelle località termali, montane e lacuali. 11

12 Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale Città 2,8 2,9 2,8 Montagna 4,4 4,7 4,5 Terme 5,3 5,8 5,5 Lago 4,2 3,9 4,0 Mare 2,9 2,9 2,9 Campagna 2,3 3,4 2,8 Media Italia 3,5 3,7 3,6 A conferma delle dinamiche evidenziate, la tipologia di struttura ricettiva che ha visto una permanenza più prolungata è quella dei villaggi turistici (montani) grazie ai pacchetti settimanali. I pochi stranieri che hanno scelto l agriturismo sono però rimasti più a lungo degli italiani che vi hanno pernottato meno di 3 notti, solo per un week-end. Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale Hotel 3,5 3,7 3,6 2 stelle 3,3 3,6 3,4 3 stelle 3,8 3,9 3,9 4 stelle 3,3 3,5 3,4 5 stelle 2,0 4,0 3,0 Villaggio 5,2 5,0 5,1 Agriturismo 2,5 4,1 3,3 Campeggio 3,7 3,6 3,7 Media Italia 3,5 3,7 3,6 3. I DATI DELLA TENDENZA 12

13 Dopo una performance invernale non brillante, gli operatori del ricettivo avevano riversato le speranze di ripresa nel lungo ponte delle vacanze di primavera. Tale speranza però è rimasta delusa segnando la prosecuzione del trend negativo che già in inverno aveva visto un calo del turismo sia interno che straniero rispetto allo scorso anno. Infatti, se in inverno il 24% circa degli operatori segnava un calo dei turisti italiani in primavera il calo arriva a colpire il 30% delle strutture. Lo stesso vale per il turismo internazionale che dal 21% di segnalazioni negative passa addirittura al 44% in un periodo che invece è più caratteristico degli arrivi dall estero. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Totale operatori 16,4 53,2 30,4 11,5 44,3 44,3 % media di variazione rilevata 19,1-27,7 15,9-26,4 La maggiore stabilità del turismo nazionale segna il passo nelle destinazioni del centro Italia dove si evincono le quote più alte di defezioni. La generale diminuzione di presenze internazionali risulta minore solo nel nord-est. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Nord Ovest 20,0 57,9 22,1 12,4 41,6 46,1 Nord Est 18,7 57,8 23,5 14,6 48,3 37,1 Centro 10,2 47,5 42,4 7,5 46,2 46,2 Sud e Isole 15,7 45,8 38,6 7,9 33,3 58,7 Media Italia 16,4 53,2 30,4 11,5 44,3 44,3 A fronte di un trend di stabilità evidenziato in Valle d Aosta e in Friuli V.G., le perdite di turisti italiani sono state sentite maggiormente in Basilicata, Sicilia e Toscana. Gli stranieri, stabili rispetto allo scorso anno solo in Campania, crollano in particolare in Abruzzo/Molise, Toscana e Sicilia. 13

14 Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Piemonte 21,1 57,9 21,1 22,2 38,9 38,9 Valle d'aosta 0,0 100,0 0,0 16,7 50,0 33,3 Lombardia 17,1 63,4 19,5 10,8 51,4 37,8 Trentino 29,6 48,1 22,2 36,0 36,0 28,0 Alto Adige 10,8 70,8 18,5 15,4 49,2 35,4 Veneto 27,9 51,2 20,9 4,8 45,2 50,0 Friuli 18,2 81,8 0,0 18,2 72,7 9,1 Liguria 28,6 39,3 32,1 7,1 28,6 64,3 Emilia Romagna 14,6 43,9 41,5 8,6 51,4 40,0 Toscana 9,8 37,3 52,9 4,3 27,7 68,1 Marche 17,6 52,9 29,4 13,3 66,7 20,0 Umbria 5,6 61,1 33,3 0,0 71,4 28,6 Lazio 9,4 53,1 37,5 13,3 53,3 33,3 Abruzzo e Molise 33,3 58,3 8,3 0,0 29,6 70,4 Campania 12,0 44,0 44,0 0,0 100,0 0,0 Puglia 10,0 40,0 50,0 16,7 33,3 50,0 Basilicata 0,0 33,3 66,7 0,0 50,0 50,0 Calabria 22,2 44,4 33,3 33,3 33,3 33,3 Sicilia 11,1 22,2 66,7 11,1 22,2 66,7 Sardegna 13,3 60,0 26,7 7,7 46,2 46,2 Media Italia 16,4 53,2 30,4 11,3 44,9 43,8 Anche in termini di prodotto torna il trend negativo delle città d arte dove si lamentano le maggiori diminuzioni soprattutto del turismo interno, ma anche di quello internazionale che ha colpito anche le destinazioni del turismo balneare. Le maggiori tenute di quota si sono verificate nelle destinazioni dei laghi e nella montagna. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Città 17,0 42,7 40,4 7,8 40,3 51,9 Montagna 18,7 62,0 19,3 18,1 49,7 32,2 Terme 31,3 37,5 31,3 21,4 35,7 42,9 Lago 10,3 65,5 24,1 10,0 46,7 43,3 Mare 10,1 53,6 36,2 4,6 38,5 56,9 Campagna 11,1 59,3 29,6 8,3 54,2 37,5 Media Italia 16,4 53,2 30,4 11,5 44,3 44,3 14

15 Se sul versante dei movimenti turistici interni della stagione primaverile resistono bene alla congiuntura sfavorevole i villaggi turistici ed i campeggi, il 38,6% delle strutture ricettive agrituristiche lamentano la diminuzione del turismo italiano e il 44,4% anche di quello estero. Le strutture alberghiere, invece, dichiarano maggiormente il calo del turismo straniero (46,4% degli hotel) ad eccezione di quelle di altissima categoria. Ciò dimostra come i turisti internazionali che hanno fatto vacanza in questo periodo dell anno si caratterizzano per una capacità di spesa o medio-bassa o al contrario elevatissima. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Hotel 16,7 53,1 30,2 12,1 41,6 46,4 2 stelle 16,9 51,8 31,3 10,5 42,5 47,1 3 stelle 14,8 52,7 32,4 12,1 43,0 44,8 4 stelle 20,7 58,6 20,7 14,8 35,2 50,0 5 stelle 100,0 0,0 0,0 100,0 0,0 0,0 Villaggio 20,0 60,0 20,0 11,1 77,8 11,1 Agriturismo 13,6 47,7 38,6 5,6 50,0 44,4 Campeggio 13,6 63,6 22,7 11,1 72,2 16,7 Media Italia 16,4 53,2 30,4 11,5 44,3 44,3 15

16 4. L ANDAMENTO DEI MERCATI INTERNAZIONALI Analizzando i mercati stranieri che hanno defezionato le mete tradizionali durante questa Pasqua 2003, occorre premettere che esistono alcuni bacini di domanda straniera in crescita, seppur minimamente rilevante, come quelli scandinavi, svedesi, islandesi e croati (in aumento nello 0,2% delle strutture a fronte di nessuna diminuzione lamentata). Però, non si può non sottolineare come i grandi bacini di domanda dell Italia come quello tedesco, britannico, statunitense e francese, cioè i principali visitatori del nostro Paese, evidenziano saldi negativi. Pertanto, a fronte del 4,3% di strutture intervistate che hanno dichiarato un ritorno dei turisti tedeschi, esiste una quota del 17,3% che ne ha lamentato la diminuzione anche rispetto allo scorso anno quando i segnali di flessione erano già rilevanti Ma il gap più evidente rimane quello relativo al mercato statunitense dei vacanzieri: il 17,3% di strutture ne piange la scomparsa contro il solo 1,4% che ne ha notato il ritorno. La percentuale di diminuzione dei mercati internazionali mostra una media che vede cali più disastrosi dalla Svizzera (-46,9% di arrivi), dal Belgio (-38%) e dall Olanda (-36,7%). A seguire la diminuzione dei turisti provenienti dal Giappone (-32,8%), dalla Francia (-31,7%), dagli Usa (-28,2%), dall Austria (-25,6%), dall Inghilterra (-23,7%) e dalla Germania (-21,9%). 16

17 ANDAMENTO DEI PRINCIPALI MERCATI STRANIERI PRIMAVERA 2003 (% sul totale strutture ricettive) Germania Inghilterra Usa Francia Olanda Austria Svizzera -17,3-17,3-6,7-4,1-1,2-1,6-1,6 1,4 1,4 1,0 0,8 0,6 2,6 4,3 Scandinavia Svezia Croazia Giappone Belgio Israele NordEuropa Russia Polonia -3,3-0,2 0,0 0,0-1,0-0,8-0,4-0,2-0,2 0,4 0,4 0,4 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 Danimarca Slovacchia Islanda Europa Cina Australia -0,2 0,0 0,0 0,0 0,0-0,8 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 Canada -0,6 Spagna -0,4 Sudamerica Sud est Asia -0,2-0,2 Paesi Est -0,2 Argentina -0,2 Yugoslavia Rep. Ceca Messico -0,2-0,2-0,2-20,0-15,0-10,0-5,0 0,0 5,0 aumentati diminuiti 17

18 ANDAMENTO DEI PRINCIPALI MERCATI STRANIERI PRIMAVERA 2003 (% sul totale strutture ricettive) Olanda -36,7 20,0 Austria Belgio -38,0-25,6 15,0 16,6 Inghilterra -23,7 14,6 Usa -28,2 14,3 Francia -31,7 13,0 Germania -21,9 12,0 Giappone -32,8 10,0 Svizzera -46,9 10,0-50,0-40,0-30,0-20,0-10,0 0,0 10,0 20,0 % aumento % diminuzione 18

19 Come si evince dai dati, i mercati tradizionali del turismo culturale, Usa, Giappone e la più vicina Francia sono proprio quelli mancati quest anno: le città d arte del centro, del nord-est e del sud hanno registrato flessioni dal turismo internazionale che se non saranno recuperate in estate incideranno fortemente sull industria turistica del paese. E infatti evidente come la mancanza del segmento dei turisti culturali, che si caratterizza per una maggiore capacità di spesa turistica diretta e indotta sul territorio, se prolungata ulteriormente avrà necessariamente ricadute economiche negative anche sul resto del tessuto economico. E pur vero che il 2003, più dello scorso anno, ha visto coincidere eventi drammatici mondiali economici, politici e sociali, che lo contraddistinguono come un annata nera d eccezione. Pertanto se si confermeranno le previsioni economiche mondiali di ripresa solo nel 2004, l industria del turismo dovrà per quest anno puntare più su una ripresa del turismo interno che internazionale. Aree dove sono diminuiti gli stranieri Nord Ovest Nord Est Centro Sud e Isole Totale Austria 12,5 62,5 25,0 0,0 100,0 Belgio 40,0 0,0 40,0 20,0 100,0 Francia 20,0 10,0 40,0 30,0 100,0 Germania 24,7 51,8 16,5 7,1 100,0 Inghilterra 15,2 33,3 30,3 21,2 100,0 Olanda 16,7 16,7 50,0 16,7 100,0 Svizzera 25,0 25,0 25,0 25,0 100,0 Usa 22,4 24,7 29,4 23,5 100,0 Giappone 6,3 18,8 43,8 31,3 100,0 Aree/prodotto di diminuzione degli stranieri Città Montagna Terme Lago Mare Campagna totale Austria 25,0 37,5 12,5 12,5 0,0 12,5 100,0 Belgio 60,0 0,0 0,0 20,0 20,0 0,0 100,0 Francia 70,0 10,0 0,0 0,0 20,0 0,0 100,0 Germania 23,5 43,5 7,1 11,8 9,4 4,7 100,0 Inghilterra 39,4 21,2 6,1 6,1 24,2 3,0 100,0 Olanda 16,7 16,7 0,0 16,7 16,7 33,3 100,0 Svizzera 50,0 12,5 12,5 0,0 25,0 0,0 100,0 Usa 57,6 8,2 0,0 2,4 29,4 2,4 100,0 Giappone 75,0 6,3 0,0 0,0 6,3 12,5 100,0 19

20 Regioni dove si segnalano le maggiori diminuzioni degli stranieri (% sul totale di strutture che hanno segnalato la diminuzione) Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Austria 0,0 0,0 12,5 0,0 25,0 25,0 0,0 0,0 12,5 12,5 0,0 12,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Belgio 0,0 0,0 20,0 0,0 0,0 0,0 0,0 20,0 0,0 20,0 20,0 0,0 0,0 20,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Francia 10,0 0,0 0,0 0,0 5,0 5,0 0,0 10,0 0,0 20,0 5,0 5,0 10,0 15,0 5,0 0,0 0,0 10,0 100,0 Germania 2,4 1,2 14,1 8,2 25,9 9,4 1,2 7,1 7,1 10,6 1,2 1,2 3,5 2,4 1,2 1,2 1,2 1,2 100,0 Inghilterra 3,0 3,0 3,0 3,0 6,1 15,2 0,0 6,1 9,1 15,2 3,0 0,0 12,1 15,2 3,0 0,0 0,0 3,0 100,0 Olanda 0,0 0,0 16,7 0,0 16,7 0,0 0,0 0,0 0,0 33,3 0,0 0,0 16,7 16,7 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Svizzera 12,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 12,5 25,0 0,0 12,5 12,5 0,0 0,0 12,5 12,5 0,0 0,0 100,0 Usa 3,5 0,0 1,2 3,5 0,0 14,1 1,2 17,6 5,9 22,4 0,0 1,2 5,9 15,3 0,0 1,2 3,5 3,5 100,0 Giappone 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 12,5 0,0 6,3 6,3 37,5 0,0 0,0 6,3 6,3 0,0 0,0 12,5 12,5 100,0 Toscana Marche Umbria Lazio Campania Puglia Basilicata Sicilia Sardegna Totale 20

21 A livello regionale la Toscana risulta la più penalizzata, come già in inverno, subendo l abbandono dei suoi mercati tradizionali da quello britannico, a quello americano e giapponese. Ulteriore sintomo di crisi la defezione dei turisti austriaci e tedeschi dall Alto Adige e dal Veneto dove sono in diminuzione anche i clienti britannici. Nonostante le migliori performances della Campania, si tratta di una delle regioni maggiormente defezionata dal turismo francese e da quello inglese, penalizzando così il turismo nelle nostre belle isole. Strutture dove sono diminuiti i principali mercati stranieri albergo 2 stelle 3 stelle 4 stelle villaggio turistico agriturismo campeggio Totale Austria 75,0 66,7 16,7 16,7 0,0 25,0 0,0 100,0 Belgio 80,0 75,0 25,0 0,0 0,0 20,0 0,0 100,0 Francia 90,0 66,7 22,2 11,1 0,0 5,0 5,0 100,0 Germania 87,1 40,5 44,6 14,9 0,0 10,6 2,4 100,0 Inghilterra 90,9 36,7 36,7 26,7 0,0 6,1 3,0 100,0 Olanda 50,0 33,3 33,3 33,3 0,0 50,0 0,0 100,0 Svizzera 75,0 33,3 66,7 0,0 0,0 25,0 0,0 100,0 Usa 96,5 39,0 40,2 20,7 0,0 3,5 0,0 100,0 Giappone 93,8 53,3 46,7 0,0 0,0 6,3 0,0 100,0 Se in generale si può affermare come i principali mercati turistici internazionali sono mancati in questo periodo principalmente dalle strutture alberghiere, si noti come il calo delle presenze estere negli agriturismi sia da attribuirsi alla diminuzione dei flussi Olandesi, mercato pioniere di questa tipologia di turismo nel loro Paese. 21

22 5. LA SCACCHERA DEI PRODOTTI DELLA PRIMAVERA 2003 Per comprendere l andamento in questo periodo primaverile dei prodotti turistici nelle singole regioni italiane, appare interessante valutare i risultati ottenuti in termini di occupazione media. Da questa analisi, infatti, è possibile valutare quanto il successo o l insuccesso di una regione nel periodo sia da attribuirsi ad una flessione generale o ad una flessione di prodotto. Pertanto, al fine di ottenerne una lettura immediata si è misurata l occupazione accorpando i dati in 4 fasce: - bassa occupazione: fino al 25% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore GIALLO - media occupazione: fino al 50% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore OCRE - alta occupazione: fino al 75% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore ARANCIO - piena occupazione: fino al 100% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore ROSSO. 22

23 % occupazione/prenotazioni fino al 25% fino al 75% fino al 50% fino al 100% 23 Campagna Mare Lago Terme Montagna Città d'arte Campagna maggio Mare Lago Terme Montagna Città d'arte Campagna Pasqua Mare Lago Montagna Città d'arte Campagna Mare Lago Terme Montagna Città d'arte Campagna Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Terme aprile marzo Mare Lago Terme Montagna Regioni Città d'arte febbraio

24 Dalla valutazione effettuata i risultati che si evincono mostrano alcune evidenti dinamiche: - le regioni che mostrano complessivamente un migliore andamento di occupazione, nell intera stagione da febbraio a maggio, risultano le Marche in particolare per la montagna, il Veneto con ottimi risultati sui laghi, l Umbria sia per il turismo culturale che per il turismo rurale, la Campania (che non scende mai sotto il 25% di occupazione neanche in inverno) e la Liguria sia nelle città d arte che al mare; - il non buono andamento del turismo in Toscana appare legato ad una bassa occupazione relativa ai prodotti del turismo verde e delle terme, a cui si aggiunge un tiepido risultato delle città d arte; - le città d arte hanno ottenuto un buon risultato nel periodo solo in Lombardia; - il mese di maggio che solitamente lancia la stagione turistica estiva del balneare non ottiene risultati soddisfacenti in termini di occupazione, neanche nel sud e nelle isole ad eccezione degli esiti migliori della Sardegna e della Campania; - la Pasqua ha visto come destinazioni vincenti i laghi del nord, il mare nel centro Italia e in Puglia e Campania, le terme del centro sud, le città d arte dell Umbria. 24

25 CONCLUSIONI L analisi dell andamento turistico del nostro Paese in questa stagione di primavera del 2003 non permette ancora di intravedere sintomi di ripresa per l industria del settore. Il banco di prova delle festività di Pasqua e dei ponti del 1 maggio come rilancio dalla poco entusiasmante stagione invernale non lascia sperare troppo in una felice ripresa del comparto. A mettere in crisi l economia del turismo italiano contribuisce in maniera consistente la defezione del turismo internazionale che è mancato in questa stagione da troppi bacini di domanda del nostro Paese. In termini complessivi di occupazione media delle nostre strutture ricettive, la stagione turistica di questo inverno aveva lasciato gli operatori col fiato sospeso con prenotazioni per febbraio e marzo pari solo al 45% di occupazione: queste preoccupazioni, a posteriori hanno mostrato tutta la loro fondatezza raggiungendo cioè una occupazione reale solo del 47%. Ma ciò che lascia ancora preoccupati gli operatori sono le prenotazioni per il mese di maggio, molto legate ai flussi internazionali: se in inverno si è considerata la defezione degli stranieri con meno paura rispetto a quella del turismo nazionale grazie alla fiducia del ritorno dall estero per i mesi primaverili, le prenotazioni attualmente in corso non sono affatto rassicuranti (45%). E sono ancora i turisti stranieri più facoltosi quelli non hanno portato le entrate sperate: inglesi, americani, e giapponesi. Ma anche i flussi tedeschi e francesi, magari con minore capacità di spesa ma in maggior numero sembrano tradire le aspettative degli operatori. Così questa stagione delude non solo le destinazioni più tipiche del turismo ricco, come le grandi città d arte, ma anche le destinazioni che più a portata di un turista economicamente meno interessante facevano successo grazie ai numeri. Infine, la possibilità per il turismo interno di usufruire di un lunghissimo ponte non ha prodotto i risultati sperati dagli operatori, con una permanenza media di non oltre 2 notti, e con una scelta di 25

26 vacanza sotto l insegna del turismo a basso costo, in campagna, in agriturismo, tralasciando scelte più onerose che vedevano negli scorsi anni una voglia di vacanza alla grande. Un anno questo che per far uscire dalla stagnazione il settore dovrebbe riprendere slancio in estate, approfittando del calo delle partenze oltre oceano, a favore di mete nostrane. Ma la competizione, in termini di costi, delle altre mete europee del bacino mediterraneo, rende incerti questi risvolti, aumentando i timori degli operatori. Mai come nella futura stagione estiva gli operatori italiani dovranno mettere a punto strategie di flessibilità nelle proposte alla clientela turistica cercando di andare incontro alle diverse esigenze sia economiche che di consumo per intercettare i flussi interni e quelli europei. 26

27 NOTA METODOLOGICA L analisi congiunturale è stata condotta attraverso una rilevazione diretta a un panel testato di 500 operatori del ricettivo, con questionario chiuso e domande dirette sull andamento primaverile del mercato, e di controllo rispetto all anno precedente. Le interviste, seguendo la distribuzione delle imprese turistiche ricettive in Italia, sono state così ripartite: Ripartizione geografica (%) Ripartizione % nord ovest 19,9 nord est 38,2 centro 24,4 sud e isole 17,5 Italia 100,0 Nel rispetto della presenza delle singole tipologie di impresa turistica ricettiva sul territorio nazionale, si è provveduto a ripartire le interviste anche secondo la seguente distribuzione per tipologia: 27

28 Tipologia della struttura ricettiva (%) albergo 84,6 2 stelle 40,4 3 stelle 45,2 4 stelle 14,2 5 stelle 0,2 villaggio 2,0 agriturismo 8,9 campeggio 4,5 Totale 100,0 La rilevazione è stata terminata il 18 aprile 2003, in modo da poter cogliere in tempo reale l andamento effettivo della stagione e le prenotazioni per i mesi di aprile e maggio. 28

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2004: GERMOGLI DI RIPRESA 1 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2005: 2 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000 ABSTRACT LE VACANZE DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2006 Sono 17,8 milioni gli italiani che nel primo semestre 2006 hanno effettuato almeno un periodo di vacanza (35,9% della popolazione). Nel complesso,

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE per Osservatorio Nazionale del turismo INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE Maggio 2008 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

1. Gli italiani in vacanza nel 2012

1. Gli italiani in vacanza nel 2012 1. Gli italiani in vacanza nel 2012 Nel 2012 nonostante l imperversare della crisi economica il 62,8% della popolazione ha trascorso almeno un periodo di vacanza, pari a 31,7 milioni di italiani. Un dato

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 5 bollettino mensile Maggio 2009 Giugno 2009 A cura di Storia

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 4 bollettino mensile Aprile 2009 Maggio 2009 A cura di Storia

Dettagli

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 luglio 2013 Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle presenze turistiche registrati

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE 2009

ANALISI CONGIUNTURALE 2009 ANALISI CONGIUNTURALE 2009 COMUNICATO Gennaio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA di Brindisi Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: dicembre

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 12 bollettino mensile Dicembre 2009 Gennaio 2010 A cura di Storia

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 3 bollettino mensile Marzo 2011 Aprile 2011 A cura di Storia

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

OSSERVATORIO SUL TURISMO

OSSERVATORIO SUL TURISMO UFFICIO STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO SUL TURISMO Tra prospettive di sviluppo e criticità La vocazione turistica del nostro Paese è ben nota. Oltre alla presenza di risorse territoriali e amenities (la

Dettagli

ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO SEDE CENTRALE. A cura dell Ufficio Studi, Programmazione e Marketing

ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO SEDE CENTRALE. A cura dell Ufficio Studi, Programmazione e Marketing L Italia nel contesto internazionale A cura dell Ufficio Studi, Programmazione e Marketing I primi dati provvisori dell Organizzazione Mondiale del Turismo relativi all anno 2006 confermano il trend positivo

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Nota congiunturale sull area delle Orobie Consuntiva stagione invernale 2007-2008 Redatta in Aprile 2008 Caratteristiche e metodologia di indagine L Osservatorio

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO -

INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO - OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO - a cura di SOMMARIO 1. LA DOMANDA TEDESCA IN ITALIA...4 1.1 Le modalità di organizzazione della vacanza...5 1.2 Le

Dettagli

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012 Il Turismo 1 Nel 2012 la provincia di Brindisi ha migliorato la propria offerta ricettiva ed ha registrato un incremento degli indicatori quali-quantitativi della ricettività locale (densità degli esercizi

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Provincia di Bergamo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DATI STATISTICI ANNO 2005 Introduzione...pag. 3 1. MOVIMENTI DEI CLIENTI NELLE STRUTTURE RICETTIVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO, COMPRESO

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A

A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A Ma g g i o 2 0 0 3 di G i u s e p p e A i e l l o 1. L andamento

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 MOVIMENTI TURISTICI Dati per province Periodo di riferimento Gennaio Agosto 2011 Arrivi: 522.704 Presenze: 3.364.619 Arrivi: 598.394 Presenze: 3.049.349

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria ANDAMENTO CONGIUNTURALE DEL TURISMO IN UMBRIA Aprile 2007 4 report a cura di SOMMARIO Premessa...3 1. L ANDAMENTO CONGIUNTURALE DEL TURISMO IN UMBRIA...4

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Marzo 2009. 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma. 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma

Marzo 2009. 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma. 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma Prosegue anche questo mese la flessione della domanda turistica rispetto allo stesso periodo

Dettagli

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015 Anche nei campeggi Toscani il vento delle ripresa del turismo: il ritorno di italiani e stranieri così l'evoluzione della domanda di turismo all'aria aperta nel 2015 secondo gli operatori toscani www.osservatorioturismoariaaperta.it

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA MARZO 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2.

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Gli italiani in vacanza nella Regione Molise. Anno 2007

Gli italiani in vacanza nella Regione Molise. Anno 2007 I Numeri dell Osservatorio Economico Statistico Regionale -TURISMO n. 2/2008 Periodico dell Unioncamere Molise Poste Italiane SpA spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2007

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Gennaio 2009 Ge nnai o 2009

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Gennaio 2009 Ge nnai o 2009 Ge nnai o 2009 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma L anno 2009 inizia con il segno negativo della domanda turistica rispetto all inizio dell anno precedente. Gli arrivi complessivi

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Il turismo in Trentino nell estate 2014

Il turismo in Trentino nell estate 2014 Il turismo in Trentino nell estate 2014 dicembre 2014 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche nella stagione estiva 2014,

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni e elaborazioni Istat.

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il turismo nello scenario internazionale

Il turismo nello scenario internazionale Il turismo nello scenario internazionale 1 INDICE Il turismo internazionale nel mondo Partenze mondiali Partenze per Paese Primi 20 Paesi per spesa ed entrate Il turismo internazionale in Italia Arrivi

Dettagli

IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005

IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005 CENTRO STUDI UNIONCAMERE BASILICATA OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA BASILICATA IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005 IN BASILICATA OTTOBRE 2005 ANCORA UN ESTATE DELUDENTE PER IL TURISMO ITALIANO In base

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE PUGLIA INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE La Puglia sui mercati dell intermediazione internazionale Agosto 2012 A cura di Storia del documento Copyright:

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Il mercato di lingua tedesca: un bacino strategico per gli operatori turistici italiani

Il mercato di lingua tedesca: un bacino strategico per gli operatori turistici italiani Il mercato di lingua tedesca: un bacino strategico per gli operatori turistici italiani I turisti di lingua tedesca che visitano ogni anno l'italia sono una risorsa importantissima per l'industria turistica

Dettagli

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica Russia: alcuni dati statistici CAPITALE Mo sca SUPERFICIE (kmq) 17 075 200 POPOLAZIONE 143 500 000 P.I.L. 600 miliardi USD TASSO DI INFLAZIONE 11,7 MONETA

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 17 febbraio 2010 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

L OSPITALITA E INTERNET

L OSPITALITA E INTERNET L OSPITALITA E INTERNET UNO STRUMENTO (DI PROMOCOMMERCIALIZZAZIONE) MA NON LA SOLUZIONE (DEI PROBLEMI) 1 INDICE Premessa 3 1. Aumenta l interesse e l attenzione 5 2. La parola agli albergatori 8 IL TEAM

Dettagli

Rapporto flussi turistici Anni dal 2010

Rapporto flussi turistici Anni dal 2010 Rapporto flussi turistici Anni dal 2010 2010 al 2014 Elaborazione a cura dell Ufficio del Turismo della Provincia di Novara turismo.statistica@provincia.novara.it 1 CAPACITA RICETTIVA Qualifica Stelle

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Rapporto annuale 2012

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Rapporto annuale 2012 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 2 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 2 1. L andamento

Dettagli

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti Turismo & Toscana La congiuntura 2015, le previsioni per il 2016 Enrico Conti Firenze, 4 luglio 2016 Il turismo in Toscana: i numeri del 2015 12,9 milioni di arrivi in strutture ufficiali; +3,1% sul 2014

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%)

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%) Il monitoraggio dei dati per la formulazione dell offerta turistica regionale a cura dell Osservatorio turistico Dipartimento regionale turismo, sport e spettacolo 1. Lo scenario e le macrodinamiche Nel

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli