La gestione dei Pneumatici fuori uso (Pfu)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dei Pneumatici fuori uso (Pfu)"

Transcript

1 a cura di Paola Ficco La gestione dei Pneumatici fuori uso (Pfu) Sintesi degli obblighi alla luce del Codice ambientale Un omaggio di freebook ambiente normativa biblioteca gratuita on line di

2

3 LA GESTIONE DEI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) sintesi degli obblighi alla luce del codice ambientale

4

5 a cura di Paola Ficco La gestione dei Pneumatici fuori uso (Pfu) Sintesi degli obblighi alla luce del Codice ambientale Un omaggio di freebook ambiente normativa biblioteca gratuita on line di

6 la gestione dei pneumatici fuori uso (pfu) sintesi degli obblighi alla luce del codice ambientale a cura di paola ficco redazione: Lavinia Basso, Simona Faccioli progetto grafico: GrafCo3 Milano impaginazione: Roberto Gurdo ufficio stampa: Tutti i diritti riservati. È consentito l utilizzo dei testi per uso esclusivamente personale ed a fini non commerciali. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o qualsiasi supporto senza il permesso scritto dell Editore 2013, Edizioni Ambiente via Natale Battaglia 10, Milano tel , fax Finito di stampare nel mese di giugno 2013 da Rotomail Italia spa - Vignate (Mi) I siti di Edizioni Ambiente Seguici anche su: Facebook.com/EdizioniAmbiente Twitter.com/EdAmbiente Twitter.com/ReteAmbiente Aggiornato a giugno 2013

7 sommario 1. produttori di pneumatici: 9 i principi normativi della loro responsabilità. come l articolo 228 del codice ambientale ha anticipato il criterio comunitario dell epr (extended producer responsibility) 2. produttori del rifiuto: obblighi e responsabilità anche 13 con riferimento al registro di carico/scarico, al formulario e al mud 2.1 Chi è il produttore del rifiuto La responsabilità del produttore dei rifiuti Pneumatici usati e pneumatici fuori uso Le scritture ambientali del produttore di Pfu trasportatori e destinatari del rifiuto pfu: 22 obblighi e responsabilità 3.1 Le scritture ambientali del trasportatore e del destinatario di Pfu 25 e le loro autorizzazioni 4. stoccaggi: deposito temporaneo, messa in riserva 28 e deposito preliminare 4.1 Quando la sosta non è stoccaggio Il deposito temporaneo materie prime secondarie (mps), end of waste e sottoprodotti recupero agevolato degli pfu e dm 5 febbraio abbandono di rifiuti. la responsabilità del proprietario 41 del sito e l ordinanza del sindaco decreto 5 febbraio decreto legislativo 3 aprile 2006, n

8

9 Consigli per la navigazione all interno del freebook La gestione dei Pneumatici fuori uso (Pfu) Caratteristica di questo prodotto editoriale è il ricco corredo di link attivi, attraverso i quali il lettore può accedere a contenuti richiamati all interno delle diverse sezioni. Questa modalità di fruizione porta il lettore a spostarsi da un punto all altro del volume: per facilitare l orientamento si suggerisce di visualizzare il file con Acrobat e di utilizzare i pulsanti vista precedente e vista successiva per tornare al punto da cui si è cliccato sul link attivo. Per visualizzare tali pulsanti, la procedura da seguire una volta aperto il documento con Acrobat è descritta di seguito. Ripercorrere la sequenza di visualizzazione È possibile individuare le pagine PDF visualizzate in precedenza ripercorrendo la sequenza di visualizzazione. è importante capire la differenza tra pagine precedenti e successive e viste precedenti e successive. Nel caso delle pagine, i termini precedente e successiva si riferiscono alle due pagine adiacenti, prima e dopo la pagina attiva. Nel caso delle viste, i termini precedente e successiva si riferiscono alla cronologia di visualizzazione. Ad esempio, se ci si sposta avanti e indietro in un documento, la cronologia di visualizzazione ripercorre tali spostamenti, mostrando le pagine precedentemente visualizzate nell ordine di visualizzazione inverso. 1. Scegliere Vista > Navigazione pagine > Vista precedente. 2. Per continuare a visualizzare un altra parte della sequenza, effettuare una delle seguenti operazioni: Ripetere il passaggio 1. Scegliere Vista > Navigazione pagine > Vista successiva. Nota: Per rendere disponibili i pulsanti Vista precedente e Vista successiva nell area delle barre degli strumenti, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra degli strumenti Navigazione pagine e scegliere i pulsanti dal menu contestuale. In alternativa, scegliere Mostra tutti gli strumenti.

10

11 Ecopneus scpa è una società senza scopo di lucro nata per gestire il tracciamento, la raccolta, il trattamento e la destinazione finale dei Pneumatici fuori uso (Pfu) in Italia, in linea con quanto stabilito dall articolo 228 del decreto legislativo 152/2006 che impone a produttori e importatori di pneumatici di assicurare la corretta gestione di un quantitativo di Pfu pari in peso a quanto immesso nel mercato del ricambio l anno solare precedente. Il sistema così definito garantisce un monitoraggio costante e puntuale degli Pfu in ogni fase del loro percorso, da quando viene rimosso dai nostri veicoli fino al loro effettivo recupero, come energia o materia prima seconda per nuovi usi; un meccanismo di rendicontazione annuale al Ministero dell ambiente garantisce trasparenza e rispetto delle norme in materia (per approfondimenti Tutto ciò è improntato a criteri di massima efficacia, efficienza, economicità e trasparenza, garantendo al cittadino il migliore impiego delle risorse economiche che finanziano il sistema attraverso il contributo ambientale all atto dell acquisto. Il 2012, primo anno di piena operatività del sistema nazionale di gestione dei Pfu, Ecopneus ha raccolto ed avviato a corretto recupero tonnellate di Pneumatici fuori uso, grazie a 40 impianti di trattamento, riciclo e recupero e alle oltre 70 aziende di raccolta che hanno evaso più di richieste di prelievo pervenute dagli oltre punti di generazione registrati. Nel corso del 2012 Ecopneus ha anche realizzato quattro operazioni di prelievo straordinario in altrettante città italiane, rimuovendo, completamente a proprio carico, complessivamente oltre tonnellate di Pfu dai siti in cui giacevano abbandonati. Inoltre, forte è l impegno di Ecopneus nella ricerca e sviluppo di nuovi impieghi per la gomma derivante dagli pneumatici fuori uso al fianco di prestigiose realtà accademiche e di ricerca del nostro Paese cui si affiancano azioni di studio e analisi sul tema dell illegalità, che in forme sempre diverse ma sempre a danno dell ambiente e dell economia del Paese, contrasta l azione virtuosa che permette oggi all Italia di inviare a recupero ogni singolo Pneumatico fuori uso generato nell ambito dei canali legali di vendita e installazione. Da qui nasce l iniziativa Pfu Academy, la nuova piattaforma di informazione e formazione ideata da Ecopneus e rivolta alle figure tecniche degli Organismi di controllo e di vigilanza e ai funzionari della Pubblica amministrazione, dedicata al sistema di raccolta e recupero degli Pneumatici fuori uso e alle implicazioni normative e amministrative ad esso inerenti. Ecopneus Scpa Via Messina, 38, Milano Tel. 02/

12

13 La gestione dei Pneumatici fuori uso (Pfu) di Paola Ficco 1. Produttori di pneumatici: i principi normativi della loro responsabilità. Come l articolo 228 del Codice ambientale ha anticipato il criterio comunitario dell Epr (Extended producer responsibility) Il concetto della responsabilità estesa del produttore del prodotto (Epr Extended producer responsibility) è stato introdotto nell ordinamento italiano dall articolo 178-bis, Dlgs 152/2006 (cd. Codice ambientale ). Il produttore del prodotto viene definito come qualsiasi persona fisica o giuridica che professionalmente sviluppi, fabbrichi, trasformi, tratti, venda o importi prodotti; (articolo 183, comma 1, lettera g), Dlgs 152/2006). Il principio della responsabilità estesa del produttore risale al diritto comunitario, laddove si afferma che Per rafforzare il riutilizzo, la prevenzione, il riciclaggio e l altro recupero dei rifiuti, gli Stati membri possono adottare misure legislative o non legislative volte ad assicurare che qualsiasi persona fisica o giuridica che professionalmente sviluppi, fabbrichi, trasformi, tratti, venda o importi prodotti (produttore del prodotto) sia soggetto ad una responsabilità estesa del produttore. (articolo 8, par. 1, e 15, direttiva 2008/98/Ce sui rifiuti). La direttiva 2008/98/Ce è stata recepita nell ambito dell ordinamento giuridico nazionale ad opera del Dlgs 205/2010 che ha introdotto nel corpo del Dlgs 152/2006 l articolo 178- bis dedicato, come detto, alla responsabilità estesa del produttore. L introduzione di tale principio in forma generale (1) prosegue un percorso iniziato da tempo sui singoli flussi di rifiuti: accanto agli imballaggi, ai veicoli fuori uso, a pile e accumulatori, oli minerali e Raee (tutti oggetto di specifiche discipline comunitarie) si sono posti di recente gli pneumatici fuori uso (articolo 228 Codice ambientale ). Sia il fronte europeo sia quello nazionale, dunque, non sono affatto nuovi al principio dell Epr; tuttavia, in relazione agli pneumatici fuori uso, il merito del Legislatore nazionale risiede nel fatto di aver concepito tale responsabilità del produttore già nel 2006 (con l articolo 228 del Dlgs 152/2006) a prescindere dal fatto che l Europa li avesse disciplinati come flusso specifico. Il nucleo fondante del principio dell Epr risiede tutto nel fatto che le norme (prima) e i sistemi (dopo) cerchino di minimizzare l impatto ambientale dei prodotti immessi sul mer- (1) Il principio in parola si pone in esito ad un lungo percorso iniziato con la Comunicazione della Commissione Ue Verso una strategia tematica sulla prevenzione e sul riciclo dei rifiuti 27 maggio 2003 Com (2003) 301 che nella responsabilità estesa del produttore del prodotto ravvisa uno dei tre pilastri della strategia per il riciclo dei rifiuti. Il principio, tuttavia, è stato coniato in Svezia nel 1990 in un apposito report del Ministro dell ambiente Models for extended producer responsibility.

14 10 la gestione dei pneumatici fuori uso (pfu) cato attraverso la responsabilizzazione del loro produttore; infatti, costui viene chiamato a gestire il fine vita dei prodotti generati, facendolo o direttamente o pagando qualcun altro che lo faccia in suo nome e per suo conto. Tutto questo viene previsto per rafforzare la prevenzione e facilitare l efficientamento delle risorse durante tutto il ciclo di vita del bene (anche quando viene riutilizzato, riciclato e recuperato come rifiuto). Come è evidente, dunque, la ratio delle previsioni relative all Epr risiede tutta nel prevenire la formazione del rifiuto (o diluirne il più possibile nel tempo la formazione) e, una volta formato, nel favorirne il riciclo (2). Tuttavia, ad oggi, la previsione dell articolo 178-bis, Dlgs 152/2006 ha natura programmatica, poiché la sua effettiva attuazione è demandata a provvedimenti futuri, come si evince chiaramente dal testo del comma 1 secondo il quale: possono essere adottati (omissis) con uno o più decreti del Ministro dell ambiente e della tutela del territorio e del mare aventi natura regolamentare, (omissis), le modalità e i criteri di introduzione della responsabilità estesa del produttore del prodotto (omissis). Il previsto sistema attuativo, peraltro, non si esaurisce nei suindicati futuri provvedimenti; infatti, sempre l articolo 178-bis, comma 1, prevede altri decreti che individuino anche modalità e criteri: a) di gestione dei rifiuti e della relativa responsabilità finanziaria dei produttori del prodotto. I decreti della presente lettera sono adottati di concerto con il Ministero dell economia e delle finanze; b) di pubblicizzazione delle informazioni relative alla misura in cui il prodotto è riutilizzabile e riciclabile; c) della progettazione dei prodotti volta a ridurre i loro impatti ambientali; d) di progettazione dei prodotti volta a diminuire o eliminare i rifiuti durante la produzione e il successivo utilizzo dei prodotti, assicurando che il recupero e lo smaltimento dei prodotti che sono diventati rifiuti avvengano in conformità ai criteri di cui agli articoli 177 e 179; e) volti a favorire e incoraggiare lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti adatti all uso multiplo, tecnicamente durevoli, e che, dopo essere diventati rifiuti, sono adatti ad un recupero adeguato e sicuro e a uno smaltimento compatibile con l ambiente. È evidente che la norma si limita a prevedere (in astratto) i modi e gli strumenti attraverso i quali tutta questa articolata e complessa disciplina giunga a compimento. Una sorta di (2) Non è un caso, del resto, che l articolo 180-bis, comma 2, Dlgs 152/2006, relativo al riutilizzo dei prodotti e alla preparazione per il riutilizzo dei rifiuti, preveda che un futuro Dm Ambiente e Sviluppo economico (sentita la Conferenza Unificata) adotti ulteriori misure per promuovere il riutilizzo dei prodotti e la preparazione dei rifiuti per il riutilizzo anche attraverso l introduzione della responsabilità estesa del produttore del prodotto.

15 la gestione dei pfu 11 vera e propria opera del duomo (3) i cui confini, dunque, non sono ancora esattamente definiti. Le future previsioni su tale responsabilità estesa non incideranno, tuttavia, sulla responsabilità del produttore nella gestione dei rifiuti né tantomeno sulle norme di riferimento di quest ultima. Quindi, la responsabilità estesa del produttore non va mai confusa con la responsabilità del produttore per la gestione dei rifiuti. Alla responsabilità estesa del produttore, come detto di futura attuazione, il Dlgs 152/2006 affianca il sistema previsto per i flussi specifici di rifiuti. Come accennato, accanto a quanto già da tempo previsto a livello anche europeo per la gestione specifica di olii minerali, pile e batterie, Raee, veicoli fuori uso e imballaggi, per gli pneumatici fuori uso l articolo 228 Codice ambientale (4) interviene anticipando non solo la logica generale della direttiva 2008/98/Ce (trasposta con il Dlgs 205/2010) ma anche qualsiasi futura previsione comunitaria dedicata nello specifico agli pneumatici. Infatti, l articolo 228 obbliga produttori e importatori di pneumatici di provvedere, singolarmente o in forma associata e con periodicità almeno annuale, alla gestione di quantitativi di pneumatici fuori uso pari a quelli dai medesimi immessi sul mercato e destinati alla vendita sul territorio nazionale, provvedendo anche ad attività di ricerca, sviluppo e formazione finalizzata ad ottimizzare la gestione dei pneumatici fuori uso nel rispetto di misure tese a proteggere l ambiente e la salute umana, prevenendo o riducendo gli impatti negativi della produzione e della gestione dei rifiuti, e quelli complessivi dell uso delle risorse migliorandone l efficacia (come previsto dall articolo 177, comma 1, Dlgs 152/2006). L obbligo dei produttori e degli importatori è previsto dallo stesso articolo 228: al fine di garantire il perseguimento di finalità di tutela ambientale secondo le migliori tecniche disponibili, ottimizzando, anche tramite attività di ricerca, sviluppo e formazione, il recupero dei pneumatici fuori uso e per ridurne la formazione anche attraverso la ricostruzione. A questo punto, è evidente che: irne il più possibile nel tempo la formazione) e, una volta formato, nel favorirne il riciclo; con il Dlgs 205/2010 (di modifica del Dlgs 152/2006); 152/2006 sono stati modificati dal Dlgs 205/2010 che ha stabilito che i produttori e gli (3) La definizione è di F. Gianpietro, A. Muratori, D. Rottgen Il Dlgs 205/2010 sui rifiuti: prima lettura, in Ambiente e Sviluppo 2, 2011, p (4) Come modificato dall articolo 32, Dlgs 205/2010 e fermi restando i principi relativi alla gerarchia di trattamento dei rifiuti e di prevenzione della loro produzione (articoli 179 e 180, Dlgs 152/2006).

16 12 la gestione dei pneumatici fuori uso (pfu) importatori di pneumatici si devono impegnare nell attività di ricerca, sviluppo e formazione finalizzata ad ottimizzarne la gestione una volta diventati rifiuti; ma della responsabilità del produttore del penumatico a prescindere da fumosi e futuri decreti attuativi, rimettendo ad un unico e specifico decreto del Ministro dell ambiente (d intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano) la disciplina di tempi e modi per realizzare l obbligo di produttori e importatori di pneumatici di farsi carico del fine vita di quanto immesso al consumo: tale regolamentazione si è poi concretata nel Dm 11 aprile 2011, n. 82 (5) che disciplina in modo dettagliato le modalità con le quali produttori e importatori devono adempiere ai loro obblighi di gestione. Sono questi i motivi che rendono oltremodo evidente come l articolo 228, Dlgs 152/2006 abbia anticipato sotto il profilo sia formale sia sostanziale l applicazione operativa e gestionale del principio dell Epr (Extended Producer Responsibility) rispetto alle nuove disposizioni in proposito contenute nella direttiva 2008/98/Ce, trasposta in Italia con il Dlgs 205/2010 (articolo 178-bis). Quindi, i principi normativi della responsabilità dei produttori e degli importatori di pneumatici sono di derivazione sicuramente nazionale, dove un Legislatore attento ha giocato d anticipo rispetto alla generale disciplina comunitaria sulla responsabilità estesa del produttore che, codificata solo nel 2010, aspetta ancora una traduzione in termini reali. (5) Decreto 11 aprile 2011, n. 82 Regolamento per la gestione degli pneumatici fuori uso (Pfu), ai sensi dell articolo 228 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni e integrazioni, recante disposizioni in materia ambientale (Gu 8 giugno 2011 n. 131).

17 la gestione dei pfu Produttori del rifiuto: obblighi e responsabilità anche con riferimento al registro di carico/scarico, al formulario e al Mud 2.1 Chi è il produttore del rifiuto L individuazione del produttore dei rifiuti è fondamentale per capire in capo a chi incomba l obbligo della relativa gestione. La definizione di produttore di rifiuti è fornita dall articolo 183, comma 1, lettera f), Dlgs 152/2006 nei seguenti termini letterali: il soggetto la cui attività produce rifiuti (produttore iniziale) o chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che hanno modificato la natura o la composizione di detti rifiuti;. Il produttore dei rifiuti è quindi l esecutore materiale del lavoro e non il committente. Questo è il principio di diritto ripetutamente affermato dalla Corte di Cassazione (sentenza n del 1 aprile 2003; Sez. III, sentenza 19 ottobre 2004, n ; Sez. III, sentenza 12 ottobre 2005, n ). Trasferendo questo principio al campo dei pneumatici fuori uso (Pfu), è ovvio che il produttore del rifiuto è il gommista e non il proprietario del mezzo. Da tale principio se ne ricava un altro: il proprietario del mezzo può essere considerato responsabile degli illeciti commessi dal gommista nella gestione del rifiuto Pfu, solo se e in quanto costui abbia concorso (anche dal punto di vista psicologico) negli illeciti medesimi. La responsabilità del proprietario del mezzo non discende dall omessa vigilanza sul gommista, poiché egli non ha alcun obbligo giuridico di vigilare su di esso (si veda Cass. Pen., Sez. III, sentenze n /2003 e n /2004 citate), ma dall applicazione delle regole generali sul concorso di persone nel reato, le quali prevedono che quando la condotta di un soggetto contribuisce alla commissione di un reato da parte di un altro soggetto, del reato rispondono entrambi. 2.2 La responsabilità del produttore dei rifiuti Si è già detto nel precedente par. 1) che la responsabilità estesa del produttore del prodotto non va confusa con la responsabilità del produttore dei rifiuti per la loro gestione. A tale secondo riguardo, si osserva che il Dlgs 152/2006 declina la responsabilità del produttore al suo articolo 188, dal contenuto chiarissimo: il produttore (gommista) non si spoglia della responsabilità dei suoi rifiuti semplicemente consegnandoli al terzo trasportatore, ma conserva un onere (almeno di vigilanza) circa il buon esito del viaggio verso quel sito finale che deve essere necessariamente conosciuto sia dal produttore sia dal trasportatore al momento della partenza. Se il produttore (gommista) non riceve la quarta copia controfirmata dal responsabile del sito di destinazione entro i tre mesi previsti dalla norma, la responsabilità condivisa

18 14 la gestione dei pneumatici fuori uso (pfu) (ancora attiva) impone al produttore (gommista) l obbligo di denuncia alla Provincia. È questo un punto-cardine per la esclusione della responsabilità del produttore: solo se il produttore comunica alla Provincia di non aver ricevuto la IV copia si libera da responsabilità. Infatti, non bisogna dimenticare che il sistema penale e quello amministrativo punitivo prevedono l istituto del concorso di persone nell illecito (rispettivamente: articolo 110 C.p. e articolo 5, legge 689/1981). È su tale base che possono essere punite anche le condotte di coloro che pongono in essere un attività lecita che tuttavia concorre e/o agevola la commissione di un reato da parte di un altro (o di altri) soggetto. Sussiste dunque un onere del produttore (gommista) di garantire la corretta fase finale della gestione del rifiuto accompagnata da una vera e propria impossibilità di delegare al trasportatore o ad altri la sua responsabilità. Ciononostante, sono ancora in molti a ritenere, erroneamente, che il produttore dei rifiuti, una volta che li ha conferiti a un trasportatore o un altro terzo (ad esempio un acquirente o un intermediario), possa ritenersi completamente esente da responsabilità circa la corretta destinazione finale dei rifiuti. Non solo: molti ritengono che la cessione del rifiuto in senso civilistico (ad esempio attraverso la vendita) produca automaticamente il venir meno della responsabilità in relazione alla sorte del rifiuto, mettendo anche al sicuro dal rischio di vedersi comminata una sanzione (penale o amministrativa). Questo è sbagliato: il produttore di rifiuti conserva la responsabilità relativa al corretto avvio allo smaltimento o recupero del rifiuto fino alla destinazione finale, in via esclusiva e diretta, senza possibilità di cessione a terzi, a qualunque titolo, di tale sua responsabilità. Ciò che può essere ceduto è il rifiuto, ma non la responsabilità per la sua gestione. Quindi, il produttore deve accertarsi che il luogo ove il trasportatore condurrà i rifiuti esiste e che il gestore sia debitamente autorizzato (ossia che sia autorizzato a ricevere quello specifico rifiuto, nella specie il pneumatico fuori uso). Analoga verifica va effettuata in ordine al trasportatore, nei cui confronti il produttore dovrà accertare ad esempio la regolarità della sua iscrizione all Albo gestori ambientali; tutto ciò è necessario per evitare di incorrere in ciò che la Cassazione definisce colpa inescusabile (si veda la sentenza della Corte di Cassazione, Sez. III pen., 11 febbraio 2008, n. 6420). Se è vero dunque che la consegna dei rifiuti a soggetti autorizzati alle attività di recupero e smaltimento e la successiva ricezione del formulario sono sufficienti per esonerare il produttore/detentore da responsabilità, occorre anche che quest ultimo compia tutte le verifiche necessarie richieste dalla legge perché l intero ciclo di gestione dei rifiuti sia

19 la gestione dei pfu 15 svolto nella piena regolarità sostanziale e non meramente formale (richiesta delle autorizzazioni al trasportatore e al destinatario; verifica della esistenza del sito di destinazione finale; compilazione e firma del formulario). In ogni caso, non sono ascrivibili al produttore/detentore eventuali falsità non riconoscibili contenute nelle autorizzazioni, nella comunicazione d inizio attività e nel formulario, e pertanto in questo caso egli non ne risponde. Restano salvi, ovviamente e come sempre, i casi di concorso nella falsità stessa (ovvero i casi in cui il produttore abbia contribuito a creare tale falsità). L indagine sulla composizione e provenienza del rifiuto grava sul produttore, unitamente all obbligo di avviare il rifiuto a recupero/smaltimento e, quindi, di caratterizzarlo per individuare a quale impianto può essere destinato e tramite quale trasportatore. Nel caso dei Pfu tutto è molto più semplice perché il Pfu è sempre un rifiuto non pericoloso e l impegno di Ecopneus consente al gommista di ricevere la visita di trasportatori sempre iscritti all Albo gestori ambientali e di destinare i Pfu da lui prodotti ad impianti esistenti e appositamente autorizzati. 2.3 Pneumatici usati e pneumatici fuori uso Secondo la Corte di Cassazione (sez. III pen., sentenza 26 giugno 2012, n ) deve ormai ritenersi superato l orientamento giurisprudenziale che ha in passato qualificato come rifiuti gli pneumatici usati ricostruibili, e come operazione di recupero la ricostruzione dei battistrada usurati. Gli pneumatici che, pur usurati, conservano integre le loro caratteristiche naturali e sono quindi ricostruibili devono essere considerati beni e non rifiuti (eccettuati i casi in cui il detentore dimostri la palese volontà di disfarsene oppure si tratti di componenti di veicoli fuori uso). In tali casi la ricostruzione non rappresenta un operazione di recupero di un rifiuto (come stabilito dalla stessa Corte con la sentenza 46643/2007), ma un trattamento di risanamento di un bene. Spetta al soggetto detentore dimostrare le circostanze concrete a sostegno della pretesa destinazione alla ricostruzione, con la prova della ricostruibilità potenziale in primis, ma anche attraverso l indicazione del ricostruttore e la dimostrazione di precedenti conferimenti. Ancora la Cassazione (sentenza 27 giugno 2012, n ) ha affermato che è stata operata una duplice classificazione degli pneumatici, distinguendo quelli usati e ricostruibili da quelli fuori uso. Pur mancando una chiara definizione delle due categorie, pare comunque evidente come nella categoria degli pneumatici fuori uso possano senz altro collocarsi quelli che, per le condizioni di decadimento o altre ragioni abbiano perso la loro funzione originaria e non siano ricostruibili, mentre in quella degli pneumatici usati andranno invece con-

20 16 la gestione dei pneumatici fuori uso (pfu) siderati quelli ancora utilizzabili, ad esempio perché rispondenti ai requisiti di efficienza tecnica previsti dalle vigenti disposizioni in materia di circolazione stradale, e quelli ricostruibili. Ferma restando la evidente valenza ecologica dell attività di ricostruzione degli pneumatici, la natura di rifiuto degli pneumatici usati non può certamente essere esclusa qualora risulti la obiettiva volontà di disfarsene da parte del detentore. Va poi ricordato che, anche nel caso degli pneumatici usati, si versa in ipotesi di disposizioni aventi natura eccezionale e derogatoria rispetto alla disciplina ordinaria in tema di rifiuti, con la conseguenza che, come più volte affermato da questa Corte, l onere della prova circa la sussistenza delle condizioni di legge debba essere assolto da colui che ne invoca l applicazione (v. ad es. Sez. 3, n , 29 aprile 2011; Sez. 3, n , 7 novembre 2008 in tema di sottoprodotti; Sez. 3, n , 23 aprile 2010; Sez. 3, n , 17 marzo 2004;. Sez. 3, n , 15 giugno 2004 in tema di deposito temporaneo e, con riferimento alle terre e rocce da scavo, Sez. 3, n. 9794, 8 marzo 2007; Sez. 3, 37280, 1 ottobre 2008; Sez. 3, n , 10 settembre 2009). In definitiva, può dunque affermarsi il principio secondo il quale gli pneumatici usati, intendendosi come tali quelli ricostruibili o utilizzabili direttamente e rispetto ai quali non risulti l obiettiva volontà di disfarsene da parte del detentore, non rientrano nel novero dei rifiuti a differenza degli pneumatici fuori uso, che invece il legislatore espressamente individua come tali e che, per degrado o altre condizioni, abbiano perso la loro funzione originaria. Figura 1: l eccessiva usura del pneumatico nella foto con tele esposte ne rende impossibile il riuso o la ricostruzione.

21 la gestione dei pfu Le scritture ambientali del produttore di Pfu La tracciabilità dei rifiuti viene tradizionalmente assolta, anche da parte del produttore di Pfu, mediante il consueto utilizzo di: Tutti questi strumenti, a decorrere dal 3 marzo 2014 per i produttori di rifiuti non pericolosi, dovrebbero essere sostituiti dal Sistri (Sistema informatico per la tracciabilità dei rifiuti di cui al Dm 18 febbraio 2011, n. 52), oggetto di numerose proroghe e modifiche e la cui disciplina ad oggi risulta tutt altro che consolidata, in termini sia di decorrenza effettiva del relativo obbligo sia delle modalità e delle procedure gestionali attraverso le quali operare. Il Pfu è un rifiuto non pericoloso con Cer ; il produttore di tale rifiuto (che come visto sub 2.1 è il gommista) in ordine alle cennate scritture ambientali ha i seguenti obblighi, variabili in relazione alla posizione rivestita all interno dell assetto delle attività economiche, come il seguente schema chiarisce (solo con riferimento ai Pfu). Obblighi del produttore di Pfu Soggetto obbligato Obbligo Fonte normativa Produttore Pfu (gommista se iscritto all Albo imprese artigiane della Cciaa come artigiano) Produttore Pfu (gommista se iscritto al Registro imprese Cciaa come commerciante) Tenuta e conservazione del registro di carico e scarico in qualità di produttore: Sì Invio del Mud alla Cciaa entro il 30 aprile di ogni anno: Sì, ma solo se ha più di 10 dipendenti Compilazione del formulario per il trasporto e conservazione della I e della IV copia per 5 anni: Sì Tenuta e conservazione per 5 anni del registro di carico e scarico in qualità di produttore: No Invio del Mud alla Cciaa entro il 30 aprile di ogni anno: No Compilazione del formulario per il trasporto e conservazione della I e della IV copia per 5 anni: Sì Articoli - 189, comma 3-190, commi 1 e 3 Dlgs 152/2006 Articolo 189, comma 3, Dlgs 152/2006 Articolo 193, commi 2 e 4, Dlgs 152/2006 Articoli - 189, comma 3-190, comma 1, Dlgs 152/2006 Articolo 189, comma 3 Dlgs 152/2006 Articolo 193, commi 2 e 4, Dlgs 152/2006

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi Viale Shakespeare n. 29 DEFINIZIONI (Art. 183, lett. f) DLgs

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015 NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Milano 22/06/2015 1 Introduzione 2 Le Responsabilità nella classificazione del rifiuto 3 Classificazione: come deve operare il Produttore 4 Caratterizzazione:

Dettagli

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta 1. Il sistema di responsabilità correlato

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE

Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di modifica al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e recepimento della Direttiva 2008/98/CE NOTA DI COMMENTO Entrata in vigore Le modifiche apportate al

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Consulenza per la gestione dei rifiuti

Consulenza per la gestione dei rifiuti Consulenza per la gestione dei rifiuti ECORADAR DI GRAMEGNA ALESSANDRO - VIA DELLA REPUBBLICA, 41/A 20011 CORBETTA TEL. 02.97272190 MOB. +393661585997 - e-mail: info@ecoradar.it P.IVA 08738030967 - C.F.

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale 21^ Giornata di Studio della Polizia Locale Veneto 55^ Edizione Nazionale Jesolo (VE) - 10, 11 aprile 2014 Pala Arrex - Sala Palladio

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE I: REATI IN TEMA DI AMBIENTE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it news letter Inerti Foro numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013.

CIRCOLARE n. 1. La presente circolare sostituisce la Nota esplicativa, pubblicata nelle more della conversione del d.l. n. 101/2013. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche CIRCOLARE n. 1 per l applicazione dell articolo 11 del decreto legge

Dettagli

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013

SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 SISTRI quesiti ricorrenti Aggiornato al 9 ottobre 2013 Quesito Primo avvio di SISTRI 1 Come devono essere gestiti i rifiuti in giacenza presso l impianto (di produzione o di trattamento) al momento di

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi. Principali problemi gestionali e commenti sul Decreto Ministeriale 26 aprile 2014

SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi. Principali problemi gestionali e commenti sul Decreto Ministeriale 26 aprile 2014 SISTRI Indicazioni per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi Principali problemi gestionali e commenti sul Decreto Ministeriale 26 aprile 2014 Come è cambiato il Sistri nel corso degli ultimi due

Dettagli

Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi

Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi Il trasporto di rifiuti alla luce del Decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 di Rosa Bertuzzi La normativa di riferimento a livello nazionale in materia di rifiuti è rappresentata dal Decreto legislativo

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI

INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI INDAGINI E BONIFICHE AMBIENTALI dalla progettazione all esecuzione: VIOLAZIONI E SANZIONI Dott. Alessandro Lucchesini, Responsabile Tecnico CECAM srl, Firenze Direttiva europea 2004/35/CE sulla responsabilità

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

RESPONSABILITA DEI PRODUTTORI E DETENTORI

RESPONSABILITA DEI PRODUTTORI E DETENTORI RESPONSABILITA DEI PRODUTTORI E DETENTORI LE DEFINIZIONI - ART. 183 LETT. B) E C) PRODUTTORE : la persona la cui attivita' ha prodotto rifiuti cioe' il produttore iniziale e la persona che ha effettuato

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti

SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI: facciamo il punto Aggiornamento sul sistema di tracciabilità dei rifiuti 27 marzo 2015 CONFINDUSTRIA RAVENNA Servizio QSAE Le problematiche ancora aperte Sistema complesso ancora in attesa di semplificazioni

Dettagli

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI Le formalità da seguire per procedere alle distruzioni di beni, analoghe sia per le rimanenze di magazzino che per i beni strumentali, sono attualmente previste dal D.P.R.

Dettagli

OGGETTO: Bando di gara n... - Procedura... PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DEL COMUNE DI CERVARO

OGGETTO: Bando di gara n... - Procedura... PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DEL COMUNE DI CERVARO OGGETTO: Bando di gara n.... - Procedura... PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DEL COMUNE DI CERVARO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 Il/La sottoscritto/a...

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE. REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI LA NORMATIVA ATTUALE REGGIO EMILIA Venerdì 4 aprile 2014 Il D.lgs 22/97 (c.d. Decreto Ronchi) introduce novità significative nella gestione dei rifiuti, rispetto a un passato

Dettagli

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti

SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti SISTRI SIStema di controllo della Tracciabilita dei RIfiuti Ancona, 10/12/2014 Dott.ssa Federica Angeloni Dott.ssa Tamara Giacometti Dott.Ing. Alessio Stabile SISTRI: facciamo il punto Il quadro di riferimento

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DETERMINAZIONE n. IL DIRIGENTE

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DETERMINAZIONE n. IL DIRIGENTE CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DIPARTIMENTO POLIZIA PROVINCIALE, POLITICHE PER LA LEGALITA E LA SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE DIREZIONE SANZIONI Sede uffici Via Don Bosco 4f fax 081/7949933 tel. 081/7949572

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Pneumatici fuori uso (Pfu), la disciplina normativa Di Paola Ficco. ECOMONDO - Rimini, 30 ottobre 2009

Pneumatici fuori uso (Pfu), la disciplina normativa Di Paola Ficco. ECOMONDO - Rimini, 30 ottobre 2009 Pneumatici fuori uso (Pfu), la disciplina normativa Di Paola Ficco ECOMONDO - Rimini, 30 ottobre 2009 Premessa Tra le dizioni pneumatico fuori uso e pneumatico usato esiste una una pericolosa confusione.

Dettagli

Studio Stefano Maglia

Studio Stefano Maglia Studio Stefano Maglia Consulenze Legali Ambientali OGGETTO: Quesito relativo alla microraccolta e alla sosta Un azienda effettua la microraccolta presso agricoltori solo nell'ambito della propria provincia.

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA 1/11 Allegato A) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA Spett. le COMUNE DI AMALFI Piazza Municipio, 6 84011 A M A L F I (SA) Oggetto e importo dell appalto: Procedura ristretta per

Dettagli

Guida pratica all applicazione del SISTRI

Guida pratica all applicazione del SISTRI Stefano Sassone Guida pratica all applicazione del SISTRI Sintesi ragionata di normativa, procedure ed operazioni previste per il riavvio del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti Contiene

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

Durante il periodo di moratoria del regime sanzionatorio del SISTRI, la copia della scheda Sistri non sostituisce il formulario.

Durante il periodo di moratoria del regime sanzionatorio del SISTRI, la copia della scheda Sistri non sostituisce il formulario. 1 Richiesta Associazione Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di produzione di rifiuti pericolosi, anche se derivanti dal trattamento di

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (attuazione delle direttive 91/156/CEE sui

Dettagli

rifiuti pericolosi SI non rifiuti pericolosi prodotti da terzi

rifiuti pericolosi SI non rifiuti pericolosi prodotti da terzi 1 Sono obbligati all operatività del Sistri, prevista per il 1 ottobre i nuovi produttori, solo nel caso di produzione di rifiuti pericolosi, anche se derivanti dal trattamento di rifiuti non pericolosi?

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

Alla Stazione appaltante Comune di San Martino Siccomario Via Roma 1 27028 San Martino Siccomario (PV)

Alla Stazione appaltante Comune di San Martino Siccomario Via Roma 1 27028 San Martino Siccomario (PV) A.1.1 LAVORI PUBBLICI ORDINARI - ISTANZA DI PARTECIPAZIONE CON AUTO CERTIFICAZIONI 1 2 Alla Stazione appaltante Comune di San Martino Siccomario Via Roma 1 27028 San Martino Siccomario (PV) OGGETTO: AFFIDAMENTO

Dettagli

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO

AVVALIMENTO - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R. N. 445 DEL 28 DICEMBRE 2000 DELL OPERATORE ECONOMICO AUSILIARIO ALLEGATO D PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI FARMACI, PARAFARMACI E DI TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI EROGABILI NEL NORMALE CICLO DISTRIBUTIVO DELLE FARMACIE CIG 602865075B CIG 6028660F99 Spett.le FARMACIA

Dettagli

OGGETTO: Procedura aperta PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DELLA RUZZO RETI S.P.A.

OGGETTO: Procedura aperta PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DELLA RUZZO RETI S.P.A. ISTANZA DI PARTECIPAZIONE modello A Timbro della ditta OGGETTO: Procedura aperta PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI DELLA RUZZO RETI S.P.A. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA REDATTA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA.

DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA. ISTANZA E RELATIVE DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI COPERTURA ASSICURATIVA DELLA SOCIETA STRUTTURA VALLE D AOSTA S.R.L. PERIODO 01/10/2014 01/10/2017

Dettagli

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti?

Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? Di Avv. Rosa Bertuzzi Rottami ferrosi: rifiuti o non rifiuti? di Avv. Rosa Bertuzzi Circa i rottami ferrosi, in questa rivista, si è già trattato l argomento in passato. L ultimo articolo, risalente al

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Ufficio Appalti Allegato A al disciplinare ISTANZA DI AMMISSIONE Nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà ai sensi degli artt.

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione

Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Nuova direttiva rifiuti e nuove regole di classificazione per i rifiuti pericolosi. Conseguenze e impatti su produzione, deposito, trasporto, gestione Dr.ssa Micaela Utili Confapi Ravenna Verona 21 aprile

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Credi veramente di conoscere proprio tutto sui formulari di identificazione del rifiuto?

Credi veramente di conoscere proprio tutto sui formulari di identificazione del rifiuto? Credi veramente di conoscere proprio tutto sui formulari di identificazione del rifiuto? Se sei un produttore di rifiuti leggi questo articolo. Sicuramente troverai diverse informazioni importanti per

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

D.L. 31-8-2013 n. 101

D.L. 31-8-2013 n. 101 D.L. 31-8-2013 n. 101 (convertito in legge dalla legge 125/2013) Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni. Omissis Misure in materia ambientale

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

Alla Stazione appaltante COMUNE DI CANNETO PAVESE Prov. PAVIA Via Casabassa n. 7 27044 Canneto Pavese (PV)

Alla Stazione appaltante COMUNE DI CANNETO PAVESE Prov. PAVIA Via Casabassa n. 7 27044 Canneto Pavese (PV) A. Istanza di partecipazione con auto certificazioni 1 2 Alla Stazione appaltante COMUNE DI CANNETO PAVESE Prov. PAVIA Via Casabassa n. 7 27044 Canneto Pavese (PV) OGGETTO: Lavori di ripristino sezione

Dettagli

Aspetti ambientali della manutenzione

Aspetti ambientali della manutenzione Aspetti ambientali della manutenzione La gestione dei rifiuti prodotti dalle attività manutentive Dott. Stefano Schiavon, Aplus S.r.l. Bologna, Fiera, Martedì 3 maggio 2011 Indice della presentazione Inquadramento

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro, Come si possono smaltire le cartucce di stampa esauste?? Il crescente utilizzo di stampanti, fax e fotocopiatrici implica un consumo in costante aumento di cartucce toner, cartucce a getto d inchiostro,

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria)

Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria) Allegato B Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENT (solo per ditta/impresa ausiliaria) il sottoscritto Dichiarazioni dell impresa ausiliaria articolo

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale ISB in Europe 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/a 36-38, Rue Joseph II B 1000 Bruxelles Tel. (06) 441881 44188 221

Dettagli

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010

SISTRI. Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti. SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 SEMINARIO di formazione e approfondimento Carrara, 19 marzo 2010 Sistema di controllo della Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI INTRODUZIONE ED APPLICAZIONE Elisa Stabellini 1 Il sistema di tracciabilità

Dettagli

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez

ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez L articolo 12 comma 1 del Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Attuazione

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Al Comune di Vittorio Veneto Piazza del Popolo, n. 14 31029 VITTORIO VENETO (TV) Oggetto: Procedura aperta per l affidamento della

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n.

Il sottoscritto Legale Rappresentante / Procuratore del concorrente sede legale in: Via Comune C.A.P. Codice Fiscale n. Partita I.V.A. n. MOD. AVV DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE ALLA CORTE D APPELLO DI FIRENZE VIA CAVOUR, 57 50129 FIRENZE La presente dichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/00, deve essere corredata da

Dettagli

Seminario in materia di vigilanza ambientale (Pescara, 20 e 21 ottobre 2011)

Seminario in materia di vigilanza ambientale (Pescara, 20 e 21 ottobre 2011) Seminario in materia di vigilanza ambientale (Pescara, 20 e 21 ottobre 2011) Relatore: Isp. Luca Intrombatore Sono trascorsi quasi trenta anni dall ingresso nel nostro ordinamento di norme organiche per

Dettagli

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza ROMA 12 APRILE 2013 Avv. Giulia Adotti Studio Legale ADOTTI & Associati Roma, Viale B. Buozzi n. 68 Frascati, via F. Cecconi n. 37-39 www.adottiassociati.it

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

Il peso da verificare a destino: vecchio problema, nuove implicazioni

Il peso da verificare a destino: vecchio problema, nuove implicazioni Il peso da verificare a destino: vecchio problema, nuove implicazioni A cura di Maurizio Santoloci e Stefania Pallotta Premessa Continuano a proporci quesiti in tema di trasporto di rifiuti con peso da

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI CIRCOLARE INFORMATIVA Alla Clientela Collaboratori Soggetti interessati Autotrasporto - Liberalizzazione tariffaria Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, su G.U. n. 6 del 9.1.2006. Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo d Imprese in qualità di Mandataria/Mandante

Raggruppamento Temporaneo d Imprese in qualità di Mandataria/Mandante Allegato 3) Spettabile Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L. Spallanzani I.R.C.C.S. Via Portuense, 292 00149 Roma OGGETTO: Procedura aperta per l'affidamento del servizio assicurativo della Responsabilità

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/165/CR8C/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/165/CR8C/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/165/CR8C/C5 PROBLEMATICHE IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI: SOTTOCATEGORIE DI DISCARICHE E MISCELAZIONE DEI RIFIUTI Tra le varie criticità riscontrabili

Dettagli

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2013 OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni Pagina

Dettagli

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del:

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del: Relazione illustrativa Proposta di modifica del: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, recante Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario

Dettagli