Giuseppe Mazzini: padre della Patria, padre dell Europa Pietro Finelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuseppe Mazzini: padre della Patria, padre dell Europa Pietro Finelli"

Transcript

1 Giuseppe Mazzini: padre della Patria, padre dell Europa Pietro Finelli La contraddizione, in realtà solo apparente, trova ampia giustificazione negli scritti e nell azione mazziniani, che possono essere letti come uno straordinario sforzo di riattualizzare gli ideali rivoluzionari, illuministici, repubblicani e cosmopoliti, sotto la cui influenza lo stesso Mazzini si era formato, alla luce della nuova temperie romantica e nazionalitaria che caratterizza i primi decenni del XIX secolo: Mazzini elaborò l idea nazionale come mezzo per affermare i valori del cosmopolitismo, scrive Mario Albertini, certo non sospettabile di simpatie nazionaliste o mazziniane, e non per combatterli. Partito da questi valori, non li abbandonò mai: combatté il cosmopolitismo perché gli parve che i cosmopoliti non potessero realizzare i valori che pur professavano, e volle la nazione come un mezzo efficace per promuovere la libertà e la fratellanza nell ambito dell intera umanità e non per creare situazioni di privilegio a favore di questo o quel gruppo nazionale (La Nazione è il mezzo, l umanità il fine) [ ] si deve ammettere che i valori supernazionali furono le premesse ed il fine della sua dottrina della nazione e non soltanto qualche cosa di accidentale, di estrinseco. La riflessione e l azione geopolitica di Mazzini si svolgono intorno a tre poli fondamentali: la Nazione, il Popolo e l Umanità, ovviamente nell accezione ottocentesca del termine, limitata sostanzialmente alla comunità transatlantica e in particolare all Europa. Nei decenni centrali del secolo, l endiadi rivoluzionaria Nazione-Popolo viene messa in discussione e lacerata tanto dai doctrinaires liberali, che vogliono purificare la Nazione da ogni persistenza rivoluzionaria per farne il motor immobilis, la sorgente di legittimità del proprio progetto di Stato costituzional-rappresentativo, quanto dai democratici radicali e dai primi socialisti, intenti a esaltarne la dimensione dinamica, foudroyante, insurrezionale, della sovranità insita nel Popolo. Al contrario Mazzini, in netta controtendenza, come ha ben evidenziato Martin Wight nelle sue lezioni alla London School of Economics, ne difende l intrinseca omogeneità e unitarietà: la Nazione non può nascere che attraverso l atto insurrezionale e rivoluzionario in cui il Popolo impara a fare da sé, a rendersi autonomo tanto dallo straniero quanto dai dominatori interni. D altra parte lo Stato nazionale, comunione di liberi e d'uguali, non può che identificarsi con lo Stato democratico. La riattualizzazione mazziniana degli ideali rivoluzionari ha un passaggio fondamentale nella loro riscrittura nel nuovo linguaggio del romanticismo politico, di cui Mazzini stesso è, peraltro, uno dei grandi tenori e diffusori, in Italia e non solo.

2 Per riprendere la suggestiva immagine di Roberto Balzani, l algida patria repubblicana viene riscaldata alla romantica fiamma della nazione. Si tratta, ovviamente, di un operazione tutt altro che piana: il linguaggio della politica si impasta con quello della religione, dell estetica, delle passioni: la nazione, certo, resta ancora principalmente una volontaristica comunità di destino, ma intessuta di richiami al passato, alla tradizione e persino come nota Alberto Mario Banti alla natura e ai vincoli di sangue. Così nel Giuramento della Giovine Italia, il manifesto del patriottismo democratico e romantico di Mazzini, l Italia è immaginata una, indipendente libera e repubblicana come nella tradizione rivoluzionaria, ma a legittimare la lotta per il suo raggiungimento vengono invocati, in un crescendo di pathos, i martiri della santa causa italiana, la terra ove Dio m ha posto, le lagrime delle madri italiane e, infine i figli morti sul palco. Mazzini stesso appare consapevole dei fantasmi intrinsecamente legati all evocazione della terra e del sangue come radici della Nazione. Non a caso, già dagli anni Trenta, egli si impegna per distinguere il proprio patriottismo nazionale, il principio di nazionalità, dal nazionalismo, termine che egli è tra i primi a introdurre nel linguaggio politico ottocentesco con una connotazione esplicitamente negativa, come degenerazione egoistica e assolutizzata della nazione, di cui invece la nazionalità rappresenterebbe il volto positivo. Una distinzione su cui, a testimoniare una fedeltà di lungo periodo, sarebbe ritornato in uno dei suoi ultimi scritti, Nazionalismo e Nazionalità, pubblicato nel 1871, proprio nel pieno trionfo, in seguito alla guerra franco-prussiana, della lettura positiva del termine nazionalismo. In esso, ancora una volta, Mazzini difende, in contrapposizione tanto ai nazionalisti, come Bismarck e il suo oramai ex-collaboratore Crispi, quanto al cosmopolitismo degli Internazionalisti, la distinzione tra la sacra nazionalità e l egoistico nazionalismo. Naturalmente la lotta di Mazzini al nazionalismo non si limita al solo piano lessicale, ed essa anzi innerva tutta la sua azione e la sua riflessione politica. Non a caso, ancor più del concetto di nazionalità, ad essere al centro della sua teologia politica è quello di Umanità, che assurge al ruolo di solo ed autentico interprete della volontà divina sulla Terra. Nella visione mistica mazziniana le Nazioni sono quindi subordinate all Umanità, e solo nella reciproca interazione acquista realmente significato la missione che Dio avrebbe loro assegnato. È in questo quadro che va contestualizzato il rapporto, quanto mai tormentato, di Mazzini con il cosmopolitismo, che potrebbe essere sinteticamente riassunto come comunanza di obiettivi, ma profonda e radicale diversità di mezzi. Al cosmopolitismo Mazzini infatti non contesta l idea di una comunità politica mondiale, ma nega che essa sia realizzabile direttamente dai singoli cittadini. Anche se Mazzini stesso non amava il termine, il suo sarebbe quindi, secondo l espressione coniata da Nadia Urbinati e Stefano Recchia, un cosmopolitismo delle nazioni.

3 Se una cosmopolis si realizzerà prima o poi e Mazzini di questo è convinto saranno le nazioni, organicisticamente intese come veri e propri individui dell Umanità, a doverne fare parte direttamente, mentre i cittadini non potranno parteciparvi che attraverso la mediazione di queste Ma in che modo avrebbe dovuto realizzarsi concretamente questa cosmopolis? Come immagina Mazzini che possano svilupparsi i rapporti delle Nazioni tra di loro e rispetto alla comune appartenenza all Umanità, ed in particolare rispetto all Europa che con quell Umanità sostanzialmente si identifica? In maniera esemplare Mazzini, nei Doveri dell Uomo, il suo testo più noto e diffuso, attribuisce all Italia come missione l unità morale d Europa. Per Mazzini infatti l esistenza di una koinè europea, di una identità culturale che sussume le diverse identità nazionali dando loro senso e significato, e allo stesso tempo superandole in una sintesi superiore, è un dato di fatto indiscutibile, cui resta costantemente fedele lungo tutto il corso della sua travagliata esistenza. Se l unità culturale rappresenta il presupposto dell immaginata unità politica del continente, questa non ne deriva necessariamente. Analogamente la globalizzazione del nazionalismo democratico, per utilizzare il suggestivo anacronismo proposto da Christopher Bayly ed Eugenio Biagini, ovvero l omogeneità di regime politico repubblicano, democratico e nazionale, costituisce condizione necessaria, ma non sufficiente, a garantire l ordine internazionale. Mazzini infatti, con un attenzione tanto più ragguardevole considerato il suo scarso interesse per le questioni costituzionali, identifica con chiarezza la necessità di inquadrare i rapporti internazionali delle future nazionalità liberate in un preciso quadro giuridico e istituzionale: "L Umanità non sarà veramente costituita", recita con nettezza l articolo 19 dell Istruzione generale della Giovine Europa, "se non quando tutti i popoli che la compongono, avendo conquistato il libero esercizio della loro sovranità, saranno associati in una federazione repubblicana per dirigersi, sotto l impero d una dichiarazione di principii e d un patto comune, allo stesso fine: scoperta e applicazione della Legge morale universale." Mazzini si colloca quindi, come ha sottolineato Nadia Urbinati, lungo una linea di chiara ispirazione kantiana di convergenza tra un assetto interno repubblicano (e democratico nazionale nel caso di Mazzini) e un assetto federale all esterno. Significativamente, proprio nell introduzione al volume dei propri scritti del periodo svizzero, Mazzini ci offre una definizione esplicita e persino tecnica del sistema federale: "Il concetto d una Repubblica Federativa racchiude l idea d una doppia serie di doveri e diritti: la prima spettante a ciascuno degli Stati che formano la Federazione, la seconda all insieme; la prima destinata a circoscrivere e definire la sfera d attività degli individui come cittadini dei diversi Stati, l interesse locale; la seconda destinata a definire quella degli stessi individui come cittadini dell intera Nazione, l interesse

4 generale; la prima determinata dai Delegati di ciascuno degli Stati componenti la Federazione, la seconda determinata dal Delegati di tutto il paese." Pur in una generale nebulosità se non un vero e proprio disinteresse di Mazzini rispetto agli aspetti più propriamente giuridici e istituzionali dell azione politica, egli, probabilmente influenzato dalla lettura dei Federalist Papers e dall esperienza diretta del dibattito costituzionale avvenuto in Svizzera proprio negli anni della sua permanenza elvetica, dimostra una specifica conoscenza del federalismo. La prospettiva federalista, come soluzione al caos internazionale e al bellum omnium contra omnes connaturato all assetto monarchico dell Europa, costituisce un vero e proprio fil rouge della riflessione geopolitica di Mazzini che nel marzo 1848, proprio agli inizi della Primavera dei Popoli, nel Programma dell Associazione Nazionale Italiana, ribadisce la contrapposizione tra un impero fittizio e una libera federazione di nuove nazioni. Mazzini per altro non si limitò ad affermare le proprie posizioni ma, uomo d azione ancor più che pensatore, individuò con chiarezza sin dall inizio della sua attività politica, in una lettera a Giuseppe Giglioli del luglio 1831, nelle stesse settimane in cui dava vita alla Giovine Italia, nell Europa l autentico campo di scontro tra le forze della reazione e quelle del progresso, per definire le quali utilizzò per la prima volta l espressione Giovine Europa. E proprio Giovine Europa, come è noto, sarà il nome dell organizzazione cui, dopo il fallimento del moto insurrezionale in Savoia, Mazzini darà vita, nell aprile del 1834, insieme ad un pugno di esuli italiani, tedeschi e polacchi, e che, nonostante la svalutazione postuma ad opera dello stesso Mazzini, svolse una funzione cruciale nel superamento da parte dell universo rivoluzionario europeo dei moduli carbonari e buonarrotiani. Ma sarà nell esilio inglese che Mazzini darà il meglio di sé come organizzatore, sfruttando anche il favorevole humus associazionistico britannico. Nell aprile del 1847 infatti su ispirazione di Mazzini verrà fondata a Londra la People s International League, la prima organizzazione britannica con una basa ampia e popolare i cui interessi e fini riguardavano esplicitamente la politica estera ed internazionale. Dopo la sfortunata esperienza della Repubblica Romana (1849), Mazzini sfruttò fino in fondo la notorietà internazionale che comunque essa gli aveva garantito, tessendo una vasta rete associativa e cospirativa rivolta tanto all opinione pubblica del Regno Unito, con la fondazione della Society of Friends of Italy, quanto ai numerosi esuli confluiti in Gran Bretagna dopo il , attraverso il Comitato centrale democratico europeo che da Londra si ramificava sul continente europeo. Negli anni Sessanta, infine, raggiunta l Unità d Italia, l azione di Mazzini può riprendere da un lato la propria connotazione cospirativa e repubblicana e dall altro un respiro europeo con la fondazione nel 1866 dell Alleanza Universale repubblicana, in risposta tanto alle tensioni interne italiane successive alla III guerra d Indipendenza, quanto alla sfida per l egemonia sul movimento operaio internazionale lanciata da Karl Marx.

5 Ma, forse ancor più degli Internazionalisti, l autentico avversario individuato da Mazzini in quest ultima fase della sua vita, è l irenismo che anima il nascente movimento pacifista mondiale, accusato di proporre palliativi alla conflittualità internazionale, che non solo non metterebbero in discussione l ordine costituito, ma finirebbero per legittimare e rafforzare lo status quo. Mazzini esplicita in maniera netta la sua posizione in una lettera aperta ai partecipanti al Congresso della pace di Ginevra del 1867, in cui, contestando loro di remplacer le but par la conséquence, e di volere la pace e l association des Patries dimenticando la lutte inévitable necessaria per giungervi, riafferma con forza che il nuovo ordine democratico e pacifico internazionale non potrà che realizzarsi sur les ruines de tout Pouvoir existant. Mazzini rappresenta dunque, se non il fondatore, certo una fonte importante di quella corrente di pensiero e di azione, alternativa sia all internazionalismo socialista sia al pacifismo free-trader, che interpretava la pace non come un valore in sé ma come un obiettivo da raggiungere, possibile solo in un ordine nuovo basato sul superamento dell ancien régime dell anarchia internazionale da parte di stati nazionali, non solo democratici al proprio interno, ma disposti ad accettare il vincolo di un autorità superiore. Un filone di pensiero che, attraverso la pace dei liberi e forti di Ernesto Teodoro Moneta (l'unico premio Nobel per la Pace italiano) e i progetti utopici del presidente americano Wilson (la cui azione fu, come è noto, fortemente ispirata da Mazzini), avrebbe alimentato le correnti europeiste e federaliste europee dell antifascismo e della Resistenza, e sarebbe infine sfociato nella complessa architettura dell articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana che, al fin troppo noto primo paragrafo che proclama solennemente che L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali, ne affianca un secondo che ricorda come tale obiettivo ideale debba essere raggiunto consentendo in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni, e termina ricordando che la Repubblica promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. E non a caso uno dei padri della Costituzione, Piero Calamandrei, nel suo celebre Discorso sulla Costituzione del 27 gennaio 1955, rileggendo proprio l articolo 11, non poteva fare a meno di esclamare: Ma questo è Mazzini! Eutopia Magazine, Pietro Finelli is member of the National Commission for the publication of Giuseppe Mazzini s Writings and directed the Domus Mazziniana in Pisa since 2008 to He studied at University of Pisa, the Scuola Normale Superiore, the Sant Anna School of Advanced Studies, and the École des Hautes Études en Sciences Sociales, in Paris, where he also obtained a jointly supervised PHD degree in Political Sciences. Since 2008 to 2012 he was chercheur associé of the Jean-Baptiste Say Institut (Université Paris XII Val de Marne). He published many articles on the history of Risorgimento and of liberal Italy, among which, "È diventato un Dio". Santità, patria e rivoluzione nel "culto di Mazzini" ( ), in "Il Risorgimento", n. 22 of the Storia d Italia Einaudi, edited by A. M. Banti and P. Ginsborg, and Muncipalismo in Atlante culturale del Risorgimento, ed. by a. M. Banti, A. Chiavistelli, L. Mannori and M. Meriggi.

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino I rapporti fra politica e cultura nell esperienza

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni)

Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni) Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni) Ti invio queste mie ultime rose rosse che si muteranno in tante gocce di

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PRIMA LEZIONE IL TRATTATO COSTITUZIONALE EUROPEO. dopo i referendum in Francia e Olanda. Prospettive della Costituzione Europea

PRIMA LEZIONE IL TRATTATO COSTITUZIONALE EUROPEO. dopo i referendum in Francia e Olanda. Prospettive della Costituzione Europea PRIMA LEZIONE IL TRATTATO COSTITUZIONALE EUROPEO dopo i referendum in Francia e Olanda Prospettive della Costituzione Europea Dopo i NO di Francia e Olanda cosa succederà in Europa? = = = 0 = = = Il processo

Dettagli

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Problemi strutturali dell economia italiana nell ottocento o squilibri nel settore agricolo (aziende moderne al nord,

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano 1 2 3 Il periodo della storia dell'italia in cui l'affermarsi di una coscienza

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Villa d'este, Cernobbio 2, 3 e 4 settembre 2011 Riprodotto

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Parte Prima Il diritto ecclesiastico e i suoi principi 1 Quali sono i principali modelli di atteggiamento che storicamente gli Stati hanno assunto nei confronti del fenomeno religioso? L ordinamento statale,

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA. Competenze attese a livello di UdA

DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA. Competenze attese a livello di UdA MATERIA STORIA CLASSE 4 INDIRIZZO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento AFM,RIM,SIAEUCIP,TU R UdA n. 1 Titolo: Il 700 :ILLUMINISMO E RIVOLUZIONE AMERICANA Competenze attese a livello di UdA 1) Comprendere

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Rotary Club Salerno a.f. 1949

Rotary Club Salerno a.f. 1949 Saluti Nell assumere le insegne presidenziali del club Rotary Salerno, insegne che, per la prima volta nella storia del nostro club, vengono dalle mani di una gentile signora presidente, dalle mani della

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO L ORDINAMENTO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO ------------------------------------------------------ 3 2 L ORDINAMENTO

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

Riflessioni sull ammissibilità e rilevanza d istituti giuridici stranieri nell ordinamento giuridico italiano

Riflessioni sull ammissibilità e rilevanza d istituti giuridici stranieri nell ordinamento giuridico italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA SINTESI DI STORIA Vol. 2 In Italia studiamo soprattutto la STORIA OCCIDENTALE: cioè la storia dell Europa e di quei paesi non-europei (specialmente i paesi del Nord America), la cui cultura è più vicina

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Intervento del Direttore Operativo di Formez PA, Prof. Marco Villani al Seminario Politiche per la famiglia

Intervento del Direttore Operativo di Formez PA, Prof. Marco Villani al Seminario Politiche per la famiglia Intervento del Direttore Operativo di Formez PA, Prof. Marco Villani al Seminario Politiche per la famiglia tra cooperazione e accessibilità ai servizi: i nuovi progetti della Presidenza del Consiglio

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

L EUROPA PER I PICCOLI

L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università PROPOSTA PER LA DEFINIZIONE DI UN CORSO DI FORMAZIONE SULLA UE PER INSEGNANTI DELLA

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Panorama Internazionale

Panorama Internazionale Panorama Internazionale 22 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/2012 TAIWANRODOLFO BASTIANELLI LO STATUS INTERNAZIONALE DI PANORAMA INTERNAZIONALE 23 Uno dei temi politici più delicati che la Cina si è trovata

Dettagli

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Premessa Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Sezione Prima: L instabilità istituzionale 1. Cinque secoli in cinque anni 2.

Dettagli

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI IMPERIALISMO: definizione 1 (in senso più ampio) Espansione territoriale di uno stato a spese di altri stati o nazioni sui quali

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili?

a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? INTRODUZIONE: a) Democrazie e stati in via di sviluppo: due realtà inconciliabili? Il Novecento è stato uno dei secoli più contraddittori della storia dell umanità. Da un lato, abbiamo avuto, soprattutto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 592 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore COSSIGA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 GIUGNO 2006 Riconoscimento del diritto di autodeterminazione

Dettagli

PROCESSO AL LICEO CLASSICO

PROCESSO AL LICEO CLASSICO PROCESSO AL LICEO CLASSICO Andrea Ichino (European University Institute e Università di Bologna) Pubblico Ministero 14 novembre, 2014 A. Ichino (EUI) PROCESSO AL LICEO CLASSICO 14 novembre, 2014 1 / 23

Dettagli

Rileggendo Karl Polanyi

Rileggendo Karl Polanyi Università degli Studi di Ancona Dipartimento di Economia Rileggendo Karl Polanyi Antonio G. Calafati (Intervista condotta da Sergio Sinigaglia) Pubblicato in: Una Città, n. 73, dicembre 1998 by the author

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo

Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo 1 Benedetto Conforti Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo Non è facile descrivere sinteticamente i progressi che, pur tra non poche ombre, sono stati compiuti dal diritto internazionale

Dettagli

RAFFAELLA BIANCHI RIVA

RAFFAELLA BIANCHI RIVA RAFFAELLA BIANCHI RIVA Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Università degli Studi di Milano Via Festa del Perdono 7 20122 Milano raffaella.bianchi@unimi.it CURRICULUM VITAE 2003, Laurea

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

Costituzione e Cittadinanza

Costituzione e Cittadinanza ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERTOSA SCUOLA PRIMARIA DI GIUSSAGO Progetto Costituzione e Cittadinanza A.S. 2013 2014 Quest anno la scuola primaria di Giussago si è cimentata in un progetto che ha coinvolto,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

4 Convegno Ecclesiale Nazionale VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE

4 Convegno Ecclesiale Nazionale VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE 4 Convegno Ecclesiale Nazionale Testimoni di Gesù Risorto, speranza del mondo Verona, 16-20 ottobre 2006 VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli