separazione & divorzio: istruzioni per l uso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "separazione & divorzio: istruzioni per l uso"

Transcript

1 separazione & divorzio: istruzioni per l uso A cura del Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo con la collaborazione di Rotary Club del Gruppo Orobico Ordine degli Avvocati di Bergamo

2 La lettura di questo opuscolo potrebbe avvenire in una fase molto delicata della vita: il rapporto con il partner (moglie, marito o convivente) è in profonda crisi e si prefigura l ipotesi di una separazione. Come tutte le relazioni umane anche quella tra due coniugi è soggetta a cambiamenti e trasformazioni, alcuni di lieve entità, facilmente assorbibili ed migliorativi, altri più rilevanti e a rischio di rottura. Sicuramente la separazione non è indolore e comporta sofferenza, delusione, frustrazione che in alcuni casi possono indurre a considerare se stessi e tutta la propria vita un continuo fallimento. Chi ha deciso di fare il primo passo, è spesso vittima di sensi di colpa, dubbi, incertezze, timori. Chi subisce, o sembra subire, può essere preda dello sconforto, della rabbia, della voglia di vendetta. La coppia soffre per il fallimento di un progetto di vita condiviso, ma anche i figli sperimentano gradi minori o maggiori di sofferenza a seconda del loro coinvolgimento, più o meno diretto, negli scontri della coppia. In questa difficile situazione è importante ricordare che una modalità di separazione non troppo litigiosa e basata sulla ricerca di un intesa può essere vantaggiosa: se si trova un accordo non si spreca tempo e denaro in discussioni infinite e inutili che spesso sono incomprensibili per i figli e, se i toni trascendono, possono essere dannose per loro. In queste pagine vi proponiamo alcune indicazioni in relazione alla separazione ed al divorzio, per poter gestire in modo non distruttivo questa fase della vita. Dott. Paolo Scotti 1

3 INDICE Pag. 3 Cosa è la separazione? Pag. 4 Cosa devo fare per separarmi? Pag. 7 Cosa succede se mi separo ma non mi rivolgo al Tribunale? Pag. 7 Cosa è il divorzio? Pag. 7 Cosa devo fare per ottenere il divorzio? Pag. 9 Cosa sono gli accordi in una separazione consensuale o in un divorzio congiunto? Pag. 9 Quali sono gli effetti di una separazione? Pag.11 Quali sono gli effetti di un divorzio? Pag.12 Posso intervenire per modificare le condizioni della separazione o del divorzio? Pag.12 Se dopo aver iniziato una separazione voglio riconciliarmi con il mio coniuge, posso farlo? Pag.12 Se non mi sono mai sposato ma ho solo convissuto? Pag.13 Che cosa devo fare se sono convivente e voglio separarmi? Pag.13 Cosa è il Tribunale per i Minori? Pag.15 Posso gestire da solo la separazione o il divorzio? Pag.15 Posso evitare di rivolgermi al Tribunale e al giudice? Pag.15 Quanto mi costa separarmi o divorziare? Pag.16 Quali figure professionali possono aiutarmi in questa situazione? Pag.17 Dove posso trovare un mediatore esperto? Pag.17 Cosa fa il mediatore familiare? Pag.18 Come si svolge un intervento di mediazione familiare? Pag.18 Quali risultati posso raggiungere in mediazione? Pag.18 Cosa distingue il mediatore dall avvocato? Pag.19 Quali altre figure professionali, enti o agenzie (pubbliche o private) intervengono in una separazione? Pag.19 Quando intervengono i servizi sociali e come operano? Pag.20 Cosa è e a cosa serve la Consulenza Tecnica d Ufficio? 2

4 Cosa è la separazione? Per separazione si intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. La separazione può essere chiesta da uno o entrambi i gli interessati, quando si verificano, anche indipendentemente dalla loro volontà, fatti o situazioni che rendono intollerabile la prosecuzione della convivenza o che recano un pregiudizio all educazione dei figli. L intollerabilità è rilevante anche se riguarda uno solo dei coniugi. Con la separazione viene meno l obbligo reciproco, assunto con il matrimonio, della coabitazione e si attenuano anche altri doveri coniugali, ma non vengono meno gli obblighi - di natura patrimoniale - di assistenza materiale né quello di reciproco rispetto. La separazione può essere: 1) consensuale, quando i coniugi sono d accordo sia sulla decisione di separarsi che sulle condizioni che andranno a regolare i loro rapporti patrimoniali e nei confronti dei figli; 2) giudiziale, quando non esiste accordo dei coniugi in ordine alla decisione e/o alle condizioni della separazione. In tale ipotesi può essere chiesto da un coniuge a carico dell altro che venga pronunciato l addebito della separazione. Il coniuge nei cui confronti sia dichiarato l addebito (cioè la responsabilità del fallimento del matrimonio) perde il diritto al mantenimento e la qualità di erede. La separazione, consensuale o giudiziale che sia non sancisce di per sé lo scioglimento di un matrimonio, cosa che avviene solo con il divorzio. Nel caso in cui le due persone non si siano mai sposate ma abbiano solamente convissuto, vedi oltre (pagg. 12 e 13). 3

5 Cosa devo fare per separarmi? Dipende dal tipo di separazione: 1) La procedura presso il Tribunale di Bergamo prevede che il procedimento di separazione consensuale possa essere attuato direttamene dai coniugi anche senza l assistenza di un legale, richiedendo il modulo per la domanda di separazione alla Cancelleria del Tribunale ove uno o l'altro coniuge hanno la residenza o il domicilio. Eventualmente per la definizione delle condizioni di separazione i genitori possono avvalersi di un mediatore familiare (vedi oltre). Ricevuto il ricorso, il Presidente del Tribunale fissa un'udienza alla quale i coniugi devono comparire personalmente. Il giudice tenterà la riconciliazione, ma nel caso in cui i coniugi ribadiscano la loro volontà di separarsi alle condizioni esplicitate nel ricorso, il procedimento si conclude con la convalida delle condizioni stesse da parte del tribunale. L assistenza legale può essere sempre attivata dai coniugi qualora lo ritenessero opportuno. 2) Nel caso di separazione giudiziale, il difensore di uno dei coniugi deposita al Tribunale competente il ricorso contenente la domanda di separazione, con l'esposizione dei fatti sui quali tale domanda si fonda. Il Presidente del tribunale fissa una prima udienza, alla quale i coniugi dovranno comparire personalmente e in cui verrà tentata la riconciliazione. Se questa non riesce, il Presidente del Tribunale autorizza i coniugi a vivere separati e adotta, anche d ufficio i provvedimenti temporanei ed urgenti che reputa opportuni nell interesse dei coniugi e della prole (relativi all affidamento e al mantenimento dei figli, all assegnazione della casa coniugale, all eventuale assegno di mantenimento a favore del coniuge sprovvisto di adeguati redditi propri). Inoltre, egli nomina un giudice istruttore davanti al quale si svolgerà una vera e propria causa civile, al termine della quale verrà emessa la sentenza di separazione. Questa potrà essere oggetto di riesame da parte della Corte d'appello. A sua volta, la sentenza d'appello potrà essere ricorribile in Cassazione. Nella separazione giudiziale il giudice può dichiarare l addebito della separazione ad uno dei coniugi, su richiesta di una parte in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio. Il coniuge al quale è stata addebitata la separazione perde il diritto di ricevere l assegno di mantenimento e la qualità di erede. In qualsiasi momento il giudizio, sia di primo che secondo grado, si può concludere se le parti trovano un accordo. 4

6 Fasi della separazione consensuale - Conflitto di coppia tale da rendere intollerabile la convivenza - Eventuale ricorso ad uno o a due legali (uno per ogni genitore) - Fase preparatoria nella quale si discutono e si stilano gli accordi o clausole relativi all affidamento dei figli, all utilizzo della casa coniugale, all assegno di mantenimento, agli eventuali beni comuni. - Formalizzazione degli accordi (si scrivono e sottoscrivono) - Il ricorso contenente le concordate condizioni di separazione viene depositato personalmente o (se i coniugi lo ritengono opportuno) tramite legali delegati dai genitori, alla cancelleria del Tribunale competente - Fissazione, da parte della Cancelleria del Tribunale, di apposita udienza avanti il Presidente del tribunale stesso (Udienza Presidenziale) - Audizione individuale e audizione congiunta delle parti avanti al Presidente, alla presenza dei loro avvocati ove incaricati, e conferma degli accordi - Dall udienza presidenziale scattano i 3 anni necessari al divorzio tra i coniugi - Dopo circa un mese, il Tribunale emette un decreto che omologa la separazione alle condizioni richieste dalle parti. 5

7 Fasi della separazione giudiziale o Causa di separazione - Conflitto di coppia tale da rendere intollerabile la convivenza, senza possibilità di trovare accordo su tutte le condizioni della separazione - Decisione del coniuge che vuole ottenere la separazione di rivolgersi ad un legale, che viene delegato (sulla base della sottoscrizione di una procura) a gestire l iter della separazione. - Stesura da parte del legale di un atto contenente tutte le richieste del coniuge relative alle condizioni di separazione ed anche all eventuale richiesta di addebito (cioè che si addebiti la rottura del matrimonio all altro che non ha ottemperato/ha disatteso i doveri del matrimonio) - Deposito, da parte del legale, del ricorso presso la Cancelleria del tribunale competente. - Fissazione, da parte della Cancelleria del Tribunale, di apposita udienza avanti il Presidente del tribunale stesso (Udienza Presidenziale) - Il legale del coniuge ricorrente notifica all altro coniuge il ricorso e del decreto che fissa l udienza (a quest udienza il coniuge convocato può decidere di comparire o no e di munirsi di legale oppure no). - Audizione individuale (un coniuge per volta senza avvocati) e audizione congiunta delle parti (entrambi i coniugi e i loro avvocati) avanti al Presidente (udienza presidenziale) che tenta una riconciliazione o una consensualizzazione della separazione. Se ciò non riesce adotta i provvedimenti provvisori relativi a: autorizzazione ai coniugi a vivere separati affidamento dei figli utilizzo della casa coniugale assegno di mantenimento (mantenimento figli e coniuge) - Rinvio avanti ad un Giudice Istruttore con fissazione d udienza (dopo qualche mese da quella presidenziale) e inizio di una vera e propria causa caratterizzata da audizione di testi, acquisizione di prove ed eventuali perizie (vedi oltre). - Nel caso di richiesta di addebito il Giudice a questo punto può riconoscere la colpa della rottura ad uno o all altro dei coniugi o anche a tutti e due (per farlo si basa su atti, documenti, prove) - Conseguenze dell addebito => economiche: chi viene riconosciuto la causa della separazione perde il diritto all eredità, all assegno di mantenimento (ha solo gli alimenti, cioè lo stretto indispensabile alla sopravvivenza) - Si giunge alla sentenza che dirime le questioni su tutti gli aspetti - Anche nella separazione giudiziale il termine dei 3 anni per richiedere il divorzio decorre dall udienza presidenziale, salvo che nel frattempo ci sia stata una sentenza, anche parziale, passata in giudicato 6

8 Cosa succede se mi separo ma non mi rivolgo al Tribunale? Quando l'interruzione della convivenza non è stata definita da un provvedimento del giudice (cioè con l intervento del Tribunale, nelle due forme di separazione consensuale e giudiziale) ma unicamente decisa dai coniugi, viene chiamata separazione di fatto. Questo tipo di separazione non ha alcun effetto giuridico e non determina la sospensione degli obblighi matrimoniali. Cosa è il divorzio? Per divorzio si intende quell atto formale che sancisce lo scioglimento di un matrimonio celebrato con rito civile o la cessazione degli effetti civili del matrimonio celebrato con rito religioso. Il divorzio scioglie il vincolo coniugale (che permane affievolito durante la separazione) e attesta il cambiamento di stato civile delle persone: ognuno di loro non è più vincolato da legami coniugali e può quindi procedere ad un eventuale nuovo matrimonio. Cosa devo fare per ottenere il divorzio? Il divorzio può essere richiesto solo se si verifica uno dei presupposti previsti dalla legge. Può essere richiesto insieme dai coniugi (divorzio con domanda congiunta), ma può anche essere richiesta da uno solo dei coniugi anche contro la volontà dell altro. E sempre necessaria l assistenza dei legali. 7

9 Presupposti procedurali per attivare la procedura di divorzio (estratto art.3 L.898/1970) a) uno dei coniugi ha commesso reati gravi specificatamente elencati dalla legge b) è stata pronunciata con sentenza passata in giudicato la separazione giudiziale fra i coniugi c) è stata omologata la separazione consensuale d) è intervenuta separazione di fatto quando la separazione di fatto stessa è iniziata almeno due anni prima del 18 dicembre 1970 e) matrimonio rato ma non consumato, cioè celebrato ma senza essere seguito da una unione carnale Il presupposto più frequente per la richiesta di divorzio è la pregressa separazione. Per poter richiedere il divorzio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi il Presidente del Tribunale nella procedura di separazione personale. Nel caso di separazione giudiziale, deve essere intervenuta nel frattempo una sentenza anche parziale di pronuncia sulla separazione. La procedura per l'ottenimento del divorzio prevede: - Divorzio con domanda congiunta, in cui l accordo tra i due coniugi sulle condizioni del divorzio consente di presentare una domanda unica con le condizioni riguardanti i figli ed i rapporti economici fra i coniugi; il Tribunale valuta le condizioni concordate e se sono conformi alla legge emette sentenza di divorzio. - Divorzio con contenzioso, che si attiva se non c è accordo tra le parti; in questo caso il coniuge che intende divorziare deve presentare, a mezzo di un avvocato, un ricorso contenente la domanda di scioglimento del matrimonio, con l'esposizione di ciò su cui tale domanda si fonda, presso il tribunale del luogo in cui l'altro coniuge ha la propria residenza o domicilio. Ha inizio in questo caso un percorso giudiziario (vedi separazione giudiziale). 8

10 Cosa sono gli accordi in una separazione consensuale o in un divorzio congiunto? Gli accordi sono quelle decisioni che coloro che si separano devono prendere, in autonomia o con l aiuto di un avvocato, e che riguardano: - il consenso di entrambi alla separazione; - l affidamento dei figli e la loro collocazione presso uno dei genitori; - la regolamentazione del diritto di visita del genitore non affidatario o di quello che non convive stabilmente con i figli - il contributo che un coniuge dovrà pagare all altro per il mantenimento dei figli - l assegnazione della casa coniugale; - l eventuale assegno di mantenimento in favore del coniuge sprovvisto di adeguati redditi propri. Quali sono gli effetti di una separazione? Innanzitutto cessa l obbligo della coabitazione e quindi della convivenza, mentre rimangono immutati per entrambi i genitori gli obblighi di mantenere, istruire ed educare i figli. Inoltre un coniuge ha diritto di ricevere dall altro un assegno di mantenimento (consistente in un assegno periodico, rivalutabile annualmente secondo gli indici ISTAT) se: - non ha addebitata la separazione (vedi separazione giudiziale) - non ha adeguati redditi propri - non può mantenere un tenore di vita analogo a quello presente durante il matrimonio Salvo i casi in cui i coniugi hanno optato (al momento del matrimonio o successivamente) per il regime di separazione dei beni, dopo il provvedimento definitivo (cioè sentenza per la separazione giudiziale o decreto di omologa per la separazione consensuale) si ha anche lo scioglimento della comunione legale dei beni per cui: - i beni acquisiti dopo tale scioglimento sono personali, - i beni comuni (acquisiti durante il matrimonio) verranno suddivisi mediante accordo tra le parti. 9

11 Relativamente all affidamento dei figli la recente legge (Legge 54/ vedi sezione Allegati) prevede prioritariamente l affidamento dei figli ad entrambi i genitori. Le variazioni introdotte dalla nuova legge possono essere così sintetizzate: - i figli nati dalla coppia che si sta separando hanno il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori (i quali devono garantire loro cura, educazione e istruzione) oltre ad avere rapporti significativi con nonni e parenti di ciascun ramo genitoriale; - l affidamento viene perciò attribuito normalmente ad entrambi i genitori (affidamento condiviso), ognuno dei quali esercita la potestà (cioè l insieme dei diritti e dei doveri nei confronti dei figli) al pari dell altro; - le decisioni di maggiore interesse per i figli relative all'istruzione, all'educazione e alla salute devono essere prese dai genitori di comune accordo. - le decisioni su questioni di ordinaria amministrazione (relative alla gestione della quotidianità) possono essere prese separatamente dai genitori se le parti l hanno previamente concordato in sede di separazione; - l affido esclusivo può essere richiesto da uno dei due coniugi, ma viene concesso dal Giudice solo in casi eccezionali di comprovata difficoltà di uno dei genitori ad occuparsi o a interessarsi dei figli minori (es. genitore con gravi problemi di tossicodipendenza o patologia psichiatrica, casi gravi di devianza sociale ecc ). La conflittualità tra i coniugi non giustifica, di regola, l affidamento ad un solo genitore. - nel caso di affido esclusivo, la potestà genitoriale rimane ad entrambi i genitori, mentre il genitore affidatario può adottare tutte le decisioni che riguardano la vita dei figli (definito esercizio esclusivo delle potestà ), salvo quelle di maggiore interesse che devono comunque essere adottate da entrambi i genitori di comune accordo. Il genitore non affidatario conserva il diritto-dovere di vigilare sulla istruzione ed educazione dei figli, partecipando alle decisioni importanti che li riguardano e può ricorrere al Tribunale quando ritenga che siano state adottate decisioni pregiudizievoli al loro interesse. Per questa ragione deve avere la possibilità di trascorrere con i figli dei periodi di tempo. - L affidamento alternato (responsabilità genitoriale affidata in modo alternato esclusivamente ad un genitore) non viene quasi mai riconosciuto, stanti i notevoli sforzi emotivi e psicologici per il minore, unitamente alle difficoltà di una equilibrata gestione del rapporto tra genitori che questa soluzione comporta. 10

12 Sempre la nuova riforma introduce variazioni anche nel mantenimento dei figli: ciascuno dei genitori provvede direttamente al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito (a meno che non ci siano accordi diversi presi dai genitori autonomamente). Può eventualmente essere decisa dal giudice una integrazione di un coniuge a favore dell altro tenendo in considerazione tra le altre cose oltre alle risorse economiche di entrambi i genitori anche i tempi di permanenza dei figli presso ciascun genitore. Inoltre deve essere decisa dai genitori la collocazione prevalente dei figli, cioè in quale delle due case (quella della mamma o quella del papà) i minori andranno a risiedere poiché presenti con maggiore regolarità o per altri fattori (ad esempio comodità per loro, presenza di scuole e/o strutture utili nelle vicinanze, volontà di non isolarli dal gruppo di amici). A seguito della collocazione dei figli, viene anche definita l assegnazione della casa coniugale: normalmente segue i minori e al genitore che abita con loro viene attribuita in godimento. Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l'assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva con un nuovo partner o contragga nuovo matrimonio. Quali sono gli effetti di un divorzio? Con il divorzio il matrimonio si scioglie e gli ex-coniugi possono contrarre un nuovo matrimonio, tuttavia permane l obbligo di mantenere, istruire ed educare i figli nati o adottati durante il matrimonio. Inoltre la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio prevede disposizioni relative a: - affidamento e mantenimento dei figli; - assegnazione della casa familiare; Viene meno l'obbligo di assistenza materiale ed economica, ma il tribunale può disporre l'obbligo di corrispondere periodicamente all'altro coniuge un assegno di divorzio (se un coniuge non ha mezzi adeguati e si trovi nell impossibilità di procurarseli). Le parti possono anche concordare il versamento in una sola soluzione. 11

13 Posso intervenire per modificare le condizioni di separazione o del divorzio? Se intervengono nuove circostanze che non consentono più di applicare le indicazioni contenute nelle condizioni di separazione oppure se uno dei due ex-coniugi ritiene che ci siano validi motivi per una revisione, il coniuge interessato deve instaurare, per mezzo di un difensore, un procedimento davanti al Tribunale competente Anche le condizioni di divorzio fissate nella relativa sentenza possono essere modificate ricorrendo al Tribunale, qualora sopravvengano giustificati motivi Se dopo essermi separato voglio riconciliarmi con il mio coniuge, posso farlo? La riconciliazione è sempre possibile ed è realizzabile in qualsiasi momento del percorso di separazione. Con la riconciliazione gli effetti della separazione cessano automaticamente. Non è necessaria alcuna pronuncia del giudice. Per essere tale la riconciliazione prevede non solo la ripresa della coabitazione o delle relazioni fra i coniugi, ma anche il completo ripristino della convivenza coniugale e della comunione spirituale e materiale fra i due. La riconciliazione impedisce il maturare del termine di tre anni (che decorre dall udienza presidenziale nel giudizio di separazione) per proporre la domanda di divorzio. Se non mi sono mai sposato ma ho solo convissuto? In questo caso ci si trova nella condizione di convivenza more uxorio o coppia di fatto, cioè una convivenza stabile e duratura, con o senza figli, tra un uomo e una donna che si comportano come se fossero marito e moglie. 12

14 Che cosa devo fare se sono convivente e voglio separarmi? Quando si interrompe una convivenza possono esserci gli stessi problemi che si verificano quando finisce un matrimonio e quindi si avverte la stessa esigenza di tutela. Però: - gli adulti che hanno deciso di convivere lo hanno fatto liberamente e da ciò non è derivata nessuna variazione nel loro stato civile (sono ancora nubili e/o celibi), quindi non devono accedere al Tribunale Civile in caso di separazione; - non esiste una normativa volta a tutelare il convivente economicamente più debole che non può quindi ricorrere a un tribunale; - nel caso in cui dall unione siano nati dei figli e siano stati riconosciuti, l affidamento e i rapporti tra genitori e figli vengono gestiti con provvedimenti adottati dal Tribunale per i Minori, seguendo le stesse norme previste nel caso di figli nati dal matrimonio (vedi legge n.54 del 2006). Cosa è il Tribunale per i Minori? Il Tribunale per i Minorenni è un organo giudiziario ordinario, specializzato a composizione mista, formato cioè da giudici professionali ("giudici togati") e da giudici onorari, che sono degli esperti (poiché hanno svolto attività in ambito sociale e sono cultori di materie relative alla tutela dei minori) nominati dal Consiglio Superiore della magistratura per un periodo di tre anni rinnovabile. Il Tribunale giudica con collegi composti da quattro giudici: un presidente, un giudice, un giudice onorario donna ed un giudice onorario uomo. Ciascuno di questi quattro giudici dispone di un voto, e il voto dei giudici onorari ha lo stesso peso di quello del giudice togato e del presidente: Le decisioni sono sempre collegiali ed impugnabili innanzi alla Sezione per i minorenni della Corte d'appello. 13

15 Fasi del ricorso al Tribunale per i Minori (in caso di una convivenza da cui sono nati figli che all atto della separazione non sono ancora maggiorenni) - Cessazione della convivenza e incapacità ad accordarsi su affidamento e gestione dei figli (art.317 bis c.c.) - Ricorso al Tribunale da parte di un genitore o da parte del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori (in caso di segnalazione da parte dei servizi sociali o delle forze dell ordine di situazioni di rischio per il minore derivanti dalla conflittualità tra i genitori) - Convocazione dei genitori da parte del Giudice OPPURE E/O UNITAMENTE - Richiesta del Giudice ai servizi sociali, competenti per territorio, di effettuare una indagine psico-sociale (per avere un quadro ed una valutazione della situazione) OPPURE E/O UNITAMENTE - Richiesta di Consulenza tecnica d Ufficio (C.T.U.), affidata ad un professionista scelto dal Giudice, per la valutazione psicologica dei soggetti coinvolti nel conflitto sotto il profilo individuale e relazionale.il Giudice ricorre alla consulenza quando ritiene di non avere elementi sufficienti per decidere e necessita di una valutazione specialistica per comprendere quali siano le scelte da compiere per tutelare il minore. - Convocazione dei genitori da parte del Giudice: colloqui individuali e collegiali con entrambi - Riunione in Camera di Consiglio dei collegio giudicante (quattro giudici: un presidente, un giudice, un giudice onorario donna ed un giudice onorario uomo) - Emissione del Decreto, recante le indicazioni che i genitori devono seguire (prescrizioni) in merito all affidamento e alla gestione dei figli, oltre a eventuali indicazioni per i Servizi Sociali coinvolti (interventi di sostegno o di terapia da attivare) 14

16 Posso gestire da solo la separazione o il divorzio? La procedura presso il Tribunale di Bergamo prevede che Il procedimento di separazione consensuale possa essere attuato direttamene dai coniugi anche senza l assistenza di un legale, richiedendo il modulo per la domanda di separazione alla Cancelleria del Tribunale ove uno o l'altro coniuge hanno la residenza o il domicilio. Eventualmente per la definizione delle condizioni di separazione i genitori possono avvalersi di un mediatore familiare (vedi oltre). L assistenza legale può essere sempre attivata dai coniugi qualora lo ritenessero opportuno. Nel caso di separazione giudiziale, essendo una causa che un coniuge intenta all altro, è necessaria la presenza di un avvocato difensore per entrambe le parti in causa. Posso evitare di rivolgermi al Tribunale e al giudice? Per la separazione e il divorzio si deve necessariamente ricorrere al Tribunale. Quanto mi costa separarmi o divorziare? Il costo varia molto a seconda di vari fattori (tipo di separazione/divorzio, numero di incontri con avvocati, numero di udienze in tribunale ecc ). Come considerazione generale si può dire che più breve è l iter legale, minore è il costo. Per abbreviare tale iter possono essere utili interventi tesi a riattivare modalità comunicative e possibilità di collaborazione, facilitando le opportunità di accordo, quali ad esempio la mediazione familiare (vedi oltre). 15

17 Quanto costa il divorzio La quantificazione è molto difficile e varia da caso a caso. Dipende dalla quantità di attività svolta dal legale, la quale a sua volta dipende dalla difficoltà del contenzioso e dalla conflittualità dei coniugi. A titolo esemplificativo riportiamo le voci di costo: - diritti e onorari di avvocato - spese generali su onorari e diritti - parcelle dei professionisti chiamati in qualità di esperti - grado di giudizio (le cause davanti a Corte d appello o Cassazione costano più di quelle in primo grado) - numero di udienze alle quali partecipa il legale - il valore dei beni oggetto di trasferimento (per ogni atto di trasferimento si deve ricorrere al notaio) Se la coppia ha un reddito imponibile fino a annuo, non paga nulla per la separazione o per il divorzio (si attiva il patrocinio a spese dello Stato). Per richiederlo ci si deve rivolgere al Consiglio dell Ordine degli avvocati (vedi recapiti nella sezione Indirizzi utili) Quali figure professionali possono aiutarmi in questa situazione? Nella separazione possono essere d aiuto due professionisti: - l avvocato, per curare gli interessi di uno dei coniugi in una separazione giudiziale o per valutare la correttezza degli accordi a cui i coniugi sono giunti autonomamente (separazione consensuale) - il mediatore familiare, per aiutare i genitori a gestire un confronto utile alla definizione di accordi che tengano in debito conto le esigenze loro e dei loro figli. 16

18 Dove posso trovare un mediatore esperto? Presso il Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo (recapiti nella pagina Indirizzi utili) viene svolta l attività di mediazione familiare sin dal I mediatori sono molto esperti, di elevata professionalità ed in costante aggiornamento. Possono accedere al servizio tutti i cittadini di Bergamo e provincia, senza alcun costo in quanto il Centro fa parte dell ASL di Bergamo. Cosa fa il mediatore familiare? Il mediatore familiare interviene su richiesta dei genitori per aiutarli gestire le difficoltà associate alla riorganizzazione, logistica ma anche e soprattutto emotiva, conseguente ad una separazione. Queste difficoltà spesso sfociano in scontri e forti litigi che non consentono ai genitori di risolvere le questioni legate alla gestione dei figli (educazione, istruzione, salute, mantenimento, tempo libero, frequentazioni, organizzazione della presenza di ciascuno accanto ai figli) e alle loro difficoltà conseguenti alla separazione. Il mediatore fornisce una spazio assolutamente riservato e indipendente dall ambito giudiziario, in cui i genitori si confrontano potendo contare sull aiuto di un professionista imparziale che non ha nessun compito valutativo o di giudizio, ma offre le sue competenze tecniche per facilitare la comunicazione, il confronto aperto e sincero, finalizzato alla gestione o alla soluzione delle difficoltà presenti in quella famiglia. Insieme si fanno scelte, si pensano soluzioni, si prendono accordi in modo che siano i genitori stessi in prima persona ad elaborare un programma di separazione soddisfacente per loro e per i figli in cui potere esercitare la comune responsabilità di genitori. Il mediatore, per garantire la massima riservatezza, non relaziona ne comunica ad alcuno circa i contenuti dell intervento. 17

19 Come si svolge un intervento di mediazione familiare? Il mediatore familiare, in una serie limitata di incontri (da 10 a 12), facilita la comunicazione tra padre e madre per trovare soluzioni realistiche e stabilire accordi condivisi e duraturi che consentano ai figli di vivere serenamente e a padre e madre di svolgere responsabilmente il comune compito di genitori. Gli accordi sono negoziati e definiti da entrambi i genitori e non imposti da terze persone; hanno dunque maggiori possibilità di essere rispettati. La mediazione familiare è riservata, protetta dal segreto professionale e autonoma dall'iter legale. I colloqui sono rivolti ai soli genitori. I bambini non partecipano: per loro lavorano i grandi. Quali risultati posso raggiungere in mediazione? In mediazione si possono definire degli accordi sulla gestione dei figli (educazione, istruzione, salute, mantenimento, tempo libero, frequentazioni, organizzazione della presenza di ciascuno accanto ai figli) e su altri temi oggetto di disaccordo. Tali accordi possono poi essere portati dai genitori in Tribunale, come parte delle condizioni di separazione. Cosa distingue il mediatore dall avvocato? Il mediatore è un tecnico delle comunicazione e della gestione del conflitto, in particolar modo delle sue componenti emotive. Egli non cura gli interessi di uno dei due genitori: è lì per aiutare entrambi a gestire una delicata fase della loro vita, facilitando il confronto e il dialogo per evitare che arrivino a sovraccaricare i loro figli di compiti e responsabilità non loro. Inoltre non ha competenze legali e non è in nessun modo legato all azione del giudice. 18

20 Quali altre figure professionali, enti o agenzie (pubbliche o private) intervengono in una separazione? Possono intervenire: - i servizi sociali competenti per territorio (quelli che operano nel territorio di residenza della famiglia); tali servizi possono far capo al Comune o alla ASL (vedi sezione Indirizzi utili) - il Consulente Tecnico d Ufficio (C.T.U.) - il Consulente Tecnico di Parte (C.T.P.) - altri professionisti che il Giudice o i servizi ritengono di consultare per approfondimenti mirati Quando intervengono i servizi sociali e come operano? I servizi sociali intervengono: - su richiesta del Giudice, per una valutazione della situazione in atto (persone, relazioni, ambienti di vita) - su richiesta di uno dei due genitori, preoccupato per una potenziale situazione di rischio per i propri figli - su richiesta di persone che hanno informazioni di situazioni di potenziale rischio per un minore (forze dell ordine, insegnanti, professionisti a contatto col minore, semplici cittadini) Una volta attivati i servizi attuano una indagine psico-sociale, cioè una approfondita valutazione delle caratteristiche personali e relazionali delle persone coinvolte, attraverso: - colloqui con i genitori (individuali e di coppia) sia informativi che di analisi psicodiagnostica - colloqui informativi con tutte le figure che a vario titolo ruotano intorno alla famiglia interessata (parenti, insegnanti, vicini ) - visite domiciliari, per una valutazione del contesto di vita del minore e della sua famiglia Le indicazioni fornite dai servizi sociali servono a fornire un quadro per valutare la necessità dell intervento della magistratura (Civile, Penale o Minorile) oppure per dare alla magistratura, che le aveva richieste, le informazioni necessarie alla definizione di un giudizio. L azione dei servizi può continuare anche dopo il giudizio con consulenza e sostegno. 19

Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura.

Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. Che cosa è la separazione? Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. La separazione può essere chiesta da uno o entrambi gli

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

Separazioni e divorzi

Separazioni e divorzi Lo Studio Legale Lunari di Milano offre assistenza legale in materia di diritto di famiglia e in particolare per quanto concerne contratti prematrimoniali, accordi di convivenza, separazioni, divorzi,

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

Il quadro delle responsabilità civili

Il quadro delle responsabilità civili Firenze Istituto degli Innocenti 11 maggio 2012 Il quadro delle responsabilità civili Relatrice: Manuela Cecchi 1 IL QUADRO DELLE RESPONSABILITÀ CIVILI Secondo il Glossario del portale degli assisti sociali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9 Presentazione...9 I La formazione della coppia... 13 1 Le scelte possibili...15 1 Come ufficializzare un unione...15 2 I tipi di matrimonio...15 Matrimonio civile o religioso? Il matrimonio concordatario

Dettagli

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi

L affidamento dei figli minori nelle separazioni e nei divorzi L affidamento dei figli nelle separazioni e nei divorzi nno 2006 6 agosto 2008 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 7 luglio 2011 Anno 2009 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2009 le separazioni sono state 85.945 e i divorzi 54.456, con un incremento rispettivamente del 2,1 e dello 0,2% rispetto all anno precedente.

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA Codice civile Libro I (delle persone e della famiglia) Titolo VI (del matrimonio) Capo V (Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi) Articolo 149

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Il presente provvedimento costituisce una delle prime decisioni da parte di un tribunale per i minorenni sulle questioni economiche relativamente ai figli di genitori non coniugati dopo la nota ordinanza

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli"

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli LEGGE 8 febbraio 2006, n.54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 La Camera dei deputati ed il

Dettagli

A T T E N Z I O N E I testi e gli schemi hanno carattere provvisorio, in attesa della pubblicazione del testo definitivo ufficiale in Gazzetta.

A T T E N Z I O N E I testi e gli schemi hanno carattere provvisorio, in attesa della pubblicazione del testo definitivo ufficiale in Gazzetta. DDL APPROVATO DEFINITIVAMENTE IN DATA 22 APRILE 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi (GU: non ancora pubblicato)

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XIII I REGIME PATRIMONIALE DEI CONIUGI Introduzione... 3 1 La scelta del regime patrimoniale... 7 Atto di matrimonio avanti all ufficiale di stato civile con scelta di separazione

Dettagli

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione e Divorzio, organizzato dall Associazione DueCon, tenutosi

Dettagli

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook LA MEDIAZIONE FAMILIARE IN ITALIA PASSATO, PRESENTE E FUTURO I versione: 30 marzo 2006 Ultima revisione: 15 maggio 2008 A partire dal 1970, anno di introduzione della legge sul divorzio, assistiamo nel

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi (G.U. 11 maggio 2015 n. 107) Entrata in vigore: 26

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Negoziazione Assistita L. 162/2014

Negoziazione Assistita L. 162/2014 Avv. Grazia Cristina Battiato Via Olmetto, 5 20123 Milano Tel 02.34931737 - Fax 02.3313664 e-mail: studio.legale@live.it Negoziazione Assistita L. 162/2014 Problemi pratici ed applicativi. L. 162/2014

Dettagli

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Divorzio breve ENTRATA IN VIGORE: 26 MAGGIO 2015 Legge 55 del 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1 AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori 1 Legge n. 54 del 2006 Diritto alla bigenitorialità Tipi di affidamento Esercizio della potestà I tempi dei figli Assegnazione della casa familiare Assegno di mantenimento

Dettagli

Separazione e divorzio

Separazione e divorzio Separazione e divorzio Con l'entrata in vigore del Decreto legge n. 132/2014 convertito con Legge 162/2014 i coniugi che consensualmente intendono separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

LA TUTELA DEL MINORE, CASI DI AFFIDAMENTO E CONTRIBUTI PERITALI

LA TUTELA DEL MINORE, CASI DI AFFIDAMENTO E CONTRIBUTI PERITALI LA TUTELA DEL MINORE, CASI DI AFFIDAMENTO E CONTRIBUTI PERITALI Psicologia e Giustizia GIUDICE C/O IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI MILANO D.SSA ANNA MARIA ZAMAGNI Il Tribunale per i Minorenni è competente

Dettagli

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO con CD-rom allegato SOMMARIO PARTE PRIMA - DISCIPLINA GENERALE LA PROCURA ALLE LITI E LE NOTIFICAZIONI 3 1. ATTO DI CONFERIMENTO DELLA PROCURA

Dettagli

a cura di Laura Gaiotti e Monica Terzago

a cura di Laura Gaiotti e Monica Terzago COORDINAMENTO DEGLI OPERATORI DEI SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE - 21 MARZO 2006 - OSSERVAZIONI 1 SULLA NUOVA LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti. Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE

INDICE SOMMARIO. Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti. Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE INDICE SOMMARIO Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti... Pag. XVII Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE Capitolo I LA SEPARAZIONE CONSENSUALE di Gilda Ferrando 1. Note introduttive... Pag. 3 2. Natura

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

La normativa di riferimento sul divorzio

La normativa di riferimento sul divorzio Modulo 1 > DOCUMENTI 1 La normativa di riferimento sul divorzio Legge 1 dicembre 1970, n. 898 (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 306) Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio Articolo 1. 1. Il giudice

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 of 5 19/04/11 16.47 Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Affido condiviso va negato se genitore minaccia di portare

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3 Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA La promessa di matrimonio... Pag. 3 Il matrimonio: celebrazione e invalidità Il matrimonio civile 1) La celebrazione del matrimonio civile... Pag.

Dettagli

PROPOSTA DI PROTOCOLLO

PROPOSTA DI PROTOCOLLO PROPOSTA DI PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO E RIGUARDANTI MINORI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDIZIALE, MODIFICA GIUDIZIALE DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE

Dettagli

LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006

LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006 LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006 La separazione personale dei coniugi è un istituto regolamentato dalle norme del codice civile (artt. 150 e ss.), dal codice

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO SCIENZE PSICO-SOCIALI E AFFIDAMENTO DEI FIGLI IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDICE DEL TRIBUNALE DI MILANO SILVANA D ANTONA Pur avendo maturato esperienza in materia di diritto di famiglia solo da

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà

Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà familiari La convivenza more uxorio o famiglia di fatto I rapporti

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it 13/10/2014 L'assegno di mantenimento piccola guida Il dovere di assistenza morale e materiale e l'obbligo di mantenimento del coniuge separato Prima di affrontare il tema della determinazione e della corresponsione

Dettagli

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Riassunto IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Anna Bertoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Questa ricerca ha voluto verificare se e in quali condizioni

Dettagli

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi 19 luglio 2002, divorzi e provvedimenti emessi Anno 2000 Il presente lavoro, che delinea un quadro dell instabilità coniugale in Italia, si propone di soddisfare la crescente domanda di informazione su

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE PROGRAMMA DIDATTICO BIENNIO 2013-2014 Il corso è stato accreditato dal Consiglio Nazionale Forense, ai fini del riconoscimento

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

La riforma del processo di separazione e divorzio, introdotta, dopo un lungo e

La riforma del processo di separazione e divorzio, introdotta, dopo un lungo e Riflessioni in tema di affidamento condiviso La riforma del processo di separazione e divorzio, introdotta, dopo un lungo e tormentato iter parlamentare,dalla Legge 8/2/2006 N. 54, si propone tra i suoi

Dettagli

IL D.L. 12 SETTEMBRE 2014 N. 132 E LE MODIFICHE IN TEMA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO PROCEDURA SEMPLIFICATA E NEGOZIAZIONE

IL D.L. 12 SETTEMBRE 2014 N. 132 E LE MODIFICHE IN TEMA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO PROCEDURA SEMPLIFICATA E NEGOZIAZIONE Edizione OTTOBRE 2014 Copyright MMXIV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI (FR) P.I./C.F. 02613240601 ISBN 978-88-96791-07-3 I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione, di

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 Famiglia - Figli Genitori gay Affido Possibile Sì all affido di un figlio minore ad una coppia omosessuale composta da

Dettagli

Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso

Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso Brescia 20 settembre 2011 Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso - Maria Carla Gatto, presidente del Tribunale per i Minorenni di Brescia - Nel ringraziare la Commissione Giustizia

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA. - Fonte normativa: art. 2 e ss. del d.l. 12.9.2014 n. 132 convertito in l. 10.11.2014 n. 162

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA. - Fonte normativa: art. 2 e ss. del d.l. 12.9.2014 n. 132 convertito in l. 10.11.2014 n. 162 LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA - Fonte normativa: art. 2 e ss. del d.l. 12.9.2014 n. 132 convertito in l. 10.11.2014 n. 162 - Informazioni al cliente: è dovere deontologico degli avvocati informare il cliente,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza CAPITOLO I SEPARAZIONE E DIVORZIO: UN MODELLO PROCESSUALE UNITARIO 1. Premessa. Le ragioni di una scelta....................... 1 2. Matrimonio, separazione, divorzio: il legame tra società e diritto,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4405 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MUSSOLINI Disciplina della convivenza familiare e norme in materia di filiazione e di successione

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo III Formulario A cura di Michele Angelo Lupoi Con la collaborazione di Carmen Spadea e Silvia Ballestrazzi Indice F01. Modello procura con informativa sulla privacy...

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI ROMA

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI ROMA OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI ROMA GRUPPO GIURISDIZIONE E ADR Pres.te Dr.ssa Franca Mangano Avv. Paola Moreschini Avv. Marina Petrolo VADEMECUM SULLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA IN MATERIA DI FAMIGLIA

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

CONVERTITO IN LEGGE IL D.L. 132/14: AL VIA LA PROCEDURA DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA Premessa La Camera ha approvato in maniera definitiva la riforma

CONVERTITO IN LEGGE IL D.L. 132/14: AL VIA LA PROCEDURA DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA Premessa La Camera ha approvato in maniera definitiva la riforma CONVERTITO IN LEGGE IL D.L. 132/14: AL VIA LA PROCEDURA DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA Premessa La Camera ha approvato in maniera definitiva la riforma della giustizia civile, convertendo in legge il D.L. 132/14

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

Circolare Ministero dell'interno, Uffici Demografici, 28 novembre 2014, n. 19

Circolare Ministero dell'interno, Uffici Demografici, 28 novembre 2014, n. 19 Circolare Ministero dell'interno, Uffici Demografici, 28 novembre 2014, n. 19 OGGETTO: Adempimenti degli ufficiali dello stato civile ai sensi degli articoli 6 e 12 del decreto-legge 12 settembre 2014,

Dettagli