RELAZIONE GENERALE ********

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE GENERALE ********"

Transcript

1 RELAZIONE GENERALE ******** 1. Premessa Il presente progetto è stato redatto in conformità al bando di gara e agli elaborati pubblicati dal Amministrazione Comunale di Sant Andrea Apostolo dello Jonio nell ambito del Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR (POI Energie rinnovabili e Risparmio energetico Asse II Linea di attività 2.2) bandito dall amministrazione per l efficientamento energetico di quattro edifici del Comune di S.Andrea apostolo dello Jonio (CZ): 1) Municipio (p.za E. Berlinguer, 5) 2) Scuola Elementare (via Roma, 14) 3) Centro Sociale per Anziani (p.za G. Marconi, 15) 4) Scuola Materna (Via G. Rossa). La presente relazione descrive, per ciascun degli edifici sopra menzionati, gli interventi di progetto, i criteri utilizzati per le scelte progettuali, i materiali prescelti, gli aspetti dell inserimento degli interventi sul territorio e quant altro necessario per illustrare compiutamente la rispondenza del progetto alle finalità degli interventi previsti. 2. MUNICIPIO - P.zza E. Berlinguer SANT ANDREA APOSTOLO DELLO JONIO 2.1 Descrizione e Stato di fatto dell Edificio L edificio municipale è situato nel centro capoluogo del Comune di Sant Andrea Apostolo dello Jonio, in P.zza E. Berlinguer (in catasto al foglio 12 p.lla 2393). Si compone di tre livelli, piano seminterrato, piano terra e piano primo. L edificio è stato realizzato nei primi anni 80, ha un conformazione planimetrica di forma pressoché rettangolare e si affaccia su Piazza E. Berlinguer ubicata in un area dove si concentrano tutti gli edifici pubblici del comune Capoluogo. L edificio è dotato di un ingresso principale rialzato dal piano di campagna al quale si accede con una scalinata, e da un ingresso laterale raggiungibile tramite rampa inclinata. Sul 1

2 retro c è un ingresso- garage al piano seminterrato per i mezzi in dotazione al municipio. Dal primo piano del prospetto principale dell edificio fuoriesce un corpo avanzato che al piano terra funge anche da portico d ingresso. L edificio è raggiungibile imboccando una traversa di Via Roma, una delle principali arterie del centro storico. Il piano seminterrato presenta due ingressi sul lato nord,uno carrabile e l altro pedonale, ed è caratterizzato da ambienti molto ampi, di altezza pari a 3.65 mt e adibiti a deposito e archivio. E collegato al piano terra da una scala che porta nell atrio di ingresso dell edificio. Il Piano terra, alto 3.20 mt, presenta due ingressi, di cui uno principale, accessibile da una gradinata e l altro laterale, servito da una rampa inclinata. L atrio d ingresso si apre su una scala che conduce al piano superiore e sul lato destro conduce ad un corridoio che serve diversi ambienti adibiti ad uffici. Il riscaldamento dell intero ambiente viene reso difficile dall accesso diretto del portone d ingresso agli ambienti riscaldati e dalla presenza di infissi in alluminio del tipo tradizionale monovetro che interessano sia il portone d ingresso che gli uffici. Al piano primo dell edificio si accede da una scala che parte dall atrio di ingresso. La distribuzione degli ambienti è più razionale da un punto di vista termico in quanto l accesso alla zona degli uffici è filtrata da un divisorio in vetro che separa il vano scala dagli ambienti riscaldati, eccezione fatta per la sala consiliare che si apre direttamente sul corridoio di ingresso al piano. Gli uffici e la biblioteca sono serviti da un corridoio di larghezza pari a 1.80 mt che si conclude con un altro filtro la cui funzione è solo formale in quanto divide l ufficio del sindaco e del segretario dal resto degli ambienti. Gli infissi sono in alluminio del tipo tradizionale. La sala consiliare è caratterizzata da un unico ambiente a doppia altezza con controsoffitto e completamente vetrata lungo il lato sud con infissi del tipo in alluminio monovetro. L edificio ha un sistema di copertura caratterizzato da due tetti del tipo a due falde posti a quote diverse e con leggera pendenza,uno che copre la sala consiliare e l altro la zona degli uffici. Il manto di copertura dei tetti è del tipo in lamiera a pannelli coibentati. 2

3 La struttura portante dell edificio è del tipo a telai in c.a.; i solai sono del tipo in c.a. e laterizi, gettati in opera; le scale sono realizzate in c.a. a rampante pieno; le tamponature sono del tipo a cassetta mentre le tramezzature interne sono formate da mattoni 10 fori posto di coltello. Gli infissi sono del tipo tradizionale in alluminio, con vetro singolo e sistema di oscuramento a tapparelle per la maggior parte degli ambienti, priva di schermature la sala consiliare. Tali infissi risultano obsoleti e inefficaci per l isolamento termico dell edificio. L impianto elettrico interno è del tipo sottotraccia con cavi dentro tubazione corrugata, senza rifasatori e con quadro elettrico generale in prossimità dell ingresso, soggetto alla legge 46/90. L impianto di Illuminazione interna è costituito da lampade al neon di prima generazione mentre l impianto di illuminazione esterna è costituito da 2 lampade all ingresso al neon di prima generazione. L impianto di riscaldamento risulta servito da una caldaia a basamento a gasolio da Kcal/h, tubazioni e collettori in rame e radiatori in ghisa con valvole di tipo manuale, mentre l impianto di condizionamento consta di condizionatori monosplit presenti in ogni ufficio. 2.2 Criteri progettuali e descrizione degli Interventi In fase di progettazione preliminare è stata eseguita una valutazione dei consumi energetici (IEN) calcolati per l edificio in esame. I consumi sono stati calcolati paragonandoli ai consumi specifici di riferimento relativi ad un campione della realtà nazionale eseguita dall ENEA. In apposite tabelle del preliminare sono stati riportati i consumi specifici di riferimento organizzati per tipologia e per classi di merito rispetto alla qualità energetica. Per l edificio in esame, dalle risultanze emerse dalla progettazione preliminare, è scaturito che il valore dell IENr rientra nella classe di merito considerata buona, mentre il valore dell IENe porta a collocare l edificio nella classe di merito insufficiente. Ciò portava a concludere, in sede di relazione preliminare, che per quanto riguarda il riscaldamento degli ambienti, i radiatori, seppure in alluminio, non creano le condizioni di confort immediato ottenibili apparentemente con l accensione dei climatizzatori, e ciò è dovuto alle dispersioni eccessive dell involucro. Inoltre la caldaia, ormai inefficiente e obsoleta, è spesso soggetta a rotture e guasti con il risultato di un utilizzo sporadico della stessa e il ricorso a stufe elettriche. Per tali motivi in quasi tutti gli uffici sono installati climatizzatori monosplit spesso utilizzati, oltre che per il raffrescamento, anche per il riscaldamento. 3

4 In sede di preliminare venivano altresì indicate le cause principali che determinano la dispersione termica al fine di individuare gli interventi più idonei al contenimento dei consumi, cause così riepilogate: Cause di dispersione termica intrinseche dell edificio e scarsa efficienza dell involucro sia in termini energetici che di tenuta : 1. Umidità dovuta ad infiltrazioni dal tetto di copertura; 2. Murature esterne non isolate e con altissimi valori di trasmittanza; 3. Ambienti molto alti che favoriscono la migrazione del calore per naturale effetto convettivo al di fuori del volume occupato, dunque lì dove non serve ( al soffitto). 4. Infissi fatiscenti di tipo tradizionale con vetro singolo. 5. Apertura dell ingresso sui vani scala collegati ai locali riscaldati: corridoi, e quindi ambienti serviti con passaggio di correnti d aria. Riguardo, invece, agli sprechi energetici degli impianti, l obiettivo da raggiungere proposto dal progetto preliminare è quello di migliorare l efficienza del sistema impianto, di ottimizzare il periodo di funzionamento, di ridurre gli sprechi derivanti dagli impianti esistenti obsoleti e di proporre nuove tecnologie per razionalizzare i consumi. In sede di progettazione preliminare, le cause del cattivo funzionamento e spreco energetico nell ambito degli impianti venivano così esplicitate: 1. Centrale termica con caldaia di vecchia concezione obsoleta che non rispetta il D.P.R. 412/93 ; 2. Impianti di distribuzione del calore, parte in ferro all esterno e parti non coibentate; 3. Utilizzo del calore senza termostati di zone, con valvole ai radiatori del tipo manuali e senza controllo a mezzo di sonde di temperature; 4. Impianti elettrici senza rifasatori ed utilizzo improprio; 5. Impianto di illuminazione interno, con lampade al neon di prima generazione; 6. Impianto di illuminazione esterna con lampade a vapori di mercurio. Ciò detto, la riqualificazione energetica dell edificio municipale sarà attuata attraverso due categorie d intervento al fine di aumentare l efficienza dell intero sistema edificio-impianto: a) Interventi sull involucro; b) Interventi sugli impianti. 4

5 2.2.a Interventi sull involucro Sull involucro dell edificio in questione vengono previsti i seguenti interventi: interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici opache mediante la tipologia di isolamento a cappotto esterno consistente nell applicazione, sulle pareti perimetrali dell edificio, di pannelli isolanti in polistirene; interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici vetrate mediante sostituzione degli infissi esterni esistenti con infissi di diversa tipologia a maggiore efficienza energetica ; interventi di contenimento del fabbisogno energetico mediante: - esecuzione di controsoffitti da realizzare negli ambienti più alti al fine di limitare le dispersioni di calore verso l alto; - realizzazione di parete-filtro tra l ingresso attuale e l atrio al piano terra; - l isolamento termico dei solai di copertura e del sottotetto; - eliminazione totale dei ponti termici individuati. Con riferimento al regime estivo, invece, e al surriscaldamento proveniente dall esterno dovuto all irraggiamento solare diretto, la relazione del preliminare evidenzia la mancanza di schermature solari alle finestre della sala consiliare. Per cui si prevede un tipo di intervento finalizzato al ridimensionamento della parte opaca di tale finestratura mediante la costruzione di un parapetto in muratura adeguatamente isolato e l installazione di nuovi infissi muniti di frangisole a scomparsa totale (vedasi particolari costruttivi). La schermatura solare può essere definita come un elemento architettonico in grado di controllare la quantità di energia trasmessa dalla radiazione solare attraverso le superfici vetrate. Verrà quindi installato un sistema monoblocco termoisolante con serramento in mazzetta e frangisole. In copertura verranno inoltre sostituiti gli attuali discendenti che provocano infiltrazioni lungo le pareti. 2.2.b Interventi sugli impianti Per quanto riguarda gli impianti dell edificio, nella loro globalità, il progetto definitivo prevede i seguenti interventi di miglioramento: - nuovo impianto di climatizzazione centralizzato per funzionamento invernale ed estivo, in configurazione a pompa di calore a portata di refrigerante variabile ad altissima efficienza, al fine di garantire le migliori condizioni di comfort in qualunque periodo dell anno e regime di funzionamento; - sistema di controllo totale ad inverter; - distribuzione con nuove tubazioni isolate secondo la normativa vigente atte a garantire la massima funzionalità dell intero sistema ; 5

6 - sistema di termoregolazione per ogni locale climatizzato per il controllo diretto delle condizioni termiche ambiente; - sistema di supervisione con interfaccia remota da collocare in posizione a discrezione della direzione dei lavori; - Impostazione del periodo di funzionamento per singolo locale al fine di ottimizzare, in maniera capillare, il periodo di funzionamento della climatizzazione invernale; - il sistema è già dotato di apparecchiature per il controllo dell energia reattiva senza necessità di utilizzo di rifasatori esterni; Installazione di sistemi di illuminazione ad alta efficienza sia con sostituzione di lampade che di interi corpi illuminanti. 3. SCUOLA ELEMENTARE - Via Roma SANT ANDREA APOSTOLO DELLO JONIO 3.1 Descrizione e Stato di fatto dell Edificio L edificio scolastico in oggetto è situato in Via Roma nel centro capoluogo di Sant Andrea Apostolo dello Jonio (in catasto al foglio 12- p.lla 857). La scuola, posta in posizione rialzata rispetto al piano stradale del principale collegamento viario, è accessibile attraverso una scalinata da Via Roma. E circondata da un area di pertinenza adibita a giardino. La recinzione della corte della scuola è costituita da muretti in mattoni con soprastante ringhiera in ferro. L area esterna risulta in parte lastricata e in parte lasciata a verde. Si erge su due livelli, piano terra e piano primo. L edificio è stato realizzato negli anni 30; è una struttura di epoca fascista tipica del periodo per come si rileva anche dalle caratteristiche della scalinata al cui centro c è il vuoto dello stemma del fascio. L edificio ha un conformazione planimetrica a C e si sviluppa attorno ad un area di pertinenza adibita a giardino. L edificio è dotato di due ingressi di cui uno con ampie scale per l accesso al piano superiore. La posizione dell edificio è lungo la via principale denominata Via Roma ma si accede anche da una piazza attorno alla quale sono ubicati tutti gli edifici di interesse pubblico del comune Capoluogo. Il piano terra presenta due ingressi di cui uno diretto su un vano-scala molto ampio che conduce al piano superiore. Gli ambienti di tutti e due i piani sono serviti da un lungo corridoio alto circa 4.10 mt e largo circa 3.20 senza interruzioni trasversali. Le dimensioni, e soprattutto l altezza di questo ambiente, rendono difficile il riscaldamento, in quanto il calore tende a salire e a riscaldare la parte alta dell ambiente dove non è necessario. In più, per tutta la lunghezza, troviamo ampie finestre del tipo tradizionale monovetro, in alluminio. Le aule e tutti gli ambienti dell edificio (quali palestre, segreteria, sala conferenze, ecc.) sono anch esse molto alte, con ampie finestre dello 6

7 stesso tipo di quelle dei corridoi. Il vano-scale si apre direttamente nei corridoi con conseguenti problemi di passaggio di correnti d aria. Il piano Terra, rialzato di 65 cm, è accessibile da due ingressi attraverso gradini. Già in sede di progettazione preliminare veniva rilevato come il quadro complessivo dell edificio, dal punto di vista termico, sia abbastanza grave se si tiene conto anche delle infiltrazioni puntuali provenienti dal tetto di copertura nonchè delle seguenti ulteriori problematiche : - ambienti sovradimensionati; - distribuzione interna poco attenta alle dispersioni termiche; - correnti d aria che vanno a compromettere qualsiasi tentativo di riscaldamento; - superfici vetrate molto ampie con infissi con valori di trasmittanza elevati. La situazione estiva non è certo più confortevole in quanto le ampie vetrate sono causa di surriscaldamento degli ambienti adibiti ad uffici privi di qualsiasi impianto di climatizzazione. L edificio ha una copertura a tetto del tipo a padiglione con travi in legno e soprastante manto in coppi privo di materiale coibente. La struttura portante è in muratura di mattoni pieni e costituita da setti murari che si sviluppano principalmente lungo due direzioni tra loro ortogonali (la costruzione presenta muri portanti con spessore pari a 60 cm). I solai di copertura con struttura di tipo misto, con travetti in c.a. ed elementi in laterizio di alleggerimento (pignatte) gettati in opera e sostenuti da cordoli perimetrali, sono del tipo misto in laterizi e c.a. Le murature perimetrali di chiusura dell edificio sono anche quelle portanti, in mattoni pieni dello spessore di 60 cm, senza intercapedine e senza coibentazione. Le murature divisorie interne sono formate da mattoni 10 fori posti di coltello. 7

8 Gli infissi, di tipo tradizionale in alluminio, con vetro singolo, con sistema di oscuramento a tapparelle, sono state sostituite negli anni 70 ma risultano obsoleti e inefficaci per l isolamento termico dell edificio. L impianto elettrico interno è del tipo sottotraccia con cavi in tubazione corrugata, senza rifasatori e con quadro elettrico generale in prossimità dell ingresso, soggetto alla legge 37/08. L impianto d illuminazione interna è costituito da lampade al neon di prima generazione mentre l impianto illuminazione esterna è costituito da n 3 lampioncini con fari a vapori di mercurio. Per quanto riguarda l impianto di riscaldamento, esso è servito da una caldaia a basamento a gasolio da Kcal e una murale a metano, tubazione in rame, collettori in rame e radiatori in ghisa con valvole di tipo manuale e ventilconvettori. Non è presente l impianto di climatizzazione estiva. 3.2 Criteri progettuali e descrizione degli Interventi In fase di progettazione preliminare è stata eseguita una valutazione dei consumi energetici (IEN) calcolati per l edificio in esame. I consumi sono stati calcolati paragonandoli ai consumi specifici di riferimento relativi ad un campione della realtà nazionale eseguita dall ENEA. In apposite tabelle del preliminare sono stati riportati i consumi specifici di riferimento organizzati per tipologia e per classi di merito rispetto alla qualità energetica. Per l edificio scolastico in esame, la relazione del progetto preliminare portava a concludere che i valori di IEN sono compresi nella classe di merito considerate sufficienti; tuttavia tali valori si riferiscono alle condizioni medie esistenti del parco edilizio italiano preesistenti alla pubblicazione delle nuove leggi che impongono valori di trasmittanza e quindi di dispersione termica assai più stringenti. Occorre tener conto anche di un altra realtà molto diffusa nelle scuole pubbliche, e cioè di un apparente consumo non eccessivo legato alla carenza del servizio reso; ciò significa che l apparente basso consumo energetico non deriva da una condizione di efficienza generale degli impianti o dell involucro esterno, ma semplicemente per un mancato servizio reso nel senso che gli impianti non vengono fatti funzionare per tutte le ore di soggiorno degli utenti ma spenti alternativamente, con conseguenti disagi a livello di comfort abitativo. Dallo studio preliminare emerge come i principali fattori di insoddisfazione risultano essere: - Bassa temperatura nei corridoi; - Temperatura al di sotto dei 20 C in alcune ore del giorno; - Temperature elevate in alcuni ambienti (fino a 22 C in alcune aule); 8

9 - Correnti d aria provenienti dai vani scala; - In assenza di radiazione solare le superfici vetrate prive di schermature favoriscono uno scambio termico per irraggiamento sfavorevole agli ambienti che si raffreddano rapidamente; - Temperature elevate nei mesi caldi, favorite dalla mancanza di schermi solari alle finestre. In sede di progettazione preliminare, al fine di individuare gli interventi più idonei al contenimento dei consumi, sono state individuate alcune delle cause principali che determinano la dispersione termica così elencate: Cause di dispersione termica intrinseche dell edificio e scarsa efficienza dell involucro sia in termini energetici che di tenuta : 2. Murature esterne non isolate e con altissimi valori di trasmittanza; 2. Corridoi molto ampi e senza soluzione di continuità anche con i corpi scala. 3. Ambienti molto alti che favoriscono la migrazione del calore per naturale effetto convettivo al di fuori del volume occupato, dunque lì dove non serve ( al soffitto). 4. Infissi fatiscenti di tipo tradizionale con vetro singolo. 5. Apertura dell ingresso sui vani-scala collegati ai locali riscaldati: corridoi, e quindi ambienti serviti, con passaggio di correnti d aria. Riguardo, invece, agli sprechi energetici degli impianti, l obiettivo da raggiungere proposto dal progetto preliminare da raggiungere è quello di migliorare l efficienza del sistema impianto, di ottimizzare il periodo di funzionamento, di ridurre gli sprechi derivanti dagli impianti esistenti obsoleti e di proporre nuove tecnologie per razionalizzare i consumi. In sede di progettazione preliminare, le cause del cattivo funzionamento e spreco energetico nell ambito degli impianti venivano così esplicitate: 1. Centrale termica con caldaia di vecchia concezione obsoleta che non rispetta il D.P.R. 412/93 ; 2. Impianti di distribuzione del calore, parte in ferro all esterno e parti non coibentate; 3. Utilizzo del calore senza termostati di zone, con valvole ai radiatori del tipo manuali e senza controllo da sonde di temperature tra esterno ed interno; 4. Impianti elettrici senza rifasatori ed utilizzo improprio; 5. Impianto di illuminazione interno, con lampade al neon prima generazione. Ciò detto, la riqualificazione energetica dell edificio scolastico sarà attuata attraverso due categorie d intervento: 9

10 a) Interventi sull involucro; b) Interventi sugli impianti. 3.2.a Interventi sull involucro Sull involucro dell edificio vengono previsti i seguenti interventi: interventi di miglioramento dell isolamento termico del tetto di copertura mediante stesura di un nuova coibentazione con pannelli in EPS di adeguato spessore e consistenza come meglio specificato nei particolari costruttivi. interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici opache mediante la tipologia di isolamento a cappotto esterno consistente nell applicazione, sulle pareti perimetrali dell edificio, di pannelli isolanti in polistirene espanso estruso; interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici vetrate mediante sostituzione degli infissi esterni esistenti con infissi di diversa tipologia a maggiore efficienza energetica ; interventi di contenimento delle dispersioni di calore mediante: - esecuzione di controsoffitti da realizzare negli ambienti più alti al fine di limitare le dispersioni di calore verso l alto. - realizzazione di parete-filtro tra il vano-scala e l ingresso al piano; - eliminazione totale dei ponti termici individuati. - il ribassamento della controsoffittatura al di sotto dei cassonetti contenenti le tapparelle avvolgibili. 3.2.b Interventi sugli impianti Per quanto riguarda gli impianti dell edificio, nella loro globalità, il progetto definitivo prevede i seguenti interventi di miglioramento: - nuovo impianto di climatizzazione centralizzato per funzionamento invernale ed estivo, in configurazione a pompa di calore di tipo idronico ad altissima efficienza, al fine di garantire le migliori condizioni di comfort in qualunque periodo dell anno e regime di funzionamento; - distribuzione con nuove tubazioni isolate secondo la normativa vigente atte a garantire la massima funzionalità dell intero sistema ; - terminali di tipo radiante a soffitto al fine di garantire il più alto comfort auspicabile per tali tipi di ambienti; - circolatori del tipo con controllo ad inverter al fine di garantire i minimi assorbimenti possibili in qualunque condizione di funzionamento; - sistema di termoregolazione a zone con possibilità di impostazione del periodo di funzionamento per singola zona al fine di ottimizzare il numero di ore di accensione degli impianti stessi; 10

11 - il sistema è già dotato di apparecchiature per il controllo dell energia reattiva senza necessità di utilizzo di rifasatori esterni; - centralizzazione dell impianto di climatizzazione estiva dei locali amministrativi della scuola al fine di garantire la massima efficienza possibile sia con riferimento ai carichi parziali che al completo funzionamento di tutta l area amministrativa; - possibilità di futuro esercizio in raffrescamento anche per le aule; - installazione di pannelli solari termici con funzionamento in serie ai bollitori esistenti al fine di garantire la massima integrazione in ragione delle particolari condizioni di irraggiamento solare; - Installazione di sistemi di illuminazione ad alta efficienza sia con sostituzione di lampade che di interi corpi illuminanti. 4. CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - P.zza G. Marconi SANT ANDREA APOSTOLO DELLO JONIO 4.1 Descrizione e Stato di fatto dell Edificio Il centro sociale per anziani è situato in P.zza G. Marconi nel Comune centro capoluogo di Sant Andrea Apostolo dello Jonio (in catasto al foglio 12 p.lle ). La tipologia dell edificio è riconducibile ad un unico blocco, costruito su due livelli: piano terra e piano primo di cui parte del piano terra di altra proprietà. L edificio è stato realizzato nei primi anni 30, ha un conformazione planimetrica di forma irregolare prossima al rettangolo e si affaccia su Piazza G. Marconi. L edificio, già sede municipale, è ora adibito a centro sociale per gli anziani, e risulta ubicato in pieno centro storico in una delle piazze tipiche dell antico borgo medioevale. L edificio è dotato di un ingresso che si affaccia su una strada in pendenza, servita da un marciapiedi a gradoni,che porta al piano terra, attualmente utilizzato in affitto come edicola, e di un secondo ingresso ad arco, che porta al piano primo al quale si accede tramite una scala che copre un dislivello di 1.80 mt. Sui prospetti ovest ed est del fabbricato vi si trovano due logge realizzate in epoche successive a quella di costruzione come anche il disegno in mattoni creato sul fronte principale. L immobile si trova sul proseguimento di Via Regina Elena, una delle principali arterie del centro storico ed ha un accesso indipendente dalla strada provinciale che collega la marina al centro capoluogo. La superficie del piano terra è suddivisa in 2 unità distinte delle quali una è di proprietà privata, mentre la restante porzione, con ingresso sul lato esposto a nord, è di proprietà comunale e risulta attualmente affittata e adibita ad edicola. Per tali motivi, ai fini del calcolo delle dispersioni termiche dell immobile, l unità privata di tale piano non verrà presa in considerazione. 11

12 Al piano primo, oggetto della presente analisi, si accede da una scala che parte dal piano terra con accesso dall esterno sul lato nord del fabbricato e porta ad un piccolo disimpegno. Il primo piano del fabbricato ospita un Centro Sociale per anziani: l ambiente è suddiviso tra 4 ampi locali con superfici comprese tra i 17 e i 37 mq e un piccolo bagno di servizio. Il tetto di copertura ha struttura in legno e soprastante manto di coppi tradizionali senza alcun strato di materiale coibente. Il Piano Terra è accessibile da un ingresso diretto da via Regina Elena. Il Piano Primo è accessibile tramite scala esterna con accesso da via Regina Elena. La struttura portante è in muratura del tipo in pietrame e listature in mattoni pieni dimensionati per l altezza di piano, architravi sopra le finestre e cordoli di coronamento. I solai di piano sono in c.a. con ossatura nervata e laterizi di alleggerimento. Le scale, sono realizzate in c.a. a rampante pieno incastrate nelle trave di piano. Le murature esterne sono portanti come del resto anche la maggior parte dei tramezzi interni: tali murature, completamente prive di coibentazione sono altamente trasmissive. Le murature divisorie sono formate da un mattone 10 fori posto di coltello con malta bastarda e da cordolature in c.a. d incorniciamento a contenimento delle pareti stesse. Gli infissi sono del tipo tradizionale in alluminio, con vetro singolo e sistema di oscuramento a tapparelle. Tali infissi risultano obsoleti e inefficaci per l isolamento termico dell edificio. L impianto elettrico interno del tipo sottotraccia in cavi dentro tubazione corrugata, senza rifasatori e con quadro elettrico generale in prossimità dell ingresso, soggetto alla legge 46/90. Impianto Illuminazione interna con lampade ad incandescenza. L impianto di riscaldamento risulta servito da una caldaia murale a metano da kcal con distribuzione in rame e radiatori in ghisa associati a radiatori elettrici. La produzione di acqua calda avviene tramite boiler elettrico, mentre l impianto di climatizzazione estiva è inesistente. 12

13 4.2 Criteri progettuali e descrizione degli Interventi In fase di progettazione preliminare è stata eseguita una valutazione dei consumi energetici (IEN) calcolati per l edificio in esame. I consumi sono stati calcolati paragonandoli ai consumi specifici di riferimento relativi ad un campione della realtà nazionale eseguita dall ENEA. In apposite tabelle del preliminare sono stati riportati i consumi specifici di riferimento organizzati per tipologia e per classi di merito rispetto alla qualità energetica. Per l edificio in esame, dalle risultanze emerse dalla progettazione preliminare, è scaturito che i valori dell IENr e dell IENe rientrano entrambi nella classe di merito considerata insufficiente. Tali risultati sono risultati facilmente prevedibili facendo delle semplici riflessioni sull epoca di costruzione dell edificio, sullo stato degli infissi e delle murature nonché sui metodi utilizzati per il riscaldamento degli ambienti. La qualità energetica dell edificio risulta essere insufficiente, ci sono carenze nei servizi resi, soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento: si nota, infatti, che la temperatura media del volume riscaldato si discosta in diversi punti dai 20 C, abbassando la temperatura complessiva. Questo in parte spiega i consumi eccessivi a discapito del comfort. Al fine di determinare gli interventi più idonei per il contenimento dei consumi, in sede di preliminare sono state individuate le cause principali che determinano la dispersione termica, così come di seguito elencate: Cause di dispersione termica intrinseche dell edificio e scarsa efficienza dell involucro sia in termini energetici che di tenuta : 1. Umidità dovuta ad infiltrazioni dal tetto di copertura ; 2. Murature esterne non isolate e con altissimi valori di trasmittanza; 4. Infissi fatiscenti di tipo tradizionale con vetro singolo. Riguardo, invece, agli sprechi energetici degli impianti, l obiettivo da raggiungere è quello di migliorare l efficienza del sistema impianto, di ottimizzare il periodo di funzionamento, di ridurre gli sprechi derivanti dagli impianti esistenti obsoleti e di proporre nuove tecnologie per razionalizzare i consumi. In sede di progettazione preliminare, le cause del cattivo funzionamento e spreco energetico nell ambito degli impianti venivano così esplicitate: 1. Centrale termica con caldaia di vecchia concezione obsoleta che non rispetta il D.P.R. 412/93 ; 2. Impianti di distribuzione del calore, parte in ferro all esterno e parti non coibentate; 3. Utilizzo del calore senza termostati di zone, con valvole ai radiatori del tipo manuali e senza controllo da sonde di temperature tra esterno ed interno; 4. Impianti elettrici senza rifasatori ed utilizzo improprio; 13

14 5. Impianto di illuminazione interno, con lampade al neon prima generazione. Ciò detto, la riqualificazione energetica dell edificio centro sociale per anziani sarà attuata attraverso due categorie d intervento al fine di aumentare l efficienza dell intero sistema edificioimpianto: a) Interventi sull involucro; b) Interventi sugli impianti. 4.2.a Interventi sull involucro Sull involucro dell edificio centro sociale vengono previsti i seguenti interventi: interventi di miglioramento del tetto di copertura. Il manto di copertura verrà revisionato al fine di eliminare le piccole infiltrazioni d acqua mentre per la sottostruttura metallica attuale si procederà con interventi di conservazione mediante l applicazione di antiruggine. Verrà posto in copertura apposito pannello coibente in polistirene sull estradosso del solaio. interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici opache mediante la tipologia di isolamento a cappotto interno consistente nell applicazione, sulle pareti perimetrali dell edificio, di pannelli isolanti in polistirene ; interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici vetrate mediante sostituzione degli infissi esterni esistenti con infissi di diversa tipologia a maggiore efficienza energetica. intervento di rifacimento del bagno disabili al fine di poter procedere con l isolamento termico nel medesimo locale. 4.2.b Interventi sugli impianti Sugli impianti dell edificio centro sociale vengono previsti, invece, i seguenti interventi: - interventi di miglioramento dell impianto di produzione del calore mediante sostituzione della caldaia esistente, in quanto obsoleta, con caldaia di nuova generazione del tipo a condensazione; - interventi di miglioramento dell impianto di distribuzione del calore mediante nuova realizzazione di tutta la tubazione dell impianto di riscaldamento; - sostituzione delle pompe, con pompe azionati da motori elettrici ad alta efficienza e dotati di controllo ad inverter, che hanno minore perdite rispetto a quelli tradizionali e controllo dell energia reattiva; - sostituzione dei radiatori in ghisa con ventilconvettori con motori a bassissimo assorbimento elettrico; - Installazione termostati per singolo ambiente al fine di garantire il controllo puntuale delle condizioni termiche dell ambiente; 14

15 - Impostazione del periodo di funzionamento al fine di ottimizzare il periodo di esercizio della climatizzazione invernale; - interventi di miglioramento dell impianto di distribuzione elettrica e Installazione di sistemi di illuminazione ad alta efficienza. 5. SCUOLA MATERNA - Via G. Rossa SANT ANDREA APOSTOLO DELLO JONIO 5.1 Descrizione e Stato di fatto dell Edificio L edificio di scuola materna è situato in Via G. Rossa nella frazione Marina del Comune di Sant Andrea Apostolo dello Jonio (in catasto al foglio 9 p.lla 838). La tipologia è riconducibile a quella di edificio isolato ad unico piano circondato da un area di pertinenza destinata a giardino. L edificio è stato realizzato negli anni 80; ha un conformazione planimetrica che consta di un corpo centrale di forma rettangolare irregolare con copertura a tetto a due falde e un portico d ingresso e un corpo aggiunto in epoca successiva a quella di realizzazione con copertura piana realizzato sul lato ovest. L edificio è posto longitudinalmente lungo Via G. Rossa sul proseguimento della traversa di Viale Armogida, arteria principale della frazione Marina ( S.P. Sant Andrea - Davoli) che la collega al Comune Capoluogo. La scuola è rialzata dal piano di campagna di circa 30 cm e presenta sul fronte principale un portico che si affaccia su un area di pertinenza, che circonda l intera struttura, adibita a giardino. I cancelli di ingesso all area sono due, entrambi su Via G. Rossa, di cui uno carrabile collegato alla zona retrostante per l entrata di servizio alla cucina. L edificio ha un area di pertinenza che lo circonda per tutto il perimetro con recinzione costituita da cordolo in c.a. e soprastante inferriata e, come già detto, due cancelli su Via G. Rossa di cui uno carrabile e uno pedonale. L area destinata a giardino è prevalentemente ricoperta da verde ad eccezione della zona carrabile a nord, pavimentata con strato in cemento. Al piano terra dell edificio si accede dal portico attraverso due portoni per i locali di soggiorno e sul retro, lato ovest, per i locali di servizio. L ingresso principale porta ad un locale disimpegno centrale, attorno al quale si sviluppano le aule e la sala ricreativa, un corridoio frontale conduce alla sala mensa e ai servizi igienici. L ingresso, posto sul retro, è diretto alla cucina, collegata a sua volta alla sala ricreativa e ad un locale ad uso ufficio. Il locale caldaia, posto sul lato nord, è servito da una porticina esterna. L altezza media del corpo principale è di 4.90 mt con tetto di copertura a due falde inclinate, mentre il corpo aggiunto, a tetto piano, ha un altezza di 3.80 mt. Il 15

16 riscaldamento di alcuni locali, soprattutto quelli posti in corrispondenza del colmo, è resa difficile dall eccessiva altezza che comporta la migrazione del calore nella parte alta dove non è necessario. L edificio ha un sistema di copertura caratterizzato da due tetti del tipo a due falde, e uno a tetto piano per la zona ampliata, senza strato di coibentazione. Il manto di copertura del tetto a falde è in eternit, rivestimento ad elevata trasmittanza, quindi non idoneo all isolamento termico dell edificio. La struttura portante è del tipo asismica con telai ortogonali in c.a.; solai in c.a. e laterizi, gettato in opera, costituito da nervature parallele poste ad interasse di cm con elementi di alleggerimento quali pignatte semplici o composte. Le murature di tompagno sono del tipo a cassetta, previo paramento murario esterno in mattoni 21 fori posti di coltello intonacato con malta cementizia per la parte interna, da mattoni 10 fori posti di coltello all interno in modo da formare uno spessore di 30 cm., con interposta intercapedine senza coibentazione e senza eliminazione dei ponti termici. Le murature divisorie sono formate da mattoni 10 fori posti di coltello con malta bastarda e da cordolature in c.a. d incorniciamento a contenimento delle pareti stesse nel caso di superamento dei tre metri. Gli infissi sono del tipo tradizionale in alluminio, con vetro singolo e sistema di oscuramento a tapparelle. Tali infissi risultano obsoleti e inefficaci per l isolamento termico dell edificio. Sempre dallo studio preliminare risulta che l impianto elettrico interno è del tipo sottotraccia con cavi in tubazione corrugata, senza rifasatori e con quadro elettrico generale in prossimità dell ingresso, soggetto alla legge 46/90. L impianto di illuminazione interna che esterna sono realizzati con lampade di vecchia generazione. L impianto di riscaldamento risulta servito da una caldaia murale a GPL da Kcal/h, tubazione in rame, collettori in rame e radiatori in alluminio con valvole di tipo manuale. Produzione di acqua calda tramite caldaia a gas GPL. Impianto di condizionamento: non presente. 16

17 5.2 Criteri progettuali e descrizione degli Interventi In fase di progettazione preliminare è stata eseguita una valutazione dei consumi energetici (IEN) calcolati per l edificio in esame (scuola materna). I consumi sono stati calcolati paragonandoli ai consumi specifici di riferimento relativi ad un campione della realtà nazionale eseguita dall ENEA. In apposite tabelle del preliminare sono stati riportati i consumi specifici di riferimento organizzati per tipologia e per classi di merito rispetto alla qualità energetica. Per l edificio scolastico in esame, la relazione del progetto preliminare portava a concludere che i valori di IEN sono compresi nella classe di merito considerate sufficienti; tuttavia tali valori si riferiscono alle condizioni medie esistenti del parco edilizio italiano preesistenti alla pubblicazione delle nuove leggi che impongono valori di trasmittanza e quindi di dispersione termica assai più stringenti. Occorre tener conto anche di un altra realtà molto diffusa nelle scuole pubbliche, e cioè di un consumo non eccessivo legato alla carenza del servizio reso. Ciò significa che il risparmio energetico non si ha per l efficienza degli impianti o perché l involucro esterno è realizzato secondo criterio, ma semplicemente perché gli impianti non vengono fatti funzionare per tutte le ore di soggiorno degli utenti ma spenti alternativamente, con conseguenti disagi a livello di confort abitativo. Dal preliminare emerge come i principali fattori di insoddisfazione risultano essere: - Bassa temperatura nei corridoi; - Temperatura al di sotto dei 20 in alcune ore del giorno ; In sede di progettazione preliminare, al fine di individuare gli interventi più idonei al contenimento dei consumi, sono state individuate alcune delle cause principali che determinano la dispersione termica così elencate: Cause di dispersione termica intrinseche dell edificio e scarsa efficienza dell involucro sia in termini energetici che di tenuta : 1. Tetto di copertura non isolato con manto in eternit con alti valori di trasmittanza; 2. Murature esterne non isolate e con alti valori di trasmittanza ; 3. Ambienti molto alti che favoriscono la migrazione del calore per naturale effetto convettivo al di fuori del volume occupato, dunque lì dove non serve ( al soffitto). 4. Infissi fatiscenti di tipo tradizionale con vetro singolo. 17

18 Riguardo, invece, agli sprechi energetici degli impianti, l obiettivo da raggiungere è quello di migliorare l efficienza del sistema impianto, di ottimizzare il periodo di funzionamento, di ridurre gli sprechi derivanti dagli impianti esistenti obsoleti e di proporre nuove tecnologie per razionalizzare i consumi. In sede di progettazione preliminare, le cause del cattivo funzionamento e spreco energetico nell ambito degli impianti venivano così esplicitate: 1. Centrale termica con caldaia di vecchia concezione obsoleta che non rispetta il D.P.R. 412/93 ; 2. Impianti di distribuzione del calore, parte in ferro all esterno e parti non coibentate; 3. Utilizzo del calore senza termostati di zone, con valvole ai radiatori del tipo manuali e senza controllo da sonde di temperature tra esterno ed interno; 4. Impianti elettrici senza rifasatori ed utilizzo improprio; 5. Impianto di illuminazione interno con lampade al neon prima generazione. Ciò detto, la riqualificazione energetica dell edificio scolastico (materna) sarà attuata attraverso due categorie d intervento: a) Interventi sull involucro; b) Interventi sugli impianti. 5.2.a Interventi sull involucro Sull involucro dell edificio vengono previsti i seguenti interventi: interventi di miglioramento dell isolamento termico del tetto di copertura Rimozione del manto in eternit da effettuare con ditta specializzata e posa in opera di nuova copertura in tegole di laterizio con elementi isolanti per come indicato nel progetto. Anche per quanto riguarda la parte di fabbricato senza tetto, per essa è prevista la stessa tipologia di copertura ci cui sopra. interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici opache mediante la tipologia di isolamento a cappotto consistente nell applicazione, sulle pareti perimetrali dell edificio, di pannelli isolanti in polistirene; interventi di miglioramento dell isolamento termico delle superfici vetrate mediante sostituzione degli infissi esterni esistenti con infissi di diversa tipologia a maggiore efficienza energetica ; interventi di contenimento delle dispersioni di calore mediante: - esecuzione di controsoffitti da realizzare negli ambienti più alti al fine di limitare le dispersioni di calore verso l alto. - eliminazione totale dei ponti termici individuati; - sostituzione dei cassonetti esistenti copri-avvolgibili con cassonetti isolanti. 18

19 5.2.b Interventi sugli impianti Per quanto riguarda gli impianti dell edificio scuola materna, nella loro globalità, il progetto definitivo prevede i seguenti interventi di miglioramento: - nuovo impianto di climatizzazione centralizzato per funzionamento invernale, in configurazione a pompa di calore di tipo idronico ad altissima efficienza, al fine di garantire le migliori condizioni di comfort ; - distribuzione con nuove tubazioni isolate secondo la normativa vigente atte a garantire la massima funzionalità dell intero sistema ; - terminali di tipo radiante a soffitto al fine di garantire il più alto comfort auspicabile per tali tipi di ambienti; - circolatori del tipo con controllo ad inverter al fine di garantire i minimi assorbimenti possibili in qualunque condizione di funzionamento; - sistema di termoregolazione a zone con possibilità di impostazione del periodo di funzionamento per singola zona al fine di ottimizzare il numero di ore di accensione degli impianti stessi; - il sistema è già dotato di apparecchiature per il controllo dell energia reattiva senza necessità di utilizzo di rifasatori esterni; - possibilità di futuro esercizio in raffrescamento; - installazione di pannelli solari termici con funzionamento in serie ai bollitori esistenti al fine di garantire la massima integrazione in ragione delle particolari condizioni di irraggiamento solare; - Installazione di sistemi di illuminazione ad alta efficienza sia con sostituzione di lampade che di interi corpi illuminanti. 6. Obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica e degli altri gas ad effetto serra nonché dei consumi energetici conseguibili con il progetto. Sistema di monitoraggio dei risultati degli interventi proposti. Gli interventi di progetto, per come descritti nei precedenti paragrafi, prevedono di ottenere una riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra ed in particolare di anidride carbonica nonché una consistente riduzione dei consumi energetici. L utilizzo del sistema di isolamento termico, cappotto, cassonetti, infissi, unito all adozione di impianti ad altissima efficienza, rendono in sistema edificio-impianto altamente performante generando nel complesso una riduzione in particolare dell anidride carbonica fino a valori dell ordine dell 85% inferiori rispetto alla condizione attuale: le emissioni, secondo i calcoli e secondo gli interventi proposti, saranno nel complesso pari a circa 4,61 kg CO 2 /m 3 anno, con un minimo valore riferito all edificio Municipio pari a 0,6 kg CO 2 /m 3 anno. 19

20 Il risparmio in termini energetici ottenibile attraverso l adozione dei sistemi edificio-impianto per come proposti, è mediamente superiore al 70% rispetto alla condizione attualmente esistente. Per quanto riguarda, invece, il monitoraggio dei risultati conseguibili con gli interventi di progetto, si prevede di adottare sistemi di monitoraggio di ultima generazione costituiti da contabilizzatori di energia; i valori rilevati saranno resi disponibili attraverso sistemi informatici e potranno essere pubblicati, a discrezione dell Ente, anche sul proprio sito web per essere accessibili al cittadino. 7. CONCLUSIONI Sulla base dell analisi dei consumi energetici eseguiti in sede di progettazione preliminare, che ha avuto come scopo quello di verificare la qualità energetica dell edificio, sono stati individuati in sede di progettazione definitiva gli interventi più adatti per contenere la spesa energetica. Nei paragrafi precedenti sono stati descritti gli interventi complessivi di risanamento energetico che risolvono sia le inefficienze specifiche dei singoli edifici esaminati sia le lacune inerenti gli impianti. Gli interventi proposti e descritti nei paragrafi precedenti consentono di abbattere i consumi energetici in misura maggiore rispetto a quanto previsto nel progetto preliminare. Chiaramente è fondamentale perseguire un mantenimento delle buone condizioni di esercizio in modo tale che il sistema edificio-impianto sia costantemente tenuto sotto controllo attraverso un adeguato piano di manutenzione e gestione dell energia che verrà sviluppato in sede di progettazione esecutiva. I Progettisti Ing. Pietro Scalamandrè Arch. Maurizio Longo Geom. Nicola Purri 20

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici.

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici. Corso di laurea specialistica in architettura per la sostenibilità. AA 2003/04 LABORATORIO INTEGRATO 3. PRIMO SEMESTRE DEL SECONDO ANNO Corso di TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE Prof. Antonio Carbonari

Dettagli

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE e alla GESTIONE Presentazione... 5 L importanza di una casa che fa risparmiare energia... 6 Come si costruisce una casa a basso consumo di energia...

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Per le tue segnalazioni su edifici scrivi a: energia@legambiente.it. Le Città monitorate dal Legambiente

Per le tue segnalazioni su edifici scrivi a: energia@legambiente.it. Le Città monitorate dal Legambiente PREMESSA "Tutti in classe A" e' una nuova campagna di Legambiente che ha un obiettivo preciso: sensibilizzare sull'importanza dell'efficienza energetica in edilizia. Vogliamo farlo attraverso uno strumento

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli