Dossier sull'educazione Finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dossier sull'educazione Finanziaria"

Transcript

1 Dossier sull'educazione Finanziaria Indice Il Sondaggio di Tuttoscuola e PattiChiari L'Educazione Finanziaria, un quadro d'insieme Le iniziative pubbliche Consorzio Pattichiari Intervista al Presidente di PattiChiari Filippo Cavazzuti Le proposte di legge sull'educazione Finanziaria L'Educazione Finanziaria in Europa I programmi didattici di PattiChiari per l anno scolastico Il sondaggio del prof. Mannheimer: i giovani e il denaro

2 Il Sondaggio di Tuttoscuola e PattiChiari L educazione finanziaria è una materia sempre più importante, tanto che la sua utilità all interno della scuola è riconosciuta dal 97% degli oltre 400 insegnanti che hanno risposto al sondaggio online pubblicato dal portale in collaborazione con il Consorzio PattiChiari. 43% Secondo Lei l'educazione finanziaria è materia utile da insegnare a scuola? 2% 1% 54% Si, molto Sì, abbastanza Poco Per niente Non Risponde Un dato confermato dall opinione, condivisa dal 93% degli insegnanti, che l economia sia un tema concretamente presente nella nostra vita quotidiana e che l educazione finanziaria rappresenti uno strumento utile per comprendere le dinamiche economiche (99%). Tuttavia, se da un lato emerge chiaramente l interesse ad introdurre questa tematica all interno dell insegnamento, dall altra gli stessi insegnanti dichiarano di non essere del tutto preparati ad affrontarla: solo il 46% degli intervistati, infatti, ritiene il proprio livello di preparazione adeguato rispetto alle proprie esigenze quotidiane, a fronte di un 34% che lo ritiene scarso ed un 19% addirittura insufficiente. Rispetto alle Sue esigenze quotidiane pensa che il Suo livello di educazione finanziaria sia: 19% 1% 34% Adeguato Scarso Insufficiente Non risponde 46% Un dato interessante rivela che secondo i docenti l educazione finanziaria dovrebbe essere introdotta già sui banchi della scuola primaria (26%) e della secondaria di primo grado (35%), oltre che, più prevedibilmente, della secondaria di secondo grado (37%). L 87% dei partecipanti al sondaggio sarebbe favorevole ad inserire questa disciplina all interno del proprio programma didattico e il 69% di loro ritiene che questa scelta verrebbe approvata dal Consiglio dei Docenti del proprio istituto (il 25% invece lo riterrebbe difficile). Secondo il 79% degli insegnanti, infine, gli studenti apprezzerebbero l introduzione di questo argomento tra le materie di studio. Pensa che i suoi studenti apprezzerebbero l'insegnamento dell'educazione finanziaria? 2% 16% 3% 48% Sì, molto Si, abbastanza Poco Per niente Non risponde 31% In questo quadro si inserisce l offerta di programmi di educazione finanziaria dell industria bancaria che, attraverso il Consorzio PattiChiari, mette a disposizione delle scuole di ogni ordine e grado: da Our Community e Io e l economia proposti alle scuole primarie e

3 secondarie di primo grado in collaborazione con l associazione Junior Achievement Italia a PattiChiari con l economia, dedicato alle scuole superiori. Da quest anno, inoltre, gli insegnanti hanno a disposizione il nuovo sito patrocinato da ANP (Associazione Italiana Dirigenti e Alte Professionalità della scuola), nel quale sono disponibili informazioni su questa disciplina e tutti i programmi e gli strumenti utili al suo insegnamento a scuola. Da segnalare il nuovo programma PattiChiari con l economia - speciale insegnanti, sviluppato in collaborazione con Giunti Labs, che mette a disposizione dei docenti materiale di approfondimento e giochi didattici già pronti per l uso in classe.

4 L'Educazione Finanziaria, un quadro d'insieme Economia e finanza, queste sconosciute. O quasi. Basti pensare al fatto che nel nostro Paese il livello medio di cultura economico-finanziaria (secondo una scala da 1 a 10 messa a punto dal gruppo di lavoro The European House - Ambrosetti) è pari a 3,5 punti: contro i 5,18 della Germania, i 4,68 del Regno Unito, i 3,87 della Francia. Dunque, un livello inferiore a quello registrato negli altri grandi paesi europei. E non basta, perché molti studi mostrano una fotografia dell'italia agli ultimi posti per alfabetizzazione finanziaria anche nel panorama mondiale. Un esempio per tutti: un'indagine su studenti di 450 scuole medie rivela come il 21% ritiene che le azioni vengano scambiate in banca, il 18% che ogni città abbia una sua Borsa Valori, e il 14% non sa cosa sia il tasso d interesse. Certo, l'esigenza di rafforzare in tutte le fasce della popolazione l'educazione finanziaria è sentita in diverse Nazioni, nel Belpaese però (i dati parlano chiaro) di più. Diversi studi condotti con istituti di ricerca (ISPO) hanno confermato che da noi la conoscenza del settore è generalmente bassa e poco adeguata a rispondere alle sfide che i nuovi scenari impongono ai consumatori: infatti, oltre il 70% dei risparmiatori italiani avverte un elevata percezione di inadeguatezza sui temi relativi alle decisioni finanziarie (intesa come paura di sbagliare, senso di incompetenza, mancanza di strumenti per capire le notizie diffuse dai media); il 32% dei ragazzi dichiara che spesso non sa come usare al meglio il proprio denaro e il 43% afferma di non capire nulla quando sente qualcuno parlare di soldi, investimenti, risparmi; il 55% dice di non parlare di denaro in famiglia; infine, rispetto agli altri Paesi europei, siamo caratterizzati da uno fra i più alti livelli di esclusione finanziaria, con il 16% della popolazione completamente priva di servizi bancari, di risparmio e di accesso al credito. Senza dimenticare che laddove la sensibilità per questi temi si è già sviluppata da un certo numero di anni si possono contare numerose iniziative, provenienti quasi sempre dal settore pubblico. In Italia invece il problema rappresentato dall'insufficiente cultura finanziaria è stato oggetto sì di varie iniziative rivolte sia agli utenti dei prodotti finanziari che agli studenti delle scuole medie e superiori, ma tutto è stato per lo più promosso da enti privati (da segnalare il consorzio PattiChiari dell'abi), e solo in modo sperimentale da organismi pubblici (Banca d'italia - Ministero dell'istruzione). Come dire, la fantasia non è mancata, ma tutte le azioni sono sempre state poco strutturate e non sinergiche, e quindi sono risultate alla fine spesso poco efficaci. Le iniziative pubbliche La Banca d'italia ha dedicato specifiche iniziative al tema dell'educazione finanziaria. Ha costituito un'apposita sezione del suo sito internet con l'obbiettivo di mettere a disposizione di consumatori e risparmiatori documenti di facile comprensione, affiancati da lavori di ricerca specialistici in materie economiche, bancarie e finanziarie. Tali prodotti, opportunamente adattati, sono messi a disposizione anche del mondo della scuola, sulla base del memorandum d'intesa firmato tra ministero dell'istruzione e la Banca d'italia il 6 novembre 2007 per la realizzazione congiunta appunto di iniziative di educazione finanziaria rivolte ai giovani. Il Ministro e il Governatore - si afferma nel memorandum - considerano che sia interesse del Paese provvedere a offrire alle giovani generazioni i principi fondamentali di una corretta cultura economica, finanziaria e monetaria; condividono l esigenza di creare un ambiente quanto più possibile favorevole all affermarsi di capacità innovative. In un contesto segnato da condizioni tecnologiche in continua evoluzione, queste dipendono in modo cruciale dalla disponibilità e qualità del capitale umano, quindi da una qualificata formazione di studenti, lavoratori e ricercatori, nella consapevolezza dello stretto legame esistente tra istruzione, innovazione e crescita economica. Per un concreto contributo, il Ministro e il Governatore concordano di avviare un progetto sperimentale in alcune scuole campione, con il coordinamento di un Comitato paritetico composto da rappresentanti delle due istituzioni coinvolte.

5 Ovvero, la scuola, per il suo ricco patrimonio di capacità di formazione, per la sua presenza capillare, è considerata un fondamentale soggetto attivo nella diffusione di conoscenze sull'argomento. Il memorandum è la prima iniziativa pubblica volta a introdurre la materia della financial education direttamente nei curricula degli istituti scolastici e a promuovere una corretta cultura finanziaria anche presso quelle scuole in cui le discipline economiche e giuridiche non rientrano tra le materie oggetto di studio. Gli obiettivi principali del percorso sono tre: 1) fornire agli studenti informazione in materia economica e finanziaria come complemento del curriculum di studi. Si tratta di nozioni di base utili a comprendere i meccanismi che regolano i profili economici della società oltre che per orientare meglio le scelte future; 2) offrire ai docenti contributi didattici per l'insegnamento della financial education approfondendo o aggiornando le loro conoscenze; 3) coinvolgere attivamente le famiglie. Consorzio Pattichiari Una delle prime iniziative nate per avvicinare il sistema bancario e finanziario ai consumatori è il consorzio 'PattiChiari' fondato nel 2003 per iniziativa dell'abi, l'associazione bancaria italiana. Si tratta di un consorzio tra le banche italiane, che ha lo scopo di sviluppare strumenti e regole per favorire le relazioni tra le banche e la clientela e di offrire ai cittadini strumenti per capire i prodotti finanziari. Il traguardo è la realizzazione di scelte consapevoli: tutto tramite gli sportelli delle banche aderenti, il sito e il call center (Numero Verde ). Sono state promosse inoltre diverse campagne sul territorio, pure in partnership con alcune associazioni di consumatori. E in alcuni casi sono state attivate partnership con associazioni di categoria quali Coldiretti, Unioncamere, Holding Famiglia per promuovere attività di formazione specifica per i soci, organizzando convegni e seminari su tutto il territorio nazionale. E' prevista pure una collaborazione con enti e istituzioni territoriali nell'attività di informazione dei cittadini, per promuovere campagne di informazione e di educazione a cui chiunque può partecipare gratuitamente. Nel mondo scolastico in particolare il consorzio 'PattiChiari' ha avviato partnership con l'associazione non profit Junior Achievement ed il Ministero dell'istruzione. E tra i progetti sviluppati negli ultimi anni se ne segnalano soprattutto due: - Il programma didattico Io e l economia, condotto in collaborazione con Junior Achievement Italia, che offre agli studenti degli istituti medi una gamma di strumenti per conoscere più da vicino i principi dell economia e della finanza e, inoltre, la presenza in classe di esperti di banca, che, in qualità di volontari, svolgono le lezioni creando un collegamento tra la scuola e il mondo del lavoro. - Il programma didattico Patti chiari con l economia che offre ai ragazzi delle scuole superiori una preparazione adeguata per integrarsi e partecipare attivamente alla realtà sociale, professionale ed economica che li circonda, impartendo le nozioni basilari per poter facilitare una reale conoscenza delle regole economiche. Insomma, spingersi ad affermare ad esempio che la (mancata) educazione finanziaria abbia avuto un ruolo chiave nella crisi dell autunno 2008 è forse eccessivo: però la recente crisi del mercato statunitense dei mutui subprime che ha visto molti consumatori sottoscrivere mutui che non erano alla loro portata a causa, in parte, di una scarsa comprensione delle caratteristiche del prodotto è servita a ricordarci quale sia la portata del problema. Ora siamo di certo maggiormente consapevoli che conoscenze finanziarie più approfondite avrebbero permesso valutazioni più consapevoli. Non poco davvero, specie in un periodo di crisi. Per questo, e non solo, batte il tempo di introdurre specificamente la materia nel sistema dell'istruzione. L'Italia non può e non deve rimanere ulteriormente indietro. Aumentare il grado di educazione finanziaria porta benefici al singolo consumatore, ma ha una valenza più ampia, che investe la crescita di tutto il mercato e del Paese. Un consumatore con un adeguato livello di istruzione può contribuire a rendere più efficiente l industria finanziaria facendo crescere la concorrenza, stimolando l innovazione, esigendo migliore qualità e diversificazione, e a

6 migliorare il benessere economico. Più educazione finanziaria uguale Stato più moderno: e c'è n'è tanto bisogno. Intervista al Presidente di PattiChiari Filippo Cavazzuti Presidente di PattiChiari, docente all Università di Bologna, ex parlamentare, ex commissario della Consob: Filippo Cavazzuti ci riceve nello splendido palazzo dell Abi nel cuore di Roma, a Piazza del Gesù, e parla di educazione finanziaria a tutto campo. Con chiarezza e decisione, come si dice in questi casi senza peli sulla lingua. Professore, cominciamo subito dalla crisi economica: l avremmo potuta evitare con maggiori conoscenze finanziarie? Francamente, penso di no. Nel caso specifico tutto nasce dall errore clamoroso del governo americano quando ha deciso di lasciar fallire la Lehman Brothers. Però, l educazione finanziaria avrebbe potuto consentire una maggiore comprensione degli strumenti finanziari, già di per sè davvero complessi. Certo è che l educazione torna di nuovo importante nel momento in cui usciamo dalla crisi e i mercati si rimettono a funzionare così come devono: a questo punto, la conoscenza giusta non dico che eviterebbe nuove crisi ma sicuramente permetterebbe di avere comportamenti più consapevoli I dati dicono che il nostro Paese in materia è molto in ritardo Dandoci un voto, non raggiungiamo nemmeno il 5+. E cruciale il ruolo degli insegnanti. Cioè? L obbiettivo, e io spero di incontrare al più presto il ministro dell Istruzione Mariastella Gelmini, è quello di portare l educazione finanziaria nella scuola: esiste, come si sa, l educazione civica, e quindi una parte dovrebbe comprendere l educazione finanziaria. Perché dentro l educazione civica? Perché aiuta il cittadino a crescere. Noi abbiamo a che fare con la finanza dal momento in cui nasciamo al momento in cui moriamo: la fattura, il conto corrente, la carta di credito Un cittadino è consapevole anche se è consapevole della finanza. E questo, diciamo le cose come stanno, aiuta la democrazia di un Paese a crescere: la democrazia c è quando i cittadini sono consapevoli delle loro scelte. Quindi, non solo la Costituzione, o come funziona lo Stato, ma anche l educazione. finanziaria, che è una componente di quella civica. E non è tutto, c è dell altro. Prego Si tratta di preparare gli insegnanti ad esercitare al meglio questa funzione: bisogna in pratica dare loro gli strumenti necessari. L educazione finanziaria purtroppo non si apprende leggendo il Sole 24 Ore. Non è un giudizio negativo nei confronti del giornale, ma il quotidiano di Confindustria, essendo monotematico, è scritto spesso con un linguaggio specialistico, per addetti ai lavori. Prima serve la semplificazione: la finanza si apprende se qualcuno decide di insegnarla e qualcun altro di seguire le lezioni, il corso, la formazione Cose semplici ma indispensabili per i concetti fondamentali del mercato finanziario, del rischio, di come funziona per esempio una banca. Bisogna ricordare che gli istituti bancari sono delle vere industrie, e non solo il rapporto sportello-correntista: alle spalle c è una vera e propria catena di montaggio: raccolta dati, informazioni, database, documenti, ovvero è come la produzione di un automobile I docenti devono avere la percezione della fortissima componente industriale dei mercati: è importante. Il mercato è un animale complicatissimo.

7 In questa legislatura ci sono due disegni di legge sull argomento. Conosco i due testi: e le confesso che vedo con preoccupazione la costituzione di un gruppo finanziato, come è previsto nel provvedimenti presenti in Parlamento. In particolare, il finanziamento del 5 per cento sul fatturato è una vera imposta, quindi non mi pare una strada percorribile quella di una tassa per l introduzione dell economia. Quello che invece considero importante, e di cui vorrei discutere con la Gelmini, è che ci sia un coordinamento. Attualmente, sonno diverse le iniziative sulla materia: la nostra di PattiChiari, alcune fondazioni bancarie, qualche Università, la Banca d Italia: evitiamo dunque di dissipare tutte queste iniziative. Se ci fosse un centro di coordinamento sarebbe l ideale. Faccio un esempio concreto: se l Università di Bologna decide con il prof. X di fare un corso economico-finanziario, il prof. Y non deve svolgere la medesima funzione nella stessa sede bensì ovviamente in un'altra università. Per evitare doppioni. Quindi, ben venga l attenzione della politica che era ora che se ne interessasse, ma nessuna nuova imposta: non è lo strumento adatto, in questa fase. Pertanto dico no ad una commissione con un bilancio, che decida le iniziative da fare, invece dico sì al centro di coordinamento, una struttura agevole e leggerissima. Ma da chi dovrebbe essere composta? Non può essere che nelle mani del ministro, è lui che deve decidere Tuttoscuola si propone di organizzare una tavola rotonda sulla materia con tutti i principali soggetti che possono avere un ruolo e un interesse nell introduzione dell educazione finanziaria E un ottima idea, e Tuttoscuola, che è così radicata e apprezzata nel mondo della scuola, mi sembra un soggetto adatto a organizzare un incontro del genere. Lei si rivolge pure all opposizione? Ovvio, onestamente non mi sembra questo un terreno di scontro, di confronto fra maggioranza e opposizione: questo è un tema che interessa la collettività, che è un patrimonio nazionale, comune. Non vedo distinzioni, non c è una finanza di sinistra e una di destra L optimum sarebbe un testo condiviso Fra le associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori vi hanno spesso attaccato, definendo inefficaci le vostre iniziative Sì, sono le due organizzazioni che non hanno aderito al Consorzio. Scelta che rispetto ma che non condivido: per me hanno fatto male. Comunque, se le critiche sono costruttive ne terremo conto, se al contrario sono fini a se stesse, non le prenderemo in considerazione Ma quando ritiene che sia il momento giusto per insegnare l economia e la finanza? Io penso che bisogna cominciare dalla scuola media: non possiamo dissipare le risorse su tutti i livelli scolastici. Poiché non possiamo immaginare di fare educazione a 60 milioni di persone. Partiamo dunque dalla scuola media. E occorre attrezzare i docenti in questo senso per farli diventare buoni insegnanti: si possono svolgere in sede accademica dei seminari ad hoc, mettendosi d accordo con i rettori. Ma ho sempre in mente cose non pesanti, flessibili, differenziate da zona a zona del Paese: vorrei evitare il Minculpop dell educazione finanziaria. E mi consenta di aggiungere un annotazione Dica Se prendiamo l ultimo documento del presidente americano Obama sul piano di riforma dell amministrazione, in materia di nuova regolamentazione, c è un paragrafo interamente

8 dedicato all importanza dell educazione finanziaria: non è che sia la panacea di tutti i mali, però un buon livello di conoscenza aiuta un Paese a crescere Il concetto è chiaro. Allora, ci rivediamo alla tavola rotonda di Tuttoscuola Promesso. Le proposte di legge sull'educazione Finanziaria Nel corso della attuale legislatura, la numero XVI, sono stati presentati al Senato due disegni di legge (uno dalla senatrice Maria Leddi - PD: 'Norme in merito all'educazione finanziaria' S.1477, e l'altro dai senatori Salvo Fleres, Maria Ida Germontani, Mario Ferrara e Salvatore Piscitelli - PdL: 'Disposizioni in materia di educazione finanziaria' S.1288) Entrambi i testi prendono spunto dalla constatazione che nel nostro Paese vi è un basso livello di comprensione delle questioni finanziarie e dei fondamenti dell'economia. I proponenti in sostanza ritengono che una corretta capacità di comprendere e valutare i prodotti finanziari da parte del consumatore non solo sarebbe coerente con i principi del diritto all'informazione e alla tutela, ma consentirebbe anche di favorire un equilibrio nel mercato tra domanda ed offerta dei prodotti finanziari. Lo scopo pertanto è quello di istituire un sistema di coordinamento delle varie iniziative che faccia capo a soggetti qualificati, quali un apposito comitato composto da rappresentanti delle istituzioni politiche, finanziarie e dalle associazioni di consumatori, con il coinvolgimento delle società finanziarie operanti sul mercato. Per ora però non si parla di un provvedimento unico e condiviso. Ma entriamo nei dettagli con le parole delle dirette interessate. Senatrice Maria Ida Germontani, qual è il cuore della Vostra proposta? Devo fare una premessa: la questione dell educazione finanziaria è stata posta con forza dal governatore della Banca d Italia Draghi ed è emersa con la crisi. C è la necessità sempre più impellente che i cittadini abbiano le nozioni necessarie di economia. Fin dalla scuola elementare. Ma il nostro testo verrà modificato. Per ora, prevediamo un comitato, istituito con decreto del ministro dello Sviluppo economico, e composto da tre membri: un senatore o un deputato (nominato d'intesa dai Presidenti delle Camere); un rappresentante delle associazioni dei consumatori; un esperto finanziario accreditato presso la Commissione o il Parlamento europei. E quali sono i loro compiti? Il comitato esamina, coordina e promuove i progetti di educazione finanziaria, come recita l articolo 2. E i fondi? Noi chiediamo alle società che erogano crediti al consumo di mettere a disposizione per i progetti una somma pari al 5 per cento delle spese realizzate per la pubblicizzazione delle proprie attività. Alle società finanziarie, nell'ambito della disponibilità obbligatoria, viene invece fatto carico di anticipare ai soggetti attuatori il 70 per cento del costo complessivo ed il restante 30 per cento alla conclusione del progetto. Ma stiamo già pensando a delle modifiche a questo sistema. Senatrice Maria Leddi, anche la Vostra proposta prevede la formazione di un comitato Guardi, non vogliamo formare economisti, ma giovani che sappiano gli elementi base della gestione consapevole del risparmio. Cosa che oggi non accade, se non raramente. E a differenza del testo dei colleghi, contempliamo sì un comitato, istituito però con decreto del ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il ministro dell'istruzione, università e ricerca e con il ministro dello Sviluppo economico. E' composto da rappresentanti delle associazioni dei consumatori, del mondo accademico, del sistema bancario e da un esperto di educazione finanziaria accreditato presso la Commissione o il Parlamento europei. E lo consideriamo un filtro indispensabile per la neutralità dell insegnamento.

9 Con quali mansioni deve agire la struttura? Il comitato programma, promuove, coordina e valuta i progetti di educazione finanziaria e, in più, verifica l'efficacia dei progetti realizzati relazionando anche al Parlamento, come si spiega nell articolo 2, alla lettera f. Ma la novità della nostra proposta è soprattutto un altra. E cioè? Contempliamo l inserimento dell educazione finanziaria fra le attività didattiche della scuola primaria e secondaria, secondo le raccomandazioni comunitarie, riservando tale facoltà al ministero dell Istruzione. E le assicuro che l accoglienza al progetto è stata entusiastica. L'Educazione Finanziaria in Europa Tra i Paesi europei che hanno già sviluppato una strategia nazionale per la diffusione dell educazione finanziaria si possono citare l Austria, i Paesi Bassi, l Ungheria (prossima all avvio) e due casi esemplari, il Regno Unito e la Repubblica Ceca. Il caso del Regno Unito: La Financial Service Authority è l autorità a cui è necessario aderire per poter operare sul mercato economico-finanziario inglese. L FSA è responsabile dell implementazione della Strategia Nazionale per l educazione finanziaria. Tale ruolo gli è stato attribuito dal Governo inglese. In merito alla Strategia FSA riferisce al Governo che risiede nel suo Advisory Board. Il Governo definisce gli obiettivi e FSA imposta le linee di azione per raggiungerli. Il budget a disposizione è passato da 3 mln di sterline del primo anno ( ) ai 20 mln del La FSA ha attivato diversi programmi rivolti ai vari segmenti della popolazione. Da settembre 2008 la finanza personale è stata inserita nel curriculum scolastico della scuola secondaria, nell ambito del piano Personal, Social, Health and Economic (PSHE) education. A ottobre 2008 il Governo ha annunciato la sua intenzione di estendere il piano PSHE education a tutte le scuole inglesi. Il caso della Repubblica Ceca: La Strategia di educazione finanziaria è in capo al Ministero delle Finanze. Le altre istituzioni coinvolte sono il Ministero dell Istruzione e il Ministero delle politiche giovanili e dello sport. Il Ministero delle Finanze ha istituito un Gruppo di lavoro per l educazione finanziaria che assicura la cooperazione tra stakeholder pubblici e privati e definisce i Financial Education Standards. I Ministeri dell Istruzione e delle politiche giovanili hanno inserito i programmi di educazione finanziaria rendendoli obbligatori per tre fasce scolastiche: 6-11 anni, anni e anni. La Strategia, avviata nel 2006 è rivolta a tutti i segmenti della popolazione con programmi mirati alle esigenze. I fondi per la diffusione dei programmi vengono stanziati dai Ministeri coinvolti. E non è tutto. Perché anche la Commissione Europea ha realizzato iniziative specifiche, tra cui: ha organizzato la conferenza "Increasing Financial Capability", il primo evento di respiro europeo sul tema ( marzo 2007); ha pubblicato una Comunicazione indicando quali sono i principi fondamentali che dovrebbero guidare nella diffusione di programmi di

10 educazione finanziaria e invitando gli stati membri a prendersi in carico il tema ( dicembre 2007); ha costituito un Gruppo (EGFE - Expert Group on Financial Education) di esperti (esponenti di autorità pubbliche e soggetti privati) per promuovere l educazione finanziaria, fornire consulenza alla Commissione sul tema e diffondere i migliori esempi: un Gruppo del quale PattiChiari fa parte. I programmi didattici di PattiChiari per l anno scolastico Dalle regole basilari di convivenza nella nostra comunità socio-economica alla gestione di un budget personale, allo sviluppo di un business plan imprenditoriale: sono molteplici gli approcci tematici con l educazione finanziaria che 'PattiChiari' propone agli insegnanti per i propri allievi, partendo dalla scuola dell obbligo fino ad arrivare agli studenti che si preparano per la maturità. Con queste iniziative in pratica si ribadiscono la necessità di formare i cittadini sulle questioni economiche il più precocemente possibile, cominciando dalla scuola, e l interesse del Sistema Paese nell offrire alle giovani generazioni i principi fondamentali di una corretta cultura finanziaria. Dopo aver sviluppato e veicolato nelle scuole secondarie di I e II grado i programmi didattici Io e l economia e PattiChiari con l economia, il Consorzio ha completato la sua offerta didattica con le lezioni di Our Community, in collaborazione con Junior Achievement, portando un modulo di educazione finanziaria anche nella scuola primaria. Ourcommunity è il percorso formativo teso a far avvicinare gli studenti al territorio locale, scoprendo le dinamiche economiche di base e i comportamenti responsabili che caratterizzano il buon funzionamento di una comunità. Con un approccio semplice, immediato, pratico e divertente gli alunni sperimentano ad esempio il meccanismo democratico del voto, imparano a conoscere i concetti di Stato e tasse e studiano la differenza tra le professionalità private e le cariche pubbliche. Il programma si sofferma anche sui temi sempre più importanti della tutela ambientale e del risparmio energetico, valutati pure dal punto di vista economico, oltre che da quello sociale. Un approfondimento è poi dedicato al ruolo della banca nell economia locale: attraverso un attività di role playing, coordinata da un esperto di banca che terrà una lezione in classe, gli alunni potranno scoprire il funzionamento della banca e i movimenti del denaro all'interno dell'economia locale. Accanto ad Ourcommunity, per l anno scolastico 2009/2010 il Consorzio 'Pattichiari' riprende il programma di educazione economico-finanziaria Io e L Economia rivolto agli studenti delle scuole secondarie di I grado che nelle precedenti cinque edizioni ha coinvolto oltre studenti, 858 scuole, classi e 200 esperti di banca. Io e l Economia è un programma basato sulla presenza in classe, accanto agli insegnanti di ruolo, di esperti di banca che, in qualità di volontari, svolgono le lezioni e creano un collegamento tra il mondo del lavoro e la scuola. L ultima edizione di Io e l economia ha toccato gli istituti di 35 città, e coinvolto gli esperti di 18 banche. Alle scuole secondarie di II grado è dedicato PattiChiari con l economia, il programma sviluppato con l obiettivo di offrire agli studenti che si stanno avvicinando al diploma una preparazione adeguata per partecipare attivamente alla realtà sociale, professionale ed economica che li circonda. Nelle prime due edizioni sono stati coinvolti studenti di scuole che hanno presentato 200 progetti al concorso Sviluppa la tua idea imprenditoriale. Attraverso l intervento formativo degli esperti delle banche, i ragazzi e i loro insegnanti partecipano ad un incontro preliminare sul tema dell economia, del sistema bancario e dell imprenditorialità con lo scopo di varare un vero e proprio Business Plan e di apprendere le prime nozioni necessarie per pianificare un attività imprenditoriale.

11 Successivamente tutte le classi iscritte al programma PattiChiari con l economia hanno la possibilità di partecipare al concorso Sviluppa la tua idea imprenditoriale che vede gli studenti impegnati nella realizzazione di un Business Plan: come? Mediante l utilizzo di un software guidato sviluppato appositamente per il progetto. E le novità di PattiChiari per l anno scolastico 2009/2010 non si limitano ai programmi realizzati per gli studenti. Nella convinzione che il ruolo degli insegnati e della scuola sia sempre più fondamentale per la formazione delle nuove generazioni, ecco un nuovo portale on line ( ) che mette a disposizione degli insegnanti informazioni di carattere generale sul tema dell economia, strumenti per la didattica nelle scuole e un area interattiva per lo scambio di informazioni ed esperienze. Tutto realizzato in collaborazione con il Gruppo Giunti, leader in Italia nello sviluppo di offerte formative. Il sondaggio del prof. Mannheimer: i giovani e il denaro Il sondaggio Giovani e denaro realizzato da ISPO è incentrato sul rapporto dei giovani (11-25enni) con il denaro e sui loro bisogni di formazione finanziaria. E il risultato dice che il denaro è un argomento tabù: il 55% dei ragazzi non parla di denaro in famiglia e il 70% ritiene che la scuola dovrebbe insegnare loro l importanza dei soldi. Nelle famiglie italiane, i giovani sembrano essere poco coinvolti nelle discussioni attinenti il denaro, più della metà degli intervistati (55%) afferma infatti di non parlare spesso di soldi in casa. Questo scarso coinvolgimento dei giovani pare dovuto da una parte ad una certa tendenza degli italiani in generale a non confrontarsi in famiglia riguardo al denaro, dall altra dalla scarsa competenza finanziaria degli adulti, come emerge da numerose indagini. Gli 11-25enni italiani mostrano, rispetto ai loro genitori, un atteggiamento più disinvolto verso l utilizzo del denaro. Il 19% dei giovani non cerca mai di risparmiare e spende il proprio denaro a disposizione in modo impulsivo, senza pensarci troppo. E l atteggiamento disinvolto porta con sé il rischio di restare in bolletta : il 48% dei ragazzi dichiara che spesso rimane senza soldi. Anche tra gli adulti esiste una quota di intervistati che fa acquisti senza alcuna preoccupazione e che spesso non arriva alla fine del mese, ma le percentuali sono significativamente inferiori (i disinvolti sono il 5%). E a conferma dell atteggiamento consumista dei giovani c'è la loro predisposizione agli acquisti in occasione di disponibilità o entrare finanziarie straordinarie. Il 42% degli 11-25enni sostiene che se avesse a disposizione più soldi li utilizzerebbe tutti per fare acquisti, una percentuale decisamente superiore a quella dei loro genitori, 25%.

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli