Fabbisogno professionale e formativo dei servizi linguistici nelle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabbisogno professionale e formativo dei servizi linguistici nelle imprese"

Transcript

1 Fabbisogno professionale e formativo dei servizi linguistici nelle imprese Progetto FSE Comunicazione d impresa: verso nuovi orizzonti competitivi (2/211/2010) Progetto realizzato grazie al finanziamento dell Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Provincia autonoma di Bolzano. 1

2 Indice 1. Introduzione Accogliere in tirocinio studenti e laureati Il tirocinio a studenti/laureati in lingue/traduzione Il tirocinio a studenti/laureati stranieri Come offrire un posto di tirocinio L importanza di conoscere le lingue Promozione della formazione linguistica Formazione linguistica formale Formazione linguistica informale Traduzioni Formare il proprio personale Traduttori/interpreti in-house Traduttori/interpreti esterni (outsourcing) Strumenti software Traduttori automatici Memorie di traduzione (translation memory) Sistemi per assicurare la qualità (sistemi QA) Glossari Per quale motivo è importante la terminologia? Come organizzare la terminologia? Fabbisogno formativo Riferimenti Contatti

3 Se non si assumono le persone giuste [ ] e non si provvede alla loro formazione e se non ci si concentra sul modo in cui generare percezione positiva dell azienda sul mercato, nemmeno un ottimo rapporto qualità/prezzo garantirà risultati brillanti nel settore delle esportazioni. (La guida linguistica delle imprese europee 2011: 12) 3

4 1. Introduzione Molte aziende altoatesine sono quotidianamente chiamate a comunicare e, spesso, anche a gestire le proprie attività, nelle due lingue ufficiali della Provincia. Rispetto alle aziende concorrenti site in zone monolingui, le aziende altoatesine devono dunque interrogarsi sul concetto di lingua e su come gestirla già solo per operare a livello locale. A ciò si aggiungono frequenti contatti con l estero per le ditte che importano e/o esportano i propri prodotti. Se dal mercato locale si passa poi a mercati esterni all area italofona e germanofona, si rende ancor più necessario sviluppare una strategia per gestire al meglio eventuali diversità linguistiche e culturali e, in generale, la propria conoscenza aziendale. Le barriere linguistiche e interculturali rappresentano infatti un ostacolo notevole al commercio. A tal riguardo lo studio ELAN (2006: 5) condotto su circa 2000 PMI dell Unione europea attesta che in Europa l 11% delle aziende intervistate (195 PMI) ha affermato di aver perso un contratto per mancanza di competenze linguistiche. Data la particolare situazione territoriale e linguistica della Provincia Autonoma di Bolzano, le imprese altoatesine dovrebbero pertanto partire da una posizione avvantaggiata rispetto alle imprese collocate fuori Provincia. In particolare, grazie al vantaggio competitivo del bilinguismo dovrebbero essere in grado di cogliere più facilmente le opportunità che offre il mercato internazionale. Purtroppo, anche nel corso della presente indagine si è confermato che il potenziale linguistico delle aziende altoatesine sembra non essere pienamente sfruttato. Inoltre, l alto volume di documentazione interna ed esterna (manuali, siti web, contratti, rapporti, bilanci, ecc.), nonché la quantità di traduzioni di ogni tipo che le aziende debbono gestire, pone delle notevoli sfide in chiave di gestione della conoscenza, che andrebbe razionalizzata e organizzata secondo linee guida chiare, univoche e coerenti, al fine di ottimizzare e velocizzare la comunicazione e i processi aziendali, ma anche di proiettare un immagine forte e unitaria dell azienda verso l esterno. Le presenti linee guida sono state realizzate nell ambito del progetto FSE condotto da EURAC e TIS Comunicazione d impresa: verso nuovi orizzonti competitivi 1 (fasc. n. 2/211/2010) con l obiettivo di proporre soluzioni e strategie per problemi legati alla gestione del multilinguismo, della traduzione e della terminologia all interno delle imprese altoatesine. La proposte si basano sui risultati di un sondaggio online a cui hanno risposto 443 imprese altoatesine tra l inverno del 2012 e la primavera dell anno seguente. I dati raccolti indicano che la comunicazione e il trasferimento di conoscenza in Alto Adige andrebbero potenziati e che la gestione multilingue della conoscenza potrebbe avvenire in maniera più efficiente. La 1 Il progetto è stato realizzato grazie al finanziamento dell Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Provincia autonoma di Bolzano. Per maggiori informazioni consultare 4

5 guida intende dunque offrire raccomandazioni pratiche su come affrontare alcune sfide relative al multilinguismo e alla comunicazione, in particolare in merito a: i tirocini per studenti e laureati, l importanza di conoscere le lingue per svolgere le proprie attività, la promozione della formazione linguistica in azienda, il processo di traduzione, gli strumenti software di supporto al processo traduttivo e comunicativo, i glossari multilingui e la gestione della terminologia aziendale. Per la redazione della guida si è tenuto conto anche di alcuni studi precedentemente condotti in altre zone nell ambito della gestione linguistica e documentativa nelle imprese (vedi cap. 9). 5

6 2. Accogliere in tirocinio studenti e laureati Oltre la metà delle aziende che hanno partecipato al sondaggio online afferma di aprirsi al pubblico, ad esempio per promuovere le proprie attività, accogliere studenti, ecc. In particolare, accogliere in tirocinio studenti o neolaureati può presentare notevoli vantaggi per l azienda, poiché permette di: assegnare al tirocinante diverse attività di supporto che il personale aziendale deve rimandare per mancanza di tempo o risorse (es. sistematizzazione e aggiornamento di archivi cartacei e/o elettronici, ecc.); cogliere l opportunità di individuare potenziali candidati all assunzione valutandone le abilità, le competenze tecniche e relazionali; avere l occasione per attingere al potenziale ancora intatto di innovazione, creatività e motivazione presente nei giovani ancora inseriti nell ambiente formativo, contribuendo al contempo ad un efficace azione culturale di integrazione e scambio con il mondo formativo (Il manuale del tirocinio: 9); promuovere l immagine dell azienda, presentando le proprie attività e stringendo rapporti con i giovani, la forza lavoro del futuro. Per ottimizzare le modalità comunicative dell azienda in chiave multilingue e interculturale, è consigliabile offrire tirocini a studenti/laureandi o neolaureati in lingue/traduzione o a studenti stranieri. Ciò vale sia per le aziende piccole che non hanno la possibilità di impiegare personale con una formazione specifica, sia per quelle un po più grandi che si sono dotate di un responsabile o di un team addetto alla comunicazione, a cui tuttavia mancano specifiche competenze traduttive, di mediazione culturale e di gestione della terminologia aziendale Il tirocinio a studenti/laureati in lingue/traduzione Uno studente (es. laureando) o un laureato in lingue/traduzione 2 porta all azienda le competenze linguistiche acquisite durante lo studio e l informazione e la competenza nell uso 2 In merito ai tirocini, la riforma universitaria (DM 509/99) prevede delle attività formative volte ad acquisire ulteriori conoscenze linguistiche, nonché abilità informatiche e telematiche, relazionali, o comunque utili per l inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso, tra cui, in particolare, i tirocini formativi e di orientamento [ ] (DM 509/99, art. 10, co. 1, lett. f). In questo senso l Università fornisce alle aziende interessate una selezione dei profili professionali ricercati. Solitamente viene redatta una convenzione tra l Università e l azienda ospitante in cui vengono definiti una serie di criteri (es. progetto formativo, durata del tirocinio, copertura assicurativa, ecc.). 6

7 di tecnologie più avanzate per la professione (Progetto ELIA 2012: 8). L azienda può dunque avvalersi di simili figure, soprattutto per: redigere testi nella propria lingua e/o tradurre in diverse lingue; rivedere, ottimizzare o redigere la manualistica (in cooperazione con i tecnici); localizzare le pagine web e qualsiasi altro materiale per il mercato di destinazione; assistere in qualità di mediatore le interazioni verbali tra il personale aziendale e gli interlocutori stranieri; sistematizzare la documentazione e la terminologia aziendale; far conoscere all azienda i più moderni strumenti software di supporto alla traduzione e al controllo della qualità dei testi Il tirocinio a studenti/laureati stranieri Secondo alcuni studi europei 3, molte imprese dell UE offrono tirocini, in particolare a studenti stranieri 4. L offerta di tirocinio a questo tipo di destinatari può contribuire all apertura di nuovi mercati e allo sviluppo di un atteggiamento positivo del personale aziendale in un ottica di interculturalità. In tal senso l impresa ospitante può: entrare in contatto con i programmi europei e con le opportunità fornite da questo tipo di finanziamenti. Ad esempio, il programma Leonardo da Vinci 5 copre i costi di vitto, alloggio e assicurazione degli studenti per tutta la durata del tirocinio, nonché i costi di trasporto verso la destinazione del tirocinio (andata e ritorno), ecc.; arricchire il proprio team e confrontarsi con le realtà di altri Paesi; introdurre nuove competenze linguistiche; fare rete con aziende in tutta Europa; 3 Tra cui lo studio PIMLICO (2011) e La guida linguistica per le imprese europee (2011: 21). 4 Per quanto riguarda l offerta di tirocinio a studenti stranieri extracomunitari vale l art. 27, lett. f del DLgs 286/1998: [I]l regolamento di attuazione disciplina particolari modalità e termini per il rilascio delle autorizzazioni al lavoro, dei visti di ingresso e dei permessi di soggiorno per lavoro subordinato, per ognuna delle seguenti categorie di lavoratori stranieri: [ ] f) persone che, autorizzate a soggiornare per motivi di formazione professionale, svolgano periodi temporanei di addestramento presso datori di lavoro italiani, effettuando anche prestazioni che rientrano nell ambito del lavoro subordinato [ ]. 5 7

8 internazionalizzarsi, compiendo un processo importante sia per le imprese locali in fase di crescita sia per lo sviluppo del territorio in generale. Offrire un tirocinio a studenti stranieri e/o a studenti/neolaureati in lingue/traduzione può costituire un valore aggiunto per l azienda in termini di strategia linguistica e interculturale Come offrire un posto di tirocinio L azienda che desideri inserire nuove risorse attraverso l esperienza del tirocinio può: contattare le Università (es. rivolgersi a enti di formazione che organizzano corsi finanziati dal Fondo Sociale Europeo; registrarsi nella banca dati tirocini della Camera di Commercio della Provincia Autonoma di Bolzano (http://www.camcom.bz.it/it- IT/IRE/Scuola_ed_economia/banca_dati_tirocini.html?search=stage&idblock=1039); consultare l Ufficio Servizio lavoro della Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige (categoria Tirocini di formazione e di orientamento : 8

9 3. L importanza di conoscere le lingue Secondo lo studio ELAN, tra le quasi 200 imprese che hanno dovuto rinunciare a potenziali contratti a causa della manca[ta conoscenza] di lingue straniere, 37 attribuivano ai contratti sfumati un valore compreso fra 8 milioni e 13,5 milioni di euro. Altre 54 imprese si erano lasciate sfuggire contratti per un valore compreso fra 16,5 milioni e 25,3 milioni di euro e dieci imprese [contratti] per un valore superiore a un milione di euro. (La guida linguistica per le imprese europee 2011: 4) I rispondenti al sondaggio online che lavorano prevalentemente con il mercato italiano e con i mercati dell area tedescofona ritengono molto importante la conoscenza della seconda lingua e meno significativa la conoscenza di lingue straniere. Al contrario, le aziende che operano in mercati esterni all area italofona e germanofona conferiscono un importanza nettamente maggiore alla conoscenza delle lingue straniere. Proprio questo tipo di azienda si avvale di collaboratori di lingua straniera a seconda del mercato di destinazione. La strategia adottata da questo tipo di aziende rientra nelle buone prassi delle imprese europee (vedi studio ELAN 2006): per operare in contesti diversi dal proprio occorre essere consapevoli delle differenze culturali, che non si limitano solo al livello interpersonale ed interazionale, ma comprendono anche lo stile e la concezione dei processi aziendali. Ad esempio, il modo in cui è impiegata la grafica o la scelta di un determinato nome per un dato prodotto potrebbero essere fattori sensibili da un punto di vista culturale. Esigenze linguistiche e culturali possono presentarsi in varie situazioni, come ad esempio per (La guida linguistica per le imprese europee 2011: 5): la redazione delle pagine web dell azienda; la comprensione della legislazione e della normativa locale; la presentazione di offerte per appalti pubblici e altri tipi di contratti; la redazione di contratti in uno stile adeguato e in conformità alle normative del mercato di destinazione; la pubblicità e le campagne di lancio dei prodotti all estero; la conduzione di trattative su progetti e iniziative comuni; In questo senso, la presenza di stranieri in azienda può favorire lo sviluppo di competenze linguistiche, una maggiore attenzione verso gli aspetti del multilinguismo e dell interculturalità e il rispetto tra colleghi di diverso background culturale. 9

10 Tuttavia, laddove per varie ragioni risulti difficile assumere personale madrelingua dei Paesi in cui l azienda opera, è consigliabile accogliere laureati in lingue/traduzione in possesso delle competenze linguistiche necessarie. Questo tipo di figura, oltre ad assolvere mansioni di cui al punto 2.1, può aiutare l azienda a verificare l adeguatezza linguistica e culturale della documentazione commerciale e pubblicitaria, della corrispondenza, del materiale da mettere a disposizione in caso di visita aziendale (e occuparsi della relativa accoglienza), verificare la conformità dei testi alle normative locali, ecc. Assumere personale madrelingua e/o laureati in lingue/traduzione può fare la differenza! Secondo La guida linguistica delle imprese europee (2011: 20), assumere questo tipo di figure porta ad un tasso di esportazione notevolmente maggiore rispetto alle imprese che non adottano questa strategia (pari al 23% di esportazioni in più). 10

11 4. Promozione della formazione linguistica La maggior parte delle aziende altoatesine indagate non organizza corsi per migliorare le competenze linguistiche e/o comunicative dei propri collaboratori; il dato è in linea con i risultati emersi dallo studio ELAN (2006: 42) in cui solo il 35% delle imprese europee organizza corsi di lingua per il proprio personale e con lo studio condotto dalla Camera di Commercio di Bolzano nel 2011 (Laboratorio sul futuro 2012). Nella ricerca relativa alle Competenze linguistiche sul mercato del lavoro in Alto Adige (2009: 24) tale situazione si spiega con il fatto che nelle aziende altoatesine sono presenti un certo numero di realtà monolingui: la distribuzione geografica delle aziende (centri cittadini vs. periferia) e la scarsa mobilità dei lavoratori determinano la localizzazione delle aziende in comuni in cui si parlano prevalentemente l italiano o il tedesco e favoriscono l assunzione di personale della stessa madrelingua. Anche il mercato di destinazione svolge in questo contesto un ruolo non indifferente. Spesso, infatti, le aziende caratterizzate da una realtà monolingue operano anche in mercati linguisticamente uniformi (Ibid. 2009: 33): le aziende di lingua tedesca si rivolgono ai mercati germanofoni, quelle italiane e ladine puntano maggiormente al mercato italiano (Ibid. 2009: 35). A questo quadro si aggiunge un ulteriore considerazione: le imprese sono sì consce della necessità di investire nella formazione di competenze linguistiche, ma tendono a non adottare le iniziative necessarie per colmare questo fabbisogno, accontentandosi di quanto fornito dal sistema di istruzione e formazione altoatesino (Ibid. 2009: 55). Arrangiarsi con il proprio livello di conoscenza della seconda lingua o di altre lingue alla lunga può risultare controproducente per l azienda stessa. Formare il personale aziendale è importante per ottenere risultati migliori rispetto alle concorrenti che non lo fanno. La formazione non dovrebbe quindi avere un valore residuale o marginale, ma dovrebbe diventare una priorità aziendale e uno strumento strategico per acquisire le abilità e le competenze necessarie per aprirsi a nuovi settori e/o mercati. Assumere personale qualificato e competente non basta! Al personale deve essere anche offerta la possibilità di seguire una formazione continua per rinsaldare e accrescere le proprie competenze e mantenere alta la motivazione. La formazione linguistica, che non necessariamente si limita ai corsi di lingua straniera, ma può comprendere anche corsi di scrittura professionale e redazione tecnica nella propria madrelingua, può essere offerta a più livelli, in base alle risorse temporali e finanziarie dell azienda. Sono inoltre possibili due tipi di formazione, ossia: la formazione linguistica formale e 11

12 la formazione linguistica informale Formazione linguistica formale Potenziare le competenze linguistiche dei dipendenti e quindi dell impresa non significa, come spesso succede, limitarsi ad organizzare periodici corsi di lingua, anche se specialistici e più o meno mirati alle esigenze dei diversi ruoli. (Competenze linguistiche sul mercato del lavoro in Alto Adige 2009: 74) La formazione linguistica in azienda può essere a breve (es. mezza giornata) o a lungo termine (es. un ora alla settimana per tre mesi), a seconda delle esigenze dell azienda e in funzione dei vari compiti e mansioni dei ruoli aziendali (es. mansioni dirigenziali, segreteria, reception). Al fine di evitare inutili sprechi in termini di tempo e denaro, è consigliabile individuare il fabbisogno linguistico dell azienda (ad es. in base alle proprie strategie di mercato attuali e future), per esempio attraverso colloqui individuali o un indagine a più ampio respiro a livello aziendale. Definire gli obiettivi è il secondo passo necessario per poter organizzare interventi mirati. Pertanto, prima di attuare un piano di formazione linguistica aziendale, sarebbe opportuno: analizzare i bisogni linguistici dell azienda al fine di ottenere una visione d insieme delle risorse di cui dispone, quali esigenze riesce a coprire e quali invece sarebbero da sviluppare (es. Quali lingue vengono parlate in azienda e a quali livelli? È necessario che il personale disponga di competenze sia scritte sia orali? Quali tecnologie linguistiche potrebbero essere necessarie per l azienda? Sono necessari degli approfondimenti di tipo interculturale, ad es. dovuti alla presenza di personale straniero in azienda o al desiderio di investire su un nuovo mercato?); definire gli obiettivi formativi da raggiungere (es. acquisizione di competenze per comunicare al telefono, elaborare presentazioni in lingua straniera, aggiornare il personale sui nuovi strumenti in campo traduttivo); monitorare l intervento formativo per controllare se sono necessari eventuali cambiamenti o aggiustamenti in itinere. Poiché organizzare corsi richiede tempo, denaro e impegno da parte del personale chiave, una soluzione potrebbe essere quella di sostenere altre tipologie di apprendimento, come ad es. il teleapprendimento o la formazione a distanza tramite piattaforme web di e-learning, viaggi studio, summer school, master o corsi organizzati da enti di formazione. 12

13 4.2. Formazione linguistica informale Non sempre le aziende, specie quelle di minori dimensioni, sono propense ad investire nella formazione linguistica di tipo formale, ossia in corsi, anche per la mancanza di risorse necessarie. Se un azienda è caratterizzata da un ambiente linguisticamente differenziato, in cui persone di lingua diversa lavorano a stretto contatto, per il personale potrebbe però sussistere l occasione di apprendere o migliorare le proprie competenze in modo informale. Ciò può avvenire ufficiosamente (i collaboratori alternano a proprio piacimento l uso delle lingue), oppure ufficialmente. A tal proposito l azienda potrebbe incoraggiare i propri collaboratori fissando, ad esempio, un giorno della settimana da dedicare ad una specifica lingua oppure alternando le lingue nei momenti di incontro (es. nelle riunioni). Naturalmente questo tipo di formazione aiuta il personale a mantenere e migliorare le proprie competenze linguistiche, ma non è pensato per produrre un livello di competenza tale da sostituire il lavoro di mediatori linguistici professionisti (traduttori, interpreti). 13

14 5. Traduzioni Lo studio condotto tramite sondaggio online mostra che la maggior parte delle aziende altoatesine indagate ricorre spesso al personale interno per stilare traduzioni. Questo compito è sovente affidato a collaboratori con competenze linguistiche, ad esempio a una persona bilingue o a un dipendente che proviene dal Paese in cui si parla la lingua richiesta (vedi Chiocchetti 2011: 10), ma che sono privi di specifiche competenze in ambito traduttivo. A livello europeo invece circa l 80% delle imprese si rivolge a professionisti esterni per le traduzioni; quasi la metà delle imprese (47%) lo fa su base regolare (Studio ELAN 2006: 57). Nella Provincia Autonoma di Bolzano il discrimine è rappresentato dalla situazione di bilinguismo del territorio, in base a cui spesso vige la falsa credenza che basti conoscere abbastanza bene entrambe le lingue ufficiali o una qualsiasi altra lingua per essere in grado di tradurre qualsiasi tipo di testo, anche specialistico (vedi Chiocchetti 2011: 11). È tuttavia opportuno tenere presente che una comunicazione qualitativamente elevata ed efficace può costituire uno strumento vantaggioso e competitivo. Se gestita in modo efficiente, una comunicazione aziendale ben concepita può infatti rafforzare l immagine dell azienda, nonché la sua presenza sui mercati. Al contrario, se gestita in maniera inadeguata e poco sistematica, possono esserci ripercussioni negative sull immagine dell azienda, se non addirittura costi aggiuntivi. Ad esempio, gli errori di traduzione possono essere concausa di incomprensioni ed errate interpretazioni, portare a ripetute richieste di chiarimenti e persino di risarcimenti. La guida linguistica delle imprese europee (2011: 23) elenca le seguenti motivazioni per porre l accento sull importanza delle traduzioni di alta qualità: La traduzione accurata e puntuale di tutte le informazioni commerciali e tecniche destinate ai clienti conferisce all azienda un grande vantaggio sulla concorrenza. L azienda dovrebbe aspirare a contestualizzare tutto il materiale destinato ai clienti. In caso contrario, sussiste il rischio che le informazioni fornite dalla concorrenza sembrino migliori. La credibilità e la stima accordata all impresa dai propri clienti e acquirenti esteri rispecchiano la qualità delle comunicazioni scritte e verbali intercorse con loro. A titolo esemplificativo, nella redazione di contratti si deve tenere conto delle disposizioni normative vigenti nel Paese a cui sono destinati, nei testi di marketing delle convenzioni e delle aspettative dei destinatari, nella localizzazione di prodotti software delle differenze tra le lingue (es. lunghezza e stile dei messaggi, ambiguità di alcune formulazioni, diversità dei contesti d uso, ecc.). 14

15 La qualità della traduzione è un imperativo per le aziende che operano su mercati stranieri, soprattutto se si tratta di documentazione legale, tecnica o di marketing. Per tradurre bene sono necessarie competenze fondate e una specifica expertise. In base al fabbisogno e alle risorse di cui dispone, un azienda può scegliere di: formare il proprio personale interno; assumere personale laureato in traduzione/interpretazione; rivolgersi a traduttori/interpreti esterni (outsourcing) Formare il proprio personale Se l azienda, per varie ragioni, non ha interesse o non dispone delle risorse necessarie per avvalersi di traduttori/interpreti esterni o in-house, può offrire dei corsi di formazione ai collaboratori che si occupano di redigere e tradurre i testi senza però avere una specifica formazione in materia. Il mercato offre corsi di formazione in ambito traduttivo a vari livelli e su vari settori (vedi anche sez. 4.1). Esistono master in traduzione specialistica in cui si cerca di dare un orientamento e fornire degli approfondimenti in una determinata materia oppure seminari della durata di poche ore su strumenti software dedicati alla traduzione. Informazioni su questo genere di corsi sono reperibili presso: enti formatori: es. EURAC, UPAD per la Provincia di Bolzano, l Università degli studi di Trento; diverse università per traduttori e interpreti (es. enti di formazione che organizzano corsi finanziati dal Fondo Sociale Europeo; le associazioni di categoria (es. Si tenga inoltre presente che, grazie all odierna tecnologia è possibile prendere parte a corsi sui sistemi di supporto alla traduzione anche via web (es. In tal caso i costi diretti per l azienda si limiterebbero all iscrizione al corso Traduttori/interpreti in-house Se un azienda decide di avere traduttori o interpreti direttamente in-house è bene avere le idee chiare su cosa può o non può fare l una e l altra figura professionale. Entrambe 15

16 possiedono ottime competenze nella madrelingua e nella lingua straniera e sono consapevoli delle differenze interculturali ed intraculturali che esistono tra le culture in cui si parlano le lingue richieste. La diversità si attua a livello pratico: l interprete ha familiarità con gli impianti e le tecnologie dedicate ai servizi di interpretazione (interpretazione simultanea 6, interpretazione consecutiva 7 ); in base alle strategie e agli obiettivi aziendali, si può correre il rischio che questa figura risulti troppo qualificata per alcuni tipi di interpretazione (es. interpretazione di trattativa nei casi di visite aziendali). Il traduttore conosce invece gli strumenti software dedicati alla traduzione e alla redazione di testi (es. memorie di traduzione, programmi per il controllo della qualità), tuttavia, per formazione non è in grado di svolgere servizi di interpretazione simultanea o consecutiva. Sia gli interpreti sia i traduttori non sono necessariamente specializzati nell interpretazione e traduzione in tutti i tipi di testi e devono apprendere la terminologia e il linguaggio specifico di ogni ambito in cui si trovano a operare. Queste figure possono contribuire alla gestione linguistica e comunicativa aziendale sia nei modi elencati al punto 2.1, sia organizzando il workflow redazionale e traduttivo, coordinando le attività di traduzione e migliorandone la qualità. Affinché queste figure possano svolgere al meglio le proprie mansioni, è consigliabile che l azienda: fornisca gli strumenti software necessari per svolgere l attività di traduzione (es. translation memory, sistemi QA, sistemi di gestione della terminologia); favorisca l elaborazione di una terminologia aziendale ai fini di uniformità e coerenza; garantisca l aggiornamento continuo, soprattutto in merito a nuovi prodotti che possano contribuire a snellire e ottimizzare il workflow traduttivo Traduttori/interpreti esterni (outsourcing) Se l azienda decide di rivolgersi a traduttori/interpreti esterni è consigliabile seguire alcuni accorgimenti: 6 Nell interpretazione simultanea gli interpreti lavorano in una cabina isolata acusticamente, dove ricevono la voce dell oratore attraverso le cuffie e traducono il discorso quasi simultaneamente, parlando a loro volta al microfono. L uditorio in sala può così ascoltare l interpretazione nella lingua desiderata attraverso un apparecchio ricevente (vedi 7 Nell interpretazione consecutiva l interprete inizia a tradurre dopo che l oratore ha finito di parlare. Solitamente l interprete siede insieme agli oratori, ascolta il discorso e, alla fine, lo riproduce in un altra lingua, in genere con l ausilio di appunti ( vedi 03/06/2013). 16

17 è necessario richiedere il servizio per tempo; per traduzioni che si prevede saranno da stilare con urgenza è utile preavvertire i traduttori, in modo che possano riservarsi il tempo necessario o creare dei gruppi di lavoro; per traduzioni urgenti viene solitamente applicata una maggiorazione, ossia una tariffazione che può essere anche considerevolmente superiore a quella standard; si tenga altresì presente che i prezzi delle traduzioni possono variare a seconda della tipologia dei testi e delle lingue richieste; per esempio, una traduzione altamente specialistica di tipo giuridico/legale (es. contratti, atti costitutivi, bilanci) potrebbe avere costi maggiori rispetto ad una traduzione commerciale (es. cataloghi, siti web); rivedere il testo da tradurre e renderlo definitivo prima di inviarlo al traduttore in modo da consegnargli un testo finalizzato: la traduzione su testi originali non definitivi o contenenti incongruenze ed errori di carattere grammaticale, sintattico o terminologico, che, quindi, devono essere rivisti anche più volte dopo essere stati tradotti, comporta un notevole dispendio di energie e risorse, sia economiche sia umane 8 ; al traduttore dovrebbe essere permesso di prendere visione anticipatamente del testo da tradurre in modo che egli possa valutare il tipo di lavoro richiesto, e quindi capire i tempi, le risorse e gli ausili necessari (es. documentazione interna di riferimento); un buon traduttore valuterà anche l opportunità di accettare incarichi di traduzione non afferenti alla propria specializzazione e in caso proporrà dei colleghi con le competenze specifiche adeguate; sarebbe opportuno fornire al traduttore eventuale documentazione (es. testi già tradotti o disponibili in più lingue, glossari multilingui o liste interne di termini aziendali, report delle attività dell azienda, ecc.) disponibile sull argomento in modo che possa acquisire familiarità con la terminologia e lo stile comunicativo dell azienda; essere disponibili a chiarire eventuali difficoltà (es. terminologiche, stilistiche) direttamente o tramite esperti dell azienda; è bene indicare al traduttore una persona in azienda da contattare in caso di domande; fornire un feedback sulla traduzione consegnata, specie se sono stati riscontrati errori o l uso di una terminologia che si discosta da quella preferita dall azienda; in tal modo si può evitare che gli stessi errori si ripetano involontariamente in occasione di incarichi futuri, risparmiando il tempo necessario per la correzione e migliorando man mano la qualità delle traduzioni fornite; 8 Si stima che cambiare la terminologia relativa a un prodotto (es. nome delle parti, dei procedimenti di produzione, delle funzioni che svolge) alla fine del suo sviluppo rappresenti un costo 10 volte superiore rispetto alla modifica attuata in fase di sviluppo (Ciola 2011). 17

18 evitare di cambiare traduttore ogni volta che si renda necessaria una traduzione: instaurare un rapporto continuativo con uno stesso traduttore consente a quest ultimo di garantire, oltre alla qualità, anche l uniformità/omogeneità delle traduzioni nel lungo periodo, nonché di acquisire dimestichezza con il linguaggio dell azienda. Come e dove trovare traduttori/interpreti in Provincia di Bolzano? Unione provinciale traduttori (http://www.unionetraduttori.org) Associazione interpreti Bolzano (http://www.interpretibolzano.org) Banca dati traduttori-interpreti della Camera di Commercio di Bolzano (http://www.eos-export.org/it/export-alto-adige/export-helpdesk/paesi-emercati/traduttori-interpreti.html) 18

19 6. Strumenti software In linea con lo studio ELAN (2006: 58), anche le aziende altoatesine che hanno partecipato al sondaggio online fanno poco uso di traduttori automatici. Se da un lato il dato è incoraggiante (una macchina non può sostituire perfettamente un traduttore umano), dall altra rivela una certa diffidenza nei confronti di questo genere di strumenti. Su questo tema è opportuno illustrare alcuni strumenti di cui può avvalersi un azienda per ottimizzare i processi traduttivi Traduttori automatici I traduttori automatici forniscono una traduzione approssimativa del testo originale prodotta da un computer. Il mercato ne offre una vasta gamma, da strumenti gratuiti online a strumenti commerciali. È bene però tenere presente che sistemi di questo tipo hanno delle limitazioni: più il testo di partenza è complesso, più il testo tradotto rischia di discostarsi dalla corretta trasposizione linguistica; non sono in grado di riconoscere le particolarità stilistiche, le ambiguità semantiche e simili finezze. I traduttori automatici lavorano però discretamente su testi altamente tecnici. Proprio per queste loro caratteristiche sono utilizzati soprattutto per (cfr. e Cesari 2009: 87 ss.): tradurre velocemente testi scritti in lingua straniera per coglierne il senso generale (es. un ); tradurre automaticamente milioni di parole a buon mercato e far poi rivedere il testo tradotto. I risultati forniti da traduttori automatici devono essere tuttavia sempre rivisti da un esperto/linguista Memorie di traduzione (translation memory) In parole molto semplici, un sistema di translation memory consente di riciclare vecchie traduzioni secondo il principio non tradurre due volte ciò che è stato già tradotto una volta. 19

20 Il mercato offre molti prodotti di questo tipo, sia commerciali sia open-source. Un azienda che intenda avvalersi di questo genere di strumento deve avere le idee chiare in merito a ciò che una memoria di traduzione può fare o non fare, infatti: non può far fronte a tutte le esigenze traduttive dell azienda; è utile solo in caso di testi con un alto grado di ripetizioni (almeno il 50%); è indicata per testi che appartengono ad una stessa tipologia testuale (es. istruzioni per l uso, manuali tecnici, ecc.); è indicata per prodotti con limitato ciclo di vita, ad esempio, per aggiornare pagine web, regolamenti o atti di vario genere); è indicata anche nei casi in cui le traduzioni siano eseguite da più traduttori contemporaneamente; garantisce uniformità stilistica, linguistica e terminologica. Trattandosi perlopiù di strumenti commerciali, l azienda deve tener presente che l impegno iniziale non è indifferente in termini di risorse umane e finanziarie. Indagini condotte hanno però rilevato che, se usata bene, una translation memory può comportare un incremento della produttività del processo di traduzione dal 30 al 50% (Muzii 2001: 9) Sistemi per assicurare la qualità (sistemi QA) Si tratta di sistemi che è consigliabile utilizzare per verificare se il testo prodotto (non necessariamente tradotto) sia corretto da un punto di vista formale e terminologico. Consentono di controllare, per esempio: la correttezza della terminologia; spazi, punteggiatura, caratteri speciali, cifre, formule, ecc.; se ci sono incoerenze da un punto di vista traduttivo; se ci sono omissioni (es. parti di testo non tradotte). Anche in questo caso il mercato offre una vasta gamma di risorse e strumenti di questo tipo, la cui scelta deve essere ponderata con cura dall azienda in base a proprio fabbisogno. 20

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua. Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti

Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua. Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti Dobrý den! Guten Tag! Hola! Bonjour! Hej! Hello! Shalom! Un mondo più comprensibile

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione STATO MAGGIORE DELLA DIFESA I REPARTO- Ufficio Formazione SMD FORM 004 DIRETTIVA PER LA VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE CONOSCENZE LINGUISTICHE IN AMBITO FORZE ARMATE Edizione 2005 I ELENCO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC le principali funzioni 1/2 CARATTERISTICHE DEL CONGRESSO SCIENTIFICO - Possibilità di predefinire le caratteristiche del congresso a supporto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli