Approccio clinico in Medicina Interna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approccio clinico in Medicina Interna"

Transcript

1 Prof. Benvenuti VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE La geriatria fonda tutta se stessa sulla valutazione multidimensionale; ovviamente c è una storia: la geriatria nasce dall esigenza di superare un limite, quello dato dall approccio classico della medicina interna. Infatti il paziente anziano per le sue caratteristiche ha bisogno di un approccio diverso. Questo nuovo approccio nasce in Inghilterra, nel secolo scorso; ci si rese conto infatti che gli ospedali si riempivano di malati a cui non si dava alcuna risposta, si guardava alla singola malattia e non si guariva il paziente. Quando ci chiediamo il perché il pz anziano non risponde all approccio della medicina classico, la risposta risiede nel fatto che solitamente l anziano si trova in una condizione di comorbidità, quindi in una condizione in cui presenta più malattie contemporaneamente; per cui il pz anziano non risponde ad un approccio come quello illustrato nella diapositiva. Approccio clinico in Medicina Interna una malattia-segni e sintomi tipici una diagnosi-diagnosi differenziale un obiettivo una terapia successo-guarigione insuccessomorte Ecco quindi che un approccio clinico nella geriatria non può non tenere conto di questi aspetti. Certo è che un tipo di approccio come questo, possa comunque indurre a confusione; da qui l importanza di un metodo, che tenga in considerazione la multipatologia ma che sia anche in grado di individuare la pietra angolare, che deve essere posta al posto giusto per ricompensare il pz. In pratica, la multipatologia ci dice che la malattia in un anziano è uno scompenso, e che trattare la multipatologia significa mirare al compenso di uno scompenso, guarda caso lo scompenso è globale. E quindi necessario che l obiettivo degli obiettivi, sia uno unico in senso funzionale e globale. Approccio clinico in Geriatria più malattie-segni e sintomi atipici più diagnosi-competitive o compresenti-scelta più obiettivi più terapie-scelta successo-esiti sopravvivenza-recupero funzionalequalità della vita scelta insuccessomorte riabilitazione-nursing-interv. sociale Infatti, la circolarità della geriatria sta proprio in questo: la valutazione globale, porta ad un mosaico diagnostico, proprio perché la multipatologia si occupa di un pz con molteplici problemi, problemi che avrò bisogno di rilevare attraverso un approccio globale. 29

2 Certo è che questo processo non è così semplice. Un compenso che si scompensa, impone che quando mi trovo davanti a dun paziente come questo, io cerchi di andargli dietro, capire quale è la causa fisipatologica che ha determinato lo scompenso. Circolarità della Geriatria Quindi la valutazione globale, ti porta si ad un mosaico diagnostico, ma è altrettanto importante che porti ad una valutazione globale priorità diagnostica: devo individuare la causa dello intervento scompenso. Altrimenti la valutazione globale non ha senso, ci riempiamo la bocca di niente. priorità Da qui se individuo la priorità terapeutica diagnostica, individuo anche la priorità terapeutica, ovvero la mia pietra angolare: dov è che devo intervenire, e quindi stabilisco un intervento. Ma un intervento sul globale, come deve essere? ( Lo scopriremo più avanti.) priorità diagnostica mosaico diagnostico Per darci questo tipo di risposta dobbiamo considerare un altro tipo di problema: che cosa si intende per stato di salute di un anziano?? Lo stato di salute dell anziano è determinato da moltissime cose: Malattia/e Livello cognitivo Supporto psicoaffettivo Rete sociale Condizioni economiche Ambiente Stato funzionale / riabilitativo Quindi, quando parliamo dell approccio globale uno dei primi concetti da tenere presente è quello dei molteplici aspetti che riguardano lo stato di salute dell anziano. Perciò riferendomi ad una valutazione globale, devo riferirmi ai determinati di salute. Ora entriamo nel dettaglio delle determinanti in modo da capire cosa significa davvero globale; visto che abbiamo detto che per noi una valutazione globale, è una valutazione che tiene conto di tutti questi aspetti. Partiamo con il supporto psico affettivo: L articolo riportato, nelle diapositive, è del 1984 ( Milland), è quindi un po vecchio, da quell articolo in poi ce ne sono stati molti altri. Questo mostra come lo stress di vita e l isolamento sociale siano condizioni che danno mortalità. 30

3 E evidente nel grafico, come la mortalità aumenti all aumentare dello stress di vita, all aumentare dell isolamento sociale e di più quando le due condizioni sono associate. Così funziona anche per lo stato funzionale. Lo stato funzionale rappresenta il core della geriatria, è il metro su cui misuro il mio intervento. Aspettativa di vita attiva e disabilità Lo stato funzionale è un importantissimo determinante Anni di vita attiva dello stato di salute. >85 F M Anni di disabilità La valutazione dello stato funzionale è fondamentale, M F infatti voi troverete anziani che F raramente vi diranno che hanno M un dolore, piuttosto vi sentirete M F dire: ero in grado di fare questo, ed adesso non sono più in M F grado di fare niente. Più spesso il punto di partenza da cui si deve determinare la Anni malattia/e è un deficit funzionale. Con questa diapositiva, potete vedere quali sono le dimensioni del problema. 31

4 Capite che con l aumentare dell età aumenta si, l età media, aumenta si, l aspettativa di vita, ma aumenta anche la diasabilità, soprattutto nelle donne ( gli uomini muoiono prima con un periodo di disabilità più corto rispetto alle donne). Perciò le dimensioni del problema sono: L anziano vive di per se come grande disagio l essere funzionalmente penalizzato; in più esiste una dimensione che è, diciamo così, sociale / epidemiologica che è determinata dal fatto che su grandi numeri si vede aumentare a spese della vita attiva, la vita disabile. Questo fa si che uno degli obiettivi della geriatria sia quello di contrarre al massimo gli anni di disabilità che precedono la morte. Questo è un obiettivo fondamentale nella geriatria. Da questa diapositiva invece possiamo vedere come la disabilità in toscana tocchi il suo picco proprio nelle donne e negli uomini over 80. Idem con il livello cognitivo. Prevalenza di disabilità in Toscana, per sesso ed età % Uomini disabili= 27382; 8.7% Uomini Età (anni) Donne disabili= 53758; 11.9% Donne Per semplificare e cercare di far comprendere prendete un fiore che perde molti, molti di questi petali ed ecco questo si intende per decadimento cognitivo. Questa diapositiva indica invece la prevalenza di Prevalenza di demenza, per classi di età demenza in vari paesi; Italia, Rocca 1990 vedete che in Italia la Canada, Canadian Study Spagna, Lobo 1995 prevalenza è USA, Bachman Olanda, Ott 1995 piuttosto alta con Giappone, Ogura 1995 l avanzare dell età, è 20 infatti del 40% intorno ad 89 anni. 10 Prevalenza (%) Quindi fino a d adesso abbiamo detto che: l essere un paziente anziano, significa essere un paziente affetto da >90 Età (anni) 5% al di sopra dei 65 anni Raddoppia ogni 5 anni di età (1% a aa, 40% a aa) Malattia di Alzheimer (AD): 50-80% dei casi 32

5 più malattie, questo implica ed impone un procedimento clinico diverso da quello tradizionale, impone che ci sia una valutazione globale ( vedi analisi dei determinati di salute). ORA ENTRIAMO NEL VIVO DELLA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN GERIATRIA. La prima domanda a cui dobbiamo rispondere è : a che cosa serve la valutazione multidimensionale? Serve a valutare il pz anziano in maniera globale, e poi? E un tipo di valutazione che mette in evidenza i molteplici problemi del pz anziano. Quindi, tenendo conto di quegli aspetti, io devo individuare quali sono i problemi del pz anziano che mi trovo davanti. La valutazione serve per definire le capacità funzionali del pz anziano, per definire quindi la necessità di servizi assistenziali; serve per fare una PROGNOSI che tenga conto di questi elementi. Il pz che giunge da voi con una broncopolmonite, se gli date l antibiotico e lo rimandate a casa, non è detto che risponda al trattamento. Il pz anziano ha bisogno di un approccio multidimensionale che serva a: individuare i problemi che mi portino ad una prognosi all elaborazione di un programma al follow-up perché permette agli operatori di parlare il solito linguaggio VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE GERIATRICA (VMD) (Comprehensive Geriatric Assessment - CGA) Definizione Valutazione multidisciplinare nella quale: 1. sono identificati, descritti e - se possibile - spiegati, i molteplici problemi di un individuo anziano 2. vengono definite le sue capacità funzionali 3. viene definita la sua necessità di servizi assistenziali 4. viene sviluppato un piano di trattamento e di cure, nel quale i differenti interventi siano commisurati ai bisogni ed ai problemi National Institute of Health Consensus Statement JAGS 1988; 36:342-7 A questo punto della lezione io faccio sempre un esempio per me identificativo nonostante la sua banalità: A me all inizio capitava molto spesso di sbagliare, perché non tenendo conto di tutti questi aspetti facevo delle prognosi che non risultavano adeguate. Abbiamo un pz anziano con diversi problemi ( lieve scompenso cognitivo, lievi problemi dell equilibrio, diabete, ipertensione) a cui viene la broncopolmonite, va all ospedale. 33

6 All ospedale, il pz che già ha un lieve disturbo cognitivo si trova in una condizione di stress che favorisce l insorgenza di un delirio, di confusione mentale. Quindi vi trovate un paziente che viene buttato da una parte del pronto soccorso ( con i propri familiari lontani), a cui dopo un RX viene fatta la diagnosi di broncopolmonite. Lui sta li, urla, lo sedano e lo mandano in reparto. Lui sta 24 ore in uno stato alterato di coscienza, viene registrato, gli infermieri gli faranno ciò che gli devono fare ( qualcosa insomma gli faranno), intanto gli si danno gli antibiotici gli facciamo di nuovo una radiografia e diremo alla moglie che suo marito è guarito!! Torna a casa. Ma noi mandiamo a casa una persona allettata e con il catetere che prima invece camminava. Allora vi domando : questa persona è guarita???. No!! Questa persona non è guarita. Ecco perché c è bisogno di un approccio globale. Certamente un approccio clinico definisce questa persona guarita, di fatto non ha più la broncopolmonite. Ma in una valutazione multidimensionale, l aspetto clinico è uno dei determinanti dello stato di salute, ma non l unico. Se io non mi rendo conto che per effetto della multipatologia mi si determina uno scompenso a cascata e che quindi devo tenere conto di tutti gli altri aspetti; io non miro al compenso del paziente, quindi non lo guarisco. Io devo mandare a casa questa persona come era, o addirittura meglio.se così non faccio, non ho fatto un buon servizio in geriatria. In questo tipo di ragionamento, ogni passaggio è legato al successivo attraverso un filo logico, non basta: devo fare la valutazione globale. Devo spiegare il perché di questa scelta in geriatria. Ecco quindi quali sono le aree della V.M : area clinica area mentale (cognitiva, neuropsicologica) Io Benvenuti, preferisco dire invece che area mentale, area cognitivo/ comportamentale area funzionale area socio-economica area ambientale (principalmente ambiente domestico). L area ambientale può essere inserita, anche per vicinanza, all area socio-economica. Anche gli obiettivi sono quelli che vi dicevo, l accuratezza diagnostica per forza, perché dobbiamo tenere conto della multipatologia e nel fare questo devo focalizzare bene sugli obiettivi, devo fare la scelta terapeutica giusta. Sapete in geriatria vige la regola dei 3 farmaci. Chi mette troppi farmaci sbaglia qualcosa. Questo per dirvi quanto è importante nell accuratezza diagnostica saper scegliere il determinante (quello che vi facevo vedere all inizio). Perché tutto non può avere la stessa importanza, e quando inserisco troppe cose nel mezzo, più spesso vedo gli effetti collaterali e non i benefici. Quindi bisogna saper scegliere; andare al core. 34

7 Devo saper guidare la scelta degli interventi, cioè essere in grado di stabilire quali sono. Poiché mi trovo in un ambiente multidimensionale, devo indirizzare bene gli interventi; perché di volta in volta, non tutti gli aspetti hanno la medesima importanza, non tutti devono essere alterati allo stesso modo e quindi il ruolo del geriatra è quello di essere il direttore dell orchestra: essere in grado di attivare ciascuno di questi interventi; assicurare condizioni ambientali ottimali; formulare la prognosi; monitorizzare le modifiche cliniche. E importantissimo che voi infermieri, facendo parte di un team di lavoro geriatrico, siate in grado, in collaborazione con il team, di fare una prognosi. E FONDAMENTALE. Quando uno arriva da voi, dovete saper dire: se il pz è in grado di recuperare,. Dovete riuscire a collaborare all interno di un gruppo, dove il medico esce dall immagine stereotipata di colui che fa la diagnosi e va via. Si tratta di un lavoro difficilissimo, dove c è la necessità di lavorare in gruppo; dove tenendo conto di molteplici aspetti, si deve mirare a compensare il paziente. Ricapitolando gli obiettivi della VMD sono: 1. Accrescere l accuratezza diagnostica 2. Guidare la scelta degli interventi adatti al ripristino o alla preservazione delle migliori condizioni di salute possibili 3. Assicurare condizioni ambientali ottimali per la cura 4. Formulare una prognosi 5. Monitorizzare le modificazioni cliniche Dove si applica la valutazione multidimensionale? Ospedale per acuti Ospedale riabilitativo Residenza Sanitaria Assistenziale Ambulatorio geriatrico Ambulatorio di medicina generale Domicilio del paziente Essendo la valutazione multidimensionale una forma mentale, questa si applica ovunque!! Perfino in ambulatorio. Quando il pz viene alla visita geriatrica, il geriatra quando arriva la persona, avrà un approccio che è multidimesionale; quindi terrà conto degli aspetti: clinico, funzionale, cognitivocomportamentale, socio-economico, ambientale. Farà un programma che attiva eventualmente vari servizi. Ovviamente poi, nel paziente anziano, si dovrà tenere conto della rete familiare, della rete sociale, in cui il pz. è avvolto. Questa infatti è determinante nella prognosi, ma non solo! Ci permette di capire quali sono i reali problemi dell anziano; me ne posso quindi servire ma posso anche ricavare da questa, informazioni necessarie ad individuare i problemi del pz. anziano. Ecco il team (minimo) di lavoro geriatrico: il geriatra l infermiere geriatrico l ass.sociale 35

8 Personalmente preferisco estendere questo team ed aggiungere alle figure della diapositiva anche il fisioterapista il terapista occupazionale il logopedista. e di volta in volta la dietista lo psicologo l oculista il logopedista etc..etc.. Entriamo adesso nel vivo della VDM: VALUTAZIONE CLINICA: ovviamente la medicina è una, quindi l obiettivo della valutazione clinica non è quello di reinventare la medicina ma di utilizzare gli strumenti della medicina, ponendo l accento e l attenzione, su certi determinanti piuttosto che su altri; quindi la valutazione clinica consiste di : - anamnesi medica accurata, che si può avvalere dell aiuto dei familiari, che deve avvenire al letto del malato e non lontano da questo ( anche se il malato è demente) - anamnesi farmacologia dettagliata. - esame obiettivo con cura particolare al rilievo di: o riduzione visus/udito o malnutrizione (v. edentulia, scarse risorse economiche, vivere soli, ecc.) o storia di cadute o incontinenza o sindrome da immobilizzazione Attenzione all alvo, è importantissimo! Ed al livello di idratazione. Come si farà una VALUTAZIONE MENTALE?? Come indaghiamo una cosa tanto vaga come il prodotto della mente, se non con dei test? Una cosa fondamentale in geriatria, sia nella valutazione funzionale che nella valutazione cognitiva, così come in tutte le altre aree che escono dalla valutazione clinica, è l utilizzo delle scale, perché altrimenti rimaniamo nella storia delle impressioni. E questo non va bene. Dobbiamo misurare, quindi stabilire dei criteri: solo così mi oggettivo come scienza. Chiameremo demente colui che presenta dei deficit delle aree cognitive della corteccia superiore, deficit che vengono quantificati. Esistono scale di valutazione che vengono utilizzate come screening, negli ambulatori, nei pronto soccorso, che permettono di fare una valutazione di primo livello. Con questi test ( come la Mini Mental State Examination o la Geriatric Depression Scale ) non possiamo comunque affermare che una persona sia demente anche se ottengo un risultato patologico. Dovrò infatti fare tutta una serie di esami, fare una diagnosi differenziale e quindi fare una diagnosi definitiva. 36

9 Vediamo adesso la Mini Mental State Examination (Folstein et al. 1975) Piccola modifica, che io sappia l articolo è del 1974 e non del Mini Mental State Examination (Folstein et al. 1975) Orientamento spaziale e temporale [max. 10 punti] In che anno, stagione, mese, data, giorno della settimana, siamo? [max. 5 punti] In che nazione, regione, città, luogo (ospedale o casa), piano ci troviamo? [max.5 punti] Registrazione [max. 3 punti] Adesso le dirò il nome di tre oggetti. Lei dovrà ripeterli dopo che io li avrò detti tutti e tre. Dire casa, pane, gatto Attenzione e calcolo [max. 5 punti] 1. Si chiede al paziente di sottrarre da 100 la cifra 7 per cinque volte. oppure 2. Scandire M-O-N-D-O al contrario. Rievocazione [max. 3 punti] Chiedere i tre nomi appresi precedentemente Linguaggio [max. 8 punti] Mostrare al paziente un orologio da polso e una matita e chiedere cos è [max. 2 punti] Chiedere al paziente di ripetere la seguente frase dopo di voi: tigre contro tigre. [max. 1 punto] Fare eseguire un comando: prenda questo foglio con la mano destra, lo pieghi a metà e lo butti per terra [max. 3 punti] Legga quello che è scritto qui e lo faccia (mostrare un cartoncino con il comando chiuda gli occhi ) [max. 1 punto] Scriva una frase che le viene in mente [max. 1 punto] Prassia costruttiva [max. 1 punto] Copi questo disegno Frase: 37

10 Questa scala: Strumento sensibile, semplice, universalmente validato, per lo screening del livello cognitivo. Indaga brevemente (tempo di somministrazione 10 minuti) diverse aree cognitive, fornendo un punteggio complessivo, indicativo della funzione cognitiva globale. Punteggio max: 30. Un punteggio <24/30 viene generalmente considerato suggestivo di deterioramento cognitivo. La prestazione dipende dall età e dalla scolarità (esistono tabelle di correzione validate sulla popolazione italiana). Serve a porre il sospetto di un problema cognitivo, la cui reale esistenza e le cui cause vanno indagate con una successiva valutazione clinica, neuropsicologica e strumentale. E uno strumento RIPETIBILE. Ricordate che il punteggio deve essere corretto per età e scolarità. Un punteggio sotto 24, ci pone dei dubbi, infatti tra 21 e 24 forse mi trovo davanti ad un decadimento cognitivo, sotto 21 il sospetto si fa sempre più pregnante. Per quanto riguarda la parte sull attenzione ed il calcolo, esaminiamo aspetti diversi a seconda di come lo somministriamo. Infatti se io dico ad un paziente da 100 sottragga 7 per 5 volte, questo è un test di concentrazione; se io invece dico quanto fa ; 93-7 e via di seguito allora questo è un test di calcolo. L articolo originale del 1974, dice di somministrare il test del calcolo nel primo modo; quasi tutti in Italia lo somministrano invece nel secondo modo. La rievocazione è una valutazione della memoria a medio termine. Inoltre si indagano anche le prassie. Vediamo adesso le scale di valutazione della depressione. Io Enrico Benvenuti, e l equipe dove lavoro,tendiamo ad utilizzare pochissimo le scale per la valutazione della depressione; prepariamo un colloquio che tenga conto di tutti questi item. Le scale ci permettono di valutare la presenza di sintomi depressivi, ma non di fare diagnosi di depressione. La Geriatric Depression Scale ci permette di porre il sospetto di un disturbo dell umore, ed ovviante non può essere utilizzata in caso di grave decadimento cognitivo. Questa scala ci permette di: Strumento di screening per la valutazione dei sintomi psichici della depressione. Questionario con risposte dicotomiche. Ampiamente validata e sufficientemente sensibile e specifica nella popolazione geriatrica (sani e malati, a domicilio o ricoverati). Versioni a 30, 15 e 5 item. Non fa diagnosi di depressione, ma è utile per - porre il sospetto di un disturbo dell umore; - seguire nel tempo la risposta ad un eventuale trattamento. Non utilizzabile in caso di grave decadimento cognitivo Vengono indagati molti aspetti legati all umore. 38

11 Geriatric Depression Scale (Yesavage et al. 1983) In generale è soddisfatto della sua vita? Ha abbandonato molte delle sue attività e divertimenti? Le sembra che la sua vita sia vuota? Si sente spesso annoiato? Si sente di buon umore per la maggior parte del tempo? Teme che le stia per capitare qualcosa di brutto? Si sente felice per la maggior parte del tempo? Si sente spesso privo di aiuto? Preferisce stare in casa piuttosto che uscire? Pensa di avere più problemi di memoria della maggior parte della gente? Pensa che sia bello stare al mondo adesso? Le sembra che la sua vita sia inutile così come è oggi? Si sente pieno di energia? Le sembra di essere in una situazione senza speranza? Pensa che la maggior parte delle persone stia meglio di lei? Sì No : normale 6-10: sintomatologia depressiva lieve 11-15: sintomatologia depressiva grave La diagnosi di depressione si fa appiccando i criteri del DSM IV e che non si può fare diagnosi di depressione soltanto con la scala. Insomma non bisogna dare psicofarmaci senza esserci accertati di essere veramente davanti ad una depressione. Passiamo adesso a ciò che a me personalmente preme di più : LA VALUTAZIONE FUNZIONALE. Sono attività che il paziente deve svolgere in armonia con la propria età ed il proprio livello lavorativo etc.. Nell anziano questa valutazione si focalizza sulle capacità di svolgere autonomamente le azioni della vita quotidiana. Voi capite, che se io trovo un anziano, in grado di svolgere attività della vita quotidiana, sia quelle di base che quelle strumentali, non posso comunque dire Gli elementi della VMD: Area della valutazione funzionale Obiettivo: valutazione della capacità di compiere autonomamente attività della vita quotidiana allo scopo di precisare, con un metodo standardizzato che favorisca la trasmissione delle informazioni a tutti gli operatori : il livello di indipendenza le necessità di assistenza la prognosi progressi o deterioramenti clinici e funzionali nel tempo 39

12 che non ha nulla non posso fregarmene. Perché magari questa persona grazie a protesi e ad ausili riesce a svolgere tutto ma ha un deficit, rispetto ad una persona della sua età che non ha malattie. Noi per amore di semplificazione ci concentriamo sulle attività della vita quotidiana; anche per il fatto che comunque l anziano tende a diminuire le altre attività. Sono poi le attività della vita quotidiana a definire l autonomia di una persona. Disabilità Limitazione in una attività funzionale o un ruolo o compito socialmente definito Nell anziano valutata come difficoltà / necessità di aiuto in attività di base e strumentali della vita quotidiana: Basic Activity of Daily Living (BADL) (Katz, 1963) Instrumental Activity of Daily Living (IADL) (Lawton, 1969) Nell anziano ci concentriamo sulle BADL e sulle IADL. BADL: definizione del livello di autonomia in 6 attività di base della vita quotidiana: 1. lavarsi 2. vestirsi 3. usare il gabinetto 4. compiere trasferimenti 5. mantenere la continenza 6. alimentarsi IADL: definizione del livello di autonomia in 7 attività strumentali della vita quotidiana: 1. preparare un pasto caldo 2. fare la spesa 3. fare lavori domestici 4. gestire le proprie finanze 5. gestire la propria terapia 6. usare mezzi di trasporto 7. usare il telefono Come si misura la gravità della disabilità? -IADL<BADL - gerarchia nelle funzioni compromesse - numero di funzioni compromesse - difficoltà rispetto a necessità di aiuto Ovviamente nella disabilità avremo un deficit di IADL più grave di quello delle BADL, c è quindi una gerarchia e la necessità di definire il livello di autonomia nelle attività avanzate di vita quotidiana. A che cosa servono tutti questi discorsi? Cerchiamo di capire meglio le cose e di semplificarle. Quando faccio la valutazione funzionale di un paziente riferisco ad esempio, che ha bisogno per vestirsi, che ha necessità di una supervisione nei trasferimenti e 40

13 che è totalmente dipendente per fare il bagno e la doccia. A cosa mi serve questa rilevazione? Che domanda devo farmi prima di intervenire? perché il paziente non si veste? ; perché il paziente si trasferisce male?. Accanto ad una valutazione che è soggettiva ( ho raccolto dati che mi vengono proferiti), io dovrò oggettivare l osservazione. Prima verificando se questi deficit sono veri, poi se sono veri cercare di capirne i determinanti. Esiste quindi una valutazione dello stato funzionale che deve essere oggettiva, attraverso i test di performance. Vuoi vedere che il mio paziente non ce la fa ad alzarsi dalla sedia perché è un parkinsoniano e non ce la fa a portare il tronco in avanti? Vuoi vedere che il mio paziente non riesce a vestire la parte inferiore del corpo perché ha un disturbo dell equilibrio? TUTTE QUESTE COSE DEVONO ESSERE VERIFICATE Io nel mio reparto, normalmente dopo la visita medica, o contemporaneamente somministro gli IADL e faccio dei semplici test di performance che mi permettono di oggettivare il mio paziente. Mi permettono di oggettivare che ciò che mi viene riferito è vero. Infatti se ciò che mi viene riferito non corrisponde alla realtà siamo davanti a due ipotesi: - sono di fronte a dei familiari che vogliono ricoverare il paziente perché non ne possono più; - oppure il paziente sottostima le sue capacità. Tutto serve alla valutazione globale. Gli elementi della VMD: Area della valutazione funzionale (5) Test di performance fisica: - consentono una valutazione dello stato funzionale: oggettiva quantitativa selettiva per specifiche performance più sensibile (individuazione della disabilità preclinica ) Esempi: test dell equilibrio e del cammino; alzarsi da una sedia; misure di forza muscolare; ecc. Esistono poi delle misure indirette che ci permettono di dire se il paziente ha un deficit e a quale area ci si riferisce. Mi spiego meglio. Un paziente ha un distrurbo dell equlibrio; gli farò un esame neurologico, trovo la presenza di segni sottocorticali e sintomi che mi riferiscono di un danno centrale. Posso però non trovarli. Esiste un effettore periferico fondamentale per il mantenimento dell equilibrio: in presenza di deficit determina il grado di deficit funzionale, e rappresenta inoltre il compenso. 41

14 Qualora io abbia un disturbo dell equilibrio, e cammini a base allargata; è facile che abbia bisogno di avere dei forti muscoli adduttori, ( piccolo e medio gluteo) che mi permettono di stabilizzarmi nel camminare. Se io non ho questi muscoli forti, o ne ho uno più forte ed uno meno forte,perché magari mi sono operato all anca, mi manca la base di appoggio ed ho bisogno del bastone. In questo caso ho un duplice disturbo del cammino: cammino a base allargata e deficit dei muscoli adduttori. Esiste un metodo semplicissimo che il geriatra ha a disposizione, che è quello della misura della forza muscolare. Misura che può essere fatta anche al letto del paziente ( metodo semiquantitativo). La forza viene misurata con una scala che va 0 a 5. Misura che può essere effettuata anche con uno strumento come il dinamometro o altri strumenti ancora che ad esempio misurano la potenza. Questo passaggio, lo si fa continuamente in reparto, quando il paziente arriva. Ricordate che purtroppo chi è ricco recupera meglio di chi è povero; ovvio che chi ha qualcuno che lo porta fuori due volte al giorno starà meglio di chi invece viene messo in carrozzina. Ricordate : ciò che non usi lo perdi; proprio perché il disuso amplifica la sarcopenia ( la perdita di forza muscolare), che è un fenomeno fisiologico con l avanzare dell età. Se io immobilizzo una persona, è più facile che quella persona raggiunga la disabilità rapidamente. Tenete conto che la sarcopenia, è un fenomeno fisiologico che si verifica con l avanzare dell età e che esistono particolari situazioni che accelerano il fenomeno della sarcopenia. Siccome esiste una soglia ( di forza muscolare), al di sotto della quale, si diventa disabili; ecco che la forza muscolare diventa così importante. Se misuro la forza muscolare e trovo che il mio paziente è vicino alla soglia della disabilità dovrò porre attenzione a questo dato perché sappiamo che al di sotto di certi valori il paziente non sarà più in grado di svolgere attività della vita quotidiana. LA VALUTAZIONE SOCIO-ECONOMICA ha come Obiettivo la valutazione di: rete di supporto sociale, con identificazione di coloro che possono (e vogliono) prestare assistenza informale e sono ben accetti all anziano; risorse economiche, per la programmazione di eventuali aiuti e la formulazione di opzioni assistenziali diversificate (con ottimizzazione dell assegnazione delle risorse) Questa valutazione viene fatta con: questionari strutturati test specifici per identificare elementi di potenziale o attuale crisi nella rete di assistenza. LA VALUTAZIONE AMBIENTALE ha come obiettivo: La valutazione dell ambiente di vita del paziente con definizione delle condizioni di sicurezza, dell esistenza di barriere architettoniche e delle possibilità di accesso a servizi essenziali (negozi di alimentari, farmacia, servizi di trasporto) ed a strutture ricreative Questo passaggio è fondamentale perché permette di capire se il paziente a casa è in sicurezza. I geriatri possono prescrivere gli ausili!!! Capire di che tipo di ausilio c è bisogno è compito dei geriatri insieme alla collaborazione del fisioterapista. 42

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975)

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975) MMSE Mini Mental State Examination Folstein e coll. (1975) Scopo Il MMSE è un test ampiamente utilizzato nella pratica clinica della valutazione delle funzioni cognitive dei soggetti anziani. E un test

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Le dimensioni del problema Il dato stimato per demenza in Toscana nell anno 2010 è di 84.212 persone, con un tasso di incidenza

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La presa in carico del paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La demenza è una malattia: Frequente: In Italia sono 1.000.000 circa i casi di demenza e circa 3 milioni di familiari sono coinvolti

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Valutazione dello stato cognitivo

Valutazione dello stato cognitivo Lezioni 5 & 6 Valutazione dello stato cognitivo Per valutare la presenza di un deficit cognitivo della persona anziana abbiamo bisogno di uno strumento di indagine che valuti il problema da un punto di

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

E la vostra salute Siate coinvolti

E la vostra salute Siate coinvolti E la vostra salute Siate coinvolti Il finanziamento per questo progetto e stato fornito dal Ministero della Sanita e dell Assistenza a Lungo Termine dell Ontario www.oha.com 1. Siate coinvolti nella cura

Dettagli

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER Dai primi sintomi alla diagnosi Roberto De Gesu Medico di Med. Generale - Responsabile della attività medica di base e del coordinamento sanitario RSA Cialdini

Dettagli

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH)

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) 1 ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) Gentile Signora/e, Gioia Jacopini*, Paola Zinzi**, Antonio Frustaci*, Dario Salmaso* *Istituto di

Dettagli

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Azienda USL di Ferrara Ospedale del Delta U.O. di Medicina Interna DH Oncologico LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE a cura di M. Mangolini Master in Oncologia e Cure Palliative IL DOLORE Il

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS

LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS LA RIABILITAZIONE DEL SOGGETTO ANZIANO CON ICTUS E SUL PIU BELLO ARRIVA L ICTUS L MA L ANZIANO, PER FORTUNA E E SANO COME UN PESCE. SARA SANO MA L ESSERE L ANZIANO COMPORTA DI PER SE QUALCHE MODIFICA DI

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO Gentile Utente, o questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli sull AFASIA, un disturbo che limita il linguaggio. Nel nostro Ospedale

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI

CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI PROF.SSA LUISA BARTORELLI Direttore Centro Alzheimer della Fondazione Roma CURARE E PRENDERSI CURA: LA PRIORITA DELLE CURE DOMICILIARI La sfida che la crescita esplosiva della popolazione anziana pone

Dettagli

Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella

Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella Corso di Introduzione alla Cure Palliative -1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella Calman s Gap Situazione ideale Qualità

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento

Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 4, 2001 Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento Per diventare anziani bisogna vivere a lungo, quindi

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Demenze: come prendersene cura Dott. Alessio Gioffredi 25 febbraio 2015 Sala Piccolotto 1 La demenza: una sindrome sociale Aspetti epidemiologici Obiettivi generali

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE Torino 27 30 Novembre 2013 RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE C.Pizzorni, L.Sampietro, A.Bongiovanni, E.Bennati, A.Puma, C.Ivaldi

Dettagli

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale L autismo è una sindrome comportamentale, causata da un disordine dello sviluppo neurobiologico che colpisce la comunicazione e l interazione sociale,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base l uso

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

La medicina del buon senso. ADR (Adverse Drug Reactions) Prevalenza

La medicina del buon senso. ADR (Adverse Drug Reactions) Prevalenza L appropriatezza diagnostica tra evidenze e buon senso Savigliano, 11 Giugno 2011 Pazienti in trattamento cronico con farmaci: 60% ne assume due tipi La medicina del buon senso 25% assumono 4 o più tipi

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Cosa intendiamo per fragilità

Cosa intendiamo per fragilità Fragilità in Toscana: linee guida e esperienze Pisa, 10 novembre 2012 Cosa intendiamo per fragilità Enrico Mossello Unità Funzionale di Gerontologia e Geriatria Università degli Studi di Firenze Aspettativa

Dettagli

Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967)

Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967) Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967) Il presente questionario è composto da 13 gruppi di frasi. Legga attentamente tutte le frasi che compongono ciascun gruppo

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc.

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. coop Invecchiamento della popolazione L invecchiamento della popolazione

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE IL DOLORE ONCOLOGICO CARATTERISTICHE E VALUTAZIONE 1 LE CURE CONTINUATIVE Il dolore del paziente oncologico varia nel tempo, anche rapidamente, in relazione all evoluzione della malattia Necessità di frequente

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli