Comune di Seravezza Provincia di Lucca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Seravezza Provincia di Lucca"

Transcript

1 Ing. Renato Tofanelli Via Illica Capezzano Pianore (Lu) Tel/Fax 0584/ RELAZIONE SPECIALISTICA 2 Stralcio PROGETTO ESECUTIVO Comune di Seravezza Provincia di Lucca PROGETTO GENERALE DELLE OPERE DI ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI AL FINE DI RICHIEDERE IL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI PER LE SCUOLE DI PROPRIETA COMUNALE 2 Stralcio Sono stati presi in esame le scuole di proprietà comunale e per le norme di prevenzione incendi devono rispettare il D.M. 26 agosto 1992 Norme di Prevenzione Incendi per l Edilizia Scolastica. In particolare le scuole con oltre 100 presenze, ricadono tra le attività soggette al controllo da parte dei Vigili del Fuoco e quindi al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi. Le scuole che ricadono sotto questa condizione sono: - SCUOLA ELEMENTARE FRASSO - SCUOLA MEDIA E PALESTRA MAROCCHINO - Per le suddette scuole sono stati presentate al Comando Vigili del Fuoco di Lucca le richieste di parere di conformità antincendio allegando relazioni ed Elaborati Grafici. Il Comando VV.F. ha dato parre favorevole su tutti i progetti di adeguamento presentati. Siamo quindi nella fase di eseguire i lavori progettati al fine di richiedere il rilascio del certificato di Prevenzione Incendi. Si riporta l elenco dei lavori da eseguire: - 1 -

2 Ing. Renato Tofanelli Via Illica Capezzano Pianore (Lu) Tel/Fax 0584/ RELAZIONE TECNICA Relativa alla richiesta per il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi da parte del Comando provinciale dei VV.F. di Lucca. Attività primaria: "Scuola di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti". Attività N.ro 85 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Attività secondarie: "Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile gassoso con potenzialità superiore a kcal/h". Attività N.ro 91 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Denominazione: Scuola Elementare Frasso Ubicazione: Via Cugina, SERAVEZZA Proprietario: Comune di Seravezza Si tratta di una scuola elementare per la quale non esiste presso il Comando dei VV.F. di Lucca nessuna pratica. Per l'adeguamento sono state tenute presenti le Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica Decreto del Ministero dell'interno 26 agosto

3 0 PREMESSA La Scuola Elementare in oggetto è esistente e intende aumentare il numero delle persone presenti oltre GENERALITA' 1.2 CLASSIFICAZIONE Nella scuola, le presenze effettive contemporanee massima prevedibile di alunni e personale docente e non docente è di 125 alunni max, 5 insegnanti, 1 bidelli. Quindi la scuola è classificata di Tipo 1. 2 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 2.1 UBICAZIONE L'edificio in oggetto è utilizzato esclusivamente per la scuola in oggetto. L edificio è indipendente e isolato da altri, ed è costituito dal solo piano terra come riportato nella tavola N.ro

4 2.2 ACCESSO ALL'AREA Per consentire l'intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco è previsto un accesso carrabile all area da Via Cugnia di larghezza superiore a 3,5 metri, senza nessuna pendenza, con altezza completamente libera e con portata non inferiore a 20 tonnellate (8 sull asse anteriore e 12 sull asse posteriore)

5 2.3 ACCOSTAMENTO AUTOSCALE L altezza è inferiore a 12 metri e l edificio è ad unico piano. In ogni caso dall interno dell area, è possibile l'accostamento all'edificio in ogni lato. 2.4 SEPARAZIONE L'attività scolastica in oggetto è ubicata in un edificio dove non sono presenti altre attività non scolastiche o ad esse pertinenti. 3 COMPORTAMENTO AL FUOCO 3.0 RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE Le strutture portanti del fabbricato sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 30 intonacate da entrambe le parti. Le tramezzature interne sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 15 intonacate da entrambe le parti. I solai sono del tipo travetti e pignatte spessore medio maggiore di cm 30. Seguendo la Circolare del Ministero dell'interno N.ro 91 del 14 settembre 1961, la struttura portante ha sicuramente una resistenza al fuoco di almeno R60 come richiesti dal DM 26 Agosto 1992 e REI 60 per le strutture separanti. Il carico d'incendio è espresso dalla quantità equivalente di legno per metro quadrato di superficie; tale valore si ottiene dividendo per (Potere calorifico superiore della legna) il numero di calorie per unità di superficie orizzontale del locale, o del piano considerato, che al massimo si possono sviluppare per effetto della combustione di tutti i materiali presenti. I materiali combustibili presenti sono le scaffalature, gli armadi, le scrivanie, i banchi, le sedie, le porte, i libri e piccole altre minuterie. Si prendono in esame tutti i locali interni alla scuola contenenti materiali combustibili, per la determinazione del carico di incendio presente: - 5 -

6 AULA PIÙ SFAVORITA Banchi alunni 26* 200 MJ = MJ Sedie 27 * 59 MJ = MJ Cattedra 425 MJ Libri e varie kg 300 * MJ 17 = MJ TOTALE = MJ Area del locale: 36 mq Q = : 36 = 379 MJ/mq 342 : 18,48 = 18,5 Kg legna standard per metro quadrato Considerando il coefficiente di riduzione K = 1, si ha: C = K * Q = 18,5 * 1 = 18,5 Classe 30 Tutti gli altri ambienti avranno una carico di incendio non superiore e quindi la classe può essere assunta pari a 30. Essendo le strutture dell'edificio di classe superiore a quella calcolata, si ritiene il comportamento delle stesse rispondente ai requisiti della Circolare 91 sopra richiamata. 3.1 REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI La classe dei materiali impiegati sono tali da rispettare quanto richiesto dal D.M. 26 agosto 1992 punto 3.1 a) e b). In particolare nei corridoi, nelle scale, negli atri e nei disimpegni si sono utilizzati materiali di classe 0 ad eccezione degli infissi trattati con prodotti vernicianti omologati di classe 1. Per ogni eventuale variazione sarà rispettato quanto segue: Negli atrii, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, nei passaggi in genere, saranno impiegati materiali di classe 1 al massimo in ragione del 50% della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitto + proiezione orizzontale delle scale). Per le restanti parti saranno impiegati materiali di classe 0. In tutti gli ambienti la pavimentazione è di classe 0 e i rivestimenti al massimo saranno di classe 1. Se venissero installati rivestimenti lignei, escluso sulle vie di esodo e nei - 6 -

7 laboratori, saranno opportunamente trattati con prodotti vernicianti omologati di classe 1. I rivestimenti saranno posti in aderenza agli elementi costruttivi di classe 0 escludendo spazi vuoti o intercapedini. Nel caso venissero installati materiali che possono prendere fuoco su entrambe le facce, come tendaggi, questi saranno di classe di reazione al fuoco non superiore a 1. 4 COMPARTIMENTAZIONE 4.0 COMPARTIMENTAZIONE Essendo la scuola di altezza antincendio inferiore a 12 metri e di superficie inferiore a 6000 mq, secondo il punto 4.0 del Decreto 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica non esiste la necessità di suddividere la scuola in compartimenti. Solo la parte relativa alla civile abitazione sarà separata con una compartimentazione REI SCALE Non ci sono scale interne. 4.2 ASCENSORI E MONTACARICHI Non ci sono Ascensori e Montacarichi

8 5 MISURE PER L'EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO 5.0 AFFOLLAMENTO La scuola è costituita da N.ro 5 aule poste al piano terra. Al piano terra è presente anche: la mensa ed un locale sporzionamento senza utilizzo di impianti a limentati a gas. Per determinare il massimo affollamento ipotizzabile, abbiamo considerato, quanto dichiarato dall ufficio responsabile: - per le aule: 125 alunni e 5 insegnati - per aree destinate a servizi: persone effettivamente presenti + 20% - per la mensa: 0,4 persone/mq Nelle peggiori condizioni, le persone presenti al massimo sono: Alunni = 125 persone Insegnanti = 5 persone Bidelli = 1 persone ======== TOTALE PRESENZE MAX 131 persone 5.1 CAPACITA' DI DEFLUSSO Si è considerato una capacità di deflusso non superiore a 60 per ogni piano. 5.2 SISTEMA DI VIA DI USCITA La scuola è provvista di tre uscite verso luogo sicuro

9 5.3 LARGHEZZA DELLE VIE DI USCITA La larghezza delle vie di uscita non è inferiore a due moduli (1,2 metri). Anche le porte dei locali frequentati dagli alunni, hanno una larghezza non inferiore a 1,2 metri. Le misurazioni delle larghezze si sono intese quelle nel punto più stretto della luce. 5.4 LUNGHEZZA DELLE VIE DI USCITA La lunghezza delle vie di uscita non è superiore a 60 metri, misurata dal luogo sicuro alla porta più vicina allo stesso di ogni locale frequentato dagli studenti o dal personale docente e non docente. 5.5 LARGHEZZA TOTALE DELLE VIE DI USCITA DI OGNI PIANO La larghezza totale delle uscite dal piano sarà determinata dal rapporto fra il massimo affollamento ipotizzabile e la capacità di deflusso. Al piano Terra si ha: Massimo affollamento Capacità di deflusso Numero delle uscite... 3 Numero moduli calcolati... 3 Numero moduli effettivi... 6 Per quanto sopra riportato: La larghezza reale delle uscite dalla scuola sono sufficienti per il massimo affollamento ipotizzabile. 5.6 NUMERO DELLE USCITE Il numero di uscite al piano terra sono oltre due e sono poste in modo contrapposto. La mensa ha più uscite di cui una verso l esterno diretta. Le uscite di sicurezza sono realizzate con porte apribili nel senso del deflusso e sono dotate di maniglione antipanico

10 Le porte di uscita dalle aule didattiche sono di larghezza pari a 1,2 metri e solo una si apre verso l esterno, in quanto le altre se apribili verso l estero tenderebbero ad ostruire il passaggio nelle vie di esodo. Per queste abbiamo limitato la presenza non oltre 25 alunni

11 6 SPAZI A RISCHIO SPECIFICO 6.1 SPAZI PER ESERCITAZIONI Non ci sono aule per esercitazioni. 6.2 SPAZI PER DEPOSITI Non esistono locali con destinazione specifica di deposito. Nel caso che una delle aule speciali fossero utilizzate come deposito di materiale didattico, si provvederà affinché le strutture siano REI 60 e le porte di accesso realizzate mediante porte almeno REI60 dotate di congegno di autochiusura. Il suddetto locale sarà aerato con superficie non inferiore a 1/40 della superficie in pianta e il carico di incendio di ogni singolo deposito sarà inferiore a 30 kg/mq. Ad uso di tale locale sarà previsto almeno un estintore, di tipo approvato, di capacità estinguente non inferiore a 21A, ogni 200mq. Non ci sono depositi di materiali infiammabili liquidi e gassosi, solo per esigenze didattiche ed igienico-sanitarie sarà detenuto complessivamente, all'interno del volume dell'edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l di liquidi infiammabili. 6.3 SERVIZI TECNOLOGICI Nell attività è presente la Centrale Termica con apparecchiature alimentate a gas metano con potenzialità complessiva superiore a kcal/h. Per questi impianti si prevede il rispetto del Decreto 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi

12 LUOGHI DI ISTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI (Punto 1.2 D.M. 12/04/1996) La centrale Termica il locale è esterno. UBICAZIONE (Punto D.M. 12/04/1996) a) Il piano di calpestio della centrale termica si trova a una quota uguale o superiore al piano di riferimento esterno. b) Il locale in oggetto, ha due pareti confinanti con spazio scoperto di lunghezza non inferiore al 15% del perimetro. APERTURE DI AEREAZIONE (Punto D.M. 12/04/1996) Il locale centrale termica ha una apertura con superficie di aerazione superiore a cmq. Le aperture sono collocate a filo soffitto, in modo da evitare la formazione di sacche di gas. DISPOSIZIONE DEGLI APPARECCHI (Punto D.M. 12/04/1996) Le distanze tra un qualsiasi punto esterno degli apparecchi e le pareti verticali e orizzontali del locale, nonché le distanze fra gli apparecchi istallati nello stesso locale permettono l accessibilità agli organi di regolazione, sicurezza e controllo nonché la manutenzione ordinaria

13 UBICAZIONE LOCALE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) Il locale ad uso esclusivo, si trova esterno al fabbricato principale. Non è sottostante o contiguo a locali di pubblico spettacolo o ad ambienti con densità di affollamento superiore a 0,4 persone per mq. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE C.LE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) Le strutture portanti e di separazione avranno caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiore a REI 120. Le strutture saranno realizzate con materiale di classe 0 di reazione al fuoco. L altezza del locale sarà superiore a 2,30 metri. APERTURE DI AEREAZIONE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) Vedi punto ACCESSO LOCALE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) L accesso avviene direttamente dall esterno. PORTA LOCALE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) La porta di chiusura della centrale termica sarà di classe 0 di reazione al fuoco, aprirà verso l esterno ed avrà dimensioni superiori o uguali a 2 ml di altezza e 0,6 ml di larghezza. MATERIALI DELLE TUBAZIONI (Punto 5.2 D.M. 12/04/1996) Il materiale utilizzato per le tubazioni, sarà l acciaio. I tubi saranno senza saldature ed avranno caratteristiche qualitative e dimensionali non inferiori a quelle indicate dalla norma UNI GIUNZIONI, PEZZI SPECIALI, VALVOLE (Punto 5.3 D.M. 12/04/1996) Le giunzioni dei tubi in acciaio saranno realizzate mediante raccordi con filettature e saranno impiegati mezzi di tenuta, quali ad esempio canapa con mastici adatti, nastro di tetrafluoroetilene. I raccordi o i pezzi speciali saranno realizzati in acciaio oppure di ghisa malleabile con estremità unicamente filettate

14 Le valvole saranno di facile manovrabilità e manutenzione e con la possibilità di rilevare facilmente le posizioni di aperto e di chiuso. Saranno in acciaio o di ottone con sezione libera di passaggio non minore del 75% di quella del tubo sul quale vengono inserite. POSA IN OPERA (Punto 5.4 D.M. 12/04/1996) Le tubazioni sono completamente a vista e per la posa sarà rispettato quanto richiesto al punto 5.4 D.M. 12/04/1996 GRUPPO DI MISURAZIONE (Punto 5.5 D.M. 12/04/1996) Il contatore del gas sarà posto all esterno in contenitore o nicchia aerata. PROVA DI TENUTA DELL IMPIANTO INTERNO (Punto 5.6 D.M. 12/04/1996) Prima di mettere in servizio l impianto saranno eseguite le prove riportate al Punto 5.6 D.M. 12/04/1996. IMPIANTO ELETTRICO (Punto 6.1 D.M. 12/04/1996) Gli Impianti Elettrici saranno realizzati in conformità delle Normative CEI con particolare riferimento alle Norme CEI 64.8/7 Ambienti a maggior rischio in caso di incendio e alle Norme CEI Costruzioni elettriche per atmosfera esplosiva per la presenza di gas. L'alimentazione avviene da una fornitura in B.T. di tipo 3F+N con tensione di 380 V (Sistema TT). E' stato prevista una illuminazione di sicurezza atta a illuminare le vie di esodo e a segnalare le uscite e i percorsi che garantisca un livello di illuminamento non inferiore a 5 lux. Le plafoniere saranno del tipo autoalimentate con autonomia superiore a 60 minuti e con dispositivo di ricarica degli accumulatori automatico con tempo di ricarica completa entro 12 ore. L impianto elettrico sarà completo di Progetto, Dichiarazione di Conformità secondo L.46/

15 MEZZI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI (Punto 6.2 D.M. 12/04/1996) Nella Centrale Termica, saranno installati estintori a polvere di classe 34A233BC e/o estintore a CO2 di classe 89BC. Gli estintori saranno posizionati e segnalati in posizione ben visibile. ESERCIZIO E MANUTENZIONE (Punto 6.4 D.M. 12/04/1996) Saranno rispettati gli obblighi di cui all art. 11 del D.P.R. 26 agosto n. 412 (S.O.G.U. n. 242 del 14 ottobre 1993). Nella Centrale Termica si eviterà di depositare sostanze infiammabili o tossiche e materiali non attinenti all impianto. Saranno adottate adeguate precauzioni, affinché, durante qualunque tipo di lavoro, l eventuale uso di fiamme libere non costituisca fonte di innesco. 6.4 SPAZI PER L'INFORMAZIONE E LE ATTIVITA' PARASCOLASTICHE Non esistono. 6.5 AUTORIMESSE Non ci sono autorimesse 6.6 CUCINA Si prevede un locale mensa destinato alla distribuzione e consumazione dei pasti. Non si prevedono apparecchi alimentati a gas. Gli alimenti vengono portati dall esterno già cotti e pronti per la consumazione

16 7 IMPIANTI ELETTRICI Gli Impianti Elettrici sono stati già realizzati in conformità delle Normative CEI con particolare riferimento alle Norme CEI 64.8 III edizione e alle Norme per la Centrale Termica. L'alimentazione avviene da una fornitura in B.T. di tipo 3F+N con tensione di 380 V (Sistema TT). Immediatamente a valle del Gruppo di Misura ENEL è presente un interruttore generale, manovrabile sotto carico, dimensionato per sovraccarichi e corto circuiti atto a mettere fuori tensione tutto l'impianto elettrico. La fornitura ENEL, si trova esternamente alla scuola come riportato negli elaborati grafici. E' stato previsto un impianto di illuminazione di sicurezza atta a illuminare le vie di esodo e a segnalare le uscite e i percorsi che garantisca un livello di illuminamento non inferiore a 5 lux. Le plafoniere sono del tipo autoalimentate con autonomia superiore a 30 minuti e con dispositivo di ricarica degli accumulatori automatico con tempo di ricarica completa entro 12 ore. La scuola è dotata di un impianto di diffusione sonora, con gli altoparlanti in tutte le aule e nei corridoi. E' stato previsto un soccorritore con autonomia di 30 minuti, per l'alimentazione dei circuiti di sicurezza: - Suonerie di fine lezione - Amplificatore per la diffusione sonora L impianto elettrico è completo di Progetto, Dichiarazione di Conformità secondo L.46/90 e da recente verifica USL

17 8 SISTEMA DI ALLARME Si è previsto un impianto di allarme in grado di avvertire gli alunni ed il personale presenti in caso di pericolo, mediante l'utilizzo di una campana ad uso specifico. 9 MEZZI E IMPIANTI FISSI DI PROTEZIONE ED ESTINZIONE INCENDI 9.1 RETE IDRANTI Sarà realizzato un impianto idrico antincendio con tubazioni in acciaio zincato interrate da 2 1/2. La rete alimenta le cassette con idranti con attacco UNI45 poste come riportato negli elaborati grafici. Dalla rete si sono derivate due colonne montanti, una per ogni vano scala. Le due colonne montanti alimenteranno delle cassette con attacchi UNI 45 poste ad ogni piano. Le caratteristiche idrauliche saranno tali da garantire 360 l/min per ogni colonna montante con il funzionamento contemporaneo delle due colonne montanti. L alimentazione idrica sarà in grado di assicurare l erogazione ai 3 idranti più sfavoriti di 120l/min cad. con una pressione residua al bocchello di 1,5 bar per un tempo di almeno 60 minuti. Per l alimentazione dell impianto si prevede una riserva idrica alimentata dall acquedotto comunale e l elettropompe alimentate da una propria linea preferenziale direttamente dalla fornitura ENEL. L avviamento del gruppo di pompaggio sarà automatico. Le tubazioni saranno protette dal gelo, dagli urti e dal fuoco. RISERVA IDRICA

18 Si prevede la realizzazione di N.ro 1 Cisterna in Cemento Armato Vibrato a blocco unico con armature e rete elettrosaldata diametro 10 mm, con passo d'uomo in cemento dalla capacità di litri. Tale vasca sarà interrata. L'alimentazione avverrà dall'acquedotto comunale con una tubazione e gli apparecchi idraulici riportati nel disegno esecutivo. GRUPPO POMPE Si tratta di un gruppo pompe dotato di dispositivo automatico per l'inserimento e per il controllo della funzionalità di ogni singola elettropompa. Il quadro di comando e protezione verrà predisposto con apposito interruttore ciclico ad inserzione a tempo, opportunamente collegato ad elettrovalvola di scarico e relativo flussostato di consenso. Un ulteriore controllo della pressione in rete sarà rappresentato dal pressostato di minima, collegato al dispositivo di allarme acustico. L'invertitore di inserzione assicurerà la verifica periodica di tutte le elettropompe costituenti il gruppo. Sul gruppo antincendio sarà presente anche una elettropompa ausiliaria che consentirà di mantenere stabile automaticamente la pressione del circuito, senza l'intervento di una delle elettropompe principali con evidente risparmio sui consumi energetici. In caso di emergenza, in modo manuale, si potrà immettere direttamente dall'acquedotto, acqua nell'anello dell'impianto idrico antincendio. IDRANTI Per l'interno, saranno installati Idranti UNI 45 completi di cassetta di protezione con pellicola trasparente facilmente frangibile di colore rosso, all'interno della quale saranno installate la lancia rompigetto e la manichetta flessibile di 20 metri. Per l'esterno saranno installati degli idranti soprasuolo a colonna con scarico automatico di svuotamento antigelo, con due bocce di uscita UNI 70 e attacco per motopompe VV.F. UNI 70, con profondità sottosuolo di circa 70 cm e altezza soprasuolo di circa 90 cm. Ogni idrante dovrà essere ben segnalato. 9.2 ESTINTORI

19 Sono stati installati estintori portatili di capacità estinguente non inferiore a 13A, 89B, C di tipo approvato dal Ministero dell'interno. Gli Estintori installati saranno in ragione di almeno un estintore ogni 200 mq di pavimento o frazione di detta superficie, con un minimo di due per ogni piano ed in modo contrapposto. 10 SEGNALETICA DI SICUREZZA In tutta l'attività in oggetto sono stati installati cartelli segnaletici, espressamente finalizzati alla sicurezza antincendo, secondo il DPR 493/96. Sono stati segnalati tutti gli Estintori e gli Idranti, in particolare le Uscite sono state segnalate anche in assenza di energia elettrica, mediante plafoniere di tipo autoalimentate con autonomia superiore a 30 minuti. 12 NORME DI ESERCIZIO A cura del titolare dell'attività, dovrà essere predisposto un registro dei controlli periodici, ove saranno annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all'efficienza degli impianti elettrici, dell'illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, delle aree a rischio specifico e dell'osservanza delle limitazioni dei carichi di incendio nei vari ambienti dell'attività. Tale registro sarà mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte dell'autorità competente. - Sarà predisposto un piano di emergenza e saranno fatte prove di evacuazione, almeno due volte nel corso dell'anno scolastico. - Le vie di uscita saranno tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale

20 - Sarà fatto divieto di compromettere la agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza, durante i periodi di attività della scuola, verificandone l'efficienza prima dell'inizio delle lezioni. - Le attrezzature e gli impianti di sicurezza saranno controllati periodicamente in modo da assicurarne la costante efficienza. - Nei locali dove verranno depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili, sarà fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere. - I travasi di liquidi infiammabili, non saranno effettuati se non in locali appositi e con recipienti e o apparecchiature di tipo autorizzato. - Nei locali della scuola, non appositamente all'uopo destinati, non saranno depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantità strettamente necessarie per esigenze igienico-sanitarie e per l'attività didattica e di ricerca in corso. - Al termine dell'attività didattica o di ricerca, l'alimentazione centralizzata di apparecchiature o utensili con combustibili liquidi o gassosi sarà interrotta azionando la saracinesca di intercettazione del combustibile, la cui ubicazione sarà indicata mediante cartelli segnaletici facilmente visibili. - Negli archivi e depositi i materiali saranno depositati in modo da consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0,90 metri. - Eventuali scaffalature risulteranno a distanza non inferiore a 0,60 metri dall'intradosso del solaio di copertura. - Il titolare dell'attività provvederà affinché nel corso della gestione non venga alterata le condizioni di sicurezza. Camaiore 31/08/2004 Ing. Renato Tofanelli

21 Ing. Renato Tofanelli Via Illica Capezzano Pianore (Lu) Tel/Fax 0584/ RELAZIONE TECNICA Relativa alla richiesta per il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi da parte del Comando provinciale dei VV.F. di Lucca. Attività primaria: "Scuola di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti". Attività N.ro 85 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Attività secondarie: "Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile gassoso con potenzialità superiore a kcal/h". Attività N.ro 91 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Denominazione: Ubicazione: Proprietario: Scuola Media Enrico Pea Via Menchini Loc. Marzocchino - SERAVEZZA Comune di Seravezza Si tratta di una scuola elementare per la quale esiste presso il Comando dei VV.F. di Lucca una pratica N.ro Associata alla scuola elementare del Marocchino, ma in realtà sono due fabbricati distinti e distanti. Per l'adeguamento sono state tenute presenti le Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica Decreto del Ministero dell'interno 26 agosto

22 0 PREMESSA La Scuola Media in oggetto è stata interessata ad una pratica per il rilascio del NOP. Da una verifica effettuata, si è notato che la pratica riporta lo stesso numero della Scuola Elementare MARZOCCHINO. In realtà sono scuole distinte e distanti. La scuola Media si trova in aera con la palestra completamente distaccata dalla scuola, come riportato nella Tavola GENERALITA' 1.2 CLASSIFICAZIONE Nella scuola, le presenze effettive contemporanee massima prevedibile di alunni e personale docente e non docente è di 416 alunni max, 20 insegnanti, 4 bidelli. Quindi la scuola è classificata di Tipo 2. 2 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 2.1 UBICAZIONE L'edificio in oggetto è utilizzato esclusivamente per la scuola in oggetto, ad eccezione di un parte del piano terra dove è stata ricavata una scuola materna. Tale scuola ha un ingresso e gli impianti completamente separati. La parete di separazione è REI 120. L edificio è indipendente e isolato da altri, ed è costituito dal piano terra, dal piano primo come riportato negli elaborati grafici

23 2.2 ACCESSO ALL'AREA Per consentire l'intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco è previsto un accesso carrabile all area da Via Meschini e da Via Catena di larghezza superiore a 3,5 metri, senza nessuna pendenza, con altezza completamente libera e con portata non inferiore a 20 tonnellate (8 sull asse anteriore e 12 sull asse posteriore). 2.3 ACCOSTAMENTO AUTOSCALE L altezza è inferiore a 12 metri. In ogni caso è possibile l'accostamento con autoscala, all'edificio per raggiungere una finestra del piano primo

24 2.4 SEPARAZIONE L'attività scolastica in oggetto è ubicata in un edificio isolato, non ci sono quindi comunicazioni con altri locali a diversa destinazione. La parete tra la scuola media e la scuola materna al piano terra è REI COMPORTAMENTO AL FUOCO 3.0 RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE Le strutture portanti del fabbricato sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 30 intonacate da entrambe le parti. Le tramezzature interne sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 15 intonacate da entrambe le parti. I solai sono del tipo travetti e pignatte spessore medio maggiore di cm 30. Seguendo la Circolare del Ministero dell'interno N.ro 91 del 14 settembre 1961, la struttura portante ha sicuramente una resistenza al fuoco di almeno R60 come richiesti dal DM 26 Agosto 1992 e REI 60 per le strutture separanti. Il carico d'incendio è espresso dalla quantità equivalente di legno per metro quadrato di superficie; tale valore si ottiene dividendo per (Potere calorifico superiore della legna) il numero di calorie per unità di superficie orizzontale del locale, o del piano considerato, che al massimo si possono sviluppare per effetto della combustione di tutti i materiali presenti. I materiali combustibili presenti sono le scaffalature, gli armadi, le scrivanie, i banchi, le sedie, le porte, i libri e piccole altre minuterie. Si prendono in esame tutti i locali interni alla scuola contenenti materiali combustibili, per la determinazione del carico di incendio presente: AULA PIÙ SFAVORITA Banchi alunni 26* 200 MJ = MJ Sedie 27 * 59 MJ = MJ

25 Cattedra 425 MJ Libri e varie kg 300 * MJ 17 = MJ TOTALE = MJ Area del locale: 36 mq Q = : 36 = 379 MJ/mq 342 : 18,48 = 18,5 Kg legna standard per metro quadrato Considerando il coefficiente di riduzione K = 1, si ha: C = K * Q = 18,5 * 1 = 18,5 Classe 30 BIBLIOTECA ARCHIVIO - RIPOSTIGLIO più sfavorito Scaffali 400 MJ Libri mc 3 * MJ/mc 2100= MJ Varie kg 60 * MJ/kg 21 = MJ TOTALE = MJ Area del locale: 16mq Q = : 16 = 497,5 MJ/mq 497,5 : 18,48 = 26,92 Kg legna standard per metro quadrato Considerando il coefficiente di riduzione K = 1, si ha: C = K * Q = 26,92* 1 = 26,92 Tutti gli altri ambienti avranno una carico di incendio non superiore e quindi la classe può essere assunta pari a 30. Essendo le strutture dell'edificio di classe superiore a quella calcolata, si ritiene il comportamento delle stesse rispondente ai requisiti della Circolare 91 sopra richiamata. 3.1 REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI La classe dei materiali impiegati sono tali da rispettare quanto richiesto dal D.M. 26 agosto 1992 punto 3.1 a) e b). In particolare nei corridoi, nelle scale, negli atri e nei

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli