Computer Graphics. Realtà Virtuale: il presente, il passato, 3D il Graphics futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Computer Graphics. Realtà Virtuale: il presente, il passato, 3D il Graphics futuro"

Transcript

1 Computer Graphics Immagine sul Raster Display Il RASTER è costituito da più SCAN LINES Ogni Scan Line è formata da più PIXEL La matrice di Pixel è memorizzata nel FRAME BUFFER Un unico frame buffer porterebbe a vedere l immagine comporsi durante la sua realizzazione - Se ne usano almeno due (double buffering): primario, per l immagine dello schermo, secondario, che prepara la nuova. Quando questa è pronta, i buffer si scambiano i ruoli (page flipping)

2 Grafica 3D Grafica 3D: analogia con fotocamera Posta in un punto dello spazio (VIEWPOINT) Realizza un immagine bidimensionale (FRAME) dell ambiente 3D (SCENE) Passi per un corretto scatto Specifica del tipo di proiezione (Ortografica o Prospettica) e dei parametri di vista: coordinate del modello (object coordinates, in un obj) posizione dell osservatore e del viewplane Clipping: specifica del VIEW VOLUME Proiezione sul VIEW PLANE e Visualizzazione sul VIEWPORT

3 Grafica 3D Rendere finito il View Volume Introduzione di NEAR e FAR Plane

4 Perspective Transformation Per procedere al clipping possiamo ricorrere alla perspective transformation o normalization, che trasforma il viewfrustum nel Volume di Vista Canonico (CVV) top left top left right - right 1-1 bottom bottom adapted from F. Pfenning

5 Grafica 3D Analogia con camera Collocare camera e modello nello spazio Impostare il campo visivo (lente) La catena di trasformazioni La pipeline grafica

6 La pipeline di rendering Modello semplificato DATI 3D PIXEL TRASFORMAZIONE Operazioni geometriche: si determinano le coordinate dei pixel ILLUMINAZIONE Operazioni cromatiche: si determina il colore dei pixel RASTERIZZAZIONE Operazioni bidimensionali: si elaborano i singoli pixel

7 OpenGL OpenGL (Open Graphics Library) è una collezione di API multilinguaggio e multipiattaforme per applicazioni orientate alla computer grafica 2D e 3D. OpenGL permette di: astrarre l interfaccia con hardware grafici differenti, offrendo al programmatore una API unica ed uniforme; astrarre le capacità offerte dai diversi acceleratori 3D, richiedendo che tutte le implementazioni supportino completamente l'insieme di funzioni OpenGL, ricorrendo ad un'emulazione software se necessario. Il compito di OpenGL è quello di ricevere primitive come punti, linee e poligoni, e di convertirle in pixel. OpenGL è una macchina a stati, e mantiene una serie di strutture (stack di matrici, buffer di valori, etc.) per memorizzare le variabili che ne identificano lo stato

8 La pipeline di rendering Modello più realistico (GeForce 3) interpolazione

9 La pipeline di rendering opengl reale

10 L evoluzione di OpenGL Nelle sue prime versioni OpenGL consentiva di usare solo l immediate mode, una modalità basata sull esecuzione immediata dei comandi Per quanto garantisca il massimo della flessibilità (es. geometrie variabili) le performance sono rallentate dal continuo trasferimento dati per l esecuzione dei comandi (primitive) opengl Il retained mode consente invece di raggruppare comandi che vengono eseguiti tutti in un colpo, al fine di minimizzare il trasferimento dei dati Le display list, ad es., consentono di conservare una serie di comandi in memoria grafica. PRO: utilissime per comandi ripetitivi (es. disegno di una mesh rigida), risparmio di banda e di performance CONTRO: se la geometria cambia vanno ricreate (pericolo di thrashing), grosso utilizzo di memoria grafica

11 La pipeline di rendering Specifica dei dati di input Definizione di un vertice : glvertex () I vertici devono essere definiti dentro un blocco associato ad una determinata primitiva (mode) geometrica : void glbegin (Glenum mode)...def di vertici (e normali) void glend (void) Possibili primitive : GL_POINTS (punti) GL_LINES, GL_LINE_STRIP, _LOOP (linee) GL_TRIANGLES, GL_TRIANGLE_STRIP, _FAN (triangoli) GL_QUADS, GL_QUAD_STRIP, GL_POLYGON (quadrati e poligoni) STRIP : Sfruttano il concetto di adiacenza. Associazione di un colore ad un vertice : glcolor () Modalità di colorazione : glpolygonmode (Glenum face, Glenum mode) GL_POINT, il poligono sarà disegnato con dei punti GL_LINE, il poligono sarà disegnato in modalità Wireframe GL_FILL, il poligono sarà disegnato in modalità Solid Associazione di una normale : glnormal ()

12 La pipeline di rendering Es. Specifica di un triangolo glpolygonmode (GL_FRONT, GL_FILL); glpolygonmode (GL_BACK, GL_LINE); glbegin (GL_TRIANGLES); glnormal (0.0,0.0,1.0); glcolor (1.0,1.0,0.0); glvertex (0.0,0.0,0.0); glvertex (1.0,0.0,0.0); glvertex (0.0,1.0,0.0); glend (); z y GL_FRONT x y GL_BACK z x

13 La pipeline di rendering Specifica di un triangolo con Display List // creation GLuint index = glgenlists (1); // compile the display list glnewlist (index, GL_COMPILE); glpolygonmode (GL_FRONT, GL_FILL); glpolygonmode (GL_BACK, GL_LINE); glbegin (GL_TRIANGLES); glnormal (0.0,0.0,1.0); glcolor (1.0,1.0,0.0); glvertex (0.0,0.0,0.0); glvertex (1.0,0.0,0.0); glvertex (0.0,1.0,0.0); glend (); glendlist (); // drawing glcalllist (index); Dopo la creazione, basta chiamare: glcalllist (index); N.B. L esecuzione di una display list causa l esecuzione di TUTTI i comandi,che però sono già presenti in memoria grafica

14 L evoluzione di OpenGL Una maniera di economizzare le chiamate OpenGL per la specifica dei dati geometrici è usare i Vertex Array // creation GLfloat vertices[] = {0.0, 0.0, 0.0, 1.0, 0.0, 0.0, 0.0, 1.0, 0.0}; GLubyte indices[] = {0, 1, 2}; // activate and specify pointer to vertex array glenableclientstate (GL_VERTEX_ARRAY); glvertexpointer (3, GL_FLOAT, 0, vertices); // drawing gldrawelements (GL_TRIANGLES, 3, GL_UNSIGNED_BYTE, indices); I Vertex Buffer Objects, uniscono i vantaggi di entrambi gli approcci: i dati vengono conservati nella memoria grafica (come per la display list) vengono usate le chiamate dei Vertex Array (dunque vengono eseguiti meno comandi) I VBO possono essere aggiornati! (le Dlist vanno ricreate)

15 L evoluzione di OpenGL Vertex Buffer Objects GLfloat vertices[] = {0.0,0.0,0.0,1.0,0.0,0.0,0.0,1.0,0.0}; GLubyte indices[] = {0, 1, 2}; GLuint vboid1, vboid2; // generate a new VBO and get the associated ID glgenbuffers(1, &vboid1); glgenbuffers(1, &vboid2); // bind VBO in order to use glbindbuffer(gl_array_buffer, vboid1); glbindbuffer(gl_element_array_buffer, vboid2); // upload data to VBO glbufferdata(gl_array_buffer, bytedatasize, vertices, GL_STATIC_DRAW); glbufferdata(gl_element_array_buffer, datasize, indices, GL_STATIC_DRAW); glenableclientstate(gl_vertex_array); // activate vertex coords array glvertexpointer(3, GL_FLOAT, 0, 0); // last 0 is the offset in the bound VBO gldrawelements(gl_quads, 24, GL_UNSIGNED_BYTE, 0); // idem

16 L evoluzione di OpenGL Nelle prime versioni di OpenGL (fino alla 1.5) l intera pipeline era completamente STATICA (ovvero usava funzioni e modalità predefinite) Da OpenGL 2.0 (2004) in poi, gli stadi della pipeline POSSONO essere personalizzati attraverso particolari programmi detti SHADERS Da OpenGL 3.0 (2008) in poi, la pipeline statica viene DEPRECATA. Questo vuol dire che gli stadi della pipeline DEVONO essere programmati tramite shaders. Esiste tuttavia un compatibility mode che consente ancora l utilizzo delle funzionalità statiche. Per finalità didattiche esamineremo ora il funzionamento della pipeline STATICA, torneremo successivamente sulla pipeline programmabile

17 Stadio di Trasformazione TRASFORMATION Mesh e primitive Le coordinate omogenee Trasformazioni di Modelviewing Trasformazioni di Proiezione (dal volume di vista al cubo unitario) Trasformazioni di Viewport

18 Stadio di Trasformazione Concetto di Matrice Corrente che identifica una delle tre matrici relative alle trasformazioni (GL_MODELVIEW, GL_PROJECTION, GL_TEXTURE): glmatrixmode () Altre funzioni generalmente riferite alle operazioni su queste matrici: glmultmatrix () glloadmatrix () glloadidentity () glpushmatrix () glpopmatrix () Viewing Trasformation: glulookat () Modeling Trasformation : Traslazione : gltranslate () Scalatura : glscale () Rotazione: glrotate ()

19 Stadio di Trasformazione Projection Trasformation. Prospettica : glfrustum (left, right, bottom,top, near, far); gluperspective (fovy, aspect, near, far) (cambia la modalità di definizione del volume di vista) Ortografica : glortho (left, right, bottom, top, near, far ) Viewport Trasformation. glviewport (x, y, width, height)

20 Stadio di Illuminazione LIGHTING Modello di PHONG Diffuse, Specular, Ambient Sorgenti luminose e materiali Per ogni primitiva deve essere specificato un materiale, i cui parametri possono essere applicati uniformemente alla superficie della primitiva, o modulati da una tessitura (texture).

21 Stadio di Illuminazione In OpenGL possono esistere fino a 8 sorgenti di luci. Le loro proprietà si specificano con: gllight (Glenum light, Glenum pname, TYPE param) Componenti: GL_AMBIENT, componente ambientale GL_DIFFUSE, componente diffusa GL_SPECULAR, componente speculare Fattori di Attenuazione : GL_CONSTANT_ATTENUATION, GL_LINEAR_ATTENUATION, GL_QUADRATIC_ATTENUATION GL_POSITION, con cui è possibile impostare la posizione o creare una luce direzionale (posizionata all infinito) SpotLight: una luce posizionale per default emana luce in tutte le direzioni. E possibile però restringere la sua produzione di luce con un cono di illuminazione GL_SPOT_CUTOFF, angolo del cono ([0.0, 90.0]) GL_SPOT_EXPONENT, focalizzazione della luce GL_SPOT_DIRECTION, direzione della luce Per abilitare una luce : glenable (light) Per abilitare l illuminazione : glenable (GL_LIGHTING ).

22 Stadio di Illuminazione Impostazione dei Materiali: glmaterial (face, pname, param) GL_AMBIENT, componente ambientale GL_DIFFUSE, componente diffusa GL_SPECULAR, componente speculare GL_EMISSIVE, componente emissiva Modalità di Shading : glshademodel (mode) mode può assumere i valori : - GL_FLAT (per avere una modalità Flat) - GL_SMOOTH (per avere una modalità Gouraud).

23 Stadio di Clipping etc. Clipping: glclipplane (GL_CLIP_PLANEi, equation) Specifica piani addizionali di clipping. Back Face Culling: glcullface (mode) GL_FRONT, GL_BACK Specifica la modalità di taglio dei poligoni a seconda del loro orientamento

24 Stadio di Rasterizzazione RASTERIZZAZIONE Texture mapping: Texture: matrice di texel contenenti dati relativi al colore L immagine 2D viene mappata sulle primitive del modello 3D La texture condivide con le primitive tutte le trasformazioni su di esse compiute + = Z-buffering Alpha Blending

25 Stadio di Rasterizzazione Le fasi per creare un oggetto Texture sono le seguenti : Fase 1: Creazione di un nome univoco di Texture. glgentextures (NumNomi, * texturenames) Fase 2: Creazione un oggetto Texture e associzione ( bind ) di un nome glbindtextures (GL_TEXTURE_2D, texturename) Fase 3: Associazione di una immagine all oggetto Texture. glteximage2d ( ) Fase 4: Impostazione dell ambiente texture GL_ADD gltexenv (GL_TEXTURE_ENV, GL_TEXTURE_ENV _MODE, param). Fase 5: Impostazione dei Filtri di Texture (magnification, minification) gltexparameter (GL_TEXTURE_2D, tipofiltro, valore) Impostazione della modalità (param) di uso del colore di Texture. ColoreSuperficieFinale = GL_REPLACE GL_MODULATE -> Tex -> Tex x ColSup. -> Tex + ColSup Le fasi di utilizzo di un oggetto Texture sono : Fase 1. Attivazione del Texture Mapping glenable (GL_TEXTURE_2D) Fase 2. Associare le coordinate di texture ad un vertice attraverso il comando : gltexcoord (u,v)

26 Altre funzioni OpenGL BUFFER Depth: gldepthmask gldepthfunc glpolygonoffset glblendfunc Color: glclearcolor glcolormask gldrawbuffer General: glclear Stencil: glstencilfunc glstencilop glstencilmask glscissor DATA STORING/RETRIEVAL General: glgetfloatv glgetstring Attributes: glpopattrib glpushattrib Transformation: gluproject gluunproject Frame buffer: glcopytexsubimage2d glcopyteximage2d glreadpixels DISPLAY LIST glnewlist glgenlists glcalllist glendlist

Introduzione SOMMARIO

Introduzione SOMMARIO SOMMARIO Introduzione alle librerie grafiche e a OpenGL Implementazioni hw e sw e supporto multipiattaforma Esempi di programma con OpenGL Sistemi di coordinate 2D e 3D Proiezioni Primitive 3D Pipeline

Dettagli

OpenGL: visualizzazione 3D

OpenGL: visualizzazione 3D OpenGL: visualizzazione 3D La visualizzazione di una scena avviene come se si stesse usando una macchina fotografica per la quale si può controllare la posizione nello spazio 3D; si può cambiare il tipo

Dettagli

Grafica Real-Time, Hardware Grafico e Linguaggi di Shading. Alessandro Martinelli

Grafica Real-Time, Hardware Grafico e Linguaggi di Shading. Alessandro Martinelli Grafica Real-Time, Hardware Grafico e Linguaggi di Shading Alessandro Martinelli Grafica Real Time Il concetto di 'Real Time' in ambito grafico ha una valenza molto particolare: Fino agli anni '80, solo

Dettagli

Grafica Computazionale

Grafica Computazionale Grafica Computazionale OpenGl + SDL Fabio Ganovelli fabio.ganovelli@isti.cnr.it a.a. 2005-2006 Storia Specifica di libreria per la scrittura di applicazioni di grafica 3D Cross-Language Cross-Platform

Dettagli

Informatica Grafica. Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi. (2a parte) a.a. 2011/2012

Informatica Grafica. Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi. (2a parte) a.a. 2011/2012 Informatica Grafica (2a parte) a.a. 2011/2012 Prof. Massimiliano Dellisanti Fabiano Vilardi 1 Grafica 3D Con Grafica 3D si indicano quelle tecniche informatiche finalizzate alla descrizione (e rappresentazione

Dettagli

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica.

La Pipeline Grafica. Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione. La Pipeline Grafica. La Pipeline Grafica Vediamo come avviene il rendering, ovvero la visualizzazione di oggetti. Introduzione La Pipeline Grafica Spazio vista Spazio 3D-screen Shading Rasterizzazione Rimozione delle facce

Dettagli

Grafica al calcolatore - Computer Graphics

Grafica al calcolatore - Computer Graphics Grafica al calcolatore - Computer Graphics 7 Pipeline di rasterizzazione 23/11/13 Grafica 2013 1 Rasterization pipeline Sappiamo implementare ray casting (o ray tracing). Abbiamo tuttavia già visto che

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

ANALISI E SVILUPPO DI SHADER GRAFICI IN LINGUAGGIO GLSL ANALYSIS AND DEVELOPMENT OF GRAPHICS SHADERS USING GLSL

ANALISI E SVILUPPO DI SHADER GRAFICI IN LINGUAGGIO GLSL ANALYSIS AND DEVELOPMENT OF GRAPHICS SHADERS USING GLSL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ANALISI E SVILUPPO DI SHADER GRAFICI IN LINGUAGGIO GLSL ANALYSIS AND DEVELOPMENT OF GRAPHICS SHADERS USING

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

Introduzione. Costruzione di Interfacce Primi passi in OpenGL. Sierpinski Gasket. Sierpinski gasket. Event driven programming. Stuttura del programma

Introduzione. Costruzione di Interfacce Primi passi in OpenGL. Sierpinski Gasket. Sierpinski gasket. Event driven programming. Stuttura del programma Introduzione Costruzione di Interfacce Primi passi in OpenGL cignoni@iei.pi.cnr.it http://vcg.iei.pi.cnr.it/~cignoni Abbiamo visto Cosa significa rendering L approccio object viewer Mettiamo in pratica

Dettagli

1.1 Modello di un Processo di Rendering. Gestore delle Geometrie (Ricostruzione delle Geoemtrie e Clipping)

1.1 Modello di un Processo di Rendering. Gestore delle Geometrie (Ricostruzione delle Geoemtrie e Clipping) Capitolo 1 Esercizi sulla Pipeline di Rendering 1.1 Modello di un Processo di Rendering Componenti dell Architettura di Rendering: Processore Bus di Comunicazione Scheda Grafica Moduli della Pipeline di

Dettagli

Rendering I - geometric processing

Rendering I - geometric processing Rendering I - geometric processing Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D Introduzione Trasformazioni

Dettagli

Fondamenti di Grafica Tridimensionale

Fondamenti di Grafica Tridimensionale Fondamenti di Grafica Tridimensionale La Pipeline Grafica Marco Di Benedetto marco.dibenedetto@isti.cnr.it Visualizzazione dell Informazione noi siamo qui Informazione mondo reale (es: 3D scans) creazione

Dettagli

Modelli MilkShape 3D e OpenGL ES

Modelli MilkShape 3D e OpenGL ES Modelli MilkShape 3D e OpenGL ES In questo articolo spiegherò come usare i modellio di MilkShape3D nelle applicazioni per sistemi embedded che fanno uso delle OpenGL ES, tra essi ad esempio cellulari o

Dettagli

Open Source 3D Engine. OpenGL Rendering System. Il Framework

Open Source 3D Engine. OpenGL Rendering System. Il Framework Open Source 3D Engine OpenGL Rendering System Il Framework I moderni mezzi di programmazione, consentono a noi sviluppatori di utilizzare librerie avanzate e testate che si prestano eccellentemente allo

Dettagli

Pipeline di rendering. Pipeline di rendering. Outline. Grafica off-line vs Grafica real-time

Pipeline di rendering. Pipeline di rendering. Outline. Grafica off-line vs Grafica real-time Pipeline di rendering Davide Gadia Corso di Programmazione Grafica per il Tempo Reale Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a. 2013/2014 Outline Grafica off-line vs Grafica real-time

Dettagli

Informatica Grafica. (III anno Laurea Triennale - Corso di Laurea in Informatica) Donato D Ambrosio

Informatica Grafica. (III anno Laurea Triennale - Corso di Laurea in Informatica) Donato D Ambrosio Informatica Grafica (III anno Laurea Triennale - Corso di Laurea in Informatica) Donato D Ambrosio Dipartimento di Matematica e Centro d Eccellenza per il Calcolo ad Alte Prestazioni Cubo 22B, Università

Dettagli

Lezione 19: Grafica in tempo reale. I problemi del Real Time. I problemi del Real Time. I problemi del Real Time. I problemi del Real Time

Lezione 19: Grafica in tempo reale. I problemi del Real Time. I problemi del Real Time. I problemi del Real Time. I problemi del Real Time I problemi del Real Time Lezione 19: Grafica in tempo reale Come visto nelle precedenti lezioni, i calcoli necessari a generare immagini 3D sono numerosi e complessi. I programmi di grafica 3D impiegano

Dettagli

ScuolaSI computer grafica 3d

ScuolaSI computer grafica 3d ScuolaSI computer grafica 3d pagina stampata dal sito ScuolaSI http://www.scuolasi.it pubblicato il 22/04/2011 Grafica - La computer grafica 3D è un ramo della computer grafica che basa la creazione di

Dettagli

Le ombre in OpenGl. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Elementi di Grafica Digitale http://varindaniele.altervista.org

Le ombre in OpenGl. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Elementi di Grafica Digitale http://varindaniele.altervista.org Le ombre in OpenGl Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Elementi di Grafica Digitale http://varindaniele.altervista.org Punto di partenza In OpenGl le luci non proiettano ombre 2 Perché si introducono

Dettagli

Pipeline di rendering

Pipeline di rendering Pipeline di rendering Davide Gadia Corso di Programmazione Grafica per il Tempo Reale Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a. 2012/2013 Outline Grafica off-line vs Grafica real-time

Dettagli

Information Visualization

Information Visualization Information Visualization Introduzione alla CG Prof. Andrea F. Abate abate@unisa.it http://www.unisa.it/docenti/andreafrancescoabate/index CG e VR: cosa sono e a cosa servono Con il termine Computer Graphics,

Dettagli

Computer Graphics. v 1. Rasterizer: lines (segmenti) la rasterizzazione from vertex to pixels. Rasterizzazione: lines (segmenti)

Computer Graphics. v 1. Rasterizer: lines (segmenti) la rasterizzazione from vertex to pixels. Rasterizzazione: lines (segmenti) Computer Graphics Università dell Insubria Corso di Laurea in Informatica la rasterizzazione from vertex to pixels Rasterizer: lines (segmenti) Vertici (punti in R 3 ) computazioni per vertice Z Vertici

Dettagli

Lezione 3: Grafica 3D*

Lezione 3: Grafica 3D* Lezione 3: Grafica 3D* Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani *I lucidi sono tratti da una lezione di Maura Melotti (m.melotti@cineca.it) Sommario Il processo grafico La modellazione 3D Rendering

Dettagli

Rendering. Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D

Rendering. Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D Rendering Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D Introduzione Rendering di mesh poligonali 3D Viewing

Dettagli

Realizzazione di un semplice programma di Painting

Realizzazione di un semplice programma di Painting Realizzazione di un semplice proramma di Paintin In un proramma di paintin si interaisce pesantemente con lo spazio dei Pixel fisici e non più con i pixel trasformati da coordinate mondo a coordinate schermo.

Dettagli

Grafica 3D Interattiva

Grafica 3D Interattiva Informatica Grafica ][ Marco Gribaudo marcog@di.unito.it Grafica 3D Interattiva sono una libreria di funzioni a basso livello per facilitare la scrittura di videogiochi e di applicazioni multimediali.

Dettagli

Applicazioni 3D avanzate

Applicazioni 3D avanzate Azienda Ospedaliera Card. G. Panico Applicazioni 3D avanzate VR e segmentazione delle articolazioni: campi applicativi Indice Applicazioni 3D avanzate Articolazioni e grandi macchine 1. Definizioni 2.

Dettagli

Proiezione Stereoscopica

Proiezione Stereoscopica Proiezione Stereoscopica Sistema di Realtà Virtuale e 3D Stereo Rendering Museo dell'informatica di Cesena Andrea Bernardi (bernardi@csr.unibo.it) Stefano Cacciaguerra (scacciag@cs.unibo.it) Contenuto

Dettagli

OpenGL: Principi base di rendering di Federico NinjaCross Coletto

OpenGL: Principi base di rendering di Federico NinjaCross Coletto OpenGL: Principi base di rendering di Federico NinjaCross Coletto Dopo una panoramica iniziale sulle potenzialità che OpenGL offre, la nostra esplorazione prosegue con un primo approccio alle strutture

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

Sviluppo di un motore grafico in tempo reale. di Marco Altomonte

Sviluppo di un motore grafico in tempo reale. di Marco Altomonte Sviluppo di un motore grafico in tempo reale di Marco Altomonte Dicembre 2005 1 Capitolo 1 Introduzione L attività di Tesi è stata finalizzata allo sviluppo di un motore grafico interattivo: un software

Dettagli

Modulo 3. Rappresentazione di solidi mediante forntiera e strutture dati collegate.

Modulo 3. Rappresentazione di solidi mediante forntiera e strutture dati collegate. Modulo 3. Rappresentazione di solidi mediante forntiera e strutture dati collegate. Nel precedente modulo abbiamo presentato le modalità di rappresentazione di un solido mediante enumerazione o mediante

Dettagli

Realtà Virtuali Prof. Raffaella Folgieri, aa 2013/2014. Realizzare la VR: i software

Realtà Virtuali Prof. Raffaella Folgieri, aa 2013/2014. Realizzare la VR: i software Realtà Virtuali Prof. Raffaella Folgieri, aa 2013/2014 Realizzare la VR: i software Piattaforme per la VR: VRML Il più diffuso: VRML (Virtual Reality Modeling Language) Rappresentazioni 3D interattive

Dettagli

Modulo 1. Rappresentazione e trasformazione dello spazio 3d.

Modulo 1. Rappresentazione e trasformazione dello spazio 3d. Modulo 1. Rappresentazione e trasformazione dello spazio 3d. Un primissimo passo nel percorso che porta dalla astrazione di una scena tridimensionale ad una sua realizzazione grafica è come rappresentare

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

Introduzione a API e game engine per la programmazione grafica

Introduzione a API e game engine per la programmazione grafica Introduzione a API e game engine per la programmazione grafica OpenGL e WebGL Davide Gadia Corso di Programmazione Grafica per il Tempo Reale Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a.

Dettagli

Università di Pisa. Facoltà di Ingegneria

Università di Pisa. Facoltà di Ingegneria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Studio e Realizzazione di una Libreria Software per la Visualizzazione Interattiva di Ambienti Virtuali

Dettagli

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 BLENDER LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 Sito ufficiale: www.blender.org BLENDER Sito ufficiale italiano: www.blender.it Wiki: http://wiki.blender.org/ Quick start: http://wiki.blender.org/index.php/file:quickstart_guide.png

Dettagli

OpenSceneGraph & OSG4Web

OpenSceneGraph & OSG4Web OpenSceneGraph & OSG4Web Parte 1 OpenSceneGraph Introduzione alla creazione di una Applicazione 3D e OpenGL Basi di OpenSceneGraph Demo e prove pratiche Parte 2 Navigazione e Virtual Worlds su larga scala

Dettagli

Le texture UVMap in LightWave 3D

Le texture UVMap in LightWave 3D Le texture UVMap in LightWave 3D di Gian Domenico Rosi Versione di riferimento Versione 9 Conoscenze richieste Per eseguire questo tutorial è necessaria la semplice conoscenza di base dell interfaccia

Dettagli

Introduzione. La grafica al calcolatore. Schema di una applicazione grafica. Strumenti software della grafica al calcolatore.

Introduzione. La grafica al calcolatore. Schema di una applicazione grafica. Strumenti software della grafica al calcolatore. Introduzione Dove si cerca di inquadrare l argomento del corso, dando una possibile definizione di grafica al calcolatore, delineandone brevemente i paradigmi, introducendo la struttura tipica di una applicazione

Dettagli

REVERSE ENGINEERING. Reverse Engineering 22/12/2008. paolo.magni@kaemart.it 1. Contenuto della lezione. Reverse Engineering

REVERSE ENGINEERING. Reverse Engineering 22/12/2008. paolo.magni@kaemart.it 1. Contenuto della lezione. Reverse Engineering Corso di Laboratorio Progettuale di Disegno Assistito da Calcolatore Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies REVERSE ENGINEERING Contenuto della lezione Metodologia Tecnologie

Dettagli

AMBIENTE VIRTUALE UTENTE

AMBIENTE VIRTUALE UTENTE Moduli logici di un Ambiente Virtuale Sintesi Campionamento Comportamenti Proprietà AMBIENTE VIRTUALE Management Rendering Interazione UTENTE È il processo che porta alla descrizione di un oggetto (modello),

Dettagli

SVILUPPO DI UN GEOBROWSER 3D BASATO SU SHADER PER DISPOSITIVI IOS

SVILUPPO DI UN GEOBROWSER 3D BASATO SU SHADER PER DISPOSITIVI IOS Università di Trento SVILUPPO DI UN GEOBROWSER 3D BASATO SU SHADER PER DISPOSITIVI IOS Federico Devigili 113845 Relatore: Raffaele De Amicis Università di Tento Facoltà di scienze MM.FF.NN Corso di laurea

Dettagli

ARCHVIZMASTER. Advanced Techniques in 3D Visualization for Architecture & Design

ARCHVIZMASTER. Advanced Techniques in 3D Visualization for Architecture & Design Il percorso formativo Il percorso formativo ARCHVIZMASTER nasce per fornire una soluzione veloce ed immediata alle esigenze di chi, in breve tempo, intende ottenere conoscenze professionali e approfondite

Dettagli

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Contatti skype: davbar86 mail: davide.barbieri@ghostshark.it Panoramica corso Introduzione al mondo delle GPU Modello GPGPU Nvidia

Dettagli

STUDIO DEL MOTORE GRAFICO OGRE 3D PER L'INTEGRAZIONE DI UNO SHADER DI GESTIONE DELL'ILLUMINAZIONE

STUDIO DEL MOTORE GRAFICO OGRE 3D PER L'INTEGRAZIONE DI UNO SHADER DI GESTIONE DELL'ILLUMINAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN: Comunicazione Digitale STUDIO DEL MOTORE GRAFICO OGRE 3D PER L'INTEGRAZIONE DI UNO SHADER DI GESTIONE

Dettagli

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione.

Luci/Ombre. YAFARAY motore di rendering Open Source. Federico Frittelli aka fredfrittella. SUTURA-studio di progettazione. Luci/Ombre YAFARAY motore di rendering Open Source Federico Frittelli aka fredfrittella SUTURA-studio di progettazione LinuxDay, 2010 fredfrittella (SUTURA-studio di progettazione) Luci/Ombre 23 Ottobre

Dettagli

AMBIENTE VIRTUALE. Moduli logici di un Ambiente Virtuale. Modellazione. Management Rendering Interazione. Sintesi. Comportamenti.

AMBIENTE VIRTUALE. Moduli logici di un Ambiente Virtuale. Modellazione. Management Rendering Interazione. Sintesi. Comportamenti. Moduli logici di un Ambiente Virtuale Sintesi Campionamento Comportamenti Proprietà AMBIENTE VIRTUALE Management Rendering Interazione UTENTE È il processo che porta alla descrizione di un oggetto (modello),

Dettagli

Modellazione. Dove si delineano le principali tecniche per descrivere e rappresentare oggetti in uno spazio tridimensionale.

Modellazione. Dove si delineano le principali tecniche per descrivere e rappresentare oggetti in uno spazio tridimensionale. Modellazione Dove si delineano le principali tecniche per descrivere e rappresentare oggetti in uno spazio tridimensionale. Rappresentazione poligonale Curve e superfici Gometria Solida Costruttiva Suddivisione

Dettagli

Introduzione. La grafica al calcolatore. Schema di una applicazione grafica. Strumenti software della grafica al calcolatore.

Introduzione. La grafica al calcolatore. Schema di una applicazione grafica. Strumenti software della grafica al calcolatore. Introduzione Dove si cerca di inquadrare l argomento del corso, dando una possibile definizione di grafica al calcolatore, delineandone brevemente i paradigmi, introducendo la struttura tipica di una applicazione

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

Scalable Vector Graphics

Scalable Vector Graphics Laboratorio di sistemi interattivi Lezione 16: Linguaggi basati su XML - SVG General Course Information 1 Scalable Vector Graphics Linguaggio utilizzato per descrivere grafica 2D e applicazioni grafiche

Dettagli

Sommario. 4. Modellare una copertura a falde... 51 Introduzione...51 Realizzare la copertura...51 Primo piano con terrazzo...57

Sommario. 4. Modellare una copertura a falde... 51 Introduzione...51 Realizzare la copertura...51 Primo piano con terrazzo...57 Sommario Introduzione... 11 1. Passare a Rhinoceros... 13 I paradigmi di modellazione...14 Perché Rhinoceros, un modellatore di superfici?...16 Adottare il paradigma di modellazione di Rhinoceros...18

Dettagli

Grafica computazionale

Grafica computazionale Grafica computazionale Lezione 1 (slide parzialmente basate su Computer Graphics - MIT Opencourseware Grafica Computazionale - Massimiliano Corsini Università di Siena) 1 Che cos è la Computer Graphics?

Dettagli

VR Engine Software. (Dassault. Quest 3D (Act 3D) VirTools. Systems) Realtà Virtuale: il presente, il passato, Interazione

VR Engine Software. (Dassault. Quest 3D (Act 3D) VirTools. Systems) Realtà Virtuale: il presente, il passato, Interazione Complessità di un sistema VR Network Manager (~ 10 Hz) Simulazione (Fisica, ) AMBIENTE VIRTUALE (~ 200 Hz) Main Application CANALE Visual Rendering VISIVO (~ 60 Hz) CANALE Audio Rendering ACUSTICO (~ 60

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica, orientamento Robotica ed Automazione Tesi di Laurea Interazione Visuo-Aptica con Oggetti Deformabili

Dettagli

OpenGL: Textures & Models collection di Federico NinjaCross Coletto

OpenGL: Textures & Models collection di Federico NinjaCross Coletto OpenGL: Textures & Models collection di Federico NinjaCross Coletto Il periodico appuntamento con le OGL prosegue, e a passi decisi l obiettivo finale di realizzare un engine 3D completo si avvicina sempre

Dettagli

3DSMAX 6. Una panoramica su l interfaccia e gli strumenti a disposizione

3DSMAX 6. Una panoramica su l interfaccia e gli strumenti a disposizione 3DSMAX 6 Una panoramica su l interfaccia e gli strumenti a disposizione Vediamo di capire l interfaccia e i comandi base con i quali iniziare a lavorare con MAX, con le prossime guide affronteremo la modellazione

Dettagli

Nonostante lo implementeremo in D3D10, l algoritmo è completamente indipendente dall API grafica usata. Per funzionare, questo richiede

Nonostante lo implementeremo in D3D10, l algoritmo è completamente indipendente dall API grafica usata. Per funzionare, questo richiede Al giorno d oggi le ombre, nelle simulazioni 3D real time e non, sono diventate componenti fondamentali: nel corso del tempo si sono succedute una serie di tecniche per realizzarle in modo piu o meno realistico

Dettagli

Una caffettiera napoletana. Tutorial2. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati.

Una caffettiera napoletana. Tutorial2. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati. Una caffettiera napoletana Tutorial2 Esercitazione guidata Una caffettiera napoletana Dopo tante teiere, concedetevi, finalmente, il piacere di un buon caffè napoletano! Preparate tutto l occorrente: aprite

Dettagli

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ]

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] FFA 3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] OBIETTIVI Il corso si propone di formare gli allievi sul noto programma di grafica vettoriale 3d e di animazione, introducendolo attraverso una panoramica più generale

Dettagli

Modelli: formati, strutture dati, processing della mesh

Modelli: formati, strutture dati, processing della mesh Modelli: formati, strutture dati, processing della mesh Davide Gadia Corso di Programmazione Grafica per il Tempo Reale Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a. 2013/2014 Outline Modelli

Dettagli

Visualizzazione in ambienti di Realtà Virtuale di scenari fotorealistici basati su dati e calcoli illuminotecnici. Applicazione agli Esterni Urbani

Visualizzazione in ambienti di Realtà Virtuale di scenari fotorealistici basati su dati e calcoli illuminotecnici. Applicazione agli Esterni Urbani Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Visualizzazione in ambienti di Realtà Virtuale di scenari fotorealistici basati su dati

Dettagli

3D STUDIO MAX + VRAY Corso per studenti e professionisti che vogliono specializzarsi nel campo della modellazione tridimensionale e rendering.

3D STUDIO MAX + VRAY Corso per studenti e professionisti che vogliono specializzarsi nel campo della modellazione tridimensionale e rendering. 300 INFO E CONTATTI +39.380.9049170 3D STUDIO MAX + VRAY Corso per studenti e professionisti che vogliono specializzarsi nel campo della modellazione tridimensionale e rendering. Architetti che insegnano

Dettagli

Fondamenti di Computer Graphics

Fondamenti di Computer Graphics Fondamenti di Computer Graphics Andrea Giachetti Department of Computer Science, University of Verona, Italy andrea.giachetti@univr.it 1 Il corso Simile al corso tenuto nella laurea triennale, solo teoria,

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione - OpenInventor. Introduzione - OpenInventor. OpenInventor

SOMMARIO. Introduzione - OpenInventor. Introduzione - OpenInventor. OpenInventor OpenInventor SOMMARIO (riferimento: J. Wernecke, The Inventor Mentor Ed.: Addison-Wesley) Scene database e i scene graph Nodi Coin3D (riferimento: www.coin3d.org) Esempi Introduzione - OpenInventor OpenInventor

Dettagli

Master SIT Settembre 2006. Corso Web & GIS - Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.

Master SIT Settembre 2006. Corso Web & GIS - Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr. COSTRUIRE APPLICAZIONI WEB GIS: SERVIZI E STRATEGIE Corso - Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it I servizi WebGIS...1 Download di dati...3 Visualizzazione

Dettagli

Premessa. GUI: organizzazione generale

Premessa. GUI: organizzazione generale Premessa Luxology Modo è un software di grafica 3D di ultima generazione. Non è un software con una vocazione specifica, ma piuttosto un sistema estremamente flessibile che comprende modellazione solida

Dettagli

3DE Modeling Color. E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori.

3DE Modeling Color. E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori. 3DE Modeling Color E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori. E spesso necessario che alle informazioni geometriche di forma siano abbinate informazioni di colore

Dettagli

I Modelli 3D più comuni: Mesh poligonali

I Modelli 3D più comuni: Mesh poligonali Modellazione 3D 3D Models for interactive applications Marco Tarini I Modelli 3D più comuni: Mesh poligonali Di triangoli, o mista (quadrilateri + triangoli) Struttura dati per modellare oggetti 3D GPU

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

3DE Modeling Professional

3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional è la parte di 3DE Modeling Suite che si occupa della modellazione 3D automatica di oggetti ed edifici a partire da nuvole di punti ottenute con scanner

Dettagli

LPR 2005/ 2006 Lezione n.9. Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi

LPR 2005/ 2006 Lezione n.9. Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi LPR 2005/ 2006 Lezione n.9 Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi JAVA 2D PROGRAMMING Schermo : Matrice rettangolare composta

Dettagli

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

Elementi di grafica raster

Elementi di grafica raster Elementi di grafica raster Le immagini Una immagine è una rappresentazione spaziale di un oggetto o di una scena Una immagine digitale è una rappresentazione di una scena anche 3D dopo il processo di acquisizione

Dettagli

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray

FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray ANTEPRIMA SOMMARIO FOTOGRAFIA E RENDER con V-Ray Un rendering è esattamente come una foto: un immagine bidimensionale il cui effetto di tridimensionalità è solo un illusione generata da giochi di luci,

Dettagli

Programmazione J2ME. Lezione 10. Mobile3D (incompleta) Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania

Programmazione J2ME. Lezione 10. Mobile3D (incompleta) Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Programmazione J2ME Lezione 10 Mobile3D (incompleta) Cosa impareremo oggi? L'API Mobile3D Come scoprire la presenza dell'api Mobile3D Caratteristiche

Dettagli

Dispositivi di Input. Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale

Dispositivi di Input. Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale Dispositivi di Input Sono tanti i più comuni sono: Tastiera: Fax Mouse Scanner Strumenti di riconoscimento vocale Dispositivi di output Stampanti Video Emissione dati in forma sonora Istruzioni ad altri

Dettagli

Benvenuti a Maya Introduzione alla grafica 3D e al mondo

Benvenuti a Maya Introduzione alla grafica 3D e al mondo Introduzione Benvenuti a Maya Introduzione alla grafica 3D e al mondo della Computer Graphics. Questo volume introduttivo, dedicato indifferentemente a coloro che affrontano per la prima volta il mondo

Dettagli

HDS Software Technodigit 3D Reshaper Caratteristiche e benefici

HDS Software Technodigit 3D Reshaper Caratteristiche e benefici HDS Software Technodigit 3D Reshaper Caratteristiche e benefici Software dedicato alla modellazione 3D mesh di nuvole di punti provenienti da qualunque tipo di hardware (laser scanner terrestri, CMM bracci

Dettagli

Modellazione tridimensionale con Solidworks

Modellazione tridimensionale con Solidworks Modellazione tridimensionale con Solidworks Il corso si rivolge a tutti coloro che desiderano conoscere il programma SolidWorks. Attraverso il corso sarà possibile esercitarsi e consolidare le proprie

Dettagli

Programma del Master di Produzione digitale 3d

Programma del Master di Produzione digitale 3d Programma del Master di Produzione digitale 3d Master di produzione digitale 3d Introduzione Il corso e rivolto principalmente agli appassionati di cinema 3D e di effetti speciali (digitali e tradizionali).

Dettagli

Tecniche per applicazioni interattive

Tecniche per applicazioni interattive Tecniche per applicazioni interattive Dove si affronta il problema del rendering dalla parte della applicazione grafica interattiva. Introduzione Rappresentazione della scena Tecniche di abbattimento della

Dettagli

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze

Tecniche di Post-processing. Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze Tecniche di Post-processing Tsrm Dr. Daniele Di Di Feo Dir U.O. Dr C.Fonda A.O.U. Meyer Firenze introduzioni Gli algoritmi di visualizzazione tridimensionale richiedono l uso di dati di tipo volumetrico,,

Dettagli

Programma del Master Game Design

Programma del Master Game Design Programma del Master Game Design Il corso di Game design mira a realizzare non solo un corso di design e programmazione ma anche a sviluppare nell alunno competenze in tecnologia, team building e conoscenza

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione. Programmazione orientata agli oggetti

Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione. Programmazione orientata agli oggetti Alessio Bechini - Corso di - Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione Metodologie OO Programmazione orientata agli oggetti La programmazione ad oggetti (OOP) è un paradigma di programmazione

Dettagli

Grafica al calcolatore. Computer Graphics. 6 Modelli di illuminazione 18/11/12

Grafica al calcolatore. Computer Graphics. 6 Modelli di illuminazione 18/11/12 Grafica al calcolatore Computer Graphics 6 Modelli di illuminazione 18/11/12 Grafica 2013 1 Ray casting e colore Tornando al problema della formazione dell'immagine, possiamo creare le immagini se sappiamo

Dettagli

IDL. Scoprite cosa si nasconde nei vostri dati

IDL. Scoprite cosa si nasconde nei vostri dati IDL. Scoprite cosa si nasconde nei vostri dati L efficacia dell analisi IDL IDL include un motore di analisi solido e efficace, che consente di estrarre dai dati le specifiche informazioni statistiche

Dettagli

I file raster gestione e stampa

I file raster gestione e stampa Alla fine del capitolo saremo in grado di: Conoscere il significato dei file di raster Saper distinguere il file raster da quello vettoriale. Saper gestire i file Raster Saper vettorializzare manualmente

Dettagli

CORSO CGI E COMPOSITING

CORSO CGI E COMPOSITING CORSO CGI E COMPOSITING per la fotografia pubblicitaria INTERNO GRIGIO IL CORSO Introduzione il corso è pensato per fornire una conoscenza completa degli strumenti di cui il settore della fotografia pubblicitaria

Dettagli

GerbView. 25 novembre 2015

GerbView. 25 novembre 2015 GerbView GerbView ii 25 novembre 2015 GerbView iii Indice 1 Introduzione a GerbView 2 2 Schermo principale 2 3 Top toolbar 3 4 Barra strumenti sinistra 4 5 Comandi nella barra del menu 5 5.1 File menu.......................................................

Dettagli

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO

InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO InstantRender Versione 12 MANUALE OPERATIVO A cura di ARCPLUS ITALIA - Horae srl, via C.Colombo 19 p/6 Perugia www.arcplus.it info@arcplus.it Stampato a Settembre 2010 Capitolo 1 Introduzione 1. 2. 3.

Dettagli

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009 6 novembre 2009 MATTINO GIS e CAD: missione impossibile? GIS versus CAD GIS e CAD: come lavorare insieme Dal dato alla cartografia Pausa caffè Mappare il crimine: : ArcGIS e Crime Analyst presso la Polizia

Dettagli

SVILUPPO CLIENT 3D OPENGL IN JAVA

SVILUPPO CLIENT 3D OPENGL IN JAVA Relazione di Tirocinio anno accademico 2007/2008 SVILUPPO CLIENT 3D OPENGL IN JAVA Candidato: Michele Zangari Tutore Aziendale: Ing. Andrea Lagomarsini Tutore Accademico: Prof. Giuseppe Attardi Indice

Dettagli

Matrice delle funzioni di pcon.planner pcon.planner 7.0

Matrice delle funzioni di pcon.planner pcon.planner 7.0 Matrice delle funzioni di pcon.planner pcon.planner 7.0 Salvataggio STD ME PRO Caricamento e salvataggio di file DWG e DWT Conversione e supporto dei formati meno recenti di DWG Supporto esteso per modelli

Dettagli