Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - Direttore: Prof. Mario Lima U.O. Neonatologia - Prof.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - Direttore: Prof. Mario Lima U.O. Neonatologia - Prof."

Transcript

1 Dipartimento Salute della Donna, del Bambino e dell Adolescente - Direttore: Prof. Mario Lima U.O. Neonatologia - Prof. Giacomo Faldella Accudire il Neonato Padiglione 4 Orientarsi N. 74 Supplemento d Informazione a Diario di Bordo Reg. Tribunale di Bologna n del 31/12/1997

2 Cari genitori, in queste pagine troverete una serie di indicazioni sull accudimento del neonato e su cosa avverrà subito dopo il parto e durante il periodo di degenza del vostro bambino presso la nostra struttura. A cura di: Prof. Guido Cocchi, Dott.ssa Maria Grazia Capretti, Dott. Santo Arcuri U.O. Neonatologia - Faldella

3 Durante il periodo di permanenza in Ospedale Il momento della nascita rappresenta l avvio di funzioni fisiologiche finora mai sperimentate dal bambino, come la respirazione, il nuovo tipo di circolazione del sangue e la digestione del latte. Nello stesso momento il bambino acquisisce una identità distinta dalla madre e si prepara ad affrontare la piu bella delle avventure. In questo passaggio la vicinanza della madre rappresenta un insostituibile elemento di sicurezza per il bambino. Per questo motivo, nella nostra struttura, mamma e neonato rimangono insieme di giorno e di notte, prima in Sala Parto e poi nella stanza di degenza del Reparto. Il papà, il cui ruolo è ugualmente importante, puo partecipare attivamente all accudimento del bambino sin da subito in Sala Parto e poi secondo le fasce orarie di accesso al Reparto di Degenza, salvo il caso in cui la mamma necessiti di assistenza continuativa (ad esempio per l avvenuto parto cesareo). Nelle prime ore di vita del bambino vengono eseguite le profilassi di routine (il collirio antibiotico per la prevenzione della congiuntivite e la vitamina K per la prevenzione della malattia emorragica del neonato). Sempre nelle prime ore il Pediatra-Neonatologo effettua la prima visita ed un colloquio per raccogliere le notizie rilevanti sulla gravidanza e sugli esami prenatali. Inoltre, nei giorni successivi, verranno eseguiti i tests di screening per le

4 malattie metaboliche e per la valutazione dell udito del vostro bambino. Durante la degenza verrete aiutati nelle pratiche di accudimento del neonato, come il cambio del pannolino, la cura del cordone ombelicale, l igiene del neonato e l allattamento al seno. Inoltre potrete partecipare agli incontri delle mamme e papà con il Pediatra-Neonatologo e il personale ostetrico su argomenti di comune interesse; in questi colloqui siamo a disposizione per rispondere direttamente ad ogni vostra domanda. Gli screening neonatali e la dimissione La dimissione della mamma coincide con quella del neonato, che, in genere, avviene dopo le 48 ore di vita del bambino. In questa occasione, e comunque tra le 48 e le 72 ore di vita, viene eseguito sul bambino un prelievo di alcune gocce di sangue dal tallone, necessarie per lo screening per le malattie congenite metaboliche (ipotiroidismo congenito, fenilchetonuria, fibrosi cistica, galattosemia, iperplasia surrenalica, difetti del metabolismo degli aminoacidi, difetti del metabolismo degli acidi organici, difetti della beta ossidazione degli acidi grassi). Si tratta di malattie molto rare, che, quando sono diagnosticate precocemente, possono essere curate con ottimi risultati. In caso di risultato nella norma, la famiglia non verrà contattata in alcun modo; mentre in caso di esito positivo o dubbio, la famiglia verrà richiamata per eseguire un secondo prelievo di conferma.

5 Alla dimissione viene eseguito anche lo screening uditivo (otoemissioni acustiche) che ha lo scopo di identificare i neonati affetti da ipoacusia, su cui attuare un trattamento precoce per correggere il deficit e prevenire così i possibili danni a livello dello sviluppo del linguaggio, dei processi di apprendimento e dell inserimento sociale. Infatti circa 1-2 su 1000 neonati sani può presentare un difetto uditivo, anche in famiglie che non hanno altri precedenti di sordità. La registrazione delle otoemissioni acustiche permette di effettuare una valutazione della funzionalità uditiva già a 1-2 giorni di vita con un alta attendibilità; la prova è eseguibile generalmente in pochi minuti e non crea particolare fastidio al neonato. L esame viene effettuato prima della dimissione dal reparto da Tecnici Audiometristi, preferibilmente quando il piccolo sta dormendo. Viene inserito un tappino morbido nel condotto uditivo del neonato e si registrano le risposte del suo orecchio a suoni di bassa intensità inviati con uno strumento. Queste risposte sono dette otoemissioni acustiche - TEOAE e sono prodotte dal movimento delle cellule ciliate esterne che si trovano nella coclea in risposta allo stimolo acustico inviato. Se la risposta è presente il neonato con elevatissima probabilità non ha una perdita uditiva significativa. Sarà pertanto sufficiente osservarlo nel tempo, valutando il suo sviluppo uditivo e l evoluzione del linguaggio. Se la risposta non è presente, questo non indica necessariamente la presenza di un deficit uditivo: ci sono infatti diversi motivi, anche non legati a problemi dell udito, per cui può essere difficile rilevare una risposta. Verrà quindi proposto di portare il bambino ad un successivo controllo e saranno fornite tutte le informazioni necessarie nel caso siano opportuni altri esami di approfondimento. Nell eventualità non sia stato possibile effettuare lo screening uditivo

6 prima della dimissione verrà fissato un appuntamento per i giorni successivi; se si vuole cambiare la data dell appuntamento invitiamo a prendere contatto prima possibile con l Accettazione dell Unità Operativa di Otorinolaringoiatria (Padiglione. 5 - Nuove Patologie - piano terra, tel ). In alcuni casi, in assenza di precisi fattori di rischio e solo se la mamma lo desidera, è possibile la dimissione precoce (tra le 36 e le 48 ore di vita); in questo caso è comunque necessario riportare il bambino l indomani presso il nostro Reparto per un ulteriore controllo clinico e per eseguire il prelievo venoso per lo screening delle malattie metaboliche. Al momento della dimissione vi verrà consegnata una breve relazione clinica del bambino che riporta tutti i dati salienti del parto e della nascita (peso alla nascita e peso al momento della dimissione, età gestazionale, Indice di Apgar), gli eventuali accertamenti eseguiti durante la permanenza in ospedale, il risultato delle otoemissioni acustiche e l esito della visita di dimissione. Nel caso vi sia una precisa indicazione clinica o nel caso in cui si tratti di un primogenito e non sia stato ancora scelto il Pediatra di Famiglia, programmiamo un controllo dopo alcuni giorni presso il nostro Ambulatorio di Neonatologia, situato al Padiglione 13, 3 piano. Invece, se si tratta di un secondogenito che ha avuto un decorso fisiologico, vi invitiamo a programmare il controllo evolutivo presso il vostro Pediatra di Famiglia che ha già in carico il fratellino o la sorellina.

7 Dichiarazione di Nascita Per fare la Dichiarazione di Nascita del vostro bambino vi potete rivolgere presso: la Direzione Sanitaria dell Ospedale Ufficio Nascite al piano terra del Padiglione di Ginecologia ed Ostetricia (entro i 3 giorni successivi alla nascita, non contando la festività se cade sul terzo giorno utile alla registrazione); telefonare al numero interno 3331 o al numero esterno di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.30 alle ore per fissare l appuntamento che verrà evaso in mattinata; l ufficio di Stato Civile del Comune di Bologna, entro 10 giorni successivi alla nascita, alla sede di Via Santa Maria Maggiore n. 1, previo appuntamento telefonico ( /9) dal lunedì al venerdì non festivi; l ufficio di Stato Civile del Comune di residenza se diverso da Bologna, entro i 10 giorni successivi alla nascita, secondo i seguenti criteri: Comune di residenza dei genitori 1. Comune di residenza della madre, se il padre risiede in altro Comune; 2. Comune di residenza del padre, previo accordo con la madre, se residente in altro Comune. Se i genitori sono uniti in matrimonio, la Dichiarazione di Nascita va fatta da: -- uno dei due genitori o entrambi oppure -- un loro procuratore speciale oppure -- Medico/Ostetrico-a che ha assistito al parto

8 Se i genitori non sono uniti in matrimonio, la Dichiarazione di Nascita con riconoscimento va fatta : -- dalla sola madre (se il padre non intende riconoscere il figlio) -- dalla madre e dal padre congiuntamente Il figlio naturale puo essere riconosciuto da genitori che abbiano compiuto il 16 anno di età, anche se già uniti in matrimonio con altra persona all epoca del concepimento. Al momento della Dichiarazione di Nascita il dichiarante deve: 1. consegnare il documento sanitario ATTESTAZIONE DI NASCITA comprovante la nascita del bambino, rilasciato dall Ostetrico-a o dal Medico che ha assistito al parto; 2. esibire un documento valido di identità personale, anche dell altro genitore (preferibilmente la carta di identità). Per i genitori stranieri, non titolari di carta di identità, occorre esibire il passaporto e/o il permesso di soggiorno e se non conoscono la lingua italiana è obbligatoria la presenza di un interprete a loro carico.

9 La scelta del Pediatra di Famiglia L iscrizione al SSN non è automatica al momento della nascita del bambino, ma deve essere perfezionata presso l A.U.S.L. di residenza o di domicilio, se diversa. Durante il periodo di permanenza in ospedale, è possibile fare l iscrizione del bambino al SSN e la scelta del Pediatra di Famiglia presso il pad. 25 dell Azienda Ospedaliera S. Orsola-Malpighi, sportello CUP piano terra, nei seguenti orari: Lunedì al Venerdì dalle 7.30 alle Sabato dalle 7.30 alle L iscrizione all anagrafe sanitaria di Bologna e provincia può essere fatta presentando: Autocertificazione di uno dei genitori dell avvenuta nascita ed eventuale certificato di nascita rilasciato dall Ostetrica o dal Ginecologo e documento d identità del genitore; Delega fatta dal genitore ad altro parente dell avvenuta nascita (nei casi di impossibilità del genitore) ed eventuale certificato di nascita rilasciato dall Ostetrica o dal Ginecologo e copia del documento d identità del genitore delegante.

10 L allattamento Il latte materno è l alimento che la natura ha perfezionato per meglio rispondere alle esigenze nutrizionali, biologiche e psicologiche del bambino; pertanto rappresenta l alimentazione di scelta per il bambino nei primi mesi di vita. L allattamento al seno favorisce lo sviluppo di una speciale relazione tra madre e bambino che inizia sin dai primi minuti di vita, mediante il contatto pelle a pelle di madre-neonato. A che cio possa verificarsi precocemente, durante la permanenza in Sala Parto cerchiamo di favorire un clima di intimità tra madre, padre e bambino e consigliamo l attaccamento del neonato al seno materno già entro la prima ora di vita. Il latte materno è un alimento insostituibile per i suoi effetti benefici antiinfettivi e favorenti la crescita, è facilmente digeribile e protegge la salute del bambino e della madre. Infatti è stato dimostrato che il latte materno protegge il bambino dall obesità, dalle malattie atopiche, dall asma bronchiale e dalle infezioni e protegge la mamma dall insorgenza di cancro al seno. La produzione di latte è un fenomeno fisiologico, quindi non esistono condizioni per le quali le mamme non ne producono. Analogamente i casi in cui l allattamento materno è controindicato sono estremamente rari.

11 Nei primi giorni dopo il parto viene prodotto un particolare tipo di latte detto colostro, giallastro e denso, ricco di preziosi elementi biologici (anticorpi, globuli bianchi, fattori di crescita, vitamina A). La montata lattea inizia, in genere, tra la terza e la quinta giornata post-partum ed è favorita dalla suzione frequente del neonato; in altri termini: piu spesso il neonato viene attaccato al seno, piu rapidamente il latte arriva. La produzione di latte viene regolata da due ormoni: -- la prolattina che entra in circolo dopo la poppata per favorire la produzione di latte della poppata successiva; essa è maggiormente prodotta durante la notte e inibisce l ovulazione; -- l ossitocina che agisce prima o durante la poppata per permettere la fuoriuscita del latte e induce le contrazioni uterine nella madre. Il riflesso dell ossitocina è favorito dalla vicinanza e dal pianto del bambino che a volte possono provocare la fuoriuscita spontanea di latte anche quando il bambino non è attaccato al seno materno. Nel latte materno è contenuta una sostanza che puo inibirne o ridurne l ulteriore produzione: se nel seno rimane molto latte, questa sostanza impedisce la produzione di altre quantità, mentre se il latte viene rimosso, il seno continua a produrne. Questo spiega il motivo per cui per promuovere/ mantenere la produzione di latte occorre svuotare entrambi i seni (sia naturalmente attaccando il bambino, sia attraverso la spremitura). Esistono seni di forme e dimensioni differenti e così anche i capezzoli. I bambini riescono a succhiare da tutti. In caso di capezzolo piatto o invertito occorrerà un po più di pazienza. Per quello piatto sarà sufficiente controllare che il piccolo prenda in bocca bene buona parte dell areola

12 mammaria. Per quello invertito è bene iniziare, se possibile già nell ultimo periodo di gravidanza, la stimolazione tattile del capezzolo utilizzando un tiralatte o una siringa specifica per estrofletterlo. In seguito sarà il bambino stesso che, prendendo in bocca un ampia parte della mammella, modellerà il seno facendo protrudere il capezzolo. Quando allattate il vostro bimbo, controllate che stia assumendo una posizione corretta, cioè che abbia testa e corpo in asse, con il viso rivolto verso il seno e con il naso di fronte al capezzolo. Cercate di mantenere uno stretto contatto tra voi e il bambino e di sostenere tutto il suo corpo; a tal fine puo essere utile un cuscino appoggiato sulle ginocchia. Sostenete con la mano il seno e cercate di toccare con il capezzolo le labbra del bambino, in modo da fargli aprire la bocca e da fargli prendere una buona porzione dell areola. Il bambino si è attaccato correttamente se ha entrambe le labbra e soprattutto l inferiore, rivolte verso l esterno; inoltre, dopo i primi atti rapidi di suzione, il ritmo diventa piu lento e profondo per l arrivo di un flusso maggiore di latte e le guance sono piene, senza fossette. Il neonato quando succhia fa delle pause che possono durare alcuni secondi e poi riprende da solo; se la pausa si fa troppo lunga allora la madre può incoraggiarlo a riprendere stimolandolo (per esempio toccandogli i piedini o con altre stimolazioni cutanee). Ciò che rassicura è sentirlo deglutire, dopo alcune suzioni efficaci. Questo però non potrà essere presente nelle prime poppate perché il colostro è presente solo in poche gocce. Nelle prime settimane le poppate possono durare molto tempo (anche piu di mezz ora) e il bambino puo essere pigro e dormire a lungo.

13 In tal caso occorre stimolarlo attivamente ad attaccarsi al seno, per esempio massaggiandogli la pianta dei piedi se sono passate piu di 3 ore dalla poppata precedente. Successivamente il tempo si riduce, ma resta importante offrire entrambi i seni ad ogni poppata, tranne i rari casi di bambini che si attaccano di preferenza sempre allo stesso seno. Per cercare di stimolare l arrivo della montata lattea attaccate al seno il bambino il piu spesso possibile, non solo quando piange, ma ogni qualvolta mostri dei segnali di fame (si sveglia, gira la testa, porta le mani verso la bocca, piange) e comunque circa ogni 3 ore; successivamente cercate di seguire i ritmi del vostro bambino e la sua richiesta di succhiare. Il bambino mentre si alimenta al seno è capace di autoregolarsi e quindi di assumere la quantità di latte necessaria alle sue esigenze: pertanto non è di nessuna utilità eseguire la doppia pesata prima e dopo l alimentazione. Durante il periodo di allattamento il neonato non deve assumere altri liquidi (acqua, camomilla o tisane). E molto difficile, soprattutto nei primi 3 5 giorni, valutare se la quantità di latte prodotta è sufficiente per il bambino, mentre, una volta avviato l allattamento, è raro che la madre possa non produrre latte a sufficienza. Ciò che rassicura è la reattività del bambino, ovvero le poppate sono frequenti, la suzione efficace, i pannolini sono sporchi e/o bagnati. I parametri che misurano se il bambino assume una quantità adeguata di latte sono: il peso (il peso a 15 giorni di vita superiore al peso alla nascita, aumento ponderale superiore a 500 g al compimento del primo mese di vita) e la quantità di urina prodotta (il bambino deve urinare piu di 6 volte al giorno, le urine non devono essere concentrate, di colore giallo scuro o arancione).

14 Segni indiretti di scarsa alimentazione possono essere il frequente riscontro di insoddisfazione dopo la poppata, il pianto frequente, la necessità di attaccarsi molto spesso e di fare poppate molto lunghe, la mancanza o poca quantità di feci (feci dure, verdastre). Le posizioni per allattare sono tante, ma sicuramente la migliore è quella in cui la madre si sente piu a suo agio e rilassata. Non è necessario lavare il seno con detergenti prima di ogni poppata: è sufficiente seguire una corretta abitudine di igiene personale. Inoltre, tra una poppata e l altra, è meglio non coprire i capezzoli con sistemi che impediscono la normale traspirazione cutanea ed usare comuni fazzoletti di cotone. Soprattutto all inizio dell allattamento alcune condizioni (come l eccesso di latte, il ritardo nell avvio dell allattamento, un attacco scorretto, lo svuotamento incompleto del seno) possono favorire l insorgenza dell ingorgo mammario. La ghiandola mammaria è una ghiandola fatta da molti acini che sono le unità produttrici di latte: se questi si dilatano troppo, vanno a comprimere i dotti e quindi è molto difficile, anche se il neonato si impegna al massimo, svuotare il seno. L ingorgo mammario si presenta con dolore locale, tensione della pelle, rossore ed edema del seno ed anche febbre. In questo caso il latte non fluisce facilmente: è allora necessario, prima di attaccare il bambino, eseguire impacchi caldi

15 localmente (la doccetta del bagno è un magnifico aiuto perché oltre che con la temperatura agisce fornendo un leggero massaggio), massaggiare con dolcezza le parti che sentiamo più turgide, e poi provvedere a svuotare il seno attaccando il bambino o, se non riesce, svuotando il seno con un tiralatte. Dopo lo svuotamento puo essere utile fare un impacco freddo per favorire la riduzione dell edema. Il seno ingorgato o il blocco di un dotto galattoforo possono far sviluppare la mastite. In entrambi i casi si tratta di condizioni in cui il latte rimane stagnante in certe zone della mammella, in quanto non efficacemente rimosso e cio provoca prima l infiammazione del tessuto mammario e successivamente la sua infezione. In questi casi, oltre che provvedere al frequente svuotamento del seno, è indicata la terapia antibiotica ed eventualmente analgesica (paracetamolo). Il bambino in questi casi può continuare ad attaccarsi al seno materno. Durante l allattamento la mamma deve eseguire un dieta libera e varia, senza seguire regole dietetiche particolari, seguirà i suoi gusti alimentari, nutrendosi dei cibi che ama e digerisce meglio e in particolare assumendo 2-3 litri di acqua al giorno (possibilmente oligominerale) o altri liquidi. Deve evitare di fumare e limitare l assunzione di alcool.

16 I comportamenti fisiologici del neonato Le feci dei primi giorni di vita (il meconio) sono di consistenza dura e collosa e colore nerastro; poi, con l aumentare della quota di latte assunta, diventano prima verdastre e piu morbide e poi liquide e di color giallooro, tipico delle feci da latte materno o verdastre-marroni con piccoli grumi bianchi se il bambino è alimentato con latte artificiale. La normale frequenza delle evacuazioni varia da una volta al giorno a tutte le volte in cui il pannolino viene cambiato: l importante è che il neonato evacui almeno una volta al giorno. I movimenti del neonato spesso avvengono in modo non fluido, a scatti: questo è dovuto ad un incompleto controllo dei muscoli che verrà acquisito in modo completo nei mesi successivi. E normale che il vostro bambino starnutisca frequentemente: infatti mediante il riflesso dello starnuto elimina tutti i materiali corpuscolati che penetrano nelle narici. E normale che il vostro bambino presenti spesso il singhiozzo: anche questo è un riflesso dovuto al riempirsi dello stomaco che spinge così verso il diaframma; il bambino non è disturbato dal singhiozzo (che se ben ricordate presentava anche in utero) e pertanto non sono necessari e non esisitono, accorgimenti per farlo cessare. E normale che il vostro bambino presenti frequenti rigurgiti in relazione al pasto: se il bambino cresce regolarmente questo sintomo non merita attenzioni particolari.

17 La pelle del neonato La pelle alla nascita è ricoperta da una sostanza bianco-grigiastra untuosa detta vernice caseosa, che durante la vita intrauterina ha la funzione di proteggere il feto dalla macerazione che indurrebbe il liquido amniotico. Nei primi giorni di vita la pelle è molto secca e spesso presenta una leggera desquamazione: puo essere utile idratarla con prodotti naturali, come l olio di mandorle. In molti neonati sono presenti zone cutanee arrossate con un puntino bianco al centro che scompaiono da una zona e compaiono in un altra: si tratta dell esantema allergo-tossico del neonato, ovvero di una manifestazione cutanea fisiologica a questa età e che in genere scompare entro la prima settimana di vita. Altre volte possono essere presenti aree vascolari rossastre sulle palpebre, alla radice del naso o sulla nuca che scompaiono spontaneamente nei mesi successivi. In alcuni casi possono essere presenti le chiazze mongoliche (rare nella razza caucasica) di colore grigio-bluastro a limiti indeterminato e di dimensioni variabili localizzate per lo piu in regione sacrale; queste macchie, dovute alla presenza di cellule ricche di melanina, scompaiono entro uno o due anni. Intorno alla terza quinta giornata di vita la cute assume una sfumatura giallastra (meglio osservabile nelle sclere oculari) chiamata ittero fisiologico del neonato che tende a risolversi entro la prima settimana di vita e che solo in casi particolari (come una differenza di gruppo sanguigno

18 tra madre e neonato) necessita di essere trattata con la fototerapia (luce ultravioletta) quando la sostanza che la produce (la Bilirubina nel sangue) supera un determinato valore soglia. Il tumore da parto Il tumore da parto è una tumefazione edematosa del diametro di circa 5-6 cm presente sul capo al momento della nascita e dovuta ad imbibizione sierosa della cute e del sottocute formatasi in seguito alla differenza di pressione tra l ambiente endouterino e quello esterno al momento del parto. In genere scompare entro pochi giorni. La crisi genitale Compare in genere tra il 3-4 giorno di vita e regredisce entro il primo mese. E una reazione dei genitali in risposta a stimoli ormonali materni e fetali che nella femmina si manifesta con tumefazione delle grandi labbra e del clitoride, secrezione vaginale biancastra o, a volte, ematica; nel maschio si manifesta con tumefazione dei genitali esterni ed idrocele. In entrambi i sessi, poi, si puo manifestare anche la tumefazione mammaria.

19 La cura del moncone ombelicale Dopo la recisione del cordone ombelicale al momento della nascita, il moncone che residua va incontro ad un progressivo processo di essiccamento per mummificazione. E necessario tenerlo asciutto e pulito, protetto da una garza da cambiare frequentemente. In genere il moncone cade entro una due settimane e residua una ferita ombelicale che va incontro a cicatrizzazione spontanea: solo a questo punto è consigliabile eseguire il primo bagnetto. L andamento del peso Il peso del neonato nei primi giorni di vita subisce fisiologicamente una diminuzione (calo fisiologico). La perdita ponderale piu considerevole avviene nelle prime 24 ore di vita ed il minimo peso viene raggiunto nel 3-4 giorno. Il neonato normalmente cala di circa il 10% del peso neonatale e generalmente ritorna al suo peso neonatale ai giorni di vita. Le cause del calo fisiologico sono molteplici: innanzitutto la scarsa introduzione di latte nei primi giorni di vita, la concomitante perdita di liquidi (urine, perspiratio insensibilis) e l emissione di meconio. Nei primi 6 mesi il bambino dovrebbe crescere almeno 500 gr al mese (quindi oltre 125 grammi alla settimana, in media gr alla settimana).

20 Le funzioni visiva e uditiva Alla nascita la funzione visiva non è ancora matura: l acuita visiva (cioè la capacità di vedere i dettagli) non è ancora sviluppata e progredisce nelle settimane e mesi successivi. Intorno a 6 mesi di vita il bambino vede abbastanza nitidamente le immagini e distingue i colori. La funzione uditiva, invece, è già completamente sviluppata sin dalla nascita. Il pianto del bambino Il pianto è la principale forma di espressione del neonato che così esprime stati e bisogni diversi. Esso puo essere l espressione di un disagio (è sporco, ha caldo o freddo), di stanchezza, di fame (come avviene in quei momenti quando il bambino cresce rapidamente e la poppata puo diventare insufficiente), di coliche addominali (eccesso di gas e feci che il bambino non riesce ad espellere spontaneamente), di farmaci o sostanze eccitanti assunte dalla madre (caffeina, sigarette), di particolari alimenti assunti dalla madre (il pianto si verifica sempre in concomitanza con l assunzione di uno stesso alimento) o di malattia (in questo caso il pianto presenta caratteristiche diverse dal solito). Con il passare dei giorni la mamma impara a conoscere il proprio bambino e a distinguere le diverse tipologie di pianto. In caso di pianto insistente, dopo aver provato a consolare il bambino (accarezzandolo, passeggiando lentamente, offrendogli il ciuccio etc.) senza risultato, cercate di non entrare in ansia o agitazione.

21 Appoggiatelo sulla culla a pancia in su e prendetevi una pausa per recuperare la vostra serenità, avendo attenzione a non cullarlo troppo vigorosamente e a non scuoterlo, in quanto questo tipo di accudimento puo essere dannoso per la sua salute. Il sonno del bambino Con il passare delle settimane il bambino aumenta la durata dello stato di veglia ed inizia a mostrare maggiore attenzione all ambiente e agli stimoli da questo provenienti. Alla fine del secondo mese di vita inizia a riconoscere mamma e papa e a tentare i primi vocalizzi. La posizione corretta per far dormire il vostro bambino è quella supina; è meglio evitare la posizione a pancia in giu ed evitare che dorma insieme a voi genitori. Il materassino del suo lettino deve essere rigido ed è meglio non abituarlo al cuscino. Il ciuccio Alcuni studi hanno dimostrato che l uso del ciuccio puo ridurre il tempo in cui il bambino resta attaccato al seno e puo alterare una corretta dinamica orale. Il ciuccio puo facilitare il riflesso della suzione non nutritiva che è già sviluppato nel feto a 15 settimane e, a volte, interferire con la suzione deglutizione tipica dell alimentazione al seno. Pertanto, presso il nostro Nido

22 non ne viene incentivato l uso diffuso, ma questo non esclude che se ne possa far uso in casi selezionati o sulla base della scelta dei genitori. Le coliche Le coliche gassose del neonato sono crisi dolorose che si manifestano ad ondate, soprattutto verso sera, con irritabilità, agitazione e grida che durano almeno 3 ore al giorno per almeno 3 giorni la settimana; iniziano verso l età di 2-3 settimane e si risolvono entro i 3 mesi, senza compromettere la crescita. Non ne sono conosciute le cause. L addome del bambino appare globoso, a volte teso per l eccesso di aria e feci che fa fatica ad essere espulsa spontaneamente. Non esistono farmaci in grado di curare questa condizione, che non è una malattia. Il massaggio praticato con regolarità, più volte al giorno, può aiutare la fuoriuscita passiva di aria e feci. Le uscite Sin dal vostro ritorno a casa potete uscire con il vostro bambino nelle ore della giornata a temperatura piu mite (evitate le ore troppo calde in estate o troppo fredde in inverno). Evitate inoltre le zone a maggior inquinamento ed i luoghi chiusi molto affollati (centri commerciali, supermercati etc.

23 appunti

24 Comunicazione e ufficio stampa rev. 0 maggio 2014

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO Il reparto Maternità del Gaslini favorisce l'allattamento al seno, in base alle norme definite dall'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'unicef (Fondo

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno

Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno Il Il ruolo del Pediatra di famiglia nell allattamento al seno Dott.Raffaele D Errico Pediatra di famiglia ASL Napoli 1 Distretto 48 Federazione Italiana Medici Pediatri di Napoli «Anche l uomo l potrebbe

Dettagli

Latte di mamma: gocce di consigli

Latte di mamma: gocce di consigli AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it Quadro anonimo del XIX secolo conservato presso la

Dettagli

Ospedale di Oderzo. Nido. Guida ai servizi

Ospedale di Oderzo. Nido. Guida ai servizi Ospedale di Oderzo Nido Guida ai servizi Carissimi genitori, queste informazioni sono dirette a voi che avete scelto questo reparto per i primi giorni di vita del vostro bambino. La nostra struttura è

Dettagli

AZIENDA SANITARIA U.L.S.S. 3 Bassano del Grappa

AZIENDA SANITARIA U.L.S.S. 3 Bassano del Grappa Direttore Dr. Maurizio Demi Equipe: dr. Andrea Antoniol dr.ssa Carla Bizzotto dr.ssa Valeria Lagorio dr.ssa Chiara Palaro dr. Giorgio Picco dr. Andrea Rini AZIENDA SANITARIA U.L.S.S. 3 Bassano del Grappa

Dettagli

S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA

S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA Direttore Dott. Cesare ARIONI INFORMAZIONI PER L UTENTE Ospedale Beauregard Reparto di Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Tel. 0165/545476 Aosta CARI GENITORI, sappiamo

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

Sempre con te, passo dopo passo ALLATTAMENTO AL SENO

Sempre con te, passo dopo passo ALLATTAMENTO AL SENO ALLATTAMENTO AL SENO Allattamento al seno 1) Il latte materno 2) Anatomia del seno 6) Il corretto attacco al seno del tuo bambino 7) Suggerimenti 3) Gli ormoni e i riflessi della lattazione 4) La montata

Dettagli

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE La vita del neonato dalla nascita al primo mese, rassicurazioni e consigli dalla SIN Società Italiana di Neonatologia L arrivo di un bebè è un momento lieto, ma

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

Noi e il nostro bambino FINALMENTE GENITORI

Noi e il nostro bambino FINALMENTE GENITORI Noi e il nostro bambino FINALMENTE GENITORI Il neonato Da tutti, comunemente, il neonato è considerato capace soltanto di mangiare dormire e piangere. I suoi sensi sono, invece, finemente sviluppati già

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili 21. Poco latte 101 Sessione 21 POCO LATTE Introduzione La maggior parte delle madri può produrre latte a sufficienza per uno o anche due bambini. Generalmente, anche quando una madre pensa di non avere

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

ospedaleniguarda.it BENVENUTI AL NIDO

ospedaleniguarda.it BENVENUTI AL NIDO BENVENUTI AL NIDO Cara mamma e caro papà, l arrivo del vostro bambino è un evento meraviglioso che vi porterà tanta gioia e felicità, ma anche alcuni dubbi e domande. Con questa piccola guida vogliamo

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

Il latte della mamma. Neonatologia NEONATOLOGIA. Unità operativa complessa. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata

Il latte della mamma. Neonatologia NEONATOLOGIA. Unità operativa complessa. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata www.hsangiovanni.roma.it Unità Operativa Complessa NEONATOLOGIA Unità operativa complessa Neonatologia Recapiti Telefono 06 77056841 Fax: 06 77055544 A cura

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Allattamento al Seno Alcuni suggerimenti per le mamme Regione Lazio La Regione Lazio, nel suo Piano Sanitario 2002-2004 e con la Delibera n. 1741 del 20 Dicembre

Dettagli

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno.

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. 20. Spremere il latte 92 Sessione 20 SPREMERE IL LATTE Introduzione La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. Spremere

Dettagli

Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia e Adolescenza Direttore Marco Armellini

Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia e Adolescenza Direttore Marco Armellini Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia e Adolescenza Direttore Marco Armellini PRENDILO PER MANO E CAMMINA CON NOI Cari genitori Questo libretto contiene dei suggerimenti per promuovere lo sviluppo psicomotorio

Dettagli

Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno

Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno Lezione 3. Come il bambino riceve latte dal seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare le parti del seno coinvolte nella lattazione Descrivere il ruolo

Dettagli

Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540

Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540 Dipartimento di Pediatria Terapia Intensiva e Patologia Neonatale ASSISTENZA NEONATALE Il neonato al Nido Unità Operativa di Assistenza Neonatale Tel. 049/8213484 Fax 049/8218540 CARTA DI ACCOGLIENZA PER

Dettagli

Gusto di mamma. Allattare al seno con facilità e soddisfazione. con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA

Gusto di mamma. Allattare al seno con facilità e soddisfazione. con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA Gusto di mamma Allattare al seno con facilità e soddisfazione con il patrocinio della ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LA FAMIGLIA Questo quaderno è dedicato alla memoria e al sorriso di Anna Maria

Dettagli

Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità. Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Allattamento materno una goccia di saggezza una grande opportunita latte materno

Dettagli

Un neonato in casa. Ricominciamo in tre

Un neonato in casa. Ricominciamo in tre Un neonato in casa. Ricominciamo in tre Genitori si diventa. Quando arriva un neonato è sempre una rivoluzione. Il piccolo, fin dalle prime ore di vita, impone nuove regole, diversi orari, cambiamenti

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

ALLATTARE AL SENO ITALIANO

ALLATTARE AL SENO ITALIANO ALLATTARE AL SENO ITALIANO Il latte materno è un investimento prezioso per il benessere e la salute tua e del tuo bambino. Presso i nostri Centri potete contare sull aiuto per consigli di operatori esperti

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

UN DONO PER TUTTA LA VITA. Guida all allattamento materno

UN DONO PER TUTTA LA VITA. Guida all allattamento materno UN DONO PER TUTTA LA VITA Guida all allattamento materno INDICE Capitolo 1. Come funziona il seno A discrezione del consumatore Il seno, cos è e a cosa serve L esterno del seno La parte che non si vede

Dettagli

Unità di Neonatologia, Patologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore: Prof. Mario De Curtis Azienda Policlinico Umberto I Se volete promuovere e migliorare l'assistenza del neonato a richio potete

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO

IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO (piccola (piccola guida guida rivolta rivolta ai genitori, ai genitori, per agevolare per agevolare degenza la degenza al Nido al Nido e e per orientare per orientare

Dettagli

INDICE 5 INTRODUZIONE. I PRIMI GIORNI 13 Benvenuto! 35 Finalmente a casa 43 Le prime cure 50 I piccoli problemi di mamma e papà

INDICE 5 INTRODUZIONE. I PRIMI GIORNI 13 Benvenuto! 35 Finalmente a casa 43 Le prime cure 50 I piccoli problemi di mamma e papà INDICE 5 INTRODUZIONE 13 Benvenuto! 35 Finalmente a casa 43 Le prime cure 50 I piccoli problemi di mamma e papà DA 0 A 6 MESI 63 Lo sviluppo del primo semestre 69 Allattare al seno 89 Allattare con il

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

MAM Linee guida per l allattamento

MAM Linee guida per l allattamento MAM Linee guida per l allattamento L allattamento un gesto straordinario L allattamento al seno è un esperienza d amore straordinaria che permette ad ogni mamma di sperimentare l incontro con il suo bambino

Dettagli

Le proprietà del latte materno I vantaggi dell'allattamento materno Per la mamma Per il bambino I dubbi delle mamme Avrò abbastanza latte?

Le proprietà del latte materno I vantaggi dell'allattamento materno Per la mamma Per il bambino I dubbi delle mamme Avrò abbastanza latte? IL LATTE MATERNO Il latte della mamma è il miglior alimento per il bambino. Per i primi sei mesi in modo esclusivo e poi ntroducendo la prima pappa con cibi solidi, fino all anno di vita e oltre. Durante

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno

Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno Lezione 9. Bambini che rifiutano il seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di aiutare: Il bambino che rifiuta di andare al seno Il bambino che non riesce ad attaccarsi

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva

Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva Lezione 13. Problemi del seno ad insorgenza tardiva Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Aiutare le madri a trattare un dotto galattoforo bloccato Aiutare le madri a gestire

Dettagli

Come allattare al. meglio. senza. stress?

Come allattare al. meglio. senza. stress? meglio Come allattare al senza stress? Allattare al seno è naturale, istintivo, ma c'è molto da imparare. Adottando la "tecnica" giusta fin dagli inizi, ogni poppata sarà un momento prezioso di profonda

Dettagli

Lezione 10. Bassa produzione di latte

Lezione 10. Bassa produzione di latte Lezione 10. Bassa produzione di latte Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Identificare variazioni nella crescita dei bambini allattati al seno Distinguere la bassa produzione

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Allattamento al seno

Allattamento al seno Dipartimento Materno Infantile Presidio Ospedaliero Pietra Ligure - Albenga Ospedale S. Corona di Pietra Ligure S.C. Ginecologia e Ostetricia Direttore: A. Zolezzi S.C. Neonatologia e Pediatria Direttore:

Dettagli

Il neonato: istruzioni per l uso. Dott. Gennaro Salvia Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli

Il neonato: istruzioni per l uso. Dott. Gennaro Salvia Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Il neonato: istruzioni per l uso Responsabile UOC Pediatria Neonatologia-U.T.I.N. Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli Percorso di accompagnamento alla nascita Allattamento materno Formazione a piccoli

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

L allattamento al seno del tuo bambino

L allattamento al seno del tuo bambino REGIONE SICILIANA A U SL MAGNUM PIETATIS OPUS Assessorato alla Sanità 1 Azienda Unità Sanitaria Locale n. 1 - Agrigento Distretto Sanitario di Base di Sciacca Regione Siciliana Azienda Ospedaliera Sciacca

Dettagli

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Esaminare il seno ed i capezzoli di una madre Identificare i capezzoli rientranti

Dettagli

ABeCeDario per le neo-mamme

ABeCeDario per le neo-mamme ABeCeDario per le neo-mamme Care mamme e cari papà qui troverete un elenco di temi relativi all allattamento al seno, ma non solo, da consultare al bisogno una volta tornati a casa Buona lettura! L'Ospedale

Dettagli

INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure

INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure INIZIATIVA OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Riveduta, aggiornata ed ampliata per un approccio integrato alle cure Maternity, 1963, 2003 Estate of Pablo Picasso/Artists Rights Society (ARS), New York Strategia

Dettagli

ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA

ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA IL PUNTEGGIO DI APGAR Il punteggio di Apgar esprime il livello di adattamento alla vita fuori dall'utero materno viene assegnato al primo e al quinto minuto di vita dal personale

Dettagli

ANATOMIA DELLA MAMMELLA. Recenti studi ( Hartman 2002) compiuti con tecniche ecografiche hanno rivoluzionato le precedenti conoscenze:

ANATOMIA DELLA MAMMELLA. Recenti studi ( Hartman 2002) compiuti con tecniche ecografiche hanno rivoluzionato le precedenti conoscenze: ANATOMIA DELLA MAMMELLA Recenti studi ( Hartman 2002) compiuti con tecniche ecografiche hanno rivoluzionato le precedenti conoscenze: i seni galattofori o cisterne non esistono ( erano artefatti dati dalle

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE 1. Perché l allattamento al seno è importante 3 Sessione 1 PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE Introduzione Prima di imparare come aiutare le madri, dovete capire perché l allattamento al seno è

Dettagli

Allattamento al seno

Allattamento al seno Allattamento al seno Allattamento al seno Presentazione L Azienda USL Valle d Aosta promuove da sempre l allattamento al seno coinvolgendo, attraverso l équipe ostetrico-ginecologica, il personale medico-infermieristico

Dettagli

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21 A cura di: U.O.S. TUTELA FAMIGLIA / CONSULTORI FAMILIARI Responsabile: Dott.ssa Alessandra Paganella Con la collaborazione di: U.O.C. OSTETRICIA/GINECOLOGIA Direttore: Dott. Pietro Catapano U.O.C. PEDIATRIA

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

ASP Catanzaro Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme U.O. Neonatologia e TIN Direttore: dott. S. A. Canepa Relatore: Filomena Cuda Catanzaro, 07/06/2008 Bambino nelle prime quattro settimane di vita extra-uterina.

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

PROBLEMI NEONATALI INTRODUZIONE

PROBLEMI NEONATALI INTRODUZIONE PROBLEMI NEONATALI INTRODUZIONE PROBLEMI NEONATALI La qualità dell assistenza offerta dal Pediatra di Libera Scelta (PLS), con particolare riferimento alla corretta presa in carico del neonato e della

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale

Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale Lezione 12. Bambini che hanno bisogno di attenzione speciale Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Aiutare le madri di bambini prematuri e di basso peso a gestire l allattamento

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA.

ANNO DEL NEONATO. il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA. Comune di Fidenza Comune di Salsomaggiore ANNO DEL NEONATO il futuro del tuo bambino è nelle tue mani GUIDA AI SERVIZI DEL PERCORSO NASCITA NEL DISTRETTO DI FIDENZA A cura di Distretto di Fidenza - Ospedale

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

Allattare? Allattare! Stillen? Stillen! allaiter? allaiter! Breastfeeding? Breastfeeding! Amamantar? Amamantar!

Allattare? Allattare! Stillen? Stillen! allaiter? allaiter! Breastfeeding? Breastfeeding! Amamantar? Amamantar! Allattare? Allattare! Stillen? Stillen! allaiter? allaiter! Breastfeeding? Breastfeeding! Amamantar? Amamantar! Domande e risposte ai problemi più ricorrenti riguardanti l allattamento Le informazioni

Dettagli

La pelle del bambino: capirla per amarla. Marco Pignatti dermatologo

La pelle del bambino: capirla per amarla. Marco Pignatti dermatologo La pelle del bambino: capirla per amarla Marco Pignatti dermatologo Nati con la camicia La vernice caseosa riveste e protegge, come una camicia, la pelle del feto durante la vita intrauterina E costituita

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA

CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA CARTA DEI SERVIZI IL PERCORSO NASCITA CHI SIAMO Il Dipartimento Materno Infantile dell Ospedale Sacco garantisce l erogazione di prestazioni che tutelano la salute della donna e del bambino. L Unità di

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AREA INFANTILE Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo all AREA INFANTILE vuole mettere lo studente nella condizione di: Rapportarsi con il neonato fisiologico

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Screening neonatale SCREENING DIAGNOSTICO PRECOCE PER NEONATI

Screening neonatale SCREENING DIAGNOSTICO PRECOCE PER NEONATI Screening neonatale SCREENING DIAGNOSTICO PRECOCE PER NEONATI INFO ULTERIORI INFORMAZIONI SULLE MODALITÀ PRATICHE DI ESECUZIONE DELLO SCREENING NEONATALE POSSONO ESSERE OTTENUTE: presso il nido di ogni

Dettagli

LIBRETTO DEL NEONATO

LIBRETTO DEL NEONATO LIBRETTO DEL NEONATO . PRESIDIO ALESSANDRO MANZONI - LECCO PRESIDIO SAN LEOPOLDO MANDIC - MERATE DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE Direttore: Dott. Rinaldo Zanini S.C. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7

INDICE INTRODUZIONE 7 INDICE INTRODUZIONE 7 CAPITOLO I. COME FUNZIONA IL SENO 9 A discrezione del consumatore 9 Il seno, cos è e a cosa serve 13 L esterno del seno 14 La parte che non si vede 15 Gli ormoni dell allattamento

Dettagli

VENUTO AL MONDO informazioni e consigli utili per i genitori

VENUTO AL MONDO informazioni e consigli utili per i genitori VENUTO AL MONDO informazioni e consigli utili per i genitori Ugo Bacchetta (1930 2005) Ogni bambino che nasce è il segno che Dio non è ancora stanco degli uomini ( R.Tagore 1861 1941) Sommario Prefazione...

Dettagli

Dalla nascita al ritorno a casa

Dalla nascita al ritorno a casa AZIENDA COMPLESSO OSPEDALIERO San Filippo Neri O S P E D A L E D I R I L I E V O N A Z I O N A L E E DI A LTA S P E C I A L I Z Z A Z I O N E AZIENDA COMPLESSO OSPEDALIERO San Filippo Neri O S P E D A

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI T.I.N.

CARTA DEI SERVIZI T.I.N. CARTA DEI SERVIZI T.I.N. INTRODUZIONE L'Ospedale San Pietro FBF è un centro di Assistenza Perinatale di 3 livello, inserito nella rete dell'emergenza ostetrico-neonatale con un P.S. Ostetrico e Neonatologico

Dettagli

farmaci e gravidanza ALLATTAMENTO AL SENO

farmaci e gravidanza ALLATTAMENTO AL SENO ALLATTAMENTO AL SENO L allattamento al seno è il mezzo naturale ed insostituibile per assicurare ai bambini tutto ciò di cui hanno bisogno per nutrirsi. In condizioni normali tutte le donne sono in grado

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli