e-portfolio Il raccoglitore digitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e-portfolio Il raccoglitore digitale"

Transcript

1 e-portfolio Il raccoglitore digitale Scuola e ICT

2 Avvertenze legali Editore educa.ch Autore Ralph Kugler, Alta scuola pedagogica San Gallo Fotografie büro z {grafik design}, Berna educa.ch CC BY-NC-ND (creativecommons.org) Maggio 2009, attualizzato novembre 2011

3 Definizione 5 Il termine 6 Definizione di portfolio 6 e-portfolio 7 Il processo del portfolio 8 Le funzioni di un portfolio 9 Cinque concetti di base 9 Cosa offre un e-portfolio? 12 Il valore aggiunto di un e-portfolio 14 Mettere in pratica le competenze informatiche 14 Meta-riflessione 15 Link verso le fasi della propria formazione 15 Dialogo tra discenti 16 Promozione dell apprendimento cooperativo 16 Presentazione multimediale 17 Utilizzo a lungo termine dei contenuti 17 «tipografia attiva» 18 Apprendimento autoregolato 18 Gestione efficiente grazie ai Feed RSS Feed 19 Obiettivi di un e-portfolio 21 I più importanti obiettivi pedagogici 21 I più importanti obiettivi tecnici 22 Obiettivi tecnici specifici di una piattaforma di e-portfolio 22 Facilità d uso/usabilità 22 Possibilità di personalizzare il sito Web 22 Possibilità di comunicazione 23 Controllo e accesso 23 Configurabilità, integrabilità e adattabilità 23 Soluzioni di e-portfolio alternative 24 educanet²-blog 24 PHR Portfolio di apprendimento con blog e cellulare 25 A questa guida corrisponde una pagina Internet di educa.ch, sulla quale trovate il file PDF della guida stessa per la sua consultazione online e per raccogliere ulteriori informazioni e link relativi a siti che propongono materiale pedagogico in tema. Queste informazioni e questi link vengono aggiornati regolarmente. Le date di pubblicazione o di eventuali revisioni della guida sono indicate nel PDF. Sito web

4 4 Da anni docenti americani e canadesi utilizzano l e-portfolio nel sistema educativo. Nel frattempo questo nuovo strumento si è affermato sempre più anche nel sistema educativo europeo. Sono infatti sempre più numerosi i docenti a impiegare l e-portfolio nell insegnamento. Questo però comporta una serie di quesiti: quale tipo di piattaforma scegliere per l e-portfolio? Quale modo di procedere bisogna adottare per compilare un e-portfolio e per pubblicarlo in Internet? Quali interrogativi di natura pedagogica si riscontrano? L e-portfolio fornisce un aiuto ai discenti nel loro impegno oppure serve al personale insegnante quale strumento di valutazione?

5 Definizione La varietà di termini legati ai portfolio lascia intuire che le sue possibilità di impiego sono numerose e quindi anche le definizioni sono diverse. Il gran numero di tipi diversi di port folio anche nell area di lingua italiana fa sì che sotto il termine generico di portfolio sono riuniti concetti anche molto diversi tra loro, accrescendo la confusione. Portfolio competenze Portfolio didattico Portfolio diplomi Portfolio lingue Portfolio carriera Portfolio presentazione Portfolio sviluppo Portfolio individuale Portfolio media Portfolio Portfolio processo Portfolio progetti Portfolio valutazione Portfolio lavori e-portfolio Portfolio corso Portfolio showcase Portfolio epoche Portfolio artistico Portfolio talenti Portfolio candidatura Illustrazione 1: termini legati ai portfolio 5

6 Il termine Il termine portfolio ha acquisito una popolarità sempre maggiore. Già da tempo si parla di una «mania dei portfolio» e si sottolinea la poca chiarezza su cosa si nasconda effettivamente dietro questa etichetta in ambito pedagogico. 1 Il termine portfolio è composto dalle parole latine «portare» e «folium». Originariamente, quindi, il portfolio indicava una cartella per raccogliere documenti o elaborati personali. Si è acquisito, ad esempio, l utilizzo del termine da parte degli artisti per definire la propria collezione di immagini o altre produzioni. In questo modo essi documentano i loro lavori, gli sviluppi, le tecniche o lo stile. Gli artisti e gli architetti utilizzano ancora oggi questo tipo di cartelle personali per le candidature. Definizione di portfolio Nel 1990 durante un seminario con gli specialisti di portfolio Pearl e Leon Paulson è stata elaborata una definizione di portfolio che è poi stata pubblicata nella rivista Educational Leadership con il titolo di «What makes a portfolio a portfolio?». «Un portfolio è una raccolta finalizzata di lavoro dello studente che dimostri i suoi sforzi, i progressi e il raggiungimento di obiettivi in una o più aree. La raccolta deve comprendere la partecipazione dello studente nella scelta dei contenuti, i criteri di selezione, i criteri di valutazione del merito e la prova dell autoriflessione dello studente». 2 1 Häcker, T. (2003): Portfolio als Entwicklungsinstrument 2 Paulson, F. L., Paulson, P. R., Meyer, C. A. (1991): What makes a Portfolio a Portfolio?. Educational Leadership 6

7 La definizione ha il vantaggio di permettere diversi tipi di realizzazione, senza però diventare troppo vaga. Un altra definizione, relativa all ambito didattico, è la seguente: «Un portfolio è una raccolta dinamica, mirata e sistematica di elaborati che testimonia e riflette gli sforzi, i progressi e le prestazioni dello studente in uno o più ambiti disciplinari». 3 e-portfolio La lettera «e» che precede la parola portfolio sta per «elettronic» e indica il supporto su cui è il portfolio è conservato o realizzato. L e-portfolio, dunque, è un raccoglitore digitale. L esperta statunitense Helen Barrett definisce il portfolio elettronico, in italiano chiamato anche Portfolio digitale, nel modo seguente: «Un portfolio elettronico sfrutta le tecnologie digitali, permettendo al suo creatore di raccogliere e organizzare i documenti realizzati in diversi formati (audio, video, immagini, testi). Un portfolio elettronico poggia su banche dati e impiega link ipertestuali per organizzare i materiali in modo da connettere gli artifatti agli standard e agli obiettivi appropriati». 4 3 Wiedenhorn, T.: Das Portfolio-Konzept in der Sekundar stufe, Individualisiertes Lernen organisieren. Verlag an der Ruhr 4 Barrert, H. (2000): Create Your Own Electronic Portfolio. Learning & Leading with Technology 7

8 Il processo del portfolio Secondo Hilzensauer e Hornung-Prähauser, durante il processo di creazione e cura di un e-portfolio si seguono cinque tappe (non necessariamente nella sequenza indicata) che, almeno nella fase iniziale, cominciano con la definizione degli obiettivi e del contesto. 5 Chiarimento, definizione obiettivi e contesto per il lavoro di e-portfolio Giudicare e valutare i processi di apprendimento Raccogliere, selezionare e collegare gli artefatti con gli obiettivi di apprendimento Presentare (pubblicare) gli artefatti dell e-portfolio Riflettere e controllare il processo di apprendimento Illustrazione 2: Il processo del porfolio 5 Hilzensauer, W., Hornung-Prähauser, V.: eportfolio Methode und Werkzeug für Kometenzbasiertes Lernen. Salzburg Research Forschungsgesellschaft (PDF) 8

9 Le funzioni di un portfolio La varietà dei termini legati ai portfolio suscita sempre discussioni di principio intorno alla questione sull opportunità del termine. Il suo significato è determinato in primo luogo dall impiego e dalle conseguenti funzioni a cui deve adempiere. I diversi termini di portfolio nel grafico (cfr. illustrazione 1) lasciano intuire in parte quali dovrebbero essere i suoi compiti e le sue funzioni (qualifica, cronologia, mezzo, periodo di tempo, forma d insegnamento, ecc.). Cinque concetti di base Se si tenta di definire in modo più preciso il termine portfolio, considerate le sue numerose varianti e i tanti termini correlati, evidentemente non si può fare altro che individuare alcuni concetti di base comuni ai vari tipi di portfolio, senza però limitare inutilmente gli aspetti positivi del concetto, come la sua flessibilità. 6 Di seguito sono precisati cinque concetti fondamentali: 6 Häcker, T. (2004): Portfolio Ein Entwicklungsinstrument für selbstbestimmtes Lernen. Eine explorative Studie zur Arbeit mit Portfolios in der Sekundarstufe 1. Heidelberg: Unveröffentlichte Habilitationsschrift 9

10 La rappresentazione delle competenze I portfolio contengono elaborati, pensieri e opinioni che i discenti ritengono presentabili. Le proprie capacità sono rappresentate tramite i prodotti selezionati delle proprie prestazioni. Diversamente dai controlli tramandati delle prestazioni, i discenti sono in grado di decidere autonomamente cosa presentare e possono quindi rappresentare attivamente le proprie competenze. La riflessione Attraverso la retrospettiva, i discenti riflettono sui successi, i percorsi, i problemi e gli obiettivi di apprendimento. Grazie ai regolari bilanci intermedi, è possibile eventualmente correggere il percorso successivo. Di conseguenza, si potrebbe parlare anche di (auto)valutazione formativa. Il processo di apprendimento Con la raccolta mirata, si forma una sequenza cronologica di riflessioni, elaborati o pareri. Questi permettono ai discenti e agli assistenti di esaminare e valutare insieme i prodotti e il processo di apprendimento. Il processo acquisisce un importanza maggiore rispetto al prodotto dell apprendimento e permette tra l altro la valutazione delle prestazioni per un processo di apprendimento in corso. 10

11 La valutazione delle prestazioni Come già menzionato al punto «Il processo di apprendimento», il portfolio permette di esaminare il processo di apprendimento e di includerlo nella valutazione delle prestazioni, consentendo così una valutazione più appropriata delle prestazioni. Attraverso la scelta autonoma degli elaborati presentati nel portfolio, si crea un clima che agevola l apprendimento grazie al maggiore orientamento per studenti. Il portfolio può essere inteso come strumento di valutazione alternativo o come metodo complementare, visto che viene messa in evidenza un altra competenza di base, come l autonomia. L individualizzazione Grazie all ampia partecipazione nella scelta dei contenuti, il lavoro di portfolio lascia molto spazio all individualità. In questo modo si acquisisce la capacità di controllo autonomo dell apprendimento. I discenti così hanno la possibilità di scegliere individualmente il percorso di apprendimento, di pianificare i propri processi, oltre che controllarli autonomamente e riflettere su di essi. Questo concetto, quindi, si adatta perfettamente alla nuova cultura didattica e d insegnamento dell apprendimento autonomo, delle lezioni aperte, del ritmo di apprendimento individuale e dell indipendenza del singolo discente dal tempo e in parte dal luogo. 11

12 Cosa offre un e-portfolio? La scelta tra un portfolio elettronico e uno cartaceo dipende dall uso previsto. Esistono buoni motivi anche per l impiego di un portfolio convenzionale. Nell articolo «E-Portfolio, Methode und Werkzeuge für kompetenzbasiertes Lernen» 7, sono elencate le possibilità che un portfolio cartaceo non è in grado di offrire: la presentazione delle conoscenze e delle fasi di sviluppo attraverso tutti i mezzi espressivi multimediali e dunque la possibilità di coinvolgere tutti i canali sensoriali (testi, audio, immagini, video, animazioni) il collegamento dei contenuti dell e-portfolio con gli obiettivi di apprendimento o i criteri di valutazione (tramite link ipertestuali) le ampie possibilità di memorizzazione, protezione e riproducibilità l inclusione di colloqui di feedback indipendenti dal luogo e dal tempo sugli obiettivi raggiunti o sulle fasi intermedie con assistenti istituzionali di portfolio, ma anche con compagni, amici/amiche e gli esercenti la patria podestà (tramite strumenti di comunicazione) la realizzazione autonoma dei discenti di e-portfolio con le nuove tecnologie Web, che favorisce sia l utilizzo responsabile delle informazioni e del copyright nel Web e sia l importante capacità di pubblicare contenuti multimediali sul Web (media literacy) 7 Hilzensauer, W., Hornung-Prähauser, V.: eportfolio Methode und Werkzeug für Kometenzbasiertes Lernen. Salzburg Research Forschungsgesellschaft (PDF) 12

13

14 Il valore aggiunto di un e-portfolio Con tutte le nuove conquiste portate da Internet e in generale dalla tecnologia, si può o si deve poter porre la domanda: qual è il valore aggiunto di queste innovazioni? Cosa posso fare ora che non potevo fare anche prima? La questione del rapporto tra costi e benefici non è più limitata solo alle imprese, ma si pone sempre più spesso anche negli istituti di formazione. Di seguito sono elencati i principali vantaggi di un portfolio elettronico rispetto a uno cartaceo. 8 Mettere in pratica le competenze informatiche Come già menzionato nel capitolo «Le funzioni di un e-portfolio», con la realizzazione di un portfolio elettronico è possibile esercitare le competenze informatiche. Questo apprendimento incidentale (casuale), specialmente nella scuola pubblica, non deve essere sottovalutato, poiché in molti Cantoni le competenze mediali devono essere esercitate in maniera integrativa nell ambito delle lezioni regolari. Per i/le discenti nell apprendimento continuo, inoltre, si tratta però di riconoscere il diario di apprendimento e in particolare l e-portfolio come un valido strumento di apprendimento che potrebbe accompagnarli nel loro percorso formativo futuro. 8 Kugler, R.: Mehrwert eines eportfolios, Projektarbeit im Nachdiplomkurs elearning des Instituts für Kommunikationsforschung, IKF Luzern, Schweiz 14

15 Meta-riflessione Attraverso l impiego di un e-portfolio, può essere favorito il confronto personale con i contenuti e gli obbiettivi di apprendimento a un livello che nelle lezioni superficiali incentrate sul docente è solo difficilmente raggiungibile. Il portfolio è particolarmente adatto quando si tratta di confrontarsi criticamente con le proprie esperienze e i propri atteggiamenti e di riflettere sul proprio processo di apprendimento. Semplificando, il principio didattico potrebbe essere definito come «from Teaching to Learning» ossia dall insegnamento all apprendimento. Il vantaggio di un e-portfolio rispetto a uno cartaceo è che il processo di apprendimento può essere analizzato per un lungo periodo di tempo. I processi di apprendimento possono essere documentati e analizzati per tutta la durata di uno o più anni scolastici. Questo permette una prospettiva che supera l estensione di un portfolio convenzionale. Link verso le fasi della propria formazione Inoltre, la struttura di rimandi ipermediali consente l inserimento di link al proprio sviluppo. Grazie a questa tecnica ipertestuale, che in questa forma è possibile solo con l e-portfolio, il discente può creare dei link verso se stesso. Egli può creare facilmente collegamenti a note precedenti, problemi, conoscenze, elaborati e obiettivi ed effettuare così la riflessione su l intera formazione o periodo scolastico. La disposizione dei contributi rimane in sequenza cronologica (ordine), mentre la creazione di link permette una ricerca retrospettiva non sequenziale o addirittura un metodo di lavoro non sequenziale. 15

16 Dialogo tra discenti Il collegamento tramite link, però, può anche essere sfruttato per rimandare a Internet e quindi ad altri compagni di scuola. Questo consente un dialogo tra discenti che nei portfolio cartacei non è possibile, visto che questi normalmente non sono letti o commentati dagli altri. Gli articoli hanno quindi un effetto immediato. Possono essere condotte discussioni sugli argomenti quando questi sono ancora «freschi» e attuali. Nella parte pubblica dell e-portfolio, analogamente a un blog, possono anche essere poste domande ai/alle compagni/e e agli insegnati. Le risposte ed eventualmente le soluzioni proposte sono conservate in forma digitale e possono anche essere messe a disposizione di altri. Il trasferimento delle conoscenze avviene dunque in una classe intera o semestre e l e-portfolio di ogni singolo si somma in un area di conoscenze virtuale. Promozione dell apprendimento cooperativo L e-portfolio è dunque una forma di apprendimento che consente e favorisce l apprendimento cooperativo. La comunicazione e lo scambio con gli altri su processi di apprendimento, difficoltà, esperienze, (auto)critica e proposte di miglioramento, così come su considerazioni personali, sono richieste e favorite. La discussione con gli insegnanti, gli esperti e i compagni sul processo di apprendimento e dell acquisizione delle conoscenze è un elemento centrale dell approccio costruttivista. Impegnarsi come esperto, apprendere da e con gli altri in gruppi variabili, la possibilità di poter commettere errori e fare deviazioni, osservare il proprio apprendimento sono aspetti che in questo approccio di apprendimento il discente può e anzi deve fare. 16

17 Presentazione multimediale L e-portfolio consente di presentare le proprie conoscenze e le proprie fasi di sviluppo con tutti i mezzi espressivi multimediali. La tecnologia multimediale ossia la digitalizzazione è l elemento centrale di tutte le tecnologie mediali e comunicative. «La digitalizzazione permette di elaborare qualsiasi informazione mediale in un unico sistema: si creano sistemi multimediali e nuovi media interattivi che evidenziano in modo particolare la fusione tra le tecnologie mediali, informatiche e comunicative». 9 I tipi di dati mediali come le immagini, l audio, la grafica e il video possono documentare le esecuzioni effettive e gli elaborati in un modo impossibile per i portfolio testuali. Utilizzo a lungo termine dei contenuti La messa a disposizione degli artefatti in forma digitale favorisce l utilizzo a lungo termine dei contenuti. Inoltre, i documenti digitalizzati possono essere trasportati più facilmente. Così l intero e-portfolio può essere importato in un nuovo portfolio elettronico di un altra istituzione. Questa possibilità di trasformazione è, tra l altro, un criterio importante nella scelta della piattaforma dell e-portfolio. I requisiti tecnici di una tale piattaforma dovrebbero mettere a disposizione un interfaccia che sia supportata anche da altre piattaforme. Per la candidatura alla fine del periodo scolastico o dello studio, i documenti possono essere raccolti per esempio in una cartella di candidatura, implementando singoli artefatti nel sistema successivo. 9 Kerres, M. (2001): Multimediale und telemediale Lernumgebungen 17

18 «Tipografia attiva» Le opere stampate digitalizzate nell e-portfolio non sono prodotti tipografici passivi, al contrario vanno intese come oggetti manipolabili. L interattività e la responsività orientate agli oggetti si uniscono in un concetto che Keil-Slawki 10 definiscono «tipografia attiva». «La tipografia attiva identifica quindi una qualità mediale nuova, perché al contrario dei media analogici per la prima volta nella storia della nostra cultura l oggetto della nostra percezione è allo stesso tempo anche l oggetto della manipolazione resa accessibile dalla tecnologia. Un aspetto ancora più importante, però, è che tale manipolazione può avvenire in modo diffuso e collaborativo, consentendo un interazione diretta tra autore e lettore grazie all annullamento delle discontinuità mediali necessariamente presenti nei media analogici» 11. Apprendimento autoregolato Anche le comunità di apprendimento virtuali vivono di rapporti umani. A volte, quindi, si pone la questione di come i gruppi di apprendimento possano continuare e completare la loro attività in rete. Una piattaforma di e-portfolio potrebbe raccogliere e ordinare i documenti in cartelle. Lo spazio così diventa un luogo di raccolta che offre agli insegnanti una possibilità sem- 10 Kerres, M. & Keil-Slawik, R. (Hrsg.): Hochschulen im digitalen Zeitalter: Innovationspotenziale und Strukturwandel. education quality forum Waxmann: Münster, 2005, S (PDF) 11 Berntzen, D., Gehl, M., Hempel, M.: Zukunftswerkstatt Lehrerbildung. ZfL-Verlang (S. 16) 18

19 plice di strutturare le informazioni destinate al gruppo di cui occupano. Nell ambito pubblico l e-portfolio potrebbe svolgere anche la funzione di una biblioteca, di una banca dati e, con l aggiunta degli strumenti necessari, sarebbe anche un forum e un punto d incontro. Servirebbe a riunire i discenti e potrebbe coordinare la comunicazione in un gruppo di discenti. La combinazione tra l apprendimento frontale e quello nello spazio virtuale è definito blended learning, che in italiano equivale al termine apprendimento misto. Che la combinazione di entrambe le possibilità sia più efficiente e che quindi si crei un valore aggiunto rispetto a un portfolio normale, può essere solo supposto. La disponibilità dello spazio virtuale, offerta in questo caso dall e-portfolio, oltre all apprendi mento sincrono in aula, permette ai discenti anche di sfruttare in modo asincrono uno spazio di apprendimento in una classe virtuale. La rottura dell apprendimento con ritmo uniformato tramite la possibilità dello spazio virtuale viene incontro alla caratteristica dell apprendimento autoregolato. Il processo di apprendimento attivo, organizzato individualmente è favorito dall indipendenza dal luogo e dal tempo, dal ritmo individuale di apprendimento e dalle abitudini di studio personali. Gestione efficiente grazie ai Feed RSS Feed Con la funzione di un feed RSS, l insegnante può ricevere comunicazioni generate automaticamente che lo informano di nuovi contenuti e commenti senza dovere richiamare le pagine. Questo permette la gestione efficiente di diversi e-portfolio contemporaneamente. Secondo Farmer/Barlett-Bragg, l introduzione di RSS negli e-portfolio o nei weblog è un innovazione fondamentale: «RSS has allowed for the instruction of an entirely new mode of communication and interaction 19

20 with information artefacts» 12 (RSS ha consentito un salto di qualità all istruzione grazie a un metodo di comunicazione completamente nuovo e l interazione con artefatti d informazione). Poiché l autore può decidere da sé quali informazioni devono essere trasmesse tramite il feed, il discente (autore) e il docente hanno il controllo sul processo di scambio. Questo facilita notevolmente la comunicazione. Secondo Farmer/Bartlett-Bragg, il successo dei blog nel sistema educativo sarebbe dovuto in parte al RSS. 12 Farmer, J., Barlett-Bragg, A.: High fidelity online communication 20

21 Obiettivi di un e-portfolio Nell ambito del progetto di e-portfolio canadese è stato elaborato nel 2002 un elenco, sul proprio sito Web, che contempla gli obiettivi pedagogici e tecnici di un portfolio elettronico con scopi didattici. I più importanti obiettivi pedagogici consentire all allievo la possibilità di documentare il suo percorso scolastico con l aiuto di un documento; fornire all allievo un sostegno nell elaborazione di quanto appreso; sostenere l allievo nell utilizzazione delle nuove tecnologie; consentire all allievo periodi di time out in cui egli possa analizzare quanto ha appreso e vedere i propri punti forti e quelli deboli in un ottica sociale e tecnica; assegnare all allievo le sue responsabilità per stimolare in questo modo la sua autonomia; facilitare, ad un allievo iscritto ad un programma tecnico, la ricerca di un attività lavorativa; andare incontro alle crescenti esigenze delle università circa la realizzazione e la gestione di un portfolio; realizzare spazi virtuali nei quali siano esposti gli elaborati degli allievi e dove sia consentito di effettuare, in comune, una ricerca in aree di attività conosciute. 21

22 I più importanti obiettivi tecnici fornire al personale docente ed agli allievi tutte le condizioni operative, di natura tecnica e infrastrutturale, necessarie alla loro attività; sviluppare una struttura di telecomunicazione adeguata nel senso di autonomia finanziaria e economica alla scuola in cui si opera; garantire ad allievi di altre istituzioni l accesso, via Internet, al portfolio. Obiettivi tecnici specifici di una piattaforma di e-portfolio Il seguente elenco è un ampliamento dei possibili requisiti di una piattaforma di e-portfolio e non ha la pretesa di essere completa. I requisiti possono essere dedotti dallo scopo d impiego e aumentano a seconda della valutazione del tipo di scambio comunicativo tra l autore e il lettore oppure, per esempio, a seconda dell integrità dei contenuti multimediali. Nel supplemento Piattaforme di e-portfolio sul sito web della guida sono presentati vari sistemi. Facilità d uso/usabilità Il sistema deve essere intuitivo (come valutano i discenti la facilità d uso del sistema?) Sono disponibili funzioni di ricerca e testi di guida Possibilità di personalizzare il sito Web È disponibile un editor WYSIWYG Agli articoli possono essere allegati file (p. es. pdf o doc) Possono essere create delle categorie da assegnare agli articoli 22

23 Possibilità di comunicazione È possibile commentare e valutare gli articoli È possibile creare permalink È integrato un feed RSS È implementata una chat come mezzo comunicativo aggiuntivo Controllo e accesso Il sito che ospita il Portfolio deve garantire un servizio continuativo, in modo che i dati siano sempre a disposizione. Le condizioni per l hosting devono essere chiarite prima di iniziare a popolare il Portfolio elettronico! Per un weblog possono essere registrati diversi autori Ogni autore può gestire i propri dati e personalizzare il proprio spazio (multitenancy) È implementato un sistema di filtraggio degli articoli e dei commenti indesiderati Gli spammer possono essere esclusi Configurabilità, integrabilità e adattabilità Gli strumenti possono essere configurati anche senza la conoscenza di linguaggi di programmazione Possono essere installati plug-in aggiuntivi Il sistema supporta i modelli, corporate design 23

24 Soluzioni di e-portfolio alternative Oltre alle piattaforme di e-portfolio discusse finora, esistono anche altre possibilità per la realizzazione di e-portfolio. Le soluzioni possono essere sia su piattaforme di lavoro e di apprendimento tramite blog o wiki sia con apparecchi mobili, come ad esempio i telefoni cellulari. educanet²-blog educanet² è una piattaforma per l informazione, la comunicazione e la cooperazione nell ambito di diversi scenari di insegnamento e apprendimento all interno di una sola istituzione oppure tra varie istituzioni educative reali o virtuali. La piattaforma riunisce numerose istituzioni e scuole che operano autonomamente nel ambito di un unica grande comunità di apprendimento e insegnamento. Inoltre la piattaforma offre un ampia gamma di strumenti (wiki, generatore di pagine web, blog, corsi online, scambio di file, ecc.) che possono essere messi a disposizione nel loro complesso o in una specifica selezione dall amministratore della nostra istituzione. 13 La funzione di blog di educanet² può essere impiegata per la realizzazione di un portfolio per allieve e allievi, in modo da rendere possibile lo scambio di un e-port folio tra loro o tra gruppi in uno spazio protetto da password Hofmann, M., Kugler, R.: E-Learning Konzept. Pädagogische Hochschule St. Gallen (PDF) 14 educanet²-blogue in francese (PDF) 24

25 Il portfolio elettronico nella formazione degli insegnanti Formatori presso l Alta Scuola pedagogica di Losanna (HEP Vaud), Christian Fantoli e Josiane Chevalley-Roy hanno introdotto la pratica del portfolio a livello di valutazione nell ambito dell integrazione dei media e delle tecnologie nella pratica professionale degli insegnanti in formazione. 15 Hanno scelto lo strumento blog di educanet² quale supporto e hanno cercato di evidenziare i vantaggi di questo tipo di processo di valutazione rispetto alla valutazione tradizionale. Il rapporto qui presentato, da scaricare, descrive questa sperimentazione e mette l accento sul lato pratico del procedimento. PHR Portfolio di apprendimento con blog e cellulare Nel 2006 all Alta scuola pedagogica di San Gallo PHSG, l ex PHR, è stata condotta una prova: gli studenti del primo semestre dovevano tenere un diario di apprendimento e riassumere in un portfolio i progressi e le esperienze fatte durante la formazione. In una classe sperimentale si è esaminato l utilità delle moderne applicazioni web per la formazione degli insegnanti. 12 studenti su 24 hanno tenuto un portfolio elettronico con un blog della ditta Kaywa che può essere utilizzato sia per Internet che tramite il telefono cellulare. Sei studenti del gruppo «Mobile» hanno lavorato anche con il cellulare. Come gruppo di riferimento, gli altri dodici studenti hanno tenuto il loro portfolio di apprendimento in modo convenzionale su supporto cartaceo. «I partecipanti al blog si sono presentati spontaneamente e non dovevano essere appassionati di informatica», afferma il capo progetto Martin Hofmann, che ha condotto lo studio insieme a due docenti. 15 Fantoli, C., Chevalley-Roy, J.: Portfolio électronique en formation d enseignants. HEP Vaud (PDF) 25

26 Favorire l apprendimento autonomo Attualmente i lavori sono valutati dalla docente del PHSG Andrea Christen. I risultati non sono ancora noti. Tuttavia è stato possibile osservare costantemente i blog degli studenti e Christen è soddisfatta della loro qualità. L ampliamento della conoscenza si baserebbe sulla ripetizione dei contenuti e la loro riformulazione in parole proprie; questo nei blog avviene in modo intensivo, sostiene Christen. Non sarebbe stato constatato alcun deterioramento della lingua causato dall utilizzo dei blog. I telefoni cellulari e Internet, grazie alla mobilità, ampliano lo spazio di apprendimento, afferma Martin Hofmann. Secondo lui, così si favorisce l apprendimento autonomo. La gestione di un blog, tuttavia, dovrebbe comunque rimanere solo uno strumento integrativo Christen, A., Hofmann, M.: Portfolioarbeit. Pädagogische Hochschule Rorschach 26

27

28 educa.ch Istituto svizzero dei media per la formazione e la cultura Erlachstrasse 21 Casella postale 612 CH-3000 Berna 9 Telefono: +41 (0)

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE

DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE DIDATTICA ATTIVA SU MOODLE: PROSPETTIVE PER IL FREQUENTANTE ONLINE Alessio Ceccherelli 1, Andrea Volterrani 2 1 Scuola Istruzione a Distanza, Università di Roma Tor Vergata ceccherelli@scuolaiad.it 2 Dipartimento

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA certificati in studi avanzati (cas) per formatori di adulti Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA IUFFP Formazione continua INTRODUZIONE L Istituto Universitario Federale per la Formazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli