PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2012-2013"

Transcript

1 M i n i s t e r o d e l l i s t r u z i o n e, d e l l u n i v e r s i t à e d e l l a r i c e r c a Istituto Comprensivo Statale Giovanni Pascoli Via Rasori n Milano Telefono Fax Codice Meccanografico: MIIC8CE00A Codice Fiscale IBAN: IT51P X Scuola secondaria I Via A. Mauri, 10 - Tel Scuola Primaria Via F.lli Ruffini, 4/6 - Tel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Approvato con deliberazione del Collegio dei docenti nella seduta del 27 settembre 2012

2 Adottato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 04 ottobre 2012 INDICE CAP I COMPOSIZIONE ISTITUTO Sedi e riferimenti Pag. 3 Nota di presentazione Pag. 4 Contatti e relazioni Pag. 4 Scuola famiglia CAP II PRINCIPI GENERALI Premessa Pag. 5 Linee di indirizzo del POF Pag. 5 Finalità Pag. 6 CAP III TEMPO SCUOLA Calendario scolastico annuale Pag. 8 Orario scolastico scuola primaria Pag. 10 Orario scolastico scuola secondaria primo grado sede Mauri Pag. 11 CAP IV CAP V LE RISORSE Risorse umane: i soggetti impegnati nell attuazione del pof Pag. 12 Risorse materiali : le strutture Pag. 16 Risorse finanziarie: i documenti del programma annuale Pag. 17 PROGETTO SCUOLA Piano pedagogico didattico Pag. 18 Soggetti responsabili dei processi formativi: le equipes Pag. pedagogiche 20 Programmazione delle attività didattiche Pag. 21 Valutazione degli studenti Pag. 23 CAP VI PROGETTI Premessa Pag. 30 Piano delle azioni progettuali Pag. 32 Attività Pag 33 CAP VII PIANO DI FORMAZIONE DEL PERSONALE Pag. 36 2

3 CAP. I - SEDI E RIFERIMENTI SCUOLA PRIMARIA GIOVANNI PASCOLI via Rasori, Milano (Zona 7 MM Pagano ) tel Fax Sede della segreteria centrale e dell Ufficio del Dirigente Collaboratori del dirigente: MILENA PISCOZZO (con funzioni di vicario) e DIANA ZERBINI Responsabile di plesso: Lorella Gioffredi Scuola Primaria di via Ruffini, 4/ Milano (Zona 1 MM Conciliazione - Cadorna) tel Fax Responsabili del Plesso : Ester Santilli e Antonella Berger Scuola secondaria di primo grado Achille Mauri, via Angelo Mauri, Milano (Zona 7 MM Pagano) Tel fax oppure Responsabile di plesso: Faraci Giuseppina DIRIGENTE SCOLASTICO (DS): Prof. Giovanna Croci DIRETTORE SERVIZI GENERALI AMMIINISTRATIVI: Dott.ssa M. Rosaria Margiotta SCUOLA PRIMARIA DI VIA RASORI CLASSI: 24 ALUNNI: 508 SCUOLA PRIMARIA DI VIA RUFFINI CLASSI: 19 ALUNNI: 371 SCUOLA SECONDARIA 1 grado MAURI CLASSI: 19 ALUNNI: 436 TOTALE CLASSI: 64 TOTALE DOCENTI: 130 TOTALE ALUNNI:

4 NOTA DI PRESENTAZIONE L Istituto Comprensivo Statale Giovanni Pascoli nasce il primo settembre 2000 in seguito alla fusione del Circolo Didattico Giovanni Pascoli, costituito dalle due scuole elementari di via Rasori e di Via Ruffini, e la Scuola Media Statale Achille Mauri in via Angelo Mauri,10 con la sua sezione staccata presso casa di Nazareth, in Via Salerio 51. Insiste su una zona ad alta densità abitativa e commerciale, vicina al centro della città. Gode anche del servizio di numerosi centri pubblici: Musei: Museo Archeologico, Museo della Scienza e della Tecnica, Museo della Scala e Cenacolo Biblioteche e punti di prestito: piazza De Angeli 7, Bibliobus il lunedì dalle 9.30 alle 12 in via Livigno, Biblioteca Montetordo. Cinema e Teatri: Teatro Nazionale, Teatro Litta, Cinema Gloria, Cinema San Carlo, Cinema Ducale, Cinema Ariosto. Centri Sportivi: Lido, Palalido, Palauno, Arena Civica, Campo XXV Aprile, Campo Kennedy, Washington, Piscina Solari, Centro sportivo Savonarola in via Giovanni da Procida. ASL, CPBA: via Castelvetro 29, via Sanzio 9; Consultorio per adolescenti (spazio giovani): Centro Ausiliario Minori, via Leopardi 18. Centri di aggregazione giovanile e assistenza scolastica pomeridiana presso gli oratori della zona. Nel territorio sono presenti anche alcune scuole superiori: Licei Classici Beccaria, Tito Livio e Manzoni, Licei Scientifici Vittorio Veneto, Severi e Vittorini, Licei Artistici Boccioni e di via S. Marta, Liceo Socio-psico-pedagogico Tenca, Istituto Tecnico Moreschi, Istituti Professionali per il Commercio Cavalieri e Marignoni, Istituto Professionale Regionale Cova. E' possibile anche far riferimento alle scuole del centro di Milano, tutte facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici. 1. CONTATTI E RELAZIONI L Ufficio del Dirigente scolastico e l Ufficio di Segreteria dell Istituto si trovano nella sede di Via Rasori,19. Il Dirigente scolastico e il Direttore dei servizi amministrativi ricevono ogni giorno su appuntamento ORARIO SPORTELLI SEGRETERIA AREA DIDATTICA > dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.40 alle ore 9.40 Lunedì-Mercoledì-Giovedì anche dalle ore alle ore AREA PERSONALE DOCENTE ATA > Lunedì-Martedì-Venerdì dalle alle SCUOLA FAMIGLIA Ai fini del dialogo, del confronto, dell informazione, della comunicazione sul percorso formativo degli alunni e sull attività scolastica, la scuola realizza riunioni di classe, comunicazioni attraverso diario o gli altri strumenti predisposti dalla scuola (griglie, moduli, fogli informativi), l , colloqui individuali ad inizio anno e in occasione della consegna dei documenti di valutazione I docenti di scuola primaria ricevono i genitori mensilmente (primo giovedì di ogni mese) su appuntamento o su convocazione I docenti della scuola secondaria ricevono i genitori settimanalmente, previo appuntamento o su convocazione SCUOLA TERRITORIO I rapporti con il territorio sono improntati alla collaborazione e reciproca valorizzazione delle risorse umane e materiali, così da rendere la scuola polo di iniziative culturali, di manifestazioni educative e 4

5 sportive, oltreché di informazioni e interventi comuni rivolti al miglioramento del benessere dell utenza e della buona operatività dei servizi in generale 1. PREMESSA CAP. II PRINCIPI GENERALI - Il POF (Piano dell Offerta Formativa) è, insieme, il punto di partenza e il punto di arrivo di un lungo e complesso processo formativo che vede coinvolte, a vari livelli, tutte le componenti della scuola, con consapevole corresponsabilità - E processo di collegialità - Concorre alla definizione di una mappa di valori comuni che promuovono l adesione e l impegno dell intera comunità scolastica attorno alle azioni intraprese e da intraprendere - Esprime la specifica cultura che caratterizza il nostro Istituto esplicitando le scelte culturali, organizzative e gestionali - E il PROGETTO di SCUOLA per eccellenza, che si attua per mezzo di sistematiche e po(i)etiche formalizzazioni della multiforme e molteplice identità che l Istituto andrà formando e ri-formando, attraverso il suo agire, il suo pensare, il suo pensarsi, il suo esprimersi - E il documento che legittima tutte le scelte organizzative, amministrative e finanziarie 2. LINEE DI INDIRIZZO DEL POF Il pof è strumento di - interpretazione alta (etica, estetica, culturale, pedagogica, scientifica ) dei processi di cambiamento della scuola e dei modi della loro implementazione - qualificazione dei processi didattici, metodologici, organizzativi orientati alla costruzione di un SIGNIFICATIVO AMBIENTE DI APPRENDIMENTO - formazione di capacità utili a costruire una buona ambientazione didattica (con una adeguata combinazione di tempi, spazi, procedure, tecnologie, soggetti) che aiuti gli studenti (e gli adulti) a incontrare i saperi e a sviluppare atteggiamenti, abilità, capacità, competenze, linguaggi, emozioni, relazioni - ampliamento dell offerta formativa adattata alle istanze del territorio e alla domanda delle famiglie raccolta, interpretata, integrata dalla scuola - sviluppo dell autonomia organizzativa e didattica connessa con i compiti formativi della scuola - sviluppo e documentazione di un disegno curricolare e organizzativo relativamente stabile e unitario - esplicitazione della propria produttività culturale 5

6 il pof è luogo (reale e simbolico) della pensabilità dell Istituto, della ricerca dell unitarietà, della verifica della coerenza, della formazione condivisa del senso dell agire educativo e luogo di partenza, di dimora e di arrivo di ogni percorso Al centro del POF ci sono - Il bambino-studente e la nostra idea di bambino-studente - Il docente e la nostra idea della sua funzione e le modalità di esercizio della stessa - La scuola e la nostra idea di scuola - Le Famiglie il loro contributo di cultura e di collaborazione 3. FINALITA Il pof è stato elaborato tenendo conto dei bisogni e delle proposte rilevati nell ambito della valutazione dei Piani degli anni trascorsi, delle nuove disposizioni di legge, del nostro sforzo interpretativo al riguardo, del nostro impegno a far dialogare intelligentemente una quantità notevole di istanze spesso fra loro contraddittorie Nello specifico, si è cercato di: - dare continuità, approfondimento, ampliamento, valore e senso, visibilità e fondazione alle esperienze didattiche e organizzative già intraprese negli anni (valorizzare la memoria storica dell istituto), integrarle con le disposizioni ministeriali in modo consapevole e contestualizzato - dare spessore e cultura e trasparenza al progetto curricolare, intendendo per curricolo una mappa di saperi e di contenuti disciplinari e trasversali, la definizione di obiettivi specifici descritti per competenze, abilità e conoscenze e un repertorio di metodi che li trasformano in percorsi di studio personalizzati e in esperienze formative. Tale finalità viene perseguita attraverso la elaborazione del curricolo di istituto che, a partire dall analisi dei documenti di programmazione didattica - verifiche comuni e da approfondimenti culturali, espliciti i traguardi degli apprendimenti delle discipline, i criteri di valutazione del raggiungimento degli obiettivi e di attribuzione dei giudizi - promuovere e sostenere azioni di continuità e orientamento - migliorare l uso delle risorse di tempo, spazio, strumenti, competenze, opportunità - sostenere la ricerca e la sperimentazione didattica e organizzativa - formare una cultura dell autonomia come cultura della responsabilità, della autovalutazione, della gestione organizzativa e dinamica delle risorse - sostenere-potenziare l uso delle nuove tecnologie in didattica e nell esercizio della professione docente e amministrativa - offrire un piano di formazione del personale che consenta la personalizzazione dei percorsi, la formazione e la valorizzazione delle competenze, la ricaduta sull istituzione - promuovere reciproca consapevolezza e cura del rapporto scuola-famiglia 6

7 - curare il coordinamento e la tessitura delle vicende scolastiche e formative Il POF dell istituto è caratterizzato da due movimenti alla ricerca di una progressiva e reciproca armonia Il primo movimento riguarda la descrizione e la realizzazione delle ATTIVITA FORMATIVE (l organizzazione del tempo scuola, i progetti, i laboratori, le attività opzionali e facoltative, i curricoli ) Il secondo movimento, che attiene al piano attuativo del pof e al quale partecipano tutti a diverso titolo, vede impegnata la scuola in attività di RIFLESSIONE E di RICERCA DEL SIGNIFICATO DELL AGIRE FORMATIVO e della sua tenuta, anche in funzione della costruzione di una identità culturale di istituto 7

8 CAP III - TEMPO SCUOLA CALENDARIO SCOLASTICO 2012/13 Inizio lezioni: 12 settembre 2012 Termine lezioni: Sabato 8 giugno 2013 Termine primo quadrimestre: 31 gennaio 2013 PERIODI DI SOSPENSIONE DELL'ATTIVITÀ DIDATTICA CALENDARIO NAZIONALE, CALENDARIO REGIONALE E DELIBERA CONSIGLIO DI ISTITUTO TUTTI I SANTI giovedì 1 e venerdì 2 novembre SANT AMBROGIO E IMMACOLATA CONCEZIONE venerdì 7 e sabato 8 dicembre VACANZE DI NATALE da sabato 22 dicembre 2012 a sabato 5 gennaio 2013 CARNEVALE AMBROSIANO giovedì 14 e venerdì 15 febbraio VACANZE DI PASQUA da giovedì 28 marzo a mercoledì 3 aprile FESTA DELLA LIBERAZIONE giovedì 25 e venerdì 26 aprile FESTA DEL 1 MAGGIO mercoledì 1 maggio FESTA DELLA REPUBBLICA domenica 2 giugno ADATTAMENTO CALENDARIO SCOLASTICO SCUOLE PRIMARIE RASORI E RUFFINI Sospensione dell attività didattica nei giorni: VENERDÌ 7 DICEMBRE 2012 GIOVEDI FEBBRAIO 2013 (CARNEVALE AMBROSIANO) Totale 204 gg. di lezione 8

9 1. ORARIO SCOLASTICO SCUOLA PRIMARIA Il servizio scolastico nelle scuole di Via Rasori e di via Ruffini si svolge su cinque giorni settimanali da lunedì a venerdì secondo i seguenti due modelli di articolazione del tempo scuola Modello A (modulo) 27 ore di attività didattica obbligatoria + 2 ore di attività di mensa e dopo mensa (frequenza facoltativa) Giorni Orario antimeridiano Mensa/postmensa ORARIO POMERIDIANO Lun Mar Mer Gio Ven n. 2 pomeriggi settimanali Modello B (tempo pieno) 40 ore 30 ore di attività didattica + 10 ore di attività di mensa e dopo mensa (frequenza facoltativa) Giorni Orario antimeridiano Mensa-postmensa ORARIO POMERIDIANO Lun Mar Mer Gio Ven ARTICOLAZIONE SETTIMANALE DELLE DISCIPLINE DELLA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA Numero ore settimanali Religione/Alternativa 2 Italiano 6/7 Storia/Geografia 3/4 1 (classe I) Inglese 2 (II) 3 (III-IV-V) Matematica 5 Scienze 2 Tecnologia/informatica 1/2 Arte e immagine 2 Musica 2 Scienze motorie e sportive 2 totale ORE classi tempo pieno L attività didattica è riferita all intero curricolo, realizzato su diversa articolazione del tempo settimanale, comprensivo anche del tempo dedicato alla mensa e al postmensa 9

10 Nota: l orario settimanale è indicativo/orientativo L orario dell attività didattica infatti è articolato su orario annuale (v. D.Lgs. n. 59/04 e decreto ministeriale 31 luglio 2007) 3. ORARIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MAURI Il tempo scuola è articolato su cinque giorni settimanali da lunedì a venerdì ed é organizzato in spazi-orario di 60 ciascuno, tranne due spazi di 55'. Le attività educative e didattiche programmate ai sensi dell art. 5 del DPR 89/09 si svolgono in orario antimeridiano dalle ore 8.00 alle ore Il monte ore annuale è di 990 ore pari a 204 giorni, includendo le due mattinate di scuola aperta previste nei giorni di: sabato 15 dicembre 2012 sabato 18 maggio 2013 considerate di frequenza obbligatoria per tutte le classi. PROSPETTO ORARIO settimanale SPAZIO ORARIO Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì X X X X X X X X X X Interv 5 Interv 5 Interv 5 Interv 5 Interv X X X X X X X X X X Interv 10 Interv 10 Interv 10 Interv 10 Interv X X X X X X X X X X DISCIPLINE E LORO ARTICOLAZIONE ORARIA SETTIMANALE DISCIPLINA ORE Religione/Alternativa 1 Italiano 5+1 Storia ed educazione alla cittad. /Geografia 4 Inglese 3 Francese 2 Matematica/Scienze 6 Tecnologia/informatica 2 Arte e immagine 2 Musica 2 Scienze motorie e sportive 2 TOTALE 30 10

11 All'interno delle ore curricolari si svolgono anche attività di laboratorio, di recupero, di potenziamento e sviluppo con interventi diversi, programmati dalle equipe pedagogiche. Per tutte le classi: Attività sportiva (corsi di Basket e Pallavolo) in convenzione con la polisportiva San Carlo il lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle alle oppure dalle alle Nel corso dell anno, sia in orario curricolare che in orario aggiuntivo facoltativo, vengono realizzati moduli didattici integrativi di attività di recupero e/o potenziamento didattico, programmati e attuati in base agli esiti delle osservazioni sull andamento scolastico delle classi. CAP IV - LE RISORSE 1. RISORSE UMANE: I SOGGETTI IMPEGNATI NELL ATTUAZIONE DEL POF a) FUNZIONIGRAMMA b) I DOCENTI La maggioranza dei docenti che operano nell Istituto Comprensivo è di ruolo e stabile da parecchi anni. In particolare: Scuola primaria Rasori e Ruffini: l organico funzionale è costituito da 66 docenti di posto comune, 2 docenti utilizzati per l insegnamento della lingua inglese, 4 docenti specialisti dell insegnamento della religione cattolica, 7 docenti specialisti di sostegno a tempo pieno e/o part-time. Operano in parziale esonero dall insegnamento un docente, fornito dei titoli specifici, con incarico di operatore psico-pedagogico. La sua azione è mirata alla promozione del successo scolastico, all integrazione degli alunni in situazione di handicap, all aiuto agli alunni che esprimano disagio o difficoltà, su richiesta e indicazione delle famiglie o dei docenti; a facilitare i rapporti tra scuola e 11

12 famiglia avvalendosi della collaborazione dei servizi specialistici e ospedalieri del territorio, alla cura dei contatti anche con specialisti privati, al raccordo scolastico Scuola secondaria Mauri: dei 43 docenti (di cui 5 di sostegno e 1 di religione) che lavorano nella sede la maggior parte è di ruolo con titolarità della cattedra presso l Istituto. c) STAFF DI DIREZIONE Nel Comprensivo opera lo Staff di Direzione con il compito di collaborare con il Dirigente Scolastico nella gestione degli aspetti organizzativi dell Istituto In particolare: - Il docente collaboratore vicario del DS, con esonero parziale dall insegnamento, con l incarico di sostituzione del DS in caso di assenza o impedimento (Milena Piscozzo). - Il docente collaboratore del DS, con esonero parziale, con incarico di coordinamento(diana Zerbini) - Il docente referente del plesso Mauri, responsabile del coordinamento organizzativo e delle risorse (Giuseppina Faraci) - Il docente referente del plesso Rasori, responsabile del coordinamento organizzativo e delle risorse (Lorella Gioffredi) - I docenti referenti del plesso Ruffini, responsabili del coordinamento organizzativo e delle risorse (Ester Santilli e Antonella Berger) - A seconda degli argomenti ne fanno parte anche i docenti con incarico di funzione strumentale d) DOCENTI CON INCARICO DI FUNZIONE STRUMENTALE Il Collegio Docenti ha designato dieci docenti per lo svolgimento di attività funzionali all attuazione del pof relativamente alle aree e agli obiettivi di seguito illustrati AREE DI INTERVENTO AREA1 - SUPPORTO POF 1. POF coordinamento progettazione Mauri (1) 2. POF documentazione (1) Area 2 - AREA DOCENTI 1. Nuove tecnologie (3) Area 3 - AREA ALUNNI 1. Integrazione handicap (1+ progetto) 2. Integrazione svantaggio (1+ progetto) 3. Integrazione stranieri (3) DOCENTI DESIGNATI E MANDATO AREA 1 1. POF coordinamento progettazione Mauri (Di Veroli) Coordinamento attività del Piano dell OF Mauri e loro valutazione Monitoraggio progetti d Istituto Aggiornamento documento POF cartaceo e multimediale 2. POF documentazione (Rossi-D angelo) aggiornamento archivio fruibile, migliorare strumenti e procedure, adattare proposte formative al contesto Gestione archivio istituzionale area curricolo/valutazione (programmazioni annuali, prove di verifica quadrimestrali comuni, griglie per valutazione percorso formativo, registro elettronico, schede di valutazione) Allestimento, coordinamento, referenza 12

13 Produzione di sintesi ragionate dei materiali raccolti, produzione mappe informative, modulistica ad hoc AREA 2 1. Nuove tecnologie ( Sanseverino Piacitelli - Ghezzi - Parotti) Referente (interni-esterni) Rilevazione bisogni istituto - programmazione attuazione interventi Promozione - attuazione percorsi di aggiornamento personale Programmazione delle attività e loro coordinamento e monitoraggio (anche allestimento spazi, cura documentazione, gestione risorse materiali e umane) Coordinamento dell utilizzo delle ICT Consulenza docenti studenti Produzione materiali didattici Manutenzione laboratorio e strumenti di plesso Formazione personale interno AREA 3 1. Integrazione H e Alunni con disturbi specifici di apprendimento (Conoscente Progetto Psicopedagogico) Coordinamento GLHI Programmazione-coordinamento attività per alunni dislessici Redazione e cura attuazione progetto PA Referenza (allestimento spazi, cura documentazione, gestione risorse materiali e umane) Programmazione monitoraggio attività di istituto Raccordo territorio Consulenza docenti e famiglie Cura attività formative Coordinamento con CdC e CdI Responsabile documentazione PEI 2. Integrazione Svantaggio (Traversone, Lagomarsini Progetto Psicopedagogico) Rilevazione bisogni difficoltà apprendimento-problemi relazionali e di integrazione Raccordo consigli di classe/interclasse (individuazione situazioni, programmazione interventi, predisposizione/attuazione PSP, monitoraggio attività, consulenza, supporto ) Referente (interni-esterni) Programmazione-coordinamento delle attività di istituto e loro monitoraggio (anche allestimento spazi, documentazione, gestione risorse materiali e umane, formazione del personale, raccolta dati ) Redazione cura dell attuazione del progetto (PA) Raccordo territorio Consulenza docenti e famiglie gruppi di lavoro interni 2.Integrazione Stranieri (Chiaramonti Riso Reale F.) Referente (interni-esterni) Aggiornamento anagrafe scolastica stranieri Rilevazione bisogni istituto, Raccordo consigli di classe interclasse (individuazione situazioni, programmaz/attuazione interventi, monitoraggio attività, consulenza, supporto ) Rilevazione situazioni di partenza nuovi iscritti, progetto di inserimento Programmazione delle attività e loro coordinamento e monitoraggio (anche allestimento spazi, raccolta produzione documentazione, gestione risorse materiali e umane, formazione del personale) Redazione cura dell attuazione del progetto (PA) Raccordo territorio Consulenza docenti e famiglie 13

14 e) COLLABORATORI ESTERNI L istituto, nel corrente anno scolastico, intrattiene rapporti di collaborazione con i seguenti enti pubblici e privati, al fine di migliorare l offerta formativa dell istituto: Università Statale di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università Bicocca, per la realizzazione di percorsi di tirocinio rivolti a studenti della Scuola di Specializzazione per l insegnamento Secondario e Primario Cooperativa Spazio Aperto che opera in convenzione per la prestazione d opera di assistenza socio-educativa con Educatori specializzati nel servizio di integrazione scolastica di alunni diversamente abili (referenti: Conoscente, Varani, Vitale) Pinacoteca di Brera, per attuazione progetti didattici e formazione personale in regime di convenzione (referente Piacitelli) Rete Birba (rete civica delle biblioteche scolastiche) INDIRE, per realizzare progetto Comenius, formazione neoassunti, formazione docenti lingua inglese primaria, GOLD esperienze didattiche) Comune di Milano per attuazione azioni comuni di gestione del servizio di refezione scolastica per la scuola primaria, per attuazione servizio prescuola,, per sostegno alla programmazione degli interventi a favore degli alunni in situazione di handicap, svantaggio e programmazione educativa per attuazione progetti quali: Scuola Natura, A scuola in tram; ASL per attuazione progetto stare bene a scuola Provincia di Milano per attività di approfondimento disciplinare Trinity per il conseguimento, da parte degli alunni, della certificazione del livello di conoscenza della lingua inglese Corpo di Polizia municipale per il progetto di Educazione stradale Magistratura di Milano Questura di Milano Corpo delle guardie ecologiche di Milano che realizzano percorsi di educazione ambientale in città in alcune classi della scuola primaria Polisportiva San Carlo che realizza corsi sportivi pomeridiani di pallavolo e pallacanestro per gli studenti della scuola Mauri, in regime di convenzione con l istituto Specialisti esterni assunti con contratto di prestazione d opera occasionale per realizzare attività di giocosport e psicomotricità (primaria), attività di approfondimento-stimolo disciplinare specialistico (laboratori manuali, artistici, musicali, teatrali), esperti di madrelingua inglese e francese, attività di supporto alla programmazione individualizzata su casi, formazione del personale, consulenza per attività di tutela della sicurezza Istituti di scuola secondaria di 2 grado per attuazione di attività di orientamento scolastico destinate ai docenti delle classi terze Mauri e Nazareth In particolare: licei Beccaria, Severi, Bottoni, Moreschi. 2. RISORSE MATERIALI: LE STRUTTURE a) Scuola Primaria di Via Rasori La scuola fu costruita nel 1896 e successivamente più volte ristrutturata. Si trova al centro del quartiere. I locali refettorio sono a norma e hanno una capienza massima contemporanea di pasti sufficienti per 23 classi. Presso questa scuola è situato l ufficio di Direzione, l ufficio di Segreteria (con annesso locale archivio), la sala medica. La scuola è dotata di due cortili e di spazi adibiti ad attività particolari: - Biblioteca alla quale gli alunni possono accedere sia la mattina, sia il pomeriggio per consultare i libri o per prenderli in prestito 14

15 - Laboratorio di pittura - Aula per la psicomotricità - Aula per attività di sostegno didattico - Aula di intercultura - Laboratorio di informatica - Aula per attività di gruppo di inglese - Aula di manualità - Aula video, realizzata con la collaborazione dei genitori - Palestra - Sala medica Ogni laboratorio è presidiato da un docente responsabile che coordina l uso del locale e promuove progetti di utilizzo b) Scuola Primaria di Via Ruffini La scuola, costruita alla fine dell 800, è considerata edificio artistico. E in buono stato di conservazione e manutenzione. Attualmente accoglie19 classi. La scuola è dotata di cortile e di spazi adibiti ad attività particolari: - Biblioteca alla quale gli alunni possono accedere sia la mattina, sia il pomeriggio per consultare i libri o per prenderli in prestito anche per la prestazione volontaria dei genitori - Aula video dotata di televisore, videoregistratore, lavagna luminosa - Aula di pittura - Aula per la psicomotricità fornita di materiale strutturato - Aula per attività di sostegno - Laboratorio di scienze - Laboratorio di informatica - Laboratorio linguistico per l insegnamento delle lingue straniere in allestimento - Aula di musica - Due palestre: palestra Anna Resta e palestra primo piano - Piccolo spazio esterno per attività ludiche dei bambini di prima e seconda, - Sala medica Ogni laboratorio è presidiato da un docente responsabile che coordina l uso del locale e promuove progetti di utilizzo. c) Scuola Secondaria di primo grado Mauri L'edificio scolastico è costituito da tre corpi comunicanti; con la recente ristrutturazione la scuola, oltre ad aver migliorato il suo aspetto, ha acquisito maggiore funzionalità, grazie anche al recupero di alcuni spazi caduti in disuso. Le aule, molto luminose, sono distribuite su tre piani e servite da due scale; tra queste 21 sono utilizzate per accogliere gli alunni durante le lezioni, altre sono attrezzate con finalità speciali: - aula magna - aula di scienze con materiale didattico - aula di musica con pianoforte elettronico, strumenti a percussione e a corda, lettore CD e registratore - aula di lingue dotata di un televisore, videoregistratore, maxischermo, proiettore per diapositive, lavagna luminosa - laboratorio per attività di sostegno (aula arcobaleno) - 1 laboratorio di informatica, 2 aule LIM - laboratorio di pittura - laboratorio per attività manuali dotato di strumenti e materiale di consumo per la realizzazione di manufatti 15

16 - biblioteca a cui gli alunni possono accedere secondo un orario prestabilito, per consultare testi (orario indicato di anno in anno) catalogo on line - palestra - sala medica - saletta per i colloqui con i genitori La scuola è dotata inoltre di un ampio giardino di cui una parte attrezzata con impianti sportivi: un campo di basket/pallavolo, una mini-pista per atletica ed una per il salto in lungo. Esiste, inoltre, un ulteriore spazio attrezzato per attività sportive. Gli alunni che si recano a scuola in bicicletta hanno la possibilità di depositare il loro mezzo nell'apposita rastrelliera posta nel cortile. Ad ogni laboratorio è assegnato un docente responsabile che coordina l uso del locale. 3. RISORSE FINANZIARIE: DOCUMENTI DEL PROGRAMMA ANNUALE Relativamente alle risorse finanziarie, si rinvia ai seguenti documenti, depositati nell ufficio di segreteria: Programma finanziario annuale - esercizio 2011 Relazione del dirigente scolastico Relazione della giunta esecutiva Programma finanziario annuale - esercizio 2012 CAP. V - PROGETTO SCUOLA - una volta esplicitati senso e significato del Piano dell Offerta Formativa e le risorse di cui la scuola dispone, entriamo nello specifico del PROGETTO di SCUOLA 1. PIANO PEDAGOGICO-DIDATTICO Il processo didattico di insegnamento/apprendimento è processo finalizzato a risultati che vanno programmati e, successivamente, valutati E processo centrato sull OGGETTO dell apprendere ma anche sul SOGGETTO che apprende sul SOGGETTO che insegna sugli STRUMENTI usati su idee guida condivise Le seguenti: a) Sfondo Pedagogico Una buona relazione educativa è condizione primaria per apprendere L adulto competente è un adulto esemplare anche nelle relazioni tra pari (adulti) L ambiente - anche fisico - è importante per l apprendimento Le emozioni, l affettività, il corpo condizionano in modo determinante lo sviluppo cognitivo La mente umana è a più dimensioni L intelligenza uma si dà al plurale Si apprende meglio se si è consapevoli dei significati dell agire educativo L apprendimento è efficace quando si realizza radicandosi a esperienze cognitive e sociali pregresse Si apprende ANCHE in modo non lineare I MODI con i quali si porgono i contenuti dell apprendere sono determinanti per l apprendimento 16

17 I MODI con i quali si confermano o no le azioni degli alunni condizionano lo sviluppo apprenditivo L apprendimento VOLA se si lavora sulle aree prossimali di sviluppo (un po più in là, ma non troppo) b) Sfondo Metodologico Attenzione-ascolto-cura delle storie personali e dei contesti familiari Cura degli ambienti scolastici (estetica, stimoli) Controllo emotivo e della comunicazione TUTTA Promozione dell autostima (personalizzazione della relazione ) Differenziazione degli stimoli nel porgere i contenuti e loro personalizzazione Differenziazione delle strategie di studio-ricerca (anche lavori di gruppo) Partecipazione alla costruzione delle regole e controllo della loro osservanza Individualizzazione dell intervento formativo nelle situazioni di handicap e grave svantaggio. Differenziazione didattica esercitata in queste forme: Esercitazioni e lezioni in classe Lavori per gruppi all interno della classe Lavori per gruppi all interno dell interclasse Laboratori nelle classi o per gruppi di livello Attività di apprendimento in rete Attività individualizzata Realizzazione di progetti di innovazione didattica c) Articolazione delle Competenze del Curricolo Formativo Il curricolo formativo è realizzato per la formazione delle seguenti competenze COMPETENZE SOCIALI DI BASE --> si riferiscono alla possibilità autonoma di movimento negli spazi sociali e al sapersi relazionare positivamente con gli altri, al saper stare e lavorare in gruppo, all apprendere e rispettare regole in modo responsabile e consapevole COMPETENZE SPECIFICHE DISCIPLINARI O DI AMBITO --> si riferiscono alla padronanza della struttura concettuale e sintattica di ciascuna disciplina e alla capacità di utilizzarla per comprendere, indagare, descrivere, esplorare la realtà COMPETENZE TRASVERSALI A PIU DISCIPLINE O AMBITI --> si riferiscono a competenze transdisciplinari, cioè con apporti dall intero sistema disciplinare e dai campi metacognitivo, euristico ed estetico COMPETENZE METACOGNITIVE --> sono quelle che permettono al soggetto il controllo attivo e consapevole dei propri processi di apprendimento d) Obiettivi generali del processo educativo NELL IMPEGNO DELLA SCUOLA AUTONOMA SONO COSÌ SINTETIZZATI Valorizzare le esperienze degli studenti; Esplicitare idee e valori presenti nelle esperienze; Rafforzare IDENTITA, AUTONOMIA, COMPETENZE; Valorizzare la diversità delle persone e delle culture come ricchezza; Praticare l impegno personale e la solidarietà sociale. 17

18 NELL IMPEGNO QUOTIDIANO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO SONO COSÌ SINTETIZZATI contribuire alla costruzione dell identità personale e sociale, riconoscendo il proprio valore (coscienza di sé in quanto persona), i propri diritti e doveri (coscienza di sé in quanto cittadino), le proprie inclinazioni (orientamento) acquisire competenze sociali, disciplinari, trasversali, metacognitive affinare la sensibilità alle diversità e alle differenze educare alla cittadinanza e alla Costituzione NELL IMPEGNO DELL ISTITUZIONE SONO PERSEGUITI ATTRAVERSO LA CURA DI ALCUNE CONDIZIONI QUALI promozione di CLIMA RELAZIONALE POSITIVO ( Accoglienza, ascolto, valorizzazione delle individualità) attenzione ai LUOGHI come spazi esplorabili, trasformabili, riconfigurabili, progettabili, appropriabili da bambini e adulti, spazi come esiti di biografie formative, di storie vissute in comune, luoghi come spazi della mente dove gli alunni sanno di trovare un posto in cui abitare, tornare, crescere, sapere di essere pensati e amati, sapere di esistere, luoghi spazi di memoria formazione di VALORI di riferimento condivisi di cooperazione, di accoglienza (cittadinanza a soggetti, culture, esperienze personali, idee e loro integrazione collettiva) articolazione dei TEMPI come ricca e composita articolazione dell offerta formativa adozione di MODI, STRUMENTI E FORME: come differenziazione degli approcci didattici a partire dalle esperienze e conoscenze pregresse, dalle forme di aggregazione (formazione di gruppi di apprendimento, diversificazione degli stimoli e dei contesti per l apprendimento delle regole sociali) alla realizzazione di esperienze di diverso tipo (esplorative, virtuali, corporee ludiche, simboliche, cognitive, metacognitive, narrative, sociali) all utilizzo sistematico di strumenti di informazione-condivisione- socializzazione (mappa dei tempi, dei gruppi, regole della relazione, riconoscibilità degli ambienti, planning dei contenuti, esplicitazione delle finalità delle azioni proposte, costruzione di archivi di memoria) organizzazione dei SAPERI in funzione di 1. realizzazione della continuità del processo educativo 2. costruzione di percorsi educativi e didattici finalizzati alla acquisizione delle strumentalità di base e all alfabetizzazione culturale che punti alla formazione di competenze specifiche, trasversali e di cittadinanza 3. interconnessione formativa tra scuola- famiglia e territorio 4. piani di studio via via più personalizzati che tendano a realizzare pienamente il potenziale di ciascun alunno Vengono perseguiti attraverso tutte le attività della scuola, che si caratterizzano come: Attività curricolari (attività del curricolo obbligatorio) Attività di arricchimento del curricolo e di integrazione dell offerta formativa (didattica del territorio, progetti dell area arricchimento dell offerta formativa disciplinare)) Realizzazione di progetti di innovazione didattica Attività finalizzate al successo formativo e alla prevenzione del disagio Attività di intercultura finalizzate all integrazione degli alunni stranieri Attività finalizzate all integrazione degli alunni diversamente abili Attività di raccordo e orientamento scolastico Attività di ampliamento del curricolo Tutte le attività sono descritte nei documenti di programmazione, redatti a cura dei consigli di classe/interclasse SOGGETTI RESPONSABILI dei processi formativi: LE EQUIPES PEDAGOGICHE Nella scuola primaria: 18

19 l equipe pedagogica è costituita dal gruppo docenti che svolgono attività educative e didattiche nelle classi parallele, articolato per plesso o per istituto (consigli di interclasse) Ogni docente dell equipe svolge attività di insegnamento, laboratorio, assistenza alla mensa su programmazione della stessa equipe Ad ogni gruppo classe sono assegnati docenti titolari di ambiti disciplinari di base (italiano e matematica) e aggregazioni proposte dalle stesse equipe, il docente specialista di lingua inglese (qualora non vi sia insegnante specializzato), il docente di Religione Cattolica e, se necessario, i docenti di sostegno I docenti di classe costituiscono i team di lavoro, responsabili della valutazione periodica degli studenti Nella Scuola secondaria: l equipe pedagogica è costituita da tutti i docenti che svolgono attività didattiche ed educative nei diversi gruppi classe (consigli di classe) L equipe opera secondo i seguenti principi di riferimento: COLLEGIALITA = progettazione e condivisione del Progetto Educativo/Didattico CORRESPONSABILITA = assunzione collettiva delle responsabilità educative e didattiche. E attraverso le seguenti azioni Redazione e rispetto patto regolativo di equipe Condivisione degli obiettivi educativi Condivisione delle strategie generali e di caso Programmazione curricolo trasversale e integrativo Verifiche periodiche COMUNI (interclassi, materia) da proporre all ingresso, al termine del primo quadrimestre, finali Comuni criteri di valutazione Collegiale espressione dei giudizi Individuazione di criteri comuni di valutazione del comportamento Educazione convivenza civile Accordo su comunicazioni alle famiglie All interno di ogni equipe pedagogica il Dirigente Scolastico individua un docente cui viene dato il compito di coordinare le attività e le riunioni dell equipe pedagogica 3. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE La Programmazione si pone al crocevia metodologico tra le istanze pedagogiche più avanzate che vengono poste alla scuola: quella dell'uguaglianza delle opportunità formative, quella della qualità dell'istruzione, quella della valorizzazione delle diversità culturali e delle potenzialità individuali. I principi metodologici che caratterizzano una prospettiva curricolare della programmazione e la legittimano sotto il profilo pedagogico e didattico sono : L'intenzionalità: finalizzata a promuovere l'intervento formativo, conferendogli direzioni e mete precise ed esplicite. La contestualizzazione:finalizzata a favorire il passaggio da una progettualità astratta ad uno stile progettuale "sperimentale", che tiene conto delle molteplici variabili che caratterizzano l utenza scolastica. La metodicità: finalizzata a fornire uno schema di concatenazione logica delle scelte da compiere in sede di progettazione degli itinerari formativi. La flessibilità:finalizzata a modificare i percorsi didattici programmati, adattandoli alle esigenze specifiche. 19

20 Entro il secondo mese dall inizio dell anno scolastico le equipe pedagogiche elaborano le programmazioni annuali disciplinari, che verificano in itinere durante incontri all uopo fissati Integrano le programmazioni didattiche annuali i Piani Educativi individualizzati (PEI), redatti per la pianificazione degli interventi destinati all integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap, i piani didattici personalizzati (PDP) per gli alunni con disturbi specifici dell apprendimento e i piani di studio personalizzati (PSP), elaborati per la migliore integrazione scolastica degli alunni con situazioni di svantaggio, segnalati dai consigli di classe e coordinati dai docenti referenti SOGGETTI responsabili : Le equipe pedagogiche (consigli di classe- team-consigli di interclasse) a diversi livelli TEMPI: in itinere nel corso di tutto l anno scolastico con verifica periodica al termine di ogni unità di apprendimento (e comunque almeno ogni due mesi) CONTENUTI: quadro attività/orari della classe, di ogni docente Programmazione educativa e organizzativa esplicitata attraverso la compilazione del patto regolativo Progetti Programmazione didattica annuale delle discipline, redatta secondo il seguente schema comune: competenze abilità (obiettivi specifici di apprendimento) conoscenze/contenuti (anch essi obiettivi specifici di apprendimento, quindi da esplicitare in modo sufficientemente preciso), standard (descrizione di livelli di prestazione prestabiliti, da utilizzare come riferimento per la valutazione), linee metodologiche e verifica periodica Piano delle attività di arricchimento/integrazione del curricolo Interventi di individualizzazione/personalizzazione Prove di verifica comuni Quadro di classe delle valutazioni periodica e finale Annotazioni specifiche in itinere degli alunni e verbalizzazione della valutazione degli alunni in casi particolari e rilevanti 20

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ALLEGATO 1. Art. 1. Oggetto del regolamento - finalità' e caratteri della valutazione

ALLEGATO 1. Art. 1. Oggetto del regolamento - finalità' e caratteri della valutazione ALLEGATO 1 La scuola analizza gli aspetti salienti del documento riguardante il Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori modalità' applicative in

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 L Istituto Comprensivo ha la sua sede in AZZANO SAN PAOLO Via Don Gonella, 4 Tel.: 035/530078 Fax: 035/530791 e-mail: BGIC82300D@istruzione.it sito internet : www.azzanoscuole.it I. C. - AZZANO S. PAOLO

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15

3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15 3 CIRCOLO DIDATTICO DI QUALIANO ( NA) PIANO DELLE ATTIVITA FUNZIONALI ALL INSEGNAMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Il presente Piano delle attività, proposto dal Dirigente

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016 Brescia 2015-2016 LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE definiscono nel POF le articolazioni del tempo-scuola le Famiglie potranno RICHIEDERE Uno dei modelli a richiesta IL TEMPO SCUOLA ORDINARIO 30 ORE SETTIMANALI

Dettagli

Benvenuti in prima media!

Benvenuti in prima media! ISTITUTO COMPRENSIVO SELVAZZANO II Scuola Secondaria I grado M. Cesarotti di Selvazzano & «L. Da Vinci» di Saccolongo Benvenuti in prima media! Corresponsabilità educativa Importanza della famiglia per

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it ISCRIZIONI a.s. 2015/16 Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it UGUAGLIANZA INCLUSIONE-ACCOGLIENZA BISOGNI EDUCATIVI STAR BENE CON SE E GLI ALTRI Il nostro istituto unisce infanzia, primaria

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO. Sintesi del Piano dell offerta formativa. Scuola Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REMEDELLO Sintesi del Piano dell offerta formativa Scuola Secondaria di Primo Grado ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDI ED INDIRIZZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L Istituto

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

www.iscrizioni.istruzione.it

www.iscrizioni.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO VITTORIO VENETO I DA PONTE SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Stadio, 5 31029 Vittorio Veneto (TV) Segreteria: tel. 0438/57587 fax 0438/53278 E-mail: TVIC859007@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO EccoCi Qua PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA Linee essenziali Valori, obiettivi e piano d azione IC TOMMASEO - SECONDARIA UNA SCELTA DI CONTINUITÀ La

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI DI FINE ANNO

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI DI FINE ANNO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Giovanni Pascoli Via Rasori n.19-20145 Milano Telefono 02 88444571 02 435787 - Fax 02 88444572 Codice Meccanografico:

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Vademecum dell Insegnante di Sostegno

Vademecum dell Insegnante di Sostegno Fermo, li 14.04.2014 Prot.n. 3189/A36 ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 GRADO Sede Operativa del Centro Territoriale Permanente Educazione Adulti per l Obbligo

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

Istituto Comprensivo di Roncoferraro

Istituto Comprensivo di Roncoferraro Istituto Comprensivo di Roncoferraro L Istituto Comprensivo ricerca la continuità con: attività di accoglienza attività trasversali d Istituto studio dei curricoli L Istituto Comprensivo promuove attività

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. Anno Scolastico 2014/15

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. Anno Scolastico 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LITTARDI Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Viale della Rimembranza, 16 18100 IMPERIA Codice Fiscale/P. Iva 91037880084 Tel/Fax 0183 667430 ~ e-mail: imic81000q@istruzione.it

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli