Relazione sulla Gestione 17. Bilancio d Esercizio al 31 Dicembre Nota Integrativa 79. Relazione del Collegio Sindacale 143

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sulla Gestione 17. Bilancio d Esercizio al 31 Dicembre 2011 73. Nota Integrativa 79. Relazione del Collegio Sindacale 143"

Transcript

1 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2011

2 BILANCIO ESERCIZIO 2011

3 2 SOMMARIO

4 Relazione sulla Gestione 17 Bilancio d Esercizio al 31 Dicembre Nota Integrativa 79 Relazione del Collegio Sindacale 143 Relazione della Società di Revisione 149

5 4 ORGANI STATUTARI E DIRETTIVI

6 ORGANI STATUTARI E DIRETTIVI Consiglio di Amministrazione Presidente: Vice Presidente: Amministratore Delegato: Consiglieri: Alberto Lang Mario Primicerio Fabrizio Pucciarelli Marco Bonciolini Stefano Puccini Collegio Sindacale Presidente: Sindaci Effettivi: Sindaci Supplenti: Direzione Gianni Tarozzi Claudio Durazzi Stefano Ilari Matteo Busico Antonino Restuccia 5 Direttore Generale: Direttore Amministrazione & Finanza: Fabrizio Pucciarelli Emanuele Noschese Direttori Tecnici: Responsabili Tecnici L. 46/90: Amedeo Andreini Riccardo Petruzzelli Fabrizio Pucciarelli Giancarlo Tiezzi Amedeo Andreini Riccardo Petruzzelli SOCIETA DI REVISIONE PricewaterhouseCoopers S.p.A.

7 6 ESTRATTO ASSEMBLEA DEI SOCI

8 ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 25 luglio 2012 (ESTRATTO) Ordine del Giorno 1. Approvazione progetto di bilancio per l esercizio chiuso al , unitamente alla Relazione degli Amministratori: deliberazioni inerenti e conseguenti; 2. Nomina del Consiglio di Amministrazione per scadenza mandato: deliberazioni inerenti e conseguenti. ***** 1. I soci, invitati a votare il Bilancio e la Relazione sulla Gestione, tenuto conto delle relazioni del Collegio Sindacale e della Società di Revisione, all unanimità deliberano quanto segue: a. di approvare il Bilancio chiuso al e la Relazione sulla Gestione del Consiglio di Amministrazione; b. di destinare l utile di esercizio, pari ad euro , a copertura delle perdite dell esercizio precedente L assemblea all unanimità delibera che i Consiglieri nominati restino in carica per un esercizio, e cioè fino alla data di approvazione del bilancio d esercizio chiuso al

9 8 Ospedale di Arezzo, Chirurgia Robotica

10 SISTEMA GESTIONE INTEGRATO QUALITA SICUREZZA AMBIENTE 9

11 10

12 11

13 12

14 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE SOA 13

15 14

16 15

17 16 Ospedale di Vimercate (MB) - Foto: Studio Redaelliassociati ed Enrico Cano fotografo

18 RELAZIONE SULLA GESTIONE 17

19 Signori azionisti, l esercizio 2011 chiude con utile netto di dopo avere assorbito a titolo di ammortamenti, per accantonamenti rischi, per accantonamenti per svalutazioni e perdite su crediti, per oneri connessi ad attività straordinaria di due diligence e legale, per oneri finanziari netti, per svalutazione partecipazioni e imposte sui redditi per La produzione dell anno si è assestata ad 135 milioni circa, con una contrazione del 30% rispetto al budget e all esercizio Questo dato rappresenta tuttavia un risultato positivo, se si tiene conto del contesto in cui la società si è trovata ad operare. Infatti, per quanto riguarda i mercati di riferimento, non si può dimenticare il peso della crisi politica che ha investito tutti i paesi del Nord Africa e del vicino Oriente, determinando il rallentamento di alcuni progetti (commesse in Siria), nonché la crisi economica che ha colpito gran parte dei paesi europei (come l Italia e la Grecia), provocando il rallentamento delle attività (vedasi lo slittamento delle approvazioni di alcuni progetti). Tutto ciò ha avuto come effetto una contrazione del valore della produzione rispetto al risultato prevedibile al momento della stesura del piano industriale, che tuttavia si prevede di recuperare nel corso del presente e dei prossimi esercizi. Per quanto riguarda gli elementi endogeni, dato il contesto ambientale specifico di Inso, il rallentamento delle attività negli ultimi 12 mesi è stato determinato dagli effetti indotti dall accesso alla procedura concorsuale di concordato preventivo in continuità ex art. 160 L.F dell azionista di maggioranza Consorzio Etruria, che ha limitato la capacità operativa, la potenzialità produttiva e, almeno in parte, l intraprendenza commerciale di Inso. Le risultanze dell anno appena trascorso infatti hanno inevitabilmente risentito degli eventi straordinari, non imputabili alla società e da questa non governabili, manifestatisi nel primo semestre del 2011 e già ampiamente descritti nella Relazione di corredo al bilancio del Infatti il bilancio 2010 aveva recepito gli effetti economici di immediato impatto, soprattutto sotto il profilo delle svalutazioni e degli accantonamenti, indotti dalla situazione di crisi del Consorzio Etruria. Mentre l anno 2011 è stato influenzato negativamente dagli effetti indiretti, che si sono tradotti nel citato rallentamento della produzione e nel sostenimento di oneri straordinari di rilevante entità, connessi alla preparazione all Accordo ex art. 67 comma 2, lettera D, R.D e succ. modif, che si aggiungono ad una ulteriore perdita rilevata sulle poste creditorie verso la controllante, in conseguenza della più che prudenziale

20 valutazione prognostica da parte del Collegio dei Commissari Giudiziali del Concordato Consorzio Etruria, in merito alla percentuale di soddisfacimento dei creditori. In questo quadro durante l esercizio trascorso la società ha dovuto procedere ad un accordo con il ceto bancario ex. Art. 67 L.F., nonostante sul piano gestionale, la sua operatività non fosse minimamente intaccata dalle cause che avevano portato alla procedura concorsuale l azionista di maggioranza, se non per gli effetti creditori già recepiti nel bilancio 2010, concretizzatosi a metà novembre del Nonostante ciò la società è riuscita, come appena accennato e meglio descritto di seguito, a proseguire in tutte le attività, sia portando avanti le importanti e complesse realizzazioni in corso, sia concretizzando (anche se formalmente rilevate dopo la chiusura dell esercizio) straordinarie acquisizioni, frutto del meticoloso e persistente impegno a perseguire gli obiettivi prefissati. Andamento dell attività caratteristica L esercizio industriale 2011 conferma il buon risultato dell anno precedente. La produzione, comprensiva degli altri ricavi, si attesta a 135 ml di euro, elevandosi intorno ai 161 ml di euro se si considera il dato aggregato con la società controllata al 100% Sof e le sussidiarie locali estere. 19 Fondamentalmente l EBITDA ( 9,6 ml), cumulativamente ad altri ricavi e proventi, ha confermato il trend delle risultanze industriali degli ultimi due anni, attutendo gli effetti indotti dalla crisi della Capogruppo che invece si manifestano in modo evidente nelle perdite su crediti e negli oneri straordinari, che contengono il risultato ante imposte a 2,5 ml di euro. La tenuta dell EBITDA, considerata sia nel contesto recessivo e di turbolenza dei mercati domestico e mondiale, sia alla luce della problematica generatesi per l azionista di maggioranza, conferma la correttezza della politica aziendale attuata nell ultimo decennio, che ha indirizzato l attività della società verso una pluralità di mercati e una specializzazione di prodotto, conscia delle croniche difficoltà del mercato nazionale. Oltre all Italia, l azienda oggi è presente in 10 paesi, dove opera nell edilizia ospedaliera e per comunità, nell equipaggiamento medicale, nel global service e nei progetti in PPP (public-private-partnerships). L attività commerciale, nonostante qualche rallentamento nell ultimo trimestre dell anno, a

21 causa dei limitati fidi per credito di firma a disposizione, ha conseguito importanti traguardi. Tra questi spiccano l Ospedale di Kayseri in Turchia, gli ospedali Raizet e Beauperthuy in Guadalupe, la navetta Aeroporto-Stazione FS People Mover a Pisa, l Ospedale SIDRA in Qatar, incrementando un portafoglio lavori già rilevante e confermando l elevata capacità progettuale e commerciale della società. Il portafoglio ordini al , assumendo l integrale formalizzazione delle ultime aggiudicazioni, passa infatti a ml, la quota delle commesse estere sale al 63%, così come le concessioni rappresentano il 63% del totale. In prospettiva il mercato italiano resta particolarmente critico e anche nel corso del 2011 non ha dato alcun segnale di ripresa, accentuando la grande competitività e la propensione al contenzioso amministrativo per le poche gare di rilievo. Mentre il mercato estero, che nel complesso appare molto più vitale, costringe comunque ad una costante riprogrammazione dal punto di vista geografico, per cogliere le migliori opportunità in quei paesi che meno risentono della crisi, o che al contrario hanno ancora una politica di sviluppo. Ne consegue la necessità, nel breve periodo, di aprire filiali in nuovi paesi, con impegno di risorse umane e finanziarie. 20 Il limitato credito di firma imposto dalla situazione di Consorzio Etruria, che ha consigliato gli istituti di credito di rinviare al momento dell avvicendamento dell azionista di maggioranza (originariamente ipotizzato con tempistiche più contenute) la valutazione del sostegno per le nuove gare che in condizioni normali sarebbe stato considerato il naturale sviluppo della società, ha ridotto l attività commerciale di Inso degli ultimi trimestri. Questo, unito alla lunghezza del periodo di stipula dei nuovi ordini (normalmente di diversi mesi o più), può provocare una discontinuità nelle future acquisizioni, di cui la pianificazione aziendale dovrà tener conto. Vista la situazione generale dei mercati e quella particolare dell azienda, si ritiene necessario puntare più che a una politica di sviluppo dei volumi - che comunque richiederebbe una capacità finanziaria che, a motivo delle ricordate ragioni, l azienda in questo momento non ha - ad una politica di mantenimento del proprio posizionamento competitivo, caratterizzata dalla specializzazione in particolari mercati/prodotti, preservando le attuali quote di mercato, ma privilegiando i livelli di redditività. Per far ciò è necessario insistere sulla specializzazione dell azienda, focalizzandosi maggiormente sui progetti complessi e sul settore medicale in tutti i suoi possibili ambiti di

22 intervento: ppp, chiavi in mano, package medicale e attività di ingegneria clinica. Mentre da un punto di vista geografico occorre mantenere quella pluralità di paesi atta a garantire una adeguata suddivisione del lavoro, nonché esplorare nuovi paesi dove persistano vitalità del mercato, certezza delle regole e progetti che si adattano, per qualità e dimensione, alle caratteristiche distintive di Inso. Sul piano produttivo, le nuove acquisizioni, in particolar modo il progetto in Qatar, spostano il baricentro delle attività all estero, rappresentando una naturale evoluzione gestionale che impone una revisione dei programmi aziendali nel breve periodo. L attività in diversi paesi richiede un ulteriore sforzo logistico-organizzativo, necessitando di risorse sul piano finanziario per soddisfare il fabbisogno della società, gli investimenti in capitale (PPP) e l emissione di garanzie a clienti e fornitori, soprattutto alla luce delle rigidità imposte dal citato accordo ex. Art. 67, che continua a comprimere lo sviluppo dell attività dell azienda. Mentre sul piano operativo dovrà proseguire, con maggior vigore, la riconversione delle risorse umane attualmente impiegate sul mercato domestico (che rappresenta ormai poco più di un terzo del totale, fatta eccezione per il global service delle concessioni), per dislocarle a presidio delle attività estere. 21 Politica commerciale e Portafoglio ordini Nel 2011 la società ha acquisito nuovi contratti per 778 milioni, di cui oltre il 90% all estero, portando il portafoglio ordini a 1.508,2 milioni (di cui circa 70 milioni in corso di formalizzazione). L incremento è dovuto principalmente all acquisizione di commesse estere in Turchia e nei DOM-TOM francesi, che portano il peso delle commesse sviluppate fuori dai confini nazionali a circa il 60% del totale. PORTAFOGLIO ORDINI AL PER AREA GEOGRAFICA /ML 918 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER AREA GEOGRAFICA /ML AMERICA LATINA E CARAIBI 66 /ML (7%) EUROPA 101 /ML(11%) EUROPA 758 /ML (50%) ITALIA 623 /ML (41%) MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 77 /ML (8%) ITALIA 674 /ML (73%) AMERICA LATINA E CARAIBI 55 /ML (4%) MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 72 /ML (5%)

23 L acquisizione del progetto di Kayseri, in Turchia, ha avuto notevole impatto sulla composizione del portafoglio anche da un punto di vista contrattuale, consolidando il peso delle concessioni ospedaliere, che rappresentano ormai i ¾ del totale e si pongono come elemento caratterizzante dell attività di Inso. In questa ottica, le gestioni derivanti dalle concessioni salgono al 67%, per un valore che supera milioni e che una volta a regime, dal 2014 in poi, porterà il relativo fatturato da 20 a 50 milioni, tra attività diretta e indiretta. PORTAFOGLIO ORDINI AL PER TIPO DI CONTRATTO /ML 918 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER TIPO DI CONTRATTO /ML FORNITURE 50 /ML (5%) APPALTI 417 /ML (45%) FORNITURE 41 /ML (3%) APPALTI 364 /ML (24%) CONCESSIONI 451 /ML (49%) CONCESSIONI /ML (73%) 22 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER TIPO DI PROGETTO /ML 918 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER TIPO DI PROGETTO /ML STRUMENTAZIONE 50 /ML (5%) STRUMENTAZIONE 41 /ML (3%) TURN KEY / COSTRU- ZIONI 455 /ML (30%) GESTIONI 396 /ML (43%) TURN KEY / CO- STRUZIONI 472 / ML (52%) GESTIONI /ML (67%) La composizione del portafoglio ordini è comunque la rappresentazione pratica della vocazione aziendale, fortemente orientata al settore sanitario, che pesa per l 85% del portafoglio (ma che nei vari anni non è mai sceso al di sotto del 60-65%), frutto anche della forte specializzazione, sia per quanto concerne la fornitura di packages di attrezzature

24 medicali, sia per le concessioni, tutte nel settore sanitario (73%). PORTAFOGLIO ORDINI AL PER SETTORE DI ATTIVITA /ML 918 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER SETTORE DI ATTIVITA /ML ALTRI SETTORI 333 /ML (35%) ALTRI SETTORI 232 /ML (15%) SANITA 585 /ML (65%) SANITA /ML (85%) Escludendo le attività derivanti dalle gestioni e analizzando il portafoglio relativo ai soli lavori, che caratterizzano l attività aziendale nel breve periodo, si rileva che il portafoglio subisce una leggera diminuzione rispetto all anno precedente, soprattutto riferita alla quota in Italia. Ciò in conseguenza della crisi del mercato nazionale degli appalti e della riduzione, più in generale, dell attività commerciale, quest ultima indotta dal limitato credito di firma imposto dalla situazione concorsuale della controllante Consorzio Etruria. 23 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER AREA GEOGRAFICA /ML 522 SOLO LAVORI PORTAFOGLIO ORDINI AL PER AREA GEOGRAFICA /ML 496 SOLO LAVORI EUROPA 101 /ML(19%) AMERICA LATINA E CARAIBI 66 /ML (13%) EUROPA 168 /ML (34%) ITALIA 201 /ML (40%) MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 77 /ML (15%) ITALIA 278 /ML (53%) AMERICA LATINA E CA- RAIBI 55 /ML (11%) MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 72 /ML (15%) Di seguito si elencano le principali acquisizioni e le iniziative commerciali che hanno maggiormente impegnato la struttura commerciale, suddivise per Estero e Italia. L ottimo risultato conseguito all estero è frutto di iniziative avviate negli anni precedenti coerentemente con i piani industriali e di sviluppo elaborati dal management.

25 Sin dal 2009 Inso ha partecipato attivamente al programma di concessioni ospedaliere in Turchia insieme al partner turco YDA. Questo investimento commerciale ha dato i suoi frutti nel 2011 con la sottoscrizione, ad agosto, del contratto di concessione per la realizzazione, equipaggiamento e gestione del Campus Ospedaliero Universitario Kayseri da 1583 posti letto, suddiviso in 85,2 milioni per progettazione e costruzione dell ospedale e degli altri immobili connessi ed 590,6 milioni (quote Inso) per le gestioni che si svilupperanno per un periodo temporale di 25 anni. Anche nell area dei Territori Francesi d Oltremare è proseguita un intensa attività commerciale con la partecipazione a numerose prequalifiche e gare nel settore ospedaliero e della realizzazione di carceri, alcune di esse ancora in corso o in attesa di esito. In Guadalupe è stata ottenuta l aggiudicazione e sottoscrizione del contratto per la realizzazione dell Ospedale Louis Daniel Beauperthuy, per un valore di 18,7 milioni di euro. 24 Per quanto riguarda l attività svolta nelle altre aree di storica presenza e interesse, in Grecia c è stata la partecipazione ad alcune gare di fornitura tra cui quella per l Ospedale di Patrasso ( 2,7 milioni), aggiudicata ad Inso soltanto nel febbraio dell anno corrente. Relativamente all area mediterranea e del Nord Africa, in Algeria è proseguita la partecipazione a gare e prequalifiche, mentre a Malta la società ha presidiato tramite Ergon Project Ltd. alcune specifiche iniziative, tra le quali la gara per fornitura di strumentazione per il Centro Oncologico ( 2,4 milioni, quota di pertinenza), aggiudicata a Inso a febbraio. L iniziativa estera più significativa intrapresa nel 2011 riguarda però il Qatar, dove è stata presentata un offerta del valore di 311 milioni di $ per l equipaggiamento del Sidra Medical & Research Centre. La gara è arrivata in fase di trattativa finale a inizio 2012 e si è conclusa con l aggiudicazione ad Inso nel febbraio In Italia, pur perdurando la situazione di crisi del settore degli appalti pubblici, Inso ha continuato a presidiare le iniziative nei settori di proprio interesse, ottenendo l aggiudicazione della gara per la realizzazione chiavi in mano di 7 sale operatorie all interno dell edificio Volano Sanitario destinate ad essere il cuore del nuovo Polo Oncologico dell Ospedale di Careggi (Firenze). Si tratta di un appalto integrato che prevede la progettazione e l esecuzione dei lavori di completamento del blocco operatorio per un valore di 6 milioni di euro. Si segnalano inoltre estensioni dei lavori per le concessioni di Careggi ( 8,2 milioni) e Vimercate ( 3,2 milioni). Entrambe le realizzazioni sono in attesa delle dovute

26 formalizzazioni da parte delle rispettive società di progetto; tali ritardi hanno comportato un appesantimento finanziario per Inso che si stima possa rientrare nei prossimi 5/6 mesi in funzione del closing del finanziamento di lungo periodo delle relative società di progetto. 25 Rendering del Campus Ospedaliero di Kayseri, Turchia Tra le principali attività che hanno impegnato la struttura commerciale vi sono i progetti di partenariato pubblico privato. Tra questi si segnala, nel settore infrastrutturale, il progetto di costruzione e gestione People Mover per la realizzazione del collegamento tra l aeroporto e la stazione ferroviaria di Pisa ( 18,6 milioni, quota Inso), dove la società ha ottenuto a marzo dell anno corrente l aggiudicazione provvisoria in ATI con altri primari operatori del settore delle costruzioni e delle infrastrutture. Il risultato delle acquisizioni relative all attività commerciale 2011, concretizzatesi solo nei primi mesi del 2012, e in particolare della commessa del Qatar, rappresenta una evoluzione del portafoglio ordini al , che caratterizza in maniera ancora più marcata la

27 naturale specializzazione aziendale verso la sanità con le forniture che passano dal 3% al 16% e l estero che passa al 63% del totale. PORTAFOGLIO ORDINI AL PER TIPO DI PROGETTO /ML PORTAFOGLIO ORDINI AL PER TIPO DI CONTRATTO /ML STRUMENTAZIONE 283 /ML (16%) COSTRUZIONI / TURN KEY 477 /ML (27%) FORNITURE 283 /ML (16%) APPALTI 369 /ML (21%) GESTIONI /ML (57%) CONCESSIONI /ML (63%) 26 PORTAFOGLIO ORDINI AL PER AREA GEOGRAFICA /ML AMERICA LATINA E CARAIBI 47 /ML (3%) PORTAFOGLIO ORDINI AL PER AREA GEOGRAFICA /ML 760 SOLO LAVORI AMERICA LATINA E CARAIBI 47 /ML (6%) MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 310 /ML (17%) ITALIA 654 /ML (37%) MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 310 /ML (41%) ITALIA 236 / ML (31%) EUROPA 758 /ML(43%) EUROPA 167 /ML (22%) I lavori in corso La produzione nel corso dell esercizio 2011 ammonta a 135 ml, con una flessione rispetto all anno precedente dovuta alla traslazione all anno successivo, per i motivi sopra ricordati, di alcune commesse importanti. Comunque, a fini puramente indicativi, volendo sommare anche i volumi di produzione espressi da Inso, dalla controllata Sof e dalle sussidiarie locali estere, la produzione totale aggregata di Inso si attesterebbe a circa 161 ml.

28 PRODUZIONE 2011 PER AREA GEOGRAFICA /ML 135 PRODUZIONE 2011 PER SETTORE DI ATTIVITA /ML 135 EUROPA 16% ITALIA 49% ALTRI SETTORI 51% AMERICA LATINA E CARAIBI 29% MEDITERRANEO E MIDDLE EAST 6% SANITA 49% Da un punto di vista geografico si nota la diminuzione della produzione Italia a favore di quella derivante da commesse estere, prevalentemente concentrata in Polonia e nell aera caraibica (Martinica e Santa Lucia), che supera oggi il 50% del totale, mantenendosi in valore assoluto sugli stessi livelli dell anno precedente. La composizione dei lavori attesta una flessione delle forniture (dal 12% al 7%) mentre le concessioni rimangono stabili attorno al 20%. All interno di queste, si registra l incremento delle attività di gestione, che oggi rappresentano il 9% della produzione. E da segnalare inoltre l incremento di produzione derivante da progetti di edilizia tecnologica, benché la sanità continui a rappresentare la metà del totale. 27 PRODUZIONE 2011 PER TIPO DI CONTRATTO /ML 135 CONCESSIONI 20% FORNITURE 7% PRODUZIONE 2011 PER TIPO DI PROGETTO /ML 135 STRUMENTAZIONE 7% GESTIONI 9% APPALTI 73% COSTRUZIONI / TURN-KEY 84% Si fornisce una descrizione delle principali operazioni che hanno caratterizzato l esercizio 2011.

29 Concessioni Nell ambito dei contratti di concessione a cui Inso partecipa come socio delle società di progetto (descritte nel seguente capitolo partecipazioni ), nel corso del 2011 sono state sviluppate le seguenti attività, sia esse derivanti dai lavori svolti per la realizzazione degli investimenti, sia nell ambito della gestione dei servizi, per un totale che rappresenta il 20% della produzione complessiva: Per l Ospedale di Vimercate (MI) (Concessionario Vimercate Salute) sono stati eseguiti lavori aggiuntivi, finanziati direttamente dal Concedente e finalizzati a specifiche esigenze di finitura ed integrazione impiantistica e strumentale, nonché interventi di completamento delle aree e finiture di pertinenza del Concessionario, per complessivi 3,9 milioni. Per quanto riguarda le gestioni, il 2011 ha rappresentato l anno di piena attivazione delle attività no-core nell ambito del Contratto di Concessione, che hanno raggiunto una produzione totale di 6,8 milioni. 28 Ospedale di Vimercate, sala d attesa Per l Ospedale S. Giuseppe di Empoli, (Concessionario Empoli Salute spa) si è conclusa la fase di progettazione esecutiva, in cui sono state introdotte, a seguito di richieste del Concedente, varianti per circa 1 milione di euro. Nei primi mesi dell anno è stato poi validato il progetto che permetterà l integrazione alla convenzione e l inizio dei lavori nel primo semestre Riguardo i servizi oggetto della concessione, sono

30 proseguite le attività svolte direttamente dalla società di progetto Empoli Salute, per un importo di 10,3 milioni, dove Inso ha svolto il ruolo di coordinamento delle gestioni e del sistema informativo. Per l Ospedale di Careggi (FI), dove nel corso dell anno sono state affidate a Inso, dalla Società di progetto SENECA, opere complementari per 8,2 milioni, sono stati sostanzialmente ultimati i lavori per la realizzazione della nuova centrale di cogenerazione, con una produzione nell anno di 7,8 milioni. L impianto sarà attivato intorno alla metà del Per gli Ospedali della ASL di Nuoro, che vedono una compartecipazione di Inso e della consortile HBT (partecipata da Inso e Sof), sono state completate da parte di Inso le forniture cosiddette di primo impianto, ed eseguite da parte di HBT le attività di ingegneria clinica e di manutenzioni alle apparecchiature presenti dell azienda sanitaria, per un canone annuo di 4,9 milioni. La produzione complessiva per Inso ammonta a 4,7 milioni. Per il Campus Ospedaliero Universitario di Kayseri, in Turchia (concessionario ATM SAGLIK KAYSERI), il contratto di Concessione è stato sottoscritto in data 10 Agosto 2011 con il dipartimento PPP del Ministero della Sanità per un investimento di oltre 350 milioni di euro totalmente a carico del privato. Nel corso dell esercizio sono state realizzate le opere di cantieramento ed è stata avviata la progettazione preliminare, attualmente in via di approvazione. Parallelamente sono state avviate le procedure per il finanziamento del progetto, sottoscrivendo un contratto di advisoring con BIIS, quale capofila del gruppo di finanziatori che vede partecipi anche IFC, INFRAMED e SACE. 29 Appalti Per il settore riferito agli appalti di lavori in Italia segnaliamo la conclusione dei lavori relativi alla ristrutturazione del pronto soccorso dell ospedale S. Donato di Arezzo, che ha registrato una produzione di 3,9 milioni ed è stato inaugurato nel mese di Dicembre. Sempre in Toscana, all interno dell ospedale di Careggi (Firenze), i lavori relativi all edifico ad alto contenuto tecnologico denominato Volano Sanitario hanno fruttato una produzione di 1,4 milioni, mentre all Ospedale di Cisanello (Pisa) si registra la conclusione effettiva dei lavori per il Dipartimento Emergenza e pronto soccorso ( 1,2 milioni). E stata inoltre avviata la commessa per la Radioterapia dell ospedale di Montevarchi (Arezzo) con una produzione di 1,1 milioni. Per quanto concerne la Cantina Antinori di Bargino (Firenze), dove Inso è subentrata

31 a Consorzio Etruria nel mese di Giugno e che rappresenta un vanto per l alto pregio architettonico e tecnologico dell opera, la produzione è stata di 21 milioni. Infine a Urbino, i lavori per la realizzazione della R.S.A. Il Padiglione sono arrivati alla fase finale, con una produzione di 2,6 milioni. Riguardo al Palazzo di Giustizia di Firenze, dove sono già stati ultimati e consegnati i lavori del I e II lotto, il 2011 ha visto l effettivo avvio della manutenzione triennale prevista dai due contratti di appalto, anche se le attività di manutenzione del I lotto sarebbero dovute decorrere dal collaudo dell opera avvenuto nel Il ritardo nella presa in consegna da parte del Comune di Firenze potrebbe dar luogo ad un ulteriore contenzioso, oltre agli altri già attivati sia davanti al Tribunale Civile, sia al TAR, i cui primi dibattimenti dovrebbero effettuarsi entro la fine dell anno. 30 Per quanto riguarda gli appalti all estero, nel corso del 2011 è proseguito il grande impulso derivante dalle commesse dell Area Caraibica. In Martinica, sono state quasi ultimate le facciate continue in vetro della torre del Business Centre Pointe Simone e si registra un buon avanzamento anche dei lavori relativi alla finitura degli appartamenti e alla struttura della parte adibita ad hotel. La produzione complessiva è di 24 milioni. Sempre nei DOM-TOM francesi, in Guadalupe è stata avviata la realizzazione delle opere strutturali dell ospedale di Beauperthuy ( 1,7 milioni), mentre per l ospedale di Raizet l inizio dei lavori è stato avviato nello scorso mese di marzo. A Santa Lucia, è in corso la realizzazione delle opere interne ed esterne di finitura del nuovo ospedale nazionale da 130 posti letto finanziato dalla Comunità Europea, per una produzione di 11 milioni. Business Centre Pointe Simon, appartamenti - Martinica

32 In Grecia, è stato completato e collaudato il Poliambulatorio di Kallicratia e consegnato per l uso al Committente in ottobre, mentre, a causa della sospensione per ritardo dei pagamenti, sono proseguiti a rilento i lavori per l Ospedale di Zacinto con una produzione complessiva di circa 1,2 milioni. Sul fronte dei nuovi lavori iniziati nell anno si deve citare, prima fra tutte, la commessa in Polonia per la realizzazione della torre Zlota 44, il grattacielo alto 200 metri situato nel centro di Varsavia, ove in soli 12 mesi è stata completata la struttura in cemento armato realizzando una produzione di 17,2 milioni, mentre in Algeria è iniziata la realizzazione dell ospedale di Laghouat con una produzione di 3,4 milioni. Forniture Nel corso dell anno le forniture hanno riscontrato una riduzione di fatturato rispetto alla previsioni attestandosi in 9,8 milioni, soprattutto a causa delle commesse in Siria, rallentate per l instabilità politica venutasi a creare nel paese. Nei primi mesi dell anno sono proseguite parzialmente le manutenzioni contrattuali nell Ospedale di Al-Marah, inaugurato a inizio 2010, e nell Ospedale Pediatrico di Al-Tawleed, ma a partire dall autunno tali attività sono state sospese, in attesa che la situazione presenti un maggior grado di sicurezza. Nell ambito del contratto per la fornitura delle apparecchiature per 6 Ospedali Rurali da 60 letti ciascuno, dislocati nell area geografica intorno a Damasco, restano da completare 4 dei 6 ospedali ma non è stato possibile proseguire l installazione delle apparecchiature, tutte ormai consegnate, perché alcune zone risultano praticamente interdette. 31 Per quanto riguarda gli altri paesi, in Albania è stata completata la fornitura delle apparecchiature destinate all Ospedale Madre Teresa, costruito da Inso, ed è iniziata la fase di garanzia contrattuale. Inoltre sono proseguite le attività contrattuali relative alla garanzia in Grecia per le forniture e installazioni delle apparecchiature medicali negli Ospedali di Kerkyra, Katerini e Kamena Vourla. Partecipazioni L attività di Inso si sviluppa anche attraverso le partecipazioni societarie. Tra queste elenchiamo quelle con attività particolarmente meritevole di menzione, suddividendole per tipologia:

33 1. società di particolare interesse strategico e sinergico per Inso: 32 Sof S.p.a (partecipazione del 100%) L attività di Sof nell esercizio 2011 ha permesso di caratterizzare meglio la missione della società, orientandola maggiormente al facility management, soprattutto attraverso servizi complessi di global service, con una quota che ha raggiunto il 72% del fatturato totale. La società ha inoltre allargato la sua rete commerciale e produttiva ed è oggi presente in sei regioni italiane con attività di servizi o di realizzazione di impianti. L esercizio 2011 si è chiuso con una produzione complessiva di circa 23 milioni ed un utile d esercizio di circa 1 milione, con previsione di distribuzione di dividendi per Il portafoglio ordini al 31/12/10 ammontava a 140 milioni di cui 17,1 relativi al Questi dati confermano la stabilità dell azienda che nell ultimo triennio ha sempre mantenuto un fatturato oltre i 20 milioni di euro, con un Ebitda di circa l 11%. Seppur in misura più limitata rispetto ad Inso, anche Sof ha risentito di una restrizione di linee di credito di alcuni istituti finanziari, anche se non si è reso necessario estendere l accordo di ristrutturazione del debito ex art. 67, L.F. che ha invece interessato Inso. SOF SPA - CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO (valori in migliaia di euro) Bilancio al Bilancio al Bilancio al Bilancio al Bilancio al VALORE DELLA PRODUZIONE ,0% ,0% ,0% ,0% ,0% Costi della Produzione (3.922) 66,5% (7.187) 71,8% (14.995) 74,6% (18.983) 74,0% (16.550) 70,9% VALORE AGGIUNTO ,5% ,2% ,4% ,0% ,1% Costi per il personale (1.237) 21,0% (1.665) 16,6% (2.598) 12,9% (3.849) 15,0% (4.520) 19,4% Altri costi operativi (36) 0,6% (34) 0,3% (40) 0,2% (41) 0,2% (41) 0,2% EBITDA ,0% ,3% ,3% ,9% ,5% Ammortamenti (16) 0,3% (70) 0,7% (67) 0,3% (212) 0,8% (198) 0,8% Accantonamenti 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% (200) 0,8% 0 0,0% Svalutazioni (22) 0,4% (41) 0,4% (87) 0,4% (122) 0,5% (130) 0,6% EBIT ,3% ,2% ,5% ,8% ,1% Proventi ed oneri finanziari netti (7) 0,1% (96) 1,0% (148) 0,7% (146) 0,6% (181) 0,8% Proventi da Partecipazioni 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% 0 0,0% Proventi ed oneri straordinari (2) 0,0% (20) -0,2% (24) -0,1% 22 0,1% 53 0,2% EBT ,2% 902 9,0% ,6% ,3% ,6% Imposte sul reddito d'esercizio (314) -5,3% (367) -3,7% (787) -3,9% (906) -3,5% (734) -3,1% UTILE D ESERCIZIO 345 5,8% 535 5,3% ,7% ,8% ,4%

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Milano, 2 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Perdita consolidata pari ad euro 27,5 milioni di euro a fronte dell utile di 228,1 milioni di

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 213 Sommario IL MERCATO DEL PROJECT

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni. Società del gruppo Toscana Gas

TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni. Società del gruppo Toscana Gas TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni Società del gruppo Toscana Gas con sede legale in Via Bellatalla n.1, fraz. Ospedaletto Pisa Capitale sociale 2.582.284 i.v.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Project financing & Leasing in costruendo

Project financing & Leasing in costruendo Project financing & Leasing in costruendo Aspetti tecnici, giuridici ed economici della finanza di progetto e della locazione finanziaria pubblica aggiornati al terzo correttivo al Codice degli appalti

Dettagli

GRUPPO BASTOGI RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2002. (approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 11 novembre 2002)

GRUPPO BASTOGI RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2002. (approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 11 novembre 2002) GRUPPO BASTOGI RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2002 (approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 11 novembre 2002) RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO BASTOGI AL

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

L Approccio con il cliente si caratterizza per:

L Approccio con il cliente si caratterizza per: TMFA: PROFESSIONISTI ASSOCIATI Storia TMFA nasce come associazione professionale su iniziativa dei suoi fondatori attivi già nei settori della consulenza fiscale, legale, tributaria e del lavoro. L unione

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Di seguito è riportata una selezione dei dati di bilancio di maggiore rilievo.

Di seguito è riportata una selezione dei dati di bilancio di maggiore rilievo. Approvato il progetto di bilancio al 31/12/2003 con un valore della produzione di 28 Milioni di Euro e ricavi per 25 Milioni di Euro. Considerevole miglioramento di EBITDA (+52%) ed EBIT (+53%) rispetto

Dettagli

"PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013" Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2013 Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro Dal project Financing al Facility Management territorale : l esperienza della ASL di Nuoro CONTESTO PATRIMONIALE QUO ANTE TIPOLOGIA DELL INTERVENTO: Progettazione, riqualificazione e ampliamento delle

Dettagli

ASSICURAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ NEL CONSORZIO COOPERATIVE COSTRUZIONI 1

ASSICURAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ NEL CONSORZIO COOPERATIVE COSTRUZIONI 1 ASSICURAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ NEL CONSORZIO COOPERATIVE COSTRUZIONI 1 Dino Bogazzi Direttore Qualità e Organizzazione - Consorzio Cooperative Costruzioni 1. Premessa I consorzi fra cooperative

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA PROCEDURA DI GARA APERTA COL SISTEMA DELLA FINANZA DI PROGETTO AI SENSI DEGLI ARTT.153 E SEGUENTI DEL D.LGS. 163/06 E SS.MM.II. PER L AFFIDAMENTO IN

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 232/E

RISOLUZIONE N. 232/E RISOLUZIONE N. 232/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,22 agosto 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 109, comma 1, del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 Costi deducibili ALFA S.p.A- Con l

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013 AGENZIA DI SVILUPPO AR.ME.NA. S.P.A. Sede legale: PIAZZA MATTEOTTI N.1 NAPOLI (NA) Iscritta al Registro Imprese di NAPOLI C.F. e numero iscrizione: 05784341215 Iscritta al R.E.A. di NAPOLI n. 775540 Capitale

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani.

Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. Lavori Servizi Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. CHI SIAMO Il Consorzio Italwork consta oggi di 400 risorse, di cui fanno parte professioni

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI

GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI Hub aeroportuale - allacciamenti metro Parma Sistema di trasporto rapido di massa a guida vincolata per la città di Parma SCHEDA N. 147 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

Gruppo ACTELIOS. Relazione trimestrale al 31 marzo 2007. Consiglio di Amministrazione Milano, 8 maggio 2007

Gruppo ACTELIOS. Relazione trimestrale al 31 marzo 2007. Consiglio di Amministrazione Milano, 8 maggio 2007 Gruppo ACTELIOS Relazione trimestrale al 31 marzo 2007 Consiglio di Amministrazione Milano, 8 maggio 2007 ACTELIOS SpA Capitale sociale Euro 67.680.000 int. versato Sede legale e domicilio fiscale 20121

Dettagli

AVVISO n.1445 01 Febbraio 2006 MTA Standard 1

AVVISO n.1445 01 Febbraio 2006 MTA Standard 1 AVVISO n.1445 01 Febbraio 2006 MTA Standard 1 Mittente del comunicato : GARBOLI Societa' oggetto : GARBOLI dell'avviso Oggetto : Comunicazione periodica informazioni gestionali Testo del comunicato Si

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO UFFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA UFFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Università degli Studi di Ferrara RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO UFFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA UFFICIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA DI LAVORI - CONTRATTO APERTO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA NON PROGRAMMATA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA ANNO 2009 CODICE CIG: 0274255262

Dettagli

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012

Elenco Intermediari operanti nel settore finanziario n. 27193. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31.12.2012 CITHEF S.C. a R.L. Sede Legale: Via Santa Lucia, 81 80132 Napoli Capitale Sociale:euro 610.330 i.v. R.E.A. Napoli n.507434 Registro Imprese di Napoli e C.F. 06629110633 Elenco Intermediari operanti nel

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 629 DEL 26/08/2013

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 629 DEL 26/08/2013 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 629 DEL 26/08/2013 OGGETTO: Proroga tecnica rapporto contrattuale

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO ATLANTIC 1

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO ATLANTIC 1 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO ATLANTIC 1 FIRST ATLANTIC RE SGR S.P.A. UNIPERSONALE Galleria Sala dei Longobardi, 2-20121 Milano

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009

Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009 Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2009 Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano 1 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31.03.2009 Indice 1. Le cariche sociali di Retelit S.p.A. pag. 3 2. Lettera

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Preventivo 2011: aggiornamento

Preventivo 2011: aggiornamento Progett bilancio 2010 Preventivo 2011: aggiornamento - 1 - Indice Premessa...3 Conto economico...3 Piano degli investimenti...6 Quadro riassuntivo interventi economici...9 Preventivo aggiornato 2011...11

Dettagli

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI Workshop Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie. I contratti di rendimento energetico come strumenti/ opportunità di efficientamento energetico nelle strutture

Dettagli

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale.

I soci di AUDITA sono orientati ad un profondo rispetto dei valori della deontologia professionale. P R E S E N TA Z I O N E AUDITA è una Società di Revisione e Organizzazione Contabile nata nel 2011 su iniziativa di sei professionisti del settore. Opera su tutto il territorio nazionale con la priorità

Dettagli

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI Workshop E.S.Co. ed efficientamento energetico degli edifici: un opportunità per gli operatori pubblici e privati Trieste, 13 febbraio 2014 AREA Science Park Campus di Padriciano Centro Congressi I contratti

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

Emanato con DD 04047(308).I.3.18.11.13 Rep Albo on line 00289.I.3.18.11.13

Emanato con DD 04047(308).I.3.18.11.13 Rep Albo on line 00289.I.3.18.11.13 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITA... 1 Titolo I - FINALITA E PRINCIPI... 2 Articolo 1 - Principi Generali...

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ASTALDI: AL 30 GIUGNO 2012, UTILE NETTO +13,6% A 39,8 MILIONI DI EURO RICAVI TOTALI +7,5% A 1,2 MILIARDI DI EURO

COMUNICATO STAMPA ASTALDI: AL 30 GIUGNO 2012, UTILE NETTO +13,6% A 39,8 MILIONI DI EURO RICAVI TOTALI +7,5% A 1,2 MILIARDI DI EURO COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione della Astaldi ha approvato i risultati del primo semestre 2012 ASTALDI: AL 30 GIUGNO 2012, UTILE NETTO +13,6% A 39,8 MILIONI DI EURO RICAVI TOTALI +7,5%

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI OGGETTO Fornitura professionale di manodopera a termine COMMITTENTE/CONTRAENTE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Area 02 Organizzazione e sviluppo Dott.ssa Marte Guglielmi DEFINIZIONI

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI LETOJANNI (Provincia di Messina) BANDO DI GARA CODICE C.I.G.: 5768296471. Codice CUP: E33G14000050005

COMUNE DI LETOJANNI (Provincia di Messina) BANDO DI GARA CODICE C.I.G.: 5768296471. Codice CUP: E33G14000050005 COMUNE DI LETOJANNI (Provincia di Messina) BANDO DI GARA CODICE C.I.G.: 5768296471 Codice CUP: E33G14000050005 Ai sensi e per gli effetti dell art. 153, comma 19, del D. Lgs. 163/2006 e s.mi, in esecuzione

Dettagli

DEFINIZIONI. a cura del soggetto incaricato dell offerta, convenzionato con SelmaBipiemme Leasing S.p.A..

DEFINIZIONI. a cura del soggetto incaricato dell offerta, convenzionato con SelmaBipiemme Leasing S.p.A.. LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO DEFINIZIONI concedente: Intermediario Bancario o Finanziario creditore che concede il bene in locazione finanziaria; utilizzatore:

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi

PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi DIPE Unità Tecnica Finanza di Progetto PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi MASTER DIFFUSO Roma, 12-15 15 Maggio 2008 1 UTFP : Linee di attività L Unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) è

Dettagli

Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007

Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007 Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007 Bologna, 15 maggio 2007 Monrif S.p.A Sede in Bologna - Via Enrico Mattei n. 106 Capitale sociale 78.000.000 interamente versato Registro Imprese di

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA. la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193,

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA. la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193, SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193, codice fiscale e Partita IVA 07019070015, in persona del suo legale rappresentante, nato

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona 8/10/2010 Eduardo Gugliotta Il Mutuo Energetico - Supporto finanziario agli investimenti nelle Energie Rinnovabili Eduardo Gugliotta Natura

Dettagli

Relazione Trimestrale del Consiglio di Amministrazione sulla gestione al 30 settembre 2006

Relazione Trimestrale del Consiglio di Amministrazione sulla gestione al 30 settembre 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2006 Relazione Trimestrale del Consiglio di Amministrazione sulla gestione al 30 settembre 2006 Andamento economico dei primi nove mesi La relazione

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Assistenza al Credito

Assistenza al Credito Assistenza al Credito GUIDA PRATICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 2 Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio di banche nato per semplificare l uso dei prodotti bancari e migliorare le conoscenze finanziarie

Dettagli

COMUNE ACQUI TERME (AL)

COMUNE ACQUI TERME (AL) COMUNE ACQUI TERME (AL) INTEGRAZIONE SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO CITTADINO CON ANNESSO POLO TECNOLOGICO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA, A SERVIZIO DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA O PERTINENZA

Dettagli

Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015

Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015 Piano economico e finanziario 2013 e previsioni anni 2014 e 2015 SCENARIO DI RIFERIMENTO La crescita, a livello globale, continua a rallentare e tutte le principali istituzioni economiche mondiali stanno

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI **************

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI ************** Comune di Isili Provincia di Cagliari 08033 Piazza San Giuseppe n.6 P.I. 00159990910 Tel.0782/804460-804461 Fax 0782/804469 Email affarigenerali@comune.isili.ca.it Pec protocollo.isili@pec.comunas.it UNITA

Dettagli

OSPEDALE SAN JACOPO. Il Governo dei Servizi di Facility Management

OSPEDALE SAN JACOPO. Il Governo dei Servizi di Facility Management OSPEDALE Il Governo dei Servizi di Facility Management 0 La Regione Toscana ha in atto una riorganizzazione della rete ospedaliera finalizzata a offrire servizi sanitari di qualità con strutture più funzionali

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Servizio per la fornitura di prestazioni di radioterapia su pazienti in trattamento presso l Istituto Oncologico Veneto. * * * * * * CIG N.1136442D97

Dettagli

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi.

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEL BANDO 1) Come presentare un progetto sul bando Nutrire il pianeta 2014 Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. Fase 1 Nella prima fase

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

Modello proposto da ANCE per l'intervento coordinato in Algeria

Modello proposto da ANCE per l'intervento coordinato in Algeria Modello proposto da ANCE per l'intervento coordinato in Algeria Nella riunione svoltasi a Roma presso l'ance sono state illustrate alle imprese partecipanti alcune linee guida per chi fosse interessato

Dettagli

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate:

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate: COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS RIORGANIZZA L INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE, AGGIORNA IL PIANO STRATEGICO 2009-2011 E LANCIA UN NUOVO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Conversione al modello del franchising

Dettagli

I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA. Servizi

I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:10388-2011:text:it:html I-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2011/S 7-010388 BANDO DI GARA Servizi SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CIVITAVECCHIA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CIVITAVECCHIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CIVITAVECCHIA RELAZIONE DEL COMMISSARIO AL BILANCIO CONSUNTIVO 2013 COMPRENSIVA DELLA RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA SVOLTE (art.13 comma

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 4 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 NOZIONE Il Project Financing (PF) è un operazione di finanziamento tesa

Dettagli

IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA NEI PRIMI 8 MESI DEL 2009

IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA NEI PRIMI 8 MESI DEL 2009 IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA NEI PRIMI 8 MESI DEL Estratto dall'osservatorio Congiunturale sull'industria delle costruzioni - Novembre NEI PRIMI 8 MESI DEL Le L analisi dei bandi di gara

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PREMESSO CHE: - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA GRAZIE ALL EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

Comune di Oppeano. Provincia di Verona C.F. 80030260238 P.IVA 01536590233

Comune di Oppeano. Provincia di Verona C.F. 80030260238 P.IVA 01536590233 Prot. n. 12715 BANDO DI GARA PER L'AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLA COPERTURA DEGLI EDIFICI COMUNALI CON FINANZIAMENTO A MEZZO LEASING IMMOBILIARE SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RETELIT: APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA RETELIT: APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 Milano, 7 novembre 2014 COMUNICATO STAMPA RETELIT: APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 Il Gruppo chiude

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 30 Seduta del 02/03/2015 All. 2 OGGETTO:

Dettagli

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico

Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il caso pratico 45 di Laura Corsi Finanza agevolata per le imprese Ricerca e sviluppo Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il presente articolo analizza il caso di una società lombarda

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017)

PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017) PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017) Relazione triennale di attività e di promozione industriale (2015-2016-2017) Piano economico preventivo pluriennale (2015-2016-

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE A cura di Maria Cristina Colombo professore a contratto al Politecnico di Milano - avvocato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

Evoluzione del settore delle costruzioni

Evoluzione del settore delle costruzioni Il Progetto normativo Evoluzione del settore delle costruzioni Nell ultimo ventennio profonde mutazioni della struttura del processo edilizio dovute a: evoluzione del quadro normativo (naz. ed intern.)

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino Ufficio Patrimonio e-mail contratti@comune.volvera.to.it BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA CASTAGNOLE

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO ! Caratteristiche del Master Titolo del Master universitario: Livello: CONSTRUCTION MANAGEMENT (Gestione dei Processi Costruttivi e dei Cantieri) I Anno di attivazione: 2003 Facoltà: VI Facoltà di Ingegneria

Dettagli

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE Project Finance Infrastructure Finance General contracting Corporate Finance Consulenza Strutturazione di fonti di debito e consulenza per: progetti di infrastrutture

Dettagli