alcun modo la posizione sulle questioni trattate, né la preannuncia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "alcun modo la posizione sulle questioni trattate, né la preannuncia."

Transcript

1 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE: COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SUI DIRITTI DEI MINORI ( ) 1 I diritti dei minori. Secondo l'articolo 3 del trattato sull'unione europea, l'unione promuove i diritti del minore. I diritti dei minori sono diritti fondamentali dell'ue e gli Stati membri hanno l obbligo di rispettarli. L'articolo 24 della Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea stabilisce che i bambini hanno diritto alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere, che possono esprimere liberamente la propria opinione e che questa viene presa in considerazione sulle questioni che li riguardano in funzione della loro età e della loro maturità. La Carta stabilisce poi che in tutti gli atti relativi ai bambini l'interesse superiore del bambino deve essere considerato preminente. La tutela internazionale dei diritti dei minori affonda le radici nei valori e nei principi della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo del 1989, ratificata da tutti gli Stati membri dell'ue. Attività della Commissione europea nel settore dei diritti dei minori. Nel 2006 la Commissione ha adottato una Comunicazione "Verso una strategia dell Unione europea sui diritti dei minori" intesa a sviluppare una base comune per garantire una tutela efficace dei diritti dei minori nelle politiche interne ed esterne dell'ue. Approfondimenti sulla comunicazione e sulle attività della Commissione in questo ambito sono disponibili al seguente indirizzo web: Scopo della presente consultazione. Per dare impulso alla strategia dell Unione europea sui diritti dei minori, alla fine del 2010 la Commissione intende adottare una comunicazione sui diritti dei minori ( ). Con questa consultazione le parti interessate hanno l opportunità di rivolgere alla Commissione un proprio parere sulle azioni concrete che, sviluppate a livello dell'unione, potrebbero fornire un apporto decisivo. La Commissione intende anche raccogliere le esperienze concrete di quanti lavorano con i minori, specie con riguardo alle difficoltà nel promuoverne e tutelarne i diritti. La Commissione è in particolar modo interessata a raccogliere dati attendibili, informazioni fattuali e esempi concreti della situazione sul campo, sia sotto il profilo delle problematiche che delle soluzioni. Questioni affrontate dal questionario. Le domande della prima sezione intendono valutare le iniziative precedentemente adottate dalla Commissione nel settore dei diritti dei minori; quelle della seconda si concentrano sugli ambiti che richiedono particolare attenzione. A chi si rivolge il questionario. Si rivolge a singoli individui, a organizzazioni, associazioni, organi e istituzioni che tutelano e promuovono i diritti dei minori a livello locale, regionale, nazionale, europeo e internazionale. Non occorre rispondere a tutte le domande; ognuno potrà rispondere a quelle pertinenti per la propria attività in funzione della propria esperienza. 1 Il presente documento, elaborato dai servizi della Commissione a fini consultivi, non ne pregiudica in alcun modo la posizione sulle questioni trattate, né la preannuncia.

2 Domande di base I. Precedenti iniziative della Commissione 1. La comunicazione della Commissione del 2006 "Verso una strategia dell Unione europea sui diritti dei minori" propone di elaborare una strategia globale dell UE per promuovere e salvaguardare efficacemente i diritti dei minori nelle politiche interne ed esterne dell'unione europea e di sostenere gli sforzi degli Stati membri in questo settore. Come è valutata nell'insieme questa iniziativa? 2. L'UE ha il dovere generale di astenersi da qualsiasi atto che possa comportare la violazione dei diritti dei minori e di tenerne conto, se necessario, nelle politiche di sua competenza (cosiddetto mainstreaming). La Commissione ha introdotto una serie di dispositivi atti legislativi, soft law, assistenza finanziaria, scambio di migliori pratiche che consentono di adottare azioni mirate a tutelare e promuovere i diritti dei minori, in linea con i trattati e nel rispetto dei principi della sussidiarietà e della proporzionalità. Come sono valutati nell'insieme questi dispositivi? II. La situazione sul campo Seguendo l'orientamento della comunicazione del 2006, il Consiglio europeo si è espresso a favore dell'elaborazione di un'ambiziosa strategia UE sui diritti dei minori e ha chiesto alla Commissione di individuare quali misure, adottate a livello dell'unione, potrebbero incidere decisivamente sulla tutela e sulla promozione dei diritti dei minori, soprattutto per quelli in condizioni particolarmente vulnerabili. Una giustizia a misura di minore 3. Per quanto riguarda i sistemi giudiziari (diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo, ecc.), quali sono gli ostacoli e i problemi principali che incontrano i minori? In particolare, quali sono le problematiche e le sfide con cui si confrontano i minori che partecipano come vittime o imputati a un procedimento giudiziario di diritto penale, a procedimenti civili o a procedimenti riguardanti questioni di asilo e migrazione? 4. Quali iniziative concrete potrebbero rendere i sistemi giudiziari più a misura di minore? Si ritiene che l'unione possa contribuire a queste iniziative e se sì, come? Come può contribuire l'ue a garantire che le decisioni giudiziarie riguardanti i minori ne tutelino i diritti e ne rispettino in particolare l'interesse superiore? 5. Si prega di segnalare le buone pratiche, le iniziative, i programmi (anche di formazione) o i dispositivi che già consentono ai sistemi giudiziari di tener conto dei diritti, delle esigenze e degli interessi specifici dei minori. Esistono iniziative transfrontaliere in questo settore (progetti comuni condotti in cooperazione o con la partecipazione di organizzazioni di altri Stati membri, scambi di buone pratiche, ecc.)? 2

3 6. Un minore può essere chiamato a partecipare ai procedimenti giudiziari in veste di testimone vulnerabile o di vittima. Si ritiene che sia necessario fare di più per tener conto delle esigenze e dei diritti dei minori in queste circostanze? Si prega di indicare i dispositivi giuridici e gli accorgimenti pratici esistenti in grado di evitare gli interrogatori multipli e di rendere meno negativa l'esperienza di un procedimento giudiziario. 7. Qual è l'importanza dei mezzi tecnologici (videoconferenze, registrazioni video, denunce online, ecc.) per fare in modo che i minori possano accedere più facilmente alla giustizia o siano meglio tutelati durante il processo? Si prega di fornire esempi di buone pratiche. 8. Si ritiene che il personale giudiziario degli Stati membri sia adeguatamente formato per tener conto dei diritti e delle esigenze dei minori nei procedimenti giudiziari e nel processo decisionale? In caso negativo, indicare e descrivere eventuali esigenze specifiche. Le politiche della giustizia a tutela dei diritti dei minori 9. Giudicando dall'esperienza acquisita, in che modo la mediazione familiare tiene conto dell'interesse superiore del minore? Che tipo di iniziative dovrebbe adottare l'unione per sostenere il ricorso alla mediazione familiare tra gli Stati membri? 10. L'Unione sta valutando come risolvere i problemi di certificazione dello stato civile (nascita, nome, filiazione, adozione, ecc.) con cui si scontrano i cittadini dell'ue in altri Stati membri. Il cittadino che deve produrre atti di stato civile in un altro Stato membro si trova spesso a sostenere costi e lungaggini per far tradurre o autenticare i documenti. In che modo può essere migliorata la situazione? 11. Nel lungo periodo, potrebbe essere affrontato il problema del reciproco riconoscimento degli atti di stato civile, per cui, ad esempio, il legame di filiazione, per nascita o adozione, attestato in modo legale e valido in un Stato membro sarà riconosciuto anche in un altro Stato membro. Si ritiene che l'unione debba adottare misure in tal senso? 12. In vista della revisione del regolamento Bruxelles II bis (relativo alla competenza, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale), la Commissione sta valutando la necessità di stabilire norme minime per le decisioni sulla responsabilità genitoriale. Se saranno introdotte norme minime comuni, gli Stati membri potranno riconoscere e dare esecuzione alle decisioni di affidamento prese in un altro Stato membro senza ulteriori adempimenti, il che permetterebbe di velocizzare la composizione delle controversie in materia di affidamento. Giudicando dall'esperienza, si ritiene che l'unione debba stabilire norme minime per le decisioni sulla responsabilità genitoriale? Quali sarebbero le norme minime da prevedere? 13. Quali sono i problemi e le difficoltà incontrati sul campo (in quanto singolo o organizzazione) nell'affrontare casi di adozione internazionale (tra Stati membri dell'ue e paesi terzi)? Molti enti autorizzati per l adozione internazionale operano nel medesimo Paese di origine, riversando così nella stessa realtà la pressione esercitata dalle migliaia di domande di adozione. Ciò provoca, spesso, una sorta di 3

4 condizionamento molto forte su tutti i soggetti coinvolti nel procedimento adottivo: dalle istituzioni alle organizzazioni, dai rappresentanti degli enti autorizzati ai direttori degli istituti e ai funzionari preposti al rilascio dei documenti. In questo clima può accadere che vengano operate forzature affinché siano resi disponibili all adozione sempre più bambini con le caratteristiche gradite dalle coppie. Il fenomeno del child laundering - denunciato anche dai rappresentanti della Conferenza de L Aja (J. Degelling, Com è cambiato lo scenario internazionale dell adozione dopo la ratifica della Convenzione de L Aja in Scenari e sfide dell adozione internazionale, CIAI, 2009) - descrive la pratica illegale di sottrarre i bambini ai genitori biologici per inserirli nel circuito delle adozioni legali. Negli ultimi anni, le segnalazioni di adozione riguardano sempre più bambini già grandi, con problemi sanitari e con storie drammatiche alle spalle (di incuria e malnutrizione ma anche di violenza e abuso). Sono invece molto scarse le informazioni relative alla storia pregressa e allo stato di salute del bambino adottabile che ci arrivano dai referenti istituzionali in particolare di Etiopia, Cambogia, Vietnam, Thailandia e India. I bambini in attesa di essere adottati non sono quasi mai preparati adeguatamente al significato dell adozione e ai radicali cambiamenti che ciò comporta. Questa poca attenzione alla preparazione del bambino, che spesso è già grande, rende più complesso il suo inserimento all interno del nucleo familiare e poi nella nuova realtà sociale. Alcune adozioni pronunciate all estero, ad esempio in Etiopia, hanno gli effetti della open adoption, cioè di adozioni che consentono il mantenimento dei rapporti con la famiglia biologica, mentre in Italia esiste solo la close adoption. Questo divario giuridico crea enormi difficoltà non solo di tipo procedurale e di gestione dei rapporti nel corso del tempo ma anche relativamente alla possibile frustrazione delle aspettative del bambino di mantenere contatti e rivedere la famiglia d origine. Permangono problematiche di procedura internazionale con i Paesi non ratificanti la Convenzione de L Aja del 1993 e con i quali non sono stati siglati accordi bilaterali specifici. Quali sono i problemi e le difficoltà incontrati sul campo (in quanto singolo o organizzazione) nel trattare le decisioni di adozione tra Stati membri dell'ue? La scarsa regolamentazione degli affidi internazionali fa sì che spesso questa procedura venga seguita da chi desidera adottare un bambino aggirando le procedure sull adozione internazionale. Alcuni accordi bilaterali sono stati siglati ma comunque questi affidi dovrebbero essere soggetti a maggiori controlli e soprattutto non riguardare bambini orfani o in stato di abbandono. Riportiamo due questioni condivise da oltre 80 associazioni italiane facenti parte del Gruppo di Lavoro per la Convezione sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza e riportate all interno del 2 Rapporto Supplementare 4

5 alle Nazioni Unite sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza in Italia, Save the Children 2009 : 1. La preoccupazione circa l operatività della Convenzione Europea sull adozione di minori del 2008 di riforma alla precedente Convenzione del 1967, attualmente non firmata dall Italia. Se venisse introdotta nel nostro Paese stravolgerebbe i principi su cui si fonda l adozione in Italia che è invece basata sull accertamento preventivo dello stato di adottabilità del minore e non sul consenso del genitore di origine. La Convenzione Europea del 2008 inoltre, nonostante si richiami al superiore interesse del minore, nei fatti prevede l adozione in funzione del diritto degli aspiranti genitori adottivi, allargando alle coppie conviventi e ai single la possibilità di adottare e definendo solo la differenza di età minima e non massima. In Italia non è riconosciuto il diritto ad adottare ma solo il diritto ad essere adottato del minore in stato di abbandono. In Italia, per ogni minore italiano o straniero dichiarato adottabile, vi è un esubero di coppie sposate disponibili ad adottarlo: nel 2005 hanno adottato un minore italiano solo il 7,7% delle coppie disponibili e hanno adottato un minore straniero solo il 37% di quelle dichiarate idonee all adozione internazionale. Rispetto alla Convenzione Europea del 2008, inoltre, preoccupano le disposizioni che riguardano la revocabilità dell adozione; la possibilità di prevedere forme di adozione meno tutelanti per i minori e la possibilità di accesso all identità dei genitori biologici da parte dell adottato anche nei casi di non riconoscimento alla nascita. 2. L auspicio affinché venga introdotto giuridicamente l istituto dell adozione europea, così come già dibattuto all interno del Parlamento Europeo nel 2006 e sollecitato nella Risoluzione Europea del 16 gennaio 2008 (2007/2013 INI). Tale adozione potrebbe ottenere il risultato di definire una forma di adozione che possa garantire uguali diritti e la medesima tutela per tutti i minori cittadini europei in stato di adottabilità. Si potrebbero infatti creare regole uniforme e omogenee in tutti i Paesi europei sul rilascio dell idoneità dei genitori adottanti, l istituzione di una Banca dati europea dei minori adottabili e delle coppie adottanti; un Albo europeo degli enti autorizzati; un Autorità centrale europea con il compito di predisporre e vigilare sugli strumenti di attuazione e applicazione dell adozione internazionale. Categorie vulnerabili di minori 14. Giudicando dall'esperienza, quali sono le categorie di minori che versano in situazioni particolarmente vulnerabili? Si prega di fornire i dati e le cifre eventualmente disponibili. I minori italiani e stranieri che continuano a vivere in Istituto, in comunità o case famiglia. In Italia i dati disponibili risalgono al 31 dicembre 2005 in cui i minori presenti nei servizi residenziali erano In Romania, dopo la quasi totale chiusura alle adozioni internazionali, vengono da molti enti segnalate situazioni di sovraffollamento negli istituti di bambini orfani o in stato di abbandono e che quindi potrebbero essere adottati. 5

6 I minori italiani in affido sine die, cioè in affido familiare per un periodo di tempo superiore ai due anni stabilito per legge e molto spesso prorogato per un tempo illimitato. I minori affidati da oltre 2 anni, in Italia, al 31 dicembre 2005 erano il 60% del totale nazionale degli affidi che riguardava minori. I minori che vivono al di fuori della famiglia, italiani e stranieri, con special needs perché sono grandi (pre-adolescenti e adolescenti), appartengono a fratrie, hanno problematiche di salute, disabilità fisica o mentale o storie pregresse di violenza e abuso. In questi casi, anche se adottabili, difficilmente riescono a trovare una famiglia che li adotti e, comunque, gli esiti di queste adozioni sono di grande complessità e problematicità. Nel 2008 erano 191 i minori dichiarati adottabili e non adottati a causa dello stato grave di salute e/o dell età adolescenziale. In Italia la presenza di minori stranieri non accompagnati è monitorata dal Comitato Minori Stranieri (organo interministeriale presso il Ministero del Lavoro e della Solidarietà Sociale). Il Comitato monitora la presenza dei minori stranieri non accompagnati in quanto è l organo deputato ad accertarne lo status attraverso le segnalazioni delle istituzioni competenti (servizi sociali e forze dell ordine). Da tale conteggio sono quindi esclusi i minori che non entrano in contatto con tali istituzioni e coloro che pur essendo minori hanno presentato richiesta di asilo o provenendo da un paese dell Unione Europea non sono segnalati al Comitato Minori Stranieri. La vulnerabilità per questo gruppo di minori è rappresentata prima di tutto dalla mancanza di conoscenza reale del fenomeno che interessa minori al di fuori della famiglia. Inoltre, in questa occasione, si vuole segnalare ciò che accade a questi minori al compimento della maggiore età. La legislazione italiana prevede varie forme di tutela per cui i minori non accompagnati devono essere accolti in comunità di accoglienza e ottenere un permesso di soggiorno. Tuttavia al compimento del 18 anno di età tutte queste tutele decadono: il minore per ottenere un permesso di soggiorno deve dimostrare di essere inserito in un progetto di integrazione da almeno 2 anni, deve avere disponibilità di un alloggio e iscritto a un corso di studio o svolgere attività lavorative. I Comuni italiani in qualità di tutori dei minori hanno la tendenza a non concedere il proseguo amministrativo che permette la permanenza in Comunità (quindi un alloggio sicuro e un progetto di inserimento sociale), vengono quindi meno le condizioni per ottenere un permesso di soggiorno. Tale condizione impone a questi minori di attivarsi immediatamente dopo l uscita dalla Comunità per trovare un lavoro e un abitazione che permetta loro di poter soggiornare legalmente sul territorio italiano. E quindi necessario che siano previste procedure omogenee e che misure tutelanti siano predisposte e attivate a partire dalla minore età. Sul territorio italiano soggiornano numerosi nuclei familiari irregolari con minori, di cui non è possibile conoscere l entità numerica proprio a causa dello status familiare. Ai nuclei familiari irregolari non è riconosciuto alcun diritto all assistenza sociale, tale condizione genera gravi conseguenze per i minori. Nel solo caso di segnalazione al Tribunale dei Minori il minore è accolto, con conseguente possibile preclusione della potestà genitoriale. E garantito ai minori stranieri appartenenti a nuclei irregolari la possibilità di usufruire di alcuni sevizi sanitari, non è consentita però l iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale, precludendo così la possibilità di accedere al pediatra di base e creando un forte 6

7 pregiudizio per salvaguardare il diritto alla salute del minore. Inoltre, la recente normativa italiana inserendo l aggravante di reato per ingresso e soggiorno irregolare e il conseguente obbligo di segnalazione da parte dei pubblici ufficiali o incaricati di servizio pubblico comporta notevoli rischi per la tutela del minore. E forte la preoccupazione che i nuclei familiari irregolari evitino di accedere ai servizi pubblici per timore di essere segnalati e quindi denunciati. Inoltre si sono verificate situazioni di grave violazione dei diritti dei minori, risulta infatti che in occasione di sgomberi abitativi alla presenza di minori non siano state garantite le condizioni di tutela del minore attraverso la presenza dei servizi sociali, sia stato quindi gravemente negata la protezione dei diritti del minore. Il fenomeno migratorio ha avuto nei paesi di origine gravi conseguenze dal punto di vista sociale. In Romania si parla di abbandono de facto, in Ucraina di orfani sociali, ci si riferisce alla realtà di numerosi minori le cui madri e/o padri hanno deciso di migrare per migliorare la propria condizione e hanno lasciato i propri figli nel paese di origine. Tale realtà oltre a suscitare riflessioni sull aspetto del care drain, e quindi della privazione di cure da parte dei genitori a cui questi minori sono esposti, conduce ad una riflessione sulle difficoltà connesse ai procedimenti di ricongiungimento volti a garantire l unità familiare. Molti minori infatti sono impossibilitati a ricongiungersi con i propri genitori per normative nazionali restrittive. La situazione italiana è preoccupante in quanto la legislazione predilige la tutela della sicurezza pubblica e quindi pone notevoli ostacoli ai procedimenti volti a garantire il ricongiungimento familiare. 15. Quali attività rivolge la sua organizzazione a beneficio di categorie vulnerabili di minori? Quali sono le difficoltà e i problemi incontrati sul campo nell'approntare iniziative a favore di tali categorie? Realizzazione di corsi di preparazione per aspiranti genitori adottivi pre e postidoneità. In Italia questi corsi sono obbligatori e devono essere effettuati sia presso i Servizi sociali pubblici, dove sono gratuiti, che presso gli enti autorizzati, dove sono a pagamento. Alcune Regioni rimborsano questi corsi ai genitori ma nella maggior parte dei casi la preparazione, benché obbligatoria, rimane a carico delle coppie. Colloqui di verifica delle concrete possibilità di adozione e colloqui abbinamento per un ulteriore verifica della reale accoglienza del bambino da parte della coppia. Questa importante fase viene invece da alcuni enti autorizzati italiani espletata via telefono o addirittura via posta inoltrando le carte di adozione alla coppia. Preparazione del minore adottabile all adozione, attraverso la formazione di operatori nei Paesi di origine dei bambini e la realizzazione di strumenti, quali racconti in lingua e album fotografici, per la preparazione del bambino. Adozioni di special needs children. Nel 2009 le famiglie che hanno adottato attraverso CIAI sono state 95 ma i bambini che sono arrivati sono stati 138 in quanto vi erano 19 nuclei di due fratelli, 9 nuclei di tre e 2 di quattro. Dei 138 bambini arrivati, 81 avevano più di 5 anni. I bambini più piccoli presentavano 7

8 frequentemente problemi di salute. Le principali patologie riscontrare sono state: malnutrizione, cardiopatia, epatite B e C, sierpositività, labbro leporino e palatoschisi, ritardo psico-motorio. Riscontriamo numerose difficoltà ad avere tutte le informazioni sanitarie in sede di proposta di abbinamento, sia per mancanza di strutture diagnostiche adeguate sia perché questo aspetto viene spesso sottovalutato. Interventi di sostegno nel post-adozione per genitori e figli adottivi. In Italia i servizi sociali pubblici sono preposti a garantire il sostegno alla famiglia adottiva nei primi 2 anni dall arrivo del bambino in adozione. I maggiori problemi insorgono invece durante l adolescenza del figlio adottivo, quando le famiglie spesso non vengono più supportate e devono ricorrere a costosi interventi psicologici di sostegno da parte di strutture private. Gli interventi realizzati da CIAI vanno dal sostegno alla famiglia adottiva per l inserimento sociale e scolastico del bambino, spesso già in età scolare, alla realizzazione di attività, anche di gruppo, specifiche per adolescenti adottivi e per genitori di adolescenti adottivi, a gruppi di confronto degli adottati e dei genitori su come affrontare la storia pregressa e il ritorno alle origini, all organizzazione di viaggi veri e propri di ritorno nel Paese di nascita a interventi psicologici e di terapia individuale e familiare. Attività di ricerca per studiare gli esiti dell adozione internazionale. Attualmente gli studi portati avanti anche a livello internazionale si sono rivolti a studiare gli esiti delle adozioni internazionali di bambini molto piccoli o comunque in età scolare. Alla luce della realtà italiana e internazionale sarebbe utile portare avanti ricerche riguardanti l adozione di minori in età scolare e pre-adolescenti per avere anche un riscontro oggettivo circa la praticabilità di queste adozioni, che ultimamente vengono sempre più realizzate in Italia. In un ottica di intervento che promuova una crescita nella comunità locale sulle problematiche degli adolescenti stranieri non accompagnati è stato messo a punto un percorso per la ricerca e formazione di adulti guida, con la funzione di tutelare il cammino verso l autonomia degli adolescenti senza riferimenti familiari presenti/affidabili. L adulto svolge una funzione fiduciaria verso l adolescente sostenendolo/a nelle decisioni/azioni importanti per la sua vita futura. Si pone come punto cardine della rete del ragazzo/a e usufruisce di percorsi di formazione. Si è trattato di attivare funzioni di tutoring per sostenere la formazione del giovane all adultità. Questo ruolo è stato pensato per consentire un confronto nel quale l adulto di fiducia si pone verso il ragazzo come persona disponibile all ascolto, all accompagnamento, alla condivisione e al trasferimento dell esperienza della sua vita adulta. L adulto guida non svolge un ruolo di tutela giuridica, ma nei fatti esercita una funzione di decodifica delle regole e di supporto adulto che permetta al giovane di muoversi con fiducia nel suo nuovo mondo di appartenenza. La funzione di garanzia può avere una doppia valenza: può essere esercitata in situazioni in cui è necessario prendere decisioni impegnative (firmare un contratto di lavoro, accedere ad un finanziamento, attivare una locazione) al fine di dare al ragazzo la consulenza necessaria affinché si protegga da scelte inopportune, e contemporaneamente costituirsi come soggetto affidabile per la controparte. 8

9 16. Si prega di indicare le buone pratiche, le iniziative o i programmi che già contribuiscono a tutelare meglio le categorie di minori più vulnerabili. Esistono iniziative transfrontaliere in questo ambito (progetti comuni condotti in cooperazione o con la partecipazione di organizzazioni di altri Stati membri, scambi di buone pratiche, ecc.)? 17. Quali iniziative concrete potrebbero garantire una maggiore tutela dei diritti dei minori vulnerabili e promuoverne meglio l interesse superiore? Si ritiene che l'unione possa contribuire a queste iniziative e se sì, come? Violenza contro i minori 18. Si prega di fornire dati e cifre eventualmente disponibili sui casi di violenza contro i minori e sulle decisioni giudiziarie in questo ambito. 19. Quali sono le attività della sua organizzazione in tema di tutela dei minori dagli atti di violenza? Quali sono le difficoltà e i problemi riscontrati sul campo nel dar corso ad iniziative di contrasto della violenza contro i minori? 20. Si prega di indicare le buone pratiche, le iniziative o i programmi che già possono contribuire a tutelare meglio i minori dagli atti di violenza. Esistono iniziative transfrontaliere in questo ambito (progetti comuni condotti in cooperazione o con la partecipazione di organizzazioni di altri Stati membri, scambi di buone pratiche, scambi tra giudici dei minori, ecc.)? 21. Quali iniziative concrete potrebbero tutelare meglio i minori dagli atti di violenza? Si ritiene che l'unione possa contribuire a queste iniziative e se sì, come? 22. Quali iniziative concrete potrebbero tutelare meglio i minori da forme di violenza tra pari (come il bullismo o il cyberbullismo)? Si ritiene che l'unione possa contribuire a queste iniziative e se sì, come? 23. Si ritiene che l'ue debba fare di più per promuovere il sistema di allerta per i minori e garantire l'interoperabilità tra gli Stati membri? Se sì, in che modo? 24. In che modo la Commissione può prestare sostegno alla messa in opera effettiva della linea telefonica diretta per i minori scomparsi negli Stati membri? Si ritiene che l'ue possa contribuire? Povertà minorile 25. Quali attività svolge la sua organizzazione in tema di lotta contro la povertà minorile? Quali sono le difficoltà e i problemi riscontrati sul campo nel dar corso ad iniziative per combattere la povertà minorile? 26. Si prega di indicare le buone pratiche, le iniziative o i programmi che già contribuiscono a ridurre la povertà minorile. Esistono iniziative transfrontaliere in 9

10 questo ambito (progetti comuni condotti in cooperazione o con la partecipazione di organizzazioni di altri Stati membri, scambi di buone pratiche, ecc.)? 27. Quali iniziative concrete potrebbero aiutare a ridurre la povertà minorile? Si ritiene che l'unione possa contribuire a queste iniziative e se sì, come? III. Altre domande Comunicazione 28. Quali sono i modi per comunicare efficacemente i diritti dei minori ad un pubblico di minori e di adulti? Si prega di indicare eventuali buone pratiche o iniziative di informazione o di sensibilizzazione sui diritti dei minori. Esistono iniziative transfrontaliere in questo ambito (progetti comuni condotti in cooperazione o con la partecipazione di organizzazioni di altri Stati membri, scambi di buone pratiche, ecc.)? Partecipazione dei minori 29. Si prega di indicare eventuali buone pratiche o iniziative esistenti sulla partecipazione dei minori allo sviluppo di politiche che li riguardano. 30. Come si può garantire una maggiore partecipazione dei minori alla strategia dell'unione sui diritti dei minori? Nella Convenzione sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza è riconosciuto al minore il diritto di esprimere liberamente la propria opinione su ogni questione che lo interessa. E quindi necessario garantire la partecipazione dei minori in tutte le occasioni in cui si affrontino i temi dell infanzia. Particolare attenzione deve essere garantita quando si affrontano i temi della violazione dei diritti o della condizione dei gruppi vulnerabili, questo nella convinzione che i minori stessi possano essere parte della soluzione e siano quindi messi in condizione di far sentire la propria voce. Ad esempio è fondamentale la costante partecipazione di rappresentanti dei minori all interno dei fora internazionali, nazionali, regionali e locali in cui si affrontano tematiche che li vedono protagonisti. Un recente caso in cui questo approccio è mancato è stato la Conferenza Internazionale sul Lavoro Minorile in cui i movimenti e i gruppi di bambini e adolescenti lavoratori non hanno avuto la possibilità di esprimersi liberamente e di confrontarsi con gli altri attori presenti, oppure, a livello nazionale, l ultima Conferenza Nazionale Infanzia e Adolescenza, organizzata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, realizzata a Napoli nel novembre 2009, in cui politici, istituzioni e rappresentanti del terzo settore hanno discusso di temi e prospettive legate all infanzia, senza prevedere il coinvolgimento di rappresentanti di bambini e ragazzi che potessero esprimere il loro punto di vista al riguardo. Altre questioni 31. Si prega di indicare, motivandole, eventuali altre questioni che andrebbero trattate dalla strategia dell'ue sui diritti dei minori. 10

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME)

ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) ASS. INMEDIA ONLUS VILLAFRANCA TIRRENA (ME) Anno scolastico 2013/2014 Proponente: Associazione INMEDIA ONLUS Sede legale: Via Consortile, 32 - Villafranca Tirrena (ME) Tel. 3480457173 e-mail: inmediaonlus@libero.it

Dettagli

Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni

Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni Raccomandazione del Consiglio d Europa sulla partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni Sommario

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 Oggetto: Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e Istituzione di equipe

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

In fase di sottoscrizione

In fase di sottoscrizione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l'emilia Romagna Ufficio XI Ambito Territoriale di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Assessorato al welfare

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Ri Distretto Sociosanitario 17 Riviera e Val di Vara MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Il giorno ventinove

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

Ricordo che nel 2010 la Vice Presidente Reding ha presentato. il "Programma dell'ue per i diritti dei minori" in cui si

Ricordo che nel 2010 la Vice Presidente Reding ha presentato. il Programma dell'ue per i diritti dei minori in cui si 7th European Forum on the Rights of the Child Brussels, 13-14 November 2012 ****** Ricordo che nel 2010 la Vice Presidente Reding ha presentato il "Programma dell'ue per i diritti dei minori" in cui si

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

viste: - la Legge 31.12.1998, n.476, Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la

viste: - la Legge 31.12.1998, n.476, Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA, COMUNE DI REGGIO EMILIA IN QUALITA' DI ENTE CAPOFILA PER L'ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE, AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA, ENTI TITOLARI E DELEGATI

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie

StudieRicerche. I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie StudieRicerche Collana della Commissione per le adozioni internazionali I percorsi dell adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie Indagine conoscitiva sulle coppie che hanno adottato nel

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Lascia il segno giusto.

Lascia il segno giusto. Lascia il segno giusto. 15 maggio, mani che amano. Giornata Regionale contro il maltrattamento all infanzia e all adolescenza. Per una Comunità che si prende cura. Versione 1.4-16.04.2015 Versione 1.4-16.04.2015

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2012-2014 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 349 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE POLI Istituzione del Garante nazionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Presentata

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Intervento Accogliere il minore e sostenere la famiglia: dall affidamento familiare alle comunità residenziali

Intervento Accogliere il minore e sostenere la famiglia: dall affidamento familiare alle comunità residenziali Intervento Accogliere il minore e sostenere la famiglia: dall affidamento familiare alle comunità residenziali Cristina Rossetti Funzionario Regione Toscana ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e + LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e quali garanzie per i minori + Ruolo sociale dell avvocato

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

La protezione dei diritti dei minori in Europa

La protezione dei diritti dei minori in Europa La protezione dei diritti dei minori in Europa Intervista all on. Franco Frattini Vice presidente della Commissione Europea Responsabile del portafoglio giustizia, libertà e sicurezza di Anna Scalfati

Dettagli

Come possiamo descrivere la Toscana dei bambine dei ragazzi?

Come possiamo descrivere la Toscana dei bambine dei ragazzi? ABSTRACT - LA RAPPRESENTAZIONE DELLE GIOVANI GENERAZIONI IN TOSCANA: DATI ED INDICATORI Anna Maria Bertazzoni Direttore Generale, Istituto degli Innocenti Il Centro Regionale di documentazione per l infanzia

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA CISMAI COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA Requisiti minimi dei Servizi contro il maltrattamento e l'abuso all'infanzia Premessa Il presente documento è finalizzato

Dettagli

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido >> Perché l'affido familiare dei minori >> Che cos'é l'affido >> Chi può fare l'affido e come >> Tipologie dell'affido >> Le forme dell'affido >> I soggetti dell'affido >> I soggetti dell'affido Il bambino/ragazzo:

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice,, Istituto degli Innocenti

Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice,, Istituto degli Innocenti POLITICHE DI CURA, PROTEZIONE E TUTELA IN ITALIA. Criticità e prospettive per l accoglienza dal monitoraggio sullo stato di attuazione della legge 149/01 Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice,, Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

Crescere i figli degli altri

Crescere i figli degli altri Crescere i figli degli altri 9 novembre 2011, Incontro di formazione FormAzione Joseph Moyersoen, esperto di programmi di cooperazione allo sviluppo in materia di giustizia minorile, giudice onorario presso

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 3 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 5 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 7 opuscolo depressione

Dettagli

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Cooperazione allo Sviluppo Dove Siamo Centro Studi Adozione Internazionale Ultimo aggiornamento Marzo 2014 Sez.IV - 1 /21 Indice Indice... 2

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

NON SERVONO PIÙ ADOZIONI INTERNAZIONALI: SERVE UN MAGGIOR RISPETTO DELLA SUSSIDIARIETÀ DELL ADOZIONE.

NON SERVONO PIÙ ADOZIONI INTERNAZIONALI: SERVE UN MAGGIOR RISPETTO DELLA SUSSIDIARIETÀ DELL ADOZIONE. ADOZIONE: DIRITTO DEI BAMBINI SOLI E SENZA FAMIGLIA, NON DEGLI ADULTI CHE VOGLIONO UN FIGLIO Osservazioni critiche e Proposte relativamente a quanto affermato dall associazione Amici dei Bambini nel Manifesto

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Normativa Legge 4 Maggio 1983, n.184 Diritto del Minore ad una famiglia Legge 31 Dicembre

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI PREPARAZIONE PER LE COPPIE ASPIRANTI ALL ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

LINEE DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI PREPARAZIONE PER LE COPPIE ASPIRANTI ALL ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE ALLEGATO E) LINEE DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI PREPARAZIONE PER LE COPPIE ASPIRANTI ALL ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE A) Premessa La legge n. 184/1983, così come modificata dalla

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni.

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni. PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA di iniziativa dei Consiglieri: Enrico Brambillla Alessandro Alfieri Agostino Alloni Mario Barboni Laura Barzaghi

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

ACCORDO PERMESSI STUDIO BOZZA FARNESINA OTTOBRE 2009

ACCORDO PERMESSI STUDIO BOZZA FARNESINA OTTOBRE 2009 ACCORDO PERMESSI STUDIO BOZZA FARNESINA OTTOBRE 2009 Tra il Governo della Repubblica Italiana e io Governo della Repubblica di Belarus sulle procedure per realizzare soggiorni studio nella repubblica italiana

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale Caso 5.6 5. L adozione internazionale A quale autorità giudiziaria gli adottanti devono ricorrere qualora, a seguito di una dichiarazione di adozione emessa dallo stato ucraino, gli stessi lamentino che

Dettagli