Introduzione alla trigonometria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alla trigonometria"

Transcript

1 Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto erché costituiscono uno strumento matematico indisensaile er l ideazione e lo studio di modelli matematici con i quali si raresentano numerosi fenomeni fisici. Per introdurre queste funzioni è necessario rivedere anzitutto i concetti di angolo edimisura di un angolo. Definizione dinamica di angolo In vista delle nozioni che introdurremo nel roseguimento di questa unità, d ora in avanti sarà utile osservare un angolo da un nuovo unto di vista, non «statico», ma «dinamico»: sarà utile cioè ensare un angolo come descritto dalla rotazione di un suo lato intorno al vertice. In quest ottica la semiretta che viene fatta ruotare viene chiamata rimo lato dell angolo (o lato origine) e la semiretta ottenuta doo aver effettuato la rotazione viene chiamata secondo lato dell angolo (o lato termine), come illustrato in fig.. Un angolo viene allora detto in osizione normale quando è riferito a un sistema di assi cartesiani ortogonali risetto al quale il vertice coincide con l origine degli assi e il rimo lato coincide con il semiasse delle ositive, come illustrato in fig.. V secondo lato rimo lato Figura Definizione «dinamica» di angolo. a vertice secondo lato rimo lato Figura Un angolo in osizione normale. Misure di angoli in gradi Fino a questo unto dei tuoi studi hai misurato gli angoli in gradi. Il grado, ricordiamo, è definito come la trecentosessantesima arte dell angolo giro ed è indicato nelle misure con un iccolo cerchietto che segue il valore numerico:. Il sistema di misurazione degli angoli in cui l unità di misura è il grado è detto sistema sessagesimale. In esso ogni grado viene suddiviso in 0 arti, ciascuna chiamata minuto, indicata con un aice: minuto ¼ 0 ¼ 0 gni minuto viene a sua volta suddiviso in 0 arti, ciascuna delle quali è chiamata secondo ed è indicata con due aici: secondo ¼ 00 ¼ 0 ¼ 0 0 ¼ 0 00 Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

2 Per esemio, er indicare che un angolo misura 0 gradi, minuti e secondi si scrive che la sua misura è: In sintesi: angolo giro ¼ 0 ; ¼ 0 0 ; 0 ¼ 0 00 Come sottomultili del grado, invece dei rimi e dei secondi si uò considerare la sua decima arte, la sua centesima arte, e così via. In tal caso si ottiene una misura in gradi esressa in forma decimale. Poiché le calcolatrici scientifiche eseguono le oerazioni sulle misure in gradi esresse in forma decimale, si one talvolta il rolema di convertire una misura in gradi, rimi e secondi in gradi decimali, e viceversa. Vediamo come rocedere tramite un esemio. ESEMPI Dai gradi decimali ai gradi, rimi e secondi e viceversa Convertiamo: a. la misura di 0 00 in gradi decimali;. la misura di,7 in gradi, rimi e secondi. a. Poiché 0 ¼ ¼ e 00 ¼, aiamo: 00 ¼ þ 0 þ 00 ¼ ¼ þ þ 0 00 þ 0, þ 0,008 ¼ Con una calcolatrice si trova che 0 ¼ 0, e 00 ¼ 0,008 ¼,08. Procediamo come segue:,7 ¼ þ 0,7 ¼ ¼ þ 0,7 0 0 ¼ Ricorda che ¼ 0 0 ¼ þ 0,8 0 ¼ þ 0 0 þ 0,8 0 ¼ ¼ þ 0 0 þ 0, ¼ Ricorda che 0 ¼ 0 00 ¼ þ 0 0 þ 9, Arrotondando il numero dei secondi a meno dell unità Il sistema di misura in gradi decimali viene detto sessadecimale, anziché sessagesimale. Misure di angoli in radianti Le misure degli angoli esresse in gradi vengono utilizzate sorattutto nelle alicazioni ratiche. Nelle disciline scientifiche e nel roseguimento dei tuoi corsi di Matematica (er esemio nello studio dell analisi matematica che intrarenderemo nel rossimo volume) è iù conveniente invece misurare gli angoli in radianti. Per definire la misura in radianti di un angolo ensiamo che l angolo sia in osizione normale e consideriamo la circonferenza avente centro nel vertice dell angolo (cioè nell origine) e di raggio : tale circonferenza viene detta circonferenza goniometrica. Si uò allora dare la seguente definizione. Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

3 m misura di un angolo in radianti La misura di un angolo in radianti è la misura dell arco che esso intercetta sulla circonferenza goniometrica, una volta che l angolo sia osto in osizione normale (fig. ). Figura Misura in radianti di ESEMPI Misure di angoli in radianti a. Un angolo retto individua sulla circonferenza goniometrica un arco la cui misura è un quarto della circonferenza, cioè ¼, quindi la misura in radianti di un angolo retto è.. Un angolo iatto individua sulla circonferenza goniometrica una semicirconferenza, la cui misura è ¼, quindi la misura in radianti di un angolo iatto è. c. Un angolo giro individua sulla circonferenza goniometrica l intera circonferenza, la cui misura è, quindi la misura in radianti dell angolo giro è. Per convertire la misura di un generico angolo, esressa in gradi, nella corrisondente misura rad in radianti si uò usare la seguente roorzione: : 0 ¼ rad : Da essa seguono le seguenti formule di conversione: ¼ rad 80 rad ¼ 80 ESEMPI Conversione dai gradi ai radianti e viceversa Determiniamo: a. la misura in gradi dell angolo che misura radianti;. la misura in radianti dell angolo che misura. a. Per la rima formula [] aiamo: ¼. Per la seconda formula [] aiamo: rad ¼ 0 80 ¼ 0 [] Come avrai notato, quando gli angoli vengono misurati in gradi si è soliti indicare eslicitamente l unità di misura (cioè il grado, indicato con il simolo ), mentre quando vengono misurati in radianti si è soliti ¼ trascurare l unità di misura 80 (cioè l angolo di radiante, indicato con rad). Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

4 Nella fig. sono invece visualizzate le misure, in gradi e radianti, degli angoli iù comuni. = 0 = 80 = 0 = 7 0 = = 0 = Figura Misure di angoli notevoli. 90 = 70 = 0 = 00 = = 0 = 0 = = 7 Misura relativa di un angolo e misure di angoli maggiori dell angolo giro L interretazione «dinamica» di un angolo come descritto dalla rotazione di una semiretta intorno al suo vertice are alcuni nuovi scenari:. da una arte, one il rolema di recisare il concetto di misura di un angolo in modo da tenere conto del verso della rotazione e orta così a introdurre il concetto di misura relativa di un angolo;. dall altra, are la ossiilità di estendere il concetto stesso di angolo considerando angoli maggiori di un angolo giro. Vediamo, nell ordine, come sia ossiile affrontare questi due argomenti.. Per assegnare a un angolo una misura relativa (cioè con segno) occorre anzitutto orientare l angolo, cioè fissare il suo rimo lato; doodichè si considera la misura assoluta (cioè senza segno) dell angolo (in gradi o in radianti) e si attriuisce a essa: segno iù se la rotazione che occorre comiere er sovraorre il rimo lato dell angolo al secondo è antioraria; segno meno se la rotazione che occorre comiere er sovraorre il rimo lato dell angolo al secondo è oraria. sserva gli esemi in fig.. Figura 70 V secondo lato 90 rimo lato V secondo lato rimo lato V 0 = 0 rimo lato secondo lato Sesso identificheremo un angolo con la sua misura (in gradi o in radianti); scriveremo er esemio ¼, er indicare che è un angolo la cui misura (in radianti) è, oure ð0, Þ er indicare che è un angolo la cui misura (in radianti) è comresa tra 0e.. Per introdurre angoli maggiori di un angolo giro fissiamo l attenzione su un angolo (orientato) in cui il rimo lato è la semiretta a e il secondo lato è la semiretta, descritto dalla rotazione in senso antiorario della semiretta a. Sia la misura in gradi dell angolo (fig. a). Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

5 Se suoniamo che la semiretta a, nella sua rotazione in senso antiorario, non si fermi la rima volta che raggiunge ma ercorra un giro comleto fino a ritornare nuovamente in, si genera ancora un angolo in cui il rimo lato è a eil secondo lato è, ma a questo nuovo angolo dovremo assegnare una misura che tenga conto del giro in iù fatto. È naturale assegnare a tale angolo la misura (in gradi) di þ 0 (fig. ), dove il segno ositivo tiene conto del fatto che il giro in iù è stato effettuato in senso antiorario. Se la semiretta a ruotasse invece in senso orario fino a raggiungere, allora verree descritto un angolo la cui misura, in gradi, saree 0 : infatti la misura assoluta dell angolo saree 0, mentre la misura relativa è l oosto erché tiene conto del fatto che la rotazione della semiretta a è avvenuta questa volta in senso orario, cioè nel verso negativo (fig. c). Più in generale, se la semiretta a ruota in senso antiorario fino a sovraorsi alla semiretta, in funzione del numero di giri effettuati otterremo angoli le cui misure in gradi sono, ordinatamente:, þ 0, þ 0, þ 0, þ 0, ::: Se invece la semiretta a ruota in senso orario fino a sovraorsi alla semiretta, in funzione del numero di giri effettuati otterremo angoli le cui misure in gradi sono, ordinatamente: 0, 0, 0, 0, ::: Gli infiniti angoli che così si ottengono ossono dunque essere raresentati in forma sintetica con la scrittura: þ k0 al variare di k in Z Se la misura dell angolo fosse esressa in radianti anziché in gradi, la scrittura sintetica saree invece: þ k al variare di k in Z ESEMPI Misure di angoli orientati e di angoli maggiori di un angolo giro Nelle seguenti figure uoi osservare alcune misure di angoli orientati, osti in osizione normale (ricorda che il rimo lato è semre quello sull asse Þ. rova tu Qual è la misura in radianti di un angolo di 0? E di un angolo di 0?. Qual è la misura in gradi di un angolo che, in radianti, misura?edi un angolo che misura 7 8?. Considera due semirette a e, fra loro ortogonali, di origine. La semiretta a (semiretta origine) ruota intorno a in senso antiorario fino a raggiungere, oi effettua, a artire da, altri giri comleti intorno a e si arresta. Quanto misura, in radianti, l angolo così generato?. Risondi a un quesito analogo a quello recedente nel caso in cui la semiretta a ruoti in senso orario. 0 V V 0 V Figura 0 a ESERCIZI Gli esercizi relativi a questo aragrafo sono a. 9 c a a a Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

6 Le funzioni goniometriche In questo secondo aragrafo vedremo come sia ossiile associare a ogni angolo tre numeri, detti seno, coseno e tangente dell angolo, che diendono esclusivamente dall amiezza dell angolo stesso. L introduzione del seno, del coseno e della tangente di un angolo ci consentirà di definire delle nuove funzioni e, come vedremo iù avanti, di mettere in relazione le misure dei lati di un triangolo con le misure dei suoi angoli. Definizioni di seno, coseno e tangente di un angolo Dato un angolo, riferiamolo a un sistema di assi cartesiani ortogonali in modo che si trovi in osizione normale e tracciamo la circonferenza goniometrica. Il seno, il coseno e la tangente di sono definiti come segue (fig. 7). Figura 7 Funzioni goniometriche di un angolo. m P P P (, 0) seno di = P coseno di = P tangente di = P seno, coseno e tangente di un angolo Dato un angolo in osizione normale, sia P il unto di intersezione del secondo lato dell angolo con la circonferenza goniometrica. Chiamiamo: seno di l ordinata di P; coseno di l ascissa di P; tangente di il raorto tra l ordinata e l ascissa di P. Indicheremo il seno di con il simolo sin, il coseno di con il simolo cos e la tangente di con il simolo tan. Poiché il seno, il coseno e la tangente di un angolo variano in funzione dell angolo, vengono chiamate funzioni goniometriche di. È imortante fare suito alcune osservazioni. Il unto P, le cui coordinate definiscono il coseno e il seno di, viene detto unto associato all angolo. Poiché P aartiene alla circonferenza goniometrica (che è di raggio ), l ascissa di P (cioè il coseno di ) e l ordinata di P (cioè il seno di ) variano tra e, otendo anche essere uguali a oa. Dunque er ogni angolo si ha: sin e cos La tangente di un angolo, essendo definita come raorto tra seno e coseno dell angolo, è definita urché il coseno dell angolo sia diverso da zero: tan ¼ sin cos è definita er tali che cos ¼ 0 P Alcuni testi utilizzano er il seno la notazione sen e er la tangente la notazione tg. Noi aiamo utilizzato le notazioni iù diffuse nella moderna letteratura scientifica; tali notazioni sono anche quelle utilizzate dalle calcolatrici. Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

7 Calcolo delle funzioni goniometriche di un angolo Dato un angolo, come ossiamo determinarne il seno, il coseno e la tangente? In generale, er determinare i valori delle funzioni goniometriche di un angolo qualsiasi isogna ricorrere a una calcolatrice. In alcuni casi articolari, che caitano di frequente, è ossiile tuttavia ricavare le funzioni goniometriche dell angolo direttamente dalla definizione.. Seno, coseno e tangente degli angoli che hanno i lati sugli assi Determiniamo, se esistono, il seno, il coseno e la tangente degli angoli di misura uguale a 0,90, 80, 70. Misura dell angolo (in gradi e in radianti) ¼ 0 ¼ 0 Misura dell angolo (in gradi e in radianti) ¼ 90 ¼ ¼ 80 ¼ ¼ 70 ¼ Funzioni goniometriche Raresentazione grafica Il secondo lato dell angolo coincide con il semiasse delle ositive e incontra la circonferenza goniometrica nel unto Pð, 0Þ, quindi: sin 0 ¼ sin 0 ¼ 0 cos 0 0 ¼ cos 0 ¼ tan 0 ¼ tan 0 ¼ 0 ¼ 0 Funzioni goniometriche Il secondo lato dell angolo coincide con il semiasse delle ositive e interseca la circonferenza goniometrica nel unto Pð0, Þ, quindi: sin 90 ¼ sin ¼ cos 90 ¼ cos ¼ 0 tan 90 ¼ tan ¼ non esiste! 0 La tangente di 90 non è definita, erché non è definita la divisione er 0. Il secondo lato dell angolo coincide con il semiasse delle negative e interseca la circonferenza goniometrica nel unto Pð, 0Þ, quindi: sin 80 ¼ sin ¼ 0 cos 80 ¼ cos ¼ tan 80 ¼ tan ¼ 0 ¼ 0 Il secondo lato dell angolo coincide con il semiasse delle negative e interseca la circonferenza goniometrica nel unto Pð0, Þ, quindi: sin 70 ¼ sin ¼ cos 70 ¼ cos ¼ 0 tan 70 ¼ tan ¼ non esiste! 0 La tangente di 70 non è definita, erché non è definita la divisione er 0. Raresentazione grafica P(, 0) 70 P(0, ) P(0, ) P(, 0) Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara 7

8 . Seno, coseno e tangente degli angoli di 0, e0 Determiniamo il seno, il coseno e la tangente degli angoli di misura uguale a 0, e0. Misura dell angolo (in gradi e in radianti) ¼ 0 ¼ Misura dell angolo (in gradi e in radianti) ¼ ¼ ¼ 0 ¼ Funzioni goniometriche sserviamo che nel triangolo PH è P ¼. Ricordando le relazioni che sussistono tra le misure dei lati di un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di 0 e0, deduciamo che: PH ¼ e H ¼. Dunque P,, quindi: sin 0 ¼ sin ¼ cos 0 ¼ cos ¼ tan 0 ¼ tan ¼ ffiffiffi Funzioni goniometriche ¼ ffiffiffi ¼ sserviamo che nel triangolo PH è P ¼. Ricordando le relazioni che sussistono tra le misure dei lati di un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di, deduciamo che: H ¼ PH ¼ ¼ Dunque P,, quindi: sin ¼ sin ¼ cos ¼ cos ¼ tan ¼ tan ¼ ffiffiffi ¼ sserviamo che nel triangolo PH è P ¼. Ricordando le relazioni che sussistono tra le misure dei lati di un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di 0 e0, deduciamo che: H ¼ e PH ¼ Dunque P,, quindi: sin 0 ¼ sin ¼ cos 0 ¼ cos ¼ ffiffiffi tan 0 ¼ tan ¼ ¼ ffiffiffi Raresentazione grafica 0 P H Raresentazione grafica P H 0 H P Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara 8

9 sintesi: funzioni goniometriche di angoli notevoli Angoli con i lati sugli assi cartesiani sin cos tan Non definita Non definita Angoli di 0,,0 sin cos tan 0 0. Seno, coseno e tangente di angoli qualsiasi Vediamo infine come si uò utilizzare una calcolatrice er il calcolo del seno, del coseno della tangente di angoli qualsiasi. ESEMPI Calcolo di funzioni goniometriche tramite la calcolatrice Calcoliamo, ricorrendo a una calcolatrice: a. sin,. cos ð Þ c. tan a. ccorre anzitutto controllare che sul disla della calcolatrice comaia la scritta «DEG»: ciò significa che stiamo lavorando con misure di angoli esresse in gradi. In caso contrario, isogna assare al sistema sessadecimale utilizzato dalla calcolatrice, remendo iù volte sulla calcolatrice il tasto DRG. Una volta che ciò sia stato accertato, digitiamo. e oi remiamo il tasto SIN. tteniamo così che sin, ¼ 0, Arrotondando a meno di un centesimo, ossiamo scrivere che sin, 0,. ccorre reliminarmente trasformare la misura data da gradi, rimi e secondi a gradi decimali. Possiamo effettuare questa oerazione ricordando che: ¼ þ 0 0 þ 0 00 Calcoliamo: þ 0 0 þ 0 00, ttenuto questo valore, è sufficiente remere il tasto CS. La trasformazione da gradi, rimi e secondi a gradi decimali uò essere effettuata anche in modo automatico, se la calcolatrice che stiamo utilizzando ossiede il tasto DMS-DD. In tal caso isogna digitare le cifre dei gradi, oi il unto decimale, quindi far seguire le cifre dei rimi e dei secondi. La 9 Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

10 sequenza di oerazioni da svolgere è quindi la seguente: si digita.00, si reme il tasto DMS-DD e infine il tasto CS. In ogni caso, otterremo: cos ¼ 0,990988::: Arrotondando a meno di un centesimo: cos ,9 c. Controlliamo che sul disla comaia la scritta RAD (in caso contrario, remiamo il tasto DRG finché non comare tale scritta). Poi remiamo la seguente sequenza di tasti: TAN tterremo così: tan ¼, Arrotondando a meno di un centesimo: tan,08 Dalla funzione goniometrica all angolo Se è dato il seno o il coseno o la tangente di un angolo acuto, ossiamo risalire alla misura dell angolo con l aiuto della calcolatrice, come mostriamo nel rossimo esemio. ESEMPI Determiniamo con l aiuto della calcolatrice la misura arossimata, sia in radianti sia in gradi, dell angolo acuto il cui seno è :. Misura in radianti Controlliamo anzitutto che sul disla comaia la scritta RAD. Per determinare l angolo richiesto, devi attivare la funzione inversa del seno, remendo, rima del tasto SIN, il tasto INV o il tasto NDF a seconda della calcolatrice che stai utilizzando. La sequenza di oerazioni che dovrai svolgere è quindi la seguente:. eseguire la divisione. remere il tasto contrassegnato con INV oto NDF. remere il tasto SIN Si ottiene come risultato 0,98909 quindi, arrotondando alla seconda cifra decimale, ossiamo scrivere che 0,.. Misura in gradi Procediamo in modo analogo al caso recedente, con l accortezza erò di imostare all inizio la modalità DEG anziché RAD. Si ottiene che 9,7. Il risultato esresso dalla calcolatrice in gradi decimali, uò oi eventualmente essere convertito in gradi, rimi e secondi. Attenzione! In alcune calcolatrici er attivare le funzioni inverse del seno, del coseno e della tangente occorre utilizzare i tasti sin, cos, tan indicati talvolta con asin, acos, atan. Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara 0

11 Prime rorietà delle funzioni goniometriche Si uò dimostrare che il seno e il coseno di un angolo (qualsiasi) sono legati dalla relazione fondamentale: cos þ sin ¼ In articolare, se è acuto, la giustificazione di questa relazione è immediata: asta alicare il teorema di Pitagora al triangolo rettangolo PH nella figura 8, osservando che: Figura 8 P ¼ H ¼ cos PH ¼ sin H P (, 0) Notiamo che la relazione fondamentale cos þ sin ¼ consente di determinare il seno di un angolo, se è noto il coseno o, viceversa, di determinare il coseno, se è noto il seno. Dalle definizioni di seno e coseno segue immediatamente che l angolo di misura þ k, con k Z, ha lo stesso seno e lo stesso coseno di, ossia valgono le relazioni: sin ð þ kþ ¼sin e cos ð þ kþ ¼cos Per esrimere questa rorietà, si dice che il seno e il coseno sono funzioni eriodiche di eriodo. Si uò dimostrare inoltre che l angolo di misura þ k, con k Z, hala stessa tangente di, ossia vale la relazione: tan ð þ kþ ¼tan Per esrimere questa rorietà si dice che la tangente è una funzione eriodica di eriodo. rova tu Calcola il valore delle seguenti esressioni: a. sin cos cos þ sin. sin 0 tan sin 0 þ tan I grafici delle funzioni goniometriche ESERCIZI Gli esercizi relativi a questo aragrafo sono a. 0 Aiamo definito le funzioni goniometriche come funzioni che associano a un dato angolo in osizione normale un numero reale (il seno, il coseno o la tangente dell angolo). In ase a queste definizioni il dominio delle funzioni gonio- Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

12 metriche è quindi l insieme formato dagli angoli in osizione normale, con l esclusione degli angoli di misura þ k er la funzione tangente. Vogliamo ora staccarci da questa definizione geometrica e considerare le funzioni seno, coseno e tangente come funzioni reali di variaile reale. Il assaggio dagli angoli ai numeri reali è naturale ed è già stato imlicitamente comiuto nei aragrafi recedenti, ogniqualvolta aiamo identificato un angolo con la sua misura. Saiamo infatti che er ogni numero reale esiste uno e un solo angolo (orientato) la cui misura, in radianti, è. Possiamo quindi definire le tre funzioni: ¼ sin ; ¼ cos ; ¼ tan che, dato un numero reale, associano a esso risettivamente il seno, il coseno e la tangente dell angolo la cui misura, in radianti, è. In questo aragrafo studiamo le rorietà di queste funzioni e ne tracciamo il grafico nel iano cartesiano. La funzione ¼ sin Studiamo inizialmente la funzione ¼ sin. Saiamo che il seno è eriodico di eriodo, quindi è sufficiente tracciare il grafico di ¼ sin nell intervallo ½0, Š e oi comletare il grafico su tutto l asse reale tenendo conto della eriodicità. Costruiamo anzitutto la taella seguente in cui, ricordando alcuni valori notevoli del seno, aiamo elencato le coordinate di alcuni unti aartenenti al grafico della funzione. 0 ¼ sin La taella mostra, come aiamo già osservato nel Paragrafo studiando come varia il seno, che: quando cresce da 0 a il valore di ¼ sin cresce da 0 a ; quando cresce da a il valore di ¼ sin decresce da a 0; quando cresce da a il valore di ¼ sin decresce da 0 a ; quando cresce da a il valore di ¼ sin cresce da a0. Tracciando la curva che assa er i unti le cui coordinate sono riortate in taella otteniamo il grafico della funzione seno nell intervallo ½0, Š (fig. 9). Figura 9,,, 7,, = sin 0, 0 Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

13 Rietendo il grafico di ¼ sin in tutti gli intervalli di lunghezza recedenti e successivi a ½0, Š otteniamo il grafico della funzione seno (detto sinusoide) su tutto l asse reale (fig. 0). Figura 0 m,, = sin,, rorietà della funzione ¼ sin a. La funzione ¼ sin è definita er ogni valore reale di, quindi il suo dominio è R; èeriodica di eriodo.. La funzione ¼ sin interseca l asse in infiniti unti, di ascissa ¼ k; la funzione seno ha quindi infiniti zeri. c. Il grafico della funzione ¼ sin è simmetrico risetto all origine, quindi la funzione ¼ sin è disari. d. La funzione ¼ sin ha come immagine l intervallo [, ], quindi è limitata. e. Vi sono infiniti unti, di ascissa ¼ þ k, in cui la funzione ¼ sin assume valore massimo (uguale a ) e infiniti, di ascissa ¼ þ k, in cui assume valore minimo (uguale a ). La funzione ¼ cos Anche er tracciare il grafico della funzione ¼ cos ci limitiamo inizialmente a considerare l intervallo ½0, Š. Costruiamo a questo roosito la taella seguente in cui, ricordando alcuni valori notevoli del coseno, aiamo riortato le coordinate di alcuni unti aartenenti al grafico della funzione. 0 ¼ cos 0 La taella mostra che: quando cresce da 0 a il valore di ¼ cos decresce da a 0; quando cresce da a il valore di ¼ cos decresce da 0 a ; quando cresce da a il valore di ¼ cos cresce da a0; quando cresce da a il valore di ¼ cos cresce da 0 a. Tracciando la curva che assa er i unti aventi le coordinate in taella otteniamo il grafico della funzione coseno nell intervallo ½0, Š (fig. ). (0, ),, = cos 0, (, ), (, ) Figura 0 Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

14 Rietendo il grafico di ¼ cos in tutti gli intervalli di lunghezza recedenti e successivi a ½0, Š otteniamo il grafico della funzione coseno (detto cosinusoide) su tutto l asse reale (fig. ). Figura m (,) (0, ) (, ) (, ) = cos (,) rorietà della funzione ¼ cos a. La funzione ¼ cos è definita er ogni valore reale di, quindi il suo dominio è R; èeriodica di eriodo.. La funzione ¼ cos interseca l asse in infiniti unti di ascissa ¼ þ k, quindi ha infiniti zeri. c. Il grafico della funzione ¼ cos è simmetrico risetto all asse, quindi la funzione ¼ cos è ari. d. La funzione ¼ cos ha come immagine l intervallo [, ], quindi è limitata. e. Vi sono infiniti unti, di ascissa ¼ k, in cui la funzione ¼ cos assume valore massimo (uguale a ) e infiniti unti, di ascissa ¼ þ k, in cui assume valore minimo (uguale a ). La funzione ¼ tan Tracciamo ora il grafico della funzione ¼ tan. Saiamo che la tangente è eriodica di eriodo, quindi asterà tracciarne il grafico nell intervallo, e comletare oi tale grafico su tutto l asse reale tenendo conto della eriodicità. Costruiamo anzitutto la taella seguente in cui, ricordando alcuni valori notevoli della tangente, aiamo determinato le coordinate di alcuni unti aartenenti al grafico della funzione ¼ tan nell intervallo rescelto. ¼ tan ffiffiffi 0 0 Come aiamo osservato nel Paragrafo studiando le variazioni della tangente di un angolo: quando cresce da retta di equazione ¼ quando cresce da 0 a a 0 il valore di ¼ tan cresce da a 0, erciò la è un asintoto verticale er la funzione; il valore di ¼ tan cresce indefinitamente, da 0 a Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara þ, erciò la retta di equazione ¼ è un asintoto verticale er la funzione.

15 Tenendo conto di queste osservazioni e dei unti er cui assa il grafico della funzione forniti dalla taella (oortunamente arossimati), ossiamo tracciarne il grafico (fig. ). Rietendo il grafico di ¼ tan in tutti gli intervalli di lunghezza (recedenti e successivi a, Þ otteniamo infine il grafico della funzione tangente (detto tangentoide) su tutto l asse reale (fig. ). = tan < <,,, =,,, = = Figura Figura m = = tan = = rorietà della funzione ¼ tan a. La funzione ¼ tan è definita er ogni ¼ þ k, quindi il suo dominio n è Rn o þ k ;èuna funzione eriodica di eriodo.. La funzione ¼ tan interseca l asse in infiniti unti, di ascissa ¼ k, quindi ha infiniti zeri. c. La funzione ¼ tan resenta infiniti asintoti verticali, di equazioni ¼ þ k. d. Il grafico della funzione ¼ tan è simmetrico risetto all origine; ossia la funzione ¼ tan è disari. e. La funzione ¼ tan ha come immagine tutto R, quindi non è una funzione limitata. rova tu Traccia, er unti, il grafico delle seguenti funzioni, nell intervallo indicato a fianco.. ¼ sin in ½0, Š. ¼ cos in ½0, Š. ¼ tan in, [Suggerimento: nella taella dei valori di e che devi costruire er tracciare il grafico della funzione, assegna a i valori 0,,,, er le funzioni ESERCIZI e e i valori,,0,, Gli esercizi relativi er la funzione.] a questo aragrafo sono a. Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

16 I teoremi sui triangoli rettangoli In recedenza aiamo introdotto le funzioni goniometriche degli angoli e aiamo studiato alcune delle loro rorietà. ra inizieremo lo studio della trigonometria, cioè di quella arte della matematica che tratta le relazioni fra le misure dei lati e le funzioni goniometriche degli angoli di un triangolo. Premettiamo che d ora in avanti adotteremo le seguenti convenzioni er indicare gli elementi di un triangolo di vertici A, e C (fig. ): con le lettere minuscole a,, c indicheremo le misure dei lati oosti, risettivamente, ai vertici A,, C; con le lettere greche,, indicheremo gli angoli aventi vertici, risettivamente, in A,, C, o le loro misure. I teoremi fondamentali sui triangoli rettangoli Iniziamo la nostra eslorazione della trigonometria a artire da una figura geometrica en nota: il triangolo rettangolo. Suoniamo che il triangolo aia l angolo retto in A e indichiamo le misure dei lati e degli angoli secondo le convenzioni stailite (fig. ). Riferiamo il triangolo a un sistema di riferimento cartesiano ortogonale risetto al quale l angolo si trovi in osizione normale; indichiamo con P il unto in cui la semiretta C interseca la circonferenza goniometrica e con H la roiezione di P sull asse. A seconda che la misura dell iotenusa del triangolo sia minore o maggiore di si ossono ottenere i due casi raresentati nelle figg. 7a e 7. a Figura 7 β A cosβ C P H sinβ a β cosβ H c P γ sinβ In entrami i casi (fai riferimento alla seconda delle figure), il triangolo AC è simile al triangolo HP (erché?), quindi ossiamo scrivere la roorzione: a ¼ sin da cui si ricava: AC : C ¼ PH : P ¼ a sin [] Analogamente si otree dimostrare che: C A A Figura C γ A Figura C γ c a c β a β Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara ¼ a cos []

17 Riflettiamo ora sulle due uguaglianze [] e [], osservando la fig. 8. C Angolo acuto adiacente a Figura 8 Ci ossiamo rendere conto che: ¼ a sin misura di misura seno dell angolo un cateto dell iotenusa oosto al cateto ¼ a cos A γ a c β Angolo acuto oosto a misura di misura coseno dell angolo un cateto dell iotenusa acuto adiacente al cateto Ragionando in modo del tutto simile si otree rovare che valgono analoghe relazioni circa la misura c dell altro cateto. Vale quindi il seguente teorema. Primo teorema sui triangoli rettangoli TEREMA In un triangolo rettangolo la misura di un cateto è uguale a quella dell iotenusa moltilicata er il seno dell angolo oosto al cateto, o moltilicata er il coseno dell angolo acuto adiacente al cateto. Dal teorema seguono in articolare le due uguaglianze: ¼ a sin c ¼ a cos Dividendole memro a memro otteniamo: c ¼ a sin a cos ¼ tan cioè: ¼ c tan [] Riflettendo sulla [], osservando ancora la fig. 8, ci rendiamo conto che: ¼ c tan misura di misura tangente dell angolo un cateto dell altro cateto oosto al rimo cateto Ragionando in modo del tutto simile si otree rovare che valgono analoghe relazioni circa la misura c dell altro cateto. Vale quindi il seguente teorema. Secondo teorema sui triangoli rettangoli TEREMA In un triangolo rettangolo la misura di un cateto è uguale a quella dell altro cateto moltilicata er la tangente dell angolo oosto al rimo cateto. Risoluzione di un triangolo rettangolo I teoremi sui triangoli rettangoli ossono essere utilizzati sia er determinare le misure dei lati di un triangolo rettangolo, sia (inversamente) er risalire alle misure degli angoli acuti di un triangolo rettangolo. Ciò consente di risolvere un 7 Introduzione alla trigonometria f 00 De Agostini Scuola SA Novara

Esercizi SINTESI E RIEPILOGO. Parole chiave. Formule e proprietà importanti. Tema B. In più: esercizi interattivi

Esercizi SINTESI E RIEPILOGO. Parole chiave. Formule e proprietà importanti. Tema B. In più: esercizi interattivi Unità Esercizi In iù: esercizi interattivi Tema B SINTESI E RIEPILG Parole chiave Ascissa. 17 Asse delle ascisse. 17 Asse delle ordinate. 17 Asse. 17 Asse. 17 Coefficiente angolare. 10 Coordinata. 17 Distanza

Dettagli

Trigonometria (tratto dal sito Compito in classe di Matematica di Gilberto Mao)

Trigonometria (tratto dal sito Compito in classe di Matematica di Gilberto Mao) Trigonometria (tratto dal sito Comito in classe di Matematica di Gilberto Mao) Teoria in sintesi Radiante: angolo al centro di una circonferenza che sottende un arco di lunghezza rettificata uguale al

Dettagli

IL TEOREMA DI PITAGORA

IL TEOREMA DI PITAGORA GEOMETRIA IL TEOREMA DI PITAGORA E LE SUE APPLICAZIONI PREREQUISITI l conoscere le rorietaá delle quattro oerazioni ed oerare con esse l conoscere il significato ed oerare con otenze ed estrazioni di radici

Dettagli

AREA 1: FUNZIONI E LIMITI

AREA 1: FUNZIONI E LIMITI AREA : FUNZIONI E LIMITI INSIEMI NUMERICI E FUNZIONI Per ricordare H Un insieme E si dice: itato sueriormente se esiste un numero k, non necessariamente aartenente a E, che eá maggiore o uguale di tutti

Dettagli

ESERCIZIO GUIDA p Tracciamo il grafico della curva di equazione y ˆ

ESERCIZIO GUIDA p Tracciamo il grafico della curva di equazione y ˆ LE CONICHE E LA RISOLUZIONE GRAFICA DI EQUAZIONI Rivedi a teoria La raresentazione grafica di articoari curve: e curve irrazionai Mediante o studio dee coniche ossiamo costruire in modo semice i grafico

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2011 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Si considerino le funzioni f e g definite, per tutti

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO CM a.s. /3 PROLEMA DELL TILE DEL CONSMATORE CON IL VINCOLO DEL ILANCIO Il consumatore è colui che acquista beni er destinarli al rorio consumo. Linsieme dei beni che il consumatore acquista rende il nome

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Appunti a cura di Roberto Bringheli e Carmelo Zucco Pagina 16 FORMULE DI ADDIZIONE DI SENO, COSENO E TANGENTE SOTTRAZIONE DEL COSENO

Appunti a cura di Roberto Bringheli e Carmelo Zucco Pagina 16 FORMULE DI ADDIZIONE DI SENO, COSENO E TANGENTE SOTTRAZIONE DEL COSENO Pagina 6 FORMULE DI ADDIZIONE DI SENO, COSENO E TANGENTE Esistono metodi er determinare le formule di addizione e sottrazione: il metodo vettoriale e quello algebrico, er semlicità ci limiteremo a determinare

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE.

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE. 6 CAMPO MAGNETICO ROTANTE Il camo magnetico monofase Il funzionamento delle macchine elettriche rotanti alimentate in corrente alternata si basa sul rinciio del camo magnetico rotante: il suo studio viene

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2008 PRVA SPERIMENTALE P.N.I. 8 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 8 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Funzioni trascendenti

Funzioni trascendenti Funzioni trascendenti Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 17 novembre 007 Sommario Esponiamo la teoria fondamentale delle funzioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza 1 Il camo elettrico 1.1 Azione a distanza L idea di interazione fra cori è stata semre associata all idea di un contatto: la ossibilità che un oggetto otesse esercitare un azione in una regione di sazio

Dettagli

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE.

VERIFICA DI MATEMATICA. CLASSI TERZE (3AS, 3BS, 3CS, 3DS, 3ES) 2 settembre 2013 COGNOME E NOME.. CLASSE. VERIFIC DI MTEMTIC CLSSI TERZE (S, BS, CS, DS, ES) settembre COGNOME E NOME.. CLSSE. Esercizio In un piano cartesiano ortogonale determinare: a) l equazione della parabola con asse parallelo all asse,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

Le nozioni fondamentali

Le nozioni fondamentali Le nozioni fondamentali Il concetto di funzione che abbiamo introdotto nel capitolo 5 di Algebra si è molto arricchito. Lavorando nel piano cartesiano, abbiamo familiarizzato con il passaggio dalla scrittura

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

Trigonometria 30 = 3. l angolo inferiore ad un angolo retto per un trentesimo di quadrante è ampio un quadrante meno un trentesimo e cioè 87.

Trigonometria 30 = 3. l angolo inferiore ad un angolo retto per un trentesimo di quadrante è ampio un quadrante meno un trentesimo e cioè 87. Trigonometria Introduzione storica La trigonometria nasce dal problema pratico di calcolare a partire dalla misura di tre elementi di un triangolo (di cui almeno un lato) le misure dei tre elementi mancanti.

Dettagli

TEMATICA 1 - FUNZIONI ED EQUAZIONI

TEMATICA 1 - FUNZIONI ED EQUAZIONI Docente Materia Classe Cristina Frescura Matematica 4B Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012-2013 Data 28 novembre 2012 Obiettivi Cognitivi Nota bene: gli obiettivi minimi sono sottolineati U.D.

Dettagli

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi Comlementi ed esercizi di Idrodinamica I arte.. Prorietà fisiche dei fluidi. Densità e modulo di elasticità a comressione cubica. Come è noto la densità di massa ρ misura la massa contenuta nell unità

Dettagli

Una proposizione è una affermazione di cui si possa stabilire con certezza il valore di verità

Una proposizione è una affermazione di cui si possa stabilire con certezza il valore di verità Logica 1. Le roosizioni 1.1 Cosa studia la logica? La logica studia le forme del ragionamento. Si occua cioè di stabilire delle regole che ermettano di assare da un'affermazione vera ad un'altra affermazione

Dettagli

G6. Studio di funzione

G6. Studio di funzione G6 Studio di funzione G6 Come tracciare il grafico di una funzione data Nei capitoli precedenti si sono svolti tutti gli argomenti necessari per tracciare il grafico di una funzione In questo capitolo

Dettagli

LE FUNZIONI GONIOMETRICHE

LE FUNZIONI GONIOMETRICHE LE FUNZIONI GONIOMETRICHE La misura degli angoli Si chiama angolo la porzione di piano racchiusa tra due semirette. Angolo convesso Angolo concavo Le unità di misura degli angoli sono: il grado sessagesimale

Dettagli

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi I VETTORI ESERCIZI Risolti e Discussi 19 dicembre 2007 1 Somma di vettori: metodo graco 1.0.1 Si considerino due spostamenti, uno di modulo 3 m e un altro di modulo 4 m. Si mostri in che modo si possono

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili.

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili. Sessione lie # Settimana dal 4 al 30 marzo Statistica Descrittia (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili Lezioni CD: 3 4-5 Analisi congiunta Da un camione di 40 studenti sono stati rileati

Dettagli

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più

Dettagli

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~ FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~. LE EQUAZIONI "sen = a" E "cos = a" È noto che, fissato un qualsiasi numero reale a compreso tra

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

La riflessione della luce: gli specchi

La riflessione della luce: gli specchi APITOLO 3 La riflessione della luce: gli secchi Immaginiamo un camo di 20 ettari ( ha 0 4 m 2 ) ieno di secchi arabolici: er l esattezza 360. Grazie a un articolare sistema di tubi, la radiazione solare

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

La presa dei fotogrammi

La presa dei fotogrammi UNITÀ T2 La resa dei fotogrammi TEORI 1 Fotogrammetria aerea 2 Relazione tra scala dei fotogrammi e altezza di volo 3 Parametri del volo aereo fotogrammetrico 4 Gestione del volo fotogrammetrico 5 Fotogrammetria

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R

Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R Studio di funzione Per studio di funzione intendiamo un insieme di procedure che hanno lo scopo di analizzare le proprietà di una funzione f ( x) R R : allo scopo di determinarne le caratteristiche principali.

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle robabilità Evento casuale Chissà quante volte vi hanno detto: Scegli una carta da questo mazzo e voi scegliete casualmente una carta. Perché casualmente? Cosa vuol dire scegliere a caso?

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

DISPENSA DI GEOMETRIA

DISPENSA DI GEOMETRIA Il software di geometria dinamica Geogebra GeoGebra è un programma matematico che comprende geometria, algebra e analisi. È sviluppato da Markus Hohenwarter presso la Florida Atlantic University per la

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Trigonometria: breve riepilogo.

Trigonometria: breve riepilogo. Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica - Dott.ssa Sandra Lucente Trigonometria: breve riepilogo. Definizioni iniziali Saper misurare un angolo in gradi sessagesimali, saper svolgere

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 004 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un piano

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate Via G. Verdi, 1 85025 MELFI (PZ) Tel. 097224434/35 Cod. Min.: PZIS02700B

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R?

PROVA N 1. 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(x) PROVA N 2. è monotona in R? PROVA N 1 1. Elencare gli elementi che conviene esaminare per tracciare il grafico di una funzione y=f(). Studiare la funzione f()= 8+ 7 9 (Sono esclusi i flessi) 3. Data la funzione f()= 1 6 3 - +5-6

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali:

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali: TRIANGOLI Geogebra IL TRIANGOLO 1. Fai clic sull icona Ic2 e nel menu a discesa scegli Nuovo punto : fai clic all interno della zona geometria e individua il punto A. Fai di nuovo clic per individuare

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli