Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p"

Transcript

1 Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di mercato er l intera industria? Dato che ogni imresa nell industra è rice-taker, la quantità totale offerta ad un dato rezzo è la somma delle quantità offerte a quel rezzo dalle singole imrese. Offerta nel breve Nel breve il numero delle imrese afferenti ad una certa industria è fisso. Sia n tale numero: i = 1,,n. S i () è la funzione di offerta dell imresa i. L offerta di breve dell intera industria è: Offerta di un industria concorrenziale Offerta imresa 1 Offerta imresa 2 S 1 () S 2 () n S ( ) = Si( ). i=1 Offerta di un industria concorrenziale Offerta imresa 1 Offerta imresa 2 Offerta di un industria concorrenziale Offerta imresa 1 Offerta imresa 2 S 1 ( ) S 1 () S 2 () S 1 ( ) S 1 () S 2 ( ) S 2 () S 1 ( ) S() = S 1 () + S 2 () S 1 ( )+S 2 ( ) S() = S 1 () + S 2 () Offerta dell industria Offerta dell industria

2 Equilibrio dell industria nel breve Equilibrio dell industria nel breve Nel breve non ci sono nè ingressi nè uscite dall industria. Quindi, in un equilibrio di breve, alcune imrese ossono ottenere rofitti ositivi, altre ossono subire erdite, altre ossono ottenere rofitti nulli. s e Offerta dell industria di breve eriodo Domanda di mercato s e Il rezzo di equilibrio di breve è considerato come dato dalla singola imresa. Equilibrio dell industria nel breve Imresa 1 Imresa 2 Imresa 3 Equilibrio dell industria nel breve Imresa 1 Imresa 2 Imresa 3 s e AC s AC MC AC s s s MC MC s s * 1 1 * 2 2 * 3 3 s e AC s AC s AC s MC s MC s MC s Π 1 > 0 Π 2 < 0 Π 3 = 0 * 1 1 * 2 2 * 3 3 L imresa 1 L imresa 2 L imresa 3 vuole restare vuole uscire è indifferente nell industria dall industria Nel lungo eriodo, ogni imresa attualmente sul mercato uò uscire e altre imrese fuori dall industria ossono entrare. L offerta dell industria di lungo eriodo deve tener conto di queste entrate ed uscite. Come? Profitti ositivi inducono nuovi ingressi. Il rofitto è ositivo quando il rezzo di mercato se è sueriore al minimo del costo medio: se > min. Le entrate aumentano l offerta e ciò fa calare se. Quando si fermano le entrate?

3 Dom. di mercato S 2 () Offerta di mercato Un imresa tiica Un imresa tiica S 2 () 2 2 Suoniamo che inizialmente vi siano solo due imrese nell industria. 2 * P 2 è il rezzo di equilibrio Ogni imresa roduce 2 * unità di outut. Un imresa tiica Un imresa tiica S 2 () S 2 () S 3 () 2 2 Π > * Ogni imresa realizza un rofitto ositivo e così c è un incentivo all ingresso di altre 2 * L offerta di mercato si sosta in fuori Un imresa tiica Un imresa tiica S 2 () S 3 () S 2 () S 3 () Il rezzo di equilibrio cala 2 * Ogni imresa roduce meno 3 *

4 Un imresa tiica Un imresa tiica S 2 () 3 S 3 () 3 Π > 0 3 S 3 () S 4 () 3 3 * Si riducono i rofitti. Ma vi saranno ancora nuovi ingressi. 3 * Così l offerta di mercato si sosta ancora Un imresa tiica Un imresa tiica 3 S 3 () S 4 () 3 4 S 3 () S 4 () 4 Π < 0 E il rezzo cala 3 * 4 * Ogni imresa rodurrà di meno. Il rofitto otrebbe diventare negativo. Nessuna altra imresa sceglierebbe di entrare. Il numero di imrese nell industria nel lungo eriodo è il numero massimo er il quale il rezzo di mercato è almeno ari al minimo di. Ora ossiamo costruire la curva di offerta dell industria di lungo eriodo. Suoniamo che la domanda sia grande abbastanza er sostenere solo due imrese nell industria. Se la domanda di mercato aumenta, il rezzo aumenta, ogni imresa roduce di iù e realizza un rofitto iù alto.

5 2 Domanda di mercato S 2 () S 3 () Un imresa tiica 2 Un imresa tiica S 2 () S 3 () * 2 * Un imresa tiica S 2 () S 3 () 2 2 All aumentare della domanda di mercato, il rezzo di mercato aumenta ulteriormente, le due imrese roducono di iù e realizzano rofitti iù alti. Fino a che una terza imresa diventa indifferente fra entrare e rimanere fuori. 2 * Notare che una terza imresa non entrerebbe dato che realizzerebbe un rofitto negativo. Un imresa tiica Un imresa tiica S 2 () S 3 () 2 2 S 2 () S 3 () * 2 * Una terza imresa uò adesso entrare e se lo fa tutte realizzano un rofitto nullo

6 Se la domanda aumenta di un altro o il numero di imrese nel mercato sale sicuramente a tre. Un imresa tiica S 2 () S 3 () * Questa è la arte di offerta di breve eriodo er n = 2 imrese nell industria. Di quanto uò ancora aumentare la domanda rima che una quarta imresa entri nell industria? 3 S 3 () S 4 () 3 Un imresa tiica 3 * Un imresa tiica Un imresa tiica 3 S 3 () S 4 () 3 S 3 () 3 S 4 () 3 3 * Una quarta imresa avrebbe un rofitto negativo se decidesse di entrare. 3 * Ma ora, con una domanda iù alta, il suo rofitto sarebbe nullo.

7 S 3 () 3 S 4 () 3 Un imresa tiica Continuando così si costruisce la curva di offerta di lungo eriodo dell industria: un ezzo alla volta, dalle successive curve di offerta dell indutria di breve eriodo. 3 * Questa è la arte di offerta di breve eriodo er n = 3 imrese nell industria. Curva di offerta del mercato nel lungo eriodo Un imresa tiica Al rimicciolirsi di ogni imresa relativamente all industria, la curva di offerta dell industria di lungo eriodo si avvicina ad una linea orizzontale all altezza del min di. 3 * Notare che la base di ogni segmento della curva di offerta è il min di. Curva di offerta del mercato nel lungo eriodo Un imresa tiica Curva di offerta del mercato nel lungo eriodo Un imresa tiica 3 * * La base di ogni segmento della curva di offerta è il min di. Al rimicciolirsi delle imrese il segmento si accorcia.

8 Curva di offerta del mercato nel lungo eriodo Un imresa tiica * Al limite, quando le imrese diventano infin. iccole, la curva di offerta di lungo eriodo dell industria diviene orizzontale al min Prezzo di mercato di equilibrio nel lungo Nell equilibrio di mercato di lungo eriodo, il rezzo di equilibrio è determinato solamente dal minimo del costo medio di lungo eriodo. Il rezzo di mercato di lungo è: e = min AC( ). > 0 Imlicazioni di una tassa nel lungo Nell equilibrio di breve, il eso di una tassa sulle vendite è di solito diviso tra comratori e venditori. L incidenza diende dall elasticità al rorio rezzo della domanda e dell offerta. D: la situazione è uguale nell equilibrio di mercato di lungo eriodo? Imlicazioni di una tassa nel lungo e Domanda di mercato Q e Offerta di lungo (senza tassa) X, Imlicazioni di una tassa nel lungo b = e +t s = e Nel lungo i comratori agano tutta la tassa. t Offerta di lungo (con tassa) E se ci sono barriere all entrata o all uscita, esiste la ossibilità di rofitti ositivi nel lungo eriodo? Es., er i taxi c è una barriera all entrata. Così er i commercialisti, notai, farmacisti... Q t Q e X,

9 D: Con barriera all entrata, le imrese già dentro l industria realizzano un rofitto ositivo? R: No. Ogni imresa realizza un rofitto nullo. Perchè? Un inut (es. una licenza da farmacista) che è fisso nel lungo causa un costo fisso di lungo eriodo, F. Il costo totale di lungo è: c() = F + c v (). E il costo medio di lungo eriodo è: = AFC() + AVC(). Che valore assume F nell equilibrio di lungo eriodo? Si ensi ad un imresa che ha bisogno di una licenza. La licenza è un inut fisso che è in affitto all imresa. Se un imresa ottiene un rofitto ositivo, un altra imresa uò offrire al rorietario della licenza un rezzo alto er la licenza. In questo modo, i rezzi delle licenze salgono fino ad annullare il rofitto. Quindi nel lungo eriodo ogni imresa realizza un rofitto nullo e il costo fisso è il agamento er la licenza. $/outut AVC() $/outut AVC() e Il rofitto è nullo e F * * F è l affitto agato al ossessore del inut fisso (la licenza).

10 La rendita economica è il agamento er un inut in eccesso del agamento minimo richiesto er far sì che esso venga fornito. Creare una licenza non costa niente, quindi la rendita economica di lungo eriodo agata al rorietario della licenza è ari al costo fisso di lungo eriodo. $/outut e F AVC() Zero rofitti * F è il agamento al rorietario dell inut fisso (la licenza). F = rendita economica

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0

LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 EDIZIONE IN ITALIANO LIBRO DELLE REGOLE UFFICIALI Versione 8.0 Indice Informazioni sul gioco... 1 1 2 3 Come Iniziare Per duellare hai bisogno delle seguenti cose... 2 Carte del Gioco Carte Mostro... 6

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA

ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA Liuc Papers n. 144, Serie Economia e Impresa, 36, marzo 2004 ANALISI DELLE DETERMINANTI DELL ENTRATA DI NUOVE IMPRESE NEI SETTORI INDUSTRIALI: UNA RASSEGNA Christian Garavaglia 1 1. Introduzione È ampiamente

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli