CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI MANUTENTORI DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI ANTINCENDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI MANUTENTORI DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI ANTINCENDIO"

Transcript

1 IL CORSO E DESTINATO AI MANUTENTORI CHE ESERCITANO QUESTA PROFESSIONE E FA PARTE DI UN PROGETTO DI FORMAZIONE A MEDIO TERMINE ATTRAVERSO IL QUALE IL MANUTENTORE AVRA LA POSSIBILITA DI ACCRESCERE LE SUE COMPETENZE E CONSOLIDARE LA SUA PREPARAZIONE PROFESSIONALE AL FINE DI ESSERE CONSIDERATO PERSONA COMPETENTE E QUALIFICATA IN OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE VIGENTI. PER IL MANUTENTORE DI COMPONENTI DI RETI IDRANTI IL CORSO PREVEDE DUE GIORNI DI FORMAZIONE NON CONSECUTIVI UNO TEORICO E UNO PRATICO PROGRAMMA DEL PRIMO GIORNO DI FORMAZIONE IN AULA ORE REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI E INIZIO DEL CORSO NORMA UNI NUOVA EDIZIONE - LUGLIO 2007 LA NORMA STABILISCE LE CARATTERISTICHE CHE UNA RETE DI IDRANTI DEVE AVERE E LE MODALITA CON LE QUALI DEVE ESSERE REALIZZATA E GESTITA PRIMA PARTE LE LEGGI E LE NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO RELATIVE ALLA COSTRUZIONE E ALLE CARATTERISTICHE TECNICHE DEI COMPONENTI DI UNA RETE DI IDRANTI: NORMA UNI EN 671/1 - NASPI ANTINCENDIO NORMA UNI EN 671/2 - IDRANTI A MURO DN 45 NORMA UNI TUBAZIONI FLESSIBILI ANTINCENDIO DN 70 NORMA UNI EN TUBAZIONI ANTINCENDIO DN 45 NORMA UNI EN TUBAZIONI SEMIRIGIDE PER NASPI NORMA UNI RACCORDI PER TUBAZIONI FLESSIBILI DN 70 E DN 45 NORMA UNI LEGATURE PER TUBAZIONI FLESSIBILI NORMA UNI EN IDRANTI ANTINCENDIO A COLONNA SOPRASUOLO NORMA UNI EN IDRANTI ANTINCENDIO SOTTOSUOLO NORMA UNI CHIAVI PER LA MANOVRA DEI RACCORDI NORMA UNI TAPPI PER VALVOLE E RACCORDI - LE CASSETTE A CORREDO DEGLI IDRANTI - GLI ATTACCHI AUTOPOMPA DECRETO 7 APRILE 2004 PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE N 95 DEL 23 APRILE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 89/106 CEE (CPD) PER UNA MAGGIORE E PIU EFFICACE COMPRENSIONE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI IL DOCENTE NELLA SUA PRESENTAZIONE AVRA A DISPOSIZIONE UNA RICCA RACCOLTA DI IMMAGINI E SI AVVARRA DELLA PRESENZA IN AULA DI TUTTI I PRODOTTI RELATIVI ALLE NORME IN OGGETTO. 1

2 SEGUITO DEL PROGRAMMA DEL PRIMO GIORNO DI FORMAZIONE ORE PAUSA PRANZO ORE SECONDA PARTE LE LEGGI E LE NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO RELATIVE ALLA MANUTENZIONE DEI COMPONENTI DI UNA RETE DI IDRANTI DPR D. Leg D. Leg. 5 MARZO 1990 N 46 DM 10 MARZO 1998 D. P. R. N 37 NORMA UNI EN 671/3 NORMA UNI LA PARTE RELATIVA ALLA MANUTENZIONE NORMA UNI EN ALCUNI CENNI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE LE ISTRUZIONI DEL PRODUTTORE NOTA: NELLA PARTE POMERIDIANA DEL CORSO VERRA DATO AMPIO SPAZIO ALLA SPIEGAZIONE DELLE PROCEDURE DI MANUTENZIONE ALLE QUALI IL MANUTENTORE SI DOVRA ATTENERE. ANCHE IN QUESTO CASO IL DOCENTE, PER UNA MAGGIORE COMPRENSIONE DEI PARTECIPANTI, UTILIZZERA NELLA SUA ESPOSIZIONE UNA VASTA RACCOLTA DI IMMAGINI. IN QUESTO PRIMO GIORNO DI FORMAZIONE SARANNO FORNITE AI PARTECIPANTI UNA SERIE DI NOZIONI PRELIMINARI INDISPENSABILI PER AFFRONTARE IN SEGUITO IL SECONDO GIORNO DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE PRATICO ORE TEST DI APPRENDIMENTO ORE DIBATTITO ORE FINE DEL CORSO E CONSEGNA DEGLI ATTESTATI 2

3 DATA DI SVOLGIMENTO DEL PRIMO GIORNO DEL CORSO DI FORMAZIONE VENERDI 14 MARZO 2008 COSTO DELLA PARTECIPAZIONE AL CORSO TEORICO - PRIMO GIORNO IL COSTO DI PARTECIPAZIONE A PERSONA E DI EURO IVA PER NON ASSOCIATI MAIA IL COSTO DI PARTECIPAZIONE A PERSONA E DI EURO IVA PER ASSOCIATI MAIA NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI AL CORSO: 15 PARTECIPANTI SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO SEDE DELL ASSOCIAZIONE MAIA - VIA BOBBIO n.12 - PARMA DOCUMENTAZIONE AI PARTECIPANTI VERRA FORNITA UNA ADEGUATA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AGLI ARGOMENTI TRATTATI EVENTUALI PERNOTTAMENTI ALBERGO TRE VILLE - VIA BENEDETTA, 97/A - PARMA - Tel RAGIONE SOCIALE CITTA PROV CAP TELEFONO FAX E- MAIL CODICE FISCALE P. IVA PERSONA CHE AUTORIZZA LA PARTECIPAZIONE AL CORSO NOMINATIVO DEL / DEI PARTECIPANTI 1) 2) 3) IL MANUTENTORE PER COMPLETARE IL PERCORSO FORMATIVO DOVRA PARTECIPARE AL SECONDO GIORNO DI CORSO INTERAMENTE PRATICO. IL SECONDO GIORNO DI CORSO SI TERRA IN SEGUITO E SI SVOLGERA SEGUENDO IL PROGRAMMA ALLEGATO. PER PROBLEMI OPERATIVI LEGATI ALLA POSSIBILITA DI EFFETTUARE LE OPERAZIONI PRATICHE DI MANUTENZIONE LA SEDE DEL SECONDO GIORNO DI CORSO IN ALCUNI CASI POTRA ESSERE DIVERSA DA QUELLA DEL PRIMO CORSO IN ALLEGATO: INFORMATIVA SULLA PRIVACY DA RITORNARE ALLA SEGRETERIA MAIA AL NUMERO DI FAX UNITAMENTE AL MODULO DI ISCRIZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO Da versare su BANCA MONTE PARMA AG. 7 PARMA IBAN IT08S ABI CAB CCB intestato a: ASSOCIAZIONE MAIA (La ricevuta del versamento dovrà essere allegata al modulo di iscrizione all Associazione) 3

4 PROGRAMMA DEL SECONDO GIORNO DI FORMAZIONE PARTE PRATICA IN OFFICINA ORE ORE REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI INIZIO DEL CORSO PRIMA PARTE IN RELAZIONE A QUANTO APPRESO NEL PRIMO GIORNO DI FORMAZIONE TEORICA I PATRECIPANTI AL CORSO AVRANNO ORA LA POSSIBILITA DI CONOSCERE IN PRATICA, CON L AUSILIO DI UN DOCENTE, TUTTI I PRODOTTI A NORMA (E ANCHE QUELLI NON A NORMA), VERIFICARNE LA RISPONDENZA E LE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI IN RELAZIONE ALLE RISPETTIVE NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO. NORMA UNI EN 671/1 - NASPI ANTINCENDIO NORMA UNI EN 671/2 - IDRANTI A MURO DN 45 VERIFICA DI CORRETTA INSTALLAZIONE, FUNZIONAMENTO, CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI MEDIANTE L UTILIZZO DELLE DIVERSE ATTREZZATURE OGGI DISPONIBILI SUL MERCATO E RELATIVE OPERAZIONI DI MANUTENZIONE DI TUTTI I COMPONENTI DEL NASPO E DI UN IDRANTE DN 45. IN OSSERVANZA ALLE NORME TECNICHE. LA SOSTITUZIONE DEI COMPONENTI DANNEGGIATI E IL MANTENIMENTO DELLA CONFORMITA (LANCE, TUBAZIONI, RUBINETTI ETC.) LA MESSA A NORMA DI ATTREZZATURE NON CONFORMI NORMA UNI TUBAZIONI FLESSIBILI ANTINCENDIO DN 70 NORMA UNI EN TUBAZIONI ANTINCENDIO DN 45 NORMA UNI EN TUBAZIONI SEMIRIGIDE PER NASPI CONOSCERE LE CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI TUBAZIONI PRESENTI SUL MERCATO IN RELAZIONE AL LORO IMPIEGO. I CERTIFICATI DI CONFORMITA, LE MARCATURE A NORMA, IL CONTROLLO SEMESTRALE, ANNUALE E IL COLLAUDO OGNI CINQUE ANNI PROVE PRATICHE DEI PARTECIPANTI CON DIVERSE TIPOLOGIE DI ATTREZZATURE DISPONIBILI SUL MERCATO NORMA UNI RACCORDI PER TUBAZIONI FLESSIBILI DN 70 E DN 45 NORMA UNI LEGATURE PER TUBAZIONI FLESSIBILI I RACCORDI A NORMA UNI I RACCORDI STORZ - I RACCORDI NON A NORMA PROVE DI CORRETTA LEGATURA DELLE TUBAZIONI CON VARIE ATTREZZATURE E IL MANTENIMENTO DELLA CONFORMITA 4

5 SEGUITO DEL PROGRAMMA DEL SECONDO GIORNO DI FORMAZIONE ORE ORE PAUSA PRANZO SECONDA PARTE NORMA UNI EN NORMA UNI EN NORMA 814 NORMA UNI IDRANTI ANTINCENDIO A COLONNA SOPRASUOLO - IDRANTI ANTINCENDIO SOTTOSUOLO - CHIAVI PER LA MANOVRA DEI RACCORDI - TAPPI PER VALVOLE E RACCORDI CONOSCERE GLI IDRANTI A NORMA, I LORO COMPONENTI E LE LORO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE, VERIFICA DEL LORO FUNZIONAMENTO E DELLE RELATIVE PRESTAZIONI. LE ATTREZZATURE NECESSARIE PER IL LORO UTILIZZO LE OPERAZIONI DA EFFETTUARE PER LA MANUTENZIONE SEMESTRALE LE CASSETTE A CORREDO DEGLI IDRANTI GLI ATTACCHI PER AUTOPOMPA I MODELLI DI CASSETTE A CORREDO DISPONIBILI SUL MERCATO, LA LORO COLLOCAZIONE E LA DOTAZIONE MINIMA DELLE ATTREZZATURE CHE DEVONO CONTENERE. LA MANUTENZIONE DEI COMPONENTI. LA SEGNALETICA. I DIVERSI TIPI DI ATTACCHI PER AUTOPOMPA, VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. LA LORO MANUTENZIONE E LA SEGNALETICA DI RIFERIMENTO LE LANCE A LEVA E LE LANCE A ROTAZIONE PROVE DI PORTATA E GITTATA CON DIVERSE TIPOLOGIE DI LANCE AL FINE DI PRENDERE VISIONE DELLE DIVERSE PRESTAZIONI E DEI DIVERSI MODELLI PRESENTI SUL MERCATO. COME UTILIZZARE CORRETTAMENTE GLI STRUMENTI DI CONTROLLO A DISPOSIZIONE PER LE MISURAZIONI DI PORTATA, PRESSIONE DINAMICA E STATICA ORE ORE ORE TEST DI APPRENDIMENTO DIBATTITO FINE DEL CORSO E CONSEGNA DEGLI ATTESTATI 5

6 DATA DI SVOLGIMENTO DEL SECONDO GIORNO DEL CORSO DI FORMAZIONE VENERDI 18 APRILE 2008 COSTO DELLA PARTECIPAZIONE AL CORSO PRATICO - SECONDO GIORNO IL COSTO DI PARTECIPAZIONE A PERSONA E DI EURO IVA PER NON ASSOCIATI MAIA IL COSTO DI PARTECIPAZIONE A PERSONA E DI EURO IVA PER ASSOCIATI MAIA NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI AL CORSO: 15 PARTECIPANTI SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO DISTACCAMENTO SEDE MAIA VIA MACCHIAVELLI, 11/13 - LEGNANO (MI) EVENTUALI PERNOTTAMENTI HOTEL LUXOR - S.S. SEMPIONE - SAN VITTORE OLONA Tel HOTEL WELCOME - VIA GRIGNA, 14 - LEGNANO (MI) Tel ALBERGO AL CORSO - C.SO MAGENTA, LEGNANO (MI) Tel RAGIONE SOCIALE CITTA PROV CAP TELEFONO FAX E- MAIL CODICE FISCALE P. IVA PERSONA CHE AUTORIZZA LA PARTECIPAZIONE AL CORSO NOMINATIVO DEL / DEI PARTECIPANTI 1) 2) 3) IN ALLEGATO: INFORMATIVA SULLA PRIVACY DA RITORNARE ALLA SEGRETERIA MAIA AL NUMERO DI FAX UNITAMENTE AL MODULO DI ISCRIZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO Da versare su BANCA MONTE PARMA AG. 7 PARMA IBAN IT08S ABI CAB CCB intestato a: ASSOCIAZIONE MAIA (La ricevuta del versamento dovrà essere allegata al modulo di iscrizione all Associazione) 6

7 In conformità alle disposizioni previste dall art.13 cel D.Lgs n. 196 codice della privacy Vi informiamo che : i dati in nostro possesso verranno trattati in via esclusiva da MAIA per le finalità in oggetto nonché per le ordinarie attività amministrative e fiscali MAIA si impegna a non diffondere i dati in suo possesso a terzi MAIA non è in possesso e non tratta dati sensibli o giudiziari il responsabile del trattamento dei dati raccolti è identificabile nella persona di Angela Amenta, responsabile della segreteria dell Associazione presso la sede di Parma in via Bobbio n. 12. Il titolare dei dati, inoltre, ha il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano. Per esprimere il consenso per il trattamento dei dati illustrati nell informativa Vi chiediamo di apporre la firma in calce. Autorizzo il consenso per l utilizzazione dei dati per attività di informazione e promozione, di ricerche di mercato e di indagini sulla qualità dei servizi (firma) 7

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Idrante a muro completo, da incasso, DN 45, UNI-EN 671/2, marcato CE, composto da: Dimensioni cassetta:

Idrante a muro completo, da incasso, DN 45, UNI-EN 671/2, marcato CE, composto da: Dimensioni cassetta: antincendio art. 100/A IDRANTI a MURO Idrante a muro completo, da incasso, DN 45, UNI-EN 671/2, marcato CE, composto da: cassetta sigillabile DN 45 in acciaio con verniciatura rossa in poliestere RAL 3000

Dettagli

Sistemi UNI45 Sistemi UNI70

Sistemi UNI45 Sistemi UNI70 Sistemi UNI45 Sistemi UNI70 Prodotti sicuri, convenienti, di qualità L ANTINCENDIO CERTIFICATO CASSETTA NEW EXPO45 CASSETTA NEW EXPO45 a marchio CE flessibile con marcatura CE conforme alla norma 671/2,

Dettagli

DEPOSITO DI BARI. Listino Prezzi. associato

DEPOSITO DI BARI. Listino Prezzi. associato Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it Cassette Antincendio a muro Idranti

Dettagli

5.1 MATERIALE POMPIERISTICO: IDRANTI E ACCESSORI

5.1 MATERIALE POMPIERISTICO: IDRANTI E ACCESSORI 5.1 MATERIALE POMPIERISTICO: IDRANTI E ACCESSORI 5.1.1 Idranti a muro - portello pieno verniciato inox Per uso esterno ed uso interno Il sistema fisso di estinzione incendi è equipaggiato con tubazione

Dettagli

CODICE DN USCITE UNI PROFONDITA INTERRATA

CODICE DN USCITE UNI PROFONDITA INTERRATA Antincendio Idranti Idrante soprasuolo prodotto Descrizione : I16 Idrante soprasuolo a colonna con apertura dall alto con apposita chiave Accessori : - Scarico automatico antigelo - Dispositivo di rottura

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

PRODOTTI ANTICENDIO STORM

PRODOTTI ANTICENDIO STORM 24 PRODOTTI ANTICENDIO STORM 393 24 PRODOTTI ANTINCENDIO PRODOTTI ANTINCENDIO 394 Regolamento Europeo CPR (UE) 305/20 Dal 0.07.203 vige l'obbligo di emettere una dichiarazione di prestazione (DoP) oltre

Dettagli

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3 INDICE 1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI.................................... pag. 2 1.1 Riferimenti Normativi........................................ pag. 2 1.2 Generalità sull Impianto.......................................

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

antincendio Garda EN idrante soprasuolo Idrante sottosuolo cotrone EN 14339

antincendio Garda EN idrante soprasuolo Idrante sottosuolo cotrone EN 14339 14 antincendio antincendio Garda EN idrante soprasuolo Tappo OTTONE Tappo GHISA KIT di manutenzione (viti, O-ring) Cod. K00005 20,00 TIPO A a colonna semplice a secco. Apertura antivandalo; apertura/chiusura

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Carrie ri I.T.C. S.r.l. Via G. Carducci, 19-19/A 70043 M onopoli (BA) Te l. +39 080 9301314 Fax +39 080 802499

Carrie ri I.T.C. S.r.l. Via G. Carducci, 19-19/A 70043 M onopoli (BA) Te l. +39 080 9301314 Fax +39 080 802499 Antincendio Carrie ri I.T.C. S.r.l. Via G. Carducci, 9-9/A 70043 M onopoli (BA) Te l. +39 080 93034 Fax +39 080 802499 CATALOGO INDICE w w w.carrie ri.it 0.0 CASSETTE E LASTRE 3 0.02 CASSETTE NASPO 5 0.03

Dettagli

MATERIALE POMPIERISTICO IDRANTI IN GHISA

MATERIALE POMPIERISTICO IDRANTI IN GHISA IDRANTI IN GHISA ART.01 GARDA EN IDRANTE SOPRASUOLO TIPO "A" EN 14384 TAPPO OTTONE TAPPO GHISA DN A N X USCITE CODICE EURO CODICE EURO 80 500 2 X 70 SP305106 494,60 SP205106 453,10 80 700 2 X 70 SP305206

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

MATERIALE POMPIERISTICO IDRANTI IN GHISA

MATERIALE POMPIERISTICO IDRANTI IN GHISA IDRANTI IN GHISA ART.01 GARDA EN IDRANTE SOPRASUOLO TIPO "A" EN 14384 TAPPO OTTONE TAPPO GHISA DN A N X USCITE CODICE EURO CODICE EURO 80 500 2 X 70 SP305106 494,60 SP205106 453,10 80 700 2 X 70 SP305206

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE COSTI ATTUALI DEL SERVIZIO, RELATIVI AD ESTINTORI

Dettagli

PREVENZIONEINCENDITALIA

PREVENZIONEINCENDITALIA Illustre collega, La strada percorsa negli ultimi anni, insieme alla Vostra fattiva partecipazione, ci ha resi consapevoli della necessità di costituire un Associazione pienamente dedicata alla cultura

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 COMPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI... 2 ALIMENTAZIONE IDRICA... 3 COMPONENTI DEGLI IMPIANTI...

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE ALLEGATO "B" - ELENCO DELLE PRESTAZIONI Rif. 1 Manutenzione

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

catalogo tecnico Idranti Accessori per acquedotti e antincendio sezione

catalogo tecnico Idranti Accessori per acquedotti e antincendio sezione Idranti Accessori per acquedotti e antincendio Idranti con accessori...pag. 1, 2 Strettoi con accessori...pag. 3 Accessori per saracinesche...pag. 4 Sfiati automatici...pag. 4 Giunti dielettrici...pag.

Dettagli

VAlvos.r.l. A lpi Tecnologie Innovative

VAlvos.r.l. A lpi Tecnologie Innovative www.valvoalpi.it VAlvos.r.l. A lpi Tecnologie Innovative ANTINCNDIO VAlvo A lpi VAlvo A lpi ACCSSORI ANTINCNDIO.. / 11 ATTACCHI MOTOPOMPA.. / 9 CASSTT ANTINCNDIO A MURO.. / 13 IDRANTI.. / 3 MANICHTT ANTINCNDIO..

Dettagli

Composizione. Modalità d uso. Modalità d uso. Addetti

Composizione. Modalità d uso. Modalità d uso. Addetti idranti/naspi Idranti Rete dedicata Presa idricacon con raccordo unificato Uno opiù manichette flessibili Lancia. Composizione Modalità d uso Modalità d uso Srotolarelala manichetta evitando strozzature

Dettagli

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE

PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SOMMARIO PROGRAMMA TEMPORALE DELLE VERIFICHE SCHEDA DI CONTROLLO DEGLI ESTINTORI PORTATILI SCHEDA DI CONTROLLO NASPI IDRANTI MANICHETTE SCHEDA DI CONTROLLO RIVELAZIONE D INCENDIO SCHEDA DI CONTROLLO ALLARMI

Dettagli

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Da consegnare ai collaboratori scolastici perché segnino l intervento delle ditte esterne che sarà poi riportato sul registro antincendio SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Scuola ESTINTORI PORTATILI ESTINTORI

Dettagli

Capitolato Tecnico di manutenzione dei presidi antincendio

Capitolato Tecnico di manutenzione dei presidi antincendio Capitolato Tecnico di manutenzione dei presidi antincendio Indice: 1) Parte Normativa - Specifiche Tecniche per la verifica 2) Organizzazione del servizio 3) Progetto: Personale, attrezzature e materiali

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA ASSOCIAZIONE NAZIONALE AZIENDE SICUREZZA E ANTINCENDIO FEDERATA FEDERAZIONE

Dettagli

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I Lavori:ANTINCENDIO ELENCO PREZZI pag. 1 di 5 05.P75.E20 Verifica della pressione di rete antincendio. Controllo e rilievo della pressione idraulica statica o dinamica indicata da manometro installato su

Dettagli

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto.

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto. REGISTRO DEGLI ADEMPIMENTI ANTINCENDIO - (art. 5 d.p.r. n. 37 del 12-01-1998) _ A.S. 2014-2015 Denominazione della ditta, azienda, attività POLO PROFESSIONALE L. SCARAMBONE I.S.I.S.S. Ubicazione degli

Dettagli

M A T E R I A L E POMPIERISTICO

M A T E R I A L E POMPIERISTICO L A N C E U NI 25 / 4 5 A N O R M A U NI 671/1-2 NOTE GENERALI: Portata minima per idranti a muro con tubazioni flessibili fino a DN52 secondo UNI EN 671-2. I valori di portata sia nella posizione a getto

Dettagli

Idroplast Srl. IDRANTE Soprasuolo Sottosuolo. ACCESSORI Gruppo motopompa Chiusini Collari e prese. CASSETTE ANTINCENDIO Sistemi Idranti a muro Naspi

Idroplast Srl. IDRANTE Soprasuolo Sottosuolo. ACCESSORI Gruppo motopompa Chiusini Collari e prese. CASSETTE ANTINCENDIO Sistemi Idranti a muro Naspi Idroplast Srl Gennaio 16 IDRANTE Soprasuolo Sottosuolo ACCESSORI Gruppo motopompa Chiusini Collari e prese CASSETTE ANTINCENDIO Sistemi Idranti a muro Naspi Catalogo CF IDRANTI E RACCORDI ANTINCENDIO

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Direzione Generale Servizio antinceno, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura Manichette, tubazioni e

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI L'AZIENDA NASCE NEL 1990 SU INIZIATIVA DEI SOCI ARGIOLAS MARCO E DENACI ANTONIO ED È STATA LA PRIMA AZIENDA IN SARDEGNA AD OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001: 2000.

Dettagli

VOCI DI PREZZO PIÙ SIGNIFICATIVE CHE CONCORRONO A FORMARE L IMPORTO COMPLESSIVO POSTO A BASE DI GARA

VOCI DI PREZZO PIÙ SIGNIFICATIVE CHE CONCORRONO A FORMARE L IMPORTO COMPLESSIVO POSTO A BASE DI GARA CITTA di TORINO Direzione Verde Pubblico ed Edifici Municipali Servizio Edifici Municipali Via IV Marzo 19, 10122 Torino, telefono 011.44.24086 fax 011.44.24090 ALL. 4G OGGETTO DEI LAVORI: MANUTENZIONE

Dettagli

Tabella riassuntiva delle verifiche e manutenzioni ALLEGATO 1 B ESTINTORI. TIPO intervento DETTAGLI INTERVENTO. interessate

Tabella riassuntiva delle verifiche e manutenzioni ALLEGATO 1 B ESTINTORI. TIPO intervento DETTAGLI INTERVENTO. interessate Tabella riassuntiva delle verifiche e manutenzioni ALLEGATO 1 B ESTINTORI TIPO Controllo/revisione estintori UNI 9994:2013 UNI EN 3-7:2008 D.P.R. n.151/2011 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Art. 46 D.M. 10/03/1998

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO

IMPIANTO ANTINCENDIO IMPIANTO ANTINCENDIO La scuola sarà dotata di impianto idrico antincendio per la protezione interna ossia la protezione contro l incendio che si ottiene mediante idranti a muro, installati in modo da consentire

Dettagli

Il Progetto Formazione

Il Progetto Formazione Il Progetto Formazione II MEETING MANUTENTORI ANTINCENDIO Milano, 12 maggio 2011 1 La formazione nel settore della manutenzione antincendio Il gruppo, costituito nel 2003, ha l obiettivo di supportare

Dettagli

IDRANTE A MURO DA ESTERNO/INTERNO A PARETE UNI EN 671-2 MARCATO CE. CERTIFICATO N. 0497-CPR-172 METRI

IDRANTE A MURO DA ESTERNO/INTERNO A PARETE UNI EN 671-2 MARCATO CE. CERTIFICATO N. 0497-CPR-172 METRI IDRANTI A MURO IDRANTI A MURO DN 45 IDRANTE A MURO DA ESTERNO/INTERNO A PARETE UNI EN 671-2 MARCATO CE. CERTIFICATO N. 0497-CPR-172 - Cassetta da esterno/interno a parete DN 45 "Linea Electa" in acciaio

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIA SCADENZARIO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA

PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIA SCADENZARIO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SCADENZARIO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA POS. 1 APPARATO/SISTEMA CENTRALINE DI RILEVAZIONE E SPEGNIMENTO PERIODICITA' MINIME TRIMESTRALE 2 ALIMENTATORI DI PIANO SEMESTRALE 3 SINOTTICI REMOTIZZATI

Dettagli

A R M A D I E CASSETTE I D R A N T I E NASPI A MURO - CE L A S T R E SAFE WINDOWS

A R M A D I E CASSETTE I D R A N T I E NASPI A MURO - CE L A S T R E SAFE WINDOWS A R M A D I E CASSETTE I D R A N T I E NASPI A MURO - CE L A S T R E SAFE WINDOWS A R M A D I M E TA L L I C I Armadio attrezzatura antincendio (2 ante/2 ripiani) Dim. mm 1000x400x1000h (senza nr.2 lastre

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER - IMPIANTI AD ESTINGUENTI GASSOSI RETI AD IDRANTI - RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Corso di Formazione per ADDETTO ALLA MANUTENZIONE. DI IMPIANTI ELETTRICI Norma CEI11-27 PES-PAV

Corso di Formazione per ADDETTO ALLA MANUTENZIONE. DI IMPIANTI ELETTRICI Norma CEI11-27 PES-PAV Corso di Formazione per ADDETTO ALLA MANUTENZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI Norma CEI11-27 PES-PAV Istituto B. Ramazzini s.r.l. - 1979-2012 - Ramazzini Plus s.r.l. via Dottor Consoli, 16-95124 - CATANIA info

Dettagli

computo metrico estimativo

computo metrico estimativo Pagina 1 di 10. A Impianto antincendio esterno 1 FORNITURA E POSA IN OPERA DI: GRUPPO attacco motopompa UNI 70 flangiato orizzontale costituito da una saracinesca in ottone e/o ghisa a corpo piatto, valvola

Dettagli

MATERIALE POMPIERISTICO

MATERIALE POMPIERISTICO DA 64 A 79 OK 8-01-2007 11:59 Pagina 8 72 DA 64 A 79 OK 8-01-2007 11:59 Pagina 9 73 Codice Descrizione Pz. per conf. Cod. 8000 0401 Coppella UNIPROTUBE elastomerica - mis. 48 mm 16 Cod. 8000 0402 Coppella

Dettagli

LISTINO PREZZI 1/04/15

LISTINO PREZZI 1/04/15 2070534 2088CE.002 IDRANTE MURO ELECTA UNI45 MANIC.MT20 INT/EST. PZ 165,00 0700314 0947CE.080 NASPO ORIENT.PARETE/INTERNO CE MT.20 ART.80/A PZ 317,00 0150929 0949CE.080 NASPO ORIENT.PARETE/INTERNO CE MT.30

Dettagli

Armadi e Cassette Idranti e Naspi a Muro - CE Lastre Safe Windows

Armadi e Cassette Idranti e Naspi a Muro - CE Lastre Safe Windows Materiale Pompieristico Accessori per Manichetta Macchina manuale raccordatubi con basamento completa di attacchi per raccordi UNI DN 25/45/70 Avvolgimanichetta carrellato per tubazione flessibile DN 25/38/45/52/63/70

Dettagli

CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO

CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO 1. Presentazione ed obiettivi dei corsi di formazione. 2. Descrizione dei

Dettagli

TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010

TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010 IL PERCORSO DEL TECNICO MANUTENTORE DI ESTINTORI, COMPONENTI DI RETI IDRANTI E PORTE TAGLIAFUOCO PER OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DELLE SUE COMPETENZE TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010 Nel 2010, quando ancora

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C antincendio art. 139 Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile ESTINTORI Kg. 6 34 A 233 BC Kg. 9 55 A 233 BC Kg. 12 55 A 233 BC art. 139/A Estintore omologato CO 2, UNI-EN 3-7 portatile Kg. 2

Dettagli

Corso per la qualifica di Auditor Interno nel settore ortofrutticolo

Corso per la qualifica di Auditor Interno nel settore ortofrutticolo T I T O L O D E L C O R S O Corso per la qualifica di Auditor Interno nel settore ortofrutticolo D U R A T A : 16 ORE D A T A : 26-27 Novembre 2015 S E D E : Aule Più (Aule+), via de Carracci 91, 40131

Dettagli

Codice Descrizione Metri

Codice Descrizione Metri 11 RMM Antincendio Naspi DN 25 a norma UNI EN 671/1 - Marcati CE Descrizione Metri 0171331 Naspo antincendio orientabile manuale a PARETE in 15 650 x 600 x 200 CE01A215R 521,000 0171332 acciaio verniciato

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

CODICE DESCRIZIONE METRI

CODICE DESCRIZIONE METRI Antincendio RMM 11 Naspi DN 25 a norma UNI EN 671/1 - Marcati CE DESCRIZIONE METRI 0171331 Naspo antincendio orientabile manuale a PARETE in 15 650 x 600 x 200 CE01A215R 561,000 0171332 acciaio verniciato

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

UNI EN 671-3 NORMA ITALIANA APRILE 2001

UNI EN 671-3 NORMA ITALIANA APRILE 2001 NORMA ITALIANA Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili Fixed firefighting

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CORSO Addetto al servizio antincendio Attività a rischio di incendio MEDIO DURATA 8 ORE Il corso è rivolto a: Agli addetti antincendio designati alla prevenzione incendi

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

Listino di Vendita. Descrizione. Descrizione. Codice. Codice 048026 14 RUBINETTO INCASSO CAPPUCCIO 1/2 15,00

Listino di Vendita. Descrizione. Descrizione. Codice. Codice 048026 14 RUBINETTO INCASSO CAPPUCCIO 1/2 15,00 Listino di Vendita 048026 14 RUBINETTO INCASSO CAPPUCCIO 1/2 15,00 048027 14 RUBINETTO INCASSO CAPPUCCIO 3/4 23,63 054175 14 RUBINETTO INCASSO CAPPUCCIO 1" 30,01 110597 MANFR RICAMBIO:14B CAPPUCCIO PER

Dettagli

Divisione Idrotermica. Divisione Antincendio LISTINO 901C

Divisione Idrotermica. Divisione Antincendio LISTINO 901C Divisione Idrotermica Divisione Antincendio LISTINO 901C Cassette Porta Manichetta ESTERNO/PARETE UNI45 52,00 8,30 13,30 56,60 57, 8,30 0348 SC-295X525 48,30 295 x 525. 119,50 8,30 1 Cassette Porta Manichetta

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrant systems Design, installation and operation MAGGIO 2002

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI Forum di Prevenzione Incendi Roma 27 Maggio 2009 Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI 1 Parte I : Progettazione dei sistemi antincendio

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari SETTORE VII MANUTENZIONE E SERVIZI IL RESPONSABILE

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari SETTORE VII MANUTENZIONE E SERVIZI IL RESPONSABILE COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari SETTORE VII MANUTENZIONE E SERVIZI DETERMINAZIONE N. 20 del 2/06/205 Raccolta Ufficiale N. 508 del 26/06/205 OGGETTO: Manutenzione degli impianti antincendio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

AIPnD Via A. Foresti, 5-25127 Brescia Tel. +39.030.3739173 Fax +39.030.3739176 www.aipnd.it

AIPnD Via A. Foresti, 5-25127 Brescia Tel. +39.030.3739173 Fax +39.030.3739176 www.aipnd.it Modulo 1 Base - 24 h Tecniche NDT per il controllo dei materiali da costruzione: La verifica di Edifici Esistenti 10-11-12 OTTOBRE 2013 - Docente Ing. Porco 1.1 La verifica di sicurezza su edifici esistenti

Dettagli

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS Le fondamentali funzioni da assolvere in caso di incendio sono la

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Scheda di verifica ESTINTORI A POLVERE Data Risultato della verifica Eventuali Interventi firma

Dettagli

CATALOGO LISTINO 2014

CATALOGO LISTINO 2014 CATALOGO LISTINO 2014 Articoli per antincendio INDICE 3 Lance certificate 66 Gruppi autopompa in linea 67 Gruppi autopompa di mandata 4 Naspi DN 25 CE 68 Gruppi autopompa e valvole di sicurezza 8 Naspi

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

ALLEGATO B2) - LOTTO 2

ALLEGATO B2) - LOTTO 2 Servizio di verifica periodica, pronto intervento, manutenzione ordinaria e straordinaria non programmabile di impianti e presìdi di sicurezza degli edifici dell Università degli Studi di Ferrara. ALLEGATO

Dettagli

LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA UNI 10779: 2014 ALLE RETI IDRANTI

LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA UNI 10779: 2014 ALLE RETI IDRANTI LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA UNI 10779: 2014 ALLE RETI IDRANTI di Diego Cerrone* e Massimo Potere** Rinasce dalle proprie ceneri, come l araba fenice, la norma UNI 10779, la regina delle norme UNI. La

Dettagli

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Corsi di preparazione all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Perché scegliere i nostri corsi: i contenuti rispettano il programma d esame pubblicato dall ISVAP sono strutturati

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

PROTEZIONE PASSIVA - ATTIVA

PROTEZIONE PASSIVA - ATTIVA PROTEZIONE PASSIVA - ATTIVA MILANO FEBBRAIO Segreteria informativa e amministrativa del corso : Omnia Srl Professional Advisor Sito: www.omnia.pro Email: formazione@omnia.pro Sito: www.progettistantincendio.it

Dettagli

Relazione Tecnica illustrativa della RETE IDRANTI e Calcoli di Dimensionamento

Relazione Tecnica illustrativa della RETE IDRANTI e Calcoli di Dimensionamento - PROVINCIA DI IMPERIA - PROGETTO ESECUTIVO DI ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI ZONA DI IMPERIA - Lotto funzionale relativo all Istituto Statale d Arte, Via Agnesi, Imperia - Relazione

Dettagli

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE REGISTRO ANAGRAFICA ASSOCIATI RAGIONE SOCIALE: FORMA SOCIETARIA: INDIRIZZO: CITTA : CAP: PROV: TEL: FAX: SITO: NOME: PERSONA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 18/06/00 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 1 31/01/006 Golinelli Massarenti Revisione 0 14/10/005 Polverini Ghedini Massarenti EMISSIONE REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT)

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO DELLA TAVOLA: TAVOLA N RELAZIONE GENERALE

Dettagli

2 Master Ricerca e Selezione del Personale

2 Master Ricerca e Selezione del Personale presenta 2 Master Ricerca e Selezione del Personale 1 corso-milano Il Master Assores è un progetto pensato per fornire un percorso formativo concreto e per rafforzare le competenze professionali di coloro

Dettagli