separazione & divorzio: istruzioni per l uso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "separazione & divorzio: istruzioni per l uso"

Transcript

1 separazione & divorzio: istruzioni per l uso A cura del Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo con la collaborazione di Rotary Club del Gruppo Orobico Ordine degli Avvocati di Bergamo

2 La lettura di questo opuscolo potrebbe avvenire in una fase molto delicata della vita: il rapporto con il partner (moglie, marito o convivente) è in profonda crisi e si prefigura l ipotesi di una separazione. Come tutte le relazioni umane anche quella tra due coniugi è soggetta a cambiamenti e trasformazioni, alcuni di lieve entità, facilmente assorbibili ed migliorativi, altri più rilevanti e a rischio di rottura. Sicuramente la separazione non è indolore e comporta sofferenza, delusione, frustrazione che in alcuni casi possono indurre a considerare se stessi e tutta la propria vita un continuo fallimento. Chi ha deciso di fare il primo passo, è spesso vittima di sensi di colpa, dubbi, incertezze, timori. Chi subisce, o sembra subire, può essere preda dello sconforto, della rabbia, della voglia di vendetta. La coppia soffre per il fallimento di un progetto di vita condiviso, ma anche i figli sperimentano gradi minori o maggiori di sofferenza a seconda del loro coinvolgimento, più o meno diretto, negli scontri della coppia. In questa difficile situazione è importante ricordare che una modalità di separazione non troppo litigiosa e basata sulla ricerca di un intesa può essere vantaggiosa: se si trova un accordo non si spreca tempo e denaro in discussioni infinite e inutili che spesso sono incomprensibili per i figli e, se i toni trascendono, possono essere dannose per loro. In queste pagine vi proponiamo alcune indicazioni in relazione alla separazione ed al divorzio, per poter gestire in modo non distruttivo questa fase della vita. Dott. Paolo Scotti 1

3 INDICE Pag. 3 Cosa è la separazione? Pag. 4 Cosa devo fare per separarmi? Pag. 7 Cosa succede se mi separo ma non mi rivolgo al Tribunale? Pag. 7 Cosa è il divorzio? Pag. 7 Cosa devo fare per ottenere il divorzio? Pag. 9 Cosa sono gli accordi in una separazione consensuale o in un divorzio congiunto? Pag. 9 Quali sono gli effetti di una separazione? Pag.11 Quali sono gli effetti di un divorzio? Pag.12 Posso intervenire per modificare le condizioni della separazione o del divorzio? Pag.12 Se dopo aver iniziato una separazione voglio riconciliarmi con il mio coniuge, posso farlo? Pag.12 Se non mi sono mai sposato ma ho solo convissuto? Pag.13 Che cosa devo fare se sono convivente e voglio separarmi? Pag.13 Cosa è il Tribunale per i Minori? Pag.15 Posso gestire da solo la separazione o il divorzio? Pag.15 Posso evitare di rivolgermi al Tribunale e al giudice? Pag.15 Quanto mi costa separarmi o divorziare? Pag.16 Quali figure professionali possono aiutarmi in questa situazione? Pag.17 Dove posso trovare un mediatore esperto? Pag.17 Cosa fa il mediatore familiare? Pag.18 Come si svolge un intervento di mediazione familiare? Pag.18 Quali risultati posso raggiungere in mediazione? Pag.18 Cosa distingue il mediatore dall avvocato? Pag.19 Quali altre figure professionali, enti o agenzie (pubbliche o private) intervengono in una separazione? Pag.19 Quando intervengono i servizi sociali e come operano? Pag.20 Cosa è e a cosa serve la Consulenza Tecnica d Ufficio? 2

4 Cosa è la separazione? Per separazione si intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. La separazione può essere chiesta da uno o entrambi i gli interessati, quando si verificano, anche indipendentemente dalla loro volontà, fatti o situazioni che rendono intollerabile la prosecuzione della convivenza o che recano un pregiudizio all educazione dei figli. L intollerabilità è rilevante anche se riguarda uno solo dei coniugi. Con la separazione viene meno l obbligo reciproco, assunto con il matrimonio, della coabitazione e si attenuano anche altri doveri coniugali, ma non vengono meno gli obblighi - di natura patrimoniale - di assistenza materiale né quello di reciproco rispetto. La separazione può essere: 1) consensuale, quando i coniugi sono d accordo sia sulla decisione di separarsi che sulle condizioni che andranno a regolare i loro rapporti patrimoniali e nei confronti dei figli; 2) giudiziale, quando non esiste accordo dei coniugi in ordine alla decisione e/o alle condizioni della separazione. In tale ipotesi può essere chiesto da un coniuge a carico dell altro che venga pronunciato l addebito della separazione. Il coniuge nei cui confronti sia dichiarato l addebito (cioè la responsabilità del fallimento del matrimonio) perde il diritto al mantenimento e la qualità di erede. La separazione, consensuale o giudiziale che sia non sancisce di per sé lo scioglimento di un matrimonio, cosa che avviene solo con il divorzio. Nel caso in cui le due persone non si siano mai sposate ma abbiano solamente convissuto, vedi oltre (pagg. 12 e 13). 3

5 Cosa devo fare per separarmi? Dipende dal tipo di separazione: 1) La procedura presso il Tribunale di Bergamo prevede che il procedimento di separazione consensuale possa essere attuato direttamene dai coniugi anche senza l assistenza di un legale, richiedendo il modulo per la domanda di separazione alla Cancelleria del Tribunale ove uno o l'altro coniuge hanno la residenza o il domicilio. Eventualmente per la definizione delle condizioni di separazione i genitori possono avvalersi di un mediatore familiare (vedi oltre). Ricevuto il ricorso, il Presidente del Tribunale fissa un'udienza alla quale i coniugi devono comparire personalmente. Il giudice tenterà la riconciliazione, ma nel caso in cui i coniugi ribadiscano la loro volontà di separarsi alle condizioni esplicitate nel ricorso, il procedimento si conclude con la convalida delle condizioni stesse da parte del tribunale. L assistenza legale può essere sempre attivata dai coniugi qualora lo ritenessero opportuno. 2) Nel caso di separazione giudiziale, il difensore di uno dei coniugi deposita al Tribunale competente il ricorso contenente la domanda di separazione, con l'esposizione dei fatti sui quali tale domanda si fonda. Il Presidente del tribunale fissa una prima udienza, alla quale i coniugi dovranno comparire personalmente e in cui verrà tentata la riconciliazione. Se questa non riesce, il Presidente del Tribunale autorizza i coniugi a vivere separati e adotta, anche d ufficio i provvedimenti temporanei ed urgenti che reputa opportuni nell interesse dei coniugi e della prole (relativi all affidamento e al mantenimento dei figli, all assegnazione della casa coniugale, all eventuale assegno di mantenimento a favore del coniuge sprovvisto di adeguati redditi propri). Inoltre, egli nomina un giudice istruttore davanti al quale si svolgerà una vera e propria causa civile, al termine della quale verrà emessa la sentenza di separazione. Questa potrà essere oggetto di riesame da parte della Corte d'appello. A sua volta, la sentenza d'appello potrà essere ricorribile in Cassazione. Nella separazione giudiziale il giudice può dichiarare l addebito della separazione ad uno dei coniugi, su richiesta di una parte in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio. Il coniuge al quale è stata addebitata la separazione perde il diritto di ricevere l assegno di mantenimento e la qualità di erede. In qualsiasi momento il giudizio, sia di primo che secondo grado, si può concludere se le parti trovano un accordo. 4

6 Fasi della separazione consensuale - Conflitto di coppia tale da rendere intollerabile la convivenza - Eventuale ricorso ad uno o a due legali (uno per ogni genitore) - Fase preparatoria nella quale si discutono e si stilano gli accordi o clausole relativi all affidamento dei figli, all utilizzo della casa coniugale, all assegno di mantenimento, agli eventuali beni comuni. - Formalizzazione degli accordi (si scrivono e sottoscrivono) - Il ricorso contenente le concordate condizioni di separazione viene depositato personalmente o (se i coniugi lo ritengono opportuno) tramite legali delegati dai genitori, alla cancelleria del Tribunale competente - Fissazione, da parte della Cancelleria del Tribunale, di apposita udienza avanti il Presidente del tribunale stesso (Udienza Presidenziale) - Audizione individuale e audizione congiunta delle parti avanti al Presidente, alla presenza dei loro avvocati ove incaricati, e conferma degli accordi - Dall udienza presidenziale scattano i 3 anni necessari al divorzio tra i coniugi - Dopo circa un mese, il Tribunale emette un decreto che omologa la separazione alle condizioni richieste dalle parti. 5

7 Fasi della separazione giudiziale o Causa di separazione - Conflitto di coppia tale da rendere intollerabile la convivenza, senza possibilità di trovare accordo su tutte le condizioni della separazione - Decisione del coniuge che vuole ottenere la separazione di rivolgersi ad un legale, che viene delegato (sulla base della sottoscrizione di una procura) a gestire l iter della separazione. - Stesura da parte del legale di un atto contenente tutte le richieste del coniuge relative alle condizioni di separazione ed anche all eventuale richiesta di addebito (cioè che si addebiti la rottura del matrimonio all altro che non ha ottemperato/ha disatteso i doveri del matrimonio) - Deposito, da parte del legale, del ricorso presso la Cancelleria del tribunale competente. - Fissazione, da parte della Cancelleria del Tribunale, di apposita udienza avanti il Presidente del tribunale stesso (Udienza Presidenziale) - Il legale del coniuge ricorrente notifica all altro coniuge il ricorso e del decreto che fissa l udienza (a quest udienza il coniuge convocato può decidere di comparire o no e di munirsi di legale oppure no). - Audizione individuale (un coniuge per volta senza avvocati) e audizione congiunta delle parti (entrambi i coniugi e i loro avvocati) avanti al Presidente (udienza presidenziale) che tenta una riconciliazione o una consensualizzazione della separazione. Se ciò non riesce adotta i provvedimenti provvisori relativi a: autorizzazione ai coniugi a vivere separati affidamento dei figli utilizzo della casa coniugale assegno di mantenimento (mantenimento figli e coniuge) - Rinvio avanti ad un Giudice Istruttore con fissazione d udienza (dopo qualche mese da quella presidenziale) e inizio di una vera e propria causa caratterizzata da audizione di testi, acquisizione di prove ed eventuali perizie (vedi oltre). - Nel caso di richiesta di addebito il Giudice a questo punto può riconoscere la colpa della rottura ad uno o all altro dei coniugi o anche a tutti e due (per farlo si basa su atti, documenti, prove) - Conseguenze dell addebito => economiche: chi viene riconosciuto la causa della separazione perde il diritto all eredità, all assegno di mantenimento (ha solo gli alimenti, cioè lo stretto indispensabile alla sopravvivenza) - Si giunge alla sentenza che dirime le questioni su tutti gli aspetti - Anche nella separazione giudiziale il termine dei 3 anni per richiedere il divorzio decorre dall udienza presidenziale, salvo che nel frattempo ci sia stata una sentenza, anche parziale, passata in giudicato 6

8 Cosa succede se mi separo ma non mi rivolgo al Tribunale? Quando l'interruzione della convivenza non è stata definita da un provvedimento del giudice (cioè con l intervento del Tribunale, nelle due forme di separazione consensuale e giudiziale) ma unicamente decisa dai coniugi, viene chiamata separazione di fatto. Questo tipo di separazione non ha alcun effetto giuridico e non determina la sospensione degli obblighi matrimoniali. Cosa è il divorzio? Per divorzio si intende quell atto formale che sancisce lo scioglimento di un matrimonio celebrato con rito civile o la cessazione degli effetti civili del matrimonio celebrato con rito religioso. Il divorzio scioglie il vincolo coniugale (che permane affievolito durante la separazione) e attesta il cambiamento di stato civile delle persone: ognuno di loro non è più vincolato da legami coniugali e può quindi procedere ad un eventuale nuovo matrimonio. Cosa devo fare per ottenere il divorzio? Il divorzio può essere richiesto solo se si verifica uno dei presupposti previsti dalla legge. Può essere richiesto insieme dai coniugi (divorzio con domanda congiunta), ma può anche essere richiesta da uno solo dei coniugi anche contro la volontà dell altro. E sempre necessaria l assistenza dei legali. 7

9 Presupposti procedurali per attivare la procedura di divorzio (estratto art.3 L.898/1970) a) uno dei coniugi ha commesso reati gravi specificatamente elencati dalla legge b) è stata pronunciata con sentenza passata in giudicato la separazione giudiziale fra i coniugi c) è stata omologata la separazione consensuale d) è intervenuta separazione di fatto quando la separazione di fatto stessa è iniziata almeno due anni prima del 18 dicembre 1970 e) matrimonio rato ma non consumato, cioè celebrato ma senza essere seguito da una unione carnale Il presupposto più frequente per la richiesta di divorzio è la pregressa separazione. Per poter richiedere il divorzio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi il Presidente del Tribunale nella procedura di separazione personale. Nel caso di separazione giudiziale, deve essere intervenuta nel frattempo una sentenza anche parziale di pronuncia sulla separazione. La procedura per l'ottenimento del divorzio prevede: - Divorzio con domanda congiunta, in cui l accordo tra i due coniugi sulle condizioni del divorzio consente di presentare una domanda unica con le condizioni riguardanti i figli ed i rapporti economici fra i coniugi; il Tribunale valuta le condizioni concordate e se sono conformi alla legge emette sentenza di divorzio. - Divorzio con contenzioso, che si attiva se non c è accordo tra le parti; in questo caso il coniuge che intende divorziare deve presentare, a mezzo di un avvocato, un ricorso contenente la domanda di scioglimento del matrimonio, con l'esposizione di ciò su cui tale domanda si fonda, presso il tribunale del luogo in cui l'altro coniuge ha la propria residenza o domicilio. Ha inizio in questo caso un percorso giudiziario (vedi separazione giudiziale). 8

10 Cosa sono gli accordi in una separazione consensuale o in un divorzio congiunto? Gli accordi sono quelle decisioni che coloro che si separano devono prendere, in autonomia o con l aiuto di un avvocato, e che riguardano: - il consenso di entrambi alla separazione; - l affidamento dei figli e la loro collocazione presso uno dei genitori; - la regolamentazione del diritto di visita del genitore non affidatario o di quello che non convive stabilmente con i figli - il contributo che un coniuge dovrà pagare all altro per il mantenimento dei figli - l assegnazione della casa coniugale; - l eventuale assegno di mantenimento in favore del coniuge sprovvisto di adeguati redditi propri. Quali sono gli effetti di una separazione? Innanzitutto cessa l obbligo della coabitazione e quindi della convivenza, mentre rimangono immutati per entrambi i genitori gli obblighi di mantenere, istruire ed educare i figli. Inoltre un coniuge ha diritto di ricevere dall altro un assegno di mantenimento (consistente in un assegno periodico, rivalutabile annualmente secondo gli indici ISTAT) se: - non ha addebitata la separazione (vedi separazione giudiziale) - non ha adeguati redditi propri - non può mantenere un tenore di vita analogo a quello presente durante il matrimonio Salvo i casi in cui i coniugi hanno optato (al momento del matrimonio o successivamente) per il regime di separazione dei beni, dopo il provvedimento definitivo (cioè sentenza per la separazione giudiziale o decreto di omologa per la separazione consensuale) si ha anche lo scioglimento della comunione legale dei beni per cui: - i beni acquisiti dopo tale scioglimento sono personali, - i beni comuni (acquisiti durante il matrimonio) verranno suddivisi mediante accordo tra le parti. 9

11 Relativamente all affidamento dei figli la recente legge (Legge 54/ vedi sezione Allegati) prevede prioritariamente l affidamento dei figli ad entrambi i genitori. Le variazioni introdotte dalla nuova legge possono essere così sintetizzate: - i figli nati dalla coppia che si sta separando hanno il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori (i quali devono garantire loro cura, educazione e istruzione) oltre ad avere rapporti significativi con nonni e parenti di ciascun ramo genitoriale; - l affidamento viene perciò attribuito normalmente ad entrambi i genitori (affidamento condiviso), ognuno dei quali esercita la potestà (cioè l insieme dei diritti e dei doveri nei confronti dei figli) al pari dell altro; - le decisioni di maggiore interesse per i figli relative all'istruzione, all'educazione e alla salute devono essere prese dai genitori di comune accordo. - le decisioni su questioni di ordinaria amministrazione (relative alla gestione della quotidianità) possono essere prese separatamente dai genitori se le parti l hanno previamente concordato in sede di separazione; - l affido esclusivo può essere richiesto da uno dei due coniugi, ma viene concesso dal Giudice solo in casi eccezionali di comprovata difficoltà di uno dei genitori ad occuparsi o a interessarsi dei figli minori (es. genitore con gravi problemi di tossicodipendenza o patologia psichiatrica, casi gravi di devianza sociale ecc ). La conflittualità tra i coniugi non giustifica, di regola, l affidamento ad un solo genitore. - nel caso di affido esclusivo, la potestà genitoriale rimane ad entrambi i genitori, mentre il genitore affidatario può adottare tutte le decisioni che riguardano la vita dei figli (definito esercizio esclusivo delle potestà ), salvo quelle di maggiore interesse che devono comunque essere adottate da entrambi i genitori di comune accordo. Il genitore non affidatario conserva il diritto-dovere di vigilare sulla istruzione ed educazione dei figli, partecipando alle decisioni importanti che li riguardano e può ricorrere al Tribunale quando ritenga che siano state adottate decisioni pregiudizievoli al loro interesse. Per questa ragione deve avere la possibilità di trascorrere con i figli dei periodi di tempo. - L affidamento alternato (responsabilità genitoriale affidata in modo alternato esclusivamente ad un genitore) non viene quasi mai riconosciuto, stanti i notevoli sforzi emotivi e psicologici per il minore, unitamente alle difficoltà di una equilibrata gestione del rapporto tra genitori che questa soluzione comporta. 10

12 Sempre la nuova riforma introduce variazioni anche nel mantenimento dei figli: ciascuno dei genitori provvede direttamente al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito (a meno che non ci siano accordi diversi presi dai genitori autonomamente). Può eventualmente essere decisa dal giudice una integrazione di un coniuge a favore dell altro tenendo in considerazione tra le altre cose oltre alle risorse economiche di entrambi i genitori anche i tempi di permanenza dei figli presso ciascun genitore. Inoltre deve essere decisa dai genitori la collocazione prevalente dei figli, cioè in quale delle due case (quella della mamma o quella del papà) i minori andranno a risiedere poiché presenti con maggiore regolarità o per altri fattori (ad esempio comodità per loro, presenza di scuole e/o strutture utili nelle vicinanze, volontà di non isolarli dal gruppo di amici). A seguito della collocazione dei figli, viene anche definita l assegnazione della casa coniugale: normalmente segue i minori e al genitore che abita con loro viene attribuita in godimento. Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l'assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva con un nuovo partner o contragga nuovo matrimonio. Quali sono gli effetti di un divorzio? Con il divorzio il matrimonio si scioglie e gli ex-coniugi possono contrarre un nuovo matrimonio, tuttavia permane l obbligo di mantenere, istruire ed educare i figli nati o adottati durante il matrimonio. Inoltre la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio prevede disposizioni relative a: - affidamento e mantenimento dei figli; - assegnazione della casa familiare; Viene meno l'obbligo di assistenza materiale ed economica, ma il tribunale può disporre l'obbligo di corrispondere periodicamente all'altro coniuge un assegno di divorzio (se un coniuge non ha mezzi adeguati e si trovi nell impossibilità di procurarseli). Le parti possono anche concordare il versamento in una sola soluzione. 11

13 Posso intervenire per modificare le condizioni di separazione o del divorzio? Se intervengono nuove circostanze che non consentono più di applicare le indicazioni contenute nelle condizioni di separazione oppure se uno dei due ex-coniugi ritiene che ci siano validi motivi per una revisione, il coniuge interessato deve instaurare, per mezzo di un difensore, un procedimento davanti al Tribunale competente Anche le condizioni di divorzio fissate nella relativa sentenza possono essere modificate ricorrendo al Tribunale, qualora sopravvengano giustificati motivi Se dopo essermi separato voglio riconciliarmi con il mio coniuge, posso farlo? La riconciliazione è sempre possibile ed è realizzabile in qualsiasi momento del percorso di separazione. Con la riconciliazione gli effetti della separazione cessano automaticamente. Non è necessaria alcuna pronuncia del giudice. Per essere tale la riconciliazione prevede non solo la ripresa della coabitazione o delle relazioni fra i coniugi, ma anche il completo ripristino della convivenza coniugale e della comunione spirituale e materiale fra i due. La riconciliazione impedisce il maturare del termine di tre anni (che decorre dall udienza presidenziale nel giudizio di separazione) per proporre la domanda di divorzio. Se non mi sono mai sposato ma ho solo convissuto? In questo caso ci si trova nella condizione di convivenza more uxorio o coppia di fatto, cioè una convivenza stabile e duratura, con o senza figli, tra un uomo e una donna che si comportano come se fossero marito e moglie. 12

14 Che cosa devo fare se sono convivente e voglio separarmi? Quando si interrompe una convivenza possono esserci gli stessi problemi che si verificano quando finisce un matrimonio e quindi si avverte la stessa esigenza di tutela. Però: - gli adulti che hanno deciso di convivere lo hanno fatto liberamente e da ciò non è derivata nessuna variazione nel loro stato civile (sono ancora nubili e/o celibi), quindi non devono accedere al Tribunale Civile in caso di separazione; - non esiste una normativa volta a tutelare il convivente economicamente più debole che non può quindi ricorrere a un tribunale; - nel caso in cui dall unione siano nati dei figli e siano stati riconosciuti, l affidamento e i rapporti tra genitori e figli vengono gestiti con provvedimenti adottati dal Tribunale per i Minori, seguendo le stesse norme previste nel caso di figli nati dal matrimonio (vedi legge n.54 del 2006). Cosa è il Tribunale per i Minori? Il Tribunale per i Minorenni è un organo giudiziario ordinario, specializzato a composizione mista, formato cioè da giudici professionali ("giudici togati") e da giudici onorari, che sono degli esperti (poiché hanno svolto attività in ambito sociale e sono cultori di materie relative alla tutela dei minori) nominati dal Consiglio Superiore della magistratura per un periodo di tre anni rinnovabile. Il Tribunale giudica con collegi composti da quattro giudici: un presidente, un giudice, un giudice onorario donna ed un giudice onorario uomo. Ciascuno di questi quattro giudici dispone di un voto, e il voto dei giudici onorari ha lo stesso peso di quello del giudice togato e del presidente: Le decisioni sono sempre collegiali ed impugnabili innanzi alla Sezione per i minorenni della Corte d'appello. 13

15 Fasi del ricorso al Tribunale per i Minori (in caso di una convivenza da cui sono nati figli che all atto della separazione non sono ancora maggiorenni) - Cessazione della convivenza e incapacità ad accordarsi su affidamento e gestione dei figli (art.317 bis c.c.) - Ricorso al Tribunale da parte di un genitore o da parte del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori (in caso di segnalazione da parte dei servizi sociali o delle forze dell ordine di situazioni di rischio per il minore derivanti dalla conflittualità tra i genitori) - Convocazione dei genitori da parte del Giudice OPPURE E/O UNITAMENTE - Richiesta del Giudice ai servizi sociali, competenti per territorio, di effettuare una indagine psico-sociale (per avere un quadro ed una valutazione della situazione) OPPURE E/O UNITAMENTE - Richiesta di Consulenza tecnica d Ufficio (C.T.U.), affidata ad un professionista scelto dal Giudice, per la valutazione psicologica dei soggetti coinvolti nel conflitto sotto il profilo individuale e relazionale.il Giudice ricorre alla consulenza quando ritiene di non avere elementi sufficienti per decidere e necessita di una valutazione specialistica per comprendere quali siano le scelte da compiere per tutelare il minore. - Convocazione dei genitori da parte del Giudice: colloqui individuali e collegiali con entrambi - Riunione in Camera di Consiglio dei collegio giudicante (quattro giudici: un presidente, un giudice, un giudice onorario donna ed un giudice onorario uomo) - Emissione del Decreto, recante le indicazioni che i genitori devono seguire (prescrizioni) in merito all affidamento e alla gestione dei figli, oltre a eventuali indicazioni per i Servizi Sociali coinvolti (interventi di sostegno o di terapia da attivare) 14

16 Posso gestire da solo la separazione o il divorzio? La procedura presso il Tribunale di Bergamo prevede che Il procedimento di separazione consensuale possa essere attuato direttamene dai coniugi anche senza l assistenza di un legale, richiedendo il modulo per la domanda di separazione alla Cancelleria del Tribunale ove uno o l'altro coniuge hanno la residenza o il domicilio. Eventualmente per la definizione delle condizioni di separazione i genitori possono avvalersi di un mediatore familiare (vedi oltre). L assistenza legale può essere sempre attivata dai coniugi qualora lo ritenessero opportuno. Nel caso di separazione giudiziale, essendo una causa che un coniuge intenta all altro, è necessaria la presenza di un avvocato difensore per entrambe le parti in causa. Posso evitare di rivolgermi al Tribunale e al giudice? Per la separazione e il divorzio si deve necessariamente ricorrere al Tribunale. Quanto mi costa separarmi o divorziare? Il costo varia molto a seconda di vari fattori (tipo di separazione/divorzio, numero di incontri con avvocati, numero di udienze in tribunale ecc ). Come considerazione generale si può dire che più breve è l iter legale, minore è il costo. Per abbreviare tale iter possono essere utili interventi tesi a riattivare modalità comunicative e possibilità di collaborazione, facilitando le opportunità di accordo, quali ad esempio la mediazione familiare (vedi oltre). 15

17 Quanto costa il divorzio La quantificazione è molto difficile e varia da caso a caso. Dipende dalla quantità di attività svolta dal legale, la quale a sua volta dipende dalla difficoltà del contenzioso e dalla conflittualità dei coniugi. A titolo esemplificativo riportiamo le voci di costo: - diritti e onorari di avvocato - spese generali su onorari e diritti - parcelle dei professionisti chiamati in qualità di esperti - grado di giudizio (le cause davanti a Corte d appello o Cassazione costano più di quelle in primo grado) - numero di udienze alle quali partecipa il legale - il valore dei beni oggetto di trasferimento (per ogni atto di trasferimento si deve ricorrere al notaio) Se la coppia ha un reddito imponibile fino a annuo, non paga nulla per la separazione o per il divorzio (si attiva il patrocinio a spese dello Stato). Per richiederlo ci si deve rivolgere al Consiglio dell Ordine degli avvocati (vedi recapiti nella sezione Indirizzi utili) Quali figure professionali possono aiutarmi in questa situazione? Nella separazione possono essere d aiuto due professionisti: - l avvocato, per curare gli interessi di uno dei coniugi in una separazione giudiziale o per valutare la correttezza degli accordi a cui i coniugi sono giunti autonomamente (separazione consensuale) - il mediatore familiare, per aiutare i genitori a gestire un confronto utile alla definizione di accordi che tengano in debito conto le esigenze loro e dei loro figli. 16

18 Dove posso trovare un mediatore esperto? Presso il Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo (recapiti nella pagina Indirizzi utili) viene svolta l attività di mediazione familiare sin dal I mediatori sono molto esperti, di elevata professionalità ed in costante aggiornamento. Possono accedere al servizio tutti i cittadini di Bergamo e provincia, senza alcun costo in quanto il Centro fa parte dell ASL di Bergamo. Cosa fa il mediatore familiare? Il mediatore familiare interviene su richiesta dei genitori per aiutarli gestire le difficoltà associate alla riorganizzazione, logistica ma anche e soprattutto emotiva, conseguente ad una separazione. Queste difficoltà spesso sfociano in scontri e forti litigi che non consentono ai genitori di risolvere le questioni legate alla gestione dei figli (educazione, istruzione, salute, mantenimento, tempo libero, frequentazioni, organizzazione della presenza di ciascuno accanto ai figli) e alle loro difficoltà conseguenti alla separazione. Il mediatore fornisce una spazio assolutamente riservato e indipendente dall ambito giudiziario, in cui i genitori si confrontano potendo contare sull aiuto di un professionista imparziale che non ha nessun compito valutativo o di giudizio, ma offre le sue competenze tecniche per facilitare la comunicazione, il confronto aperto e sincero, finalizzato alla gestione o alla soluzione delle difficoltà presenti in quella famiglia. Insieme si fanno scelte, si pensano soluzioni, si prendono accordi in modo che siano i genitori stessi in prima persona ad elaborare un programma di separazione soddisfacente per loro e per i figli in cui potere esercitare la comune responsabilità di genitori. Il mediatore, per garantire la massima riservatezza, non relaziona ne comunica ad alcuno circa i contenuti dell intervento. 17

19 Come si svolge un intervento di mediazione familiare? Il mediatore familiare, in una serie limitata di incontri (da 10 a 12), facilita la comunicazione tra padre e madre per trovare soluzioni realistiche e stabilire accordi condivisi e duraturi che consentano ai figli di vivere serenamente e a padre e madre di svolgere responsabilmente il comune compito di genitori. Gli accordi sono negoziati e definiti da entrambi i genitori e non imposti da terze persone; hanno dunque maggiori possibilità di essere rispettati. La mediazione familiare è riservata, protetta dal segreto professionale e autonoma dall'iter legale. I colloqui sono rivolti ai soli genitori. I bambini non partecipano: per loro lavorano i grandi. Quali risultati posso raggiungere in mediazione? In mediazione si possono definire degli accordi sulla gestione dei figli (educazione, istruzione, salute, mantenimento, tempo libero, frequentazioni, organizzazione della presenza di ciascuno accanto ai figli) e su altri temi oggetto di disaccordo. Tali accordi possono poi essere portati dai genitori in Tribunale, come parte delle condizioni di separazione. Cosa distingue il mediatore dall avvocato? Il mediatore è un tecnico delle comunicazione e della gestione del conflitto, in particolar modo delle sue componenti emotive. Egli non cura gli interessi di uno dei due genitori: è lì per aiutare entrambi a gestire una delicata fase della loro vita, facilitando il confronto e il dialogo per evitare che arrivino a sovraccaricare i loro figli di compiti e responsabilità non loro. Inoltre non ha competenze legali e non è in nessun modo legato all azione del giudice. 18

20 Quali altre figure professionali, enti o agenzie (pubbliche o private) intervengono in una separazione? Possono intervenire: - i servizi sociali competenti per territorio (quelli che operano nel territorio di residenza della famiglia); tali servizi possono far capo al Comune o alla ASL (vedi sezione Indirizzi utili) - il Consulente Tecnico d Ufficio (C.T.U.) - il Consulente Tecnico di Parte (C.T.P.) - altri professionisti che il Giudice o i servizi ritengono di consultare per approfondimenti mirati Quando intervengono i servizi sociali e come operano? I servizi sociali intervengono: - su richiesta del Giudice, per una valutazione della situazione in atto (persone, relazioni, ambienti di vita) - su richiesta di uno dei due genitori, preoccupato per una potenziale situazione di rischio per i propri figli - su richiesta di persone che hanno informazioni di situazioni di potenziale rischio per un minore (forze dell ordine, insegnanti, professionisti a contatto col minore, semplici cittadini) Una volta attivati i servizi attuano una indagine psico-sociale, cioè una approfondita valutazione delle caratteristiche personali e relazionali delle persone coinvolte, attraverso: - colloqui con i genitori (individuali e di coppia) sia informativi che di analisi psicodiagnostica - colloqui informativi con tutte le figure che a vario titolo ruotano intorno alla famiglia interessata (parenti, insegnanti, vicini ) - visite domiciliari, per una valutazione del contesto di vita del minore e della sua famiglia Le indicazioni fornite dai servizi sociali servono a fornire un quadro per valutare la necessità dell intervento della magistratura (Civile, Penale o Minorile) oppure per dare alla magistratura, che le aveva richieste, le informazioni necessarie alla definizione di un giudizio. L azione dei servizi può continuare anche dopo il giudizio con consulenza e sostegno. 19

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Separati... ma in accordo

Separati... ma in accordo on MEDIAZIONE FAMILIARE Separati... ma in accordo azioni cordare familiarealfid 3528 28 comunitavaldinon.tn.it comunitavaldinon.tn.it Sole itavalledisole.tn.it ie A.L.F.I.D - TRENTO* Viale S.Francesco

Dettagli

SEGNI DA COGLIERE, ARGINE DA EDIFICARE, FUTURI DA COSTRUIRE I MINORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA LEGITTIMA E DI FATTO

SEGNI DA COGLIERE, ARGINE DA EDIFICARE, FUTURI DA COSTRUIRE I MINORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA LEGITTIMA E DI FATTO SEGNI DA COGLIERE, ARGINE DA EDIFICARE, FUTURI DA COSTRUIRE I MINORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA LEGITTIMA E DI FATTO Avv. Claudio Bossi Avv. Elena Buscaglia Bambino Armato e disarmato in una foto Senza

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Il c.d. divorzio breve. d.l. 12.09.2014 n. 132

Il c.d. divorzio breve. d.l. 12.09.2014 n. 132 Il c.d. divorzio breve d.l. 12.09.2014 n. 132 Introduzione Con il decreto-legge n. 132 del 12 settembre 2014 recante "Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO Commento al decreto legge 132/2014 convertito dalla legge 162/2014. Formule ed esempi operativi a cura di DIEGO PISELLI www.impresa-societa.com PARTE PRIMA. INTRODUZIONE

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli