La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale"

Transcript

1 La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale

2 Introduzione In questi ultimi anni il patrimonio mobiliare ed immobiliare è stato sottovalutato se non addirittura considerato un problema amministrativo. Un efficace gestione del patrimonio ha, invece, importanti ripercussioni di tipo contabile, amministrativo, giuridico e soprattutto finanziario. Da un punto di vista contabile una veritiera e corretta rappresentazione del conto del patrimonio incide sul risultato gestionale. Da un punto di vista amministrativo permette di programmare ed effettuare le operazioni del patrimonio (acquisizione, movimentazione, dismissione, valutazione) e la predisposizione di appositi regolamenti, procedure e la tenuta del libro degli inventari. Da un punto di vista giuridico permette di implementare modelli organizzativi e gestionali in grado di ridurre le responsabilità degli amministratori e degli organismi di vigilanza, ed infine da un punto di vista finanziario la gestione e valorizzazione è una importante fonte di entrata. Tutto ciò richiede di sviluppare un progetto complessivo di valorizzazione e gestione innovativa del patrimonio dell ente locale. Fondamentale diventa, pertanto, la necessità di avere a priori puntuali elementi conoscitivi della consistenza patrimoniale a partire da un aggiornato inventario dei beni, una approfondita valutazione tecnica per impostare azioni di incremento di valore, miglioramento della logistica e soprattutto governare la politica delle dismissioni. La Fondazione, sulla base delle esperienze maturate a livello nazionale è in grado di supportare gli Enti locali nei processi di gestione e valorizzazione del patrimonio a partire dall aggiornamento straordinario dei beni, regolarizzazione del patrimonio, analisi e valutazione tecnica, piani di valorizzazione e progettazione dei modelli gestionali.

3 PREMESSA Oggetto della proposta Oggetto della nostra proposta è l attività di assistenza finalizzata alla gestione e valorizzazione del patrimonio del Ente locale, nell ambito di quanto legittimamente previsto dalla normativa attualmente in vigore. Le attività che verranno svolte sono presentate qui di seguito.

4 OGGETTO Modulo DELLA I: inventario PROPOSTA dei beni mobili Oggetto della presente proposta è l incarico per la redazione dell inventario dei beni mobili attraverso: individuazione, catalogazione e codifica dei singoli beni facenti parte del patrimonio dell ente o assegnati all esterno (scuole, centri anziani, impianti sportivi, ); stima del valore contabile ed extracontabile dei beni; assistenza all inserimento dei beni nel sistema informativo-contabile dell ente e alla redazione del libro inventari, dei fogli stanza e dei piani d ammortamento; redazione del regolamento di gestione dei beni mobili, della procedura di movimentazione interna (acquisizione, assegnazione, movimentazione, dismissione);

5 Oggetto di inventario Sono da considerare oggetto d inventario mobiliare, seconda la loro natura, i beni mobili di seguito descritti, raggruppati per le seguenti tipologie: beni mobili costituenti la dotazione degli uffici (arredi, macchine per scrivere, calcolatrici, computer, licenze d uso ed altre macchine, beni mobili d ornamento quali drapperie, tappeti, quadri, gli oggetti di vetro, terracotta ed altro quando sono di pregio e valore artistico); del magazzino operai comunale; gli automezzi adibiti ai rispettivi servizi, nonché gli stemmi delle bandiere, i sigilli e gli oggetti consimili di uso specifico degli uffici. libri e pubblicazioni che fanno parta della biblioteca comunale inventariati a cura del servizio biblioteca ed inseriti nel patrimonio dell Ente come universalità di beni (solo se di proprietà comunale). materiale scientifico, oggetti d'arte, quali: statue, busti, quadri, ecc. (quando non facenti parte di raccolte, collezioni, musei e pinacoteche in quanto da considerarsi agli effetti inventariali "beni immobili"), metalli preziosi, strumenti musicali, l'attrezzatura tecnica e didattica (se non già compresa nella precedente tipologia in quanto dotazione di ufficio). armamenti, strumenti protettivi, equipaggiamenti (ad esclusione delle divise, degli effetti di vestiario, le scarpe ecc. in quanto beni di consumo). altri beni non classificabili, quali, ad esempio, materiale proveniente dalla demolizione di edifici (beni mobili patrimoniali disponibili), mobili per definizione di legge, il mobilio non in uso e in attesa di vendita.

6 Metodologia dell attività L attività d inventario dei beni mobili sarà strutturata in 6 fasi: 1) Acquisizione planimetrie, numerazione e nomina degli uffici Risulta fondamentale far precedere la rilevazione dei beni mobili dall attività di numerazione e nomina degli uffici (ove non siano già predisposte), seguendo una logica numerica, che tenga conto delle palazzine coinvolte e dei piani esistenti, in modo da non creare eventuale confusione nel lavoro 2) Rilevazione sul campo dei beni mobili Questa fase si svolgerà attraverso la rilevazione sul campo del patrimonio mobiliare, predisposta con la compilazione di una scheda, in cui inserire i dati utili per ogni cespite censito: l edificio di collocazione del bene; il numero di attribuzione della stanza di collocazione; il settore di competenza; il servizio svolto dall ufficio ed il suo responsabile; la tipologia del bene censito; la descrizione particolareggiata del bene(materiale, colore, marca del cespite); la data di consegna del bene, utile per un riscontro incrociato con le fatture rintracciate presso l ufficio Ragioneria (sarà una data approssimativa, fornita da colui che utilizza il bene stesso); lo stato di uso del bene.

7 Metodologia dell attività 3) Attribuzione codice inventario beni Ad ogni bene rilevato nella scheda gli verrà dato un numero inventario e collocata, immediatamente, l etichetta corrispondente, al fine di non rischiare una doppia registrazione del cespite. La numerazione dell etichettatura va annotata sulla scheda rilevazione e dovrà coincidere con l inserimento del bene nel programma di gestione patrimonio. 4) Registrazione dei cespiti nel programma gestione patrimonio I dati rilevati sul campo saranno inseriti immediatamente in un file Excel i cui fogli di lavoro, oltre a contenere le informazioni delle schede di rilevazione, dovranno essere predisposti per registrare i dati relativi alle ditte fornitrici ed il loro valore economico (rilevato dalle fatture consegnate dall ufficio Ragioneria). Di seguito verrà effettuato il caricamento dei cespiti nel programma di gestione, facendo accurata attenzione ad inserire i cespiti in base al codice inventario già attribuito. La doppia rilevazione, sarà utile per gestire meglio i cespiti e lavorare con più sicurezza.

8 Metodologia dell attività 5) Creazione fogli stanza, del regolamento e della gestione dei cespiti Alla registrazione dei cespiti nel programma di gestione, farà seguito la stampa del foglio stanza da collocare in ogni ufficio a firma del consegnatario e dell assegnatario, in cui sarà presa nota di tutti i beni ivi locati. Sarà proposto un regolamento per l acquisizione, gestione, spostamento e la dismissione dei beni. 6) Redazione dell inventario dei beni, predisposizione del piano degli ammortamenti e riconciliazione con il conto del patrimonio dell Ente L attività consiste nella ricostruzione e tenuta del libro dei cespiti ammortizzabili e nella rilevazione degli ammortamenti. In oltre viene fornita un assistenza alla riconciliazione del Conto del Patrimonio e del prospetto di conciliazione.

9 Contatti Fondazione Logos PA Via Conca d Oro 146 Roma Tel./ fax :

COMUNE DI COLONNA. (Provincia di Roma) REGOLAMENTO GESTIONE DEGLI INVENTARI PATRIMONIO MOBILIARE

COMUNE DI COLONNA. (Provincia di Roma) REGOLAMENTO GESTIONE DEGLI INVENTARI PATRIMONIO MOBILIARE COMUNE DI COLONNA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO GESTIONE DEGLI INVENTARI PATRIMONIO MOBILIARE Art 1 Il conto del patrimonio 1. Il conto del patrimonio rappresenta la sintesi della consistenza patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO.

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO. COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO Pagina 1 di 9 INDICE Premessa Art. 01 - Principi Generali Capo I Principi di Inventariazione

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi Servizio di inventario dei beni mobili ed immobili e determinazione del conto del Patrimonio Il patrimonio, secondo una generale accezione, è costituito dal complesso dei rapporti attivi e passivi facenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

Ricognizione Off-line

Ricognizione Off-line Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ricognizione Off-line Guida Operativa Versione 1.0 del 23/12/2012 RTI : HP Enterprise

Dettagli

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente.

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente. Via Lepanto, 95 80045 POMPEI (Na) info@asfel.it 366.14.70.789 Spett.le Comune di Oggetto: servizio inventario La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni

Dettagli

Primo avvio del modulo: caricamenti da operare. Posizioni inventariali

Primo avvio del modulo: caricamenti da operare. Posizioni inventariali INDICAZIONI OPERATIVE PER L AVVIO E LA GESTIONE DEL MODULO INVENTARIO Primo avvio del modulo: caricamenti da operare Una volta messo a disposizione delle strutture il modulo inventario (che, solo in questa

Dettagli

REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI

REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Classificazione dei beni Art.3 - Beni mobili non inventariabili Art.4 Responsabile dei beni

Dettagli

Ricognizione Off-line

Ricognizione Off-line Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ricognizione Off-line Guida Operativa Versione 1.0 del 23/12/2012 RTI : HP Enterprise

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. BRACCINI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Realizzazione di un: Sistema Informativo per la gestione del Patrimonio e dei Servizi Tecnico-Logistici ALLEGATO 1 V.E.C.A.

CAPITOLATO TECNICO. Realizzazione di un: Sistema Informativo per la gestione del Patrimonio e dei Servizi Tecnico-Logistici ALLEGATO 1 V.E.C.A. DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI TECNICO-LOGISTICI E DELLA GESTIONE PATRIMONIALE UFFICIO TECNICO E ANALISI DI MERCATO SETTORE 1 INFORMATICA CAPITOLATO TECNICO Realizzazione

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL NUOVO MODELLO DI ENTE LOCALE CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE LA PROPOSTA LOGOS PA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO. DAL D.LGS. 77/95

Dettagli

Dr. Ing. Maurizio Giorgio Garbujo

Dr. Ing. Maurizio Giorgio Garbujo Spett.le Comune Piazza Roma, 7 20088 GUDO VISCONTI (MI) C.se att.ne Resp. Sett. Finanziario Lorena DONINOTTI Novate Milanese, 15 novembre 2011 Oggetto: incarico gestione inventario triennio 2012-2013-2014

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. del. Disposizioni per la gestione dell inventario del Comune di Castenaso

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL NUOVO MODELLO DI ENTE LOCALE CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE ELABORATO PROGETTUALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DI: 1) ASSISTENZA ALL AGGIORNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MASAINAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

COMUNE DI MASAINAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS COMUNE DI MASAINAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS C O P I A DETERMINAZIONE N. 635 Area Finanziaria Registro Settore: 700 Data: 23/10/2014 Servizio: Ufficio Ragioneria DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL

Dettagli

QUICK GUIDE Rinnovo Inventariale (Area Magazzino ver. 510 e successive)

QUICK GUIDE Rinnovo Inventariale (Area Magazzino ver. 510 e successive) 1. Scopo del documento QUICK GUIDE Rinnovo Inventariale (Area Magazzino ver. 510 e successive) Lo scopo del presente documento è quello di illustrare le modifiche introdotte a partire dalla versione 5.1.0

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI ALLEGATO 2.1 PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI Premessa Nella predisposizione del presente documento si è tenuto conto dei risultati emersi durante la prima fase del nostro lavoro che è consistita

Dettagli

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida BOZZA DI REGOLAMENTO DI DISMISSIONE DI BENI MOBILI COMUNALI

Dettagli

QUICK GUIDE Rinnovo Inventariale (Area Magazzino ver. 510 e successive)

QUICK GUIDE Rinnovo Inventariale (Area Magazzino ver. 510 e successive) 1. Scopo del documento QUICK GUIDE Rinnovo Inventariale (Area Magazzino ver. 510 e successive) Lo scopo del presente documento è quello di illustrare le modifiche introdotte a partire dalla versione 5.1.0

Dettagli

Gespat 4C. Sistema integrato per la gestione dell Inventario e dei Beni di consumo

Gespat 4C. Sistema integrato per la gestione dell Inventario e dei Beni di consumo Gestione Inventario e Beni di consumo Pag: 1 Sistema integrato per la gestione dell Inventario e dei Beni di consumo Gestione Inventario e Beni di consumo Pag: 2 Sommario CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 COS

Dettagli

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO PRESENTAZIONE La corretta gestione del patrimonio dell ente è il primo passo verso la tenuta di una efficiente ed economica gestione delle proprie risorse. Immobilizzazioni

Dettagli

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento Comune di Valsavarenche Inventario Beni Mobili ed Immobili Regolamento Indice Art. 1 Inventario dei Beni Mobili ed Immobili... pag. 3 Art. 2 Classificazione dei Beni... pag. 3 Art. 3 Inventario dei Beni

Dettagli

COMUNE DI AQUILONIA terra d Irpinia

COMUNE DI AQUILONIA terra d Irpinia COMUNE DI AQUILONIA terra d Irpinia REGIONE CAMPANIA PROVINCIA DI AVELLINO Tel. 0827/83004 83263 Fax 082783190 e.mail sito web CAP 83041 Copia UFFICIO TECNICO DETERMINAZIONE N.170 DEL 12-11-2009 Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato C alla deliberazione n. 02/08 del Consiglio di Amministrazione del 12 maggio 2008 Modificato nella

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art 14, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. Istruzioni. Vista

Dettagli

1. (Economo regionale)

1. (Economo regionale) Allegato alla Delib.G.R. n. 37/12 del 30.7.2009 DIRETTIVE IN MATERIA DI ECONOMATO E CASSA. 1. (Economo regionale) L economo regionale ha compiti di consegnatario centrale e funzioni di coordinamento di

Dettagli

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres.

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. Regolamento per la gestione dei beni mobili regionali, ai sensi dell articolo 30 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI ART. 1 OGGETTO DELL INVENTARIO Sono assoggettate all inventario, secondo le norme del presente regolamento, tutte le immobilizzazioni

Dettagli

Premessa. 2 La metodologia di valutazione. Allegato B

Premessa. 2 La metodologia di valutazione. Allegato B METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO NELLE RETI DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA NEL CASO DI INDISPONIBILITA DEI COSTI STORICI ORIGINARI E DELLE VITE UTILI RILEVANTI AI FINI DEL REGIME DI PEREQUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari Il Patrimonio Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari 6 e 22 febbraio 2007 a cura di Noemi Rossi 1 Inventario I beni immobili

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

PATRIMONIO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA

PATRIMONIO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA IMMOBILI PROPRI TIPOLOGIA: IMMOBILI PROPRI REGIME GIURIDICO: BENI PATRIMONIALI DISPONIBILI SPECIFICA: TERRENI EDIFICABILI REGIME GIURIDICO: BENI PATRIMONIALI DISPONIBILI SPECIFICA: TERRENI AGRICOLI REGIME

Dettagli

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI a cura di CELESTE VIVENZI PREMESSA NORMATIVA ll libro inventari è un adempimento posto a carico dell imprenditore che esercita un attività commerciale, disciplinato

Dettagli

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012)

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per il Bilancio Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO o Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI?

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE ESIGENZA DI CONSERVARE E VALORIZZARE LE PRESENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA Approvato dal Consiglio Generale con deliberazione n. 555. del 14/05/2007 CAPO I ART. 1 FINALITA E PRINCIPI Principi generali L attività amministrativa del

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

1. Compiti attribuiti alle Zone Telecomunicazioni.

1. Compiti attribuiti alle Zone Telecomunicazioni. 1. Compiti attribuiti alle Zone Telecomunicazioni. L attuale quadro normativo demanda alle Zone Telecomunicazioni compiti di gestione, in sede locale, dei servizi radiotelegrafonici, meccanografici e riprografici

Dettagli

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia Azienda pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO PER LA CATALOGAZIONE, ASSEGNAZIONE E TENUTA DEI BENI MOBILI Articolo 1 Oggetto Il presente

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art.

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art. SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende n 1 - tel. 011 8211152 10036 SETTIMO TORINESE REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio

Dettagli

FORTUNAE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO

FORTUNAE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO FORTUNAE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO L inventariazione dei beni di un ente locale è uno strumento indispensabile e pregiudiziale per una effettiva politica alla ricerca dell equilibrio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. I beni patrimoniali, di cui la Proservice S.p.a ha la proprietà, devono essere descritti in separati inventari, con gli elementi

Dettagli

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1 SCHEDA OBIETTIVO - 1 : Semplificazione delle procedure di assunzione del personale Supporto alle politiche assunzionali Il processo assunzionale deve soddisfare i bisogni occupazionali dei Settori, siano

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA

FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA INDICE 1. Scenario di riferimento pag. 3 2. Obiettivi pag. 3 3. Destinatari pag. 3 4. Coordinamento

Dettagli

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI

INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI INDAGINE SULLA GESTIONE DEI DEPOSITI MUSEALI E SULLA MOVIMENTAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI QUESTIONARIO Nell'ambito del Dottorato in Scienze e Tecnologie per l'archeologia e i Beni Culturali dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Provincia di Lecce 5ª Area Funzionale - Servizio Patrimonio RELAZIONE TECNICA

Provincia di Lecce 5ª Area Funzionale - Servizio Patrimonio RELAZIONE TECNICA Città di Nardò Provincia di Lecce 5ª Area Funzionale - Servizio Patrimonio RELAZIONE TECNICA AGGIORNAMENTO INVENTARIO BENI IMMOBILI E MOBILI DI PROPRIETA COMUNALE AL 31/12/2012 Ai sensi del D.Lgs. 18 agosto

Dettagli

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 in data 21/11/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

1. PREMESSA Comune di San Giorgio del Sannio (BN)

1. PREMESSA Comune di San Giorgio del Sannio (BN) C O M U N E D I S A N G I O R G I O D E L S A N N I O ( P R O V. B N ) A G G I O R N A M E N T O I N V E N T A R I O E S E R C I Z I O F I N A N Z I A R I O 2 0 1 4 N O R M E D I R I F E R I M E N T O

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO N 43 /III Sett. Data 07.05.2013 Aggiornamento annuale al 31/12/2012 dell inventario comunale dei beni mobili

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 80 del 18/12/2006 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI ART.1 L INVENTARIO DEI BENI PROVINCIALI. 1. L inventario generale costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA GESUALDO DA VENOSA Via Tammone, 1 85100 POTENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI BENI

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Prot. N. 0006266 /C7 Cascina, 31/10/2015 All Albo Istituto sul Sito WEB dell Istituto Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Art.1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI MOBILI CHE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO DELL ISTITUTO L ISTITUTO SCOLASTICO VISTO l art. 117 - Titolo V - della Costituzione Italiana; VISTO il D.I.

Dettagli

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Allegato alla direttiva n. 14 / 2011 Agenti consegnatari Le/i dirigenti sono agenti consegnatari dei beni presenti negli uffici, nei locali o nei

Dettagli

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito.

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Corso base: il processo della Logistica Farmaceutica, prospettive e sfide per il farmacista del SSN Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Salvatore Coppolino Catania, 14 Febbraio

Dettagli

Calendario Corso di formazione sul SICOGE per il personale del MISE

Calendario Corso di formazione sul SICOGE per il personale del MISE Calendario Corso di formazione sul SICOGE per il personale del MISE Sede Roma ARGOMENTI I giorno 15 marzo 2016 09.30-13.30 FATTURA ELETTRONICA: Illustrazione della normativa e della fase di avvio della

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO ALLEGATO I METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO DEI CESPITI 1 Introduzione, finalità ed ambito di applicazione Il presente manuale è rivolto al Gestore del S.I.I. con lo scopo di fornire le

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE CONCLUSIVA REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le attività relative alla gestione e

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA Ministero dell'lstruzione dell'ljniversità e della Ricerca ALT'A FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA EMANAZIONE REGOLAMENTO ANTIFIUMO IL PRESIDENTE VISTA la Delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ 1) Il Comune di Casier riconosce le funzioni peculiari del Servizio Biblioteca, richiamando e condividendo

Dettagli

Gli strumen, per il passaggio alla contabilità economico- patrimoniale

Gli strumen, per il passaggio alla contabilità economico- patrimoniale Gli strumen, per il passaggio alla contabilità economico- patrimoniale Tommaso Agasis* Politecnico di Milano, Dipar*mento di Ingegneria Ges*onale e. tommaso.agasis*@polimi.it Agenda La situazione normativa:

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

CATEGORIA B3 Connotazioni delle attività comuni ai diversi profili di categoria

CATEGORIA B3 Connotazioni delle attività comuni ai diversi profili di categoria CATEGORIA B3 Connotazioni delle attività comuni ai diversi profili di categoria Ha buone conoscenze mono-specialistiche acquisibili attraverso la scuola dell obbligo accompagnate da corsi di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO -------- Redatto in base alle deliberazioni: C.C. n. 77 del 22.04.1975 C.C. n. 180 del 8.11.1977 C.C. n. 37 del 03.05.1978 C.C. n. 394 del 15.10.1984 C.C. N. 44

Dettagli

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM Il Consiglio Direttivo del due aprile 2012 visto il verbale di consegna da parte dell Ufficio Tecnico Erariale all Associazione per gli Studi di Storia e Architettura Militare

Dettagli

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Agorà, il portale Formiur: valorizzare l informazione e la conoscenza per il miglioramento dei servizi scolastici

Dettagli

Museo Archeologico Ambientale

Museo Archeologico Ambientale STATUTO del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) Art. 1 Denominazione e sede Il Museo Archeologico Ambientale è una struttura di cui Ente titolare è il Comune di San Giovanni

Dettagli

OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015

OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Informativa per la clientela di studio del 16.12.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT Deliberato dal Consiglio Federale il 30 marzo 2014 R.A.C. OT DELIBERATO DAL CF IL 30 MARZO 2014 1 INDICE CAPO I INTRODUZIONE ART. 1 PRINCIPI GENERALI..

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO Via Libertà, 17 Osio Sotto e-mail icosiosotto@alice.it Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 20/6/2008

Dettagli

APPUNTI PER IL RINNOVO E LA RIVALUTAZIONE DEI BENI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (*) 1) NOMINA DELLA COMMISSIONE PER IL RINNOVO DEGLI INVENTARI

APPUNTI PER IL RINNOVO E LA RIVALUTAZIONE DEI BENI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (*) 1) NOMINA DELLA COMMISSIONE PER IL RINNOVO DEGLI INVENTARI Associazione Direttori Amministrativi delle Istituzioni Scolastiche Torino, 6 marzo 2012 Torino e Asti APPUNTI PER IL RINNOVO E LA RIVALUTAZIONE DEI BENI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (*) 1) NOMINA DELLA

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

CESP1 Gestione archivio cespiti Deve essere utilizzato per l inserimento di dati pregressi e/o rettifiche manuali. Annotazioni:

CESP1 Gestione archivio cespiti Deve essere utilizzato per l inserimento di dati pregressi e/o rettifiche manuali. Annotazioni: Corso Cespiti Tabelle e parametri di configurazione Parametrizzazioni di base TABE02A, personalizzazione dati procedura, causali semplificate TABE10, tabella conti cespiti TABE25, tabella 9-percentuali

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 03/02/2011 OGGETTO: DISCIPLINARE

Dettagli

Città di CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E IMMOBILI DEL COMUNE DI CAMPOSAMPIERO

Città di CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E IMMOBILI DEL COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Città di CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E IMMOBILI DEL COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Approvato con atto di Giunta Comunale n. 32 del 25.03.2015 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO INVENTARIALE

REGOLAMENTO INVENTARIALE REGOLAMENTO INVENTARIALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23, art.24, art.25, art.26, art.27, art.28, art. 29, art. 30, art.52 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254,

Dettagli

R e g o l a m e n t o

R e g o l a m e n t o C O M U N E D I F L O R I D I A (Provincia di Siracusa) R e g o l a m e n t o d i e c o n o m a t o Art. 1 curato dal servizio finanziario comunale Disciplina del servizio di economato Il comune si avvale

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili

Dettagli

Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili

Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa 56036 Palaia - Piazza della Repubblica n 56 Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili Approvato con deliberazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828

LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23,

Dettagli

Calendario Corso di formazione sul SICOGE per il personale del MISE

Calendario Corso di formazione sul SICOGE per il personale del MISE Calendario Corso di formazione sul SICOGE per il personale del MISE Sede Roma ARGOMENTI I giorno 16 febbraio 2016 09.30-13.30 FATTURA ELETTRONICA: Illustrazione della normativa e della fase di avvio della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Emanato con Decreto Rettorale n. 33, prot. n. 1944/A3 del 4 marzo 2010 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI INDICE TITOLO I PATRIMONIO Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ISTITUTO COMPRENSIVO L.TONGIORGI Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 Prot. N. 4581/A5 Pisa, 26/07/2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001,

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO 1.0 25/11/2010 Nome / Firma Nome / Firma Vers. Data Verifica a cura del Responsabile Ufficio Ragioneria e Bilancio Approvazione a cura del Direttore Direzione Amministrazione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI

PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI Obiettivo A3) Disporre di sistemi informativi che consentano la gestione ottimale dei dati contabili

Dettagli