La comunicazione a distanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione a distanza"

Transcript

1 Università degli Studi di Sassari Servizio Bibliotecario La comunicazione a distanza Materiale didattico per il corso di formazione A cura di Marianna Schiavon 14 dicembre 2009

2 LA SCRITTURA E IL WEB «Cosa fa l' ? Prima soluzione: in un universo in cui non si scrivevano più lettere e si telefonava, adesso la gente scrive. Seconda soluzione, opposta: quando rispondevo a una lettera, io prima scrivevo: "Caro monsieur Chartier, ho ricevuto la sua graditissima lettera con l'invito a partecipare al convegno. Sono estremamente dolente di doverle dire che non posso venire, eccetera". Adesso, con l' , scrivo: "Non posso". E lui non si offende, perché questo fa parte di una nuova etichetta. Allora, è vero che l' riduce l'epistolografia, però è anche vero che con l' possiamo scriverci ogni giorno, mentre prima ci saremmo scritti una volta l'anno. [ ] Dunque non si sa se l' sia l'azzeramento della corrispondenza o il ritorno alla corrispondenza, la compressione fino all'essenziale della lettera o la nascita di una nuova epistolografia. O tutt'e due le cose insieme» (intervista a Umberto Eco e Roger Chartier, 12 maggio 1999) «[...]abbiamo capito subito che carta, inchiostro e francobolli hanno fatto il loro tempo: ora, la comunicazione, corre sul filo.[...] Riscopriamo logica e razionalità, buonsenso e capacità di immedesimarci in chi visita il sito alla ricerca di qualcosa. E facciamo in modo che quel qualcosa lo trovi nel modo più semplice» (Vincenzo Cimino, operatore in un Ufficio Relazioni con il Pubblico) «Internet può essere una bella occasione di riscatto per la parola scritta [...] la semplificazione del linguaggio richiesta da Internet può essere addirittura salutare: semplificazione, si badi bene, non intesa come faciloneria ma come specificità e come pulizia di linguaggio, quasi come una rifondazione di uno strumento comunicativo fondamentale, di cui per superficialità e improvvisazione (e magari per eccesso di spettacolarità di invenzione) si è finito di smarrire il senso morale». (Giorgio De Rienzo, professore di letteratura italiana) 1

3 PER INIZIARE: ALCUNE PAROLE CHIAVE Rapidità: la lettura sullo schermo è il 25% più lenta di quella su carta ed è per questo che non leggiamo riga per riga, ma scorriamo il testo. > La scrittura diventa più concisa con frasi brevi e parole precise Visualizzazione: su internet non solo leggiamo, ma vediamo un testo. Per questo nel web la segnaletica è importante e guida l utente nella navigazione. > La scrittura è concepita insieme alla grafica, con indici, paragrafi e sottolineature Ipertestualità: il testo su internet non è lineare, ma è reticolare: passiamo da una pagina all'altra e da un argomento all'altro con un click. La lettura è attiva, possiamo soffermarci ad un livello superficiale o esplorare un argomento. > La scrittura si espande in profondità: i link completano e continuano il testo Multimedialità: leggere, guardare, ascoltare: il testo su internet non è solo scritto, ma è immagine, suono, link, movimento: è un insieme di diversi mezzi che si integrano e si completano. > La scrittura è uno dei tanti modi per comunicare Interattività: nel web si crea un nuovo spazio di comunicazione, in cui una persona può interagire con un'altra, es. , o con più persone, es. blog o forum, anche in modo simultaneo. > La scrittura di avvicina al dialogo I consigli per la scrittura sul web di Jakob Nielsen: 1. scrivere testi lunghi la metà di quelli concepiti per la carta 2. scrivere periodi semplici e brevi 3. scrivere pagine che non obblighino il lettore a scrollare troppo 4. se scrollare è necessario, tutti i titoli e i "segnali" di contenuto devono trovarsi all'inizio della pagina 5. una sola idea, un solo tema, per ogni paragrafo 6. saper usare l'ipertesto e "stratificare" le informazioni su più livelli. 2

4 E LA SCRITTURA NEI SITI WEB DELLE ISTITUZIONI? «Una semplificazione del linguaggio può portare benefici un po' a tutti, ma per alcuni soggetti può rappresentare proprio la rimozione di un ostacolo alla piena accessibilità dei contenuti del web. Mi riferisco, ad esempio, alle persone con problemi cognitivi lievi, a quelli con problemi di lettura, agli anziani, ai soggetti con scolarizzazione bassa, agli stranieri che vivono sul nostro territorio e che usano l'italiano come seconda lingua. Se un sito parla di letteratura, è ovvio che la lingua usata è quella dei letterati. Se un sito parla di fisco, la lingua sarà quella dei fiscalisti, anche se a volte proprio la lingua del fisco è incomprensibile agli stessi addetti ai lavori. Quel che non si capisce è perché nel sito dove vengono descritti i servizi sanitari, offerti da una ASL ai cittadini, si debba parlare un burocratese molto più vicino all'ostrogoto (cioè ad una lingua incomprensibile) che all'italiano.» (Progettare siti accessibili, Regione Emilia-Romagna) COSA DICE LA NORMATIVA CIRCOLARE DELLA FUNZIONE PUBBLICA, N. 3 DEL 13 MARZO 2001 Linee guida per l'organizzazione, l'usabilità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni La circolare ha l'obiettivo di dare linee guida per la costruzione di siti web nelle pubbliche amministrazioni e, in particolare, individua come requisiti obbligatori: l'usabilità (l'efficacia, l'efficienza e la soddisfazione con cui gli utenti arrivano al loro obiettivo - def. ISO 9241); l'accessibilità (rendere il contenuto comprensibile e navigabile alle persone con disabilità). Alla circolare sono allegate le Regole di accessibilità, formulate secondo le linee guida del Consorzio Mondiale del Web (W3C) Si parla di scrittura e organizzazione delle informazioni nei capitoli relatavi a usabilità e accessibilità. Un sito è usabile se: le informazioni sono organizzate e strutturate in modo da garantire la massima fruibilità: è necessario, quindi, identificare le tipologie di pubblico a cui il sito web è rivolto e tenere conto della loro opinione nella fase di sviluppo; l'informazione è scritta in modo chiaro e con un linguaggio comune, evitando l'utilizzo di formati commerciali; la ricerca delle informazioni è facilitata da strumenti di ricerca semantica e dalla mappa del sito. L'accessibilità è un requisito obbligatorio per i siti pubblici perché solo in questo modo possono garantire la consultazione anche alle persone con disabilità fisiche o sensoriali, o condizionate dall'uso di strumenti. Un capitolo della Circolare è dedicato al contesto organizzativo e al ruolo del web nei processi di comunicazione interni ed esterni nell'organizzazione. Si sottolinea che internet favorisce l'interazione e la condivisione di informazioni tra uffici. 3

5 DIRETTIVA DEL MINISTERO PER LA FUNZIONE PUBBLICA, PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE DEL 24 OTTOBRE 2005 Direttiva per la qualità dei servizi online e la misurazione della soddisfazione degli utenti La direttiva suggerisce una serie di accorgimenti per rendere più semplice e diretta la comunicazione al cittadino e il capitolo 3 è deidicato alla comunicazione con i nuovi strumenti. In particolare queste sono le indicazioni per la comunicazione sul web: la scrittura segue le regole della semplificazione del linguaggio spiegate nella Direttiva (testi con obiettivi chiari, destinatari definiti, scritti con una sintassi semplice, un lessico comune e organizzati in modo logico e con attenzione agli aspetti più importanti per l'utente); la grafica è concepita con il testo e ha la funzione di renderlo più chiaro, grazie ad un uso ragionato di spazi e colore; l'organizzazione dei contenuti segue le regole dell'ipertesto, cioè ogni testo può essere arricchito di spiegazioni, indici, tabelle o di link ad altre pagine utili per approfondire o chiarire il tema. 4

6 LE LINEE GUIDA PER LA SCRITTURA SU UN SITO WEB ISTITUZIONALE 1. ORGANIZZARE LE INFORMAZIONI 2. SCRIVERE TESTI CHIARI 3. SCRIVERE TESTI EFFICACI 1. ORGANIZZARE LE INFORMAZIONI Strutturare l'informazione secondo la regola delle 5W (Who,What, When, Where, Why): decidere quali sono le informazioni da inserire e in che ordine. Pensare il testo in termini visivi: dividere in paragrafi, lasciare molti spazi vuoti, usare il grassetto per evidenziare brevi concetti fondamentali e scrivere microcontenuti significativi ( titoli, sottotitoli, link, e sintesi,..). 2. SCRIVERE TESTI CHIARI Sintassi Scrivere frasi semplici, lineari e brevi: o evitare incisi, evitare lunghe catene di subordinate o preferire la coordinazione alla subordinazione o evitare nominalizzazioni e parole ridondanti Preferire la forma attiva a quella passiva: o esplicitare il soggetto o evitare le forme impersonali Preferire modi e tempi verbali semplici. Limitare l'uso del gerundio. Strutturare le informazioni per punti, se i periodi sono molto lunghi. Lessico Scegliere un lessico comune e preciso. Spiegare il significato dei termini tecnici. Scrivere per esteso le sigle e gli acronimi. Evitare le espressioni prolisse, le perifrasi, le frasi fatte, le parole in inglese, i latinismi e i termini tecnici e specialistici. 3. SCRIVERE TESTI EFFICACI Rivolgersi in modo diretto al destinatario. Preferire i verbi ai sostantivi. Preferire espressioni concrete e dirette a quelle astratte e involute. Scrivere in modo positivo. Evitare i luoghi comuni. ( Scrivere sul web - Regione Emilia - Romagna) 5

7 LA NORMATIVA Le tappe dello sviluppo del web nella Pubblica Amministrazione 1997 Decreto del Presidente della Repubblica n. 513 del 10 novembre - Regolamento recante criteri e modalità per la formazione, l'archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici Direttiva del 28 ottobre 1999 del Presidente del Consiglio dei Ministri - Gestione informatica dei flussi documentali nelle pubbliche amministrazioni Circolare del 13 marzo del Ministro della Funzione Pubblica - Linee guida per l'organizzazione, l'usabilità, l'accessibilità di siti web delle PA Circolare AIPA del 6 settembre - Criteri e strumenti per migliorare l accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili. Direttiva del Ministro per l innovazione e le tecnologie del 21 dicembre - Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 maggio sulla conoscenza e l'uso del dominio.gov.it e l'interazione del portale italia.gov.it con le PA 2003 Decreto del 14 ottobre sulle linee guida per l adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi Direttiva del 27 novembre per l'impiego della posta elettronica nelle PA 2004 Legge del 9 gennaio n. 4 per favorire l'accesso delle persone disabili agli strumenti informatici ( Legge Stanca ) 2005 Direttiva del 4 gennaio - Linee guida per la digitalizzazione della PA Decreto del Presidente della Repubblica dell 11 febbraio - Regolamento per l'utilizzo della Pec, Posta elettronica certificata Decreto n. 75 del 1 marzo - Regolamento per l'attuazione della Legge Stanca Decreto n. 131 del 4 aprile Direttive tecniche per favorire lo sviluppo del commercio elettronico e semplificare l acquisto di beni e servizi in materia sanitaria. Decreto legislativo n.82 del 7 marzo che istituisce il Codice dell'amministrazione Digitale Decreto Ministeriale dell 8 luglio, definisce i requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici. Direttiva del 27 luglio del Ministero per la Funzione Pubblica, per l'innovazione e le Tecnologie - Qualità dei servizi online e la misurazione della soddisfazione delle persone 2006 Deliberazione del CNIPA 18 maggio - Regole tecniche per la definizione del profilo di busta crittografica per la firma digitale in linguaggio XML Decreto del 30 aprile - Regole tecniche disciplinanti l'accessibilità agli strumenti didattici e formativi a favore degli alunni disabili Decreto del 6 maggio per uso e rilascio della casella di Pec ai cittadini 6

8 Esempio: pagina web del Sistema Bibliotecario dell Università di Padova ORGINALE 7

9 RISCRITTO RefWorks Cos è RefWorks è un programma che consente di: 1. importare, organizzare e salvare riferimenti bibliografici da database, libri, pagine web e altre fonti; 2. creare bibliografie e archivi di citazioni da inserire direttamente in un testo; 3. formattare automaticamente la bibliografia; 4. condividere le informazioni con altri utenti. Come accedere RefWorks si può usare da computer connessi alla rete di Ateneo o da casa identificandosi con auth-proxy. Accedi a RefWorks Corsi introduttivi L Università di Padova organizza brevi corsi gratuiti per imparare a usare RefWorks. 5. Calendario e programma dei prossimi corsi 6. Iscrizione on line Guide all uso link 1 link 2 link 3 Strumenti link 1 link 2 link 3 Materiale informativo link 1 link 2 link 3 Test di valutazione link 1 link 2 link 3 8

10 LA SEMPLIFICAZIONE DEL LINGUAGGIO AMMINISTRATIVO LA FILOSOFIA TRADIZIONALE DELLA SCRITTURA ISTITUZIONALE LA NUOVA FILOSOFIA DELLA SCRITTURA ISTITUZIONALE 9

11 ALCUNE RIFLESSIONI Chi non si fa capire viola la libertà di parola dei suoi ascoltatori. È un maleducato, se parla in privato e da privato. È qualcosa di peggio se è un giornalista, un insegnante, un dipendente pubblico, un eletto dal popolo. Chi è al servizio di un pubblico ha il dovere costituzionale di farsi capire. (Tullio De Mauro) La correttezza della lingua è la premessa della chiarezza morale e dell onestà. Molte mascalzonate e violente prevaricazioni nascono quando si pasticcia la grammatica e la sintassi e si mette il soggetto all accusativo o il complemento oggetto al nominativo, ingarbugliando le carte e scambiando i ruoli tra vittime e colpevoli, alterando l ordine delle cose e attribuendo eventi a cause o a promotori diversi da quelli effettivi, abolendo distinzioni e gerarchie in una truffaldina ammucchiata di concetti e sentimenti, deformando la verità (Claudio Magris, Microcosmi) Antilingua: il terrore semantico di chi parla o scrive, cioè la fuga, il processo di distanziamento dalle parole che abbiano in sé un significato preciso a favore di vocaboli che non dicono niente o dicono qualcosa di vago. (Italo Calvino) PERCHÉ SCRIVERE CHIARO? Perché va a vantaggio del cittadino Per rendere sostanziali il diritto d'accesso, la trasparenza dell'attività amministrativa, la semplificazione delle procedure, è necessario puntare anche alla semplificazione e alla trasparenza della lingua. Perché va a vantaggio dell amministrazione L uso di una lingua chiara e semplice permette di evitare, o limitare, sprechi di tempo sia per il cittadino, sia per l'amministrazione: si riducono richieste di delucidazioni o di aiuto, rischi di dover richiedere al cittadino integrazioni della documentazione, possibilità di ricorsi. Perché lo vogliono le norme Esistono diverse direttive che suggeriscono l uso di una lingua semplice. Richiamo quelle del ministro Franco Frattini sulle Attività di comunicazione delle pubbliche amministrazioni del 7 febbraio 2002 e quella sulla Semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi dell'8 maggio Mi risulta presentata, ma mai pubblicata, la Direttiva del Ministro Mario Baccini sulla Semplificazione del linguaggio delle pubbliche amministrazioni, del 24 ottobre Perché con la forma migliora la sostanza Rielaborare la forma costringe anche a ripensare il contenuto. Si scopre che la normativa ha punti oscuri, da approfondire, per gli stessi dipendenti, o che aspetti della procedura potrebbero essere migliorati. 10

12 PRINCIPI DELLA SCRITTURA AMMINISTRATIVA Chiarezza Un testo è chiaro se ha contenuti certi, una strutturazione nitida e uno sviluppo coerente. Precisione Un testo è preciso se non si presta ad equivoci. Sia le parole usate, sia le connessioni logiche tra le frasi devono essere il più possibile univoche ed esplicite. La vaghezza, infatti, può causare interpretazioni del testo diverse da quella voluta dal suo estensore Semplicità Un testo è semplice se usa parole conosciute dalla maggior parte dei cittadini e se organizza le frasi in modo lineare. Economia Un testo è economico se contiene tutto quello che è necessario per lo sviluppo del suo contenuto, ma, allo stesso tempo, se contiene solo quello che è sufficiente per tale sviluppo. In particolare, un testo ben costruito è privo di parole ed espressioni superflue, che ribadiscono concetti già espressi da altre parole ed espressioni presenti nel testo. I principi di chiarezza, precisione, semplicità ed economia possono, in singoli contesti, entrare in conflitto tra di loro. Si tratta di trovare, di volta in volta, il punto di equilibrio più alto possibile tra questi principi. 11

13 TRE REGOLE FONDAMENTALI 1. METTIAMOCI DALLA PARTE DEL DESTINATARIO 2. EVITIAMO DI ESSERE PRIGIONIERI DELL'INERZIA 3. TUTTI VORREMMO DEI TESTI CHIARI, EFFICACI ED ELEGANTI. MA, DOVEND SCEGLIERE, MEGLIO CHIARI ED EFFICACI CHE ELEGANTI DIECI SUGGERIMENTI PIÙ DETTAGLIATI PER SCRIVERE CHIARO ORGANIZZAZION E TESTUALE 1. Impariamo a individuare il pubblico a cui ci rivolgiamo; 2. Cerchiamo di avere un progetto di testo (sapere cosa scrivere e come ordinarlo); 3. Scriviamo solo quello che è necessario che il destinatario sappia: stiamo comunicando, non educando; SINTASSI 4. Facciamo corrispondere a ogni informazione fondamentale una frase; 5. Scriviamo frasi brevi, senza troppo incisi, con poche secondarie al gerundio, poche catene di sostantivi; 6. Usiamo formulazioni dirette (quando sono equivalenti: scrivere frasi attive e non passive; frasi affermative e non negative); LESSICO 7. Se c è la possibilità di usare una parola comune al posto di una rara, complessa, tecnica, facciamolo; 8. Se è necessario usare termini tecnici, facciamolo; ma prima sinceriamoci che siano davvero termini tecnici, e poi, se decidiamo di usarli, spieghiamo cosa significano; GRAFICA 9. Curiamo la punteggiatura: solo così il lettore capisce come articoliamo il nostro pensiero 10. Curiamo la forma grafica: per catturare l attenzione del lettore, ma anche per fargli capire come articoliamo il testo. (Sintesi di più ampie linee-guida, come ad esempio quelle illustrate in Guida alla scrittura istituzionale, a cura di M. A. Cortelazzo e F. Pellegrino, Roma-Bari, Laterza, 2003) 12

14 TAPPE DELLA SEMPLIFICAZIONE DEL LINGUAGGIO AMMINISTRATIVO IN ITALIA 1993: Il Dipartimento della funzione pubblica pubblica il Codice di stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubbliche (prefazione di Sabino Cassese) : Il Dipartimento della funzione realizza il Progetto finalizzato "Semplificazione del linguaggio amministrativo" : Attività formative di Enti locali (Padova, Trento, poi Lucca, Molise, Schio). 1997: Il Dipartimento della funzione pubblica pubblica il Manuale di stile (prefazione di Franco Bassanini). 2002: Direttive del Ministro della Funzione Pubblica del 7 febbraio 2002 (Le attività di comunicazione delle Pubbliche Amministrazioni) e dell'8 maggio 2002 (Semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi). 2002: Progetto "Chiaro!" : I Manuali dei professori : Cortelazzo - Pellegrino, Franceschini - Gigli, Raso. LA NORMATIVA 1. La comunicazione nelle leggi sulla Pubblica amministrazione Legge 8 giugno 1990, n. 142, Ordinamento delle autonomie locali Si afferma il diritto/dovere delle istituzioni alla comunicazione Legge 7 agosto 1990, n. 241, Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi La comunicazione viene posta al servizio dei principi di trasparenza e accesso D. lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, Razionalizzazione dell'organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell'articolo 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 (Decreto abrogato dal D.lgs. 30 marzo 2001 n. 165, art. 72 lett. t) La comunicazione si dota di proprie strutture: gli URP Legge 15 marzo 1997, n. 59, "Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa" La comunicazione accompagna i grandi processi di semplificazione Legge 15 maggio 1997, n. 127, "Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo" La comunicazione rende possibile lo snellimento dell attività amministrativa Legge 7 giugno 2000, n. 150, "Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni" L informazione e la comunicazione vengono riconosciute come costanti dell azione di governo della Pubblica Amministrazione 13

15 2. Le direttive sulla comunicazione e la semplificazione del linguaggio Direttiva del Ministro della Funzione pubblica sulla Attività di comunicazione delle Pubbliche Amministrazioni del 7 febbraio 2002 Direttiva del Ministro della Funzione pubblica sulla Semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi dell 8 maggio 2002 Direttiva del Ministro della Funzione pubblica sulla Semplificazione del linguaggio delle Pubbliche amministrazioni del 24 ottobre 2005 BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE SU SEMPLFICAZIONE E SCRITTURA SUL WEB Codice di stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubbliche. Proposta e materiali di studio, Roma, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per la Funzione Pubblica, Acerboni Giovanni, Progettare e scrivere per internet, 2005, Milano, McGraw-Hill Calvino Italo, Lezioni Americane, 1993, Garzanti, Milano Carlo Baldi, Roberto Zariello, Penne digitali, 2005, Roma, Centro di Documentazione Giornalistica Cortelazzo Michele A., Pellegrino Federica, 2003, Guida alla scrittura istituzionale, Roma- Bari, Laterza. Cortelazzo Michele A. (a cura di), 2005, Il Comune scrive chiaro. Come semplificare la comunicazione al cittadino. Con 24 esempi di testi rielaborati e le istruzioni per scrivere con stile, Santarcangelo di Romagna, Maggioli. Fioritto Alfredo (a cura di), 1997, Manuale di stile. Strumenti per semplificare il linguaggio delle amministrazioni pubbliche. Proposta e materiali di studio, Bologna, Il Mulino. Franceschini Fabrizio, Gigli Sara (a cura di), 2003, Manuale di scrittura amministrativa, Roma, Agenzia delle Entrate. Lucchini Alessandro, Business writing. Scrivere nell era di Internet, 2001, Milano, Sperling & Kupfer Piemontese Maria Emanuela, 1996, Capire e farsi capire. Teorie e tecniche della scrittura controllata, Napoli, Tecnodid. Raso Tommaso, 2005, La scrittura burocratica. La lingua e l organizzazione del testo, Roma, Carocci. Zuanelli Elisabetta (a cura di), 1990, Il diritto all'informazione in Italia, Roma, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dipartimento per l'informazione e l'editoria. 14

16 LINK UTILI : sito del WAI (Web Accesibility Initiative) che ha definito le linee guida per rendere accessibili i siti web : nuovo portale realizzato dal Dipartimento per la Digitalizzazione e l'innovazione della Pubblica Amministrazione in cui si possono segnalare problemi di accesso ai siti e ai servizi delle pubbliche amministrazioni : sito in italiano dedicato all'accessibilità : sito dedicato ad accessibilità e usabilità : il sito di Jakob Nielsen, uno dei maggiori esperti di scrittura sul web semplificazione del linguaggio amministrativo una raccolta di testi scritti e regole sulla dedicato alla scrittura sul web e, in generale, alla scrittura professionale. Ricco di spunti per esperti e non. : sito del Poynter insitute, famoso per le indagini Eyetrack sul comportamento dei navigatori online :Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione, riferimento utile per conoscere come si è sviluppato il processo di digitalizzazione nella PA e per la normativa di riferimento linee guida per le amministrazioni pubbliche per costruire un sito web della Regione Emilia - Romagna 15

17 Esempio: sospensione servizi della biblioteca ORIGINALE SEMPLIFICATO 16

18 Esempio: segnalazione di link utili ORIGINALE 17

19 Esempio: segnalazione di link utili SEMPLIFICATO 18

20 Esempio: manifesto per nuovi corsi ORIGINALE 19

21 Esempio: manifesto per nuovi corsi SEMPLIFICATO B 20

Gli aspetti redazionali di un sito. la costruzione di pdf accessibili

Gli aspetti redazionali di un sito. la costruzione di pdf accessibili La forza del web sta nella sua universalità. L accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità, ne è un aspetto essenziale Tim Berners Lee Gli aspetti redazionali di un sito e la costruzione

Dettagli

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo.

APPENDICE 2. 1) Scrivere frasi brevi: non più di 25 o 30 parole e non più di 2 frasi per ogni periodo. APPENDICE 2 - Web-writing (ovvero scrivi come navighi) APPENDICE 2 WEB-WRITING (OVVERO SCRIVI COME NAVIGHI) Queste pagine sono tratte e adattate dalla pubblicazione "Linee guida per la redazione e composizione

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Comunicazione istituzionale on line. Il linguaggio per il web

Comunicazione istituzionale on line. Il linguaggio per il web Comunicazione istituzionale on line Il linguaggio per il web COLLANA STRUMENTI 4 Questa guida è rivolta prioritariamente ai referenti aziendali per la comunicazione web, nell ambito del processo di sviluppo

Dettagli

Le tre dimensioni dell usabilità

Le tre dimensioni dell usabilità Definire l usabilità ISO 9241 Ergonomic requirements for office work with visual display terminals, 1992 Il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi

Dettagli

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali

Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali Altri strumenti di comunicazione degli Enti locali 18-19 lezione - 3 novembre 2011 La Guida ai Servizi realizzata da molte Pubbliche Amministrazioni rappresenta uno degli strumenti cartacei più tradizionali

Dettagli

STRUMENTI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL MINISTERO (siti web, call center, URP, ecc.)

STRUMENTI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL MINISTERO (siti web, call center, URP, ecc.) 1/6 STRUMENTI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL MINISTERO (siti web, call center, URP, ecc.) Princìpi essenziali Informare significa dare forma, le informazioni fornite da un soggetto (attivo) ad un

Dettagli

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet 1. Premessa

Dettagli

Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0

Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0 Pagina 1 di 7 [Linee Guida] Lista di controllo dei Punti di controllo per le Linee guida per l'accessibilit à ai contenuti del Web 1.0 Questa versione del documento: (formato testo, postscript, pdf) Questa

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

Portale Unife Corso per referenti web del sito Unife. Scrivere per il web

Portale Unife Corso per referenti web del sito Unife. Scrivere per il web Scrivere per il web Sul web, come sulla carta, la comunicazione deve essere efficace Una comunicazione è efficace quando stimola nel lettore la reazione voluta (capire una procedura, eseguirla, acquistare,

Dettagli

La circolare USR Lombardia in 7 mosse

La circolare USR Lombardia in 7 mosse Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IX Comunicazione La circolare USR Lombardia in 7 mosse Sommario Premessa ----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Il sito web del comune è stato progettato e realizzato con particolare attenzione a quanto prescritto dalla Legge 4/2004 (cosiddetta Legge Stanca ), contenente "Disposizioni

Dettagli

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni *******************************

Domande WEB Modulo 1. ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* Domande WEB Modulo 1 ************* Introduzione alla Legge Stanca Definizioni ******************************* La Legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili

Dettagli

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina Vigevano - 19/02/2007 1 Cos è un CMS I CMS sono sistemi software che consentono di creare e gestire un sito web direttamente dal Browser, in modo semplice ed immediato. Caratteristica dei CMS è quella

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Piano per la gestione del sito internet comunale Contiene note e spunti confidenziali per il Sindaco

Piano per la gestione del sito internet comunale Contiene note e spunti confidenziali per il Sindaco Piano per la gestione del sito internet comunale Contiene note e spunti confidenziali per il Sindaco Sommario Prefazione... 3 Cosa sapere... 4 Il CMS: un sistema al servizio dei servizi on-line... 7 Guida

Dettagli

LA SEMPLIFICAZIONE DEL LINGUAGGIO AMMINISTRATIVO NELLA REDAZIONE DEGLI ATTI DELLA P.A.

LA SEMPLIFICAZIONE DEL LINGUAGGIO AMMINISTRATIVO NELLA REDAZIONE DEGLI ATTI DELLA P.A. LA SEMPLIFICAZIONE DEL LINGUAGGIO AMMINISTRATIVO NELLA REDAZIONE DEGLI ATTI DELLA P.A. Mirella Nuti INDICE Introduzione... 2 Guida alla struttura del testo... 2 Struttura dell atto... 3 Le Regole... 4

Dettagli

L Italiano nella classe plurilingue: una didattica per l inclusione

L Italiano nella classe plurilingue: una didattica per l inclusione Università per Stranieri di Siena Accademia dei Lincei, progetto Una nuova didattica L Italiano nella classe plurilingue: una didattica per l inclusione Pisa 27 marzo 2015 Prof.ssa Donatella Troncarelli

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 25.03.2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT Certificazione Pedagogica Europea per le Tic EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT www.epict.it www.epict.org Indice MODULO A... 3 MODULO B... 4 MODULO C... 5 MODULO H...

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE M. Carafa N. Giustiniani Piazza Luigi Sodo n. 2-82032 CERRETO SANNITA(BN)

Dettagli

Gentile referente web, gentile redattore,

Gentile referente web, gentile redattore, Gentile referente web, gentile redattore, In queste pagine trovi alcune indicazioni di base sull organizzazione di contenuti e informazioni, sul linguaggio, sui concetti di accessibilità e usabilità, e

Dettagli

La comunicazione scritta efficace

La comunicazione scritta efficace La comunicazione scritta efficace Il programma La comunicazione scritta: regole e condizioni di di efficacia Lettere relazioni - verbali posta elettronica e pagine web 1 1. 1. I I principi di di una comunicazione

Dettagli

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano

Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Accessibilità del sito web del Comune di Triggiano Il Comune di Triggiano, già attento nella precedente versione del suo sito web al tema dell'accessibilità delle informazioni, ha riprogrammato tutte le

Dettagli

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni e DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE a PUBBLICA per l efficienza delle amministrazioni Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi A tutte le Pubbliche Amministrazioni Roma, 8 maggio

Dettagli

Formato per la rappresentazione elettronica dei provvedimenti normativi tramite il linguaggio di marcatura XML.

Formato per la rappresentazione elettronica dei provvedimenti normativi tramite il linguaggio di marcatura XML. Circolare 22 aprile 2002 n. AIPA/CR/40 Formato per la rappresentazione elettronica dei provvedimenti normativi tramite il linguaggio di marcatura XML. A tutte le Amministrazioni pubbliche 1. Premessa L

Dettagli

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Area di specializzazione Esperto in DTP e Web graphic design Anno scolastico 2006/2007 Prof. ALDO GORLA PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Progettare in base

Dettagli

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB Prerequisiti: Conoscenza di base dei seguenti argomenti: linguaggi di marcatura (HTML), strumenti software per l'elaborazione di testi. Esperienza nella redazione e pubblicazione

Dettagli

I Webinar di Formez PA

I Webinar di Formez PA I Webinar di Formez PA Accessibilità dei siti web 1 di 48 Indice degli argomenti La normativa italiana in materia di accessibilità dei siti web I nuovi requisiti tecnici per l accessibilità dei siti web

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

STRUMENTI TELEMATICI MULTIMEDIALI E USABILITÀ NELLA NORMATIVA ITALIANA

STRUMENTI TELEMATICI MULTIMEDIALI E USABILITÀ NELLA NORMATIVA ITALIANA ORNELLA NICOTRA* STRUMENTI TELEMATICI MULTIMEDIALI E USABILITÀ NELLA NORMATIVA ITALIANA PREMESSA L obiettivo principale che ha caratterizzato fin dall origine la pubblicazione on line dei siti governativi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento L EVOLUZIONE DI UN SITO INTERNET NEL TEMPO: SCRIVERE PER IL WEB

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento L EVOLUZIONE DI UN SITO INTERNET NEL TEMPO: SCRIVERE PER IL WEB APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento L EVOLUZIONE DI UN SITO INTERNET NEL TEMPO: SCRIVERE PER IL WEB ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com La conoscenza della Legge 4/2004 nella scuola italiana Un recente questionario, proposto dall'istituto

Dettagli

Accessibilità e Usabilità Web. Katuscia Cerbioni

Accessibilità e Usabilità Web. Katuscia Cerbioni Accessibilità e Usabilità Web Katuscia Cerbioni Qualche definizione: Accessibilità Accessibilità In informatica: capacità di un dispositivo, di un servizio o di una risorsa di essere fruibile con facilità

Dettagli

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione P. Atzeni, P. Merialdo, P. Russo, G. Sindoni, G. Sissa Paolo Merialdo Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE DIRETTIVA 18 dicembre 2003 Linee guida in materia di digitalizzazione dell'amministrazione per l'anno 2004. (in G.U.

Dettagli

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net nasce dal recepimento degli stimoli e delle indicazioni prodotte a livello nazionale, europeo e internazionale in tema di accessibilità

Dettagli

Linee Guida Siti Web P.A. Normativa tecnica e profili di comunicazione pubblica per la costruzione di un sito web istituzionale

Linee Guida Siti Web P.A. Normativa tecnica e profili di comunicazione pubblica per la costruzione di un sito web istituzionale 2 Linee Guida Siti Web P.A. Normativa tecnica e profili di comunicazione pubblica per la costruzione di un sito web istituzionale Pasquale Luigi Di Viggiano 2014 Componente del Consiglio scientifico Laboratorio

Dettagli

Giornata aperta sul web 2009

Giornata aperta sul web 2009 : dalla semplificazione del linguaggio alla costruzione di modelli accessibili a cura di Alberto Ardizzone (USR Lombardia) e Renata Durighello (IC Rodari di Santa Giustina BL) 11 maggio 2009 1/51 Oggi

Dettagli

Accessibilità digitale

Accessibilità digitale Accessibilità digitale Guido Gelatti guido.gelatti@itiscastelli.it Brixia Generazione Digitale - 6 Dicembre 2013 The power of the Web is in its universality Tim Berners-Lee afferma che il web "deve consentire

Dettagli

DECRETO MIUR 26.03.2013, PROT. N. 209. Il Ministro

DECRETO MIUR 26.03.2013, PROT. N. 209. Il Ministro DECRETO MIUR 26.03.2013, PROT. N. 209 Il Ministro Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante le disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, nelle scuole di ogni ordine

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Template. Siti Web Parola visuale, analisi del lettore, usability dei testi ed accessibilità

Template. Siti Web Parola visuale, analisi del lettore, usability dei testi ed accessibilità UniTE lezione #2 WINTER Template Siti Web Parola visuale, analisi del lettore, usability dei testi ed accessibilità dott. Paolo Gatti pgatti@unite.it www.paologatti.it - www.webedintorni.eu Agenda WINTER

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI BRUSAPORTO PROV. DI BG Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto A MARZO 2014 Sommario Obiettivi

Dettagli

Qualità, Usabilità e Accessibilità

Qualità, Usabilità e Accessibilità Qualità e usabilità (II) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2004-2005 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

Comune di AVELLA. Relazione del 18 novembre 2010. Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione

Comune di AVELLA. Relazione del 18 novembre 2010. Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione Provincia di Avellino Relazione del 18 novembre 2010 Il Responsabile dell Area Amministrativa Dr Pellegrino Gaglione 1 1. Contesto normativo e strategico 2. La progettazione dell albo pretorio elettronico

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 3 Sala Maraldi 19/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 11 uditori (3 tecnici del Comune di Ravenna +1 Lepida + Assessore Cameliani) GENERE: 10 uomini e 1 donna ETA MEDIA: 47 NAZIONALITA : italiana

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IDD 2001 - Accessibilità dell informazione on line

IDD 2001 - Accessibilità dell informazione on line L'ACCESSIBILITÀ NEI SITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE G. Braiato, D. De Jaco, A. Mascarello CSI-Piemonte Corso Unione Sovietica, 216-10134 Torino gabriella.braiato@csi.it, dario.dejaco@csi.it, alessio.mascarello@csi.it

Dettagli

Il Word Processor (Word per Windows) Ottobre 2001 Dott. Paolo PAVAN

Il Word Processor (Word per Windows) Ottobre 2001 Dott. Paolo PAVAN Il Word Processor (Word per Windows) Ottobre 2001 Dott. Paolo PAVAN Il Word Processor Un Word Processor (WP), è un programma di elaborazione testi Esso quindi permette di scrivere, memorizzare e stampare

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia Sommario Esercizio Creazione di un ipertesto o ipermedia Competenze Quali le capacità e le competenze? Elementi Caratteristiche peculiari dell

Dettagli

Elementi di scrittura per il web

Elementi di scrittura per il web Elementi di scrittura per il web Rosa Sanrocco Redazione web chi scrive per il web vuole farsi trovare sceglie bene le parole chiave controlla il posizionamento nei motori di ricerca siti web istituzionali

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE II IPERTESTI E WEB ANTOLOGIE CON WORD PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 L ipertesto un modo naturale di elaborare le

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA Livello A2 Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d Europa TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO

Dettagli

Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine

Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine www.comune.udine.it relazione a cura di Fabrizio Chittaro fchittaro@gmail.com

Dettagli

P.I.C. Online - Progetto di Informazione al Cittadino online

P.I.C. Online - Progetto di Informazione al Cittadino online P.I.C. Online - Progetto di Informazione al Cittadino online L'Ente Ospedaliero Ospedali Galliera, garantisce a tutti i soggetti assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale l'accesso ai ricoveri ospedalieri,

Dettagli

:: Progettare e gestire un sito diocesano

:: Progettare e gestire un sito diocesano :: Progettare e gestire un sito diocesano :: Qualità: come raggiungerla e monitorarla A cura di Leo Spadaro l.spadaro@glauco.it 1 Qualità = usabilità Usabilità è il termine coniato per indicare e valutare

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

www.provinciasolidale.provincia. pc.it PORTALE PROVINCIA SOLIDALE Uno strumento istituzionale al servizio delle associazioni di promozione sociale

www.provinciasolidale.provincia. pc.it PORTALE PROVINCIA SOLIDALE Uno strumento istituzionale al servizio delle associazioni di promozione sociale www.provinciasolidale.provincia. pc.it PORTALE PROVINCIA SOLIDALE Uno strumento istituzionale al servizio delle associazioni di promozione sociale COME USARLO PUNTO PRIMO: Come arrivarci e leggerlo Una

Dettagli

PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto

PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto AREA 1 - profilo 1 Comunicazione/ SITO WEB dell Istituto, gestire e coordinare

Dettagli

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA.

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. "Da Internet passa la partecipazione tra la Pubblica amministrazione e il cittadino, la riforma della

Dettagli

Creazione di un ipertesto con Word

Creazione di un ipertesto con Word Creazione di un ipertesto con Word Realizzare un ipertesto per illustrare la storia dell esplorazione dello spazio. Descriviamo le fasi principali per la creazione di un ipertesto: a. all inizio occorre

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Note di metodo. Luisa Neri 1

Note di metodo. Luisa Neri 1 Realizzazione di pagine web per siti scolastici Note di metodo Luisa Neri 1 Premessa Queste Note di metodo sono state preparate per un corso sullo sviluppo di pagine web rivolto ai docenti. Si è inteso

Dettagli

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia INTERNET, uno strumento per la didattica della storia Internet e Storia Internet Internet è come la più grande rete mondiale ed anche detta rete delle reti che collega centinaia di milioni di computer.

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme

Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme PROVINCIA DI VERONA Immagine coordinata - alcune regole di comportamento comunicativo uniforme Immagine coordinata L espressione si riferisce all identità riconoscibile e all immagine trasmessa dall Ente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ prot. n. 5350 del 28.08.2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014 2015-2016. Via Vittorio Emanuele n 346 95124 Tel.: 095 6136325 fax 095 6136324 C.F.: 80011090877 Premessa Il

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 15 novembre 2014 Daniela Sangiovanni Comunicazione e Ufficio stampa Policlinico S,Orsola ACCESSIBILITÀ Gli Stati dovrebbero riconoscere l importanza

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

Centro culturale Veritas

Centro culturale Veritas Centro culturale Veritas Comunicazione e informazione: nuovi scenari e forme di presenza della Chiesa Trieste, autunno 2010 eugenio ambrosi Comunicazione e informazione: nuovi scenari e forme di presenza

Dettagli

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari Il testo digitale dal testo cartaceo alla scrittura digitale Il testo ieri e oggi Testo: qualunque occorrenza comunicativa, scritta o parlata (Dressler e Beaugrande) Presentazione tradizionale di tipo

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione Ornella Nicotra a.a. 2001-2002 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari

Dettagli

Il mio sito utilizza. Cosa devo fare? GL CONSULTING - www.glconsulting.com 031 6872783 info@glconsulting.com

Il mio sito utilizza. Cosa devo fare? GL CONSULTING - www.glconsulting.com 031 6872783 info@glconsulting.com Il mio sito utilizza Cosa devo fare? GL CONSULTING - www.glconsulting.com 031 6872783 info@glconsulting.com Il contesto Il 2 giugno 2015 è scaduto il termine per attuare le prescrizioni del Garante in

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

ABEL (AccessiBle E-Learning)

ABEL (AccessiBle E-Learning) ABEL (AccessiBle E-Learning) Target: non vedenti e ipovedenti Metodologia: Apprendimento tramite materiali online Keywords: Vantaggi e svantaggi dell online learning per non vedenti e ipovedenti Accessibilità

Dettagli