M&A VALUE P/E. R/i LBO PERFORMANCE OTATE IN BORSA LE LOCAL UTILITIES ITALIANE QU ANALISI DEI RISULTATI % 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0%

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M&A VALUE P/E. R/i LBO PERFORMANCE OTATE IN BORSA LE LOCAL UTILITIES ITALIANE QU ANALISI DEI RISULTATI 2003 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0%"

Transcript

1 COLLANA STUDI DI SETTORE M&A VALUE LE LOCAL UTILITIES ITALIANE QU 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% OTATE IN BORSA P/E ANALISI DEI RISULTATI 2003 R/i LBO PERFORMANCE

2 COLLANA STUDI DI SETTORE L editoria libraria nel processo di globalizzazione dei media, 1999 Il settore immobiliare quotato alla Borsa Italiana, 2000 Le alleanze nelle Utilities: tipologie e problematiche attuative, Rapporto annuale, 2001 Le alleanze nelle utilities: strategie di integrazione e player emergenti, Rapporto annuale, 2002 Strategie e gestione delle imprese di igiene urbana, 2002 Le alleanze nelle utilities: strategie di integrazione e player emergenti, Rapporto annuale, 2003 Il settore idrico internazionale, 2003 Alleanze e strategie delle utilities; dalla dimensione locale a quella europea, Rapporto annuale, 2004 Le local utilities italiane quotate in Borsa, 2004 AGICI FINANZA D IMPRESA AGICI Finanza d Impresa è una società professionale indipendente specializzata nella consulenza strategica e finanziaria. La società è attiva nelle aree della finanza straordinaria e dell analisi e pianificazione strategica, assistendo le imprese, anche di piccole e medie dimensioni, in operazioni di acquisizione, fusione, cessione, quotazione in Borsa e joint-venture. AGICI Finanza d Impresa si avvale di un team di professionisti specializzati nelle diverse aree di intervento, coordinato e diretto da: Andrea Gilardoni - Presidente - Alessandro Marangoni - Consigliere Delegato -

3 INDICE 1. Sintesi dei risultati 2. Le utilities italiane quotate in Borsa 3. I risultati economico-finanziari 4. Le tendenze strategiche in atto 5. Scenari ed opportunità future TEAM DEL PROGETTO Responsabile scientifico Andrea Gilardoni Direttore del progetto Alessandro Marangoni Analisti Alfonso Ardolino Christian Brambilla 3

4 SINTESI DEI RISULTATI Obiettivo dello studio è delineare in breve le dinamiche industriali delle local utilities italiane quotate in Borsa alla luce dei dati economico-finanziari dell esercizio 2003, individuando le tendenze strategiche in atto e le opportunità di crescita future. Pur considerando del fatto che la situazione delle nove aziende possa variare in modo significativo, emergono alcune indicazioni di carattere generale, in sintesi: l elevato, e crescente, peso delle imprese quotate rispetto all intero settore dei servizi pubblici locali, non solo per dimensione ma anche per efficienza e redditività; il deciso miglioramento in termini di redditività, efficienza e liquidità, cui consegue un certo ottimismo nella realizzazione dei futuri piani di sviluppo, anche ricorrendo a politiche di leva finanziaria finora molto contenuta; il rilancio dei core-business, attuato sia mediante crescita interna (riorganizzazione aziendale, investimenti tecnologici, miglioramenti nei margini e nella produttività), che attraverso linee esterne (accordi, joint-venture e consorzi, così come acquisizioni di piccoli e medi gestori locali e di reti distributive); il rafforzamento in ciascuno dei comparti analizzati, con una logica mirata per la singola impresa e con il progressivo emergere di leader di settore oltre che territoriali. Si confermano, comunque, preponderanti i comparti energetici, ove paiono emergere alcune energy company leader; la precisa volontà di presidiare le fasi a monte e a valle nella filiera del gas e dell elettricità in vista di una liberalizzazione più spinta, migliorando condizioni di approvvigionamento e conquistando ulteriori anelli nella catena del valore. Dopo gli anni della diversificazione e della multiutility, le local utilities quotate appaiono, quindi, decise nel ritenere che la vera fonte del valore stia nei business storici. Come emerge dai risultati di seguito illustrati, non solo vi sono evidenti opportunità di crescita, ma queste appaiono sostenibili alla luce dei più recenti risultati operativi, della solidità patrimoniale e dalla capacità di generare cassa. Tutto ciò nonostante la storia delle local utilities a Piazza Affari sia relativamente re- 4

5 cente. Il primo ingresso risale infatti all ottobre del 1996 con Amga Genova. Da allora altre otto società si sono aperte al mercato e tale processo è stato chiaramente spinto dalla liberalizzazione dei settori di attività, primo fra tutti quello energetico. E stato, dunque positivo tale processo? Quali effetti ha avuto sul percorso di modernizzazione dell intero sistema? Il modello della proprietà condivisa tra Ente Locale e investitori rappresenta una soluzione interessante nella gestione di servizi essenziali per l economia e il territorio locale. Esso mira ad un equilibrio virtuoso tra soggetti portatori di interessi differenti: crescita economica, spinta all efficienza dal mercato (visione di breve periodo); attenzione ad aspetti socio-ambientali dal lato pubblico (visione di lungo periodo). In questo modo si evitano gestioni dalle caratteristiche distorsive, quali il controllo a fini politico-partitici o la profittabilità di breve periodo senza un preciso disegno strategico di fondo. In tale direzione si inseriscono le solide performance economiche e finanziarie di queste società, in particolare quelle dell ultimo anno, realizzate grazie ad un equilibrio, per definizione difficile ed instabile, tra gli obiettivi economico-finanziari imposti dal mercato, e le esigenze di interesse collettivo proprie dei servizi di pubblica utilità. Milano, 23 aprile

6 LE UTILITIES ITALIANE QUOTATE IN BORSA Al 31 dicembre 2003, con una capitalizzazione totale di mercato di 7,7 Md di euro, le nove local utilities quotate rappresentano l 1,6% della capitalizzazione totale di Borsa italiana. Rispetto al valore di Borsa delle nove società, la sola Aem Milano pesa il 34,4%, seguita da Asm Brescia, Acea, Hera e Aem Torino, che vanno dal 16,7% al 10,6%. Le ultime quattro si posizionano intorno al 3,5%, ad eccezione di Acsm che ha poco meno dell 1%. Grazie alla quotazione, sono stati collocati titoli per 3,275 Md di euro, di cui 665 Ml sono confluiti nelle casse dei società per sostenere programmi di sviluppo mentre il restante è stato incassato dai Comuni (1). Il livello del flottante si attesta, però, al 35,5% del capitale contro una media europea del 47% circa. Fig. 1 Contributo alla capitalizzazione totale delle Local Utilities Asm 16,7% Hera 12,8% Meta 3,6% Acea 14,2% Acegas-Aps 3,7% Acsm 0,8% Amga 3,2% Aem To 10,6% Fonte: Borsa Italiana S.p.A Aem Mi 34,4% Riguardo al mercato azionario di riferimento, quattro aziende si inseriscono nel segmento Blue Chips (capitalizzazione superiore a 800 Ml di euro), altre quattro nel segmento Ordinario ed una, Amga Genova, nel segmento Star. Delle nove società attualmente quotate, due di queste hanno fatto il loro ingresso durante il 2003, ovvero Meta Modena (28 marzo) ed Hera Bologna (26 giugno). Le motivazioni principali alla base della scelta di quotarsi sono riassumibili nei seguenti punti: mantenimento della proprietà delle reti di distribuzione, secondo quanto previsto (1) Il dato comprende anche l aumento di capitale di Aem Torino (luglio 2003). 6

7 dall art. 35 della Legge Finanziaria 2002; nuove risorse e maggior flessibilità nel finanziare progetti di sviluppo, in presenza di vincoli di finanza locale e di esigenze degli enti proprietari di fare cassa; conferire liquidabilità all investimento di operatori finanziari e istituzionali; apportare maggior managerialità alla gestione aziendale, incentivando i manager e attraendo le migliori professionalità sul mercato attraverso più chiara visibilità, anche internazionale; consentire l ingresso nell azionariato a dipendenti, cittadini ed operatori economici locali interessati a contribuire con le proprie competenze alla crescita aziendale. Un primo, evidente, elemento caratterizzante le local utilities quotate, è il significativo peso che ricoprono all interno del sistema dei servizi pubblici locali italiano. Fig. 2 Il peso delle local utilities quotate sul settore SPL (Confservizi anno 2002) (1) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 60% Ml di 48% 596 Ml di 75% 40% 52% Ml di 643 Ml di 25% Fatturato Reddito operativo Addetti Local Utilities quotate" Altre local utilities (1) dai dati sono stati esclusi i TPL, le Farmacie e Casa Fonte: elaborazione Agici su dati Confservizi Dal confronto tra i dati generali delle società in esame e quelli delle aziende appartenenti a Confservizi -9 su più di 450 società di capitali- (Figura 2), nel 2002, risulta che, a fronte di un fatturato complessivo di Ml di euro, il volume d affari delle aziende quotate si è attestato a Ml di euro, che in termini percentuali significa il 40%. I valori riferiti al reddito operativo (52%) e agli addetti (25%) sono ancor più e- 7

8 spressivi perché non solo mostrano il forte peso relativo, ma sono altresì sinonimo di maggior efficienza e redditività delle società di Piazza Affari. E probabile che nel corso del 2003 tale incidenza, già rilevante nel 2002, si sia ulteriormente incrementata (2). All interno del gruppo delle aziende quotate esistono, poi, numerose differenze. Prendendo come riferimento il volume d affari e il capitale investito netto si ottengono tre raggruppamenti (Figura 3): le Grandi imprese, Acea Roma, Aem Milano e Hera Bologna (le prime tre local utilities italiane); il Gruppo delle Medie, Asm Brescia e Aem Torino; il Gruppo Piccole, Acegas-Aps, Amga Genova, Meta Modena e Acsm Como. Fig. 3 Raggruppamenti Local Utilities quotate - volume di attività (anno 2003) Aem Mi Acea Aem To Asm Hera Amga 500 Acsm Meta Acegas-Aps 0 Capitale investito netto Volume d'affari Fonte: elaborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro Se l origine di questa differenza era da imputare alle dimensioni delle città di riferimento, oggi sempre più il dato dipende da altri fattori, ossia: la crescita dei processi aggregativi (ad esempio, la costrizione del gruppo Hera e la recente fusione di Acegas-Aps); l acquisizione di nuovi ambiti competitivi (ad esempio, gestioni idriche tirreniche di Acea Roma); i forti investimenti industriali nei core business (ad esempio, acquisizione delle reti Enel, delle Gen.Co., ripotenziamento di termovalorizzatori e centrali a turbogas). (2) Il confronto per il 2003 non è possibile poiché non sono ancora disponibili i dati aggregati del 2003 di Conservizi. 8

9 L andamento in Borsa (anno 2003) Il mercato azionario italiano a fine 2003 chiude con una performance positiva, con l indice Mibtel posizionato a quota , con un +13,9% dall inizio dell anno. Un risultato migliore rispetto a quello del 2002 (-23,5%) specialmente se si considera che l anno appena concluso è stato caratterizzato da avvenimenti quali la guerra in Iraq, i timori legati al terrorismo e la crisi di alcuni gruppi industriali italiani. Fig. 4 Andamento in Borsa Local Utilities (anno 2003) 35% 32,4% 30% 27,8% 29,0% 25% 20% 19,7% 22,2% 15% 13,0% 13,9% 13,7% 13,3% 10% 5% 0% -5% -0,3% Ipu Mibtel Acea Acegas Acsm Aem Mi Aem to Amga Asm Hera Meta -4,1% -10% Fonte: Borsa Italiana S.p.A. Anche le utilities locali hanno risentito di tale situazione, evidenziando forti cali nei primi tre mesi del 2003 (ad esempio, Acea -23,7% e Acegas -13,7%). Dopo questo periodo negativo, gli indici di sei delle nove aziende quotate hanno decisamente invertito il trend, chiudendo con un risultato medio sostanzialmente superiore sia all'indice Mibtel (+13,9%) che allo specifico indice di comparto Ipu, l Italian Public Utilities Index (+13,0%). Fanno eccezione Asm, Hera e Meta. Un risultato complessivo che permette di recuperare le forti perdite del 2002, sebbene per alcune aziende i prezzi siano ancora 9

10 lontani da quelli di collocamento (Acsm 1,63 contro 1,94 Ipo e Acegas-Aps 5,14 contro i 10,5 Ipo). Come si può vedere dalla Figura 4, solo le matricole Hera e Meta hanno segnato performance negative, comunque di entità contenute (-0,3% e 4,1%). Il titolo di Hera ha scontato più di altri lo scarso interesse per i titoli utilities mostrato dalla comunità finanziaria nella seconda parte dell esercizio 2003, mentre quello dell azienda emiliana ha subito i limiti di un flottante contenuto e di una ridotta copertura del titolo da parte degli analisti. La modeste performance di Asm risentono, invece, del calo delle quotazioni del periodo estivo (Luglio-Agosto) oltre che di un limitato flottante. Come si vedrà di seguito, il buon risultato delle altre sei aziende è invece collegabile ai risultati economico-finanziari ampiamente positivi, comunicati nel corso delle seconde e terze trimestrali, ed ai processi di crescita industriale (esterna ed interna) nei tradizionali business societari. 10

11 I RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI L apertura del mercato alla concorrenza ha generato, negli ultimi anni, una serie di minacce ed opportunità per gli operatori del settore. Le ex-municipalizzate hanno così dovuto avviare un processo di radicale cambiamento, pena l esclusione dal mercato. Focalizzando l attenzione sulle local utilities quotate in Borsa, le più attive in questa fase di discontinuità, si può osservare una generale validità delle scelte strategiche poste in essere negli ultimi anni. La più precisa definizione delle competenze e delle responsabilità della aziende pubbliche locali e la loro separazione da quelle degli enti locali ha consentito, infatti, lo sviluppo di un management più attento ai risultati operativi ed economici e meno soggetto ad interferenze in campo gestionale. Questo processo di cambiamento si è tradotto in un significativo miglioramento dei risultati economico-finanziari dell intero settore, e in particolare di quelle imprese che hanno saputo affrontare in modo più dinamico il mutato contesto ambientale, giungendo anche alla quotazione in Borsa. Questa tendenza è ancora più evidente se si fa riferimento ai dati dell ultimo biennio, dove i recenti processi di riorganizzazione aziendale e rifocalizzazione sul corebusiness hanno cominciato a mostrare tutta la propria validità industriale e reddituale. Tab. 1 I risultati economici aggregati delle local utilities quotate ( ) VOCI 2003 % 2002 % Variaz. VALORE DELLA PRODUZIONE 7.148,9 100% 5.768,8 100% 23,9% VALORE AGGIUNTO 2.522,4 35% 2.125,2 37% 18,7% MOL 1.629,1 23% 1.295,7 22% 25,7% RISULTATO OPERATIVO 834,4 12% 643,1 11% 29,7% UTILE ANTE IMPOSTE 939,9 13% 291,4 5% 222,5% UTILE NETTO 609,6 9% 172,1 3% 254,2% Fonte: elaborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro Dai dati del biennio si nota un generale miglioramento dei conti economici ai diversi livelli. Le scelte strategiche poste in essere fanno ipotizzare che il livello raggiunto dal MOL possa essere sostenuto anche nei prossimi anni. Considerazioni parti- 11

12 colari richiedono, invece, le voci dal Risultato Operativo in giù, in quanto condizionate da eventi difficilmente ripetibili. Si nota, innanzitutto, un considerevole aumento del Valore della Produzione nel biennio (+23,9%); di questo incremento il 4% circa è dovuto all operazione di incorporazione di Aps in Acegas. Fig. 5 Valore della Produzione ,9% 7.148, , Fonte: eleborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro L incremento del Valore della Produzione è dovuto, in particolare, ad: 1. un aumento delle quantità vendute nei settori energetici, grazie a nuovi clienti idonei (ad esempio, Aem To è passata dai 784 GWh del 2002 ai GWh del 2003 nel mercato libero) ed alla crescita delle attività di trading ed in quello idrico, conseguente alla piena operatività di alcuni ambiti territoriali (ad esempio, Ato 2 Acea); 2. l acquisto, da parte di alcune società, dei rami d azienda di Enel relativi alla distribuzione locale di energia elettrica (Aem Milano, Asm Brescia, Acegas-Aps); 3. alcune acquisizioni, per esempio, nella distribuzione e nella vendita di gas, di importanti gestori locali (ad esempio, Asm clienti e Km di rete gas ). 4. un incremento dei prezzi imputabile al passaggio da tassa a tariffa nel settore ambientale, dalla revisione delle tariffe idriche degli Ato (progressiva copertura integrale dei costi d esercizio e d investimento) ed al maggior costo delle materie prime, ribaltato nelle tariffe, nell energia. 12

13 La crescita del giro d affari è sintomatica di chiare scelte strategiche poste in essere negli ultimi anni. Dal Rapporto 2004 dell Osservatorio sulle alleanze e aggregazioni delle Local Utilities italiane curato da AGICI (3) emerge innanzitutto un generale rafforzamento dimensionale di queste aziende ottenuto, oltre che da un aumento della domanda in tutti i comparti considerati attraverso strategie di crescita esterna, per mezzo di accordi ed aggregazioni, o di acquisizioni. La spinta alla crescita dimensionale deriva dalla consapevolezza di dover recuperare margini di redditività, sia per affrontare la maggiore concorrenza e offrire un servizio migliore ai clienti, sia per garantire un adeguata remunerazione agli azionisti. I drivers principali di questo processo di aggregazione sono perciò: la ricerca di economie di scala; il rafforzamento del potere contrattuale, in particolare nei confronti dei fornitori di materie prime come gas o energia elettrica. I vantaggi dovrebbero emergere principalmente a livello di Valore Aggiunto e di Margine Operativo Lordo dove, per il 2003, si è registrata una crescita rispettivamente del 18,7% e del 25,7%.. Fig. 6 Valore aggiunto ,2 +18,7% 2.522, Fonte: elaborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro (3) Si veda: Alleanze e strategie delle utilities: dalla dimensione locale a quella europea, Agici Finanza d Impresa, Pubblicazione riservata, 13

14 Il Valore Aggiunto, però, è cresciuto meno del Valore della Produzione (+23,9%), sorretto solo in parte da attività con margini maggiori, quali lo smaltimento dei rifiuti (termovalorizzazione), che non ha richiesto un aumento degli occupati. La generazione di energia da termovalorizzazione si dimostra, infatti, un attività molto redditizia, in particolare per i contributi alle fonti rinnovabili e assimilate (CIP6). Sul Valore Aggiunto hanno pesato soprattutto i costi delle materie prime, che hanno fatto lievitare i costi esterni del 27%, a causa di due fattori principali: la crescita delle quantità acquistate e l aumento dei prezzi sui mercati internazionali. La scelta strategica della crescita non ha, quindi, ancora mostrato tutti i suoi benefici. Una decisione, questa, attuata non solo con integrazioni orizzontali, ma anche attraverso l ingresso nelle fasi a monte delle filiere (in particolare dell energia). Aziende storicamente presenti nelle fasi di distribuzione e vendita, hanno posto in essere strategie di integrazione a monte, legate a differenti necessità: nel settore elettrico le utilities hanno l esigenza di rendere più sicuro l approvvigionamento e l opportunità di lucrare i margini della fase di produzione; nel comparto gas vi è soprattutto la necessità di stipulare contratti di fornitura a prezzi più bassi. In questa direzione si sono mosse tutte le società analizzate attraverso: la costituzione di consorzi d acquisto nelle filiere del gas e dell Energia elettrica; l aumento della capacità di generazione mediante: la partecipazione all acquisizione delle tre Gen.co. cedute da ENEL ; il repowering di vecchie centrali già possedute; la realizzazione di nuove centrali a ciclo combinato; forti investimenti nella realizzazione di impianti di termovalorizzazione. A livello di Margine Operativo Lordo, invece, si osservano degli ottimi risultati. L aumento del 25,7% si può spiegare nell ottimizzazione nell utilizzo delle risorse, in molti casi, attraverso politiche di razionalizzazione del personale e di processi di rior- 14

15 ganizzazione aziendale. Il 2003 fa registrare, infatti, un incremento del costo del personale del 7,7%, posizionandosi ad un livello di 893,3 Ml di euro. L incremento è piuttosto basso se si considera che queste società sono cresciute per vie esterne. Fig. 7 Margine Operativo Lordo ,7% 1.629, , Fonte: elaborazioni Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro Dall analisi per società possiamo vedere il contributo di ciascuna alla formazione del valore aggiunto e del MOL. Escludendo Acegas-Aps, per quanto riguarda il Valore Aggiunto fanno meglio della media (+18,7%) Aem Milano e Asm Brescia, a cui si aggiunge Hera guardando al MOL medio (+25,7% ). Fig. 8 Confronto della crescita del valore aggiunto e del MOL tra le singole società 40,0% 37,0% 35,0% 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 32,2% 28,5% 26,4% MOL (media):+25,7% 22,0% 23,1% 23,4% 22,0% V.A. (media): +18,7% 14,0% 13,2% 14,7% 16,3% 10,0% 5,0% 6,7% 2,4% 7,7% 5,9% 0,0% Acea Aem MI Hera Asm Aem TO AMGA Meta Acsm Fonte: eleborazione Agici su bilanci societari valore aggiunto MOL 15

16 Se si guarda ai bilanci pro-forma, Acegas-Aps ha fatto registrare nel biennio una crescita del Valore Aggiunto del 17,8% e un incremento del MOL pari al 29,9%. Se per il 2002, invece, si tenesse conto del bilancio Acegas, e non del proforma, la crescita del Valore Aggiunto e del MOL per il 2003 risulterebbe rispettivamente del +122% e del +149,7%. Spostandosi verso la bottom line del conto economico, gli incrementi percentuali ottenuti dalle imprese si fanno sempre più evidenti. Il risultato operativo segna un +29,7%, l utile ante imposte un +222,5% e l utile netto un +254,2%, passando dai 172,1 Ml di euro del 2002 ai 609,6 Ml del L incremento del Risultato Operativo del 29,7% evidenzia la validità degli investimenti realizzati negli anni precedenti. Il buon risultato raggiunto dimostra come le politiche di rilancio del core-business siano state piuttosto redditizie. Fig. 9 I risultati economici finali aggregati , ,7% 834, ,1 +222,5% +254,2% 609, , , Risultato Operativo Utile Ante Imposte Utile Netto Fonte: eleborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro L Utile Ante Imposte e l Utile Netto mostrano una crescita notevole (rispettivamente +222,5% e +254,2%). Questi valori sono però determinati, oltre che da una generale 16

17 diminuzione degli oneri finanziari, da due operazioni straordinarie di forte rilevanza: nel 2003, la plusvalenza derivante dalla cessione da parte di Aem della partecipazione in Fastweb (277,2 Ml di euro) con il contestuale acquisto della totalità del capitale di Metroweb (37,2 Ml di euro); nel 2002, il write-off da parte di Acea del valore della partecipazione in Atlanet, a seguito della decisione di uscire completamente dalle telecomunicazioni, con una svalutazione di 47 Ml di euro e un accantonamento al Fondo Rischi ed Oneri di 180 Ml di euro. L analisi dei principali indicatori Redditività ed efficienza Il confronto dei principali indicatori di redditività ed efficienza mostra un sostanziale miglioramento nell economicità delle nove aziende quotate (Tabella 2). Il dato che esprime meglio quest andamento è la variazione della redditività del capitale investito, in quanto il Roe del biennio (+217,3%) è fortemente influenzato dalle operazioni straordinarie Atlanet e Fastweb. Il Roi passa dal 7,1% del 2002 al 8,0% del 2003 (+13,5%), evidenziando un trend positivo nel ritorno dell attività caratteristica. Viene così premiata la decisione di rifocalizzare gli sforzi aziendali sui core-business attraverso il presidio diretto dell intera filiera e di nuove aree territoriali. Tab. 2 Indicatori di redditività ed efficienza ( ) INDICATORI Variaz. ROE 9,5% 3,0% +217,3% ROI 8,0% 7,1% +13,5% RO/FATTURATO 12,5% 11,9% +4,7% ROTAZIONE CIN 0,64 0,59 +8,4% RO/DIPENDENTI (1) 4,6 3,4 +38,4% (1) Dati Amga Genova non disponibili Fonte: elaborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro 17

18 Il miglioramento è principalmente riferibile a due fattori: crescita delle redditività delle vendite (Roi/fatturato) +4,7%, ottenuta per mezzo di un contenimento nei costi di produzione (ad esempio, lavoro ed alcuni costi esterni) e dell acquisizione del margine relativo alla fase di produzione dell energia ed alla termovalorizzazione dei rifiuti; aumento dell efficienza interna (Rotazione Cin) +8,4, conseguita attraverso una gestione oculata degli investimenti in attività fisse effettivamente capaci di generare alti volumi di liquidità (Free Cash Flow operativo +67,2%). Solidità, liquidità e struttura finanziaria Dall esame dei principali indicatori di solidità, liquidità e struttura finanziarie delle local utilities di Piazza Affari emerge ancora un elevato grado di patrimonializzazione (indice di copertura immobilizzazioni 0,56 nel 2003) con un rapporto debt/equity piuttosto basso (0,62 nel 2003). Questi due fattori, se da un lato garantiscono una buona solidità, dall altro mostrano come sia tuttora poco sfruttato il potenziale di crescita collegato all utilizzo dei mezzi finanziari di terzi. Tab. 3 Indicatori di solidità, liquidità e struttura finanziaria ( ) INDICATORI Variaz. COPERT. IMMOBILIZZAZ. 0,56 0,57-2,2% LIQUIDITA PRIMARIA 0,83 0,82 +0,9% PFN ,4% FCF OPERATIVO (1) ,2% INVESTIMENTI NETTI (1) ,8% CIN ,3% DEBT/EQUITY 0,62 0,58 +6,9% (1) Dati Amga Genova non disponibili Fonte: elaborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro Motivo per cui nell ultimo anno le società hanno aumentato il peso dell esposizione finanziaria netta (crescita del 19,4%) ricorrendo a diversi strumenti di indebitamento 18

19 come l emissione di prestiti obbligazionari (Aem Milano, valore nominale di 500 Ml di euro), l accensione di debiti verso istituti creditizi (Asm Brescia, valore a breve +330 Ml di euro nel 2003 rispetto al 2002) o il project finance (Hera, valore complessivo di 48 Ml di euro). Un ulteriore dato interessante emerge dall analisi del Free Cash Flow operativo, passato da 673,8 Ml di euro (2002) a 1.126,5 Ml di euro (2003) in relazione al volume degli investimenti effettuati nel biennio, passati da 2.229,1 Ml di euro (2002) a Ml di euro (2003). Da ciò emergono chiaramente due considerazioni: la crescita delle risorse prodotte dalla gestione caratteristica dopo un periodo di e- levati investimenti come il Escludendo l operazione Acegas-Aps e l acquisizione del 40% di Agea da parte di Hera, il 2003 è da considerarsi come un anno di crescita industriale ordinaria ; la possibilità di utilizzare queste risorse, proprio perché derivanti dall attività tipica, in ulteriori operazioni di crescita sia interna (ad esempio, repowering o costruzione di nuove centrali, investimenti nella struttura commerciale) che esterna (ad esempio, partecipazioni a consorzi, costituzione di nuove aggregazioni o acquisizioni strategiche). E infine da rilevare il valore sotto l unità dell indice di liquidità primaria (0,83 nel 2003 e 0,82 nel 2002). Due possono essere ritenute le cause di questo andamento: il momento di forte espansione dell attività industriale registrato nel biennio; l assorbimento di ingenti disponibilità liquide da parte delle infelici esperienze, del recente passato, legate alle telecomunicazioni. 19

20 LE TENDENZE STRATEGICHE IN ATTO Dall analisi dei bilanci delle società quotate e dalle dichiarazioni del management appaiono chiare le tendenze in atto. Dopo l euforia della net-economy, tutte le società continuano a puntare sulla crescita dimensionale, ma focalizzandosi sul rilancio del core-business, più funzionale all incremento di efficienza imposto dallo scenario di liberalizzazione. Schematizzando, le tendenze strategiche del 2003 sono state: la conferma della necessità di crescere in termini dimensionali (ad esempio, jointventure con partner di rilievo nel settore elettrico); il rilancio del core-business; la riorganizzazione finalizzata a recuperi di efficienza (in particolare quella del personale); l integrazione a monte e a valle della filiera (ad esempio, nuove centrali a ciclo combinato e reti Enel). Le prime due strategie sono visibili nell evoluzione dei fatturati per singoli comparti. Il peso del settore energetico sul totale si rafforza ancora, passando dal 67,6% del 2002 al 69,8% del Ciò non significa che gli altri comparti non crescano. Variazioni positive segnano l idrico (+18,6%) e l igiene ambientale (+8,7%). Considerazioni particolari meritano il calore e le altre attività. Nel complesso, quindi, le nove utilities quotate possono essere definite energy company, visti anche i maggiori tassi di crescita registrati nel gas (+29,6%) e nell energia elettrica (+27,2%). Ciò conferma la maggiore redditività del business energetico rispetto agli altri comparti. Le strategie applicate nel gas e nell elettricità sono simili: nelle fasi di distribuzione e vendita si è cercato di crescere attraverso acquisizioni; nelle fasi a monte, invece, si è cercato di ottenere migliori costi di approvvigiona- 20

21 mento attraverso integrazioni verticali. Nel gas, attraverso la costituzione di consorzi di acquisto mirati ad aumentare il potere contrattuale sui mercati internazionali ed evitare di avere solo Snam come controparte. Nell energia elettrica, aumentando la propria capacità di generazione, puntando soprattutto sugli impianti a ciclo combinato e anche sui termovalorizzatori (il cui utilizzo, allo stato, sta facendo della fase di smaltimento dei rifiuti un business piuttosto redditizio). Tab. 4 Andamento del fatturato e peso relativo singolo comparto ( ) BUSINESS % Fatturato Variaz Fatturato Variaz Gas 29,6% 28,4% 4,4% 1.987, ,7 29,6% Teleriscaldamento 3,2% 3,5% -8,8% 215,3 190,2 13,2% Energia Elettrica (1) 40,2% 39,2% 2,4% 2.695, ,5 27,2% Idrico 11,3% 11,8% -4,4% 756,0 637,4 18,6% Igiene Ambientale 7,7% 8,8% -12,4% 516,0 474,6 8,7% Altro 8,0% 8,3% -3,5% 537,3 448,6 19,8% Totale 100,0% 100,0% 6.707, ,0 24,1% (1) ll business Energia Elettrica include i ricavi della vendita di energia da impianti di termovalorizzazione Fonte: elaborazione Agici su bilanci societari, dati in Ml di euro La crescita parallela di questi due comparti dimostra: da un lato, la possibilità di ottenere forti sinergie: si pensi, ad esempio, che le nuove centrali di produzione elettrica a ciclo combinato necessitano di grossi quantitativi di gas naturale. Aumentando le quantità acquistate, queste società riescono a rivendere il gas a prezzi più bassi ed anche a produrre elettricità a costi minori. È questo un passaggio fondamentale per competere nel nuovo contesto, in particolare nel trading; dall altro, vi è la possibilità per le utilities di attuare strategie dual-fuel, attraverso le quali realizzare anche politiche di retention. Hera, ad esempio, propone condizioni favorevoli nella fornitura di elettricità ai propri clienti gas al fine di difendere la propria quota di mercato. 21

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli