Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag."

Transcript

1 Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott. Andrea Grandi Dott. Luca Ascari Indice 1. Introduzione pag I contribuenti minimi pag Il forfettino pag Calcoli di convenienza tra i diversi regimi fiscali pag. 17

2 Introduzione Forfettini, Forfettoni, minimi, marginali.negli ultimi due anni abbiamo assistito alla nascita ed alla soppressione di diversi regimi contabili, non senza una certa incertezza di interpretazione o di applicazione, tanto da portare alcuni colleghi ad ignorare le novità e continuare con il regime contabile ordinario. Poiché spesso la nostra attività di aggiornamento e la nostra attenzione si concentrano sulle novità civili e fiscali che riguardano principalmente le società, all interno della Commissione di Studio abbiamo avvertito la necessità di dedicare un elaborato all approfondimento di questi regimi fiscali alternativi per imprenditori individuali e liberi professionisti. Questo breve elaborato vuole quindi essere una veloce ma dettagliata guida alle scelte possibili di determinazione del reddito che il nostro sistema fiscale permette: affrontiamo quindi in prima analisi il regime contabile diretto ai contribuenti minimi, disciplinato dai commi da 96 a 117 dell art 117 dell art 1 L. 24/12/2007 n. 244 e dal D.M. 02/01/2008, passando ad affrontare il regime delle nuove iniziative produttive (forfettino) introdotto dall art. 13 della L. 23/12/2000 n. 388, e concludendo poi con una schematica analisi di convenienza dei diversi regimi. Pagina 1

3 I contribuenti minimi Riferimenti normativi e prassi IL REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI Art. 1, commi da 96 a 117, L. 24/12/2007 n. 24 (Legge Finanziaria 2008) D.M. 02/01/2008 C.M. 21/12/2007, n.73/e C.M. 28/01/2008, n.7/e C.M. 26/02/2008, n, 13/E Il regime dei contribuenti minimi sostituisce i seguenti regimi che, per espressa previsione contenuta nel comma 116 L. 244/2007, sono soppressi a decorrere dal 01/01/2008: il regime dei contribuenti minimi in franchigia di cui all art. 32-bis D.P.R. 633/1972; il regime delle attività marginali di cui all art. 14 L.388/2000; il regime cosiddetto super semplificato di cui all art. 3, commi , L. 662/1996. Si ricorda, per completezza, che il regime forfettario riservato alle persone fisiche con volume d affari non superiore a ,14 è stato soppresso già a decorrere dal REQUISITI DI ACCESSO AL REGIME Per contribuenti minimi si intendono le PERSONE FISICHE residenti esercenti attività d impresa o arti e professioni, che: a) nell anno solare precedente: - hanno conseguito ricavi o compensi in misura non superiore a ,00, La C.M. n.73/e evidenzia che i ricavi rilevanti sono quelli di cui all art.57 e 85 del Tuir, mentre per i compensi si fa riferimento all art. 54 del Testo Unico delle Imposte sui redditi. Da sottolineare che il D.M. attuativo ha confermato la non rilevanza dei ricavi/compensi derivanti da adeguamento a studi di settore o parametri. Se si esercitano più attività o in caso di contemporaneo esercizio di attività d impresa e lavoro autonomo occorre sommare i ricavi/compensi di tutte le attività esercitate. - non hanno effettuato cessioni all esportazione; Le cessioni all esportazione che, se effettuate, precludono l accesso al regime, sono le operazioni di cui: all art. 8 D.P.R. 633/1972 all art. 8-bis D.P.R. 633/1972 (operazioni assimilate alle cessioni all esportazione) all art. 9 D.P.R. 633/1972 (servizi internazionali o connessi con gli scambi internazionali) all art. 71 D.P.R. 633/1972 (operazioni con lo Stato della Città del Vaticano o con la Repubblica di San Marino) art. 72 D.P.R. 633/1972 (trattati o accordi internazionali). Il riferimento all art. 8 D.P.R. 633/1972 fa si che siano ricomprese nell elenco di cui sopra anche le cessioni effettuate nei confronti di esportatori abituali ai sensi dell art. 8 c.1 lett. c) D.P.R. 633/1972. Le dichiarazioni d intento che verranno ricevute durante l applicazione del regime dei minimi dovranno essere restituite agli esportatori abituali comunicando loro che le operazioni verranno effettuate senza addebito di iva ai sensi dell art.1 comma 100 L.244/ non hanno sostenuto spese per dipendenti e/o collaboratori (borsisti, tirocinanti, collaboratori a progetto o coordinati e continuativi) anche se familiari, ad eccezione delle spese per prestazioni di natura occasionale; - non hanno erogato quote di utili ad associati in partecipazione con apporto di solo lavoro; b) nel triennio solare precedente non hanno acquistato beni strumentali, anche mediante contratti di appalto, locazione e leasing, per un importo complessivo superiore a ,00 al netto dell Iva indetraibile. Se l attività d impresa o di lavoro autonomo è iniziata da meno di 3 anni il limite suddetto non deve essere ragguagliato. Pagina 2

4 I contribuenti minimi L accesso al regime non viene ostacolato da una dotazione di beni strumentali anche superiori al limite fissato dal comma 96, art. 1 L. 244/2007, se tali beni sono stati acquisiti antecedentemente al triennio di osservazione. Per verificare il rispetto del limite di ,00 occorre fare riferimento: per i beni mobili acquistati in proprietà all ammontare dell imponibile evidenziato in fattura. Non deve essere considerata l eventuale iva indetraibile; per i beni in leasing alla somma della quota capitale e della quota interessi (intero canone). Non assume alcuna rilevanza il costo sostenuto dal concedente; per i beni in locazione non finanziaria alla somma dei corrispettivi dei canoni fatturati o emergenti dalla documentazione equivalente. Occorre rilevare che i canoni di locazione dei beni immobili strumentali, compresi quelli corrisposti a privati, devono essere conteggiati ai fini della verifica del superamento del limite di acquisto di beni strumentali. Al contrario, i beni utilizzati in comodato d uso non devono essere considerati in quanto per gli stessi non è dovuto alcun corrispettivo; La circolare 73/E/2007 precisa che i beni ad utilizzo promiscuo vanno considerati in misura pari al 50% dei corrispettivi, a prescindere dalle percentuali di deducibilità stabilite dal Tuir. Inoltre, nella circolare 7/E/2008 si afferma che si presume un uso promiscuo anche per i veicoli a motore a deducibilità limitata e per i telefoni cellulari; ad esempio, questo significa che le autovetture degli agenti di commercio, i telefoni cellulari o le auto dei professionisti vanno considerati in misura pari al 50% dei corrispettivi indicati in fattura e al netto dell iva indetraibile. Non si deve tener conto, per i veicoli a motore, del costo fiscalmente rilevante. Infine, la circolare 13/E/2008 stabilisce che nel caso di ottenimento di un contributo in conto impianti per l acquisto di un bene strumentale, l importo del contributo non può essere portato a diminuzione del corrispettivo sostenuto. I contribuenti che iniziano un impresa o un arte e professione possono immediatamente adottare il regime agevolato con la denuncia di inizio attività (richiesta di partita iva ex art. 35 D.P.R. 633/1972) se prevedono di rispettare le condizioni di legge e ragguagliando ad anno intero il limite di ,00 in caso di inizio di attività in corso d anno. Ai fini della corretta individuazione del regime applicabile occorre, comunque, fare riferimento al comportamento concludente del contribuente; nel caso di presentazione del modello di inizio attività senza aver barrato la relativa casella, è possibile rettificare lo stesso presso l Ufficio nei trenta giorni successivi alla data di apertura della partita iva. La circolare 73/E/2007, relativamente ai contribuenti già titolare di partita iva, precisa che il regime dei minimi rappresenta il regime naturale per i soggetti in possesso dei requisiti richiesti dalla legge i quali possono automaticamente iniziare ad operare applicando le disposizioni proprie del regime, senza dover fare comunicazioni di alcun tipo. Sono in ogni caso esclusi dal regime in oggetto, ai sensi del comma 99 dell art.1 L.244/2008: - le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini iva; Ai sensi dell art. 3 del D.M. 02/01/2008 e di quanto affermato dall amministrazione finanziaria nella circolare 73/E/2007 non sono considerati contribuenti minimi i soggetti che si avvalgono delle seguenti disposizioni: * agricoltura e attività connesse e pesca (artt. 34 e 34-bis D.P.R. 633/1972) * vendita Sali e tabacchi (art. 74, primo comma D.P.R. 633/1972) * commercio di fiammiferi (art. 74, primo comma D.P.R. 633/1972) * editoria (art. 74, primo comma D.P.R. 633/1972) * gestione di servizi di telefonia pubblica (art. 74, primo comma D.P.R. 633/1972) * rivendita di documenti di trasporto pubblico e di sosta (art. 74, primo comma D.P.R. 633/1972) * intrattenimenti, giochi e altre attività di cui alla tariffa allegata al D.P.R. 640/1972 (art. 74, sesto comma D.P.R. 633/1972) * agenzie di viaggi e turismo (art. 74-ter D.P.R. 633/1972) * agriturismo (art. 5 comma 2 L.413/1991) * vendite a domicilio (art. 25-bis, comma 6, D.P.R. 633/1972) * rivendita di beni usati, di oggetti d arte, d antiquariato o da collezione (art. 36 D.L. 41/1995) * agenzie di vendita all asta di oggetti d arte, antiquariato o da collezione (art. 40-bis D.L. 41/1995) - i soggetti non residenti; - i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni immobili ex art. 10 n.8) D.P.R. 633/1972 e di mezzi di trasporto nuovi ai sensi dell art. 53, comma 1 del D.L. 331/1993.; - gli esercenti attività d impresa o arti e professioni in forma individuale che contemporaneamente partecipano a società di persone o associazioni professionali di cui all art. 5 del D.P.R. 917/1986 ovvero a S.r.l. trasparenti ai sensi dell art. 116 del D.P.R. 917/1986. Pagina 3

5 I contribuenti minimi SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI DISPOSIZIONI RELATIVE ALL IVA La disciplina in materia prevede un regime di forte semplificazione degli obblighi ai fini iva. Infatti, ai sensi del comma 100 dell art. 1 L.244/2007, i contribuenti minimi: non addebitano l Iva a titolo di rivalsa; I contribuenti che entrano nel regime dei minimi che, per errore, emettono fattura con addebito di iva possono emettere una nota di variazione ai sensi dell art.26 D.P.R. 633/1972. Inoltre, le fatture emesse dai contribuenti minimi devono essere assoggettate ad imposta di bollo se di importo superiore ad.77,47. non hanno diritto alla detrazione dell Iva assolta sugli acquisti, anche intracomunitari, e sulle importazioni; Se, oltre all emissione di fatture con addebito di iva, il contribuente esercita il diritto alla detrazione e procede con la liquidazione dell imposta, il comportamento risulta essere espressione inequivocabile dell opzione per il regime ordinario. sono tenuti alla rettifica della detrazione ex art. 19-bis 2 D.P.R. 633/1972 con riferimento a tutti i beni e servizi non ancora ceduti o non ancora utilizzati al momento del passaggio dal regime ordinario a quello in oggetto. Essa interessa quindi: le rimanenze di magazzino esistenti al termine dell ultimo periodo d imposta antecedente il passaggio di regime; i servizi non ancora utilizzati alla stessa data (es. canoni di leasing fatturati in costanza di periodo ordinario ma riferiti all anno successivo); Con riferimento alle rimanenze finali ed ai servizi non ancora utilizzati, deve essere rettificato l intero importo dell iva a credito a suo tempo detratta. i beni ammortizzabili per i quali alla data di chiusura dell ultimo periodo antecedente il cambio di regime non è ancora scaduto il periodo di tutela fiscale. Infatti, La rettifica della detrazione relativa ai beni ammortizzabili, anche immateriali, deve essere eseguita solo se non sono trascorsi quattro anni dalla loro entrata in funzione (dieci anni dalla data di acquisto o ultimazione per i fabbricati o porzione degli stessi). Inoltre, la rettifica della detrazione non si effettua nel caso di beni di costo unitario inferiore a. 516,46 o per quei beni ammortizzabili con coefficiente d ammortamento superiore al 25%. Per i beni strumentali (diversi dagli immobili) per i quali non è ancora scaduto il periodo di osservazione fiscale, la rettifica si effettua con riferimento a tanti quinti dell imposta quanti sono gli anni mancanti al compimento del periodo di tutela fiscale. Per i beni immobili la rettifica deve essere effettuata con riferimento a tanti decimi dell imposta quanti sono gli anni mancanti al compimento del decennio di osservazione fiscale. Il versamento dell iva è effettuato, ai sensi del comma 101 art.1, L. 244/2007, in un unica soluzione o in cinque rate annuali di pari importo e senza applicazione di interessi; la prima o unica rata è versata entro il termine per il versamento a saldo dell iva relativa all anno precedente a quello di applicazione del regime mentre le rate residue sono versate entro il termine per il versamento a saldo dell imposta sostitutiva dell Irpef di cui al comma 105. Il debito derivante dalla rettifica della detrazione può essere estinto anche mediante compensazione. Pagina 4

6 I contribuenti minimi Essi, inoltre, sono esonerati: dagli obblighi di liquidazione e versamento dell imposta; da tutti gli obblighi connessi di registrazione delle fatture emesse, dei corrispettivi e delle fatture ricevute, di tenuta e conservazione dei registri e documenti (fatta eccezione per le fatture di acquisto e le bollette doganali), di dichiarazione e comunicazione annuale. La tenuta dei registri iva non si considera un comportamento concludente e, anzi, potrebbe rivelarsi utile per monitorare i ricavi /compensi ai fini della verifica del superamento dei limiti imposti dalla legge per la permanenza nel regime. Gli unici adempimenti che resta obbligatorio assolvere sono: numerazione e conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali; certificazione dei corrispettivi (sulle fatture emesse si dovrà annotare che trattasi di operazione effettuata ai sensi dell art. 1, comma 100, della legge finanziaria per il 2008 ); Si precisa che. ai sensi del comma 116 dell art. 1 L. 244/2007 non sono considerate cessioni intracomunitarie le cessioni di beni effettuate a soggetti comunitari e, pertanto, sulla fattura emessa dal contribuente minimo si dovrà indicare che l operazione non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell art. 1, c.2-bis D.L. 331/1993, per le fatture emesse da contribuenti minimi per operazioni soggette al regime del reverse charge, l indicazione sulle stesse della norma sui minimi esonera l acquirente/committente dall obbligo di integrazione della fattura. integrazione della fattura con indicazione di aliquota e imposta da versare entro il giorno 16 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni nel caso di acquisti intracomunitari, di operazioni passive soggette al regime del reverse charge o altre operazioni per le quali i contribuenti minimi risultano essere debitori d imposta; presentazione elenchi Intrastat. DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE IMPOSTE SUI REDDITI Ai fini delle imposte sui redditi, fermo restando l obbligo di conservazione dei documenti ricevuti ed emessi, i contribuenti minimi sono esonerati dagli obblighi di: registrazione; tenuta delle scritture contabili. Il reddito d impresa o di lavoro autonomo viene determinato sulla base del principio di cassa e cioè in considerazione del momento di effettiva percezione del ricavo o compenso, nonché di effettivo sostenimento del costo o della spesa (Circolare 73/E/2007). Tale principio, che si applica generalmente per la determinazione dei redditi derivanti dall esercizio di arti e professioni, eccezionalmente, per i contribuenti minimi, trova applicazione anche nella determinazione del loro reddito d impresa. Sulla base del principio di cassa, pertanto, i componenti negativi e positivi partecipano alla formazione del reddito nel periodo d imposta in cui si verifica la relativa manifestazione finanziaria, anche se la competenza economica può fare riferimento ad altri periodi d imposta. Come affermato dalla circolare 7/E/2008 le disposizioni in materia di contribuenti minimi dettano alcune regole per la determinazione del reddito d impresa e di lavoro autonomo che derogano da quelle previste dal Tuir. Tale circostanza comporta che: - il costo di acquisto dei beni strumentali concorre alla formazione del reddito nel periodo d imposta in cui è avvenuto il pagamento e non per quote di ammortamento; Pagina 5

7 I contribuenti minimi Qualora, dopo l ingresso nel regime in oggetto, residuano quote di ammortamento non dedotte per beni ammortizzabili utilizzati nell esercizio dell attività d impresa, arte o professione, esse non possono essere dedotte durante il regime dei minimi ma solo dopo l uscita dal regime se, nel frattempo essi non sono stati ceduti. - le plusvalenze realizzate per la cessione di beni strumentali acquistati nel periodo di vigenza del regime saranno pari all intero corrispettivo di cessione e verranno tassate integralmente, senza possibilità di essere rateizzate; - non si deve procedere alla valutazione delle rimanenze finali di merci acquistate nel corso di applicazione del regime, in quanto il costo sostenuto per l acquisto delle stesse deve essere comunque imputato al periodo di imposta in cui avviene il relativo pagamento. La circolare 7/E precisa che le rimanenze finali dell anno antecedente l ingresso nel regime devono essere portare a decremento dei componenti positivi prodotti nel periodo di imposta in cui ha effetto l opzione. - i beni a deducibilità limitata (ad esempio autovetture e telefoni cellulari) sono beni ad uso promiscuo il cui costo rileva, in ogni caso, nella misura del 50 per cento del relativo corrispettivo. La stessa limitazione si applica anche ai canoni di leasing nell ipotesi in cui i menzionati beni siano ad uso promiscuo ed acquisiti mediante un contratto di leasing finanziario; - le spese di manutenzione e riparazione non sono soggette alla disciplina dell art.102, comma 6, del TUIR e sono deducibili nell esercizio di sostenimento per l intero importo effettivamente pagato; - ai fini dell imposta sul valore aggiunto le operazioni di destinazione al consumo personale o familiare di beni dell impresa che ordinariamente costituiscono operazioni rilevanti agli effetti del tributo qualora la relativa imposta assolta all atto dell acquisto sia stata detratta, nell ambito del regime dei minimi sono effettuate senza applicazione dell iva. Tuttavia, ai fini delle imposte dirette i ricavi e le plusvalenze relativi a beni destinati al consumo personale o familiare dell esercente impresa, arte o professione concorrono come componenti positive del reddito imponibile dei contribuenti minimi, anche se per tale destinazione non risultano percepiti ricavi o compensi (art. 4 D.M. 02/01/2008 che richiama le disposizioni di cui agli articoli 54, comma 1-bis, lett. c, 57 e 58, comma 3, del Tuir); - i componenti positivi e negativi relativi a periodi antecedenti l adozione del regime e rinviati in forza delle disposizioni del D.P.R. 917/1986 (plusvalenze rateizzate, manutenzioni e riparazioni eccedenti, ecc.) partecipano, per le quote residue, alla formazione del reddito dell anno precedente a quello di ingresso nel regime con le seguenti modalità: se la somma algebrica delle quote residue delle componenti attive e passive è maggiore di ,00, l eccedenza rispetto a tale limite deve concorrere alla formazione del reddito del medesimo periodo d imposta; se la somma algebrica è inferiore a ,00 essa non assume rilevanza per la determinazione del reddito se si tratta di componente positivo di reddito; se la somma algebrica è inferiore a ,00 essa viene portata integralmente in deduzione solo se rappresentativa di un componente negativo di reddito. La circolare 13/E/2008 sostiene la deducibilità dell iva versata a titolo di rettifica della detrazione ex art. 19-bis 2 D.P.R. 633/1972 in sede di determinazione del reddito del contribuente minimo in quanto essa può essere assimilata, quanto al suo trattamento ai fini delle imposte dirette, all imposta assolta dal contribuente minimo sugli acquisti che, in quanto non detraibile in costanza di regime, rappresenta un costo deducibile. I contributi previdenziali versati alla Gestione previdenziale di appartenenza (Gestione Inps artigiani/commercianti, Gestione separata Inps, Cassa previdenziale) vengono dedotti prioritariamente Pagina 6

8 I contribuenti minimi dal reddito d impresa o di lavoro autonomo nei limiti in cui trovano capienza in tali redditi; l eventuale eccedenza è deducibile dal reddito complessivo del contribuente (se esistono altri redditi dei quali egli risulta essere titolare). La deducibilità dei contributi previdenziali spetta anche con riferimento a quelli versati per conto dei collaboratori dell impresa familiare fiscalmente a carico o, se non fiscalmente a carico, se il titolare non ha esercitato il diritto di rivalsa nei loro confronti (comma 104, art. 1 L.244/2007). I contribuenti minimi che esercitano attività professionale sono tenuti, se previsto, all addebito in fattura del contributo integrativo (2%-4%) e al versamento dello stesso. Il reddito come sopra determinato viene tassato forfettariamente con un imposta sostitutiva dell Irpef e delle relative addizionali regionale e comunale pari al 20% e non concorre alla formazione del reddito complessivo del contribuente. Tuttavia, il reddito soggetto all imposta sostitutiva del 20% rileva, in aggiunta al reddito complessivo, ai fini del riconoscimento delle detrazione di cui all art.12 comma 2 del Tuir (detrazioni per carichi di famiglia) e per la determinazione dei contributi previdenziali ed assistenziali. Invece, tale reddito non viene considerato ai fini della attribuzione delle altre detrazioni previste dall art. 13 del Tuir. L imposta sostitutiva deve essere versata con modello F24 nei termini previsti per il saldo dell Irpef; la circolare 73/E/2007 conferma che tale versamento deve avvenire per via telematica. I soggetti che adottano il regime dei minimi sono tenuti al versamento degli acconti ma non possono utilizzare nell anno di accesso il metodo previsionale per la determinazione degli stessi. Essi calcoleranno gli acconti relativi all anno in cui avviene il passaggio di regime facendo riferimento all imposta dovuto ed evidenziata nella dichiarazione dei redditi relativa all anno precedente. Occorre sottolineare che, nel caso di impresa familiare, il soggetto tenuto al versamento dell imposta sostitutiva (calcolata sul reddito al lordo delle quote assegnate al coniuge/collaboratore) è il titolare e, pertanto, i collaboratori sono esonerati da obblighi dichiarativi e di versamento. I contribuenti minimi restano soggetti all applicazione in fattura delle ritenute previste dal D.P.R. 600/1973 che si considerano effettuate a titolo di acconto dell imposta sostitutiva. L eccedenza può essere, alternativamente: utilizzata in compensazione con altre imposte e contributi; chiesta a rimborso mediante indicazione nel quadro RX del modello Unico. Per quanto concerne il riporto delle perdite fiscali, occorre fare una distinzione: le perdite realizzate nei periodi precedenti a quello di decorrenza del regime dei minimi possono essere portate in diminuzione del reddito prodotto in costanza del nuovo regime secondo le regole stabilite dall art.8 del Tuir; Per i soggetti in contabilità semplificata o per i titolari di reddito di lavoro autonomo tale prerogativa riguarda solo le perdite realizzate negli anni 2006 e le perdite prodotte nel periodo di applicazione del regime sono computate in diminuzione dei redditi prodotti nei successivi periodi d imposta, non oltre il quinto e con possibilità di riporto illimitato se le stesse sono realizzate nei primo tre periodi d imposta). ESONERO DALL IRAP (comma 104 art.1 L.244/2008) I contribuenti minimi non sono soggetti passivi Irap e sono, pertanto, esonerati dall obbligo di presentare la relativa dichiarazione. Pagina 7

9 I contribuenti minimi ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE (comma 104 art.1 L.244/2008) I contribuenti minimi non sono soggetti agli studi di settore e ai parametri. Gli stessi sono esonerati anche dalla compilazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore e dei parametri. DISAPPLICAZIONE DEL REGIME Il regime dei minimi può essere disapplicato con due differenti modalità: 1. DISAPPLICAZIONE PER OPZIONE Il contribuente può fuoriuscire dal regime dei minimi scegliendo di determinare le imposte sul reddito e dell Iva nei modi ordinari. L opzione può avvenire tramite comportamento concludente (ad esempio, viene addebitata l imposta sul valore aggiunto ai propri cessionari o committenti, ovvero viene esercitando il diritto alla detrazione dell imposta); inoltre, i contribuenti che optano per il regime ordinario devono porre in essere tutti gli adempimenti previsti dall art. 8 D.M. 02/01/2008 ai fini iva e ai fini Irpef/Irap. L opzione per il regime ordinario deve poi essere comunicata all Agenzia delle Entrate in sede di prima dichiarazione annuale Iva da presentare successivamente alla scelta. Essa rimane valida per almeno un triennio trascorso il quale si rinnova di anno in anno fino a quando il contribuente continua ad applicare le imposte nei modi ordinari. 2. DISAPPLICAZIONE PER LEGGE AL VENIR MENO DEI REQUISITI IMPOSTI DALLA LEGGE Il contribuente non rientra più nel regime dei minimi quando viene meno anche una sola delle condizioni di accesso allo stesso. Gli effetti della cessazione variano a seconda della causa che l ha determinata: - dall anno stesso in cui si verifica la causa di cessazione, nel caso in cui i ricavi o compensi superino di oltre il 50% il limite di ,00. Se i ricavi/compensi superano ,00 il contribuente deve liquidare l iva per le operazioni relative a tutto l anno solare che, per il periodo antecedente il superamento del limite, verrà determinata mediante le regole previste dall art. 27 u.c. D.P.R. 633/1972 per lo scorporo dai corrispettivi e facendo salvo il diritto alla detrazione dell imposta assolta sugli acquisti. Inoltre, è necessario porre in essere sin dall inizio del periodo d imposta tutta una serie di adempimenti inerenti: 1. l iva: istituzione registri entro il termine fissato per effettuare la liquidazione periodica relativa al mese o trimestre di superamento del limite; obbligo di annotazione delle operazioni di cessione di beni e/o prestazioni di servizi e gli acquisti effettuati sia antecedenti che successivi al superamento del limite entro il termine per la presentazione della dichiarazione iva; liquidazione dell iva relativa al mese o trimestre di superamento del limite. L importo a debito deve essere versato in sede di determinazione del saldo annuale, da versare entro il consueto termine (16/03) e senza applicazione di sanzioni e interessi; presentazione comunicazione annuale dati iva e dichiarazione annuale iva entro i termini previsti; versamento saldo iva dell anno di superamento del limite entro i termini ordinari; 2. l Irpef e l Irap: istituzione registri e scritture contabili entro il termine fissato per effettuare la liquidazione periodica relativa al mese o trimestre di superamento del limite; obbligo di annotazione delle operazioni di cessione di beni e/o prestazioni di servizi e gli acquisti effettuati sia antecedenti che successivi al superamento del limite entro il termine per la presentazione della dichiarazione annuale; presentazione dichiarazione annuale, comunicazione dati studi di settore e parametri relative all anno di superamento versamento imposte a saldo relative all anno in cui si verifica il superamento dei limiti, calcolate con i criteri dettati dal Tuir in materia di reddito d impresa o lavoro autonomo o dal D.L. 446/1197 per l Irap, entro i termini ordinari. - dall anno successivo a quello in cui si verifica la causa di cessazione, in tutti gli altri casi: conseguimento di ricavi/compensi superiori a ,00 e inferiori a ,00; Pagina 8

10 I contribuenti minimi effettuazione di esportazioni ed operazioni assimilate; sostenimento di spese per lavoro dipendente o per collaboratori; erogazione di quote di utili ad associati in partecipazione con apporto di solo lavoro; acquisto di beni strumentali che, sommati a quelli del biennio precedente, superano l ammontare di ,00. A SEGUITO DI ACCERTAMENTO Il comma 114 dell art.1 L.244/2007 afferma che il regime dei minimi cessa dall anno successivo a quello in cui, a seguito di accertamento divenuto definitivo: viene meno uno dei requisiti richiesti dalla legge per l accesso al regime (comma 96 dell art. 1 L. 244/2007); Se i ricavi/compensi definitivamente accertati superano di oltre il 50% il limite di ,00 il regime cessa di avere applicazione dell anno stesso in cui l accertamento è divenute definitivo. si verifica una delle fattispecie indicate al comma 99 quali l utilizzo di regimi speciali iva, cessioni di fabbricati o mezzi di trasporto nuovi, partecipazione a società di persone, studi associati o S.r.l. trasparenti. ASPETTI SANZIONATORI Al regime introdotto dalla Legge Finanziaria 2008 si applicano: - le disposizioni contenute nei D. LGS. n.471 e n.472 in materia di sanzioni amministrative; - un regime sanzionatorio aggravato nelle ipotesi di: infedele indicazione dei requisiti e delle condizioni di accesso al regime. Se il maggior reddito che viene accertato supera di oltre il 10% quello dichiarato dal contribuente, le sanzioni minime e massime sono incrementate in misura pari al 10%; utilizzo del regime anche nelle ipotesi in cui venga accertato il venir meno dei requisiti richiesti dalla legge. Anche in tale circostanza valgono le considerazioni di cui al punto precedente. REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI E REGIME DELLE NUOVE INIZATIVE PASSAGGIO DAL REGIME DELLE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE AL REGIME DEI MINIMI I contribuenti che adottano il regime delle nuove iniziative ex art. 13 L.388/2000 possono adottare il regime dei minimi senza effettuare alcuna comunicazione, esclusivamente per comportamento concludente. E comunque necessario effettuare una comunicazione di revoca dell opzione per il regime delle nuove iniziative presentando il mod. AA9. INIZIO ATTIVITA CON IL REGIME DEI MINIMI E PASSAGGIO A QUELLO DELLE NUOVE INIZIATIVE Il contribuente che fuoriesce dal regime dei minimi non può optare per il regime agevolato delle nuove iniziative produttive di cui all art.13 della L.388/2000. Pagina 9

11 Il forfettino IL REGIME FISCALE DELLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E DI LAVORO AUTONOMO Riferimenti normativi e prassi Art. 13 Legge 23/12/2008 n. 388 (Legge Finanziaria 2001) Provvedimento 14 marzo 2001 R.M. 14/12/2006, n. 140/E R.M. 04/04/2003, n. 87/E C.M. 20/06/2002, n. 55/E R.M. 12/06/2002, n. 185/E C.M. 02/10/2001, n. 86/E C.M. 18/06/2001, n. 57/E C.M. 18/06/2001, n. 59/E C.M. 09/03/2001, n. 23/E C.M. 26/01/2001, n. 8/E C.M. 03/01/2001, n. 1/E Tra i regimi agevolativi che hanno riscontrato miglior appeal tra i contribuenti rientra senza dubbio quello delle nuove iniziative produttive e di lavoro autonomo, noto anche come forfettino ; non a caso questo è l unico regime che è rimasto pienamente in vigore dal suo debutto con la finanziaria 2001 e che non è mai stato modificato dal legislatore rispetto alla sua formulazione iniziale. Le ragioni della sua sopravvivenza risiedono principalmente nell estrema facilità di accesso e di funzionamento nonché, ovviamente, sulle rilevantissime agevolazioni in termini di risparmio fiscale e di adempimenti. Anche questo regime, come quello dei minimi, è utilizzabile esclusivamente dalle persone fisiche. REQUISITI, MODALITA DI ACCESSO E DURATA Secondo il dettato previsto dal comma 1 dell art. 13 Legge 388/2000, al fine di poter fruire del regime, occorre che: << a) il contribuente non abbia esercitato negli ultimi tre anni attività artistica o professionale ovvero d'impresa, anche in forma associata o familiare; b) l'attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui l'attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell'esercizio di arti o professioni; c) sia realizzato un ammontare di compensi di lavoro autonomo non superiore a lire 60 milioni o un ammontare di ricavi non superiore a lire 60 milioni per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi ovvero a lire 120 milioni per le imprese aventi per oggetto altre attività; Pagina 10

12 Il forfettino d) qualora venga proseguita un'attività d'impresa svolta in precedenza da altro soggetto, l'ammontare dei relativi ricavi, realizzati nel periodo d'imposta precedente quello di riconoscimento del predetto beneficio, non sia superiore a lire 60 milioni per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi ovvero a lire 120 milioni per le imprese aventi per oggetto altre attività; e) siano regolarmente adempiuti gli obblighi previdenziali, assicurativi e amministrativi. >> Il requisto della nuova iniziativa Il nome stesso del regime, per le nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo, chiarisce quale sia il primo requisito essenziale per l accesso: la novità dell esercizio di un attività professionale o imprenditoriale, intesa sia sotto il profilo dell inizio di una nuova forma autonoma di lavoro sia sotto il profilo della distinzione rispetto al tipo di attività eventualmente svolta in altra forma dal contribuente nel recente passato (ultimi tre anni). Lo spirito della norma è quello di incentivare l intrapresa economica delle persone fisiche in tutti quei settori o quei casi in cui i volumi di affari dei primi anni di attività sono modesti e in cui, pertanto, l onerosità degli adempimenti e del carico fiscale rappresenterebbe un forte deterrente. Il regime è applicabile esclusivamente ad artisti, professionisti, e imprenditori individuali (anche familiari), mentre è precluso a società e associazioni. Il vincolo di assenza di un attività professionale o imprenditoriale nei tre anni precedenti si estende anche alle attività svolte in forma associata o familiare, ovvero in qualità di collaboratore familiare, associato di studio professionale o socio. Nel caso di rapporti societari, tuttavia, la preclusione opera solamente laddove il socio abbia fattivamente svolto attività di gestione, come nel caso dei soci accomandatari o dei soci amministratori di snc o s.r.l., mentre non sarà applicabile ai meri soci di capitale (C.M n 59/E). E bene sottolineare che, così come avviene per il regime dei contribuenti minimi << il richiamo all'" attività di lavoro autonomo o di impresa in generale" deve intendersi riferito all'attività produttiva di reddito di lavoro autonomo di cui all'art. 53 [ex art. 49] o di reddito d'impresa di cui all'art. 55 [ex art. 53] del T.U.I.R. >> (R.M n. 140/E). Conseguentemente, non è ostativo, per esempio, l aver svolto nei tre anni precedenti attività agricola non eccedente i limiti indicati dall art. 32 comma 2 lett. B) e c) del T.u.i.r. 1, in quanto i redditi conseguiti sono considerati redditi fondiari e non di impresa (R.M n. 140/E). L attività che si intende intraprendere, poi, non può rappresentare la mera prosecuzione di un attività svolta precedentemente sotto forma di lavoro dipendente o autonomo (vedi collaborazioni a progetto), vale a dire che non può essere ammesso chi intende continuare la propria attività modificandone semplicemente la veste giuridica; ci deve essere una discontinuità di tipo sostanziale rispetto al passato. Non sempre è immediato riconoscere o stabilire se c è effettivamente discontinuità tra la vecchia e la nuova attività, occorre fare valutazioni caso per caso prendendo in considerazione principalmente fattori come la sede dell attività, i beni strumentali utilizzati, la clientela effettiva L unica eccezione a 1 Articolo 32 Reddito agrario. b) l'allevamento di animali con mangimi ottenibili per almeno un quarto dal terreno e le attività dirette alla produzione di vegetali tramite l'utilizzo di strutture fisse o mobili, anche provvisorie, se la superficie adibita alla produzione non eccede il doppio di quella del terreno su cui la produzione stessa insiste; c) le attività di cui al terzo comma dell'articolo 2135 del codice civile, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione, ancorché non svolte sul terreno, di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall'allevamento di animali, con riferimento ai beni individuati, ogni due anni e tenuto conto dei criteri di cui al comma 1, con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze su proposta del Ministro delle politiche agricole e forestali. Pagina 11

13 Il forfettino tale limite è concessa espressamente a coloro che intraprendono l attività professionale al termine del praticantato obbligatorio (per esempio i tirocinanti avvocati e commercialisti), i quali hanno diritto ad accedere al regime pur continuando sostanzialmente l attività svolta. Il requisto del limite di ricavi e compensi I soggetti che intendono aderire al forfettino devono conseguire, per tutta la durata del regime, un volume di compensi o di ricavi non superiore a di lire (euro ,41) nel caso in cui l attività consista nella prestazione di servizi, o a di lire (euro ,83) qualora l oggetto dell attività sia qualificabile come cessione di beni. Per poter stabilire se l attività svolta in concreto rientra tra le prestazioni di servizi o tra le cessione di beni, distinzione non sempre agevole, l amministrazione finanziaria ha chiarito che << si considerano prestazioni di servizi le attività indicate nel decreto ministeriale 17 gennaio 1992, ovvero quelle che hanno per oggetto le operazioni indicate nei commi da 1 a 3 dell'art. 3 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, recante "istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto", nonchè quelle indicate nel comma 4, lettere a), b), c), e), f) ed h) del medesimo articolo >> 2 2 Articolo 3 Prestazioni di servizi 1. Costituiscono prestazioni di servizi le prestazioni verso corrispettivo dipendenti da contratti d'opera, appalto, trasporto, mandato, spedizione, agenzia, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, di non fare e di permettere quale ne sia la fonte. 2. Costituiscono inoltre prestazioni di servizi, se effettuate verso corrispettivo: 1) le concessioni di beni in locazione, affitto, noleggio e simili; 2) le cessioni, concessioni, licenze e simili relative a diritti d'autore, quelle relative ad invenzioni industriali, modelli, disegni, processi, formule e simili e quelle relative a marchi e insegne nonché le cessioni, concessioni, licenze e simili relative a diritti o beni similari ai precedenti; 3) i prestiti di denaro e di titoli non rappresentativi di merci, comprese le operazioni finanziarie mediante la negoziazione, anche a titolo di cessione pro-soluto, di crediti, cambiali o assegni. Non sono considerati prestiti i depositi di denaro presso aziende e istituti di credito o presso amministrazioni statali, anche se regolati in conto corrente; 4) le somministrazioni di alimenti e bevande; 5) le cessioni di contratti di ogni tipo e oggetto. 3. Le prestazioni indicate nei commi primo e secondo sempreché l'imposta afferente agli acquisti di beni e servizi relativi alla loro esecuzione sia detraibile, costituiscono per ogni operazione di valore superiore a lire cinquantamila prestazioni di servizi anche se effettuate per l'uso personale o familiare dell'imprenditore, ovvero a titolo gratuito per altre finalità estranee all'esercizio dell'impresa, ad esclusione delle somministrazioni nelle mense aziendali e delle prestazioni di trasporto, didattiche, educative e ricreative, di assistenza sociale e sanitaria, a favore del personale dipendente, nonché delle operazioni di divulgazione pubblicitaria svolte a beneficio delle attività istituzionali di enti e associazioni che senza scopo di lucro perseguono finalità educative, culturali, sportive, religiose e di assistenza e solidarietà sociale, nonché delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) e delle diffusioni di messaggi, rappresentazioni, immagini o comunicazioni di pubblico interesse richieste o patrocinate dallo Stato o da enti pubblici. Le assegnazioni indicate al n. 6) dell'art. 2 sono considerate prestazioni di servizi quando hanno per oggetto cessioni, concessioni o licenze di cui ai numeri 1), 2) e 5) del comma precedente. Le prestazioni di servizi rese o ricevute dai mandatari senza rappresentanza sono considerate prestazioni di servizi anche nei rapporti tra il mandante e il mandatario. 4. Non sono considerate prestazioni di servizi: a) le cessioni, concessioni, licenze e simili relative a diritti d'autore effettuate dagli autori e loro eredi o legatari, tranne quelle relative alle opere di cui ai numeri 5) e 6) dell'art. 2, L. 22 aprile 1941, n. 633, e alle opere di ogni genere utilizzate da imprese a fini di pubblicità commerciale; b) i prestiti obbligazionari; c) le cessioni dei contratti di cui alle lettere a), b) e c) del terzo comma dell'art. 2; d) i conferimenti e i passaggi di cui alle lettere e) ed f) del terzo comma dell'art. 2; e) le prestazioni di mandato e di mediazione relative ai diritti d'autore, tranne quelli concernenti opere di cui alla lettera a), e le prestazioni relative alla protezione dei diritti d'autore di ogni genere, comprese quelle di intermediazione nella riscossione dei proventi; f) le prestazioni di mandato e di mediazione relative ai prestiti obbligazionari; g) abrogata h) le prestazioni dei commissionari relative ai passaggi di cui al n. 3) del secondo comma dell'art. 2 e quelle dei mandatari di cui al terzo comma del presente articolo Pagina 12

14 Il forfettino In caso di inizio attività occorrerà stimare il volume dei ricavi o dei compensi per il primo anno di attività, senza alcuna necessità di ragguaglio ad anno degli importi presunti (in tal senso C.M n. 55/E). Come chiarito in precedenza, il concetto di compenso e di ricavo è quello espresso e identificato dal Tuir, rispettivamente all art. 53 e all art. 57 e ss.; quando si parla di realizzazione di compensi o ricavi, pertanto, occorrerà fare riferimento agli ordinari principi di cassa e di competenza. Qualora l attività intrapresa sia la prosecuzione dell attività svolta da altro soggetto (vedi acquisto di azienda), il limite di ricavi per il primo anno va riferito all ammontare realizzato nell anno precedente dal dante causa. Al contrario del regime dei minimi, quello delle nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo non è un regime naturale, ossia non si applica automaticamente ai soggetti che ne possiedono i requisiti. E necessaria un opzione, vincolante per almeno un anno, che va espressa nella denuncia di inizio attività, o al più tardi entro 30 giorni dalla denuncia. In difetto, l amministrazione finanziaria può desumere l adesione del contribuente attraverso il comportamento concludente del medesimo; la mancata scelta espressa è considerata in questo caso errore di tipo formale, non sanzionabile salvo che non abbia ostacolato l attività di accertamento della medesima amministrazione (R.M n. 185/E). Il forfettino ha una durata massima di tre anni (periodi di imposta), e non è rinnovabile alla scadenza. AGEVOLAZIONI E ADEMPIMENTI Esonero dalla tenute delle scritture contabili I soggetti che aderiscono al regime sono esonerati dalla registrazione e dalla tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini dell Iva e delle imposte dirette (Irpef e Irap). In caso di assunzione di personale dipendente, tuttavia, vanno tenuti i registri previsti dalla normativa sul lavoro (C.M n. 59/E). Sissiste unicamente l obbligo di emettere e numerare progressivamente le fatture e di certificare i corrispettivi, nonché di conservare le fatture emesse e ricevute e i documenti attestanti le spese che concorrono al reddito professionale o di impresa. Dichiarazioni annuali e studi di settore Nessuna distinzione rispetto ai soggetti in regime ordinario/semplificato per quanto riguarda l obbligo e i termini di presentazione delle dichiarazioni annuali rilevanti ai fini dell imposta sul valore aggiunto, dell imposta sulle persone fisiche e dell imposta regionale sulle attività produttive. Analoga considerazione per l assoggettamento agli studi di settore e per la compilazione dei dati rilevanti ai fini dei medesimi. Imposta sostitutiva del 10% del reddito Il reddito professionale/imprenditoriale è soggetto ad un imposta, sostitutiva di Irpef e relative addizionali regionali e comunali, pari al 10%, da versarsi entro il termine di versamento a saldo dell Irpef. Il reddito è calcolato secondo le ordinarie regole del reddito di lavoro autonomo o di impresa. L irap, invece, è soggetta alle aliquote ordinarie. Pagina 13

15 Il forfettino Trattandosi di reddito soggetto ad imposta sostitutiva, esso non concorre a formare il reddito complessivo del contribuente e, pertanto, oneri deducibili o detraibili sono rilevanti solo in presenza di altre tipologie di reddito. Semplificazione negli acconti e nelle liquidazioni Iva I soggetti aderenti sono esonerati dalle liquidazioni periodiche dell iva e dai relativi versamenti. L iva è addebitata e detratta ordinariamente, ma va versata esclusivamente su base annuale con pagamento entro il 16 marzo dell anno successivo, senza corresponsione di interessi. E escluso ogni obbligo di versamento di acconti Irpef e Iva, mentre resta dovuto quello relativo all Irap nei termini consueti. Esonero da ritenuto di acconto Per espressa previsione legislativa, i compensi e i ricavi dei contribuenti ammessi al regime non sono soggetti alla ritenuta di acconto sulle imposte sui redditi da parte dei sostituti di imposta. A tal fine, i contribuenti rilasciano apposita dichiarazione ai sostituti attestante che le somme percepite sono assoggettate ad imposta sostitutiva. REVOCA E DECADENZA DAL REGIME L opzione per il forfettino è vincolante per almeno il primo periodo di imposta, ed è successivamente revocabile barrando la relativa casella nella denuncia di variazione da presentare ad un qualsiasi ufficio delle Entrate; è altresi revocato, analogamente a quanto detto per l esercizio dell opzione, attraverso il comportamento concludente del contribuente, il quale mette in atto comportamenti da cui si evince la revoca (per esempio, la liquidazione e il versamento periodico dell iva o la tenuta delle scritture contabili). Al di là della revoca espressa (o tacita), all avverarsi di determinate condizioni, i soggetti ammessi decadono automaticamente dal regime. In particolare, il regime agevolato cessa: a) a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello nel quale i compensi o i ricavi conseguiti superano gli importi previsti per l accesso (euro ,41 o ,83); b) a decorrere dallo stesso periodo d'imposta nel quale i compensi o i ricavi superano del 50 per cento i medesimi importi; in tale caso sarà assoggettato a tassazione nei modi ordinari l'intero reddito d'impresa o di lavoro autonomo conseguito nel periodo d'imposta. Si tenga presente che lo sforamento dei ricavi o dei compensi si verifica anche nell ipotesi in cui il software Gerico attesti un livello di congruità degli stessi superiori ai limiti previsti (C.M n. 57/E punto 8.3). Nel caso sub b), l imposta sul reddito delle persone fisiche e l imposta sul valore aggiunto vanno versati in un unica soluzione entro i termini previsti per i versamenti annuali (16 marzo per l Iva e 16 giugno per l Irpef), come previsto dal provv. 14 marzo 2001 punto 5.2. Inoltre, non appena superati i limiti di compensi o di ricavi, i soggetti dovranno senza indugio iniziare a tenere le scritture contabili previste dal nuovo regime (semplificato/ordinario) e ad assoggettare a ritenuta di acconto le somme percepite. TUTORAGGIO E CREDITO D IMPOSTA I soggetti che si avvalgono del regime delle nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo possono farsi assistere negli adempimenti tributari dall ufficio delle entrate competente presentando Pagina 14

16 Il forfettino apposita domanda presso l ufficio. La domanda può essere presentata anche nel secondo o nel terzo periodo di imposta e può essere revocata in qualsiasi momento con effetto dal periodo di imposta successivo. L assistenza è effettuata attraverso un collegamento telematico con l agenzia delle entrate, attivato mediante la richiesta di codici di accesso ai servizi telematici, e utilizzando appositi software ministeriali. Ai soggetti che optano per l assistenza fiscale è riconosciuto un credito di imposta sull acquisto delle apparecchiature informatiche (anche in leasing) necessarie al collegamento, pari al 40% del prezzo di acquisto fino ad un massimo di lire (euro 309,87). Il credito di imposta non concorre alla formazione del reddito e può essere usato a compensazione utilizzando il codice tributo Si riporta di seguito la procedura per l assistenza fiscale indicata dal provvedimento 14 marzo 2001: 4. Adempimenti dei contribuenti assistiti e degli uffici I contribuenti trasmettono, con cadenza trimestrale, i dati contabili delle operazioni effettuate nel corso dell'anno. Le trasmissioni sono effettuate rispettivamente: entro il 10 aprile per le operazioni relative al primo trimestre dell'anno, entro il 10 luglio per le operazioni relative al secondo trimestre, entro il 10 ottobre per le operazioni relative al terzo trimestre ed entro il 10 gennaio dell'anno successivo per le operazioni relative all'ultimo trimestre. Per la trasmissione dei dati, le operazioni effettuate ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sono distinte tra imponibili secondo l'aliquota, esenti, non imponibili e non soggette; le operazioni rilevanti ai fini delle imposte dirette sono classificate per voci di costi e ricavi. Per la definizione e la classificazione di dette operazioni, i contribuenti si avvalgono dell'assistenza fornita dal tutor anche mediante l'utilizzo della posta elettronica. I contribuenti utilizzano un apposito prodotto software, scaricabile dal sito che si compone delle seguenti funzioni: a) acquisizione e elaborazione dei dati analitici. La funzione consente al contribuente, da un lato la gestione dei dati relativi a tutte le operazioni effettuate (acquisizione, variazione, annullamento, stampa, etc.), costituendo sul personal computer del contribuente una base informativa analitica relativa all'attività esercitata nell'anno, dall'altro l'aggregazione dei dati secondo i criteri previsti per la compilazione delle dichiarazioni annuali nonché la verifica della persistenza delle condizioni per usufruire del regime agevolato; b) trasmissione telematica dei dati contabili aggregati. La funzione consente al contribuente l'invio periodico dei dati contabili aggregati, l'invio della dichiarazione nonché la ricezione delle comunicazioni che l'ufficio dovrà rendere disponibili al contribuente (superamento dei limiti previsti, imposte da pagare, etc.); c) predisposizione delle dichiarazioni. La funzione consente al contribuente l'integrazione della dichiarazione compilata automaticamente dal sistema informativo dell'agenzia, con i dati relativi agli altri redditi posseduti; d) assistenza automatica. Questa funzione di "help on line" consente al contribuente la ricerca guidata alla soluzione di problemi di carattere generale (tecnico e normativo), nonché la formalizzazione, attraverso la posta elettronica, di quesiti specifici da inviare al competente ufficio locale dell'agenzia delle entrate Il sistema informativo dell'agenzia delle entrate attesta l'avvenuta ricezione dei dati trasmessi per via telematica mediante apposita ricevuta I contribuenti assistiti sono tenuti a consultare le ricevute e ad evadere le eventuali richieste in esse contenute Il sistema informativo dell'agenzia delle entrate elabora i dati ricevuti, liquida le imposte dovute e rende disponibili telematicamente ai contribuenti il modello per il pagamento delle stesse, il modello Pagina 15

17 Il forfettino per l'eventuale richiesta di rimborso dell'i.v.a. ed i quadri della dichiarazione unificata relativi all'attività esercitata I contribuenti verificano i dati della dichiarazione unificata, predisposta dal sistema informativo dell'agenzia delle entrate, e la completano con i dati relativi agli eventuali altri redditi posseduti. Dopo averne stampato e firmato una copia per conservarla, i contribuenti presentano la dichiarazione unificata utilizzando il servizio telematico Internet L'ufficio competente, sulla base dei dati contabili pervenuti al sistema informativo, comunica ai contribuenti assistiti negli adempimenti tributari, entro dieci giorni da quando i dati sono acquisiti, l'eventuale decadenza dal regime fiscale agevolato per la perdita dei requisiti previsti dall'art. 13, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n >> Ulteriori delucidazioni sono fornite dalla C.M. 02/10/2001 n. 86/E. Pagina 16

18 Calcoli di convenienza CALCOLI DI CONVENIENZA TRA I DIVERSI REGIMI FISCALI I CASO AGENTE DI COMMERCIO REG. ORDINARIO REG. MINIMI FORFETTINO IRPEF Ricavi , , ,00 Costi , , ,00 IVA non detraibile ,00 REDDITO , , ,00 Oneri deducibili (Contr. Prev.) , ,00 NON DEDUCIBILI IMPONIBILE , , ,00 IMPOSTA LORDA O 3.155, , ,00 SOSTITUTIVA DETRAZIONE SPETTANTE -822, IMPOSTA NETTA 2.333, , ,00 RITENUTE SUBITE , ,00 0 IRPEF NETTA -945,00-882, ,00 ADDIZIONALI 151,00 NON DOVUTE NON DOVUTE IRAP Valore della produzione ,00 ESENTE ,00 Deduzioni 9.500, ,00 IMPONIBILE 8.508, ,00 IMPOSTA 332,00 332,00 IVA Imposta non detratta ZERO 1.734,00 ZERO Rettifica detrazione IRRILEVANTE TOTALE CARICO FISCALE 2.816, , ,00 RISPARMIO FISCALE , ,00 Nel caso in esame il regime più conveniente è quello sostitutivo per nuove attività (art. 13 L. 388/2000), mentre quello dei minimi risulta il più oneroso. Sono però necessarie alcune precisazioni: - il regime dei minimi non risulta conveniente rispetto agli altri regimi per la perdita della detraibilità Iva, pertanto una diversa confermazione dei costi può determinare risultati differenti; - occorre fare attenzione al calcolo degli studi di settore; nel caso specifico il soggetto risulta congruo ma anche in questa situazione a seconda degli elementi extracontabili e della conformazione dei costi si possono avere risultati differenti che possono comportare la non congruità e di conseguenza un maggior carico fiscale nei regimi che richiedono l applicazione degli studi: - il regime sostitutivo per le nuove attività nel caso in esame non sarebbe applicabile poiché il soggetto svolge un attività che costituisce una prosecuzione di attività precedentemente svolta come lavoratore dipendente. II CASO ARTIGIANO REG. ORDINARIO REG. MINIMI FORFETTINO IRPEF Ricavi , , ,00 Costi , , ,00 IVA non detraibile -351,00 REDDITO , , ,00 Oneri deducibili (Contr. Prev.) , ,00 NON DEDUCIBILI IMPONIBILE , , ,00 IMPOSTA LORDA O 4.167, , ,00 SOSTITUTIVA DETRAZIONE SPETTANTE -753, Pagina 17

19 Calcoli di convenienza IMPOSTA NETTA 3.414, , ,00 IRPEF NETTA 3.414, , ,00 ADDIZIONALI 291,00 NON DOVUTE NON DOVUTE IRAP Valore della produzione ,00 ESENTE ,00 Deduzioni 9.500, ,00 IMPONIBILE , ,00 IMPOSTA 438,00 438,00 IVA Imposta non detratta ZERO 351,00 ZERO Rettifica detrazione IRRILEVANTE TOTALE CARICO FISCALE 4.143, , ,00 RISPARMIO FISCALE -331, ,00 Anche in questo caso il regime più conveniente è quello sostitutivo per nuove attività (art. 13 L. 388/2000). Il regime dei minimi è più conveniente rispetto al regime ordinario ma anche in questo caso occorre tener presente la conformazione dei costi che, per il soggetto in esame, essendo ridotti non comportano un rilevante in detraibilità dell IVA. In casi come questo occorre inoltre fare molta attenzione alla presenza di oneri detraibili o deducibili (diversi dai contributi previdenziali) da quadro P che possono risultare determinanti nella valutazione della convenienza del regime ordinario rispetto al regime dei minimi. III CASO INGEGNERE REG. ORDINARIO REG. MINIMI FORFETTINO IRPEF Ricavi , , ,00 Costi , , ,00 IVA non detraibile -322,00 REDDITO , , ,00 Oneri deducibili (Contr. Prev.) , ,00 NON DEDUCIBILI IMPONIBILE , , ,00 IMPOSTA LORDA O 6.448, , ,00 SOSTITUTIVA DETRAZIONE SPETTANTE -602, IMPOSTA NETTA 5.846, , ,00 RITENUTE SUBITE , ,00 0 IRPEF NETTA -122,00-811, ,00 ADDIZIONALI 496,00 NON DOVUTE NON DOVUTE IRAP ESENTE ESENTE ESENTE IVA Imposta non detratta ZERO 322,00 ZERO Rettifica detrazione IRRILEVANTE TOTALE CARICO FISCALE 6.342, , ,00 RISPARMIO FISCALE -863, ,00 Ancora una volta il regime più conveniente è quello sostitutivo per nuove attività (che in effetti è il regime applicato al soggetto in questione); il regime dei minimi risulta più conveniente rispetto al regime ordinario nonostante l IVA non detratta, considerando anche che nel caso non è stata applicata l IRAP trattandosi di un soggetto senza autonoma organizzazione, ma che in una situazione dove, a parità di reddito, il contribuente sia soggetto IRAP il risparmio salirebbe a circa euro. Pagina 18

20 Calcoli di convenienza IV CASO MEDICO REG. ORDINARIO REG. MINIMI FORFETTINO IRPEF Ricavi , , ,00 Costi , , ,00 IVA non detraibile REDDITO , , ,00 Oneri deducibili (Contr. Prev.) , ,00 NON DEDUCIBILI IMPONIBILE , , ,00 IMPOSTA LORDA O 5.136, , ,00 SOSTITUTIVA DETRAZIONE SPETTANTE -675, IMPOSTA NETTA 4.461, , ,00 RITENUTE SUBITE , ,00 0 IRPEF NETTA , , ,00 ADDIZIONALI 382,00 NON DOVUTE NON DOVUTE IRAP ESENTE ESENTE ESENTE IVA Imposta non detratta ZERO ZERO ZERO Rettifica detrazione TOTALE CARICO FISCALE 4.843, , ,00 RISPARMIO FISCALE -594, ,00 Ancora una volta il regime più conveniente è quello sostitutivo per nuove attività che anche in questo caso è il regime applicato al contribuente. Trattandosi di un medico l Iva è indetraibile per natura e pertanto risulta rilevante hai fini del carico fiscale complessivo. Determinanti in questo caso possono essere la presenza di eventuali ulteriori oneri detraibili o deducibili e soprattutto il risultato dell applicazione degli studi; il contribuente in esame, ad esempio, presenta un forte scostamento rispetto al dato di Gerico(circa ), ma non è stato effettuato nessun adeguamento in quanto il professionista opera esclusivamente per il Sistema Sanitario Nazionale! Pagina 19

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Relazioni illustrative. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Relazioni illustrative. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Relazioni illustrative Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 Risultati differenziali del bilancio dello Stato La disposizione rinvia all allegato

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli