Context-Aware data management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Context-Aware data management"

Transcript

1 Elaborato finale in Basi di dati Context-Aware data management Anno Accademico 2012/2013 Candidato: Antonio Ambrosio matr. N

2

3 Indice Introduzione 1 Capitolo 1. Introduzione al contesto 1.1 Il concetto di contesto Definizione di contesto La context-awareness Definizione di context-aware Applicazioni context aware L'importanza delle applicazioni context-aware nella società futura 8 Capitolo 2. Context-Aware data management 2.1 Introduzione Categorizzazione e acquisizione del contesto Modellazione del contesto Introduzione al concetto di ontologia Modellazione del contesto mediante l'utilizzo delle ontologie Strategie per la context-aware data management Struttura di un sistema per la context-aware data management Context-aware querying 22 Conclusioni 24 Bibliografia 25 III

4

5 Introduzione Con l'avanzare del tempo e dello sviluppo tecnologico, gli oggetti di uso quotidiano saranno in grado di elaborare sempre più informazioni in modo del tutto trasparente alle persone che, di fatto, diventeranno degli utenti inconsapevoli di un ambiente sempre più intelligente e pronto a prendersi cura di loro, tenendo conto dei gusti e dei bisogni specifici di ognuno. Tale modello di interazione uomo macchina o HCI (dall'inglese humancomputer interaction) viene chiamato Ubiquitous computing oppure Ambient Intelligence (AmI). Quindi, un ambiente di questo tipo, dovrà essere consapevole, soprattutto, del contesto in cui gli utenti stanno operando (context awareness). Ad esempio, per un utente che utilizza un navigatore satellitare, potrebbe essere desiderabile, in un orario di punta, ottenere un percorso che aggiri le zone più congestionate dal traffico automobilistico nell'istante in cui viene sottoposta la richiesta. Oppure, per un utente impegnato in una visita turistica in un museo, potrebbe risultare stimolante avere un dispositivo mobile che, all'avvicinarsi ad una particolare opera, fornisca informazioni aggiuntive in un formato congeniale al luogo in cui ci si trova, come, ad esempio, sotto forma di messaggio di testo se ci si trova in un luogo in cui è richiesto un certo silenzio, oppure, in caso contrario, tramite un messaggio vocale. Di conseguenza risulta chiaro che una gestione dei dati consapevole del contesto applicativo in cui si trovano gli utenti (context-aware data management), è di fondamentale importanza, in quanto, per creare un vero ambiente intelligente bisogna conoscere lo stato in cui gli utenti si vengono a trovare, così da poter comprendere i loro desideri e le loro richieste. Il seguente lavoro di tesi si compone di due parti fondamentali: la prima parte (corrispondente al primo capitolo), ha l'obiettivo di introdurre il lettore al concetto di contesto e di applicazione context-aware, nonché di spiegare quale sia l'importanza delle applicazioni context-aware nella società del futuro. Invece, la seconda parte (corrispondente al secondo capitolo), fornirà al lettore una 1

6 panoramica generale sulla context-aware data management (proponendo diversi approcci e tecniche), con un occhio di riguardo alla parte riguardante il meccanismo di interrogazione negli ambienti context-aware. 2

7 Capitolo 1 Introduzione al contesto In questo capitolo verrà spiegato in breve cos'è il contesto, come esso influenza le nostre vite e perché risulterà fondamentale nel futuro dell'informatica. Inoltre verrà spiegato il concetto di context-awareness e quali sono le caratteristiche che una applicazione contextaware deve avere. 1.1 Il concetto di contesto L'essere umano ha sempre sfruttato il concetto di contesto, esso è una componente fondamentale della comunicazione tra individui, anche se, molto spesso, le persone non sono in grado di dare una definizione completa di tale concetto. Il contesto rientra in quel genere di concetti compresi dalla maggior parte delle persone, ma difficilmente descrivibili a parole. Tra i primi a parlare di contesto e di context-awareness nel campo dell'informatica, possiamo annoverare Bill Schilit, Norman Adams e Roy Want [1], essi affermano che i tre principali aspetti del contesto sono: where you are (dove ti trovi), who you are with (con chi sei) e what resurces are nearby (quali risorse ci sono nelle vicinanze). Se mettiamo insieme le tre frasi appena citate, ci rendiamo conto che possono essere viste come una prima definizione di contesto basata su alcune caratteristiche osservabili. Un'altra definizione di contesto fu proposta da Ryan et al. [2], essi affermarono che il contesto può essere definito tramite una serie di caratteristiche ambientali (environment), come ad esempio il luogo, la temperatura e l'identità dell'utente preso in considerazione. In letteratura sono state proposte altre definizioni molto simili, ma tutte si basano su caratteristiche particolari o sinonimi del contesto, non risultando molto funzionali da un 3

8 punto di pratico. Per questo, nel paragrafo successivo sarà proposta una definizione più funzionale del contesto. 1.2 Definizione di contesto La definizione di contesto che sarà presa in considerazione in questo tesi è quella che fu proposta da Dey e Abowd nel 1999 [3] e viene riproposta di seguito: Context is any information that can be used to characterize the situation of an entity. An entity is a person, place, or object that is considered relevant to the interaction between a user and an application, including the user and applications themselves. Analizzando tale definizione ci si rende conto che ha un carattere decisamente più generale rispetto alle precedenti, visto che non esiste più nessuna dipendenza da una serie di caratteristiche enumerate e considerate come contesto, ma si considera contesto ogni informazione che può essere utile per caratterizzare e descrivere uno scenario in cui si trova una particolare entità, dove per entità si intende un soggetto (persone, oggetti, luoghi) considerato rilevante per l'interazione tra l'utente che sottopone la richiesta e l'applicazione, dove le entità possono essere l'utente o/e l'applicazione stessa. Riguardo la definizione di Dey e Abowd, si può fare un'ulteriore osservazione: spesso quando una persona pensa al contesto crede che esso sia formato solamente dalle informazioni implicite dell'ambiente circostante (un po' come succedeva nelle precedenti definizioni), mentre grazie a quest'ultima informazione abbiamo capito che anche le informazioni esplicite, se caratterizzanti, possono essere considerate contesto a tutti gli effetti. Ad esempio consideriamo il seguente scenario: supponiamo di voler fare, trovandoci in Italia, un acquisto in un negozio on-line internazionale, evidentemente i dati di log-in al negozio saranno considerati un informazione di contesto esplicito, mentre il paese da cui si effettua la transazione è una 4

9 informazione implicita che, ad esempio, potrebbe essere sfruttata per rappresentare i prezzi di tutti i prodotti in euro. 1.3 La context-awareness L'espressione context-awareness significa letteralmente consapevolezza del contesto, quindi quando si parla di applicazioni context-aware, ci si riferisce ad applicativi che in qualche modo hanno la consapevolezza del contesto in cui l'utente si trova. Come riportato da Dey e Abowd [3] i primi a proporre una definizione di elaborazione context-aware furono Schilit e Theimer nel 1994 [4], essi affermarono che la context-aware computing è l'abilità di una applicazione di rilevare e reagire ai cambiamenti dell'ambiente in cui è situata. In particolare il lavoro di Schilit e Theimer si occupava del caso particolare dei mobile users che dovevano costantemente monitorare l'ambiente circostante per effettuare operazioni come: 1. rilevare oggetti interessanti nelle vicinanze del mobile user; 2. tenere un registro degli oggetti e delle persone incontrate; 3. rilevare specifiche informazioni di territorio, come messaggi lasciati all'utente oppure messaggi pubblici (una sorta di bacheca elettronica di prossimità); 4. rilevare se ci sono delle periferiche vicine che possono essere sfruttate da qualche particolare applicativo del mobile user (come delle foto sul cellulare che vogliono essere visualizzate in un televisore); 5. per rilevare persone o oggetti che possono essere utilizzati come trigger per un applicativo del mobile user. La definizione precedente è fortemente legata al concetto di contesto in prossimità dell'user, per rispondere al bisogno di avere una definizione più generale e non dipendete dalla prossimità, nel prossimo paragrafo sarà illustrata la definizione che danno Dey e Abowd. Inoltre, è doveroso ricorcare, che il primo progetto di context-aware computing fu 5

10 l'olivetti active badge realizzato nel Definizione di context-aware Di seguito si riporta la definizione di sistema context-aware data da Dey e Abowd nel 1999 [3]: A system is context-aware if it uses context to provide relevant information and/or services to the user, where relevancy depends on the user s task. In pratica, Dey e Abowd affermano che un sistema si può definire context aware quando sfrutta il contesto per fornire importati informazioni o/e servizi all'untente, dove l'importanza dipende dalla richiesta dell'utente. Analizzando tale definizione, possiamo subito notare che ha un carattere molto generale e, quindi, non dipendente da particolari tipi di contesto (come invece accadeva con la definizione di Schilit e Theimer) Applicazioni context-aware Dopo aver definito in modo preciso cosa si intende per contesto e context-awareness, si può cominciare a parlare delle varie tipologie di applicazioni context-aware. Nel corso degli anni sono state proposte molte classificazioni riguardo le applicazioni context-aware, tra i primi ci furono Schilit, Adams e Want [1] nel 1994, essi distinguevano fondamentalmente in tre classi: 1. Proximate Selection, che significa letteralmente selezione di prossimità, è una tecnica di interfacciamento che prevede che l'utente si avvicini ad un particolare luogo per poter ricevere delle informazioni rilevanti o/e eseguire elaborazioni, sia su richiesta che automaticamente. 2. Automatic contextual reconfiguration, è il processo di aggiunta di nuove 6

11 componenti, rimozioni di componenti già esistenti o l'alterazione di connessione fra componenti di un sistema. Di fatto si ha la mutazione del sistema in base al contesto. Tipicamente, i componenti possono comprendere: moduli driver scaricabili direttamente dall'utente, moduli di programmi (Es: un programma che si aggiorna in base ad informazioni di contesto), elementi hardware ecc. 3. Contextual informations and commands, spesso le operazioni che le persone eseguono possono essere predette, infatti, solitamente, ci sono alcune operazioni ricorrenti che si effettuano quando ci si trova in particolari luoghi (es: università, biblioteche, uffici ecc.). Le applicazioni che sfruttano questo tipo di contextual information sono fatte in modo da eseguire determinati comandi (contextual commands) al posto dell'utente sulla base del contesto. 4. Context-triggered actions, sono quelle applicazioni che eseguono automaticamente una operazione quando si viene a creare una particolare condizione (trigger) nel contesto. Con il passare del tempo, sono nati altri tipi di classificazioni, come ad esempio, quella proposta da Pascoe [5] nel 1998, essa, sotto alcuni aspetti, non si differenzia molto dalla precedente tassonomia, infatti esiste una parziale sovrapposizione, ma persistono alcune significative differenze. La classificazione di Pascoe si compone di quattro principali classi di applicazioni context-aware: 1. contextual sensing, che rappresenta la capacità di una applicazione di rilevare le informazioni di contesto e di presentarle in modo adeguato all'utente. Come si può notare, questo tipo di applicazione non è molto differente dalla proximate selection proposta da Schilit, Adams e Want, con la sostanziale differenza che, nel caso della contextual sensing, l'utente non deve per forza selezionare uno degli oggetti del contesto per ottenere più informazioni. 2. Contextual adaption, coincide con la context-triggered actions proposta da Schilit, Adams e Want. 7

12 3. contextual resource discovery, coincide con la automatic contextual reconfiguration proposta da Schilit, Adams e Want. 4. contextual augmentation, è la possibilità, da parte dello user, di associare informazioni digitali al contesto. Come esempio, possiamo pensare ad un ambiente in cui ci sia la possibilità di lasciare dei messaggi per gli utenti che sopraggiungeranno in un secondo momento. Successivamente (1999), Dey e Abowd [3] proposero una tassonomia che mirava a combinare i punti di forza dei due approcci precedentemente visti, tale classificazione viene riportata di seguito: 1. presentation, è la combinazione della proximate selection e della contextual sensing. In pratica si sfrutta il concetto di prossimita introdotto da Schillit, Adams e Want, unito all'interfacciamento introdotto da Pascoe. 2. Automatic execution of a service, coincide con la context-triggered actions e la Contextual adaption. 3. tagging of context, coincide con la contextual augmentation proposta da Pascoe. E' importante precisare che, una applicazione context-aware, non deve per forza appartenere precisamente ad una delle categorie elencate, ma è possibile avere delle applicazioni ibride che hanno le caratteristiche di più categorie L'importanza delle applicazioni context-aware nella società futura Da qualche anno si sente parlare sempre più spesso di di ambienti intelligenti (AmI) atti al miglioramento della qualità della vita, sia in ambito domestico (domotica), che in ambito cittadino. In particolare, esiste una espressione che ricorre molto nei vari mass-media, tale espressione è smart city. Le smart cities sono le così dette città intelligenti, tale argomento è interdisciplinare e abbraccia tutti i campi: dal risparmio energetico, al miglioramento della vita, all'accesso più veloce e naturale alle 8

13 informazioni. E' proprio in questi ultimi due campi che si inseriscono le applicazioni context-aware, infatti, nelle città del futuro, ci saranno sempre più spazi intelligenti (domestici e non), che si prenderanno cura degli utenti e che renderanno loro più semplice e immediato l'accesso alle informazioni e che, sotto determinate condizioni, saranno in grado di prevedere i desideri dell'utente e quindi di anticipare alcune operazioni per conto dell'utente. In un futuro non troppo lontano, possiamo aspettarci un radicale cambiamento delle interfacce uomo macchina, probabilmente le interfacce desktop che utilizziamo al giorno d'oggi ci sembreranno preistoria informatica, si pensi che nel giro di un periodo di tempo relativamente breve si è passato dai grossi mainframe, in dotazione solo alle grosse organizzazioni, a più di un personal computer per ogni casa. Come esempio di ambiente intelligente, possiamo pensare ad una stanza che ha la capacità di regolare automaticamente la temperatura dell'ambiente in base ai gusti dell'utente, oppure, attraverso un impianto stereo centralizzato, si può variare la musica in base alle preferenze dell'utente. E ancora, potremmo pensare ad un parco pubblico in cui le persone, tramite tagging, possono lasciare i propri messaggi su di una bacheca virtuale, in modo che in futuro, gli utenti dello stesso parco, possano usufruire dei consigli di chi è stato precedentemente in quel luogo. Un altro esempio potrebbe essere quello di un centro commerciale intelligente, dove quando un utente entra in un negozio, riceve direttamente le informazioni sulla merce scontata che potrebbe interessargli, tale elaborazione può essere fatta sulla base degli acquisti precedenti o/e di una serie di indicazioni rilasciate dall'utente stesso (ad esempio tramite un questionario elettronico messo a disposizione del centro commerciale). Questo tipo di applicazioni possono diventare molto importanti anche nel campo del miglioramento della vita delle persone diversamente abili, infatti è possibile studiare degli ambienti che mutino in base allo specifico bisogno. Ad esempio, consideriamo un persona affetta da cecità che entra in un edificio pubblico intelligente, tale ambiente, dopo aver 9

14 recepito le informazioni di contesto relative all'utente, deve essere in grado di guidarlo verso la sua meta attraverso l'utilizzo di messaggi audio. Nel prossimo capitolo si studierà un approccio alla gestione dei dati per rendere realizzabile, almeno in parte, questa avveniristica visione della società futura. 10

15 Capitolo 2 Context-Aware Data Management 2.1 Introduzione Precedentemente si è parlato delle applicazioni context-aware e della loro importanza nel futuro della società, in questo capitolo si cercherà di approfondire l'aspetto che riguarda più propriamente la gestione dei dati in ambienti contex-aware. In particolare, in ogni paragrafo si parlerà di uno degli aspetti essenziali per rendere possibile la context-aware data management, fino ad arrivare ad un modello che spiega il processo di querying in tali ambienti. 2.2 Categorizzazione e acquisizione del contesto Prima di addentrarsi nel modello di context-aware data management adottato, per una corretta progettazione di un ambiente context-aware è importante determinare quali sono le categorie di contesto che si vogliono prendere in considerazione ed attraverso quali strumenti sia possibile acquisire questi diversi tipi di contesto. Come esempio sarà mostrata una categorizzazione proposto da Feng et al. nel 2004 [6]. Essi affermano che si possono distinguere due categorie di contesto, una chiamata usercentric context, tale categoria mette al centro tutta quella parte del contesto che riguarda esclusivamente l'utente, e l'altra chiamata enviromental context, tale categoria riguarda tutta quella parte del contesto che proviene dall'ambiente circostante. Queste due categorie possono essere, a loro volta, divise in diverse sotto-categorie. L'user-centric context, può essere diviso nelle seguenti sotto-categorie: Background, che può comprendere informazioni come: interessi personali, preferenze (es: culinarie, artistiche, letterarie ecc.), area di 11

16 lavoro, opinioni soggettive, amicizie, gruppi di interesse ecc. Tutte queste informazioni possono essere acquisite, ad esempio, collegandosi ai profili personali che l'utente ha nei vari social network. Dynamic Behavior, si riferisce alla variazione dinamica che può avere il comportamento dell'utente, come, ad esempio, le intenzioni che l'utente ha per il prossimo futuro, i compiti dell'utente, le attività recenti ecc. Questo tipo di informazione può essere dedotta dall'agenda dell'utente, oppure, in parte, da uno storico delle attività dell'utente (come ad esempio le bacheche nei social network). Physiological state, questa categoria di contesto comprende tutti gli stati fisiologici dell'utente, come la temperatura corporea, il battito cardiaco ed altri indicatori corporei. Tali informazioni possono essere ricavate attraverso dei sensori corporei, ad esempio, posizionati in una polsiera mentre si fa jogging e collegati ad uno smartphone. Emotional state, come: allegria, tristezza, disgusto, paura, rabbia, sorpresa, calma ecc. Questo tipo di contesto è uno dei più difficili da ottenere, infatti, per tentare di ottenere lo stato emozionale dell'utente bisogna analizzare tutta una serie di fattori corporei e non, come, ad esempio, l'analisi delle espressioni facciali (attraverso dei software di elaborazione delle immagini), oppure, l'analisi dei suoni emessi dell'utente (Es: riconoscimento di una risata o di un tono rabbioso). Unito a quanto detto precedentemente, si può analizzare anche il cambiamento della frequenza cardiaca e della temperatura corporea dell'utente, infatti, quando ci si trova in particolari stati emozionali è possibile rilevare cambiamenti fisiologici di questo tipo. L'enviromental context, può essere diviso nelle seguenti categorie: Physical environment, in tale categoria sono raggruppati i fattori fisici, come, ad esempio, la data e l'ora, la posizione geografica, la temperatura, l'umidità, il rumore di sottofondo, la quantità di luce, le vibrazioni del terreno, la pressione atmosferica ecc. Questo tipo di informazioni possono essere ricavate attraverso dei dispositivi 12

17 GPS, uniti a tutta una serie di altri dispositivi e sensori che possono trovarsi in prossimità dell'utente (es: stazioni meteorologiche in prossimità dell'user), oppure si possono trovare integrati in altri dispositivi che l'utente porta con se, come smartphone e orologi. Social environment, questa categoria si riferisce a tutti quei tipi di contesto che hanno a che fare con entità diverse dall'utente, come ad esempio, il traffico automobilistico e le persone in prossimità dell'utente. Tali informazioni possono essere ottenute, ad esempio, dai fornitori dei vari servizi nella zona, senza analizzare le attività dell'utente. Computational environment, questa categoria di contesto si riferisce a tutte le attività che si trovano in prossimità dell'utente, come ad esempio, le attività commerciali di interesse della zona in cui si trova l'utente, centri sportivi ecc. L'acquisizione di tale tipo di contesto dovrebbe avvenire attraverso infrastrutture messe a disposizione dalle stesse attività interessate, ad esempio mediante colonnine wireless che comunicano le proprie informazioni alle periferiche mobili nelle vicinanze. Come si è appena visto, la categorizzazione del contesto e l'acquisizione sono due attività estremamente complesse, dove il tipo di contesto dipende fortemente dalla realtà che si vuole trattare e l'acquisizione risulta una operazione molto ardua, soprattutto quando si coinvolgono gli aspetti emozionali delle persone. Ad esempio, si pensi al riconoscitore di emozioni precedentemente citato, che sfrutta, per rilevare le emozioni, l'analisi delle espressioni facciali e di alcuni parametri fisiologici. 2.3 Modellazione del contesto Dopo aver parlato delle varie categorie del contesto, nel seguente paragrafo si parlerà di come il contesto viene modellato. Nel corso degli anni sono stati proposti vari tipi di modellazione del contesto, ad esempio, 13

18 Feng et al. [6] definiscono formalmente il contesto nel seguente modo: sia {a1,a2,, an} un set di contextual attributes, posiamo rappresentare il dominio di ogni attributo come Dom(a1), Dom(a2),, Dom(an). Il contesto può essere visto come un vettore n-dimensionale, denotato con [[Context]], che si ottiene dal prodotto cartesiano [[Context]]: a1 x a2 x x an dei contextual attributes, su tale contesto è possibile definire delle funzioni che hanno come parametri i contextual attributes. Per quanto la precedente definizione si corretta formalmente e lascia spazio alla definizione di funzioni sul contesto, negli ultimi anni si è imposto un altro tipo di modellazione che risulta avere molti più vantaggi in confronto ai modelli precedentemente presentati in letteratura, tale modellazione si basa sul concetto di ontologia Introduzione al concetto di ontologia La parola ontologia deriva dal greco e significa, letteralmente, <<discorso sull'essere>>. Più in generale, con il termine ontologia, ci si riferisce a quella branca della filosofia che si propone di studiare l'ente in quanto ente [7], dove per ente si intende qualcosa che è (qualcosa che esiste). La definizione di ontologia utilizzata in ambito informatico deriva direttamente da quella filosofica. In particolare, nel campo della gestione dell'informazione, si può dare la seguente definizione: si definisce ontologia, la conoscenza condivisa di un dominio di interesse, che può essere rappresentata attraverso un insieme di entità, relazioni, funzioni, assiomi ed istanze. Tale definizione ricalca fedelmente quella proposta da Wang et al. [8] Modellazione del contesto mediante l'utilizzo delle ontologie L'utilizzo delle ontologie nella modellazione del contesto presenta molteplici vantaggi [8]: la possibilità di condividere la conoscenza, infatti l'utilizzo di un modello 14

19 ontologico facilita l'adozione di un modello unico del contesto per le entità che partecipano nell'ambito della ubiquitous computing, quando devono comunicano fra di loro. Inferenza logica, attraverso l'utilizzo di un modello ontologico, le applicazioni context-aware possono applicare efficacemente molti meccanismi di resoning, per dedurre, a partire dal contesto di basso livello (raw cotext), un contesto di alto livello. Inoltre, utilizzando un modello ontologico, è facile accorgersi e risolvere le rilevazioni errate di un contesto di basso livello (Es: rilevazioni erronee da parte di un sensore), visto che con le ontologie è facile mettere in evidenza le inconsistenze. Riutilizzo della conoscenza, grazie al modello ontologico è possibile riutilizzare dei modelli ontologici condivisi (Es: condivisi in internet), per non partire da zero nella creazione di un modello ontologico più ampio. Di seguito analizzeremo nel dettaglio un modello estensibile, basato sulle ontologie, per la rappresentazione del contesto, tale tipo di modellazione prende il nome di CONON (COtext ONtology) e fu proposto per la prima volta da Wang et al. [8] nel Possiamo dire, realisticamente, che non è pensabile formalizzare tutto il contesto in cui ci si viene a trovare, ma è possibile individuare alcune contextual entity fondamentali, in CONON esse sono: location, user, activity e computational entity, ed insieme formano la così detta Upper Ontology che rappresenta una parte comune a tutti i tipi di contesto, mentre per modellare le particolarità di ogni contesto è stata prevista una estensione chiamata Domain-Specific Ontology. Nel campo dell'ubiquitous computing, solitamente, le applicazioni e i servizi sono raggruppati in sotto-domini dei vari ambienti intelligenti (es: casa, uffici, parchi ecc.). Da ciò è possibile individuare l'importanza della Upper ontology, infatti, essa non rappresenta solo una ossatura di base che il contesto deve avere, ma può essere usata come indice alle informazioni e per individuare alcune similitudini tra contesti apparentemente molto 15

20 differenti. Inoltre, tale struttura incoraggia il riutilizzo dei contesti già individuati e definisce una interfaccia estremamente flessibile per gli specifici domini applicativi. L'immagine che viene mostrata di seguito riassume quanto appena detto e definisce delle specializzazioni per le context entity precedentemente citate: 16

21 La metologia CONON, con le sue entità e relazioni, può essere memorizzata mediante l'utilizzo del linguaggio OWL, tale linguaggio di markup (derivante da RDF) è stato studiato appositamente per la rappresentazione delle ontologie, però tale trattazione specifica esula dagli scopi di questa tesi. 2.4 Strategie per la context-aware data management Nel seguente paragrafo si discuteranno quali possono essere le varie strategie per la context-aware data management, tali strategie si applicano a seconda del tipo di interrogazione sottoposta dall'utente. Le cinque seguenti categorie furono proposte da Feng et al. nel 2004 [6]. 1. Context as Present On-the-Spot Query Condition, le applicazioni che seguono tale strategia sottoporranno ai database solamente interrogazioni in base al contesto 17

22 corrente (come suggerito dal termine On-the-Spot). E' consigliabile utilizzare tale strategia negli ambienti dinamici, con un'alta reattività in cui l'utente viene spinto ad fare richieste ad-hoc. Un esempio potrebbe essere una query del tipo <<il percorso che mi porti nel minor tempo possibile, tenendo conto di fattori ambientali (come traffico, interruzioni stradali ecc.), dal punto in cui mi trovo al mio ristorante preferito>>. 2. Context as Past Recall-Based Query Condition/Target, in tale strategia si sfrutta il fatto che spesso ci si ricorda del contesto in cui un dato è stato assimilato che del dato stesso. Ad esempio, quando si legge un giornale, dopo diversi giorni, risulta più facile ricordarsi alcune informazioni di contesto (come le persone che erano presenti o le condizioni atmosferiche), che le notizie che si stavano leggendo. Quindi, le query che seguono questa strategia, avranno come parametri di ingresso il contesto passato e restituiranno i relativi dati. 3. Context as Query Constraint, che può essere tradotto con il contesto come un vincolo sulle interrogazioni. In tale strategia, le informazioni di background dell'utente possono essere utilizzate come un vincolo sulle richieste di informazioni. Per realizzare tale strategia bisogna processare la richiesta dell'utente secondo le seguenti fasi: Capire quali sono le reali intenzioni dell'utente quando ha sottoposto la query. Questo passo è essenziale, visto che, non sempre, l'interrogazione sottoposta dall'utente corrisponde esattamente a ciò che l'utente aveva in mente (si pensi alle ricerche in internet utilizzando i motori di ricerca attuali). Ad esempio, un untente che sta guidando e che ha bisogno di cenare in poco tempo, quasi certamente chiederà al proprio sistema di navigazione di essere condotto al ristorante più vicino, il sistema dovrà rispondere fornendo il percorso più breve verso il ristorante aperto più vicino, anche se il particolare dell'apertura non era stato specificato. Personalizzare le richieste dell'utente. Solitamente l'utilità dei dati è dipendente dal contesto in cui ci si trova. Personalizzare le richieste dell'utente significa che, se 18

23 ad esempio, l'utente sottopone al database la richiesta di cercare un percorso per tornare a casa durante un'ora di punta, si preferirà fornire all'utente un percorso che eviti i centri cittadini, così da avere una maggiore probabilità di evitare il traffico automobilistico, di contro, un utente che guida di notte, prediligerà percorsi illuminati e centrali per questioni di sicurezza personale. Tarare le query in base al desiderio dell'utente. Ad esempio, se un utente richiede al database delle fotografie ed ha a disposizione un tablet con una elevata risoluzione dello schermo, è presumibile che preferisca ricevere le foto con una risoluzione elevata, viceversa, un utente che richiede le stesse fotografie, ma ha a disposizione un dispositivo con una bassa risoluzione, preferirà ricevere fotografie a bassa risoluzione. Oppure, in un ambiente domestico intelligente, se un utente effettua la richiesta di un film dal proprio smartphone ed ha, nelle sue prossimità, anche un televisore, allora si può presumere che preferisca che il film sia trasmesso attraverso il televisore. 4. Context as Criteria for Query Result Measurement, in questa strategia il contesto viene usato come un criterio per la presentazione dei risultati delle interrogazioni all'utente. Ad esempio, se l'utente richiede al database la lista dei negozi presenti nel centro commerciale che sta visitando, automaticamente il sistema risponderà con una lista di negozi, tale lista sarà ordinata in base ai gusti e alle preferenze dell'utente, tali preferenze possono essere ricavate in base agli acquisti che l'utente ha effettuato in passato, oppure, sotto precise direttive dell'utente stesso. 5. Context as Guide to Query Result Delivery, che letteralmente significa: il contesto come una guida per la consegna del risultato della query, indica che, in tale strategia, i risultati di una query sul contesto dovrebbero essere consegnati all'utente in un modo adeguato al contesto stesso. Facciamo alcuni esempi: supponiamo che un utente si trovi in una città per motivi turistici, è possibile che una delle prime query che effettuerà riguarda alcune informazioni storiche sulla città, il database system dovrà essere in grado di capire quale sia il modo più adeguato di presentare tali informazioni, 19

Sistemi context-aware per la gestione di informazioni multimodali

Sistemi context-aware per la gestione di informazioni multimodali Sistemi context-aware per la gestione di informazioni multimodali Augusto Celentano, Ombretta Gaggi Primo Workshop Annuale del Dipartimento di Informatica, Mestre, 2 marzo 2006 Nuovi scenari per l informatica

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Tesi di laurea Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Anno Accademico 2007/2008 Relatori Ch.mo prof. Angelo

Dettagli

Utilizzo Gestione dei file

Utilizzo Gestione dei file Utilizzo Gestione dei file Info su questo bollettino tecnico L'intento di questo bollettino tecnico è di aiutare gli sviluppatori FileMaker esperti a comprendere meglio e ad applicare le migliori metodologie

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

CONTENUTO DEL DOCUMENTO

CONTENUTO DEL DOCUMENTO CONTENUTO DEL DOCUMENTO 1.0 INTRODUZIONE... A- Visione "Macro" 2.0 SINTESI DEL PROGETTO... A- Eco-Sistema B- Hardware C- Concetto di Indossabilità D- Piattaforma "Social Network" ed infrastruttura di rete

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Master SIT Settembre 2006. Corso Web & GIS - Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.

Master SIT Settembre 2006. Corso Web & GIS - Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr. COSTRUIRE APPLICAZIONI WEB GIS: SERVIZI E STRATEGIE Corso - Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it I servizi WebGIS...1 Download di dati...3 Visualizzazione

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Mappe Ovi per dispositivi cellulari. Edizione 1

Mappe Ovi per dispositivi cellulari. Edizione 1 Mappe Ovi per dispositivi cellulari Edizione 1 2 Indice Indice Panoramica di Mappe 3 Vista di navigazione 13 Ottenere informazioni su traffico e sicurezza 13 Raggiungere a piedi la propria destinazione

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Accesso alle applicazioni protetto. Ovunque.

Accesso alle applicazioni protetto. Ovunque. Scheda tecnica Accesso alle applicazioni protetto. Ovunque. Utenti mobili protetti Nelle organizzazioni odierne, ai responsabili IT viene spesso richiesto di fornire a diversi tipi di utente l'accesso

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

La Unified Communication come servizio

La Unified Communication come servizio Unified Communication e Collaboration 2013 La Unified Communication come servizio di Riccardo Florio La Unified Communication (UC) è un tema complesso e articolato in cui le funzionalità sono andate a

Dettagli

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g Sommario Oracle Database 10g (laboratorio) Dr. Daniele Barone Dr. Simone Grega 1 2 Oracle Database 10g Offre alte qualità del servizio: Performance; Scalabilità; Sicurezza; Affidabilità. Gestione autonoma

Dettagli

DomoNet e DomoPredict: due framework open-source per l'interoperabilità domotica e l'ambient Intelligence

DomoNet e DomoPredict: due framework open-source per l'interoperabilità domotica e l'ambient Intelligence Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) Laboratorio di domotica DomoNet e DomoPredict: due framework open-source per l'interoperabilità domotica e l'ambient Intelligence Dario

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale.

INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale. INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale. Per agevolare e potenziare la gestione delle informazioni di un organizzazione, azienda, ente pubblico si ricorre generalmente

Dettagli

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen

Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen Prerequisiti Mon Ami 3000 Touch Interfaccia di vendita semplificata per monitor touchscreen L opzione Touch è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro; per sfruttarne al meglio

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Bleen Per le Aziende White Paper. Indice

Bleen Per le Aziende White Paper. Indice BLEEN PER L'AZIENDA Indice Perchè Bleen...2 Cosa fa Bleen...2 File sulla rete aziendale...3 Sistemi di Email...3 Database applicativi...3 ERP...3 CMS e sistemi documentali...4 Pagine WEB...4 Bleen user

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

PICO. 1Smart Cities and Communities: Cultural Heritage

PICO. 1Smart Cities and Communities: Cultural Heritage 1Smart Cities and Communities: Cultural Heritage PICO Giovanni PICO della Mirandola, conte di Concordia fu un riferimento dell Umanesimo italiano; dotato di una cultura immensa e l autore dell orazione

Dettagli

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso WEB & GIS Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Contenuti del Corso 1. Introduzione 2. Internet e Tecnologia Web 3. Il server web: IIS, Apache, IIS 4. Il

Dettagli

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche

Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Servizi intelligenti per l utente mobile: un esempio in applicazioni turistiche Liliana Ardissono Gruppo di Intelligent User Interfaces Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino liliana@di.unito.it

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

DomoticLab presenta 1

DomoticLab presenta 1 DomoticLab presenta 1 Cos è Domoticlab? Smart System Hotel Componenti Applicazioni Funzionalità SSH Servizi Voip Net Tv Un Giro in Giro Gestionale Reception Partners 3 4 5 6 7 18 20 21 22 23 2 Cos è DomoticLab?

Dettagli

@2011 Politecnico di Torino. Pag. 1. Architettura distribuita. Architetture Client/Server. Architettura centralizzata. Architettura distribuita

@2011 Politecnico di Torino. Pag. 1. Architettura distribuita. Architetture Client/Server. Architettura centralizzata. Architettura distribuita Architettura client/ stazioni utente Basi di ati Architetture /Server B locali M BG Architettura centralizzata Un architettura è centralizzata quando i dati e le (programmi) risiedono in un unico Tutta

Dettagli

Progettazione e sviluppo di una web application per la generazione di dati simulati per un sistema di assistenza alla guida attraverso Google Maps

Progettazione e sviluppo di una web application per la generazione di dati simulati per un sistema di assistenza alla guida attraverso Google Maps UNIVERSITA' DEL SALENTO FACOLTA' DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE Progettazione e sviluppo di una web application per la generazione di dati simulati per un sistema di assistenza

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

Ottimizzare Agile per la. agility made possible. massima innovazione

Ottimizzare Agile per la. agility made possible. massima innovazione Ottimizzare Agile per la agility made possible massima innovazione Agile accelera l'offerta di innovazione Lo scenario aziendale attuale così esigente e in rapida evoluzione ha enormemente amplificato

Dettagli

"TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto "

TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto "TileStudio: tutto il mondo ceramico in un unico prodotto " TileStudio-Web Cos'è TileStudio-Web? TileStudio Web è la risposta più completa a tutte le esigenze del settore ceramico. Un potentissimo strumento

Dettagli

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia FACCIAMO SOLO CIO IN CUI SIAMO BRAVI: LA DOMOTICA MISSION Fin dal suo esordio, il marchio Easydom ha fatto della domotica il suo

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2.

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2. Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Consenso per finalità di Marketing... 8

Consenso per finalità di Marketing... 8 Condizioni d'uso... 2 Benvenuti nel nostro servizio di Internet wireless... 2 Accettazione dei Termini e condizioni d'uso... 2 Descrizione del Servizio... 2 Sicurezza... 2 Utilizzo del Servizio... 3 Costo

Dettagli

ICT: nuove tecnologie

ICT: nuove tecnologie ICT: nuove tecnologie Internet of things Oggetti intelligenti in grado di ricevere dati da altri oggetti e comunicare i propri Hanno un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete Campi di applicabilità:

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche,

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, elettriche, meccaniche, magnetiche, ottiche che ne consentono

Dettagli

Gaia Corbetta Gaia_maria.corbetta@siemens.com Convegno 3E - ATI/ANIMP 11 luglio 2013, Milano

Gaia Corbetta Gaia_maria.corbetta@siemens.com Convegno 3E - ATI/ANIMP 11 luglio 2013, Milano Gaia Corbetta Gaia_maria.corbetta@siemens.com Convegno 3E - ATI/ANIMP 11 luglio 2013, Milano Premesse L illuminazione rappresenta il 19% del consumo di elettricità nel mondo e il 14% nell Unione europea

Dettagli

Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale

Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale Business white paper Introdurre i dati di produzione nel testing prestazionale Il valore del testing continuativo delle prestazioni applicative Le problematiche più comuni nei test prestazionali Nel corso

Dettagli

hdone 1 Overview 2 Features hdone Team 13 dicembre 2007

hdone 1 Overview 2 Features hdone Team 13 dicembre 2007 hdone hdone Team 13 dicembre 2007 1 Overview hdone è una web application che fornisce il supporto necessario a tutte le aziende che si occupano di fornire servizi di assistenza al cliente. Dopo gli anni

Dettagli

Siti internet: privacy cookie.

Siti internet: privacy cookie. Passione Portiere www.passioneportiere.it Roma 3 settembre 2015 Siti internet: privacy cookie. Il 3 giugno 2015 è entrato in vigore il Regolamento del Garante della privacy recante individuazione delle

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

ROBERTOBIAGIOTTI.COM - COOKIE POLICY

ROBERTOBIAGIOTTI.COM - COOKIE POLICY ROBERTOBIAGIOTTI.COM - COOKIE POLICY Cookie I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l'esperienza di utilizzo di un sito. Ad esempio possono ricordare

Dettagli

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City SMART CITY- VISIONE DI UN SISTEMA DI SISTEMI Ing. Massimo Povia L importanza della Logistica e della Manutenzione nel contesto

Dettagli

Archiviazione di e-mail consolidata e affidabile

Archiviazione di e-mail consolidata e affidabile Archiviazione, gestione e rilevazione delle informazioni aziendali strategiche Archiviazione di e-mail consolidata e affidabile Symantec Enterprise Vault, leader di settore nell'archiviazione di e-mail

Dettagli

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1.

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1. Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 2 Computer hardware 1 OBIETTIVI Identificare, descrivere, installare

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Canon Print Management:

Canon Print Management: Canon Print Management: From any device to any device you can TOSM, Torino Canon Italia 17 Novembre 2011 17 November 2011 1 Agenda - Come stampiamo - Le richieste dei clienti - La stampa come servizio

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza di profilo: Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua

Dettagli

Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Genova

Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Genova Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Genova Via Caffaro 4/1-16124 Genova Tel +39 010 253 01 60 Fax +39 010 25 30 176 info@legatumori.genova.it CF: 95041690108 Privacy In

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Hydrica 2011, Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente

Hydrica 2011, Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente Applicazioni GIS per il ciclo integrato delle acque: implementazione usando JGrassTools, udig, BeeGIS e EPANET Introduzione Andrea Bosoni, Silvia Franceschi, Davide Righetti andrea.bosoni@gmail.com, silvia.franceschi@hydrologis.eu,

Dettagli

Introduzione all Ubiquitous. Computing. Vision

Introduzione all Ubiquitous. Computing. Vision 1 Introduzione all Ubiquitous Computing Vision The most profound technologies are those that disappear. They weave themselves into fabric of everyday life until they are indistinguishable from it. Mark

Dettagli

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System Introduzione Capitolo 1: Le Reti Wireless 1.1 Introduzione 1.2 Le reti Cellulari 1.2.1 Struttura di una rete cellulare 1.2.2 Stabilimento e mantenimento di una chiamata 1.3 Panoramica sulle diverse generazioni

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Accelerare la transizione verso il cloud

Accelerare la transizione verso il cloud White paper tecnico Accelerare la transizione verso il cloud HP Converged Cloud Architecture Sommario Computing rivoluzionario per l'impresa... 2 Aggiornate la vostra strategia IT per includere i servizi

Dettagli

Cookie Policy. Questo documento contiene le seguenti informazioni:

Cookie Policy. Questo documento contiene le seguenti informazioni: Cookie Policy Il sito web di ASSOFERMET, con sede a Milano (Mi), in VIA GIOTTO 36 20145, Titolare, ex art. 28 d.lgs. 196/03, del trattamento dei Suoi dati personali La rimanda alla presente Policy sui

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende

Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende di piccole e medie dimensioni Scelta del sistema di memorizzazione ideale Guida alla scelta del sistema di memorizzazione NAS (Network Attached Storage) per le

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ORANGE TIRES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Indice. Gestione del computer mediante Pannello di controllo 13

Indice. Gestione del computer mediante Pannello di controllo 13 Indice Introduzione XI PARTE PRIMA CONOSCERE WINDOWS VISTA 1 Capitolo 1 Il desktop di Vista 3 1.1 Avvio del computer 3 1.2 Il desktop di Windows Vista 4 1.3 Disconnessione dal computer 11 1.4 Riavvio o

Dettagli

BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi

BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi 1 Descrizione dei requisiti delle fasi di progettazione Si desidera

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Commento alla traccia

Commento alla traccia Commento alla traccia Il tema proposto illustra una situazione piuttosto complessa in cui si deve progettare ed implementare una rete geografica, che fa riferimento ad un unico nodo centrale, nel quale

Dettagli

Turismo 2.0 - Scoprire la Grecia Dynamic Packaging / Mobile App / Digital Signage

Turismo 2.0 - Scoprire la Grecia Dynamic Packaging / Mobile App / Digital Signage Turismo 2.0 - Scoprire la Grecia Dynamic Packaging / Mobile App / Digital Signage IDEA :-) La Grecia non è solo Mare e Cultura, la Grecia è anche Natura, Welness, Enogastronomia, Turismo Religioso, Turismo

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

WWW.THETIS.TV. thetis W E B S O L U T I O N. Thetis Auction CMS. Soluzioni per Case d'asta. www.thetis.tv

WWW.THETIS.TV. thetis W E B S O L U T I O N. Thetis Auction CMS. Soluzioni per Case d'asta. www.thetis.tv WWW.THETIS.TV thetis W E B S O L U T I O N Thetis Auction CMS Soluzioni per Case d'asta www.thetis.tv +-x Thetis professional solution I risultati prima di tutto. frutto di qualità, creatività e innovazione

Dettagli

Architettura Open Data

Architettura Open Data Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Open City Platform Architettura Open Data OCP e Open Data architecture OCP e Open Service OCP intende favorire

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l Operatore a Giro

Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l Operatore a Giro Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l Operatore a Giro 28 Ottobre 2015 - Ore 9,30 SAVE - Veronafiere La figura e la funzione dell Operatore

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma

Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Sistemi Mobili e Wireless Android Introduzione alla piattaforma Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è Android?

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

Wiser, il vostro esperto in efficienza energetica

Wiser, il vostro esperto in efficienza energetica Wiser, il vostro esperto in efficienza energetica Con Wiser la gestione energetica delle abitazioni non è mai stata così semplice. La miglior soluzione, che assicura comfort, risparmio e facilità di gestione

Dettagli

Modulo 1: Configurazione e risoluzione dei problemi di sistema di nome di dominio

Modulo 1: Configurazione e risoluzione dei problemi di sistema di nome di dominio Programma MCSA 411 Struttura del corso Modulo 1: Configurazione e risoluzione dei problemi di sistema di nome di dominio Questo modulo viene descritto come configurare e risolvere i problemi di DNS, compresa

Dettagli

Introduzione alla Realtà Virtuale

Introduzione alla Realtà Virtuale Introduzione alla Realtà Virtuale Davide Gadia Corso di Ambienti Virtuali Immersivi e Interattivi Laurea Magistrale in Informatica per la Comunicazione a.a. 2010/2011 Cosa NON E' la Realtà Virtuale (RV)?

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Grid on Cloud : Implementazione e Monitoraggio

Grid on Cloud : Implementazione e Monitoraggio Tesi di Laurea Magistrale Anno Accademico 2013-2014 Relatore Ch.mo Prof. Marcello Cinque Correlatori Ch.mo Ing. Flavio Frattini Ch.mo Ing. Davide Bottalico Candidato Antonio Nappi Matr. M63000141 Supercalcolatori

Dettagli

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE Ambiente collaborativo per il design e l innovazione Il lavoro si concentrerà sullo sviluppo di specifici componenti di un ambiente collaborativo

Dettagli