UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Domenica, 06 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Domenica, 06 aprile 2014"

Transcript

1 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Domenica, 06 aprile 2014

2 Domenica, 06 aprile 2014 Prime Pagine 06/04/2014 Prima Pagina Il Sole 24 Ore 1 06/04/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) 2 06/04/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna 3 Enti locali 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 Il «tridente» per ritrovare la fiducia 4 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 MARIANO MAUGERI Trema Crotone nel giorno dell' Aquila 6 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 VITTORIO DA ROLD «Salario minimo, carcere per chi sgarra» 8 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 GIORGIO SANTILLI Le vie della ripresa 10 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 2 Renzi rassicura Bruxelles: una data per ogni riforma 12 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 DAVIDE COLOMBO «Sbagliato tornare a quelli lineari» 14 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 Indagine sugli emolumenti dell' Inpdap 16 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 MARCO ROGARI Le vie della ripresa 17 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 3 ROBERTO TURNO Lorenzin: non toccare la spesa sanitaria Altolà dalle Regioni 19 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 6 «Buona riforma o chiudere il Senato» 21 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 8 DOMENICO PALMIOTTI Opportunità dagli asset storici 23 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 9 ALESSIA MACCAFERRI Il turismo che crede nell' effetto Big data 24 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 10 Motori di costruzione di fiducia 26 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 15 ALESSANDRO GALIMBERTI Evasione, a rischio un contribuente su cinque 28 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 15 GIANNI BONVICINI Per la Ue un' agenda carica di obiettivi 30 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 15 GIANNI TROVATI, MARCO MOBILI Tasi sulle imprese, possibili aumenti del 20% 32 06/04/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 40 Il filo della nostra storia 34 Web 06/04/2014 Più Notizie Bassa Romagna Cronaca Lugo: al via la riqualificazione dell'area nord /04/2014 Più Notizie Bassa Romagna Politica Voltana, la sede della della Lista Civica Per la /04/2014 Più Notizie Bassa Romagna Cultura e Spettacoli Lugo, questo fine settimana al /04/2014 Lugonotizie.it Inaugurata la Meridiana dei Popoli a Lugo con la presentazione al Salone /04/2014 Lugonotizie.it "Prospettiva 2030" si presenta alle prossime elezioni comunali di Lugo 41 06/04/2014 Lugonotizie.it Roberto Reggi in visita a Lugo incontra Davide Ranalli, candidato Pd a /04/2014 Lugonotizie.it Il Lugo Opera Festival prosegue martedì 8 con Ivano Marescotti e il /04/2014 Lugonotizie.it Mercoledì 9 aprile iniziative nella scuola e nel nido d'infanzia a /04/2014 Lugonotizie.it Unione: scuole, presentato un piano per quasi 10 milioni di euro 48 06/04/2014 Lugonotizie.it Al centro culturale Carlo Venturini di Massa Lombarda al via "I /04/2014 Lugonotizie.it Domenica tutti a seminare il labirinto di Alfonsine 50 06/04/2014 Lugonotizie.it Aperta stamattina la pista ciclo pedonale di via Sammartina 51 06/04/2014 Lugonotizie.it Approvato Odg proposto da RC per le sedute in streaming delle sedute del... 52

3 06/04/2014 Lugonotizie.it Per Serantoni dei Verdi di Lugo in tempo di crisi la svolta economica deve /04/2014 Lugonotizie.it Lunedì 7 al via i lavori di riqualificazione delle aree esterne /04/2014 Lugonotizie.it Fratelli D'Italia Alleanza Nazionale appoggia la candidatura di Donatella /04/2014 Lugonotizie.it Il cantautore lughese Michele Fenati sarà il direttore artistico di /04/2014 Ansa Perotti, in Italia ci si vergogna di avere una barca 58 05/04/2014 ilfattoquotidiano.it di David Marceddu Massoneria, l' ultimo discorso di Raffi: "Impariamo da Papa Francesco" 59 05/04/2014 larepubblica.it (Bologna) Si sporcano, giocano, si bagnano: le mani dei bambini in mostra 61 05/04/2014 Ravenna24Ore.it R3 Lugo, al via la riqualificazione dell' area nord del Globo 62 05/04/2014 Ravenna24Ore.it R3 Amministrative Lugo, "Fratelli d' Italia" si schiera con Donatella /04/2014 Ravenna24Ore.it R3 Lugo, il Gruppo Nordic Walking "inaugura" la nuova pista in via /04/2014 Ravenna24Ore.it R1 La Teodora Ravenna ritorna alla vittoria 66 Il Resto del Carlino Ravenna 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 13 La passerella sul Lamone 68 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 21 PASSAGGIO A LIVELLO CHIUSO A S. AGATA SUL 69 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 21 MONTANARI LORENZA «Mio figlio abbandonato dalla supplente» La preside: /04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 21 Commercio: nuovo look al Globo, parte domani la riqualificazione aree /04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 21 SCARDOVI LUIGI Rintracciato l' autista sorpreso a "succhiare' gasolio per il tir 73 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 Villanova, c' è il mercatino del riuso "La soffitta in piazza' 74 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 Bagnacavallo, un tuffo nella natura: riapre il Podere Pantaleone 75 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 Alla Motosalsicciata di Voltana cross acrobatico e tanta musica 76 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 GIORDANI VALERIA Amici a 4 zampe e senza paura in grado di salvare persone 77 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 «Se vincerò le elezioni amministrative il medico Nerino /04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 MONTANARI LORENZA Nasce "Prospettiva 2030'. Primo impegno: rinnovare la cultura 79 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 Biciclette e balli di gruppo 80 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 26 MUSICA TANGO ARGENTINO AL CIRCOLO BRAINSTORM 81 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 26 CINEMA A BAGNACAVALLO DOCUMENTARIO SUL VILLAGGIO ENI 82 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 Fra L' Aquila e Mecnavi, gran finale per "Un paese' 83 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 Calzini spaiati, tutti da ridere Commedia al teatro Binario 84 Corriere di Romagna Ravenna 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 13 I produttori del Faentino in vetrina al Vinitaly 85 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 Ecco la Meridiana dei popoli: è stata completata 87 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 Parte la riqualificazione: previsti piazzetta, rotonda parcheggio e nuovo /04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 Ruba carburante da un camion posteggiato e rifornisce il proprio mezzo: /04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 BAGNACAVALLO 91 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 ALFONSINE 92 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 15 VILLANOVA 93 06/04/2014 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 32 DOMENICA 6 ALFONSINE. 94

4 La Voce di Romagna Ravenna 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 1 Il progetto Scuole Unione c' è un piano da 10 milioni 95 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 3 Nel convivio del poeta vignaiolo 96 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 Scuole Unione: c' è un piano da 10milioni 98 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 SCUOLA INAUGURAZIONI A VILLANOVA 99 06/04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 Passerella sul fiume Lamone Ravenna assegna l' appalto /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 Al via i lavori all' ipermercato Globo /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 "Impresa creativa" Tra business e creatività /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 Martedì Ivano Marescotti al Lugo Opera Festival /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 Ancora cinema a Palazzo Vecchio /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 32 Alfonsine Torna all' azienda Carlo Galassi il "Labirinto Effimero /04/2014 La Voce di Romagna Pagina 43 Carnevali il poeta che voleva l' America 106

5 Il Sole 24 Ore Prima Pagina 1

6 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Prima Pagina 2

7 La Voce di Romagna Prima Pagina 3

8 Pagina 1 Il Sole 24 Ore Enti locali CONTI, TAGLI, PRIVATIZZAZIONI. Il «tridente» per ritrovare la fiducia Guido Tabellini I Documenti di economia e finanza (Def) presentati dai governi degli ultimi anni sono una storia di promesse non mantenute. Ogni volta si preannunciava che l' anno successivo il debito pubblico avrebbe arrestato la sua corsa rispetto al reddito nazionale. E ogni volta l' obiettivo veniva spostato in avanti di un anno. In questo modo il debito è passato da circa il 118% del Pil nel 2010 a oltre il 132% del Pil a fine Succederà così anche stavolta? È questa la domanda principale che si stanno ponendo gli osservatori economici del nostro Paese. La svolta impressa all' azione del governo dal presidente Renzi non ha fugato questi dubbi. In poche settimane il nuovo governo è riuscito a ottenere risultati importanti, sia in campo economico che istituzionale. Ma le scelte difficili devono ancora venire, e i dubbi sulla sostenibilità del debito pubblico rimangono. Il Def che sarà approvato nei prossimi giorni è un' occasione importante per rispondere a questi interrogativi, e consolidare la fiducia nel futuro dell' economia italiana. Per raggiungere quest' obiettivo, bisogna evitare gli errori commessi in passato. Innanzitutto, il quadro macroeconomico deve essere credibile. Il Def presentato dal governo Letta si basava su previsioni di crescita che erano quasi il doppio rispetto al consenso internazionale (1% per il 2014 e 1,7% per il 2015, contro un consenso intorno a 0,5% per il 2014 e poco sopra l' 1% per il 2015). Queste stime vanno abbassate e rese plausibili. Gli effetti delle riforme sulla crescita sono ritardati, e anche in presenza di provvedimenti incisivi e innovativi non ci si può aspettare un' improvvisa accelerazione dell' economia italiana. È vero che nel frattempo i tassi di interesse sono scesi più del previsto, ma il sentimento dei mercati è volubile, e sappiamo bene che i tassi possono risalire anche più in fretta di come sono scesi. Per questo è importante che ci siano margini contro possibili sorprese negative. In secondo luogo, il Def è un' occasione per fare chiarezza su come il governo intende rispettare i vincoli di bilancio. Non solo indicando obiettivi generici, ma entrando nei dettagli. Rispetto al passato, questo governo ha il vantaggio di avere ereditato il lavoro appena concluso con la spending review. La domanda importante è in che misura il governo vorrà seguire le raccomandazioni del commissario Cottarelli. Non sono raccomandazioni facili da attuare. Tanto per cominciare, dei 34 miliardi di risparmi di spesa che il rapporto indica come recuperabili entro il 2016, 15 sono già impegnati per raggiungere Continua > 4

9 Pagina 1 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali gli obiettivi di bilancio precedentemente indicati, o per evitare ulteriori aumenti della pressione fiscale. La cifra effettivamente disponibile entro il 2016 per finanziare eventuali tagli di imposta scende quindi a poco meno di 20 miliardi. Non è molto, su una spesa al netto degli interessi di oltre 700 miliardi. Eppure, queste somme sono difficili da recuperare. Sia perché presuppongono che l' amministrazione sia capace di una grande efficienza nella micro gestione della spesa, ad esempio per risparmiare quasi il 25% sugli affitti pubblici, o per ridurre i costi della riscossione fiscale, o per calibrare i trasferimenti ai comuni in base ai costi standard e alla capacità fiscale. Sia perché le cifre indicate nella spending review includono voci spinose dal punto di vista politico, come tagli ai sussidi al trasporto pubblico locale e alla spesa in pensioni. Eppure, non ci sono alternative, se davvero il governo vuole ridurre la pressione fiscale e disporre di nuove risorse per altri programmi di spesa come i su ssidi di disoccupazione. Se il Def si limiterà a indicare obiettivi generici, anziché impegnarsi con chiarezza sulle priorità indicate nella spending review, vorrà dire che anche questa volta saran no promesse da marinaio. Infine, il Def dovrebbe fare luce sulle privatizzazioni. In questi giorni il governo è alle prese con il rinnovo di centinaia di amministratori di imprese controllate dallo Stato. Abbondano le indiscrezioni di stampa sui rifiuti di questo, sugli ammiccamenti di quello, sulla rottamazione di quell' altro. Nella migliore delle ipotesi, questa responsabilità politica è inutile. Nella peggiore, può essere fonte di errori o abusi. Le più importanti imprese partecipate dallo Stato sono soggette comunque al controllo della regolamentazione, che è uno strumento più efficace e trasparente della proprietà pubblica. Anche in questo campo il governo dovrebbe imprimere una svolta rispetto al passato, spiegando che il mantenimento del controllo non è più un obiettivo strategico, e annunciando con precisione una nuova stagione di privatizzazioni, inclusa la cessione di almeno una rete Rai. Il contesto internazionale è favorevole, e bisognerebbe approfittarne. Ma soprattutto, un rilancio delle privatizzazioni, a livello statale e locale, darebbe un segnale credibile che il Paese sta davvero cambiando, e che la politica è disposta a fare un passo indietro per lasciare più spazio all' iniziativa privata. Un quadro macroeconomico credibile, un ruolo centrale e dettagliato per la spending review, e una svolta nelle privatizzazioni. Sono questi i concetti chiave su cui ricostruire fiducia e credibilità. Se invece il Def si limiterà a impegni generici e alle solite simulazioni sul rientro del debito pubblico, saranno ancora una vo lta obiettivi disattesi. RIPRODUZIONE RISERVATA. 5

10 Pagina 1 Il Sole 24 Ore Enti locali A 5 ANNI DAL SISMA. Trema Crotone nel giorno dell' Aquila Mariano Maugeri La terra trema ma le coscienze dormono. L' Aquila, cinque anni dopo quei 309 morti, è una città irriconoscibile. A riacutizzare il dolore mai svanito ci pensano gli anniversari e le scosse che si susseguono più a sud: due giorni fa in Grecia, ieri nel Crotonese e a Reggio Calabria, 5,1 gradi Richter ed epicentro sempre nel mar Jonio (molta paura, nessun danno). In Abruzzo macerie materiali, macerie morali, macerie lessicali. Un terremoto lascia segni incancellabili nella morfologia di un territorio, nell' antropologia di un popolo e persino nel suo linguaggio. I codici linguistici sono stati rimpiazzati da una sequenza di acronimi (C.a.s.e., Map, Mus, Mep) mentre diritti e doveri si difendono a colpi di carta bollata. C' è una lotta costante, sottotraccia e tenace, tra chi detiene il potere decisionale e gli aquilani, spesso sfollati o avvolti tra le nuvole dei detriti, che malgrado tutto giochi contro di loro continuano a rivendicare regole, progettualità, metodo. A cinque anni da quel devastate terremoto non esiste neppure un piano di prevenzione, se si eccettua una serie di fogli chiusi a chiave in uno dei cassetti di Palazzo di città. Mai, in questi interminabili anni, gli aquilani sono stati chiamati a un' esercitazione per verificare il funzionamento della protezione civile comunale. Omissione, rimozione e dilazione sono le tre parole che hanno rallentato all' infinito la ricostruzione. Il piano urbanistico non esiste, se si eccettua un piano regolatore del lontano 1975, flagellato peraltro da una serie alluvionale di deroghe scaturite dall' emergenza del dopo terremoto. Renzo Piano è stato chiamato all' Aquila solo per disegnare l' auditorium e poi congedato come un visitatore qualsiasi. Gli si poteva affidare il disegno della città. Non sia mai, l' Aquila preferisce fare, o non fare, da sé. Dell' incongruenza si è pure accorto il Tar regionale, che in una sentenza di neppure due settimane fa ha ordinato al Comune di ripianificare l' intero territorio comunale ai sensi di una legge che coerentemente lo obbligava a procedere alla riscrittura dello strumento urbanistico. Dieci miliardi sono stati bruciati per innalzare le 19 new town e gli interventi d' emergenza. Poi c' è lo scandalo dei puntellamenti, 400 milioni affidati dai dirigenti municipali alle ditte prescelte con chiamata diretta e senza gara, un po' l' emblema dell' anarchia che ha regnato al Comune dell' Aquila. Il sindaco Massimo Cialente, dopo le inchieste della magistratura che hanno spinto alle dimissioni il suo vice, Roberto Riga, ha nominato vice sindaco l' ex capo della Procura di Pescara Nicola Trifuoggi, dal quale, a oltre due Continua > 6

11 Pagina 1 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali mesi dall' insediamento, si attende il primo atto in nome della trasparenza. Il resto è fatto da un consiglio comunale di uomini c' è una sola donna e di età media piuttosto avanzata. La squadra di governo non è da meno: in equilibrio con i dettami del manuale Cencelli e refrattaria a ogni innesto di tecnici o professionalità esterne. La ricostruzione è cosa nostra, è il messaggio implicito del primo cittadino. Le 309 vittime, tra le quali 55 studenti dell' università dell' Aquila, appartengono invece alla memoria collettiva di un Paese intero. Il loro nome è, o dovrebbe essere, mai più. Mariano Maugeri RIPRODUZIONE RISERVATA. MARIANO MAUGERI 7

12 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali L' incontro di Cernobbio. Il viceministro Morando annuncia anche una norma sulla rappresentanza sindacale. «Salario minimo, carcere per chi sgarra» SPENDING REVIEW Carlo Cottarelli conferma l' intervento da 32 miliardi con un piano di performance budgeting per migliorare l' efficienza della Pa. Vittorio Da Rold Marco Ferrando CERNOBBIO. Dai nostri inviati «Una legge sul salario minimo, che preveda il carcere per chi non lo concede». Chiamato a Cernobbio a parlare delle riforme che servono all' Italia nell' ambito del Workshop Ambrosetti, Enrico Morando tira la sassata alla fine del suo intervento: dopo aver illustrato l' agenda del governo Renzi e ricordato la stabilità al 2018 e anche oltre necessaria ad attuarla, il vice ministro all' Economia apre una finestra su «un' altra riforma che ha un' assoluta centralità soprattutto adesso che c' è l' accordo tra le parti sociali per misurare la rappresentanza». Quale? Una legge destinata a «rivoluzionare le relazioni sindacali», di fatto capovolgendo l' attuale schema della contrattazione attraverso tre pilastri: salario minimo, con tanto di «galera» a chi non lo garantisce, un contratto nazionale che agisca solo «per default», ovvero là dove sul territorio non si è stati in grado di fare accordi di secondo livello, che rappresentano il terzo pilastro. L' obiettivo è ambizioso, ma cruciale nella corsa al recupero della competitività perduta perché «così possiamo finalmente salvare la produttività, spostando la contrattazione nel luogo dove la produttività si può misurare davvero». Certamente la proposta del vice ministro farà discutere e non si faranno aspettare le reazioni delle parti sociali. Così come sull' altro tema caldo affrontato ieri a Villa d' Este, quello della spending review, vista anche la presenza del commissario straordinario Carlo Cottarelli. Sospeso, di fatto, il giudizio finché non verranno svelate le cifre, ieri a Cernobbio ci si è interrogati sulla tenuta della manovra («Dovremo avere la forza politica per reggere la reazione difensiva di quei larghi settori legati alla difesa delle dimensioni della spesa pubblica e alla sua scarsa qualità», ha detto al riguardo Morando) e sul lavoro tecnico fin qui svolto dallo stesso Cottarelli. Che ieri a Cernobbio ha fatto il punto sul percorso iniziato il 22 ottobre scorso, su sollecitazione dell' ex ministro dell' Economia, Fabrizio Saccomanni («Non so se ringraziarlo...», ha scherzato ieri Cottarelli). Il commissario ha spiegato alla platea composta dai rappresentanti della finanza e dell' economia italiana che oggi l' Italia ha una tassazione sul lavoro di due punti percentuali maggiore della media dei Continua > 8

13 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali suoi partner europei e che per ridurre questo gap fiscale occorrono 32 miliardi di euro nel triennio. Proprio quanto punta a recuperare la proposta complessiva della spending review del commissario straordinario, le cui raccomandazioni tecniche al governo Renzi sono state presentate l' 11 marzo. La proposta è articolata su tre fasi: la prima riguarda il reperimento delle risorse per ridurre il cuneo fiscale dove Cottarelli, ex funzionario dell' Fmi per le politiche fiscali, ha proposto tra l' altro di ridurre il numero dei centri di acquisto della Pubblica amministrazione dagli attuali 32mila a complessivi. In questa fase è chiaro che tutti i settori pubblici, nelle varie articolazioni territoriali e societarie, sono chiamati alla riduzione di spesa. Cottarelli è poi passato a illustrare la seconda fase, che dovrebbe partire il prossimo primo maggio e che prevede una sforbiciata delle 103 Commissioni tributarie e Ragionerie dello Stato, e delle 109 Agenzie delle Entrate, che in futuro potranno superare il criterio dell' articolazione provinciale. Cottarelli ha, inoltre, proposto di digitalizzare la Pubblica amministrazione. Quanto agli esuberi, «nessuno ha mai parlato di licenziamenti»: ci sono altre opzioni. Infine il commissario alla spending review è passato a descrivere la terza fase: quella che ha chiamato del performance budgeting, che da fine 2014 avrà lo scopo non solo di ridurre i costi ma di migliorare anzitutto efficienza e ricadute dei processi, in una sorta di cantiere permanente che vedrà costantemente monitorate le singole iniziative, in modo da replicare le migliori e archiviare le più avare di risultati. Questa nuova impostazione è già stata sperimentate con successo in Gran Bretagna, Olanda, Nuova Zelanda e Austria. «Per aspera ad astra», ha chiosato il commissario citando il motto di Seneca: «Le asperità le avremo di sicuro, speriamo di arrivare presto alle stelle». RIPRODUZIONE RISERVATA La frenata delle opere pubbliche RETI Ferrovia veloce Napoli Bari Tra le opere prioritarie che il Governo vuole accelerare con l' utilizzo dei fondi strutturali europei c' è la linea veloce tra Napoli e Bari, considerato asse fondamentale della rete ferroviaria ad alta velocità del Mezzogiorno Spesa delle amministrazioni per investimenti fissi lordi Dati in % del Pil Fonte: Elaborazione Ance su dati Eurostat e nota di aggiornamento al Def LEGGE OBIETTIVO Ricognizione sui piani Il progetto del ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, è di una ricognizione dai vari piani in corso con una maggiore attenzione alle città. «Riformeremo la legge obiettivo ha detto dando meno attenzione alle reti e più ai nodi» SEMPLIFICAZIONI Nuove misure Il governo dovrebbe varare un nuovo pacchetto di misure di semplificazione amministrativa che prevedono, tra l' altro, l' omogeneizzazione della modulistica per la Scia. Previsto anche uno snellimento delle procedure Cipe LEGGE URBANISTICA Oltre l' immobilismo Obiettivo di medio lungo termine è poi la riscrittura della legge urbanistica che risale al Tra l' altro si punterebbe all' introduzione della perequazione fiscale come base per lo spostamento di diritti edificatori sul territorio. VITTORIO DA ROLD 9

14 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali Le vie della ripresa IL DEF IN ARRIVO Sei miliardi per rilanciare i cantieri Nel «Def infrastrutture» nuova legge obiettivo e riforma urbanistica per attuare il titolo V Cipe veloce CORSIA PREFERENZIALE Con la riforma costituzionale le competenze torneranno al centro e sarà possibile fare riforme tenute ferme per decenni dalle Regioni. Giorgio Santilli ROMA Lo 0,3% del Pil, pari a 6 miliardi l' anno, per finanziare infrastrutture grandi e piccole nel prossimo triennio. È quanto prevede il cosiddetto «Def infrastrutture», l' allegato al Documento di economia e finanza previsto dalla legge per fare il punto su stato dell' arte e fabbisogni finanziari della politica infrastrutturale nazionale. Il documento andrà al Consiglio dei ministri di martedì insieme al Def e al Programma nazionale delle riforme. Tra le opere prioritarie che il governo vuole accelerare e finanziare, anche con l' aiuto dei fondi strutturali europei e del Fondo sviluppo e coesione (l' ex Fas), spicca la ferrovia veloce fra Napoli e Bari che diventerà l' asse fondamentale della rete ferroviaria ad alta velocità nel Mezzogiorno. Più in generale, nel documento c' è una ricognizione dei vari piani infrastrutturali in corso, con l' esigenza di nuove risorse per ciascuno. Il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, aveva anticipato nei giorni scorsi una maggiore attenzione alle città. «Riformeremo la legge obiettivo dando meno attenzione alle reti e più attenzione ai nodi», aveva detto in un' intervista al Sole 24 Ore il 16 marzo scorso. Questo estende la possibilità di accedere a procedure accelerate per opere che finora ne sono rimaste fuori. Il «Def infrastrutture», che è redatto a quattro mani dai ministeri delle Infrastrutture e dell' Economia, prevede infatti anche il capitolo delle riforme necessarie per accelerare la crescita su cantieri e città. Capitolo particolarmente ricco quest' anno per due ragioni. Anzitutto, perché quello delle semplificazioni è uno dei temi che il governo ritirerà fuori nelle prossime settimane, con un nuovo provvedimento di taglio meno "burocratico" e più innovativo rispetto a quelli adottati in passato. In secondo luogo perché le riforme nel campo del "governo del territorio" daranno sostanza (e attuazione al tempo stesso) al nuovo titolo V della Costituzione che il governo ha proposto nel disegno di legge approvato sette giorni fa in Consiglio dei ministri. Il ritorno allo Stato delle competenze esclusive in settori come le infrastrutture strategiche nazionali, la legge quadro urbanistica e il testo unico per l' edilizia privata, consentirà di fissare regole nuove che non dovranno subire i rallentamenti o gli stop dovuti ai conflitti o alle mediazioni con le Regioni. Continua > 10

15 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali Al tempo stesso la competenza «esclusiva» dovrebbe dare maggiore uniformità alle regole per la costruzione anche sotto il profilo autorizzativo, eliminando gli "spezzatini" regionali. La stessa ministra per la Funzione pubblica, Marianna Madia, nei giorni scorsi, nel corso di una audizione al Senato, ha spiegato che uno degli obiettivi della nuova fase delle semplificazioni sarà una "omogeneizzazione" dei modelli oggi utilizzati per la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) sul territorio italiano. Non parliamo della legge urbanistica, che Lupi ha già detto di voler riscrivere, rompendo un immobilismo che dura dall' ultima legge in materia, quella del Tutti i tentativi fatti finora di riformare quel testo, introducendo nella legislazione nazionale strumenti ormai usati a livello di singole regioni (come la divisione fra un piano strutturale e un piano operativo o l' introduzione della perequazione fiscale come base per lo spostamento di diritti edificatori sul territorio) si sono scontrati con la difesa delle regioni delle proprie prerogative. Un paletto destinato a cadere se passerà la riforma costituzionale di Renzi. Intanto il ministero sta già lavorando alla prima delle semplificazioni, quella che riguarda le procedure del Cipe, il comitato interministeriale per la programmazione economica che ha competenze sulla distribuzione dei fondi per le infrastrutture. Il nodo resta quello dell' iter di pubblicazione delle delibere a valle delle decisioni del comitato: il tempo medio supera i tre mesi, ma in passato anche per le resistenze del ministero dell' Economia si sono toccate punte di un anno e mezzo. RIPRODUZIONE RISERVATA. GIORGIO SANTILLI 11

16 Pagina 2 Il Sole 24 Ore Enti locali Il Pnr per la Commissione Ue. Nel cronoprogramma l' indicazione dei tempi per ogni intervento e una stima del relativo impatto sulla crescita del Pil. Renzi rassicura Bruxelles: una data per ogni riforma APPROVAZIONE A BREVE Il Piano nazionale di riforma, insieme al Documento di economia e finanza, approderà martedì al Consiglio dei ministri GLI OBIETTIVI 2014 Il governo ribadisce il rispetto dei limiti e degli impegni con la Ue: il rapporto deficit Pil sarà al 2,6%, la crescita allo 0,8% Dino Pesole ROMA Un pacchetto di riforme in stile «cronoprogramma», con l' indicazione dei tempi di realizzazione per ogni intervento e la stima dei relativo impatto, in termini di incremento potenziale del Pil. Il Piano nazionale di riforma, che accompagna il Documento di economia e finanza, è sostanzialmente pronto per l' approvazione martedì da parte del Consiglio dei ministri. Documento programmatico di rilievo, proiettato su un orizzonte di legislatura, cui Bruxelles guarda con molta attenzione in vista delle raccomandazioni che rivolgerà al nostro Paese nel prossimo giugno. Vi è contenuta l' intera strategia di politica economica che il governo intende realizzare nel prossimo triennio, sulla base del nuovo quadro previsionale contenuto nel Def e dell' aggiornamento del Programma di stabilità, anch' esso allegato ai documenti in via di approvazione. Il Pnr prende le mosse da una dettagliata introduzione in cui si riassumono gli impegni che l' esecutivo intende perseguire, quanto a riforme strutturali, nei diversi settori d' intervento: mercato del lavoro, con il Jobs act (decreto già approvato e legge delega), riforma del sistema fiscale da affidare al Ddl delega già approvato dal Parlamento, cui sarà annesso il timing per il varo dei primi decreti legislativi. Poi la manovra sull' Irpef (10 miliardi a regime da distribuire ai redditi fino a euro mensili) e sull' Irap, e il profilo triennale entro cui si dispiegherà l' azione della spending review, così da conseguire almeno 32 miliardi di risparmi nel Segue il capitolo degli investimenti cui è annesso il «totale smaltimento dei debiti pregressi della Pa», da realizzare entro il prossimo autunno. Infine, i capitoli della giustizia, dell' ammodernamento della Pa e delle semplificazioni del procedimento amministrativo, delle riforme istituzionali e costituzionali (dalla legge elettorale al superamento del bicameralismo paritario) cui è affidato il compito di snellire l' intero procedimento legislativo. Continua > 12

17 Pagina 2 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali L' aspetto delle coperture, decisivo per il varo dell' imminente decreto sull' Irpef, replica nel Pnr l' impianto esposto nel Def. Particolare enfasi è posta sulla necessità di finanziare gli interventi di riduzione della pressione fiscale attraverso il riordino strutturale della spesa pubblica. Alla spending review il compito di agire sulle modalità stesse di formazione della spesa, con effetti crescenti man mano che le singole misure saranno effettivamente realizzate. In primo piano la spesa per acquisto di beni e servizi delle amministrazioni pubbliche, ma anche la razionalizzazione delle tax expenditures e l' intervento sul fronte degli incentivi alle imprese. Il tutto, secondo il format europeo, con annessi dunque i target nazionali in direzione degli obiettivi fissati dalla Strategia europea 2020, lo stato attuale di utilizzazione dei fondi strutturali e del rispetto delle raccomandazioni ricevute dalla Commissione europea e approvate dal consiglio Ecofin. Nella premessa al Pnr il governo ribadisce l' impegno al rispetto dei vincoli fissati in sede europea, per quel che riguarda il target dell' indebitamento netto strutturale e del debito pubblico. Il deficit nominale dovrebbe ridursi dal 2,6% previsto nel 2014 fino allo 0,5% del Si punta con decisione su un incremento del Pil dello 0,8% indotto dalle riforme indicate nel documento, così da assicurare che la riduzione del debito avvenga attraverso la via maestra dell' incremento del denominatore. La sostenibilità di medio periodo dei conti pubblici dovrebbe altresì essere garantita sia dalla riduzione della spesa in conto interessi (grazie al calo dello spread) che dall' avanzo primario, che è previsto attestarsi nei dintorni del 4 5% del Pil nel RIPRODUZIONE RISERVATA I NUMERI +0,8% Stima Pil 2014 Nel Documento di economia e finanza saranno inserite le nuove stime sul prodotto interno lordo. Rispetto al +1,1% ipotizzato dal governo Letta per l' anno in corso si dovrebbe adottare una stima più prudente, +0,8%, più in linea con i principali organismi internazionali 2,6% Il rapporto deficit Pil L' altro parametro fondamentale dei conti pubblici, il rapporto deficit Pil, dovrebbe rimanere in linea con le ultime previsioni: dopo il 3% toccato nel 2013, per l' anno in corso si dovrebbe confermare il 2,6% del 2014, per poi scendere, fino al 0,5% del

18 Pagina 3 Il Sole 24 Ore Enti locali INTERVISTAFrancesco BocciaPresidente commissione Bilancio Camera. «Sbagliato tornare a quelli lineari» «Servono interventi dal chiaro segno redistributivo. O si rischia. Davide Colombo ROMA La componente di tagli lineari che si prefigura tra le coperture del decreto Irpef potrebbero avere un pesante effetto deflattivo. Per evitarlo serve una manovra «di chiara portata redistributiva, altrimenti noi qui ammazziamo il cavallo, atterriamo la già fragile ripresa in corso». Parla Francesco Boccia, 46 anni, presidente della Commissione Bilancio della Camera, l' organismo parlamentare che per primo dovrà esaminare sia il Def sia il decreto in preparazione. Presidente, lei conferma la portata degli interventi in preparazione? Si parla di tagli fino a 5 miliardi sulla spesa corrente per la parte restante dell' anno. Il rischio di innescare una spirale deflattiva è altissimo. Per questo dico che dobbiamo evitare tagli fatti come nel recentissimo passato. Siamo a un passo dalla deflazione, lo è l' eurozona. Ma il nostro Paese sconta una vulnerabilità maggiore. L' intervento, annunciato da Mario Draghi, di allargamento della base monetaria con misure non convenzionali per mille miliardi lo conferma. Bisogna agire con il massimo di selettività e, ripeto, con l' obiettivo di ottenere effetti chiaramente redistributivi. Una manovra redistributiva. Ma come? Faccio qualche esempio: sugli stipendi del pubblico impiego serve un patto politico. I tagli progressivi per tre anni devono interessare solo il 15% che si trova sopra i 70 75mila euro lordi. Metà dei risparmi, 1 1,2 miliardi, per le coperture Irpef e il resto per finanziare l' operazione della staffetta generazionale, come l' ha chiamata il ministro Madia, con un ricambio di personale vero. Nel patto bisogna prevedere un posticipo di 4 5 anni per il pagamento del trattamento di fine rapporto, quando gli interessati maturano i requisiti pensionistici pieni. E aggiungo: il prelievo triennale progressivo deve valere per tutte le società controllate e tutte le authority, Bankitalia compresa, altrimenti non ci siamo con i numeri. Sulla sanità si può arrivare a 2 miliardi? Si deve garantire una riqualificazione della spesa che, come dimostrano i risultati della nostra indagine conoscitiva, è costantemente danneggiata dai tagli lineari. Se arrivano 80 euro in busta paga e nuovi ticket indiscriminati non va bene. Continua > 14

19 Pagina 3 < Segue Il Sole 24 Ore Enti locali Si annunciano minori trasferimenti anche agli organi costituzionali. Bene. Ma fuori dalla demagogia. Io riproporrò il passaggio dei trattamenti pensionistici pagati da questi organi a un fondo di gestione Inps. Così scopriremo che il costo di funzionamento della Camera scende immediatamente di oltre un terzo. Dopo l' Irpef arriverà il taglio del 10% dell' Irap. Esatto. E in quel caso bisogna coprirlo con la totale cancellazione degli incentivi alle imprese come li abbiamo visti funzionare fino a oggi: vanno aboliti tutti i bandi ministeriali e regionali. Anche qui serve una logica redistributiva: non dare qualcosa a chiunque e in tutti i settori, che poi significa premiare solo certe grandi industrie, ma solo crediti d' imposta automatici a chi investe in ricerca e sviluppo o a chi fa nuove assunzioni. Si deve avere il coraggio di realizzare un' operazione di grande rottura. E il prelievo sulle rendite? Sarebbe più corretto usarlo per coprire l' Irpef, non l' Irap: quella è giusta redistribuzione. L' intervento va accompagnato dall' abolizione dell' imposta di bollo sui conti titoli dello 0,2% che pagano soprattutto i piccoli risparmiatori, i nettisti. In quel caso l' aumento di aliquota dovrebbe fermarsi al 23%, non al 26%. Comunque il gettito di 2,6 miliardi è RIPRODUZIONE RISERVATA. DAVIDE COLOMBO 15

20 Pagina 3 Il Sole 24 Ore Enti locali CORTE DEI CONTI. Indagine sugli emolumenti dell' Inpdap Gli emolumenti corrisposti dall' Inpdap a geometri, ingegneri e architetti per le perizie tecnico estimative legate alla concessione di mutui ipotecari agli iscritti dell' istituto di previdenza dei lavoratori della Pa non venivano sottoposti al pagamento delle imposte e dei contributi previdenziali. A scoprire il sistema, per un importo complessivo di circa 1,5 milioni a favore di oltre 30 professionisti, un' indagine interna dell' Inps nel corso dell' integrazione dei due istituti. Sulla vicenda sta indagando la procura del Lazio della Corte dei Conti per accertare eventuali danni erariali. RIPRODUZIONE RISERVATA. 16

COMUNE DI ANZOLA Domenica, 06 aprile 2014

COMUNE DI ANZOLA Domenica, 06 aprile 2014 COMUNE DI ANZOLA Domenica, 06 aprile 2014 Domenica, 06 aprile 2014 Cultura e turismo 06/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 22 L' ex chiesa di San Francesco svela gli antichi splendori 1

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

In arrivo le nuove misure previste dalla Legge di Stabilità: dalle tasse sulla casa alla sicurezza

In arrivo le nuove misure previste dalla Legge di Stabilità: dalle tasse sulla casa alla sicurezza In arrivo le nuove misure previste dalla Legge di Stabilità: dalle tasse sulla casa alla sicurezza Cambia ancora la legge di Stabilità. A un passo dal traguardo, durante l esame in aula alla Camera, il

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 435 AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 30 Ottobre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Documento del. Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Documento del. Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Documento del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro sul disegno di legge di stabilità 2016 (AS 2111) per l audizione presso le Commissioni congiunte bilancio del Senato della Repubblica e della

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta 605 www.freenewsonline.it www.freefoundation.com i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Con il decreto 101 del 31 agosto, il governo ha avviato

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

La legge di stabilità 2016

La legge di stabilità 2016 La legge di stabilità 2016 26 ottobre 2015 Presentazione a cura del Senatore Giorgio Santini www.giorgiosantini.it giorgio.santini@senato.it 1. Introduzione Il contesto macroeconomico - stima aumento PIL

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426

AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 CAMERA DEI DEPUTATI VII COMMISSIONE CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE AUDIZIONE INFORMALE AC. 2426 DECRETO LEGGE MAGGIO 2014, N. 83 (DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO

Dettagli

DEF 2012. Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma. Governo Italiano. 18 Aprile 2012

DEF 2012. Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma. Governo Italiano. 18 Aprile 2012 DEF 2012 Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma Governo Italiano 18 Aprile 2012 Indice Finanze pubbliche in equilibrio verso una crescita più solida Il Programma di Stabilità - Obiettivi

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITÀ. www.governo.it

LA LEGGE DI STABILITÀ. www.governo.it LA LEGGE DI STABILITÀ INTERVENTI PER PERSONE, FAMIGLIE, SOCIETÀ INTERVENTI PER LE IMPRESE INVESTIMENTI LA SERVICE TAX IL COFINANZIAMENTO DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 INTERVENTI PER PERSONE,

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

DIMEZZAMENTO IRES. Nota esplicativa. Il dettaglio della nostra proposta

DIMEZZAMENTO IRES. Nota esplicativa. Il dettaglio della nostra proposta Un Italia che intenda uscire dal tunnel della crisi e porre fine all emergenza occupazionale ha bisogno di una cura shock che riduca drasticamente il peso del fisco, divenuto ormai insostenibile per imprese

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014 RASSEGNA STAMPA Sabato, Il Sole 24 Ore 1 Partecipate avanti, sanità alt La Repubblica 1 Fecondazione eterologa via libera in Liguria Cerchiamo donatori ticket in base al reddito Il Secolo XIX 1 Eterologa,

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA UNA PRIMA LETTURA DEL CONTENUTO DEL DECRETO La manovra economica prevede il pareggio di bilancio nel 2014. Il decreto, concordato con l Europa, corregge i conti pubblici per circa 48 miliardi e di questi

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì, 26.03.2015. Il Sole 24 Ore 1 Stretta sulle stazioni appaltanti

RASSEGNA STAMPA. Giovedì, 26.03.2015. Il Sole 24 Ore 1 Stretta sulle stazioni appaltanti RASSEGNA STAMPA Giovedì, 26.03.2015 Il Sole 24 Ore 1 Stretta sulle stazioni appaltanti Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Statali via libera ai licenziamenti. Cambiano i concorsi 2 La sforbiciata delle partecipate

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 760 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 10 Settembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2015

LA LEGGE DI STABILITA 2015 LA LEGGE DI STABILITA 2015 Ecco le principali novità della Manovra varata dal Governo SLIDE ILLUSTRATIVE salvo modifiche al testo finale. La manovra quest anno vale 29,6 miliardi di euro. LE RISORSE -14,6

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

06.07.11. Italia, luglio 2011

06.07.11. Italia, luglio 2011 Italia, luglio 2011 0. PREMESSA. Pareggio di bilancio e patto sui contratti di lavoro, decisi la settimana scorsa, a poche ore di distanza l uno dall altro, danno l idea di un Italia che, come sempre nei

Dettagli

RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014

RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014 RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014 SPENDING REVIEW Spending review: nel pubblico 85mila esuberi e la sfida della mobilità. Dipedenti pubblici. Sugli stipendi Pa spunta il taglio oltre i 60mila euro.

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

NOTIZIE 21 Dicembre 2015

NOTIZIE 21 Dicembre 2015 NOTIZIE 21 Dicembre 2015 Governo Dipe Cipe Fsc Economia Edilizia Scolastica Politiche di Coesione Cantieri in Comune Consiglio dei Ministri n. 97 20 Dicembre 2015 Il Consiglio dei ministri, riunitosi oggi,

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO

LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO 478 LA LEGGE DI STABILITA 2014-2016: IL MAXIEMENDAMENTO DEL GOVERNO 29 novembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

Ridurre la burocrazia per far ripartire lo sviluppo urbano

Ridurre la burocrazia per far ripartire lo sviluppo urbano C E N S I S Ridurre la burocrazia per far ripartire lo sviluppo urbano Workshop riservato Roma, 10 settembre 2014 INDICE 1. Dalla burocrazia colpo di grazia per edilizia e trasformazioni urbane Pag. 1

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

IL PREMIER GIOCA D AZZARDO

IL PREMIER GIOCA D AZZARDO 855 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL PREMIER GIOCA D AZZARDO MA DOVRÀ RIFARE LA MANOVRA Editoriale de Il Giornale, 28 aprile 2014 28 aprile 2014 a cura di Renato Brunetta 2 Il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23

Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23 1 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 38 2 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 38 3 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 27 4 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 36 5 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 36 6 Venerdì 10 Luglio

Dettagli

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega 7 luglio 2014 Rivolgo i miei ringraziamenti all'aidp (Associazione Italiana per la direzione del personale) e all'intoo per l'opportunità che

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Marco Causi Capogruppo PD Commissione Finanze Camera dei Deputati

Marco Causi Capogruppo PD Commissione Finanze Camera dei Deputati Associazione Nazionale Società Emettitrici Buoni Pasto AUMENTARE I BUONI PASTO PER AUMENTARE I CONSUMI Adeguamento dei buoni pasto: una misura coerente con le politiche di riduzione del cuneo fiscale Marco

Dettagli

LA MANOVRA DI FINANZA PUBBLICA PER IL 2014

LA MANOVRA DI FINANZA PUBBLICA PER IL 2014 LA MANOVRA DI FINANZA PUBBLICA PER IL 2014 Roma, febbraio 2014 LA MANOVRA DI FINANZA PUBBLICA PER IL 2014 Lo scenario europeo Le previsioni della Commissione Europea dello scorso novembre 2013 prefigurano

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L evoluzione del voto europeo in Italia. Rilevazione 5 Maggio 2014

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L evoluzione del voto europeo in Italia. Rilevazione 5 Maggio 2014 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L evoluzione del voto europeo in Italia Rilevazione 5 Maggio 2014 Ripresa della FIDUCIA nel futuro Riprende la speranza: si crede nel cambio di passo e nella ripresa economica

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Il bollettino di guerra dopo la legge di stabilità 2014 Le nuove indicizzazioni

Dettagli

EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI

EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI Una bella notizia perché i cittadini potranno contare su reti e strutture sanitarie più efficienti e sicure e altamente tecnologiche.

Dettagli

Agevolazioni fiscali, bilancio delle tax expenditures e politica tributaria: il caso italiano (2)

Agevolazioni fiscali, bilancio delle tax expenditures e politica tributaria: il caso italiano (2) PROFILI ISTITUZIONALI Agevolazioni fiscali, bilancio delle tax expenditures e politica tributaria: il caso italiano (2) Franco Fichera SOMMARIO: 1. Le azioni e gli strumenti predisposti dal governo Monti

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il nuovo patto di stabilità e i vincoli per gli enti locali. ANTONIO MISIANI Deputato Commissione bilancio Camera Firenze, 13 febbraio 2015

Il nuovo patto di stabilità e i vincoli per gli enti locali. ANTONIO MISIANI Deputato Commissione bilancio Camera Firenze, 13 febbraio 2015 Il nuovo patto di stabilità e i vincoli per gli enti locali ANTONIO MISIANI Deputato Commissione bilancio Camera Firenze, 13 febbraio 2015 La congiuntura: luci in fondo al tunnel? Economia: dopo un 2014

Dettagli

Valutazione Uil sul Decreto Legge 19.6.2015 n.78 relativo agli enti locali a cura del Servizio Politiche Contrattuali Pubblico Impiego

Valutazione Uil sul Decreto Legge 19.6.2015 n.78 relativo agli enti locali a cura del Servizio Politiche Contrattuali Pubblico Impiego Valutazione Uil sul Decreto Legge 19.6.2015 n.78 relativo agli enti locali a cura del Servizio Politiche Contrattuali Pubblico Impiego E stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n.140 del 19-6-2015 Suppl.

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Le prospettive di applicazione del federalismo

Le prospettive di applicazione del federalismo Le prospettive di applicazione del federalismo Alberto Zanardi Convegno Banca d Italia «Attuazione e prospettive del federalismo fiscale» Roma, 25 novembre 2015 1 Federalismo fiscale e consolidamento dei

Dettagli

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Nei passati 15 anni i lavoratori dipendenti hanno lasciato al fisco 6.738 euro cumulati di potere d acquisto

Dettagli

Nota di sintesi per la stampa Dati maggio 2010

Nota di sintesi per la stampa Dati maggio 2010 Nota di sintesi per la stampa Dati maggio 2010 OSSERVATORIO FENEAL-UIL/CRESME Antonio Correale, Segretario Generale FeNEAL UIL: La crisi non è affatto finita nell edilizia. Per il 2010 previsioni nere:

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede. in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e. TASI) e Riforma delle Pensioni

In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede. in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e. TASI) e Riforma delle Pensioni In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e TASI) e Riforma delle Pensioni In arrivo tra meno di due mesi la prossima manovra finanziaria,

Dettagli

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014 Segreteria Ordine Architetti L'Aquila Da: Segreteria Ordine Architetti L'Aquila [infolaquila@archiworld.it] Inviato: lunedì 7 aprile 2014 10:21 A: 'arch.m.bruno@virgilio.it' Oggetto: I: [Inu - Istituto

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Forum P.A. - 10 maggio 2006 STEFANO PARISI Amministratore Delegato Fastweb S.p.A. Nella mia esperienza precedente ho lavorato nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI

IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI 17 ottobre 2014 A cura di : sen. Magda Zanoni QUADRO NORMATIVO COMPLESSO MOLTA BUONA VOLONTA, MOLTA VOGLIA DI FARE MOLTE NORME BUONE

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Dossier sulla Legge di Stabilità e Bilancio. a cura di Vincenzo Menna e Marta Simoni

Dossier sulla Legge di Stabilità e Bilancio. a cura di Vincenzo Menna e Marta Simoni Dossier sulla Legge di Stabilità e Bilancio a cura di Vincenzo Menna e Marta Simoni Novembre 2013 Indice Premessa Cos è la legge di Stabilità L iter legislativo I principali contenuti della legge di Stabilità

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Guida alla Manovra di finanza pubblica 2009-2011 (DL n.112/2008, convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133)

Guida alla Manovra di finanza pubblica 2009-2011 (DL n.112/2008, convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133) Guida alla Manovra di finanza pubblica 2009-2011 (DL n.112/2008, convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133) Disposizioni di principale interesse per la finanza regionale Segreteria Bilancio e Finanza

Dettagli

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione.

Intervento introduttivo. Fabrizia Lapecorella. Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Intervento introduttivo Gli immobili in Italia 2015: Ricchezza, Redditi e Fiscalità Immobiliare Fabrizia Lapecorella Gli Immobili in Italia giunge quest anno alla quinta edizione. Il progetto avviato nel

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli