Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - Direttore: Prof. Mario Lima U.O. Neonatologia - Prof.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - Direttore: Prof. Mario Lima U.O. Neonatologia - Prof."

Transcript

1 Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - Direttore: Prof. Mario Lima U.O. Neonatologia - Prof. Giacomo Faldella Accudire il Neonato Padiglione 4 Orientarsi N. 74 Supplemento d Informazione a Diario di Bordo Reg. Tribunale di Bologna n del 31/12/1997

2 Cari genitori, in queste pagine troverete una serie di indicazioni sull accudimento del neonato e su cosa avverrà subito dopo il parto e durante il periodo di degenza del vostro bambino presso la nostra struttura. A cura di: Prof. Guido Cocchi, Dott.ssa Maria Grazia Capretti, Dott. Santo Arcuri U.O. Neonatologia - Faldella

3 Durante il periodo di permanenza in Ospedale Il momento della nascita rappresenta l avvio di funzioni fisiologiche finora mai sperimentate dal bambino, come la respirazione, il nuovo tipo di circolazione del sangue e la digestione del latte. Nello stesso momento il bambino acquisisce una identità distinta dalla madre e si prepara ad affrontare la piu bella delle avventure. In questo passaggio la vicinanza della madre rappresenta un insostituibile elemento di sicurezza per il bambino. Per questo motivo, nella nostra struttura, mamma e neonato rimangono insieme di giorno e di notte, prima in Sala Parto e poi nella stanza di degenza del Reparto. Il papà, il cui ruolo è ugualmente importante, puo partecipare attivamente all accudimento del bambino sin da subito in Sala Parto e poi secondo le fasce orarie di accesso al Reparto di Degenza, salvo il caso in cui la mamma necessiti di assistenza continuativa (ad esempio per l avvenuto parto cesareo). Nelle prime ore di vita del bambino vengono eseguite le profilassi di routine (il collirio antibiotico per la prevenzione della congiuntivite e la vitamina K per la prevenzione della malattia emorragica del neonato). Sempre nelle prime ore il Pediatra-Neonatologo effettua la prima visita ed un colloquio per raccogliere le notizie rilevanti sulla gravidanza e sugli esami prenatali. Inoltre, nei giorni successivi, verranno eseguiti i tests di screening per le

4 malattie metaboliche e per la valutazione dell udito del vostro bambino. Durante la degenza verrete aiutati nelle pratiche di accudimento del neonato, come il cambio del pannolino, la cura del cordone ombelicale, l igiene del neonato e l allattamento al seno. Inoltre potrete partecipare agli incontri delle mamme e papà con il Pediatra-Neonatologo e il personale ostetrico su argomenti di comune interesse; in questi colloqui siamo a disposizione per rispondere direttamente ad ogni vostra domanda. Gli screening neonatali e la dimissione La dimissione della mamma coincide con quella del neonato, che, in genere, avviene dopo le 48 ore di vita del bambino. In questa occasione, e comunque tra le 48 e le 72 ore di vita, viene eseguito sul bambino un prelievo di alcune gocce di sangue dal tallone, necessarie per lo screening per le malattie congenite metaboliche (ipotiroidismo congenito, fenilchetonuria, fibrosi cistica, galattosemia, iperplasia surrenalica, difetti del metabolismo degli aminoacidi, difetti del metabolismo degli acidi organici, difetti della beta ossidazione degli acidi grassi). Si tratta di malattie molto rare, che, quando sono diagnosticate precocemente, possono essere curate con ottimi risultati. In caso di risultato nella norma, la famiglia non verrà contattata in alcun modo; mentre in caso di esito positivo o dubbio, la famiglia verrà richiamata per eseguire un secondo prelievo di conferma.

5 Alla dimissione viene eseguito anche lo screening uditivo (otoemissioni acustiche) che ha lo scopo di identificare i neonati affetti da ipoacusia, su cui attuare un trattamento precoce per correggere il deficit e prevenire così i possibili danni a livello dello sviluppo del linguaggio, dei processi di apprendimento e dell inserimento sociale. Infatti circa 1-2 su 1000 neonati sani può presentare un difetto uditivo, anche in famiglie che non hanno altri precedenti di sordità. La registrazione delle otoemissioni acustiche permette di effettuare una valutazione della funzionalità uditiva già a 1-2 giorni di vita con un alta attendibilità; la prova è eseguibile generalmente in pochi minuti e non crea particolare fastidio al neonato. L esame viene effettuato prima della dimissione dal reparto da Tecnici Audiometristi, preferibilmente quando il piccolo sta dormendo. Viene inserito un tappino morbido nel condotto uditivo del neonato e si registrano le risposte del suo orecchio a suoni di bassa intensità inviati con uno strumento. Queste risposte sono dette otoemissioni acustiche - TEOAE e sono prodotte dal movimento delle cellule ciliate esterne che si trovano nella coclea in risposta allo stimolo acustico inviato. Se la risposta è presente il neonato con elevatissima probabilità non ha una perdita uditiva significativa. Sarà pertanto sufficiente osservarlo nel tempo, valutando il suo sviluppo uditivo e l evoluzione del linguaggio. Se la risposta non è presente, questo non indica necessariamente la presenza di un deficit uditivo: ci sono infatti diversi motivi, anche non legati a problemi dell udito, per cui può essere difficile rilevare una risposta. Verrà quindi proposto di portare il bambino ad un successivo controllo e saranno fornite tutte le informazioni necessarie nel caso siano opportuni altri esami di approfondimento. Nell eventualità non sia stato possibile effettuare lo screening uditivo

6 prima della dimissione verrà fissato un appuntamento per i giorni successivi; se si vuole cambiare la data dell appuntamento invitiamo a prendere contatto prima possibile con l Accettazione dell Unità Operativa di Otorinolaringoiatria (Padiglione. 5 - Nuove Patologie - piano terra, tel ). In alcuni casi, in assenza di precisi fattori di rischio e solo se la mamma lo desidera, è possibile la dimissione precoce (tra le 36 e le 48 ore di vita); in questo caso è comunque necessario riportare il bambino l indomani presso il nostro Reparto per un ulteriore controllo clinico e per eseguire il prelievo venoso per lo screening delle malattie metaboliche. Al momento della dimissione vi verrà consegnata una breve relazione clinica del bambino che riporta tutti i dati salienti del parto e della nascita (peso alla nascita e peso al momento della dimissione, età gestazionale, Indice di Apgar), gli eventuali accertamenti eseguiti durante la permanenza in ospedale, il risultato delle otoemissioni acustiche e l esito della visita di dimissione. Nel caso vi sia una precisa indicazione clinica o nel caso in cui si tratti di un primogenito e non sia stato ancora scelto il Pediatra di Famiglia, programmiamo un controllo dopo alcuni giorni presso il nostro Ambulatorio di Neonatologia, situato al Padiglione 13, 3 piano. Invece, se si tratta di un secondogenito che ha avuto un decorso fisiologico, vi invitiamo a programmare il controllo evolutivo presso il vostro Pediatra di Famiglia che ha già in carico il fratellino o la sorellina.

7 Dichiarazione di Nascita Per fare la Dichiarazione di Nascita del vostro bambino vi potete rivolgere presso: la Direzione Sanitaria dell Ospedale Ufficio Nascite al piano terra del Padiglione di Ginecologia ed Ostetricia (entro i 3 giorni successivi alla nascita, non contando la festività se cade sul terzo giorno utile alla registrazione); telefonare al numero interno 3331 o al numero esterno di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.30 alle ore per fissare l appuntamento che verrà evaso in mattinata; l ufficio di Stato Civile del Comune di Bologna, entro 10 giorni successivi alla nascita, alla sede di Via Santa Maria Maggiore n. 1, previo appuntamento telefonico ( /9) dal lunedì al venerdì non festivi; l ufficio di Stato Civile del Comune di residenza se diverso da Bologna, entro i 10 giorni successivi alla nascita, secondo i seguenti criteri: Comune di residenza dei genitori 1. Comune di residenza della madre, se il padre risiede in altro Comune; 2. Comune di residenza del padre, previo accordo con la madre, se residente in altro Comune. Se i genitori sono uniti in matrimonio, la Dichiarazione di Nascita va fatta da: -- uno dei due genitori o entrambi oppure -- un loro procuratore speciale oppure -- Medico/Ostetrico-a che ha assistito al parto

8 Se i genitori non sono uniti in matrimonio, la Dichiarazione di Nascita con riconoscimento va fatta : -- dalla sola madre (se il padre non intende riconoscere il figlio) -- dalla madre e dal padre congiuntamente Il figlio naturale puo essere riconosciuto da genitori che abbiano compiuto il 16 anno di età, anche se già uniti in matrimonio con altra persona all epoca del concepimento. Al momento della Dichiarazione di Nascita il dichiarante deve: 1. consegnare il documento sanitario ATTESTAZIONE DI NASCITA comprovante la nascita del bambino, rilasciato dall Ostetrico-a o dal Medico che ha assistito al parto; 2. esibire un documento valido di identità personale, anche dell altro genitore (preferibilmente la carta di identità). Per i genitori stranieri, non titolari di carta di identità, occorre esibire il passaporto e/o il permesso di soggiorno e se non conoscono la lingua italiana è obbligatoria la presenza di un interprete a loro carico.

9 La scelta del Pediatra di Famiglia L iscrizione al SSN non è automatica al momento della nascita del bambino, ma deve essere perfezionata presso l A.U.S.L. di residenza o di domicilio, se diversa. Durante il periodo di permanenza in ospedale, è possibile fare l iscrizione del bambino al SSN e la scelta del Pediatra di Famiglia presso il pad. 25 dell Azienda Ospedaliera S. Orsola-Malpighi, sportello CUP piano terra, nei seguenti orari: Lunedì al Venerdì dalle 7.30 alle Sabato dalle 7.30 alle L iscrizione all anagrafe sanitaria di Bologna e provincia può essere fatta presentando: Autocertificazione di uno dei genitori dell avvenuta nascita ed eventuale certificato di nascita rilasciato dall Ostetrica o dal Ginecologo e documento d identità del genitore; Delega fatta dal genitore ad altro parente dell avvenuta nascita (nei casi di impossibilità del genitore) ed eventuale certificato di nascita rilasciato dall Ostetrica o dal Ginecologo e copia del documento d identità del genitore delegante.

10 L allattamento Il latte materno è l alimento che la natura ha perfezionato per meglio rispondere alle esigenze nutrizionali, biologiche e psicologiche del bambino; pertanto rappresenta l alimentazione di scelta per il bambino nei primi mesi di vita. L allattamento al seno favorisce lo sviluppo di una speciale relazione tra madre e bambino che inizia sin dai primi minuti di vita, mediante il contatto pelle a pelle di madre-neonato. A che cio possa verificarsi precocemente, durante la permanenza in Sala Parto cerchiamo di favorire un clima di intimità tra madre, padre e bambino e consigliamo l attaccamento del neonato al seno materno già entro la prima ora di vita. Il latte materno è un alimento insostituibile per i suoi effetti benefici antiinfettivi e favorenti la crescita, è facilmente digeribile e protegge la salute del bambino e della madre. Infatti è stato dimostrato che il latte materno protegge il bambino dall obesità, dalle malattie atopiche, dall asma bronchiale e dalle infezioni e protegge la mamma dall insorgenza di cancro al seno. La produzione di latte è un fenomeno fisiologico, quindi non esistono condizioni per le quali le mamme non ne producono. Analogamente i casi in cui l allattamento materno è controindicato sono estremamente rari.

11 Nei primi giorni dopo il parto viene prodotto un particolare tipo di latte detto colostro, giallastro e denso, ricco di preziosi elementi biologici (anticorpi, globuli bianchi, fattori di crescita, vitamina A). La montata lattea inizia, in genere, tra la terza e la quinta giornata post-partum ed è favorita dalla suzione frequente del neonato; in altri termini: piu spesso il neonato viene attaccato al seno, piu rapidamente il latte arriva. La produzione di latte viene regolata da due ormoni: -- la prolattina che entra in circolo dopo la poppata per favorire la produzione di latte della poppata successiva; essa è maggiormente prodotta durante la notte e inibisce l ovulazione; -- l ossitocina che agisce prima o durante la poppata per permettere la fuoriuscita del latte e induce le contrazioni uterine nella madre. Il riflesso dell ossitocina è favorito dalla vicinanza e dal pianto del bambino che a volte possono provocare la fuoriuscita spontanea di latte anche quando il bambino non è attaccato al seno materno. Nel latte materno è contenuta una sostanza che puo inibirne o ridurne l ulteriore produzione: se nel seno rimane molto latte, questa sostanza impedisce la produzione di altre quantità, mentre se il latte viene rimosso, il seno continua a produrne. Questo spiega il motivo per cui per promuovere/ mantenere la produzione di latte occorre svuotare entrambi i seni (sia naturalmente attaccando il bambino, sia attraverso la spremitura). Esistono seni di forme e dimensioni differenti e così anche i capezzoli. I bambini riescono a succhiare da tutti. In caso di capezzolo piatto o invertito occorrerà un po più di pazienza. Per quello piatto sarà sufficiente controllare che il piccolo prenda in bocca bene buona parte dell areola

12 mammaria. Per quello invertito è bene iniziare, se possibile già nell ultimo periodo di gravidanza, la stimolazione tattile del capezzolo utilizzando un tiralatte o una siringa specifica per estrofletterlo. In seguito sarà il bambino stesso che, prendendo in bocca un ampia parte della mammella, modellerà il seno facendo protrudere il capezzolo. Quando allattate il vostro bimbo, controllate che stia assumendo una posizione corretta, cioè che abbia testa e corpo in asse, con il viso rivolto verso il seno e con il naso di fronte al capezzolo. Cercate di mantenere uno stretto contatto tra voi e il bambino e di sostenere tutto il suo corpo; a tal fine puo essere utile un cuscino appoggiato sulle ginocchia. Sostenete con la mano il seno e cercate di toccare con il capezzolo le labbra del bambino, in modo da fargli aprire la bocca e da fargli prendere una buona porzione dell areola. Il bambino si è attaccato correttamente se ha entrambe le labbra e soprattutto l inferiore, rivolte verso l esterno; inoltre, dopo i primi atti rapidi di suzione, il ritmo diventa piu lento e profondo per l arrivo di un flusso maggiore di latte e le guance sono piene, senza fossette. Il neonato quando succhia fa delle pause che possono durare alcuni secondi e poi riprende da solo; se la pausa si fa troppo lunga allora la madre può incoraggiarlo a riprendere stimolandolo (per esempio toccandogli i piedini o con altre stimolazioni cutanee). Ciò che rassicura è sentirlo deglutire, dopo alcune suzioni efficaci. Questo però non potrà essere presente nelle prime poppate perché il colostro è presente solo in poche gocce. Nelle prime settimane le poppate possono durare molto tempo (anche piu di mezz ora) e il bambino puo essere pigro e dormire a lungo.

13 In tal caso occorre stimolarlo attivamente ad attaccarsi al seno, per esempio massaggiandogli la pianta dei piedi se sono passate piu di 3 ore dalla poppata precedente. Successivamente il tempo si riduce, ma resta importante offrire entrambi i seni ad ogni poppata, tranne i rari casi di bambini che si attaccano di preferenza sempre allo stesso seno. Per cercare di stimolare l arrivo della montata lattea attaccate al seno il bambino il piu spesso possibile, non solo quando piange, ma ogni qualvolta mostri dei segnali di fame (si sveglia, gira la testa, porta le mani verso la bocca, piange) e comunque circa ogni 3 ore; successivamente cercate di seguire i ritmi del vostro bambino e la sua richiesta di succhiare. Il bambino mentre si alimenta al seno è capace di autoregolarsi e quindi di assumere la quantità di latte necessaria alle sue esigenze: pertanto non è di nessuna utilità eseguire la doppia pesata prima e dopo l alimentazione. Durante il periodo di allattamento il neonato non deve assumere altri liquidi (acqua, camomilla o tisane). E molto difficile, soprattutto nei primi 3 5 giorni, valutare se la quantità di latte prodotta è sufficiente per il bambino, mentre, una volta avviato l allattamento, è raro che la madre possa non produrre latte a sufficienza. Ciò che rassicura è la reattività del bambino, ovvero le poppate sono frequenti, la suzione efficace, i pannolini sono sporchi e/o bagnati. I parametri che misurano se il bambino assume una quantità adeguata di latte sono: il peso (il peso a 15 giorni di vita superiore al peso alla nascita, aumento ponderale superiore a 500 g al compimento del primo mese di vita) e la quantità di urina prodotta (il bambino deve urinare piu di 6 volte al giorno, le urine non devono essere concentrate, di colore giallo scuro o arancione).

14 Segni indiretti di scarsa alimentazione possono essere il frequente riscontro di insoddisfazione dopo la poppata, il pianto frequente, la necessità di attaccarsi molto spesso e di fare poppate molto lunghe, la mancanza o poca quantità di feci (feci dure, verdastre). Le posizioni per allattare sono tante, ma sicuramente la migliore è quella in cui la madre si sente piu a suo agio e rilassata. Non è necessario lavare il seno con detergenti prima di ogni poppata: è sufficiente seguire una corretta abitudine di igiene personale. Inoltre, tra una poppata e l altra, è meglio non coprire i capezzoli con sistemi che impediscono la normale traspirazione cutanea ed usare comuni fazzoletti di cotone. Soprattutto all inizio dell allattamento alcune condizioni (come l eccesso di latte, il ritardo nell avvio dell allattamento, un attacco scorretto, lo svuotamento incompleto del seno) possono favorire l insorgenza dell ingorgo mammario. La ghiandola mammaria è una ghiandola fatta da molti acini che sono le unità produttrici di latte: se questi si dilatano troppo, vanno a comprimere i dotti e quindi è molto difficile, anche se il neonato si impegna al massimo, svuotare il seno. L ingorgo mammario si presenta con dolore locale, tensione della pelle, rossore ed edema del seno ed anche febbre. In questo caso il latte non fluisce facilmente: è allora necessario, prima di attaccare il bambino, eseguire impacchi caldi

15 localmente (la doccetta del bagno è un magnifico aiuto perché oltre che con la temperatura agisce fornendo un leggero massaggio), massaggiare con dolcezza le parti che sentiamo più turgide, e poi provvedere a svuotare il seno attaccando il bambino o, se non riesce, svuotando il seno con un tiralatte. Dopo lo svuotamento puo essere utile fare un impacco freddo per favorire la riduzione dell edema. Il seno ingorgato o il blocco di un dotto galattoforo possono far sviluppare la mastite. In entrambi i casi si tratta di condizioni in cui il latte rimane stagnante in certe zone della mammella, in quanto non efficacemente rimosso e cio provoca prima l infiammazione del tessuto mammario e successivamente la sua infezione. In questi casi, oltre che provvedere al frequente svuotamento del seno, è indicata la terapia antibiotica ed eventualmente analgesica (paracetamolo). Il bambino in questi casi può continuare ad attaccarsi al seno materno. Durante l allattamento la mamma deve eseguire un dieta libera e varia, senza seguire regole dietetiche particolari, seguirà i suoi gusti alimentari, nutrendosi dei cibi che ama e digerisce meglio e in particolare assumendo 2-3 litri di acqua al giorno (possibilmente oligominerale) o altri liquidi. Deve evitare di fumare e limitare l assunzione di alcool.

16 I comportamenti fisiologici del neonato Le feci dei primi giorni di vita (il meconio) sono di consistenza dura e collosa e colore nerastro; poi, con l aumentare della quota di latte assunta, diventano prima verdastre e piu morbide e poi liquide e di color giallooro, tipico delle feci da latte materno o verdastre-marroni con piccoli grumi bianchi se il bambino è alimentato con latte artificiale. La normale frequenza delle evacuazioni varia da una volta al giorno a tutte le volte in cui il pannolino viene cambiato: l importante è che il neonato evacui almeno una volta al giorno. I movimenti del neonato spesso avvengono in modo non fluido, a scatti: questo è dovuto ad un incompleto controllo dei muscoli che verrà acquisito in modo completo nei mesi successivi. E normale che il vostro bambino starnutisca frequentemente: infatti mediante il riflesso dello starnuto elimina tutti i materiali corpuscolati che penetrano nelle narici. E normale che il vostro bambino presenti spesso il singhiozzo: anche questo è un riflesso dovuto al riempirsi dello stomaco che spinge così verso il diaframma; il bambino non è disturbato dal singhiozzo (che se ben ricordate presentava anche in utero) e pertanto non sono necessari e non esisitono, accorgimenti per farlo cessare. E normale che il vostro bambino presenti frequenti rigurgiti in relazione al pasto: se il bambino cresce regolarmente questo sintomo non merita attenzioni particolari.

17 La pelle del neonato La pelle alla nascita è ricoperta da una sostanza bianco-grigiastra untuosa detta vernice caseosa, che durante la vita intrauterina ha la funzione di proteggere il feto dalla macerazione che indurrebbe il liquido amniotico. Nei primi giorni di vita la pelle è molto secca e spesso presenta una leggera desquamazione: puo essere utile idratarla con prodotti naturali, come l olio di mandorle. In molti neonati sono presenti zone cutanee arrossate con un puntino bianco al centro che scompaiono da una zona e compaiono in un altra: si tratta dell esantema allergo-tossico del neonato, ovvero di una manifestazione cutanea fisiologica a questa età e che in genere scompare entro la prima settimana di vita. Altre volte possono essere presenti aree vascolari rossastre sulle palpebre, alla radice del naso o sulla nuca che scompaiono spontaneamente nei mesi successivi. In alcuni casi possono essere presenti le chiazze mongoliche (rare nella razza caucasica) di colore grigio-bluastro a limiti indeterminato e di dimensioni variabili localizzate per lo piu in regione sacrale; queste macchie, dovute alla presenza di cellule ricche di melanina, scompaiono entro uno o due anni. Intorno alla terza quinta giornata di vita la cute assume una sfumatura giallastra (meglio osservabile nelle sclere oculari) chiamata ittero fisiologico del neonato che tende a risolversi entro la prima settimana di vita e che solo in casi particolari (come una differenza di gruppo sanguigno

18 tra madre e neonato) necessita di essere trattata con la fototerapia (luce ultravioletta) quando la sostanza che la produce (la Bilirubina nel sangue) supera un determinato valore soglia. Il tumore da parto Il tumore da parto è una tumefazione edematosa del diametro di circa 5-6 cm presente sul capo al momento della nascita e dovuta ad imbibizione sierosa della cute e del sottocute formatasi in seguito alla differenza di pressione tra l ambiente endouterino e quello esterno al momento del parto. In genere scompare entro pochi giorni. La crisi genitale Compare in genere tra il 3-4 giorno di vita e regredisce entro il primo mese. E una reazione dei genitali in risposta a stimoli ormonali materni e fetali che nella femmina si manifesta con tumefazione delle grandi labbra e del clitoride, secrezione vaginale biancastra o, a volte, ematica; nel maschio si manifesta con tumefazione dei genitali esterni ed idrocele. In entrambi i sessi, poi, si puo manifestare anche la tumefazione mammaria.

19 La cura del moncone ombelicale Dopo la recisione del cordone ombelicale al momento della nascita, il moncone che residua va incontro ad un progressivo processo di essiccamento per mummificazione. E necessario tenerlo asciutto e pulito, protetto da una garza da cambiare frequentemente. In genere il moncone cade entro una due settimane e residua una ferita ombelicale che va incontro a cicatrizzazione spontanea: solo a questo punto è consigliabile eseguire il primo bagnetto. L andamento del peso Il peso del neonato nei primi giorni di vita subisce fisiologicamente una diminuzione (calo fisiologico). La perdita ponderale piu considerevole avviene nelle prime 24 ore di vita ed il minimo peso viene raggiunto nel 3-4 giorno. Il neonato normalmente cala di circa il 10% del peso neonatale e generalmente ritorna al suo peso neonatale ai giorni di vita. Le cause del calo fisiologico sono molteplici: innanzitutto la scarsa introduzione di latte nei primi giorni di vita, la concomitante perdita di liquidi (urine, perspiratio insensibilis) e l emissione di meconio. Nei primi 6 mesi il bambino dovrebbe crescere almeno 500 gr al mese (quindi oltre 125 grammi alla settimana, in media gr alla settimana).

20 Le funzioni visiva e uditiva Alla nascita la funzione visiva non è ancora matura: l acuita visiva (cioè la capacità di vedere i dettagli) non è ancora sviluppata e progredisce nelle settimane e mesi successivi. Intorno a 6 mesi di vita il bambino vede abbastanza nitidamente le immagini e distingue i colori. La funzione uditiva, invece, è già completamente sviluppata sin dalla nascita. Il pianto del bambino Il pianto è la principale forma di espressione del neonato che così esprime stati e bisogni diversi. Esso puo essere l espressione di un disagio (è sporco, ha caldo o freddo), di stanchezza, di fame (come avviene in quei momenti quando il bambino cresce rapidamente e la poppata puo diventare insufficiente), di coliche addominali (eccesso di gas e feci che il bambino non riesce ad espellere spontaneamente), di farmaci o sostanze eccitanti assunte dalla madre (caffeina, sigarette), di particolari alimenti assunti dalla madre (il pianto si verifica sempre in concomitanza con l assunzione di uno stesso alimento) o di malattia (in questo caso il pianto presenta caratteristiche diverse dal solito). Con il passare dei giorni la mamma impara a conoscere il proprio bambino e a distinguere le diverse tipologie di pianto. In caso di pianto insistente, dopo aver provato a consolare il bambino (accarezzandolo, passeggiando lentamente, offrendogli il ciuccio etc.) senza risultato, cercate di non entrare in ansia o agitazione.

21 Appoggiatelo sulla culla a pancia in su e prendetevi una pausa per recuperare la vostra serenità, avendo attenzione a non cullarlo troppo vigorosamente e a non scuoterlo, in quanto questo tipo di accudimento puo essere dannoso per la sua salute. Il sonno del bambino Con il passare delle settimane il bambino aumenta la durata dello stato di veglia ed inizia a mostrare maggiore attenzione all ambiente e agli stimoli da questo provenienti. Alla fine del secondo mese di vita inizia a riconoscere mamma e papa e a tentare i primi vocalizzi. La posizione corretta per far dormire il vostro bambino è quella supina; è meglio evitare la posizione a pancia in giu ed evitare che dorma insieme a voi genitori. Il materassino del suo lettino deve essere rigido ed è meglio non abituarlo al cuscino. Il ciuccio Alcuni studi hanno dimostrato che l uso del ciuccio puo ridurre il tempo in cui il bambino resta attaccato al seno e puo alterare una corretta dinamica orale. Il ciuccio puo facilitare il riflesso della suzione non nutritiva che è già sviluppato nel feto a 15 settimane e, a volte, interferire con la suzione deglutizione tipica dell alimentazione al seno. Pertanto, presso il nostro Nido

22 non ne viene incentivato l uso diffuso, ma questo non esclude che se ne possa far uso in casi selezionati o sulla base della scelta dei genitori. Le coliche Le coliche gassose del neonato sono crisi dolorose che si manifestano ad ondate, soprattutto verso sera, con irritabilità, agitazione e grida che durano almeno 3 ore al giorno per almeno 3 giorni la settimana; iniziano verso l età di 2-3 settimane e si risolvono entro i 3 mesi, senza compromettere la crescita. Non ne sono conosciute le cause. L addome del bambino appare globoso, a volte teso per l eccesso di aria e feci che fa fatica ad essere espulsa spontaneamente. Non esistono farmaci in grado di curare questa condizione, che non è una malattia. Il massaggio praticato con regolarità, più volte al giorno, può aiutare la fuoriuscita passiva di aria e feci. Le uscite Sin dal vostro ritorno a casa potete uscire con il vostro bambino nelle ore della giornata a temperatura piu mite (evitate le ore troppo calde in estate o troppo fredde in inverno). Evitate inoltre le zone a maggior inquinamento ed i luoghi chiusi molto affollati (centri commerciali, supermercati etc.

23 appunti

24 Comunicazione e ufficio stampa rev. 0 maggio 2014

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Quando nasce un bambino

Quando nasce un bambino Quando nasce un bambino DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE Direzione Generale della Comunicazione e Relazioni Istituzionali Prefazione Una corretta informazione riveste un importanza fondamentale

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea European Commission Directorate Public Health and Risk Assessment Karolinska Institutet Department of Biosciences at Novum Unit for Preventive Nutrition Huddinge, Sweden Istituto per l Infanzia IRCCS Burlo

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris Allattamento al Seno come praticarlo con successo Una guida pratica per gli operatori sanitari di Tine Vinther Jerris WORLD HEALTH ORGANIZATION REGIONAL OFFICE FOR EUROPE COPENHAGEN, 1993 1 Prepared for

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Dai tuoi primi mesi ai suoi primi passi

Dai tuoi primi mesi ai suoi primi passi Weleda nel mondo Presente in più di 60 paesi, in 5 continenti Più di 1700 impiegati Possiede esclusivi centri SPA a New York, Giappone e Parigi Distribuisce in farmacia, parafarmacia, erboristeria e in

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO. Introduzione Aspetti generali

Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO. Introduzione Aspetti generali Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO Introduzione Aspetti generali Lo sviluppo del cervello inizia prima della nascita e deve incrementarsi nelle fasi fondamentali fino ai primi

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli