di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale"

Transcript

1 PAGARE L IMPORTAZIONE CON LETTERA DI CREDITO DOCUMENTARIO QUALI I RISCHI E COME CAUTELARSI di Antonio Di Meo Estero>> Commercio internazionale

2 La gran parte delle forniture di merci e/o di servizi che hanno come parti contraenti un venditore e/o un acquirente di paesi al di fuori di quelli occidentali 1, generalmente viene regolata con un pagamento a mezzo lettera di credito documentaria anche chiamata più semplicemente credito documentario. Il pagamento a mezzo lettera di credito documentaria è certamente la forma di pagamento più sicura tra quelle in uso nel commercio internazionale perché, con la stessa, la banca che lo emetterà si impegna irrevocabilmente (salvo che non sia espressamente detto che la lettera di credito è emessa in forma revocabile) ad eseguire una prestazione (che consisterà in un pagamento o in una accettazione o in una negoziazione) a favore di un beneficiario a condizione, però, che lo stesso presenti, entro una certa data di validità ed in un luogo prestabilito, tutti i documenti richiesti dalla lettera di credito conformemente ai termini e alle condizioni prescritte e secondo quanto stabilito dalle NUU (le Norme ed Usi Uniformi relative ai crediti documentari) pubbl. 500 della Camera di Commercio Internazionale. Quindi qualsiasi fornitore di merci e/o di servizi per cautelarsi circa il rischio di mancato pagamento tenderà a chiedere, come condizione per la fornitura di quanto ordinato, che il pagamento della stessa sia effettuato a mezzo Lettera di credito documentaria. In tali casi, di solito, l importatore che accetta di regolare il pagamento dell ordinativo con questo strumento di pagamento, probabilmente riuscirà ad ottenere un prezzo d acquisto e condizioni a lui più favorevoli, mentre l esportatore/fornitore si sentirà rassicurato dall impegno irrevocabile assunto dalla banca emittente, che, per conto dell importatore, si assume il predetto impegno ad eseguire la prestazione a proprio favore in presenza dei documenti richiesti conformi ai termini e alle condizioni stabilite nella Lettera di credito documentaria. Tuttavia, a volte, al compratore (poniamo il caso di un importatore italiano), viene richiesto che il credito documentario venga emesso con conferma ritenendo il venditore di sentirsi, così, maggiormente rassicurato circa il pagamento della fornitura che effettuerà in quanto, all impegno assunto dalla banca emittente, potrà aggiungersi anche l impegno di una banca allo stesso gradita e, generalmente, del suo paese. Se risultano evidenti i benefici che un esportatore, fornitore di beni e/o di servizi, godrà nel definire un pagamento a mezzo credito documentario, occorre tener presente che l importatore ha, invece, esigenze diverse rispetto allo stesso, dovendo tutelarsi dal rischio che, a fronte dell addebito (a vista oppure ad una certa data di scadenza) dell importo da parte della banca che riscontra i documenti ricevuti conformi a tutti i termini e condizioni del credito documentario, la merce che ritirerà potrebbe, invece, non risultare conforme all ordine presentando (ad esempio) dei difetti e/o dei vizi e/o delle non conformità alle specifiche richieste e/o essere danneggiata. La banca non potrà entrare nel merito dell operazione commerciale e/o accettare eccezioni e/o obiezioni basate sulla merce e/o sui servizi, limitandosi ad esaminare solo e soltanto i documenti a lei presentati. Se questi, nella forma, appariranno conformi ai termini e alle condizioni stabilite nel testo di emissione del credito documentario e/o nel testo di eventuali successive modifiche, secondo quanto sancito dalle NUU, la banca provvederà ad onorare la prestazione promessa a favore del beneficiario estero. Su questo si fonda tutta l operazione di credito documentario caratterizzata dai principi di autonomia, astrattezza e formalismo (artt. 3, lett. a e b delle NUU). 1 Paesi Ocse di 1 categoria: Australia; Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia, Svizzera, Usa. Pagina 2 di 11

3 Articolo 3 Nuu a. I crediti sono per loro natura operazioni distinte dai contratti di vendita o da altri contratti su cui possono fondarsi; tali contratti non riguardano e non impegnano in alcun modo le banche, anche se un qualsiasi riferimento ad essi è incluso nel credito. Conseguentemente, l impegno di una banca a pagare, accettare e pagare una o più tratte o a negoziare e/o adempiere qualsiasi altra obbligazione derivante dal credito non è soggetto ad azioni o eccezioni da parte dell ordinante fondate sui suoi rapporti con la banca emittente o con il beneficiario. b. Il beneficiario non può in alcun caso avvalersi dei rapporti contrattuali esistenti fra le banche o fra l ordinante e la banca emittente. Articolo 4 Nuu Nelle operazioni di credito tutte le parti interessate devono operare su documenti e non su merci, servizi e/o altre prestazioni cui i documenti possono riferirsi. Anche il nostro legislatore, con riferimento all art del Codice civile, individua solo tre eccezioni opponibili: l incompletezza dei documenti; l irregolarità dei documenti; l inosservanza, da parte del beneficiario, delle condizioni, dei modi e dei termini stabiliti dalla banca per l esecuzione del proprio impegno. Tutto ciò per affermare che il legislatore, enunciando l opponibilità alle sole tre eccezioni sopra indicate, ha escluso qualsiasi connessione del credito documentario con il contratto di compravendita, attribuendogli, così, il carattere dell astrattezza. Risultando evidente, quindi, che il credito documentario risulta essere un contratto che contiene un obbligazione a sé stante, completamente indipendente e distinta dal rapporto commerciale instauratosi tra il compratore ed il venditore, la/e banca/che impegnatasi/esi ad onorare la prestazione, non potrà/anno sollevare eccezioni e/o eccepire obiezioni se non derivanti dall esame che effettueranno sui documenti richiesti e a loro presentati e non sulle merci e/o servizi. Fatte queste dovute precisazioni circa la natura e le caratteristiche del credito documentario, è importante sottolineare come l importatore, generalmente, ritenga di essere sufficientemente rassicurato circa la merce che ritirerà non considerando, molto spesso, che la/e banca/che impegnata/e ad eseguire la prestazione promessa la onoreranno indipendentemente dalla merce spedita basandosi, quindi, come sopra detto, solo sui documenti (vedasi art. 15 delle NUU sotto riportato) senza alcuna garanzia circa la conformità della merce descritta sui documenti. Pagina 3 di 11

4 Articolo 15 Nuu Le banche non assumono alcuna responsabilità per la forma, la sufficienza, l esattezza, l autenticità, la falsificazione, la portata legale di un qualsiasi documento, né per le condizioni generali e/o particolari predisposte o aggiunte nei documenti; esse non assumono alcuna responsabilità nemmeno per la descrizione, la quantità, il peso, la qualità, lo stato, l imballaggio, la consegna, il valore o l esistenza delle merci rappresentate da un qualsiasi documento, né, infine, per la buona fede, per gli atti e/o omissioni, per la solvibilità, l adempimento delle obbligazioni o affidabilità degli speditori, vettori, spedizionieri, consegnatari o assicuratori delle merci o di qualsiasi altra persona. Il pagamento a mezzo credito documentario potrebbe, pertanto, riservare all importatore delle spiacevoli sorprese al momento del ritiro della merce non preservandolo dal rischio che, a fronte del pagamento, la merce ritirata risulti non conforme. Se tutto questo è vero, pur essendo presenti notevoli rischi, a cui l importatore non può sottrarsi, è possibile identificarli cercando di affrontarli con una serie di attenzioni e di linee guida che riteniamo possano rivelarsi di utilità per l operatore economico. Proviamo, pertanto, ad analizzare i rischi più evidenti per il compratore che debba pagare l importazione con un credito documentario e, successivamente, esamineremo, punto per punto, le istruzioni che lo stesso dovrà fornire alla banca emittente per l emissione del credito. I rischi per l importatore nel pagamento con credito documentario I rischi più evidenti per il compratore che debba pagare la propria importazione con un credito documentario possono derivare dalle seguenti situazioni: la banca emittente, al ricevimento dei documenti, verificherà se essi corrispondono, sotto l aspetto formale, al testo del credito documentario e alle precisazioni delle NUU, addebitando successivamente l importo sul conto dell importatore, quand anche quest ultimo faccia presente l esistenza di difformità della merce rispetto a quanto ordinato, oppure la falsificazione dei documenti presentati alla banca o, ancora, la non esistenza o il non arrivo della merce o altro ancora; gli impegni di cui al credito documentario non possono essere né modificati né annullati dall importatore senza l accordo delle altre parti, ovvero senza l accordo della banca emittente, del beneficiario (il fornitore estero) e dell eventuale banca estera confermante; la merce che venisse riscontrata non conforme all ordine, deve essere, comunque, pagata se (come visto al precedente punto), i documenti pervenuti alla banca emittente risultano perfettamente conformi ai termini e alle condizioni del credito. Come già esaminato precedentemente, quest ultimo punto rappresenta il rischio più grande per l importatore: quello, cioè, di ricevere merce non conforme all ordine, ma di doverla, comunque, pagare, in quanto i documenti pervenuti alla banca emittente risultano perfettamente conformi ai termini e alle condizioni del credito documentario. Per contenere e/o ridurre il verificarsi di tali eventi occorre che l importatore non trascuri le raccomandazioni elencate nella tavola 1. Pagina 4 di 11

5 Tavola 1 - CHECK LIST PER EVITARE I RISCHI NEI CREDITI IMPORT 1. Valutare attentamente la serietà commerciale e l affidabilità del proprio fornitore estero; 2. Definire, nel contratto, un termine di consegna della merce del gruppo F, al fine di poter scegliere e organizzare il trasporto della merce attraverso uno spedizioniere di fiducia; 3. Stipulare una adeguata polizza di assicurazione merce che tenga conto del tipo di merce, della modalità di trasporto, ecc.; 4. Prevedere, dove possibile, un pagamento differito al fine di evitare di dover pagare l importo della fornitura a fronte dei documenti conformi già giunti alla banca emittente, ma di non poter ritirare la merce perché ancora in viaggio. Cosa questa che può verificarsi in un trasporto via mare da paese lontano; 5. Prevedere la presentazione, a seconda ovviamente del tipo di merce ordinata, di un certificato di ispezione attestante la corrispondenza della merce e/o dell imballaggio (per quantità, qualità, stato, ecc.) a quanto contenuto nell ordine di acquisto; 6. Non trascurare di indicare la forma che i documenti richiesti devono assumere, al fine di rispettare disposizioni interne allo Stato circa l emissione di determinati documenti e/o esigenze aziendali; ad esempio per quanto si riferisce alla fattura è opportuno richiedere: fattura datata e firmata; 7. Specificare sempre il documento che dovrà essere presentato a comprova di eventuali condizioni richieste; 8. Evitare, dove possibile, di disporre l apertura di credito con la possibilità della conferma; 9. Non dimenticare che, se i documenti risulteranno conformi ai termini e condizioni del credito, non possono essere respinti a causa di forniture di merce non conformi al contratto; 10. Non sottovalutare la fase relativa all incarico alla banca di emettere il credito documentario, ma, al contrario, formulare le istruzioni in modo preciso e completo chiedendo alla banca l assistenza dovuta. Pagina 5 di 11

6 LE ISTRUZIONI ALLA BANCA PER L EMISSIONE DEL CREDITO DOCUMENTARIO Concluso il contratto che prevede il pagamento a mezzo credito documentario, l importatore dovrà rivolgersi ad una banca per incaricarla di emettere il predetto credito documentario a favore del fornitore estero ed in conformità agli accordi presi con lo stesso in fase contrattuale. Per eseguire il mandato la banca incaricata richiederà all importatore/ordinante di fornirle: una copia della fattura proforma o della conferma d ordine o, comunque, di un qualsiasi documento atto a dimostrare alla banca l esistenza di un contratto fra lo stesso ed venditore estero; una copia dell eventuale formulario per l emissione del credito documentario irrevocabile fornitogli dal venditore/beneficiario; una copia dell eventuale licenza/autorizzazione all importazione nel caso in cui la merce da importare sia merce a licenza rilevabile dal codice identificativo della merce (tariffa doganale); istruzioni precise fornite dal compratore circa l emissione del credito documentario. Tali istruzioni, generalmente, vengono fornite alla banca emittente con la sottoscrizione di un modulo di richiesta di emissione di credito documentario da parte del compratore/ordinante. Con l incarico contenuto nella lettera di richiesta di emissione del credito documentario, il compratore/ordinante conferisce alla banca mandato per l emissione del credito documentario impegnandosi nei suoi confronti a mettere a disposizione della banca stessa i mezzi necessari all esecuzione del mandato ai sensi dell art del Codice civile: Il mandante, salvo patto contrario, è tenuto a somministrare al mandatario mezzi necessari per l esecuzione del mandato e per l adempimento delle obbligazioni che a tal fine il mandatario ha contratte in proprio nome (1705 ss.l) ; la precostituzione dei fondi necessari alla banca emittente per assumersi l impegno irrevocabile al pagamento a favore del beneficiario del credito. Solo se il cliente/richiedente sarà ritenuto affidabile e solvibile e, quindi, in grado di offrire le opportune garanzie per la costituzione dei fondi, sarà accolta la richiesta di emettere il credito documentario. In particolare, la lettera di incarico alla banca dovrà indicare se il credito deve essere emesso in forma: revocabile o irrevocabile: nel primo caso l impegno assunto dalla banca può essere modificato o annullato prima dell utilizzo del credito, mentre nel secondo caso la banca assume un impegno inderogabile, in quanto la stessa, dal momento dell emissione, non potrà più modificare o annullare il credito senza il consenso di tutte le parti interessate; non confermato, se l ordinante vuole escludere la possibilità che la banca ricevente il credito documentario possa aggiungere il proprio impegno autonomo alla prestazione; confermato, se, invece, l ordinante intende offrire la possibilità alla banca ricevente di aggiungere, se lo riterrà, il proprio impegno autonomo ad eseguire la prestazione a favore del beneficiario; trasferibile, quando viene attribuita la possibilità al beneficiario di disporre che il credito, aperto a suo favore, possa essere trasferito ad uno o più altri beneficiari, per l intero importo o parzialmente; non operativo, nel caso in cui l efficacia del credito documentario emesso, sia subordinata alla presentazione di documenti, quali, ad esempio, una licenza e/o una autorizzazione oppure, soprattutto nell impiantistica e/o nella meccanica, al rilascio da parte della banca del beneficiario di una performance bond. Pagina 6 di 11

7 Nella compilazione delle diverse parti del formulario standard fornito dalle banche a tutti gli operatori economici, il compratore dovrà prestare attenzione ai seguenti punti che proviamo ad analizzare secondo quanto riportato nello stampato fornitoci da una Banca: 1. ordinante: il compratore indicherà la ragione sociale dello stesso che, ovviamente, risulterà come ordinante del credito documentario emesso a favore del beneficiario estero; 2. banca d appoggio: l ordinante dovrà indicare la banca a cui si dovrà notificare l emissione del credito documentario. Di solito, come già visto, trattasi della banca indicatagli dal beneficiario stesso; 3. data e luogo di scadenza: sta ad indicare la data ultima di presentazione dei documenti richiesti dal credito documentario. Va sempre concordata con il fornitore estero sulla base dei tempi previsti per la preparazione della merce e la successiva spedizione. Di solito la data di scadenza è sempre posteriore alla data di spedizione, per permettere al fornitore di entrare in possesso della documentazione relativa alla spedizione e di presentarla alla banca. È importante, pertanto, stabilire presso quale banca (luogo) dovranno pervenire i documenti entro, naturalmente, la data di scadenza, cioè, se dovranno pervenire presso il domicilio della banca avvisante o presso il domicilio della banca emittente. Nel caso in cui il credito documentario sia emesso con la richiesta della conferma, il luogo di scadenza sarà, necessariamente, presso le casse della banca estera confermante. Al riguardo occorre sottolineare che se il luogo di scadenza è presso le casse della banca estera d appoggio il rischio viaggio dei documenti (che vadano smarriti e/o che arrivino in ritardo), è dell ordinante il credito; 4. beneficiario: la ragione sociale e l indirizzo devono essere indicati integralmente e correttamente. Eventuali dati inesatti e/o incompleti possono causare ritardi o spese supplementari; 5. spedizioni parziali e trasbordi: va sempre indicato se sono ammesse oppure se non sono ammesse. Questo, ovviamente in base agli accordi presi con il fornitore circa l invio della merce; 6. credito utilizzabile presso le casse: l ordinante dovrà precisare, oltre al luogo di presentazione dei documenti, se, il credito dovrà essere utilizzato presso le casse della banca emittente (con rischio viaggio dei documenti a carico del beneficiario estero), oppure presso le casse della corrispondente estera (con rischio viaggio dei documenti a carico dell ordinante), anche la modalità di utilizzo del credito, specificando se lo stesso debba intendersi per pagamento a vista o per pagamento differito, per accettazione oppure per negoziazione. Se il pagamento previsto è da effettuarsi a scadenze scaglionate nel tempo, occorrerà indicare che trattasi di credito pagabile per pagamento misto indicando con precisione gli importi e le relative scadenze; 7. importo: il compratore/ordinante dovrà indicare con precisione se trattasi: di importo massimo, cioè, non oltre quello indicato oppure; di importo circa e, cioè, se sono ammesse tolleranze pari al 10% in più o in meno dell importo indicato. 8. spedizione da a entro : è un aspetto molto importante, perché sta ad indicare l ultima data entro cui può essere effettuata la spedizione della merce da un luogo convenuto fino ad una certa destinazione finale, specificando se la stessa avverrà via mare, via aerea, via stradale, ferroviaria o con altre modalità. È strettamente connesso con la data di scadenza del credito, in quanto il credito avrà sempre una data di scadenza posteriore a quella di spedizione, salvo diversi accordi; 9. resa della merce (Incoterms 2000): la resa della merce sta ad indicare le condizioni di consegna della merce e, quindi, da chi saranno coperte le spese di trasporto e di assicurazione. Pertanto dovranno essere sempre precisate indicando anche la località. Dovrà, quindi, essere apposta la crocetta nella casella Pagina 7 di 11

8 corrispondente al termine di resa merce concordato secondo gli Incoterms 2000, oppure indicare altra condizione di resa concordata; 10. assicurazione: a seconda del termine di resa della merce, occorrerà specificare se l assicurazione sarà o meno coperta dall ordinante; 11. commissioni e spese: generalmente ognuna delle parti (ordinante e beneficiario) si accolla le spese e le commissioni della propria banca. La crocetta dovrà, pertanto, essere apposta nel secondo quadratino; 12. descrizione merci: la merce va descritta in termini brevi e senza inserire eccessivi dettagli, al fine di evitare confusioni, malintesi e facendo riferimento alla quantità, alla natura e al contratto (proforma invoice) cui si riferisce; 13. tariffa doganale: rappresenta il codice numerico armonizzato per identificare la merce oggetto del contratto e verificare se trattasi di merce a dogana, importabile, cioè, liberamente, oppure se trattasi di merce soggetta a vincoli, licenze e/o autorizzazioni. In tale ultimo caso la banca emetterà il credito solo in presenza di copie di tali licenze e/o autorizzazioni; 14. data di presentazione dei documenti: se non viene indicato nulla è di 21 giorni dalla data della spedizione, ma, comunque, entro i termini di scadenza del credito. Nel caso si voglia e/o sia necessario, ampliare e/o ridurre tale periodo di tempo bisogna indicarlo; 15. istruzioni supplementari: in questo spazio va indicata qualsiasi condizione speciale non prevista nei punti indicati sopra; 16. documenti richiesti: il compratore/ordinante dovrà elencare esattamente i documenti di cui egli necessita, indicanti il tipo di documento ed il numero richiesto. Dovrà anche precisare se dovranno essere presentati in originale o in copia e da chi dovranno essere emessi. Nel caso in cui l ordinante/compratore voglia ottenere la più ampia sicurezza che la merce fornita non sia di valore inferiore rispetto a quella ordinata, che non sia di qualità inferiore e che rispetti le caratteristiche tecniche e gli standard richiesti in contratto, addirittura che sia garantito il buon funzionamento del bene ordinato, può richiedere al fornitore la presentazione di certificati di analisi, di qualità o certificati rilasciati da enti specializzati (come ad esempio la Società Generale di Sorveglianza) o garanzie circa la buona esecuzione. Il formulario riporta, inoltre, l estratto delle norme relative all emissione del credito documentario e lo spazio per l apposizione del timbro e della firma del richiedente/ordinante del credito. Prima di emettere il credito documentario con la messaggistica MT S 700, riguardante la fase di emissione di un credito documentario (Documentary credits & guarantees) via Swift 2, la banca sottopone all ordinante una copia per la definitiva approvazione che, una volta ottenuta, (esplicitamente e/o implicitamente), le permette di emettere il credito stesso a favore del beneficiario estero sulla banca di appoggio indicata. 2 Swift (Society for world wide interbank financial telecomunication) è una società con sede in Belgio avente per oggetto la gestione e lo sviluppo di una rete esclusiva di linee telefoniche, gestite da elaboratori elettronici, per la trasmissione di messaggi scambiati tra le banche partecipanti. Pagina 8 di 11

9 CONCLUSIONI ED ALCUNI SUGGERIMENTI OPERATIVI Da quanto esposto fino ad ora risulta evidente che l importatore, che debba pagare l acquisto di merce da un fornitore estero con una Lettera di credito documentario, non possa trascurare alcuni aspetti di fondamentale importanza definendoli già in fase negoziale con il fornitore stesso e fornendo, successivamente, istruzioni precise e coerenti alla banca per l emissione del credito documentario. Riepilogando, è importante ricordare quanto segue: innanzitutto occorre avere sufficienti informazioni sull affidabilità e sulla correttezza commerciale del fornitore estero in modo da non avere dubbi sulla qualità dei prodotti che saranno spediti sulle garanzie che questi offrirà circa la conformità della merce ai requisiti e circa gli eventuali danni e/o difetti che la stessa potrebbe presentare. Il fornitore, in definitiva, deve essere conosciuto e ritenuto serio commercialmente in modo da rassicurare l ordinante circa la corrispondenza della merce che verrà fornita e circa l impegno a rispondere nel caso la stessa dovesse presentare dei difetti; sarebbe, inoltre, opportuno che l importatore controllasse e gestisse tutte le fasi del trasporto della merce dalla partenza fino destinazione deliberando, con il fornitore, una clausola di resa della merce ex works oppure, se l invio avviene a mezzo aereo, FCA (Franco vettore luogo di partenza convenuto) o, se la merce viene spedita via mare una resa del tipo FAS (Free along side) oppure FOB (Free on board), secondo quanto stabilito dagli Incoterms 2000 della Camera di Commercio Internazionale (CCI), così da affidare la merce ad un vettore di sua fiducia che realizzi il trasporto con mezzi adeguati al tragitto, al tipo di merce, ecc.; è importante richiedere che, oltre ai documenti commerciali che verranno richiesti ad utilizzo della lettera di credito (come ad esempio le fatture commerciali, il packing list ed il documento di trasporto) ci sia anche un documento rilasciato da un ente certificatore e/o di ispezione che attesti, al momento della partenza della merce, la corrispondenza della stessa all ordine. In tal caso il fornitore, secondo accordi presi con la sua ditta, potrà rivolgersi, per esempio, alla Società Generale di Sorveglianza (SGS) oppure al Bureau Veritas o ad altri enti da individuare già in fase contrattuale presenti in loco; ad ulteriore garanzia, sempre che il fornitore accetti tale richiesta e sempre che l importo della lettera di credito documentaria lo giustifichi, è possibile richiedere che la lettera di credito preveda, tra i documenti da presentare ad utilizzo della stessa, un performance bond, cioè una garanzia bancaria di buona esecuzione dell ordine rilasciata dalla banca del fornitore insieme ai documenti richiesti. In tal caso la banca del fornitore, in virtù del performance bond emesso a favore dell ordinante, si impegna a riconoscerle, a semplice sua richiesta, l importo del performance bond (che di solito viene stabilito in percentuale rispetto all importo della fornitura), nel caso in cui la merce inviata non risponda ai requisiti richiesti e con semplice presentazione di una dichiarazione di quanto sopra esposto; la copertura assicurativa della merce in viaggio deve essere adeguata al tragitto, al/i mezzo/i utilizzato/i per il trasporto, all imballaggio usato a protezione della merce, ecc.. Non basta stipulare una polizza, cosiddetta All risk, per sentirsi tranquilli che, in caso di danni alla merce, sicuramente la compagnia di assicurazione indennizzerà il danno subito. Occorre precisare con la Compagnia il tipo di copertura e quali rischi devono essere coperti. Qualsiasi Compagnia indennizzerà soltanto in presenza di un sinistro accertato e causato da eventi non dovuti a negligenza e/o all utilizzo di mezzi inadeguati, e/o al cattivo stato dell imballaggio o altro; tutte le condizioni devono essere formulate in modo chiaro e completo ricordandosi che la banca, nel verificarsi se le condizioni del credito sono state rispettate, si baserà esclusivamente sui documenti inviati dalla banca del paese del beneficiario; nel caso in cui l ordinante/importatore voglia che alcune condizioni siano rispettate, deve sempre essere indicato il documento che comprova le condizioni richieste. Pagina 9 di 11

10 Ad es., se la nave non deve avere più di 15 anni, dovrà essere richiesta la dichiarazione dell armatore o del suo agente che la nave non ha più di 15 anni; è opportuno prevedere che il beneficiario invii una copia dei documenti direttamente al compratore. In tal caso dovrà essere richiesta, tra i documenti da presentare in banca ad utilizzo del credito, dichiarazione del beneficiario a conferma dell avvenuta spedizione dei documenti direttamente al compratore; ricordarsi che la banca emittente, al ricevimento dei documenti, verificherà se essi corrispondono, nella forma, al testo del credito documentario e alle prescrizioni delle NUU addebitando successivamente l importo sul conto corrente del compratore/ordinante; non dimenticare che i documenti che risultano conformi al credito documentario non possono essere respinti in seguito alle forniture di merce non conformi al contratto; in caso di importo espresso in valuta estera (ad es. dollari USA) valutare l eventualità di concludere con la banca un contratto (acquisto) a termine per evitare i rischi di perdita sul cambio. Pagina 10 di 11

11 GLOSSARIO Performance bond Rappresenta l'obbligo che si assume la banca, su richiesta dell'impresa esportatrice, di effettuare il pagamento all'impresa estera importatrice per l'importo garantito, entro la scadenza prevista, qualora l'esecuzione del contratto non sia conforme ai termini contrattuali. Packing list Documento commerciale di accompagnamento utilizzato nel commercio estero per individuare il contenuto dei singoli colli della spedizione e che può contenere anche i codici cliente.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Commercio Internazionale Quindicinale di diritto e pratica degli scambi con l'estero Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 11 di 11

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

Norme ed usi uniformi relativi ai crediti documentari

Norme ed usi uniformi relativi ai crediti documentari Appendice 6 Norme usi uniformi relativi ai criti documentari Sommario A Disposizioni generali e definizioni Applicazioni delle NNU Art. 1 Significato di crito «2 Criti e contratti «3 Documenti e merci/servizi/prestazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS)

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali copie dovranno

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE Una delle maggiori difficoltà che devono affrontare gli imprenditori che operano con l estero è l individuazione delle condizioni di pagamento

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Condizioni generali di vendita e di consegna

Condizioni generali di vendita e di consegna 1. Ambito di applicazione e basi 1.1 Ambito di applicazione delle Condizioni generali di vendita e di consegna Le presenti ( CGC ) vigono per tutti i rapporti giuridici (offerte, trattative contrattuali,

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale

di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale TERMINI TECNICI PER DEFINIRE LA CONDIZIONE DI PAGAMENTO di Antonio Di Meo Estero >> Commercio internazionale Una delle più grosse problematiche che gli operatori devono affrontare nelle vendite all estero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

FedEx Ship Manager at fedex.com

FedEx Ship Manager at fedex.com FedEx Ship Manager at fedex.com Registrarsi Per spedire con FedEx Ship Manager occorrono: 1 il Codice Cliente FedEx di 9 cifre. 2 il Codice Identificazione Utente e la password. Per registrarvi, andate

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base per gli addebiti diretti e SEPA per gli addebiti

Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base per gli addebiti diretti e SEPA per gli addebiti Schema SEPA per gli addebiti diretti Beneficiari Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base e SEPA per gli addebiti diretti B2B (SEPA Core e B2B Direct Debit) per beneficiari di pagamenti

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli