PARTE QUARTA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE QUARTA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"

Transcript

1 59

2 PARTE QUARTA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INDICE 4.1. Analisi socio- ambientale 4.2. Finalità 4.3. Competenze in entrata 4.4. Competenze in uscita ( traguardi) 4.5. U.D.A Metodologie Verifiche e valutazioni Progetti/laboratori Ampliamento / Arricchimento (eccellenze) Organizzazione (Risorse e strumenti / Collaborazione con gli Enti) Rapporto famiglie - Orari scolastici - Formazione classi Attività Alternative alla religione - Personale Ata ANALISI SOCIO - AMBIENTALE 60

3 La realtà economica del bacino di utenza è prevalentemente industriale ed artigianale infatti tutto il territorio è costituito da un pullulare di piccole e medie imprese, spesso a conduzione familiare. Il settore produttivo prevalente è quello manifatturiero che, negli anni passati, ha creato occupazione ed ha favorito non solo l'immigrazione della manodopera dai paesi vicini, ma anche la comparsa di cittadini extracomunitari, in prevalenza cinesi ed albanesi. In questi ultimi anni è diminuita l'offerta di lavoro con ripercussioni sulle condizioni economiche generali. Dalle indagini condotte negli anni sulle famiglie, con un questionario socioambientale, si sono rilevati i seguenti aspetti: a) il livello culturale medio dei genitori è discreto essendo più del 50% di essi in possesso di un diploma pari o superiore alla licenza media; b) poche sono le famiglie in cui si parla solo il dialetto o solo l'italiano; più diffuso è il caso in cui si usano entrambi; c) discreta è la presenza di settimanali e quotidiani. La percentuale delle famiglie in cui lavorano entrambi i genitori decresce, ma persiste la tendenza ad affidare alla scuola non solo il compito dell'istruzione, ma anche quello dell'educazione da parte di genitori che, sempre più spesso, dichiarano la propria inadeguatezza nella gestione del ruolo. I genitori manifestano sufficiente fiducia nella scuola, ma relativa disponibilità a collaborare e a dedicare del tempo ai figli; spesso, infatti, si limitano a partecipare agli incontri programmati per ricevere periodiche informazioni sul rendimento e sul comportamento degli allievi. L'impegno domestico risulta poco adeguato alle richieste scolastiche in quanto i ragazzi, a noi affidati, sono sempre più spesso distratti da stimoli esterni e poco propensi a rispettare regole e consegne. Le istituzioni pubbliche sono consapevoli e sensibili alle esigenze della popolazione scolastica infatti partecipano e sostengono le varie iniziative anche con contributi economici. Nella cittadina di S.Egidio esiste un centro adolescenti che accoglie circa 30 ragazzi che, nelle ore pomeridiane, sono seguiti nell'esecuzione dei compiti e anche impegnati in attività pratico - manuali o pittoriche con esso la scuola cerca di avviare iniziative di collaborazione e di scambio informativo sui ragazzi. Il territorio è ricco di società sportive (palestre, società natatorie, pallavolo) e di strutture sportive pubbliche (campi di calcio, piscina ed altre attrezzature) con le 61

4 quali è stata avviata, già da diversi anni, la collaborazione per attuare diverse attività. Esiste, inoltre, un Centro di Ascolto "Amici Progetto Uomo 2" costituito da volontari che, dopo una opportuna formazione presso il Ceis di Pescara, si occupano di prevenzione e recupero della tossicodipendenza e collaborano attivamente con la scuola soprattutto nella programmazione di corsi di formazione rivolti ai genitori. Altra realtà è il Centro anziani presso il quale, in passato, la scuola ha portato una propria rappresentazione teatrale, e con il quale si prevede in seguito di avviare iniziative di scambio e collaborazione FINALITA Aiutare il preadolescente a scoprire se stesso, potenziare i suoi talenti per orientarsi ed operare scelte realistiche. Far conoscere, comprendere ed interpretare la realtà. Educare al rispetto delle norme e dei valori civici. Offrire occasioni di sviluppo della personalità in tutte le direzioni: etiche, sociali, culturali, operative, creative. Realizzare il processo unitario dell istruzione obbligatoria con precise regole di continuità. Educare al senso di responsabilità e di autocontrollo. Educare al rispetto dell ambiente. Sentirsi cittadino europeo COMPETENZE IN ENTRATA ITALIANO 62

5 L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari ) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti, formulati in un registro il più possibile adeguato alla situazione. Comprende testi di tipo diverso in vista di scopi funzionali, di intrattenimento e/o svago, di studio, ne individua il senso globale e/o le informazioni principali, utilizza strategie di lettura funzionali agli scopi. Legge testi letterari di vario genere appartenenti alla letteratura dell infanzia, sia a voce alta, con tono di voce espressivo, sia con lettura silenziosa e autonoma, riuscendo a formulare su di essi semplici pareri personali. Produce testi (di invenzione, per lo studio, per comunicare) legati alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre, rielabora testi manipolandoli, parafrasandoli, completandoli, trasformandoli (parafrasi e riscrittura). Sviluppa gradualmente abilità funzionali allo studio estrapolando dai testi scritti informazioni su un dato argomento utili per l'esposizione orale e la memorizzazione, acquisendo un primo nucleo di terminologia specifica, raccogliendo impressioni personali e/o collettive, registrando opinioni proprie o altrui. Svolge attività esplicite di riflessione linguistica su ciò che si dice o si scrive, si ascolta o si legge, mostra di cogliere le operazioni che si fanno quando si comunica e le diverse scelte determinate dalla varietà di situazioni in cui la lingua si usa COMPETENZE IN USCITA (traguardi) ITALIANO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre 63

6 rispettosi delle idee degli altri. Egli ha maturato la consapevolezza che il dialogo, oltre a essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali. Usa in modo efficace la comunicazione orale e scritta per collaborare con gli altri, per esempio nella realizzazione di giochi, nell elaborazione di progetti e nella valutazione dell efficacia di diverse soluzioni di un problema. Nelle attività di studio, personali e collaborative, usa i manuali delle discipline o altri testi di studio, al fine di ricercare, raccogliere e rielaborare i dati, le informazioni, i concetti e le esperienze necessarie, anche con l utilizzo di strumenti informatici. Ha imparato ad apprezzare la lingua come strumento attraverso il quale può esprimere stati d animo, rielaborare esperienze ed esporre punti di vista personali. E capace di utilizzare le conoscenze metalinguistiche per migliorare la comunicazione orale e scritta. Varia opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori; riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso METODOLOGIE Le strategie, adattate alle diverse situazioni, prevedono: organizzazione dei contenuti didattici secondo unità di apprendimento; brevi lezioni frontali con percorsi dal semplice al complesso, dal vicino al lontano, dal concreto all astratto e dalle conoscenze pregresse; promozione del dialogo, della discussione e della condivisione libera e/o guidata; esercizi finalizzati allo sviluppo e al potenziamento delle capacità mnestiche; uso della relazione orale e scritta; impostazione di un proficuo lavoro individuale con una regolare assegnazione di esercitazioni a casa, sia per consolidare ed esercitare le conoscenze, sia per far acquisire costanza e metodo; utilizzazione del lavoro di gruppo ai fini della socializzazione e dell apprendimento; organizzazione del lavoro di ricerca; uso di materiale audiovisivo; verifiche immediate (feedback durante spiegazioni e/o interrogazioni) e periodiche di ascolto; esposizione orale dei contenuti e dei testi proposti; 64

7 flessibilità nei tempi e nelle modalità di conseguimento delle competenze; verifiche formative e sommative sia orali che scritte (test oggettivi del tipo v/f, a scelta multipla, a risposta aperta); collaborazione con la famiglia Per il conseguimento di conoscenze, abilità e competenze ci si avvarrà del metodo induttivo-deduttivo e della ricerca scientifica e si farà ricorso in particolare a: - interventi specifici di recupero, consolidamento, potenziamento; - percorsi interdisciplinari; - visite di istruzione; - attività integrative; - interventi di supporto per alunni diversamente abili ed extracomunitari; - uso di strumenti e sussidi didattici; - interventi di esperti VERIFICHE E VALUTAZIONI Una prima fase è senza dubbio la rilevazione della situazione di partenza dell alunno sotto il profilo socio-affettivo, cognitivo, psico-motorio. Molto importante in questa fase è il positivo approccio con il ragazzo per stabilire con lui un rapporto di fiducia (settimana di accoglienza e primo mese di attività), che gli consenta di manifestare con sincerità le proprie conoscenze, le proprie capacità, il proprio mondo interiore. In base alla situazione della classe si individuano gli obiettivi minimi raggiungibili da ciascun alunno e si programmano gli interventi adeguati. I dati relativi alla situazione di partenza e la programmazione degli interventi da effettuare vengono comunicati alle famiglie in occasione del secondo ricevimento per gli alunni delle classi prime e del primo per quelli delle classi seconde e terze (fine ottobre). Le successive informazioni, rispetto all andamento didattico e disciplinare dell alunno, vengono comunicate nel periodo novembre/dicembre, gennaio/febbraio, marzo/aprile. Criteri di valutazione I voti disciplinari sono riferiti alla valutazione dei risultati raggiunti nelle singole discipline attraverso la somministrazione di prove scritte e orali e le 65

8 osservazioni sistematiche raccolte da ciascun docente in relazione alla programmazione. Per tale valutazione viene utilizzata una scala di livello da attribuire all alunno in relazione alle conoscenze, abilità e competenze raggiunte con riferimento all area cognitiva. I voti vengono espressi in base ai seguenti livelli: CRITERI DI VALUTAZIONE LIVELLO Possiede conoscenze complete, approfondite e personalizzate. Applica conoscenze e competenze in situazioni diverse e complesse con precisione e autonomia. Organizza in modo autonomo e completo consegne e compiti, utilizzando metodologie adeguate ad elaborare percorsi personalizzati. Possiede conoscenze complete e sicure. E in grado di rielaborare e trasferire conoscenze e competenze in situazioni differenti. Esegue con autonomia e impegno consegne e compiti assegnati. Possiede conoscenze articolate e di norma sicure. Coglie il senso dei contenuti anche complessi ma li esegue con incertezza. Sa trasferire abilità e competenze in situazioni differenziate, anche se non in modo sempre preciso. Possiede sufficienti conoscenze delle discipline. Sa orientarsi nelle tematiche fondamentali proposte. Sa eseguire consegne o compiti assegnati anche se con imprecisione. Possiede conoscenze frammentarie e superficiali. Fatica a trasmettere conoscenze e competenze in ambiti determinati. Si applica superficialmente e con discontinuità. Possiede conoscenze di base molto limitate delle discipline. Stenta a comprenderne significati e linguaggi. E in grave difficoltà nell eseguire consegne o compiti assegnati. VOTO 10/ Valutazione del livello globale di maturazione Dalle osservazioni sistematiche effettuate deriva il giudizio globale della scheda di valutazione che viene elaborato dal Consiglio di classe sulla base di una griglia contenente indicatori comuni a tutte le classi. COMPORTAMENTO PARTECIPAZIONE SOCIALIZZAZIONE 66

9 METODO E IMPEGNO COMPRENSIONE TESTI COMPRENSIONE SPECIFICI LINGUAGGI ESPOSIZIONE RIELABORAZIONE APPRENDIMENTO AMPLIAMENTO / ARRICCHIMENTO (eccellenze) Il corso ordinario di strumento musicale è rivolto a tutti gli alunni delle classi prime, seconde e terze della Scuola secondaria di Sant Egidio alla Vibrata, che hanno sostenuto positivamente le prove attitudinali. Si svolge dal lunedì al venerdì in orario pomeridiano, con lezioni individuali e/o di gruppo dalle ore 14,30 alle 19,30. L insegnamento musicale si avvale di docenti interni e comprende i seguenti corsi di strumento: pianoforte, chitarra, clarinetto, violino, tromba, violoncello, percussioni e batteria. L iniziativa attivata con il progetto Orchestra Arcobaleno concorre alla formazione di un orchestra giovanile, prima ed unica realtà del genere nella Provincia di Teramo, composta da alunni interni e da ex-alunni che hanno chiesto di proseguire l esperienza della pratica musicale. Le lezioni si tengono nel pomeriggio e hanno la durata di due ore. 67

10 Annualmente si svolge il Premio Daniela Alesi, in ricordo di una ex alunna prematuramente scomparsa. Il Premio, che consiste in una o più borse di studio, ha lo scopo di segnalare i ragazzi che nel corso della Scuola Secondaria di Primo grado si sono evidenziati in modo significativo per i seguenti aspetti: hanno affrontato con maturità le difficoltà scolastiche e/o personali incontrate si sono contraddistinti nella solidarietà verso compagni più svantaggiati hanno mostrato dei comportamenti e dei modi di fare e soprattutto di essere che sono stati di esempio e modello per gli altri. Il premio viene conferito, a fine anno, nel corso di una cerimonia pubblica, alla quale partecipano genitori e famiglie ORGANIZZAZIONE L istituzione scolastica intrattiene stabili rapporti, di scambio e collaborazione, con altre istituzioni locali e altre agenzie educative, al fine di coinvolgere maggiormente gli alunni direttamente interessati e al tempo stesso per qualificare ulteriormente i progetti attivati. Per l anno scolastico 2011/2012 le istituzioni coinvolte sono le seguenti: Ed. Stradale Potenziamento Lingua inglese Integrazione linguistica Ed. Fisica CCR Sicurezza Disabilità Comando di Polizia urbana British School of English ad Ascoli Piceno Unione dei Comuni Val Vibrata Comune di S.Egidio alla Vibrata Comune di S.Egidio alla Vibrata-Ancarano Comune di Ancarano Associazione Croce Bianca Comune di S.Egidio alla Vibrata Unione dei Comuni Comune di Ancarano Unione Italiana Ciechi Associazione Agave -S.Egidio alla V. Struttura oraria L offerta formativa della scuola secondaria di S.Egidio è di 30 ore settimanali. 68

11 Gli alunni che si iscrivono e frequentano il corso ad indirizzo musicale, oltre all orario del mattino devono frequentare obbligatoriamente 2 h settimanali di lezioni pomeridiane per lo studio di uno strumento e per le prove d orchestra. Orari corsi Mattino Pomeriggio Totale ore settimanali Dal lunedì al sabato(ore ) Dal lunedì al venerdì (Orari individuali) Corsi: A-B- D-E 30 ore settimanali 30 ore settimanali Attività curricolare Corso C Attività curricolare 30 ore settimanali 2 ore settimanali 32 ore settimanali La strutturazione dell orario scolastico tiene conto delle peculiari esigenze dell Istituto Omnicomprensivo. La disposizione delle discipline nell arco della settimana è strutturata e distribuita in modo da assicurare la continuità didattica senza eccessive pause. Le ore di religione coincidono con ore di attività alternative svolte da Docenti incaricati dal Dirigente. Le ore di Arte e immagine sono raggruppate in due unità per consentire agli allievi di concludere le attività intraprese. Le attività di sostegno didattico, nelle classi con alunni disabili, sono programmate in modo tale da assicurare all alunno una presenza costante per le aree maggiormente difficoltose. STRUTTURA ORARIA SETTIMANALE DELLE DISCIPLINE Discipline Classi Classe Prima Classe Seconda Classe terza Italiano 5 curricolari 5 curricolari 5 curricolari Cittadinanza e costituzione 1curricolare 1 curricolare 1 curricolare Storia Geografia Matem/ Scienze

12 Inglese Francese Tecnologia Musica Arte e immagine Scienze motorie e sportive Religione Totale Corso Strum.Musicale Totale Sostituzione di docenti assenti Le sostituzioni, nel rispetto della normativa vigente, vengono effettuate ricorrendo: - agli insegnanti che devono recuperare delle ore per permessi brevi usufruiti; - ad insegnanti che hanno manifestato la loro disponibilità ad effettuare ore eccedenti e, nel caso in cui ve ne siano diversi, si preferisce ricorrere al docente della stessa classe ed in secondo ordine all insegnante della stessa materia; Formazione classi La realtà della Scuola Secondaria di Primo Grado di Sant Egidio alla Vibrata raccoglie alunni provenienti dalle classi quinte del Capoluogo e quelli delle sezioni staccate di Faraone, Salinello e Paolantonio. L abbinamento dei gruppi alle relative sezioni viene effettuato con sorteggio alla presenza: del Dirigente Scolastico, della Commissione addetta, dei genitori e degli alunni che intendano partecipare. Gli alunni con disabilità, nel rispetto della vigente normativa, vengono distribuiti tra le classi in modo da assegnare, di norma e possibilmente, n.1 alunno per classe a partire da quelle meno numerose. Gli alunni stranieri provenienti da paesi extracomunitari vengono assegnati alle classi cercando, per quanto possibile una loro equa distribuzione. Gli alunni stranieri che si iscrivono nel corso dell anno sono assegnati alle classi con il minor numero di alunni, compatibilmente alle esigenze logistiche e ad altre esigenze connesse alla classe. 70

13 Gli alunni non ammessi alla classe successiva vengono riassegnati alle classi, previa attenta valutazione delle loro esigenze e delle diverse realtà. La classe prima C ad indirizzo musicale si forma in base alla selezione attitudinale effettuata dagli insegnanti di Musica. La formazione delle classi per quanto concerne la realtà di Ancarano è legata al contesto ambientale nel quale coesistono i tre ordini di scuola U.D.A. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO ITALIANO Classe prima UDA N. 1 Accoglienza UDA N. 2 Accertamento competenze in uscita dalla scuola primaria UDA N. 3 Ascolto UDA N. 4 Lettura e comprensione di un testo: favola, fiaba, racconto d avventura, testo descrittivo, testo letterario e poetico UDA N. 5 Riflessione sulla lingua. Morfologia: parti variabili e invariabili del discorso UDA N. 6 Ortografia: saper scrivere in modo ortograficamente corretto UDA N. 7 Produzione della lingua orale e scritta UDA N. 8 Educazione letteraria: dalle origini della lingua italiana al Seicento UDA N. 9 Narrativa: La Divina Commedia di Dante. L Inferno. A Roma con Alessandro Classe seconda Letteratura UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 UDA N. 6 Le origini della lingua italiana Il Duecento Tra il Duecento e il Trecento Il Trecento Il Quattrocento Il Cinquecento Il Seicento 71

14 UDA N. 7 Il Settecento Antologia Il racconto UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 La fantasy Il racconto fantastico e surreale Il racconto di fantasmi Il racconto dell orrore Esperienze di vita UDA N. 1 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 Storie di amicizia Lo sport Vivere con gli altri S.O.S. Natura La vita in versi, la vita in scena UDA N. 1 UDA N. 2 La poesia Il teatro Tracce di sé UDA N. 1 UDA N. 2 Il diario e l autobiografia La lettera Tra storia e letteratura UDA N. 1 Viaggio nel tempo : dal Rinascimento al Settecento Grammatica Sintassi UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 UDA N. 6 Dalla parola alla frase Il predicato Il soggetto e il complemento predicativo del soggetto Attributo e apposizione Il complemento oggetto e il predicativo dell oggetto I complementi indiretti 72

15 Narrativa Lettura del testo Nel mezzo del cammin lo straordinario viaggio di Dante. ( a cura di ) M. L. Bruschi Lettura del testo Il piccolo principe Classe terza UDA N. 1 UDA N. 2 e di Orientamento Lettura e comprensione di un testo: racconto comico, umoristico, giallo fantascienza UDA N. 3 Ascolto UDA N. 4 Testo letterario: poesia, novella, romanzo storico, sociale e psicologico UDA N. 5 Testo argomentativo UDA N. 6 Grammatica: sintassi della frase semplice e della frase complessa UDA N. 7 Educazione letteraria: Ottocento e Novecento UDA N. 8 Narrativa: la struttura del Paradiso dantesco Novelle a confronto G. Verga e L. Pirandello. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO STORIA Classe prima L Europa medioevale e l alto medioevo UDA N. 1 Alle origini del Medioevo: l eredità di Roma e il Cristianesimo UDA N. 2 L Europa dei regni latino-germanici UDA N. 3 Il Mediterraneo islamico. Gli arabi e l Islam UDA N. 4 L Europa di Carlo Magno UDA N. 5 L Europa Feudale Il Basso Medioevo: dall anno Mille al Trecento UDA N. 1 La rinascita economica dell Europa UDA N. 2 Il risveglio politico dell Europa UDA N. 3 La rinascita della Chiesa UDA N. 4 Gli elementi dell unità culturale e religiosa dell Europa Medioevale UDA N. 5 L Europa e la scoperta dell altro UDA N. 6 L Italia dei Comuni UDA N. 7 La crisi dell Europa Medioevale: verso l età moderna UDA N. 8 L età di Napoleone UDA N. 9 Restaurazione, Liberalismo e Industrializzazione UDA N. 10 Le rivoluzioni liberali in Europa 73

16 CITTADINANZA E COSTITUZIONE UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 Lo Stato Italiano e la Costituzione Dal centro alla periferia : autonomia degli enti locali Vivere da cittadini Classe seconda Quattrocento e Cinquecento: alle radici del mondo esterno UDA N. 1 L età del Rinascimento UDA N. 2 L Europa scopre e conquista il mondo UDA N. 3 Le riforme religiose UDA N. 4 Religione e politica in Europa e in Italia nel Cinquecento Il Seicento UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 L Europa nel Seicento L Italia nel Seicento Scienza, arte e cultura nel Seicento Il Settecento UDA N. 1 Il secolo dei lumi UDA N. 2 La politica europea nel Settecento UDA N. 3 La Rivoluzione Industriale Inglese UDA N. 4 La nascita degli Stati Uniti d America UDA N. 5 La Rivoluzione Francese CITTADINANZA E COSTITUZIONE UDA N. 1 UDA N. 2 L Unione Europea La scuola e il lavoro Classe terza L Ottocento UDA N. 1 Il Risorgimento italiano UDA N. 2 Italia: l organizzazione del nuovo Stato UDA N. 3 Industrializzazione e questione sociale UDA N. 4 Gli Stati Uniti d America UDA N. 5 Nazionalismo ed espansione coloniale 74

17 Il Novecento UDA N. 1 Dagli inizi del secolo alla prima guerra mondiale UDA N. 2 Il primo dopoguerra UDA N. 3 I regimi totalitari: Nazismo, Fascismo e Stalinismo UDA N. 4 La seconda guerra mondiale UDA N. 5 Il secondo dopoguerra e la guerra fredda UDA N. 6 Decolonizzazione e nuovo mondo UDA N. 7 Il crollo dell URSS e la nuova Europa CITTADINANZA E COSTITUZIONE UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 I diritti umani Le organizzazioni internazionali Globalizzazione e cultura PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO GEOGRAFIA Classe prima Metodi e strumenti della geografia UDA N. 1 I principi guida della geografia UDA N. 2 La rappresentazione del territorio UDA N. 3 L interpretazione del territorio Ambienti e territori d Europa UDA N. 1 La morfologia dell Europa UDA N. 2 Il clima e gli ambienti UDA N. 3 I rischi ambientali Storia, territorio ed economia in Europa UDA N. 1 Storia e territorio in Europa UDA N. 2 Lo sviluppo urbano Classe seconda Gli Stati d Europa UDA N. 1 L Italia UDA N. 2 Portogallo e Spagna UDA N. 3 Francia e Benelux UDA N. 4 Regno Unito, Repubblica d Irlanda, Islanda UDA N. 5 UDA N. 6 UDA N. 7 UDA N. 8 UDA N. 9 Svizzera, Austria e Germania Danimarca, Norvegia, Svezia e Finlandia Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca Ungheria, Romania, Bulgaria Repubbliche slave 75

18 UDA N. 10 Albania e Grecia UDA N. 11 Federazione Russa UDA N. 12 Repubbliche baltiche, Bielorussia, Ucraina, Moldova Classe terza Parte generale UDA N. 1 Ambienti e territori del mondo: morfologia, clima e problemi ambientali UDA N. 2 La popolazione mondiale: distribuzione e dinamiche demografiche, caratteristiche della popolazione mondiale UDA N. 3 L economia mondiale: agricoltura, industria e terziario Gli stati del mondo UDA N. 1 Asia UDA N. 2 Africa UDA N. 3 America UDA N. 4 Oceania PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO MATEMATICA - SCIENZE Classe prima Matematica UDA N. 1 Dai simboli alle potenze UDA N. 2 Dalla divisibilità alla ricerca del M.C.D. e del m.c.m. UDA N. 3 Le frazioni UDA N. 4 Gli enti geometrici UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 La materia e il calore Il pianeta Terra Il mondo biotico Scienze Classe seconda Matematica UDA N. 1 Dall insieme Q all insieme R UDA N. 2 Dal rapporto alla proporzionalità: applicazioni UDA N. 3 Equiestensione nel piano e similitudine UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 Elementi di chimica Elementi di fisica Il corpo umano Scienze Classe terza UDA N. 1 Nell insieme R UDA N. 2 Il calcolo algebrico Matematica 76

19 UDA N. 3 Equazioni e problemi UDA N. 4 Gli insiemi UDA N. 5 Le funzioni UDA N. 6 Circonferenza e cerchio UDA N. 7 Circonferenza, cerchio e poligoni UDA N. 8 Lunghezza della circonferenza e area del cerchio UDA N. 9 La geometria solida UDA N. 10 I poliedri: superfici e volume UDA N. 11 I solidi di rotazione: superfici e volume UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 UDA N. 6 UDA N. 7 UDA N. 8 Scienze La genetica Il sistema nervoso e il sistema endocrino Il sistema immunitario Elettricità e magnetismo Il Sistema Solare e l Universo La Terra e il suo satellite L interno della Terra L energia, sue forme e trasformazioni PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIA Classe prima UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 pelli); UDA N. 5 Tecnologia dei materiali (legno e carta); Tecnologia dei materiali (i metalli); Tecnologia dei materiali (materiali da costruzione); Tecnologia dei materiali (materie plastiche, fibre tessili, gomme e Tecnologia dei materiali (i rifiuti); UDA N. 6 Educazione alimentare (concetti principali, alimenti di origine vegetale animale e bevande); UDA N. 7 Il disegno geometrico (principali problemi di tracciatura e figure geometriche piane, ingrandimenti e riduzione di scala). Classe seconda UDA N. 1 Tecnologia agraria (agricoltura e ambiente, agricoltura biologica, tecniche agronomiche); UDA N. 2 Le biotecnologie (Ingegneria genetica e OGM); UDA N. 3 Tecnologia delle costruzioni (le strutture, abitazione, bioarchitettura); 77

20 UDA N. 4 UDA N. 5 Tecnologia dei trasporti (sistema dei trasporti, tipologie di mobilità); Tecnologia e ambiente (inquinamento dell aria e dell acqua e altre problematiche ambientali legate al progresso); UDA N. 6 Educazione alimentare (conservazione e tecniche di cottura degli alimenti, OGM e alimenti biologici, etichettatura); UDA N. 7 La rappresentazione degli oggetti (proiezioni ortogonali di figure geometriche e solidi, sezioni di solidi). Classe terza UDA N. 1 Fonti di energia (i combustibili, vari tipi di produzione di energia, idrogeno, il risparmio energetico, i modelli di sviluppo); UDA N. 2 Energia elettrica (elettricità, magnetismo, impianto elettrico domestico, apparecchi elettrodomestici, risparmio dell energia elettrica); UDA N. 3 Telecomunicazioni (mezzi di trasmissione); UDA N. 4 La rappresentazione degli oggetti (proiezioni assonometriche,sviluppo di solidi e quotatura dei disegni). PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA INGLESE Classe prima UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 UDA N. 6 SPEAKING TITOLO: Mi presento: facciamo conoscenza TITOLO: Io e la mia famiglia: i nostri animali domestici TITOLO: Ti parlo di me: la mia giornata TITOLO: Mi piace la mia casa TITOLO: Discovering festivals and traditions (civiltà) TITOLO: Io parlo inglese lezioni con operatrice madrelingua in cui si potenzia lo (produzione orale) e lo LISTENING (comprensione orale) 78

21 Classe seconda UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 UDA N. 6 UDA N. 7 SPEAKING orale) TITOLO: Mi piace non mi piace TITOLO: Mi descrivo come ero e come sono TITOLO: La mia salute TITOLO: Devo non devo TITOLO: Mi confronto TITOLO: Discovering festivals and traditions (civiltà) TITOLO: Io parlo inglese lezioni con operatrice madrelingua in cui si potenzia lo (produzione orale) e lo LISTENING (comprensione Classe terza UDA N. 1 UDA N. 2 UDA N. 3 UDA N. 4 UDA N. 5 UDA N. 6 TITOLO: Penso al mio futuro TITOLO: Faccio le mie previsioni TITOLO: I miei consigli divento creativo TITOLO: Esprimo le mie opinioni e mi oriento nella società TITOLO: Discovering festivals and traditions (civiltà) TITOLO: Io parlo inglese lezioni con operatrice madrelingua in cui si potenzia lo SPEAKING (produzione orale) e lo LISTENING (comprensione orale) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PER UNITA DI APPRENDIMENTO LINGUA FRANCESE Classe prima Unité d apprentissage 1: MOI ET LES AUTRES Dossier 1 Saluer (actes de parole : saluer et prendre congé, dire comment on va) Dossier 2 Se présenter (actes de parole : dire son nom, son âge, identifier, se présenter/présenter) Dossier 3 Se présenter (suite) et formuler des vœux 79

22 (actes de parole : dire son adresse, sa date de naissance et sa nationalité, parler de sa famille, souhaiter, remercier) Unité d apprentissage 2 : ME VOILÀ Dossier 4 Décrire un objet et parler du temps (actes de parole : identifier/décrire un objet, un vêtement, parler du temps, indiquer la date, la saison) Dossier 5 Exprimer ses préférences et dire l heure (actes de parole : parler de ses goûts/de ses préférences, parler de ses aptitudes, dire l heure) Dossier 6 Décrire quelqu un (actes de parole : décrire l aspect physique et le caractère de quelqu un) Classe seconda Unité d apprentissage 3: MOI ET MON MILIEU Dossier 7 Raconter au passé et situer dans le temps (actes de parole : raconter au passé, situer dans le temps, inviter/accepter, refuser) Dossier 8 Faire des achats (actes de parole : faire des achats, demander et dire le prix) Dossier 9 Parler de sa santé et téléphoner (actes de parole : parler de sa santé, téléphoner) Unité d apprentissage 4 : MOI ET LE MONDE Dossier 10 S orienter dans l espace (actes de parole : demander le chemin, localiser un objet dans l espace) Dossier 11 Demander et donner des conseils (actes de parole : demander/donner un conseil, interdire, situer dans le temps) Dossier 12 Faire des projets pour le futur (actes de parole : demander et parler de ses projets, faire des propositions et se donner rendez-vous) Classe terza Unité d apprentissage 5: VERS L AUTONOMIE Dossier 13 Demander la permission (actes de parole : demander/accorder/refuser la permission et demander/dire/justifier son opinion) 80

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli