Comune di Seravezza Provincia di Lucca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Seravezza Provincia di Lucca"

Transcript

1 Ing. Renato Tofanelli Via Illica Capezzano Pianore (Lu) Tel/Fax 0584/ RELAZIONE SPECIALISTICA 2 Stralcio PROGETTO ESECUTIVO Comune di Seravezza Provincia di Lucca PROGETTO GENERALE DELLE OPERE DI ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI AL FINE DI RICHIEDERE IL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI PER LE SCUOLE DI PROPRIETA COMUNALE 2 Stralcio Sono stati presi in esame le scuole di proprietà comunale e per le norme di prevenzione incendi devono rispettare il D.M. 26 agosto 1992 Norme di Prevenzione Incendi per l Edilizia Scolastica. In particolare le scuole con oltre 100 presenze, ricadono tra le attività soggette al controllo da parte dei Vigili del Fuoco e quindi al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi. Le scuole che ricadono sotto questa condizione sono: - SCUOLA ELEMENTARE FRASSO - SCUOLA MEDIA E PALESTRA MAROCCHINO - Per le suddette scuole sono stati presentate al Comando Vigili del Fuoco di Lucca le richieste di parere di conformità antincendio allegando relazioni ed Elaborati Grafici. Il Comando VV.F. ha dato parre favorevole su tutti i progetti di adeguamento presentati. Siamo quindi nella fase di eseguire i lavori progettati al fine di richiedere il rilascio del certificato di Prevenzione Incendi. Si riporta l elenco dei lavori da eseguire: - 1 -

2 Ing. Renato Tofanelli Via Illica Capezzano Pianore (Lu) Tel/Fax 0584/ RELAZIONE TECNICA Relativa alla richiesta per il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi da parte del Comando provinciale dei VV.F. di Lucca. Attività primaria: "Scuola di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti". Attività N.ro 85 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Attività secondarie: "Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile gassoso con potenzialità superiore a kcal/h". Attività N.ro 91 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Denominazione: Scuola Elementare Frasso Ubicazione: Via Cugina, SERAVEZZA Proprietario: Comune di Seravezza Si tratta di una scuola elementare per la quale non esiste presso il Comando dei VV.F. di Lucca nessuna pratica. Per l'adeguamento sono state tenute presenti le Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica Decreto del Ministero dell'interno 26 agosto

3 0 PREMESSA La Scuola Elementare in oggetto è esistente e intende aumentare il numero delle persone presenti oltre GENERALITA' 1.2 CLASSIFICAZIONE Nella scuola, le presenze effettive contemporanee massima prevedibile di alunni e personale docente e non docente è di 125 alunni max, 5 insegnanti, 1 bidelli. Quindi la scuola è classificata di Tipo 1. 2 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 2.1 UBICAZIONE L'edificio in oggetto è utilizzato esclusivamente per la scuola in oggetto. L edificio è indipendente e isolato da altri, ed è costituito dal solo piano terra come riportato nella tavola N.ro

4 2.2 ACCESSO ALL'AREA Per consentire l'intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco è previsto un accesso carrabile all area da Via Cugnia di larghezza superiore a 3,5 metri, senza nessuna pendenza, con altezza completamente libera e con portata non inferiore a 20 tonnellate (8 sull asse anteriore e 12 sull asse posteriore)

5 2.3 ACCOSTAMENTO AUTOSCALE L altezza è inferiore a 12 metri e l edificio è ad unico piano. In ogni caso dall interno dell area, è possibile l'accostamento all'edificio in ogni lato. 2.4 SEPARAZIONE L'attività scolastica in oggetto è ubicata in un edificio dove non sono presenti altre attività non scolastiche o ad esse pertinenti. 3 COMPORTAMENTO AL FUOCO 3.0 RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE Le strutture portanti del fabbricato sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 30 intonacate da entrambe le parti. Le tramezzature interne sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 15 intonacate da entrambe le parti. I solai sono del tipo travetti e pignatte spessore medio maggiore di cm 30. Seguendo la Circolare del Ministero dell'interno N.ro 91 del 14 settembre 1961, la struttura portante ha sicuramente una resistenza al fuoco di almeno R60 come richiesti dal DM 26 Agosto 1992 e REI 60 per le strutture separanti. Il carico d'incendio è espresso dalla quantità equivalente di legno per metro quadrato di superficie; tale valore si ottiene dividendo per (Potere calorifico superiore della legna) il numero di calorie per unità di superficie orizzontale del locale, o del piano considerato, che al massimo si possono sviluppare per effetto della combustione di tutti i materiali presenti. I materiali combustibili presenti sono le scaffalature, gli armadi, le scrivanie, i banchi, le sedie, le porte, i libri e piccole altre minuterie. Si prendono in esame tutti i locali interni alla scuola contenenti materiali combustibili, per la determinazione del carico di incendio presente: - 5 -

6 AULA PIÙ SFAVORITA Banchi alunni 26* 200 MJ = MJ Sedie 27 * 59 MJ = MJ Cattedra 425 MJ Libri e varie kg 300 * MJ 17 = MJ TOTALE = MJ Area del locale: 36 mq Q = : 36 = 379 MJ/mq 342 : 18,48 = 18,5 Kg legna standard per metro quadrato Considerando il coefficiente di riduzione K = 1, si ha: C = K * Q = 18,5 * 1 = 18,5 Classe 30 Tutti gli altri ambienti avranno una carico di incendio non superiore e quindi la classe può essere assunta pari a 30. Essendo le strutture dell'edificio di classe superiore a quella calcolata, si ritiene il comportamento delle stesse rispondente ai requisiti della Circolare 91 sopra richiamata. 3.1 REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI La classe dei materiali impiegati sono tali da rispettare quanto richiesto dal D.M. 26 agosto 1992 punto 3.1 a) e b). In particolare nei corridoi, nelle scale, negli atri e nei disimpegni si sono utilizzati materiali di classe 0 ad eccezione degli infissi trattati con prodotti vernicianti omologati di classe 1. Per ogni eventuale variazione sarà rispettato quanto segue: Negli atrii, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, nei passaggi in genere, saranno impiegati materiali di classe 1 al massimo in ragione del 50% della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitto + proiezione orizzontale delle scale). Per le restanti parti saranno impiegati materiali di classe 0. In tutti gli ambienti la pavimentazione è di classe 0 e i rivestimenti al massimo saranno di classe 1. Se venissero installati rivestimenti lignei, escluso sulle vie di esodo e nei - 6 -

7 laboratori, saranno opportunamente trattati con prodotti vernicianti omologati di classe 1. I rivestimenti saranno posti in aderenza agli elementi costruttivi di classe 0 escludendo spazi vuoti o intercapedini. Nel caso venissero installati materiali che possono prendere fuoco su entrambe le facce, come tendaggi, questi saranno di classe di reazione al fuoco non superiore a 1. 4 COMPARTIMENTAZIONE 4.0 COMPARTIMENTAZIONE Essendo la scuola di altezza antincendio inferiore a 12 metri e di superficie inferiore a 6000 mq, secondo il punto 4.0 del Decreto 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica non esiste la necessità di suddividere la scuola in compartimenti. Solo la parte relativa alla civile abitazione sarà separata con una compartimentazione REI SCALE Non ci sono scale interne. 4.2 ASCENSORI E MONTACARICHI Non ci sono Ascensori e Montacarichi

8 5 MISURE PER L'EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO 5.0 AFFOLLAMENTO La scuola è costituita da N.ro 5 aule poste al piano terra. Al piano terra è presente anche: la mensa ed un locale sporzionamento senza utilizzo di impianti a limentati a gas. Per determinare il massimo affollamento ipotizzabile, abbiamo considerato, quanto dichiarato dall ufficio responsabile: - per le aule: 125 alunni e 5 insegnati - per aree destinate a servizi: persone effettivamente presenti + 20% - per la mensa: 0,4 persone/mq Nelle peggiori condizioni, le persone presenti al massimo sono: Alunni = 125 persone Insegnanti = 5 persone Bidelli = 1 persone ======== TOTALE PRESENZE MAX 131 persone 5.1 CAPACITA' DI DEFLUSSO Si è considerato una capacità di deflusso non superiore a 60 per ogni piano. 5.2 SISTEMA DI VIA DI USCITA La scuola è provvista di tre uscite verso luogo sicuro

9 5.3 LARGHEZZA DELLE VIE DI USCITA La larghezza delle vie di uscita non è inferiore a due moduli (1,2 metri). Anche le porte dei locali frequentati dagli alunni, hanno una larghezza non inferiore a 1,2 metri. Le misurazioni delle larghezze si sono intese quelle nel punto più stretto della luce. 5.4 LUNGHEZZA DELLE VIE DI USCITA La lunghezza delle vie di uscita non è superiore a 60 metri, misurata dal luogo sicuro alla porta più vicina allo stesso di ogni locale frequentato dagli studenti o dal personale docente e non docente. 5.5 LARGHEZZA TOTALE DELLE VIE DI USCITA DI OGNI PIANO La larghezza totale delle uscite dal piano sarà determinata dal rapporto fra il massimo affollamento ipotizzabile e la capacità di deflusso. Al piano Terra si ha: Massimo affollamento Capacità di deflusso Numero delle uscite... 3 Numero moduli calcolati... 3 Numero moduli effettivi... 6 Per quanto sopra riportato: La larghezza reale delle uscite dalla scuola sono sufficienti per il massimo affollamento ipotizzabile. 5.6 NUMERO DELLE USCITE Il numero di uscite al piano terra sono oltre due e sono poste in modo contrapposto. La mensa ha più uscite di cui una verso l esterno diretta. Le uscite di sicurezza sono realizzate con porte apribili nel senso del deflusso e sono dotate di maniglione antipanico

10 Le porte di uscita dalle aule didattiche sono di larghezza pari a 1,2 metri e solo una si apre verso l esterno, in quanto le altre se apribili verso l estero tenderebbero ad ostruire il passaggio nelle vie di esodo. Per queste abbiamo limitato la presenza non oltre 25 alunni

11 6 SPAZI A RISCHIO SPECIFICO 6.1 SPAZI PER ESERCITAZIONI Non ci sono aule per esercitazioni. 6.2 SPAZI PER DEPOSITI Non esistono locali con destinazione specifica di deposito. Nel caso che una delle aule speciali fossero utilizzate come deposito di materiale didattico, si provvederà affinché le strutture siano REI 60 e le porte di accesso realizzate mediante porte almeno REI60 dotate di congegno di autochiusura. Il suddetto locale sarà aerato con superficie non inferiore a 1/40 della superficie in pianta e il carico di incendio di ogni singolo deposito sarà inferiore a 30 kg/mq. Ad uso di tale locale sarà previsto almeno un estintore, di tipo approvato, di capacità estinguente non inferiore a 21A, ogni 200mq. Non ci sono depositi di materiali infiammabili liquidi e gassosi, solo per esigenze didattiche ed igienico-sanitarie sarà detenuto complessivamente, all'interno del volume dell'edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l di liquidi infiammabili. 6.3 SERVIZI TECNOLOGICI Nell attività è presente la Centrale Termica con apparecchiature alimentate a gas metano con potenzialità complessiva superiore a kcal/h. Per questi impianti si prevede il rispetto del Decreto 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi

12 LUOGHI DI ISTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI (Punto 1.2 D.M. 12/04/1996) La centrale Termica il locale è esterno. UBICAZIONE (Punto D.M. 12/04/1996) a) Il piano di calpestio della centrale termica si trova a una quota uguale o superiore al piano di riferimento esterno. b) Il locale in oggetto, ha due pareti confinanti con spazio scoperto di lunghezza non inferiore al 15% del perimetro. APERTURE DI AEREAZIONE (Punto D.M. 12/04/1996) Il locale centrale termica ha una apertura con superficie di aerazione superiore a cmq. Le aperture sono collocate a filo soffitto, in modo da evitare la formazione di sacche di gas. DISPOSIZIONE DEGLI APPARECCHI (Punto D.M. 12/04/1996) Le distanze tra un qualsiasi punto esterno degli apparecchi e le pareti verticali e orizzontali del locale, nonché le distanze fra gli apparecchi istallati nello stesso locale permettono l accessibilità agli organi di regolazione, sicurezza e controllo nonché la manutenzione ordinaria

13 UBICAZIONE LOCALE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) Il locale ad uso esclusivo, si trova esterno al fabbricato principale. Non è sottostante o contiguo a locali di pubblico spettacolo o ad ambienti con densità di affollamento superiore a 0,4 persone per mq. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE C.LE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) Le strutture portanti e di separazione avranno caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiore a REI 120. Le strutture saranno realizzate con materiale di classe 0 di reazione al fuoco. L altezza del locale sarà superiore a 2,30 metri. APERTURE DI AEREAZIONE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) Vedi punto ACCESSO LOCALE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) L accesso avviene direttamente dall esterno. PORTA LOCALE CENTRALE TERMICA (Punto D.M. 12/04/1996) La porta di chiusura della centrale termica sarà di classe 0 di reazione al fuoco, aprirà verso l esterno ed avrà dimensioni superiori o uguali a 2 ml di altezza e 0,6 ml di larghezza. MATERIALI DELLE TUBAZIONI (Punto 5.2 D.M. 12/04/1996) Il materiale utilizzato per le tubazioni, sarà l acciaio. I tubi saranno senza saldature ed avranno caratteristiche qualitative e dimensionali non inferiori a quelle indicate dalla norma UNI GIUNZIONI, PEZZI SPECIALI, VALVOLE (Punto 5.3 D.M. 12/04/1996) Le giunzioni dei tubi in acciaio saranno realizzate mediante raccordi con filettature e saranno impiegati mezzi di tenuta, quali ad esempio canapa con mastici adatti, nastro di tetrafluoroetilene. I raccordi o i pezzi speciali saranno realizzati in acciaio oppure di ghisa malleabile con estremità unicamente filettate

14 Le valvole saranno di facile manovrabilità e manutenzione e con la possibilità di rilevare facilmente le posizioni di aperto e di chiuso. Saranno in acciaio o di ottone con sezione libera di passaggio non minore del 75% di quella del tubo sul quale vengono inserite. POSA IN OPERA (Punto 5.4 D.M. 12/04/1996) Le tubazioni sono completamente a vista e per la posa sarà rispettato quanto richiesto al punto 5.4 D.M. 12/04/1996 GRUPPO DI MISURAZIONE (Punto 5.5 D.M. 12/04/1996) Il contatore del gas sarà posto all esterno in contenitore o nicchia aerata. PROVA DI TENUTA DELL IMPIANTO INTERNO (Punto 5.6 D.M. 12/04/1996) Prima di mettere in servizio l impianto saranno eseguite le prove riportate al Punto 5.6 D.M. 12/04/1996. IMPIANTO ELETTRICO (Punto 6.1 D.M. 12/04/1996) Gli Impianti Elettrici saranno realizzati in conformità delle Normative CEI con particolare riferimento alle Norme CEI 64.8/7 Ambienti a maggior rischio in caso di incendio e alle Norme CEI Costruzioni elettriche per atmosfera esplosiva per la presenza di gas. L'alimentazione avviene da una fornitura in B.T. di tipo 3F+N con tensione di 380 V (Sistema TT). E' stato prevista una illuminazione di sicurezza atta a illuminare le vie di esodo e a segnalare le uscite e i percorsi che garantisca un livello di illuminamento non inferiore a 5 lux. Le plafoniere saranno del tipo autoalimentate con autonomia superiore a 60 minuti e con dispositivo di ricarica degli accumulatori automatico con tempo di ricarica completa entro 12 ore. L impianto elettrico sarà completo di Progetto, Dichiarazione di Conformità secondo L.46/

15 MEZZI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI (Punto 6.2 D.M. 12/04/1996) Nella Centrale Termica, saranno installati estintori a polvere di classe 34A233BC e/o estintore a CO2 di classe 89BC. Gli estintori saranno posizionati e segnalati in posizione ben visibile. ESERCIZIO E MANUTENZIONE (Punto 6.4 D.M. 12/04/1996) Saranno rispettati gli obblighi di cui all art. 11 del D.P.R. 26 agosto n. 412 (S.O.G.U. n. 242 del 14 ottobre 1993). Nella Centrale Termica si eviterà di depositare sostanze infiammabili o tossiche e materiali non attinenti all impianto. Saranno adottate adeguate precauzioni, affinché, durante qualunque tipo di lavoro, l eventuale uso di fiamme libere non costituisca fonte di innesco. 6.4 SPAZI PER L'INFORMAZIONE E LE ATTIVITA' PARASCOLASTICHE Non esistono. 6.5 AUTORIMESSE Non ci sono autorimesse 6.6 CUCINA Si prevede un locale mensa destinato alla distribuzione e consumazione dei pasti. Non si prevedono apparecchi alimentati a gas. Gli alimenti vengono portati dall esterno già cotti e pronti per la consumazione

16 7 IMPIANTI ELETTRICI Gli Impianti Elettrici sono stati già realizzati in conformità delle Normative CEI con particolare riferimento alle Norme CEI 64.8 III edizione e alle Norme per la Centrale Termica. L'alimentazione avviene da una fornitura in B.T. di tipo 3F+N con tensione di 380 V (Sistema TT). Immediatamente a valle del Gruppo di Misura ENEL è presente un interruttore generale, manovrabile sotto carico, dimensionato per sovraccarichi e corto circuiti atto a mettere fuori tensione tutto l'impianto elettrico. La fornitura ENEL, si trova esternamente alla scuola come riportato negli elaborati grafici. E' stato previsto un impianto di illuminazione di sicurezza atta a illuminare le vie di esodo e a segnalare le uscite e i percorsi che garantisca un livello di illuminamento non inferiore a 5 lux. Le plafoniere sono del tipo autoalimentate con autonomia superiore a 30 minuti e con dispositivo di ricarica degli accumulatori automatico con tempo di ricarica completa entro 12 ore. La scuola è dotata di un impianto di diffusione sonora, con gli altoparlanti in tutte le aule e nei corridoi. E' stato previsto un soccorritore con autonomia di 30 minuti, per l'alimentazione dei circuiti di sicurezza: - Suonerie di fine lezione - Amplificatore per la diffusione sonora L impianto elettrico è completo di Progetto, Dichiarazione di Conformità secondo L.46/90 e da recente verifica USL

17 8 SISTEMA DI ALLARME Si è previsto un impianto di allarme in grado di avvertire gli alunni ed il personale presenti in caso di pericolo, mediante l'utilizzo di una campana ad uso specifico. 9 MEZZI E IMPIANTI FISSI DI PROTEZIONE ED ESTINZIONE INCENDI 9.1 RETE IDRANTI Sarà realizzato un impianto idrico antincendio con tubazioni in acciaio zincato interrate da 2 1/2. La rete alimenta le cassette con idranti con attacco UNI45 poste come riportato negli elaborati grafici. Dalla rete si sono derivate due colonne montanti, una per ogni vano scala. Le due colonne montanti alimenteranno delle cassette con attacchi UNI 45 poste ad ogni piano. Le caratteristiche idrauliche saranno tali da garantire 360 l/min per ogni colonna montante con il funzionamento contemporaneo delle due colonne montanti. L alimentazione idrica sarà in grado di assicurare l erogazione ai 3 idranti più sfavoriti di 120l/min cad. con una pressione residua al bocchello di 1,5 bar per un tempo di almeno 60 minuti. Per l alimentazione dell impianto si prevede una riserva idrica alimentata dall acquedotto comunale e l elettropompe alimentate da una propria linea preferenziale direttamente dalla fornitura ENEL. L avviamento del gruppo di pompaggio sarà automatico. Le tubazioni saranno protette dal gelo, dagli urti e dal fuoco. RISERVA IDRICA

18 Si prevede la realizzazione di N.ro 1 Cisterna in Cemento Armato Vibrato a blocco unico con armature e rete elettrosaldata diametro 10 mm, con passo d'uomo in cemento dalla capacità di litri. Tale vasca sarà interrata. L'alimentazione avverrà dall'acquedotto comunale con una tubazione e gli apparecchi idraulici riportati nel disegno esecutivo. GRUPPO POMPE Si tratta di un gruppo pompe dotato di dispositivo automatico per l'inserimento e per il controllo della funzionalità di ogni singola elettropompa. Il quadro di comando e protezione verrà predisposto con apposito interruttore ciclico ad inserzione a tempo, opportunamente collegato ad elettrovalvola di scarico e relativo flussostato di consenso. Un ulteriore controllo della pressione in rete sarà rappresentato dal pressostato di minima, collegato al dispositivo di allarme acustico. L'invertitore di inserzione assicurerà la verifica periodica di tutte le elettropompe costituenti il gruppo. Sul gruppo antincendio sarà presente anche una elettropompa ausiliaria che consentirà di mantenere stabile automaticamente la pressione del circuito, senza l'intervento di una delle elettropompe principali con evidente risparmio sui consumi energetici. In caso di emergenza, in modo manuale, si potrà immettere direttamente dall'acquedotto, acqua nell'anello dell'impianto idrico antincendio. IDRANTI Per l'interno, saranno installati Idranti UNI 45 completi di cassetta di protezione con pellicola trasparente facilmente frangibile di colore rosso, all'interno della quale saranno installate la lancia rompigetto e la manichetta flessibile di 20 metri. Per l'esterno saranno installati degli idranti soprasuolo a colonna con scarico automatico di svuotamento antigelo, con due bocce di uscita UNI 70 e attacco per motopompe VV.F. UNI 70, con profondità sottosuolo di circa 70 cm e altezza soprasuolo di circa 90 cm. Ogni idrante dovrà essere ben segnalato. 9.2 ESTINTORI

19 Sono stati installati estintori portatili di capacità estinguente non inferiore a 13A, 89B, C di tipo approvato dal Ministero dell'interno. Gli Estintori installati saranno in ragione di almeno un estintore ogni 200 mq di pavimento o frazione di detta superficie, con un minimo di due per ogni piano ed in modo contrapposto. 10 SEGNALETICA DI SICUREZZA In tutta l'attività in oggetto sono stati installati cartelli segnaletici, espressamente finalizzati alla sicurezza antincendo, secondo il DPR 493/96. Sono stati segnalati tutti gli Estintori e gli Idranti, in particolare le Uscite sono state segnalate anche in assenza di energia elettrica, mediante plafoniere di tipo autoalimentate con autonomia superiore a 30 minuti. 12 NORME DI ESERCIZIO A cura del titolare dell'attività, dovrà essere predisposto un registro dei controlli periodici, ove saranno annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all'efficienza degli impianti elettrici, dell'illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, delle aree a rischio specifico e dell'osservanza delle limitazioni dei carichi di incendio nei vari ambienti dell'attività. Tale registro sarà mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte dell'autorità competente. - Sarà predisposto un piano di emergenza e saranno fatte prove di evacuazione, almeno due volte nel corso dell'anno scolastico. - Le vie di uscita saranno tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale

20 - Sarà fatto divieto di compromettere la agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite di sicurezza, durante i periodi di attività della scuola, verificandone l'efficienza prima dell'inizio delle lezioni. - Le attrezzature e gli impianti di sicurezza saranno controllati periodicamente in modo da assicurarne la costante efficienza. - Nei locali dove verranno depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili, sarà fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere. - I travasi di liquidi infiammabili, non saranno effettuati se non in locali appositi e con recipienti e o apparecchiature di tipo autorizzato. - Nei locali della scuola, non appositamente all'uopo destinati, non saranno depositati e/o utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono essere tenuti in quantità strettamente necessarie per esigenze igienico-sanitarie e per l'attività didattica e di ricerca in corso. - Al termine dell'attività didattica o di ricerca, l'alimentazione centralizzata di apparecchiature o utensili con combustibili liquidi o gassosi sarà interrotta azionando la saracinesca di intercettazione del combustibile, la cui ubicazione sarà indicata mediante cartelli segnaletici facilmente visibili. - Negli archivi e depositi i materiali saranno depositati in modo da consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0,90 metri. - Eventuali scaffalature risulteranno a distanza non inferiore a 0,60 metri dall'intradosso del solaio di copertura. - Il titolare dell'attività provvederà affinché nel corso della gestione non venga alterata le condizioni di sicurezza. Camaiore 31/08/2004 Ing. Renato Tofanelli

21 Ing. Renato Tofanelli Via Illica Capezzano Pianore (Lu) Tel/Fax 0584/ RELAZIONE TECNICA Relativa alla richiesta per il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi da parte del Comando provinciale dei VV.F. di Lucca. Attività primaria: "Scuola di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti". Attività N.ro 85 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Attività secondarie: "Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile gassoso con potenzialità superiore a kcal/h". Attività N.ro 91 dell'allegato B al decreto Ministeriale 16/02/1982. Denominazione: Ubicazione: Proprietario: Scuola Media Enrico Pea Via Menchini Loc. Marzocchino - SERAVEZZA Comune di Seravezza Si tratta di una scuola elementare per la quale esiste presso il Comando dei VV.F. di Lucca una pratica N.ro Associata alla scuola elementare del Marocchino, ma in realtà sono due fabbricati distinti e distanti. Per l'adeguamento sono state tenute presenti le Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica Decreto del Ministero dell'interno 26 agosto

22 0 PREMESSA La Scuola Media in oggetto è stata interessata ad una pratica per il rilascio del NOP. Da una verifica effettuata, si è notato che la pratica riporta lo stesso numero della Scuola Elementare MARZOCCHINO. In realtà sono scuole distinte e distanti. La scuola Media si trova in aera con la palestra completamente distaccata dalla scuola, come riportato nella Tavola GENERALITA' 1.2 CLASSIFICAZIONE Nella scuola, le presenze effettive contemporanee massima prevedibile di alunni e personale docente e non docente è di 416 alunni max, 20 insegnanti, 4 bidelli. Quindi la scuola è classificata di Tipo 2. 2 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 2.1 UBICAZIONE L'edificio in oggetto è utilizzato esclusivamente per la scuola in oggetto, ad eccezione di un parte del piano terra dove è stata ricavata una scuola materna. Tale scuola ha un ingresso e gli impianti completamente separati. La parete di separazione è REI 120. L edificio è indipendente e isolato da altri, ed è costituito dal piano terra, dal piano primo come riportato negli elaborati grafici

23 2.2 ACCESSO ALL'AREA Per consentire l'intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco è previsto un accesso carrabile all area da Via Meschini e da Via Catena di larghezza superiore a 3,5 metri, senza nessuna pendenza, con altezza completamente libera e con portata non inferiore a 20 tonnellate (8 sull asse anteriore e 12 sull asse posteriore). 2.3 ACCOSTAMENTO AUTOSCALE L altezza è inferiore a 12 metri. In ogni caso è possibile l'accostamento con autoscala, all'edificio per raggiungere una finestra del piano primo

24 2.4 SEPARAZIONE L'attività scolastica in oggetto è ubicata in un edificio isolato, non ci sono quindi comunicazioni con altri locali a diversa destinazione. La parete tra la scuola media e la scuola materna al piano terra è REI COMPORTAMENTO AL FUOCO 3.0 RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE Le strutture portanti del fabbricato sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 30 intonacate da entrambe le parti. Le tramezzature interne sono costituite da muratura di spessore maggiore di cm 15 intonacate da entrambe le parti. I solai sono del tipo travetti e pignatte spessore medio maggiore di cm 30. Seguendo la Circolare del Ministero dell'interno N.ro 91 del 14 settembre 1961, la struttura portante ha sicuramente una resistenza al fuoco di almeno R60 come richiesti dal DM 26 Agosto 1992 e REI 60 per le strutture separanti. Il carico d'incendio è espresso dalla quantità equivalente di legno per metro quadrato di superficie; tale valore si ottiene dividendo per (Potere calorifico superiore della legna) il numero di calorie per unità di superficie orizzontale del locale, o del piano considerato, che al massimo si possono sviluppare per effetto della combustione di tutti i materiali presenti. I materiali combustibili presenti sono le scaffalature, gli armadi, le scrivanie, i banchi, le sedie, le porte, i libri e piccole altre minuterie. Si prendono in esame tutti i locali interni alla scuola contenenti materiali combustibili, per la determinazione del carico di incendio presente: AULA PIÙ SFAVORITA Banchi alunni 26* 200 MJ = MJ Sedie 27 * 59 MJ = MJ

25 Cattedra 425 MJ Libri e varie kg 300 * MJ 17 = MJ TOTALE = MJ Area del locale: 36 mq Q = : 36 = 379 MJ/mq 342 : 18,48 = 18,5 Kg legna standard per metro quadrato Considerando il coefficiente di riduzione K = 1, si ha: C = K * Q = 18,5 * 1 = 18,5 Classe 30 BIBLIOTECA ARCHIVIO - RIPOSTIGLIO più sfavorito Scaffali 400 MJ Libri mc 3 * MJ/mc 2100= MJ Varie kg 60 * MJ/kg 21 = MJ TOTALE = MJ Area del locale: 16mq Q = : 16 = 497,5 MJ/mq 497,5 : 18,48 = 26,92 Kg legna standard per metro quadrato Considerando il coefficiente di riduzione K = 1, si ha: C = K * Q = 26,92* 1 = 26,92 Tutti gli altri ambienti avranno una carico di incendio non superiore e quindi la classe può essere assunta pari a 30. Essendo le strutture dell'edificio di classe superiore a quella calcolata, si ritiene il comportamento delle stesse rispondente ai requisiti della Circolare 91 sopra richiamata. 3.1 REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI La classe dei materiali impiegati sono tali da rispettare quanto richiesto dal D.M. 26 agosto 1992 punto 3.1 a) e b). In particolare nei corridoi, nelle scale, negli atri e nei

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

DECRETO 26 agosto 1992. Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. MINISTERO DELL'INTERNO

DECRETO 26 agosto 1992. Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 26 agosto 1992. Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. (GAZZETTA UFFICIALE n. 278 del 16 settembre 1992) MINISTERO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; Vista

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO. Rilevata la necessità di emanare norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica;

IL MINISTRO DELL'INTERNO. Rilevata la necessità di emanare norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica; Decreto Ministeriale del 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. (Gazzetta Ufficiale Italiana n. 218 del 16/09/1992) Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 26 agosto 1992 (G. U. n. 218 del 16 settembre 1992) Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica IL MINISTRO DELL INTERNO VISTA la legge 27 dicembre

Dettagli

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti DPR 151/11 attività soggette a controllo VV.F. Attività n 67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti Asili nido con oltre 30 persone presenti DPR

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

RELAZIONE VV.FF. APPROVATA

RELAZIONE VV.FF. APPROVATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO Appalto Concorso per la fornitura di arredi, impianti e attrezzature per l allestimento dell Aula Magna della Università degli Studi del Piemonte

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

Ing. Mauro Malizia Prevenzione Incendi Scuole - testo coordinato - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia Prevenzione Incendi Scuole - testo coordinato - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno TESTO COORDINATO E COMMENTATO SCUOLE D.M. 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. (G.U. 16 settembre 1992, n. 218). Legenda: - In corsivo grassetto (blu) sono riportati i

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Relazione tecnica riguardante la realizzazione di un nuovo fabbricato adibito a scuola primaria (elementare) in località Reno Centese.

Relazione tecnica riguardante la realizzazione di un nuovo fabbricato adibito a scuola primaria (elementare) in località Reno Centese. PREMESSA Il presente progetto si riferisce ad una nuova costruzione adibita a scuola primaria (elementare) da realizzare in località di Reno Centese sita nel Comune di Cento. La scuola primaria ospiterà

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE D.M. 16 maggio 1987 n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) Legenda: - In corsivo

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

Istituto Comprensivo Marina di Gioiosa Mammola (RC)

Istituto Comprensivo Marina di Gioiosa Mammola (RC) Istituto Comprensivo Marina di Gioiosa Mammola (RC) Guiida dell Piiano dii Evacuaziione Dellll Ediifiiciio Scollastiico Pllesso Marconii Mammolla (RC) A CCUURRAA DDEELL PPRROOFF.. ANNTTOONNI IIOO S GGAAMBB

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Prevenzione Incendi Scuole v4.2 - testo coordinato - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Prevenzione Incendi Scuole v4.2 - testo coordinato - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno TESTO COORDINATO E COMMENTATO SCUOLE D.M. 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. (G.U. 16 settembre 1992, n. 218). Legenda: - In corsivo grassetto (blu) sono riportati i

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere, con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AI DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI RICADENTI NELLE SEGUENTI ATTIVITA DEL D.M. 16/02/1982 Punto 43) Depositi

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI 1.1 Generalità I locali in oggetto, destinati a trattenimenti e pubblici spettacoli, ovvero concerti, conferenze, congressi, proiezioni cinematografiche e rappresentazioni

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C.

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. 15/02/2008 L.C. 28/03/2008 GENERALITA' COMPARTIMENTI La presente

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

4.b) Criteri utilizzati per procedere alla valutazione dei rischi di incendio.

4.b) Criteri utilizzati per procedere alla valutazione dei rischi di incendio. RELAZIONE SPECIALISTICA ANTINCENDIO OSTELLO DELLA GIOVENTU 1) - PREMESSA. La presente relazione, redatta ai sensi del DECRETO MINISTERIALE 9 aprile 1994 (G.U. n. 95 del 26/4/1994) - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi

Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi arch. Antonio Esposito Comando Provinciale

Dettagli

s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel.

s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel. 1416 DE 10 01 00 0 R0 D alpe progetti s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel. 0432 526179 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Art. 3 del D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 DITTA: Car Touring S.r.l. PROPRIETA': Car Touring S.r.l. UBICAZIONE: Via Rivoltana 98 - Segrate (MI) Data : 04/03/2012 Revisione:

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Articolo 1 Campo di applicazione d) auditori e sale convegno; Allegato REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEI LOCALI DI INTRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI Premessa RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI Nella presente relazione tecnica verranno evidenziati gli aspetti di prevenzione incendi connessi al progetto esecutivo per la realizzazione di un Centro

Dettagli

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006)

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006) UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (DM 22/02/2006) Michele Messina Consulente di sicurezza Vice Presidente AIPROS Nell ultimo decennio, in epoca postindustriale, il settore dei servizi ha

Dettagli

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO per VARIANTI AL FASCICOLO 29110: - ATTIVITA 54.B: OFFICINA MECCANICA PER LAVORAZIONI A FREDDO CON OLTRE 25 ADDETTI (FINO A 50 ADDETTI) - ATTIVITA 12.A: DEPOSITO

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione Indice Ministero dell Interno Ministero della Pubblica Istruzione Seminario Nazionale per la diffusione della cultura della protezione civile nella scuola dell obbligo Norme di comportamento Norme di prevenzione

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA NUOVO EDIFICIO AD USO UFFICI CONFIGURAZIONE 1-2

PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA NUOVO EDIFICIO AD USO UFFICI CONFIGURAZIONE 1-2 Cameo spa Via Ugo La Malfa 60 Desenzano del Garda (BS) PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA NUOVO EDIFICIO AD USO UFFICI CONFIGURAZIONE 1-2 Consulente prevenzione incendi LOMMANO Studio di ingegneria

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA LOCALI FISSI CON CAPIENZA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO Tutti i documenti allegati alla richiesta devono essere in originale od in copia autenticata

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

1. SCHEDA INFORMATIVA 3 2. ATTIVITA PRINCIPALE 3 3. ATTIVITA SECONDARIA 3 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 3

1. SCHEDA INFORMATIVA 3 2. ATTIVITA PRINCIPALE 3 3. ATTIVITA SECONDARIA 3 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 3 Sommario 1. SCHEDA INFORMATIVA 3 2. ATTIVITA PRINCIPALE 3 3. ATTIVITA SECONDARIA 3 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 3 5. RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI DEL D.P.G.P 14/01/1992 E DEL D.M. 26/08/1992 6 6. PROVVEDIMENTI

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. (Punto B.2 Allegato 1 D.M. 4.5.1998, Art.1 Comma 2, Lettera a) INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3

RELAZIONE TECNICA. (Punto B.2 Allegato 1 D.M. 4.5.1998, Art.1 Comma 2, Lettera a) INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 RELAZIONE TECNICA (Punto B.2 Allegato 1 D.M. 4.5.1998, Art.1 Comma 2, Lettera a) INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 NORME DI CARATTERE GENERALE... 3 1.2 NORME SPECIFICHE... 4 2. DESCRIZIONE DEL PROGETTO......5

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi.

Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. Decreto Ministeriale del 10/09/1986 Nuove norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; Vista la legge 13

Dettagli

0. PREMESSA 1. CENTRO DI PREVENZIONE E RIABILITAZIONE

0. PREMESSA 1. CENTRO DI PREVENZIONE E RIABILITAZIONE RELAZIONE TECNICA RELATIVA AI CRITERI DI SICUREZZA ANTINCENDIO DEL CENTRO ILMA (Ricerche e servizi oncologici nel Salento) NEL COMUNE DI GALLIPOLI (LE) 0. PREMESSA La presente relazione riferisce in merito

Dettagli