DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO"

Transcript

1 DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello base viene riportato nel prospetto di liquidazione Mod Questo modello, congiuntamente alla copia della dichiarazione deve essere consegnato al contribuente: dal CAF o dal professionista abilitato entro il 15 giugno 2012; dal sostituto d imposta, che presta direttamente assistenza, entro il 31 maggio Il Mod , si sviluppa su due pagine ed è strutturato in sezioni nelle quali, il soggetto che presta assistenza fiscale, indica: nella prima pagina gli elementi che determinano il calcolo delle imposte: i dati identificativi; il riepilogo dei redditi; il calcolo del reddito imponibile e dell imposta lorda; il calcolo delle detrazioni e dei crediti d imposta il calcolo dell imposta netta e del rigo differenza; il calcolo delle addizionali regionale e comunale all IRPEF; nella seconda pagina i dati relativi: alla cedolare secca al contributo di solidarietà alla liquidazione delle imposte del Dichiarante; alla liquidazione delle imposte del Coniuge; agli altri dati da riportare nella successiva dichiarazione; agli importi che saranno trattenuti o rimborsati a seguito delle operazioni di conguaglio; ai dati per la compilazione del Modello F24 ai fini del pagamento IMU. I calcoli della liquidazione in dichiarazione congiunta. I dati identificativi. Casella impegno ad informare il contribuente Il prospetto di liquidazione distingue i calcoli per il dichiarante da quelli effettuati per il coniuge dichiarante. In realtà, anche se la dichiarazione è congiunta, le imposte sono personali e quindi i relativi calcoli per determinarle sono sviluppati separatamente. Il modello 730 congiunto si conclude comunque con un unico risultato finale (a debito o a credito), conguagliato, dal sostituto, nella busta paga o nella pensione del solo dichiarante. La prima parte del mod è riservata all esposizione dei dati riguardanti: il soggetto che presta assistenza fiscale (CAF, professionista abilitato o sostituto d imposta); il responsabile dell assistenza fiscale (nel caso di assistenza prestata dal CAF; il Dichiarante e Coniuge dichiarante (nel caso di dichiarazione congiunta). La casella impegno ad informare risulterà compilata qualora il contribuente abbia optato per essere informato direttamente dal CAF in merito ad eventuali comunicazioni dell Agenzia delle Entrate relative alla propria dichiarazione, e risulti quindi barrata la casella posta nel riquadro previsto per la sottoscrizione della dichiarazione. Ga 1

2 Il modello Ga 2

3 Il modello Ga 3

4 DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730/3: RIEPILOGO DEI REDDITI E DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA LORDA. Il reddito complessivo. In questa sezione del Mod sono esposti i redditi conseguiti dal contribuente. Per ogni tipologia, il CAF determina il reddito da considerare ai fini del calcolo dell imposta, sulla base delle informazioni contenute nei diversi quadri del modello 730 base. In particolare: nel righi redditi dominicali e redditi agrari la somma dei redditi dichiarati nel Quadro A; nel rigo redditi dei fabbricati la somma dei redditi dichiarati nel Quadro B, determinati in base alle quote di possesso, al periodo di possesso, ai codici di utilizzo, ecc.; ATTENZIONE: in questo rigo deve essere riportato l ammontare dei redditi dei fabbricati per i quali non si è optato per la cedolare secca. nel rigo redditi di lavoro dipendente ed assimilati la somma dei redditi dichiarati nelle sezioni I e II del Quadro C. Per la determinazione dell importo da indicare nel rigo si deve tener conto delle eventuali somme erogate per l incremento della produttività indicate nella I sezione del Quadro C; nel rigo altri redditi la somma dei redditi dichiarati nella Sezione I del Quadro D determinati in base alle eventuali deduzioni o riduzioni forfetarie e quelli presenti nella Sezione II del Quadro D per i quali è stata scelta la tassazione ordinaria. al rigo imponibile cedolare secca deve essere riportato il totale dei redditi dei fabbricati da assoggettare a cedolare secca determinati sulla base dei dati rilevati dal Quadro B. In particolare deve essere riportata la somma dell imponibile dei fabbricati da assoggettare ad imposta sostitutiva nella misura del 21% e dell imponibile dei fabbricati da assoggettare ad imposta sostitutiva nella misura del 19%. Il rigo reddito complessivo riporta la somma degli importi dei righi da 1 a 6. Presenza di compensi per lavori socialmente utili. Se nel Quadro C sono indicati redditi per lavoro socialmente utile in regime agevolato, il reddito complessivo è determinato diversamente a seconda del risultato della seguente operazione: reddito complessivo - deduzione per l abitazione principale - redditi per lavoro socialmente utile +/- = se superiore a euro 9.296: il reddito complessivo è pari alla somma dei redditi; se inferiore o uguale a euro 9.296: il reddito complessivo è pari alla somma dei redditi diminuita dal totale dei redditi per lavoro socialmente utile in regime agevolato. Ga 4

5 ATTENZIONE I redditi derivanti da attività sportive dilettantistiche indicati nel Quadro D non concorrono alla formazione del reddito complessivo: fino all importo di euro Il reddito imponibile: le sezioni del prospetto di liquidazione. Vediamo ora come si determina il reddito imponibile. Dal reddito complessivo si sottrae, innanzitutto, l importo presente nel rigo deduzione per l abitazione principale. Si ricorda che tale importo è pari alla somma delle rendite catastali rivalutate dell abitazione principale e delle relative pertinenze, indicate nel quadro B. Il reddito complessivo viene, quindi, diminuito della somma presente nel rigo oneri deducibili dichiarati nella Sezione II del Quadro E, tenendo conto: degli eventuali limiti di deducibilità previsti e degli abbattimenti effettuati in sede di controllo e dell ammontare del contributo di solidarietà determinato in sede di dichiarazione dei redditi (importo riportato nel rigo 102 del mod ovvero nel rigo 122 per il coniuge) che si somma agli oneri deducibili. Quindi il reddito imponibile risulta dalla seguente operazione: reddito complessivo deduzione abitazione principale oneri deducibili (aumentati del contributo di solidarietà) - REDDITO IMPONIBILE = ATTENZIONE Se il risultato della sottrazione è negativo, deve essere ricondotto a zero. Il calcolo dell imposta lorda. L imposta lorda viene calcolata, applicando al reddito imponibile, le aliquote IR- PEF per scaglioni di reddito previste. Nella tabella che segue si riportano gli scaglioni di reddito e le relative aliquote IR- PEF in vigore: Scaglioni di reddito Aliquota * fino a euro 23% * da euro e fino a euro 27% * da euro e fino a euro 38% * da euro e fino a euro 41% * oltre euro 43% Ga 5

6 Esempio Vediamo con un esempio come vengono riportati i vari redditi nel modello 730/3 e come viene calcolata l imposta lorda relativa Un contribuente presenta i seguenti redditi ed oneri: - redditi da fabbricati (rivalutati) euro 900, di cui 480 per abitazione principale - redditi di lavoro dipendente euro altri redditi euro oneri deducibili euro I calcoli da effettuare sono: 1. sommare i redditi posseduti dal soggetto in modo da ottenere il reddito complessivo: = = reddito complessivo 2. calcolare il reddito imponibile sottraendo al reddito complessivo le varie deduzioni = = reddito imponibile 3. calcolare su tale somma l imposta lorda utilizzando la tabella di calcolo dell IRPEF: * fino a euro 23% * da euro a euro 27% * da euro a euro 38% L imposta lorda è pari a euro Compensi per attività sportive dilettantistiche con ritenuta a titolo d imposta. I compensi per attività sportive dilettantistiche con ritenuta a titolo d imposta vanno inseriti nel quadro D: se superano l ammontare di (quota esente), che gli importi da a ( ) sono assoggettati a ritenuta a titolo d imposta in misura pari all aliquota Irpef del 1 scaglione (23%), che solo le somme eccedenti concorrono a formare il reddito complessivo. Quindi, nel modello 730/3, nel rigo compensi percepiti per attività sportive dilettantistiche assoggettate a ritenute a titolo d imposta, sono indicati solo gli importi compresi fra a ( ). Tale importo per un valore di euro, sommato al reddito imponibile, è utilizzato soltanto per determinare l imposta lorda. Esempio Per capire meglio facciamo un esempio pratico. Un contribuente ha: un reddito imponibile di , compensi per attività sportive dilettantistiche pari Nel quadro D si sarà indicato: al rigo compensi attività sportive dilettantistiche del modello 730/3 verrà indicato l importo assoggettato a ritenuta a titolo d imposta pari a e cioè (compenso lordo) (quota esente) Tale importo viene sommato al reddito imponibile , ,00 = ,00 Ga 6

7 Su tale somma si calcola l imposta lorda utilizzando la tabella di calcolo dell IRPEF: fino a euro 23% pari a da euro e fino a e cioè euro 27% pari a L imposta lorda complessiva è pari a Si calcola, quindi, sull importo dei compensi per attività sportive dilettantistiche l imposta lorda utilizzando la tabella di calcolo dell IRPEF: fino a euro (questo importo è già stato assoggettato a ritenuta a titolo d imposta) - 23% pari a Si sottrae, infine, dall imposta lorda l importo di imposta sui compensi per attività sportive dilettantistiche = L imposta lorda da utilizzare per il calcolo finale dell Irpef è pari a Ga 7

8 DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DALL IMPOSTA LORDA AL RIGO DIFFERENZA Il calcolo dell imposta lorda L imposta lorda del dichiarante, ed eventualmente del coniuge dichiarante, si ottiene moltiplicando il reddito imponibile per le aliquote IRPEF, diversificate per scaglioni di reddito. Imposta lorda = Reddito imponibile X Aliquote Irpef L imposta netta deriva invece dalla differenza tra imposta lorda e il totale delle detrazioni e crediti di imposta spettanti. Imposta netta = Imposta lorda - Totale detrazioni e crediti d imposta La terza sezione del 730/3. Dettaglio delle detrazioni Nella terza sezione del modello 730/3 vengono riportate le detrazioni ed alcuni crediti d imposta. La detrazione per familiari è diversa se si tratta di: coniuge figlio altro familiare a carico. Le detrazioni per redditi sono relative a: redditi di lavoro dipendente e alcuni redditi assimilati; redditi derivanti da pensioni; altri redditi assimilati al lavoro dipendente, redditi di lavoro autonomo e alcuni redditi diversi. In tutti i casi l importo delle detrazioni di imposta previste dalla normativa è teorico, in quanto l effettiva detrazione viene collegata all ammontare del reddito complessivo del contribuente e viene calcolata tramite l applicazione di alcune formule matematiche. Le detrazioni ATTENZIONE: a seguito dell introduzione dell istituto della cedolare secca, da quest anno la norma prevede che il reddito fondiario assoggettato alla cedolare secca deve essere aggiunto al reddito complessivo per determinare la condizione di familiare fiscalmente a carico, per calcolare le detrazioni per carichi di famiglia, le altre detrazioni d imposta previste dall articolo 13 del TUIR, le detrazioni per canoni di locazione. Pertanto al reddito complessivo deve essere aggiunto il reddito fondiario assoggettato alla cedolare secca; Tale importo (reddito complessivo aumentato del reddito da assoggettare a cedolare secca) è quello riportato nel rigo 137 del modello (reddito di riferimento per agevolazioni fiscali) Le detrazioni per oneri e le altre detrazioni vengono indicate su singoli righi in base alla diversa modalità di calcolo e percentuale spettante. I crediti d imposta Nel prospetto di liquidazione, dopo le detrazioni sono riportati i seguenti crediti di imposta indicati dal contribuente nel quadro G e in particolare: credito di imposta per il riacquisto della prima casa; credito di imposta per l incremento dell occupazione; Ga 8

9 credito d imposta per reintegro anticipazioni fondi pensione; credito d imposta per mediazioni L imposta netta La somma delle detrazioni e dei crediti d imposta viene riportata nel rigo Totale detrazioni e crediti di imposta Tale importo, come anticipato all inizio, è utilizzato in diminuzione dell imposta lorda per determinare l imposta netta Imposta netta = Imposta lorda - Totale detrazioni e crediti d imposta Imposta netta pari a zero Il rigo differenza L imposta a debito o a credito Se il totale delle detrazioni e dei crediti di imposta è maggiore dell imposta lorda, l imposta netta è uguale a 0 (zero). Nella quarta sezione del modello 730/3 vengono riportate l imposta netta alcuni crediti d imposta le ritenute subite il rigo differenza alcune somme relative o derivanti da precedenti dichiarazioni Per determinare l imposta a debito o a credito, denominata, nel prospetto di liquidazione, differenza, è necessario sottrarre dalla imposta netta: il credito d imposta per altri immobili sisma Abruzzo, il credito d imposta per l abitazione principale sisma Abruzzo, il credito d imposta per le imposte pagate all estero, il credito d imposta spettante per le imposte versate sui canoni di locazione non percepiti e accertati nell ambito del provvedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità, la somma delle ritenute subite in relazione ai diversi redditi dichiarati. Imposta a debito o a credito = imposta netta - credito per imposte pagate all estero - credito per imposte sui canoni di locazione non percepiti - somma delle ritenute subite - Il rigo differenza rappresenta, quindi, il risultato dei calcoli effettuati sui dati presenti nella dichiarazione di un determinato anno d imposta. Se tale differenza è positiva si è in presenza di un debito d imposta, Se negativa si è in presenza di un eccedenza d imposta. Rimborsi di crediti d imposta L imposta indicata al rigo differenza Attenzione, i crediti d imposta per riacquisto prima casa e per l incremento della occupazione non possono essere richiesti a rimborso, ma devono essere utilizzati in diminuzione dall imposta lorda, dopo aver sottratto tutte le detrazioni spettanti. Per entrambi, l eventuale eccedenza non utilizzata può essere riportata in compensazione o rimandata all anno successivo nel prospetto di liquidazione. In alcuni casi l imposta evidenziata al rigo differenza coincide con il conguaglio che dovrà effettuare il sostituto d imposta, in altri casi invece tale importo, a debito o a Ga 9

