10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4"

Transcript

1 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I sussidi alla produzione agricola 5 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia 6 Conclusioni Sommario I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto di un sussidio alle esportazioni Impatto del sussidio sul benessere di H I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Effetto di un sussidio Il benessere di H Il benessere di F e del mondo Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 2 di 118 Sommario I sussidi alla produzione agricola Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese piccolo Il benessere di H Il principio del targeting Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese grande I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia La matrice dei payoff L equilibrio di Nash La strategia ottima della Boeing La strategia ottima della Airbus Equilibri multipli Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 3 di 118

2 Sommario Effetto di un sussidio alla Airbus La strategia ottima della Airbus La strategia ottima della Boeing L equilibrio di Nash Il benessere dell Europa Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo La strategia ottima della Airbus La strategia ottima della Boeing Di nuovo sul benessere dell Europa Sintesi Conclusioni Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 4 di 118 Obiettivi didattici Comprendere che cos è un sussidio alle esportazioni. Comprendere le politiche di sussidio all agricoltura. Comprendere i sussidi nei settori ad alta tecnologia. Comprendere come i sussidi possono essere usati strategicamente dai governi. Comprendere gli effetti dei sussidi alle esportazioni sui prezzi, la quantità di commercio e il benessere. Saper usare la teoria dei giochi per costruire un modello delle interazioni strategiche tra imprese. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 5 di 118 Obiettivi didattici Comprendere che cos è un sussidio alla produzione. Comprendere la differenza tra un sussidio alle esportazioni e un sussidio alla produzione. Comprendere l effetto di un sussidio alla produzione sui prezzi, sulla quantità di commercio e sul benessere. Comprendere perché l OMC si è maggiormente concentrata sui sussidi alle esportazioni e meno su quelli alla produzione. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 6 di 118

3 Introduzione Nel dicembre del 2005, i rappresentanti dei 149 Paesi appartenenti all OMC si incontrarono ad Hong Kong per discutere la riforma del sistema mondiale di commercio. Il tema principale di questi incontri era la politica commerciale (dazi e sussidi) relativa ai prodotti agricoli. Prezzi mondiali inferiori danneggiano i Paesi in via di sviluppo ricchi di terra come il Brasile, l India e la Cina. Ma prezzi mondiali inferiori beneficerebbero i Paesi in via di sviluppo poveri di terra importatori di beni agricoli. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 7 di 118 Introduzione Il primo obiettivo di questo capitolo è spiegare le politiche di sussidio all agricoltura. La ragione principale dei sussidi alle esportazioni agricole è di natura politica. Tuttavia, il fatto che questi sussidi siano costosi per i governi che li introducono e per i Paesi in via di sviluppo ricchi di terra, hanno portato a pressioni nel round di negoziazione dell OMC di Doha per la loro rimozione. Descriveremo gli accordi provvisori di riduzione dei sussidi agricoli presi durante gli incontri del 2005 a Hong Kong, nel corso del round di Doha. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 8 di 118 Introduzione Il secondo obiettivo del capitolo è esaminare come i sussidi alle esportazioni possano essere utilizzati strategicamente da parte dei governi per sostenere le imprese e le industrie nazionali. Esempio: i settori ad alta tecnologia I legislatori spesso ritengono che i sussidi ai settori ad alta tecnologie possano incrementare i profitti e dare beneficio ai Paesi esportatori. Usando gli strumenti che abbiamo sviluppato fino ad ora, esaminiamo gli effetti dei sussidi alle esportazioni sui prezzi, sulla quantità di commercio e sul benessere. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 9 di 118

4 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Nella tabella 10.1 sono analizzati gli accordi raggiunti nell incontro dell OMC di Hong Kong. Questi accordi non sono stati ancora ratificati dagli organi legislativi dei Paesi interessati perciò sono obiettivi piuttosto che risultati acquisiti. I sussidi alle esportazioni agricole Un sussidio alle esportazioni è un pagamento effettuato ad un impresa per ogni unità esportata. Ammontare fisso o frazione del prezzo di vendita. Il governo concede sussidi per incoraggiare la produzione delle imprese nazionali in particolari settori. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 10 di 118 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Tabella 10.1 Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 11 di 118 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Tabella 10.1 (segue). Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 12 di 118

5 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole I sussidi alle esportazioni agricole I paesi membri dell OMC si sono accordati per abolire tutti i sussidi alle esportazioni entro la fine del L Europa mantiene un sistema di sussidi agricoli noto come Politica Agricola Comune (PAC) I sussidi alla canna da zucchero rendono l Europa uno dei principali esportatori di zucchero, anche se altri Paesi hanno un vantaggio comparato naturale rispetto all Europa. Altri Paesi mantengono sussidi agricoli altrettanto generosi. Gli Stati Uniti pagano i produttori di cotone per coltivare una quantità maggiore di cotone e sussidiano anche il settore agroalimentare e il manifatturiero perché acquistino cotone americano. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 13 di 118 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole I sussidi alle esportazioni agricole A Ginevra, nel luglio 2004, i Paesi membri raggiunsero un accordo di principio per ridurre i sussidi alle esportazioni agricole, ma i progressi sono molto lenti. Circa nello stesso periodo, alcuni esportatori agricoli, guidati dal Brasile, presentarono dei reclami all OMC contro i sussidi allo zucchero in Europa e contro i sussidi al cotone negli USA. L OMC decise in favore del Brasile nel 2004, il quale vinse anche l appello presentato da Europa e Stati Uniti. La sentenza favorevole creò pressioni aggiuntive nelle negoziazioni di Hong Kong. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 14 di 118 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole I sussidi indiretti Nell accordo di Hong è inclusa la parallela eliminazione dei sussidi indiretti all agricoltura, tra i quali gli aiuti alimentari concessi dai Paesi avanzati ai Paesi poveri. L Europa ha già eliminato i sussidi alimentari diretti e sostiene che gli aiuti in denaro ai Paesi poveri siano molti più efficaci. Gli Stati Uniti continuano ad esportare beni agricoli in forma di aiuti alimentari. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 15 di 118

6 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Il sostegno interno agli agricoltori Qualsiasi forma di assistenza agli agricoltori, anche se non direttamente legata all esportazione. Questi programmi possono comunque avere un effetto indiretto sulle esportazioni riducendo i costi di produzione e quindi aumentando la competitività dei prodotti domestici. I sussidi al cotone I sussidi all esportazione di cotone hanno ricevuto particolare attenzione perché questo prodotto è esportato da molti Paesi africani a basso reddito ed è un prodotto fortemente sussidiato negli Stati Uniti. Sebbene gli Stati Uniti abbiano acconsentito alla loro eliminazione, tale impegno lascia comunque aperta la questione delle altre forme di sostegno interno agli agricoltori non direttamente legate alle esportazioni. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 16 di 118 Il Brasile vince la causa su due questioni commerciali RASSEGNA STAMPA L OMC ha deciso che i sussidi dell UE allo zucchero e quelli degli USA al cotone sono illegali e violano le regole dell Organizzazione. È una grande vittoria per il Brasile nella lotta contro gli aiuti agricoli nei Paesi sviluppati. Queste dispute rientrano negli sforzi dei Paesi in via di sviluppo esportatori di beni agricoli di influenzare i governi dei Paesi ricchi a ridurre la spesa a favore degli agricoltori. Sia gli USA che l UE hanno intenzione di ricorrere in appello. Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 17 di 118 Il Brasile vince la causa su due questioni commerciali RASSEGNA STAMPA Se la decisione venisse confermata in appello, obbligherebbe gli Stati Uniti a cambiare la legislazione sugli aiuti agli agricoltori. Ciò potrebbe indurre altri Paesi a seguire l esempio del Brasile e a presentare ricorsi all OMC. Se la decisione venisse implementata dagli Stati Uniti, i coltivatori di cotone sarebbero danneggiati e potrebbero dedicarsi alla coltivazione di altri prodotti. Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 18 di 118

7 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Altri problemi emersi dall incontro dell OMC di Hong Kong Un altra questione affrontata è l uso dei dazi in risposta ai sussidi di un altro Paese. Come sappiamo, i dazi riducono i prezzi mondiali, proprio come i sussidi, perciò è auspicabile la rimozione di entrambi. I sussidi inoltre sono collegati ad altre questioni nell agenda dell OMC, per esempio alle politiche protezionistiche nel settore dei servizi. Tutto ciò fa parte della natura di concessione reciproca delle negoziazioni dell OMC. I Paesi più ricchi acconsentono a ridurre i propri sussidi alle esportazioni in cambio dell accesso ai mercati dei servizi nei Paesi più poveri. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 19 di 118 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole I dazi compensativi nel settore agricolo Ogni volta che si impiegano sussidi alle esportazioni, i Paesi esportatori si aspettano l imposizione di dazi compensativi. I Paesi in via di sviluppo esportatori di prodotti agricoli hanno chiesto una radicale riduzione di questi dazi, ma non hanno avuto successo ad Hong Kong. Questioni relative al commercio di beni industriali e di servizi Sebbene si sia raggiunto un accordo per ottenere ulteriori tagli ai dazi sui beni industriali, deve ancora essere decisa l esatta natura di tale formula. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 20 di 118 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Questioni relative al commercio di beni industriali e di servizi È stato raggiunto anche un accordo per discutere dell apertura al commercio nei settori dei servizi, che beneficerebbe i Paesi industrializzati. I Paesi in via di sviluppo si aspettano di fare una qualche offerta per aprire i propri mercati al commercio di servizi. Tuttavia, probabilmente si aspetteranno in cambio che i Paesi ricchi accettino in questi settori più lavoratori temporanei immigrati. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 21 di 118

8 Gli obiettivi dell OMC sui sussidi alle esportazioni agricole Questioni relative al commercio di beni industriali e di servizi Infine, c è stato un accordo per permettere un accesso esente da dazi e da altri oneri nei mercati dei membri dell OMC al 97% dei prodotti importati dai 50 Paesi meno sviluppati del mondo. Gli Stati Uniti lo fanno già per l 83% dei prodotti. Restano tuttavia escluse le importazioni di prodotti tessili provenienti dai Paesi meno sviluppati verso gli Stati Uniti Gli USA vogliono proteggere i produttori tessili nazionali. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 22 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Ora vogliamo analizzare gli effetti dei sussidi alle esportazioni in un Paese. Iniziamo con un Paese H piccolo. Fronteggia un prezzo mondiale dato per le sue esportazioni. Il Paese esporta zucchero Nella figura 10.1 si mostra l equilibrio di autarchia nel punto A. Al prezzo mondiale P W, la quantità offerta da H è S 1, la quantità domandata è D 1, e le esportazioni sono X 1 =S 1 - D 1. La quantità di esportazioni è indicata dal punto B del riquadro (b) al prezzo di libero scambio P W dove la curva di esportazioni è X. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 23 di 118 Prezzo di H I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Figura 10.1 (senza sussidio) D L equilibrio di libero scambio al prezzo mondiale P W è caratterizzato da esportazioni pari a X 1 e da una curva di domanda di importazioni di F orizzontale. L equilibrio è in B. Prezzo mondiale Offerta di X S esportazioni di H P W B A Domanda di importazioni di F D 1 X S 1 Quantità X 1 1 Esportazioni Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 24 di 118

9 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto di un sussidio alle esportazioni Supponiamo che il governo desideri incrementare le esportazioni nazionali di zucchero. Per ogni tonnellata di zucchero esportata si riceve un sussidio s. Gli esportatori riceveranno P W +s per ogni tonnellata esportata. Possono esportare qualsiasi quantità al prezzo sussidiato e le imprese di H non accetteranno un prezzo inferiore a P W +s. Se il prezzo interno fosse inferiore a P W +s, le imprese esporterebbero soltanto. Quindi, il prezzo interno deve aumentare a P W +s. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 25 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto di un sussidio alle esportazioni I consumatori di H potrebbero semplicemente importare zucchero al prezzo mondiale, P W. Quindi, H imporrà un dazio pari o superiore al sussidio alle esportazioni. Tipicamente è questo che accade e quindi è realistico assumerlo. L effetto combinato del sussidio e del dazio è l aumento del prezzo in H. Il prezzo è P W +s, l offerta di H aumenta a S 2, la domanda di H si riduce a D 2, le esportazioni di H aumentano a X 2 =S 2 -D 2. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 26 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto di un sussidio alle esportazioni La variazione della quantità esportata può essere interpretata in due modi, illustrati dai punti C e C nel riquadro (b). Se misuriamo il prezzo di H P W sull asse verticale, C è sulla curva di offerta di esportazioni di H iniziale, e mostra un movimento lungo la curva. Dato l aumento del prezzo di H, la quantità esportata aumenta da B a C. Se sull asse verticale poniamo il prezzo mondiale, che è fisso nel nostro Paese piccolo, l aumento delle esportazioni dovuto al sussidio può essere interpretato come uno spostamento della curva di offerta di esportazioni di H, punto C. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 27 di 118

10 Prezzo di H P W +s s P W I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Figura 10.1 (con sussidio) D La curva di offerta di esportazioni di H si sposta verso il basso di La un domanda si riduce a D Con ammontare il sussidio, esattamente il prezzo 2, l offerta aumenta a S di pari H aumenta al sussidio. a PIl W +s MC 2, e di le produzione esportazioni si aumentano riduce esattamente a X 2. L equilibrio di s. è nel punto C Prezzo mondiale S s B C C' X X s A D 2 D 1 X S 1 S Quantità 1 2 X 1 X 2 Esportazioni X 2 Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 28 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto di un sussidio alle esportazioni I sussidi alle esportazioni provocano un aumento sia del prezzo sia della quantità delle esportazioni. Spostamento lungo la curva di offerta di esportazioni nazionale. Dal punto di vista del resto del mondo, il sussidio alle esportazioni provoca un aumento dell offerta di esportazioni. Dato il prezzo mondiale, la curva di offerta di esportazioni si sposta verso il basso dell ammontare del sussidio, s. Come nel caso del dazio, il sussidio crea un differenziale tra il prezzo che gli esportatori nazionali ricevono (P W +s) e quello che gli importatori esteri pagano (P W ). Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 29 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto del sussidio sul benessere di H. L aumento del prezzo riduce il surplus del consumatore di (a+b). L aumento del prezzo fa aumentare il surplus del produttore di (a+b+c). I costi del sussidio per il governo sono pari all ammontare del sussidio, s, per la quantità di esportazioni, X 2, e sono pari all area (b+c+d). Sommando, si ottiene un effetto netto sul benessere di H pari a (b+d). Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 30 di 118

11 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo Impatto del sussidio sul benessere di H La perdita secca causata dal sussidio in un Paese piccolo è simile a quella provocata da un dazio. Le aree b e d hanno un significato preciso. Il triangolo d è pari all aumento dei costi marginali per le unità aggiuntive prodotte per effetto del sussidio. Questa è la perdita (di efficienza) nella produzione per l economia. Il triangolo b è la riduzione di surplus del consumatore per coloro che non possono più consumare. Questa è la perdita (di efficienza) nel consumo per l economia. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 32 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Supponiamo ora che H sia un Paese sufficientemente grande perché il suo sussidio influenzi il prezzo mondiale dello zucchero. La figura 10.2 mostra gli effetti del sussidio. La curva di domanda di esportazioni di F, M*, è inclinata negativamente perché variazioni della quantità esportata influenzano il prezzo mondiale. Come prima, in libero scambio, il prezzo in H e il prezzo mondiale sono pari a P W e H esporta X 1 =D 1 -S 1. Il mercato mondiale delle esportazioni è in equilibrio quando la curva di offerta di esportazioni, X, e la curva di domanda di importazioni M* si intersecano. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 33 di 118

12 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Effetto di un sussidio H introduce un sussidio, s La curva di offerta di esportazioni di H si sposta verso l alto dell ammontare del sussidio, X-s. La nuova intersezione con la curva di domanda di importazioni di F produce un nuovo equilibrio al prezzo P* e alla quantità X 2. Il prezzo è minore e le esportazioni sono maggiori. Si noti che il nuovo prezzo mondiale, P*, è minore di P W mentre il nuovo prezzo di H è P W +s. Poiché i consumatori di F pagano un prezzo minore per le esportazioni di H, la ragione di scambio di H si riduce e migliora la ragione di scambio per F. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 34 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Effetto di un sussidio Poiché la ragione di scambio di H si riduce, H subisce ulteriori perdite. I consumatori di F guadagnano. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 35 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Figura 10.2 (con sussidio) Prezzo di H D Partiamo dall equilibrio di libero scambio La H domanda introduce di un H sussidio diminuisce e la e curva l offerta di offerta di H aumenta di esportazioni portando si a esportazioni sposta verso pari destro a X 2 dell ammontare del sussidio, s. Il nuovo prezzo mondiale nel nuovo equilibrio è P*. Il nuovo prezzo in H è P*+s (a) Mercato di H (b) Mercato mondiale X 2 S Prezzo mondiale Offerta di esportazioni di H, X s P*+s P W X 1 s X s P* Domanda di importazioni di F, M* D 2 D 1 S 1 S 2 Quantità X 1 X 2 Esportazioni Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 36 di 118

13 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Il benessere di H Possiamo vedere gli effetti di benessere del sussidio nella figura Il maggior prezzo di H riduce il surplus del consumatore di (a+b). Inoltre, il maggior prezzo fa aumentare il surplus del produttore di (a+b+c). Dobbiamo anche considerare il costo del sussidio, cioè l ammontare del sussidio per le esportazioni dopo il sussidio, ovvero l area (b+c+d+e). Otteniamo una perdita netta di benessere pari a (b+d+e). Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 37 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Il benessere di H In un Paese piccolo, la perdita netta associata al sussidio è solo (b+d). In un Paese grande, c è una perdita secca aggiuntiva, (e), derivante dal peggioramento della ragione di scambio di H: e = e + f nel riquadro b. Dalla prospettiva di H, il peggioramento della ragione di scambio è solo (e), ma quando consideriamo il benessere di F è utile dividere (e) in due parti: e e f. A causa della riduzione del prezzo mondiale del bene esportato, un Paese grande subisce una perdita maggiore per effetto del sussidio rispetto a un Paese piccolo. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 39 di 118

14 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Il benessere di F e del mondo Mentre H subisce perdite con certezza, F con certezza guadagna. La figura 10.2 riquadro (b) mostra gli effetti di benessere del sussidio. Il prezzo delle importazioni di F si riduce portando ad un aumento del surplus del consumatore pari a (e ). La riduzione del prezzo delle importazioni di F genera anche un miglioramento della ragione di scambio di F. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 40 di 118 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Il benessere di F e del mondo Combinando la perdita di benessere di H (b+d+e) e il miglioramento della ragione di scambio di F (e ), il mondo ha una perdita secca complessiva (b+d+f) mostrata nel riquadro (b). L area (f) è una perdita di benessere mondiale ulteriore dovuta al sussidio. Deriva dal peggioramento della ragione di scambio di H non completamente compensato dal miglioramento della ragione di scambio di F. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 41 di 118

15 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande Il benessere di F e del mondo Questo trasferimento della ragione di scambio è la motivazione spesso usata dai Paesi per far apparire i sussidi come un aiuto per i Paesi poveri. Tuttavia la perdita netta f implica che il sussidio alle esportazioni per aumentare le esportazioni stesse è un modo inefficiente per trasferire i guadagni dal commercio tra Paesi. Sarebbe più efficiente concedere aiuti in denaro ai Paesi più poveri. Il denaro non modifica il livelli di commercio perciò non si genera la perdita netta (b+d+f). Questo è il motivo per cui alcuni anni fa i Paesi europei hanno eliminato i trasferimenti di cibo come forma di aiuto. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 43 di 118

16

17

18 I sussidi alla produzione agricola Gli accordi raggiunti a Hong Kong distinguono tra sussidi alle esportazioni agricole e tutte le altre forme di sostegno interno che incrementano la produzione. Agevolazioni fiscali e altri tipi di sussidi. La ragione è che ci si aspetta che altre forme abbiano un impatto minore sulle esportazioni rispetto ai sussidi diretti. In questa sezione, quindi, esaminiamo l impatto di un sussidio alla produzione nell agricoltura per un Paese piccolo e per un Paese grande. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 53 di 118 I sussidi alla produzione agricola Un sussidio alla produzione si realizza quando un governo offre un sussidio di s dollari per ogni unità (per esempio tonnellata di zucchero) che l impresa di H produce. È un sussidio per ogni unità prodotta e non solo per le unità esportate. Il sussidio può essere implementato dal governo: Garantendo un prezzo minimo all agricoltore. Fornendo sussidi per l acquisto a chi utilizza quel bene facendone aumentare la domanda e il prezzo. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 54 di 118

19 I sussidi alla produzione agricola Queste politiche ricadono sotto l Articolo XVI del GATT. L articolo afferma che i Paesi partner dovrebbero ricevere notifica della dimensione di tali sussidi e quando possibile questi sussidi dovrebbero essere limitati. Ad Hong Kong, i membri dell OMC si sono accordati per classificare i Paesi secondo l importanza di tali sussidi. La tabella 10.1, descritta in precedenza, mostra il livello di sussidi alla produzione per diversi Paesi. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 55 di 118 I sussidi alla produzione agricola Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese piccolo Consideriamo un Paese piccolo e un prezzo mondiale fisso pari a P W. Un sussidio s fa aumentare il prezzo fronteggiato dai produttori di H a P W +s. La quantità offerta da H aumenta da S 1 a S 2. La quantità domandata in H non varia perché i produttori chiedono ancora un prezzo pari a quello mondiale in H. Succede questo perché i produttori di H ricevono il sussidio indipendentemente dal consumatore a cui vendono. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 56 di 118 I sussidi alla produzione agricola Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese piccolo L effetto è diverso rispetto al sussidio alle esportazioni: in tal caso le imprese di H ricevono il sussidio solo per le unità esportate e vendono internamente al prezzo di esportazione, maggiore di quello mondiale. Nella figura 10.4 si mostrano questi effetti. Il sussidio alla produzione fa aumentare le esportazioni a X 2 = S 2 D 1. L aumento delle esportazioni generato dal sussidio alla produzione è minore di quello causato da un sussidio alle esportazioni. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 57 di 118

20 I sussidi alla produzione agricola Figura 10.4 (con sussidio alla produzione) Prezzo di H s P W +s P W D Vediamo Il sussidio nel fa aumentare riquadro (b) il che prezzo la curva percepito di offerta dai produttori, di i esportazioni quali aumentano di H l offerta aumenta a e S-s le esportazioni e producono aumentano S 2. La da quantità X 1 a Xdomandata 2. L aumento da delle H non esportazioni varia. è inferiore rispetto al caso di sussidio alle esportazioni perché la domanda di H non varia. (a) Mercato di H S Prezzo mondiale S-s (b) Mercato mondiale B C' C X X D 1 S 1 S 2 Quantità X 1 X 2 Esportazioni Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 58 di 118 I sussidi alla produzione agricola Il benessere di H Il surplus del produttore aumenta di (a+b) nel riquadro (a). Il costo del sussidio per il governo è di (a+b+c), l ammontare del sussidio s per la produzione totale. Il surplus del consumatore non cambia perché non si modifica la quantità domandata. L effetto sul benessere di H è ( c). La perdita secca causata dal sussidio alla produzione, (c), è minore di quella generata dal sussidio alle esportazioni, (b+d). Si ha una perdita secca dovuta esclusivamente all inefficienza nella produzione: i produttori operano a un costo marginale maggiore. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 59 di 118

21 I sussidi alla produzione agricola Il principio del targeting Dato che la perdita secca generata dal sussidio alla produzione è inferiore rispetto a quella causata dal sussidio alle esportazioni, questo sussidio rappresenta la politica migliore per incrementare l offerta di H. È un esempio del principio del targeting. Per ottenere un obiettivo, è meglio usare lo strumento di politica economica che lo ottiene nel modo più diretto. Ci sono molti esempi del principio del targeting in economia: Imposte su sigarette e carburanti. Per usare un esempio di questo libro, è meglio fornire assistenza diretta per adeguarsi al commercio internazionale a chi ne è negativamente influenzato anziché introdurre un dazio o un contingentamento. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 61 di 118 I sussidi alla produzione agricola Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese grande Non analizziamo in dettaglio questo caso, ma usiamo la figura 10.4 per una breve spiegazione. Il prezzo aumenta da P W a P W +s, e la produzione di H aumenta a S 2. Poiché la domanda non varia, le esportazioni aumentano della stessa quantità dell offerta di H. Rappresentiamo ciò come uno spostamento verso l esterno della curva di offerta di esportazioni da X a X nel riquadro (b). L aumento delle esportazioni da B a C è minore di quello che si sarebbe verificato con un sussidio alle esportazioni, da B a C. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 62 di 118 I sussidi alla produzione agricola Sussidio alla produzione per un Paese grande L aumento Il Vediamo sussidio tale alla delle aumento produzione esportazioni come fa (da aumentare uno B spostamento a C ) è il prezzo inferiore della a rispetto Pcurva W +s e di al la offerta caso produzione di di sussidio a alle esportazioni S 2. Di esportazioni conseguenza, da X (da a X B le a. esportazioni L equilibrio C). si aumentano sposta da di B a S 2 C. -S 1 (a) Mercato di H (b) Mercato mondiale Prezzo di H Prezzo mondiale D S S-s X X C P W +s s P W B C' ΔX D 1 S 1 S 2 Quantità X 1 X 2 Esportazioni Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 63 di 118

22 I sussidi alla produzione agricola Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese grande Nel caso di sussidio alle esportazioni, si aveva un aumento delle esportazioni per effetto sia dell aumento dell offerta sia della diminuzione della domanda. La curva di offerta di esportazioni si sposta verso il basso di un ammontare pari al sussidio, s (come nella figura 10.1). Con un sussidio alla produzione, le esportazioni aumentano solo a causa dell aumento della produzione di H. La curva di offerta di esportazioni in questo caso si sposta verso il basso di un ammontare inferiore a s (come nella figura 10.4). Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 64 di 118 I sussidi alla produzione agricola Effetto di un sussidio alla produzione in un Paese grande Se disegnassimo una curva di domanda di importazioni di F inclinata negativamente nel riquadro (b), l aumento di offerta causato dal sussidio alla produzione ridurrebbe il prezzo mondiale. La riduzione del prezzo, tuttavia, sarebbe inferiore a quella che si verificherebbe nel caso di sussidio alle esportazioni poiché le esportazioni aumentano di meno. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 65 di 118 I sussidi alla produzione agricola I sussidi alla produzione agricola riducono i prezzi mondiali, ma meno di quanto dei sussidi alle esportazioni. Quindi, l OMC si preoccupa meno dell eliminazione dei sussidi alla produzione e di altre forme di sostegno interno all agricoltura. Queste politiche alternative hanno un impatto inferiore sui prezzi mondiali e una perdita secca minore rispetto ai sussidi alle esportazioni. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 66 di 118

23 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Passiamo ora dall agricoltura ai prodotti ad alta tecnologia. Anche il settore ad alta tecnologia riceve consistenti sussidi dal governo. Un esempio è il settore aeronautico sia negli USA sia in Europa. Negli Stati Uniti, i sussidi prendono la forma di prestiti a basso tasso di interesse erogati dalla Export-Import Bank. La Export-Import Bank è un agenzia governativa statunitense che finanzia i progetti relativi alle esportazioni. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 67 di 118 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia In Europa i governi concedono direttamente supporto alla R&S e altri sussidi alla Airbus La Airbus produce parti e assembla i suoi prodotti finali in alcuni Paesi europei. Il Giappone e la Corea del Sud concedono sussidi diretti alle imprese manifatturiere dell alta tecnologia e perseguono determinati obiettivi di esportazione. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 68 di 118 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Una delle ragioni per cui i governi offrono sostegno ai settori ad alta tecnologia è la possibilità di esternalità positive in altre aree dell economia (spillover). I governi ritengono che esista un esternalità positiva per la produzione di beni ad alta tecnologia, perciò sussidiandoli se ne aumenta la produzione e aumenta l esternalità. È un argomentazione simile a quella dell industria nascente per i dazi, ma si applica alle esportazioni anziché alle importazioni. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 69 di 118

24 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia I governi sostengono che i sussidi concedano un vantaggio strategico alle imprese esportatrici che competono sui mercati internazionali. Se i sussidi ai prodotti ad alta tecnologia permettono alle imprese di competere in modo più efficace e di ottenere più profitti sul mercato internazionale e se gli extra-profitti sono maggiori del sussidio, allora il Paese esportatore ottiene complessivamente un guadagno. È simile al beneficio che un Paese grande può ottenere con un dazio. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 70 di 118 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Ipotizziamo che i mercati siano in concorrenza imperfetta. Ci sono 2 imprese nel mercato: duopolio. Ogni impresa può stabilire il prezzo e la quantità prodotta sulla base delle decisioni di prezzo e quantità dell altra impresa. Esaminiamo quindi gli effetti dei sussidi alle esportazioni strategici per determinare se i profitti dell impresa esportatrice aumentano a sufficienza per coprire il costo del sussidio sostenuto dal governo. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 71 di 118 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Per rappresentare la decisione strategica delle due imprese, usiamo la teoria dei giochi. Modello delle interazioni strategiche (giochi) tra imprese che scelgono le azioni che massimizzano il loro rendimento. L obiettivo è rappresentare le interazioni strategiche delle imprese ad alta tecnologia in H e in F e quindi vedere l impatto dei sussidi alle esportazioni sulle rispettive decisioni e sui payoff. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 72 di 118

25 I sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Partiamo con il libero scambio. Due imprese competono per la vendita di un nuovo tipo di aeroplano. Ci concentriamo sulla decisione di ogni impresa di sviluppare il nuovo velivolo che compete con quello prodotto dall altra impresa in tutto il mondo. Ignoriamo le vendite nel Paese di origine dell impresa per non dover considerare il surplus del consumatore. Il benessere dipende solamente dai profitti ottenuti dalla Boeing o dalla Airbus dalla vendita nel resto del mondo. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 73 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia La matrice dei payoff La figura 10.5 mostra una matrice dei payoff per Boeing e Airbus. Ogni produttore deve decidere se produrre oppure no un nuovo velivolo. Ogni cella della matrice riporta i profitti ottenuti dalla Boeing nell angolo in basso a sinistra. I profitti della Airbus sono nell angolo in alto a destra. Quando entrambe le imprese producono (cella in alto a sinistra), i prezzi si riducono per effetto della concorrenza ed entrambe le imprese ottengono profitti negativi pari a 5 milioni di dollari. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 74 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Nella cella in alto a destra Airbus non produce: profitti $0. Boeing produce: profitti $100 milioni. Nella cella in basso a sinistra Airbus produce: profitti $100 milioni. Boeing non produce: profitti $0. Nella cella in basso a destra Le imprese non producono. I profitti sono nulli per entrambe. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 75 di 118

26 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Figure 10.5 Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 76 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L equilibrio di Nash Vogliamo determinare l esito di questo gioco tra le due imprese. Usiamo il concetto di equilibrio di Nash. Ogni impresa deve assumere la sua decisione migliore, prendendo per data ogni possibile azione intrapresa dall impresa rivale. Quindi, l azione di ciascun giocatore è la miglior risposta possibile all azione dell altro giocatore. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 77 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia La strategia ottima della Boeing Quali sono le possibili strategie della Boeing se la Airbus sceglie di produrre? Consideriamo solo la colonna in cui la Airbus produce e vediamo qual è la scelta migliore della Boeing. In questo caso, la Boeing sta chiaramente meglio se non produce. In questo modo ottiene un profitto di 0$, anziché un profitto di -$5 milioni. Quindi la situazione in cui ENTRAMBE le imprese NON producono NON è un equilibrio di Nash. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 78 di 118

27 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia La strategia ottima della Airbus Cosa accade se la Boeing non produce? Qual è la strategia ottima della Airbus? Consideriamo solo la riga in basso della matrice, nella quale la Boeing non produce. In questo caso, è chiaro che la Airbus sta meglio se produce, ottenendo un profitto di $100 milioni, anziché un profitto nullo ($0). Quindi, si ha un equilibrio di Nash quando la Airbus produce e la Boeing no. Ogni impresa sta assumendo la sua decisione migliore data la scelta dell altra impresa. La cella in basso a sinistra è un equilibrio di Nash. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 79 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Equilibri multipli È possibile avere più di un equilibrio di Nash? Cosa accade se la Boeing decide di produrre? Consideriamo la riga in alto e vediamo che la migliore strategia per la Airbus è non produrre. Se la Airbus non produce, considerando l ultima colonna della matrice, la strategia ottima della Boeing è produrre. Quindi, anche la cella in alto a destra, nella quale la Boeing produce e la Airbus non produce, è un equilibrio di Nash. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 80 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Equilibri multipli Quando ci sono due equilibri di Nash, ci deve essere una qualche forza che determini in quale dei due ci troviamo. Una possibile forza esterna è il vantaggio della prima mossa. Un impresa è in grado di decidere se produrre oppure no prima dell altra. Supponiamo di partire dall equilibrio nella cella in alto a destra. Poiché la Airbus non produce e ottiene profitti pari a $0, il governo in Europa potrebbe voler tentare di modificare l equilibrio in modo che la Airbus guadagni profitti positivi. Il governo potrebbe desiderare che la Airbus produca. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 81 di 118

28 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Equilibri multipli Il governo europeo potrebbe decidere di concedere dei sussidi alla Airbus per modificare l equilibrio. Che cosa succede alla matrice dei payoff in questo caso? Il tipo di sussidio che consideriamo è un pagamento in denaro alla Airbus. In pratica i sussidi possono essere concessi in molte forme. Presentiamo un esempio di sussidio nel prossimo riquadro Rassegna stampa. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 82 di 118 La Airbus, la Cina e il Quid Pro Quo RASSEGNA STAMPA La Airbus ha negoziato la costruzione di una linea di assemblaggio per un nuovo velivolo passeggeri in Cina. L accordo avrebbe un effetto significativo sulle sue operazioni in Cina. La produzione di aeroplani europei in Cina avrebbe concesso alla Airbus un vantaggio nella battaglia con la Boeing per il secondo maggior mercato di velivoli. La Airbus ha 344 velivoli in servizio in Cina, Hong Kong e Macao, ma la Boeing domina ancora con circa 2/3 del mercato. Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 83 di 118 La Airbus, la Cina e il Quid Pro Quo RASSEGNA STAMPA La mossa della Airbus mostra fino a dove i suoi piani di espansione nel mercato cinese sono arrivati, nonostante sia attiva in quel Paese dal 1985 senza successo. La Boeing non ha in programma la costruzione di una linea produttiva in Cina, ma ha comunque ottenuto ordinativi per la fornitura di molti 737 ai vettori cinesi. La Airbus potrebbe essere di grande aiuto all Europa per coltivare legami commerciali con la Cina. I leader cinesi e francesi hanno effettuato visite reciproche per la firma di accordi relativi agli aerei. Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 84 di 118

29 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Effetto di un sussidio alla Airbus Supponiamo che i governi europei concedano un sussidio di 25 milioni di dollari alla Airbus perché essa produca. I profitti della Airbus aumentano di 25 milioni di dollari in caso di produzione. La figura 10.6 mostra la nuova matrice dei payoff. Si ricordi che in libero scambio si aveva un equilibrio di Nash quando un impresa produceva e l altra no. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 85 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia La strategia ottima della Airbus Partiamo dall equilibrio di Nash in cui la Boeing produce e la Airbus non produce. Dopo il sussidio, questo non è più un equilibrio di Nash. Se la Boeing produce, ora la Airbus sta meglio se anch essa produce grazie al sussidio di 25 milioni di dollari. Con il sussidio ottiene profitti pari a 20 milioni anche quando la Boeing produce ($25 sussidio - $5 perdite). Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 86 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Figura 10.6 Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 87 di 118

30 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia La strategia ottima della Boeing Se la Airbus produce, la Boeing sta ancora facendo la scelta migliore? Quando la Airbus produce, la Boeing perde 5 milioni di dollari se produce, ma non ha perdite se non produce. Per la Boeing sarà quindi meglio uscire dal mercato e non produrre. Se la Boeing decide di non produrre, la decisione della Airbus non cambia. Tuttavia, il payoff della Airbus aumenta da 20 milioni di dollari a 125 milioni di dollari. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 88 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia L equilibrio di Nash È facile controllare che questo risultato, la cella in basso a sinistra, è un equilibrio di Nash. Ogni impresa sta assumendo la decisione ottima data l azione dell altra. Inoltre è l unico equilibrio di Nash in questo gioco. L effetto del sussidio del governo è stato quello di modificare l equilibrio dalla situazione in cui la Boeing era l unico produttore ad una in cui la Airbus è l unico produttore. Ora questo è l unico equilibrio possibile. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 89 di 118 L uso strategico dei sussidi alle esportazioni di prodotti ad alta tecnologia Il benessere dell Europa Il sussidio ha un impatto decisivo sull equilibrio del gioco. Ma l Europa sta meglio? Possiamo sommare il benessere delle diverse parti coinvolte. Poiché l Europa produce per il resto del mondo, non c è surplus del consumatore in Europa. I profitti della Airbus sono aumentati da 0 a 125 milioni di dollari. Il costo del sussidio è di 25 milioni di dollari. Il guadagno netto di benessere europeo è di milioni di dollari. L aumento dei profitti è maggiore del costo del sussidio. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 90 di 118

31 Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo Cosa succede quando i costi sono diversi tra imprese? Consideriamo un altro caso nel quale la Boeing ha un vantaggio di costo sulla Airbus. Supponiamo che il vantaggio non derivi da un sussidio, ma dal vantaggio comparato degli Stati Uniti nella produzione di aeroplani. Costruiamo una nuova matrice dei payoff nella figura La Boeing ottiene profitti pari a 5 milioni di dollari quando entrambe le imprese producono e di 125 milioni di dollari quando la Airbus non produce. L unico equilibrio di Nash, la cella in alto a destra, si ha quando la Boeing produce e la Airbus no. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 91 di 118 Figura 10.7 Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 92 di 118 Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo Vantaggio di costo e sussidio Supponiamo ora che il governo europeo conceda il sussidio di 25 milioni di dollari alla Airbus, ma che la Boeing abbia un vantaggio di costo. La strategia ottima della Airbus Con il sussidio e la Boeing che sceglie di produrre, la decisione ottima della Airbus è produrre, ottenendo profitti pari a 20 milioni di dollari. La strategia ottima della Boeing Dato che la Airbus produce, la Boeing ottiene profitti pari a 5 milioni se produce e a 0 se non produce. Quindi, la Boeing rimane nel mercato. Il nuovo equilibrio di Nash è caratterizzato da entrambe le imprese che producono. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 93 di 118

32 Figura 10.8 Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 94 di 118 Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo Di nuovo sul benessere dell Europa Quando la Boeing ha un vantaggio di costo, il sussidio europeo permette alla Airbus di entrare nel mercato. Tuttavia, questo non provoca l uscita della Boeing come avveniva nel caso senza vantaggio di costo. I profitti della Airbus sono aumentati da 0 a 20 milioni di dollari. I costi del sussidio per l Europa sono ancora di 25 milioni di dollari. Il guadagno netto di benessere dell Europa ora è di -5 milioni di dollari. Quando la Boeing ha un vantaggio di costo, il sussidio genera perdite nette nel benessere europeo. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 95 di 118 Il sussidio quando la Boeing ha un vantaggio di costo Sintesi In concorrenza imperfetta, un sussidio concesso da un governo alla sua impresa esportatrice ha un effetto incerto sul benessere del Paese. Si ha un aumento di benessere solo se l incremento dei profitti è maggiore del costo del sussidio. È più probabile che ciò avvenga in caso il sussidio porti all uscita dell altra impresa. Tuttavia, se entrambe le imprese rimangono nel mercato, è improbabile che l aumento dei profitti dell impresa sussidiata superi il costo del sussidio. Copyright 2008 Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 96 di 118

33

34

35

36 La Airbus nel panico perché gli investitori puniscono i ritardi RASSEGNA STAMPA A causa dei ritardi nella produzione, la casa madre della Airbus, la EADS, ha perso valore sul mercato. Di recente la Airbus ha dovuto affrontare molti problemi nella produzione dell A380. D altra parte una rinata Boeing ha ottenuto un numero di ordini notevole per il suo nuovo 787 Dreamliner. Copyright Worth Publishers International Trade Feenstra/Taylor 108 di 118

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni CAPITOLO 10 Mercati concorrenziali: applicazioni 1 1 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 2 2 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell equilibrio perfettamente

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio Traduzione 1 Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio 0.632.20 Concluso a Marrakech il 15 aprile 1994 Approvato dall Assemblea federale il 16 dicembre 1994 2 Ratificato dalla Svizzera

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli