OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO"

Transcript

1 Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2004: GERMOGLI DI RIPRESA 1 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle aree turistiche leader e sui segmenti di prodotto Indagine di mercato realizzata da Isnart S.p.A. Roma aprile 2004

2 SOMMARIO 1. L ANDAMENTO DELLA STAGIONE IL TURISTA DELLA PRIMAVERA I DATI DELLA TENDENZA L ANDAMENTO DEI MERCATI INTERNAZIONALI LA SCACCHIERA DEI PRODOTTI DELLA STAGIONE...28 CONCLUSIONI...32 NOTA METODOLOGICA

3 1. L ANDAMENTO DELLA STAGIONE L indagine sull occupazione nella stagione in corso e sulle previsioni delle presenze per i mesi di aprile e maggio, condotta presso gli operatori italiani del ricettivo, conferma la tendenza ad un recupero del movimento turistico nelle nostre destinazioni leader. I consuntivi dei mesi invernali di febbraio e marzo indicano, infatti, un occupazione media pari rispettivamente al 60% ed al 51%, in aumento rispetto al 2003 quando negli stessi mesi l occupazione rilevata era del 47,4%. Anche le previsioni per le festività pasquali rivelano una quota di occupazione delle camere pari a 60,2%, in aumento rispetto allo scorso anno quando si rilevava il 58%. L'ANDAMENTO STAGIONALE Primavera 2004 (MEDIA % sul totale operatori) 70,0 60,0 55,9 60,2 51,1 50,0 41,0 40,0 30,0 28,4 20,0 10,0 0,0 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio L andamento delle prenotazioni relativo ad aprile e maggio, meno eclatante dei mesi precedenti, risente di fattori esogeni (il ponte lungo tra il 19 aprile ed il 4 maggio che nello scorso anno avevano portato ad un occupazione molto elevata) e della quota di prenotazioni last minute, particolarmente significativa proprio in questo periodo dell anno. 3

4 Confronto occupazione camere febbraio-marzo e prenotazioni Pasqua, aprile e maggio 2004/2003 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio ,9 51,1 60,2 41,0 28, ,4 47,4 58,1 47,5 45,2 Il buon andamento dell occupazione durante questa stagione primaverile è, inoltre, confermato da una tendenza positiva generalizzabile in tutta Italia: - nei mesi invernali, infatti, più tipici del turismo montano, tutte le località turistiche italiane registrano tassi di occupazione superiori al 42%, sebbene, le performances migliori sono, naturalmente, quelle delle destinazioni del nord est e nord ovest; - le indicazioni sull occupazione nel periodo pasquale vedono in testa le mete del nord ovest e del sud e isole, seguite a stretta misura da quelle del centro e del nord est; - nelle previsioni per il resto di aprile e per il mese di maggio hanno già ottenuto quote interessanti di prenotazione soprattutto le strutture ricettive del sud e delle isole e quelle del centro Italia, mentre nel nord le prenotazioni scendono al 21-22%. L'ANDAMENTO STAGIONALE PER MACRO AREA Primavera 2004 (MEDIA % sul totale operatori) 70,0 65,7 62,8 60,0 57,9 54,1 62,3 59,4 50,0 49,0 51,7 49,1 57,9 53,4 46,6 40,0 42,5 47,3 35,2 42,1 33,5 30,0 29,6 22,0 20,0 21,8 10,0 0,0 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio nord ovest nord est centro sud e isole 4

5 Una ripresa generalizzata si legge anche con riferimento ai prodotti turistici. I risultati migliori seguono il fisiologico andamento stagionale: la montagna nel mese di febbraio, le prime vacanze balneari per le festività pasquali, le città d arte in tutto il periodo tra aprile e maggio; ma il dato significativo sono i buoni risultati di prodotti non tradizionalmente legati al periodo: in particolare, a febbraio e a marzo le terme ed il mare, e, anche se in misura minore, la campagna. Pur non potendo parlare di una vera e propria destagionalizzazione, si tratta certamente di una tendenza di mercato da cogliere da parte degli operatori. 90,0 L'ANDAMENTO STAGIONALE PER AREA/PRODOTTO Primavera 2004 (MEDIA % sul totale operatori) 80,0 78,2 70,0 68,1 66,0 60,0 50,0 57,0 54,5 64,9 60,4 54,2 50,0 40,0 30,0 20,0 48,3 47,5 43,4 22,5 51,7 50,2 48,9 25,1 51,3 49,8 50,1 42,0 35,6 33,3 23,9 32,1 32,0 29,5 21,4 19,8 10,0 18,5 0,0 % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio città montagna terme lago mare campagna Coerentemente con quanto appena detto, nel mese di febbraio il dettaglio regionale mostra un occupazione molto elevata in Trentino, Alto Adige ed in Veneto, nel nord est, ed in Abruzzo e Molise nel sud. Questi ottimi risultati proseguono nel mese di marzo dove, nel nord est, tengono soprattutto le destinazioni dell Alto Adige. Naturalmente la Pasqua vede in testa molte regioni del sud (Molise, Campania, Sicilia e Puglia), la Liguria e l Emilia Romagna. Le festività pasquali, poi, aprono la stagione delle prenotazioni per le località del mezzogiorno italiano anche per il mese di maggio: in Puglia, ma anche in Campania ed in Sicilia, già la metà delle camere risulta riservata. 5

6 Occupazione camere febbraio-marzo e prenotazioni Pasqua, aprile e maggio 2004 REGIONE % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio Piemonte 56,2 53,4 49,2 41,1 18,7 Valle d'aosta 57,3 45,5 52,7 32,7 14,6 Lombardia 67,4 51,4 56,4 23,7 20,7 Trentino 71,4 54,1 54,0 16,7 16,7 Alto Adige 76,9 61,3 51,6 21,9 23,1 Veneto 70,0 54,8 65,0 40,0 27,1 Friuli 50,0 46,8 36,4 34,1 19,6 Liguria 44,4 53,5 85,9 50,2 26,1 Emilia Romagna 43,4 43,9 69,5 51,4 18,9 Toscana 44,7 48,0 58,1 46,8 27,3 Umbria 20,6 26,0 65,0 40,0 28,4 Marche 52,1 57,1 51,5 40,9 28,6 Lazio 44,3 52,9 62,7 52,7 34,5 Abruzzo 77,0 58,0 44,0 36,0 17,5 Molise 100,0 90,0 90,0.. Campania 42,0 52,6 76,8 63,6 47,8 Puglia 42,8 45,0 70,0 62,9 61,4 Basilicata 25,0 31,7 50,0 43,3 36,7 Calabria 38,8 42,5 38,6 37,1 27,1 Sicilia 51,9 55,6 74,1 62,3 48,2 Sardegna 39,0 33,1 51,1 50,0 31,3 Totale Italia 55,9 51,1 60,2 41,0 28,4 Analizzando nel dettaglio la tipologia ricettiva, il migliore risultato di questa primavera si rileva nell hotellerie italiana, che nel 2003 aveva subito ancora ripercussioni della congiuntura sfavorevole partita nel Anche e proprio la Pasqua segna una ripresa in termini di occupazione con una quota di camere prenotate pari al 60% quando nel 2003 tale percentuale era del 57% nonostante le festività prolungate. Accanto alla stagione positiva nei mesi di febbraio/marzo dei villaggi turistici (montani), si segnala il buon risultato degli agriturismo che primeggiano a Pasqua e che hanno registrato tassi di occupazione significativi anche nel periodo delle settimane bianche. Occupazione camere febbraio-marzo e prenotazioni Pasqua, aprile e maggio 2004 TIPO % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio hotel 59,3 54,2 60,1 42,2 30,1 2 stelle 58,4 51,6 56,8 39,0 27,4 3 stelle 58,6 53,9 61,2 42,6 29,7 4 stelle 64,9 62,7 64,8 49,8 38,5 5 stelle 50,0 60,0 80,0 60,0 20,0 villaggio 72,5 60,0 56,7 23,3 16,7 agriturismo 21,8 26,3 65,8 36,6 20,3 campeggio 37,6 30,2 51,9 28,1 21,3 Totale Italia 55,9 51,1 60,2 41,0 28,4 6

7 2. IL TURISTA DELLA PRIMAVERA 2004 Nella stagione primaverile del 2004 la domanda turistica delle nostre strutture ricettive evidenzia delle variazioni rispetto allo stesso periodo del 2003: nonostante una forte stabilizzazione del mercato sia nazionale che internazionale, entrambi tendenti all aumento ( 1 ), i flussi interni della domanda italiana risultano in crescita su quelli stranieri, rivelando una scelta da parte degli italiani che favorisce le destinazioni nostrane in misura maggiore rispetto allo scorso anno. Infatti, le festività pasquali dello scorso anno avevano portato all estero quote rilevanti dei vacanzieri italiani che in questo anno, costretti anche da giorni di ferie ridotti all osso, rimarranno in Italia. Pertanto, la quota di turismo straniero di questa primavera è pari al 31% contro il 35% del TIPOLOGIA DELLA CLIENTELA (MEDIA % sul totale operatori) sud e isole 74,5 25,5 centro 72,5 27,5 Totale Italia 69,0 31,0 % italiani % stranieri nord ovest 68,4 31,6 nord est 64,9 35,1 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 1 ) si veda il capitolo 3. I dati della tendenza 7

8 Ad accogliere quote di turismo straniero superiori alla media nazionale, le mete turistiche del Veneto, della Campania, dell Alto Adige, della Sicilia, del Piemonte e della Toscana. Le destinazioni lombarde, che nel 2003 risultavano in testa per la maggiore quota di turismo straniero, si allineano questo anno con la media nazionale superandola appena. Un altro dato interessante è quello relativo al turismo internazionale in Sardegna ed in Basilicata raddoppiato nella primavera in corso rispetto al 2003 quando si attestava sul 10-11% del totale dei flussi. TIPOLOGIA DELLA CLIENTELA PER REGIONE (MEDIA % sul totale operatori) Veneto Campania Alto Adige Sicilia Piemonte Toscana Lombardia Totale Italia Friuli Basilicata Valle d'aosta Liguria Trentino Lazio Sardegna Emilia Romagna Umbria Puglia Marche Calabria Abruzzo Molise 55,1 44,9 56,3 43,7 58,4 41,6 61,4 38,6 63,6 36,4 64,9 35,1 68,0 32,1 69,0 31,0 70,9 29,1 71,7 28,3 71,8 28,2 72,2 27,8 72,9 27,1 73,3 26,7 74,4 25,6 78,7 21,3 84,2 15,8 85,9 14,1 86,5 13,5 87,1 12,9 97,6 2,4 100,0 0,0 % italiani % stranieri 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 8

9 Il peso della quota relativo alle presenze straniere, in questa stagione, appare decisivo nelle località del turismo lacuale dove raggiunge il 58%. In tutte le altre il peso determinante è stato del turismo italiano. Provenienza della clientela PRODOTTO % italiani % stranieri Totale Città 65,2 34,8 100,0 montagna 71,1 28,9 100,0 Terme 85,4 14,6 100,0 Lago 42,0 58,0 100,0 Mare 67,0 33,0 100,0 campagna 76,6 23,5 100,0 Totale Italia 69,0 31,0 100,0 La tipologia di alloggio dove tale quota supera la media nazionale sono proprio le categorie alberghiere (in particolare i quattro stelle) ed i villaggi turistici, a conferma dei segnali di ripresa già evidenziati. Provenienza della clientela TIPO % italiani % stranieri Totale Hotel 67,7 32,3 100,0 2 stelle 67,8 32,2 100,0 3 stelle 68,6 31,4 100,0 4 stelle 64,6 35,4 100,0 5 stelle 75,0 25,0 100,0 Villaggio 67,5 32,5 100,0 agriturismo 77,4 22,6 100,0 campeggio 79,8 20,2 100,0 Totale Italia 69,0 31,0 100,0 La durata media delle presenze nelle strutture nella primavera 2004 è di 3/4 notti per il turista italiano e di 2/3 notti per quello straniero, con una contrazione rispetto al 2003 quando si registrava una permanenza media di 3,5 notti per gli i italiani e di 3,7 per gli stranieri. Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale AREA nord ovest 3,6 2,4 3,0 nord est 4,1 2,7 3,4 centro 2,5 2,4 2,5 sud e isole 2,6 2,2 2,4 Totale Italia 3,4 2,5 3,0 9

10 La durata di queste vacanze risulta più prolungata nelle destinazioni del nord est, in particolare in Trentino e in Alto Adige per quanto riguarda il turismo italiano. Sono invece le mete turistiche lombarde quelle dove il soggiorno dei turisti stranieri supera la media con un dato pari a 3 notti. Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale REGIONE Piemonte 4,0 2,4 3,2 Valle d'aosta 3,4 2,4 2,9 Lombardia 3,9 3,0 3,5 Trentino 4,8 3,0 3,9 Alto Adige 4,9 3,7 4,3 Veneto 3,8 2,3 3,1 Friuli 4,1 1,9 3,0 Liguria 3,0 1,7 2,4 Emilia Romagna 2,9 1,7 2,3 Toscana 2,5 2,1 2,3 Umbria 2,6 2,8 2,7 Marche 2,9 2,8 2,9 Lazio 2,5 2,6 2,6 Abruzzo 3,6 2,4 3,0 Molise 4,0 - - Campania 2,7 2,4 2,6 Puglia 2,5 2,3 2,4 Basilicata 1,8 1,5 1,7 Calabria 1,9 1,6 1,8 Sicilia 2,3 2,5 2,4 Sardegna 2,2 1,8 2,0 Totale Italia 3,4 2,5 3,0 In termini di aree/prodotto le permanenze più lunghe sono quelle degli italiani in vacanza in montagna (4,3 notti) e degli stranieri nelle località lacuali (3,4 notti). Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale PRODOTTO città 2,6 2,1 2,4 montagna 4,3 2,9 3,6 terme 2,9 1,8 2,4 lago 2,4 3,4 2,9 mare 3,0 2,1 2,6 campagna 2,4 2,8 2,6 Totale Italia 3,4 2,5 3,0 10

11 Nella primavera in corso i soggiorni più prolungati dei turisti italiani si registrano nei villaggi turistici e nei campeggi, dove si superano le 5 notti. Per quanto riguarda il turismo internazionale i soggiorni più lunghi si rilevano nei villaggi, negli agriturismi e negli hotel 4 stelle. Permanenza media della clientela (n. notti) Italiani Stranieri Media Totale TIPO hotel 3,3 2,5 2,9 2 stelle 3,3 2,5 2,9 3 stelle 3,3 2,4 2,9 4 stelle 3,2 2,8 3,0 5 stelle 3,0 2,0 2,5 villaggio 5,0 3,3 4,2 agriturismo 2,7 2,8 2,8 campeggio 6,5 2,2 4,4 Totale Italia 3,4 2,5 3,0 Il ricorso al sistema dell intermediazione delle vacanze si dimostra una leva importante per garantire flussi turistici soprattutto in quelle stagioni nelle quali il turismo che si muove spontaneamente produce una domanda meno numerosa e maggiormente influenzabile dalle situazioni congiunturali. Come si evince chiaramente dalla tabella che segue, l occupazione rilevata nelle strutture che si affidano alle attività dei tour operators e acquistano clientela da questo sistema, rivelano quote di occupazione delle camere decisamente maggiori. Un canale di organizzazione delle vacanze che proprio per le sue caratteristiche strutturali. Confronto occupazione delle camere nelle strutture che ricorrono/non ricorrono ai canali dell'intermediazione % occupazione febbraio % occupazione marzo % prenotazioni Pasqua % prenotazioni aprile % prenotazioni maggio Strutture che ricorrono al circuito dell'intermediazione 57,4 52,7 61,6 41,9 29,1 Strutture che non ricorrono al circuito dell'intermediazione 44,8 39,3 49,1 32,4 21,6 11

12 La quota di imprese ricettive che nella primavera 2004 hanno ricorso al sistema dell intermediazione è dell 88,2% sul totale, passando dal 100% dei villaggi, al 90% degli hotel al 77% degli agriturismi fino al 71% dei campeggi. L intermediazione dei viaggi in questa stagione, dunque, ha portato in media il 17,3% di clientela sul totale della clientela ospitata, con quote più elevate nel centro (19%), specialmente in Toscana e nelle Marche, e nel sud e nelle isole (21,3%), in particolare in Molise, Campania e Basilicata ma anche in Sicilia ed in Puglia. Quota di turisti organizzati AREA % turisti organizzati nord ovest 17,7 nord est 14,4 centro 19,0 sud e isole 21,3 Totale Italia 17,3 Quota di turisti organizzati % turisti REGIONE organizzati Molise 50,0 Campania 32,4 Basilicata 26,7 Piemonte 26,4 Sicilia 23,6 Puglia 22,2 Valle d'aosta 21,8 Toscana 20,9 Marche 19,1 Veneto 18,2 Lazio 18,2 Emilia Romagna 17,3 Sardegna 17,1 Lombardia 15,1 Trentino 13,4 Umbria 13,4 Liguria 12,2 Alto Adige 11,8 Calabria 10,6 Abruzzo 6,9 Friuli V.G. 5,9 12

13 Le aree di prodotto più richieste da questo segmento di domanda sono in primo luogo le città d arte (24,3%) e le destinazioni lacuali (23%) mentre sono le mete del turismo rurale e termale quelle dove la domanda intermediata risulta meno elevata. Quota di turisti organizzati PRODOTTO % turisti organizzati città 24,3 montagna 12,9 terme 10,4 lago 23,0 mare 18,4 campagna 8,0 Le quote più elevate di domanda intermediata si trovano tra la clientela degli hotel, in particolare tra i 4 e 5 stelle dove si raggiunge il 25-30%. Quota di turisti organizzati TIPO % turisti organizzati hotel 18,8 2 stelle 15,2 3 stelle 19,7 4 stelle 26,7 5 stelle 30,0 villaggio 10,0 agriturismo 8,8 campeggio 2,9 E l Italia si conferma una destinazione capace di fidelizzare i propri turisti: in media la clientela abituale nelle strutture ricettive è del 40,4%; è ancora maggiore nelle destinazioni del centro Italia (45%) e del nord ovest (43,7%). Quota di turisti fedeli alla struttura AREA % clientela abituale nord ovest 43,7 nord est 37,7 centro 45,0 sud e isole 34,1 Totale Italia 40,4 13

14 In particolare, sono gli operatori della Calabria, delle Marche, della Valle d Aosta e del Trentino quelli dove si rileva la quota di clientela abituale è più elevata. Quota di turisti fedeli alla struttura % clientela REGIONE abituale Calabria 58,9 Marche 58,5 Valle d'aosta 46,4 Trentino 45,4 Umbria 44,7 Toscana 44,1 Liguria 43,5 Lombardia 43,4 Piemonte 43,2 Sicilia 42,3 Friuli 41,4 Lazio 39,7 Alto Adige 38,6 Basilicata 36,7 Emilia Romagna 36,2 Veneto 31,7 Sardegna 31,0 Molise 30,0 Campania 27,5 Abruzzo 27,5 Puglia 24,4 I prodotti turistici che in questo periodo sviluppano una maggiore domanda di clienti abituali sono quelli legati al turismo termale, a quello verde e rurale. In termini di tipologia ricettiva, è la vacanza in campeggio e nei villaggi turistici quella che muove le quote maggiori di clientela abituale. Quota di turisti fedeli alla struttura PRODOTTO % clientela abituale città 36,9 montagna 42,0 terme 47,3 lago 32,0 mare 41,2 campagna 45,9 14

15 Quota di turisti fedeli alla struttura TIPO % clientela abituale hotel 39,0 2 stelle 41,2 3 stelle 38,4 4 stelle 34,9 5 stelle 30,0 villaggio 52,5 agriturismo 42,7 campeggio 61,0 Considerando il sempre maggiore utilizzo degli strumenti di telematici per la prenotazione della vacanza da parte della domanda turistica nazionale e internazionale, appare rilevante valutare come questo utilizzo incida sulla quota complessiva della clientela in Italia. La quota di turisti che hanno fatto ricorso al web ed alle per prenotare la vacanza è pari al 15% in media, con valori del 16,2% nel sud e nelle isole (specie in Molise, Campania, e Sicilia) ed addirittura del 23,2% nelle strutture del centro Italia (soprattutto in Umbria e Toscana). Naturalmente, considerando l elevata incidenza del last minute su questo tipo di prenotazione, il raffronto con il 2003 sarà significativo una volta disponibili i dati di consuntivo. Quota di turisti prenotati via Internet/ AREA % turisti Internet nord ovest 10,9 nord est 11,2 centro 23,2 sud e isole 16,2 Totale Italia 15,0 15

16 Quota di turisti prenotati via Internet/ REGIONE % turisti Internet Molise 35,0 Umbria 28,1 Toscana 25,3 Campania 24,7 Sicilia 22,7 Emilia Romagna 20,7 Lazio 20,6 Marche 15,5 Piemonte 15,4 Liguria 15,0 Puglia 14,4 Valle d'aosta 11,8 Veneto 11,1 Friuli 10,5 Abruzzo 10,0 Calabria 8,7 Alto Adige 8,4 Basilicata 8,3 Sardegna 7,8 Lombardia 5,7 Trentino 4,5 I prodotti maggiormente teleprenotati sono il turismo verde e quello culturale nelle città d arte mentre quelli più tradizionali risultano in questa stagione il turismo montano e termale. Quota di turisti prenotati via Internet/ PRODOTTO % turisti Internet città 22,7 montagna 7,6 terme 9,1 lago 11,0 mare 15,9 campagna 27,1 Le strutture dove in questa primavera le quote di clienti telematici risultano più elevate sono gli agriturismi (26,4%) e gli hotel, specialmente quelli di categoria elevata. 16

17 Quota di turisti prenotati via Internet/ TIPO % turisti Internet hotel 14,7 2 stelle 12,2 3 stelle 14,9 4 stelle 21,0 5 stelle 40,0 villaggio 5,0 agriturismo 26,4 campeggio 1,9 17

18 3. I DATI DELLA TENDENZA Come già anticipato nell analisi, la tendenza rilevata in termini di occupazione delle camere nelle strutture ricettive delle aree turistiche leader mostra finalmente segnali positivi sul recupero dei flussi sia italiani che stranieri. Infatti, il 65,3% degli operatori dichiara una stabilità dei flussi italiani rispetto allo scorso anno, il 24,2% ne dichiara un aumento e solo il 10,4% ne lamenta la diminuzione. Rispetto al turismo straniero, il 75,5% degli operatori sostiene una stabilità rispetto alla scorsa primavera, il 12,7% afferma un calo mentre l 11,9% ne segnala un aumento. A tale proposito, l indagine sulla primavera del 2003 rilevava come il 44,3% degli operatori lamentava un calo ancora forte del turismo straniero con una perdita media del -26,4% dei flussi. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Confronto primavera 2004/primavera 2003 Italiani Stranieri aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Totale operatori primavera ,2 65,3 10,4 11,9 75,5 12,7 % media di variazione rilevata ,2-16,2 11,9-17,1 Totale operatori primavera ,4 53,2 30,4 11,5 44,3 44,3 % media di variazione rilevata ,1-27,7 15,9-26,4 Questa stabilizzazione dell andamento dei movimenti turistici si manifesta in maniera differente nelle diverse aree d Italia: in particolare mentre il nord Italia mostra una maggiore stabilità rispetto allo scorso anno sia sul turismo italiano che su quello straniero, il centro e il sud/isole mostrano ancora quote di diminuzione. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri AREA aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione nord ovest 18,7 68,2 13,1 11,2 86,0 2,8 nord est 30,0 68,9 1,1 13,2 77,4 9,5 centro 19,2 66,2 14,6 7,3 74,0 18,7 sud e isole 26,4 50,0 23,6 18,0 54,1 27,9 Totale Italia 24,2 65,3 10,4 11,9 75,5 12,7 18

19 In particolare, per quanto riguarda l andamento dei flussi italiani la Lombardia, il Trentino, il Friuli V.G. e la Sicilia evidenziano quote maggiori di stabilità, gli operatori del Veneto, della Liguria, dell Abruzzo e del Molise dichiarano un aumento, mentre in Piemonte, Campania e Sardegna gli operatori dichiarano ancora una diminuzione. Sul turismo straniero gli operatori che ne dichiarano la crescita sono quelli del Veneto e della Campania, ne confermano piena stabilità quelli del Piemonte, del Friuli e dell Abruzzo mentre ne lamentano il calo quelli della Puglia, della Basilicata e della Sicilia. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri REGIONE aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione Piemonte 8,0 56,0 36,0 0,0 100,0 0,0 Valle d'aosta 9,1 63,6 27,3 18,2 81,8 0,0 Lombardia 13,6 81,9 4,5 11,4 84,1 4,5 Trentino 28,6 71,4 0,0 10,7 89,3 0,0 Alto Adige 30,3 69,7 0,0 4,5 71,3 24,2 Veneto 34,1 65,9 0,0 27,3 68,2 4,5 Friuli 27,3 72,7 0,0 0,0 100,0 0,0 Liguria 40,7 59,3 0,0 18,5 77,8 3,7 Emilia Romagna 26,8 68,3 4,9 17,1 82,9 0,0 Toscana 14,5 69,4 16,1 6,5 73,8 19,7 Umbria 22,2 55,6 22,2 6,2 75,0 18,8 Marche 17,6 70,6 11,8 0,0 73,3 26,7 Lazio 27,3 63,6 9,1 12,9 74,2 12,9 Abruzzo 36,4 54,5 9,1 0,0 100,0 0,0 Molise 100,0 0,0 0, Campania 10,5 36,8 52,7 31,6 42,1 26,3 Puglia 33,3 55,6 11,1 0,0 66,7 33,3 Basilicata 33,3 66,7 0,0 0,0 66,7 33,3 Calabria 33,3 55,6 11,1 0,0 85,7 14,3 Sicilia 18,2 72,7 9,1 27,3 27,2 45,5 Sardegna 33,3 33,4 33,3 25,0 50,0 25,0 Totale Italia 24,2 65,3 10,4 11,9 75,5 12,7 In termini di prodotto, le strutture che operano nelle destinazioni del turismo lacuale sono quelle i cui operatori affermano ancora un andamento in calo del turismo sia italiano che straniero. Mentre quelle situate nelle destinazioni termali devono ancora recuperare sul turismo italiano, per le imprese legate agli altri prodotti si conferma un andamento di recupero dei flussi. 19

20 Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri PRODOTTO aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione città 25,4 59,7 14,9 17,9 64,8 17,3 montagna 24,2 69,2 6,6 6,5 84,3 9,2 terme 23,1 61,5 15,4 0,0 100,0 0,0 lago 0,0 80,0 20,0 20,0 40,0 40,0 mare 22,2 68,9 8,9 22,7 70,5 6,8 campagna 25,0 64,3 10,7 0,0 80,0 20,0 Totale Italia 24,2 65,3 10,4 11,9 75,5 12,7 A soffrire maggiormente, sono ancora le strutture agrituristiche e gli hotel di categoria media sul calo del turismo nazionale, o di categoria elevata per quanto riguarda il turismo straniero. Andamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno Italiani Stranieri TIPO aumento stabilità diminuzione aumento stabilità diminuzione hotel 24,6 64,8 10,6 13,1 73,6 13,3 2 stelle 20,5 69,9 9,7 9,9 78,9 11,1 3 stelle 25,1 62,3 12,6 12,5 74,5 13,0 4 stelle 33,9 59,3 6,8 25,0 53,6 21,4 5 stelle 100,0 0,0 0,0 0,0 100,0 0,0 villaggio 25,0 75,0 0,0 0,0 100,0 0,0 agriturismo 33,3 53,8 12,8 5,6 80,6 13,9 campeggio 0,0 95,2 4,8 0,0 100,0 0,0 Totale Italia 24,2 65,3 10,4 11,9 75,5 12,7 20

21 4. L ANDAMENTO DEI MERCATI INTERNAZIONALI Le problematiche legate al recupero dei flussi internazionali risultano decisamente più limitate rispetto alle ultime rilevazioni del Risulta pur vero che esistono però ancora difficoltà legate in particolare ad alcuni mercati di cui gli operatori dichiarano il mancato ritorno: la Germania in calo per il 7,6% degli operatori, gli Stati Uniti in calo per il 5% e la Gran Bretagna segnalata dal 4% delle strutture. ANDAMENTO DEI PRINCIPALI MERCATI STRANIERI Primavera 2004 (% sul totale strutture ricettive) Germania Usa Gran Bretagna Francia Giappone Austria Belgio Australia Olanda Nord europa/scandinavia Spagna Russia Polonia Europa Cina/asia Irlanda -7,6-5,0-4,0-1,6-1,6-0,8-0,4-0,4-0,4-0,4-0,2-0,2-0,2-0,2 1,0 0,6 1,2 0,6 0,6 0,2 1,2 0,6 0,2 0,2 0,4 0,4 2,0 2,6 3,6 diminuiti aumentati 5,2 SudAmerica 0,2 Canada 0,2 Svezia 0,2 Croazia 0,2 Marocco 0,2 Rep.Ceca 0,2 Svizzera 0,2-8,0-6,0-4,0-2,0 0,0 2,0 4,0 6,0 21

22 Rispetto a quanto rilevato durante la primavera del 2003 la tendenza risulta comunque positiva, considerando come sia diminuita la quota di operatori che dichiarano un calo di questi mercati. PRIMAVERA 2004 PRIMAVERA 2003 quota operatori che dichiarano un calo (% SUL TOTALE OPERATORI) media % di diminuzione quota operatori che dichiarano un calo (% SUL TOTALE OPERATORI) media % di diminuzione Germania 7,6-19,8 17,3-21,9 Usa 5,0-16,7 17,3-16,7 Gran Bretagna 4,0-19,0 6,7-19,0 Le percentuali medie di variazione di questi tre mercati, in particolare, mostrano un calo del -16,7% della clientela statunitense, del -19% di quella britannica e del -19,8% di quella tedesca, una % di diminuzione stabile rispetto allo scorso anno, fatta eccezione per la Germania dove il calo era più rilevante (recuperando circa il 3%). ANDAMENTO DEI PRINCIPALI MERCATI STRANIERI Primavera 2004 (media% diminuzione/aumento) Giappone -28,6 25,0 Francia -24,9 9,2 Belgio -20,0 10,0 Germania -19,8 12,2 % diminuzioni % aumenti Gran Bretagna -19,0 11,2 Usa -16,7 11,5 Spagna -10,0 12,5-40,0-30,0-20,0-10,0 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 22

23 Per quei mercati che mostrano le variazioni più significative, risulta interessante verificare quali siano le aree e le regioni dove si è verificato un maggiore aumento o diminuzione. Nello specifico, - il mercato spagnolo in aumento nel sud e nelle isole, risulta in calo nel centro Italia; - la domanda statunitense che è in crescita nel nord est evidenzia diminuzioni nelle regioni del centro; - il turismo britannico in crescita nel nord est è invece in calo nel sud e nelle isole; - i tedeschi che continuano a diminuire nel nord est e nel centro, sono invece in crescita nel nord ovest e nel mezzogiorno; - i mercati del Belgio e della Francia che riconquistano quota nel nord est, mostrano una diminuzione nel centro Italia; lo stesso vale per il mercato giapponese con una crescita rilevata anche nel sud e nelle isole. Area dove sono aumentati i mercati stranieri nord ovest nord est centro sud e isole Totale Italia Spagna 0,0 0,0 16,7 83,3 100,0 Usa 23,1 46,2 23,1 7,6 100,0 Gran Bretagna 30,8 34,6 19,2 15,4 100,0 Germania 30,0 10,0 20,0 40,0 100,0 Belgio 16,7 50,0 33,3 0,0 100,0 Francia 16,7 61,1 5,5 16,7 100,0 Giappone 0,0 40,0 20,0 40,0 100,0 Area dove sono diminuiti i mercati stranieri nord ovest nord est centro sud e isole Totale Italia Spagna 0,0 0,0 100,0 0,0 100,0 Usa 5,0 20,0 65,0 10,0 100,0 Gran Bretagna 0,0 0,0 12,5 87,5 100,0 Germania 5,3 47,4 31,6 15,8 100,0 Belgio 0,0 0,0 87,5 12,5 100,0 Francia 0,0 50,0 50,0 0,0 100,0 Giappone 4,0 0,0 60,0 36,0 100,0 23

24 In termini di prodotto, si denota in particolare la diminuzione dei flussi spagnoli e britannici nelle nostre città d arte e per contro un aumento di questi nelle località di montagna e balneari. Questo spostamento di area/prodotto avviene in maniera evidente anche per il mercato tedesco in lieve crescita al mare ed ai laghi, ma ancora in calo nelle località di montagna e nelle città d arte. Aree/prodotto dove sono aumentati i mercati stranieri città montagna terme lago mare campagna Totale Spagna 66,6 16,7 0,0 0,0 16,7 0,0 100,0 Usa 76,9 0,0 0,0 0,0 23,1 0,0 100,0 Gran Bretagna 46,2 34,6 0,0 0,0 19,2 0,0 100,0 Germania 20,0 40,0 0,0 10,0 30,0 0,0 100,0 Belgio 49,9 16,7 0,0 16,7 16,7 0,0 100,0 Francia 77,8 0,0 0,0 0,0 22,2 0,0 100,0 Giappone 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Aree/prodotto dove sono diminuiti i mercati stranieri città montagna terme lago mare campagna Totale Spagna 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Usa 65,0 20,0 0,0 5,0 0,0 10,0 100,0 Gran Bretagna 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Germania 36,8 47,4 0,0 2,6 5,3 7,9 100,0 Belgio 62,5 0,0 0,0 0,0 0,0 37,5 100,0 Francia 50,0 0,0 0,0 0,0 0,0 50,0 100,0 Giappone 84,0 4,0 0,0 4,0 0,0 8,0 100,0 Come si evince dalle tabelle che seguono, sono le imprese alberghiere e agrituristiche quelle che maggiormente hanno subito variazioni di flusso dai mercati esteri. Per gli operatori alberghieri che hanno subito ancora una diminuzione delle presenze, sono in particolare i mercati spagnoli e britannici quelli dove il calo è rilevato in maniera sostanziale, mentre per gli agriturismi la problematica è legata maggiormente all andamento del mercato francese e belga. 24

25 Tra gli operatori che dichiarano quote crescenti dei flussi internazionali, gli aumenti sono dovuti per le strutture alberghiere ad un ritorno generalizzato della clientela estera, mentre per gli agriturismi rimane circoscritto al mercato americano, britannico e belga. Tipologia di struttura dove sono aumentati i mercati stranieri Totale hotel 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle villaggio agriturismo campeggio Italia Spagna 100,0 16,7 66,7 16,7 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Usa 92,3 25,0 41,7 33,3 0,0 0,0 7,7 0,0 100,0 Gran Bretagna 92,3 25,0 45,8 29,2 0,0 0,0 7,7 0,0 100,0 Germania 100,0 10,0 70,0 20,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Belgio 83,3 60,0 0,0 40,0 0,0 0,0 16,7 0,0 100,0 Francia 100,0 50,0 38,9 11,1 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Giappone 100,0 20,0 40,0 40,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Tipologia di struttura dove sono diminuiti i mercati stranieri Totale hotel 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle villaggio agriturismo campeggio Italia Spagna 100,0 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Usa 90,0 50,0 33,3 16,7 0,0 0,0 10,0 0,0 100,0 Gran Bretagna 100,0 25,0 50,0 25,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Germania 92,1 34,3 42,9 22,9 0,0 0,0 7,9 0,0 100,0 Belgio 62,5 60,0 40,0 0,0 0,0 0,0 37,5 0,0 100,0 Francia 50,0 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 50,0 0,0 100,0 Giappone 92,0 47,8 34,8 17,4 0,0 0,0 8,0 0,0 100,0 Nello specifico regionale, - il mercato spagnolo che aumenta in Sicilia, diminuisce però nel Lazio; - i britannici in diminuzione in Alto Adige, in Toscana e nel Lazio, crescono in Lombardia, Veneto, Liguria ed Emilia Romagna; - il mercato nipponico in calo in Campania, Puglia e Sicilia, risultano in aumento in Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Sardegna; - la domanda tedesca, che non recupera in Alto Adige, Toscana e nelle Marche, appare invece in aumento in Lombardia ed in Campania; 25

26 - il mercato francese, che diminuisce specialmente nelle destinazioni della Toscana, sembra preferire il Veneto, l Emilia Romagna e la Sicilia; - la domanda dal Belgio, che cala in Veneto ed in Umbria, appare crescente nelle località emiliano romagnole; - il turismo statunitense, ancora in calo in Toscana, recupera bene in Veneto ed in Liguria. 26

27 Regioni dove sono aumentati i mercati stranieri Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Italia Spagna 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 16,7 0,0 0,0 16,7 0,0 0,0 0,0 50,0 16,7 100,0 Gran Bretagna 0,0 7,7 11,5 7,7 3,8 11,5 0,0 11,5 11,5 7,7 3,8 0,0 7,7 0,0 0,0 3,8 0,0 0,0 0,0 3,8 7,7 100,0 Giappone 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 20,0 0,0 0,0 20,0 0,0 0,0 0,0 20,0 0,0 0,0 20,0 0,0 0,0 0,0 0,0 20,0 100,0 Germania 0,0 0,0 30,0 0,0 10,0 0,0 0,0 0,0 0,0 10,0 0,0 0,0 10,0 0,0 0,0 30,0 0,0 0,0 0,0 0,0 10,0 100,0 Francia 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 22,2 0,0 16,7 38,9 5,6 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 16,7 0,0 100,0 Belgio 0,0 0,0 16,7 0,0 16,7 0,0 0,0 0,0 33,3 16,7 0,0 0,0 16,7 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Usa 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 46,2 0,0 23,1 0,0 7,7 7,7 0,0 7,7 0,0 0,0 7,7 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Regioni dove sono diminuiti i mercati stranieri Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Italia Spagna 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Gran Bretagna 0,0 0,0 5,0 0,0 20,0 0,0 0,0 0,0 0,0 20,0 10,0 15,0 20,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 10,0 0,0 100,0 Giappone 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 12,5 0,0 0,0 0,0 37,5 25,0 0,0 0,0 25,0 0,0 100,0 Germania 0,0 0,0 2,6 0,0 42,1 5,3 0,0 2,6 0,0 10,5 5,3 10,5 5,3 0,0 0,0 5,3 0,0 0,0 0,0 7,9 2,6 100,0 Francia 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 62,5 12,5 0,0 12,5 0,0 0,0 0,0 12,5 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Belgio 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 50,0 0,0 0,0 0,0 0,0 50,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Usa 0,0 0,0 4,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 36,0 8,0 8,0 8,0 0,0 0,0 8,0 8,0 0,0 4,0 16,0 0,0 100,0 27

28 5. LA SCACCHIERA DEI PRODOTTI DELLA STAGIONE La tavola che segue sintetizza l andamento delle destinazioni e dei prodotti turistici, il cui successo risulta evidente dall analisi dell occupazione nelle regioni italiane. Per una più facile e immediata lettura dei risultati si è scelto di misurare le quote di occupazione/prenotazioni ( 2 ) accorpando i dati in 4 fasce: - bassa occupazione: fino al 25% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore GIALLO - media occupazione: fino al 50% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore OCRA - alta occupazione: fino al 75% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore ARANCIO - piena occupazione: fino al 100% di camere occupate nelle strutture ricettive, segnalata col colore ROSSO. 2 ) occupazione per i mesi di febbraio e marzo, prenotazioni per Pasqua, aprile e maggio 28

29 LA SCACCHIERA DEI PRODOTTI DELLA PRIMAVERA 2004 febbraio marzo Pasqua aprile maggio Regioni Città d'arte Montagna Terme Lago Mare Campagna Città d'arte Montagna Terme Lago Mare Campagna Città d'arte Montagna Terme Lago Mare Campagna Città d'arte Montagna Terme Lago Mare Campagna Città d'arte Montagna Terme Lago Mare Campagna Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo e Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna % occupazione/prenotazioni fino al 25% fino al 75% fino al 50% fino al 100% 29

30 Dall incrocio delle informazioni relative all occupazione delle camere nei diversi mesi della rilevazione si evincono le seguenti peculiarità per area di prodotto: Città d arte: nel mese di febbraio il prodotto mostra la piena occupazione nelle località turistiche del Veneto e un occupazione molto elevata in Piemonte, Friuli, Liguria, Marche e Sicilia, tendenza che prosegue, seppur con quote lievemente inferiori anche nel mese di marzo quando anche in Toscana, Lombardia, Lazio, Campania e Sardegna si supera la soglia del 50% di occupazione; la Pasqua esalta l andamento del prodotto con la massima occupazione nelle mete del Veneto, della Liguria e della Campania e con ottimi risultati in Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Puglia e Sicilia; le previsioni per i mesi di aprile e maggio vedono una tenuta del prodotto culturale nelle mete tradizionali, in particolare le prenotazioni per le destinazioni della Puglia che anche per il mese di maggio superano già la soglia del 50% di occupazione. Montagna: il turismo montano vede ovviamente i migliori risultati nel mese di febbraio, in particolare per le destinazioni dell Alto Adige e per quelle abruzzesi e molisane che in questo mese raggiungono la piena occupazione delle camere; le altre destinazioni montano sia in febbraio che in marzo mostrano comunque ottime performances, in particolare, quelle del Piemonte, Lombardia, Trentino; la vacanza montana durante la Pasqua vede vincere con risultati di occupazione fino al 75% soprattutto le destinazioni di alta montagna ed a sorpresa anche le mete sarde; la stagionalità del prodotto nei mesi di aprile e maggio mostra fisiologicamente previsioni di occupazione delle camere inferiori al 50%. Terme: il prodotto termale, che nella primavera 2003 aveva mostrato andamenti eccezionali dovuti sia alle festività prolungate che ad un clima favorevole, in questa stagione 2004 mette in luce alcune problematiche relative più alla tendenza della domanda di ricorrere alle prenotazioni last minute ma contemporaneamente evidenzia il successo di alcune destinazioni alternative ai circuiti tradizionali come quelle delle terme calabresi che nei mesi di febbraio e di marzo raggiungono una eccellente occupazione; le festività della Pasqua rendono molto appetibili week-end termali nelle Marche, in Toscana, Calabria e in misura lievemente minore in Piemonte ed in 30

31 Lazio; le previsioni per aprile e maggio indicano una tenuta tra il 25-50% di occupazione in Piemonte, Toscana, Marche e Lazio che sale al 75% in Calabria. Lago: sono i laghi lombardi quelli che non sottostanno alle logiche dell apertura stagionale e che anche in questo periodo mostrano livelli di occupazione interessanti; se i mesi di febbraio e di aprile/maggio mostrano un andamento tra il 25-50%, a marzo e per il periodo di Pasqua l occupazione raggiunge il 75%. Mare: per le località marittime il mese di febbraio è ancora decisamente fuori stagione, ad esclusione di alcune destinazioni toscane a molteplicità di prodotto; ma già nel mese di marzo emerge la voglia di mare per le mete della Liguria e delle Marche, che porta alle strutture un occupazione fino al 75% delle camere; questo anno il prodotto balneare vede una stagionalità che si apre prima del solito e che già da Pasqua fa registrare un boom di occupazione in Liguria ed in Sardegna e ottimi risultati anche in Toscana ed in Campania; le previsioni per aprile e maggio mostrano indecisioni dovute probabilmente alla mancanza di occasioni di vacanza ed alle incertezze sul clima; ciò nonostante nelle mete campane l occupazione prevista raggiunge il 75%. Campagna: il turismo verde (agriturismo, turismo rurale, open air, ecc.) è tradizionalmente un prodotto di punta del periodo primaverile; se nei mesi di febbraio e marzo ha visto un occupazione più che interessante nelle Marche e nel Lazio, per la Pasqua si prevedono eccellenti risultati anche in Toscana ed in Umbria dove si raggiunge il 75% di occupazione ed il 100% nelle Marche; le prenotazioni di aprile e maggio vedono nelle stesse destinazioni un occupazione tra il 25-50%. 31

32 CONCLUSIONI Questa primavera 2004 si apre all insegna di segnali di ripresa: - l occupazione stagionale è più elevata rispetto alla scorsa primavera, e questo è vero per tutte le aree italiane e per tutti i prodotti turistici; - le prenotazioni per la Pasqua segnano un occupazione molto elevata nonostante rispetto lo scorso anno le festività siano più brevi e portino dunque minori giorni di vacanza; - le vacanze degli italiani, che nel 2003 avevano colto l occasione per recarsi nelle mete straniere, tornano nelle mete nostrane stabilizzando e aumentando le presenze; - il turismo dall estero frena il calo sostenuto fino al termine del 2003, con una stabilità dei flussi che si attesta sul 75% e una ripresa segnalata dal 12% delle strutture ricettive; - la ripresa appare ancora più marcata se si considera che anche nelle strutture alberghiere (le più toccate dalle congiunture sfavorevoli) sia i dati di occupazione che quelli di andamento rispetto lo scorso anno mostrano finalmente un recupero della clientela. Certo però lo scotto di due anni di contrazione dei flussi turistici lascia il segno sia in termini di permanenza media della clientela (che scende a 3/4 notti per gli italiani e 2/3 per gli stranieri) sia nel mancato recupero completo di alcuni mercati internazionali. Infatti, quelli più tradizionali per le nostre destinazioni, ed in particolare la Germania, la Gran Bretagna e gli Usa, seppur dimostrano un minor decremento nelle presenze, non hanno ancora invertito la tendenza, specialmente in alcune destinazioni. A tale proposito, è in atto una redistribuzione delle presenze dei mercati internazionali verso destinazioni differenti rispetto a quelle storicamente consolidate, come ad esempio il mercato tedesco che cala in Alto Adige spostandosi in Campania. La buona tenuta di tutti i prodotti turistici in un periodo tradizionalmente considerato di bassa stagione, incoraggia a perseguire la strada della destagionalizzazione delle proposte: è il primo segnale di reazione della domanda turistica ad un offerta che forse proprio in conseguenza di un periodo difficile ha saputo diversificare i prodotti rendendoli più fruibili nell arco di tutto l anno. A rafforzamento di queste logiche, l alto ricorso ai canali dell intermediazione sembra portare risultati permettendo di aumentare l occupazione proprio in questi periodi. 32

33 NOTA METODOLOGICA L analisi congiunturale è stata condotta attraverso una rilevazione diretta a un panel testato di 500 operatori del ricettivo, con questionario chiuso e domande dirette sull andamento della stagione primaverile sul mercato, e di controllo rispetto all anno precedente. Le interviste, seguendo la distribuzione delle imprese turistiche ricettive in Italia, considerata l apertura stagionale, sono state così ripartite: Ripartizione geografica (%) Ripartizione % nord ovest 21,4 nord est 38,0 centro 26,2 sud e isole 14,4 Italia 100,0 Nel rispetto della presenza delle singole tipologie di impresa turistica ricettiva sul territorio nazionale, si è provveduto a ripartire le interviste anche secondo la seguente distribuzione per tipologia: 33

34 Tipologia della struttura ricettiva (%) Ripartizione % albergo 87,0 2 stelle 40,5 3 stelle 45,7 4 stelle 13,6 5 stelle 0,2 villaggio 0,8 agriturismo 8,0 campeggio 4,2 Totale 100,0 La rilevazione è stata terminata il 2 aprile 2004, in modo da poter cogliere in tempo reale l andamento effettivo della stagione e le prenotazioni per la Pasqua. 34

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2005: 2 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2003: GLI ITALIANI AL VERDE NEGLI AGRITURISMI 1 Rapporto Indagine

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000 ABSTRACT LE VACANZE DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2006 Sono 17,8 milioni gli italiani che nel primo semestre 2006 hanno effettuato almeno un periodo di vacanza (35,9% della popolazione). Nel complesso,

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria ANDAMENTO CONGIUNTURALE DEL TURISMO IN UMBRIA Aprile 2007 4 report a cura di SOMMARIO Premessa...3 1. L ANDAMENTO CONGIUNTURALE DEL TURISMO IN UMBRIA...4

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE 2009

ANALISI CONGIUNTURALE 2009 ANALISI CONGIUNTURALE 2009 COMUNICATO Gennaio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA di Brindisi Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: dicembre

Dettagli

1. Gli italiani in vacanza nel 2012

1. Gli italiani in vacanza nel 2012 1. Gli italiani in vacanza nel 2012 Nel 2012 nonostante l imperversare della crisi economica il 62,8% della popolazione ha trascorso almeno un periodo di vacanza, pari a 31,7 milioni di italiani. Un dato

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE per Osservatorio Nazionale del turismo INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE Maggio 2008 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

OSSERVATORIO SUL TURISMO

OSSERVATORIO SUL TURISMO UFFICIO STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO SUL TURISMO Tra prospettive di sviluppo e criticità La vocazione turistica del nostro Paese è ben nota. Oltre alla presenza di risorse territoriali e amenities (la

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO EUROPEO luglio 2004 a cura di SOMMARIO

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13

Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 luglio 2013 Movimento turistico Stagione invernale 2012/13 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle presenze turistiche registrati

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 5 bollettino mensile Maggio 2009 Giugno 2009 A cura di Storia

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012 Il Turismo 1 Nel 2012 la provincia di Brindisi ha migliorato la propria offerta ricettiva ed ha registrato un incremento degli indicatori quali-quantitativi della ricettività locale (densità degli esercizi

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 4 bollettino mensile Aprile 2009 Maggio 2009 A cura di Storia

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 12 bollettino mensile Dicembre 2009 Gennaio 2010 A cura di Storia

Dettagli

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche

L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Milano, 12 ottobre 2010 COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO TURISTICO ESTATE 2010 E PREVISIONI PER L AUTUNNO L estate 2010 (luglio settembre) rilancia le presenze turistiche Nel trimestre estivo il 63,6% delle

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO -

INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO - OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO STRANIERO - IL MERCATO TEDESCO - a cura di SOMMARIO 1. LA DOMANDA TEDESCA IN ITALIA...4 1.1 Le modalità di organizzazione della vacanza...5 1.2 Le

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 20 febbraio 2008 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2007 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2007. Le informazioni provengono

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 19 febbraio 2007 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2006 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2006. Le informazioni provengono

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Nota congiunturale sull area delle Orobie Consuntiva stagione invernale 2007-2008 Redatta in Aprile 2008 Caratteristiche e metodologia di indagine L Osservatorio

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 3 bollettino mensile Marzo 2011 Aprile 2011 A cura di Storia

Dettagli

Gli italiani in vacanza nella Regione Molise. Anno 2007

Gli italiani in vacanza nella Regione Molise. Anno 2007 I Numeri dell Osservatorio Economico Statistico Regionale -TURISMO n. 2/2008 Periodico dell Unioncamere Molise Poste Italiane SpA spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2007

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 17 febbraio 2010 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE PUGLIA INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE La Puglia sui mercati dell intermediazione internazionale Agosto 2012 A cura di Storia del documento Copyright:

Dettagli

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%)

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%) Il monitoraggio dei dati per la formulazione dell offerta turistica regionale a cura dell Osservatorio turistico Dipartimento regionale turismo, sport e spettacolo 1. Lo scenario e le macrodinamiche Nel

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 18 febbraio 2009 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015 Anche nei campeggi Toscani il vento delle ripresa del turismo: il ritorno di italiani e stranieri così l'evoluzione della domanda di turismo all'aria aperta nel 2015 secondo gli operatori toscani www.osservatorioturismoariaaperta.it

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità ricettiva

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO NATALE 2003: UN INVERNO TURISTICO MENO RIGIDO 4 Rapporto Indagine sulle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO LE VACANZE ITALIANE NEL 2005 E LE PREVISIONI PER L ESTATE 1 Report

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Provincia di Bergamo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DATI STATISTICI ANNO 2005 Introduzione...pag. 3 1. MOVIMENTI DEI CLIENTI NELLE STRUTTURE RICETTIVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO, COMPRESO

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti Turismo & Toscana La congiuntura 2015, le previsioni per il 2016 Enrico Conti Firenze, 4 luglio 2016 Il turismo in Toscana: i numeri del 2015 12,9 milioni di arrivi in strutture ufficiali; +3,1% sul 2014

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Agosto 2010 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze dei residenti in... 4 Nota metodologica... 13 Periodo

Dettagli

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione LE DIMENSIONI ED I COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Febbraio 2011 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO SEDE CENTRALE. A cura dell Ufficio Studi, Programmazione e Marketing

ENIT - AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO SEDE CENTRALE. A cura dell Ufficio Studi, Programmazione e Marketing L Italia nel contesto internazionale A cura dell Ufficio Studi, Programmazione e Marketing I primi dati provvisori dell Organizzazione Mondiale del Turismo relativi all anno 2006 confermano il trend positivo

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 MOVIMENTI TURISTICI Dati per province Periodo di riferimento Gennaio Agosto 2011 Arrivi: 522.704 Presenze: 3.364.619 Arrivi: 598.394 Presenze: 3.049.349

Dettagli

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti. Firenze, 4 luglio 2015

Turismo & Toscana. La congiuntura 2015, le previsioni per il Enrico Conti. Firenze, 4 luglio 2015 Turismo & Toscana La congiuntura 2015, le previsioni per il 2016 Enrico Conti Firenze, 4 luglio 2015 Il turismo in Toscana: i numeri del 2015 12,9 milioni di arrivi in strutture ufficiali; +3,1% sul 2014

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale

Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale MemoTurismo2003 1 MEMOTURISMO2003 Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale Via Toscana 1 00187 Roma Tel 06 42741151 Fax 06 42871197 info@federalberghi.it 2 MemoTurismo2003

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Forum del turismo invernale

Forum del turismo invernale Forum del turismo invernale Focus 2009 Febbraio 2010 A cura di Sommario 1. Il turismo in Italia nel 2009...3 2. Le prospettive per il 2010... 14 3. Focus sulla montagna... 16 3.1 Le performance delle strutture

Dettagli