10 credito, sarà rispettivamente ridotto o aumentato in presenza di: eccedenze da precedenti dichiarazioni, acconti versati, restituzione bonus Esempi Vediamo con un esempio come viene determinato il rigo differenza. Un contribuente presenta i seguenti redditi ed oneri: - redditi da fabbricati (rivalutati) euro 900, di cui 480 per abitazione principale - redditi di lavoro dipendente euro oneri deducibili euro detrazione per un figlio con più di 3 anni a carico al 50% euro detrazione per lavoro dipendente euro detrazione per interessi passivi x 19% euro detrazione per spese di riqualificazione energetica - (6.000 x 55%) : 3 = credito d imposta per riacquisto prima casa euro ritenute euro acconto da modello CUD euro 240 I calcoli da effettuare sono rispettivamente: = = reddito complessivo = = reddito imponibile 3. reddito imponibile x aliquote = imposta lorda L imposta sarà così determinata: fino a euro 23% da euro a euro 27% da euro a euro 38% L imposta lorda è pari a euro ( ) = imposta netta = differenza a credito 6. ( 2.760)+( 240) = ( ) IRPEF a credito Ga 10

11 DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO LE ADDIZIONALI ALL IRPEF Le addizionali regionale e comunale Come si determinano le addizionali Quando è dovuta l addizionale Le addizionali regionali e comunali sono delle imposte aggiuntive all IRPEF destinate a favorire una maggiore autonomia finanziaria degli enti locali. Sono versate alla regione ed al comune in relazione al domicilio fiscale del contribuente (soggetto passivo d imposta) rispettivamente, al 31 dicembre dell anno e al 1 gennaio a cui le stesse addizionali si riferiscono. Le modalità di determinazione dell addizionale regionale e comunale si differenziano in relazione ai redditi tassati: sui redditi da lavoro dipendente ed assimilati, le imposte sono calcolate dal sostituto d imposta in sede di conguaglio finale e certificate nel modello CUD; sugli altri redditi l addizionale regionale e comunale, se dovuta, dovrà essere liquidata con la dichiarazione dei redditi. Le addizionali regionali e comunali a saldo ed in acconto determinate dal sostituto d imposta e certificate nel CUD vengono trattenute mensilmente sulle retribuzioni o pensioni. Entrambe le addizionali sono dovute dalle persone fisiche quando, sottraendo dall imposta IRPEF lorda le detrazioni spettanti e l eventuale credito sulle imposte pagate all estero, si ottiene un risultato superiore a 10,33 euro. Imposta Irpef lorda - Detrazioni spettanti - Credito imposte all estero > 10,33 Le aliquote della addizionale regionale L addizionale regionale, a partire dal 2011, si determina applicando l aliquota dell 1,23% (o quella maggiore applicata da ciascuna Regione) al reddito complessivo La suddetta aliquota dell 1,23% si applica anche alle Regioni a statuto speciale (Valle d Aosta, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna) e alle Province autonome di Trento e Bolzano. La base imponibile è costituita dal reddito complessivo determinato ai fini IRPEF al quale vengono sottratti: oneri deducibili deduzione per abitazione principale Reddito complessivo - Oneri deducibili - Deduzione per abitazione principale = Base imponibile Alla suddetta aliquota di base dell 1,23%, applicabile su tutto il territorio nazionale, si aggiungono gli eventuali incrementi: deliberati dalle singole Regioni, fino ad un massimo, nel 2011, dello 0,5%; il livello massimo complessivo ordinario dell addizionale regionale per il 2011 diventa quindi pari all 1,73% (1,23% + 0,5%), in luogo del precedente 1,4% (0,9% + 0,5%); applicabili automaticamente, in caso di disavanzo di gestione del Servizio sanitario regionale e di mancato raggiungimento annuale degli obiettivi del Piano di rientro dal disavanzo. Riferimenti Vedi anche l approfondimento: Addizionali regionali all Irpef anno 2011 Ga 11

12 Le aliquote del l addizionale comunale L aliquota dell addizionale comunale viene deliberata da ogni singolo Comune. I Comuni possono stabilire aliquote dell addizionale comunale Irpef differenziate esclusivamente in relazione agli scaglioni di reddito corrispondenti a quelli stabiliti dalla legge statale. Resta fermo che la soglia di esenzione che può essere stabilita con apposito regolamento: è stabilita unicamente in ragione del possesso di specifici requisiti reddituali; deve essere intesa come limite di reddito al di sotto del quale l addizionale comunale Irpef non è dovuta e, nel caso di superamento del suddetto limite, la stessa si applica al reddito complessivo. La casistica è molto vasta, possiamo individuare 4 tipologie: individuazione di una soglia di esenzione senza ulteriori indicazioni, ad e- sempio: possesso di redditi inferiori o pari a euro individuazione di più aliquote in riferimento a diverse fasce reddituali, ad esempio: - reddito fino a euro aliquota 0,2 - reddito oltre a euro aliquota 0,4 individuazione di soglie di esenzione con riferimento a specifiche tipologie di reddito, ad esempio: - reddito di pensione e lavoro dipendente non superiore ad euro 8.000, - redditi di terreni non superiore ad euro reddito abitazione principale e relative pertinenze individuazione di soglie di esenzione legate a particolari condizioni soggettive, ad esempio soglia riferita al valore ISEE. Il calcolo della addizionale comunale Ai fini della determinazione del calcolo dell addizionale comunale dobbiamo tenere presente se il Comune ha deliberato o meno la soglia di esenzione o l aliquota agevolata: nel caso in cui il Comune non abbia deliberato la soglia di esenzione, la base imponibile è costituita dal reddito complessivo determinato ai fini IRPEF al quale vengono sottratti gli oneri deducibili e la deduzione per abitazione principale reddito complessivo - oneri deducibili - deduzione per abitazione principale = Base imponibile nel caso in cui il Comune abbia determinato la soglia di esenzione, per i contribuenti che rientrano in tale soglia, la base imponibile sarà pari a zero, per i contribuenti che superano la soglia di esenzione la base imponibile è determinata come indicato precedentemente. L acconto della addizionale comunale La finanziaria 2007 ha previsto, che per la sola addizionale comunale, sia calcolato contestualmente all imposta a saldo, anche un acconto del 30% relativo al periodo d imposta successivo. L acconto relativo al 2012 è versato al Comune in cui il contribuente ha il proprio domicilio fiscale al 01/01/2012. L acconto dell addizionale comunale relativo al periodo d imposta 2012 sarà calcolato sulla base imponibile relativa al 2011 applicando su tale imponibile le aliquote e le eventuali soglie di esenzione vigenti per il 2011 nel caso in cui il comune abbia deliberato le aliquote e le eventuali soglie di esenzione vigenti. Ga 12

13 L acconto sarà invece calcolato applicando le aliquote e le eventuali soglie di e- senzione vigenti per il 2012 se la relativa delibera è stata adottata entro il 31 /12/ La compilazione del 730. Il calcolo delle addizionali Il calcolo delle addizionali è esposto nel modello 730-3, nella sezione Calcolo delle addizionali regionale e comunale all Irpef. Nella sezione relativa al calcolo delle addizionali regionali e comunali all IRPEF sono indicati: il reddito imponibile; l addizionale regionale all IRPEF dovuta; l addizionale regionale all IRPEF risultante dalla certificazione; l eccedenza dell addizionale regionale all IRPEF risultante dalla precedente dichiarazione; l addizionale comunale all IRPEF dovuta; l addizionale comunale all IRPEF risultante dalla certificazione e/o versata ( acconto e saldo da mod. CUD, acconto da mod. 730 e/o F24 dedotto dell eventuale addizionale restituita e/o non trattenuta da sostituto d imposta indicata al punto 13 del CUD); l eccedenza dell addizionale comunale all IRPEF risultante dalla precedente dichiarazione; l acconto dell addizionale comunale all IRPEF per l anno 2012; l acconto dell addizionale comunale all IRPEF risultante dalla certificazione per l anno Le soglie di esenzione della addizionale comunale Attenzione nel caso in cui il Comune abbia deliberato per l anno 2011 soglie di e- senzione legate a particolari condizioni soggettive, il contribuente che si trova in tale condizione, dovrà compilare il quadro F, sezione VI, rigo F7 per attestare il possesso dei requisiti previsti. In questo caso se il reddito imponibile è inferiore o uguale all importo indicato nel quadro F, sezione VI, rigo F7, l importo della addizionale dovuta è pari a zero. In caso contrario è costituito dall intero importo. Allo stesso modo dovrà essere indicato al quadro F, sezione VI, rigo F8, l eventuale soglia di esenzione ai fini della determinazione dell acconto per il Esempio Vediamo, attraverso un esempio pratico, come si effettuano i calcoli per determinare le addizionali dovute. Il contribuente abita, al e al , a Teramo e, dal CUD 2012, risulta che ha percepito nel 2011 un reddito da lavoro dipendente pari a euro sul quale è stata operata una ritenuta per addizionale regionale di euro 448 e per addizionale comunale, un acconto di euro 45 e un saldo di euro 115. Nessun acconto Irpef o addizionale, derivante da 730/2011, risulta trattenuto. Oltre a questo reddito, il contribuente dichiara anche: - reddito da fabbricati euro 1400 di cui 480 per abitazione principale - oneri deducibili euro 200 L aliquota prevista per l anno 2011 per la regione Abruzzo è pari a 1,4%, mentre l aliquota stabilita dal Comune di Teramo è pari allo 0,5%. Il Comune di Teramo non ha variato la propria aliquota entro il Calcolo del reddito imponibile, ai fini delle addizionali: - reddito da lavoro dipendente = euro redditi di fabbricati = euro di abitazione principale = euro oneri deducibili (in diminuzione) = euro Totale reddito imponibile = euro Ga 13

14 Calcolo dell addizionale regionale a saldo: - reddito x 1,4% = 458,08 - acconti trattenuti in CUD = 448,00 - saldo = 10,08 (*) Calcolo dell addizionale comunale a saldo: - reddito x 0,5% = 163,60 - Addizionale in CUD (acconto + saldo) = 160,00 - saldo = 3,60 (*) Calcolo dell acconto dell addizionale comunale x l anno 2012: x 0,5% = 160 x 30% = 48 (acconto per 2012) x 0,5% = 163,60 x 30% = 49,08 (calcolo in 730) - differenza a saldo su 730/2010 = euro +1,08 (*) (*) = gli importi inferiori a 12 euro non sono dovuti. Limiti del saldo a debito o a credito Come per l Irpef, se il saldo dell addizionale regionale o comunale è pari o inferiore a 12 euro non sarà dovuto alcun versamento mentre in caso d imposta a credito pari od inferiore a 12 euro non sarà dovuto alcun rimborso. In caso di addizionale regionale e/o comunale a debito, per un importo superiore a 12 euro, il contribuente dovrà comunque presentare la dichiarazione dei redditi, anche se esonerato ai fini IRPEF. Ga 14

15 DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO CALCOLO DEGLI ACCONTI DOVUTI. L acconto Irpef L acconto Irpef è l'importo che il contribuente in alcuni casi può essere tenuto a versare come anticipo dell imposta dovuta sui redditi dell'anno in corso. Quando è dovuto l acconto L acconto è dovuto quando il rigo differenza del prospetto di liquidazione è uguale o superiore a euro 52. L acconto è calcolato moltiplicando l importo del rigo differenza per una percentuale stabilita dalla legge. Rigo differenza X Percentuale = acconto La misura dell acconto è pari al 99% del rigo differenza. Attenzione: si ricorda che l acconto Irpef per l anno d imposta 2012, a seguito del differimento di tre punti percentuali è dovuto nella misura del 96%. Tuttavia, tale differimento ha effetto sulla seconda o unica rata di acconto. Quando è dovuto l acconto Dove si indicano gli acconti Esempio L acconto è versato nel mese di novembre, ma quando l importo è superiore a 257,52 euro (rigo differenza 260,12 euro) il versamento è suddiviso in due rate: - la prima, pari al 40% dell acconto totale (quindi, per il 2012, il 40% del 99% del rigo differenza), deve essere versata entro la scadenza prevista per il versamento dell imposta a saldo; - la seconda, versata entro il mese di novembre, sarà pari all acconto determinato nella misura del 96%, diminuito dell importo dovuto come prima rata. Nel modello 730 l acconto è riportato nel prospetto di liquidazione nei righi prima rata di acconto Irpef per il 2012 e seconda o unica rata di acconto Irpef per il 2012, rispettivamente nelle sezioni liquidazione delle imposte del dichiarante e liquidazione delle imposte del coniuge Vediamo con un esempio come si effettua il calcolo: Rigo differenza (colonna dichiarante) = 450,00 euro L acconto per il 2012 è pari al 99%, perciò dobbiamo moltiplicare 450 per il 99% 450,00 x 99% = 445,50 Il risultato è superiore a 257,52 perciò l acconto dovrà essere pagato in due rate: la prima pari al 40% dell acconto totale e cioè: 445,50 x 40% = 178,20 la seconda rata risulta dalle seguenti operazioni: 450,00 X 96% = 432,00 432,00 178,20 = 253,80 colonna versamenti di acconto in misura inferiore del rigo F6 la minore somma che deve essere trattenuta dal sostituto d imposta. Queste situazioni possono verificarsi quando il contribuente prevede che nella prossima dichiarazione dei redditi avrà un imposta minore per effetto di una diminuzione dei suoi redditi oppure di un aumento degli oneri detraibili o deducibili. Ga 15

16 Acconto in dichiarazione congiunta Comunicazione per riduzione dell acconto In caso di dichiarazione congiunta, il calcolo va effettuato facendo riferimento al rigo differenza di ciascun coniuge. Il contribuente che, in fase di compilazione della dichiarazione dei redditi, non ha richiesto il blocco o la riduzione degli acconti, ha la possibilità di bloccare totalmente o in parte il versamento del secondo acconto inviando entro il 30 di settembre una comunicazione al sostituto d imposta. Il primo acconto, però, sarà regolarmente trattenuto dal sostituto d imposta che è in possesso del modello Ga 16

17 DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO LIQUIDAZIONE DELLE IMPOSTE Il saldo della dichiarazione Liquidazione delle imposte Ogni dichiarazione si chiude con la definizione dei saldi finali. Gli importi a saldo possono essere a debito o a credito. Una sezione del prospetto di liquidazione è destinata a raccogliere i risultati dei calcoli effettuati in precedenza. La sezione liquidazione delle imposte del dichiarante del prospetto di liquidazione riporta il risultato contabile della dichiarazione con riferimento a: Irpef; addizionale regionale Irpef; addizionale comunale Irpef; eventuali acconti d imposta; acconto 20% su redditi a tassazione separata; acconto su addizionale comunale; imposta sostitutiva somme per incremento della produttività; cedolare secca sugli immobili; eventuali acconti riferiti alla cedolare secca; contributo di solidarietà Una analoga sezione è prevista, nel caso di dichiarazione congiunta, per il risultato contabile del coniuge dichiarante. Limite minimo di versamento dell imposta La normativa prevede che, in sede di dichiarazione dei redditi e con riferimento alla singola imposta o addizionale, non si esegue il versamento del debito o il rimborso del credito risultante dalla dichiarazione, se esso non supera il limite di 12 euro. Per questo motivo, nella sezione liquidazione d imposta sono previste 6 colonne, uguali per il dichiarante e per il coniuge in caso di dichiarazione congiunta. Tali colonne riguardano le seguenti imposte: Irpef Addizionale regionale Irpef Addizionale comunale Irpef Cedolare secca sugli immobili Le prime quattro colonne riguardano i crediti, e in particolare: nella colonna importi non rimborsabili gli importi che corrispondono ai saldi a credito inferiori o uguali a 12 euro, per i quali non c è obbligo di rimborso del credito; nella colonna credito il credito spettante perché superiore a 12 euro; nella colonna di cui da utilizzare in compensazione con il modello F24 per i versamenti IMU la parte del credito che viene utilizzato in compensazione per il pagamento dell'imposta municipale propria (se richiesto attraverso la compilazione del quadro I) nella colonna di cui da rimborsare a cura del sostituto i rimborsi che devono essere effettivamente effettuati dal sostituto di imposta. Attenzione: La somma dei due importi indicati nelle colonne di cui da utilizzare in compensazione con il modello F24 per i versamenti IMU e di cui da Ga 17

18 rimborsare a cura del sostituto corrisponde all importo indicato in colonna credito. Le successive due colonne riguardano i debiti, e in particolare: nella colonna importi da non versare le imposte da versare che corrispondono ai saldi a debito inferiori o uguali a 12 euro, per i quali non c è obbligo di versamento; nella colonna importi da trattenere a cura del sostituto gli importi da trattenere a cura del sostituto d imposta perché superiori a 12 euro. Versamento o rimborso dell Irpef Sezione Altri Dati del mod.730/3 Il riquadro liquidazione delle imposte relativo sia al dichiarante che al coniuge contiene anche alcuni altri righi relativi agli acconti. I righi prima rata di acconto Irpef per il 2012 seconda o unica rata di acconto pagata per il 2012 riportano gli acconti (uno o due) dovuti per l anno di imposta 2012, il rigo acconto sui redditi a tassazione separata riporta il 20% di acconto sui redditi a tassazione separata indicati nel modello 730, per i quali non è stata scelta l opzione della tassazione ordinaria. L importo indicato non può essere negativo. il rigo acconto addizionale comunale per il 2012 riporta l acconto dell addizionale comunale Irpef dovuto per il 2012, calcolato come indicato in precedenza. il rigo imposta sostitutiva somme per incremento della produttività riporta l imposta sostitutiva da trattenere a cura del sostituto d imposta. I righi prima rata di acconto cedolare secca per il 2012 e seconda o u- nica rata di acconto cedolare secca pagata per il 2012 riportano gli acconti (uno o due) dovuti per l anno di imposta 2012 Il rigo Contributo di solidarietà riporta l importo dovuto del contributo di solidarietà Nella seconda parte del modello è presente anche un riquadro denominato ALTRI DATI. Tale riquadro contiene i seguenti dati, relativi sia al dichiarante che al coniuge: residuo del credito d imposta per il riacquisto della prima casa da utilizzare in compensazione; residuo del credito d imposta per l incremento della occupazione da utilizzare in compensazione; residuo del credito d imposta per l abitazione principale sisma Abruzzo residuo del credito d imposta reintegro anticipazioni fondi pensione, residuo del credito d imposta per mediazioni totale spese sanitarie rateizzate nella presente dichiarazione ; reddito di riferimento per agevolazioni fiscali comprensivo dell imponibile cedolare secca sulle locazioni; crediti per imposte pagate all estero. Si ricorda che il residuo dei crediti d imposta potrà essere utilizzato in diminuzione dell imposta dovuta nella prossima dichiarazione dei redditi. Anche l importo relativo alle spese rateizzate e i dati relativi ai crediti per imposte pagate all estero verranno utilizzati nella prossima dichiarazione dei redditi. Ga 18

19 Sezione Risultato della liquidazione del mod.730/3 Nella sezione risultato della liquidazione è presente il rigo richiesta di rateizzazione dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti che riporta il numero di rate scelte dal contribuente per il pagamento dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti. Il contribuente infatti può decidere di avvalersi della facoltà di rateizzare le somme dovute, relativi ai versamenti di saldo e ad eventuali acconti. Il secondo acconto non può essere rateizzato. La scelta per la rateizzazione deve essere effettuata indicando nel quadro F del modello 730, nella sezione relativa alle trattenute del saldo dovuto per il 2011 e degli eventuali acconti relativi al 2012 nella colonna numero rate, il numero delle rate che può andare da 2 a 5. Per i contribuenti pensionati, è opportuno che l eventuale scelta per la rateizzazione non superi il numero di tre rate, perché per tali soggetti il conguaglio viene normalmente effettuato solo a partire dal mese di agosto. Se viene scelta la rateizzazione il sostituto di imposta che opera il conguaglio deve calcolare gli interessi dovuti, pari allo 0,33 mensile. Importi trattenuti o rimborsati Nella sezione risultato della liquidazione sono, poi, indicati anche gli importi che saranno trattenuti o rimborsati dal datore di lavoro o dall ente pensionistico in busta paga a seguito delle operazioni di conguaglio. Nel primo rigo sono riportati: a colonna 1 gli importi che verranno trattenuti nel mese di luglio (agosto o settembre per i pensionati), a colonna 2 gli importi che verranno trattenuti nel mese di novembre, relativi alle seconda o unica rata di acconto IRPEF. Nel secondo rigo sono riportati: a colonna 1 gli importi che verranno rimborsati nel mese di luglio (agosto o settembre per i pensionati). Il risultato si ottiene sommando in forma algebrica tutti gli importi da trattenere e da rimborsare a cura del sostituto di imposta relativi al dichiarante ed al coniuge. Esempio Vediamo con un esempio come viene determinata la liquidazione dell imposta. Dal modello 730/3 (prospetto di liquidazione) di un contribuente risulta: IRPEF a debito euro 741 (rigo differenza) Addizionale regionale IRPEF a debito euro 140 Addizionale comunale IRPEF a debito euro 20 Acconto addizionale comunale IRPEF a debito euro 15 Acconti Irpef 2009 versati euro 800 I calcoli da effettuare sono: = 59 (importo Irpef da rimborsare) 741 x 99% = 733,59 (< 257,52) 733,59 x 40% = 293 (primo acconto Irpef) 733,59 x 60% = 440 (secondo acconto Irpef) = 409 (importo complessivamente trattenuto a luglio) 440 (importo complessivamente trattenuto a novembre) = 409 (importo complessivamente trattenuto a Luglio) 440 (importo complessivamente trattenuto a novembre) Ga 19

20 Credito utilizzato per il pagamento IMU. Nella sezione Dati per la compilazione del modello F24 ai fini del pagamento IMU sono indicati i crediti derivanti dalla dichiarazione che i contribuenti possono utilizzare in compensazione nel Modello F24 per il pagamento dell IMU. Si tratta quindi degli importi indicati nella colonna 3 delle sezioni Liquidazione delle imposte del Dichiarante e del Coniuge. Ga 20

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli