Gecom 770 Gestione 770/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gecom 770 Gestione 770/2015"

Transcript

1 Gecom 770 Gestione 770/2015

2 Istruzioni operative 770/2015 2/100 INDICE Premessa... 4 Novità del modello 770/2015 Semplificato... 5 Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale... 5 Parte A Dati relativi al dipendente... 5 Parte B Dati fiscali... 5 Comunicazione dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi... 6 Dati relativi al percipiente delle somme... 6 Prospetti ST/SV ed SX... 6 Credito bonus Irpef... 6 Esposizione Addizionali Irpef... 8 Precisazioni... 9 Guida alla compilazione delle comunicazioni e prospetti Frontespizio: compilazione di alcuni riquadri Redazione della Dichiarazione Firma della Dichiarazione Impegno alla trasmissione telematica Prospetto SD Dati lavoro dipendente Parte A Dati relativi al dipendente, pensionato o altro percettore Prospetto SD Dati lavoro dipendente Parte B Dati fiscali Esposizione addizionali all irpef Soggetti che si sono avvalsi dell assistenza fiscale Assistenza fiscale sospesa Oneri deducibili Altri dati Redditi assoggettati a ritenuta a titolo d imposta Compensi relativi agli anni precedenti soggetti a tassazione separata Dati relativi ai conguagli Trattamento di fine rapporto e indennità equipollenti Dati relativi al coniuge e familiari a carico Prospetto SD Dati lavoro dipendente Parte C Dati previdenziali ed assistenziali INPS Dati assicurativi INAIL Prospetto SD Dati lavoro dipendente Parte D Assistenza fiscale prestata Prospetto SA Dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi Prospetto SS Dati riassuntivi Prospetto ST Ritenute operate, tratt. per ass. fiscale e imposte sostitutive Prospetto SV Trattenute addizionali comunali all Irpef Funzionalità di gestione dei prospetti ST ed SV Esempi di compilazione del prospetto ST ed SV Prospetto SX Riepilogo crediti e compensazioni Prospetto SY Dati relativi a pignoramenti presso terzi Trasmissione telematica Riepilogo compilazione Completamento dati Generazione 770 Telematico: sequenza operativa Operazioni societarie Operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente Dati fiscali Dati previdenziali ed assicurativi Assistenza fiscale Prospetti riepilogativi SS, ST, SV e SX Prospetti ST, SV e SS: modalità di esposizione delle addizionali e dei dati relativi all assistenza fiscale Attivazione delle operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente in G Trasformazione di società Dati fiscali Dati previdenziali ed assicurativi... 86

3 Istruzioni operative 770/2015 3/100 Prospetti riepilogativi ST, SV e SX Operazioni straordinarie con estinzione del soggetto cedente G770 - Attivazione operazioni straord. con estinzione del soggetto cedente e prosecuzione dell attività Dati fiscali Dati previdenziali ed assicurativi Prospetti riepilogativi ST, SV, SS ed SX Successione mortis causa Dichiarazione correttiva nei termini o integrativa Modalità operative Dichiarazione integrativa/correttiva totale Dichiarazione integrativa/correttiva parziale Rettifiche dei prospetti (dichiarazione integrativa/correttiva parziale) Stampe per controllo dati CONLD Controllo dati quadratura lavoro dipendente CONFIS Controllo dati fiscali mod

4 Istruzioni operative 770/2015 4/100 Premessa La dichiarazione dei sostituti d imposta si compone di due parti, in relazione ai dati richiesti in ciascuna di esse: il Mod. 770/Semplificato e il Mod. 770/Ordinario. Il Mod. 770/Semplificato deve essere utilizzato dai sostituti d imposta, comprese le Amministrazioni dello Stato, per comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell anno 2014 nonché gli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti. Detto modello contiene i dati relativi alle certificazioni rilasciate ai soggetti cui sono stati corrisposti in tale anno redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati contributivi, previdenziali ed assicurativi e quelli relativi all assistenza fiscale prestata nell anno 2014 per il periodo d imposta precedente. Il Mod. 770/Ordinario deve essere utilizzato dai sostituti d imposta, dagli intermediari e dagli altri soggetti che intervengono in operazioni fiscalmente rilevanti, tenuti, sulla base di specifiche disposizioni normative, a comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell anno 2014 od operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, nonché i dati riassuntivi relativi alle indennità di esproprio e quelli concernenti i versamenti effettuati, le compensazioni operate e i crediti d imposta utilizzati. La scadenza per la presentazione di entrambi i modelli di dichiarazione è fissata al 31 luglio Entrambi i Modelli di dichiarazione devono essere presentati esclusivamente in via telematica, in forma diretta o mediante intermediari abilitati alla trasmissione. I soggetti che predispongono la propria dichiarazione possono scegliere di trasmetterla direttamente, senza avvalersi di un intermediario abilitato. In tal caso devono obbligatoriamente utilizzare: - il servizio telematico Entratel, qualora la dichiarazione sia presentata per un numero di soggetti superiore a venti; - il servizio telematico Internet (Fisconline), qualora la dichiarazione sia presentata per un numero di soggetti non superiore a venti. Per il computo dei soggetti da considerare, al fine dell utilizzo dei due diversi servizi per la trasmissione telematica sopramenzionati, occorre fare riferimento al numero di comunicazioni indicate nel riquadro Redazione della dichiarazione contenuto nel frontespizio e presenti nei campi Numero cert. Lav. dipendente e Numero cert. Lav. autonomo all interno della sezione Completamento dati di QUA770. Il sostituto d imposta tenuto a presentare anche il Mod. 770 Ordinario, può produrre il modello 770 Semplificato comprensivo dei prospetti ST, SV e SX qualora non abbia operato compensazioni interne ai sensi dell art. 1 del D.P.R. n. 445 del 10 novembre 1997 tra i versamenti attinenti al Mod. 770/Semplificato e quelli relativi al Mod.770/Ordinario. Viceversa, nel caso in cui siano state operate compensazioni interne, il sostituto non può produrre il modello 770 Semplificato comprensivo dei prospetti ST, SV e SX Ai sostituti d imposta è data facoltà di suddividere il Mod. 770/Semplificato inviando, con il frontespizio, le sole Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati ed i relativi prospetti SS, ST, SV, SX ed SY separatamente dalle Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi e dai relativi prospetti SS, ST, SX ed SY, purché risultino soddisfatte entrambe le seguenti condizioni: 1. che debbano essere trasmesse sia Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati, sia Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi; 2. che non siano state effettuate compensazioni interne tra i versamenti attinenti ai redditi di lavoro dipendente e quelli di lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli riguardanti i redditi di capitale.

5 Istruzioni operative 770/2015 5/100 Novità del modello 770/2015 Semplificato Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale Oltre a recepire le nuove informazioni introdotte nella Certificazione Unica 2015, nel prospetto in oggetto sono previste le seguenti novità. Parte A Dati relativi al dipendente Punto 43 - Codice Stato estero Come nel modello 770/2014 (ex campo 21), nel punto in oggetto è richiesta l indicazione del codice dello Stato di residenza in caso di percipiente estero. Tale campo rimane a compilazione manuale (nella CU tale informazione era richiesta solo per i lavoratori autonomi). Parte B Dati fiscali Sez. Detrazioni e crediti Punti da 119 a 127 Credito bonus IRPEF In tali punti devono essere riportate le informazioni relative al bonus Irpef ex art. 13, co. 1-bis del TUIR (introdotto dal DL 66/2014, convertito con modificazioni con L. 89/2014). Nei punti da 119 a 121 sono evidenziati i dati relativi al credito bonus Irpef riconosciuto o non riconosciuto, prelevati dagli equivalenti campi della Certificazione Unica. Nel punto 122 ( Bonus recuperato ) deve essere indicato l eventuale importo di bonus precedentemente riconosciuto (anche da altro datore di lavoro) e recuperato in sede di conguaglio. Con il prelievo dati, il programma rileva tale informazione dall archivio dello storico voci di calcolo (GESSTO), verificando gli importi trattenuti con l apposita voce collegata al campo Credito recuperato della tabella Codici voci gestioni automatiche (TB1201 > sez. Credito dl. 66/2014 art. 1 ). In caso di azienda con chiusura Irpef per cassa, viene escluso l importo eventualmente recuperato nel mese di dicembre, che verrà considerato nel periodo d imposta successivo. Qualora nella presente sezione siano stati indicati dati relativi a Certificazioni Uniche rilasciate da altri sostituti d imposta, nei punti da 123 a 126 deve essere indicato il dettaglio degli importi riferiti ad altri sostituti, riportando nel punto 127 il relativo codice fiscale. Il programma compila automaticamente tali campi in presenza di un importo al campo Credito dl. 66/2014 art. 1 erogato della sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE: in tal caso verrà riportato il codice 1 nel punto 123, il suddetto importo nel punto 124 e il codice fiscale dell altro sostituto nel punto 127. I punti da 123 a 127 vengono compilati anche nel caso in cui il sostituto dichiarante non abbia conguagliato i redditi erogati dal precedente sostituto (dipendente licenziato prima del ). Sez. Redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta Punto 224 Causale Fra i valori ammessi al campo in oggetto è stato eliminato il codice 1 (compensi per lavori socialmente utili). Si ricorda che, i dati relativi a redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta, eventualmente indicati nella CU (punti da 221 a 223), vengono automaticamente riportati nella sezione in oggetto, con causale 2 (compensi percepiti da soggetti non residenti per collaborazioni coordinate e continuative) (vedi pag. 25).

6 Istruzioni operative 770/2015 6/100 Sez. Trattamento di fine rapporto, e altre indennità equipollenti soggette a tassazione separata Ai fini della compilazione della sezione in oggetto, tutti i dati richiesti, compresi quelli già presenti nella Certificazione Unica (punti da 401 a 413), vengono prelevati dagli archivi PAGHE, con le modalità già adottate negli anni precedenti (vedi pag. 27). Si precisa che, analogamente a quanto indicato dall Agenzia delle Entrate ai fini della compilazione della Certificazione Unica, in caso di più corresponsioni di TFR nel periodo d imposta, riferite a più rapporti di lavoro con il medesimo percipiente, verrà elaborata un unica comunicazione dati lavoro dipendente, compilando più righi aggiuntivi con l indicazione distinta dei dati relativi a ciascuna erogazione di TFR. Pertanto, nel rigo principale vengono riportati i dati relativi al TFR erogato con riferimento all ultimo rapporto di lavoro (in assenza di erogazione vengono compilati solamente i punti da 409 a 413); nei righi aggiuntivi vengono riportati i dati relativi al TFR erogato con riferimento a ciascun precedente rapporto di lavoro con lo stesso datore. Comunicazione dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi Dati relativi al percipiente delle somme In luogo del precedente campo Erede, è stato inserito il campo Categorie particolari (punto 8), il cui valore viene prelevato dal corrispondente campo presente nella sezione Dati anagrafici della CU. Il campo Codice regione ed il campo relativo all indirizzo di residenza del percipiente sono stati eliminati. Prospetti ST/SV ed SX Credito bonus Irpef Nel punto 2 del prospetto ST deve essere riportato l eventuale importo del credito Bonus Irpef che il sostituto ha provveduto a recuperare. Il programma determina il credito bonus recuperato rilevando i valori negativi eventualmente presenti nei campi Credito dl.66/2014 dei Progressivi > IRPEF di AZIE, che verranno riportati nel punto 2 del prospetto ST con riferimento al codice tributo Nel caso in cui il recupero (ossia versamento del tributo 1655) risulti effettuato in sede di conguaglio tardivo (importo negativo ai campi Credito dl. 66/2014 c.tardivo ), oltre all importo, verrà inserito il codice D o E nel punto 10, ad evidenziare l effettuazione del conguaglio rispettivamente nel mese di gennaio o febbraio Si precisa che, in presenza di erogazione e recupero del bonus nello stesso mese, il programma ha provveduto a trasferire in F24 (con codice tributo 1655 a debito) l eventuale eccedenza fra l importo complessivo del bonus recuperato rispetto a quello erogato. In tal caso, pertanto, l importo (negativo) memorizzato nei suddetti campi dei progressivi Irpef dell azienda e quindi riportato nel punto 2 del prospetto ST corrisponderà a tale eccedenza. In caso di enti pubblici, il credito bonus Irpef recuperato non deve essere riportato nel punto 2 bensì nel punto 3 del prospetto ST ( Versamento crediti recuperati ), indicando il codice V al campo 10 note. In tal caso (identificato dal programma in base alla presenza del codice tributo 100E in luogo del codice 1001 nel campo Retribuzioni, trasferte e mensilità aggiuntive della tabella TB0404 collegata al campo Tabella codici tributo della scheda IRPEF di AZIE), gli importi individuati come sopra descritto verranno riportati nel punto 3 del rigo ST, con indicazione della nota V.

7 Istruzioni operative 770/2015 7/100 In merito al credito Bonus Irpef, le istruzioni di compilazione 770 prevedono inoltre che, nel caso in cui il sostituto abbia effettuato un versamento inferiore a quanto operato, utilizzando in compensazione interna il credito Bonus Irpef, deve indicare nel punto 4 ( Importi utilizzati a scomputo ), in un rigo autonomo, l ammontare del credito utilizzato a scomputo; in questo caso nel punto 10 dovrà essere riportato il codice U. L eventuale utilizzo con la nota U non deve essere riportato nel rigo SX4, colonna 5, del prospetto SX. Tale casistica è a gestione manuale (tale compensazione non era prevista nella procedura PAGHE). Nel prospetto SX è stato inserito il rigo SX47, riservato ai sostituti d imposta che hanno riconosciuto nel corso del 2014 il credito bonus irpef. In tale rigo è necessario indicare: - Colonna 1 Anno 2014 : ammontare del bonus riconosciuto nel 2014 (al lordo di quanto eventualmente recuperato). Tale importo viene rilevato dallo storico voci di calcolo (GESSTO), verificando l importo complessivamente erogato con la voce collegata al campo Credito erogato della tabella TB1201 > sez. Credito dl. 66/2014 art Colonna 2 credito recuperato : ammontare del bonus riconosciuto e successivamente recuperato in sede di conguaglio (il credito recuperato può riferirsi anche a crediti bonus Irpef riconosciuti da precedenti sostituti d imposta). Tale importo viene rilevato dallo storico voci di calcolo (GESSTO), verificando gli importi trattenuti con la voce collegata al campo Credito recuperato di TB1201 > sez. Credito dl. 66/2014 art Colonna 3 credito residuo : ammontare del credito bonus Irpef che residua e che può essere utilizzato l anno successivo. Tale importo viene rilevato dalla procedura F24, verificando l importo del credito bonus Irpef non ancora utilizzato in delega F24, al termine del mese di gennaio 2015 (vedi pulsante Funzioni > Storia in Gestione tributi di F24, con riferimento al tributo 1655). Di seguito si riporta un esempio fornito dall Agenzia delle entrate in merito alla compilazione del rigo SX47, che evidenzia la modalità di recupero/versamento del credito bonus Irpef in F24 in presenza di erogazione e recupero del bonus nello stesso mese, e quindi la modalità di compilazione del rigo SX47: In funzione di quanto sopra, nella casistica descritta, l importo del tributo 1655 è stato trasferito in F24 dopo aver compensato internamente l importo di credito da erogare e quello da recuperare. In tal caso, pertanto: - il credito trasferito in F24 non corrisponderà al credito riconosciuto evidenziato nella colonna 1 del rigo SX47;

8 Istruzioni operative 770/2015 8/100 - l importo versato in F24 con codice tributo 1665, ed evidenziato nella colonna 2 del prospetto ST (o 3 in caso di azienda pubblica), non corrisponderà all importo di credito recuperato evidenziato nella colonna 2 del rigo SX47. Esposizione Addizionali Irpef Con la versione PAGHE , il programma è stato implementato al fine di computare nel monte ritenute utilizzato per il rimborso dei crediti IRPEF da assistenza fiscale, anche gli importi del saldo di addizionale regionale e comunale (anno e anno precedente) e dell acconto di addizionale comunale. A seguito di tale implementazione, con riferimento all esposizione delle addizionali regionali e comunali nei prospetti ST/SV ed SX, nella procedura 770 state apportate le seguenti modifiche: - Crediti Irpef da assistenza fiscale Con riferimento al mese di conguaglio da assistenza fiscale, i suddetti crediti risulteranno evidenziati come utilizzati a scomputo dei versamenti di addizionale regionale e/o comunale (colonna 4 dei prospetti ST, sez. II ed SV). Nel prospetto SX, al fine di computare tali crediti fra i crediti da assistenza fiscale maturati (rigo SX1, colonna 2), il programma è stato implementato al fine di rilevare gli importi in questione dagli appositi campi Crediti irpef ceduti Addizionale regionale/comunale della sezione Progressivi > Assistenza fiscale di AZIE. Nel rigo SX4 e nel rigo utilizzato per lo specifico ente (righi da SX5 a SX30), gli stessi crediti risulteranno evidenziati nella colonna 4 ( Crediti maturati 2014 ) e 5 ( Ammontare utilizzato a scomputo dei versamenti 2014 ). - Crediti di addizionale da conguaglio La stessa modalità di esposizione verrà applicata anche in caso di crediti di addizionale da conguaglio, utilizzati in compensazione di debiti relativi alla medesima regione/comune. Pertanto, anche i crediti da conguaglio relativi alla restituzione di addizionale regionale e/o comunale, verranno evidenziati all interno del prospetto ST/SV come utilizzati a scomputo dei versamenti dei debiti di addizionale relativi alla medesima regione o comune (esposizione dell intero debito nella colonna 2 e del credito utilizzato a scomputo nella colonna 4), anziché evidenziare il debito al netto del credito. Analogamente, nel prospetto SX gli stessi crediti risulteranno computati nei crediti maturati e nei crediti utilizzati a scomputo.

9 Istruzioni operative 770/2015 9/100 Precisazioni Dati relativi ai conguagli: Somme erogate per l incremento della produttività Ai fini della compilazione della sezione Dati relativi ai conguagli, si sottolinea la particolarità relativa alla presenza del campo 312 (somme assoggettate ad imposta sostitutiva da parte del precedente sostituto ed assoggettate ad imposta ordinaria da parte del sostituto che ha effettuato il conguaglio) Nelle specifiche tecniche relative al file telematico CU, era previsto che il campo 301 ( Totale redditi conguagliati già compresi nel punto 1 ) corrispondesse alla somma dei punti 308 ( Reddito conguagliato già compreso nel punto 1 ); conseguentemente, il programma di prelievo dati della CU ha riportato nel punto 308 l importo dei redditi erogati dall altro sostituto, comprensivo delle somme indicate al punto 312. Diversamente, nelle specifiche tecniche relative al file telematico 770, è previsto che il campo 301 corrisponda alla somma dei punti 308 e 312. In funzione di quanto sopra, in fase di prelievo dati 770, l importo presente al punto 308 della CU verrà riportato nell equivalente punto del 770 al netto dell importo evidenziato al punto 312. Compilazione Prospetto SY Ai fini della compilazione del prospetto SY vengono esclusi i soggetti creditori identificati come ex-coniuge (valorizzazione del campo Assegno ex-coniuge nella relativa tabella TB0013), anche se valorizzato il campo Soggetto 770 di tabella TB0013.

10 Istruzioni operative 770/ /100 Guida alla compilazione delle comunicazioni e prospetti Frontespizio: compilazione di alcuni riquadri Redazione della Dichiarazione Il riquadro Redazione della dichiarazione permette di indicare le modalità con le quali viene trasmessa la dichiarazione. Esso si compone di quattro sezioni che vanno utilizzate alternativamente, a seconda della modalità di presentazione prescelta: 1. Sezione I Trasmissione integrale 770 Semplificato; 2. Sezione II Trasmissione del 770 Semplificato con successivo invio dei prospetti ST, SV ed SX allegandoli al 770/Ordinario; 3. Sezione III Trasmissione separata solo dati lavoro dipendente; 4. Sezione IV Trasmissione separata solo dati lavoro autonomo. Nella sezione Completamento dati di QUA770 è presente il campo Presentazione separata ST/SV/SX, al quale si accede solo se il dichiarante è tenuto a presentare anche il modello 770 Ordinario (flag al campo 770 ordinario ). Tale campo deve essere compilato qualora l utente desideri inviare i prospetti ST/SV/SX del modello 770 Semplificato separatamente dai prospetti ST/SV/SX del 770 Ordinario. In questo caso, la gestione dei prospetti ST e SV (Semplificato/Ordinario) resta unica; è il programma che provvede automaticamente alla compilazione dei prospetti, alla stampa del modello ed alla generazione dei dati per il telematico in base al codice tributo presente nei singoli righi.

11 Istruzioni operative 770/ /100 La compilazione del prospetto SX, invece, avviene in maniera disgiunta. La parte riferita al 770 Semplificato viene compilata automaticamente dal programma, mentre il prospetto SX riferito al modello Ordinario, in presenza di compensazioni tra ritenute su redditi di capitale, è a cura esclusiva dell utente. Nelle situazioni in cui il sostituto non è obbligato alla compilazione dei prospetti ST, SV e/o SX, è necessario compilare il campo Casi di non trasmissione dei prospetti ST, SV e/o SX indicando: 1, nel caso di amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo; 2, nel caso di sostituto che non abbia operato ritenute relative al periodo d imposta Le schermate che seguono illustrano le modalità di compilazione della pagina Completamento dati di QUA770 in base alla tipologia di presentazione prescelta. 1. Sezione I Trasmissione integrale 770 Semplificato La sezione I è riservata ai sostituti d imposta che intendano procedere alla trasmissione integrale del Mod. 770 Semplificato (Frontespizio, Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati e/o comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, prospetti SS, ST, SV, SX e SY). La sezione in oggetto deve essere compilata in maniera differenziata a seconda che: A. il sostituto sia tenuto a presentare esclusivamente il Mod. 770/Semplificato; B. il sostituto, pur essendo tenuto alla presentazione anche del Mod. 770 Ordinario e, non avendo effettuato compensazioni interne tra i versamenti attinenti al Mod. 770 Semplificato e quelli relativi al Mod. 770 Ordinario, abbia optato per l invio integrale del Mod. 770 Semplificato (comprensivo dei prospetti ST, SV ed SX). A. Assenza di 770 Ordinario ed assenza di Dichiarazione trasmessa da più soggetti In presenza di tale casistica, occorrerà indicare il numero delle comunicazioni di cui è composta la dichiarazione barrando altresì la casella SS. Inoltre è necessario barrare le caselle ST, SV e SX qualora siano state operate ritenute ed effettuate compensazioni nonché la casella SY nel caso di somme liquidate a seguito di procedura di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all art. 25 del D.L. n. 78/2010.

12 Istruzioni operative 770/ /100 B. Presenza di 770 Ordinario e assenza di Dichiarazione trasmessa da più soggetti In presenza di tale casistica, occorrerà indicare il numero delle comunicazioni di cui è composta la dichiarazione, barrando altresì la casella SS. Inoltre, devono essere barrate le caselle ST, SV, SX e SY qualora siano state operate ritenute ed effettuate compensazioni, nonché la casella Presenza di modello 770 ordinario 2015.

13 Istruzioni operative 770/ / Sezione II Trasmissione del 770 Semplificato con successivo invio di ST, SV ed SX nel 770/Ordinario La sezione II deve essere compilata dai sostituti d imposta che procedono alla trasmissione del Mod. 770 Semplificato, con successivo inoltro dei prospetti ST, SV ed SX nell ambito del Mod. 770 Ordinario. Nel compilare la sezione va sempre indicato il numero delle comunicazioni di cui è composta la dichiarazione, barrando altresì la casella SS nonché la casella SY nel caso di somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all articolo 25 del D.L. n. 78 del 2010.

14 Istruzioni operative 770/ / Sezione III Trasmissione separata solo dati lavoro dipendente La sezione III deve essere compilata dai sostituti d imposta che intendano separare il Mod. 770 Semplificato ed inviare, con il frontespizio, le sole comunicazioni relative a certificazioni lavoro dipendente ed assimilati ed i relativi prospetti SS, ST, SV, SX e SY. Il sostituto può avvalersi di tale facoltà qualora risultino soddisfatte entrambe le seguenti condizioni: - che debbano essere trasmesse sia Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati, sia Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi; - che non siano state effettuate compensazioni interne tra i versamenti attinenti ai redditi di lavoro dipendente e quelli di lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli riguardanti i redditi di capitale. In questo caso, deve essere indicato il numero delle comunicazioni trasmesse relative a certificazioni lavoro dipendente ed assimilati barrando altresì la casella SS. Inoltre devono essere barrate le caselle ST, SV ed SX qualora siano stati effettuati versamenti ed eseguite compensazioni nonché la casella SY nel caso di somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all articolo 25 del D.L. n. 78 del 2010, specificando, nell apposito spazio, il codice fiscale del soggetto che presenta la restante parte della dichiarazione. In caso di successivo invio del Mod. 770 Ordinario deve essere barrata, anche la casella Presenza di modello 770 Ordinario La schermata che segue illustra la modalità di compilazione della pagina Completamento dati in presenza di Modello 770/Ordinario. In assenza del Modello 770/Ordinario i campi 770 Ordinario e Presentazione separata ST/SV/SX non devono essere contrassegnati.

15 Istruzioni operative 770/ / Sezione IV Trasmissione separata solo dati lavoro autonomo La sezione IV deve essere compilata dai sostituti d imposta che intendano separare il Mod. 770 Semplificato ed inviare, con il frontespizio, le sole comunicazioni relative a certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi ed i relativi prospetti SS, ST, SX ed SY. Il sostituto può avvalersi di tale facoltà qualora risultino soddisfatte entrambe le seguenti condizioni: - che debbano essere trasmesse sia Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati, sia Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi; - che non siano state effettuate compensazioni interne tra i versamenti attinenti ai redditi di lavoro dipendente e quelli di lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli riguardanti i redditi di capitale. In questo caso, deve essere indicato il numero delle comunicazioni trasmesse relative a certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi barrando altresì la casella SS. Inoltre barrare le caselle ST e SX qualora siano stati effettuati versamenti ed eseguite compensazioni, nonché la casella SY nel caso di somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all articolo 25 del D.L. n. 78 del 2010 specificando, nell apposito spazio, il codice fiscale del soggetto che presenta la restante parte della dichiarazione.

16 Istruzioni operative 770/ /100 In caso di successivo invio del Mod. 770 Ordinario deve essere barrata, anche la casella Presenza di modello 770 Ordinario Nella pagina Completamento dati di QUA770 è presente il campo Forzatura numero sezione. Tale campo, nel caso di dichiarazione trasmessa da più soggetti, consente di indicare se compilare la III o la IV sezione del riquadro Redazione della dichiarazione. Il campo in oggetto deve essere valorizzato esclusivamente nel caso in cui non siano presenti né righi di lavoro dipendente né righi di lavoro autonomo e risulterebbe quindi impossibile determinare automaticamente la sezione da compilare.

17 Istruzioni operative 770/ /100 Firma della Dichiarazione La dichiarazione deve essere sottoscritta dal dichiarante o da chi ne ha la rappresentanza legale, negoziale o di fatto, nonché dai soggetti che sottoscrivono la relazione di revisione. In particolare: in caso di controllo contabile effettuato da una società di revisione, in tale sezione andrà riportato il codice fiscale della società di revisione nonché il codice fiscale e la firma del responsabile della revisione (ad esempio socio o amministratore della società di revisione); in caso di controllo effettuato dal collegio sindacale, in tale sezione andrà riportato il codice fiscale e la firma di ciascun membro del collegio. Per ciascuno dei soggetti interessati deve essere inserito il codice fiscale e la relativa firma, indicando nella colonna Soggetto il corrispondente codice identificativo: 1 revisore contabile iscritto nel Registro istituito presso il Ministero della giustizia; 2 responsabile della revisione in caso di controllo affidato ad una società di revisione; 3 società di revisione incaricata (in tal caso è richiesto il relativo codice fiscale senza compilazione del campo firma); 4 membro del collegio sindacale. Il campo Attestazione deve essere contrassegnato nel caso in cui (come previsto dall art. 1, co. 574, L. 147/2013) il contribuente abbia utilizzato in compensazione i crediti per importi superiori a euro ed i soggetti che esercitano il controllo contabile sottoscrivano la dichiarazione anche al fine di attestare l esecuzione dei controlli di cui all art. 2, c. 2, del regolamento di cui al decreto n. 164/99. Con il campo Invio avviso telematico all intermediario il contribuente può richiedere che l eventuale invito dell Amministrazione Finanziaria a fornire chiarimenti in merito alla dichiarazione, venga inviato direttamente all intermediario incaricato della trasmissione della dichiarazione, mediante avviso telematico. L intermediario, a sua volta, dovrà accettare di ricevere l avviso telematico, barrando la casella Ricezione avviso telematico presente nel riquadro IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA del mod Le informazioni richieste devono essere indicate nella pagina Presentazione della dichiarazione della sezione Completamento dati (pagina 2).

18 Istruzioni operative 770/ /100 Al fine di riportare il nome e cognome dei soggetti che sottoscrivono la dichiarazione, all interno dei rispettivi campi Firma del modello, l utente dovrà indicare Si al campo Stampa firma sui modelli di PERSPRO- Personalizzazione procedura > sez. MOD770. Per la firma digitale della dichiarazione, è disponibile il servizio Firma grafometrica (o firma biometrica) che consente di inserire nei documenti informatici una firma digitale riconoscibile, al fine di identificare in modo certo l utente che firma e di ottimizzare il trattamento e l archiviazione digitale dei documenti firmati. La gestione della firma grafometrica viene attivata mediante il campo Attiva firma grafometrica presente nella scheda MOD770 della tabella Personalizzazione procedura (PERSPRO). Per il funzionamento del servizio si rinvia al Manuale 770/2015. E prevista la possibilità per il contribuente di evidenziare particolari condizioni che riguardano la dichiarazione dei redditi, indicando un apposito codice nella casella Situazioni particolari. La casella può essere compilata solo se l Agenzia delle entrate comunica uno specifico codice da utilizzare per indicare la situazione particolare. Nella sezione Completamento dati di QUA770 (pagine 1 e 3) sono presenti i campi Codice situazioni particolari che consentono la compilazione della casella in esame all interno dei modelli 770 Semplificato e Ordinario.

19 Istruzioni operative 770/ /100 Impegno alla trasmissione telematica Il riquadro deve essere compilato e sottoscritto dall intermediario che presenta la dichiarazione in via telematica. L intermediario deve riportare: - il proprio codice fiscale; - se si tratta di CAF, il proprio numero di iscrizione all albo; - la data (giorno, mese e anno) di assunzione dell impegno a presentare la dichiarazione; - la firma. Inoltre, nella casella Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione, deve essere indicato il codice 1 se la dichiarazione è stata predisposta dal contribuente ovvero il codice 2 se la dichiarazione è stata predisposta da chi effettua l invio. Il campo Ricezione avviso telematico dovrà essere barrato dall intermediario al fine di accettare di ricevere l avviso telematico dall Amministrazione Finanziaria, come richiesto dal contribuente mediante il campo Invio avviso telematico all intermediario. Nella pagina Presentazione della dichiarazione (pagina 2 della sezione Completamento dati ) è possibile gestire la casella Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione e Ricezione avviso telematico nonché indicare la data di assunzione dell impegno a presentare la dichiarazione: Le altre informazioni richieste vengono prelevate dal codice della tabella Anagrafica mittenti (ANAMITT) collegata al campo Codice mittente del Completamento dati. Per consentire al programma di stampare nome e cognome dell intermediario nell apposito spazio della dichiarazione, l utente dovrà indicare Si al campo Stampa firma sui modelli della tabella PERSPRO > sez. MOD770.

20 Istruzioni operative 770/ /100 Prospetto SD Dati lavoro dipendente Parte A Dati relativi al dipendente, pensionato o altro percettore Punti 20 / 25 Domicilio fiscale In tali campi deve essere riportato il domicilio fiscale del contribuente alla data del 1/1/2014 e 1/1/2015, ossia il comune di riferimento per la determinazione rispettivamente dell addizionale regionale e comunale 2014 e dell acconto di addizionale comunale Tali informazioni vengono prelevate dai corrispondenti campi della sezione Dati anagrafici della relativa Certificazione Unica (archivi UNICA). Punto 26 Codice sede I sostituti d imposta hanno l obbligo di ricevere attraverso il flusso telematico per il tramite dell Agenzia delle entrate, i dei dipendenti che hanno richiesto assistenza fiscale ad un CAF o a un professionista abilitato; tale flusso telematico viene trasmesso all indirizzo telematico appositamente comunicato dal sostituto. Il sostituto di imposta che, per proprie esigenze organizzative, abbia più sedi operative presso le quali far pervenire i modelli al fine dello svolgimento delle operazioni di conguaglio, è tenuto ad attribuire a ciascuna sede un codice identificativo di tre cifre (da 001 a 999, a scelta dell azienda) da riportare nel campo Codice sede. Tale dato viene prelevato dagli archivi della procedura UNICA, con riferimento al campo Codice sede di appartenenza del dipendente presente nella sezione Dati sostituto in gestione della relativa Certificazione Unica lavoro dipendente (dato riportato al punto 11 della sezione Dati anagrafici Dati relativi al datore di lavoro del modello CU 2015).

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli