Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner"

Transcript

1 Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda docente: Mailing list: Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a fine corso: mer 10:00 12:00) Bologna: Dip. Psicologia, V.le Berti-Pichat 5 su accordo Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 1/15

2 Il comportamentismo radicale La variante del comportamentismo formulata da Skinner è detta radicale per i seguenti motivi: Il comportamento deve essere studiato in quanto tale, senza riferirsi ai processi fisiologici da cui è generato. Di questi ultimi si occupa la biologia e non la psicologia. Tutto il comportamento, incluso quello umano, può essere spiegato col comportamentismo radicale. Il comportamento è completamente determinato dalla storia personale (niente volontà o libero arbitrio ). In queste affermazioni Skinner segue Watson abbastanza da vicino, ma il suo comportamentismo è molto più raffinato. In particolare, Skinner non esclude gli stati interni dalla sua analisi, e non è un semplice teorico stimolo-risposta. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 2/15

3 L analisi sperimentale del comportamento Skinner chiama la sua scienza analisi sperimentale del comportamento. Per Skinner spiegare un comportamento significa identificare ed esser capaci di controllare tutte le influenze che determinano la comparsa del comportamento. L organismo è concepito come luogo in cui l interazione di variabili indipendenti (stimoli o altro) produce la variabile dipendente del comportamento. L analisi di queste variabili e delle loro interazioni è lo scopo della psicologia skinneriana. Una descrizione completa di questo tipo rende inutile il riferimento a stati o contenuti mentali: il comportamento è visto come funzione diretta delle variabili indipendenti. Ne segue che per Skinner una teoria è un riassunto dei fatti espresso più concisamente possibile (Mach). Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 3/15

4 Metodi sperimentali di Skinner Il contributo di Skinner ai metodi della psicologia sperimentale è cruciale. Introduce la camera operante, Skinner box. In essa l animale è libero di fare quello che vuole e il comportamento può venir registrato continuamente e automaticamente. Allo stesso tempo, è un ambiente semplice e completamente controllabile dal ricercatore. Ciò che viene controllato sono le condizioni in base alle quali l animale riceve rinforzi. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 4/15 o

5 Il comportamento operante Skinner investiga comportamento e apprendimento in relazione al comportamento operante (in quanto opera sull ambiente). Per Skinner tali comportamenti (p.es. premere la leva da parte del gatto di Thorndike) sono semplicemente compiuti di quando in quando, spontaneamente. La probabilità che un certo operante sia emesso può venir cambiata da eventi rinforzanti (questa proprietà definisce il rinforzo secondo Skinner). Lo studio del comportamento operante richiede quindi lo studio di tre elementi: la situazione in cui il comportamento è emesso (stimolo), il comportamento stesso, e il rinforzo. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 5/15

6 L apprendimento come selezione di risposte Skinner vede quindi l apprendimento in modo analogo all evoluzione darwiniana: Le varianti spontanee del comportamento (i diversi operanti ) corrispondono alla generazione di variazione genetica nelle specie. Il rinforzo agisce in modo simile alla soluzione naturale, aumentando o diminuendo la probabilità che un operante sopravviva nel comportamento futuro. Come Darwin aveva eliminato il concetto di scopo dal comportamento, così Skinner lo elimina dalla sua psicologia: il comportamento esistente è semplicemente il prodotto della selezione operata dai rinforzi ricevuti nell arco della vita. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 6/15

7 L apprendimento secondo Skinner L analisi che Skinner fa dell apprendimento operante si differenzia da una visione stimolo-risposta in almeno tre punti. Primo, lo stimolo non causa il comportamento. Lo stimolo permette all animale di distinguere una situazione in cui un rinforzo è certo o probabile da una situazione non rinforzata. L animale usa questa informazione per emettere l operante opportuno. Skinner chiama rispondente il comportamento appreso per condizionamento Pavloviano, in cui l attività dell animale non è necessaria e la risposta viene prodotta per riflesso. Poiché Skinner è spesso visto come successore di Watson, erroneamente gli si attribuisce una visione stimolo-risposta del comportamento. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 7/15

8 L apprendimento secondo Skinner Secondo, secondo Skinner non tutte le variabili indipendenti (cause del comportamento) sono stimoli. Per esempio, non considera la fame uno stimolo, ma semplicemente una variabile (definita empiricamente dalla deprivazione di cibo) in grado di influenzare il comportamento. Per Skinner, la connessione tra variabile e comportamento, una volta dimostrata, non necessita di essere ulteriormente spiegata col ricorso a processi interni. Sia Hull che, p.es., Freud, vedevano invece la fame e altre motivazioni come stimoli interni, prodotti dal corpo e registrati dal sistema nervoso. Per Skinner questa è una costruzione mentalista che introduce solo confusione. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 8/15

9 L apprendimento secondo skinner Il terzo punto in cui Skinner si discosta dall analisi watsoniana del comportamento riguarda la definizione stessa di comportamento. Per Watson la descrizione adeguata del comportamento era in termini di risposte muscolari. Per Skinner, un operante descrive una classe di comportamenti accomunati dal loro significato funzionale, non dal fatto di essere simili in termini di contrazioni muscolari. Per esempio, la presione della leva da parte del gatto di Thorndike può essere effettuata in modi di volta in volta diversi, ma è sempre lo stesso operante. Similmente, lo stesso comportamento muscolare può appartenere a diversi operanti, a seconda del suo significato nel contesto. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 9/15

10 Skinner e Il comportamento verbale Il comportamento verbale è per Skinner il comportamento il cui rinforzo è mediato da altri organismi. Questo include il linguaggio umano, ma anche la relazione tra ricercatore e animale sperimentale. Non si occupa quindi linguistica, ma dei modi sofisticati in cui certi operanti sono rinforzati nella vita sociale. Ciò nononstante, l argomento principale di Verbal behavior è proprio come comunicazione umana costruisce l individuo. Chiama tact un operante verbale emesso in congiunzione con un certo stimolo; questa connessione si sviluppa perché rinforzata dalla comunità verbale. Quindi il significato di un tact è una relazione funzionale tra certi stimoli ambientali, il tact stesso e i rinforzi ricevuti in connessione con il tact. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 10/15

11 Comportamento verbale e coscienza Per Skinner i comportamentisti sbagliano a non volersi occupare della vita mentale degli individui. Le sensazioni e i pensieri sono per lui stimoli privati in grado di controllare il comportamento, quindi vanno inclusi nell analisi comportamentista. Una frase come ho mal di denti è un operante verbale emesso in congiunzione a un particolare stimolo interno. Questo operante si stabilisce perché i genitori rinforzano il bambino a descrivere la sua condizione (funziona adattiva del comportamento verbale). Gli stimoli privati cui apprendiamo a prestare attenzione costituiscono la coscienza: la coscienza non è quindi nostra, ma è il frutto della nostra storia di rinforzi. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 11/15

12 La psicologia applicata di Skinner Skinner propone di usare i risultati dell analisi sperimentale del comportamento per migliorare la società. Poiché vede le cause del comportamento nell ambiente, non attribuisce né colpe né meriti alle persone. Una tecnologia del comportamento va invece sviluppata per rinforzare i comportamenti desiderabili. Per Skinner questo è un approccio razionale migliore che non lasciare la società in mano ad antiquati concetti quali libertà, dignità, valori, morale. Per queste sue idee Skinner fu criticato ferocemente, spesso in maniera infondata (non era un totalitarista, proponeva di usare solo il rinforzo positivo, le sue figlie sono cresciute normalmente e non si sono suicidate come si è detto). Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 12/15

13 Riassunto: alcune varianti del comportamentismo Classico: quello di Watson, studio oggettivo del comportamento, niente vita mentale, niente stati interni, il pensiero è linguaggio implicito. Metodologico: studio oggettivo del comportamento come se non ci fossero stati mentali, i dati della psicologia devono essere pubblici, nessuna ricetta teorica. Due sottotipi importanti: Neo-comportamentismo: Hull e seguaci, approccio teorico con variabili interne (idealmente fisiologiche). Intenzionale: L anticipazione di Tolman della psicologia cognitivista. Radicale: Skinner: tutto è comportamento, anche la vita mentale, non considera i meccanismi ma le cause dirette del comportamento. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 13/15

14 Il comportamentismo mediazionale Non tutti erano entusiasti dell approccio di Skinner. Un approccio alternativo fu di estendere il neo-comportamentismo di Hull, molto più liberale rispetto alla teorizzazione. Questa estensione si basa su due idee di Hull stesso: la risposta anticipata frazionale, cioè un comportamento emesso prima del tempo (per generalizzazione) e considerato indizio di processi stimolo-risposta interni; l atto di stimolo puro, cioè comportamenti che non operano sull ambiente ma sembrano servire solo a cambiare la situazione stimolante. Questi concetti modificano la catena S R in catene arbitrariamente lunghe: S r s R Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 14/15

15 Il comportamentismo mediazionale Le connessioni s r interne mediano il comportamento, permettendo processi arbitrariamente complessi all interno dell ortodossia stimolo-risposta. Uno stimolo esterno provoca una risposta interna, che ha anche le caratteristiche di stimolo, e può quindi proovocare la risposta osservabile. Hull aveva considerato le risposte anticipate e gli atti di stimolo puro per spiegare il comportamento osservabile, ma i mediazionisti li applicano ai processi interni. Inoltre, per trattare gli esseri umani sono costretti ad abbandonare gran parte del rigore metodologico di Hull. Il comportamentismo è ora pronto a diventare cognitivismo. Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Elementi di storia della psicologia, S. Ghirlanda 15/15

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa.

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Apprendimento Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Esempio dell ameba: Risponde a stimoli nuovi (adattabilità) Identifica risposte adattive per prove ed errori (acquisizione

Dettagli

Filosofia Astronomia Fisiologia Biologia

Filosofia Astronomia Fisiologia Biologia IL COMPORTAMENTISMO Filosofia Astronomia Fisiologia Biologia La psicologia (1879) Strutturalismo 1879 Funzionalismo Riflessologia e scuola storico-culturale Gestalt Comportamentismo Cognitivismo Psicoanalisi

Dettagli

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan

Fondamenti di Psicologia dello sviluppo. Prof.ssa Rosalba Larcan Fondamenti di Psicologia dello sviluppo Prof.ssa Rosalba Larcan Quesito Come avviene la selezione naturale dei comportamenti funzionali all adattamento? adattamento? Ovvero: Quali sono i processi e le

Dettagli

La maggioranza delle teorie dell apprendimento hanno avuto origine e si sono sviluppate negli Stati Uniti.

La maggioranza delle teorie dell apprendimento hanno avuto origine e si sono sviluppate negli Stati Uniti. Pavlov(1900-80) Dollard(1900-80) Miller(1909-02) Watson(1878-58) Skinner (1904-1990 Bandura(1925-) La maggioranza delle teorie dell apprendimento hanno avuto origine e si sono sviluppate negli Stati Uniti.

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Indice. 1 Una definizione di apprendimento --------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Una definizione di apprendimento --------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE L APPRENDIMENTO (PRIMA PARTE) PROF. BARBARA CARRETTI Indice 1 Una definizione di apprendimento --------------------------------------------------------------------- 3 2 Il comportamentismo e l

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Psicologia come scienza: storia e metodi Psicologia scientifica e psicologia ingenua Scienza e senso comune Teoria ingenua: teoria fondata non su controlli scientifici ma sull'esperienza

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

Il linguaggio secondo Chomsky

Il linguaggio secondo Chomsky Il linguaggio secondo Chomsky 2. In che modo questo sistema di conoscenza si forma nella mente/cervello del parlante? L argomento a favore della conoscenza innata L argomento a favore della conoscenza

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

CONTROLLO DELLO STIMOLO CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO

CONTROLLO DELLO STIMOLO CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO CONTROLLO DELLO STIMOLO CONSEGUENZE DELLE RISPOSTE Fino ad ora si è visto come le conseguenze delle risposte modificano il comportamento del soggetto. In quest ottica si è parlato di rinforzamento che è l operazione che descrive

Dettagli

La metodologia in Psicologia Clinica

La metodologia in Psicologia Clinica La metodologia in Psicologia Clinica 1. 2. Manipolazione e controllo delle variabili Utilizzata in molte aree di ricerca come la psichiatria, la psicologia clinica, la riabilitazione, il counseling, ecc.

Dettagli

Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche

Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche prof.ssa Antonietta Curci Che cos è la psicologia? Che cos è la psicologia? Scienza del comportamento Osservazione Scienza

Dettagli

Programma. Mercoledì: Giovedì: Venerdì: L apprendimento, la Pedagogia Cinofila Parte pratica

Programma. Mercoledì: Giovedì: Venerdì: L apprendimento, la Pedagogia Cinofila Parte pratica Programma Mercoledì: L apprendimento, la Pedagogia Cinofila Parte pratica Giovedì: Le razze: motivazioni e vocazioni, la Comunicazione Parte pratica Venerdì: Le patologie del comportamento e la TC Parte

Dettagli

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3 LA BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 3 La MECCANICA teorica include tutte le leggi fondamentali del movimento meccanico di corpi solidi inanimati Verso la fine del XVII secolo la teoria

Dettagli

Apprendimento. È una modificazione organica del sistema nervoso indotta dall'esperienza. Viene anche definito come la capacità di prevedere il futuro

Apprendimento. È una modificazione organica del sistema nervoso indotta dall'esperienza. Viene anche definito come la capacità di prevedere il futuro Apprendimento È una modificazione organica del sistema nervoso indotta dall'esperienza Viene anche definito come la capacità di prevedere il futuro È un fenomeno organico Riguarda la sopravvivenza di neuroni

Dettagli

Apprendimento e memoria

Apprendimento e memoria Apprendimento e memoria In tutti gli organismi il comportamento dipende dall interazione di fattori genetici e ambientali. L importanza relativa di questi fattori varia, ma anche il comportamento più stereotipato

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1

Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1 Anteprima Estratta dall' Appunto di Psicologia generale 1 Università : Università degli studi Macerata UNIMC Facoltà : Sc.Formazione Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 5 1 Comportamento del consumatore? STIMOLI - Ambientali - Di marketing RISPOSTE: - Prodotto -Brand -Distributore - Prezzo - Tempo d

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

Autismo e teoria della mente

Autismo e teoria della mente Spiegare l autismo Università degli Studi di Milano Autismo e teoria della mente Sandro Zucchi All inizio degli anni 80, Baron-Cohen, Leslie e Frith hanno condotto un esperimento per determinare il meccanismo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea Interdipartimentale in Scienze della Formazione Primaria( Ind.Primaria) A.A 2013/2014 REPORT SULL ELABORAZIONE DI UN AGENTE ARITIFICIALE TEORIA E METODOLOGIA

Dettagli

Condizionamento classico

Condizionamento classico APPRENDIMENTO ASSOCIATIVO Teorie comportamentiste classiche Il principio su cui si fondano è che si può studiare solo ciò che è osservabile: Teorie comportamentiste classiche L indagine dei comportamentisti

Dettagli

Di cosa si occupa lo studio sul movimento

Di cosa si occupa lo studio sul movimento Di cosa si occupa lo studio sul movimento Attività motoria e controllo motorio sono funzioni importanti e indispensabile sia da un punto di vista filogenetico che ontogentico. ontogenesi è l'insieme dei

Dettagli

Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza.

Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza. Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza. Le emozioni esercitano una forza incredibilmente potente sul comportamento umano. Le emozioni

Dettagli

Linguaggi e Modelli per i Dati e la Conoscenza. Fabio Massimo Zanzotto

Linguaggi e Modelli per i Dati e la Conoscenza. Fabio Massimo Zanzotto Linguaggi e Modelli per i Dati e la Conoscenza Fabio Massimo Zanzotto Percorso di studio Richiami: cosa sono le macchine? Principi di funzionamento Primo Tentativo Analisi Umano (da psicologia): Comportamentismo

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner. Chi parla Operanti Variabili antecedenti

Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner. Chi parla Operanti Variabili antecedenti Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner Chi parla Operanti Variabili antecedenti DSM V: criteri per la diagnosi di autismo A. Deficit persistente

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Apprendimento e comportamento

Apprendimento e comportamento Psicologia generale Marialuisa Martelli Apprendimento Apprendimento e comportamento 1. Come viene studiato apprendimento 2. Condizioni richieste per apprendimento 3. I risultati dell apprendimento 4. Basi

Dettagli

UML e la progettazione di e-learning

UML e la progettazione di e-learning UML e la progettazione di e-learning Perché UML? UML (Unified Modeling Language, letteralmente: Linguaggio Unificato di Modellazione) viene spesso confuso come una metodologia per analizzare e progettare

Dettagli

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio CORSO DI LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO A.A. 2004-05 INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta Prof. Claudia Casadio LINGUAGGIO E PENSIERO Le relazioni tra linguaggio e pensiero

Dettagli

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere.

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere. UML e i Casi d USO I casi d uso specificano una sequenza di azioni che producono un risultato visibile agli attori del sistema. Essi nascono per fornire descrizioni delle capacità del sistema. I casi d

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

William ( big Bill ) Corsaro

William ( big Bill ) Corsaro William ( big Bill ) Corsaro Corsaro, W.A. Giochi di bambini. Riproduzione interpretativa e culture dei pari in: Belotti, V. La Mendola, S. Il futuro nel presente. Per una sociologia dei bambini e delle

Dettagli

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior EIP Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior 30 ottobre 2014 Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA Supervisor EIP Associazione Pianeta Autismo onlus Compromissione

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Storia della psicologia IV. Il Comportamentismo

Storia della psicologia IV. Il Comportamentismo Storia della psicologia IV Il Comportamentismo Il comportamentismo Il Comportamentismo (o behaviorismo ) è la corrente che domina la psicologia sperimentale nordamericana, in particolare negli anni tra

Dettagli

Categoria e concetto di numero

Categoria e concetto di numero Due nozioni Università degli Studi di Milano Categoria e concetto di numero Sandro Zucchi 2012-2013 Prima di passare ad esaminare le capacità numeriche degli animali, dobbiamo distinguere due nozioni (e

Dettagli

Marketing Avanzato anno accademico 2015-2016 Costanza Nosi APPRENDIMENTO

Marketing Avanzato anno accademico 2015-2016 Costanza Nosi APPRENDIMENTO Marketing Avanzato anno accademico 2015-2016 Costanza Nosi APPRENDIMENTO APPRENDIMENTO: UNA DEFINIZIONE Modificazione permanente del comportamento dovuta all esperienza Esperienza passata Apprendimento

Dettagli

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Corso di formazione per insegnanti PREMESSA: Analisi comportamentale applicata (Applied

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

Corso di Storia della Pedagogia. Momenti e problemi della pedagogia del Novecento. 03. Il comportamentismo: le teorie

Corso di Storia della Pedagogia. Momenti e problemi della pedagogia del Novecento. 03. Il comportamentismo: le teorie SSIS Lazio 2006-2007 Indirizzi Tecnologico ed Economico-Giuridico Corso di Storia della Pedagogia Momenti e problemi della pedagogia del Novecento 03. Il comportamentismo: le teorie Prof.ssa Eleonora Guglielman

Dettagli

Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul metodo di studio.

Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul metodo di studio. QUARTA PARTE Percorso unico Il successo scolastico e il metodo di studio 1. RISPOSTA APERTA Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul

Dettagli

Psicologia Generale I

Psicologia Generale I Psicologia Generale I Dott.ssa Paola Ricciardelli Dipartimento di Psicologia Edificio U6-3026c, int. 3734 paola.ricciardelli@unimib.it Ricevimento: Giovedì, 11:30-12:30 1 Sommario Il concetto di attenzione

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità ANALISI DEL TITOLO Per prima cosa cercheremo di analizzare e capire insieme il senso del titolo di questo lavoro:

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

MODULO N. 1 TITOLO: LA PSICOLOGIA E LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO UMANO COMPETENZA IN USCITA

MODULO N. 1 TITOLO: LA PSICOLOGIA E LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO UMANO COMPETENZA IN USCITA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE AMBITO DISCIPLINARE: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: IV INDIRIZZO GRAFICO-PUBBLICITARIO LIBRI DI TESTO: M. A. Limonati F. Russiello, Psicologicamente. Manuale di Psicologia

Dettagli

L APPRENDIMENTO: INTRODUZIONE

L APPRENDIMENTO: INTRODUZIONE Scaricabile da www.profpalumbo.altervista.org L APPRENDIMENTO: INTRODUZIONE L apprendimento è un processo mediante il quale si acquisiscono nuove conoscenze e su cui influiscono diversi aspetti: -strategie

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

Programma 3 corso educatori 2011 Centro cinofilio INDIANA KAYOWA Roma Direttore tecnico MASSIMO PERLA

Programma 3 corso educatori 2011 Centro cinofilio INDIANA KAYOWA Roma Direttore tecnico MASSIMO PERLA Programma 3 corso educatori 2011 Centro cinofilio INDIANA KAYOWA Roma Direttore tecnico MASSIMO PERLA 1 Incontro Durata: 8 ore Data: Domenica 23 Ottobre 2011 Presentazione del corso e dello staff. Presentazione

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Dal contesto all individuo:la funzione di connotazione

Dal contesto all individuo:la funzione di connotazione Dal contesto all individuo:la funzione di connotazione Può una fobia specifica diventare una sindrome Invalidante? Michele Pennelli Psicologo Psicoterapueta Contestualismo Funzionale Per il contestualismo

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

ESAME DI STATO PER PSICOLOGI

ESAME DI STATO PER PSICOLOGI ESAME DI STATO PER PSICOLOGI I PROVA (CASI CLINICI) PROVE USCITE NELL ANNO 2015 PRIMA SESSIONE la personalità. Non estratte: motivazione ed aggressività. ruolo delle interazioni primarie nello sviluppo

Dettagli

Lezione 3: Anticipazioni del comportamentismo

Lezione 3: Anticipazioni del comportamentismo Lezione 3: Anticipazioni del comportamentismo Stefano Ghirlanda Email docente: Mailing list: Ricevimento: stefano.ghirlanda@unibo.it stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Cesena: consultare il

Dettagli

Intelligenza animale. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2012-13

Intelligenza animale. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2012-13 Intelligenza animale Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2012-13 1 Domanda generale Quanto sono intelligenti gli animali non umani? Intelligenza come insieme di specializzazioni Capitolo 18 del manuale

Dettagli

Con il termine programma Teacch si intende l organizzazione dei servizi per persone autistiche realizzato nella Carolina del Nord, che prevede una

Con il termine programma Teacch si intende l organizzazione dei servizi per persone autistiche realizzato nella Carolina del Nord, che prevede una IL PROGRAMMA TEACCH Con il termine programma Teacch si intende l organizzazione dei servizi per persone autistiche realizzato nella Carolina del Nord, che prevede una presa in carico globale in senso sia

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

ATTIVITÀ DEL DOCENTE RELAZIONE A CONSUNTIVO

ATTIVITÀ DEL DOCENTE RELAZIONE A CONSUNTIVO RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Valeria Savino MATERIA Scienze Umane DESTINATARI 1 Aes ANNO SCOLASTICO 2012/2013 COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE A) Comportamentali 1. Collaborare e partecipare

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta

Concepimento Morte. Nascita. Vecchiaia. Infanzia. Ciclo evolutivo. Tarda età adulta Adolescenza. Età adulta Concepimento Morte Nascita Vecchiaia Ciclo evolutivo Infanzia Tarda età adulta Adolescenza Età adulta Psicologia dello sviluppo Identifica e spiega i cambiamenti che l individuo ha nell arco della vita

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI PARLARE CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI Educare per l autonomia 20 maggio 2013 Elena Giudice l assistente sociale deve parlare con i bambini? Non si tratta di fare un buon lavoro, ma di fare un lavoro

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Il lavoro a turni per i professionisti sanitari di Marco Santucci

Il lavoro a turni per i professionisti sanitari di Marco Santucci Il lavoro a turni per i professionisti sanitari Marco Santucci Ci sono delle aziende che, per molteplici motivazioni (tecniche, economiche o istituzionali), ricorrono ad un modello produttivo su più turni

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA

SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA SIGMUND FREUD E LA TRADIZIONE DELLA PSICOANALISI CLASSICA Biografia Nato il 6 maggio 1856 a Freiberg. A quattro anni trasferimento a Vienna. Fu sin dall inizio un bambino sveglio e molto interessato. Al

Dettagli

Presentazione A. processi

Presentazione A. processi Presentazione Questo libro, che nell'edizione italiana appare dopo la scomparsa dell'autore, rappresenta la migliore sintesi delle idee di A. R. Luria sul rapporto esistente tra cervello e processi cognitivi.

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE Illusione reale Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Daniele Tuzi Tutti i diritti riservati Dedicato a coloro che sanno come camminare nell Inferno di questi giorni

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Metodi formali per la verifica dell affidabilità di sistemi software (e hardware) (Peled, Software Reliability Methods, cap. 1) Importanza della

Metodi formali per la verifica dell affidabilità di sistemi software (e hardware) (Peled, Software Reliability Methods, cap. 1) Importanza della Metodi formali per la verifica dell affidabilità di sistemi software (e hardware) (Peled, Software Reliability Methods, cap. 1) Importanza della verifica di sistemi (safety-critical, commercially critical,

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

Differenze solo quantitative, non qualitative

Differenze solo quantitative, non qualitative L apprendimento Principi interspecifici Differenze solo quantitative, non qualitative Teorie associazionistiche Associazioni S-S (tra rappresentazioni mentali di stimoli); es., cielo scuro-temporale Associazioni

Dettagli