Il Passaggio Generazionale delle famiglie HNWI: dalla corporate governance al fondo immobiliare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Passaggio Generazionale delle famiglie HNWI: dalla corporate governance al fondo immobiliare"

Transcript

1 Corso Specialistico: Pianificazione Successoria Il Passaggio Generazionale delle famiglie HNWI: dalla corporate governance al fondo immobiliare D o c e n t e : Paolo Bertolini

2 Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e familiari e/o persone care in vario modo. Gli strumenti divergono per la differente procedura da seguire e per i diversi effetti che producono dal punto di vista civilistico e fiscale.

3 AGENDA Introduzione alla Successione del Patrimonio Tramite le Polizze vita Mandato con intestazione/ Mandato senza intestazione Lending: finanziamento all estero tramite mandato fiduciario Consolidato Fiscale e Consolidato Civile Fiscalità applicata ai diversi istututi Fiscalità generale: Amministrato, Gestito, Consolidato Modelli di corporate governance Trust successorio e Trust di protezione patrimoniale Il trust come beneficiario di Polizza Value protection Fondo patrimoniale e gli Atti di destinazione ex articolo ter L Utilizzo di un Mix di più strumenti (es polizza/ trust)

4 Introduzione LA SUCCESSIONE DEL PATRIMONIO TRAMITE LE POLIZZE VITA Trasmettere il patrimonio ereditario offrendo soluzioni mirate attraverso le polizze vita Proteggere il patrimonio utilizzando strumenti assicurativi esaltando l importanza della temporanea caso morte e/o vita intera Gestire il passaggio dei beni per successione e per donazione utilizzando le polizze vita: esempi concreti 4

5 Può la polizza vita essere uno strumento da utilizzare mortis causa o inter vivos per trasmettere e tutelare giuridicamente una parte importante del patrimonio famigliare ed aziendale? Alla luce della trasformazione sociale della famiglia (separazione, divorzi, convivenze, coppie di fatto,) è possibile utilizzare la polizza vita dimostrando l assoluta validità dello strumento per trasmettere in vita e/o alla morte al beneficiario/i designato/i il patrimonio integro da imposte successorie? La polizza vita può essere utilizzata come strumento di utilità economica per tutelare oltre la famiglia persone deboli a carico di famigliari preoccupati per il loro futuro? La polizza vita può essere uno strumento di tutela patrimoniale alternativo a forme giuridiche come il fondo patrimoniale, il trust, il vincolo di destinazione? 5

6 Voglio pianificare in vita la trasmissione del mio patrimonio: 6 La successione mortis causa Una donazione diretta ed indiretta Un testamento Una polizza vita con beneficiario/i Voglio tutelarmi ed integrare la mia previdenza: Immobili in locazione Titoli con cedola Fondi pensione chiusi o aperti Una polizza vita con prestazione in rendita Alla mia morte voglio garantire alle persone a me care un aspetto economico: Un testamento Una polizza infortuni Una temporanea caso morte Una polizza a vita intera Voglio tutelare e segregare il mio patrimonio in maniera giuridica : Un fondo patrimoniale (famiglia) Un trust Atti e vincoli di destinazione (persone meritevoli di tutela) Una polizza vita

7 Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli, familiari e persone care in vario modo. Gli strumenti divergono per la differente procedura da seguire e per i diversi effetti che producono dal punto di vista civilistico e fiscale. La conoscenza delle norme e fondamentale per la migliore amministrazione e protezione della ricchezza 7

8 w w w. P F A c a d e m y. i t Corso Specialistico: Pianificazione Successoria l evoluzione della famiglia : realta sempre piu complessa SPOSATI L EVOLUZIONE DELLA FAMIGLIA CON FIGLI COMUNIONE/SEPARAZIONE DEI BENI SENZA FIGLI FIGLI LEGITTIMI FIGLI LEGITTIMATI FIGLI NATURALI FIGLI ADOTTIVI (FIGLI NATI DENTRO E FUORI DAL MATRIMONIO) CONVIVENTI/E SEPARATI/E DIVORZIATI/E VEDOVI/E COPPIE ED UNIONI DI FATTO (PACS DICO) CON FIGLI SENZA FIGLI CON FIGLI SENZA FIGLI CON FIGLI SENZA FIGLI CON FIGLI SENZA FIGLI SCAPOLI, ZITELLE, SINGLE

9 Definire l impresa di famiglia La famiglia come realtà economica complessa Imprese in cui una o più famiglie, collegate tra loro da legami familiari e/o solide alleanze detengono il potere di nominare gli organi di governo delle società che gestiscono patrimoni materiali e immateriali Impresa di famiglia avvocato ristoratore siciliano Rana milionario romano Ferrero viticoltore veneto Nike architetto imprenditore milanese Natuzzi commerciante emiliano Luxottica Benetton medico

10 Definire l impresa di famiglia Un ingranaggio (azienda) che rotea con un altro ingranaggio (famiglia) cui se ne aggiunge un terzo (patrimonio dell imprenditore) Tutti gli ingranaggi si muovono insieme a velocità e con intensità differenti Mobiliare, immobiliare, liquido, tangibile intangibile 2 Patrimonio La famiglia come realtà economica complessa Realtà complessa e intreccio di legami familiari, di valori e stili di vita diversi 1 Famiglia Azienda Fonte: Gersick Generation to Generation Harvard Business School Press Azienda con diversi livelli di rapidità decisionale, propensione al rischio, possibilità di elevate perdite o guadagni, di responsabilità, sogni e ambizioni

11 La famiglia come realtà economica complessa La continuità aziendale Le aziende per poter sopravvivere sono costrette a svilupparsi (sviluppo in senso lato, non solo in senso quantitativo) La speranza di vita media delle aziende europee è inferiore ai 13 anni; periodo che per le multinazionali si colloca tra i 40 e i 50 anni. Affinché le aziende possano svilupparsi è necessario che sappiano pensare in modo semplice ed efficace a come sopravvivere, e che si rendano consapevoli dei rischi di scomparire dal mercato. Lo scenario nel quale si trovano ad operare è in rapida evoluzione. Alcune delle sue caratteristiche rendono necessario uno sforzo di affinamento delle conoscenze di base allo scopo di poter sopravvivere e prosperare a lungo sui mercati futuri. Principali ragioni di chiusura delle aziende incompetenza imprenditoriale eccessiva burocrazia blocco della crescita ( tendenza a sedersi sugli allori ) mancato passaggio generazionale

12 La famiglia come realtà economica complessa La pianificazione patrimoniale integrata Esigenza detenzione del patrimonio Esigenza circolazione e trasferimento del patrimonio Obiettivi ottimizzazione fiscale e giuridica integrità e sviluppo del patrimonio Obiettivi ottimizzazione fiscale e giuridica sicurezza nel trasferimento del patrimonio Strategia protezione patrimoniale Strategia trasferimenti e passaggio generazionale

13 Importanza della pianificazione del passaggio generazionale Pianificare il passaggio vuol dire: Evitare le problematiche derivanti dal decesso dell imprenditore (continuità rapporti giuridici, debiti, etc) Garantire continuità di gestione e prospettive di sviluppo Porre i famigliari subentranti nelle condizioni di proseguire l attiività senza traumi e con idonea preparazione Individuare gli strumenti giuridici che meglio si adattano alla realtà dell impresa e che consentono di contenere il carico fiscale dell operazione

14 Pianificare correttamente e per tempo il passaggio generazionale e importante perche consente di: Non disperdere quanto costruito in una vita di lavoro Individuare la/le persona/e piùcapaci e motivate Non alterare gli equilibri patrimoniali tra famigliari Assicurare prospettive di crescita aziendale Ottimizzare i costi dell operazione scelta Evitare i problemi derivanti dal decesso improvviso dell imprenditore

15 IL PATRIMONIO FAMIGLIA/AZIENDA PATRIMONIO FAMIGLIARE PATRIMONIO AZIENDALE IMMOBILI RESIDENZIALI IMMOBILI COMMERCIALI TERRENI INVESTIMENTI BANCARI INVESTIMENTI POSTALI INVESTIMENTI ASSICURATIVI BENI DI LUSSO BENI MOBILI BENI IMMATERIALI ETC. IMMOBILI COMMERCIALI TERRENI AVVIAMENTO SCORTE DI MAGAZZINO MACCHINARI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ETC.

16 Il patrimonio Concetto di patrimonio (dal latino patrimonium - derivato da pater, 'padre', e munus, 'compito' - dapprima col significato di 'compito del padre' poi con quello di 'cose appartenenti al padre') In diritto il patrimonio viene definito come l'insieme dei rapporti giuridici, aventi contenuto economico, che fanno capo ad un soggetto giuridico (il titolare). In economia il patrimonio è definito come la ricchezza, espressa in termini monetari, a disposizione di un soggetto in un determinato istante. 16

17 PATRIMONIO (3 MOMENTI IMPORTANTI) COSTITUZIONE CONSERVAZIONE TRASFERIMENTO DEL PATRIMONIO MATRIMONIO/CONVIVENZA CASA DI ABITAZIONE MUTUI FIGLI LAVORO/CARRIERA ACCUMULO CAPITALE INVESTIMENTI ASSICURAZIONI DIVERSIFICAZIONE GESTIONE FAMIGLIARE STRUMENTI GIURIDICI FONDI PENSIONE POLIZZE VITA (INTER VIVOS) TESTAMENTO (INTER VIVOS) DONAZIONE (INTER VIVOS) PATTI DI FAMIGLIA (INTER VIVOS) SUCCESSIONE (MORTIS CAUSA) SAREBBE MOLTO IMPORTANTE PREVEDERE LA TUTELA DEI VARI MOMENTI (ASSICURATIVA E GIURIDICA) QUINDI UTILE SICURAMENTE FARE UNA : PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE: (AZIENDA E FAMIGLIA)

18 La successione e la donazione Voglio pianificare in vita la trasmissione del mio patrimonio: La successione mortis causa Una donazione diretta ed indiretta Un testamento Una polizza vita con beneficiario/i designato/i I patti di famiglia (aziendale) Una temporanea caso morte

19 La successione e la donazione Voglio tutelare e segregare il mio patrimonio in maniera giuridica : Un mandato fiduciario Un fondo patrimoniale (famiglia) Un trust Atti e vincoli di destinazione (persone meritevoli di tutela) Una polizza vita

20 La successione e la donazione CENNI INTRODUTTIVI SUL DIRITTO EREDITARIO ITALIANO Nell'ordinamento giuridico italiano, l'eredità si trasferisce dal de cuius ai suoi successori o per legge o per testamento. Nel primo caso si avrà una successione legittima, nel secondo caso una successione testamentaria.

21 La successione: legittima, testamentaria, necessaria La successione (artt ) Tutti i beni del defunto si chiamano: Asse ereditario L erede subentra in tutti i rapporti giuridici che fanno capo al de cuius, sia per quanto riguarda i crediti, e sia per quanto riguarda le passività; ma non esiste alcun obbligo da parte dell erede di accettare l eredità, che può quindi venire anche rifiutata

22 La successione: legittima, testamentaria, necessaria Al momento della morte si apre nel luogo dell ultimo domicilio del defunto la successione la quale mira ad assicurare la continuità nei rapporti attivi e passivi facendo capo al defunto. LEGITTIMA Vi sono tre tipi di successione: TESTAMENTARIA NECESSARIA

23 Il grado di parentela Il codice civile, agli artt. 74 e ss., definisce e disciplina i rapporti di parentela e affinità nonché le modalità di calcolo dei gradi di parentela e affinità. La parentela è il rapporto che lega persone che discendono da uno stesso stipite. La parentela può essere in linea retta o collaterale. Si ha parentela in linea retta qualora le persone discendano l'una dall'altra (nonno/padre/figlio), parentela in linea collaterale quando, pur discendendo da uno stipite comune, le persone non discendono l'una dall'altra (fratelli, cugini ecc.). Il grado di parentela si calcola sempre escludendo lo stipite. 23

24 Gli eredi legittimi IV Grado III Grado II Grado Trisavi Bisnonni Nonni II Grado Fratelli Sorelle I Grado Genitori Zii ASCENDENTI III Grado Nipoti (figli di fratelli e/o sorelle) Prozii DE CUIUS COLLATERALI DISCENDENTI IV Grado Pronipoti Primi cugini Figli di prozii I Grado II Grado Figli Nipoti (figli dei figli) V Grado Secondi Nipoti Secondi cugini III Grado Pronipoti 24 IV Grado Figli dei pronipoti VI Grado Atri cugini

25 Riassumendo GLI EREDI LEGITTIMI E LEGITTIMARI Eredi legittimi: I familiari che ereditano in assenza di testamento sono: Eredi legittimari: I familiari che beneficiano della quota di legittima sono: Coniuge e figli Ascendenti e fratelli (se mancano i figli) Altri parenti entro il 6 grado (solo se unici eredi) Lo stato (se non ci sono parenti entro il sesto grado) Coniuge Figli (Discendenti) Genitori (Ascendenti) se mancano i figli (discendenti)

26 La successione: legittima, testamentaria, necessaria La legittima (definita anche riserva o quota indisponibile) e la quota del patrimonio ereditario che deve essere necessariamente destinata ad una particolare categoria di successori individuata dal legislatore. La tutela alla predetta quota e garantita a fronte di una eventuale volonta contraria del de cuius stesso (contra testamentum). La legittima costituisce un limite all autonomia negoziale del de cuius nel disporre inter vivos o mortis causa dei propri beni. L intangibilita della legittima deve essere intesa in senso quantitativo e non anche in senso qualitativo PATRIMONIO DEL DE CUIUS QUOTA DISPONIBILE QUOTA LEGITTIMA

27 w w w. P F A c a d e m y. i t Corso Specialistico: Pianificazione Successoria CONIUGE VIVENTE SENZA CONIUGE SENZA TESTAMENTO EREDI Coniuge (in mancanza di figli e senza fratelli e ascendenti) Coniuge + Figlio unico (anche se viventi fratelli e ascendenti) Coniuge + 2 o più figli (anche se viventi fratelli e ascendenti) Coniuge + Ascendente/i (senza figli e fratelli) Coniuge + 1 o più fratelli (senza figli e ascendenti) Coniuge + Ascendente/i + 1 o più fratelli (senza figli) 1 o più figli (anche se viventi fratelli e ascendenti) Ascendente/i (senza figli e fratelli) 1 o più fratelli (senza figli e ascendenti) Ascendente/i + 1 o più fratelli (senza figli) Altri parenti entro il 6 grado (se unici eredi) QUOTA SPETTANTE Intera eredità 50% eredità 50% eredità 33,33% eredità 66,66% in parti uguali 66,66% eredità 33,33% in parti uguali 66,66% eredità 33,33% in parti uguali 66,66% eredità 25% in parti uguali 8,33% in parti uguali Intera in parti uguali Intera eredità Intera in parti uguali 50% eredità 50% in parti uguali Intera in parti uguali

28 w w w. P F A c a d e m y. i t Corso Specialistico: Pianificazione Successoria CON TESTAMENTO EREDI QUOTA DI LEGITTIMA QUOTA DISPONIBILE Coniuge (in mancanza di figli e ascendenti) 50% eredità 50% eredità Coniuge + Figlio unico (anche se viventi gli ascendenti) 33,33% eredità 33,33% eredità 33,33% eredità CONIUGE VIVENTE Coniuge + 2 o più figli (anche se viventi gli ascendenti) 25% eredità 50% eredità in parti uguali 25% eredità Coniuge + Ascendente/i (senza figli) 50% eredità 25% eredità 25% eredità Figlio unico (anche se viventi gli ascendenti) 50% eredità 50% eredità SENZA CONIUGE 2 o più figli (anche se viventi gli ascendenti) 66,66% eredità in parti uguali 33,33% eredità Ascendente/i (senza figli) 33,33% eredità 66,66% eredità Senza figli e ascendenti Niente Intera eredità

29 La successione dello stato Art. 586 Acquisto dei beni da parte dello Stato. In mancanza di altri successibili l`eredità è devoluta allo Stato. L`acquisto si opera di diritto senza bisogno di accettazione e non può farsi luogo a rinunzia. Lo Stato non risponde dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni acquistati.

30 Polizza vita: impignorabilità ed insequestrabilità COSA SIGNIFICA RIDUZIONE DELLE DONAZIONI, COLLAZIONE, IMPUTAZIONE? ESEMPIO Un padre vedovo con due figli stipula una polizza a premio unico di euro 500mila (tutto il suo patrimonio) indicando come beneficiario caso morte il figlio prediletto. Alla morte del padre la somma viene liquidata al figlio. L altro figlio (non prediletto) cosa puo fare? 30

31 La riunione fittizia Per determinare la quota di legittima, occorre formare la massa ereditaria, fare una operazione aritmetica di computo, che si sintetizza nella seguente formula: RELICTUM DONATUM DEBITUM Relictum= valore dei beni lasciati dal de cuius al momento della successione Debitum= debiti contratti dal de cuius oltre le spese sorte in occasione della sua morte (funerarie, imposte, etc) Donatum= tutti i beni di cui il de cuius ha disposto in vita a titolo di donazione facendo riferimento al valore che essi avevano al tempo dell apertura della successione 31

32 Soluzione esempio In questo caso bisogna riunire le donazioni fatte in vita, sommarle ai beni caduti in successione e togliere le passivita. La TCM ovviamente non bisogna conteggiarla in quanto non fa parte del patrimonio ereditario (quindi va a moglie e figlio) Gli immobili donati prendono il valore reale al momento dell apertura della successione (nell esempio consideriamo l immobile a 500mila euro) 800 relictum donatum 300 debitum = 1milione di euro (montante ereditario) Ma la moglie ed il figlio quanto hanno preso dall eredita : 800 relictum 300 debitum = 500mila euro A quanto ammonta la loro quota di legittima? 33% la moglie + 33% il figlio = 66% totale che su 1milione di euro sono 660mila euro Diventa evidente che e stata lesa la quota di legittima della moglie e del figlio per un importo di 160mila euro A questo punto devono agire in riduzione dell immobile donato per avere la loro giusta quota ereditaria legittima

33 NUOVA TASSAZIONE SUCCESSIONI E DONAZIONI fino al Esenzione Regime di donazione dal al Normativa D.L. 262/2006- imposta di registro/ipotecaria/catastale dal Normativa L. 286/2006 di conversione del D.L. 262/2006-reintroduzione imposta di donazione Regime di successione fino al dal Esenzione Normativa L. 286/2006 di conversione del D.L. 262/2006-reintroduzione imposta di successione

34 w w w. P F A c a d e m y. i t SOGGETTI IMPOSTA DI SUCCESSIONE IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTA CATASTALE Coniuge Parenti in linea retta 4% con franchigia di 1 milione di Euro per ogni beneficiario sul valore dell asse ereditario (massa dei rapporti attivi e passivi) Fratelli e sorelle Altri parenti fino al 4 grado Affini in linea retta Affini in linea collaterale fino al 3 6% (con franchigia di 100 mila Euro) 6% (senza franchigia) sul valore netto dell asse ereditario 2% sul valore catastale o 168 Euro se trattasi di prima casa per uno dei beneficiari (basta un beneficiario) 1% sul valore catastale o 168 Euro se trattasi di prima casa per uno dei beneficiari (basta un beneficiario) Altri soggetti (es. 2 conviventi terze persone) 8% (senza franchigia) sul valore netto dell asse ereditario

35 w w w. P F A c a d e m y. i t SOGGETTI IMPOSTA DI SUCCESSIONE IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTA CATASTALE Coniuge Parenti in linea retta 4% con franchigia una tantum di 1 milione di Euro sul valore dei beni donati- immobili valore catastale Fratelli e sorelle Altri parenti fino al 4 grado Affini in linea retta Affini in linea collaterale fino al 3 6% (con franchigia di 100 mila Euro) 6% (senza franchigia) sul valore dei beni dovuti (immobili valore catastale) 2% sul valore catastale degli immobili donati o 168 Euro cadauna se trattasi di prima casa 1% sul valore catastale degli immobili donati o 168 Euro cadauna se trattasi di prima casa Altri soggetti (es. 2 conviventi terze persone) 8% (senza franchigia) N.B.: le franchigie fissate ai fini dell'imposta di successione e dell'imposta di donazione saranno aggiornate con cadenza quadriennale mediante decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, tenendo conto dell'indice del costo della vita (art. 2 comma 51 legge 286/2006).

36 L imposta sulle successioni La franchigia di euro si applica solo nei confronti dei beneficiari che siano portatori di handicap riconosciuto grave ai sensi della L. 104/1992 a prescindere dal legame di parentela intercorrente con il dante causa. 36

37 I BENI TASSATI I BENI ESENTI - Immobili - Obbligazioni (con esclusione dei titoli di Stato) - Azioni e partecipazioni in società e azienda - Quote di fondi comuni (tranne la quota in titoli di stato che bisogna farsi certificare alla data della morte dalla sgr) - Crediti (come il saldo del conto corrente) - Beni mobili (mobilio, gioielli) con un valore forfettario del 10% dell asse ereditario - Trust - Polizze vita (capitalizzazione, unit, index, tcm etc) - Titoli di Stato - Buoni postali - Quote di fondi comuni in titoli di stato

38 IMMOBILI AZIENDE AZIONI QUOTATE AZIONI NON QUOTATE OBBLIGAZIONI DENARO CREDITI AUTO NAVI ED AEREI BENI MOBILI ARREDI E GIOIELLI TITOLI DI STATO (DONAZIONE) TITOLI DI STATO (SUCCESSIONE) QUOTE DI FONDO COMUNE (DONAZIONE) QUOTE DI FONDO COMUNE (SUCCESSIONE) LA BASE IMPONIBILE VALORE CATASTALE, TRANNE AREE FABBRICABILI VALORE PATRIMONIO NETTO, SENZA AVVIAMENTO VALORE DI BORSA (MEDIA ULTIMO TRIMESTRE) VALORE PATRIMONIO NETTO SENZA AVVIAMENTO VALORE CORRENTE VALORE NOMINALE VALORE NOMINALE ESENTI VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE ESENTI VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE DETRATTA LA QUOTA DI TITOLI DI STATO

39 Imposta di successione in Europa PAESE Imposta Successione in linea retta Imposta Successione in linea collaterale ITALIA 4% 6-8% BELGIO 27-30% 80% FRANCIA 45% 60% GERMANIA 30% 50% LUSSEMBURGO NA 48% SPAGNA 34% 81,6% UK 20% 40%

40 Cosa potrebbe succedere in Italia Un intervento di adeguamento sembra sempre più imminente. LE 3 LEVE DISPONIBILI SONO: 1. AUMENTO ALIQUOTE 2. AUMENTO BASE IMPONIBILE (DIMINUZIONE FRANCHIGIE) 3. RIDEFINIZIONE DEL TRIBUTO

41 Come pianificare la successione Il Patto di Famiglia Il Fondo patrimoniale Il Trust La Polizza Vita con beneficiario/i designato/i STRUMENTI ALTERNATIVI TRA LORO O COMPLEMENTARI?

42 Difendere il patrimonio della famiglia La difesa del patrimonio personale e della famiglia contro i rischi derivanti dall'attività lavorativa è sempre di più una priorità per imprenditori, amministratori, professionisti e dirigenti. Come è noto, l'imprenditore individuale risponde dei debiti relativi alla propria attività con tutto il suo patrimonio, e così il socio di società di persone. Chi gestisce l'azienda attraverso una società di capitali (s.r.l. o s.p.a.), pur non rispondendo direttamente dei debiti, deve spesso rilasciare fideiussioni e garanzie personali, e può essere chiamato a rispondere in proprio quale amministratore. Il professionista è esposto a richieste di risarcimento da parte dei clienti, specialmente se è membro di un collegio sindacale, e anche chi ha un incarico dirigenziale, in un'impresa o un ente pubblico, è oggi gravato da responsabilità crescenti

43 Il Trust E la figura giuridica grazie alla quale un soggetto detto disponente trasferisce uno o più beni in trust, intestandoli a nome del trustee (o di un'altra persona per conto del trustee) che li assume con l obbligo, di cui deve rendere conto, di amministrare, gestire o disporre, essendone stato appositamente investito del potere, secondo i termini del trust e le norme particolari impostegli dalla legge. Il trust può operare nei confronti di uno o più beneficiari individuati o individuabili, ovvero operare per uno scopo, semplice o complesso che sia. Una volta intestati a nome del trustee (o di un'altra persona per conto del trustee) i beni del trust costituiscono una massa distinta e non fanno parte del patrimonio del trustee. All istituzione del trust è sovente prevista la nomina di uno o più soggetti (Guardiano/i )che vigilino sull opera del trustee, a volte con poteri di veto su determinate decisioni nonché di revoca del trustee. 43

44 I beneficiari indicati in polizza E MEGLIO INDICARE IN POLIZZA EREDI LEGITTIMI O DESIGNARE SEMPRE LA/E PERSONE CARA/E A CUI VOGLIO LASCIARE L EVENTUALE SOMMA? E SEMPRE UTILE INDICARE IL BENEFICIARIO CHE IN QUEL MOMENTO HA LA MAGGIORE NECESSITA (PENSATE BENEFICIARI I FIGLI MINORI CON PROBLEMI DI AUTORIZZAZIONE GIUDICE TUTELARE CON VINCOLI SULLE SOMME A DISPOSIZIONE) NEL CASO SI MODIFICHI L ESIGENZA POSSO SEMPRE CAMBIARE IL BENEFICIARIO E DARE ALLA POLIZZA UN ASSET EREDITARIO CORRETTO 44

45 Le polizze vita-art Le polizze vita non rientrano nell asse ereditario, infatti, come riportato nell art comma del codice civile, nel caso delle polizze vita l atto di designazione del beneficiario è un atto unilaterale a favore di un terzo ed è un atto tra vivi nel senso che il beneficiario (o i beneficiari) non acquista il diritto al pagamento dell indennità a titolo di legato o di quota ereditaria, ma iure proprio (per diritto proprio) in base alla promessa fatta dall assicuratore di pagare il capitale al momento del verificarsi dell evento assicurato. 45

46 Il decreto legislativo 47 del 18 febbraio 2000 Passaggio da una fiscalità uguale per tutti i prodotti vita ad una fiscalità differenziata sugli obiettivi dei diversi contratti Assicurativi in senso proprio PROTEZIONE Assicurativi aventi natura finanziaria Assicurativi aventi natura previdenziale INVESTIMENTO PREVIDENZA 46

47 Vantaggi della polizza Esenzione asse ereditario: I capitali derivanti da polizze vita non rientrano nell asse ereditario Esenzione tasse successione: I capitali derivanti da polizza vita sono esenti da tasse di successione Esenzione tassazione della prestazione caso morte: I capitali derivanti da polizza vita non sono soggetti a tassazione della plusvalenza in caso di decesso dell assicurato 47

48 Il diritto di creditori ed eredi Art c.c. Diritti dei creditori e degli Eredi: Le somme dovute dall Assicuratore al Contraente o al Beneficiario non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare (Cod. Proc. Civ. art. 491 e ss., art. 670 e ss.) Sono salve, rispetto ai premi pagati, le disposizioni relative alla revocazione degli atti compiuti in pregiudizio dei creditori (art e ss. c.c.) e quelle relative alla collazione (art. 737 e ss. c.c.), all'imputazione e alla riduzione delle donazioni. Le donazioni del de cujus rientrano nell attivo ereditario E fatta salva l azione revocatoria per atti lesivi dei creditori Ricorsi possono eseguirsi solo riguardo ai premi pagati

49 Polizza vita: impignorabilità ed insequestrabilità Cod. Civ Art Diritti dei creditori e degli eredi 1. Le somme dovute dall'assicuratore al contraente o al beneficiario non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare. 2. Sono salve, rispetto ai premi pagati, le disposizioni relative alla revocazione degli atti compiuti in pregiudizio dei creditori e quelle relative alla collazione, all'imputazione e alla riduzione delle donazioni. LESIONE QUOTA DI LEGITTIMA: Riduzione delle donazioni Collazione Imputazione AZIONI REVOCATORIE: Revocatoria ordinaria Revocatoria fallimentare 49

50 Polizza vita: impignorabilità ed insequestrabilità QUALI SONO GLI ALTRI STRUMENTI FINANZIARI PER LEGGE IMPIGNORABILI E INSEQUESTRABILI? I buoni postali fruttiferi non sono sequestrabili né pignorabili L'art. 175 del D.P.R. 29 marzo 1973, n. 156, che recita "I buoni postali fruttiferi non sono sequestrabili né pignorabili, tranne che per ordine dell'autorità giudiziaria in sede penale" è stato dichiarato costituzionalmente illegittimo con sentenza Corte Cost. n. 508 del

51 Il contrasto giurisprudenziale delle polizze vita La prima sezione della Corte di Cassazione con sentenza della prima sezione civile n del 25 gennaio 26 giugno 2000 ha dato una lettura restrittiva all articolo 1923, con l obiettivo di scoraggiare chi, mediante i versamenti in un prodotto assicurativo, cercasse uno espediente giuridico per porsi al riparo dei creditori. Infatti, con diversa interpretazione la Corte di Cassazione ha sentenziato riguardo ai riscatti effettuati prima che l evento oggetto di contratto si sia realizzato. Le somme ricevute come riscatti anticipati da parte della compagnia a favore dell assicurato o di chi risulta legittimato a riceverle possono essere aggredite dai creditori e confluire nel fallimento. In pratica, l impignorabilità e la non sequestrabilità delle polizze miste, caso vita e morte, index e unit linked, sono diritti inviolabili se vengono portati a termine i contratti fino al verificarsi dell evento assicurato, altrimenti se si effettua un disinvestimento anticipato si presuppone che siano stati sottoscritti solamente con la chiara intenzione di eludere i creditori. 51

52 Sentenza 8271 del 31/03/ Cassazione Le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n del 31 marzo 2008, hanno risolto il contrasto giurisprudenziale (tra Cass. n. 8676/00 e le precedenti Cass. nn. 1811/65; 2802/72; 11975/99) in ordine alla questione se sia o non sia legittimato il curatore del fallimento ad esercitare il riscatto della polizza vita stipulata dal fallito, già in bonis, con l impresa assicuratrice, stabilendo che non essendo (per la loro funzione previdenziale) acquisibili al fallimento le somme dovute al fallito in base a contratto di assicurazione sulla vita, non è conseguentemente legittimato il curatore ad agire nei confronti dell assicuratore per ottenere il valore di riscatto della correlativa polizza. 52

53 Sentenza 8271 del 31/03/ Cassazione Il ragionamento della Corte di Cassazione parte dal presupposto che i benefici di cui all'art.1923 del Codice Civile hanno lo scopo di tutelare il "risparmio finalizzato alla previdenza Secondo la Corte, "la finalita' previdenziale e' ravvisabile solo nel caso in cui il contratto abbia raggiunto il suo scopo, in relazione all'interesse garantito". In altre parole, le somme oggetto della speciale tutela sono quelle che l'assicurazione deve erogare al verificare dell'evento oggetto di assicurazione. Sempre per usare le parole della Corte di Cassazione: "Ne consegue che nella ipotesi del riscatto, per via dell'anticipato recesso ad nutum dell'assicurato o di chi risulti legittimato ad esercitarlo seppur venga a realizzarsi la funzione di risparmio, totalizzando il recedente risorse monetarie recuperate dai premi versati, non si raggiunge il fine previdenziale, poiche' non e' piu' in discussione ne' il contraente beneficia della copertura dall'evento, assunto ad oggetto del rischio." 53

54 Introduzione alla Wealth Administration Amministrazione professionale e competente basata su un rapporto di fiducia e trasparenza tra un soggetto possessore di un patrimonio e un terzo che agisce per la tutela e ottimizzazione degli attivi finanziari e patrimoniali. Wealth Management- Asset Management * = Wealth Administration 54 Sono servizi di Wealth Administration tutti i servizi complementari alla attività di consulenze e gestione mobiliare quali: Intestazione di Beni Protezione del Patrimonio Pianificazione Successoria Operazioni di Finanza Straordinaria Consulenza Aziendale Family Office

55 I servizi che compongono il concetto di Wealth Administration si evolvono per seguire: Le crescenti esigenze della clientela L evoluzione delle normative fiscali La crescente concorrenza data dalla apertura dei mercati 55 Clientela Grande attenzione ai "rischi sistemici «Rischio Euro / Paese / Controparte Difficoltà a trovare finanziamento Alto costo del credito Tempi di erogazione lunghi Attenzione al tema del passaggio generazionale Desiderio di messa in sicurezza del patrimonio da rischi professionali Normative Nuove modalità di detenzione di assets all estero Nuove modalità di lending Difficoltà a trovare finanziamento Alto costo del credito Tempi di erogazione lunghi Possibile modifica delle imposte di donazione e successione Mercato Il mercato del private banking sta diventando sempre piu globale Il core business rischia di essere percepito come una comodities Necessità di differenziarsi offrendo una piattaforma di servizi completa

56 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Classico MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di polizza Vita Consolidato civile Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 56

57 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di polizza Vita Consolidato civile Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 57

58 Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Mandato fiduciario per detenzione di asset mobiliari Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Mandato fiduciario Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del cliente Esigenze del cliente: Riservatezza nella gestione del patrimonio mobiliare Scelta di controparti istituzionali italiane ed estere Consolidato fiscale (vedi slide successive) Detenere polizze assicurative evitando l indicazione nel quadro RM del modello unico del pagamento dell imposta di bollo Proteggere la riservatezza di beneficiari di polizza Riservatezza in conferimenti in Trust di valori mobiliari / societari 58 Erogazione del servizio Definiti caso per caso o all'interno di unaproposta di servizi accessori dell'intemediario finanziario Soluzioni proposte Mandato fiduciario per la detenzione di conti correnti, mandati di gestione o Advisory presso istituti finanziari italiani o esteri La società fiduciaria può agire quale policyholder di polizze assicurative La società fiduciaria può agire quale beneficiario di polizza

59 Mandato fiduciario per detenzione di partecipazioni societarie Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Mandato fiduciario societario Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del Esigenze del cliente: Volontà di acquisire partecipazioni societarie via veicolo terzo per questioni di riservatezza o di mercato Volontà di delegare un soggetto a rappresentare i soci per determinate azioni Sostituto di imposta su partecipazioni non qualificate Intestazione di nuda proprietà Erogazione del servizio Definiti caso per caso o all'interno di unaproposta di servizi accessori dell'intemediario finanziario Mandato fiduciario Soluzioni proposte 59

60 MASI: Mandato di amministrazione per detenzione di asset mobiliari Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Mandato di amministrazione Esigenze del cliente: Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del Possibilità ad operare direttamente sulle scelte di investimento su rapporti intestati a p.f. Possibile consolidato fiscale con altre posizioni, sia italiane che estere, intestate alla fiduciaria e /o in amministrazione Detenere polizze assicurative evitando di dover indicare nel quadro RM del modello unico il pagamento dell imposta sulle attività finanziarie estere Erogazione del servizio Definiti caso per caso o all'interno di una proposta di servizi accessori dell'intemediario finanziario Dialogo ITC per tracciato dati per poter erogare il servizio Soluzioni proposte Mandato di amministrazione 60

61 Il MASI: mandato di amministrazione senza intestazione Una fiduciaria Italiana, si è fatta promotrice di un interpello vincolante successivamente trasformato nelle risoluzioni n. 61/E del 31 maggio 2011 e n. 23/E dell 8 marzo 2012 che delineano le modalità di offerta di un nuovo servizio: il mandato senza intestazione Il mandato senza intestazione permette ad una persona fisica residente in Italia di intestarsi relazioni bancarie presso intermediari italiani o esteri, ottenendo due vantaggi: Vantaggio operativo Possibilità di operare direttamente sui rapporti intestati dando indicazioni sulle scelte di investimento o su cambiamenti degli attributi della relazione bancaria, interfacciandosi direttamente con l istituto bancario Sostituzione di imposta demandata alla fiduciaria, quale intermediario incaricato dal cliente / fiduciante via mandato senza amministrazione ad espletare tutti gli oneri fiscali relativi al conto Vantaggio fiscale La fiduciaria effettua il consolidamento fiscale, agendo quale sostituto di imposta di tutte le posizioni finanziarie ovunque detenute dal cliente - via mandato fiduciario e/o via mandato di amministrazione - con conseguente ottimizzazione della tassazione sul capital gain, potendo compensare eventuali crediti di imposta maturati presso un intermediario, con altre eventuali posizioni plusvalenti 61

62 Le fonti normative Sulla base della risoluzione n. 61/E del 31 maggio 2011, ai fini dell applicazione dell imposta sostitutiva di cui all articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre 1997 n. 461 da parte della società fiduciaria, è sufficiente la sussistenza di un rapporto di amministrazione, indipendentemente dall intestazione o meno del bene alla medesima società. Nello stesso documento sono declinati anche gli obblighi di monitoraggio fiscale che derivano nel caso in cui le attività finanziarie siano detenute all estero. La risoluzione n. 23/E dell 8 marzo 2012 fornisce chiarimenti in merito ad uno specifico schema contrattuale, connesso a un rapporto di amministrazione di attività finanziarie senza intestazione, a favore di clienti persone fisiche non esercenti attività d impresa residenti in Italia, giudicandolo idoneo all assolvimento degli adempimenti connessi all applicazione del regime del risparmio amministrato da parte della società fiduciaria. 62

63 Lo schema contrattuale tra Fiduciante e Fiduciaria La fiduciaria quale intermediario assicura l intervento nella riscossione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria derivanti dalle attività oggetto del contratto di amministrazione, posto che essi transitano su un apposito conto corrente intestato alla fiduciaria. Nello schema sotto riportato oltre al conto corrente intestato direttamente al cliente/fiduciante, oggetto di amministrazione da parte della fiduciaria, viene aperto un conto corrente intestato alla fiduciaria destinato all incasso dei proventi ed alla regolazione delle imposte che gravano sulle operazioni intercorse nel conto intestato al fiduciante. Il conto intestato al fiduciante deve essere oggetto di apposita condizione contrattuale tra fiduciante e banca, finalizzata a veicolare i flussi in entrata ed uscita per il tramite del conto intestato alla fiduciaria. 63

64 Il rapporto tra Banca estera e cliente italiano Nel caso in cui le attività finanziarie oggetto del contratto di amministrazione siano depositate presso una banca estera, l Agenzia delle Entrate conferma che un soggetto residente in Italia può depositare a proprio nome un patrimonio finanziario all estero instaurando un rapporto diretto con una banca estera, ma conservando un regime di sostituzione d imposta Tale regime implica pertanto il mantenimento della riservatezza garantito dal venir meno degli obblighi di compilazione del modulo RW e di indicazione dei redditi di fonte estera nel proprio Modello Unico di dichiarazione dei redditi, grazie all intervento di una fiduciaria italiana a cui affidare il compito di amministrare sotto il profilo fiscale il patrimonio depositato all estero e intestato alla persona fisica(*). (*) Da notare che i flussi in uscita verso l estero se non mediati da un istituto fiduciario saranno soggetti a regime dichiarativo 64

65 Gli obiettivi del mandato di amministrazione senza intestazione Lo schema oggetto di analisi permette di raggiungere diversi obiettivi: Mantenimento del rapporto Banca/Cliente attraverso l intestazione del dossier titoli in capo al fiduciante, con conseguente migliore iterazione tra le controparti anche su base transfrontaliera Applicazione del regime di risparmio amministrato e di sostituto d imposta (20%) operato dalla fiduciaria italiana Estensione del regime anche a redditi di capitale (oltre che ai redditi diversi) Possibilità di Consolidato Fiscale (compensazione di plusvalenze e minusvalenze in presenza di più intermediari) 65

66 Presupposto del mandato di amministrazione senza intestazione Le condizioni necessarie affinché possa ritenersi applicabile il mandato di amministrazione senza intestazione sono Pipe elettronica dei dati: l esistenza di un supporto informatico atto a rendere automatico il flusso informativo dei dati contabili dal conto corrente intestato al fiduciante: Conto tecnico intestato alla fiduciaria per l incasso dei redditi 66

67 Lo schema contrattuale tra Banca e Fiduciaria Fiduciaria Contratto di amministrazione senza Intestazione Banca Fiduciante C/C o Deposito Titoli intestato alla fiduciaria C/C o Deposito Titoli intestato al fiduciante 67

68 Lo schema contrattuale tra Banca e Fiduciante Fiduciaria Incarico irrevocabile per esecuzione da parte di SPA di obblighi contrattuali e sostitutivi (Mandato a favore di Terzi) Fiduciante Gli adempimenti in materia di segnalazione all Anagrafe Tributaria da parte della società fiduciaria vanno effettuati con riferimento ad entrambi i conti correnti di appoggio al dossier titoli (intestati alla fiduciaria e al fiduciante). Pertanto, lo schema contrattuale è idoneo all assolvimento degli adempimenti connessi all applicazione del regime del risparmio amministrato da parte della società fiduciaria. Banca C/C intestato alla fiduciaria C/C intestato al fiduciante ma amministrato dalla fiduciaria Flussi di reddito Prelievo imposte dovute (20%) Risorse disponibili I flussi in uscita dal conto del fiduciante verso terze parti dovranno comunque essere veicolati dal conto della fiduciaria, e viceversa, secondo l accordo contrattuale stabilito tra le parti 68

69 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di polizza Vita Consolidato civile Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 69

70 Consolidato fiscale Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Consolidato fiscale Esigenze del cliente: Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del Poter consolidare su un unico soggetto che farà da sostituto di imposta, conti ovunque detenuti presso diversi intermediari ed in diverse modalità Ottimizzare la tassazione sul capital gain ed evitare crediti di imposta presso un intermediario, invece utilizzabili immediatamente per compensare altre relazioni plusvalenti Erogazione del servizio Definiti caso per caso o all'interno di una proposta di servizi accessori dell'intermediario finanziario Soluzioni proposte Mandato fiduciario Mandato di amministrazione 70

71 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Consolidato civile Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di polizza Vita Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 71

72 Dichiarativo: Calcolo della fiscalità dei conti in regime di dichiarazione Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Dichiarativo Riservatezza Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del cliente: Esigenze di diversificare rischio paese senza alcun intermediario Ottenere un conteggio delle imposte per il modello unico da terzi che possano garantire la qualità dell elaborato Passaggio generazionale Esigenze del cliente Erogazione del servizio Previo ricezione dei dati in formato elettronico dalla Banca, viene fornito il calcolo della fiscalità : al cliente finale (Ipotesi di contratto committente cliente) 72 alla Banca Soluzioni proposte Incarico ad Servizi amministrativi finalizzato al conteggio delle imposte

73 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Consolidato civile Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di Mandato Fiduciario Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 73

74 Lending: Finanziamento dall estero tramite mandato fiduciario Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie 5 0 Lending Riservatezza 10 Protezione Patrimoniale Esigenze del cliente: Reperimento della provvista finanziaria Riduzione dei costi del finanziamento Ottimizzazione fiscale Gestione ricchezza Riduzione delle garanzie per l affidamento / Velocità di erogazione Passaggio generazionale Esigenze del cliente Erogazione del servizio Definizione da parte della fiduciaria con la Banca depositaria dei costi del lending e dei margini di anticipazione a seconda degli assets sottostanti Erogazione della linea di credito su nuovo mandato fiduciario e successivo utilizzo da parte del fiduciante Pricing dei due mandati fiduciari in linea con il Definiti caso per caso o all'interno di una proposta di servizi accessori dell'intermediario finanziario 74 Soluzioni proposte Credito Lombard su conti intestati alla fiduciaria Messa a pegno di contratto di polizza

75 Esigenze del cliente / imprenditore Esigenze del cliente Reperimento della provvista finanziaria Riduzione dei costi del finanziamento Riduzione dei tempi di istruttoria Evitare la segnalazione in centrale rischi Possibili soluzioni Credito Lombard su conto intestato alla fiduciaria Messa a pegno di contratto di polizza Erogazione del servizio Il Cliente istruisce la fiduciaria: per valutare con la Banca depositaria i costi del finanziamento e dei margini di anticipazione in funzione degli asset sottostanti successiva erogazione della linea di credito su nuovo mandato fiduciario successive disposizioni da parte del fiduciante relativamente alla linea concessa 75

76 Lending su sistema bancario Italia vs credito Lombard Lending su Banca Italiana Relazione storica e stratificata con forte conoscenza reciproca e vicinanza Costi elevati Recente difficolta nel reperire nuovo credito Tempi di risposta lunghi Credito industriale ma spesso controgarantito da fidejussioni o con patrimonio private lasciato in gestione presso l istituto di credito che ha erogato il prestito Scelta del gestore del proprio portafoglio vincolata a chi eroga il credito e non libera Credito Lombard via Fiduciaria Relazione basata su servizi di private Banking o nuova Costi ridotti dovuti al diverso rischio paese Facilità nell erogazione Tempi di risposta rapidi Credito Lombard erogato in funzione degli assets in portafoglio (% in funzione della liquidabilità, volatilità e rating degli asset in portafoglio) La Scelta del gestore del proprio patrimonio è libera, e rivolta a istituti selezionati per specifica compatenza 76

77 Risoluzione 98/E 25 Settembre 2012 A fronte di un interpello vincolante presentato da una fiduciaria Italiana, l Agenzia delle Entrate ha confermato - anche tramite Risoluzione 98/E (in allegato) - che un eventuale contratto di finanziamento stipulato dalla fiduciaria, a proprio nome ma per conto del fiduciante, con istituti di credito esteri presso i quali sono depositate attività finanziarie sempre intestate alla medesima società fiduciaria, vede la società fiduciaria agire come sostituto di imposta sulla relazione. Di converso i fiducianti non devono indicare nel modulo RW della dichiarazione dei redditi i trasferimenti da e verso l estero relativi all operazione prospettata. La fiduciaria agisce quale controparte negoziale nell ambito del contratto di finanziamento anche se l operazione è strumentale all esecuzione del mandato fiduciario conferito dalle persone fisiche. La fiduciaria è quindi obbligata alla corrisponsione degli interessi alla Banca estera benchè l onoere economico effettivo sia sopportato dal fiduciante. 77 L agenzia delle entrate peraltro, precisa che in questo caso la percezione degli interessi da parte dell istituto di credito si configura come un reddito imponibile in Italia e, qualora la Banca non fosse residente in Italia o non avesse un rappresentante fiscale, deve essere tassato con una ritenuta del 20% da parte della fiduciaria o con la minor aloquota prevista dell eventuale convenzione

78 w w w. P F A c a d e m y. i t Sottoscrizone mandato Istruzione di messa a pegno degli attivi CONTRAENTE Corso Specialistico: Pianificazione Successoria Schema di funzionamento Persona fisica Accordo quadro con Banca depositaria e manleva FIDUCIARIA Mandato n1: CC Attivi finanziari / Polizza Mandato n 2 per ricezione importo erogato Utilizzo del credito erogato su indicazioni del fiduciante Valutazione % di anticipo del portafoglio e indicazione del tasso di interesse BANCA/ GESTORE PATRIMONIALE Portafoglio attivi Concessione del credito a favore del cc n.2 BANCA / UFFICIO CREDITI Atto di pegno Finanziamento soci Aumento di capitale Estinzione mutuo Leva finanziaria 78

79 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Consolidato civile Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di Mandato Fiduciario Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 79

80 Private insurance per assets standard Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Private Insurance Riservatezza Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del cliente: Pianificazione del passaggio generazionale del patrimonio Differimento fiscale pagamento capital gain Ricerca di una piattaforma private efficiente con scelta di : Banca Depositaria / Gestore o Advisor / Raccolta ordini Possibilità di compensazione tra plusvalenze diverse (es Cedole con capital gain) Possibilità di spaziare su qualsiasi tipo di prodotto finanziario Riservatezza Passaggio generazionale Esigenze del cliente Erogazione del servizio Commissioning da definire caso per caso Possibilità di attribuire un allocation bonus a favore del cliente come indennizzo della applicazione di una penale di uscita da parte della vecchia compagnia Soluzioni proposte Polizza Assicurativa Unit Linked emessa da compagnie leader nel settore costruita sulle specifiche esigenze del cliente Presenza del Broker assicurativo per corretta distribuzione e servizio di consulenza nella scelta del prodotto più adatto alle esigenze del cliente Principali Compagnie utilizzate: SEB Life Darta Savings Lombard Baloise IWI Swisslife 80

81 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Consolidato civile Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di Mandato Fiduciario Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 81

82 Asset protection: Mandato all incasso di Polizze vita Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie Mandato di amministrazione Riservatezza 10 5 Protezione Patrimoniale Esigenze del cliente: Protezione patrimoniale 0 Ottimizzazione fiscale Gestione ricchezza Passaggio generazionale Esigenze del cliente Erogazione del servizio Commissioning da definire caso per caso Possibilità di attribuire un allocation bonus a favore del cliente come indennizzo della applicazione di una penale di uscita da parte della vecchia compagnia Soluzioni proposte Detenere polizze assicurative evitando di dover indicare nel quadro RW/RM del modello unico la detenzione del bene Indicazione della fiduciaria come soggetto incaricato alla percezione dei proventi derivanti da riscatto totale o parziale 82

83 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Consolidato civile Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di Mandato Fiduciario Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Trust -Successorio -Protezione Aziendale 83

84 Trust Successorio / di protezione patrimoniale Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Trust Successorio / protezione patrimoniale Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Erogazione del servizio Gestione ricchezza Esigenze del Consulente intercetta le esigenze del cliente Visita presso il cliente per intervista Elaborazione della soluzione col consulente Visita presso il cliente per intervista Review di una o più bozze di Trust Istituzione del Trust presso Notaio 84 Esigenze del cliente: Pianificare l erogazione di patrimonio per le generazioni successive Oggetto: Immobili, Partecipazioni, Liquidità Proteggere il patrimonio per le generazioni successive Gestione unitaria del patrimonio nel tempo In subordine, ottimizzazione fiscale successoria Soluzioni proposte Trust interno, con trustee professionale italiano Trust nudo proprietario di immobili, partecipazioni etc. E.g.: Trust istituito dai Nonni per i Nipoti (per protezione Figli) Chi istituisce il Trust può trattenere l usufrutto dei beni trasferiti in nuda proprietà al trust (no effetto spossessamento) NB: ricorrente che il cliente contemporaneamente si strutturi sulla liquidità (spesso tramite polizza vita con trust beneficiario della polizza stessa)

85 Trust aziendale Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Trust aziendale Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del cliente Esigenze del cliente: Definizione dei meccanismi di governance aziendale Unitarietà della gestione della Società nel tempo, evitando frammentazioni all apertura delle successioni nelle generazioni (in particolare in presenza di più stirpi - fratelli - cugini) Pianificazione fiscale successoria ed in subordine fiscalità sui redditi attraente Segregazione e protezione del patrimonio Erogazione del servizio Consulente intercetta le esigenze del cliente Visita presso il cliente per intervista Elaborazione della soluzione col consulente Visita presso il cliente per intervista Review di una o più bozze di Trust Istituzione 85 del Trust presso Notaio Soluzioni proposte Trust Interno, con trustee professionale italiano Società trasferita in Trust Trust diviso in Sottofondi, uno per ciascuna stirpe Individuazione dei meccanismi di voto e nomina CDA Individuazione dei meccanismi che regolano la percezione dei redditi fra le varie stirpi

86 TRUST per Holding di famiglia L inserimento in trust di partecipazioni di controllo non comporta il pagamento di imposte di donazione (a determinate condizioni): peraltro tali imposte non risulteranno dovute nemmeno in caso di successione o trasferimento ai Beneficiari. Il Disponente può decidere se trattenersi un diritto di usufrutto, totale o parziale, e valutare l opportunità di ritenere o meno i diritti di voto. In determinati casi il trust può percepire dividendi dalle società partecipate con aliquote fiscali particolarmente vantaggiose (1,375)%. Tale imposta è definitiva. Ovviamente il trust deve essere istituito con finalità economichesociali-familiari prevalenti rispetto al potenziale risparmio d imposta. 86

87 TRUST per Holding di famiglia (2) In sede assembleare il Trustee opera secondo quanto previsto dal regolamento del Trust, ed in ogni caso con un approccio protezionistico ad interesse esclusivo dei Beneficiari in caso di conflitto. In questo senso il trust è l unico istituto che consente di gestire compiutamente il passaggio generazionale d azienda inteso come: 1. unitarietà della proprietà della società nel tempo (in capo al trust), 2. diritto ai proventi in capo ai familiari (beneficiari) 3. governance aziendale come da regolamento di trust. 87

88 TRUST dormiente per protezione beneficiari L istituto del Trust è particolarmente indicato in tutti i casi in cui i potenziali eredi possano riversare in condizioni di difficoltà di vario tipo al momento della chiamata ereditaria. Il trust istituito dai nonni a favore dei nipoti, ovvero in favore dei figli a determinate condizioni e secondo determinate tempistiche, protegge il patrimonio di famiglia rispetto alla circostanza che esso possa cadere in successione a soggetti in stato di difficoltà (di salute, economica, coniugale etc..). Il trust può essere dormiente, nel senso che i beni sono trasferiti solamente per la nuda proprietà, con ritenzione dell'usufrutto in capo al Disponente che quindi non vive il tema del cd. spossessamento. 88

89 TRUST dormiente per protezione beneficiari (2) Con riferimento al denaro e attività finanziarie, è particolarmente sensato istituire un Trust Dormiente, tuttavia trasferendo le liquidità nell ambito di un polizza assicurativa sulla vita cd. unit linked. In questo caso il cliente ha la serenità di poter riscattare la liquidità in qualsiasi momento (secondo le condizioni della compagnia prescelta), e nel contempo la serenità derivante dal fatto che, nominando il Trust Dormiente quale beneficiario della polizza stessa, la compagnia, in caso morte, trasferirà i beni in Trust e non direttamente agli eredi designati. Questa ipotesi di lavoro vale anche per le polizze già esistenti e opera mediante la sostituzione delle persone designate quale originali beneficiari di polizza con un Trust (avente a sua volta quali beneficiari i primi), consente di utilizzare il trust come strumento di regolazione delle erogazioni in denaro agli eredi. 89

90 TRUST dormiente per protezione beneficiari (3) Non da ultimo, il trustee può essere chiamato ad accettare espressamente, controfirmando, il beneficio della polizza. Così facendo, chiunque intenda riscattare deve richiedere il consenso del trustee. 90

91 TRUST per il patrimonio immobiliare di famiglia Questa soluzione è riassumibile come segue, per caratteristiche e vantaggi: Ritenzione dell Usufrutto a vita sulle proprietà familiari; Trasferimento della sola nuda proprietà al Trust; Regolamentazione della gestione degli immobili e del relativo beneficio dei familiari nel tempo; questa regolamentazione esplica efficacia unicamente dal momento in cui l'usufrutto decade per premorienza dell usufruttuario; 91 Per tutta la durata del Trust, i beni ivi contenuti non sono inclusi negli attivi ereditari delle eventuali successioni apertesi nel medesimo intervallo temporale; si noti che un Trust, a seconda delle leggi regolatrici prescelte, può avere durata superiore ai 100 anni, finanche indeterminata;

92 TRUST per il patrimonio immobiliare di famiglia (2) Secondo l Agenzia delle Entrate, le imposte di donazione emergenti sono applicabili al momento del trasferimento in Trust, secondo le regole attuali che prevedono l applicazione del criterio della rendita catastale. Successivamente non dovrebbe gravare alcuna imposta di successione; in un prevedibile scenario di imposte di successione e rendite catastali crescenti questo è indubitabilmente un estremo vantaggio; 92 oltre ai vantaggi di regolamentazione del patrimonio nel tempo e alla indipendenza del patrimonio in Trust rispetto alle vicende successorie della Famiglia, il Trust è un alternativa più affinata del mero trasferimento della nuda proprietà agli eredi, in quanto, in quest ultimo caso, le proprietà trasferite per effetto di donazioni agli eredi scontano sul mercato una notevole difficoltà in sede di eventuale rivendita, per effetto delle norme poste dal codice civile a tutela degli eredi legittimari che possono nuocere anche ai terzi. acquirenti in buona fede.

93 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Consolidato civile Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di Mandato Fiduciario Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Value Protection Polizza Vita in LPS Trust -Successorio -Protezione Aziendale 93

94 Trust Successorio / protezione patrimoniale Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Riservatezza Passaggio generazionale Value protection: Esempio di una TCM pensata per i servizi di wealth administration Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del Esigenze del cliente: Proteggere il proprio patrimonio da future oscillazioni causate dall incertezza dei mercati, assicurandosi che questo passi ai beneficiari senza il rischio di vederlo diminuito Poter gestire il proprio patrimonio con il profilo di rischio rendimento ottimale alle proprie aspettative in un orizzonte temporale adeguato senza essere preoccupati della volatilità dei mercati di breve-medio termine Erogazione del servizio Consulente intercetta le esigenze del cliente Visita presso il cliente per intervista Elaborazione della soluzione col consulente Visita presso il cliente per intervista Review di una o più bozze di Trust Istituzione del Trust presso Notaio Sottoscrizione della polizza tramite intermediario assicurativo 94 Soluzioni proposte La Temporanea caso di morte Value Protection permette, in caso di decesso, di garantire la serenità economica ai familiari del cliente. E stata specificatamente strutturata per la copertura assicurativa di un prodotto di investimento sottoscritto presso un intermediario finanziario o un patrimonio detenuto tramite una società fiduciaria

95 Il prodotto Value protection e la Wealth administration «Value Protection» è un assicurazione Temporanea caso di morte (TCM) che ti permette, in caso di decesso, di garantire la serenità economica a chi ti sta vicino. E stata specificatamente strutturata per la copertura assicurativa a un prodotto di investimento sottoscritto presso un intermediario finanziario o un patrimonio detenuto tramite una società fiduciaria L intermediario finanziario ha il compito fondamentale di dover fornire alla compagnia una valorizzazione mensile degli assets facente parte del patrimonio assicurato 95 In caso di decesso dell assicurato, la compagnia assicurativa pagherà una prestazione ai beneficiari designati volta a garantire - secondo i limiti e le modalità di seguito indicati - un importo pari alla differenza negativa tra il capitale investito nel prodotto di investimento o nella nella gestione ed il relativo controvalore rilevato il primo giorno lavorativo del mese di riferimento nel quale si è verificato il decesso

96 Finalità della polizza Value protection Proteggere il proprio patrimonio da future oscillazioni causate dall incertezza dei mercati, assicurandosi che questo passi ai beneficiari senza il rischio di vederlo diminuito Poter gestire il proprio patrimonio con il profilo di rischio rendimento ottimale alle proprie aspettative in un orizzonte temporale adeguato senza essere preoccupati della volatilità dei mercati di breve-medio termine Poter gestire il proprio patrimonio con la sicurezza di poter passare ai beneficiari un patrimonio stabile senza il rischio di vederlo diminuito o fortemente ridotto Tutelare il patrimonio finanziario e immobiliare nel suo complesso assicurando qualsiasi tipo di bene ne faccia parte Beni assicurabili Valori Mobiliari Gestioni Patrimoniali Immobili Opere d arte Polizze Vita Aziende Altro 96

97 Patrimonio assicurato presso un unica società fiduciaria: un unico contratto con piu assets La fiduciaria, è l intermediario finanziario incaricato alla valorizzazione mensile degli importi dei singoli assets sotto mandato per la determinazione della somma assicurata e della sua variazione nel tempo Asset 1 Gestioni Patrimoniali A Asset 2 Immmobili Cliente o Intermediario Mandato Fiduciario Value Protection Persona assicurata Fiduciante ultimo titolare dei beni Beneficiari da definire Asset 3 Azienda Fiduciaria contraente di polizza Un unico patrimonio assicurato Asset 4 Gestioni Patrimoniali B Il Valore complessivo degli assets detenuti nella gestione fiduciaria determina il valore del patrimonio assicurato Eventuali variazioni di valore dei singoli assets possono compensarsi tra loro (minor volatilità del patrimonio complessivo) In caso di decesso viene erogata una prestazione minima di ai beneficiari + differenza negativa tra il capitale investito nella gestione fiduciaria al momento della sottoscrizione della polizza e il controvalore della gestione fiduciaria stessa rilevato il primo 97 giorno lavorativo del mese di riferimento

98 Patrimonio suddiviso su piu intermediari finanziari comportano la stipula di piu contratti Intermediario 1 Asset 1 Gestioni Patrimoniali A Value Protection 1 Intermediario 2 Asset 2 Gestioni Patrimoniali B Value Protection 2 Intermediario 3 Asset 3 Polizza Vita Value Protection 3 Più intermediari Finanziari Stesso Contraente Più Assets Piu contratti Persona assicurata Fiduciante ultimo titolare dei beni Beneficiari da definire Eventuali variazioni di valore dei singoli assets non si compensano tra loro In caso di decesso viene erogata una prestazione minima di ai beneficiari per ogni contratto + la differenza negativa tra il capitale investito al momento della sottoscrizione di ciascuna polizza e il controvalore del prodotto di investimento relativo, rilevato il 98 primo giorno lavorativo del mese di riferimento

99 Prestazioni assicurative e garanzie offerte Prestazione in caso di decesso In caso di decesso dell Assicurato nel corso del periodo di copertura, la Compagnia di assicurazione liquiderà ai Beneficiari designati, secondo i limiti e le modalità di seguito indicati, un importo pari alla differenza negativa tra il capitale investito al momento della sottoscrizione della TCM ed il relativo controvalore rilevato il primo giorno lavorativo del mese di riferimento nel quale si è verificato il decesso. Il capitale assicurato non potrà essere mai inferiore all importo minimo indicato in proposta (capitale minimo assicurato), importo compreso tra i Euro ed i Euro Prestazione (T N ) = Cap. min. + Δ NEG di (Capitale assicurato (T 0 ) Cap.investito (T N )) * tali limiti non vengono applicati quando inferiori all importo indicato in sede di proposta (capitale minimo assicurato). Limiti sulle somme assicurate In base alla scelta dell assicurato di sottoporsi o meno ad accertamenti sanitari si prevedono due opzioni A. Con compilazione del solo questionario sanitario fornito dalla Compagnia B. Previo accertamenti sanitari richiesti dalla Compagnia 99

100 Limiti determinati in funzione dell opzione scelta e dell età dell Assicurato al momento del decesso Opzione A) solo questionario medico Fascia età anni anni anni Capitale max assicurato anni anni Opzione B) con visite mediche Capitale inziale Capitale max assicurato < % capitale investito (T 0 ) < % Δ ( capitale investito (T 0 ) ) > % Δ ( capitale investito (T 0 ) ) INVESTIMENTI O DISINVESTIMENTI Eventuali investimenti o disinvestimenti, effettuati nel corso della durata contrattuale, andrebbero ad aumentare o diminuire in termini assoluti sia il capitale inizialmente investito che il relativo controvalore, mantenendo quindi inalterata la corrispondente differenza rispetto a quella precedente all operazione in questione. In ogni caso il capitale massimo assicurato non potrà mai essere superiore a

101 Opzione B: con visite mediche Capitale inziale Capitale max assicurato < % capitale investito (T 0 ) < % Δ ( capitale investito (T 0 ) ) > % Δ ( capitale investito (T 0 ) ) % ,00% % ,00% % ,41% 30% 25,00% ,00% 20% Esempio 1 Esempio 2 Esempio 3 Esempio 4 Esempio 5 10% 0% 101 Capitale iniziale Massimo capitale assicurato Massimo capitale assicurato %

102 Opzioni di adeguamento del capital In aggiunta alle opzioni A e B, il sottoscrittore della polizza VALUE PROTECTION può scegliere ogni anno di modificare il capitale su verrà effettuato il calcolo della prestazione con in caso di decesso scegliendo di 1. MANTENERE IL CALCOLO DELLA PRESTAZIONE BASE: anche per l anno successivo l eventuale calcolo per la prestazione caso morte viene effettuato utilizzando il Capitale Assicurato a (T 1 ). Benchmark 1 2. OPZIONE ADEGUAMENTO AUTOMATICO: il Capitale Assicurato a (T 1 ) viene annualmente adeguato con un aumento del 3% Benchmark 2 3. OPZIONE PEAK PERFORMANCE: l importo in valore assoluto corrispondente alla performance massima fatta registrare dal capitale investito viene inteso, per le annualità successive, quale capitale di riferimento per la determinazione della copertura (con il limite massimo annuo del 10%) 102 Benchmark 3

103 Premio Il premio annuo viene calcolato sulla base di due componenti Premio annuo a garanzia del capitale minimo assicurato determinato all inizio di ogni annualità in relazione a: Età dell assicurato - in base a tabelle di rischio attuariale crescenti al crescere dell età dell assicurato Stato di Salute Attività professionali svolte Eventuale Premio mensile aggiuntivo a garanzia del capitale minimo assicurato calcolato come: Δ NEG di (Valore Capitale (T0) Valore Cap. (Tmese di riferimento)) 103

104 Scenario 1: copertura su premio iniziale Investimento assicurato Value Protection NAV = Andamento attivo finanziario Andamento Pagamento Premio annuo Capitale Iniziale assicurato Benchmark 1 n.b.: In caso di decesso il capitale minimo garantito sarà pari alla differenza positiva tra l investimento assicurato Value Protection e il benchmark PREMIO 104 T t+1 t+2 t+3 t+4 t+5 t+6 t+7 t+8 t+9 t+10

105 Scenario 1: esempio Il contraente è una persona fisica di 49 anni che si è sottoposto alle visite mediche e decide di assicurare tutti i suoi beni con VALUE PROTECTION Cliente o Intermediario Mandato Fiduciario Il contraente opta per il premio minimo di Euro Pagherà un premio relativo di 13 euro al mese Al tempo t0 il suo patrimonio ha un valore di diversificato in svariati asset Value Protection Asset 1 Asset 2 Asset 3 Asset 4 Gestioni Patrimoniali A Immmobili Azienda Gestioni Patrimoniali B T0 T1 Il patrimonio globalmente rimane stabile a T1 T con una total loss di per semplicità a al mese Premi mensili aggiuntivi Value Protection = 3029 euro cumulati per i 12 mesi che intercorrono tra T1 T2 ** T2 il contraente decede Il beneficiario ricevere come rimborso generato da Value Protection 105

106 Scenario 2: copertura su premio iniziale rivalutato annualmente del 3% Investimento assicurato Value Protection NAV = % annuo Andamento attivo Finanziario Andamento Pagamento Premio annuo Capitale Iniziale assicurato Benchmark 2 n.b.: In caso di decesso il capitale minimo garantito sarà pari alla differenza positiva tra l investimento assicurato Value Protection e il benchmark PREMIO 106 T t+1 t+2 t+3 t+4 t+5 t+6 t+7 t+8 t+9 t+10

107 Scenario 3: copertura su premio iniziale con opzione peak performance Investimento assicurato Value Protection NAV = Andamento attivo finanziario Andamento Pagamento Premio annuo Capitale Iniziale assicurato Benchmark 3 n.b.: In caso di decesso il capitale minimo garantito sarà pari alla differenza positiva tra l investimento assicurato Value Protection e il benchmark PREMIO 107 T t+1 t+2 t+3 t+4 t+5 t+6 t+7 t+8 t+9 t+10

108 Panoramica di alcuni servizi dei wealth Administration Servizi Fiduciari Private Insurance Trustee Services Servizi amministrativi Delocalizzazione Mandato Fiduciario MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di Mandato Fiduciario Consolidato civile Wealth Administration Asset Protection Value Protection Polizza Vita in LPS Passaggio generazionale Trust -Successorio -Protezione Aziendale 108

109 Consolidato civile: Servizi di family Office Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Operazioni straordinarie Ottimizzazione fiscale Consolidato fiscale Riservatezza Passaggio generazionale Protezione Patrimoniale Gestione ricchezza Esigenze del cliente Esigenze del cliente: Organizzazione del proprio patrimonio e definizione degli obiettivi d investimento mirando all ottimizzazione del rischio/rendimento del portafoglio. Selezionare gli strumenti di ottimizzazione del patrimonio che - tramite una visione ed un analisi globale permettano la preservazione e l incremento del valore nel tempo Erogazione del servizio Analisi delle esigenze del cliente Analisi dei gestori Controllo e revisione periodica Consolidato e reporting Soluzioni proposte Consolidato civile: Servizio di analisi del patrimonio complessivo tramite software proprietario Coordinamento ed ottimizzazione delle differenti attività dei gestori 109

110 Il Servizio di un Family Office Analisi delle esigenze Analisi dei gestori Controllo e revisione Consolidato e reporting Determinazione del profilo di rischio globale Valutazione oggettiva delle singole gestioni esistenti Valutazione dei singoli strumenti finanziari in portafoglio Creazione di reportistica personalizzata Definizione degli obiettivi di investimento Identificazione dei bisogni e delle necessità individuali Valutazione del portafoglio esistente Coordinamento ed ottimizzazione delle differenti attività dei gestori Benchmarking Controllo dei rischi Controllo dei rendimenti Negoziazione e monitoraggio costante dei costi Analisi dell evoluzione del patrimonio nel tempo Verifica approfondita di tutte le componenti patrimoniali Amministrazione Domiciliazione ed esame della corrispondenza - Ricontabilizzazione 110

111 Reportistica DATI ANALITICI DATI SINTETICI Riassunto dati patrimoniali consolidati Costi e commissioni per Gestore Suddivisione per Gestore Suddivisione Portafoglio per Asset Class Suddivisione Portafoglio per divisa Scomposizione comparto obbligazionario per rating Scomposizione comparto obbligazionario per divisa Scomposizione comparto obbligazionario per durata Scomposizione comparto azionario per area geografica Scomposizione comparto azionario per settori merceologici Scomposizione investimenti alternativi per tipologia Rendimento di periodo per Gestore Rendimento cumulativo per Gestore Rendimento di periodo per Asset Class Rendimento cumulativo per Asset Class Rendimento per divisa Volatilità dei rendimenti su differenti periodi Indice di Sharpe per Gestore Portafoglio rispetto a Benchmark predefiniti Performance Attribution Le commissioni, da corrispondersi in rate annuali anticipate, maturano in ragione d anno o frazione di esso con riferimento al valore dei beni. Il primo addebito, da saldare all atto della firma del mandato fiduciario, riguarderà il periodo fino al 31/12 del corrente anno. L eventuale revoca o rinunzia, sia parziale che totale, al mandato di amministrazione fiduciaria dà luogo ad accrediti o rimborsi a favore del FIDUCIANTE, salva la commissione minima e la soddisfazione integrale della fiduciaria su spese ed oneri da Lei sostenuti, nonché sulle commissioni maturate. 111 Ogni report può essere elaborato per singolo gestore e/o in modo consolidato. Il software prevede la possibilità di implementare ed aggiungere analisi qualitative/quantitative sempre più dettagliate.

112 112 Esempi grafici dati sintetici

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di Se muore il coniuge Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di reversibilità e TFR - Autoveicoli e cassetta di sicurezza Di Germano Palmieri In questo e

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Successioni tutelate

Successioni tutelate Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE DICHIARA- genzia ZIONE ntrate genzia ntrate DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE MOD. 4 Direzione Provinciale Direzione di Provinciale di Ufficio Territoriale di Ufficio Territoriale di PARTE RISERVATA ALL UFFICIO

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli