e-portfolio Il raccoglitore digitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e-portfolio Il raccoglitore digitale"

Transcript

1 e-portfolio Il raccoglitore digitale Scuola e ICT

2 Avvertenze legali Editore educa.ch Autore Ralph Kugler, Alta scuola pedagogica San Gallo Fotografie büro z {grafik design}, Berna educa.ch CC BY-NC-ND (creativecommons.org) Maggio 2009, attualizzato novembre 2011

3 Definizione 5 Il termine 6 Definizione di portfolio 6 e-portfolio 7 Il processo del portfolio 8 Le funzioni di un portfolio 9 Cinque concetti di base 9 Cosa offre un e-portfolio? 12 Il valore aggiunto di un e-portfolio 14 Mettere in pratica le competenze informatiche 14 Meta-riflessione 15 Link verso le fasi della propria formazione 15 Dialogo tra discenti 16 Promozione dell apprendimento cooperativo 16 Presentazione multimediale 17 Utilizzo a lungo termine dei contenuti 17 «tipografia attiva» 18 Apprendimento autoregolato 18 Gestione efficiente grazie ai Feed RSS Feed 19 Obiettivi di un e-portfolio 21 I più importanti obiettivi pedagogici 21 I più importanti obiettivi tecnici 22 Obiettivi tecnici specifici di una piattaforma di e-portfolio 22 Facilità d uso/usabilità 22 Possibilità di personalizzare il sito Web 22 Possibilità di comunicazione 23 Controllo e accesso 23 Configurabilità, integrabilità e adattabilità 23 Soluzioni di e-portfolio alternative 24 educanet²-blog 24 PHR Portfolio di apprendimento con blog e cellulare 25 A questa guida corrisponde una pagina Internet di educa.ch, sulla quale trovate il file PDF della guida stessa per la sua consultazione online e per raccogliere ulteriori informazioni e link relativi a siti che propongono materiale pedagogico in tema. Queste informazioni e questi link vengono aggiornati regolarmente. Le date di pubblicazione o di eventuali revisioni della guida sono indicate nel PDF. Sito web

4 4 Da anni docenti americani e canadesi utilizzano l e-portfolio nel sistema educativo. Nel frattempo questo nuovo strumento si è affermato sempre più anche nel sistema educativo europeo. Sono infatti sempre più numerosi i docenti a impiegare l e-portfolio nell insegnamento. Questo però comporta una serie di quesiti: quale tipo di piattaforma scegliere per l e-portfolio? Quale modo di procedere bisogna adottare per compilare un e-portfolio e per pubblicarlo in Internet? Quali interrogativi di natura pedagogica si riscontrano? L e-portfolio fornisce un aiuto ai discenti nel loro impegno oppure serve al personale insegnante quale strumento di valutazione?

5 Definizione La varietà di termini legati ai portfolio lascia intuire che le sue possibilità di impiego sono numerose e quindi anche le definizioni sono diverse. Il gran numero di tipi diversi di port folio anche nell area di lingua italiana fa sì che sotto il termine generico di portfolio sono riuniti concetti anche molto diversi tra loro, accrescendo la confusione. Portfolio competenze Portfolio didattico Portfolio diplomi Portfolio lingue Portfolio carriera Portfolio presentazione Portfolio sviluppo Portfolio individuale Portfolio media Portfolio Portfolio processo Portfolio progetti Portfolio valutazione Portfolio lavori e-portfolio Portfolio corso Portfolio showcase Portfolio epoche Portfolio artistico Portfolio talenti Portfolio candidatura Illustrazione 1: termini legati ai portfolio 5

6 Il termine Il termine portfolio ha acquisito una popolarità sempre maggiore. Già da tempo si parla di una «mania dei portfolio» e si sottolinea la poca chiarezza su cosa si nasconda effettivamente dietro questa etichetta in ambito pedagogico. 1 Il termine portfolio è composto dalle parole latine «portare» e «folium». Originariamente, quindi, il portfolio indicava una cartella per raccogliere documenti o elaborati personali. Si è acquisito, ad esempio, l utilizzo del termine da parte degli artisti per definire la propria collezione di immagini o altre produzioni. In questo modo essi documentano i loro lavori, gli sviluppi, le tecniche o lo stile. Gli artisti e gli architetti utilizzano ancora oggi questo tipo di cartelle personali per le candidature. Definizione di portfolio Nel 1990 durante un seminario con gli specialisti di portfolio Pearl e Leon Paulson è stata elaborata una definizione di portfolio che è poi stata pubblicata nella rivista Educational Leadership con il titolo di «What makes a portfolio a portfolio?». «Un portfolio è una raccolta finalizzata di lavoro dello studente che dimostri i suoi sforzi, i progressi e il raggiungimento di obiettivi in una o più aree. La raccolta deve comprendere la partecipazione dello studente nella scelta dei contenuti, i criteri di selezione, i criteri di valutazione del merito e la prova dell autoriflessione dello studente». 2 1 Häcker, T. (2003): Portfolio als Entwicklungsinstrument 2 Paulson, F. L., Paulson, P. R., Meyer, C. A. (1991): What makes a Portfolio a Portfolio?. Educational Leadership 6

7 La definizione ha il vantaggio di permettere diversi tipi di realizzazione, senza però diventare troppo vaga. Un altra definizione, relativa all ambito didattico, è la seguente: «Un portfolio è una raccolta dinamica, mirata e sistematica di elaborati che testimonia e riflette gli sforzi, i progressi e le prestazioni dello studente in uno o più ambiti disciplinari». 3 e-portfolio La lettera «e» che precede la parola portfolio sta per «elettronic» e indica il supporto su cui è il portfolio è conservato o realizzato. L e-portfolio, dunque, è un raccoglitore digitale. L esperta statunitense Helen Barrett definisce il portfolio elettronico, in italiano chiamato anche Portfolio digitale, nel modo seguente: «Un portfolio elettronico sfrutta le tecnologie digitali, permettendo al suo creatore di raccogliere e organizzare i documenti realizzati in diversi formati (audio, video, immagini, testi). Un portfolio elettronico poggia su banche dati e impiega link ipertestuali per organizzare i materiali in modo da connettere gli artifatti agli standard e agli obiettivi appropriati». 4 3 Wiedenhorn, T.: Das Portfolio-Konzept in der Sekundar stufe, Individualisiertes Lernen organisieren. Verlag an der Ruhr 4 Barrert, H. (2000): Create Your Own Electronic Portfolio. Learning & Leading with Technology 7

8 Il processo del portfolio Secondo Hilzensauer e Hornung-Prähauser, durante il processo di creazione e cura di un e-portfolio si seguono cinque tappe (non necessariamente nella sequenza indicata) che, almeno nella fase iniziale, cominciano con la definizione degli obiettivi e del contesto. 5 Chiarimento, definizione obiettivi e contesto per il lavoro di e-portfolio Giudicare e valutare i processi di apprendimento Raccogliere, selezionare e collegare gli artefatti con gli obiettivi di apprendimento Presentare (pubblicare) gli artefatti dell e-portfolio Riflettere e controllare il processo di apprendimento Illustrazione 2: Il processo del porfolio 5 Hilzensauer, W., Hornung-Prähauser, V.: eportfolio Methode und Werkzeug für Kometenzbasiertes Lernen. Salzburg Research Forschungsgesellschaft (PDF) 8

9 Le funzioni di un portfolio La varietà dei termini legati ai portfolio suscita sempre discussioni di principio intorno alla questione sull opportunità del termine. Il suo significato è determinato in primo luogo dall impiego e dalle conseguenti funzioni a cui deve adempiere. I diversi termini di portfolio nel grafico (cfr. illustrazione 1) lasciano intuire in parte quali dovrebbero essere i suoi compiti e le sue funzioni (qualifica, cronologia, mezzo, periodo di tempo, forma d insegnamento, ecc.). Cinque concetti di base Se si tenta di definire in modo più preciso il termine portfolio, considerate le sue numerose varianti e i tanti termini correlati, evidentemente non si può fare altro che individuare alcuni concetti di base comuni ai vari tipi di portfolio, senza però limitare inutilmente gli aspetti positivi del concetto, come la sua flessibilità. 6 Di seguito sono precisati cinque concetti fondamentali: 6 Häcker, T. (2004): Portfolio Ein Entwicklungsinstrument für selbstbestimmtes Lernen. Eine explorative Studie zur Arbeit mit Portfolios in der Sekundarstufe 1. Heidelberg: Unveröffentlichte Habilitationsschrift 9

10 La rappresentazione delle competenze I portfolio contengono elaborati, pensieri e opinioni che i discenti ritengono presentabili. Le proprie capacità sono rappresentate tramite i prodotti selezionati delle proprie prestazioni. Diversamente dai controlli tramandati delle prestazioni, i discenti sono in grado di decidere autonomamente cosa presentare e possono quindi rappresentare attivamente le proprie competenze. La riflessione Attraverso la retrospettiva, i discenti riflettono sui successi, i percorsi, i problemi e gli obiettivi di apprendimento. Grazie ai regolari bilanci intermedi, è possibile eventualmente correggere il percorso successivo. Di conseguenza, si potrebbe parlare anche di (auto)valutazione formativa. Il processo di apprendimento Con la raccolta mirata, si forma una sequenza cronologica di riflessioni, elaborati o pareri. Questi permettono ai discenti e agli assistenti di esaminare e valutare insieme i prodotti e il processo di apprendimento. Il processo acquisisce un importanza maggiore rispetto al prodotto dell apprendimento e permette tra l altro la valutazione delle prestazioni per un processo di apprendimento in corso. 10

11 La valutazione delle prestazioni Come già menzionato al punto «Il processo di apprendimento», il portfolio permette di esaminare il processo di apprendimento e di includerlo nella valutazione delle prestazioni, consentendo così una valutazione più appropriata delle prestazioni. Attraverso la scelta autonoma degli elaborati presentati nel portfolio, si crea un clima che agevola l apprendimento grazie al maggiore orientamento per studenti. Il portfolio può essere inteso come strumento di valutazione alternativo o come metodo complementare, visto che viene messa in evidenza un altra competenza di base, come l autonomia. L individualizzazione Grazie all ampia partecipazione nella scelta dei contenuti, il lavoro di portfolio lascia molto spazio all individualità. In questo modo si acquisisce la capacità di controllo autonomo dell apprendimento. I discenti così hanno la possibilità di scegliere individualmente il percorso di apprendimento, di pianificare i propri processi, oltre che controllarli autonomamente e riflettere su di essi. Questo concetto, quindi, si adatta perfettamente alla nuova cultura didattica e d insegnamento dell apprendimento autonomo, delle lezioni aperte, del ritmo di apprendimento individuale e dell indipendenza del singolo discente dal tempo e in parte dal luogo. 11

12 Cosa offre un e-portfolio? La scelta tra un portfolio elettronico e uno cartaceo dipende dall uso previsto. Esistono buoni motivi anche per l impiego di un portfolio convenzionale. Nell articolo «E-Portfolio, Methode und Werkzeuge für kompetenzbasiertes Lernen» 7, sono elencate le possibilità che un portfolio cartaceo non è in grado di offrire: la presentazione delle conoscenze e delle fasi di sviluppo attraverso tutti i mezzi espressivi multimediali e dunque la possibilità di coinvolgere tutti i canali sensoriali (testi, audio, immagini, video, animazioni) il collegamento dei contenuti dell e-portfolio con gli obiettivi di apprendimento o i criteri di valutazione (tramite link ipertestuali) le ampie possibilità di memorizzazione, protezione e riproducibilità l inclusione di colloqui di feedback indipendenti dal luogo e dal tempo sugli obiettivi raggiunti o sulle fasi intermedie con assistenti istituzionali di portfolio, ma anche con compagni, amici/amiche e gli esercenti la patria podestà (tramite strumenti di comunicazione) la realizzazione autonoma dei discenti di e-portfolio con le nuove tecnologie Web, che favorisce sia l utilizzo responsabile delle informazioni e del copyright nel Web e sia l importante capacità di pubblicare contenuti multimediali sul Web (media literacy) 7 Hilzensauer, W., Hornung-Prähauser, V.: eportfolio Methode und Werkzeug für Kometenzbasiertes Lernen. Salzburg Research Forschungsgesellschaft (PDF) 12

13

14 Il valore aggiunto di un e-portfolio Con tutte le nuove conquiste portate da Internet e in generale dalla tecnologia, si può o si deve poter porre la domanda: qual è il valore aggiunto di queste innovazioni? Cosa posso fare ora che non potevo fare anche prima? La questione del rapporto tra costi e benefici non è più limitata solo alle imprese, ma si pone sempre più spesso anche negli istituti di formazione. Di seguito sono elencati i principali vantaggi di un portfolio elettronico rispetto a uno cartaceo. 8 Mettere in pratica le competenze informatiche Come già menzionato nel capitolo «Le funzioni di un e-portfolio», con la realizzazione di un portfolio elettronico è possibile esercitare le competenze informatiche. Questo apprendimento incidentale (casuale), specialmente nella scuola pubblica, non deve essere sottovalutato, poiché in molti Cantoni le competenze mediali devono essere esercitate in maniera integrativa nell ambito delle lezioni regolari. Per i/le discenti nell apprendimento continuo, inoltre, si tratta però di riconoscere il diario di apprendimento e in particolare l e-portfolio come un valido strumento di apprendimento che potrebbe accompagnarli nel loro percorso formativo futuro. 8 Kugler, R.: Mehrwert eines eportfolios, Projektarbeit im Nachdiplomkurs elearning des Instituts für Kommunikationsforschung, IKF Luzern, Schweiz 14

15 Meta-riflessione Attraverso l impiego di un e-portfolio, può essere favorito il confronto personale con i contenuti e gli obbiettivi di apprendimento a un livello che nelle lezioni superficiali incentrate sul docente è solo difficilmente raggiungibile. Il portfolio è particolarmente adatto quando si tratta di confrontarsi criticamente con le proprie esperienze e i propri atteggiamenti e di riflettere sul proprio processo di apprendimento. Semplificando, il principio didattico potrebbe essere definito come «from Teaching to Learning» ossia dall insegnamento all apprendimento. Il vantaggio di un e-portfolio rispetto a uno cartaceo è che il processo di apprendimento può essere analizzato per un lungo periodo di tempo. I processi di apprendimento possono essere documentati e analizzati per tutta la durata di uno o più anni scolastici. Questo permette una prospettiva che supera l estensione di un portfolio convenzionale. Link verso le fasi della propria formazione Inoltre, la struttura di rimandi ipermediali consente l inserimento di link al proprio sviluppo. Grazie a questa tecnica ipertestuale, che in questa forma è possibile solo con l e-portfolio, il discente può creare dei link verso se stesso. Egli può creare facilmente collegamenti a note precedenti, problemi, conoscenze, elaborati e obiettivi ed effettuare così la riflessione su l intera formazione o periodo scolastico. La disposizione dei contributi rimane in sequenza cronologica (ordine), mentre la creazione di link permette una ricerca retrospettiva non sequenziale o addirittura un metodo di lavoro non sequenziale. 15

16 Dialogo tra discenti Il collegamento tramite link, però, può anche essere sfruttato per rimandare a Internet e quindi ad altri compagni di scuola. Questo consente un dialogo tra discenti che nei portfolio cartacei non è possibile, visto che questi normalmente non sono letti o commentati dagli altri. Gli articoli hanno quindi un effetto immediato. Possono essere condotte discussioni sugli argomenti quando questi sono ancora «freschi» e attuali. Nella parte pubblica dell e-portfolio, analogamente a un blog, possono anche essere poste domande ai/alle compagni/e e agli insegnati. Le risposte ed eventualmente le soluzioni proposte sono conservate in forma digitale e possono anche essere messe a disposizione di altri. Il trasferimento delle conoscenze avviene dunque in una classe intera o semestre e l e-portfolio di ogni singolo si somma in un area di conoscenze virtuale. Promozione dell apprendimento cooperativo L e-portfolio è dunque una forma di apprendimento che consente e favorisce l apprendimento cooperativo. La comunicazione e lo scambio con gli altri su processi di apprendimento, difficoltà, esperienze, (auto)critica e proposte di miglioramento, così come su considerazioni personali, sono richieste e favorite. La discussione con gli insegnanti, gli esperti e i compagni sul processo di apprendimento e dell acquisizione delle conoscenze è un elemento centrale dell approccio costruttivista. Impegnarsi come esperto, apprendere da e con gli altri in gruppi variabili, la possibilità di poter commettere errori e fare deviazioni, osservare il proprio apprendimento sono aspetti che in questo approccio di apprendimento il discente può e anzi deve fare. 16

17 Presentazione multimediale L e-portfolio consente di presentare le proprie conoscenze e le proprie fasi di sviluppo con tutti i mezzi espressivi multimediali. La tecnologia multimediale ossia la digitalizzazione è l elemento centrale di tutte le tecnologie mediali e comunicative. «La digitalizzazione permette di elaborare qualsiasi informazione mediale in un unico sistema: si creano sistemi multimediali e nuovi media interattivi che evidenziano in modo particolare la fusione tra le tecnologie mediali, informatiche e comunicative». 9 I tipi di dati mediali come le immagini, l audio, la grafica e il video possono documentare le esecuzioni effettive e gli elaborati in un modo impossibile per i portfolio testuali. Utilizzo a lungo termine dei contenuti La messa a disposizione degli artefatti in forma digitale favorisce l utilizzo a lungo termine dei contenuti. Inoltre, i documenti digitalizzati possono essere trasportati più facilmente. Così l intero e-portfolio può essere importato in un nuovo portfolio elettronico di un altra istituzione. Questa possibilità di trasformazione è, tra l altro, un criterio importante nella scelta della piattaforma dell e-portfolio. I requisiti tecnici di una tale piattaforma dovrebbero mettere a disposizione un interfaccia che sia supportata anche da altre piattaforme. Per la candidatura alla fine del periodo scolastico o dello studio, i documenti possono essere raccolti per esempio in una cartella di candidatura, implementando singoli artefatti nel sistema successivo. 9 Kerres, M. (2001): Multimediale und telemediale Lernumgebungen 17

18 «Tipografia attiva» Le opere stampate digitalizzate nell e-portfolio non sono prodotti tipografici passivi, al contrario vanno intese come oggetti manipolabili. L interattività e la responsività orientate agli oggetti si uniscono in un concetto che Keil-Slawki 10 definiscono «tipografia attiva». «La tipografia attiva identifica quindi una qualità mediale nuova, perché al contrario dei media analogici per la prima volta nella storia della nostra cultura l oggetto della nostra percezione è allo stesso tempo anche l oggetto della manipolazione resa accessibile dalla tecnologia. Un aspetto ancora più importante, però, è che tale manipolazione può avvenire in modo diffuso e collaborativo, consentendo un interazione diretta tra autore e lettore grazie all annullamento delle discontinuità mediali necessariamente presenti nei media analogici» 11. Apprendimento autoregolato Anche le comunità di apprendimento virtuali vivono di rapporti umani. A volte, quindi, si pone la questione di come i gruppi di apprendimento possano continuare e completare la loro attività in rete. Una piattaforma di e-portfolio potrebbe raccogliere e ordinare i documenti in cartelle. Lo spazio così diventa un luogo di raccolta che offre agli insegnanti una possibilità sem- 10 Kerres, M. & Keil-Slawik, R. (Hrsg.): Hochschulen im digitalen Zeitalter: Innovationspotenziale und Strukturwandel. education quality forum Waxmann: Münster, 2005, S (PDF) 11 Berntzen, D., Gehl, M., Hempel, M.: Zukunftswerkstatt Lehrerbildung. ZfL-Verlang (S. 16) 18

19 plice di strutturare le informazioni destinate al gruppo di cui occupano. Nell ambito pubblico l e-portfolio potrebbe svolgere anche la funzione di una biblioteca, di una banca dati e, con l aggiunta degli strumenti necessari, sarebbe anche un forum e un punto d incontro. Servirebbe a riunire i discenti e potrebbe coordinare la comunicazione in un gruppo di discenti. La combinazione tra l apprendimento frontale e quello nello spazio virtuale è definito blended learning, che in italiano equivale al termine apprendimento misto. Che la combinazione di entrambe le possibilità sia più efficiente e che quindi si crei un valore aggiunto rispetto a un portfolio normale, può essere solo supposto. La disponibilità dello spazio virtuale, offerta in questo caso dall e-portfolio, oltre all apprendi mento sincrono in aula, permette ai discenti anche di sfruttare in modo asincrono uno spazio di apprendimento in una classe virtuale. La rottura dell apprendimento con ritmo uniformato tramite la possibilità dello spazio virtuale viene incontro alla caratteristica dell apprendimento autoregolato. Il processo di apprendimento attivo, organizzato individualmente è favorito dall indipendenza dal luogo e dal tempo, dal ritmo individuale di apprendimento e dalle abitudini di studio personali. Gestione efficiente grazie ai Feed RSS Feed Con la funzione di un feed RSS, l insegnante può ricevere comunicazioni generate automaticamente che lo informano di nuovi contenuti e commenti senza dovere richiamare le pagine. Questo permette la gestione efficiente di diversi e-portfolio contemporaneamente. Secondo Farmer/Barlett-Bragg, l introduzione di RSS negli e-portfolio o nei weblog è un innovazione fondamentale: «RSS has allowed for the instruction of an entirely new mode of communication and interaction 19

20 with information artefacts» 12 (RSS ha consentito un salto di qualità all istruzione grazie a un metodo di comunicazione completamente nuovo e l interazione con artefatti d informazione). Poiché l autore può decidere da sé quali informazioni devono essere trasmesse tramite il feed, il discente (autore) e il docente hanno il controllo sul processo di scambio. Questo facilita notevolmente la comunicazione. Secondo Farmer/Bartlett-Bragg, il successo dei blog nel sistema educativo sarebbe dovuto in parte al RSS. 12 Farmer, J., Barlett-Bragg, A.: High fidelity online communication 20

21 Obiettivi di un e-portfolio Nell ambito del progetto di e-portfolio canadese è stato elaborato nel 2002 un elenco, sul proprio sito Web, che contempla gli obiettivi pedagogici e tecnici di un portfolio elettronico con scopi didattici. I più importanti obiettivi pedagogici consentire all allievo la possibilità di documentare il suo percorso scolastico con l aiuto di un documento; fornire all allievo un sostegno nell elaborazione di quanto appreso; sostenere l allievo nell utilizzazione delle nuove tecnologie; consentire all allievo periodi di time out in cui egli possa analizzare quanto ha appreso e vedere i propri punti forti e quelli deboli in un ottica sociale e tecnica; assegnare all allievo le sue responsabilità per stimolare in questo modo la sua autonomia; facilitare, ad un allievo iscritto ad un programma tecnico, la ricerca di un attività lavorativa; andare incontro alle crescenti esigenze delle università circa la realizzazione e la gestione di un portfolio; realizzare spazi virtuali nei quali siano esposti gli elaborati degli allievi e dove sia consentito di effettuare, in comune, una ricerca in aree di attività conosciute. 21

22 I più importanti obiettivi tecnici fornire al personale docente ed agli allievi tutte le condizioni operative, di natura tecnica e infrastrutturale, necessarie alla loro attività; sviluppare una struttura di telecomunicazione adeguata nel senso di autonomia finanziaria e economica alla scuola in cui si opera; garantire ad allievi di altre istituzioni l accesso, via Internet, al portfolio. Obiettivi tecnici specifici di una piattaforma di e-portfolio Il seguente elenco è un ampliamento dei possibili requisiti di una piattaforma di e-portfolio e non ha la pretesa di essere completa. I requisiti possono essere dedotti dallo scopo d impiego e aumentano a seconda della valutazione del tipo di scambio comunicativo tra l autore e il lettore oppure, per esempio, a seconda dell integrità dei contenuti multimediali. Nel supplemento Piattaforme di e-portfolio sul sito web della guida sono presentati vari sistemi. Facilità d uso/usabilità Il sistema deve essere intuitivo (come valutano i discenti la facilità d uso del sistema?) Sono disponibili funzioni di ricerca e testi di guida Possibilità di personalizzare il sito Web È disponibile un editor WYSIWYG Agli articoli possono essere allegati file (p. es. pdf o doc) Possono essere create delle categorie da assegnare agli articoli 22

23 Possibilità di comunicazione È possibile commentare e valutare gli articoli È possibile creare permalink È integrato un feed RSS È implementata una chat come mezzo comunicativo aggiuntivo Controllo e accesso Il sito che ospita il Portfolio deve garantire un servizio continuativo, in modo che i dati siano sempre a disposizione. Le condizioni per l hosting devono essere chiarite prima di iniziare a popolare il Portfolio elettronico! Per un weblog possono essere registrati diversi autori Ogni autore può gestire i propri dati e personalizzare il proprio spazio (multitenancy) È implementato un sistema di filtraggio degli articoli e dei commenti indesiderati Gli spammer possono essere esclusi Configurabilità, integrabilità e adattabilità Gli strumenti possono essere configurati anche senza la conoscenza di linguaggi di programmazione Possono essere installati plug-in aggiuntivi Il sistema supporta i modelli, corporate design 23

24 Soluzioni di e-portfolio alternative Oltre alle piattaforme di e-portfolio discusse finora, esistono anche altre possibilità per la realizzazione di e-portfolio. Le soluzioni possono essere sia su piattaforme di lavoro e di apprendimento tramite blog o wiki sia con apparecchi mobili, come ad esempio i telefoni cellulari. educanet²-blog educanet² è una piattaforma per l informazione, la comunicazione e la cooperazione nell ambito di diversi scenari di insegnamento e apprendimento all interno di una sola istituzione oppure tra varie istituzioni educative reali o virtuali. La piattaforma riunisce numerose istituzioni e scuole che operano autonomamente nel ambito di un unica grande comunità di apprendimento e insegnamento. Inoltre la piattaforma offre un ampia gamma di strumenti (wiki, generatore di pagine web, blog, corsi online, scambio di file, ecc.) che possono essere messi a disposizione nel loro complesso o in una specifica selezione dall amministratore della nostra istituzione. 13 La funzione di blog di educanet² può essere impiegata per la realizzazione di un portfolio per allieve e allievi, in modo da rendere possibile lo scambio di un e-port folio tra loro o tra gruppi in uno spazio protetto da password Hofmann, M., Kugler, R.: E-Learning Konzept. Pädagogische Hochschule St. Gallen (PDF) 14 educanet²-blogue in francese (PDF) 24

25 Il portfolio elettronico nella formazione degli insegnanti Formatori presso l Alta Scuola pedagogica di Losanna (HEP Vaud), Christian Fantoli e Josiane Chevalley-Roy hanno introdotto la pratica del portfolio a livello di valutazione nell ambito dell integrazione dei media e delle tecnologie nella pratica professionale degli insegnanti in formazione. 15 Hanno scelto lo strumento blog di educanet² quale supporto e hanno cercato di evidenziare i vantaggi di questo tipo di processo di valutazione rispetto alla valutazione tradizionale. Il rapporto qui presentato, da scaricare, descrive questa sperimentazione e mette l accento sul lato pratico del procedimento. PHR Portfolio di apprendimento con blog e cellulare Nel 2006 all Alta scuola pedagogica di San Gallo PHSG, l ex PHR, è stata condotta una prova: gli studenti del primo semestre dovevano tenere un diario di apprendimento e riassumere in un portfolio i progressi e le esperienze fatte durante la formazione. In una classe sperimentale si è esaminato l utilità delle moderne applicazioni web per la formazione degli insegnanti. 12 studenti su 24 hanno tenuto un portfolio elettronico con un blog della ditta Kaywa che può essere utilizzato sia per Internet che tramite il telefono cellulare. Sei studenti del gruppo «Mobile» hanno lavorato anche con il cellulare. Come gruppo di riferimento, gli altri dodici studenti hanno tenuto il loro portfolio di apprendimento in modo convenzionale su supporto cartaceo. «I partecipanti al blog si sono presentati spontaneamente e non dovevano essere appassionati di informatica», afferma il capo progetto Martin Hofmann, che ha condotto lo studio insieme a due docenti. 15 Fantoli, C., Chevalley-Roy, J.: Portfolio électronique en formation d enseignants. HEP Vaud (PDF) 25

26 Favorire l apprendimento autonomo Attualmente i lavori sono valutati dalla docente del PHSG Andrea Christen. I risultati non sono ancora noti. Tuttavia è stato possibile osservare costantemente i blog degli studenti e Christen è soddisfatta della loro qualità. L ampliamento della conoscenza si baserebbe sulla ripetizione dei contenuti e la loro riformulazione in parole proprie; questo nei blog avviene in modo intensivo, sostiene Christen. Non sarebbe stato constatato alcun deterioramento della lingua causato dall utilizzo dei blog. I telefoni cellulari e Internet, grazie alla mobilità, ampliano lo spazio di apprendimento, afferma Martin Hofmann. Secondo lui, così si favorisce l apprendimento autonomo. La gestione di un blog, tuttavia, dovrebbe comunque rimanere solo uno strumento integrativo Christen, A., Hofmann, M.: Portfolioarbeit. Pädagogische Hochschule Rorschach 26

27

28 educa.ch Istituto svizzero dei media per la formazione e la cultura Erlachstrasse 21 Casella postale 612 CH-3000 Berna 9 Telefono: +41 (0)

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Reparto Formazione di pratica professionale Gestire un portfolio Direttive Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Sommario 1. Introduzione 3 1.1 Storia del portfolio 3 1.2 Portfolio uno strumento d accompagnamento

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla

La presenza di questo strumento in classe modifica l ambiente di apprendimento. La possibilità di andare alla IV edizione Anno Accademico 2009/2010 Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif.prot. n 17791

Dettagli

Olocausto Giornata della Memoria

Olocausto Giornata della Memoria Olocausto Giornata della Memoria In collaborazione con Scuola e società A questa guida corrisponde una pagina Internet di educa.ch, sulla quale trovate il file PDF della guida stessa per la sua consultazione

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

2008 Spam Scuola e ICT

2008 Spam Scuola e ICT Spam 2008 Scuola e ICT Avvertenze legali Editore educa.ch Autore Redazione educa.ch educa.ch CC BY-NC-ND (creativecommons.org) Agosto 2003, attualizzato: 2008, 2011 Indice Spam: come prevenire e reagire?

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone Liceo Scientifico ad opzione IGCSE Via S. Colomba, 52 BENEVENTO 0824.362718 0824.360947- mail:bnps010006@istruzione.it sito: www.liceorummo.gov.it pec: bnps010006@pec.istruzione.it CF:80002060624 Codice

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

elearningforce SharePoint LMS

elearningforce SharePoint LMS elearningforce SharePoint LMS ElearningForce SharePoint LMS estende le funzionalità predefinite di Microsoft SharePoint per creare un ambiente dove insegnanti e studenti possono vivere una nuova esperienza

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con le superfici interattive (LIM e Tablet), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

panettieri-pasticcieri-confettieri CFP

panettieri-pasticcieri-confettieri CFP panettieri-pasticcieri-confettieri CFP Nome Cognome: Indirizzo professionale: Durata della formazione: Questo documento è indirizzato ad entrambi i generi (f/m) in ugual modo. Per facilitarne la lettura

Dettagli

indice Blended Learning 1

indice Blended Learning 1 Blended Learning La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Blended Learning 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA accompagna lo sviluppo delle risorse in azienda

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

OpenCampus. 1 Il curriculum a tempo pieno prevede 4 semestri a scuola più un semestre di stage in azienda. Il curriculum en emploi,

OpenCampus. 1 Il curriculum a tempo pieno prevede 4 semestri a scuola più un semestre di stage in azienda. Il curriculum en emploi, OpenCampus Contestualizzazione e punto di partenza La SSIG (Scuola Superiore di Informatica di Gestione) è una scuola specializzata superiore a forte orientamento professionalizzante: dopo il conseguimento

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

Insegnare con il blog. Materiale tratto da: Insegnare con il blog Materiale tratto da: Weblog La parola "blog" nasce dalla contrazione del termine anglosassone "weblog" che, letteralmente, significa "traccia nella rete". Il blog infatti rappresenta

Dettagli

Weblog Bloggare a scuola

Weblog Bloggare a scuola Weblog Bloggare a scuola Scuola e ICT A questa guida corrisponde una pagina Internet di educa.ch, sulla quale trovate il file PDF della guida stessa per la sua consultazione online e per raccogliere ulteriori

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Premessa Il presente piano è frutto della rielaborazione di un documento collaborativo condiviso mediante un gruppo pubblico di Animatori

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

High Quality Audio/Video

High Quality Audio/Video EDUCATIONAL High Quality Audio/Video LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM HD PRESENTAZIONE IDM HD nato per la formazione...!!! Protagonista di progetti ambiziosi, per importanti realtà scolastiche,

Dettagli

INSEGNARE IL TEDESCO BLENDED - LEARNING PER LA FORMAZIONE

INSEGNARE IL TEDESCO BLENDED - LEARNING PER LA FORMAZIONE Imparare a INSEGNARE IL TEDESCO BLENDED - LEARNING PER LA FORMAZIONE PARTNER Goethe-Institut Italien DAAD (Servizio Tedesco per lo Scambio Accademico) Università degli Studi di Bari Aldo Moro Università

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

PNSD PARTE INTEGRANTE DEL PTOF Scuola Secondaria di I grado Solimena-De Lorenzo Nocera Inferiore (SA)

PNSD PARTE INTEGRANTE DEL PTOF Scuola Secondaria di I grado Solimena-De Lorenzo Nocera Inferiore (SA) PNSD PARTE INTEGRANTE DEL PTOF Scuola Secondaria di I grado Solimena-De Lorenzo Nocera Inferiore (SA) a cura della docente: Annamaria Bove Premessa La legge 107 prevede che dal 2016 tutte le scuole inseriscano

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio

CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio CONCETTO Corso di diploma supplementare (CDS) per insegnanti di tirocinio Formazione di Pratica Professionale Aprile 2008 Contenuto 1. Introduzione... 3 2. Profilo e formazione professionale pratica dell

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Vassilios Papaspyropoulos Convegno ECM Professioni Sanitarie & ICT Sala Convegno Fondazione Il Faro

Dettagli

Formazione in didattica L2 a migranti

Formazione in didattica L2 a migranti Formazione in didattica L2 a migranti Piattaforma e-learning nell ambito dell accordo di programma tra la Provincia di Cremona, i Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore e l Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

Imparare una lingua nazionale per integrarsi

Imparare una lingua nazionale per integrarsi Français en Suisse apprendre, enseigner, évaluer Italiano in Svizzera imparare, insegnare, valutare Deutsch in der Schweiz lernen, lehren, beurteilen it Una visione politica Parlare la lingua locale è

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Premessa. Prot.n. AOODGAI / 3655 Roma, 09/05/2008

Premessa. Prot.n. AOODGAI / 3655 Roma, 09/05/2008 Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali per lo sviluppo e la coesione sociale

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa

Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa Contributi Dr. Philipp Stalder Hauptbibliothek Universität Zürich Responsabile del progetto Competenza Informativa presso e-lib.ch Nadja

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

La gestione della qualità nella scuola popolare dei Grigioni

La gestione della qualità nella scuola popolare dei Grigioni La gestione della qualità nella scuola popolare dei Grigioni Qualità scolastica e qualità nell insegnamento Modulo B Ispettorato scolastico dei Grigioni, luglio 2013 Indice La gestione della qualità nella

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Presentazione Il DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie è un corso di perfezionamento

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

Portfolio e tutorato on-line

Portfolio e tutorato on-line Conferenza Permanente delle Classi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Integrare e-learning nella formazione universitaria: potenzialità, applicazioni e sfide Bologna, 11-12 settembre

Dettagli

La piattaforma svizzera per l apprendimento e per la collaborazione

La piattaforma svizzera per l apprendimento e per la collaborazione educa.net 2 La piattaforma svizzera per l apprendimento e per la collaborazione lavorare, apprendere, mettere in rete www.educanet2.ch Le scuole svizzere su Internet Certamente avrete già sentito parlare

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

Formazione modulare per l accesso all esame di Diploma di Esperto/a in Sviluppo di Carriera

Formazione modulare per l accesso all esame di Diploma di Esperto/a in Sviluppo di Carriera Formazione modulare per l accesso all esame di Diploma di Esperto/a in Sviluppo di Carriera (opzione Transizione Professionale e/o opzione Sostegno al Team Leading) Presentazione 1 Introduzione... 3 2

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Didattica interattiva online per i Corsi di Studio. Lucia Martiniello Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso

Didattica interattiva online per i Corsi di Studio. Lucia Martiniello Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca ANVUR Autovalutazione, Valutazione periodica e Accreditamento (AVA) AVA prevede

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio Quali sono attualmente i Software online più utili per stilare un E-Portfolio? Ecco una lista di quelli gratis più diffusi! 1 Introduzione/Obiettivi

Dettagli

LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD)

LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD) 82 LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD) Presentazione La Fad (Formazione a Distanza) è un'alternativa moderna, efficiente e flessibile a forme tradizionali di apprendimento. In alcuni casi - grazie alle sue

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS L utilizzo dei social network nelle attività di progetto in classe XXVIII Corso PLIDA di aggiornamento per

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

PROFILO DEL DOCENTE ANIMATORE DIGITALE

PROFILO DEL DOCENTE ANIMATORE DIGITALE ISTITUTO COMPRENSIVO SAN G. BOSCO PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE Premessa L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinchè possa (rif. Prot.

Dettagli

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Paolo Ferrario Nelle organizzazioni di servizio si tengono con frequenza incontri di lavoro, seminari di formazione, riunioni

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Comunicazione visiva

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Comunicazione visiva Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Comunicazione visiva Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

Guida rapida, per i docenti, all uso della piattaforma di e-learning dell ITES Fraccacreta

Guida rapida, per i docenti, all uso della piattaforma di e-learning dell ITES Fraccacreta Guida rapida, per i docenti, all uso della piattaforma di e-learning dell ITES Fraccacreta Sommario Introduzione... 3 Avvertenze:... 3 Note terminologiche... 4 Attivazione corsi... 4 Come accedere alla

Dettagli

di Erika Ester Vergerio* E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE

di Erika Ester Vergerio* E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE E-LEARNING PER IL BENESSERE ANIMALE Con l edizione speciale di 30giorni di agosto è stato pubblicato il materiale didattico del corso Il benessere degli animali in allevamento. Lo stesso corso viene ora

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE. Corso estivo presso la FONDAZIONE per l Università e l Alta Formazione FELTRE Campus Universitario

LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE. Corso estivo presso la FONDAZIONE per l Università e l Alta Formazione FELTRE Campus Universitario Docenti formatori: Franco Torcellan, Alida Favaretto, Roberta Rigo, Franco Di Cataldo 1 Modulo: 13 luglio 2009 La LIM nelle attività di insegnamento-apprendimento Obiettivo: esplorare funzioni e funzionalità

Dettagli

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z Carica i file tramite il form Allestimento del corso Leggi le indicazioni Progetta il corso, produci i contenuti Ricevi

Dettagli

Piazza Europa ( Progetto etwinning 2008 con il partner europeo del Portogallo)

Piazza Europa ( Progetto etwinning 2008 con il partner europeo del Portogallo) Scuola Media Statale G. B. PIRANESI Via Luchino Dal Verme, 109 00176 Roma Tel/fax 0621701558 e-mail: smspiranesi@tiscali.it Progetto scolastico A.S. 2007/2008 Titolo del Progetto Destinatari Piazza Europa

Dettagli

Lezione del 27 febbraio 2006

Lezione del 27 febbraio 2006 Lezione del 27 febbraio 2006 Docente: Volpato Roberta Responsabile di segreteria: Carla Croveri Temi trattati: Evoluzioni della fad Tipologie di materiali presenti in rete per la creazione di contenuti

Dettagli

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti dei corsi Il corso denominato G1 non compare in quanto le iscrizioni all incontro col prof. Tagliagambe sono stati diversamente contemplati. Il codice del corso, indicato sulla destra nella casella dei

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Riflessioni di fondo sulla promozione della qualità nella scuola

Riflessioni di fondo sulla promozione della qualità nella scuola Riflessioni di fondo sulla promozione della qualità nella scuola Tendenze internazionali e nazionali Modulo A Ispettorato scolastico dei Grigioni, luglio 2013 Quando una società affronta il tema della

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI

GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI Informazioni didattiche e suggerimenti per l impiego della piattaforma didattica online Moneyfit alle scuole medie INTRODUZIONE Il proprio denaro sotto controllo! 2 GESTIRE

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli